SOMMARIO. p.04 p.04 p.06 p.12. p.14. p.17. p.19. p.22. p.24 p.25. p.26. p.27. p.28

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO. p.04 p.04 p.06 p.12. p.14. p.17. p.19. p.22. p.24 p.25. p.26. p.27. p.28"

Transcript

1

2 SOMMARIO Identità e Futuro Missione Carta dei Valori Codice Etico Ambito di applicazione Rapporti con i Dipendenti Formazione Organizzazioni Sindacali Conflitto di interessi Sicurezza e salute Libere associazioni tra Dipendenti Rapporti con i Soci Politica dei dividendi Offerta specifica Trasparenza Rapporti con i Clienti Prodotti Consulenza Preparazione professionale Privacy Rapporti con le Istituzioni La Pubblica Amministrazione Gli Organi di Vigilanza I Partiti Rapporti con i Concorrenti Rapporti con i Fornitori I criteri di selezione La Comunicazione Comunicazioni istituzionali e pubblicitarie La Responsabilità sociale Le sponsorizzazioni e la beneficenza Rispetto ambientale Modalità di applicazione Adozione Diffusione Comitato Etico Violazioni p.04 p.04 p.06 p.12 p.14 p.17 p.19 p.22 p.24 p.25 p.26 p.27 p.28 03

3 IDENTITÀ E FUTURO Nella nostra esperienza valori e scopi rappresentano la base sulla quale si sviluppano gli obiettivi strategici, la cultura d impresa, le procedure e gli assetti organizzativi. In Banca Etruria le politiche di crescita dimensionale, di sviluppo e di creazione di valore tengono conto del contesto socio economico e delle aspettative degli stakeholder (portatori di interesse). È sulla base di tale filosofia che in tanti anni di attività è stata consolidata la capacità di coniugare la crescita dimensionale con lo sviluppo sostenibile e la creazione di valore. In linea ai medesimi principi la Banca affronta la contingenza attuale e le sfide future. LA NOSTRA MISSIONE La finalità che da sempre ci proponiamo è quella di... Rappresentare il motore della crescita del sistema economico e finanziario di cui ci sentiamo parte. Attraverso la tradizionale attività creditizia combinata all'offerta di servizi finanziari innovativi, intendiamo far evolvere il radicamento territoriale che ci caratterizza in opportunità di business, così da costituire il riferimento su cui convergono l'interesse degli stakeholder e lo sviluppo del territorio. 04

4 CONVINZIONI E TRATTI DISTINTIVI Per questo ci riconosciamo come una Banca... che partecipa alla vita economica e sociale del proprio contesto locale (una Banca integrata nel contesto socio economico); che affianca e supporta le realtà imprenditoriali, contribuendo all'evoluzione ed alla crescita di un intero sistema (una Banca che supporta le imprese e la crescita del territorio); che promuove iniziative di carattere sociale e culturale per uno sviluppo non solo economico della società civile (una Banca che favorisce lo sviluppo sociale e culturale); con la quale è semplice dialogare perché allenata acomprendere peculiarità e bisogni (una Banca attenta al dialogo e all ascolto); in cui lavorano persone qualificate, in grado di proporre soluzioni tramite un approccio consulenziale (una Banca che predilige un approccio professionale e consulenziale); trasparente nelle offerte e nelle condizioni, per la quale la fiducia del Cliente è un valore prezioso (una Banca orientata alla trasparenza e al Cliente); efficiente e pronta a rispondere a esigenze sempre più sofisticate tramite un'offerta articolata e completa (una Banca efficiente nell offerta e reattiva nelle risposte). 05

5 CARTA DEI VALORI 06

6 In questa sezione Banca Etruria rappresenta la sua identità: in evidenza ci sono i Valori che la Banca, nella sua storia secolare, ha rafforzato al suo interno e che le hanno permesso di affermarsi come realtà solida e ben radicata nella sua comunità, mantenendo una propria identità e autonomia in un mercato in continua evoluzione. I Valori che rappresentano Banca Etruria sono il risultato della propria storia e dell indagine svolta dal progetto Diamo valore ai nostri valori, nel corso del quale è stato chiesto ad un vasto campione composto da Personale dipendente, Soci, Clienti e Fornitori di descrivere la Banca attraverso i principi fondanti che la rappresentano. I Valori che meglio rappresentano Banca Etruria sono i seguenti: Radicamento territoriale Crescita del territorio Centralità dei Soci Condivisione della cultura d impresa Flessibilità ed efficacia dei sistemi gestionali Valorizzazione delle Risorse Umane Riferimento per i Clienti Professionalità 07

