Capitolo 8. Espatrio e Documenti di identificazione. 1. L identificazione. Sommario 1. L identificazione La carta di identità Espatrio.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 8. Espatrio e Documenti di identificazione. 1. L identificazione. Sommario 1. L identificazione. - 2. La carta di identità. - 3. Espatrio."

Transcript

1 Edizioni Simone - Vol. 29/2 - Legislazione e Ordinamento di Pubblica Sicurezza Capitolo 8 Espatrio e Documenti di identificazione Sommario 1. L identificazione La carta di identità Espatrio. 1. L identificazione A) Premessa Nell ambito del panorama operativo ed investigativo proprio delle Forze di Polizia, lo strumento maggiormente impiegato per le indagini o per le attività di Polizia è rappresentato dell identificazione di persone. Essa consente all operatore di polizia di avere un primo ed iniziale contatto con la persona. L identità di un soggetto può individuarsi con certezza non soltanto attraverso il nome, il cognome, il luogo e la data di nascita, ma anche attraverso la paternità e la maternità dello stesso. Tali dati sono sufficienti ad identificare una persona in modo inequivocabile, senza rischiare di incorrere in problemi connessi all omonimia. Per procedere all identificazione, i dati di un singolo individuo vengono «ufficializzati» in un documento amministrativo che ricopre valenza giuridica fornita allo stesso dalla Pubblica Amministrazione e, quindi, dal medesimo Ente che lo rilascia. Attualmente sono riconosciuti validi diversi i documenti idonei ad identificare un cittadino, alcuni hanno valenza nazionale, altri, internazionale. Sotto il profilo strettamente giuridico, sussistono due differenti tipologie di identificazione, relative ad ambiti diversi che sono: identificazione di pubblica sicurezza; identificazione di polizia giudiziaria. B) L identificazione di Pubblica Sicurezza Si ha l identificazione di pubblica sicurezza quando gli organi di polizia procedono a controlli sulla identità delle persone nel corso di operazioni volte a tutelare, in via preventiva, la sicurezza della collettività. In tali ipotesi, l attività di controllo e di identificazione prescinde dalla commissione o dalla repressione di un reato e non rientra tra le attività di polizia giudiziaria, bensì parte della polizia di prevenzione. In particolare: l Autorità di pubblica sicurezza deve provvedere al mantenimento dell ordine pubblico, alla tutela della sicurezza dei cittadini e della proprietà; deve curare l osservanza delle leggi e deve provvedere al soccorso in caso di infortuni, nonché alla bonaria composizione dei dissidi. Per il raggiungimento di tali scopi, l autorità di pubblica sicurezza può procedere, in ogni caso e nei confronti di chiunque, alla identificazione delle persone;

2 166 Capitolo 8 i singoli individui dimostrano la propria identità mediante l esibizione di appositi documenti (carta d identità e titoli equipollenti, come il libretto di porto d armi, la tessera sanitaria, il passaporto etc.) o dichiarando le proprie generalità (vedi infra par. 2). La carta d identità ed i titoli equipollenti (1) devono essere esibiti ad ogni richiesta degli Ufficiali e degli Agenti di pubblica sicurezza. È punito con l arresto fino ad un mese o con l ammenda fino ad euro 206 (art. 651 c.p.) chiunque, rifiuta di dare indicazioni sulla propria identità personale agli ufficiali ed agenti di polizia, ovvero rende agli stessi dichiarazioni false o esibisce documenti falsi (artt c.p.) (2). Nei confronti di chiunque rifiuti di dichiarare le proprie generalità, renda false dichiarazioni ovvero esibisca documenti in circostanze dalle quali si evincano sufficienti indizi per ritenere la falsità delle informazioni fornite, gli ufficiali e gli agenti di polizia possono, altresì, procedere al fermo-accompagnamento per identificazione (art. 11, D.L , n. 59, convertito con modifiche nella L , n. 191, contenente disposizioni penali e processuali per la prevenzione e la repressione di gravi reati). Le persone accompagnate possono essere trattenute per il tempo necessario all identificazione e comunque non oltre le 24 ore. Dell accompagnamento e del successivo rilascio deve essere data tempestiva notizia al Procuratore della Repubblica. La norma, che precede di circa un decennio l introduzione del successivo art. 349 c.p.p., differisce dalla disposizione codicistica. Quest ultima, infatti, individua i soggetti in riferimento ai quali si può procedere ad accompagnamento (indagati e potenziali testimoni) e limita la durata stessa della operazione ad un periodo non superiore alle dodici ore. Orbene, proprio l introduzione di tale disposizione nell attuale codice di procedura penale ha indotto parte della dottrina a ritenere che il limite delle 12 ore debba analogicamente applicarsi anche per le ipotesi contemplate nell art. 11 del D.L. 59/1978. C) L identificazione di Polizia Giudiziaria Nell ambito dell attività investigativa diretta alla assicurazione delle fonti di prova personali, l art. 349 c.p.p stabilisce che la polizia giudiziaria procede alla identificazione della persona nei cui confronti vengono svolte indagini (indagato) e della persona in grado di riferire su circostanze rilevanti per la ricostruzione dei fatti (testimone). A tal fine, la polizia giudiziaria può «accompagnare» presso i propri uffici coloro che rifiutino di farsi identificare, ovvero forniscano generalità o documenti di identificazioni ritenuti falsi. Tuttavia, anche se l accompagnamento è previsto nei confronti sia dell indagato che del potenziale testimone ai fini dell esatta identificazione personale, si precisa che, soltanto sulla persona nei cui confronti sono svolte le indagini, potranno essere effettuati rilievi dattiloscopici, fotografici e antropometrici, nonché altri accertamenti. (1) Ai sensi degli articoli 292 e 293 del Regolamento di P.S., sono considerati equipollenti alla carta d identità: le tessere di riconoscimento postale; i passaporti; i libretti di porto d armi; le tessere ferroviarie degli impiegati statali; le tessere di riconoscimento, munite di fotografia e timbro a secco, rilasciate da organi delle amministrazioni statali. (2) Nei confronti delle persone pericolose o sospette e nei confronti di coloro che non sono in grado o si rifiutano di provare la propria identità, l Autorità di pubblica sicurezza ha facoltà di ordinare che si proceda a rilievi segnaletici (descrittivi, fotografici, dattiloscopici ed antropometrici) (art. 4 T.U.L.P.S).

3 Espatrio e Documenti di identificazione 167 L art. 349 c.p.p. combinato disposto con gli artt. 4 e 7 T.U.L.P.S. La disposizione appena citata, contenuta nel secondo comma dell art. 349 c.p.p., deve essere letta in combinato disposto con gli articoli 4 del T.U.L.P.S. e 7 del relativo regolamento di esecuzione, i quali attribuiscono all Autorità di P.S. il potere di sottoporre le persone pericolose, sospette, che si rifiutino o non siano in grado di provare le proprie identità, a rilievi segnaletici descrittivi, fotografici, dattiloscopici e antropometrici. Alla luce delle disposizioni esaminate, può concludersi che il potere in questione, a differenza di quanto previsto dall art. 349 c.p.p. (relativo alla sola attività di polizia giudiziaria e non a quella di pubblica sicurezza), può quindi esplicarsi anche nei confronti di persone «non indagate». L art. 349 c.p.p., tuttavia, sotto un altro profilo, sembra avere una portata più ampia, in quanto richiama anche altri accertamenti (oltre a quelli dattiloscopici, fotografici e antropometrici), prevedendo la possibilità di utilizzare anche tutti quei mezzi di indagine (ad es. di tipo genetico) che, grazie al progresso tecnico-scientifico od a causa della difficoltà del caso concreto, appaiano opportuni o necessari ai fini dell identificazione. La persona accompagnata coattivamente negli uffici di Polizia può esservi trattenuta per il tempo strettamente necessario per l identificazione e, comunque, non oltre le 12 ore (art. 349, comma 4, c.p.p.). Dell accompagnamento e dell ora dello stesso è data immediata notizia al P.M., il quale, se ritiene che non ricorrano le condizioni previste, ne ordina il rilascio. In ogni caso, la polizia giudiziaria può (e deve), in ogni caso, rilasciare l accompagnato, quando l identificazione è stata effettuata. Quando procede all identificazione (3), la polizia giudiziaria invita la persona nei cui confronti vengono svolte le indagini a dichiarare o ad eleggere domicilio per le notificazioni, invitandola a dichiarare le proprie generalità e quant altro possa valere ad identificarla, ed ammonendola circa le conseguenze cui si espone chi rifiuta di dare le proprie generalità o le dà false (reati previsti e puniti dagli artt. 651, 495 e 496 c.p.). Analizziamo di seguito i singoli documenti validi per l identificazione, ponendone in luce limiti e potenzialità. 2. La carta d identità A) Nozione Il principale mezzo di identificazione delle persone è costituito dalla carta di identità, disciplinata dall art. 3 del T.U.L.P.S. Essa, infatti, è necessaria ai fini dell identificazione in particolari circostanze dettate dal T.U.L.P.S. quali: a) per la presentazione agli albergatori ed affittacamere (art. 109 T.U.); b) per ottenere la licenza di affissione e distribuzione di avvisi e manifesti (art. 115 T.U.); c) per compiere operazioni presso agenzie pubbliche (art. 120 T.U.); d) per compiere operazioni relative al commercio o alla fabbricazione di oggetti preziosi (art. 128 T.U.). (3) Nell ambito delle operazioni di sicurezza e di controllo del territorio, nonché di prevenzione dei delitti contro la criminalità organizzata, la legge prevede l identificazione a scopi di pubblica sicurezza, cui possono procedere i militari delle forze armate. Per porre in essere simile identificazione, i militari accompagnano la persona da identificare presso i più vicini uffici di polizia; si applicano le disposizioni dell art. 349 c.p.p.

4 168 Capitolo 8 Come si evince dall art. 3 del T.U.L.P.S. in commento, essa viene rilasciata dal Sindaco alle persone che ne facciano richiesta e ha durata decennale salvo per i minori, per i quali la validità è di: tre anni, se di età inferiore a tre anni; cinque anni, se di età compresa fra tre e diciotto anni. Necessariamente deve essere munita della fotografia della persona a cui si riferisce e, quelle di cui all art. 7viciester del D.L. 7/2005, conv. in L. 4/2005, ovvero quelle in formato elettronico, anche delle impronte digitali. Solo i minori di età inferiore a dodici anni sono esentati da tale ultimo obbligo. Ai sensi della L. 191/1998 a decorrere dal 1 gennaio 1999 sulla carta d identità deve essere indicata la data di scadenza. È opportuno a tal proposito fare cenno alla legge di semplificazione e sviluppo, D.L. 5/2012, conv. in L. 35/2012, che ha introdotto nell articolo 7 una «proroga» della validità della carta di identità, rinviandola automaticamente al giorno e mese di nascita del suo titolare, immediatamente successivo alla scadenza prevista sul documento stesso. L autorità di P.S. ha la facoltà, inoltre, di ordinare alle persone pericolose o sospette di munirsi, entro un dato termine, della carta di identità e di esibirla ad ogni richiesta degli ufficiali o degli agenti di P.S. In caso di smarrimento, distruzione o furto della carta di identità, l interessato deve presentare alla Questura competente, anche per mezzo del Comune, la denuncia, chiedendo il rilascio di un duplicato, rilascio per il quale è richiesto il nulla-osta della Questura. Oltre che ai cittadini italiani, la carta d identità può essere rilasciata, anche agli stranieri che siano residenti nel territorio della Repubblica e siano iscritti all Anagrafe comunale; per gli stranieri residenti o dimoranti la carta di identità ha, tuttavia, solo funzione di documento di identificazione, ma non è valida anche per l espatrio. B) Carta d identità come titolo valido per l espatrio Anche la carta d identità costituisce titolo valido per l espatrio. Con il D.P.R , n. 649, infatti, è stata dettata una nuova disciplina per l uso della carta d identità e di altri documenti equipollenti al passaporto. Il cittadino che voglia usufruire della carta d identità per espatriare nei Paesi membri dell Unione Europea, all atto della richiesta del detto documento in Comune, deve redigere e firmare una dichiarazione scritta in cui attesti di non trovarsi in alcuna delle condizioni ostative al rilascio del passaporto. Ove tale dichiarazione non venga rilasciata, sulla carta d identità l Autorità comunale apporrà la dicitura «Documento non valido per l espatrio». Ove, successivamente al rilascio della carta d identità valida per l espatrio, sopravvengano una o più circostanze relativamente alle quali l art. 12 della L , n prevede il ritiro del passaporto, all interessato, a cura delle Questure in Italia o delle rappresentanze diplomatiche e consolari all estero, dovrà essere notificato l obbligo di esibire la carta d identità, perché su di essa venga apposta la detta dicitura, con diffida a non utilizzare il

5 Espatrio e Documenti di identificazione 169 documento per l espatrio, pena l applicazione nei suoi confronti della sanzione di cui all art. 24 della L. 1185/1967 (4). Le Questure daranno comunicazione dell apposizione di tale dicitura ai Comuni che hanno rilasciato il documento. Analoga comunicazione dovrà essere effettuata allorché vengano meno le circostanze che hanno determinato l emissione del detto provvedimento, sì da consentire al Comune di rilasciare, a richiesta dell interessato, altra carta d identità valida per l espatrio. La medesima normativa si applica anche ad altri documenti equipollenti, tra cui la tessera di riconoscimento rilasciata ai dipendenti dello Stato e loro familiari in forza del D.P.R , n C) Carta d identità valida per l espatrio rilasciata a minori di 14 anni L articolo 3 t.u.l.p.s. al comma 4 aseguito di una modifica introdotta dal d.l. 1/2012 convertito con L. 27/2012, stabilisce che «la carta d identita valida per l espatrio rilasciata ai minori di età inferiore agli anni 14 può riportare, a richiesta delle parti, il nome dei genitori o di chi ne fa le veci. L uso di essa è però comunque subordinata alla condizione chei minori viaggino in compagnia dei genitori o di chi ne fa le veci o che venga menzionato, in una dichiarazione di chi può dare il consenso, il nome e cognome della persona, dell ente o della compagnia di trasporto a cui il minore è affidato». Tale dichiarazione deve essere convalidata dalla questura o dalle autorità consolari se il rilascio avviene all estero. Carta d identità elettronica: la CIE è il documento di identificazione destinato a sostituire la carta d identità cartacea sul territorio italiano. L art. 66, D.Lgs , n. 82 (Codice dell amministrazione digitale) detta le norme di principio aventi ad oggetto il rilascio della carta di identità elettronica. I commi 3 e 4 prevedono che i documenti di riconoscimento dovranno contenere i dati personali e il codice fiscale e possono contenere anche l indicazione del gruppo sanguigno e le altre opzioni di carattere sanitario previste dalla legge. Il D.P.C.M. 22 ottobre 1999, n. 437 ha fissato i principi e le norme generali per il rilascio dei nuovi documenti informatici. Il documento d identità elettronico è rilasciato dal Comune di residenza o d iscrizione all AIRE (Anagrafe italiani residenti all estero) a seguito della prima iscrizione anagrafica e può anche non essere rinnovato. In tal caso conserva validità unicamente quale documento di attribuzione del codice fiscale. La carta d identità elettronica e il documento d identità elettronico devono contenere: i dati identificativi della persona; il codice fiscale; i dati di residenza; la cittadinanza; la fotografia; l eventuale indicazione di non validità ai fini dell espatrio; il codice numerico identificativo del documento, il codice del Comune di rilascio, la data del rilascio e la data di scadenza; (4) L art. 24 L. 1185/1967 così dispone «Chiunque esce dal territorio dello Stato senza essersi munito di passaporto o di altro documento equipollente ai sensi delle disposizioni in vigore, ovvero con passaporto la cui validità sia stata sospesa ai sensi della presente legge, è punito, se il fatto non costituisce più grave reato, con l ammenda da 15 a 154. La pena è dell arresto fino a sei mesi o della ammenda da 38 a 464 se il passaporto era stato negato o ritirato. La pena è dell arresto da un mese a un anno e dell ammenda da 77 a 774 se il colpevole, al momento del suo espatrio, si trovava nelle condizioni previste dall articolo 3, lettere c), d), e), ovvero se egli non aveva ancora adempiuto agli obblighi di leva.».

6 170 Capitolo 8 la sottoscrizione del titolare o di uno degli esercenti la potestà genitoriale o la tutela; impronte digitali (art. 2, c. 2 T.U.L.P.S.). Le regole tecniche della carta di identità elettronica sono previste dal D.M in G.U , n Espatrio A) Premessa L art. 16 della Costituzione al secondo comma sancisce che ogni cittadino è libero di uscire dal territorio della Repubblica e di rientrarvi, salvo gli obblighi di legge. Questo principio, che è espressione della più generale libertà di soggiorno ha trovato attuazione nella L n (riguardante norme sui passaporti) che all art. 1 sancisce: «ogni cittadino è libero, salvo gli obblighi di legge, di uscire dal territorio della Repubblica, valendosi del passaporto o di documento equipollente ai sensi delle disposizioni in vigore, e di rientrarvi». L inciso «salvo gli obblighi di legge», evidenzia che il diritto di espatrio non è assoluto ma è sottoposto ad obblighi che la legge sancisce nell interesse generale quali: la sicurezza interna ed internazionale dello Stato; quando la vita, gli interessi economici o la salute dei cittadini possono correre grave pericolo in altri paesi (CALESINI). B) Il passaporto Il passaporto è il documento necessario per il cittadino che vuole uscire dal territorio della Repubblica. Competente al rilascio del passaporto ordinario è il Ministero degli Esteri e per sua delega: in Italia, dai Questori e, in casi eccezionali, dagli Ispettori di frontiera per gli italiani all estero; all estero, dai rappresentanti diplomatici e consolari. Non possono ottenere il passaporto (art. 3): coloro che, sottoposti alla potestà parentale o alla potestà tutoriale e sono privi dell assenso della persona che la esercita, e, in caso di affidamento a persona diversa dell assenso di questa o in difetto dell autorizzazione del giudice tutelare; i genitori che, avendo prole minore, non ottengono l autorizzazione del giudice tutelare. L autorizzazione non è necessaria quando il richiedente abbia l assenso dell altro genitore, o quando sia titolare esclusivo della potestà sul figlio, ovvero ai soli fini del rilascio del passaporto di servizio quando sia militare o impiegato in missioni militari internazionali; coloro che debbano espiare una pena restrittiva della libertà personale; o hanno una multa o ammenda da soddisfare, salvo, in questo secondo caso, nulla-osta della Autorità che deve curare l esecuzione della sentenza; coloro che siano sottoposti ad una misura di sicurezza detentiva ovvero a misura preventiva ex art. 3, L. 1423/1956;

7 Espatrio e Documenti di identificazione 171 coloro che, residenti all estero e richiedendo il passaporto dopo il primo gennaio dell anno in cui compiono 20 anni, non hanno regolarizzato la loro posizione in rapporto all obbligo del servizio militare; i condannati per i reati previsti dalla disciplina degli stupefacenti (D.P.R. 309/1990) nei cui confronti il giudice, con la sentenza di condanna, abbia disposto il divieto di espatrio per un periodo di tempo non superiore a 3 anni. Il Codice di procedura penale all art. 281 prevede espressamente fra le misure coercitive il divieto di espatrio, con cui il giudice prescrive all imputato di non uscire dal territorio nazionale senza l autorizzazione del giudice che procede e a tal fine dà le disposizioni necessarie per impedire l utilizzazione del passaporto. Tale misura è applicabile a coloro nei cui confronti si procede per delitti puniti con l ergastolo e con la reclusione superiore nel massimo a tre anni. C) Il passaporto ordinario individuale (art. 14, L. 1185/1967) Il passaporto viene rilasciato, rinnovato, ritirato o restituito dal Ministro per gli Affari esteri e per sua delega: in Italia dai Questori ed eccezionalmente il Dirigente dell ispettorato di frontiera per gli italiani all estero; all estero i rappresentanti diplomatici e consolari. La disciplina del passaporto individuale è stata modificata ultimamente dalla L , n. 166 di conversione del D.L , n. 135 che ne ha riformulato gli articoli 14 e 17 della citata L Pertanto, il passaporto ordinario è individuale e spetta ad ogni cittadino, anche minore, salvo le cause ostative previste dalla legge (art. 3, L. 1185/1967). Per i minori degli anni quattordici, l uso del passaporto è subordinato però alla condizione che viaggino con uno dei genitori o di chi ne fa le veci, oppure che venga menzionata, sul passaporto o documento di autorizzazione ai sensi dell art. 3, citato, il nome della persona, ente o compagnia di trasporto a cui il minore è affidato. Tale dichiarazione deve però essere vistata dall Autorità competente al rilascio del passaporto. Il passaporto ha validità di dieci anni (art. 17, L. 1185/1967) ma tale durata può essere ridotta su richiesta di chi ne abbia facoltà a norma di legge e in base all età del titolare: per i minori di anni tre la validità è di tre anni; per i minori di età compresa tra i tre e i diciotto, la validità è di 5 anni. Nei casi di urgenza può essere rilasciato un passaporto con validità di 1 anno. Le nuove regole nascono dall esigenza di contrastare il fenomeno della sottrazione di bambini ai genitori affidatari ma soprattutto per far fronte all attività criminale che vede i minori vittime di tratte internazionali per scopi raccapriccianti come il traffico di organi. In questo modo si vuole garantire maggiore individualità ai minori e quindi maggiore sicurezza quando essi affrontano un viaggio. Tuttavia restano validi i passaporti con l iscrizione dei minori, rilasciati fino ad oggi. L istanza, corredata dalla relativa necessaria documentazione, può essere presentata al Sindaco del Comune di residenza o alla Stazione Carabinieri o al Commissariato di P.S. competente per territorio, i quali devono trasmetterla alla Questura, con le informazioni di rito, entro cinque giorni dalla presentazione. Ricevuta l istan-

8 172 Capitolo 8 za, il Questore deve rilasciare il documento entro quindici giorni; il termine è prorogabile per altri quindici giorni nel caso in cui sia necessario il completamento dell istruttoria, previa comunicazione all interessato. L Autorità deputata all istruttoria della pratica è quella preposta all Ufficio o alla rappresentanza all estero nella cui circoscrizione il richiedente ha la residenza; in casi particolari l Autorità del luogo di residenza può delegare quella competente per domicilio o dimora. La L. 3/2003 ha modificato l art. 17, L. 1185/1967 stabilendo che il passaporto ha validità per 10 anni. Nella fase transitoria, cioè per tutti i documenti rilasciati prima dell entrata in vigore della nuova normativa, la durata dei documenti potrà prorogarsi fino ad un massimo di 10 anni dalla data del rilascio. Anche prima della scadenza il passaporto potrà essere rinnovato per un periodo complessivamente non superiore a quello massimo indicato dalla legge, cioè 10 anni. Si tenga presente che per quanto riguarda la marca da bollo (concessione governativa di 39,99) essa non deve essere più allegata alla richiesta di rinnovo ma deve essere apposta sul passaporto salvo l ipotesi in cui ci si rechi in uno dei paesi non appartenenti all Unione europea. In caso di smarrimento bisogna fare circostanziata denuncia ad una delle autorità indicate dall art. 5, L. 1185/1967. Si ha diritto peraltro, ad ottenere un duplicato. D) I passaporti speciali La legge distingue i passaporti ordinari da quelli speciali, ossia: il passaporto diplomatico e quello di servizio, entrambi rilasciati dal Ministro per gli affari esteri. Il primo, oltre a consentire l espatrio, serve per una più agevole identificazione del titolare quale agente diplomatico che ha diritto ad un trattamento differenziato. Il passaporto di servizio è rilasciato a funzionari dello Stato che si portino all estero per motivi inerenti al loro servizio. E) Il passaporto collettivo Trattasi del documento che abilita all espatrio gruppi di persone di numero non inferiore a cinque e non superiore a cinquanta, e può essere rilasciato per motivi culturali, religiosi, sportivi, turistici od altri previsti da accordi internazionali. L istanza deve essere redatta dal capogruppo, il quale deve essere munito di passaporto individuale; essa deve contenere le esatte generalità dei componenti del gruppo. Sul passaporto collettivo possono essere iscritti anche minori, purché muniti dell atto di assenso dei genitori. Tutti i componenti del gruppo, ad esclusione dei minori degli anni quattordici, devono essere muniti, di un valido documento di identificazione. Il passaporto collettivo è valido, per il solo viaggio all estero al qualse il documento si riferisce e per una durata non superiore a quattro mesi. Per ogni componente del gruppo, ad esclusione del capo gruppo e dei minori degli anni dieci, deve essere versata la tassa di 2,07. Passaporto biometrico: allo scopo di garantire una maggiore sicurezza internazionale, l Italia, come la maggior parte degli Stati europei, ha introdotto il cd. passaporto biometrico. Trattasi di un passaporto elettronico che dal 26 ottobre 2006 gradualmente le questure italiane e i consolati italiani all estero sono tenuti a rilasciare soprattutto ai richiedenti che devono recarsi negli Stati Uniti d America. In particolare, si tratta di un passaporto che, utilizzando le più moderne tecnologie, prevede l inserimento nello stesso documento e in maniera nascosta, di un microchip capace di memorizzare le informazioni biografiche del titolare, la sua fotografia nonché ultima innovazione ancora in fase di attuazione le impronte digitali dei minori di età compresa tra i 12 e i 18 anni.

9 Espatrio e Documenti di identificazione 173 F) Il ritiro del passaporto L art. 12 della L , n prevede che il passaporto debba essere ritirato allorché sopraggiungano circostanze che, ai sensi della medesima legge, ne avrebbero legittimato il diniego. Il passaporto è altresì ritirato quando: il titolare si trovi all estero e, ad istanza degli aventi diritto, non sia in grado di offrire la prova dell adempimento degli obblighi alimentari che derivano da pronuncia dell autorità giudiziaria o che riguardino i discendenti di età minore ovvero inabili al lavoro, gli ascendenti e il coniuge non separato legalmente (art. 12, comma 2). Il ritiro del passaporto è rimesso alla valutazione discrezionale dell Autorità amministrativa solo nel caso in cui il titolare sia un minore e venga accertato che abitualmente egli svolge all estero attività immorali o presti lavoro in industrie pericolose o nocive alla salute (art. 12, comma 3). Altri casi di ritiro del passaporto sono stati introdotti con la Legge , n. 689, contenente norme sulla depenalizzazione e sull applicazione di sanzioni sostitutive delle pene detentive brevi. L applicazione della semidetenzione (art. 55 legge cit.) e della libertà controllata (art. 56), infatti, comporta per l organo di polizia, cioè l ufficio di pubblica sicurezza del Comune in cui il condannato risiede o, in mancanza, il Comando dell Arma dei Carabinieri territorialmente competente, l obbligo del ritiro del passaporto e della sospensione della validità, ai fini dell espatrio, di ogni altro documento equipollente in possesso del condannato. Il provvedimento di ritiro del passaporto, che deve essere motivato con chiarezza e precisione e deve riportare tutti gli elementi di identificazione delle cause che ne hanno determinato l emanazione, assume la forma dell ordinanza. Il passaporto ritirato viene restituito al titolare a sua richiesta non appena vengono meno i motivi del ritiro. G) Altri documenti validi per l espatrio (CALESINI) Sono documenti validi per l espatrio oltre al passaporto e alla carta d identità di cui al 2 infra, anche: libretto di navigazione; documento di navigazione aerea; tessera personale rilasciata ai dipendenti dello Stato e ai loro familiari; il certificato di stato civile con fotografia che abililita i minori di anni 15 all espatrio nei Paesi aderenti all Accordo di Parigi. Sono speciali documenti di espatrio: quei documenti che a seguito di convenzioni internazionali bilaterali, abilitano all espatrio in un solo Paese; ed esempio la tessera di frontiera con la Francia, la Svizzera, l Austria; altri documenti possono essere rilasciati e rinnovati in base aspecifici accordi internazionali art 21 l. 1185/1967, tra essi ricordiamo: documenti di viaggio per rifugiati legalmente residenti nel territorio dello Stato; titolo di viaggio per stranieri, xche si trovano sotto il mandato dell Alto commissario ONU; titolo di viaggio per apolidi, che non hanno lo status di rifugiato. Puo assumere nei vari stati denominazioni diverse quali titoli di viaggio per apolidi, passaporto per apolidi, certificato di identità per apolidi, ma tutti recano impressa sulla pagina la dicitura «Convenzione del 28 settembre 1954»; lasciapassare delle Nazioni Unite; documento rilasciato da un quartier generale della NATO, detto anche Travel order; lasciapassare foglio sostitutivo del passaporto usato da chi non avendo il regolare documento di viaggio venga autorizzata a circolare fra i diversi Stati.

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali 1. Ogni cittadino è libero, salvi gli obblighi di legge, di uscire dal territorio della Repubblica, valendosi

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha realizzato il servizio di inoltro Telematico delle domande

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Capitolo Terzo I provvedimenti di Polizia

Capitolo Terzo I provvedimenti di Polizia Capitolo Terzo I provvedimenti di Polizia Sommario: 1. Premessa. - 2. Gli ordini e le ordinanze. - 3. Le autorizzazioni. - 4. Segue: Competenza al rilascio delle autorizzazioni. - 5. Segue: La disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Richiesta accesso agli atti

Richiesta accesso agli atti ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI GUGLIELMO MARCONI Corso dei Martiri pennesi n 6 65017 PENNE (PESCARA) Tel.Presidenza 085.82.79.542 Segreteria e Fax 085.82.70.776 C.F.: 80005810686 -

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 20 novembre 1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari Preambolo (G.U.

Dettagli

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA CAPO I OGGETTO DEL DIRITTO D ACCESSO 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI 1. Al fine di favorire

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Presentazione. DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per i Servizi Demografici Area AIRE

Presentazione. DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per i Servizi Demografici Area AIRE Presentazione Facilitare l accesso ai servizi ai cittadini, sia residenti in Italia che all estero, rappresenta uno degli obiettivi fondamentali dell Amministrazione Pubblica. Esso è ispirato al principio

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Tessera del Tifoso Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Indice degli argomenti Cos è la tessera del tifoso I punti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli