CBM Scrl. Codice Etico e Carta dei Valori. documento approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 26 luglio 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CBM Scrl. Codice Etico e Carta dei Valori. documento approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 26 luglio 2010"

Transcript

1 CBM Scrl Codice Etico e Carta dei Valori documento approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 26 luglio 2010 revisione 0 del 9 aprile 2010 CEeCV - 1/10

2 INDICE INTRODUZIONE LA SOCIETA I VALORI RISPETTO DELLA LEGGE CODICE ETICO E SISTEMA DI PREVENZIONE DEI REATI INTERESSATI OBBLIGHI DELLA SOCIETA Pubblicità del Codice Etico Modello Organizzativo Rapporti con i soci Rapporti con i media Tutela della dei dati personali e informazioni riservate Rapporti con e tra i dipendenti Utilizzo di beni aziendali Scritture contabili Responsible Care Sicurezza e igiene sul lavoro e tutela dell ambiente Sviluppo sostenibile e responsabilità sociale nei confronti delle collettività Sistema Qualità RAPPORTI CON PARTI CORRELATE Conflitti di interessi OBBLIGHI NEI RAPPORTI ESTERNI Rapporti con la Pubblica Amministrazione Donazioni e prestazioni gratuite offerte alla struttura pubblica Donazioni e prestazioni gratuite offerte a e da privati Rapporti con i fornitori Sperimentazioni ed indagini cliniche ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO E SANZIONI Organi preposti al controllo Sistema disciplinare VIGENZA DEL CODICE...10 CEeCV - 2/10

3 INTRODUZIONE Il presente codice etico ( Codice ) rappresenta il nostro documento aziendale fondamentale, un vero manifesto dei diritti e dei doveri, che attribuisce a tutti noi una forte responsabilità etica e sociale. Il Codice afferma i principi etici cui CBM ha deciso di adeguarsi e, di conseguenza, gli impegni e le responsabilità che intende assumere nella gestione degli affari e delle attività aziendali, nel convincimento che ciò sia anche condizione del successo dell impresa. CBM intende sviluppare nel tempo il rapporto fiduciario con i suoi stakeholders ( Interessati ), cioè con quelle categorie di individui, gruppi o istituzioni le cui aspettative sono in gioco nella conduzione delle attività aziendali e che, a vario titolo, possono contribuire al perseguimento della sua missione. Sono Interessati, a mero titolo esemplificativo: clienti, grossisti, aziende ospedaliere, autorità ed istituzioni sanitarie; fornitori: università e centri di ricerca, consulenti scientifici e non, fornitori di materie prime, beni e servizi, sistema bancario e finanziario; collaboratori: amministratori, dipendenti ed altri collaboratori legati all impresa da rapporti di lavoro continuativi; soci; pubblica amministrazione: UE, stato, regioni, enti locali; collettività: locale, nazionale, associazioni di cittadini, di imprese, di volontariato, contribuenti, organizzazioni sindacali, media; Dal momento che il Codice definisce i doveri di CBM nei confronti degli Interessati, si pone l esigenza della sua effettiva osservanza come termine di confronto in base al quale giudicare la reputazione di CBM. 1. LA SOCIETA Il CBM, costituito il 22 gennaio 2004 per volontà del Consorzio per l area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste, è una società consortile mista pubblico/privato a responsabilità limitata che ha fra le sue primarie finalità: promuovere ricerche innovative nell'ambito biomedico, farmaceutico e nell'ambito dello sviluppo di strumentazioni biomedicali avanzate, in proprio e da parte dei soci e dei soggetti convenzionati; sviluppare collaborazioni scientifiche con centri di ricerca nazionali ed internazionali, attraverso l'organizzazione di manifestazioni scientifiche, anche a scopo divulgativo, la realizzazione di progetti di ricerca in collaborazione, la promozione di programmi di ospitalità e scambio di ricercatori; favorire la formazione avanzata e la mobilità internazionale dei ricercatori attraverso la promozione di dottorati di ricerca, assegni e contratti di ricerca, borse e premi di studio; ospitare e gestire grandi strumentazioni ad uso comune e laboratori, prestare servizi e fornire assistenza e consulenza per l'accesso e la gestione dei finanziamenti per la ricerca, a favore dei soci, delle Università, delle Istituzioni Scientifiche e sanitarie e delle imprese convenzionate, anche acquisendo, in nome e per conto dei consorziati, fondi, risorse e finanziamenti da destinare alle attività oggetto di convenzione; realizzare, a partire dalle ricerche e dalle conoscenze sviluppate dai soci, prodotti e strumenti utili all'impiego diagnostico e terapeutico molecolare; curare lo sfruttamento commerciale dei risultati delle ricerche, ai quali compartecipa in base agli accordi con i soci ed i soggetti convenzionati; promuovere e partecipare ad iniziative imprenditoriali di ricerca industriale e sviluppo precompetitivo dei risultati della ricerca dei soci e dei soggetti convenzionati nel settore della biologia e medicina molecolare, nonchè della farmaceutica. CEeCV - 3/10

4 Il CBM, inoltre, con la stipula dell Accordo di Programma firmato in data 5 ottobre 2004 dal MIUR e dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia ha visto attribuirsi la seguente ulteriori responsabilità: sovrintendere all intera organizzazione del distretto tecnologico di biomedicina molecolare svolgendo direttamente attività volte al rafforzamento del distretto o assicurando la promozione di dette attività. 2. I VALORI Professionalità Le migliori competenze del CBM nascono dall'esperienza, dal costante aggiornamento, dalla capacità strategica e creativa e sono al servizio del territorio in cui CBM opera. Innovazione I progetti sviluppati dal CBM sono finalizzati alla ricerca di un continuo avanzamento di risultati nell ambito scientifico. Nell offrire servizi e per affrontare al meglio le sfide competitive del mercato l innovazione rappresenta una caratteristica strategica. Partnership La collaborazione tra ricerca pubblica ed impresa viene gestita dal CBM secondo i principi del mutuo rispetto e del beneficio reciproco tra i partner. Responsabilità Il CBM è consapevole che le ricerche che conduce mediante i suoi progetti di ricerca, la medicina personalizzata e la totalità dei servizi offerti sono connotati di forte rilevanza in termini di impatto sulle persone. Trasparenza In ogni rapporto contrattuale con dipendenti, collaboratori, clienti e fornitori, vengono rispettate le regole di lealtà, trasparenza, etica. La correttezza è assunta in CBM come valore fondamentale anche con i concorrenti: la competizione è fondata sull'eccellenza e sulle specifiche capacità. Onestà Il CBM è impegnato nel costante e diligente rispetto delle leggi vigenti, dei regolamenti interni, della presente Carta e delle relative norme e convenzioni citate. Rispetto Ogni azione del CBM è gestita nel totale rispetto delle idee e delle persone con le quali entra in relazione. 3. RISPETTO DELLA LEGGE CBM ha come principio imprescindibile il rispetto delle leggi e dei regolamenti vigenti in tutti i Paesi in cui opera. Gli amministratori, i dirigenti ed i dipendenti della società, nonché tutti coloro che a vario titolo operano per il conseguimento degli obiettivi, sono tenuti, nell ambito delle rispettive competenze ed attività, all osservanza delle norme giuridiche vigenti ed applicabili. In caso di dubbi sulla conformità a normative di difficile o non immediata comprensione, ogni operatore è tenuto a consultarsi con il diretto superiore gerarchico. CEeCV - 4/10

5 4. CODICE ETICO E SISTEMA DI PREVENZIONE DEI REATI Il presente Codice definisce i principi basilari di etica societaria e corretta gestione del business validi per alcuni degli Interessati quali ad esempio: amministratori, dirigenti, dipendenti, collaboratori, consulenti, clienti, fornitori e agenti. CBM si impegna a trasmettere il presente Codice a tutti coloro che entreranno in relazione con esso. La verifica sulla diffusione del Codice all interno e all esterno della società e sulla sua effettiva applicazione è di competenza dell Organismo di Vigilanza di CBM. 5. INTERESSATI Gli Interessati alle dipendenze di CBM hanno l obbligo di osservare le disposizioni del presente Codice sia nei rapporti tra loro, sia nei rapporti con i terzi. In particolare: i soggetti in posizione apicale, quali gli Amministratori, i sindaci, i procuratori ed i dirigenti muniti di delega, uniformano la propria condotta ai principi del presente Codice; i dirigenti di CBM osservano il presente Codice e ne esigono il rispetto da parte dei dipendenti e collaboratori. A tal fine, la condotta dei Dirigenti costituisce punto di riferimento per tutti i collaboratori. Ciascun Dirigente vigila sul personale sottoposto alla sua direzione e adotta le misure necessarie a prevenire le violazioni; i dipendenti di CBM osservano ed applicano il Codice nell adempimento delle mansioni e, in caso di dubbi sulle modalità di applicazione, si rivolgono all Organismo di Vigilanza; i collaboratori esterni sono tenuti al rispetto del presente Codice e uniformano la propria condotta ai relativi principi. L osservanza del presente Codice costituisce parte integrante delle obbligazioni contrattuali di dirigenti, dipendenti e di tutti gli Interessati; la sua violazione potrà essere valutata come inadempimento alle obbligazioni primarie del rapporto di lavoro e implicare le sanzioni disciplinari ovvero la risoluzione del rapporto. In nessun caso l intenzione di agire nell interesse o a vantaggio della società giustifica il compimento di atti e comportamenti in contrasto con i principi del presente Codice, ai quali deve riconoscersi valore prioritario ed assoluto. 6. OBBLIGHI DELLA SOCIETA 6.1 Pubblicità del Codice Etico CBM si adopera affinché tutti i Interessati siano a conoscenza del Codice, oltre che delle leggi e dei comportamenti da tenere. A tal fine, la società provvederà ad informare adeguatamente i Interessati ed a fornire loro supporto nell interpretazione e nella corretta applicazione delle norme contenute nel Codice. 6.2 Modello Organizzativo La società ha intenzione di dotarsi, nel medio periodo, di un Modello Organizzativo in grado - tramite specifiche procedure e protocolli - di gestire i processi aziendali a rischio di reato e di facilitare dipendenti e collaboratori al pieno rispetto delle norme contenute nel presente Codice Etico. 6.3 Rapporti con i soci CBM ha l obiettivo di massimizzare il valore della società per i propri soci. CBM garantisce parità di trattamento a tutti i soci, con i quali instaura un dialogo continuativo e trasparente, nel pieno rispetto della normativa vigente. CEeCV - 5/10

6 6.4 Rapporti con i media CBM si impegna a mantenere un dialogo continuativo con i media (es. TV, stampa, internet, ecc.) al fine di informare il pubblico in merito all attività aziendale e dare una rappresentazione veritiera e corretta dei fatti. I rapporti con i media spettano alla funzione aziendale appositamente designata. 6.5 Tutela della dei dati personali e informazioni riservate CBM attua le prescrizioni in materia di protezione e tutela dei dati personali mediante l'adozione delle necessarie misure organizzative. Le informazioni che vengono considerate riservate nei rapporti fra CBM e terzi, sono tutelate da appositi accordi che vengono sottoscritti fra i soggetti interessati. 6.6 Rapporti con e tra i dipendenti Il personale è assunto con regolari contratti di lavoro o di collaborazione. Ogni collaboratore riceve informazioni dettagliate relative a: caratteristiche della funzione e delle mansioni da svolgere; elementi normativi e retributivi, come regolati dal contratto collettivo nazionale di lavoro e dalla contrattazione integrativa; norme e procedure da adottare al fine di evitare i possibili rischi per la salute associati all attività lavorativa; copia del codice etico e modalità di reperimento del regolamento interno e delle regole di comportamento a cui il collaboratore dovrà sempre attenersi nello svolgimento della propria attività lavorativa e nella relazione con i colleghi. Tali informazioni sono presentate al collaboratore in modo che l accettazione dell incarico sia basata su una comprensione effettiva di tutti i suoi contenuti. i collaboratori rappresentano il patrimonio fondamentale ed insostituibile per il successo di CBM che, quindi, tutela e promuove il valore delle proprie risorse umane allo scopo di migliorare ed accrescere le loro competenze. I rapporti tra la Società ed i propri dipendenti e tra i dipendenti medesimi debbono essere ispirati ai principi di convivenza civile e di rispetto reciproco nonché alla tutela della professionalità e dei diritti della persona. Non sono ammesse né tollerate discriminazioni per ragioni di razza, di religione, di lingua, di sesso e di appartenenza politica e sindacale. CBM si impegna a non favorire forme di clientelismo e nepotismo nella selezione e progressione di carriera del personale. Il personale è assunto in base ai contratti di lavoro previsti dalle leggi vigenti e non è ammessa alcuna forma di lavoro irregolare o di sfruttamento di manodopera. La parte variabile della retribuzione e gli strumenti di incentivazione sono determinati in base al raggiungimento di obiettivi aziendali concreti, specifici, misurabili ed assegnati nel rispetto delle norme di legge, contrattuali nonché del presente Codice Utilizzo di beni aziendali Ogni collaboratore è tenuto ad operare per la tutela dei beni aziendali, attraverso comportamenti responsabili ed in linea con le procedure operative predisposte per regolamentarne l utilizzo e deve, quindi: utilizzare con diligenza, buon senso ed oculatezza i beni affidatigli; evitare utilizzi che possano essere causa di danno o di riduzione di efficienza, o comunque contrari all interesse dell azienda. Ogni collaboratore è altresì responsabile della conservazione e della protezione delle risorse affidategli e ha il dovere di informare tempestivamente le unità preposte di eventuali minacce o eventi dannosi per l impresa. In particolare ogni collaboratore è tenuto a: adottare alla lettera quanto previsto dalle politiche di sicurezza aziendali; CEeCV - 6/10

7 adottare alla lettera quanto previsto dalle politiche in tema di trattamento dei dati personali, utilizzo di Internet e della posta elettronica. 6.7 Scritture contabili La società fornisce nel bilancio e negli altri documenti contabili e fiscali richiesti dalla vigente normativa, una rappresentazione fedele della realtà aziendale, in modo da assicurare trasparenza e tempestività di verifica. A tal fine, tutti i dipendenti coinvolti nelle scritture contabili, devono assicurare la massima collaborazione, la completezza e chiarezza delle informazioni fornite, nonché l accuratezza dei dati e delle elaborazioni. È fatto espresso divieto di impedire od ostacolare, attraverso l occultamento di documenti o altri idonei artifici le attività di controllo attribuite agli organi preposti, interni ed esterni. 6.8 Responsible Care Sicurezza e igiene sul lavoro e tutela dell ambiente In ambito sicurezza e tutela dell ambiente il CBM adotta con scrupolo tutte le misure previste dalla legge. In particolare, il CBM pone grande attenzione alle tematiche della sicurezza sul luogo di lavoro investendo in formazione ed infrastrutture per garantire il massimo supporto al Servizio Prevenzione e Protezione aziendale; in ambito di tutela ambientale il CBM è sensibile all obiettivo della riduzione degli impatti ambientali delle proprie attività; inoltre, come testimonianza di un impegno concreto a gestire le attività aziendali secondo i canoni del rispetto dell ambiente, ha tra i propri obiettivi di medio-lungo periodo la certificazione ISO Sviluppo sostenibile e responsabilità sociale nei confronti delle collettività CBM è impegnato a operare nel rispetto della salute delle persone e dell ambiente, ben consapevole delle proprie responsabilità sociali ed etiche nei confronti delle comunità in cui opera o da cui possa trarre risorse. CBM intende partecipare al benessere economico e alla crescita della comunità nella quale opera attraverso l erogazione di servizi efficienti e tecnologicamente avanzati. Pertanto individua nella ricerca e nell innovazione una condizione prioritaria di crescita e successo. Nella consapevolezza della peculiarità del servizio erogato, l Azienda intrattiene con le pubbliche Autorità locali, nazionali e sopranazionali relazioni ispirate alla piena e fattiva collaborazione e alla trasparenza, nel rispetto delle reciproche autonomie, degli obiettivi economici e dei valori contenuti in questo Codice Sistema Qualità CBM intende il proprio Sistema di Gestione per la Qualità come una leva fondamentale per raggiungere gli obiettivi di mercato e di soddisfazione del cliente, in accordo con la norma di riferimento, la ISO9001. La Direzione del CBM si è assunta la responsabilità di garantire l'identificazione e di assicurare la regolamentazione, l'attuazione, il miglioramento ed il controllo della rete di processi interconnessi in un' ottica di soddisfacimento delle esigenze del cliente. Per questo, mediante il suo Sistema di Gestione per la Qualità, si impegna a prestare particolare cura ai seguenti punti: - la creazione di un ambiente idoneo per la consapevolezza ed il soddisfacimento delle esigenze dei Clienti; - l'individuazione di una politica per la Qualità, di obiettivi per la Qualità e di criteri e modalità di pianificazione, esecuzione, controllo e miglioramento; - l'esecuzione di riesami globali dell'andamento gestionale dell'intera azienda; - la garanzia della disponibilità delle risorse necessarie. CEeCV - 7/10

8 7. RAPPORTI CON PARTI CORRELATE 7.1 Conflitti di interessi I dipendenti, i dirigenti ed i consulenti/collaboratori di CBM dovranno evitare situazioni in cui i loro interessi entrino in conflitto con gli interessi della società. Qualora si trovi in una situazione di conflitto di interessi, anche solo potenziale, la persona interessata deve comunicare tale circostanza al superiore gerarchico di immediato riporto e all Organismo di Vigilanza, astenendosi dal compiere qualsiasi operazione. 8. OBBLIGHI NEI RAPPORTI ESTERNI 8.1 Rapporti con la Pubblica Amministrazione Possono gestire rapporti con la Pubblica Amministrazione in nome e per conto di CBM solo le funzioni e le risorse appositamente ed esplicitamente incaricate. Nella gestione di tali attività, le risorse della società hanno l obbligo di evitare qualsiasi azione in grado di ledere l autonomia dei rappresentanti della Pubblica Amministrazione o la loro imparzialità di giudizio. Coerentemente a tale principio e a titolo esemplificativo, è vietato: offrire denaro o doni a dirigenti, funzionari o dipendenti della Pubblica Amministrazione o a loro parenti, sia italiani che di altri Paesi, salvo che si tratti di doni o utilità d uso di modico valore; esaminare o proporre opportunità di impiego e/o commerciali che possano avvantaggiare i dipendenti della Pubblica Amministrazione a titolo personale o persone da questi segnalate; fanno eccezione gli incarichi conferiti ai pubblici dipendenti, nei casi previsti dalla legge; sollecitare o ottenere informazioni riservate che possano compromettere l integrità o la reputazione di una o di entrambe le parti. È vietato, nella produzione di documenti sociali, prospettare raffigurazioni dei fatti non rispondenti al vero, in grado di indurre in errore o alterare la capacità di analisi della Pubblica Amministrazione, specie se tali artifizi siano connessi a verifiche ispettive della Pubblica Autorità ovvero a finalità di acquisizione di fondi pubblici. Nei casi in cui siano stati ottenuti finanziamenti da soggetti pubblici, è fatto obbligo di destinare i fondi per le esatte finalità per le quali gli stessi sono stati richiesti ed ottenuti. 8.2 Donazioni e prestazioni gratuite offerte alla struttura pubblica Le donazioni di denaro legate a finalità di alto valore sociale o di ricerca scientifica e/o il comodato di beni e attrezzature a strutture pubbliche esterne devono effettuarsi nel rispetto della normativa vigente. E altresì fatto divieto di praticare a strutture sanitarie pubbliche - o a soggetti ad esse collegati sconti abnormi o non dovuti o comunque contrari alla normale pratica commerciale ed alle disposizioni interne aziendali. 8.3 Donazioni e prestazioni gratuite offerte a e da privati Non sono consentiti regali che possano essere interpretati come mezzo per ottenere trattamenti di favore per qualsiasi attività collegabile a CBM. La norma riguarda sia i regali promessi o offerti, sia quelli ricevuti; per regalo si intende qualsiasi tipo di beneficio in denaro, in natura o in servizio. 8.4 Rapporti con i fornitori CBM, pur propendendo per la creazione di rapporti stabili utili alla creazione di valore, applica il criterio della valutazione periodica del proprio albo fornitori al fine di perseguire gli obiettivi di economicità ed efficienza, nonché delle garanzie di assistenza e tempestività. Per ottenere ciò si perseguono relazioni commerciali con i fornitori offrendo CEeCV - 8/10

9 e ricercando imparzialità, trasparenza, lealtà e correttezza e relegando al ruolo di pratiche disdicevoli i criteri che comportino conflitti di interesse o vantaggi personali. 8.5 Sperimentazioni ed indagini cliniche La società sponsorizza la ricerca scientifica nel rispetto della normativa vigente nonché dei protocolli aziendali implementati allo scopo. L utilizzo degli animali per fini di ricerca e sperimentazione è ammissibile solo in quanto strumento necessario e, al momento, insostituibile per l avanzamento delle conoscenze scientifiche, la scoperta e lo sviluppo di farmaci e servizi innovativi. Gli animali impiegati a tale scopo danno un contributo essenziale alla realizzazione della missione aziendale. CBM, compatibilmente con le esigenze della ricerca scientifica, riconosce ed accetta pienamente la propria responsabilità morale di trattarli nel miglior modo possibile, riducendone al minimo le sofferenze. 9. ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO E SANZIONI 9.1 Organi preposti al controllo Una corretta ed efficace applicazione del codice etico è possibile soltanto attraverso l impegno e il concorso dell intera struttura CBM, che deve rendere ogni singolo comportamento coerente con i principi etici del codice stesso e collaborare con gli organismi responsabili del processo di attuazione e controllo e cioè con: il Consiglio di Amministrazione; l Organismo di Vigilanza. Il C.d.A. di CBM, in materia di codice etico: riceve il piano annuale di lavoro e le relazioni semestrali di ethical auditing dell Organismo di Vigilanza che conterranno informazioni sull efficacia, sull adeguatezza e sullo stato di attuazione e rispetto del codice etico, con le relative proposte di revisione, integrazione e modifica; riceve dall Organismo di Vigilanza le segnalazioni di eventuali violazioni del codice etico, unitamente ad una relazione semestrale riepilogativa; decide su ciascuno dei punti precedenti o, in alternativa, incarica della valutazione e della decisione un apposito ulteriore organismo che avrà altresì il compito di attuare le decisioni prese. Il C.d.A. di CBM nomina un Organismo di Vigilanza che, operando in piena autonomia e indipendenza, ha la responsabilità di proporre il programma etico aziendale ed i suoi aggiornamenti, di istruire ed effettuare il programma di vigilanza e controllo e di informare il C.d.A. sulle proprie attività. All Organismo di Vigilanza spetta di: informare il C.d.A. sullo stato di applicazione del codice etico; verificare il livello di applicazione del codice etico attraverso l attività di ethical auditing; proporre la periodica revisione del codice etico; ricevere e valutare le segnalazioni di violazione del codice etico; suggerire al C.d.A. le sanzioni da comminare nei casi di violazione. Tutti gli Interessati sono tenuti ed incoraggiati a segnalare, per iscritto ed in forma non anonima, qualsiasi violazione o sospetto di violazione del codice etico all Organismo di Vigilanza. Questi provvede all analisi della segnalazione, ascoltando eventualmente le parti coinvolte nella presunta violazione, garantisce il segnalante da qualsiasi forma di ritorsione e, inoltre, assicura la riservatezza dell identità del segnalante, fatti salvi gli obblighi di legge. L Organismo di Vigilanza riporta le violazioni, emerse dalle segnalazioni degli Interessati o dall attività di ethical auditing, ed i suggerimenti ritenuti necessari al C.d.A., il quale, a seguito di un opportuna analisi e per il tramite del Presidente, comunica i provvedimenti decisi alle competenti funzioni aziendali: queste ultime ne curano l attuazione e ne riferiscono l esito all Organismo di Vigilanza. CEeCV - 9/10

10 Le segnalazioni possono essere inviate con le seguenti modalità: all indirizzo: 9.2 Sistema disciplinare L inosservanza delle regole di condotta contenute nel presente Codice può avere rilevanza per l irrogazione di sanzioni disciplinari. Nessun comportamento illecito o comunque in violazione di disposizioni del presente Codice o anche solo illegittimo o scorretto potrà essere giustificato o considerato meno grave, anche se compiuto nell interesse o a vantaggio di CBM. Le sanzioni, nel rispetto della legge e dei contratti collettivi vigenti, saranno proporzionate alla gravità delle infrazioni commesse. 10. VIGENZA DEL CODICE Il presente Codice è vigente dalla data di approvazione da parte del C.d.A. di CBM, con deliberazione del 26/7/2010. Ogni aggiornamento modifica o aggiunta al presente Codice dovrà essere approvata dal C.d.A. di CBM. Copia del presente Codice è consegnata a tutti gli Interessati che la firmano per presa visione ed è disponibile per la consultazione in formato elettronico, sul sito internet dell azienda. Dichiarazione di presa visione Il/la sottoscritto/a..., nato/a a, il, residente in, in qualità di...della Società dichiara di aver ricevuto copia del Codice Etico predisposto da CBM, e di aver preso atto delle disposizioni in esso contenute. Si impegna altresì ove dovuto - ad osservarle e a promuoverne l osservanza tra i colleghi e collaboratori. Trieste,, 20 Firma CEeCV - 10/10

Castel MAC SpA CODICE ETICO

Castel MAC SpA CODICE ETICO CODICE ETICO Castel Mac S.p.A. adotta il presente Codice Etico, che si ispira ai principi del D.Lgs 231 Disciplina della Responsabilità Amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

III.A.1. CODICE ETICO

III.A.1. CODICE ETICO III.A.1. CODICE ETICO 1. FINALITA' La Casa di Cura Villa Aurora S.p.a., al fine di definire con chiarezza e trasparenza l insieme dei valori ai quali l'ente si ispira per raggiungere i propri obiettivi,

Dettagli

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Le disposizioni contenute nel presente Codice Etico esprimono i principi fondamentali cui si ispira

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 8 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Codice Etico Pag. 2 di 8 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 FINALITA, CONTENUTI

Dettagli

Codice Etico. ai sensi del D.Lgs. 231/01e s.m.i. Porto Antico di Genova S.p.A. Edizione 11 novembre 2013

Codice Etico. ai sensi del D.Lgs. 231/01e s.m.i. Porto Antico di Genova S.p.A. Edizione 11 novembre 2013 ai sensi del D.Lgs. 231/01e s.m.i. Porto Antico di Genova S.p.A. Edizione 11 novembre 2013 INTRODUZIONE... 2 1.1. Il Codice Etico di Porto Antico di Genova S.p.A.... 2 1.2 Destinatari del Codice Etico...

Dettagli

QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO

QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO 1 PREMESSE 2 OBIETTIVO 3 STRUTTURA DEL CODICE ETICO E AMBITO DI APPLICAZIONE 4 I PRINCIPI

Dettagli

CODICE ETICO 10. RAPPORTI CON I CLIENTI E FORNITORI... 4 11. CORRETTEZZA NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI... 4 12. RAPPORTI CON I FORNITORI...

CODICE ETICO 10. RAPPORTI CON I CLIENTI E FORNITORI... 4 11. CORRETTEZZA NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI... 4 12. RAPPORTI CON I FORNITORI... CODICE ETICO 1. I DESTINATARI DEL CODICE ETICO... 2 2. RISPETTO DELLA DIGNITÀ DELLA PERSONA... 2 3. OSSERVANZA DELLE LEGGI... 2 4. ONESTÀ ED INTEGRITÁ... 2 5. CORRETTA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ... 2 6.

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

LA PICCOLA CASA DEL RIFUGIO Ente Morale R. D. 13 Ottobre 1885 Via Antonini 3, 20141, Milano

LA PICCOLA CASA DEL RIFUGIO Ente Morale R. D. 13 Ottobre 1885 Via Antonini 3, 20141, Milano Residenza Sanitario - assistenziale per Anziani (RSA) Residenza Sanitario - assistenziale per Disabili (RSD) Centro Diurno Integrato per Anziani (CDI) CODICE ETICO Approvato il 1 dicembre 2014 LA PICCOLA

Dettagli

C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO

C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO Sommario PREMESSA... 1 1 - MISSIONE DEL CENTRO... 2 2 - VALORI ETICI - SOCIALI... 3 3 - CONDUZIONE DEGLI AFFARI... 4 3.1 Principi generali...

Dettagli

TURISMO TORINO E PROVINCIA CODICE ETICO

TURISMO TORINO E PROVINCIA CODICE ETICO TURISMO TORINO E PROVINCIA CODICE ETICO INDICE INTRODUZIONE AL CODICE ETICO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO... 4 ART. 1 PRINCIPI GENERALI... 4 ART. 2 PRINCIPIO DI LEGALITA

Dettagli

Colui che sa È padrone di sé stesso E può ben guidare gli altri alla loro meta

Colui che sa È padrone di sé stesso E può ben guidare gli altri alla loro meta Colui che sa È padrone di sé stesso E può ben guidare gli altri alla loro meta Pag. 2/16 Documento: Codice Etico File: Codice Etico.doc Approvazione: Consiglio di Amministrazione Verbale riunione del:

Dettagli

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 CODICE ETICO Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008 Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 (revisione approvata con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO Adottato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2012 Aggiornato in data 14 marzo 2013 Ultimo aggiornamento approvato

Dettagli

VICINI S.p.A. CODICE ETICO

VICINI S.p.A. CODICE ETICO VICINI S.p.A. CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. PRINCIPI DI RIFERIMENTO E NORME DI COMPORTAMENTO 4. EFFICACIA DEL CODICE ETICO E SUE VIOLAZIONI 1. PREMESSA Il presente Codice

Dettagli

CODICEETICO EDICONDOTTA

CODICEETICO EDICONDOTTA CODICEETICO EDICONDOTTA Dicembre2013 CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO ALMAVIVA ARTICOLO 1 - PREMESSA Il presente Codice Etico e di Condotta (Codice) definisce i principi etici di riferimento e le

Dettagli

Modello Organizzativo di Gestione Controllo e Compliance

Modello Organizzativo di Gestione Controllo e Compliance Modello Organizzativo di Gestione Controllo e Compliance 1 INTRODUZIONE I. Le finalità e i destinatari Il presente Codice Etico è una dichiarazione pubblica di APT ROVERETO E VALLAGARINA in cui sono individuati

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

ATP AZIENDA TRASPORTI PUBBLICI PRINCIPI DEL MODELLO 231

ATP AZIENDA TRASPORTI PUBBLICI PRINCIPI DEL MODELLO 231 ATP AZIENDA TRASPORTI PUBBLICI PRINCIPI DEL MODELLO 231 Approvato dal Consiglio di Amministrazione di ATP il 27 gennaio 2015 INDICE Capo I PRINCIPI GENERALI 1 Premessa 2 Destinatari e relativi obblighi

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA;

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; - RISPETTO DELLA DIGNITÀ DELLE PERSONE; RESPONSABILITÀ DIFFUSIONE DEL CODICE RAPPORTI CON

Dettagli

CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE

CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE 1 INDICE PREMESSA 3 1. PRINCIPI GENERALI E LORO APPLICAZIONE 3 2. RISORSE UMANE E AMBIENTE DI LAVORO 4 3. INFORMATIVA

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico CODICE ETICO Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico Revisionato e approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 11.12.2014 INDICE PREMESSA pag. 04 1. Ambito di applicazione pag. 05 2. Valore contrattuale

Dettagli

MODIFICA A PRECEDENTI DOCUMENTI / VERSIONI

MODIFICA A PRECEDENTI DOCUMENTI / VERSIONI CODICE ETICO INDICE 1. DESTINATARI... 3 2. MODIFICA A PRECEDENTI DOCUMENTI / VERSIONI... 3 3. DEFINIZIONI... 3 4. PRINCIPI GENERALI... 4 5. PRINCIPI DI CONDOTTA NELLE RELAZIONI CON I CLIENTI... 8 6. PRINCIPI

Dettagli

NUMERICA PUBBLICITÀ S.R.L.

NUMERICA PUBBLICITÀ S.R.L. NUMERICA PUBBLICITÀ S.R.L. CODICE ETICO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE: FEBBRAIO 2007 DOCUMENTO AGGIORNATO A: MARZO 2009 Pag. 2/23 INDICE 1 Premesse 4 2 Obiettivo 6 3 Struttura del Codice Etico

Dettagli

INDICE. Allegato III_Codice Etico_rev22 pag. 2 di 16

INDICE. Allegato III_Codice Etico_rev22 pag. 2 di 16 ALLEGATO III CODICE ETICO 1 INDICE PREMESSA...3 1. DISPOSIZIONI GENERALI...5 1.1. Destinatari e ambito di applicazione...5 1.2. Principi etici e di comportamento...5 1.2.1. Principio della responsabilità...5

Dettagli

CODICE ETICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1

CODICE ETICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 CODICE ETICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione e Finalità 1. Le disposizioni del presente Codice Etico esprimono i principi fondamentali cui si ispira la Network Contacts s.r.l.

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

RAPPORTI IN CONCESSIONE P. 4 PUBBLICA AMMINISTRAZIONE P. 5 AZIONISTI E COMUNITÀ FINANZIARIA P. 5 COMPORTAMENTO NELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA P.

RAPPORTI IN CONCESSIONE P. 4 PUBBLICA AMMINISTRAZIONE P. 5 AZIONISTI E COMUNITÀ FINANZIARIA P. 5 COMPORTAMENTO NELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA P. CODICE ETICO SOMMARIO PRINCIPI GENERALI P. 3 RAPPORTI CON I TERZI P. 3 RISORSE UMANE P. 3 CLIENTI P. 4 FORNITORI P. 4 RAPPORTI IN CONCESSIONE P. 4 PUBBLICA AMMINISTRAZIONE P. 5 AZIONISTI E COMUNITÀ FINANZIARIA

Dettagli

INFORMATICA Alto Adige SPA

INFORMATICA Alto Adige SPA Approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 20/03/2012 INFORMATICA Alto Adige SPA Codice Etico e di comportamento interno Pagina 1 di 12 PRINCIPALI MODIFICHE RISPETTO ALLA VERSIONE PRECEDENTE

Dettagli

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Sommario Premessa 0.1 Obiettivi 0.2 Adozione 0.3 Diffusione 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento Sezione I Rapporti con l esterno 1.1 Competizione

Dettagli

CODICE ETICO CEMENTIROSSI S.P.A.

CODICE ETICO CEMENTIROSSI S.P.A. CODICE ETICO CEMENTIROSSI S.P.A. Cementirossi INDICE 1. Introduzione 2. Principi etici generali 2.1 Legalità 2.2 Correttezza 2.3 Trasparenza 3. Relazioni con il personale 4. Relazioni con i fornitori 5.

Dettagli

Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO

Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO INDICE INTRODUZIONE... 1 I. PRINCIPI GENERALI... 2 II. COMPORTAMENTO nella GESTIONE degli AFFARI... 3 A) Rapporti con i clienti.... 3 B) Rapporti con i fornitori....

Dettagli

CODICE ETICO CODICE ETICO INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. Le finalità ed i destinatari 1.2. La missione di Velletri Servizi S.p.A. 1.3.

CODICE ETICO CODICE ETICO INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. Le finalità ed i destinatari 1.2. La missione di Velletri Servizi S.p.A. 1.3. CODICE ETICO CODICE ETICO INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. Le finalità ed i destinatari 1.2. La missione di Velletri Servizi S.p.A. 1.3. Il rapporto con gli stakeholders 1.4. Il valore della reputazione e della

Dettagli

MILLENIUM SISTEMA AMBIENTE srl. Via Tiberina 98/N 06053 Deruta - PG. Codice Etico

MILLENIUM SISTEMA AMBIENTE srl. Via Tiberina 98/N 06053 Deruta - PG. Codice Etico MILLENIUM SISTEMA AMBIENTE srl Via Tiberina 98/N 06053 Deruta - PG Codice Etico Millenium Sistema Ambiente Srl Codice Etico Introduzione Il presente codice etico rappresenta l enunciazione dei valori aziendali,

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

INFORMATICA TRENTINA SpA Codice Etico e di comportamento interno

INFORMATICA TRENTINA SpA Codice Etico e di comportamento interno INFORMATICA TRENTINA SpA Codice Etico Approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 29/03/2010 PRINCIPALI MODIFICHE RISPETTO ALLA VERSIONE PRECEDENTE Data Versione Modifiche apportate 06/07/2009

Dettagli

Modello di organizzazione e gestione ex Decreto 231/2001 CODICE ETICO. Roma, 19 novembre 2008. AGER S.r.l. Via XXIV Maggio, 43 00187 Roma 1

Modello di organizzazione e gestione ex Decreto 231/2001 CODICE ETICO. Roma, 19 novembre 2008. AGER S.r.l. Via XXIV Maggio, 43 00187 Roma 1 CODICE ETICO Roma, 19 novembre 2008 AGER S.r.l. Via XXIV Maggio, 43 00187 Roma 1 CODICE ETICO Preambolo Il Codice Etico di AGER, di seguito sviluppato, individua i valori primari cui l ente intende conformarsi

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE CODICE ETICO MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE Sommario Premessa 2 0.1 Obiettivi 2 0.2 Adozione 2 0.3 Diffusione 2 0.4 Aggiornamento 2 Rapporti con l esterno 3 1.1 Competizione 3 1.2 Relazioni 3 1.3

Dettagli

Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione (D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e art. 30 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81)

Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione (D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e art. 30 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81) Sommario 2 3 6 8 Principi di comportamento Principi d azione Rispetto della legalità Rispetto della salute e della sicurezza sul lavoro Rispetto dell ambiente e della collettività Rapporti con fornitori

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO SEASTEMA

CODICE DI COMPORTAMENTO SEASTEMA CODICE DI COMPORTAMENTO SEASTEMA SEASTEMA è una società che si occupa di impostazione, progettazione, sviluppo e realizzazione di Sistemi di Automazione integrata nel campo della costruzione navale estesa

Dettagli

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA Il CODICE ETICO costituisce parte integrante del MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO adottato ed implementato da I valori e i principi ivi dichiarati rispecchiano

Dettagli

Codice etico. Ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231

Codice etico. Ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 MOG V1.3 cda 9/14 Codice etico Ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 1 Codice Etico Premessa La visione etica La Compagnia ritiene necessario dotarsi di un modello organizzativo societario,

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione di Orienta S.p.a del 15/12/2010 INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. VALORI ETICI 3 3. CRITERI DI CONDOTTA 3 4. COMPORTAMENTO SUL LUOGO DI LAVORO 6 5. CONFLITTTO

Dettagli

CODICE ETICO. 3. Ambito di applicazione del Codice; 4. Principi e norme di riferimento; 5. Disposizioni sanzionatorie;

CODICE ETICO. 3. Ambito di applicazione del Codice; 4. Principi e norme di riferimento; 5. Disposizioni sanzionatorie; 1. Premessa; 2. Missione etica; 3. Ambito di applicazione del Codice; 4. Principi e norme di riferimento; 5. Disposizioni sanzionatorie; 6. Disposizioni finali; 1 1 PREMESSA La Wattsud L.E.P. S.p.A., al

Dettagli

FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO CODICE ETICO FONDAZIONE TERZO PILASTRO - ITALIA E MEDITERRANEO 1/9 VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA

FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO CODICE ETICO FONDAZIONE TERZO PILASTRO - ITALIA E MEDITERRANEO 1/9 VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA Tel. 0039.06.97625591 Fax. 0039.06.98380693 mail: fondazione@fondazioneterzopilastro.it CODICE ETICO 1/9 Sommario 1.Generalità...

Dettagli

Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 3 luglio 2008

Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 3 luglio 2008 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 3 luglio 2008 1 INDICE Premessa 1. Principi generali 1.1 Correttezza ed onestà 1.2 Imparzialità 1.3 Professionalità e valorizzazione delle risorse

Dettagli

CODICE ETICO DI AMBIENTE ITALIA SRL

CODICE ETICO DI AMBIENTE ITALIA SRL DI AMBIENTE ITALIA SRL Q-D-02-03 SISTEMA GESTIONE QUALITA Gennaio 2013 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008 CERT-12313-2003-AQ-MIL-SINCERT Sistema di gestione ambientale

Dettagli

Codice di Comportamento Aziendale

Codice di Comportamento Aziendale ALLEGATO 2 Codice di Comportamento Aziendale 1. DESTINATARI - COMUNICAZIONE ED INFORMAZIONE I principi e le disposizioni del presente Codice di Comportamento aziendale sono vincolanti per tutti gli amministratori,

Dettagli

CODICE ETICO. Cantina di Castelnuovo del Garda, Società Agricola Cooperativa (di seguito: l Ente)

CODICE ETICO. Cantina di Castelnuovo del Garda, Società Agricola Cooperativa (di seguito: l Ente) INDICE Premessa 2 A La Cantina di Castelnuovo del Garda e i suoi obiettivi 2 B Adozione 3 C Diffusione e Aggiornamento 3 D Modello Organizzativo 3 PARTE I 4 Regole di Comportamento 4 Sezione I: i Rapporti

Dettagli

CODICE ETICO L INCONTRO SRL e L INCONTRO BANCHETTI SRL

CODICE ETICO L INCONTRO SRL e L INCONTRO BANCHETTI SRL CODICE ETICO L INCONTRO SRL e L INCONTRO BANCHETTI SRL Indice 1. Ambito di applicazione e destinatari 2. Principi etici 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 2.2 Valore della persona

Dettagli

APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IN DATA 22 NOVEMBRE

APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IN DATA 22 NOVEMBRE CODICE ETICO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IN DATA 22 NOVEMBRE 2012 22 novembre 2012 1 INDICE PREMESSA... 3 1. PRINCIPI GENERALI... 3 1.2 OBIETTIVI E DESTINATARI DEL CODICE ETICO DI UBI ASSICURAZIONI...

Dettagli

L AMMINISTRATORE UNICO

L AMMINISTRATORE UNICO CUALBU S.R.L. Sede in Cagliari Via Galassi n.2 Capitale sociale euro 1.560.000,00 i.v. Codice Fiscale e n di iscrizione al Registro Imprese di Cagliari 00264500927 e R.E.A. 84787 Si dà atto che in data

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

CIS NOVATE SSDARL CENTRO INTEGRATO SERVIZI

CIS NOVATE SSDARL CENTRO INTEGRATO SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. DESTINATARI ED AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3. PRINCIPI DI RIFERIMENTO 4. NORME DI COMPORTAMENTO 5. MODALITA DI ATTUAZIONE DEL CODICE 1. PREMESSA La società conforma la conduzione

Dettagli

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A.

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. CODICE ETICO DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. Versione valida dal 1 gennaio 2015 INDICE Parte I PREMESSA ED OBIETTIVI Art. 1 Destinatari Art. 2 Principi Generali Art. 3 Riservatezza Art. 4 Imparzialità

Dettagli

Versione Agosto 2007. CODICE ETICO MARATONA DI TREVISO scrl

Versione Agosto 2007. CODICE ETICO MARATONA DI TREVISO scrl Versione Agosto 2007 CODICE ETICO MARATONA DI TREVISO scrl 1 PREMESSA 1.1 Obiettivi del Codice Etico Il presente Codice etico individua i valori che costituiscono l etica sociale e reca una serie di norme

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica

Associazione Sportiva Dilettantistica Ispirato al codice etico del CONI SOCIETA NAUTICA GRIGNANO Associazione Sportiva Dilettantistica Rev. Oggetto Approvazione Data 00 01 Modello Organizzativo ai sensi del SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. Destinatari...4

Dettagli

Codice Etico e di Comportamento

Codice Etico e di Comportamento Allegato 1 ai Principi di adozione Codice Etico e di Comportamento Modello di Organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 di C.V.A. TRADING S.r.l. a s.u. Il Segretario Il Presidente

Dettagli

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 Approvato dal CdA 15 dicembre 2010 INDICE 1. I PRINCIPI DI TORRICELLI S.R.L.... 5 1.1 Principi generali... 5 1.2 Selezione, gestione e formazione delle risorse

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231 del 2001 CODICE ETICO

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231 del 2001 CODICE ETICO CIRES BOLOGNA FERRARA Soc. Coop. Via Scipione Dal Ferro 19/a 40138 BOLOGNA Tel. 051/30.88.79 Fax 051/34.22.42 E-mail: ufficiotecnico@cires-bo.it Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi

Dettagli

generalità 2 importanza del miglioramento continuo 2 Impegno professionale 2 Rispetto delle persone 2 Integrità 2 Lealtà 3 Partecipazione 3

generalità 2 importanza del miglioramento continuo 2 Impegno professionale 2 Rispetto delle persone 2 Integrità 2 Lealtà 3 Partecipazione 3 Codice etico Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione articolo 25-septies e articolo 25 undecies del D.Lgs. 231/01 20/01/2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione SOMMARIO generalità

Dettagli

CODICE ETICO. Adottato dal Consiglio di Amministrazione di Officina CF Franci S.p.A. in data 26 Marzo 2013 e in vigore dal 27 Marzo 2013

CODICE ETICO. Adottato dal Consiglio di Amministrazione di Officina CF Franci S.p.A. in data 26 Marzo 2013 e in vigore dal 27 Marzo 2013 CODICE ETICO Adottato dal Consiglio di Amministrazione di Officina CF Franci S.p.A. in data 26 Marzo 2013 e in vigore dal 27 Marzo 2013 1 SOMMARIO 1. Premessa.4 2. Principi generali.6 2.1 Introduzione

Dettagli

CODICE ETICO E DI CONDOTTA

CODICE ETICO E DI CONDOTTA CODICE ETICO E DI CONDOTTA Premesse La Cooperativa, retta dai principi della mutualità' prevalente, senza finalità' speculative, ha lo scopo di perseguire l interesse generale della comunità' alla promozione

Dettagli

INDICE. CAPO IV TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI E RISERVATEZZA 1. Principi pag. 8 2. Trattamento delle informazioni societarie pag.

INDICE. CAPO IV TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI E RISERVATEZZA 1. Principi pag. 8 2. Trattamento delle informazioni societarie pag. INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI 1. Premessa pag. 2 2. Destinatari e relativi obblighi pag. 2 3. Principi etici pag. 2 4. Valore Contrattuale del Codice pag. 3 5. Obblighi dei responsabili pag. 3 6. Impegni

Dettagli

CODICE ETICO KODAK S.P.A.

CODICE ETICO KODAK S.P.A. MARZO 2014 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE... 4 1.1 La missione di Kodak e il rapporto di fiducia con i Portatori d Interesse... 4 1.2 Reciprocità... 4 1.3 Destinatari e ambito di applicazione del Codice Etico...

Dettagli

SECONDO REGOLE DI COMPORTAMENTO NELLE RELAZIONI ESTERNE SEZIONE I

SECONDO REGOLE DI COMPORTAMENTO NELLE RELAZIONI ESTERNE SEZIONE I CODICE ETICO CODICE ETICO SOMMARIO CAPO PRIMO Valori Aziendali Principi Etici CAPO SECONDO REGOLE DI COMPORTAMENTO NELLE RELAZIONI ESTERNE SEZIONE I - Rapporti con i clienti SEZIONE II - Rapporti con i

Dettagli

CODICE ETICO ALLEGATO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE ARTICOLO 25-SEPTIES E ARTICOLO 25 UNDECIES DEL D.LGS. 231/01

CODICE ETICO ALLEGATO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE ARTICOLO 25-SEPTIES E ARTICOLO 25 UNDECIES DEL D.LGS. 231/01 Molteni&C S.p.A. Via Rossini 50 20833 Giussano MB Italy t. +39 0362 359.1 Capitale Sociale Euro 7.500.000 i.v. R.E.A. n. 431710 Registro Imprese Monza e Brianza n. 00809720154 Tribunale di Monza Partita

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

CODICE ETICO. DI ACI Informatica SPA

CODICE ETICO. DI ACI Informatica SPA CODICE ETICO DI ACI Informatica SPA Versione 2 approvata dal Consiglio di Amministrazione di ACI Informatica S.p.A. il 16/11/2009. I riferimenti del Codice Etico a ACI Informatica o Società o Azienda si

Dettagli

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 MASTER ITALIA S.p.A. approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 PREMESSA Questo codice etico, redatto volontariamente da Master Italia S.p.A. e approvato dal suo consiglio di amministrazione,

Dettagli

CODICE ETICO. Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO Pagina 1. di 15 CODICE ETICO

CODICE ETICO. Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO Pagina 1. di 15 CODICE ETICO CODICE ETICO Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO Pagina 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I. PRINCIPI GENERALI... 5 II. COMPORTAMENTO NELLA GESTIONE

Dettagli

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5 Sommario PREMESSA... 2 CAPO I... 3 DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Ambito di applicazione e Destinatari 3 Art. 2 - Principi generali... 3 Art. 3 - Comunicazione... 3 Art. 4 - Responsabilità... 3 Art.

Dettagli

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012)

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) INDICE - PREMESSA -... 2 CAPO I... 3 - DISPOSIZIONI GENERALI -... 3 1. I Destinatari... 3 CAPO II...

Dettagli

Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione di SICO S.p.A. nella riunione del 18 febbraio2011

Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione di SICO S.p.A. nella riunione del 18 febbraio2011 Codifica documento CODICE ETICO Revisione Rev 00 Data prima emissione 18 febbraio 2011 Data ultima emissione 18 febbraio 2011 Motivi della revisione SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...2 2. PRINCIPI GENERALI...2

Dettagli

OPAS CONSULTING - MANIFESTO ETICO

OPAS CONSULTING - MANIFESTO ETICO OPAS CONSULTING - MANIFESTO ETICO Questo Manifesto Etico è stato redatto per garantire che i valori etici fondamentali di OPAS CONSULTING siano definiti in modo chiaro e costituiscano i punti basilari

Dettagli

CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR

CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR Aut. Min. Lav. 1118/SG del 26/11/04 INDICE 1.INTRODUZIONE 3 2.VALORI ETICI 3 3.CRITERI DI CONDOTTA 4 4 Relazioni con gli azionisti 4 Relazioni con interlocutori esterni

Dettagli

5.5 Rapporti con i fornitori e i consulenti pag. 7

5.5 Rapporti con i fornitori e i consulenti pag. 7 Codice Etico ACTL è un associazione culturale, non profit, che ha l obiettivo di favorire la crescita personale e professionale di giovani e adulti attraverso iniziative culturali, formative e di orientamento

Dettagli

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 SAEET S.p.A. CODICE ETICO SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 Introduzione SAEET S.p.A. è consapevole che comportamenti non etici nella condotta degli

Dettagli

Codice Etico Codice Etico S.I.T.L.A. s.r.l. UNION LIDO

Codice Etico Codice Etico S.I.T.L.A. s.r.l. UNION LIDO Etico Etico ApprovatodalConsigliodiAmministrazionediSOCIETA'INCREMENTOTURISTICOLITORALE ADRIATICOS.I.T.L.A.s.r.l.insiglaS.I.T.L.A.s.r.l.(d orainavanti,semplicementeunionlido) indata22.07.2013. IlEticoesprimegliimpegnieleresponsabilitàetichenellaconduzionedegliaffarie

Dettagli

CODICE ETICO. Marzo 2011 CODICE ETICO. Emiss. 2 del 23.03.2011. D. Lgs. 231/2001

CODICE ETICO. Marzo 2011 CODICE ETICO. Emiss. 2 del 23.03.2011. D. Lgs. 231/2001 CODICE ETICO D. Lgs. 231/2001 Emiss. 2 del 23.03.2011 CODICE ETICO Marzo 2011 Codice Etico AGENZIA RADIO TRAFFIC srl 23.03.2011 Documento riservato 1 / 14 INDICE 1. Premessa...3 Vision...3 Mission...4

Dettagli

CODICE ETICO. SICUREMA S.r.l. SAFETY CONSULTING 1. INTRODUZIONE

CODICE ETICO. SICUREMA S.r.l. SAFETY CONSULTING 1. INTRODUZIONE CODICE ETICO 1. INTRODUZIONE Il Codice Etico (di seguito, in breve, Codice) esprime gli impegni e le responsabilità etiche nella conduzione degli affari e delle attività aziendali assunti dai collaboratori

Dettagli

Introduzione. 1. Ambito di applicazione e destinatari. 2.Principi etici

Introduzione. 1. Ambito di applicazione e destinatari. 2.Principi etici CODICE ETICO Indice Introduzione 1. Ambito di applicazione e destinatari. Principi etici.1. Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari.. Valore della persona e delle risorse umane.3. Riservatezza.4.

Dettagli

Codice Etico. GALLERIA VERDE S.r.l.

Codice Etico. GALLERIA VERDE S.r.l. Codice Etico GALLERIA VERDE S.r.l. Adottato dal Consiglio di Amministrazione del 18 marzo 2013 1 Indice 1. Introduzione pag. 3 2. AMBITO DI APPLICAZIONE E SCOPO pag. 3 3. DESTINATARI pag. 3 4. VALORI E

Dettagli

CODICE ETICO. Onlus SOMMARIO. 1 Premessa 2 Principi generali. 3 Organo di vigilanza 4 Sanzioni disciplinari 5 Disposizioni finali

CODICE ETICO. Onlus SOMMARIO. 1 Premessa 2 Principi generali. 3 Organo di vigilanza 4 Sanzioni disciplinari 5 Disposizioni finali CODICE ETICO SOMMARIO 1 Premessa 2 Principi generali 2.1 Principio di legittimità morale 2.2 Principio di equità e uguaglianza 2.3 Principio di diligenza 2.4 Principio di trasparenza 2.5 Principio di onestà

Dettagli

CODICE ETICO FACCHINI FRANCESCO SPA. Rev. 00 09/01/2015 secondo la norma internazionale SA8000: 2008 e il D. Lgs. 231/2001 e s.m.i.

CODICE ETICO FACCHINI FRANCESCO SPA. Rev. 00 09/01/2015 secondo la norma internazionale SA8000: 2008 e il D. Lgs. 231/2001 e s.m.i. FACCHINI FRANCESCO SPA CODICE ETICO Rev. 00 09/01/2015 secondo la norma internazionale SA8000: 2008 e il D. Lgs. 231/2001 e s.m.i. 2014 FACCHINI FRANCESCO S.p.A..- Tutti i diritti di diffusione e riproduzione

Dettagli

CODICE ETICO. C o d i c e E t i c o E d i z i o n e G e n n a i o 2 0 0 7

CODICE ETICO. C o d i c e E t i c o E d i z i o n e G e n n a i o 2 0 0 7 CODICE ETICO I N D I C E 1. PREMESSA 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 4.1 Rispetto della Legge 4.2 Onestà e correttezza 4.3 Centralità

Dettagli

Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. Codice Etico

Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. Codice Etico Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. Codice Etico Approvato dal consiglio di amministrazione del 20 luglio 2010 Indice Premessa Mission e visione etica Ambito di applicazione del Codice Principi e norme

Dettagli

Indice 1. Premessa 2. Attuazione e garanzie 3. Destinatari ed ambiti di applicazione 4. Principi etici e di comportamento

Indice 1. Premessa 2. Attuazione e garanzie 3. Destinatari ed ambiti di applicazione 4. Principi etici e di comportamento codice etico Indice 1. Premessa 2. Attuazione e garanzie 3. Destinatari ed ambiti di applicazione 4. Principi etici e di comportamento 4.1 Principio generale 4.2 Principio di lealtà e fedeltà 4.3 Principi

Dettagli

CODICE ETICO. EUROPA FACTOR S.p.A.

CODICE ETICO. EUROPA FACTOR S.p.A. CODICE ETICO EUROPA FACTOR S.p.A. INDICE PREMESSA Pag. 2 PRINCIPI GENERALI Ambito di applicazione Pag. 3 Divieto di attività senza titolo autorizzativo Pag. 4 Obblighi di professionalità e competenza e

Dettagli

PENTAIR WATER ITALY S.R.L.

PENTAIR WATER ITALY S.R.L. . CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 8 GIUGNO 2001 N. 231 Prima Edizione 19 marzo 2015 Pagina 1 Pagina 2 INDICE - PREMESSA -... 4 CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI -... 7 1. Ambito di applicazione e destinatari...

Dettagli

Codice Etico Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 15 marzo 2011

Codice Etico Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 15 marzo 2011 Codice Etico Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 15 marzo 2011 INDICE 1 Premessa...3 1.1 Destinatari... 3 1.2 Missione aziendale e principi etici generali... 3 1.3 Contenuti

Dettagli

DEXIT S.r.l. Codice Etico e di comportamento interno

DEXIT S.r.l. Codice Etico e di comportamento interno DEXIT S.r.l. Codice Etico Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 28 aprile 2011 Il Presidente del CdA Dott. Marco Podini 231-MO- 03.0 pag. 1/17 PRINCIPALI MODIFICHE RISPETTO ALLA VERSIONE PRECEDENTE

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012 POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA Novembre 2012 Premessa 1. Il Codice etico aziendale contiene i principi di comportamento per la conduzione dell attività di

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione INDICE 1. PREMESSA 3 2. OBIETTIVI

Dettagli