OGNI CONTATTO LASCIA UNA TRACCIA: Il Brain Fingerprinting nella neurocriminologia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OGNI CONTATTO LASCIA UNA TRACCIA: Il Brain Fingerprinting nella neurocriminologia"

Transcript

1 ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA CAMPUS DI CESENA SCUOLA DI PSICOLOGIA E SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze del Comportamento e delle Relazioni Sociali OGNI CONTATTO LASCIA UNA TRACCIA: Il Brain Fingerprinting nella neurocriminologia Relazione della Prova Finale in Neuropsicologia Relatore Prof. Ciaramelli Elisa Presentata da Motta Jessica Sessione II (I Appello) Anno accademico: 2014/2015

2 2

3 Sommario INTRODUZIONE NEUROCRIMINOLOGIA CRIMINALITÀ APPARENTE BRAIN IMAGING E NEUROCRIMINOLOGIA Biologia dell aggressività Deficit della corteccia prefrontale e pedofilia I circuiti cerebrali implicati nelle decisioni morali L EFFETTO PRIMING MEMORIE MULTIPLE EVIDENZE SUGLI EFFETTI DEL PRIMING Priming modalità specifico IL BRAIN FINGERPRINTING IL RISCHIO DELLE TESTIMONIANZE DISTORTE Il Guilty Knowledge Test (GKT) Il ruolo della memoria nel riconoscimento dei dettagli critici SCIENZA E TECNOLOGIA DEL BRAIN FINGERPRINTING Onde cerebrali (EGG) e potenziali evento-relati (ERP) I risultati IL CASO HARRINGTON CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA

4 4

5 Introduzione L idea di sviluppare la mia tesi di laurea triennale su un argomento quale il Brain Fingerprinting, relativamente recente e poco conosciuto soprattutto qui in Italia, deriva dal tentativo di volere approfondire l utilità delle neuroscienze nel campo dell investigazione e delle scienze forensi, come strumento in grado di fornire prove la cui certezza potrebbe essere utilizzata in tribunale e giocare un ruolo importante al fine dell incriminazione di un sospettato criminale. Ciò di cui l investigazione è alla ricerca sono infatti innumerevoli prove. Un principio che è di fondamentale importanza in ambito investigativo, è quello di Edmond Locard, che tradotto in italiano recita: Ogni contatto lascia una traccia ; secondo questo principio, banalmente, ognuno di noi viene visto come un personaggio dei fumetti che, spostandosi, porta con sé la nuvoletta dei posti in cui è andato, delle cose che ha toccato e di ciò a cui ha lavorato; ognuno di noi quindi ha una nuvoletta diversa (Lucarelli e Picozzi, 2009). Appena mi sono avvicinata al funzionamento e all utilizzo del Brain Fingerprinting ho subito collegato il principio di Edmond Locard anche alle neuroscienze. Il Brain Fingerprinting, rappresenta infatti uno strumento in grado di repertare anche le prove più astratte, non repertabili manualmente, come le tracce di memoria presenti nella mente degli individui; inevitabilmente, come sottolinea anche Rosenfeld (2005), le critiche rivolte al Brain Fingerprinting sono molteplici. Come approfondirò successivamente in maniera dettagliata in questa tesi, l obiettivo principale da cui si sviluppa il Brain Fingerprinting è quello di non lasciare nulla al caso indagando anche sui contenuti più nascosti della mente attraverso l osservazione di differenti onde cerebrali prodotte dal cervello umano; la presentazione di particolari stimoli, implicati in un reale crimine, è in grado di attivare ricordi prodotti anche in maniera implicita che, se presenti nella mente umana, generano onde di una lunghezza particolare chiamante onde MERMER (Farwell e Smith, 2001). La presenza delle onde P300 MERMER, rappresenta una prova neuroscientifica che allo stato attuale delle ricerche garantisce una validità del 99,9% (Farwell, 2012). Una delle cose che principalmente mi ha colpito del Brain Fingerprinting, è stata quella di evidenziare l importanza del criminale stesso, che per quanto incredibile, spesso viene dimenticato, cercando risposte solo nelle prove scientifiche, come test del DNA, analisi chimiche o tossicologiche, dimenticando l importanza che il criminale indubbiamente riveste. Vista la mia grande passione per tutto ciò che riguarda l ambito investigativo e in particolar modo, per le scienze forensi, ho deciso di focalizzarmi sul Brain Fingerprinting, in quanto potrebbe considerarsi un attraente innovazione come supporto alle indagini criminali. 5

6 6

7 1. Neurocriminologia 1.1 Criminalità apparente L idea secondo cui, guardando semplicemente il volto di qualcuno, è possibile riconoscere in lui un genio, un pazzo o un criminale, con la possibilità di derivarne condizioni e stati mentali, continua a rappresentare un campo di studi molto affascinante. Per generazioni, gli scienziati hanno cercato un metodo semplice ed efficace di identificare caratteristiche degli esseri umani, con lo scopo di poterli classificare in geni, lunatici e criminali. Uno dei primi autori a cui si deve il tentativo di ricercare un collegamento tra le caratteristiche esterne del corpo e il carattere, è Aristotele con il suo volume Physiognomica, assumendo la possibilità di leggere le caratteristiche interne a partire dall apparenza esterna (Vogt, 1999). Un ulteriore sviluppo in questa direzione si ebbe tra il XVIII e il XIX secolo con la nascita della grafologia concentrata sulla scrittura di una persona per determinare il suo carattere e la sua attività cerebrale e la frenologia volta all analisi del carattere e del temperamento grazie alle misure del cranio, in modo da prevedere il successo di un bambino osservandone nel dettaglio rientranze e sporgenze ed effettuando precise misurazioni in pazienti all interno di ospedali, manicomi o rinchiusi in carcere (Fleming, 2000). Tuttavia, non fu prima della nascita dell antropologia criminale e delle numerose pubblicazioni di Cesare Lombroso, che la connessione tra l apparenza fisica, la personalità e i rischi per la società, in particolare i rischi connessi ai crimini, assunsero seria importanza. Oggi, tutte queste idee sono considerate pseudo-scientifiche, ma il desiderio di essere in grado di calcolare e predire i rischi e i successi è ancora molto presente; inoltre, nonostante le conclusioni di Lombroso furono successivamente considerate infondate, gli stereotipi e le immagini che presentò come scoperte scientifiche, sono ancora parte integrante della nostra cultura (Fleming, 2000). Questi stereotipi sono individuabili nei film e nelle serie televisive, ma anche all interno della disciplina che prende il nome di Criminal Profiling adottata in ambito forense, ma non riconosciuta e accettata in Europa a livello giuridico che, se non applicata e studiata con criterio e scientificità, può dare addito a credenze del tutto errate e anche eccessivamente fantasiose relative alla comprensione dei comportamenti criminali (Gkotsi e Benaroyo, 2012). Criminologi, biologi, antropologi e fisiologi di tutto il mondo trovano difficile ancora oggi, abbandonare il sogno di tentare di riconoscere, predire e controllare i cosiddetti criminali nati. Essenzialmente, l idea centrale di Lombroso era che un alta percentuale di individui fossero criminali nati. Questi non opererebbero in seguito ad incentivi razionali o scelte, il loro comportamento potrebbe essere classificato come atavico. In questa direzione di pensiero, il compito degli antropologi criminali sarebbe quello di identificare le caratteristiche esterne in grado 7

8 di rispecchiare atteggiamenti criminali in modo da proteggere la società da questi individui pericolosi (Gkotsi e Banaroyo, 2012). L opera principale di Lombroso, L uomo delinquente, descrive le sue credenze in merito all ereditarietà dei tratti criminali; esisterebbero infatti tratti fisici distintivi dei soggetti con comportamenti criminali e devianti che si trasmetterebbero di generazione in generazione; è proprio per questi suoi contributi, che Lombroso viene definito il pioniere della fisiognomica e dell antropologia criminale. Lombroso fondò la sua teoria sull ipotesi di una distinta classe ereditaria di criminali biologicamente regressi ad uno stato primitivo; questi criminali esibiscono alcune anomalie di tipo fisico e mentale, definite stigmate fisiche (Gatti e Verde, 2012). Lombroso fu in grado di suddividere i criminali in 2 grandi categorie: la prima comprende i nativi criminali, i criminali insani e i criminali epiletici. I criminali insani, a differenza dei criminali, diventano tali solo in seguito ad un alterazione del cervello in grado di sconvolgere la loro natura morale. La seconda categoria comprende invece gli occasionali, i criminaloidi e gli abituali, che non possiedono nessuna peculiarità fisica, a differenza degli appartenenti alla prima categoria (Fleming, 2000). Sulla base di questa classificazione, Lombroso sottolineò come gli appartenenti alla prima categoria non dovessero essere ritenuti responsabili delle loro azioni, in quanto qualche anomalia cerebrale li aveva resi non in grado di controllare il loro comportamento; secondo questo filone di pensiero, la pena dovrebbe essere imposta solo a coloro che hanno commesso il crimine per loro libera scelta (Gkotsi e Benaroyo, 2012). Le caratteristiche fisiche che secondo Lombroso erano in grado di distinguere i criminali nati erano braccia lunghe, piedi prensili con alluci mobili, fronte bassa e stretta, orecchie grandi, testa dura, mascella sporgente, ecc. (Preçi e Vyshka, 2014). Per molteplici ragioni, le teorie di Lombroso non resistettero a lungo, furono infatti più volte rivisitate e criticate soprattutto per ragioni razziali. Le ricerche attuali in materia antropometrica si focalizzano su studi neuro-radiologici analizzando strutture cerebrali profonde come l amigdala. Questa in particolare (dal punto di vista della dimensione, ma anche e soprattutto della funzione), è stata considerata la principale struttura responsabile di atteggiamenti aggressivi. Anche queste ricerche hanno sollevato non poche polemiche, ma gli studi sulle funzioni e le dimensioni delle strutture cerebrali, come oltre all amigdala anche il cingolo e altre aree del sistema limbico, hanno ottenuto l attenzione necessaria per studiare il loro ruolo nell aggressività, nei comportamenti antisociali e nei tratti personali (Preçi e Vyshka, 2014). Riprendendo la teoria di Lombroso, l ipotesi di una correlazione tra genetica e criminalità venne considerata improponibile; si tratterebbe infatti di mettere in relazione 2 entità non paragonabili: la criminalità fa parte della categoria dei comportamenti sociali, variabili in base alla cultura e alle 8

9 norme, i fattori genetici e quindi ereditari invece rientrano nella realtà biologica contenuta nel DNA, indipendente dai fattori culturali e sociali. Una correlazione è invece presente tra il corredo genetico degli individui e aspetti legati alle strutture mentali che possono favorire la criminalità (come aggressività, intelligenza, reattività, ecc.) (D Auria, 2006). Alcuni studi, per indagare il ruolo dei fattori genetici e ambientali nel comportamento degli individui, riguardano il metodo gemellare (Herrnstein e Murray, 1995) che consiste nell esaminare coppie di gemelli omozigoti, ognuno dei quali allevato in un contesto familiare, culturale e sociale diverso. Questi studi sono stati possibili studiando coppie di gemelli divisi fin dalla nascita perché affidati a genitori adottivi diversi, in base alle condizioni sociali. I risultati di queste ricerche hanno dimostrato come esista una maggiore concordanza dei gemelli fraterni per quello che riguarda il comportamento delinquenziale e come i comportamenti criminali dei figli adottivi siano più frequenti in seguito alla presenza di padri biologici anch essi criminali. In conclusione, gli studi riguardanti i gemelli o le famiglie di criminali, hanno dimostrato come sia troppo riduttivo parlare di disposizioni ereditarie al delitto; i fattori genetici non possono essere considerati i responsabili della criminalità, dove interagiscono circostanze ambientali e situazionali, culture, norme e valori morali, non legati all ereditarietà. Le componenti ereditarie sono invece utili per la ricerca di disposizioni genetiche rispetto ad aspetti psichici del singolo individuo che possono avere una rilevanza mediata sulla condotta e possono quindi favorire un comportamento di tipo criminoso (Herrnstein e Murrai, 1995). Nonostante il successivo evolversi delle teorie originarie, con inevitabili modifiche e/o successive dimostrazioni e correzioni, i contributi in particolare di Lombroso, considerato il padre della moderna criminologia, sono fondamentali nell ambito dei processi investigativi in quanto consentono di tracciare una linea tra le varie esperienze che caratterizzano un soggetto definito criminale nel momento in cui mette in atto comportamenti devianti. Il settore investigativo, data la sua complessità, richiede e accetta la possibilità di contributi da parte di molte materie scientifiche a partire dalla medicina, fisica, biologia, chimica, ma anche materie psicologiche e negli ultimi anni anche neuroscientifiche. Quando si parla di materie implicate nelle investigazioni criminali alcune delle principali che balzano alla mente sono la criminologia, la criminalistica e la neurocriminologia. La prima e forse la più comune deriva dall associazione dei termini crimine e psicologia, per indicare il contributo della psicologia nell ambito investigativo. Nello specifico si occupa di studiare i reati, gli autori, le vittime, le diverse modalità di condotta criminale e le relative forme di controllo e prevenzione dei crimini; questi vengono studiati dal punto di vista sia dell atto (comportamento) che delle reazioni sociali (processi di incriminazione e pene) (Sette, 2011). 9

10 La criminalistica si riferisce all aspetto prettamente scientifico delle investigazioni relativo all analisi delle tracce fisiche, biologiche, papillari, ematiche, ecc. Più in generale, la criminalistica è il settore che unisce le varie branche delle scienze forensi (dattiloscopia, balistica, entomologia, antropometria, informatica forense, analisi documentale, ecc., solo per citarne alcune). Infine la neurocriminologia, la materia a cui si ispira maggiormente la mia tesi, è un termine relativamente nuovo che deriva dall associazione di conoscenze neuroscientifiche, criminali e psicologiche. Uno dei primi ad utilizzare questo termine fu Adrian Raine, nel suo libro The anatomy of violence, ricollegandosi al principio di Cesare Lombroso che rimanda all esistenza di differenze fisiche e tratti biologici nella conformazione del cranio dei soggetti che compiono crimini violenti. Alcune ricerche a favore della neurocriminologia, come ulteriore scienza di supporto alle indagini investigative, derivano da studi di neuro imaging. 1.2 Brain Imaging e neurocriminologia Alcune ricerche in campo neurocriminologico (Raine, 2013), utilizzando tecniche neuroscientifiche di brain imaging, hanno dimostrato come una ridotta funzionalità del lobo frontale sia collegata a comportamenti violenti e antisociali. In particolare, una riduzione nella funzionalità e nella struttura del lobo frontale deriva principalmente da deficit riguardanti la corteccia orbitofrontale, la corteccia cingolata anteriore e la corteccia dorsolaterale prefrontale. Nello specifico, la corteccia dorsolaterale è associata alla regolazione di processi attentivi e di flessibilità cognitiva, a caratteristiche antisociali, ad impulsività e a scarso controllo comportamentale. Un altra regione molto visibile con tecniche di neuro imaging e strettamente collegata a comportamenti antisociali, come detto precedente, è l amigdala. Questa regione essendo considerata il centro delle emozioni per eccellenza, è implicata in comportamenti antisociali soprattutto relativamente al valore attribuito alla violenza o all impulsività (Raine, 2013). Inoltre, 2 studi di brain imaging (Pardini, Raine, Erikson e Loeber, 2013; Aharoni et al., 2013) hanno evidenziato come la riduzione del volume dell amigdala sia associata all attuazione di comportamenti aggressivi e persistenti, ed allo sviluppo di una personalità di tipo psicopatica. Dati longitudinali provenienti da entrambi gli studi citati hanno permesso di determinare una correlazione tra riduzione del volume dell amigdala in soggetti di sesso maschile ed aggressioni ed episodi psicopatici risalenti all infanzia evidenziando un rischio più elevato di comportamenti aggressivi e violenti, futuri. Riassumendo, i vari studi condotti utilizzando tecniche di neuro imaging hanno dimostrato come informazioni relative alla struttura e alle funzioni del cervello alle origini degli sviluppi neuronali o come testimonianze in seguito a insulti cerebrali avvenuti più tardi nella vita del soggetto, potrebbero in qualche modo identificare 10

11 quali individui corrono il rischio di mettere in atto comportamenti criminali, in modo tale da attuare comportamenti preventivi per garantire una maggiore sicurezza Biologia dell aggressività A differenza di come di solito si è portati a pensare, il termine aggressività non è sinonimo di criminalità, anche se molti delitti sono messi in atto da motivazioni aggressive (Ponti e Merzagora Betsos, 2008). Aggressività e tendenza alla fuga o al freezing, come comportamento di immobilizzazione di fronte a stimoli paurosi, rappresentano stati emotivi di rabbia o paura, piuttosto che istinti primari che condizionano i comportamenti di sopravvivenza e difesa e sono innanzitutto determinati da come l individuo o l animale si percepiscono in relazione all ambiente. L ambiente svolge quindi un ruolo fondamentale: è infatti l interpretazione dell ambiente da parte dell animale a decidere il tipo di risposta (aggressione o fuga) da attuare, non legata solamente a comportamenti istintivi. Nel comportamento animale, l aggressività risulta quindi funzionale alle finalità biologiche, senza mettere in pericolo la specie in quanto frenata da meccanismi spontanei e di autocontenimento, meccanismi ormai perduti e rifiutati nell uomo, portando alla considerazione di quest ultimo, come l essere vivente più distruttivo mai esistito. La prospettiva attuale (Wolfgang e Weiner, 1987) ritiene che fattori biologici e sociologici interagiscano tra loro nel produrre un comportamento violento. Le caratteristiche biologiche danno all organismo una gamma di comportamenti potenziali e non solo tratti comportamentali; queste ultime interagiscono con le influenze sociali sviluppando manifestazioni sociali che possono sfociare in comportamenti violenti. Le neuroscienze, hanno introdotto l influenza dei fattori biochimici, oltre che biologici, nel comportamento criminale; in particolare, il sistema serotoninergico sarebbe implicato nella modulazione dei comportamenti violenti. Comportamenti aggressivi, mancanza di autocontrollo e frequenti attacchi d ira sono strettamente connessi a fattori neuroendocrini; un esempio è la presenza di ormoni androgeni nei maschi, come aumento dell aggressività. Le neuroscienze hanno assunto un ruolo di fondamentale importanza nella comprensione del comportamento umano attraverso lo studio di particolari sostanze (neurotrasmettitori e neuromodulatori) che intervengono nell attività psichica. Da un punto di vista biologico e anatomico, il comportamento violento è stato associato a disfunzioni o lesioni nei lobi frontali e temporali (Merzagora Betsos, 2006). Alcune anomalie neuro comportamentali riscontrabili in seguito a lesioni frontali sono rappresentate dalle cosiddette anomalie per eccesso presenti in pazienti con lesioni nelle aree orbitofrontali; le evidenze di queste anomalie sono rappresentate da 11

12 discontrollo emotivo-comportamentale in seguito ad un ridotto controllo degli impulsi, tipicamente determinante comportamenti criminali (Glenn e Raine, 2014). Un altro esempio è la sociopatia acquisita definita da Damasio (1994) come insieme di comportamenti anomali dovuti ad una lesione della corteccia orbitofrontale con conseguente insensibilità e mancanza di empatia, ossia incapacità di comprendere mentalmente i comportamenti e i sentimenti degli altri. Anche l empatia è molto presente nel caso di crimini contro la persona. Infine, un altro disturbo tipico degli individui con comportamenti criminali è rappresentato dai deficit esecutivi, ossia incapacità di regolazione del comportamento adattivo all ambiente; le aree implicate in questi deficit sono soprattutto le aree prefrontali, ma anche i nuclei della base o il talamo (Yang e Raine, 2009). Nonostante le evidenze delle ricerche neurocriminologiche, nessuno degli studi in materia di brain imaging è però stato in grado di dimostrare come un disturbo della corteccia prefrontale possa essere considerato predittivo di un crimine violento Deficit della corteccia prefrontale e pedofilia Per non correre il rischio di tramandare informazioni scorrette è opportuno sottolineare come le inferenze derivanti da studi di neuro imaging non sono da considerarsi di natura prettamente causale, in quanto si tratta di tecniche correlazionali; nonostante questo studio di casi individuali potrebbero suggerire causalità (Glenn e Raine, 2014). Un caso emblematico è quello di Michael, un insegnante di 40 anni felicemente sposato con una figlia (Raine, 2013). Michael non aveva nessun precedente in materia di comportamento deviante o criminale, tuttavia iniziò a cambiare improvvisamente. Diventò aggressivo nei confronti di sua moglie e assunse comportamenti pedofili con sua figlia preadolescente sdraiandosi spesso a letto con lei. Successivamente fu scoperto e venne accusato di molestie nei confronti di minori. Dopo l accusa scelse un programma di recupero e trattamento, piuttosto che la prigione, ma fu espulso dal reparto di medicina urgente, nel quale era stato ricoverato per un forte mal di testa, per comportamenti non permessi con personale femminile. In seguito a continui atteggiamenti di natura sessuale, Michael fu sottoposto ad un esame di risonanza magnetica. L esame rivelò un tumore che si stava sviluppando dalla base della corteccia orbitofrontale. Figura 1 Immagine ottenuta da una scansione MRI del cervello di Michael ai tempi dell iniziale valutazione neurologica. Come mostrato in figura, è presente una massa tumorale crescente nella corteccia orbitofrontale destra (Glenn e Raine, 2014). 12

13 Il tumore venne operato e i comportamenti di Michael tornarono normali e venne riunito a sua moglie e sua figlia; dopo alcuni mesi la moglie scoprì foto pornografiche di minori sul suo computer e in seguito ad un ulteriore esame si scoprì che il tumore al cervello era ricresciuto. Un altra volta il tumore venne asportato e il comportamento di Michael dopo 6 mesi tornò alla normalità. Il caso di Michael è solo uno degli esempi di come deficit cerebrali (come lesioni, tumori, insulti cerebrali ) possono essere la causa di comportamenti criminali e devianti. Implicazioni come quelle relative all episodio di Michael, riguardano inevitabilmente l aspetto legale, in merito alla colpevolezza o meno da imputare all individuo che ha assunto momentaneamente comportamenti criminali, tornati alla normalità in seguito ad interventi chirurgici. Queste evidenze, ottenute da recenti ricerche (Wright et al., 2008; Ericson et al., 2007; Fazel, Lichtenstein, Grann e Langstrom 2011), affrontano il tema della neurocriminologia e sono a favore dell ipotesi secondo la quale esistono fattori biologici che predispongono alcuni individui a commettere crimini; affermazione che non vuole in alcun modo togliere importanza a fattori di tipo sociali e ambientali. È evidente, infatti, che entrambi i fattori, sia genetici che ambientali definiscono la modalità secondo cui il sistema biologico si sviluppa e questo a sua volta influenza i processi psicologici che sono importanti nel controllo e nella regolazione del comportamento morale. Nonostante la varietà delle conoscenze attuali, ci sono ancora poche conferme in merito al ruolo che abbia la neurobiologia nella regolazione del crimine. Recentemente alcuni studi hanno cercato di concentrarsi su come i fattori genetici e ambientali influenzano il cervello. Un esempio di questi studi ha mostrato, come in età adolescente, nei figli di madri che hanno fumato durante la gravidanza, è riscontrabile una diminuzione dello spessore in 2 regioni del cervello che sono implicate nel comportamento antisociale, in particolare, la corteccia orbitofrontale e la corteccia medio frontale (Glenn e Raine, 2014). Recenti studi in materia di criminologia hanno dimostrato come sia improbabile che una predisposizione al comportamento criminale sia relativa a pochi e semplici circuiti cerebrali, ma è molto più probabile che coinvolga molteplici disfunzioni cerebrali e circuiti multipli, ognuno dei quali dà origine a diversi fattori di rischio per la violenza (Wahlund e Kristiansson, 2009). È importante sottolineare però che, non sempre deficit della corteccia prefrontale, predispongano i soggetti a comportamenti violenti o antisociali I circuiti cerebrali implicati nelle decisioni morali Gli studi in materia di decisioni morali sono strettamente correlati a quelli relativi al comportamento antisociale, quest ultimo infatti è caratterizzato da immoralità; è evidente che i 13

14 circuiti neurali sottostanti le decisioni morali siano differenti tra individui con comportamento normale e deviante. In particolare, le differenze riguardano soprattutto la corteccia mediale prefrontale, ventrale prefrontale, il giro angolare, il cingolo posteriore e l amigdala come si può vedere dalla figura sottostante (Raine e Yang, 2006). Figura 2 Diagramma schematico delle regioni del cervello attivate esclusivamente durante la presa di decisioni morali (evidenziate in verde), compromesse solo nei gruppi antisociali (evidenziate in rosso) e infine le regioni comuni sia ai comportamenti antisociali che alla presa di decisioni morali (evidenziate in giallo) (Glenn e Raine, 2014). Una conferma in questo settore è stata offerta dal già citato libro di Adrian Raine, The anatomy of violence del 2013, in cui l autore evidenzia come gli individui con deficit nei cosiddetti circuiti morali, siano in grado di riconoscere la differenza tra comportamenti giusti e sbagliati, ma non abbiano il sentimento di cosa sia in realtà giusto o sbagliato. Il sentimento morale centrato in parte sull amigdala è il motore responsabile dell immoralità di un determinato comportamento, processo che funziona meno bene in individui che mettono in atto comportamenti antisociali, come è emerso da studi di Raine, nell articolo di Lerner (2011), riguardanti compiti che implicano il giudizio morale in cui è presente una ridotta attività dell amigdala di soggetti con comportamento devianti rispetto ai controlli. Dati statistici (Preçi e Vyshka, 2014) hanno dimostrato come l amigdala di soggetti con comportamenti criminali abbia dimensioni del 18% più piccole, rispetto all amigdala di soggetti normali. Nel dettaglio, l amigdala ha una funzione principale nelle emozioni, in particolar modo relativamente alla paura condizionata. Le svalutazioni della componente emotiva, che comprende il sentimento di ciò che è morale, sono viste come una caratteristica fondamentale di soggetti devianti. 14

15 Un altro aspetto fondamentale evidenziato da Raine, riguarda come ci siano grandi differenze anche all interno della stessa categoria degli individui con comportamenti antisociali. È infatti emerso come in studi su coppie di tossicodipendenti sposate di fronte a stimoli emotivi, le mogli abusanti di sostanze avevano una maggiore attivazione dell amigdala, un area che solitamente aiuta a generare le emozioni e una più ridotta attività della corteccia prefrontale che ha un ruolo fondamentale nella regolazione delle emozioni rispetto agli individui non tossicodipendenti (Wright et al., 2008; Fergusson, Boden e Horwood, 2008). Le ricerche in neurocriminologia, in particolare e nelle neuroscienze in generale, non sono ancora in grado di portare a termini gli obiettivi prefissati riguardo la previsione, prevenzione e punizione dei colpevoli criminali; non è chiaro quanto il contributo delle neuroscienze sia forte e quanto le ricerche scientifiche dovrebbero essere replicate, per poter avere valenza in casi legali e consentire un attenuazione in fase di processo penale, quesito già sorto ai tempi del caso di Michael citato precedentemente. Allo stesso tempo però, nonostante le difficoltà nel determinare la causalità, sta aumentando la credenza in merito all influenza dei fattori neurobiologici nella predisposizione di un individuo a mettere in atto comportamenti devianti. Le evidenze più importanti delle ricerche effettuate in ambito neurocriminologico, consistono nell avere introdotto l idea che le neuroscienze possono diventare sempre più un importante approccio della società in materia di punizione, previsione e prevenzione di comportamenti criminali, come prova accettata e riconosciuta in tribunale. 15

16 16

17 2. L effetto priming 2.1 Memorie multiple La memoria è la funzione che permette agli animali e alle persone di acquisire, ritenere e recuperare diversi tipi di informazioni; permette inoltre di trarre vantaggio da esperienze precedenti, in modo tale da risolvere una moltitudine di problemi tra i quali riconoscere familiari, predire eventi o ritornare in un posto visitato in precedenza. Con sistema di memoria multiplo si intende la presenza di 2 o più sistemi di memorie caratterizzati da fondamentali regole di funzionamento. Attualmente, le idee riguardo i sistemi di memoria appoggiano l esistenza di un sistema forte caratterizzato dalla presenza di diversi sistemi di memoria che operano, non solo utilizzando differenti regole di funzionamento, ma anche senza dividere nessun componente dei diversi processi (Làdavas e Berti, 2009). Le prime evidenze a sostegno dell ipotesi di sistemi multipli di memoria (Schacter e Tulving, 1994) derivano da studi condotti su animali che hanno dimostrato l impossibilità dell esistenza di un sistema di memoria unico, in seguito all analisi di processi alla base di alcuni comportamenti tipici come l apprendimento di suoni, l imprinting o l orientamento. Strutturalmente la configurazione del sistema di memorie multiple appare la seguente: 17

18 Negli studi inerenti la memoria umana, evidenze chiave riguardanti l esistenza di sistemi di memoria multipli sono state fornite dalle investigazioni concernenti la descrizione delle differenze tra forme implicite ed esplicite di memoria (Graf e Schacter, 1985; Schacter, 1987). La memoria esplicita si riferisce al richiamo di esperienze precedenti, la memoria implicita invece si riferisce alle variazioni delle prestazioni o comportamenti prodotte da precedenti esperienze, in test che non richiedono nessun tipo di richiamo intenzionale o inconsapevole di quelle esperienze. La distinzione fra memoria esplicita e implicita è simile alla distinzione tra memoria con consapevolezza e memoria senza consapevolezza (Jacoby e Witherspoon, 1982), tra memoria dichiarativa e memoria non dichiarativa (Squire et al., 1992) e tra memoria diretta e memoria indiretta (Johnson e Hasher, 1987). La memoria implicita e la memoria esplicita rappresentano due differenti modalità con cui la memoria relativa all'esperienza precedente può essere espressa, non implica necessariamente l'esistenza di uno specifico sistema di memoria (Schacter, 1992). Differente è il ruolo dei sistemi multipli di memoria studiati da Schacter e Tulving (1994), in cui si osserva come l attività neurale originata dai recettori interni ed esterni scorra attraverso sistemi cerebrali paralleli, ognuno dei quali specializzato ad estrarre differenti tipi di informazioni dall attività continuativa. Ogni sistema ha una struttura centrale che svolge la funzione di elaborazione delle informazioni indipendentemente dagli altri. Le interazioni tra i sistemi avvengono a livello dei recettori di input e in fase di output per produrre pensiero e comportamento. È importante sottolineare come con il termine sistemi di memoria non si faccia riferimento a forme di memoria o processi di memoria o ancora, ad espressioni di memoria (Shettleworth 1993). La differenziazione tra memoria implicita ed esplicita non rappresenta la distinzione di 2 sistemi di memoria differenti, questi termini hanno semplicemente uno scopo descrittivo intendendo la memoria esplicita come intenzionale o consapevole richiamo di episodi passati, la memoria implicita invece rappresenta un utilizzo non intenzionale e privo di consapevolezza di informazioni acquisite precedentemente. Uno dei primi riferimenti al termine sistema di memoria deriva da uno scritto di Tulving (1972) e successivamente da Warrington (1979), focalizzandosi su prove neuropsicologiche a supporto della distinzione tra memoria a breve termine e a lungo termine e tra due tipi di memoria a lungo termine: memoria episodica e semantica. Dal 1982 un ulteriore scoperta è riferita alla presenza di un altro sistema di apprendimento definito priming basato non sulla memoria episodica o semantica, ma su altri sistemi di memoria (Tulving, Schacter e Stark, 1982). Uno dei primi significati del termine sistema di memoria fu un insieme di processi correlati (Tulving, 1985) basati sulla differenziazione dei sistemi di memoria in base a: - comportamenti, funzioni cognitive, tipi di informazioni e conoscenze differenti, processate - operazioni collegate a differenti leggi e principi 18

19 - differenti substrati neurali - differenze nel periodo di comparsa nello sviluppo filogenetico e ontogenetico - differenze nel formato di rappresentazione dell informazione (Tulving, 1984). Un sistema di memoria è quindi definito in base ai suoi meccanismi cerebrali, al tipo di informazione processata, ai principi e alle operazioni. Schacter e Tulving (1994) nel loro articolo sui sistemi di memoria, evidenziano i 5 maggiori sistemi di memoria rappresentati dalla memoria proceduale, semantica, memoria di lavoro (più conosciuta come working memory), memoria episodica e memoria percettiva. Il sistema di memoria principale è rappresentato dalla memoria procedurale (Squire et al., 1992). La memoria procedurale è implicata nell apprendimento di differenti tipi di comportamento e conoscenze cognitive e algoritmi; opera in maniera automatica, gli output non sono di tipo cognitivo e inoltre può lavorare indipendentemente dalle strutture ippocampali (Hirsh, 1974; Squire, 1987). Questo tipo di memoria è caratterizzato da un apprendimento graduale ed incrementale e sembra essere particolarmente adatto per raccogliere e trattare informazioni provenienti dall ambiente nel corso del tempo. Una prova dell esistenza della memoria procedurale e della sua esistenza come indipendente dai sistemi di memoria cognitivi, è supportata da studi su pazienti amnesici che mostrano un normale priming di fronte a compiti che implicano il riconoscimento di termini familiari, il completamento di coppie di parole o esercizi simili (Moscovitch, 1982). Gli altri 4 sistemi di memoria sono di tipo cognitivo; appaiono quindi contemplati dalla consapevolezza individuale. Uno di questi sistemi di memoria è rappresentato dalla working memory che si differenzia per quello che riguarda il ricordo temporaneo e il processo di informazioni. La working memory descritta da Baddeley (1992) è composta da 3 sottosistemi: un esecutivo centrale, un taccuino visuospaziale e un magazzino fonologico a breve termine. In altre parole la working memory può essere considerata una versione molto più elaborata e sofisticata della comune memoria a breve termine o primaria. Gli altri 3 sistemi sono sistemi di memoria a lungo termine, in particolare la memoria percettiva ha un ruolo importante per quello che riguarda l identificazione di parole e oggetti ed opera ad un livello presemantico, inoltre è principalmente coinvolta nelle espressioni implicite di memoria soprattutto nel priming. L indipendenza della memoria percettiva è confermata da studi che evidenziano come il priming percettivo possa essere dissociato dalla memoria esplicita in soggetti normali amnesici e tossicodipendenti (Roediger, 1990; Tulving e Schacter, 1990). Altre ricerche in campo neuropsicologico sottolineano come pazienti con deficit nel processamento lessicale od oggettuale mostrino di avere ancora preservato l accesso alle conoscenze percettive in condizioni in cui l accesso alla conoscenza semantica è severamente compromesso (Tulving e Schacter, 1990). 19

20 La memoria semantica rende possibile l acquisizione e il mantenimento di informazioni sul mondo. La memoria episodica invece permette il ricordo di eventi personali relativi al passato. SISTEMI DEFINIZIONI SOTTOSISTEMI RECUPERO Procedurale Non dichiarativa Capacità motorie Capacità cognitive Condizionamento semplice Apprendimento associativo semplice Percettiva Non dichiarativa Descrizione strutturale Forma visiva Forma acustica Semantica Generiche conoscenze di fatti Relazione spaziale Primaria Memoria di lavoro Visiva Acustica Episodica Memoria di eventi Personale Autobiografica Tabella 1 Tabella riassuntiva dei sistemi di memoria e di apprendimento umani (Schacter e Tulving, 1994). Implicito Implicito Implicito Esplicito Esplicito Gli studi sull esistenza di memorie multiple derivano dalla necessità di spiegare come danni cerebrali nell'uomo abbiano spesso effetti specifici sui tipi di memorie che possono essere formate e richiamate. Un esempio è il famoso caso del paziente HM sottoposto ad asportazione bilaterale dei lobi del cervello, nella fattispecie la parte che interessa l ippocampo e le strutture ad esso correlate, come trattamento dell epilessia. In seguito all operazione HM mostrò una grave forma di amnesia anterograda, nonostante la sua memoria a breve termina fosse intatta, aveva inoltre un deficit riguardo la capacità di formare nuova conoscenza semantica. La sua amnesia retrograda era a gradiente, con una maggiore compromissione nella capacità di ricordare gli eventi personali più recenti. Era intatta inoltre anche la capacità di HM di formare tracce di memoria procedurale (Corkin, Amara, Gonzàles, Johnson e Hyman, 1997). 2.2 Evidenze sugli effetti del priming Un elemento centrale della prova riguardo l esistenza di forme multiple di memoria è rappresentato dal fenomeno del priming. Il priming viene definito come il miglioramento nelle abilità di una persona di identificare, produrre o classificare inconsapevolmente un item come risultato di un incontro precedente con lo stesso. I test che di solito vengono utilizzati per fare emergere il fenomeno del priming sono test di riconoscimento, implicito od esplicito che sfruttano il priming di ripetizione e semantico. Esempi di questi test chiedono ai soggetti di identificare stimoli presentati brevemente per completare frammenti di parole con la prima che viene in mente oppure per prendere decisioni relativamente alle proprietà delle parole o degli oggetti o ancora per produrre items di una categoria in risposta alla categoria del cue (Schacter, 1992). 20

21 Uno dei motivi per cui il fenomeno del priming ha ottenuto un grande interesse da parte degli psicologi ad orientamento cognitivo e dei neuroscienziati deriva dal fatto che gli effetti del priming sono dissociati dagli effetti di riconoscimento e rievocazione esplicita; infatti ad esempio, come sottolineano Schacter, Dobbins e Schnyer, nel loro articolo (2004), pazienti amnesici con deficit nel lobo medio temporale hanno notevoli problemi in test di riconoscimento e rievocazione esplicita, ma presentano effetti di priming normali. Gli studi sul priming utilizzando la PET e la fmri hanno evidenziato come questo sia associato ad una diminuzione dell attività corticale, al contrario di quello che si vede con compiti di rievocazione esplicita. Grazie ad esperimenti che richiedono un riconoscimento implicito, è emerso come il priming non rifletta un mantenimento delle caratteristiche specifiche della parola o dell episodio in cui è stato rilevato, ma l attivazione di una rappresentazione astratta creata durante la fase di studio (Schacter et al., 2004). Studi critici (Graf e Ryan, 1990) hanno rilevato come, cambiando le caratteristiche dello stimolo target studiato inizialmente, tra cui il suo orientamento nello spazio, si riduca notevolmente l effetto priming, ad esempio generando tempi di reazione molto più lunghi. Le ricerche che maggiormente si sono concentrate sullo studio degli effetti del priming e che sono alla base della tecnica del Brain Fingerprinting, su cui ho deciso di focalizzarmi in questa tesi, riguardano gli stimoli specifici (ossia il fenomeno del priming in seguito alla presentazione dello stimolo target nella fase di studio e lo stesso stimolo nella fase di test), altre varianti di questi esperimenti prevedono che lo stimolo nella fase di studio e di test sia presentato in diverse modalità (ad esempio, inizialmente in modalità visiva e successivamente in modalità uditiva o viceversa) oppure nel caso di uno stimolo visivo, in diversi orientamenti (Schacter, 1992) Priming modalità specifico Nella mia tesi come detto precedentemente, mi concentrerò soprattutto sugli studi del priming modalità-specifico in quanto è il punto base da cui è stata sviluppata la tecnica del Brain Fingerprinting (Farwell, Richardson e Richardson, 2013). Studi di neuroimaging, durante esperimenti che prevedono la presentazione di uno stimolo visivo nella fase di studio e la presentazione dello stesso stimolo visivo nella fase di test, hanno mostrato come il priming visivo sia associato ad una diminuzione dell attività corticale nelle regioni posteriori e prefrontali della corteccia extrastriata di destra (Backman et al., 1997; Squire et al., 1992). Queste scoperte hanno aumentato la possibilità che le riduzioni dell attività, in seguito all effetto priming nella corteccia fusiforme, riflettano l influenza della presentazione dello stimolo visivo. La riduzione dell attività della corteccia extrastriata, soprattutto nell emisfero destro, porta 21

22 ad ipotizzare la presenza di un sistema di rappresentazione percettiva paragonabile ad un sistema presemantico che rappresenta la forma e la struttura degli oggetti e delle parole, ma non il loro significato (Tulving e Schacter,1990). Studi relativi al priming visivo riferito ad un oggetto in individui sani hanno dimostrato come gli effetti del priming possono riferirsi a diversi esemplari di uno stesso oggetto (ad esempio 2 ombrelli), ma il grado di agevolazione si attenua rispetto alla rappresentazione ripetuta dello stesso identico oggetto (Biederman e Gerhardstein, 1993; Warren e Morton, 1982). Inoltre Simons, Koutsaal, Prince, Wagner e Schacter, nel loro articolo (2003), sottolineano come la sensibilità nei confronti dell alterazione della forma percettiva degli oggetti su presentazione ripetuta, vari a seconda dell emisfero cerebrale a cui gli oggetti vengono preferenzialmente presentati, utilizzando la metodologia dei campi visivi divisi (Marsolek, 1999). Da queste ricerche emerge che l emisfero destro è maggiormente sensibile alle alterazioni dello stimolo, suggerendo il suo coinvolgimento nel processamento specifico delle informazioni visive degli oggetti; mentre l emisfero sinistro, che invece visualizza un pattern di generalizzazione tra i diversi esemplari, potrebbe processare le informazioni più astratte o semantico/lessicali degli oggetti. Questa ipotesi suggerisce, come deficit della corteccia posteriore dell emisfero destro siano associati ad una diversa forma di priming visivo (Vaidya, Gabrieli, Verfaellie, Fleischman e Askari, 1998). 22

23 Figura 3 Nella figura è presenta una mappa di attivazione funzionale derivante dalla combinazione di elementi nuovi e ripetuti. La prima riga, relativa al contrasto tra item nuovi e ripetuti, mostra un attivazione significativa per il priming per item ripetuti, soprattutto per la corteccia fusiforme destra e sinistra occipitale laterale, la corteccia anteriore inferiore prefrontale di sinistra e la corteccia prefrontale bilaterale inferoparietale. Nella seconda riga, relativa al contrasto tra item nuovi e ripetuti in maniera uguale, è presente un attivazione nelle stesse aree attivate precedentemente. La terza riga, relativa al contrasto tra item nuovi e item differenti, evidenzia l attivazione della corteccia fusiforme e laterale occipitale di sinistra e della corteccia prefrontale anteriore inferiore destra. Nell ultima riga, relativa al contrasto tra item ripetuti in maniera uguale e diversa, un attivazione significativa è presente in entrambe le cortecce fusiformi laterali occipitali e prefrontali posteriori inferiori (Simons, Koutsaal, Prince, Wagner e Schacter, 2003). Partendo da queste ipotesi, studi di fmri (Simons et al., 2003) hanno confermato che la corteccia fusiforme fornisce un pattern di risposte asimmetriche durante un compito di priming visivo di un oggetto, quando lo stesso esemplare o uno differente è presentato ripetutamente. È stata dimostrata (Koutstaal et al., 2001) una discriminazione neurale relativa al priming, significativamente maggiore tra differenti esemplari, nella corteccia fusiforme di sinistra, manifestata da una significativa interazione tra le cortecce fusiformi di destra e di sinistra e dal tipo di item (esemplari uguali o diversi). La corteccia fusiforme di destra e le regioni occipitali laterali non sono modulate dalla manipolazione semantico-lessicale, suggerendo quindi che il loro ruolo nel riconoscimento degli oggetti, visivamente, riguarda principalmente la discriminazione degli specifici esemplari. I diversi ruoli delle regioni della corteccia occipito-temporale sono stati identificati dall attivazione della corteccia fusiforme sinistra, ma non della corteccia occipitale laterale sinistra, mostrando una modulazione nella risposta per la percezione di entrambi gli esemplari. Ulteriori analisi suggeriscono una progressione dal posteriore all anteriore, all interno della corteccia occipitotemporale sinistra, tra le regioni coinvolte nel processamento visuo-percettivo e semantico-lessicale delle informazioni degli oggetti. Tuttavia, entrambi i sottosistemi contribuiscono all abilità che è critica per la sopravvivenza di percepire e identificare gli oggetti del mondo che ci circonda (Simons et al., 2003). 23

24 24

25 3. Il Brain Fingerprinting 3.1 Il rischio delle testimonianze distorte Le informazioni memorizzate nel cervello della vittima e del criminale sono spesso un migliore e comprensivo sito di indizi in merito al crimine, rispetto alle prove che possono essere raccolte per collegare le specifiche caratteristiche della scena del crimine con quelle del colpevole. La principale difficoltà riguardo le informazioni memorizzate all interno del cervello ha a che fare con la loro accessibilità. Si tratta infatti di contenuti accessibili solo utilizzando appositi strumenti e tecniche neuroscientifiche non sempre immediatamente disponibili. Spesso infatti, si fa ricorso alle testimonianze sotto forma di interrogatorio o intervista che a seconda della tipologia prevedono risposte a domande inquisitorie o un semplice racconto da parte del testimone degli eventi accaduti e dei fatti osservati (Farwell, 2014). Le testimonianze costituiscono però resoconti puramente soggettivi dei contenuti della memoria e la soggettività è una variabile che inevitabilmente modella la testimonianza. Come sottolineato anche da Weaver, Krug, Trent, Teller, Holmes e Parra nel loro articolo (2011), la memoria è un entità limitata e imperfetta sotto diversi punti di vista; è approssimativa, a volte distorta, selettiva e soggetta a numerose influenze tra cui deficit fisici mentali o droghe ed è sempre meno precisa in relazione al passaggio del tempo. Farwell presentando un tutorial relativo all utilizzo del Brain Fingerprinting (2012) sottolinea come la scena del crimine abbia 2 tipi di caratteristiche che possono essere utili: caratteristiche permanenti e cambiamenti generati dal crimine. Le caratteristiche permanenti pre-esistono al crimine stesso, come ad esempio gli edifici, le strade, la disposizione della terra ecc.; i cambiamenti che hanno luogo in seguito al crimine invece includono alcuni elementi, come la disposizione del corpo nel caso di omicidio, le impronte digitali, il sangue sulla scena del crimine ecc. Inevitabilmente anche i partecipanti del crimine hanno caratteristiche permanenti e in cambiamento. Le prime possono riguardare il DNA e le impronte digitali; le seconde possono includere ad esempio, ferite generate nel corso del crimine stesso. Lo scopo fondamentale delle investigazioni è comunque quello di stabilire accuratamente delle relazioni, tra le caratteristiche della scena del crimine e la vittima da un lato e le caratteristiche dell autore e dei testimoni dall altro. Riprendendo la frase del titolo della mia tesi Ogni contatto lascia una traccia (traduzione del principio di Edmond Locard Nul ne peut agir avec l'intensité que suppose l'action criminelle sans laisser des marques multiples de son passage ), l autore del crimine inevitabilmente contaminerà la scena del crimine con sue tracce caratteristiche, come un inusuale tipo di suolo sulle sue scarpe o un frammento di una sua unghia; viceversa la scena del crimine lascerà tracce sull autore stesso, come il sangue della vittima, fibre del tappeto ecc. e nello specifico della mia tesi, una delle tracce a cui mi riferisco, non sarà repertabile con i comuni strumenti utilizzati dalle Polizie Scientifiche durante 25

26 un sopralluogo giudiziario, tra cui pinzette o tamponi sterili, ma sarà presente nel cervello dell autore stesso e potrà essere recuperata con l utilizzo di tecniche neuroscientifiche, più precisamente con il Brain Fingerprinting. In alcuni casi è possibile trovare una relazione tra autore e crimine basandosi solo sulle evidenze scientifiche rinvenute sulla scena del crimine (impronte digitali, tracce di sangue ecc.), in altri casi questo non è possibile o non fornisce prove sufficienti ed è necessario ricorrere ad altri tipi di indagini che, nella maggior parte dei casi, si basano solo su interrogatori e testimonianze libere (Farwell, 2014). Parlando di testimonianze è necessario tenere presente i 2 processi che contribuiscono alla formazione di un ricordo: la percezione dell evento e il ricordo dell evento che andrà a costituire la memoria. I due principali svantaggi in materia di testimonianze riguardano l imperfezione della memoria e la possibilità che il testimone possa mentire (Ben-Shakhar e Dolev, 1996). In conclusione, Farwell (2012) evidenzia 3 teorie che possono riassumere il discorso fatto fino ad ora: il cervello è un magazzino sufficientemente accurato di eventi che è in grado di testimoniare, costruendo rapporti soggettivi dei contenuti della memoria, universalmente riconosciuto e considerato come prova; il cervello è altresì un magazzino imperfetto di eventi la cui testimonianza non è mai presa come verità assoluta: è necessario tenere quindi in considerazione anche la limitatezza della memoria umana; infine qualsiasi procedura che includa testimonianze deve considerare la veridicità del testimone. Nel tentativo di eliminare una delle 3 maggiori limitazioni delle testimonianze, gli investigatori hanno sviluppato dei metodi psicofisiologici volti a smascherare l inganno da parte dei testimoni, rilevando la veridicità delle testimonianze fornite, ne sono un esempio il poligrafo o la cosiddetta macchina della verità (Meegan, 2008; Farwell, 1991, 2013) Il Guilty Knowledge Test (GKT) Come detto precedentemente, la più comune tecnica utilizzata dagli investigatori per raccogliere informazioni è rappresentata dall interrogatorio. Questo si articola con una serie di domande che sono perlopiù domande pertinenti e dirette, riguardanti la partecipazione al reato, come ad esempio: Ha sparato a XY?. I primi passi verso l introduzione di un metodo più convenzionale per verificare l attendibilità o meno delle testimonianze fornite dai testimoni furono compiuti da Lykken (1959, 1960), introducendo il Guilty Knowledge Test (GKT). Il GKT rappresenta un aggiunto all interrogatorio e alle testimonianze. È un metodo che non prevede la rilevazione diretta della prova di un crimine memorizzata nel cervello, ma si basa sulla determinazione della veridicità delle informazioni fornite da un soggetto che sta testimoniando sulle prove e che potrebbe cercare di nascondere la sua connessione con il crimine in questione e utilizza un sistema di orientamento di 26

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

un mondo sotterraneo della memoria

un mondo sotterraneo della memoria un mondo sotterraneo della memoria Memoria implicita: L essere influenzati da un esperienza passata senza avere la consapevolezza di ricordare. Priming -> consiste nell effetto di facilitazione e preattivazione

Dettagli

MEMORIA. La memoria umana è definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, gli avvenimenti del passato;

MEMORIA. La memoria umana è definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, gli avvenimenti del passato; MEMORIA La memoria umana è definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, gli avvenimenti del passato; La memoria umana è definita anche come la capacità di generare nuove conoscenze,

Dettagli

La memoria. È la capacità di immagazzinare informazioni e di recuperarle nel corso del tempo

La memoria. È la capacità di immagazzinare informazioni e di recuperarle nel corso del tempo La memoria È la capacità di immagazzinare informazioni e di recuperarle nel corso del tempo La codifica: trasformare le percezioni in ricordi Test della memoria numerica: 28 691 0473 87454 902481 5742296

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo

Psicologia dello Sviluppo Psicologia dello Sviluppo DESCRIVE i cambiamenti dell essere umano nei comportamenti e nelle competenze (motorie, percettive, sociali, emotive, comunicativo-linguistiche, cognitive) in funzione del trascorrere

Dettagli

CAUSE. Le cause sono ancora sconosciute. La ricerca si muove su 4 aree, si muovono su binari paralleli

CAUSE. Le cause sono ancora sconosciute. La ricerca si muove su 4 aree, si muovono su binari paralleli CAUSE Le cause sono ancora sconosciute. La ricerca si muove su 4 aree, si muovono su binari paralleli 1. approfondimento del comportamento osservabile, vale a dire la definizione dei modi di un individuo

Dettagli

Dott.ssa Francesca De Rosi

Dott.ssa Francesca De Rosi Dott.ssa Francesca De Rosi Neuroscienze Studiano il funzionamento del sistema nervoso. Collaborano con: Anatomia Fisiologia Biologia Molecolare Genetica Biochimica Psicologia Pedagogia Tecniche d indagine

Dettagli

LEZIONE 1 1 INTRODUZIONE ALLA NEUROPSICOLOGIA

LEZIONE 1 1 INTRODUZIONE ALLA NEUROPSICOLOGIA INTRODUZIONE ALLA LEZIONE INTRODUZIONE ALLA 2007 Università degli studi e-campus - Via Isimbardi 0-22060 Novedrate (CO) - C.F. 0854905004 Tel: 03/7942500-7942505 Fax: 03/794250 - info@uniecampus.it INTRODUZIONE

Dettagli

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE MUSICA, CORPO E CERVELLO (PARTE SECONDA) PROF. MAURIZIO PISCITELLI Indice 1 LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE ------------------------------------------------------------------------ 3 2 NEUROLOGIA DELLA

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

IL COLORE DELLE EMOZIONI

IL COLORE DELLE EMOZIONI LABORATORIO ESPRESSIVO IL COLORE DELLE EMOZIONI I bambini lo dicono con il colore PREMESSA Il ruolo che ha l adulto nello sviluppo affettivo di un bambino è determinante; il suo atteggiamento, le sue aspettative,

Dettagli

GLI EFFETTI DELL INSEGNAMENTO SULL APPRENDIMENTO. Valentina Tobia Università degli Studi di Milano-Bicocca

GLI EFFETTI DELL INSEGNAMENTO SULL APPRENDIMENTO. Valentina Tobia Università degli Studi di Milano-Bicocca GLI EFFETTI DELL INSEGNAMENTO SULL APPRENDIMENTO Valentina Tobia Università degli Studi di Milano-Bicocca DI COSA PARLEREMO? Struttura del cervello e tecniche per studiarlo Processi cognitivi implicati

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi.

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. 1. C'è in primo luogo una sofferenza INDISPENSABILE: per crescere bisogna che i bambini imparino ad affrontare e a superare le sofferenze legate

Dettagli

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione PAOLO CANGIANO DISCIPLINE DELLA RICERCA PSICOLOGICO SOCIALE (Nettuno) Matricola nr 710756 RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione Aprile 2012 Indice 1. Introduzione p. 2 2. Procedura di raccolta dati

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Segni Chiara Sgherbini LA PERCEZIONE ARMONICA ISBN copyright 2011, Caosfera Edizioni www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Chiara Sgherbini

Dettagli

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato?

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Innanzitutto perché l adolescenza è un periodo della vita in cui, rispetto a quello precedente dell

Dettagli

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DSM: Manuale Diagnostico e Statistico delle malattie mentali APA *DSM IV : DISARMONIE COGNITIVE DELLO SVILUPPO *DSM-5: DISTURBO DEL NEUROSVILUPPO *DISTURBO NEUROBIOLOGICO

Dettagli

Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner

Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Stefano Ghirlanda Email docente: stefano.ghirlanda@unibo.it Mailing list: stefano.ghirlanda.storiapsico@studio.unibo.it Ricevimento: Cesena: mer 14:30 16:30 (a

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA La nostra Associazione Mariposa si pone come obiettivo quello di approfondire la percezione ed il grado di conoscenza del tema della violenza assistita dai minori

Dettagli

Trattate una persona come se fosse già quella che dovrebbe essere. e l aiuterete a diventare ciò che è capace di essere. (W.

Trattate una persona come se fosse già quella che dovrebbe essere. e l aiuterete a diventare ciò che è capace di essere. (W. Trattate una persona come se fosse già quella che dovrebbe essere e l aiuterete a diventare ciò che è capace di essere. (W.Goethe) Quello che gli altri credono di noi può influenzare l opinione che abbiamo

Dettagli

COMPENDIO DI CRIMINOLOGIA

COMPENDIO DI CRIMINOLOGIA Giunto alla quinta edizione, il Compendio di criminologia si è affermato come strumento indispensabile alla conoscenza dei numerosi problemi posti dall'analisi del delitto in quanto fenomeno sociale e

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO Il Cervello e il suo sviluppo IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO Il Sistema Nervoso (SN) viene suddiviso in due parti, che svolgono funzioni specifiche e agiscono sinergicamente

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

01 Il sistema nervoso centrale 2

01 Il sistema nervoso centrale 2 VI Sommario Parte prima La mente e le sue funzioni nel ciclo di vita Pensare, imparare, conoscere se stessi e gli altri, farsi un idea dell ambiente che ci circonda, reagire agli stimoli che continuamente

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Di cosa si occupa lo studio sul movimento

Di cosa si occupa lo studio sul movimento Di cosa si occupa lo studio sul movimento Attività motoria e controllo motorio sono funzioni importanti e indispensabile sia da un punto di vista filogenetico che ontogentico. ontogenesi è l'insieme dei

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO La NEUROPSICOLOGIA studia le relazioni tra i COMPORTAMENTI e l attività del SISTEMA NERVOSO APPRENDIMENTO MOTIVAZIONE SONNO MEMORIA EMOZIONI VEGLIA LINGUAGGIO Parti del Sistema Nervoso Centrale Encefalo

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE.

ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE. ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE. Premesse teoriche Nella letteratura recente si trovano

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

Categoria e concetto di numero

Categoria e concetto di numero Due nozioni Università degli Studi di Milano Categoria e concetto di numero Sandro Zucchi 2012-2013 Prima di passare ad esaminare le capacità numeriche degli animali, dobbiamo distinguere due nozioni (e

Dettagli

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio Sommario LEZIONE 8 1. Psicolinguistica: caratteri generali 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio 3. Neurolinguistica Che cosêè la psicolinguistica...compito della psicolinguistica (o psicologia

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY

THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY Gillian Rhodes School of Psychology, University of Western Austriala, Crawley, Perth, WA 6009, Austriala, email: gill@psy.uwa.edu.au CHE COSA RENDE UNA FACCIA

Dettagli

Incarichi di CT o perizia

Incarichi di CT o perizia Incarichi di CT o perizia La/o psicologa/o può essere nominata/o in sede civile da un Giudice come Consulente Tecnico d Ufficio (CTU) o dalle parti come consulente di parte (CTP) Le situazioni più tipiche

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

ADHD: il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività COME AGIRE A SCUOLA E A CASA

ADHD: il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività COME AGIRE A SCUOLA E A CASA ADHD: il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività COME AGIRE A SCUOLA E A CASA Seconda lezione Le manifestazioni dell ADHD Non lancerò più le penne di Marco Laura Barbirato psicologa dell apprendimento

Dettagli

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro.

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro. ABSTRACT La presenti tesi affronterà i problemi legati ai diritti umani, focalizzandosi specificatamente sul trattamento e lo sviluppo di questi diritti in Cina e nelle sue due Regioni Amministrative Speciali,

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

Psicologia Generale I

Psicologia Generale I Psicologia Generale I Dott.ssa Paola Ricciardelli Dipartimento di Psicologia Edificio U6-3026c, int. 3734 paola.ricciardelli@unimib.it Ricevimento: Giovedì, 11:30-12:30 1 Sommario Il concetto di attenzione

Dettagli

Il linguaggio secondo Chomsky

Il linguaggio secondo Chomsky Il linguaggio secondo Chomsky 2. In che modo questo sistema di conoscenza si forma nella mente/cervello del parlante? L argomento a favore della conoscenza innata L argomento a favore della conoscenza

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

Pareto (1848-1923) Si oppone alla teoria positivista di Comte per essere andato al di là dei limiti della scienza empirica

Pareto (1848-1923) Si oppone alla teoria positivista di Comte per essere andato al di là dei limiti della scienza empirica Pareto (1848-1923) Si oppone alla teoria positivista di Comte per essere andato al di là dei limiti della scienza empirica Si rifà alla concezione ciclica della storia, formata da fasi alterne che si ripetono

Dettagli

Studio Criminalistica

Studio Criminalistica Data: 00/00/00 Studio Criminalistica Analisi e Valutazioni in ambito psicologico e criminologico Corso di Criminologia per i Professionisti Eventi di informazione/formazione su tematiche criminologiche

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

Test di Autovalutazione

Test di Autovalutazione Test di Autovalutazione Il test può essere fatto seguendo alcune semplici indicazioni: Nelle aree segnalate (risposta, domanda, spazio con la freccia,) sono collocati già dei comandi Con un click del mouse

Dettagli

ALCOL E CERVELLO. raffaella ada colombo. Tenero, 7.11.2015

ALCOL E CERVELLO. raffaella ada colombo. Tenero, 7.11.2015 ALCOL E CERVELLO raffaella ada colombo Tenero, 7.11.2015 Stati alterati di coscienza Il termine stati alterati di coscienza si riferisce ad ogni stato di coscienza che è differente dal livello di consapevolezza

Dettagli

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1!

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Lo sviluppo emotivo e relazionale Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Che cos è un emozione? EMOZIONE Esperienza complessa, multidimensionale, che svolge un ruolo

Dettagli

CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO

CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO Caratteristiche generali Bullismo = azioni di aggressione o di manipolazione sociale da parte di singoli o gruppi di pari perpetrati in maniera intenzionale e sistematica Diffuso

Dettagli

Argomenti: - La consapevolezza di sés - Il concetto di sés - La stima di sés - Le influenze esterne

Argomenti: - La consapevolezza di sés - Il concetto di sés - La stima di sés - Le influenze esterne Lo sviluppo del sé MODULO 14 1. Individualità e identità di genere 2. Lo sviluppo del sé 3. Continuità e discontinuità Argomenti: - La consapevolezza di sés - Il concetto di sés - La stima di sés - Le

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori

Dettagli

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale ISTITUTO COMPRENSIVO Taverna di Montalto Uffugo (CS) Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: Anna Maria Santoro e Silvia Mazzeo Nel nostro tempo, dove situazioni

Dettagli

MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo

MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo - L individualità - Lo sviluppo dell identità di genere - La costruzione e lo sviluppo del sé - Continuità e discontinuità nello sviluppo - Traiettorie

Dettagli

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione.

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione. Premessa Un due tre stella ecco MAGA BEA! Laboratorio per il potenziamento delle abilità di ascolto e di attenzione L attenzione comprende la disponibilità a recepire la capacità di selezione dello stimolo

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

L informatica nella scuola: mezzo o fine?

L informatica nella scuola: mezzo o fine? L informatica nella scuola: mezzo o fine? Il paradigma della ricerca in didattica; L introduzione del computer nell insegnamento delle matematiche. 1 La comunicazione delle matematiche ed il computer come

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA CONTINUITA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE IMPARARE AD IMPARARE Acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. Scoperta e riconoscimento di regole generali per:

Dettagli

La comunicazione e il linguaggio

La comunicazione e il linguaggio Linguaggio = sistema di simboli, suoni, significati e regole per la loro combinazione che costituisce la modalita primaria di comunicazione tra gli esseri umani Caratteristiche fondamentali del linguaggio:

Dettagli

Action Anti-bullying

Action Anti-bullying Action Anti-bullying Raccomandazioni dello studio condotto dalle Nazioni Unite sulla violenza contro i bambini In relazione alla riduzione del bullismo ed altre forme di violenza, questo studio pubblicato

Dettagli

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP E enorme la confusione nella terminologia relativa all handicap. Per questo negli ultimi 20 anni l OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha diffuso

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie Introduzione Il presente progetto si riferisce alla strutturazione di un percorso laboratoriale teatrale ai ragazzi delle scuole primarie, con il quale

Dettagli

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi)

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi) RIFLESSIONE SULLA PROGETTAZIONE Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Fare Scienze con un approccio innovativo: l Apparato Circolatorio. Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi

Dettagli

Neuroscienze e diagnostica

Neuroscienze e diagnostica e diagnostica Sta diventando sempre più evidente che il concetto di plasticità cerebrale e sinaptica sia alla base della possibilità dell individuo di cambiare e quindi di diventare non solo quello per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile L ALCOLISMO Un problema risolvibile MAPPA INTRODUZIONE DIPENDENZA PERCHÈ SI ABUSA? ASPETTI SOCIALI 1. GIOVANILE 2. VIOLENZA TERAPIE ASSOCIAZIONI UTILI L ALCOLISMO INTRODUZIONE È LA PIÙ ANTICA E DIFFUSA

Dettagli

LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO

LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO PERCEPIRE IL PROBLEMA, AVENDO BEN CHIARA LA DIFFERENZA

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado IL NOSTRO TEAM Il nostro team è composto da avvocati, una psicologa, una educatrice,

Dettagli

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola ria di Primo Grado TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE TERZA L alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all aperto,

Dettagli

Fumo, alcool e droga nella scuola, scelta consapevole

Fumo, alcool e droga nella scuola, scelta consapevole Fumo, alcool e droga nella scuola, scelta consapevole Relatore: M. Agostini parte I Lovere 24/04/2012 Convitto Nazionale Cesare Battisti - Premessa - So benissimo che se avete deciso di provare fumo, alcool

Dettagli

LO5.2.: SESSIONE 2 - Analisi con la vittima e il gruppo

LO5.2.: SESSIONE 2 - Analisi con la vittima e il gruppo 1. Analizzare l evento: con la vittima da sola con altri che sono coinvolti con tutto il gruppo con gli educatori LO5.2.: SESSIONE 2 - Analisi con la vittima e il gruppo BREVE DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ

Dettagli

Fattori neuro-cognitivi alla base dello sviluppo della competenza plurilingue

Fattori neuro-cognitivi alla base dello sviluppo della competenza plurilingue Fattori neuro-cognitivi alla base dello sviluppo della competenza plurilingue Andrea Marini Universita degli Studi di Udine IRCCS La Nostra Famiglia PFVG IRCSS Santa Lucia, Roma andrea.marini@uniud.it

Dettagli

ANALISI DEI FENOMENI DEVIANTI

ANALISI DEI FENOMENI DEVIANTI LIBERA UNIVERSITA MARIA SS. ASSUNTA Dipartimento di Giurisprudenza Programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali ANALISI DEI FENOMENI DEVIANTI Gli autori e le vittime docente Maurizio

Dettagli

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente! Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!, in un ottica di prevenzione della salute, si è proposto di offrire ai ragazzi del secondo anno un occasione di discussione e di riflessione all interno

Dettagli

L attendibilità della testimonianza di un minore: Adele Cavedon adele.cavedon@unipd.it

L attendibilità della testimonianza di un minore: Adele Cavedon adele.cavedon@unipd.it L attendibilità della testimonianza di un minore: realtà, fantasia, suggestione. Adele Cavedon adele.cavedon@unipd.it Attendibilità = accuratezza e credibilità L accuratezza riguarda la valutazione delle

Dettagli

PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI

PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI Educare per l autonomia 20 maggio 2013 Elena Giudice l assistente sociale deve parlare con i bambini? Non si tratta di fare un buon lavoro, ma di fare un lavoro

Dettagli

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA UDITIVO PROF. EDORDO ARSLAN Indice 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

Programmazione neurolinguistica. La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo.

Programmazione neurolinguistica. La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo. Programmazione neurolinguistica La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo. OBIETTIVI della PNL Obiettivi: - individuare nella struttura

Dettagli

I numeri e lo spazio. Erickson. Strumenti visuospaziali per il conteggio, primi calcoli e tabelline. 5-8 anni

I numeri e lo spazio. Erickson. Strumenti visuospaziali per il conteggio, primi calcoli e tabelline. 5-8 anni Programmi di potenziamento della cognizione numerica e logico-scientifica Collana diretta da Daniela Lucangeli Silvana Poli, Adriana Molin e Daniela Lucangeli I numeri e lo spazio Strumenti visuospaziali

Dettagli