L AT T E N TAT O AL WORLD TRADE CENTER DI NEW YORK

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L AT T E N TAT O AL WORLD TRADE CENTER DI NEW YORK"

Transcript

1 L AT T E N TAT O AL WORLD TRADE CENTER DI NEW YORK Una cronaca dettagliata direttamente dalla voce dei protagonisti delle difficili operazioni di intevento. Anthony L. Fusco* - Comandante del Dipartimento dei Vigili del fuoco del City of New York Fire Department da Fire Engineering - Pennwell Publishing Co. * ANTHONY L. FUSCO è comandante del Dipartimento dei Vigili del fuoco e presta servizio da 33 anni presso il City of New York (NY) Fire Department. Ha ricoperto il ruolo di comandante delle operazioni di intervento in occasione dell attentato dinamitardo al World Trade Center. Il New York City Fire Department (FDNY) è intervenuto centinaia di volta presso il World Trade Center (WTC), sin dalla sua inaugurazione nel Tali interventi hanno riguardato generalmente incendi di piccola entità, oppure falsi allarmi, ma anche incendi rilevanti, come quello verificatosi il 13 febbraio Nessuna delle numerose e precedenti esperienze avrebbe potuto prepararci a quanto accadde il 26 febbraio L attentato dinamitardo al World Trade Center è stato un avvenimento di proporzioni immense, il più grande incidente mai affrontato dai Vigili del fuoco di New York in 128 anni della loro storia, tanto complesso da costituire in realtà una serie di incendi multipli combinati in uno. Nei termini di numero di unità dei Vigili del fuoco intervenute, si può parlare dell equivalente di 16 incendi. Come comandante dell intervento, posso affermare che è stato portato a conclusione con successo grazie all impegno ed al coraggio dei Vigili del fuoco intervenuti. Le statistiche sono infatti sconcertanti: sei persone sono morte e sono rimaste ferite. Tra i feriti, 15 persone hanno subito danni causati dall esplosione stessa. Circa 20 persone hanno sofferto di problemi cardiaci, mentre 30 donne incinte sono state tratte in salvo. Sono rimasti feriti anche 88 Vigili del fuoco (uno dei quali ha dovuto essere ricoverato in ospedale), 35 agenti di Polizia ed un operatore dell EMS, il servizio di emergenza sanitaria. Si stima che circa persone siano state evacuate dal complesso del WTC e quasi persone da ognuna delle due torri. I centralinisti dei Vi g i l i del fuoco hanno ricevuto oltre chiamate telefoniche, la maggior parte delle quali riguardava vittime intrappolate ai piani superiori delle torri. Nei due edifici, la ricerca e l evacuazione è stata completata in circa 11 ore dall inizio dell intervento. Tutto è cominciato con una bomba alla nitrourea da oltre libbre, unità a bombole di idrogeno aggiunte per incrementarne gli effetti distruttivi, che è stata fatta esplodere nell ormai famoso furgone giallo della Ryder Econoline, al piano B-2 del parcheggio, provocando danni e distruzione ai sette livelli dell autorimessa-parcheggio, sei dei quali sotterranei. Il cratere a forma di L provocato dall esplosione al livello B-2 era profondo 130 piedi e lungo 150. L e p i c e n t r o dell esplosione è stato localizzato sotto l angolo nord est del Vista Hotel. I Vigili del fuoco di New York sono intervenuti con 84 autopompe, 60 carri polisoccorso, 28 comandanti di battaglione, 9 comandanti aggiunti, 5 squadre di soccorso ed altre 26 unità speciali (che rappresentano quasi il 45% del personale del FDNY in servizio). Le unità dei Vigili del fuoco sono rimaste presenti sul luogo dell intervento per ben 28 giorni. L inizio delle operazioni A Manhattan, durante l ora di pranzo del 26 febbraio, nevicava. La temperatura si aggirava intorno ai 20 gradi Fahrenheit. Alle ore una violenta esplosione ha fatto tremare il complesso del World Trade Center. I Vigili del fuoco dell autopompa 10 e dell autoscala 10, situate in una caserma di fronte al complesso del WTC sulla Liberty Street, hanno sentito il rombo dell esplosione e sono intervenuti immediatamente, avvertendo dell incidente e della propria azione i centralinisti del FDNY di Manhattan. 73

2 Contemporaneamente, i centralinisti di Manhattan hanno ricevuto nel proprio ufficio numerose chiamate. Dalle prime indicazioni, abbiamo pensato che l esplosione fosse stata provocata da un trasformatore posto nelle vicinanze del Vista Hotel. Tu t t a v i a, dal numero di chiamate ricevute e dai primi rapporti comunicati dalle unità recatesi sul posto, il normale intervento di due autopompe, due carri polisoccorso ed un ufficiale, non appariva più sufficiente. Sono state così inviate, per rinforzo, un altra autopompa e la squadra di soccorso 1 all area 69. La prima autopompa, giunta sul posto insieme alla prima autoscala (entrambe contrassegnate dal numero 10), si sono trovate di fronte i classici segni di esplosione di trasformatore: denso fumo nero che saliva alla superficie dal sottosuolo del WTC attraverso le porte dell autorimessa posta sul lato dell edificio della West Street. Tuttavia, una cosa ha attirato subito l attenzione: le porte dell autorimessa sotterranea erano deformate. Il tenente dell autoscala 10 ha ordinato di aprire le porte deformate dell autorimessa, con delle seghe a motore per permettere l accesso ed una migliore ventilazione. Trovandosi ad affrontare un apparente incendio in atto, la squadra dell autopompa 10 ha trasmesso il codice (corrispondente proprio ad un incendio in corso). Questa comunicazione ha determinato l arrivo di un ufficiale aggiunto del 2 Battaglione ed uno della 1 Divisione. Nelle normali procedure operative, le prime unità a giungere sul luogo dell intervento proseguono le operazioni della stazione di Polizia/servizio antincendio dell Autorità Portuale (PA) al piano B-1, allo scopo di determinare la posizione dell incendio. Tu t t a- via, a causa dei danni subiti dalle strutture, ciò non è stato possibile. Inoltre, sia l autoscala, l autopompa 10 e il 1 Battaglione erano equipaggiati di radio ricetrasmittenti sintonizzate sulle frequenze della Polizia Portuale. Parte dei Vigili del fuoco sono entrati nell edificio attraverso le rampe dell autorimessa ed hanno incontrato persone in fuga, alcune delle quali ferite. Una volta giunti all interno, si sono resi immediatamente conto che non si trattava di un incendio di trasformatore: i danni erano troppo elevati ed era evidente che la causa fosse da attribuire ad una esplosione nell autorimessa. Anche il comandante John Casey del 1 Battaglione si era accorto che non si trattava di un problema di trasformatore. Nella sua auto di servizio la radio della Polizia dell Autorità Portuale ha dato l annuncio di un esplosione e in seguito l autopompa 10 ha confermato, comunicando di avere rilevato gravi danni all interno dell autorimessa. Al suo arrivo, Casey ha notato il denso fumo che si levava dal livello dell autorimessa e lo ha comunicato alle 12.24, trasmettendo il codice (relativo ad un incendio in corso in edificio a molti piani). Codice che ha determinato l invio di un altra autopompa, di due autoscale, della squadra di soccorso n. 3, dell unità preposta alle comunicazioni durante l intervento (FieldCom), dell unità equipaggiata con maschere e autorespiratori (MSU) e dell autopompa 3, attrezzata per gli incendi in edifici a molti piani. Oltre ai mezzi sopra citati, è stata anche inviata un unità per gli interventi comprendenti materiali pericolosi. Oltre al codice 10-76, sono scattati anche gli allarmi corrispondenti ad altre due aree operative dell intervento (9031 e 9032), allo scopo di ottenere dei mezzi supplementari, necessari per i potenziali (tuttavia tipici) problemi di traffico durante le ore del giorno. Le unità supplementari richieste, costituite da una autopompa, un carro polisoccorso ed un ufficiale di comando, sono arrivate da Brooklyn, attraverso il Brooklyn Battery Tunnel, mentre altrettanti mezzi ed un ufficiale dello stesso grado si sono diretti sul posto attraversando il Manhattan Bridge. Secondo le indicazioni, l esplosione ed il conseguente incendio sembravano essersi verificati sotto il Vista Hotel. Casey ha preso il comando e ha stabilito il proprio quartier generale delle operazioni di intervento di fronte all hotel su West Street. Quasi immediatamente, appena dopo il suo arrivo, è arrivata la notizia che l atrio della Torre 1 si stava riempiendo di fumo e che numerose persone si trovavano intrappolate nei piani sotterranei. Casey ha così trasmesso un secondo segnale di allarme, corrispondente all area di intervento 69 (problemi che si stavano evidenziando all interno del Vista Hotel) alle ed un terzo, sempre corrispondente all area 69, alle 74

3 Il FDNY ha assegnato numeri specifici a determinate aree operative degli edifici di importanza rilevante. Nel caso del WTC, il numero 8084 è assegnato alla Torre 1, mentre il numero 8084 corrisponde alla Torre 2. Dal momento che questo incidente ha avuto origine al Vista Hotel, il segnale di allarme inizialmente lanciato corrispondeva alla strada. Mano a mano che l intervento si rendeva più difficoltoso ed appariva sempre più evidente il coinvolgimento delle torri, sono stati inviati segnali di allarme corrispondenti a quelle aree, contrassegnate dai numeri 8084 e I centralinisti del centro comunicazioni di Manhattan hanno iniziato a ricevere una valanga di chiamate per i problemi legati alla presenza di fumo e di persone intrappolate nella To r r e 1. Così è stato trasmesso un allarme iniziale corrispondente all area 8084 alle ore Il comandante aggiunto Robert Beier è giunto sul posto e ha tentato di accedere alla stazione antincendio del piano B-1. Oltre a trovare l autorimessa completamente invasa dal fumo, la Polizia gli ha comunicato che la suddetta stazione antincendio era stata seriamente danneggiata. Minuto dopo minuto l intervento diventava sempre più complesso. Dopo essersi reso conto che una vasta area del complesso WTC era coinvolta nell incidente, alle ore 12.37, Beier ha trasmesso un quarto allarme corrispondente alla zona 69. Egli conti- Una panoramica del complesso del World Trade Center Informazioni fornite dall Ufficio Tecnico per la gestione dei rischi dell Autorità Portuale Il World Trade Center (WTC) è di proprietà dell Autorità Portuale (Port Authority, PA) di New York e del New Jersey, dalla quale è inoltre gestito. Fu progettato e costruito dalla PA per essere la sede del commercio internazionale nell ambito della regione di New York/New Jersey. Il WTC si trova su di un area di 16 acri nella parte bassa di Manhattan. Il complesso è formato da due torri adibite ad uffici dell altezza di 110 piani (WTC 1 e 2), un hotel di lusso di 22 piani (WTC 3), due edifici di nove piani adibiti ad uffici (WTC 4 e 5), uno stabile di otto piani sede dell autorità doganale americana (WTC 6) ed un altro edificio di 47 piani sempre adibito ad uffici (WTC 7). Tutti e sette gli stabili hanno sbocchi sia sulla piazza di 5 acri che sulle strade cittadine limitrofe. Il complesso è delimitato dalla West Street a ovest, dalle Vesey e Barclay Street ad est e dalla Liberty Street a sud. Il centro commerciale del WTC, situato direttamente sotto la piazza, è il più grande centro commerciale coperto in quell area di Manhattan e la più grande superficie pedonale interna del complesso. Il complesso del WTC contiene oltre 12 milioni di piedi quadrati di superficie per uffici. Ognuno dei 110 piani ha le dimensioni di circa un acro ( piedi quadrati) e non è ostruito da colonne per permettere la massima flessibilità nella disposizione degli uffici stessi. La Torre 1 (Torre Nord) è alta piedi e sulla sua cima è montata una antenna televisiva commerciale da 351 piedi. La Torre 2 (Torre Sud) è invece alta piedi. Il WTC 3, il Vista Hotel, si erge per 265 piedi sul livello stradale e conta 821 stanze. Il WTC 4, noto come Southeast Plaza Building, ha nove piani, è alto 119 piedi ed ha una superficie utilizzabile di piedi quadrati. Il WTC 5, il Northeast Plaza Building, ha nove piani per un altezza di 119 piedi ed uno spazio utilizzabile di piedi quadrati. Il WTC 6 ospita gli uffici della dogana della regione metropolitana di New York/New Jersey, è alto 130 piedi per otto piani con una superficie di piedi quadrati di spazio. Il WTC 7 è alto 634 piedi per 47 piani di uffici. L intero complesso è dotato di 256 ascensori e 72 scale mobili. Circa persone lavorano all interno del complesso del WTC ed altri visitatori (tra turisti e uomini d affari) transitano quotidianamente all interno del centro, nel quale si trovano 450 aziende ed organizzazioni di vario genere, dal settore commerciale a quello governativo, anche straniere, impegnate in attività di commercio internazionale come import, export, spedizioni di merci, mediazioni doganali, finanziarie, assicurative e di trasporti. Il WTC è inoltre sede per Manhattan dell Autorità Portuale di New York e New Jersey (Port Authority of New York and New Jersey). Il complesso è servito da vari mezzi di trasporto pubblico. La New York City Transit Authority fornisce servizi diretti di metropolitana per mezzo delle linee IRT, BMT e IND; il servizio di autobus è disponibile da diversi punti situati nelle strade limitrofe. La Port Authority Trans Hudson o PATH, fornisce un servizio ferroviario diretto con Hoboken, Jersey City, Harrison e Newark, New Jersey. Un servizio di traghetto è inoltre disponibile da Hoboken al limitrofo World Financial Center. 75

4 nuava inoltre a ricevere notizie di persone intrappolate nella Torre 1 e inviava quindi, in quell area e ai livelli sotterranei, mezzi ed uomini di rinforzo, tentando anche di razionalizzare al massimo l impiego degli uni e degli altri. Un secondo allarme, per l area 8084, è stato trasmesso alle ore dal vice comandante aggiunto Kenneth Cerreta, per la zona sud di Manhattan, che è arrivato poco dopo Beier ed ha assunto il comando delle operazioni. Il cercapersone del comandante del dipartimento di New York ha iniziato a suonare incessantemente per ognuno degli allarmi supplementari: questo era il Big O n e. Da quel momento tutti i comandanti e gli ufficiali che si trovavano sul posto hanno preso coscienza dell entità dell intervento: un grande incendio stava bruciando i piani sotterranei, molte persone erano ferite ed intrappolate a causa dell esplosione, le comunicazioni nel complesso del WTC si erano interrotte, il fumo stava riempiendo la Torre 1 ed il Vista Hotel. I Vi g i l i del fuoco, intanto, organizzavano attivamente le operazioni di spegnimento e di soccorso. Cerreta, che riceveva numerose comunicazioni riguardanti problemi dovuti alla presenza di fumo nella Torre 1, ha inviato una squadra per effettuare sopralluoghi e chiarire le cause di questo problema. I Vigili del fuoco gli hanno allora comunicato la presenza di un fumo denso nell atrio e nelle aperture verticali, scale e ascensori compresi. Inoltre, gli occupanti stavano abbandonando l edificio da soli ed alcuni di essi, ai piani superiori, rompevano i vetri delle finestre. Il vice comandante Donald Burns, a capo delle operazioni, è arrivato poco dopo dal Comando Generale dei Vigili del fuoco e si è recato direttamente alla To r r e 1, facendovi installare un posto di comando settoriale. Io sono giunto al posto di comando alle Il fumo usciva dalle porte dell autorimessa del Vista Hotel e le finestre dell atrio della Torre 1 erano annerite dal fumo. La radio del dipartimento aveva dato notizia dell esplosione di un trasformatore, un informazione senza conferma. Gli unici fatti noti riguardavano l esplosione, persone ferite, un incendio di grandi proporzioni che bruciava ad un livello (o a più livelli) del sottosuolo, la presenza di una notevole quantità di fumo ed il coinvolgimento di tre edifici di enormi dimensioni. Ordinarono al vice comandante Steven De Rosa della 3a Divisione di stabilire un comando di settore presso il Vista Hotel. Personalmente ero preoccupato del pericolo presente direttamente sopra la zona dell esplosione e dell incendio. Dopo aver elaborato una valutazione complessiva, ho chiesto a Cerreta se fosse in grado di determinare l entità dell intervento, cosa stava bruciando esattamente e cosa era accaduto. E, dopo breve tempo, il comandante Burns mi comunicava che grandi quantità di fumo stavano entrando nella Torre 1, che la parete divisoria o la compartimentazione, originariamente posta tra la torre e la zona dell incendio, era stata distrutta dall esplosione. Era questa la ragione per cui la diff u s i o- ne del fumo non poteva essere fermata. Era già evidente, sin dai primi momenti dell intervento, che sarebbe stato necessario un grande impiego di forze per fare fronte alle operazioni. Ve n i- va dunque lanciato un quinto allarme relativo all area 69 alle Contattai, a quel punto, Cerreta e gli ordinai di abbandonare la sua missione di perlustrazione e di prendere il comando delle operazioni di spegnimento nei livelli sotterranei. Era chiaro che, in mancanza della capacità di controllare il fumo, le fiamme dovevano essere spente il più presto possibile. Lo spegnimento dell incendio sarebbe stata la chiave per stabilizzare la situazione e per proteggere le vite delle persone che si trovavano ancora all interno degli edifici al di sopra di esso. Mano a mano che i mezzi antincendio arrivavano sul posto venivano inviati nei settori che necessitavano di aiuto e di rinforzi. Un vigile del fuoco è disperso Nello stesso momento in cui il comandante Burns ha avvertito della mancanza di una parete nel Vista Hotel, il vice comandante Eugene Dockter, che con il pari grado Ralph Palmer aveva assunto il comando del settore del Vista Hotel, ha comunicato che un Vigile del fuoco era disperso. Si credeva, con grande preoccupazione, che fosse caduto in una voragine (il cratere provocato dall esplosione). 78

5 Il vice comandante De Rosa, il capo battaglione Richard Rewkowski, l unità 1, una squadra di soccorso, due autoscale e tre autopompe sono state quindi incaricate di occuparsi di questa operazione. Più tardi, è stato rinvenuto il Vi g i l e del fuoco Kevin Shea della squadra di soccorso 1 che, nel tentativo di raggiungere le vittime rimaste intrappolate, era precipitato in un cratere. La gravità delle sue ferite ha però richiesto un intervento chirurgico d urgenza. Nel frattempo, il posto di comando aveva ricevuto notizia della presenza di fumo nella Torre 2 e del fatto che numerose persone, nel tentativo di abbandonare l edificio, erano rimaste intrappolate negli ascensori. Gli ufficiali Robert Manson e Joseph Mills hanno istituito dei comandi di settore presso la Torre 2. Il comando dell intervento Dopo l istituzione di un punto di comando presso la Torre 2, l intera struttura per il coordinamento ed il controllo delle operazioni di intervento era solidamente stabilita. L area dell intervento era stata suddivisa in tre settori principali, la Torre 1, la Torre 2 ed il Vista Hotel e due settori operativi secondari, rappresentati dal salvataggio del Vigile del fuoco Shea e le azioni di spegnimento e di ricerca nei piani sotterranei. Successivamente, allo scopo di assicurare una ricerca completa in tutti gli edifici e nella zona del viale di accesso, sarebbero stati aggiunti altri settori operativi. I comandanti dei vari settori, in e ffetti, hanno gestito autonomamente le proprie operazioni di intervento e provveduto a suddividere le zone d azione in porzioni dalle dimensioni più facilmente controllabili ed in settori secondari, affidandoli ai propri ufficiali. Ogni settore ha dato comunicazione dei propri progressi, problemi e necessità al posto di comando principale e quest ultimo ha fornito il personale e l equipaggiamento, lo sviluppo di nuove strategie operative, messe poi in pratica dai comandi di settore. In tale modo si è tentato di assicurare una buona condizione di sicurezza per i soccorritori, soddisfacendo allo stesso tempo le necessità operative mediante il costante miglioramento della strategia di comando. Il mio impegno, come comandante in capo dell intervento, consisteva nel tenere sotto controllo la posizione delle squadre impegnate e nel seguire i progressi ottenuti durante l intervento. Allo scopo di registrare le posizioni delle varie squadre, ho utilizzato il pannello di controllo dell unità equipaggiata per le comunicazioni (FieldCom). In questa operazione sono stato coadiuvato da due comandanti ed un ufficiale in forze al suddetto mezzo. Nello stesso tempo, altro personale assegnato a questa unità ha istituito dei centri operativi sul campo, ha monitorato le comunicazioni via radio e, via ricetrasmittente, trasmesso bollettini dei progressi operativi e mantenuto un tabellone relativo alla logistica dell intervento. Sia la logistica che l allestimento dei soccorsi sono stati compiti di grandi proporzioni e mentre il primo funzionario aggiunto (ora in carica) William Feehan ha diretto la logistica, il vice comandante aggiunto Donald Ruland si è occupato dell allestimento dei soccorsi, dislocando l incredibile numero di unità operative che si trovavano già sul posto o che stavano ancora affluendo verso di esso. Al vice comandante aggiunto Elsworth Hughes è stato affidato il compito di ufficiale di collegamento. Il posto di comando era a ffollato di rappresentanti delle varie autorità, compreso l Off i c e of Emergency Management (la task force operativa per le emergenze della città), la Polizia, il New York City EMS, i dirigenti tecnici e di gestione dei rischi dell Autorità Portuale, la Consolidated Edison (Con Ed, una società elettrica locale) e molte altre organizzazioni. In molte occasioni, i Vigili del fuoco hanno lavorato a stretto contatto con il personale di altre organizzazioni. Hanno, ad esempio, collaborato con i tecnici della società elettrica locale per bloccare l erogazione del gas, con l Interstate Transportation Department per eff e t- tuare verifiche ai binari dei treni PATH, situati al livello B 6, con i tecnici di varie organizzazioni allo scopo di stabilire strategie e procedure per la prevenzione di potenziali esalazioni di amianto e, fatto ancor più rilevante, con la Polizia ed il personale sanitario dell EMS, per effettuare salvataggi e prestare le prime cure mediche alle vittime. Consapevoli della condizione disagiata provocata dalla presenza di un eccessivo numero di persone che tentavano di accedere al posto di comando, e della neve 79

6 che cadeva fitta, abbiamo deciso che era necessario cercare un luogo più sicuro. E stata perciò richiesta e velocemente montata una grande tenda, che da quel momento è stata utilizzata per ospitare il posto di comando. Un notevole ostacolo alla capacità di rafforzare il controllo dell intervento è stato rappresentato dalle comunicazioni in loco del Dipartimento dei Vigili del fuoco. Sin dall inizio le comunicazioni hanno costituito un grave problema. Con la presenza di 156 unità e 31 ufficiali operativi su un tale intervento, grande era la difficoltà di tenere sotto controllo le frequenze delle comunicazioni delle radio portatili. In quell occasione sono stati utilizzati due canali di comando ed un canale tattico e, in molti casi, i Caratteristiche rilevanti della struttura di comando Ufficio gestione emergenze Condizione e stato delle risorse Comunicazioni Documentazione Comandante del Dipartimento dei Vigili del fuoco Torre 1 Hotel Vista Torre 2 Incendio Sicurezza Media Sicurezza Logistica Gestione degli uomini Equipaggiamento di sicurezza Aree sotterranee Salvataggio del Vigile del fuoco Shea comandanti di settore hanno fatto uso di portaordini per comunicare con il comandante dell intervento. In genere, i problemi erano causati da uno o più dei seguenti fattori: - la quantità di personale che utilizzava i canali; - un numero insufficiente di canali rispetto alle aree operative; - problemi di distanza - perdita di messaggi; - la struttura degli edifici interrompeva i segnali; - l impossibilità di contattare il personale di altre organizzazioni. Molti impiegati che si trovavano nelle torri gemelle hanno avuto accesso a telefoni funzionanti, tanto che il numero di emergenza 911 (un ufficio facente parte del centro per le comunicazioni del Dipartimento di Polizia, che inoltra le chiamate relative ai Vigili del fuoco) e l Ufficio per le comunicazioni di emergenza del FDNY hanno ricevuto oltre chiamate. Gli appelli di emergenza sono stati inoltre ricevuti anche da quattro altri uffici appositi della zona, oltre che dal quartier generale dei Vigili del fuoco di Brooklyn. Mano a mano che venivamo raggiunti da queste richieste di aiuto attraverso l unità FieldCom, le hanno inoltrate al posto di comando e per ognuna di esse sono stati presi specifici provvedimenti operativi. Insieme allo staff del posto di comando, si è determinato il modo in cui dare priorità alle chiamate in base all emergenza/gravità delle comunicazioni e alla disponibilità delle risorse disponibili. Il quadro diventa più chiaro Mentre lavoravo per stabilire il comando ed il controllo delle operazioni, sono iniziate ad affluire le comunicazioni dei comandanti di settore. Mi sono cosìreso conto della reale entità dell intervento. In breve tempo ero venuto a sapere che: - i sistemi di allarme antincendio e di comunicazione pubblica del complesso erano fuori uso; - la stazione interna antincendio del Dipartimento di Polizia era fuori uso; - il sistema delle tubazioni del complesso era stato danneggiato a causa della distruzione 82

7 subita dalla parte di tubature che si trovavano ai piani inferiori, ma alcune parti di esso, in certe zone, potevano ancora essere utilizzate da parte di alcune unità; - il sistema automatico sprinkler era fuori servizio nell area dell esplosione e dell incendio; - molte parti importanti dell impianto elettrico della Torre 1, della Torre 2 e del Vista Hotel erano fuori uso; - i generatori di emergenza, situati al piano B-6, avevano subito gravi danni ai sistemi di r a ffreddamento ad acqua a causa dell esplosione. Av e v a- no funzionato per circa 20 minuti, poi si erano bloccati a causa del surriscaldamento; - un soffitto in cartongesso della stazione della metropolitana al piano B-5 era crollato a causa dell esplosione; - il fumo si stava diffondendo in molte aree del Vista Hotel, della Torre 1 e della Torre 2; - i soccorritori stavano rimuovendo numerosi feriti sia dai piani superiori che inferiori del complesso; - era necessario effettuare una evacuazione di notevole entità, dopo che persone avevano abbandonato da sole la zona, non c era alcuna possibilità di ritorno, non senza un sistema di comunicazione eff i- ciente; - il potenziale numero di persone intrappolate negli ascensori era elevato ed i miei sospetti in materia erano supportati dalla quantità di salvataggi già effettuati. Utilizzando tutte queste preziose informazioni, ero in grado di Risorse Tabellone di controllo del comando Dispiegamento mezzi Comandante aggiunto piani da 1 a 50 ampliare l entità delle operazioni di soccorso e di soddisfare le esigenze strategiche dell intervento. Con un terzo allarme simultaneo, venivano richieste 40 autopompe e autoscale di rinforzo da Brooklyn. Ciò è stato fatto per evitare di smantellare le unità di Manhattan, ma anche per ottenere rapidamente un grande numero di unità sul luogo dell intervento. Nel corso delle ore successive, svariati allarmi supplementari e chiamate speciali sarebbero stati trasmessi per soddisfare la sempre crescente necessità di personale di soccorso. Non è stato richiesto mutuo soccorso da parte del FDNY. Alcune unità del New Jersey ed anche della zona nord dello stato di New York sono intervenute con le proprie attrezzature ed assistenza volontariamente. Operazioni di intervento Entro un ora dal mio arrivo sul luogo dell intervento, il salvataggio del vigile del fuoco Shea era stato portato a compimento e gli incendi presenti nell area sotterranea erano sotto controllo. La nostra priorità era adesso rappresentata dai sopralluoghi da e ffettuare nei piani sotterranei, dalla ricerca e dall evacuazione delle torri e dell hotel, da una valutazione dei danni e della stabilità delle strutture delle aree sotterranee, questi ultimi elementi di grande importanza per l incolumità del personale impegnato nelle operazioni di intervento in quelle aree specifiche. Posto di comando settoriale - VVF Capo battaglione - piani da 1 a unità Capo battaglione - piani da 21 a 40-8 unità Capo battaglione - piani da 40 a 50-8 unità Comando Torre 1 Comandante aggiunto piani da 51 a 110 Collegamento Tecnici addetti agli ascensori Ingegneri dell autorità portuale Comandante aggiunto Ricerca e recupero Zona sicura Capo battaglione - piani da 50 a 70-8 unità Capo battaglione - piani da 70 a 90-8 unità Capo battaglione - piani da 90 a unità EMS soccorso medico 83

8 I danni provocati dall esplosione di Steven C. De Rosa* Gli effetti dell esplosione al World Trade Center sono stati gravi. LIVELLO DELLA PIAZZA (tre piani al di sopra dell esplosione) - Una sezione in calcestruzzo armato del diametro di 100 piedi quadrati è stata sgretolata e sollevata. LIVELLO DELL ATRIO (due piani al di sopra dell esplosione) - Una voragine di 400 piedi quadrati si è aperta in una sala da pranzo/riunioni vicino alla Liberty Ballroom del Vista Hotel. - I vetri delle finestre e la parete divisoria tra il Vista Hotel e la Torre 1 al livello dell atrio sono andati in mille pezzi a causa dell esplosione, la quale ha creato un passaggio per il fumo, che ha così potuto diffondersi dal Vista Hotel alla Torre 1. - Parte del solaio in gesso e cartongesso sopra la voragine è crollato. LIVELLO B-1 (un piano sopra l esplosione) - Una voragine di piedi quadrati si è aperta su di una rampa che porta all autorimessa sottostante. - Il centro di comando e comunicazioni dell Autorità Portuale è stato pesantemente danneggiato e reso inutilizzabile. - Le pareti ed i soffitti sono stati gravemente danneggiati. - Gli ascensori hanno subito danni. - Sette colonne di acciaio hanno subito danni e sono rimaste prive di sostegno laterale. LIVELLO B-2 (piano stradale) - Un cratere a forma di L, delle dimensioni di 130 piedi per 150 nel suo punto massimo, si è aperto, facendo crollare cemento armato e detriti sui piani sottostanti. - Almeno nove colonne in acciaio sono state gravemente danneggiate e sono rimaste senza sostegno laterale. - Molte pareti sono crollate, compreso un blocco di muro adiacente all area dell esplosione nel cui crollo sono rimasti uccisi cinque dipendenti del WTC. - Le porte e le pareti dei vani corsa degli ascensori nella Torre 1 hanno subito gravi danni. - Circa 200 autovetture sono state danneggiate totalmente o in parte, molte delle quali sono state trovate in fiamme. - Le linee primarie della corrente elettrica sono state danneggiate. - Le porte e le pareti dei vani scala hanno subito gravi danni - Alcune tubazioni sono state danneggiate. - Il sistema sprinkler installato nell area dell esplosione è andato distrutto. LIVELLI B-3, B-4, B-5 e B-6 (al di sotto dell esplosione) - Una massa di detriti provocati dall esplosione si è sparsa attraverso uno squarcio in tre livelli della struttura (dal livello B-3 al B-5), cadendo sulle apparecchiature di refrigerazione al livello B-5. - Un soffitto della stazione ferroviaria PATH, al livello B-5, è crollato. - Una tubazione del diametro di 24 pollici per l approvvigionamento idrico, che collega il fiume Hudson agli apparecchi di condizionamento dell aria ed altre apparecchiature di refrigerazione/aria condizionata di minori dimensioni sono state danneggiate. - Le tubazioni dell acqua per i generatori di emergenza sono state danneggiate al livello B-6. Steven C. De Rosa, da 29 anni nel City of New York (NY) Fire Department, è comandante aggiunto della Divisione 3 nella zona centrale di Manhattan, nella quale presta servizio da 10 anni. Ha messo a punto numerose procedure di intervento per i Vigili del fuoco, comprendenti anche le tattiche operative necessarie alle operazioni in edifici a numerosi piani. 84

9 Valutazione dei danni e dei rischi In seguito all utilizzo di un illuminazione di emergenza da parte dei Vigili del fuoco è stato possibile valutare l entità e la gravità dei danni nell area sotterranea. Il livello B-2 che circondava il piano al livello stradale era andato completamente distrutto. Le tubazioni e le condotte erano state spezzate come ramoscelli. Le pareti in muratura ed il solaio in calcestruzzo armato si erano frantumate in mille pezzi, mentre le automobili si erano ribaltate come giocattoli. Le colonne in acciaio erano danneggiate e tuttavia continuavano a reggere. Un ufficiale è stato così incaricato di verificare ed accertare la stabilità della struttura crollata e, coadiuvato da un gruppo di ingegneri dell Autorità Portuale, ha effettuato una serie di sopralluoghi. L esplosione ha danneggiato quattro dei sette alimentatori elettrici in uso, provocando un interruzione nel funzionamento dei sistemi di protezione antincendio ed una sporadica mancanza di energia elettrica in tutto il complesso. Per una serie di motivi, troppo numerosi per essere integralmente citati, il comando dei Vigili del fuoco non ha mai fatto richiesta di interruzione definitiva della corrente elettrica. L i n t e r a circolazione ferroviaria della zona è stata bloccata ed al personale antincendio è stato comunicato di operare con cautela nelle aree sotterranee. Per ragioni che mi sono sconosciute, l energia elettrica è stata tolta completamente alle 1.30 circa. Si è stabilito poi che le operazioni di intervento nei piani sotterranei potevano continuare nei limiti di sicurezza ragionevoli, ma la possibilità di un altro crollo era sempre presente. I piani sotterranei In presenza di tali gravi danni ai piani interrati - i detriti raggiungevano un altezza di diversi metri - le operazioni di ricerca e di sopralluogo sono state condotte in condizioni molto difficili e pericolose. L ufficiale Cerreta si è occupato della supervisione alle ricerche, effettuate con la protezione di manichette di copertura. Il personale dell Autorità Portuale ha collaborato a tali operazioni, rilevando la presenza di una probabile vittima nelle aree di servizio occupate al livello B-2, sotto il Vista Hotel e la Torre 1. L esplosione ha distrutto una parete divisoria tra l autorimessa e quest area di servizio (demolita, si è scoperto in seguito, da una trave di sostegno in acciaio scagliata contro di essa dall incredibile forza prodotta dall esplosione). Un attiva operazione di ricerca è stata concentrata in questa zona ed i corpi di quattro vittime sono stati rinvenuti e rimossi dai Vigili del fuoco e portati in un obitorio provvisorio allestito all interno del Vista Hotel. I corpi di cinque delle sei vittime di questo attentato sono stati rimossi entro le prime due ore (una vittima è stata rinvenuta dai Vigili del fuoco su una rampa all inizio delle operazioni di intervento). La sesta vittima è stata invece trovata tra le macerie da alcuni agenti di Polizia, durante alcuni sopralluoghi di indagine condotti 17 giorni più tardi. I Vigili del fuoco hanno estratto dalle macerie 16 civili intrappolati in uno spogliatoio vicino all epicentro dell esplosione, localizzato e tratto in salvo persone rimaste in una stanza sospesa pericolosamente sopra il cratere, salvato persone cadute nel cratere ed hanno inoltre effettuato intense ricerche nell area dello scoppio, recuperando un grande numero di feriti. In totale, al fine di spegnere le fiamme, effettuare salvataggi, ricerche, recuperi e dare supporto logistico ai piani sotterranei, sono state impiegate 71 squadre. Operazioni in superficie La grande quantità di fumo sprigionatosi prima dello spegnimento delle fiamme ha costituito un grave ostacolo per le operazioni di intervento. A causa della distruzione delle porte dell ascensore del livello B-2, dello squarcio nella sala conferenze del Vi s t a Hotel, della parete divisoria in vetro tra l hotel e la Torre 1 andata in frantumi, delle porte aperte a tutti i piani dagli occupanti in fuga - e con l effetto camino in atto - la maggior parte dei piani e tutte le scale della Torre 1 e del Vista Hotel si erano riempite di fumo. Nella Torre 1, le condizioni del fumo erano peggiori di quelle degli altri tre edifici. L azione iniziale delle risorse in superficie sugli edifici è stata concentrata sul Vista Hotel. Da solo ed in condizioni normali, questo edificio di 22 piani costituisce di per sé un grave problema per i Vigili del fuoco. In questo caso particolare, l intervento è stato gestito nel modo migliore 85

10 e nelle condizioni tutto sommato più favorevoli (a quell ora molti ospiti avevano già lasciato l albergo ed altri dovevano ancora arrivare) da parte dei dirigenti incaricati della sicurezza antincendio dell edificio e dai Vigili del fuoco ed ufficiali. L intero edificio è stato setacciato completamente entro un ora. Le squadre sono state poi spostate dal settore del Vista Hotel alle operazioni presso le Torri 1 e 2. La maggiore sfida era adesso rappresentata dalla ricerca di persone e dall evacuazione proprio nelle torri gemelle. Le scale erano affollate e molte persone non erano in grado di abbandonare gli edifici con le proprie forze. Donne incinte, anziani, persone sofferenti di disturbi cardiaci e disabili avevano tutti bisogno dell aiuto dei Vigili del fuoco, che hanno portato a compimento l evacuazione di molta gente trasportandola per oltre 60 piani di scale con sedie di vario genere, a rotelle, da ufficio, ecc. Svariati gruppi di bambini sono stati scortati fuori dall edificio, un gruppo dei quali addirittura dal 92 piano. Per molti occupanti è stato necessario l uso di apparecchi per la rianimazione e la somministrazione di cure di pronto soccorso. Ogni piano è stato sottoposto a ricerche e sopralluoghi, per una superficie totale di piedi quadrati. E stato inoltre necessario utilizzare arnesi da scasso per poter accedere a molti piani ed uffici. Oltre alle difficoltà che già erano state affrontate, si è aggiunta anche la minaccia di un altra bomba, che si pensava fosse al 65 piano della Torre 1. Per questo i Vigili del fuoco hanno installato una manichetta presso le tubazioni, supportando e coadiuvando le operazioni di ricerca della Polizia. Oltre alla sfida rappresentata dall evacuazione attraverso le scale e la ricerca di persone ai vari piani, la parte più diff i c i l e dell operazione dal punto di vista strategico e logistico era data dalla localizzazione e dall eff e t- tuazione di sopralluoghi dei 99 ascensori posti in ognuna delle due torri e dei 12 presenti nel Vista Hotel. Molti di essi si trovavano in vani corsa ciechi oppure bloccati a metà tra i piani. L identificazione della posizione delle cabine è stata difficile e dispendiosa in termini di tempo. Molti muri sono stati in parte rimossi per poter avere accesso alle cabine degli ascensori. Centinaia di persone vi erano rimaste intrappolate nel momento in cui la corrente elettrica era stata interrotta. In un caso, dieci occupanti di un ascensore nella Torre 1 sono stati trovati privi di sensi sul pavimento della cabina, portati in salvo e rianimati dal personale sanitario di emergenza dell EMS. In un altro caso, nella Torre 2, 72 scolari sono stati tratti in salvo da una cabina che si trovava in un vano corsa cieco. Una volta fuori dall edificio, le vittime dovevano affrontare il pericolo della caduta di pezzi di vetro di finestre infrante da alcuni occupanti che si trovavano ancora ai piani superiori. Si trattava di un problema reale sul quale i Vigili del fuoco non avevano alcun controllo. La rottura di molte di queste finestre era dovuta alle errate informazioni divulgate dai mass media, i quali incoraggiavano le persone intrappolate nella torre ad agire in quel modo. Un aspetto insolito di questo intervento è stato il fatto che una grande società di ascensori aveva la propria sede ed i propri uffici all interno delle torri del WTC. Nel momento dell esplosione, svariati tecnici di questa società addetti alla manutenzione erano al lavoro all interno dell edificio. Essi, sapendo della presenza di persone intrappolate all interno degli ascensori, iniziarono presto a provvedere ai salvataggi, portando al piano dell atrio, tramite comandi manuali, le cabine bloccate. Tuttavia, non sempre essi hanno dato comunicazione ai Vi g i l i del fuoco di quanto stavano facendo, soprattutto nei momenti iniziali. Se ci fosse stata una migliore comunicazione, le ricerche sarebbero state meglio coordinate proprio con l aiuto dei Vigili del fuoco. Uno spazio di oltre 8 milioni di piedi quadrati, comprendenti la Torre 1, la Torre 2 ed il Vista Hotel, è stato sottoposto a ricerca e sopralluoghi. La Torre 1 ha richiesto il maggior dispendio delle risorse e dei mezzi impiegati per le operazioni in superficie. Nel momento in cui in altri settori si iniziavano a ridurre le unità impegnate, è stato ordinato di darne immediata comunicazione al posto di comando. Esse sarebbero state inviate ad altro settore che necessitava di rinforzi, a meno che non si fosse vista la necessità di dare un cambio al personale. Per tutto il corso dell intervento, 55 squadre lavorarono al- 90

11 la Torre 1, 27 alla Torre 2 e 20 al Vista Hotel. Le operazioni di intervento si sono protratte fino a notte inoltrata. Alle 23.45, l ultimo ascensore è stato localizzato ed i suoi occupanti tratti in salvo. Erano rimasti bloccati in quella cabina per oltre 11 ore. Il cambio di turno sarebbe stato gestito mediante richieste di partenze supplementari. Alcuni Vigili del fuoco, che si erano recati ai piani superiori delle torri, non si sono potuti sostituire. C erano volute ore per raggiungere i livelli più elevati dei due edifici da 110 piani ciascuno e quindi, se necessario, questi uomini avrebbero continuato a lavorare fino a quando avrebbero potuto riscendere nuovamente, e ffettuando inoltre contemporaneamente delle ricerche supplementari. Il ripristino della corrente elettrica Il ripristino della corrente elettrica ha costituito una situazione assai critica non solo per gli occupanti intrappolati negli edifici e per i Vigili del fuoco, ma anche per altre ragioni. La New Yo r k Telephone Company aveva molte installazioni telefoniche nel complesso del WTC, inoltre forniva servizi telefonici ad una parte di Manhattan ed al servizio di controllo del traffico aereo di tre importanti aeroporti regionali. Tali strutture telefoniche erano dotate di un generatore di supporto, ma le linee di raff r e d d a- mento di quest ultimo erano state compromesse dall esplosione così come i generatori della PA per il complesso del WTC. Fortunatamente, esisteva una batteria di supporto operativa, che ha mantenuto in funzione il sistema telefonico fino al ripristino della corrente elettrica. Quest ultima è stata nuovamente erogata alle ore circa e ha continuato fino alla mezzanotte, momento in cui la maggior parte dei circuiti derivati della Torre 1 e della Torre 2 sono stati riparati. Il ripristino della corrente elettrica ha interessato principalmente le aree degli ascensori e, in seguito, altre parti degli edifici. Il mattino seguente Alcuni funzionari del Dipartimento dei Vigili del fuoco di New York incontrarono gli alti funzionari del PA al WTC alle prime ore del mattino del giorno seguente l esplosione. I Vigili del fuoco coadiuvarono e collaborarono all opera di ripristino dei sistemi di protezione antincendio (tubazioni, sprinkler, ecc.). Av e- vamo inoltre delle autopompe collegate ai dispositivi idrici del Dipartimento dei Vigili del fuoco, pronte a offrire approvvigionamento al sistema antincendio se si fosse reso necessario. La nostra assistenza comprendeva anche il compito di stabilire quale livello minimo di protezione sarebbe stato necessario prima di dichiarare nuovamente abitabili gli edifici. Il nostro ufficio di prevenzione incendi ha lavorato molto insieme al PA per riportare in uso gli edifici il più presto possibile. In via cautelativa, abbiamo mantenuto la nostra presenza in loco fino al 25 marzo Lezioni apprese e ribadite Come è stato dimostrato da molti interventi nella storia, l estinzione di un incendio è l arma più efficace contro la produzione di fumo e, quindi, contro la d i ffusione dello stesso. La decisione di attaccare gli incendi presenti nei piani sotterranei nelle prime fasi dell intervento è stata la più importante di tutte, dal momento che lo spegnimento tempestivo delle fiamme ha permesso di salvare centinaia, forse migliaia, di vite umane. Il posizionamento e la messa in opera delle manichette nelle autorimesse sotterranee di un grande edificio pubblico, dopo un esplosione di enorme entità, rappresenta una sfida per i Vi g i l i del fuoco. Gli approvvigionamenti idrici tradizionali possono rivelarsi non disponibili oppure avere una capacità limitata (i Vigili del fuoco hanno predisposto una unità marina per attingere acqua dal fiume Hudson e rifornire le autopompe in caso di necessità) e le tubazioni interne all edificio possono inoltre essere danneggiate. Accessi facili e rapidi al luogo dell incendio non sono in genere disponibili ed i Vigili del fuoco possono trovarsi nella condizione di estinguere numerosi incendi (come quelli singoli di automobile) prima di potere raggiungere il proprio obiettivo. Il volume dell incendio (che dipende dai materiali combustibili nell area dell esplosione) e la necessità di proteggere i soccorritori da possibili pericoli legati alle fiamme (come serbatoi di gas, crolli secondari, fiamme, ecc.) impongono l uso di manichette in grado di produrre 91

12 I materiali utilizzati nella bomba del World Trade Center di Frank L. Fire* Come è già stato detto nel reportage relativo all attentato al WTC, sembra che la bomba utilizzata fosse a base di nitrourea e che ad essa siano state unite delle bombole di idrogeno per accrescerne l effetto distruttivo durante l esplosione. Quanto segue è una breve descrizione del materiale utilizzato. La nitrourea, una polvere cristallina bianca, è un esplosivo di Classe A, noto anche con i nomi di m-nitrocarbamide, N-nitrocarbamide, 1-nitrourea e N-nitrourea. Si tratta di un materiale ad elevato rischio di esplosione, stabile fino a quando viene fatto detonare. Benché alcuni sostengano che la nitrourea sia sensibile al calore e agli urti, è molto più probabile che essa sia stabile, in caso contrario sarebbe troppo pericolosa da trasportare in camion (o furgone). La potenza della nitrourea è simile a quella del tritolo (TNT) e dell acido picrico (Il TNT e l acido picrico sono utilizzati come termini di riferimento perché il primo è considerato come l esplosivo standard negli Stati Uniti, mentre il secondo è l esplosivo standard nel Regno Unito). La nitrourea produce circa il 90,5 % del volume di gas del TNT quando è fatta esplodere ed ha poco più del 3% in più della potenza relativa del TNT stesso. Essa produce circa il 97,7% del volume di gas dell acido picrico ed il 3% in meno della potenza relativa. Il suo potere calorifico (come descritto dal numero di joule di energia per chilogrammo di peso) è del 34% maggiore rispetto a quello del TNT e del 19% maggiore di quello dell acido picrico. Se paragonata al nitrato di ammonio, la nitrourea ha circa il 13% in meno di volume di gas, circa il 38% in più di potenza relativa e circa il 47% in più di potere calorifico. L idrogeno è un gas altamente infiammabile, non tossico, privo di colore, odore e sapore. Il suo campo di infiammabilità va dal 4% al 75%, il secondo campo di infiammabilità di qualunque gas infiammabile. Rientrando in un campo così ampio, esso prende fuoco facilmente. La fiamma dell idrogeno che brucia sprigiona un calore elevatissimo (la sua temperatura di fiamma è di F). L idrogeno brucia con una fiamma quasi invisibile, convertendo tutta l energia in energia interna. * Frank L. Fire è il vice presidente del marketing per la Americhem Inc. di Cuyaho - ga Falls, Ohio. Insegna chimica delle sostanze pericolose alla University of Akron e alla National Fire Academy. Fire è l autore di The Common Sense Approach to Hazardous Materials e della guida pratica Combustibility of Plastics and Chemical Data Notebook: A user s Manual, pubblicati dalla casa editrice Fire Engineering Books. un flusso idrico superiore ai 200 gpm. Questa è stata la più grande operazione di evacuazione di edificio mai registrata. La strategia di difesa in loco non esisteva. L evacuazione dell edificio ed il comportamento umano in queste circostanze saranno studiati negli anni futuri e si spera produrranno nuove lezioni adatte ad essere inserite nelle normative edilizie. Tale intervento esemplifica il classico effetto di movimento verticale verso l alto del fumo e dei gas riscaldati, provocato dalle basse temperature esterne e dalle elevate temperature interne. Il movimento verso l alto del fumo è stato aumentato dalla breccia presente nella parete divisoria in vetro della sala per conferenze del Vista Hotel e nella parte inferiore dei vani corsa di ascensori e scale. La potenza della bomba in sé ha ugualmente contribuito a spingere il fumo verso l alto, così come le aperture delle porte dei vani scala ad opera degli occupanti in fuga ne hanno permesso la diffusione ai vari piani e pianerottoli e viceversa. Il WTC è un complesso bene edificato il quale, nonostante i notevoli danni subiti, ha resistito agli effetti distruttivi della bomba. Nel periodo dell esplosione, il WTC era più che conforme ad alcune norme edilizie e di sicurezza antincendio, mentre non ne rispettava altre. Fu necessario un notevole impegno al fine di applicare a tutti gli edifici le normative locali in vigore. Se i Vigili del fuoco devono spegnere gli incendi, è bene che si impegnino anche 92

13 a ffinché le leggi vengano rispettate. Ciò migliorerà e favorirà la conoscenza e la standardizzazione delle procedure e delle misure di protezione antincendio. Dopo l attentato, i dirigenti del WTC hanno collaborato molto attivamente con i Vigili del fuoco ed altre organizzazioni e si sono inoltre impegnati ad apportare dei miglioramenti alle strutture, allo scopo di uniformarsi alle normative e, in alcuni casi, anche di andare oltre. Tra i miglioramenti degni di nota troviamo cambiamenti nel numero delle stazioni antincendio interne e nell istruzione del personale antincendio all interno del complesso; l incremento delle attrezzature necessarie alla comunicazione, in particolare di un sistema di comunicazione di emergenza senza fili, una illuminazione di emergenza Il controllo delle operazioni di intervento sugli ascensori di Steven C. De Rosa Molte persone sono rimaste intrappolate negli ascensori nel momento in cui è venuta a mancare l energia elettrica. Secondo il personale del World Trade Center, 45 cabine di ascensore occupate erano bloccate in numerosi vani corsa ciechi. I danni riportati dal centro emergenze del WTC hanno reso impossibile la comunicazione con la maggior parte delle cabine bloccate ed il numero delle operazioni di recupero fu inizialmente enorme. Tre organizzazioni furono direttamente impegnate nelle operazioni: i Vigili del fuoco, l Autorità Portuale ed il Dipartimento di Polizia. I tecnici addetti alla manutenzione degli ascensori (la cui società aveva sede all interno del complesso del WTC) hanno avuto un ruolo rilevante in queste operazioni di recupero di persone in pericolo. Il coordinamento di tali operazioni si è dimostrato piuttosto difficile per il fatto che è stato arduo determinare la posizione degli ascensori nei vani corsa. Ci sono volute oltre 11 ore per liberare gli ultimi occupanti rimasti intrappolati. E alquanto improbabile che la maggior parte dei comandanti di intervento si trovino nuovamente ad affrontare problemi di recupero di una tale entità (ogni torre ospita oltre 99 ascensori) tuttavia, un incendio di edificio a numerosi piani può necessitare di azioni operative, tra cui le seguenti: - affidare compiti di controllo del settore ascensori ad un ufficiale ed assegnare il necessario personale operativo. Tale ufficiale coordinerà e curerà la supervisione delle operazioni di recupero. Quando più organizzazioni sono coinvolte nelle operazioni di emergenza, i Vigili del fuoco devono mantenere il controllo dell intervento richiedendo via radio dei rappresentanti delle altre organizzazioni stesse per permettere una fattiva collaborazione con l ufficiale addetto al controllo degli ascensori; - utilizzare il contributo operativo di ingegneri civili, tecnici addetti agli ascensori o personale addetto alla manutenzione al fine di determinare il numero di ascensori coinvolti e la loro posizione; - le cabine degli ascensori bloccate nei vani corsa ciechi sono difficili da localizzare senza l ausilio di un pannello di controllo. La perdita di corrente elettrica renderà inutilizzabile la maggior parte dei sistemi di identificazione. E quindi necessario migliorare l autonomia del gruppo elettrogeno del sistema di identificazione e rilevazione della posizione delle cabine degli ascensori; - lavorare con funzionari governativi per elaborare dei sistemi di protezione antincendio che siano conformi alle norme locali. Nel WTC, il vano corsa cieco si estendeva per 78 piani: i Vigili del fuoco sono stati costretti a creare delle aperture ogni cinque piani per potere localizzare la cabina - era impossibile vedere per oltre sei piani nell oscurità. Alcune normative locali richiedono delle aperture nei vani corsa ciechi degli ascensori, ad intervalli di tre piani: tale caratteristica non era presente nel WTC; - il recupero delle cabine degli ascensori deve essere strettamente controllato. Il coordinamento e la comunicazione con il personale dell edificio sono essenziali. Un ripristino imprevisto dell energia elettrica può ferire gravemente sia i soccorritori che i passeggeri in procinto di essere salvati. I tecnici addetti agli ascensori dello stabile dovrebbero essere condotti nella sala di controllo di ogni ascensore dal personale dei Vigili del fuoco. Una volta in quella sede, gli interruttori automatici che forniscono l energia alla cabina interessata dovrebbero essere disattivati al fine di proteggere sia gli occupanti della cabina stessa che i soccorritori. Anche i dispositivi frenanti degli ascensori si trovano nella relativa sala macchine. Se manca l energia elettrica e gli ascensori restano bloccati, il freno viene rilasciato manualmente. In seguito, se il carico dell ascensore supera le libbre, la cabina scivolerà lentamente verso il basso. Se il carico è inferiore, scivolerà verso l alto. 93

14 Analisi delle operazioni di comando di Jack McCormack* Nel caso di qualunque intervento operativo dei Vigili del fuoco, la struttura organizzativa del comando si amplia per soddisfare le esigenze dell intervento stesso. Si ricordi che non è necessariamente la proporzione dell intervento, quanto la sua complessità, a determinare la struttura del comando. All inizio dell esplosione al WTC, le squadre giunte all hotel diressero i propri sforzi verso il punto in cui si trovava l incendio, ossia nell autorimessa. Contemporaneamente a ciò, alcune squadre furono inviate ad operare all interno dell hotel a causa della massiccia presenza di fumo. Mano a mano che la valutazione dell intervento veniva effettuata, la dimensione dello stesso divenne sempre più chiara. La struttura del comando si ampliò in modo da permettere di affrontare nel migliore dei modi la complessità del problema. L esplosione al WTC è un buon esempio del motivo per cui le strutture di comando hanno la flessibilità di ampliarsi anticipatamente rispetto alla complessità degli sviluppi. Come comandante in capo dell intervento, Anthony Fusco dovette valutare costantemente il problema, sviluppare obiettivi strategici ed assicurare che gli obiettivi tattici fossero perseguibili con le risorse disponibili in loco. La definizione del problema richiede un riscontro da parte di tutte le aree operative. Dopo avere determinato i parametri, è possibile stabilire le mete strategiche. E la struttura di comando a permettere che il riscontro in termini di informazioni aiuti il comandante dell intervento a stabilire gli obiettivi strategici. Gli obiettivi specifici di ogni aspetto dell intervento devono supportare gli obiettivi strategici del comandante e viceversa. Per quanto la situazione provocata dall esplosione al WTC fosse complessa, la struttura di comando sviluppata dal comandante Fusco fornì controllo, supervisione e coordinamento. Fissò inoltre le responsabilità relative ai compiti specifici per raggiungere gli obiettivi stabiliti per ogni settore. La complessità delle operazioni necessita infatti di una notevole ampiezza di controllo per assicurare la sicurezza del personale operativo. La ripartizione del comando in settori operativi gestibili - settorizzazione - permette modifiche alle tattiche di intervento. Ad esempio, nel momento in cui furono ricevute informazioni relative l entità dei danni strutturali e la presenza del cratere prodotto dall esplosione, fu creato un ulteriore settore operativo nell area sotterranea. Le valutazioni effettuate in prossimità della zona operativa hanno fornito al posto di comando di settore ed al comandante dell intervento tutte le informazioni necessarie a sviluppare degli obiettivi strategici. Il raggiungimento di molteplici compiti tattici richiede specifici incarichi e responsabilità per ogni settore principale e secondario. Ciò fornisce al comando un quadro della situazione dell intervento: ciò che è stato raggiunto, ciò che non lo è stato, quali ostacoli sono stati superati, quali risorse impiegate e dove, la condizione di quanto funge da riserva. Il comandante a capo di qualunque intervento, grande o piccolo che sia, deve mantenere una visione ampia ed un altrettanto vasto controllo allo stesso modo degli ufficiali responsabili dei comandi di settore. Come ufficiale di settore proprio nell ambito dell intervento al WTC, ero consapevole di ciò. Ogni settore operativo del posto di comando richiede un posto di comando riconoscibile. In teoria, il posto di comando dovrebbe essere libero da impedimenti e questo non era il caso dell atrio del Vista Hotel. Un grande numero di uomini di vari dipartimenti ed organizzazioni transitava nell area: mantenere il controllo rappresentava un impresa piuttosto difficoltosa. L uso di un tabellone per il controllo della posizione delle varie unità si rese necessario allo scopo di tenere il conto delle operazioni, dei cambi di turno o dell organizzazione globale. Un tabellone di questo genere fornisce una panoramica visiva di ciò che è la struttura operativa e di chi è responsabile di una determinata zona. Esso dovrebbe essere simile, per dimensioni, al tabellone utilizzato dal comandante dell intervento per le comunicazioni delle unità del dipartimento dei Vigili del fuoco. Un illuminazione adeguata è un must per un posto di comando. Quando esso è un atrio e l erogazione dell energia elettrica dell edificio è stata interrotta, devono essere fornite al più presto delle fonti ausiliarie di luce. Quando un posto di comando è formato da un numero di ufficiali e assistenti, è bene avere uno spazio adeguato per ospitare tutto il personale necessario. Il controllo del posto di comando è essenziale. Il personale che fa rapporto al posto di comando può provocare un certo disordine. La confusione e l interruzione delle operazioni è cosa certa se non vengono dati precisi ordini per tenere il personale lontano dal posto di comando e permettere esclusivamente agli ufficiali di recare informazioni. * Jack McCormack, da 25 anni nel City of New York (NY) Fire Department, è vice comandante aggiunto e coordinatore ag - giunto del distretto amministrativo del Queens. Ha lavorato nell area di Manhattan per 12 anni come comandante aggiunto asse - gnato alla 1a Divisione della zona sud e come ufficiale esecutivo per il capo dipartimento e comandante di battaglione. 94

15 per le scale e gli ascensori; il miglioramento dei dispositivi necessari all evacuazione del fumo da vani scala e ascensori; un mezzo migliore per determinare la localizzazione degli ascensori nei vani corsa ciechi; metodi per la prevenzione della interruzione del funzionamento del generatore per l energia elettrica di emergenza, ecc. L importanza di essere in grado di comunicare con gli occupanti dell edificio non può non essere enfatizzata. Molti dei problemi legati alle operazioni di evacuazione, apparsi nel caso di questo intervento specifico, sarebbero stati notevolmente ridotti se fosse stato possibile comunicare più agevolmente. Nell ambito di questo intervento, le comunicazioni dei Vigili del fuoco sono state seriamente messe alla prova. La capacità del Dipartimento di inoltrare e ricevere comunicazioni deve essere organizzata in modo da permettere di gestire il maggior numero di emergenze che potrebbero verificarsi da zona a zona. In quella occasione, la nostra frequenza standard delle radio portatili era sovraccarica e, quindi, inefficace. Gli stessi problemi sono stati affrontati con i canali assegnati al comando dell intervento. Un sistema di collegamento a 800 Mhz avrebbe dato migliori risultati, tanto che il Dipartimento sta ora sviluppando proprio un sistema di questo genere. Inoltre, se gli ufficiali impegnati nell intervento fossero stati equipaggiati con dei telefoni cellulari, ciò avrebbe permesso loro di comunicare con le squadre impegnate ai piani superiori degli edifici. Il sistema di comando e di coordinamento degli interventi dei Vigili del fuoco dipende in gran parte dalla unità di comunicazione FieldCom, che ha il compito di trasmettere e ricevere importanti informazioni nell ambito del luogo dell intervento. Nel caso dell attentato al WTC, tale unità si è trovata di fronte ad una grave situazione di sovraccarico di comunicazioni. L importanza di questa unità richiede di essere gestita da personale ed ufficiali specializzati ed addestrati. Per quanto concerne le nostre attrezzature, cerchiamo sempre di apportare dei miglioramenti. Un segnale di allarme per radio portatili, che segnala l interruzione delle trasmissioni, sarebbe strumento di grande importanza e permetterebbe al comandante o al personale in genere di prendere il controllo della rete e di trasmettere una richiesta di aiuto oppure un messaggio urgente. Nel caso di questo intervento, il ruolo dei messaggeri umani ha costituito un importante metodo di comunicazione. Il controllo di un intervento su vasta scala va oltre le capacità del singolo individuo. Il sistema di comando dell intervento deve essere utilizzato ed integrato al fine di assicurare una adeguata ampiezza di controllo e la sicurezza/responsabilità del personale. Il sistema deve essere flessibile ed adattabile. Il sistema del comando delle operazioni è stato ampliato in proporzione alle dimensioni dell intervento stesso. Colui che lo gestisce deve prendere provvedimenti per gestire l intervento su vasta scala, utilizzando il metodo della divisione in settori controllati da un numero corrispondente di ufficiali. Il comandante di un intervento di grande entità ha un duplice problema: il sovraccarico delle informazioni (troppe informazioni in entrata e poco, o inesistente, tempo per valutare ed agire tempestivamente) e troppi comandanti e ufficiali che chiedono la sua attenzione. Gli uomini si sentono frustrati quando hanno importanti comunicazioni di cui non viene tenuto conto immediatamente. Tale inconveniente può essere superato assegnando al comandante un ufficiale di supporto di grado adeguato, che lo coadiuvi nelle operazioni di coordinamento. Tale ufficiale dovrebbe ricevere i rapporti degli uomini impegnati sul campo e darne comunicazione al comandante con tempestività e in ordine prioritario. Un altro ruolo importante dovrebbe essere creato per la gestione dei rapporti con le altre organizzazioni impegnate sul posto, le quali offrono la loro collaborazione, in forma di informazioni, attrezzature, o altre risorse, ai Vigili del fuoco. Ciò si è verificato anche nel caso dell intervento descritto nel presente articolo. Un ufficiale di alto grado dovrebbe essere presente al posto di comando allo scopo di registrare tutte queste informazioni e sviluppare un sistema per poter contattare questi possibili collaboratori nel momento più opportuno. Molte persone si recarono al posto di comando offrendo generatori, pompe, esperta collaborazione ed aiuto in vari settori, ma al momento di servirsi del di 95

16 loro aiuto, si scoprì che avevano già lasciato la zona ed erano irrintracciabili. Il posto di comando mobile (PCP), fornito ad ogni divisione, è un eccellente strumento di controllo per un comandante di settore. Tuttavia, la mancanza di strutture visibili per il posto di comando si è dimostrata uno svantaggio nel caso specifico di questo intervento. Il Dipartimento dei Vigili del fuoco sta attualmente cercando di procurarsi ed utilizzare delle strutture e degli equipaggiamenti operativi maggiormente visibili e pratici, in grado di essere un punto di riferimento più concreto per le altre organizzazioni impegnate in interventi in cui i Vi g i l i del fuoco stessi detengono il comando delle operazioni. I Vigili del fuoco non lavorano in un ambiente isolato. L a s s i- stenza e l interazione da parte di altre organizzazioni è di fondamentale importanza. Tu t t a v i a, possedere e mantenere il coordinamento della collaborazioni di altri può costituire un problema; nel caso di questo intervento, tra i partecipanti il protocollo è stato violato in svariate occasioni. Ad esempio, era stato comunicato che diverse persone si trovavano intrappolate sul tetto della To r r e 2. Alcuni uomini della Polizia non rispettarono il protocollo del comandante dell intervento e agirono autonomamente, salvando quelle persone utilizzando un elicottero. Per raggiungere la necessaria efficacia, i protocolli di collaborazione tra membri di organizzazioni diverse richiedono delle esercitazioni di routine. Durante queste esercitazioni sarà facile stabilire e mantenere dei rapporti di amicizia e collaborazione ed una più profonda comprensione dei ruoli delle altre organizzazioni porterà, in questo modo, ad una migliore interazione durante le emergenze. E necessaria una migliore comprensione del sistema di gestione e di comando dell intervento da parte di tutto il personale di emergenza della città. Avendo una maggiore conoscenza dell utilità del comandante dell intervento, ci sarà anche una minore riluttanza da parte di tutti nel ricorrere alla sua guida. Il riposo e la sostituzione in turno da parte dei Vigili del fuoco saranno difficili da effettuare nel caso di interventi che richiedono dalle tre alle quattro ore per raggiungere un obiettivo. Si faccia tutto il possibile per stabilire delle postazioni per questi scopi in punti chiave posti in tutti gli edifici di grandi dimensioni. In questo intervento la ricerca ed il salvataggio di persone intrappolate negli ascensori ha costituito una sfida notevole. Molti ascensori erano bloccati in vani corsa ciechi al momento dell interruzione della corrente elettrica e la loro discesa al livello dei primi atri disponibili (piani intermedi dove si trovano in genere altri ascensori per i piani più alti) fu un lungo e lento lavoro. Nella Torre 1, fu particolarmente difficile localizzare le cabine degli ascensori bloccati nei vani corsa ciechi, perché questi erano saturi di fumo. Per quanto riguarda le operazioni legate agli ascensori, sono state impartite molte utili lezioni, tra cui Gli ascensori situati ai piani destinati all uso pubblico (ristoranti, sale riunioni, ecc.) dovrebbero essere al centro di operazioni ricerca ed evacuazione in via prioritaria. Essi potrebbero infatti essere occupati da un grande numero di persone. In questo caso è capitato che 72 scolari con i loro insegnanti fossero bloccati proprio in uno di quegli ascensori. Un ufficiale dovrebbe essere designato proprio al coordinamento delle società che si occupano degli interventi sugli ascensori. Il coordinamento con i tecnici che si occupano delle emergenze agli ascensori è essenziale. La pre-pianificazione della cooperazione attiva è necessaria anche in questo caso. La presenza di un ufficiale preposto alle comunicazione ed ai rapporti con la stampa riveste una importanza fondamentale. I Vigili del fuoco devono assicurarsi che le notizie radiofoniche e televisive siano accurate, specie per le persone che si trovano ai piani alti di edifici molto elevati e che cercano di avere notizie precise su quanto sta accadendo, oltre che informazioni sulle azioni da intraprendere date le circostanze. Molti presunti esperti di operazioni antincendio e procedure di sicurezza, evacuazione, ecc. furono consultati dai mass media ed alcuni di questi individui fornirono informazioni errate che avrebbero potuto provocare gravi problemi di carattere operativo. Un noto personaggio televisivo incoraggiò gli occupanti degli edifici a ventilare la torre rompendo i vetri delle finestre: si dice che un volenteroso abbia addirittura scagliato un fax contro 96

17 una finestra. Il compito principale di un ufficiale addetto ai rapporti con i media è la presentazione di informazioni e bollettini a scadenze temporali regolari, ma anche la dimostrazione al pubblico che i Vigili del fuoco hanno la conoscenza, la capacità e le risorse per tenere sotto controllo una tale situazione di emergenza. I Vigili del fuoco devono quindi mettersi in una posizione attiva nei confronti dei media e della comunicazione. Un commissione o task force specifica dovrebbe costituirsi per effettuare indagini circa le cause e le conseguenze di un tale incidente, allo scopo di determinarne l impatto sulle operazioni dei Vigili del fuoco. Questa task force dovrebbe essere formata da componenti delle varie forze impegnate nelle operazioni di emergenza, nel settore della prevenzione incendi, nelle comunicazioni, nel campo legale ed in qualunque altro ambito considerato rilevante da parte del funzionario dei Vigili del fuoco incaricato delle indagini. (da Fire Engineering, dicembre 1993) 99

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE?

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE? L emergenza Cos è? Una emergenza è una situazione imprevista di potenziale pericolo che si genera quando le persone, i beni, le strutture, l ambiente sono esposti (o possono essere esposti) agli effetti

Dettagli

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO Chiunque noti un principio di incendio o una situazione anomala che presenta pericolo di incendio deve: Mantenere la calma ed evitare

Dettagli

PREMESSA - QUANDO UN INTERVENTO SI CLASSIFICA IN QUESTA CATEGORIA

PREMESSA - QUANDO UN INTERVENTO SI CLASSIFICA IN QUESTA CATEGORIA Pagina 1/5 PREMESSA - QUANDO UN INTERVENTO SI CLASSIFICA IN QUESTA CATEGORIA Intervento conseguente alla segnalazione o all effettivo ritrovamento di un ordigno o dispositivo incendiario. Intervento per

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

TENDE TAGLIA FUOCO E TAGLIA FUMO AD USO CIVILE E INDUSTRIALE

TENDE TAGLIA FUOCO E TAGLIA FUMO AD USO CIVILE E INDUSTRIALE TENDE TAGLIA FUOCO E TAGLIA FUMO AD USO CIVILE E INDUSTRIALE Descrizione dei prodotti Le cortine taglia fuoco e taglia fumo FANANI FIRE sono state progettate per contenere l espansione di fiamme e fumi

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Croce Rossa Italiana Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Rovereto, 24 maggio 2012 Istruttore PC Massimiliano (Max) Morari Sommario I Vigili del Fuoco Sicurezza

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO VIABILITA E TRASPORTI Versione 1.0 del 05.03.2013 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA 2.4 - Incidenti

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA DE NICOLA SIENA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA DE NICOLA SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA DE NICOLA SIENA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA DE NICOLA Via De Nicola, 9 SIENA tel

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli addetti alla

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO IL TERREMOTO I terremoti non danno alcun preavviso e avvertimento e, anche dopo una prima scossa, non si può sapere se ve ne saranno altre e di quale entità.

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

ANNO LOCALITÀ EVENTO INCIDENTALE Il 17 ottobre 2006, uno scontro ferroviario avvenuto nella Linea A di Roma, in corrispondenza della stazione di Piazza Vittorio Emanuele, tra un treno in marcia ed un altro

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE.

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE. SCUOLA MEDIA STATALE Rosa Bianca SALUZZO Via C. Segre 14-12037 SALUZZO 0175 211427/428/429 Area Personale 0175 211430 Area Alunni 0175 211432 0175 211431 - Capo Segreteria Fax 0175 211437 SEZIONE STACCATA

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara giugno 2014 Corpo E Polo Scientifico-Tecnologico di Via Saragat, 1 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE INDICAZIONI GENERALI relative all edificio L edificio si sviluppa su 4 piani di cui uno interrato; il

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Varlungo

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI

ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI Colle Giardino Valutazione complessiva: Sufficiente Posizione: Italia, nei pressi di Rieti SS 4 tra Roma e Ascoli Anno di apertura: 2003 Lunghezza:

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010)

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010) MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE CORSO DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO AL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE

Dettagli

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Estratto dal: Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. 3.1. DEFINIZIONI

Dettagli

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO La persona che individua l incendio deve : 1) avvertire il collega più vicino rintracciabile 2) fare una prima stima dell incendio e decidere di: A) reperire l estintore più

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

Più sicuri con seconda canna

Più sicuri con seconda canna Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale delle strade USTRA Informazione e comunicazione Galleria autostradale del San Gottardo: sicurezza

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

Uscite di sicurezza Vie di esodo

Uscite di sicurezza Vie di esodo Corpo Nazionale VVF - Comando di Vicenza Uscite di sicurezza Vie di esodo Vicenza 13.11.2007 CORSO L.818/84 Giuseppe Ruffino, Funzionario VVF Vicenza SISTEMI DI VIE DI USCITA Si tratta di una misura di

Dettagli

Incendio presso la sede di Latinafiori

Incendio presso la sede di Latinafiori Pagina 1/5 CAMPO DI APPLICAZIONE Tutto il personale presente nella sede di Latinafiori, compresi visitatori, ditte esterne, collaboratori; Coordinatore della squadra di emergenza (o suo sostituto); Componenti

Dettagli

CAODURO spa - Cavazzale (VI) Via Chiuppese fraz. Cavazzale 36010 Monticello C. Otto tel. 0444.945959 fax 0444.945164 info@caoduro.it - www.caoduro.

CAODURO spa - Cavazzale (VI) Via Chiuppese fraz. Cavazzale 36010 Monticello C. Otto tel. 0444.945959 fax 0444.945164 info@caoduro.it - www.caoduro. Le Prove di GENT Prove realizzate nella primavera del 1998 a Gent in Belgio in un edificio lungo 50 m, largo 20 m e alto 12 m costruito appositamente per prove di grandi incendi. Dotato di impianto di

Dettagli

A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo

A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo LA TELEFONATA E L INTERVENTO, QUALUNQUE ESSO SIA, SONO COMPLETAMENTE GRATUITI È molto importante

Dettagli

Per essere tranquilli: MoCa

Per essere tranquilli: MoCa etal MoCa XETAL Nonostante i progressi nella sanità, si verificano ancora condizioni, come la demenza, che hanno effetti negativi sulla la vita quotidiana. MoCa può contribuire ad alleviare gli effetti

Dettagli

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Prevenzione e Protezione Puglia e Basilicata PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA In base all art. 18, comma 1, lettere h) e t) del D. Lgs. 81/2008

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Sede Amministrativa Viale Gramsci,

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MATTIOLI SIENA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MATTIOLI SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MATTIOLI SIENA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA MATTIOLI Via P. A. MATTIOLI, 8 SIENA tel

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

Guida Tecnica MEFA. Antisismica per: Impianti di Ventilazione Impianti Elettrici e Speciali Impianti di Distribuzione dei Fluidi Impianti Antincendio

Guida Tecnica MEFA. Antisismica per: Impianti di Ventilazione Impianti Elettrici e Speciali Impianti di Distribuzione dei Fluidi Impianti Antincendio Guida Tecnica MEFA Antisismica per: Impianti di Ventilazione Impianti Elettrici e Speciali Impianti di Distribuzione dei Fluidi Impianti Antincendio Rev.0 Marzo_2011 MEFA Italia S.r.l. Via G.B. Morgagni,

Dettagli

DEPOSITO ESSO DI PALERMO

DEPOSITO ESSO DI PALERMO RISCHIO INDUSTRIALE : SCHEDA DI INFORMAZIONE ALLA CITTADINANZA a cura del SERVIZIO RISCHI AMBIENTALI ED INDUSTRIALI UOB XLIII serviziorischiambientali@protezionecivilesicilia.it Schede di DEPOSITO ESSO

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

Prevenzione degli incendi

Prevenzione degli incendi STANDARD LME-12:001905 Uit Rev A Indice 1 Introduzione... 3 2 Requisiti... 3 3 Norme operative di sicurezza... 4 3.1 Procedure di evacuazione in caso di incendio... 4 3.2 Percorsi di esodo predisposti...

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

1. PREMESSA 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO 3. FINALITA DELL INTERVENTO 4. IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO 5. OPERE IMPIANTISTICHE

1. PREMESSA 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO 3. FINALITA DELL INTERVENTO 4. IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO 5. OPERE IMPIANTISTICHE 1. PREMESSA 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO 3. FINALITA DELL INTERVENTO 4. IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO 5. OPERE IMPIANTISTICHE 1. PREMESSA L intervento è da realizzare su un edificio esistente

Dettagli

SCHEDA n. 7. Procedure di emergenza. 1. Premessa

SCHEDA n. 7. Procedure di emergenza. 1. Premessa SCHEDA n. 7 Procedure di emergenza 1. Premessa Come indicato nella specifica scheda, per ogni impianto sportivo deve essere elaborato a cura del Titolare un Piano di sicurezza. Occorre a tal fine valutare

Dettagli

Prova d esame: Elementi fondamentali di sicurezza (BE)

Prova d esame: Elementi fondamentali di sicurezza (BE) Prova d esame: Elementi fondamentali di sicurezza (BE) Serie: Prova d esame (BE) Si prega di leggere attentamente le seguenti istruzioni! Questo esame consiste in 40 domande a scelta multipla. Ogni domanda

Dettagli

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO Edizione Novembre 05 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA SEGNALETICA DI SICUREZZA PER TUTTI GLI AMBIENTI DI LAVORO ANTINCENDIO Cartello fotoluminescente o dell estintore Cartello fotoluminescente

Dettagli

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI IL RISCHIO INCENDIO Dopo aver affrontato (in parte) i temi della sicurezza trattati nel Decreto Legislativo 81/2008 affrontiamo adesso uno dei rischi più frequenti e pericolosi che potremmo trovarci di

Dettagli

Piano per la gestione delle emergenze UFFICI E RESIDENZA FASCETTI -

Piano per la gestione delle emergenze UFFICI E RESIDENZA FASCETTI - Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE UFFICI E RESIDENZA FASCETTI 1 STRUTTURA SEDE UFFICI E RESIDENZA FASCETTI Piazza dei Cavalieri,

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI)

CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI) CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI) PROCEDURE INTEGRATIVE AI PIANI DI COORDINAMENTO DEI SINGOLI PALAZZI DOCUMENTO DESTINATO ALLE AZIENDE Versione Data 2 Novembre 2012 CONTENUTO Procedure Moduli

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI 1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI Con riferimento al DPR 151/2011 "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

Comune di Valsamoggia PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

Comune di Valsamoggia PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Provincia di Bologna) PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Redazione: Unione dei Comuni Valli del Reno, Lavino e Samoggia Servizio Associato di Protezione Civile geom. Stefano Cremonini geol. Paola Montaguti

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 6 agosto 2010 n.146 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 49 della Legge 21 dicembre 2009 n.168 e l articolo unico del

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

Gli attentati terroristici sono ormai, purtroppo, all ordine NBCR. L Esercitazione di Campobasso del 7 dicembre 2005. Eo 4

Gli attentati terroristici sono ormai, purtroppo, all ordine NBCR. L Esercitazione di Campobasso del 7 dicembre 2005. Eo 4 NBCR L Esercitazione di Campobasso del 7 dicembre 2005 1 2 3 Fig. 1: Riunione prima della partenza, in piedi la D.ssa Giovanna Cimino; Fig. 2: Carrello di decontaminazione Nbcr dei vigili del fuoco; Fig.

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA LASCHI AREZZO

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA LASCHI AREZZO Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA LASCHI AREZZO 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA LASCHI (AREZZO) Via G. Laschi, 24 AREZZO

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro SOMMARIO Premessa pag. 7 SEZIONE 1 - FONDAMENTI Che cosa è un incendio? pag. 9 Il triangolo del

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

Sede di Milano Palazzo Lombardia

Sede di Milano Palazzo Lombardia Informazioni sui rischi specifici esistenti, sulle misure di prevenzione e protezione e di emergenza adottate presso: Sede di Milano 1. ATTIVITA PRESENTI NELLA SEDE è un grande complesso edilizio pubblico

Dettagli

R1.1 Incidente stradale

R1.1 Incidente stradale R1 RISCHIO VIABILISTICO R1.1 Incidente stradale Descrizione: SCHEDA SCENARIO Oltre al tessuto stradale comunale, il comune di Flero è attraversato dalla SP IX (che ne costituisce il confine nord occidentale)

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO GAS Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Guasto o rottura con

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

come comportarsi in caso di... Maremoto o onda anomala

come comportarsi in caso di... Maremoto o onda anomala Maremoto o onda anomala (può verificarsi a seguito sia di terremoto sottomarino che di eruzione vulcanica) 58 maremoto-onda anomala allontanati immediatamente dalla spiaggia, dal molo o dal lungomare raggiungi

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

L obbiettivo vuole essere quello di

L obbiettivo vuole essere quello di ADDETTI ANTINCENDIO CORSO BASE OBIETTIVO L obbiettivo vuole essere quello di informare e formare, tutti coloro che per la prima volta devono conoscere le basi per la lotta antincendio nell emergenza. Imparando

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

Servizio di Protezione Civile

Servizio di Protezione Civile COMUNE DI GAVARDO Provincia di Brescia Servizio di Protezione Civile Parliamo di Protezione Civile In Italia il Servizio Nazionale della Protezione Civile è costituito da una pluralità di Amministrazioni,

Dettagli

Gestione delle Emergenze negli spazi confinati e coordinamento con il sistema di Soccorso Nazionale

Gestione delle Emergenze negli spazi confinati e coordinamento con il sistema di Soccorso Nazionale Gestione delle Emergenze negli spazi confinati e coordinamento con il sistema di Soccorso Nazionale Relatore: Ing. Alberto Parrino (Comando Prov.le VV.F. Modena) Modena 16/07/2012 Regolamento recante norme

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA UNIVERSITARIA BRUSCHI CARRARA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA UNIVERSITARIA BRUSCHI CARRARA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA UNIVERSITARIA BRUSCHI CARRARA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA UNIVERSITARIA BRUSCHI VIA

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

n. eventi 2007 308 Gennaio 2009 76 Febbraio 2009 34 Marzo 2009 24 I trimestre 2009 134

n. eventi 2007 308 Gennaio 2009 76 Febbraio 2009 34 Marzo 2009 24 I trimestre 2009 134 ANALISI DEI CASI VERIFICATISI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI BRESCIA E STATISTICA DELLE CAUSE Ing. Pier Nicola Dadone Comando provinciale Vigili del Fuoco di Brescia Statistica 2007-9 degli incendi

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN LA SICUREZZA SUL LAVORO La sicurezza nei luoghi di lavoro è governata dal D.Lgs. 81/2008 chiamato anche Testo Unico per la Sicurezza. La scuola è un

Dettagli

ISTRUZIONI GENERALI PER IL PERSONALE DEL TRENO IN CASO DI INCONVENIENTE DI ESERCIZIO IN GALLERIA (C.O. 17/AD TRENITALIA)

ISTRUZIONI GENERALI PER IL PERSONALE DEL TRENO IN CASO DI INCONVENIENTE DI ESERCIZIO IN GALLERIA (C.O. 17/AD TRENITALIA) ISTRUZIONI GENERALI PER IL PERSONALE DEL TRENO IN CASO DI INCONVENIENTE DI ESERCIZIO IN GALLERIA (C.O. 17/AD TRENITALIA) 1 1997 Linee guida per il miglioramento della sicurezza nelle gallerie ferroviarie

Dettagli

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA Compilare la seguente scheda di valutazione finalizzata alla valutazione delle conoscenze relative alla gestione delle emergenze in una qualsiasi realtà operativa.

Dettagli

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Tipo di rischio SISMA SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Località Territorio comunale Evento sismico di media entità (magnitudo Richter Descrizione compresa tra 4,0 e 5,5) Grado di rischio Alto SCENARIO 3.29

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Cipressino FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Cipressino FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Cipressino FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Il Cipressino

Dettagli