7 RADICAMENTO TERRITORIALE Banca Etruria affonda le sue radici in una precisa realtà territoriale che ne ha permeato fortemente l identità e la cultura d impresa. Col tempo questo legame si è consolidato intrecciando la realtà economica e istituzionale ad elementi sociali e culturali: ne ha tratto vigore il senso di localismo della Banca, inteso come la capacità di rispondere alle esigenze specifiche della comunità, ai bisogni di Soci, famiglie, imprese e professionisti. Per questo la politica aziendale resta saldamente ancorata alla volontà di crescere in continuità con le sue radici e tradizioni. CRESCITA DEL TERRITORIO Il radicamento territoriale e il localismo che contraddistinguono l identità di Banca Etruria sono alla base della predisposizione alla sua coscienza sociale. La volontà di partecipare alla promozione e alla valorizzazione economica, sociale e culturale della comunità si affianca alla convinzione della possibilità concreta di uno sviluppo sostenibile che tuteli il Personale di Banca Etruria, i suoi Soci, i Clienti e gli stakeholder in generale. Già dal 1998 la Banca pubblica annualmente il Bilancio Sociale dimostrando come le iniziative di sensibilità sociale e ambientale siano gestite con la stessa professionalità e tensione al risultato che Banca Etruria pone nella gestione d impresa. 08

8 CENTRALITÀ DEI SOCI Una Banca Popolare si fonda su un rapporto di onestà professionale e sul dialogo proficuo con i Soci. La costante opera di fidelizzazione dei Clienti Primari si traduce nella continua ricerca di soluzioni mirate a raggiungere gli obiettivi di crescita economica e aziendale attese dai Soci. Per questo Banca Etruria stimola il confronto con i propri Soci e ne massimizza il coinvolgimento, conscia che tale collaborazione rende possibile il successo della Banca. CONDIVISIONE DELLA CULTURA D IMPRESA Banca Etruria si impegna a far crescere la propria organizzazione attraverso una cultura d impresa diffusa, capace di innovarsi di continuo per essere sempre competitiva nelle sfide che il futuro le proporrà. Investire sul proprio capitale umano e supportare la diffusione naturale di un forte senso di appartenenza alla Banca - già oggi saldamente diffuso - sono le linee guida che la Banca adotta per far crescere un impresa dalla precisa identità e dai valori condivisi. 09

9 FLESSIBILITÀ ED EFFICACIA DEI SISTEMI GESTIONALI Banca Etruria s impegna a sviluppare e promuovere tutti quei sistemi gestionali che garantiscono la massima produttività ed efficacia, conservando la flessibilità che permette alla Banca di rispondere in maniera reattiva alle esigenze dei propri Clienti, Fornitori e Dipendenti. VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Da sempre Banca Etruria crede che una buona organizzazione e un corretto funzionamento del gruppo dipendano anche dal valore che viene attribuito alle persone che operano all interno dell azienda. Banca Etruria ritiene che il proprio capitale umano sia l elemento strategico più importante per lo sviluppo della Banca e del suo business: per questo Banca Etruria dedica molta attenzione alla selezione delle risorse umane, ponendo attenzione ai principi di integrità, fiducia e lealtà nei confronti dei colleghi e dei Clienti. La centralità del capitale umano è garante dell elevato livello di servizio di Banca Etruria: per questo la Banca supporta costantemente la crescita formativa del proprio Personale e l aggiornamento rispetto alle evoluzioni del mercato. 10

10 RIFERIMENTO PER I CLIENTI Banca Etruria ama definirsi Banca di casa e cioè la Banca che desidera migliorare costantemente il rapporto con i propri Clienti al fine di perfezionare l offerta ed elevare il livello di soddisfazione del Cliente. Per Banca Etruria il Cliente è qualcosa di più che un mercato di riferimento: è lo specchio che riflette i propri progressi e successi. Per questo Banca Etruria si impegna nella cura del servizio in tutti i suoi aspetti, dal Personale, professionale e disponibile, ai sistemi gestionali garanti di sicurezza e riservatezza, alla comunicazione chiara e trasparente, allo sviluppo di un offerta attenta ai bisogni ed alle aspettative dei propri Clienti e delle realtà in cui operano. PROFESSIONALITÀ Banca Etruria garantisce la qualità del suo operato tramite la chiarezza, la correttezza e la trasparenza dei sistemi di gestione e la professionalità di tutti coloro che lavorano e collaborano con la Banca. Investendo sulla trasparenza delle relazioni, Banca Etruria intende incrementare l immagine di una Banca dei Valori che fa dell onestà professionale il proprio collante. Migliorarsi giorno dopo giorno deve essere l obiettivo di ciascuno, indipendentemente dal grado e dal ruolo ricoperto, per consentire uno sviluppo costante e duraturo all Azienda nel suo insieme. 11

11 IL CODICE ETICO 12

12 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Codice definisce i principi generali che ispirano tutte le azioni di Banca Etruria, siano esse di natura strategica, di coordinamento o di natura operativa, indipendentemente da quale sia il ruolo aziendale e la categoria professionale di appartenenza. Le disposizioni contenute nel Codice sono da ritenersi esemplificative degli obblighi generali di sana e prudente gestione, correttezza e trasparenza, diligenza, lealtà ed imparzialità così come definito dalle normative vigenti. Il Consiglio di Amministrazione svolge i propri compiti nel pieno rispetto delle norme contenute nel Codice Etico, facendosi garante dell adozione e della sua diffusione a tutta l organizzazione. Nella definizione delle azioni per la promozione della conoscenza del Codice stesso e il controllo della sua osservanza, il Consiglio di Amministrazione si affida a un Comitato Etico. Nell'ambito della loro attività, gli Amministratori, i Dipendenti e i Collaboratori di Banca Etruria sono tenuti a perseguire l eccellenza ed i propri obiettivi aziendali solo ed esclusivamente nel rispetto di tutte le normative vigenti, in particolare relative ai principi concernenti: la Dichiarazione Universale dei Diritti dell Uomo; le pari opportunità e uguaglianza sociale; il lavoro forzato; il lavoro minorile e infantile; la libertà e diritto sindacale; la libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva; la tutela dei Dipendenti, inclusa quella ambientale, sociale ed economica; la formazione continua dei Dipendenti sia in ambito professionale che etico e sociale; il rispetto e la piena integrazione della banca nella comunità locale in cui opera; salute e sicurezza. Banca Etruria nella sua attività rifiuta qualsiasi forma di discriminazione. 13

13 RAPPORTI CON I DIPENDENTI Il Personale rappresenta la Banca nella relazione diretta con tutti gli interlocutori ed è proprio per questo suo ruolo centrale che la Banca investe sul proprio Personale con politiche di sviluppo mirate a garantirne una forte professionalità. Costante è l attenzione della Banca nel perfezionamento dei sistemi di valutazione, processo di ricerca e selezione del Personale e nella individuazione delle caratteristiche di profili professionali emergenti. In ogni caso tutti i Dipendenti e Collaboratori sono assunti con regolari contratti a norma di legge, nel completo rifiuto da parte di Banca Etruria di qualunque forma di sfruttamento sul lavoro. Sia nella fase di selezione del Personale che in quella di sviluppo della carriera viene evitata ogni discriminazione. Ogni Dipendente cura le proprie competenze e professionalità, arricchendole con l esperienza e la collaborazione dei colleghi; assume un atteggiamento costruttivo e propositivo, stimolando la crescita professionale della squadra a cui appartiene. Un risultato che si ottiene anche coltivando la generosità d animo in ogni rapporto interpersonale. FORMAZIONE La Banca è impegnata continuamente a sviluppare le attitudini e le potenzialità di ciascun Dipendente, svolgendo iniziative formative finalizzate alla diffusione delle conoscenze all interno della realtà aziendale ed alla definizione di percorsi di aggiornamento professionale mirati per ruolo. 14

14 ORGANIZZAZIONI SINDACALI Banca Etruria coltiva un proficuo dialogo con le Organizzazioni Sindacali nel rispetto dei reciproci ruoli nei termini definiti dalla normativa di legge e di contratto vigenti con rapporti improntati a principi di correttezza, imparzialità ed indipendenza. CONFLITTO DI INTERESSI Ogni Collaboratore deve evitare situazioni che lo pongano di fronte ad un conflitto di interesse, configurabile come scelta di privilegiare interessi diversi da quelli propri della Banca e della sua missione, al fine di trarne vantaggio per sé o per altri. SICUREZZA E SALUTE La tutela della sicurezza e della salute del proprio Personale si sostanzia in una continua attenzione al miglioramento degli ambienti di lavoro ed al loro adeguamento alle normative previste. La Banca vuole infatti creare le migliori condizioni di vivibilità, accoglienza e funzionalità necessarie all espletamento in sicurezza dei compiti assegnati a ciascuno. 15

15 LIBERE ASSOCIAZIONI TRA DIPENDENTI Come testimonianza dell attenzione rivolta ai propri Collaboratori, la Banca sostiene iniziative di socializzazione al di fuori dell orario di lavoro contribuendo tra l altro alle iniziative del Circolo Dipendenti Gruppo Etruria, attraverso il quale si favoriscono varie occasioni di aggregazione fra i colleghi e si rafforza lo spirito di squadra. Inoltre la Banca dà il proprio contributo anche al Fondo di Assistenza Gruppo Etruria: un organizzazione autonoma a cui possono iscriversi tutti i Dipendenti delle Società appartenenti al Gruppo per far fronte alle necessità assistenziali dei propri iscritti. Gli scopi e le finalità del Fondo sono condivisi dalla Cassa Mutua di Assistenza per gli ex Dipendenti della Banca di Credito Cooperativo di Vitolini, anch essa sostenuta dalla Banca. 16

16 RAPPORTI CON I SOCI Banca Etruria è una Società Cooperativa e pertanto i Soci della Banca rappresentano il destinatario naturale dell attività, la clientela primaria da soddisfare in termini di remunerazione attesa. La particolare forma societaria scelta dall Istituto assegna a ciascun Socio un voto in Assemblea indipendentemente dal capitale posseduto, garantendo in tal modo una concreta democrazia nelle decisioni assunte. Banca Etruria è innanzitutto una società di persone in cui la presenza di operatori economici locali nell azionariato e di diverse categorie sociali, testimonia che la compagine societaria è espressione reale del territorio di radicamento. POLITICA DEI DIVIDENDI Nel formulare la proposta di ripartizione dell utile di esercizio annuale all Assemblea dei Soci, Banca Etruria ritiene prioritaria la soddisfazione dei propri azionisti. Una soddisfazione che si attua non solo a livello economico diretto tramite la corresponsione del dividendo, ma anche attraverso le politiche di bilancio definite in modo da garantire solidità patrimoniale costante all Istituto. OFFERTA SPECIFICA Banca Etruria riserva per i propri Soci prodotti e servizi dedicati per i quali sono previsti condizioni particolari di acquisto e fruizione. 17

17 TRASPARENZA Banca Etruria adotta un sistema di Corporate Governance conforme a quanto previsto dalla legge e già dal 2001 ha integralmente adottato il Codice di Autodisciplina delle Società quotate di Borsa Italiana. Inoltre, Banca Etruria ha deciso di adottare un costante processo di autovalutazione del sistema di Corporate Governance stesso. Tutte le comunicazioni che possono avere effetti sull andamento in Borsa del titolo Banca Popolare dell Etruria e del Lazio vengono tempestivamente messe a disposizione del mercato attraverso gli strumenti definiti dalla legge e dai regolamenti previsti dagli organi di vigilanza e controllo. Ciò garantisce l Azionista circa la rispondenza tra fatti e accadimenti societari e la valutazione del mercato espressa attraverso i corsi di Borsa. 18

18 RAPPORTI CON I CLIENTI La centralità del Cliente e la sua soddisfazione sono il cuore dell attività commerciale di Banca Etruria che si fonda sulla cultura dell ascolto, del confronto e della responsabilità. Banca Etruria struttura quindi il proprio portafoglio prodotti plasmandolo sulle esigenze dei Clienti e sulle evoluzioni più recenti del mercato. La Banca è orientata al continuo miglioramento in termini di rapidità ed efficacia delle procedure interne e delle tecnologie informatiche. PRODOTTI Banca Etruria si impegna a mantenere ampia e diversificata la propria gamma di prodotti/servizi per rispondere in maniera sempre più mirata alle aspettative dei Clienti. Soluzioni sartoriali e personalizzate quindi, proposte con l impegno di rendere sempre edotta la propria clientela in merito ai rischi connessi alla natura delle operazioni poste in essere. La Banca si impegna inoltre al miglioramento continuo degli aspetti contrattuali in modo da renderli improntati alla massima trasparenza e onestà. 19

19 CONSULENZA Banca Etruria si pone come Banca di casa per la propria clientela: ciò significa non solo erogare prodotti e servizi in maniera efficiente, ma soprattutto significa sapersi porre come riferimento per i Clienti, ascoltandone i bisogni. La Banca investe nella specializzazione di figure professionali ad hoc per le diverse tipologie di Cliente con cui opera con una particolare attenzione anche allo sviluppo del territorio in cui il Cliente si trova ad operare e a vivere. PREPARAZIONE PROFESSIONALE La specializzazione dei diversi ruoli professionali presenti in Banca Etruria è l elemento organizzativo che garantisce la capacità di soddisfare il Cliente. Pertanto la Banca ha attivato specifici piani formativi mirati sulle competenze e capacità necessarie al Personale per operare nel proprio ruolo con professionalità e per essere sempre aggiornato sulle normative vigenti, sulle evoluzioni del mondo bancario e sulle soluzioni adottate. 20

20 PRIVACY Banca Etruria opera nel rispetto del Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs.196/03) e garantisce che il trattamento dei dati personali avviene tramite strumenti manuali, elettronici e telematici, nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell'interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all'identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Tali informazioni riservate sono utilizzate esclusivamente ai fini del perseguimento dell attività professionale. 21

21 RAPPORTI CON LE ISTITUZIONI Banca Etruria ritiene il rapporto con gli Organi di Vigilanza e le Istituzioni fondamentale per poter svolgere la propria attività in sintonia con le attese del territorio in cui è radicata. Nel rispetto dei ruoli di ciascuno, ciò permette infatti alla Banca di poter esercitare a pieno titolo il diritto di cittadinanza nelle comunità servite. LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Banca impronta i rapporti con le Istituzioni innanzi tutto ad una leale collaborazione, che crei occasioni di sviluppo reale per il territorio. In ogni contatto con la Pubblica Amministrazione i Collaboratori della Banca hanno il dovere di attenersi a comportamenti di correttezza, trasparenza e non ingerenza. La Banca si impegna ad adottare uno stile di rapporti che eviti azioni anche solo interpretabili come di natura collusiva o contrarie al rispetto di tali principi e della normativa in corso. 22

22 GLI ORGANI DI VIGILANZA Per Banca Etruria i rapporti con gli organismi preposti al controllo e alla vigilanza, quali la Banca d Italia, la Borsa Italiana e la Consob, sono un impegno costante che si concretizza nella trasmissione di informazioni, dati, documenti e nella puntuale risposta a tutte le richieste ricevute. L intera operatività è costantemente segnata dalla massima trasparenza anche nei confronti del Mercato in relazione allo status di società quotata al segmento STAR della Borsa. In tale prospettiva Banca Etruria attua ogni iniziativa per raggiungere la scrupolosa osservanza della normativa vigente e delle regole dettate da tali Autorità. I PARTITI Nel rispetto della libera espressione democratica di ogni opinione politica, Banca Etruria si astiene dal dare il proprio supporto istituzionale a iniziative o manifestazioni con fini esclusivamente o prevalentemente politici. Allo stesso modo è da ritenersi vietato qualsiasi tentativo di influenza o pressione nei confronti di esponenti politici. 23

23 RAPPORTI CON I CONCORRENTI Una sana competizione viene considerata come favorevole alla crescita dell azienda e stimolo costante al miglioramento, anche per questo Banca Etruria si impegna ad astenersi da forme dirette e indirette di concorrenza sleale, tese esclusivamente e volutamente a danneggiare le altre aziende. 24

24 RAPPORTI CON I FORNITORI Banca Etruria considera i Fornitori veri e propri partner aziendali, il cui lavoro influisce sull eccellenza dell offerta della Banca. Perciò Banca Etruria si impegna a istaurare con essi trattative in condizioni di parità e correttezza reciproca, rispettando il loro contributo e riconoscendo la necessità di trasmettere richieste chiare e precise e di regolare puntualmente quanto dovuto. La Banca privilegia un rapporto con Fornitori che rispettano le linee guida del presente Codice. I CRITERI DI SELEZIONE La selezione si svolge secondo criteri chiari e rintracciabili, basati sull oggettiva rispondenza della proposta alle esigenze manifestate dalla Banca e su una reale convenienza e qualità dell offerta, sempre in coerenza con i principi etici espressi nel presente codice e nella Carta dei Valori. É fatto divieto ad ogni rappresentante della Banca di accettare doni, regali, omaggi e ogni altra forma di beneficio volto a garantire l assegnazione diretta di un incarico. 25

25 LA COMUNICAZIONE Banca Etruria riconosce una particolare importanza al rapporto con gli organi di comunicazione, anche per il ruolo informativo che questi rivestono nei confronti dell opinione pubblica. Tale rapporto è riservato alle funzioni competenti interne all Istituto, che si impegnano a garantire una collaborazione senza discriminazione basata sulla correttezza e completezza dello scambio di notizie, pur nei limiti delle esigenze di riservatezza. COMUNICAZIONI ISTITUZIONALI E PUBBLICITARIE Banca Etruria seleziona con cura le proprie comunicazioni istituzionali e di prodotto, garantendo in ogni occasione il rispetto dei valori etici della società civile in cui opera, oltre alla veridicità e alla chiarezza dei contenuti. Per favorire un libero accesso a tutte le informazioni e le notizie che la riguardano, Banca Etruria tiene costantemente aggiornato il sito internet, sia dal punto di vista dei contenuti che da quello delle soluzioni di navigabilità. La Banca si impegna nel mantenimento di un sito istituzionale che risponda alle aspettative degli utenti, curando le diverse sezioni dedicate con efficacia e completezza. 26

26 LA RESPONSABILITÀ SOCIALE Il ruolo ininterrottamente svolto a sostegno della collettività nasce dalla natura stessa di Banca Etruria, erede di banche popolari legate fin dalla loro fondazione ai bisogni del territorio. Un ruolo costruttivo e dinamico in linea con la propria missione, che la Banca si impegna a svolgere sostenendo iniziative di carattere sociale e culturale per contribuire alla valorizzazione delle comunità locali in cui opera. LE SPONSORIZZAZIONI E LA BENEFICENZA La Banca nell erogare contributi a favore di iniziative sociali, culturali e sportive si impegna a non sostenere l attività di soggetti il cui interesse sia apertamente lesivo nei confronti di terzi. Per questo nella scelta degli interventi Banca Etruria adotta tutte le procedure necessarie accertandosi direttamente e indirettamente sulle finalità, gli scopi e l organizzazione delle manifestazioni e/o degli eventi. RISPETTO AMBIENTALE Banca Etruria è orientata verso la tutela ambientale e in tal senso predispone azioni che le permettono di ottenere risultati nel tempo sempre più importanti e tangibili in termini di riduzione dei consumi energetici, riduzione delle fonti inquinanti, smaltimento controllato e riciclo dei materiali di consumo. Il raggiungimento di tali obiettivi necessita dell impegno di tutti i Collaboratori ad un comportamento responsabile ispirato alla salvaguardia del patrimonio ambientale. 27

27 MODALITÀ DI APPLICAZIONE 28

28 ADOZIONE Il Codice Etico è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione di Banca Etruria, con il consenso del Collegio Sindacale. È un documento in evoluzione ed ogni sua revisione sarà adottata dall Istituto e diventerà sostitutiva del precedente Codice solo dopo approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione stesso. Tutti gli Amministratori, i Sindaci, i Dipendenti ed i Collaboratori di Banca Etruria sono tenuti al rispetto dei principi e delle norme presenti nel Codice Etico. DIFFUSIONE Per assicurare una chiara diffusione del Codice, Banca Etruria si impegna a rendere disponibile a tutti coloro che attualmente e nel futuro abbiano rapporti con l Istituto una copia cartacea del Codice Etico. Adeguata visibilità viene data al Codice anche all interno del portale internet istituzionale, (www.bancaetruria.it) dove è stata creata una sezione specifica. Una copia cartacea è distribuita a tutti i Dipendenti della Banca. 29

29

30 VIOLAZIONI Eventuali violazioni del Codice Etico devono essere segnalate da chi ne ha conoscenza per iscritto e non in forma anonima al Presidente del Comitato. La segnalazione può avvenire anche tramite all indirizzo Il Comitato Etico esamina ogni singola segnalazione e procede alle eventuali verifiche in collaborazione con la competente funzione della Banca. Ogni Amministratore e Dipendente dovrà se richiesto collaborare con le indagini, mantenendo il rispetto della confidenzialità delle informazioni di cui viene a conoscenza. Nel caso vengano accertate violazioni del Codice, il Comitato Etico le segnala al Consiglio di Amministrazione per le opportune valutazioni in conformità anche con le normative vigenti. La massima attenzione verrà riservata in qualunque momento al mantenimento della completa riservatezza delle segnalazioni. 31

31 Via Calamandrei, Arezzo tel

32

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

Approvato dal CdA del 27.06.12

Approvato dal CdA del 27.06.12 CODICE ETICO Approvato dal CdA del 27.06.12 1 1. INTRODUZIONE...4 1.1 La Missione di BIC Lazio SpA...4 1.2 Principi generali...4 1.3 Struttura e adeguamento del Codice Etico...5 2. DESTINATARI DEL CODICE...5

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. CODICE ETICO. Versione n. 1 del 31 maggio 2013

Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. CODICE ETICO. Versione n. 1 del 31 maggio 2013 Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. Versione n. 1 del 31 maggio 2013 A tutti i dipendenti e collaboratori Oggetto: diffusione del Codice

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità.

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità. CODICE ETICO Premessa Il presente Codice Etico (di seguito, anche il Codice ) definisce un modello comportamentale i cui principi ispirano ogni attività posta in essere da e nei confronti di Starhotels

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 PREMESSA... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo 1... 5 Ambito di applicazione e Destinatari... 5 Articolo 2... 5 Comunicazione... 5 Articolo 3... 6 Responsabilità...

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group

Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group Contenuti Introduzione 3 I valori del gruppo Value Partners 4 Le linee guida della nostra condotta verso gli stakeholder 5 Verso

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO PREMIO STOR-AGE Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO Art. 1 Oggetto e finalità Il premio STOR-AGE è un iniziativa volta a supportare lo sviluppo di progetti imprenditoriali

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO 2ª Edizione - Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Calzedonia Holding S.p.A - il 17 marzo 2014 ENG INTRODU- ZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE DEL CODICE ETICO Un Azienda

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 relativo alla protezione dei dati personali

Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 relativo alla protezione dei dati personali DATAMATIC S.p.A DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI Allegato 5 - Informativa Clienti e Fornitori Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Ambiente di lavoro improntato al rispetto

Ambiente di lavoro improntato al rispetto Principio: Tutti hanno diritto a un trattamento rispettoso nell ambiente di lavoro 3M. Essere rispettati significa essere trattati in maniera onesta e professionale, valorizzando il talento unico, le esperienze

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli