I principi contabili e la nuova competenza finanziaria potenziata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I principi contabili e la nuova competenza finanziaria potenziata"

Transcript

1 I principi contabili e la nuova competenza finanziaria potenziata

2 I principi contabili disposti dal D.L. 118/2011, aggiornati recentemente con il D.LGS. 126/2014, sono quelli contenuti negli allegati dal 4/1 al 4/4 dei suddetti decreti e cioè i seguenti: 1) PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO 2) PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA' FINANZIARIA 3) PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA' ECONOMICO-PATRIMONIALE DEGLI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA 4) PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE IL BILANCIO CONSOLIDATO

3 In questo contesto ci occupiamo solo del secondo e cioè quello della contabilità finanziaria. Degli ultimi due non dovremo occuparci prima del 2016, mentre il primo ha perso di molto attualità per effetto del disposto dell'art. 3 del D.Lgs. 126/2014 che così dispone: Nel 2015 gli enti di cui al comma 1 adottano gli schemi di bilancio e di rendiconto vigenti nel 2014, che conservano valore a tutti gli effetti giuridici, anche con riguardo alla funzione autorizzatoria, ai quali affiancano quelli previsti dal comma 1, cui è attribuita funzione conoscitiva

4 Fin dall'inizio dell'anno invece, anche se con ogni probabilità la maggior parte dei comuni sarà in esercizio provvisorio, dovremo fare i conti con il nuovo principio contabile applicato della contabilita' finanziaria.

5 La contabilizzazione delle Entrate

6 Il principio contabile applicato concernente la contabilità finanziaria afferma che Le obbligazioni giuridiche perfezionate sono registrate nelle scritture contabili al momento della nascita dell'obbligazione, imputandole all'esercizio in cui l'obbligazione viene a scadenza...

7 La consolidata giurisprudenza della Corte di Cassazione definisce come esigibile un credito per il quale non vi siano ostacoli alla sua riscossione ed e' consentito, quindi, pretenderne l'adempimento. Non si dubita, quindi, della coincidenza tra esigibilità e possibilità di esercitare il diritto di credito.

8 Il principio contabile relativo all accertamento dell entrata e la particolare valutazione dei crediti di dubbia esigibilità

9 Il principio contabile applicato definisce la fase dell'accertamento dell'entrata come quella NELLA QUALE VENGONO DEFINITI dal soggetto cui ne è affidata la gestione I SEGUENTI ELEMENTI:

10 a) la ragione del credito; b) il titolo giuridico che supporta il credito; c) l'individuazione del soggetto debitore; d) l'ammontare del credito; e) la relativa scadenza.

11 La definizione dell'accertamento dell'entrata nel TUEL nel testo in vigore fino al 2014 (art. 179) è la seguente: L'accertamento costituisce la prima fase di gestione dell'entrata mediante la quale, sulla base di idonea documentazione, viene verificata la ragione del credito e la sussistenza di un idoneo titolo giuridico, individuato il debitore, quantificata la somma da incassare, nonché fissata la relativa scadenza.

12 Al di là della differente sintassi utilizzata gli elementi sono esattamente gli stessi (motivo per cui si chiama ancora competenza finanziaria ) ma vedremo che quello che cambia è l'anno di imputazione dell'accertamento, spostandolo decisamente più avanti nella linea del tempo e avvicinandolo al momento della riscossione. Da qui la definizione di competenza finanziaria rinforzata

13 3.2 L'iscrizione della posta contabile nel bilancio avviene in relazione al criterio della scadenza del credito rispetto a ciascun esercizio finanziario. L'accertamento delle entrate è effettuato nell'esercizio in cui sorge l'obbligazione attiva con imputazione contabile all'esercizio in cui scade il credito

14 Quello che occorre scardinare è l'assioma per il quale in base ai principi contabili previgenti, l'anno in cui veniva assunta la determinazione di accertamento (o di impegno) coincideva necessariamente con l'esercizio finanziario sui cui stanziamenti veniva fatto gravare.

15 Dal 2015 ciò avverrà solo nel caso in cui la scadenza di riscossione (o di pagamento) coincida con l'anno di assunzione dell accertamento (o dell impegno), cosa che ovviamente, con l'avvicinarsi della fine dell'anno è sempre meno probabile. Soprattutto dal lato della spesa quindi questo nuovo sistema cambierà notevolmente i comportamenti dei Dirigenti e Responsabili che in molti casi fino ad oggi hanno fatto la corsa a tenere i soldi impegnati

16 La nuova filosofia della registrazione delle entrate nel bilancio porta ad un rafforzamento del principio di integrità del bilancio già presente nel sistema previgente. Il nuovo principio richiede, come vedremo ancora più avanti, L'ACCERTAMENTO INTEGRALE DI TUTTE LE ENTRATE SENZA ECCEZIONI.

17 Sono accertate per l'intero importo del credito, anche le entrate di dubbia e difficile esazione, per le quali non è certa la riscossione integrale, quali le sanzioni amministrative al codice della strada, gli oneri di urbanizzazione, i proventi derivanti dalla lotta all'evasione, ecc..

18 Come abbiamo visto, l'imputazione contabile deve essere effettuata sull'esercizio finanziario in cui scade il credito (e quindi con imputazione anche ad esercizi futuri) ma vediamo come si declina questo paradigma nelle varie tipologie di entrata perchè scopriremo che ci sono diverse eccezioni e particolarità soprattutto nella fase di avvio.

19 Imputazione degli accertamenti di entrata: Entrate tributarie riscosse in autoliquidazione (IMU, TASI, futura LOCAL TAX). Queste entrate sono accertate sulla base delle riscossioni purchè effettuate entro il termine fissato per il rendiconto

20 In pratica per quanto riguarda IMU e TASI sono accertabili nell'anno di competenza FISCALE anche le entrate versate nei mesi di gennaio e febbraio dell'anno successivo in ravvedimento operoso.

21 Per quanto riguarda le medesime entrate ma incassate sulla base di avvisi di accertamento la norma così recita: si procede a tale registrazione quando l'avviso diventa definitivo (sempre se il contribuente non abbia gia' effettuato il pagamento del tributo).

22 Come è intuitivo il cambiamento risulta evidente per i classici avvisi di accertamento emessi negli ultimi due mesi dell'anno. Come noto, gli avvisi di accertamenti diventano definitivi il 60esimo giorno dalla loro notifica al contribuente. Un avviso di accertamento notificato ad esempio il 16 novembre di un determinato anno, sarà imputato in quell'anno solo se il contribuente solerte verserà entro l'anno, sarà invece imputato l'anno successivo se il contribuente paga dal 1 gennaio oppure non paga e richiede azioni coattive.

23 Il riferimento alla definitività dell'avviso di accertamento comporta che l'eventuale ricorso contro l'avviso di accertamento sposta ancora più avanti (con ogni probabilità di almeno un anno ancora) la definitività dell'accertamento contabile. Nel caso di annullamento dell'avviso di accertamento da parte della commissione tributaria, la pratica sarà archiviata sia dal punto di vista tributario che da quello contabile senza nemmeno la necessità di cancellazioni di residui

24 Per quanto riguarda invece le entrate riscosse a mezzo di ruoli ordinari (esempio tipico la Tarsu-Tares-Tari quando sono riscosse direttamente dal comune) il principio contabile dispone che debbano essere accertati e imputati contabilmente all'esercizio in cui sono emessi il ruolo e le liste di carico, a condizione che la scadenza per la riscossione del tributo sia prevista entro i termini dell'approvazione del rendiconto.

25 Dal punto di vista degli effetti di queste entrate sul fondo crediti è di tutta evidenza che saranno tra quelle che renderanno necessario l'accantonamento. Esiste una disposizione transitoria per i ruoli già emessi prima dell'entrata in vigore della norma. Tale disposizione sostanzialmente suggerisce di continuare ad accertare per cassa se questo è il comportamento tenuto in passato

26 Il consiglio quindi è il seguente: nella misura in cui siamo in grado di eliminare più residui attivi possibile di queste entrate, compatibilmente con il livello di avanzo di amministrazione che abbiamo prima di tale operazione, converrà eliminarli per ridurre al minimo la necessità di stanziamento al fondo crediti ed anzi aggiungendo risorse aggiuntive alla competenza dei prossimi anni che sarà messa sotto pressione dalla necessità di dover finanziare anche il fondo crediti.

27 Il fondo di solidarietà comunale deve essere accertato nell'anno in cui viene comunicato dal Ministero. Su questo tipo di entrata si potrebbe porre il problema dell'imputazione nel caso in cui si ripeta quanto purtroppo accaduto nel recente passato e cioè comunicazioni effettuate ad esercizio finanziario ampiamente chiuso...

28 Per quanto riguarda le entrate da trasferimenti correnti (Tit. II che non contiene più solo quello da pubbliche amministrazioni) vale in generale la regola della scadenza del credito, salvo specifiche eccezioni. In generale quindi una promessa di trasferimento (che esclude una controprestazione altrimenti si va nel Titolo III) deve contenere una data o una condizione al verificarsi della quale il credito diventa esigibile

29 Nel caso di presenza di una data, l'imputazione è semplice, mentre nel caso sia soggetta ad una condizione (ad esempio la realizzazione da parte del comune di una determinata spesa, al verificarsi della quale il credito diventa esigibile) occorre valutare con attenzione la condizione, che nel caso classico sopra menzionato porterà ad imputare anche l'entrata nello stesso anno in cui è stata imputata la spesa collegata.

30 A volte i trasferimenti da privati arrivano direttamente senza particolari formalità direttamente per cassa e quindi in questo caso dovranno essere accertati in quello stesso momento.

31 L'eccezione più importante alla regola di imputazione per quanto riguarda le entrate da trasferimenti correnti è quella relativa ai trasferimenti correnti che arrivano da enti che adottano, come il comune, il principio della competenza finanziaria potenziata.

32 In questo caso la regola, è che l'amministrazione ricevente accerta l'entrata nello stesso esercizio nella quale quella concedente ha registrato l'impegno che quindi dovrà essere comunicato da quest'ultima alla prima.

33 Sembrerà una disposizione quasi ovvia ma si è resa assolutamente necessaria per rendere omogenei i dati aggregati. L'esperienza degli studi fatti dalla commissione tecnica ministeriale è che i dati relativi ai rapporti reciproci tra diverse pubbliche amministrazioni (soprattutto tra regioni da un lato e provincie e comuni dall'altro) non quadrano per diversi miliardi a livello nazionale e questo falsa il dato aggregato della contabilità nazionale!

34 Per questo motivo una riforma che aveva come suoi obiettivi il consolidamento e la trasparenza dei conti pubblici secondo le direttive dell'unione europea e l'adozione di sistemi informativi omogenei e interoperabili non poteva non pretendere questo tipo di reciprocità e la superazione della situazione di incoerenza che si registra oggi

35 Nel caso di concessione di contributi a rendicontazione l'ente beneficiario ha titolo ad imputare l'accertamento nello stesso anno in cui ha imputato la spesa sulla base di un cronoprogramma concordato e aggiornato periodicamente dall'ente beneficiario (comanda il cronoprogramma!).

36 Per quanto riguarda i proventi dei servizi pubblici invece, l'imputazione segue la competenza economica e cioè l'esercizio nel quale la prestazione è resa all'utenza Stesso discorso vale per i canoni di concessione di servizi pubblici Per quanto riguarda invece interessi e locazioni attive vale la regola generale dell'esigibilità e cioè della scadenza del pagamento.

37 Per quanto riguarda le entrate per sanzioni amministrative, l'imputazione deve essere fatta con riferimento alla notifica della sanzione (che rende esigibile l'entrata) e non al momento della violazione, ma ovviamente, come nel caso degli accertamenti tributari, nel caso di pagamento anticipato (o addirittura immediato) l'accertamento si appiattisce sulla cassa.

38 Col passare dei 60 giorni previsti per il pagamento senza che questo sia effettuato, in base al codice della strada, l'importo della sanzione raddoppia. In questo caso deve essere integrato l'accertamento originario mantenendone quindi anche l'annualità.

39 Nel caso di rateizzazione l accertamento è effettuato ed imputato all esercizio in cui l obbligazione nasce a condizione che la scadenza dell ultima rata non sia fissata oltre i 12 mesi successivi. L accertamento di entrate rateizzate oltre tale termine è effettuato nell esercizio in cui l obbligazione sorge con imputazione agli esercizi in cui scadono le rate. Gli interessi attivi relativi alla rateizzazione devono essere imputati distintamente rispetto alle entrate cui si riferiscono.

40 Anche per le entrate in conto capitale vale la regola generale dell'imputazione in base alla scadenza del credito. Ma anche in questo caso ci sono eccezioni per particolari tipologie di entrata che sono i permessi di costruire e i proventi da alienazioni

41 I proventi dei permessi di costruire in base ai principi contabili sono divisi in due quote che hanno due modalità di imputazione diverse: - Oneri di urbanizzazione - Costo di costruzione

42 La quota relativa ad Oneri di urbanizzazione, immediatamente esigibile, è accertata e imputata nell'esercizio in cui avviene il rilascio del permesso.

43 Per quanto riguarda invece il costo di costruzione che diviene esigibile nel corso del tempo dell'esecuzione dell'opera viene imputata in base alla scadenza del pagamento delle rate.

44 Occorrerà quindi instaurare anche negli enti dove attualmente non accade, un sistema formale di trasmissione dei permessi rilasciati dall'ufficio tecnico a quello finanziario, con conseguente specifica immediata registrazione contabile delle due componenti in base alla modalità sopra indicata.

45 Non solo! Nel tempo, i due uffici che su questo argomento non erano abituati a farlo, dovranno continuare a dialogare per tenere aggiornati questi dati nel caso la tempistica inizialmente programmata risulti poi non adeguata alla prova dei fatti.

46 In conseguenza di tutto ciò, cambierà anche la registrazione del movimento di cassa e cioè l'emissione della reversale da parte del servizio finanziario, che dovrà andare a rintracciare lo specifico accertamento di ciasun permesso che riscuote mentre oggi accertando per cassa si creava l'accertamento automatico al momento dell'emissione della reversale.

47 I proventi da alienazione sono imputati in base ai nuovi principi contabili in modo differenziato in base al bene ceduto. Le categorie di immobili in relazione alla modalità di accertamento sono tre: - alienazione di beni immobili - altri beni - cessione diritto di superficie

48 Per l'imputazione dell'entrata derivante da alienazione di beni immobili in generale occorre affermare che vale il principio dell'esigibilità nelle modalità previste nel contratto (momento nel quale si effettua la registrazione, non al momento della gara). Se il contratto prevede il pagamento entro 12 mesi è possibile imputare tutta l'entrata nel primo esercizio (eccezione). In caso di pagamento anticipato rispetto al contratto come abbiamo visto in altri casi, l'imputazione si schiaccia sulla cassa.

49 L'imputazione dell'entrata derivante da alienazione di altri beni (non immobili) avviene senza eccezioni in base all'esigibilità prevista nel contratto, anche perchè trattandosi normalmente di beni mobili (rientrano in questa fattispecie anche l'alienazione di beni immateriali, essendo categoria residuale) difficilmente il pagamento avviene in tempi diversi dalla stipula del contratto.

50 Infine anche per l'imputazione dell'entrata derivante da cessione dei diritti di superficie si applica il principio generale dell'esigibilità, ferma restando l'eccezione del pagamento ancitipato rispetto al rogito che costringe la competenza a seguire la cassa.

51 L'imputazione relativa all'entrata da indebitamento: Fermo restando che anche in questo caso l'accertamento si fa al momento della stipula del contratto (o a seguito della concessione del prestito con atto amministrativo) l'imputazione segue la regola generale dell'esigibilità che nel caso dei mutui tradizionali è al momento della stipula con ovvia alimentazione del FPV in relazione alla tempistica della spesa finanziata.

52 Bisogna sottolineare che in base ai nuovi principi contabili è stato chiarito quanto in realtà doveva accadere già in passato, e cioè che, nel caso l'amministrazione che contrae il mutuo (e che ne utilizza le entrate per proprie spese) e quella che paga le rate di ammortamento non coincidano, si è in presenza di un'operazione che prefigura l'elargizione di un contributo in conto capitale sotto una forma diversa...

53 .ed è proprio in questo modo che occorre trattarla. L'amministrazione che stipula incasserà il ricavato del mutuo dall istituto mutuante al titolo IV delle entrate, come un normale contributo in conto capitale, mentre quella che sostiene il pagamento delle rate dovrà registrare l'indebitamento effettuando una movimentazione interna tra entrate da indebitamento e spesa per contributi in conto capitale.

54 Quest'ultima dovrà registrare negli anni successivi ovviamente anche il pagamento della quota capitale e di quella interessi come se il mutuo fosse destinato alla realizzazione di una sua opera.

55 Il fondo crediti di dubbia esigibilità concetto e sua funzione ovviamente iscrivere tutte le entrate, anche di dubbia esazione, tende a gonfiare i bilanci con la conseguenza di finanziare ulteriori spese.

56 Non poteva certo essere questo l'intento del legislatore della riforma contabile. Il Fondo crediti di dubbia esigibilità serve ovviamente a compensare questo effetto rendendo sostanzialmente NON SPENDIBILI risorse finanziarie che non siano affidabili ma anche semplicemente non esigibili nel corso dell'anno.

57 Fatte queste premesse, passiamo dal concetto di natura e significato del Fondo alla sua quantificazione che è uno degli aspetti più delicati del passaggio al nuovo sistema Una quantificazione automatica del fondo, come in parte prevede il legislatore, può produrre anche effetti opposti a quello dell'eccesso di libertà finanziaria e cioè che si debba arrivare a stanziare un fondo maggiore del necessario drenando quindi entrate maggiori del necessario per finanziare questo fondo (chiaramente collocato tra le spese)

58 Il principio contabile ci dice che è stanziato nel Bilancio di previsione un "Accantonamento al fondo crediti di dubbia esigibilita'" il cui ammontare è determinato in considerazione della dimensione degli stanziamenti relativi ai crediti che si prevede si formeranno nell'esercizio, della loro natura e dell'andamento del fenomeno negli ultimi cinque esercizi precedenti (la media del rapporto tra incassi e accertamenti per ciascuna tipologia di entrata).

59 In sostanza, il legislatore ha ritenuto che la media degli ultimi 5 anni del rapporto tra incassi e accertamenti sia da considerarsi il miglior parametro di previsione di quanto potrà avvenire per il futuro. In questo modo si spendono solo le entrate che, come si diceva prima, entro l'anno diventano esigibili

60 E' logico che se il legislatore non avesse disposto anche un vincolo sull'avanzo a chiusura dell'esercizio, sarebbe stato vanificato tutto il percorso dell'anno e si renderebbero ingiustamente spendibili entrate che poi in parte non si realizzeranno.

61 Infatti, come chiarisce l'esempio n. 5 allegato al principio contabile, deve intendersi come un fondo rischi, diretto ad evitare che le entrate di dubbia esigibilità, previste ed accertate nel corso dell'esecizio, possano finanziare delle spese esigibili nel corso del medesimo esercizio. Non si tratta quindi solamente di un fondo contro il rischio di PERDITA dei crediti ma anche, almeno in sede di bilancio, di RISCHIO da slittamento dell'esigibilità ad anni successivi!

62 In questa particolarità sta tutto il carattere restrittivo e ciclico per il sistema economico generale di questa riforma della contabilità, anche se l'effetto dovrebbe essere assorbito dopo qualche anno quando tornano esigibili le entrate che oggi non vengono utilizzate mandando il sistema a regime.

63 Il vincolo nasce fin dal bilancio attraverso la seguente tecnica: 1) si stanzia il fondo 2) non si impegna sul fondo 3) si parte in questo modo sin dall'inizio con un avanzo che però ha già questa destinazione di accantonamento a fondo rischi.

64 Il Fondo non va per così dire dimenticato, subito dopo l'approvazione del bilancio di previsione ma va monitorato passo passo nel corso dell'anno (negli equilibri, nell'assestamento) fino ad essere quantificato in via definitiva nel rendiconto dove va a occupare, cioè a bloccare come già detto, una parte corrispondente dell'avanzo di amministrazione.

65 In sede di rendiconto il fondo è calcolato (ricalcolato) applicando all'ammontare dei residui attivi la media dell'incidenza degli accertamenti non riscossi sui ruoli o sugli altri strumenti coattivi (cioè le ingiunzioni fiscali) negli ultimi cinque esercizi.

66 Al momento del rendiconto quindi occorre valutare l'insieme dello stock dei crediti e quindi in base all'analisi fatta si procederà vincolando o svincolando le necessarie quote dell'avanzo di amministrazione.

67 L'analisi dovrà svolgersi su due dinamiche cruciali: - la produzione di nuovi residui attivi derivante dagli accertamenti di competenza; - lo smaltimento dei vecchi residui in relazione all'accantonamento fatto nell'anno precedente.

68 Per quanto riguarda il primo, aspetto esso determinerà un minore o maggior blocco di avanzo rispetto a quanto stanziato a bilancio a seconda che l'andamento della riscossione di competenza sia migliore o peggiore della media del quinquennio precedente (entità utilizzata a bilancio per quantificare il fondo).

69 Per quanto invece riguarda il secondo aspetto, esso determinerà un minore o maggior blocco di avanzo rispetto a quanto già presente nel fondo dell'anno precedente, a seconda che l'andamento della riscossione, questa volta in conto residui, sia migliore o peggiore di quanto ipotizzato al momento dell'accantonamento al rendiconto dell'anno precedente.

70 Ma torniamo alla quantificazione del fondo iniziale. Il principio ci dice che dobbiamo valutare: 1) la dimensione degli stanziamenti relativi ai crediti che si prevede si formeranno nell'esercizio (un modo un pò contorto per dire gli stanziamenti!) 2) la natura di queste entrate 3) l'andamento del fenomeno negli ultimi 5 esercizi

71 Il punto 1) e 3) sono in stretta correlazione nel senso che il punto 1 costituisce la base su cui applicare il parametro di calcolo, mentre il punto 3) costituisce il parametro stesso.

72 In altre parole, una volta calcolata PER CIASCUNA ENTRATA la media tra incassi in c/competenza e accertamenti degli ultimi 5 esercizi si otterrà una percentuale, ad esempio del 90% A questo punto occorrerà accantonare a fondo rischi il 10% DELLO STANZIAMENTO DI QUELL'ENTRATA.

73 Questo perchè il legislatore ha individuato un rapporto inverso a quello di accantonamento. E' chiaro che maggiore è il rapporto tra incassi e accertamenti e minore è la necessità (obbligo) di accantonamento al fondo rischi.

74 La media presa a riferimento del quinquennio precedente può essere calcolata in diversi modi. Viene data al responsabile del servizio finanziario la possibilità di scegliere (motivando) tra: -media aritmetica del rapporto incassi/accertamenti; - rapporto tra la somma degli incassi ponderati e somma degli accertamenti ponderati; - media ponderata del rapporto incassi/ accertamenti.

75 La scelta va ben valutata perchè tendenzialmente dovrebbe rimanere stabile negli anni. Occorre fare una considerazione per così dire matematica che potrà apparire ovvia: se i vari anni presi in considerazione hanno tutti il medesimo rapporto (nel 2015 occorrerà prendere in considerazione gli anni dal 2010 al 2014) il risultato è sempre lo stesso a prescindere dal sistema prescelto.

76 Ovviamente la media aritmetica (al contrario di quella ponderata) attribuisce agli anni più vecchi lo stesso peso di attendibilità di quelli più recenti e quindi sarà più conveniente se il parametro di quegli anni è migliore rispetto a quelli più recenti. Tuttavia proprio in questo caso sarà più difficile giustificarlo (se non per il fatto che è il parametro più semplice) perchè potrebbe apparire come una parziale elusione dell'obbligo di accantonamento.

77 Nel caso opposto invece, quello cioè in cui la performance degli anni più recenti sia migliore di quella degli anni meno recenti, sarà conveniente utilizzare uno dei due sistemi ponderati che saranno anche semplici da motivare perchè si farà leva sulla maggior attendibilità dei dati più recenti.

78 Per concludere l'analisi per così dire matematica, rimane da chiarire in quale caso sia più conveniente la media ponderata e in quale il rapporto tra la somma degli incassi e la somma degli accertamenti ponderati.

79 I due sistemi ponderati si basano entrambi sui seguenti pesi : - 0,35 per i due anni più recenti - 0,10 per i tre anni meno recenti Ovviamente il totale è pari ad 1

80 Dunque, a parità di rapporti tra gli anni recenti e quelli meno recenti risulterà più favorevole la media ponderata qualora la performance peggiore sia mostrata dall'anno o dagli anni in cui i volumi di incasso e di accertamento siano superiori agli altri e viceversa. Anche in questo caso non sarà semplice trovare una giustificazione per l'utilizzo dell'una o dell'altra nel caso la differenza sia notevole e quindi la via maestra sarebbe quella della prudenza...

81 Per concludere l'argomento della quantificazione del Fondo, è importante sottolineare che, sempre nell'esempio n.5 allegato al decreto 126/14, viene indicata una forma di graduale avvio. Si dispone infatti che per il primo esercizio di adozione dei nuovi principi, occorre fare riferimento agli INCASSI IN C/COMPETENZA E IN C/RESIDUI (mentre a regime si userà solo la competenza). Ovviamente ciò aumenta la performance in tutti gli anni (qualcuno potrebbe anche superare il 100%) con tutte le ovvie conseguenze sui ragionamenti relativi alla scelta del parametro fatti pocanzi e che restano validi anche alla luce di questa disposizione.

82 Inoltre, una volta quantificato nell'apposito allegato al bilancio l'importo del fondo come descritto precedentemente, nei primi due anni si potrà iscrivere in bilancio una quota di questo importo pari rispettivamente al 50% e al 75% per poi passare al 100% solo a decorrere dal terzo anno.

83 Tutte queste agevolazioni iniziali sono proprio pensate per dare il tempo di andare a regime, momento in cui, come si diceva prima, alcuni effetti restrittivi della riforma si dovrebbero assorbire e bilanciare. Attenzione, però, a valutare con attenzione l impatto sugli esercizi futuri.

84 In base al ddl stabilità 2015, nel saldo di Patto rilevano gli stanziamenti di competenza del fondo crediti di dubbia esigibilità. È una differenza sia rispetto al vecchio fondo svalutazione crediti, che rispetto a quanto previsto per gli enti sperimentatori.

85 Come abbiamo visto tra le cose da valutare ai fini della quantificazione del fondo il punto 2) era costituito dalla natura dell'entrata. Il principio contabile non richiede per diverse tipologie di entrata alcun tipo di accantonamento o, se vogliamo esprimere questa cosa ancora in forma matematica, è come se prevedesse un parametro automatico di percentuale di accantonamento pari a zero

86 Il principio dispone che: Non sono oggetto di svalutazione i crediti da altre amministrazioni pubbliche, i crediti assistiti da fidejussione e le entrate tributarie che, sulla base dei principi contabili di cui al paragrafo 3.7, sono accertate per cassa.

87 Non si tratta di entrate di poco conto: I crediti da altre amministrazioni pubbliche, costituiscono tutto l'attuale Titolo II delle entrate e l'attuale titolo IV cat. 02, 03 e 04. Le entrate tributarie che vanno per cassa come abbiamo visto all'inizio occupano la gran parte dell'attuale titolo I...

88 Rimangono fuori (e quindi soggette ai calcoli e quantificazioni di cui alle slides precedenti) interamente le entrate extratributarie (attuale Titolo III), le entrate tributarie che non vanno per cassa (esempio principale la Tari) quelle da alienazioni (attuale titolo IV cat. 01) e poco altro, sempre che i suddetti crediti non siano assistiti da fidejussione.

89 Esistono altre eccezioni che riguardano i crediti che provengono dagli anni precedenti. Si fa riferimento alle entrate che negli esercizi precedenti a quello di entrata in vigore del nuovo principio applicato sono state accertate per cassa e che di conseguenza NON PRODUCONO ALCUN TIPO DI STANZIAMENTO AL FONDO.

90 Pertanto, il principio della competenza finanziaria cd. potenziato... é applicato per i ruoli emessi a decorrere dall'entrata in vigore del presente principio applicato...

91 ...si ritiene opportuno indicare tali crediti, al netto del fondo crediti di dubbia esigibilita', tra le Immobilizzazioni o nell'attivo circolante (a seconda della scadenza del credito) dello stato patrimoniale iniziale del primo anno di adozione della contabilita' economicopatrimoniale con il principio della contabilita' finanziaria potenziato.

92 Ma quali sono le entrate che tipicamente (anche per effetto di interpretazioni giurisprudenziali e precedenti principi contabili) potevano essere accertate per cassa? - Le sanzioni per violazioni al codice della strada - I permessi di costruire

93 Chiaramente si tratta di entrate che abbiamo visto non rientravano tra quelle a parametro zero e quindi anche questa norma va nella direzione di ridurre la necessità di stanziamento al fondo.

94 L'operazione di calcolo non sarà semplice. Prendiamo il caso dell'entrata delle sanzioni del codice della strada: Lo stanziamento di competenza di questa entrata sarà previsto in base alle entrate che nascono nel 2015 (sanzioni elevate nel 2015) che seguono le nuove regole e dalle entrate degli anni precedenti che vanno per cassa (cioè vengono accertate nel 2015 man mano che vengono incassate).

95 Mentre sull'entità del secondo gruppo non sarà effettuato alcun accantonamento, sul primo gruppo (sanzioni elevate nel 2015) occorrerà procedere al calcolo dell'accantonamento. Il principio afferma al riguardo che per le entrate accertate per cassa, si calcola la media facendo riferimento a dati extracontabili.

96 Ogni anno, in occasione del rendiconto deve essere effettuata la ricognizione dei residui che deve far emergere per quelli attivi: - I CREDITI RICONOSCIUTI DI DUBBIA E DIFFICILE ESAZIONE (necessari come abbiamo visto per la quantificazione del vincolo sull'avanzo) - I CREDITI RICONOSCIUTI ASSOLUTAMENTE INESIGIBILI - I CREDITI RICONOSCIUTI INCONSISTENTI - I CREDITI IMPUTATI NELL'ANNO SBAGLIATO (e che vanno reimputati ad anni successivi)

97 Il principio contabile stabilisce che trascorsi tre anni dalla scadenza di un credito di dubbia e difficile esazione (ovviamente) non riscosso, il responsabile del servizio competente alla gestione dell'entrata valuta l'opportunità di operare lo stralcio di tale credito dal conto del bilancio, riducendo di pari importo il fondo crediti di dubbia esigibilità accantonato nel risultato di amministrazione.

98 Anche se il principio non lo dice espressamente, è chiaro che la riduzione del fondo rischi va di pari passo con la riduzione dell'avanzo di amministrazione che la cancellazione del residuo attivo comporta (come accade anche oggi). La riduzione dell'avanzo generale quindi, contestualmente alla riduzione della sua quota vincolata, lascia inalterata la quota di avanzo realmente disponibile e questo rende giustamente neutro l'effetto della cancellazione di un credito dichiarato dubbio e quindi già tolto dall'avanzo libero.

99 In sostanza è confermato il principio di cui parlavamo prima e cioè che: - La cancellazione di un credito inesigibile che ha creato fondo non cambia la quota di avanzo disponibile - La riscossione di un credito precedentemente dichiarato (evidentemente in modo errato) inesigibile e che quindi aveva creato fondo, AUMENTA la quota di avanzo disponibile perchè a parità di avanzo generale riduce la parte vincolata al fondo; - la dichiarazione di difficile esazione di un credito precedentemente non riconosciuto come tale, aumenta il fondo a parità di avanzo generale riducendone in questo modo la quota disponibile.

100 I crediti formalmente riconosciuti: - assolutamente inesigibili - insussistenti per l'avvenuta legale estinzione (prescrizione) - insussistenti per indebito o erroneo accertamento del credito sono definitivamente E FORMALMENTE eliminati dalle scritture e dai documenti di bilancio attraverso la DELIBERA DI RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI.

101 Il riconoscimento formale dell'assoluta inesigibilità o insussistenza dei crediti deve essere ADEGUATAMENTE MOTIVATO attraverso: - l'analitica descrizione delle procedure seguite per la realizzazione dei crediti prima della loro eliminazione totale o parziale; - indicando le ragioni che hanno condotto alla maturazione della prescrizione, rimanendo fermo l'obbligo di attivare ogni possibile azione finalizzata ad adottare le soluzioni organizzative necessarie per evitare il ripetersi delle suddette fattispecie.

102 Nel caso invece si sia trattato di semplice errata imputazione dell'accertamento perchè (soprattutto in sede di prima applicazione della nuova contabilità) è stato imputato ad un anno sbagliato è necessario procedere, dopo aver cancellato il residuo dal bilancio, al nuovo accertamento che sarà imputato contabilmente alla competenza dell'esercizio in cui le relative obbligazioni sono veramente esigibili.

103 Questa attività è molto delicata per le responsabilità che si formano in capo al responsabile sia in ordine alla correttezza e adeguatezza delle azioni esecutive da lui intraprese, sia in ordine alla possibile responsabilità (senz'altro più grave della precedente) di aver fatto decorrere I termini di prescizione. E' necessario che i vari responsabili di servizio entrino nell'ordine di idee che le entrate devono essere monitorate quotidianamente e con maggior attenzione acquisendo una nuova cultura dell'entrata oggi non presente in tutte le realtà

104 In questa nuova ottica, anche i comuni di minori dimensioni, che finora non provvedevano ad emanare formalmente atti di accertamento dell'entrata, farebbero bene ad assumerli come per la spesa in modo da creare l'inizio di una filiera maggiormente tracciabile e quindi controllabile. La standardizzazione dei documenti nei quali inserire in modo espresso tutti i requisiti dell'accertamento che abbiamo visto all'inizio che ne consentano poi appunto la maggior controllabilità sia da parte del responsabile della singola entrata sia da parte del responsabile finanziario dell'ente.

105 Senza complicare inutilmente il lavoro dei responsabili delle entrate si potrebbe introdurre un sistema organizzativo (la cui fonte potrebbe essere il nuovo regolamento di contabilità) che preveda ad esempio che al termine di ogni mese il responsabile rediga un atto determinativo relativo a tutti (se ve ne sono...) i permessi di costruire rilasciati nel corso dello stesso mese.

106 E' interessante fare un altro esempio per dimostrare che anche l'organizzazione dei servizi determina diversi comportamenti contabili Il pagamento della retta del servizio mensa è impostato in alcune realtà con pagamento su fatturazione in base ai pasti usufruiti in un determinato periodo, mentre in altre realtà viene fatta pagare una sorta di carta prepagata che poi viene scaricata man mano che si usufruisce del servizio

107 Nel primo caso le liste di carico (o denominazioni similari) andranno gestiti come sorta di ruoli mentre nel secondo caso, avvenendo prima il pagamento rispetto al servizio usufruito, la registrazione, avvenendo per cassa potrà essere fatta per totali mensili di riepilogo degli incassi avvenuti in quel mese e comunque contestualmente all'emissione della reversale di incasso

108 L'OPERAZIONE DI RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI Le norme in vigore fino al 2014, parlavano genericamente di operazione di riaccertamento dei residui, senza indicarne l'organo competente. In assenza di questa indicazione, vi era chi provvedeva con determinazione del responsabile finanziario e chi invece provvedeva contestualmente all'approvazione dello schema di rendiconto e della relazione da parte della Giunta comunale

109 Il nuovo principio, parlando di DELIBERA sembra escludere la competenza dirigenziale anche se ovviamente l'attività istruttoria dei singoli responsabile delle entrate è espressa in maniera chiara. La competenza indubbiamente giuntale, serve quindi per dare unicità di documento anche se rimane pur sempre un atto a competenza esclusivamente tecnica gestionale e quindi quella della Giunta deve essere intesa come una presa d'atto delle valutazioni tecniche effettuate dai vari responsabili che abbiamo visto prima.

110 IL RIACCERTAMENTO STRAORDINARIO DEI RESIDUI ATTIVI Le amministrazioni che passano al nuovo sistema contabile devono approvare con delibera di Giunta e previo parere dell'organo di revisione, il riaccertamento straordinario dei residui, contestualmente all'approvazione del rendiconto 2014.

111 La novità introdotta dal D.Lgs. 126/2014 di mantenere, come abbiamo visto all'inizio, anche per il 2015 la funzione autorizzatoria con riferimento ai vecchi schemi e relegando i nuovi ad un valore informativo potrebbe far pensare al ripresentarsi della necessità di un nuovo riaccertamento straordinario ad inizio 2016.

112 In realtà ciò non è perchè quello che fa la differenza da questo punto di vista non è lo schema di bilancio quanto le modalità di imputazione degli accertamenti e degli impegni che saranno fin da subito quelli nuovi.

113 Con l'atto di riaccertamento straordinario dei residui si devono effettuare le seguenti operazioni: 1) cancellazione dei residui attivi e passivi, cui non corrispondono obbligazioni perfezionate e scadute alla data del 1 gennaio 2015 (quelle neanche perfezionate dovrebbero essere già state cancellate, come da previgente sistema, nel rendiconto 2014); 2) Per ciascun residuo eliminato come indicato al punto precedente, in quanto non scaduto, sono indicati gli esercizi nei quali l'obbligazione diviene esigibile, secondo i criteri individuati nel principio applicato della contabilità finanziaria di cui all'allegato n. 4/2 di cui abbiamo diffusamente parlato precedentemente

114 3) determinazione del fondo pluriennale vincolato da iscrivere in entrata del bilancio dell'esercizio 2015, distintamente per la parte corrente e per il conto capitale, per un importo pari alla differenza tra i residui passivi ed i residui attivi eliminati. (caso di approvazione del bilancio 2015 dopo quella del rendiconto 2014) 4) variazione del bilancio di previsione annuale 2015 e pluriennale (i vecchi modelli) e del bilancio di previsione finanziario (nuovi modelli) predisposto con funzione conoscitiva per consentire la reimputazione dei residui cancellati e l'aggiornamento degli stanziamenti riguardanti il fondo pluriennale vincolato (caso di opposto al precedente e cioè di approvazione del bilancio 2015 prima di quella del rendiconto 2014)

115 5) reimputazione degli accertamenti di entrata e degli impegni di spesa cancellati, in ciascuno degli esercizi in cui l'obbligazione e' esigibile, secondo i criteri individuati nel principio applicato della contabilita' finanziaria di cui all'allegato n. 4/2. La copertura finanziaria delle spese reimpegnate cui non corrispondono entrate riaccertate nel medesimo esercizio è costituita dal fondo pluriennale vincolato (nel caso opposto si creerà un disavanzo tecnico); 6) accantonamento di una quota di avanzo al 1 gennaio 2015, RIDETERMINATO IN AUMENTO O DIMINUZIONE A SECONDA SE SIANO TOLTI PIU' RESIDUI ATTIVI O PASSIVI al fondo crediti per un importo calcolato come abbiamo già visto nelle slides precedenti. In caso di incapienza del risultato, si genera un DISAVANZO SOSTANZIALE, da applicare in spesa e recuperare entro 10 anni (con le modalità previste da un DM in arrivo);

116 Il riaccertamento straordinario dei residui deve essere effettuato anche in caso di esercizio provvisorio (caso ahimé ormai non raro di approvazione del rendiconto dell'anno precedente prima del bilancio di previsione dell'anno in corso!) o di gestione provvisoria del bilancio, registrando nelle scritture contabili le reimputazioni di cui al comma 7, lettera d), anche nelle more dell'approvazione dei bilanci di previsione. Il bilancio di previsione, in questo caso approvato successivamente al riaccertamento dei residui, è predisposto tenendo conto di tali registrazioni.

117 IN PRATICA QUELLO CHE DOVRA' ACCADERE NON E' NULLA DI DIVERSO DI QUANTO SI FACEVA FINO AD OGGI CON RIFERIMENTO AGLI IMPEGNI E ACCERTAMENTI EFFETTUATI NELLA PARTE DELL'ANNO PRECEDENTE ALL'APPROVAZIONE DEL BILANCIO E AGLI IMPEGNI E ACCERTAMENTI PLURIENNALI ASSUNTI NEGLI ANNI PRECEDENTI. SI PROCEDERA' SEMPLICEMENTE A COSTRUIRE IL BILANCIO DI PREVISIONE IN MODO TALE CHE LO STESSO RECEPISCA TUTTO CIÒ A POSTERIORI QUANTIFICANDO QUINDI GLI STANZIAMENTI DI ENTRATA E DI SPESA ALMENO PARI ALLA SOMMA DI TALI IMPEGNI E TALI ACCERTAMENTI.

118 La contabilizzazione delle Spese

119 Anche per le spese la regola è sempre la stessa. Tutte le obbligazioni giuridicamente perfezionate attive e passive, che danno luogo a entrate e spese per l ente, devono essere registrate nelle scritture contabili quando l obbligazione è perfezionata, con imputazione all esercizio in cui l obbligazione viene a scadenza. La scadenza dell obbligazione è il momento in cui l obbligazione diventa esigibile.

120 Ogni procedimento amministrativo che comporta spesa deve trovare, fin dall avvio, la relativa attestazione di copertura finanziaria ed essere prenotato nelle scritture contabili dell esercizio individuato nel provvedimento che ha originato il procedimento di spesa. Alla fine dell esercizio, le prenotazioni alle quali non hanno fatto seguito obbligazioni giuridicamente perfezionate e scadute sono cancellate quali economie di bilancio.

121 L impegno costituisce la prima fase del procedimento di spesa, con la quale viene registrata nelle scritture contabili la spesa conseguente ad una obbligazione giuridicamente perfezionata, avendo determinato la somma da pagare ed il soggetto creditore e avendo indicato la ragione del debito e costituito il vincolo sulle previsioni di bilancio, nell ambito della disponibilità finanziaria accertata con l apposizione del visto di regolarità contabile attestante la copertura finanziaria.

122 Gli elementi costitutivi dell impegno sono: - la ragione del debito; - l indicazione della somma da pagare; - il soggetto creditore; - la scadenza dell obbligazione ( - la specificazione del vincolo costituito sullo stanziamento di bilancio.

123 In ogni caso, possono essere considerate esigibili, e quindi liquidabili le spese impegnate nell esercizio precedente, relative a prestazioni o forniture rese nel corso dell esercizio precedente, le cui fatture pervengono nei due mesi successivi alla chiusura dell esercizio o per le quali il responsabile della spesa dichiara, sotto la propria responsabilità valutabile ad ogni fine di legge, che la spesa è liquidabile in quanto la prestazione è stata resa o la fornitura è stata effettuata nell anno di riferimento.

124 Pur se il provvedimento di impegno deve annotare l intero importo della spesa, la registrazione dell impegno che ne consegue, a valere sulla competenza avviene nel momento in cui l impegno è giuridicamente perfezionato, con imputazione agli esercizi finanziari in cui le singole obbligazioni passive risultano esigibili. Non possono essere riferite ad un determinato esercizio finanziario le spese per le quali non sia venuta a scadere (ossia non sia diventata esigibile), nello stesso esercizio finanziario, la relativa obbligazione giuridica.

125 Come per quelle attive, anche per le obbligazioni passive il criterio della esigibilità è declinato, in termini operativi, in criteri di imputazione differenziati in funzione della tipologia di spesa.

126 Investimenti Con la normativa vigente, le somme stanziate a Titolo II vengono impegnate al momento dell accertamento della relativa fonte di finanziamento (impegno contabile improprio ex art. 183, comma 5, Tuel), poi si passa all impegno giuridico con l aggiudicazione, ma comunque rimangono somme a residuo vuote di significato gestionale, in quanto somme impegnate in assenza di prestazione.

127 Investimenti Nel nuovo sistema, le spese sono impegnate negli esercizi in cui scadono le singole obbligazioni passive, sulla base del relativo cronoprogramma. Anche per le spese di investimento che non richiedono la definizione di un cronoprogramma, l imputazione è effettuata in considerazione dell esigibilità. A tal fine, l amministrazione, nella fase della contrattazione, richiede, ove possibile, che nel contratto siano indicate le scadenze dei singoli pagamenti. E in ogni caso auspicabile che l ente richieda sempre un cronoprogramma della spesa di investimento da realizzare.

128 Resta fermo che la copertura finanziaria delle spese di investimento che comportano impegni di spesa imputati sulla competenza di più esercizi deve essere assicurata sin dall attivazione del primo impegno, con riferimento all importo complessivo della spesa.

129 Costituiscono idonea copertura finanziaria delle spese di investimento impegnate negli esercizi successivi: - le risorse accertate nell esercizio in corso di gestione - l avanzo di amministrazione - le entrate già accertate, imputate negli esercizi successivi la cui esigibilità è perfezionabile mediante manifestazione di volontà pienamente discrezionale dell Ente o di altra pubblica amministrazione (ad es., i contributi agli investimenti).

130 NON costituiscono idonee forme di copertura degli investimenti le altre entrate accertate e imputate a esercizi successivi a quello in corso, quali i permessi di costruire accertati sugli esercizi successivi sulla base del nuovo principio di competenza finanziaria potenziato.

131 Se la spesa è impegnata sulla competenza di esercizi successivi (n+1, n+2, ecc..) ma è finanziata da entrate accertate nell anno in corso di gestione (n), come si realizza l equilibrio di bilancio tra entrate e spese di ciascun esercizio? Risposta: con il fondo pluriennale vincolato (FPV).

132 Il FPV è un saldo finanziario, costituito da risorse già accertate destinate al finanziamento di obbligazioni passive dell ente già impegnate ma esigibili in esercizi successivi a quello in cui è accertata l entrata. E quindi un saldo finanziario (necessariamente maggiore di 0) che garantisce la copertura di spese imputate agli esercizi successivi a quello in corso

133 Il FPV consente: di applicare il nuovo principio della competenza finanziaria, correlando le entrate vincolate di competenza di un esercizio con le relative spese impegnate nel medesimo esercizio, ma imputate agli esercizi successivi, al fine di consentirne l immediato utilizzo, senza dover attendere che l entrata confluisca nel risultato di amministrazione. di rendere evidente la distanza temporale intercorrente tra l acquisizione dei finanziamenti e l effettivo impiego di tali risorse.

134 Il FPV è iscritto sia in entrata che in spesa, distintamente per la parte corrente e per il conto capitale.

135 In particolare, il FPV iscritto in entrata rappresenta, in modo cumulato, le risorse provenienti dagli esercizi precedenti per dare copertura agli impegni assunti nel corso di tali esercizi ma imputati all esercizio cui si riferisce il bilancio o agli esercizi successivi. Esso riporta tutte le risorse rinviate, sia quelle relative agli impegni imputati all esercizio cui si riferisce il bilancio, sia quelle relative agli esercizi successivi. In entrata, il FPV precede le voci riguardanti l utilizzo del risultato di amministrazione, è articolato in sole due voci, riguardanti la parte corrente e il conto capitale

136 Il FPV stanziato in spesa rappresenta, invece, in modo disaggregato, le risorse trasferite agli esercizi successivi per dare copertura a spese imputate agli esercizi successivi a quello cui si riferisce il bilancio.

137 In spesa, il fondo pluriennale vincolato rappresenta una possibile articolazione di tutti gli stanziamenti ed è costituito da due componenti, tra loro logicamente distinte: a) la quota accantonata per dare copertura a spese già impegnate negli esercizi precedenti, con imputazione agli esercizi successivi a quello cui si riferisce il bilancio, a valere di risorse accertate negli esercizi precedenti; b) la quota accantonata per dare copertura a spese che si prevede di impegnare nell esercizio in corso con imputazione agli esercizi successivi, a valere di risorse che si prevede di accertare nel corso dell esercizio.

138 A meno che il bilancio non sia approvato successivamente al rendiconto dell esercizio precedente, entrambe le componenti sono presunte, ovvero sono il risultato di un processo di previsione e di stima. Se sono disponibili i dati di consuntivo o di preconsuntivo dell esercizio precedente, il fondo pluriennale di entrata corrisponde all importo definitivo del fondo pluriennale di spesa risultante da tali documenti. Nel bilancio di previsione pluriennale successivo al primo, l importo del fondo pluriennale iscritto in entrata corrisponde sempre agli stanziamenti di spesa dell esercizio precedente riguardanti il fondo pluriennale.

139 Sia al bilancio di previsione che al rendiconto è allegato un prospetto che, per ciascun programma, evidenzia l articolazione temporale del FPV. Nel bilancio di previsione l allegato distingue la quota del FPV che proviene dagli esercizi precedenti a copertura di spese già impegnate da quella relativa alle spese che si prevede di impegnare nel corso dell esercizio su risorse fresche con imputazione agli esercizi successivi.

140 Analogamente, nel rendiconto della gestione, l allegato individua, per ciascun programma: a) la parte del FPV formatasi negli esercizi precedenti per dare copertura a spese già impegnate imputate agli esercizi successivi, che deve essere rinviata all esercizio successivo; b) la parte del fondo che deriva dalla gestione dell esercizio di riferimento, accantonata per dare copertura agli impegni assunti in tale esercizio, ma di competenza degli esercizi successivi.

141 L avanzo di amministrazione è costituito da risorse (libere o vincolate) accertate (esigibili) destinate a finanziare obbligazioni passive non ancora registrate. Si tratta di risorse non ancora attribuite e non ancora aggiudicate (impegnate), quindi non ancora utilizzate. Il FPV è costituito da risorse (vincolate) accertate (esigibili) destinate a finanziare obbligazioni passive impegnate (registrate), ma non ancora esigibili (non comportano ancora obbligo di pagare). Saranno esigibili in esercizi successivi rispetto a quello in cui stata accertata (registrata e imputata) l entrata.

142 Il FPV riguarda prevalentemente le spese in conto capitale, ma può costituirsi anche per garantire la copertura di spese correnti, ad esempio per quelle impegnate a fronte di entrate derivanti da trasferimenti correnti vincolati, esigibili in esercizi precedenti a quelli in cui è esigibile la corrispondente spesa, oltre che per le spese di personale, come abbiamo visto. Ai fini del Patto, rileva solo il FPV di parte corrente, secondo la seguente formula: Entrate correnti ai fini Patto = Accertamenti + FPV in entrata FPV in spesa

143 Il FPV deve corrispondere ad impegni formalmente assunti, imputati agli esercizi successivi. Il principio contabile individua due eccezioni tassative: 1) quadro economici parzialmente approvati (al netto delle spese di progettazione); 2) procedure di affidamento attivate ma non concluse. In assenza di aggiudicazione definitiva, entro l anno successivo, le risorse accertate cui il fondo pluriennale si riferisce confluiscono nell avanzo di amministrazione vincolato per la riprogrammazione dell intervento in c/capitale ed il fondo pluriennale deve essere ridotto di pari importo.

144 ESEMPIO Un Comune decide di realizzare una scuola del costo complessivo di 450 e di finanziarla con alienazioni patrimoniali da perfezionare nell anno x. Il cronoprogramma prevede la seguente scansione della spesa: anno x: 100; anno x+1: 150, anno x+2: 200.

145 FPV: esempio 1

146 FPV: esempio 2 Nel corso della gestione, l avanzamento dei lavori potrebbe avere un andamento differente rispetto a quello previsto dal cronoprogramma. In tal caso, è necessario aggiornare il cronoprogramma e conseguentemente effettuare le correlate variazioni agli stanziamenti di capitoli di spesa intestati al FPV ed alle quote esigibili della spesa di investimento. Nel nostro esempio, il nuovo cronoprogramma comporta uno slittamento dei lavori dall esercizio x+1 all esercizio x+2. Nell esercizio x+1 la quota di spesa esigibile scende da 150 a 50 e nell esercizio successivo la quota esigibile sale da 200 a 300

147 FPV: esempio 2

148 E se i lavori non partono? Nel nostro esempio, l alienazione si perfeziona solo a dicembre e quindi non si riesce a procedere all impegno. In applicazione del nuovo principio di competenza finanziaria, NON è più possibile applicare l art. 183, comma 5, del TUEL (impegni assunti d ufficio in corrispondenza di entrata accertata) e gestire i successivi pagamenti a residui. In generale, la somma accertata dovrebbe andare in avanzo vincolato. Se però la gara è stata formalmente indetta, si può costituire il FPV.

149 Variazioni Art. 175 Tuel Nel rispetto di quanto previsto dai regolamenti di contabilita', i responsabili della spesa o, in assenza di disciplina, il responsabile finanziario, possono effettuare ( ) b) le variazioni di bilancio fra gli stanziamenti riguardanti il fondo pluriennale vincolato e gli stanziamenti correlati, in termini di competenza e di cassa, escluse quelle previste dall'art. 3, comma 5, del decreto legislativo 23 giugno 2011, n Le variazioni di bilancio riguardanti le variazioni del fondo pluriennale vincolato sono comunicate trimestralmente alla giunta. Restano alla Giunta le variazioni finali da effettuare entro il termine per la chiusura del rendiconto.

150 In sintesi

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Settembre 2013 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FEDERALISMO FISCALE in attuazione dell art.

Dettagli

IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI

IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI CINZIA SIMEONE 1 STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE: 1) DEFINIZIONE 2) IL FONDO PLURIENNALE NEL BILANCIO 3) IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE 4)

Dettagli

FORMAZIONE CONTINUA. IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs.

FORMAZIONE CONTINUA. IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. FORMAZIONE CONTINUA IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. 118/2011 Adempimenti 2015 Dispensa #2 Accertamento delle entrate 2015: Modalità

Dettagli

Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015

Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015 Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015 1 Una volta accadeva: Fondo Pluriennale Vincolato nell'esercizio X l'ente registrava in bilancio un entrata destinata ad investimenti (contributo regionale, contributo

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 5 Il riaccertamento straordinario e il fondo pluriennale vincolato (ottobre 2014) STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE:

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA Allegato A/2 Allegato n. 4/2 al D.Lgs 118/2011 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA 1. Definizione Nelle amministrazioni pubbliche che la adottano, la contabilità finanziaria

Dettagli

Adempimenti 2015 Dispensa #4 Guida operativa al riaccertamento straordinario dei residui

Adempimenti 2015 Dispensa #4 Guida operativa al riaccertamento straordinario dei residui FORMAZIONE CONTINUA IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. 118/2011 Adempimenti 2015 Dispensa #4 Guida operativa al riaccertamento straordinario

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Consiglio Comunale, 13 agosto 2015 VERSO UNO SCHEMA DI BILANCIO ARMONIZZATO.. L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI IL QUADRO NORMATIVO

Dettagli

I BILANCI 2015 DEI COMUNI

I BILANCI 2015 DEI COMUNI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 I BILANCI 2015 DEI COMUNI FIRENZE 13 FEBBRAIO 2015 1 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 LINGUAGGIO ESOTERICO O DEMENZIALE?!?!?! COMMA 13, LEGGE STABILITA 2015 (bonus 80 euro) «Ai fini

Dettagli

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio 3^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Relatore: Dr. PiersanteFabio Guida operativa D.Lgs. 118/2011 per l anno 2015 Enti NON Sperimentatori Riaccertamento dei residui e Gestione esigibilità

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DELLA CONTABILITA' PUBBLICA: GLI SPERIMENTATORI INCONTRANO GLI ENTI LOCALI

ARMONIZZAZIONE DELLA CONTABILITA' PUBBLICA: GLI SPERIMENTATORI INCONTRANO GLI ENTI LOCALI GIORNATA DI STUDIO REGIONE EMILIA MAGNA Bologna 18 Marzo 2014 ARMONIZZAZIONE DELLA CONTABILITA' PUBBLICA: GLI SPERIMENTATORI INCONTRANO GLI ENTI LOCALI La programmazione delle spese d investimento, il

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI:

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI: ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI: al via la fase sperimentale A cura di Alessandro Beltrami Roma, 12 aprile 2012 I tempi di utilizzo degli strumenti I RESIDUI CON IL NUOVO PRINCIPIO CONTABILE IL FONDO

Dettagli

Fatturazione elettronica

Fatturazione elettronica Programma Webinar Fatturazione elettronica MODULO 3: IMPLICAZIONI CONTABILI E D.LGS. 118/11 ROBERTO JANNELLI: KPMG UNIVERSITÀ DEL SANNIO ARMANDO ORREI: KPMG VINCENZO DI SAURO: KPMG Sommario Premessa La

Dettagli

29/04/2015 di competenza finanziaria potenziata

29/04/2015 di competenza finanziaria potenziata SLIDE 1 Il fondo pluriennale vincolato nasce dall esigenza di mantenere gli equilibri di bilancio stante l adozione del nuovo concetto di competenza finanziaria potenziata: l imputazione della spesa secondo

Dettagli

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile Capitolo 3: La programmazione 111 soggiace ai limiti degli stanziamenti indicati nell ultimo bilancio approvato, ove esistano. L ultimo comma dell art. 163 disciplina l ipotesi in cui la scadenza del termine

Dettagli

COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA RIACCERTAMENTO BILANCIO PIANO INTEGRATO DEI CONTI CHIUSURA

COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA RIACCERTAMENTO BILANCIO PIANO INTEGRATO DEI CONTI CHIUSURA Premessa Il presente lavoro ha lo scopo di supportare, a fini esclusivamente didattici, il seminario svolto in aula nei giorni 3 e 4 aprile 2014 e quindi di facilitare il percorso post formazione teso

Dettagli

D.Lgs 118/2011 Principi contabili generali Principi contabili applicati

D.Lgs 118/2011 Principi contabili generali Principi contabili applicati Materiale sull armonizzazione contabile aggiornato con l intesa del 3 aprile 2014 in Conferenza Unificata [Fonte sito Arconet] D.Lgs 118/2011 Principi contabili generali Principi contabili applicati Materiale

Dettagli

GIORNATA STUDIO ARMONIZZAZIONE CONTABILE

GIORNATA STUDIO ARMONIZZAZIONE CONTABILE 20 novembre 14 GIORNATA STUDIO ARMONIZZAZIONE CONTABILE [ P R O V I I N C I A R E G I O N A L E D I M E S S I N A ] SOMMARIO Sommario... 2 PREMESSE... 3 RIFLESSI DELLA RIFORMA SULLA STRUTTURE ORGANIZZATIVA...

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA 1. Definizione Nelle amministrazioni pubbliche che la adottano, la contabilità finanziaria costituisce il sistema contabile principale

Dettagli

BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI 2015-2017 PROVINCIA DI VICENZA

BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI 2015-2017 PROVINCIA DI VICENZA BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI - PROVINCIA DI VICENZA Provincia di Vicenza - ESERCIZIO PARTE I - ENTRATA Pag.1 Titolo, Tipologia Fondo pluriennale vincolato per spese correnti Fondo pluriennale vincolato

Dettagli

Adempimenti 2015 Dispensa #1 Applicazione del principio di competenza finanziaria potenziata

Adempimenti 2015 Dispensa #1 Applicazione del principio di competenza finanziaria potenziata FORMAZIONE CONTINUA IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. 118/2011 Adempimenti 2015 Dispensa #1 Applicazione del principio di competenza

Dettagli

Riaccertamento residui. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano

Riaccertamento residui. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano Riaccertamento residui di Elisabetta Civetta 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano Residui attivi e passivi Ai fini della formazione del rendiconto dell esercizio n-1, possono essere conservati: - tra

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA 1. Definizione Nelle amministrazioni pubbliche che la adottano, la contabilità finanziaria costituisce il sistema contabile principale

Dettagli

Gli strumenti di programmazione dell ente locale

Gli strumenti di programmazione dell ente locale I BILANCI ARMONIZZATI E LA FORMA DI GOVERNO LOCALE: IL RUOLO DELLA GIUNTA, DEL CONSIGLIO COMUNALE, DEI DIRIGENTI Seminario di studio Parma, 23 aprile 2015 Gli strumenti di programmazione dell ente locale

Dettagli

OSSERVATORIO ENTI LOCALI Aprile 2015

OSSERVATORIO ENTI LOCALI Aprile 2015 OSSERVATORIO ENTI LOCALI Aprile 2015 LE LINEE DI INDIRIZZO DELLA CORTE DEI CONTI PER IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI a cura di Mara Oliverio Consiglieri Delegati CNDCEC

Dettagli

VERIFICHE PRELIMINARI

VERIFICHE PRELIMINARI COMUNE DI TAGGIA PROVINCIA DI IMPERIA **** PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E DOCUMENTI ALLEGATI **** REVISORE UNICO Marco Rossi Commercialista Revisore Contabile Pubblicista

Dettagli

. Introduzione Pag. 2. . 1 Il Contesto normativo Pag. 2. . 2 Il FPV previsto dal D. Lgs 118/2011- Caratteristiche Pag. 3

. Introduzione Pag. 2. . 1 Il Contesto normativo Pag. 2. . 2 Il FPV previsto dal D. Lgs 118/2011- Caratteristiche Pag. 3 . Introduzione Pag. 2. 1 Il Contesto normativo Pag. 2. 2 Il FPV previsto dal D. Lgs 118/2011- Caratteristiche Pag. 3. 2.1 FPV: Principi contabili uniformi Pag. 3. 2.2 FPV: Definizione Pag. 4. 2.3 FPV:

Dettagli

VERSO L ARMONIZZAZIONE : un percorso da affrontare insieme

VERSO L ARMONIZZAZIONE : un percorso da affrontare insieme VERSO L ARMONIZZAZIONE : un percorso da affrontare insieme Il D.Lgs.28 giugno 2011 n. 118 s.m.i Milano, 8 aprile 2014 www.dedagroup.it Relatori: Monica Bressa Flavio Brogi Alessandro Festa 1 Il D.Lgs.

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

Armonizzazione dei sistemi contabili Parte entrata. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano

Armonizzazione dei sistemi contabili Parte entrata. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano Armonizzazione dei sistemi contabili Parte entrata di Elisabetta Civetta 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano Armonizzazione sistemi contabili: cosa fare 1. Riclassificare i bilanci 2. Conoscere i nuovi

Dettagli

Come introdurre la nuova contabilità armonizzata nei comuni e nelle province

Come introdurre la nuova contabilità armonizzata nei comuni e nelle province Come introdurre la nuova contabilità armonizzata nei comuni e nelle province Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui, previsto dall articolo 3 comma 7 e

Dettagli

UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012

UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI Verbale n. 04 Sig. Presidente, Sigg. Consiglieri, RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 Il Revisore ha esaminato nel giorno 02 aprile 2013,

Dettagli

Relazione Finanziaria al Conto di Bilancio 2014

Relazione Finanziaria al Conto di Bilancio 2014 COMUNE DI ALEZIO Relazione Finanziaria al Conto di Bilancio 2014 Relazione Finanziaria al Conto di Bilancio 1 1.00 IL RISULTATO DELLA GESTIONE FINANZIARIA L esame del rendiconto oggetto della presente

Dettagli

Armonizzazione dei sistemi contabili D.lgs. 118 del 23/06/2011 -corretto ed integrato dal D.lgs. 126 del 10/08/2014

Armonizzazione dei sistemi contabili D.lgs. 118 del 23/06/2011 -corretto ed integrato dal D.lgs. 126 del 10/08/2014 Armonizzazione dei sistemi contabili D.lgs. 118 del 23/06/2011 -corretto ed integrato dal D.lgs. 126 del 10/08/2014 Dott. Antonino Mineo Responsabile ASFEL Sicilia Dottore Commercialista Revisore Enti

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

COMUNE DI PULA. Provincia di Cagliari SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO, RISORSE LOCALI, TRIBUTARIE, UMANE

COMUNE DI PULA. Provincia di Cagliari SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO, RISORSE LOCALI, TRIBUTARIE, UMANE COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO, RISORSE LOCALI, TRIBUTARIE, UMANE SALVAGUARDIA DEGLI EQUILIBRI DI BILANCIO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI ESERCIZIO FINANZIARIO 2014

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ Istituto nazionale di statistica REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ Approvato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 novembre 2002, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 95 del 24

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO FINANZIARIO, CONTABILE E PATRIMONIALE DEL CONSORZIO DI BONIFICA ACQUE RISORGIVE

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO FINANZIARIO, CONTABILE E PATRIMONIALE DEL CONSORZIO DI BONIFICA ACQUE RISORGIVE REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO FINANZIARIO, CONTABILE E PATRIMONIALE DEL CONSORZIO DI BONIFICA ACQUE RISORGIVE Adottato con delibera dell Assemblea consorziale n. 33/10 in data 11/12/2010, resa esecutiva

Dettagli

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche 87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Sistema di bilancio delle Regioni Bilancio delle Regioni D.lgs. 28 marzo 2000, n.76: Stabilisce il concorso della finanza regionale al perseguimento

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO 2013. Relazione tecnica

RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO 2013. Relazione tecnica RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO 2013 Relazione tecnica 1. IL RISULTATO DELLA GESTIONE FINANZIARIA Tra i documenti richiesti dal legislatore per sintetizzare l'attività amministrativa dell'ente, il Conto

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI NUOVO SISTEMA DI BILANCIO E NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE

L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI NUOVO SISTEMA DI BILANCIO E NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI NUOVO SISTEMA DI BILANCIO E NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE Il principio di competenza finanziaria c.d. rafforzato Il piano integrato dei conti Il fondo pluriennale La

Dettagli

VERIFICA SALVAGUARDIA EQUILIBRI DI BILANCIO E STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 (art. 193 dlgs 267/2000)

VERIFICA SALVAGUARDIA EQUILIBRI DI BILANCIO E STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 (art. 193 dlgs 267/2000) VERIFICA SALVAGUARDIA EQUILIBRI DI BILANCIO E STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 (art. 193 dlgs 267/2000) SALVAGUARDIA DEGLI EQUILIBRI DI BILANCIO 2015 La corretta ed economica

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI (PROVINCIA DI BARI)

COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI (PROVINCIA DI BARI) COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI (PROVINCIA DI BARI) GLOSSARIO DEI TERMINI MAGGIORMENTE USATI NEL BILANCIO DI PREVISIONE Il bilancio degli enti locali è tradizionalmente suddiviso tra parte corrente e parte

Dettagli

Armonizzazione dei sistemi contabili Marco Marafini direttore Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi

Armonizzazione dei sistemi contabili Marco Marafini direttore Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi Armonizzazione dei sistemi contabili Marco Marafini direttore Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi INDICE - Sezioni 1. LA GESTIONE REGIONALE DEL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE 2. I PRINCIPALI CAMBIAMENTI

Dettagli

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013 COMUNE DI PARABIAGO Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013 Relazione al Rendiconto della Gestione - anno 2013 Pagina 137 di 195 Relazione Tecnica al Conto del Bilancio -

Dettagli

Sponsorizzazione per attività culturali Fondo pluriennale vincolato

Sponsorizzazione per attività culturali Fondo pluriennale vincolato Azienditalia IPSOA, n. 4/14 Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Sponsorizzazione per attività culturali Fondo pluriennale vincolato a cura di Mauro Bellesia Dirigente Comune

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA DEL CONSORZIO DI BONIFICA

REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA DEL CONSORZIO DI BONIFICA REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA DEL CONSORZIO DI BONIFICA \\Nt1\dati\utenti\silvia\regol_disciplina_patrimon_finanz.doc 1 Art. 1 Principi Generali 1 La gestione

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE

RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE Servizio Programmazione e Risorse Finanziarie Ufficio Bilancio Contabilità Partecipate Tel. 0583/428282 Fax 0583/428278 e-mail ragioneria@comune.capannori.lu.it Piazza Aldo Moro, 1-55012 Capannori (LU)

Dettagli

LA CONTABILITÀ ED IL BILANCIO DEGLI ENTI LOCALI

LA CONTABILITÀ ED IL BILANCIO DEGLI ENTI LOCALI LA CONTABILITÀ ED IL BILANCIO DEGLI ENTI LOCALI Seminario dell Ordine dei Giornalisti Verona 24 gennaio 2015 LEGNAGO (Verona) Piazza Garibaldi, 19 Tel. (0442) 600100 Fax (0442) 601683 e-mail: segreteria@studioventurato.it

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE, CONTABILITA', BILANCIO E CONTROLLO PREMESSA

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE, CONTABILITA', BILANCIO E CONTROLLO PREMESSA Il Consigliere Tesoriere Galletti comunica di aver elaborato lo Schema di Regolamento di amministrazione, contabilità, bilancio e controllo dell Ordine degli Avvocati di Roma, di cui al seguente testo:

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE, CONTABILITA', BILANCIO E CONTROLLO PREMESSA

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE, CONTABILITA', BILANCIO E CONTROLLO PREMESSA SCHEMA DI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE, CONTABILITA', BILANCIO E CONTROLLO PREMESSA Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Caltanissetta, - visto l art. 24, comma 3, L. 247/2012, che prevede che

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 PREMESSA Ai sensi di quanto previsto dal principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio

Dettagli

PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO (3) previsione di competenza. previsione di competenza

PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO (3) previsione di competenza. previsione di competenza DI PREVISIONE 2015 - ISTITUZIONE CENTRO OLIMPIA COMUNALE Allegato n.9 - Bilancio di previsione al D.Lgs 118/2011 DI PREVISIONE ENTRATE TITOLO TIPOLOGIA RESIDUI PRESUNTI AL TERMINE DELL'ESERCIZIO PRECEDENTE

Dettagli

VERBALE del 18/11/2013

VERBALE del 18/11/2013 VERBALE del 18/11/2013 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2016 E SUOI ALLEGATI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Il COLLEGIO DEI REVISORI Premesso che l organo di revisione ha esaminato la proposta di bilancio

Dettagli

Regolamento di Contabilità

Regolamento di Contabilità Regolamento di Contabilità Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 28 del 06.06.2012 AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA PAOLO RICCI Sede amministrativa: 62012 Civitanova Marche (MC) Via Einaudi,

Dettagli

LA SEZIONE OPERATIVA (SeO)

LA SEZIONE OPERATIVA (SeO) LA SEZIONE OPERATIVA (SeO) La SeO ha carattere generale, contenuto programmatico e costituisce lo strumento a supporto del processo di previsione definito sulla base degli indirizzi generali e degli obiettivi

Dettagli

Sistema PCC Piattaforma per la Certificazione dei Crediti (D.L. 66/2014 Art. 27 Comma 1)

Sistema PCC Piattaforma per la Certificazione dei Crediti (D.L. 66/2014 Art. 27 Comma 1) GIOVE rel. 1.0.45 versione (attuale) aggiornata al 01.08.2014 QUADERNO sulle evoluzioni del software di contabilita finanziaria ed economica Sistema PCC Piattaforma per la Certificazione dei Crediti (D.L.

Dettagli

Contributo regionale vincolato

Contributo regionale vincolato Azienditalia IPSOA, n. 3/2014 Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto. Contributo regionale vincolato a cura di Mauro Bellesia Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Premessa

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO 2015 - ENTRATE

BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO 2015 - ENTRATE Fondo pluriennale vincolato per spese correnti (1) previsione di competenza quello PREVISIONI PREVISIONI (3) dell'anno 2015 dell'anno 2016 PREVISIONI dell'anno 2017 101.172,21 Fondo pluriennale vincolato

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Allegato alla delibera C.C. n. 21 del 07.08.2015 Il Segretario Comunale F.to Dr. Marcello Faiello Copia conforme all originale Il Funzionario incaricato F.to Angela Stroppa COMUNE DI SALVIROLA Provincia

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO /2016 EMENDATO BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE INDICE Nota tecnica introduttiva pag. 3 Bilancio di Previsione Entrata pag. 5 Bilancio

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA DELLA SARDEGNA CENTRALE NUORO (D.P.G.R.S. n. 380/sg del 29/12/1975)

CONSORZIO DI BONIFICA DELLA SARDEGNA CENTRALE NUORO (D.P.G.R.S. n. 380/sg del 29/12/1975) CONSORZIO DI BONIFICA DELLA SARDEGNA CENTRALE NUORO (D.P.G.R.S. n. 380/sg del 29/12/1975) REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 1 Indice Art. 1 - Principi Generali...

Dettagli

La classificazione delle voci: le entrate (1)

La classificazione delle voci: le entrate (1) 87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Concetti fondamentali di contabilità finanziaria La classificazione delle voci: le entrate (1) Entrate correnti vs Entrate in conto capitale:

Dettagli

COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI CONTABILITA ARMONIZZATA

COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI CONTABILITA ARMONIZZATA COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI CONTABILITA ARMONIZZATA Approvato con deliberazione del C.C. n. 23 del 27.07.2015 1 Indice TITOLO I - NORME GENERALI E SERVIZIO FINANZIARIO Art. 1

Dettagli

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010 COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (TRAPANI) Relazione sullo stato di realizzazione dell attività programmata nell anno 2010 1 - LA LETTURA DEI RISULTATI DELLA GESTIONE 1.1 - Il risultato della gestione di competenza

Dettagli

L armonizzazione dei bilanci pubblici

L armonizzazione dei bilanci pubblici L armonizzazione dei bilanci pubblici Dott. Carlo Casari, Dott.ssa Stefania Storti Comune di Modena Il programma di lavoro La nuova contabilità pubblica - armonizzazione : i nuovi Principi Contabili il

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016 BILANCIO DI PREVIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016 Elementi obbligatori che costituiscono il contenuto minimo del parere redatto dall organo di revisione economico-finanziaria ai sensi dell articolo 43

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 3 DEL 13/01/2015 OGGETTO: ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI: LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE. APPROVAZIONE

Dettagli

Adottato dal Commissario Straordinario con deliberazione n. 3 del

Adottato dal Commissario Straordinario con deliberazione n. 3 del Adottato dal Commissario Straordinario con deliberazione n. 3 del 26 giugno 2012 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Definizioni e denominazioni 1. Nel presente regolamento si intendono per: a) "cassiere":

Dettagli

composta dai magistrati: Maria Annunziata RUCIRETA

composta dai magistrati: Maria Annunziata RUCIRETA Del. n. 408/2015/QMIG SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA TOSCANA composta dai magistrati: Roberto TABBITA Maria Annunziata RUCIRETA Paolo PELUFFO Nicola BONTEMPO Emilia TRISCIUOGLIO Laura D AMBROSIO

Dettagli

LA GESTIONE DEL BILANCIO

LA GESTIONE DEL BILANCIO LA GESTIONE DEL BILANCIO L equilibrio finanziario La gestione finanziaria Le fasi dell entrata Le fasi della spesa La Tesoreria (cenni) I residui I debiti fuori bilancio dott. Paolo Longoni L EQUILIBRIO

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ (adottato ai sensi dell articolo 16, comma 4, della legge 24 dicembre 2012, n. 243, Disposizioni per l attuazione del principio del pareggio di bilancio ai

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Comune di Campobello di Licata (AG)

Comune di Campobello di Licata (AG) Comune di Campobello di Licata (AG) ANALISI E CONFRONTO DEI RISULTATI F I N A N Z I A R IO E C O N O M I C O E P A T R I M O N I A L E (per una lettura coordinata dei tre risultati) 2 0 1 0 1 LE RISULTANZE

Dettagli

COMUNE DI VERDELLINO. Provincia di BERGAMO

COMUNE DI VERDELLINO. Provincia di BERGAMO COMUNE DI VERDELLINO Provincia di BERGAMO RELAZIONE DEL REVISORE DEI CONTI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Il Revisore dei Conti Dr. Maurizio Pellizzer Pagina 1 di 24 VERIFICHE PRELIMINARI Il Revisore dei

Dettagli

ADISU Federico II Obiettivo REGOLAMENTO DI CONTABILITA ADISU Federico II Nota Assessore Regionale Diritto allo Studio prot. n 822 del 20 aprile 2011

ADISU Federico II Obiettivo REGOLAMENTO DI CONTABILITA ADISU Federico II Nota Assessore Regionale Diritto allo Studio prot. n 822 del 20 aprile 2011 ADISU Federico II Obiettivo REGOLAMENTO DI CONTABILITA ADISU Federico II Nota Assessore Regionale Diritto allo Studio prot. n 822 del 20 aprile 2011 I N D IC E TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 Ambito di

Dettagli

COMUNE DI REGGIOLO. Provincia di REGGIO EMILIA

COMUNE DI REGGIOLO. Provincia di REGGIO EMILIA COMUNE DI REGGIOLO Provincia di REGGIO EMILIA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLO SCHEMA DI RENDICONTO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2010 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE Dott. Valerio Fantini Comune di

Dettagli

C O M U N E D I O D E R Z O Città Archeologica (Provincia di Treviso) NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017

C O M U N E D I O D E R Z O Città Archeologica (Provincia di Treviso) NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 C O M U N E D I O D E R Z O Città Archeologica (Provincia di Treviso) NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 PREMESSA... 4 1. Struttura del bilancio armonizzato... 6 2. Quadro generale complessivo

Dettagli

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ DELL ARCHIVIO CENTRALE DELLO STATO AI SENSI DELL ART. 2, COMMA 2, D.P.R. 27 FEBBRAIO 2003, N.

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ DELL ARCHIVIO CENTRALE DELLO STATO AI SENSI DELL ART. 2, COMMA 2, D.P.R. 27 FEBBRAIO 2003, N. REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ DELL ARCHIVIO CENTRALE DELLO STATO AI SENSI DELL ART. 2, COMMA 2, D.P.R. 27 FEBBRAIO 2003, N. 97 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Definizioni e denominazioni

Dettagli

4.2 L armonizzazione dei bilanci regionali alla luce della modifica dell art. 117 Cost

4.2 L armonizzazione dei bilanci regionali alla luce della modifica dell art. 117 Cost 4.2 L armonizzazione dei bilanci regionali alla luce della modifica dell art. 117 Cost Le regole che governano i bilanci regionali sono interessati da importanti riforme connesse all operare congiunto

Dettagli

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali GUIDA ALLA LETTURA DEI BILANCI COMUNALI L esame dei bilanci dei Comuni può costituire un utile strumento di analisi e di supporto all elaborazione di linee

Dettagli

Capitolo Secondo I bilanci delle Camere di commercio

Capitolo Secondo I bilanci delle Camere di commercio Capitolo Secondo I bilanci delle Camere di commercio Sommario: 1. Principi generali. - 2. Programmazione e preventivo economico. - 3. La gestione del bilancio. - 4. Il bilancio di esercizio. 1. Principi

Dettagli

PARERE DELL'ORGANO DI REVISIONE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2014 2016

PARERE DELL'ORGANO DI REVISIONE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2014 2016 PARERE DELL'ORGANO DI REVISIONE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2014 2016 PROVINCIA DI CREMONA COLLEGIO DEI REVISORI PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2016 Premesso che l organo di revisione

Dettagli

Articolo 35 Situazione amministrativa Articolo 36 Relazione del Collegio dei Revisori dei conti

Articolo 35 Situazione amministrativa Articolo 36 Relazione del Collegio dei Revisori dei conti REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE, CONTABILITÀ E ATTIVITÀ CONTRATTUA- LE DEL COLLEGIO PROVINCIALE IPASVI DI ROMA TITOLO I AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ CAPO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Finalità e contenuti

Dettagli

Comune di PITEGLIO (PT)

Comune di PITEGLIO (PT) ANALISI E CONFRONTO DEI RISULTATI F I N A N Z I A R IO E C O N O M I C O E P A T R I M O N I A L E (per una lettura coordinata dei tre risultati) 2 0 1 1 1 LE RISULTANZE CONTABILI Il nuovo ordinamento

Dettagli

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Sede legale: VIA PESCHIERA 16 GENOVA (GE) Iscritta al Registro Imprese di GENOVA C.F. e numero iscrizione 01323550994 Iscritta al R.E.A. di Genova n. 400879 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

CONTO ECONOMICO anno 2014

CONTO ECONOMICO anno 2014 Allegati sub 3 e 4 alla proposta di deliberazione DCS2 16 del 14 aprile 2015 COMUNE DI ALBIGNASEGO CONTO ECONOMICO anno 2014 Conto Economico Prospetto conciliazione Entrata Prospetto conciliazione Spesa

Dettagli

Relazione dell organo di revisione

Relazione dell organo di revisione COMUNE DI COSTA MASNAGA Provincia di LECCO Relazione dell organo di revisione - sulla proposta di deliberazione consiliare del rendiconto della gestione 2011 - sullo schema di rendiconto per l esercizio

Dettagli

COMUNE DI LICODIA EUBEA PROSPETTO DI CONCILIAZIONE ANNO 2014

COMUNE DI LICODIA EUBEA PROSPETTO DI CONCILIAZIONE ANNO 2014 COMUNE DI LICODIA EUBEA Provincia di CT PROSPETTO DI CONCILIAZIONE ANNO 201 COMUNE DI LICODIA EUBEA Data di stampa 02-0-2015 Pagina 2 TITOLO I - ENTRATE TRIBUTARIE ACCERTAMENTI FINANZIARI DI RISCONTI PASSIVI

Dettagli

LA GESTIONE DEI RESIDUI

LA GESTIONE DEI RESIDUI LA GESTIONE DEI RESIDUI I residui passivi sono somme impegnate ma non ancora pagate entro il termine dell esercizio: costituiscono un debito del Dipartimento. I residui attivi sono somme accertate ma non

Dettagli

COMUNE DI GATTATICO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI GATTATICO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI GATTATICO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 (punto 9.3 del principio della programmazione, allegato al DPCM 23/12/2011) CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI

Dettagli

COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013. Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione

COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013. Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013 Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione CONTO ECONOMICO STATO PATRIMONIALE TIT. I - ENTRATE TRIBUTARIE

Dettagli

Articolo 227 Rendiconto della gestione

Articolo 227 Rendiconto della gestione TITOLO VI DLGS 267/200 RILEVAZIONE E DIMOSTRAZIONE DEI RISULTATI DI GESTIONE Articolo 227 Rendiconto della gestione 1. La dimostrazione dei risultati di gestione avviene mediante il rendiconto, il quale

Dettagli

Consiglio comunale Bormio 20 maggio 2015 Approvazione rendiconto gestione 2014

Consiglio comunale Bormio 20 maggio 2015 Approvazione rendiconto gestione 2014 Consiglio comunale Bormio 20 maggio 2015 Approvazione rendiconto gestione 2014 Con deliberazione n.20 del 2/4/15 la giunta comunale ha approvato la relazione al conto consuntivo dell esercizio 2014; lo

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI "ALTA MARMILLA" PROSPETTO DI CONCILIAZIONE ANNO 2012

UNIONE DEI COMUNI ALTA MARMILLA PROSPETTO DI CONCILIAZIONE ANNO 2012 UNIONE DEI COMUNI "ALTA MARMILLA" Provincia di PROSPETTO DI CONCILIAZIONE ANNO 2012 UNIONE DEI COMUNI "ALTA MARMILLA" Data di stampa 18-07-2013 Pagina 2 PROSPETTO DI CONCILIAZIONE (ENTRATE) TITOLO I -

Dettagli

Comunità Comprensoriale Burgraviato. Conto consuntivo e relazione al rendiconto della gestione Esercizio 2013

Comunità Comprensoriale Burgraviato. Conto consuntivo e relazione al rendiconto della gestione Esercizio 2013 Comunità Comprensoriale Burgraviato Provincia Autonoma di Bolzano Conto consuntivo e relazione al rendiconto della gestione Esercizio 2013 1/7 Colophon Copyright: 2014 Comunità comprensoriale Burgraviato

Dettagli