CBM Scrl. Codice Etico e Carta dei Valori. documento approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 26 luglio 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CBM Scrl. Codice Etico e Carta dei Valori. documento approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 26 luglio 2010"

Transcript

1 CBM Scrl Codice Etico e Carta dei Valori documento approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 26 luglio 2010 revisione 0 del 9 aprile 2010 CEeCV - 1/10

2 INDICE INTRODUZIONE LA SOCIETA I VALORI RISPETTO DELLA LEGGE CODICE ETICO E SISTEMA DI PREVENZIONE DEI REATI INTERESSATI OBBLIGHI DELLA SOCIETA Pubblicità del Codice Etico Modello Organizzativo Rapporti con i soci Rapporti con i media Tutela della dei dati personali e informazioni riservate Rapporti con e tra i dipendenti Utilizzo di beni aziendali Scritture contabili Responsible Care Sicurezza e igiene sul lavoro e tutela dell ambiente Sviluppo sostenibile e responsabilità sociale nei confronti delle collettività Sistema Qualità RAPPORTI CON PARTI CORRELATE Conflitti di interessi OBBLIGHI NEI RAPPORTI ESTERNI Rapporti con la Pubblica Amministrazione Donazioni e prestazioni gratuite offerte alla struttura pubblica Donazioni e prestazioni gratuite offerte a e da privati Rapporti con i fornitori Sperimentazioni ed indagini cliniche ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO E SANZIONI Organi preposti al controllo Sistema disciplinare VIGENZA DEL CODICE...10 CEeCV - 2/10

3 INTRODUZIONE Il presente codice etico ( Codice ) rappresenta il nostro documento aziendale fondamentale, un vero manifesto dei diritti e dei doveri, che attribuisce a tutti noi una forte responsabilità etica e sociale. Il Codice afferma i principi etici cui CBM ha deciso di adeguarsi e, di conseguenza, gli impegni e le responsabilità che intende assumere nella gestione degli affari e delle attività aziendali, nel convincimento che ciò sia anche condizione del successo dell impresa. CBM intende sviluppare nel tempo il rapporto fiduciario con i suoi stakeholders ( Interessati ), cioè con quelle categorie di individui, gruppi o istituzioni le cui aspettative sono in gioco nella conduzione delle attività aziendali e che, a vario titolo, possono contribuire al perseguimento della sua missione. Sono Interessati, a mero titolo esemplificativo: clienti, grossisti, aziende ospedaliere, autorità ed istituzioni sanitarie; fornitori: università e centri di ricerca, consulenti scientifici e non, fornitori di materie prime, beni e servizi, sistema bancario e finanziario; collaboratori: amministratori, dipendenti ed altri collaboratori legati all impresa da rapporti di lavoro continuativi; soci; pubblica amministrazione: UE, stato, regioni, enti locali; collettività: locale, nazionale, associazioni di cittadini, di imprese, di volontariato, contribuenti, organizzazioni sindacali, media; Dal momento che il Codice definisce i doveri di CBM nei confronti degli Interessati, si pone l esigenza della sua effettiva osservanza come termine di confronto in base al quale giudicare la reputazione di CBM. 1. LA SOCIETA Il CBM, costituito il 22 gennaio 2004 per volontà del Consorzio per l area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste, è una società consortile mista pubblico/privato a responsabilità limitata che ha fra le sue primarie finalità: promuovere ricerche innovative nell'ambito biomedico, farmaceutico e nell'ambito dello sviluppo di strumentazioni biomedicali avanzate, in proprio e da parte dei soci e dei soggetti convenzionati; sviluppare collaborazioni scientifiche con centri di ricerca nazionali ed internazionali, attraverso l'organizzazione di manifestazioni scientifiche, anche a scopo divulgativo, la realizzazione di progetti di ricerca in collaborazione, la promozione di programmi di ospitalità e scambio di ricercatori; favorire la formazione avanzata e la mobilità internazionale dei ricercatori attraverso la promozione di dottorati di ricerca, assegni e contratti di ricerca, borse e premi di studio; ospitare e gestire grandi strumentazioni ad uso comune e laboratori, prestare servizi e fornire assistenza e consulenza per l'accesso e la gestione dei finanziamenti per la ricerca, a favore dei soci, delle Università, delle Istituzioni Scientifiche e sanitarie e delle imprese convenzionate, anche acquisendo, in nome e per conto dei consorziati, fondi, risorse e finanziamenti da destinare alle attività oggetto di convenzione; realizzare, a partire dalle ricerche e dalle conoscenze sviluppate dai soci, prodotti e strumenti utili all'impiego diagnostico e terapeutico molecolare; curare lo sfruttamento commerciale dei risultati delle ricerche, ai quali compartecipa in base agli accordi con i soci ed i soggetti convenzionati; promuovere e partecipare ad iniziative imprenditoriali di ricerca industriale e sviluppo precompetitivo dei risultati della ricerca dei soci e dei soggetti convenzionati nel settore della biologia e medicina molecolare, nonchè della farmaceutica. CEeCV - 3/10

4 Il CBM, inoltre, con la stipula dell Accordo di Programma firmato in data 5 ottobre 2004 dal MIUR e dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia ha visto attribuirsi la seguente ulteriori responsabilità: sovrintendere all intera organizzazione del distretto tecnologico di biomedicina molecolare svolgendo direttamente attività volte al rafforzamento del distretto o assicurando la promozione di dette attività. 2. I VALORI Professionalità Le migliori competenze del CBM nascono dall'esperienza, dal costante aggiornamento, dalla capacità strategica e creativa e sono al servizio del territorio in cui CBM opera. Innovazione I progetti sviluppati dal CBM sono finalizzati alla ricerca di un continuo avanzamento di risultati nell ambito scientifico. Nell offrire servizi e per affrontare al meglio le sfide competitive del mercato l innovazione rappresenta una caratteristica strategica. Partnership La collaborazione tra ricerca pubblica ed impresa viene gestita dal CBM secondo i principi del mutuo rispetto e del beneficio reciproco tra i partner. Responsabilità Il CBM è consapevole che le ricerche che conduce mediante i suoi progetti di ricerca, la medicina personalizzata e la totalità dei servizi offerti sono connotati di forte rilevanza in termini di impatto sulle persone. Trasparenza In ogni rapporto contrattuale con dipendenti, collaboratori, clienti e fornitori, vengono rispettate le regole di lealtà, trasparenza, etica. La correttezza è assunta in CBM come valore fondamentale anche con i concorrenti: la competizione è fondata sull'eccellenza e sulle specifiche capacità. Onestà Il CBM è impegnato nel costante e diligente rispetto delle leggi vigenti, dei regolamenti interni, della presente Carta e delle relative norme e convenzioni citate. Rispetto Ogni azione del CBM è gestita nel totale rispetto delle idee e delle persone con le quali entra in relazione. 3. RISPETTO DELLA LEGGE CBM ha come principio imprescindibile il rispetto delle leggi e dei regolamenti vigenti in tutti i Paesi in cui opera. Gli amministratori, i dirigenti ed i dipendenti della società, nonché tutti coloro che a vario titolo operano per il conseguimento degli obiettivi, sono tenuti, nell ambito delle rispettive competenze ed attività, all osservanza delle norme giuridiche vigenti ed applicabili. In caso di dubbi sulla conformità a normative di difficile o non immediata comprensione, ogni operatore è tenuto a consultarsi con il diretto superiore gerarchico. CEeCV - 4/10

5 4. CODICE ETICO E SISTEMA DI PREVENZIONE DEI REATI Il presente Codice definisce i principi basilari di etica societaria e corretta gestione del business validi per alcuni degli Interessati quali ad esempio: amministratori, dirigenti, dipendenti, collaboratori, consulenti, clienti, fornitori e agenti. CBM si impegna a trasmettere il presente Codice a tutti coloro che entreranno in relazione con esso. La verifica sulla diffusione del Codice all interno e all esterno della società e sulla sua effettiva applicazione è di competenza dell Organismo di Vigilanza di CBM. 5. INTERESSATI Gli Interessati alle dipendenze di CBM hanno l obbligo di osservare le disposizioni del presente Codice sia nei rapporti tra loro, sia nei rapporti con i terzi. In particolare: i soggetti in posizione apicale, quali gli Amministratori, i sindaci, i procuratori ed i dirigenti muniti di delega, uniformano la propria condotta ai principi del presente Codice; i dirigenti di CBM osservano il presente Codice e ne esigono il rispetto da parte dei dipendenti e collaboratori. A tal fine, la condotta dei Dirigenti costituisce punto di riferimento per tutti i collaboratori. Ciascun Dirigente vigila sul personale sottoposto alla sua direzione e adotta le misure necessarie a prevenire le violazioni; i dipendenti di CBM osservano ed applicano il Codice nell adempimento delle mansioni e, in caso di dubbi sulle modalità di applicazione, si rivolgono all Organismo di Vigilanza; i collaboratori esterni sono tenuti al rispetto del presente Codice e uniformano la propria condotta ai relativi principi. L osservanza del presente Codice costituisce parte integrante delle obbligazioni contrattuali di dirigenti, dipendenti e di tutti gli Interessati; la sua violazione potrà essere valutata come inadempimento alle obbligazioni primarie del rapporto di lavoro e implicare le sanzioni disciplinari ovvero la risoluzione del rapporto. In nessun caso l intenzione di agire nell interesse o a vantaggio della società giustifica il compimento di atti e comportamenti in contrasto con i principi del presente Codice, ai quali deve riconoscersi valore prioritario ed assoluto. 6. OBBLIGHI DELLA SOCIETA 6.1 Pubblicità del Codice Etico CBM si adopera affinché tutti i Interessati siano a conoscenza del Codice, oltre che delle leggi e dei comportamenti da tenere. A tal fine, la società provvederà ad informare adeguatamente i Interessati ed a fornire loro supporto nell interpretazione e nella corretta applicazione delle norme contenute nel Codice. 6.2 Modello Organizzativo La società ha intenzione di dotarsi, nel medio periodo, di un Modello Organizzativo in grado - tramite specifiche procedure e protocolli - di gestire i processi aziendali a rischio di reato e di facilitare dipendenti e collaboratori al pieno rispetto delle norme contenute nel presente Codice Etico. 6.3 Rapporti con i soci CBM ha l obiettivo di massimizzare il valore della società per i propri soci. CBM garantisce parità di trattamento a tutti i soci, con i quali instaura un dialogo continuativo e trasparente, nel pieno rispetto della normativa vigente. CEeCV - 5/10

6 6.4 Rapporti con i media CBM si impegna a mantenere un dialogo continuativo con i media (es. TV, stampa, internet, ecc.) al fine di informare il pubblico in merito all attività aziendale e dare una rappresentazione veritiera e corretta dei fatti. I rapporti con i media spettano alla funzione aziendale appositamente designata. 6.5 Tutela della dei dati personali e informazioni riservate CBM attua le prescrizioni in materia di protezione e tutela dei dati personali mediante l'adozione delle necessarie misure organizzative. Le informazioni che vengono considerate riservate nei rapporti fra CBM e terzi, sono tutelate da appositi accordi che vengono sottoscritti fra i soggetti interessati. 6.6 Rapporti con e tra i dipendenti Il personale è assunto con regolari contratti di lavoro o di collaborazione. Ogni collaboratore riceve informazioni dettagliate relative a: caratteristiche della funzione e delle mansioni da svolgere; elementi normativi e retributivi, come regolati dal contratto collettivo nazionale di lavoro e dalla contrattazione integrativa; norme e procedure da adottare al fine di evitare i possibili rischi per la salute associati all attività lavorativa; copia del codice etico e modalità di reperimento del regolamento interno e delle regole di comportamento a cui il collaboratore dovrà sempre attenersi nello svolgimento della propria attività lavorativa e nella relazione con i colleghi. Tali informazioni sono presentate al collaboratore in modo che l accettazione dell incarico sia basata su una comprensione effettiva di tutti i suoi contenuti. i collaboratori rappresentano il patrimonio fondamentale ed insostituibile per il successo di CBM che, quindi, tutela e promuove il valore delle proprie risorse umane allo scopo di migliorare ed accrescere le loro competenze. I rapporti tra la Società ed i propri dipendenti e tra i dipendenti medesimi debbono essere ispirati ai principi di convivenza civile e di rispetto reciproco nonché alla tutela della professionalità e dei diritti della persona. Non sono ammesse né tollerate discriminazioni per ragioni di razza, di religione, di lingua, di sesso e di appartenenza politica e sindacale. CBM si impegna a non favorire forme di clientelismo e nepotismo nella selezione e progressione di carriera del personale. Il personale è assunto in base ai contratti di lavoro previsti dalle leggi vigenti e non è ammessa alcuna forma di lavoro irregolare o di sfruttamento di manodopera. La parte variabile della retribuzione e gli strumenti di incentivazione sono determinati in base al raggiungimento di obiettivi aziendali concreti, specifici, misurabili ed assegnati nel rispetto delle norme di legge, contrattuali nonché del presente Codice Utilizzo di beni aziendali Ogni collaboratore è tenuto ad operare per la tutela dei beni aziendali, attraverso comportamenti responsabili ed in linea con le procedure operative predisposte per regolamentarne l utilizzo e deve, quindi: utilizzare con diligenza, buon senso ed oculatezza i beni affidatigli; evitare utilizzi che possano essere causa di danno o di riduzione di efficienza, o comunque contrari all interesse dell azienda. Ogni collaboratore è altresì responsabile della conservazione e della protezione delle risorse affidategli e ha il dovere di informare tempestivamente le unità preposte di eventuali minacce o eventi dannosi per l impresa. In particolare ogni collaboratore è tenuto a: adottare alla lettera quanto previsto dalle politiche di sicurezza aziendali; CEeCV - 6/10

7 adottare alla lettera quanto previsto dalle politiche in tema di trattamento dei dati personali, utilizzo di Internet e della posta elettronica. 6.7 Scritture contabili La società fornisce nel bilancio e negli altri documenti contabili e fiscali richiesti dalla vigente normativa, una rappresentazione fedele della realtà aziendale, in modo da assicurare trasparenza e tempestività di verifica. A tal fine, tutti i dipendenti coinvolti nelle scritture contabili, devono assicurare la massima collaborazione, la completezza e chiarezza delle informazioni fornite, nonché l accuratezza dei dati e delle elaborazioni. È fatto espresso divieto di impedire od ostacolare, attraverso l occultamento di documenti o altri idonei artifici le attività di controllo attribuite agli organi preposti, interni ed esterni. 6.8 Responsible Care Sicurezza e igiene sul lavoro e tutela dell ambiente In ambito sicurezza e tutela dell ambiente il CBM adotta con scrupolo tutte le misure previste dalla legge. In particolare, il CBM pone grande attenzione alle tematiche della sicurezza sul luogo di lavoro investendo in formazione ed infrastrutture per garantire il massimo supporto al Servizio Prevenzione e Protezione aziendale; in ambito di tutela ambientale il CBM è sensibile all obiettivo della riduzione degli impatti ambientali delle proprie attività; inoltre, come testimonianza di un impegno concreto a gestire le attività aziendali secondo i canoni del rispetto dell ambiente, ha tra i propri obiettivi di medio-lungo periodo la certificazione ISO Sviluppo sostenibile e responsabilità sociale nei confronti delle collettività CBM è impegnato a operare nel rispetto della salute delle persone e dell ambiente, ben consapevole delle proprie responsabilità sociali ed etiche nei confronti delle comunità in cui opera o da cui possa trarre risorse. CBM intende partecipare al benessere economico e alla crescita della comunità nella quale opera attraverso l erogazione di servizi efficienti e tecnologicamente avanzati. Pertanto individua nella ricerca e nell innovazione una condizione prioritaria di crescita e successo. Nella consapevolezza della peculiarità del servizio erogato, l Azienda intrattiene con le pubbliche Autorità locali, nazionali e sopranazionali relazioni ispirate alla piena e fattiva collaborazione e alla trasparenza, nel rispetto delle reciproche autonomie, degli obiettivi economici e dei valori contenuti in questo Codice Sistema Qualità CBM intende il proprio Sistema di Gestione per la Qualità come una leva fondamentale per raggiungere gli obiettivi di mercato e di soddisfazione del cliente, in accordo con la norma di riferimento, la ISO9001. La Direzione del CBM si è assunta la responsabilità di garantire l'identificazione e di assicurare la regolamentazione, l'attuazione, il miglioramento ed il controllo della rete di processi interconnessi in un' ottica di soddisfacimento delle esigenze del cliente. Per questo, mediante il suo Sistema di Gestione per la Qualità, si impegna a prestare particolare cura ai seguenti punti: - la creazione di un ambiente idoneo per la consapevolezza ed il soddisfacimento delle esigenze dei Clienti; - l'individuazione di una politica per la Qualità, di obiettivi per la Qualità e di criteri e modalità di pianificazione, esecuzione, controllo e miglioramento; - l'esecuzione di riesami globali dell'andamento gestionale dell'intera azienda; - la garanzia della disponibilità delle risorse necessarie. CEeCV - 7/10

8 7. RAPPORTI CON PARTI CORRELATE 7.1 Conflitti di interessi I dipendenti, i dirigenti ed i consulenti/collaboratori di CBM dovranno evitare situazioni in cui i loro interessi entrino in conflitto con gli interessi della società. Qualora si trovi in una situazione di conflitto di interessi, anche solo potenziale, la persona interessata deve comunicare tale circostanza al superiore gerarchico di immediato riporto e all Organismo di Vigilanza, astenendosi dal compiere qualsiasi operazione. 8. OBBLIGHI NEI RAPPORTI ESTERNI 8.1 Rapporti con la Pubblica Amministrazione Possono gestire rapporti con la Pubblica Amministrazione in nome e per conto di CBM solo le funzioni e le risorse appositamente ed esplicitamente incaricate. Nella gestione di tali attività, le risorse della società hanno l obbligo di evitare qualsiasi azione in grado di ledere l autonomia dei rappresentanti della Pubblica Amministrazione o la loro imparzialità di giudizio. Coerentemente a tale principio e a titolo esemplificativo, è vietato: offrire denaro o doni a dirigenti, funzionari o dipendenti della Pubblica Amministrazione o a loro parenti, sia italiani che di altri Paesi, salvo che si tratti di doni o utilità d uso di modico valore; esaminare o proporre opportunità di impiego e/o commerciali che possano avvantaggiare i dipendenti della Pubblica Amministrazione a titolo personale o persone da questi segnalate; fanno eccezione gli incarichi conferiti ai pubblici dipendenti, nei casi previsti dalla legge; sollecitare o ottenere informazioni riservate che possano compromettere l integrità o la reputazione di una o di entrambe le parti. È vietato, nella produzione di documenti sociali, prospettare raffigurazioni dei fatti non rispondenti al vero, in grado di indurre in errore o alterare la capacità di analisi della Pubblica Amministrazione, specie se tali artifizi siano connessi a verifiche ispettive della Pubblica Autorità ovvero a finalità di acquisizione di fondi pubblici. Nei casi in cui siano stati ottenuti finanziamenti da soggetti pubblici, è fatto obbligo di destinare i fondi per le esatte finalità per le quali gli stessi sono stati richiesti ed ottenuti. 8.2 Donazioni e prestazioni gratuite offerte alla struttura pubblica Le donazioni di denaro legate a finalità di alto valore sociale o di ricerca scientifica e/o il comodato di beni e attrezzature a strutture pubbliche esterne devono effettuarsi nel rispetto della normativa vigente. E altresì fatto divieto di praticare a strutture sanitarie pubbliche - o a soggetti ad esse collegati sconti abnormi o non dovuti o comunque contrari alla normale pratica commerciale ed alle disposizioni interne aziendali. 8.3 Donazioni e prestazioni gratuite offerte a e da privati Non sono consentiti regali che possano essere interpretati come mezzo per ottenere trattamenti di favore per qualsiasi attività collegabile a CBM. La norma riguarda sia i regali promessi o offerti, sia quelli ricevuti; per regalo si intende qualsiasi tipo di beneficio in denaro, in natura o in servizio. 8.4 Rapporti con i fornitori CBM, pur propendendo per la creazione di rapporti stabili utili alla creazione di valore, applica il criterio della valutazione periodica del proprio albo fornitori al fine di perseguire gli obiettivi di economicità ed efficienza, nonché delle garanzie di assistenza e tempestività. Per ottenere ciò si perseguono relazioni commerciali con i fornitori offrendo CEeCV - 8/10

9 e ricercando imparzialità, trasparenza, lealtà e correttezza e relegando al ruolo di pratiche disdicevoli i criteri che comportino conflitti di interesse o vantaggi personali. 8.5 Sperimentazioni ed indagini cliniche La società sponsorizza la ricerca scientifica nel rispetto della normativa vigente nonché dei protocolli aziendali implementati allo scopo. L utilizzo degli animali per fini di ricerca e sperimentazione è ammissibile solo in quanto strumento necessario e, al momento, insostituibile per l avanzamento delle conoscenze scientifiche, la scoperta e lo sviluppo di farmaci e servizi innovativi. Gli animali impiegati a tale scopo danno un contributo essenziale alla realizzazione della missione aziendale. CBM, compatibilmente con le esigenze della ricerca scientifica, riconosce ed accetta pienamente la propria responsabilità morale di trattarli nel miglior modo possibile, riducendone al minimo le sofferenze. 9. ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO E SANZIONI 9.1 Organi preposti al controllo Una corretta ed efficace applicazione del codice etico è possibile soltanto attraverso l impegno e il concorso dell intera struttura CBM, che deve rendere ogni singolo comportamento coerente con i principi etici del codice stesso e collaborare con gli organismi responsabili del processo di attuazione e controllo e cioè con: il Consiglio di Amministrazione; l Organismo di Vigilanza. Il C.d.A. di CBM, in materia di codice etico: riceve il piano annuale di lavoro e le relazioni semestrali di ethical auditing dell Organismo di Vigilanza che conterranno informazioni sull efficacia, sull adeguatezza e sullo stato di attuazione e rispetto del codice etico, con le relative proposte di revisione, integrazione e modifica; riceve dall Organismo di Vigilanza le segnalazioni di eventuali violazioni del codice etico, unitamente ad una relazione semestrale riepilogativa; decide su ciascuno dei punti precedenti o, in alternativa, incarica della valutazione e della decisione un apposito ulteriore organismo che avrà altresì il compito di attuare le decisioni prese. Il C.d.A. di CBM nomina un Organismo di Vigilanza che, operando in piena autonomia e indipendenza, ha la responsabilità di proporre il programma etico aziendale ed i suoi aggiornamenti, di istruire ed effettuare il programma di vigilanza e controllo e di informare il C.d.A. sulle proprie attività. All Organismo di Vigilanza spetta di: informare il C.d.A. sullo stato di applicazione del codice etico; verificare il livello di applicazione del codice etico attraverso l attività di ethical auditing; proporre la periodica revisione del codice etico; ricevere e valutare le segnalazioni di violazione del codice etico; suggerire al C.d.A. le sanzioni da comminare nei casi di violazione. Tutti gli Interessati sono tenuti ed incoraggiati a segnalare, per iscritto ed in forma non anonima, qualsiasi violazione o sospetto di violazione del codice etico all Organismo di Vigilanza. Questi provvede all analisi della segnalazione, ascoltando eventualmente le parti coinvolte nella presunta violazione, garantisce il segnalante da qualsiasi forma di ritorsione e, inoltre, assicura la riservatezza dell identità del segnalante, fatti salvi gli obblighi di legge. L Organismo di Vigilanza riporta le violazioni, emerse dalle segnalazioni degli Interessati o dall attività di ethical auditing, ed i suggerimenti ritenuti necessari al C.d.A., il quale, a seguito di un opportuna analisi e per il tramite del Presidente, comunica i provvedimenti decisi alle competenti funzioni aziendali: queste ultime ne curano l attuazione e ne riferiscono l esito all Organismo di Vigilanza. CEeCV - 9/10

10 Le segnalazioni possono essere inviate con le seguenti modalità: all indirizzo: 9.2 Sistema disciplinare L inosservanza delle regole di condotta contenute nel presente Codice può avere rilevanza per l irrogazione di sanzioni disciplinari. Nessun comportamento illecito o comunque in violazione di disposizioni del presente Codice o anche solo illegittimo o scorretto potrà essere giustificato o considerato meno grave, anche se compiuto nell interesse o a vantaggio di CBM. Le sanzioni, nel rispetto della legge e dei contratti collettivi vigenti, saranno proporzionate alla gravità delle infrazioni commesse. 10. VIGENZA DEL CODICE Il presente Codice è vigente dalla data di approvazione da parte del C.d.A. di CBM, con deliberazione del 26/7/2010. Ogni aggiornamento modifica o aggiunta al presente Codice dovrà essere approvata dal C.d.A. di CBM. Copia del presente Codice è consegnata a tutti gli Interessati che la firmano per presa visione ed è disponibile per la consultazione in formato elettronico, sul sito internet dell azienda. Dichiarazione di presa visione Il/la sottoscritto/a..., nato/a a, il, residente in, in qualità di...della Società dichiara di aver ricevuto copia del Codice Etico predisposto da CBM, e di aver preso atto delle disposizioni in esso contenute. Si impegna altresì ove dovuto - ad osservarle e a promuoverne l osservanza tra i colleghi e collaboratori. Trieste,, 20 Firma CEeCV - 10/10

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Approvato dal CdA del 27.06.12

Approvato dal CdA del 27.06.12 CODICE ETICO Approvato dal CdA del 27.06.12 1 1. INTRODUZIONE...4 1.1 La Missione di BIC Lazio SpA...4 1.2 Principi generali...4 1.3 Struttura e adeguamento del Codice Etico...5 2. DESTINATARI DEL CODICE...5

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 PREMESSA... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo 1... 5 Ambito di applicazione e Destinatari... 5 Articolo 2... 5 Comunicazione... 5 Articolo 3... 6 Responsabilità...

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità.

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità. CODICE ETICO Premessa Il presente Codice Etico (di seguito, anche il Codice ) definisce un modello comportamentale i cui principi ispirano ogni attività posta in essere da e nei confronti di Starhotels

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. CODICE ETICO. Versione n. 1 del 31 maggio 2013

Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. CODICE ETICO. Versione n. 1 del 31 maggio 2013 Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. Versione n. 1 del 31 maggio 2013 A tutti i dipendenti e collaboratori Oggetto: diffusione del Codice

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO 2ª Edizione - Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Calzedonia Holding S.p.A - il 17 marzo 2014 ENG INTRODU- ZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE DEL CODICE ETICO Un Azienda

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

ai sensi del D.Lgs 231/2001

ai sensi del D.Lgs 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO GASPARINA DI SOPRA Società Cooperativa Sociale Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare 1 ELENCO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01

Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01 ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01 Sintesi Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (DPR 62/2013)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (DPR 62/2013) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (DPR 62/2013) Art.1 - Disposizioni di carattere generale 1. Il presente codice di comportamento, di seguito denominato "Codice", definisce, ai fini dell'articolo

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI

CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI Visto l art. 4, comma 2, Cost. che così recita: Ogni cittadino ha il dovere di svolgere secondo le proprie possibilità

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

Ordinamento del personale degli enti locali

Ordinamento del personale degli enti locali Questionario n. 2 Ordinamento del personale degli enti locali 1) Qual è la differenza tra rapporto organico e rapporto di servizio? A) Il rapporto organico non ha natura giuridica, il rapporto di servizio

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 CIRA S.C.p.A. (PARTI GENERALI) DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 14 GENNAIO 2014 REVISION HISTORY DOC.

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

*** NORMATTIVA - Export HTML ***

*** NORMATTIVA - Export HTML *** Pagina 1 di 7 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 62 Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici, a norma dell'articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 62

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 62 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 62 Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici, a norma dell'articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group

Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group Contenuti Introduzione 3 I valori del gruppo Value Partners 4 Le linee guida della nostra condotta verso gli stakeholder 5 Verso

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY

DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE E RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY Johnson Matthey ha assunto alcuni impegni contro la concussione e la corruzione che

Dettagli

di Avviso Pubblico arta Pubblico CODICE ETICO PER LA BUONA POLITIC www.avvisopubblico.it CODICE ETICO PER LA BUONA POLITICA

di Avviso Pubblico arta Pubblico CODICE ETICO PER LA BUONA POLITIC www.avvisopubblico.it CODICE ETICO PER LA BUONA POLITICA La arta di Avviso Pubblico La Carta di Avviso Pubblico CODICE ETICO PER LA BUONA POLITIC CODICE ETICO PER LA BUONA POLITICA www.avvisopubblico.it Avviso Pubblico SEDE OPERATIVA: Viale Cadorna, 21-50129

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Se avete domande in merito al Codice IDEX di condotta ed etica aziendale o se avete episodi da segnalare, seguite le procedure indicate nel Codice.

Se avete domande in merito al Codice IDEX di condotta ed etica aziendale o se avete episodi da segnalare, seguite le procedure indicate nel Codice. A tutti i dipendenti, dirigenti e direttori IDEX: Al fine di soddisfare e superare le esigenze dei nostri clienti, fornitori, dipendenti e azionisti sono essenziali criteri di comportamento elevati e coerenti,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Comune di Narni ---------------- PART. IVA 00178930558

Comune di Narni ---------------- PART. IVA 00178930558 All. 6 CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI NARNI Art. 1 Oggetto 1. Il presente codice di comportamento integra e specifica le previsioni di cui al D.P.R. 16.4.2013, n. 62 Regolamento recante

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

Rapporti con la P.A. I reati di cui agli artt. 24 e 25 del Decreto 231. Possibili modalità di commissione

Rapporti con la P.A. I reati di cui agli artt. 24 e 25 del Decreto 231. Possibili modalità di commissione ALLEGATO 15 Rapporti con la P.A. I reati di cui agli artt. 24 e 25 del Decreto 231. Possibili modalità di commissione Per una sintetica descrizione dei reati richiamati negli artt. 24 e 25 del Decreto

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli