Codice di buone pratiche dell ILO sulla sicurezza e salute nei porti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Codice di buone pratiche dell ILO sulla sicurezza e salute nei porti"

Transcript

1 Codice di buone pratiche dell ILO sulla sicurezza e salute nei porti

2 Prefazione Il presente Codice di buone pratiche dell ILO sulla sicurezza e salute nei porti sostituisce due precedenti pubblicazioni dell ILO: Guida alla sicurezza e all igiene nelle operazioni portuali (1976) e Sicurezza e igiene nelle operazioni portuali, un codice di buone pratiche ILO (seconda edizione, 1977). Il testo è stato adottato in occasione di una riunione di esperti tenutosi a Ginevra dall 8 al 17 dicembre Il Consiglio di Amministrazione dell ILO, alla sua 287 a sessione nel giugno 2003, ha approvato la composizione della riunione degli esperti. Conformemente a tale decisione, sono intervenuti all incontro 12 esperti designati dai governi (Australia, Brasile, Canada, Cina, Egitto, Germania, Nigeria, Panama, Filippine, Spagna, Regno Unito, Stati Uniti), dodici esperti designati dai datori di lavoro e da dodici esperti designati dai lavoratori. Vi hanno inoltre partecipato osservatori esperti di altri governi, e gli osservatori di molte organizzazioni intergovernative e non governative. Questo codice non è uno strumento giuridicamente vincolante. Non è destinato a sostituire le leggi e le normative nazionali o né a incidere sui principi e i diritti fondamentali dei lavoratori enunciati dagli strumenti ILO. Le raccomandazioni pratiche presenti in questo codice sono intese come orientamenti per i componenti dell ILO e per tutti coloro che hanno responsabilità o sono coinvolti nella gestione, nel funzionamento, nella manutenzione e nello sviluppo dei porti. Si auspica che il presente codice contribuisca a innalzare il livello di sicurezza e salute nei porti di tutto il mondo, e che incoraggi più Paesi a ratificare la Convenzione sulla sicurezza e l igiene nelle operazioni portuali, 1979 (n 152), o altrimenti che ne favorisca la messa in atto delle disposizioni. L ILO desidera rivolgere i propri ringraziamenti alla Circlechief AP e al gruppo Circlechief di John Alexander e Mike Compton del Regno Unito per l esauriente opera compiuta nello sviluppare il codice di buone pratiche e nel presenziare alla riunione degli esperti durante le discussioni. L ILO ringrazia inoltre la Through Transport Mutual Services (UK) Ltd. (TT CLUB) per il contributo finanziario offerto nella preparazione delle illustrazioni tecniche incluse nel presente codice. V

3 Codice di buone pratiche dell'ilo sulla sicurezza e salute nei porti Lista dei partecipanti Esperti designati dai Governi: Mr. John Kilner, Assistant Secretary, Maritime Security, Department of Transport and Regional Services, Canberra (Australia). Mr. John Platts, Special Advisor, Marine Security, Transport Canada, Security and Emergency and Preparedness Directorate, Ottawa (Canada). Consigliere: Ms.Lynn Young, Director, Human Resources Development Canada (HRDC), Ottawa. Mr. Daltro D Arisbo, Labour Office Auditor FISCAL, Porto Alegre (Brazil). Consigliere: Captain Darlei Pinheiro, Mission Officer, Brazilian Permanent Representation to the IMO, London. Mr. Ye Hongjun, Division Chief, Department of Worker Transport Administration, Ministry of Communication, Beijing (China). Consiglieri: Mr. Xu Yi, Director, Department of Human Resources, Ministry of Communication, Beijing. Ms.Zhao Xiaoliang, Official, Department of International Cooperation, Ministry of Communication, Beijing. Mr. Tarek Hassan Ibrahim Sharef Eldin, Director, Industrial Health and Safety Institute, Cairo (Egypt). Consiglieri: Mr. Hazem Abdel Hazem Halim, Head of Maritime Sector Administration, Alexandria. Ms.Nadia El-Gazzar, Labour Counsellor, Permanent Mission of Egypt, Geneva. Mr. Achim Sieker, Junior Unit Leader, Federal Ministry of Economics and Labour, Bonn (Germany). VI

4 Prefazione Consigliere: Ms.Ute Bödecker, Executive for Legal and Security Matters, Ministry of the Interior, Hamburg. Mr. Mobolaji Olurotimi Banjo, Acting Director, Inspectorate Department, Federal Ministry of Labour and Productivity, Abuja (Nigeria). Consiglieri: Mr. Wali Mansoor Kurawa, Director of Maritime Services, Federal Ministry of Transport, Abuja. Mr. Sotonye Inyeinengi-Etomi, Special Assistant to the Honourable Minister of Transport, Federal Ministry of Transport, Abuja. Dr. O.C. Nathaniel, Deputy Director, Joint Maritime Labour Industrial Council, Lagos. Ms.Ifeoma Christina Nwankwo, Deputy Director, Federal Ministry of Labour and Productivity, Abuja. Mr. John Idakwoji, Assistant Chief Administrative Officer, Abuja. Mr. Audu Igho, Administrative Officer, Joint Maritime Labour Industrial Council, Lagos. Mr. Henry A. Ajetunmobi, Assistant General Manager Security, Nigerian Ports Authority, Lagos. Ms.Julissa Tejada de Humphrey, Director, Institutional Office of Human Resources, Ministry of Labour and Manpower Development, Panama (Panama). Mr. Gerardo S. Gatchalian, Supervising Labor and Employment Officer, Bureau of Working Conditions, Department of Labor and Employment, Manila (Philippines). Consiglieri: Mr. Benjamin B. Cecilio, Assistant General Manager for Operations, Philippine Ports Authority, Manila. Ms.Yolanda C. Porschwitz, Labor Attaché, Permanent Mission of the Philippines, Geneva. Mr. D. Juan Ramón Bres, Inspector, Labour and Social Security Inspectorate, Cadiz (Spain). VII

5 Codice di buone pratiche dell'ilo sulla sicurezza e salute nei porti Consigliere: Mr. Pedro J. Roman Nuñez, Safety and Security Department Manager, Spanish Ports Administration, Madrid. Mr. Graeme Henderson, Head of Marine and Civil Contingencies Section, Health and Safety Executive, London (United Kingdom). Consiglieri: Mr. David Carter, Deputy Head and Health and Safety Executive, Transport Safety Division, Marine, Aviation and Civil Contingencies Section, London. Mr. Ashley Reeve, Head of Maritime Security Operations, Department of Transport, London. Mr. Charles Thomas Pope, Area Director, US Department of Labor Occupational Safety and Health Administration (OSHA), Norfolk (United States). Consiglieri: Captain Jon S. Helmick, USMS, Director, Logistics and Intermodal Transportation Program, United States Merchant Marine Academy, Kings Point. Captain David L. Scott, Chief, Office of Operating and Environmental Standards, Washington, DC. Mr. John W. Chamberlin, First Secretary, Permanent Mission of the United States of America, Chambésy. Esperti designati dai Datori di lavoro: Mr. Abdou Ba, Director of the Port Manpower Bureau, Unions of Cargo- Handling Enterprises of Senegal Ports, Mole (Sénégal). Mr. Francis Bertrand, Director of Human Resources and Legal Affairs, International Organisation of Employers (IOE), Nantes (France). Mr. Guido Marcelo Bocchio Carbajal, Legal Superintendent, Southern Peru Copper Corporation, Lima (Peru). Mr. Joseph J. Cox, President, Chamber of Shipping of America, Washington, DC (United States). VIII

6 Prefazione Ms.Lynne Harrison, Human Resources Manager, Port of Napier Ltd., Napier (New Zealand). Mr. Dierk Lindemann, Managing Director, German Shipowners Association, Hamburg (Germany). Mr. Claes Olmarker, Port Security Officer, Port of Göthenburg, Göthenburg (Sweden). Mr. Usman Husein Punjwani, Seaboard Services Partner, Seaboard Services, Karachi (Pakistan). Mr. Dahari Ujud, Senior Manager, Ancilliary Services, Port Klang (Malaysia). Mr. Michael Joseph Van der Meer, General Manager, Port Authority Division, Namibian Ports Authority, Walvis Bay (Namibia). Mr. Pieter M. Van der Sluis, Adviser Social Affairs, General Employers Organization, Nieuwerherh (The Netherlands). Consigliere: Mr. Fer M.J. Van de Laar, Chairman, International Association of Ports and Harbours, Environment and Marine Operations Committee, Amsterdam Port Authority, Amsterdam. Mr.Alexander Zaitsev, President, Association of Ports and Shipowners of River Transport, Moscow (Russian Federation). Esperti designati dai Lavoratori: Mr. Gary Brown, Port Security, AFL-CIO, Fife, Washington State (United States). Mr. Marcel Carlstedt, Swedish Transport Workers Union, Stockholm (Sweden). Mr. P.M. Mohamed Haneef, Working President, Cochin Port Staff Association, Kochi (India). Mr. Knud Hansen, Secretary, General Workers Union, Copenhagen (Denmark). Mr. Albert François Le Monnier, Third Vice-President, Safety Coordinator, International Longshore and Warehouse Union (ILWU), Vancouver (Canada). IX

7 Codice di buone pratiche dell'ilo sulla sicurezza e salute nei porti Mr. Peter Lovkvist, Co-Sweden, Valbo (Sweden). Mr. Kees Marges, Union Adviser, FNV Bondgeroter Netherlands, London (United Kingdom). Ms.Veronica Mesatywa, National Sector Coordinator, Maritime Industry, South African Transport and Allied Workers Union (SATAWU), Johannesburg (South Africa). Mr. Leal Sundet, International Longshore and Warehouse Union (ILWU), California (United States). Mr. James Trevor Tannock, Deputy National Secretary, Maritime Union of Australia, Sydney (Australia). Mr. Kenji Yasuda, President, National Council of Dockworkers Union of Japan (ZENKOKU-KOWAN), Tokyo (Japan). Consiglieri: Mr. Yuji Iijima, Chief of European Office, All Japan Seamen s Union, London. Mr. Shimpei Suzuki, General Secretary, National Council of Dockworkers Union of Japan, Tokyo. In addition to the experts, Government observers from three member States, as well as ten representatives of intergovernmental and non-governmental organizations, attended. Osservatori governativi: Mr. Harri Halme, Senior Safety Officer, Ministry of Social Affairs and Health, Tampere (Finland). Mr. Mario Alvino, Official, Ministry of Labour and Social Policy, Rome (Italy). Ms.Asiye Türker, Senior Engineer, Head of Delegation, The Prime Ministry Undersecretariat for Maritime Affairs, Ankara (Turkey). Rappresentanti di organizzazioni intergovernative: Mr. W. Elsner, Head of Port Unit, European Union (EU), Brussels. Mr. Diego Teurelincx, Port Unit, EU, Brussels. Mr. Christopher C. Trelawny, Senior Technical Officer, Navigational Safe- X

8 Prefazione ty and Maritime and Security Section, Maritime Safety Division, International Maritime Organization (IMO), London. Mr. Viatcheslav Novikov, Economic Affairs Officer, United Nations Economic Commission for Europe (UNECE), Geneva. Rappresentanti di organizzazioni internazionali non governative: Mr. Fer M.J. Van de Laar, Chairman, International Association of Ports and Harbours (IAPH), Environment and Marine Operations Committee, Amsterdam Port Authority, Amsterdam. Mr. John Nicholls, Director, ICHCA International, Romford, Essex. Mr. Brian Parkinson, Adviser, International Shipping Federation (ISF), London. Mr. Dan Cunniah, Director, Geneva Office, International Confederation of Free Trade Unions (ICFTU), Geneva. Ms.Anna Biondi, Assistant Director, Geneva Office, ICFTU, Geneva. Mr. Jean Dejardin, Adviser, International Organisation of Employers (IOE), Geneva. Rappresentanti ILO: Ms.Cleopatra Doumbia-Henry, Director, Sectoral Activities Department. Mr. Dani Appave, Maritime Specialist, Maritime Activities, Sectoral Activities Department. Mr. Marios Meletiou, Technical Specialist (Ports and Transport), Maritime Activities, Sectoral Activities Department. XI

9 Indice Prefazione V Elenco dei partecipanti VI Abbreviazioni e acronimi XXIX 1. Introduzione, campo di applicazione, attuazione e definizioni Introduzione Panoramica generale sull industria portuale Motivi della pubblicazione del presente codice Campo di applicazione Attuazione Innovazioni nei porti Definizioni Disposizioni generali Responsabilità Requisiti generali Le autorità competenti Datori di lavoro portuali Appaltatori e fornitori di mano d opera o di servizi Ufficiali di bordo Dirigenza Supervisori Lavoratori portuali Lavoratori autonomi Consulenti per la sicurezza e salute sul lavoro Altro personale al lavoro Passeggeri e non lavoratori Gestione della sicurezza e salute sul lavoro Requisiti generali Metodi di valutazione del rischio Sistemi di gestione della sicurezza e salute Misure di sicurezza del lavoro Organizzazione Organizzazione della sicurezza e salute nel lavoro portuale Comitati di sicurezza e salute sul lavoro Rappresentanti della sicurezza XIII

10 Codice di buone pratiche dell'ilo sulla sicurezza e salute nei porti 2.5. Rapporti e indagini sugli infortuni Rapporti interni sugli infortuni Notifica obbligatoria sugli infortuni Indagini sugli infortuni Selezione e formazione Selezione dei lavoratori portuali Bisogni formativi Formazione base Formazione specifica Metodi di formazione Valutazione della formazione Informazione dei lavoratori portuali Strutture speciali per disabili Infrastrutture portuali, impianti e apparecchiature Disposizioni generali Separazione delle persone dai veicoli Superfici Illuminazione Misure di prevenzione antincendio Requisiti generali Misure di protezione antincendio Sistemi di allarme incendio Attrezzature antincendio Mezzi di evacuazione in caso di incendio Viabilità Strade Passaggi pedonali Altre questioni Aree di movimentazione merci Disposizione Protezione dei bordi Cigli delle banchine Recinzioni di protezione Scale di banchina Attrezzature di salvataggio Mezzi di accesso alle navi Requisiti generali XIV

11 Indice Rampe di imbarco/sbarco e passaggi pedonali Pontili Gradini e scale fisse Scale di banchina Accesso a edifici, strutture e impianti del terminal Requisiti generali Scale e gradini Scale fisse e passaggi pedonali Scale portatili Biscagline Ascensori Macchinari e attrezzature per terminal Requisiti generali Attrezzature mobili Veicoli operanti esclusivamente all interno dell area portuale Installazione di monitor sui veicoli Semirimorchi Cavalletti Colli d oca Rimorchi e casse mobili ( cassettes ) Carrelli manuali e carrelli trolleys Piattaforme di carico Gabbie di rizzaggio o di accesso Nastri Trasportatori Apparecchiature elettriche Utensili a mano Macchinari Colonne e bitte di ormeggio Strutture per la copertura dei veicoli con teloni Altre attrezzature Terminal per merci alla rinfusa Prodotti solidi alla rinfusa Liquidi e gas alla rinfusa Terminal contenitori Definizioni Requisiti generali Segregazione XV

12 Codice di buone pratiche dell'ilo sulla sicurezza e salute nei porti Reception Sale di controllo Griglie di scambio Terminal passeggeri Terminal ro-ro (roll-on-roll-roff) Depositi merci e capannoni per merci in transito Gate e uffici di banchina Gate Uffici di banchina Ferrovie portuali Navi di appoggio e scialuppe Dispositivi di protezione individuale Requisiti generali Stoccaggio e manutenzione dei dispositivi di protezione individuale Apparecchi e accessori di sollevamento Requisiti di base Requisiti generali Freni Alimentazione elettrica Carico di utilizzazione ammissibile (SWL, Safe Working Load) Comandi Dispositivi di limitazione Lubrificazione Cabina dell operatore Contrappeso Anello girevole Pneumatici Mezzi di accesso Argani e tamburi, inserimento e fissaggio Manutenzione Collaudo, esame completo, marcatura e controllo degli apparecchi e degli accessori di sollevamento Introduzione Collaudo degli apparecchi di sollevamento Collaudo degli accessori di sollevamento XVI

13 Indice Esame completo Rapporti di prova e di esame, registri e certificati Marcatura Ispezione Apparecchi di sollevamento Apparecchi di sollevamento della nave Gru portuali Carrelli elevatori Accessori di sollevamento Requisiti generali Catene e brache di catena Funi e brache metalliche Funi e brache di fibra Bozzelli Altri accessori di sollevamento Dispositivi di sollevamento facenti parte integrante del carico Requisiti generali Contenitori flessibili intermedi per trasporto alla rinfusa Bancali Procedure di sicurezza per l utilizzo degli apparecchi e degli accessori di sollevamento Requisiti di base Requisiti generali Pianificazione e controllo delle operazioni di sollevamento Formazione Ispezioni Requisiti generali per ispezioni Controlli giornalieri Controlli settimanali Bozzelli Attrezzature non regolarmente utilizzate Condizioni meteorologiche Apparecchi di sollevamento Requisiti generali Uso sicuro Cura e manutenzione Apparecchi di sollevamento della nave Alberi di carico della nave XVII

14 Codice di buone pratiche dell'ilo sulla sicurezza e salute nei porti Utilizzo di bighi accoppiati (sistema di carico/ scarico all americana) Montacarichi delle navi Apparecchi mobili di sollevamento utilizzati sulle navi Gru installate temporaneamente sulla nave Gru portuali Carrelli elevatori Requisiti generali Uso sicuro Carrelli a braccio telescopico Carrelli elevatori a forca a presa laterale Batterie Carrelli transpallet spinti manualmente Altri apparecchi di sollevamento Utilizzo di più apparecchi di sollevamento per il sollevamento dei carichi Accessori di sollevamento Carico di utilizzazione ammissibile Uso sicuro Funi e brache Utilizzo Deposito e manutenzione Rimozione dall uso Altri accessori di sollevamento Segnalatori Operazioni a terra Disposizioni generali Requisiti generali Mezzi di accesso Manutenzione e pulizia Movimentazione manuale Merci in transito Manutenzione operativa Lavori a caldo Uso dei dispositivi di protezione individuale (DPI) Imballaggio delle merci XVIII

15 Indice 6.3. Operazioni sui contenitori Controllo delle operazioni sui contenitori Requisiti generali Operazioni di interscambio con gru a cavaliere Operazioni di interscambio con RMG e RTG Ingresso nelle aree di stoccaggio Procedure di emergenza Aree di stoccaggio dei contenitori Movimentazione e sollevamento dei contenitori Cambio degli spreader Accesso al tetto dei contenitori Operazioni svolte all interno dei contenitori Apertura dei contenitori Controlli doganali Riempimento e svuotamento di contenitori e di altre unità di trasporto carichi Pulizia dei contenitori Riparazione dei contenitori in transito Nastri trasportatori Apparati elettrici Prodotti forestali Requisiti generali Deposito Movimentazione Gate e reception Operazioni generiche di carico Macchinari (generale) Macchinari mobili (generale) Requisiti generali Veicoli per spostamenti interni Operazioni di rimorchio Cavalletti Semirimorchi a collo d oca Rimorchi a telaio ribassato a rulli Casse mobili Parcheggio Rifornimento di carburante XIX

16 Codice di buone pratiche dell'ilo sulla sicurezza e salute nei porti Merci liquide alla rinfusa Tronchi di albero Operazioni di ormeggio Movimentazione di bancali Terminal per passeggeri Operazioni ferroviarie Requisiti generali Carico e scarico dei vagoni ferroviari Vagoni ferroviari in movimento Operazioni roll on roll off (ro-ro) Movimentazione dei rottami di ferro Carichi solidi alla rinfusa Accatastamento e stivaggio delle merci Prodotti in acciaio e di altri metalli Requisiti generali Deposito Movimentazione Veicoli commerciali Regolamentazione del traffico Magazzini merci e capannoni per merci in transito Spazi confinati Requisiti generali Pericoli e precauzioni Operazioni a bordo Disposizioni generali Accesso alle navi Requisiti generali Scalandroni Passerelle di sbarco Scale portatili Biscagline Scala di murata Accesso ai ponti di navi portarinfuse e altre grandi navi Accesso a chiatte e altre piccole navi Accesso a navi ro-ro Accesso da nave a nave Accesso dal mare XX

17 Indice 7.3. Accesso a bordo Requisiti generali Accesso alle stive Accesso al carico di coperta Boccaporti Chiusure dei boccaporti Movimentazione dei portelli dei boccaporti Stoccaggio e assicurazione dei portelli dei boccaporti Protezione dei boccaporti Operazioni nelle stive Requisiti generali Procedure di lavoro Operazioni sul ponte Requisiti generali Rizzaggio e assicurazione dei carichi Destabilizzazione del carico Navi portacontenitori Requisiti generali Operazioni in coperta Lavoro sulla parte superiore dei contenitori Navi ro-ro Requisiti generali Spostamenti dei veicoli Transito dei passeggeri Operazioni di rizzaggio dei veicoli Montacarichi Navi per il trasporto di merci alla rinfusa Lavori a caldo Merci pericolose Merci pericolose imballate Requisiti generali Disposizioni internazionali Classificazione delle Nazioni Unite Codice IMDG Controllo delle merci pericolose imballate Carichi solidi alla rinfusa Liquidi e gas alla rinfusa XXI

18 Codice di buone pratiche dell'ilo sulla sicurezza e salute nei porti 8.4. Precauzioni operative Requisiti generali Formazione Controllo dell ingresso e della presenza Notifica di merci pericolose Verifica delle informazioni Movimentazione e stivaggio Misure di emergenza nell area portuale Disposizioni speciali Lavori di riparazione e manutenzione Salute Rischi per la salute Requisiti generali Merci pericolose e fumigazione Carichi di merci polverulente Merci di altro tipo Rumore Fatica Fumi Vibrazioni Situazioni particolari Altri aspetti sulla salute Ergonomia Servizi sanitari aziendali Principi generali Addetti al pronto soccorso Addetti ai servizi sanitari aziendali Servizi per il benessere dei lavoratori Disposizioni generali Servizi igienici Locali docce e lavabi Spogliatoi Acqua potabile Mense Uffici di avviamento al lavoro e sale d attesa XXII

19 Indice 11. Misure di emergenza Misure di emergenza a terra e a bordo della nave Requisiti generali Infortuni e malattie Soccorso Danni materiali Incendio Perdite da carichi Cadute in acqua Interruzione di servizi Condizioni meteorologiche avverse e rischi naturali Impianti a rischio di incidente rilevante Pianificazione delle misure di emergenza Requisiti generali Campo di applicazione Responsabilità Collegamenti Piani di emergenza Requisiti generali Personale essenziale Funzioni Centro operativo di controllo delle emergenze Pubblicazioni, esercitazioni e revisioni Attrezzatura di emergenza Altre questioni in materia di sicurezza Ambiente Requisiti generali Sistemi di gestioni ambientale Aspetti ambientali delle operazioni portuali Precauzioni Security Bibliografia Appendici A. Collaudo degli apparecchi di sollevamento B. Collaudo di accessori di sollevamento C. Esame completo degli apparecchi e degli accessori di sollevamento 404 XXIII

20 Codice di buone pratiche dell'ilo sulla sicurezza e salute nei porti D. Carico di prova E. Fattore di sicurezza (coefficiente di utilizzazione) F. Marchio del grado di qualità dell acciaio G. Trattamento termico del ferro saldato H. Marcatura dei bozzelli a una puleggia Figure 1. Torre faro per illuminare un area estesa Raccordo di terra per il collegamento internazionale nave-terra Esempi di segnaletica orizzontale e verticale per passaggi pedonali Indicazione di porta bassa con limite di altezza Barriere intorno a pali per illuminazione standard Recinzione per angoli e interruzioni dei bordi banchina Protezione del ciglio banchina per veicoli Struttura di una recinzione Scala di banchina Appigli e sistema di drenaggio nella parte superiore di una scala di banchina Rampa di imbarco/sbarco merci e passaggi pedonali Collegamento a terra tramite pontone con rampa di imbarco/sbarco o passerella di sbarco Recinzioni di un pontile Ringhiere di protezione mobili per le scale fisse Scala verticale passante attraverso un apertura Scala verticale che prosegue al di sopra della piattaforma di appoggio Dimensioni di una scala portatile Dispositivi di bloccaggio su un semirimorchio Cavalletto Rastrelliera di stoccaggio per colli d oca Piattaforma di carico Gabbia di accesso o di rizzaggio Strutture per la copertura di veicoli con teloni Identificazione delle condutture di terra Torre di servizio per il controllo dei contenitori Protezione di un uscita da uno stabile adiacente ad un binario XXIV

CONVENZIONE RELATIVA ALLA SICUREZZA E ALL IGIENE DEL LAVORO NELLE OPERAZIONI PORTUALI, 1979 1

CONVENZIONE RELATIVA ALLA SICUREZZA E ALL IGIENE DEL LAVORO NELLE OPERAZIONI PORTUALI, 1979 1 Convenzione 152 CONVENZIONE RELATIVA ALLA SICUREZZA E ALL IGIENE DEL LAVORO NELLE OPERAZIONI PORTUALI, 1979 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata dal Consiglio

Dettagli

UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE

UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Le (UM) che garantiscono lo spostamento delle Unità di Carico

Dettagli

Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006

Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006 Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006 Convegno LA SICUREZZA NEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE Intervento Francesco Carpinteri Capo Ufficio Sicurezza della Navigazione Comando Generale del Corpo della

Dettagli

Indice Manuale per la Movimentazione merci pericolose. Carico, scarico,

Indice Manuale per la Movimentazione merci pericolose. Carico, scarico, Indice Manuale per la Movimentazione merci pericolose. Carico, scarico, facchinaggio di merci e materiali. Manuale sulla sicurezza destinato agli addetti al carico, scarico, facchinaggio di merci e materiali

Dettagli

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL Terminal Crociere - Piazzale dei Marmi 57123 Livorno (LI) Italia Tel. (+39) 0586 20.29.01 Fax (+39) 0586 89.22.09 info@portolivorno2000.it Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società

Dettagli

Committente Provincia Regionale di Catania

Committente Provincia Regionale di Catania cantiere sito nel comune di Grammichele e Ramacca Rev. 00 Committente Provincia Regionale di Catania DOCUMENTO ELABORATO AI SENSI DELL ART. 100 DEL D. LGS. 81/2008 COORDINATO CON IL D. LGS. 3 AGOSTO 2009,

Dettagli

NEAR MISS. Condizione sbagliata Comportamento sbagliato Near miss

NEAR MISS. Condizione sbagliata Comportamento sbagliato Near miss NEAR MISS Si definisce near miss o quasi infortunio qualsiasi evento, correlato al lavoro, che avrebbe potuto causare un infortunio o danno alla salute (malattia) o morte ma, solo per puro caso, non lo

Dettagli

L abilitazione degli operatori di particolari attrezzature di lavoro

L abilitazione degli operatori di particolari attrezzature di lavoro L abilitazione degli operatori di particolari attrezzature di lavoro ( art. 73 comma 5 D. Lgs. 81/2008) Ing. Alessandro Gandini 1 premesse normative dell accordo del 22/02/2012 D. Lgs. 09 aprile 2008 n.

Dettagli

Apparecchi di sollevamento - Ascensori

Apparecchi di sollevamento - Ascensori Apparecchi di sollevamento - Ascensori APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Definizioni e classificazioni Per apparecchio di sollevamento si intende un apparecchio destinato ad effettuare un ciclo di sollevamento

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: UTILIZZO TRANSPALLET ELETTRICI E MANUALI (CARRELLI ELEVATORI CON TIMONE)

GESTIONE IN SICUREZZA: UTILIZZO TRANSPALLET ELETTRICI E MANUALI (CARRELLI ELEVATORI CON TIMONE) Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

Verifica della conformità normativa 2

Verifica della conformità normativa 2 Verifica della conformità normativa 2 Per una corretta gestione della sicurezza è necessario predisporre (vedi allegato 2.A.) e archiviare l apposita documentazione. 2.1 Elenco documentazione Certificato

Dettagli

Attrezzatura: CARRELLO MOBILE ELEVATORE

Attrezzatura: CARRELLO MOBILE ELEVATORE Scheda 18 Operazione: MOVIMENTAZIONE DEI CARICHI Attrezzatura: CARRELLO MOBILE ELEVATORE Introduzione Lo scopo della movimentazione dei carichi con carrello elevatore consiste nel sollevare, spostare,

Dettagli

della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI

della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI LUCIO FATTORI della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI manuale ad uso dei lavoratori Informazione dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m. Contenuti conformi

Dettagli

SECURITY & SAFETY NEI TERMINAL PASSEGGERI DEL PORTO DI GENOVA

SECURITY & SAFETY NEI TERMINAL PASSEGGERI DEL PORTO DI GENOVA SECURITY & SAFETY NEI TERMINAL PASSEGGERI DEL PORTO DI GENOVA Le norme ed i comportamenti da seguire nelle aree date in concessione alla società Stazioni Marittime s.p.a. L accesso alle aree date in concessione

Dettagli

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione A.1. Valutazione dei rischi 1 Documento di valutazione dei rischi ( DLgs. 81/08 art. 28 c.2 ) 2 Autocertificazione

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

D lgs 9 aprile 2008, n 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO INDICE ALLEGATI

D lgs 9 aprile 2008, n 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO INDICE ALLEGATI D lgs 9 aprile 2008, n 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO INDICE ALLEGATI ALLEGATO I VIOLAZIONI Violazioni che espongono a rischi di carattere generale Violazioni che espongono al rischio

Dettagli

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Sicurezza realizzabile Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Gli interventi di manutenzione sui veicoli ferroviari vengono svolti in condizioni di sicurezza? La manutenzione dei

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

Verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro

Verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro Verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro Gli obblighi previsti dal d.lgs. n.81/08 (e s.m.i.) e le previsioni del D.M. 11 aprile 2011 Ing. Davide Casaro Servizio Ambiente e Sicurezza Il d.lgs.

Dettagli

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C M.Lupi "Sistemi di Movimentazione e Stoccaggio"- A.A. 2011/12 - Università di Pisa - Polo

Dettagli

POLISTUDIO. Anno 2010 Gru a ponte e a bandiera v.03 1

POLISTUDIO. Anno 2010 Gru a ponte e a bandiera v.03 1 Anno 2010 Gru a ponte e a bandiera v.03 1 Gru a ponte e gru a bandiera: indice Riferimenti normativi Elementi dell apparecchio Dispositivi di sicurezza Installazione Segnaletica Utilizzo dell apparecchio

Dettagli

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul

Dettagli

GSQ CORSO DI ABILITAZIONE PER ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI GESTIONE SICUREZZA & QUALITA

GSQ CORSO DI ABILITAZIONE PER ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI GESTIONE SICUREZZA & QUALITA IMPRESE MASSA CARRARA GSQ CON LA COLLABORAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE SICUREZZA & QUALITA CORSO DI ABILITAZIONE PER ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI INTRODUZIONE La movimentazione

Dettagli

Apparecchi di sollevamento. Ing. Paolo Magliano

Apparecchi di sollevamento. Ing. Paolo Magliano Apparecchi di sollevamento Ing. Paolo Magliano Gru a torre Definizione La gru a torre è un apparecchio di sollevamento azionato da un proprio motore e costituito da una torre verticale munita nella parte

Dettagli

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro Il D.Lgs. 626/94 stabilisce le misure generali di tutela della salute e della sicurezza

Dettagli

Manuale dell insegnante : La messa in sicurezza del carico nel trasporto aereo

Manuale dell insegnante : La messa in sicurezza del carico nel trasporto aereo Slide Air 1] [Slide Air 2 & 3] Introduzione Il sistema dei trasporti ha bisogno dei servizi del trasporto aereo quando la merce deve essere trasportata per lunghe distanze e velocemente. La merce è di

Dettagli

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI U CHECK LIST PER LA CUREZZA NEI CANTIERI EDILI LE CONDERAZIONI ESPOSTE SO FRUTTO ESCLUVO DEL PENERO 1DEGLI AUTORI E N HAN CARATTERE IN ALCUN MODO IMPEGTIVO PER L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DI APPARTENENZA.

Dettagli

Michele Lepore PRONTUARIO. delle AUTORIZZAZIONI, VERIFICHE, CERTIFICAZIONI e dei CONTROLLI DI SICUREZZA

Michele Lepore PRONTUARIO. delle AUTORIZZAZIONI, VERIFICHE, CERTIFICAZIONI e dei CONTROLLI DI SICUREZZA Michele Lepore PRONTUARIO delle AUTORIZZAZIONI, VERIFICHE, CERTIFICAZIONI e dei CONTROLLI DI SICUREZZA Guida agli adempimenti tecnico-amministrativi di prevenzione infortuni, igiene del lavoro e prevenzione

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 428/2010 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 428/2010 DELLA COMMISSIONE L 125/2 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 21.5.2010 REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 428/2010 DELLA COMMISSIONE del 20 maggio 2010 recante attuazione dell articolo 14 della direttiva 2009/16/CE del

Dettagli

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - -

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - - Collegio Geometri della Provincia di Brescia Commissione 494 Sicurezza dei Cantieri P.S.C. P.S.C. (o Piano di Sicurezza e di Coordinamento): specificato per ogni singolo cantiere temporaneo o mobile e

Dettagli

SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO

SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO MODULO : CINQUE UNITA : UNO STRUTTURE PORTUALI Generalità Nomenclatura: I Porti sono spazi acquei, protetti naturalmente o artificialmente dal vento e dalle

Dettagli

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132 pag. 1/28 SOMMARIO Carro tipo 130 / 132 1.0 - INFORMAZIONI GENERALI... 2 1.1 - Descrizione del prodotto... 2 1.2 - Caratteristiche tecniche del prodotto... 4 1.2.1 - Dimensioni... 4 1.2.2 - Carichi...

Dettagli

Norme tecniche per macchinari 1

Norme tecniche per macchinari 1 Legge federale sulla sicurezza delle installazioni e degli apparecchi tecnici (LSIT) Norme tecniche per macchinari 1 Visto l articolo 4a della legge federale del 19 marzo 1976 (modificata il 18 giugno

Dettagli

FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU MOBILI

FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU MOBILI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU MOBILI (attuazione art. 73, comma 5, del D.lgs 81/08 correttivo D.lgs 106/09 e Accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2012) DURATA: 14 ORE COSTI:

Dettagli

ALLEGATI. Verifica della conformità normativa

ALLEGATI. Verifica della conformità normativa 2 Verifica della conformità normativa 2.A. Verifica della conformità normativa Si riporta di seguito uno schema relativo ad alcuni dei principali adempimenti legati all applicazione del D.Lgs. 626/94 e

Dettagli

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8 03 Lavori in quota Introduzione I lavori in quota possono esporre i lavoratori a rischi particolarmente gravi per la loro salute e sicurezza. Ci riferiamo in particolare ai rischi di caduta dall alto che

Dettagli

Liste di controllo Suva per l'individuazione del rischio e la pianificazione delle misure.

Liste di controllo Suva per l'individuazione del rischio e la pianificazione delle misure. Liste di controllo Suva per l'individuazione del rischio e la pianificazione delle misure. (agosto 2004) Gruppi mirati: Internet: le nostre liste di controllo sono uno strumento utile per i superiori e

Dettagli

REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA

REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA N Verifica Addetto al controllo 1 Gru a torre Verifica dei comandi, funi, freni, lubrificazione e microswitch di fine corsa

Dettagli

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Dott.ing. Roberto Cianotti Presidente Commissione UNI Apparecchi di sollevamento Bologna - Ambiente

Dettagli

Movimentazione in sicurezza delle GRU. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Movimentazione in sicurezza delle GRU. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Movimentazione in sicurezza delle GRU Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE LE REGOLE DEL BUON GRUISTA La gestione dell operatività dell apparecchio di sollevamento è

Dettagli

PATENTINO PER PERFORATORE DI POZZI PER ACQUA PERCORSO DI ABILITAZIONE

PATENTINO PER PERFORATORE DI POZZI PER ACQUA PERCORSO DI ABILITAZIONE PATENTINO PER PERFORATORE DI POZZI PER ACQUA PERCORSO DI ABILITAZIONE PATENTINO PER PERFORATORE DI POZZI PER ACQUA Macchine perforatrici SICUREZZA Slides ricavate dal percorso per Perforatori Grande /

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

Le Norme Tecniche. Analisi di alcuni aspetti delle principali norme tecniche di riferimento per gli apparecchi di sollevamento

Le Norme Tecniche. Analisi di alcuni aspetti delle principali norme tecniche di riferimento per gli apparecchi di sollevamento Le Norme Tecniche Analisi di alcuni aspetti delle principali norme tecniche di riferimento per gli apparecchi di sollevamento 1 CE direttiva Parlamento europeo 22 giugno 1998, n. 98/34 (mira a eliminare

Dettagli

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo III Capo III articoli 80-87 e Allegati V- VI - IX Titolo IV Capo II art 117 e Allegato X - così come modificati dal Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n.

Dettagli

Prefabbricati a) con tetto a falde e serramenti a nastro sulle pareti perimetrali. b) con tetto a falde e fasce finestrate

Prefabbricati a) con tetto a falde e serramenti a nastro sulle pareti perimetrali. b) con tetto a falde e fasce finestrate Prefabbricati a) con tetto a falde e serramenti a nastro sulle pareti perimetrali. b) con tetto a falde e fasce finestrate sul tetto. c) con tetto piano e lucernari a sezione triangolare trasversali. d)

Dettagli

27 dicembre 2013 SECO Direzione del lavoro Sicurezza dei prodotti Adriana Bertini. Numero Titolo Riferimento alla Gazzetta uff. CE

27 dicembre 2013 SECO Direzione del lavoro Sicurezza dei prodotti Adriana Bertini. Numero Titolo Riferimento alla Gazzetta uff. CE Legge federale sulla sicurezza dei prodotti (LSPro) Norme tecniche per macchinari 1 Visto l articolo 6 della legge federale del 12 giugno 2009 sulla sicurezza dei prodotti (LSPro; RS 930.11), le norme

Dettagli

CFRM 2010 - IT CFRM CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI

CFRM 2010 - IT CFRM CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI CFRM 2010 - IT CFRM CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI La formazione vincente. CFRM CENTRO FORMAZIONE E RICERCA MACCHINE Una formazione adeguata è fondamentale per realizzare una prevenzione effi cace.

Dettagli

Indice DEFINIZIONE... 2 Allestimento flessibile alla torsione... 2 CARATTERISTICHE GENERALI DEL TELAIO... 3 Uso... 3 Resistenza... 3 Stabilità durante il ribaltamento... 3 Comfort, caratteristiche di guida...

Dettagli

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO DURATA IL CORSO SPECIFICO PER L UTILIZZO DI POMPE PER CALCESTRUZZO HA UNA DURATA COMPLESSIVA DI 16 ORE ORGANIZZATE IN TRE MODULI: MODULO DI BASE (4 ORE) E MODULO TECNICO

Dettagli

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

MODULO DI INDIRIZZO SOLLEVAMENTO. Capire la macchina

MODULO DI INDIRIZZO SOLLEVAMENTO. Capire la macchina IS MODULO DI INDIRIZZO SOLLEVAMENTO Capire la macchina CLASSIFICAZIONE DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Argani Gru a torre Autogru Gru su autocarro Sollevatore con braccio telescopico Carrelli elevatori

Dettagli

Vantaggi. - Il montaggio è rapido, facile e pulito.

Vantaggi. - Il montaggio è rapido, facile e pulito. Soppalchi I soppalchi permettono di sfruttare al massimo l altezza utile di un locale, duplicandone o triplicandone la superficie, e di creare aree dedicate a magazzini, guardaroba, uffici, ecc. L installazione

Dettagli

Guida all applicazione della direttiva ascensori 95/16/CE. Traduzione italiana a cura di AssoAscensori

Guida all applicazione della direttiva ascensori 95/16/CE. Traduzione italiana a cura di AssoAscensori Guida all applicazione della direttiva ascensori 95/16/CE Traduzione italiana a cura di AssoAscensori Indice Introduzione................................................................. pag. 8 Preambolo

Dettagli

Prefabbricati a) con tetto a falde e serramenti a nastro sulle pareti perimetrali. b) con tetto a falde e fasce finestrate

Prefabbricati a) con tetto a falde e serramenti a nastro sulle pareti perimetrali. b) con tetto a falde e fasce finestrate Prefabbricati a) con tetto a falde e serramenti a nastro sulle pareti perimetrali. b) con tetto a falde e fasce finestrate sul tetto. c) con tetto piano e lucernari a sezione triangolare trasversali. d)

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

«Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere»

«Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere» 1 Settore Ricerca, Certificazione e Verifica «Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere» L Aquila 06 Febbraio 2015 Ing. Raffaele Iovene Ing. Roberta Vasile 2 PRINCIPALI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO

Dettagli

Il Carroponte 1 il carroponte

Il Carroponte 1 il carroponte Il Carroponte Il Carroponte è uno strumento portentoso, ma che deve essere utilizzato con la massima prudenza. In commercio ne esistono di vari tipi, anche se alcuni elementi sono comuni fra molti modelli.

Dettagli

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili L'ing. M. Grandi - funzionario della Direzione provinciale del Lavoro di Verbania ha curato la realizzazione una check list dedicata

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015. CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015. CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015 CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro Modulo n. 1 SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI Collocazione

Dettagli

Impariamo a diventare bravi in SICUREZZA

Impariamo a diventare bravi in SICUREZZA SICUREZZA DEI LAVORATORI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO La presente sezione viene curata dai soci Rossella Del Regno, Chiarina Iuliano, e Gennaro Russo. Agli stessi potranno essere inviati osservazioni, quesiti

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI GIOIA TAURO

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI GIOIA TAURO MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI GIOIA TAURO ORDINANZA N. 42/2009 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Gioia Tauro: VISTO: il D.P.R. 06 giugno

Dettagli

UNITA OPERATIVA TERRITORIALE DI CERTIFICAZIONE, VERIFICA E RICERCA DI GENOVA (GE, IM, SP, SV)

UNITA OPERATIVA TERRITORIALE DI CERTIFICAZIONE, VERIFICA E RICERCA DI GENOVA (GE, IM, SP, SV) UNITA OPERATIVA TERRITORIALE DI CERTIFICAZIONE, VERIFICA E RICERCA DI GENOVA (GE, IM, SP, SV) Alcune considerazioni sui rischi specifici dei mezzi di sollevamento dei carichi utilizzati nel porto Genova,

Dettagli

Norme tecniche per imbarcazioni sportive, imbarcazioni sportive parzialmente completate e componenti

Norme tecniche per imbarcazioni sportive, imbarcazioni sportive parzialmente completate e componenti Ordinanza sulla navigazione nelle acque svizzere (Ordinanza sulla navigazione interna, ONI) Norme tecniche per imbarcazioni sportive, imbarcazioni sportive parzialmente completate e componenti Ai sensi

Dettagli

Un cordiale benvenuto

Un cordiale benvenuto Trasporto di merci pericolose ADR/SDR 29 marzo 2011 SSIC - Gordola Un cordiale benvenuto 11 MMV SA, 6925 Gentilino - 6370 Stans Markus Maria Vonlaufen Merci pericolose & Sostanze pericolose Le merci percolose

Dettagli

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Introduzione Principio Di norma, quando si sceglie l ubicazione di una gru a torre bisogna fare in modo che la movimentazione dei carichi sul cantiere

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

D.Lgs. n 17 del 27/01/10

D.Lgs. n 17 del 27/01/10 D.Lgs. n 17 del 27/01/10 ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2006/42/CE, RELATIVA ALLE MACCHINE E CHE MODIFICA LA DIRETTIVA 95/16/CE RELATIVA AGLI ASCENSORI 1 SCOPO DIRETTIVA RIAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs n 81 dei 9 aprile 2008 (ex Legge 3 agosto 2007 n 123) APPALTO: Servizio di Refezione scolastica per la scuola dell infanzia e

Dettagli

MANUALE D USO, MANUTENZIONE E CONTROLLO BRACHE IN CATENA Normativa di Rif. D.Lgs 17/2010, D.M. 2006/42/CE

MANUALE D USO, MANUTENZIONE E CONTROLLO BRACHE IN CATENA Normativa di Rif. D.Lgs 17/2010, D.M. 2006/42/CE REQUISITI DI SICUREZZA Generalità Le istruzioni d uso e manutenzione devono essere fornite dal fabbricante/fornitore per un uso corretto dell attrezzatura in termini di sicurezza e durata dello stesso.

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Ing. Pier Francesco Orrù Definizione Con il termine trasporti interni

Dettagli

Dichiarazione congiunta concernente il miglioramento della sicurezza stradale in particolare nelle gallerie nella regione alpina (30 novembre 2001)

Dichiarazione congiunta concernente il miglioramento della sicurezza stradale in particolare nelle gallerie nella regione alpina (30 novembre 2001) Pagina 1 Ministri dei trasporti Repubblica federale di Germania Repubblica d Austria Repubblica francese Repubblica italiana Confederazione svizzera Dichiarazione congiunta concernente il miglioramento

Dettagli

ambiente.lavoro.formazione. Studio Elvezia

ambiente.lavoro.formazione. Studio Elvezia sicurezza. ambiente.lavoro.formazione. Studio Elvezia Il vostro consulente multiuso MEDICI- NADEL LAVORO La consulenza globale per la sicurezza degli ambienti di lavoro è uno dei settori in cui il Gruppo

Dettagli

GENERATORE DI CORRENTE CON TORRE FARO, SCARRABILE, ALLESTITO SU CARRELLO STRADALE IN ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE

GENERATORE DI CORRENTE CON TORRE FARO, SCARRABILE, ALLESTITO SU CARRELLO STRADALE IN ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO TECNICO N.11 GENERATORE DI CORRENTE CON TORRE FARO, SCARRABILE, ALLESTITO SU CARRELLO STRADALE IN ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Dovrà essere fornito generatore di corrente con torre faro, scarabbile,

Dettagli

CORSI IN AULA (ID 1) (ID 2) (ID 3) (ID 4) (ID 5) (ID 7)

CORSI IN AULA (ID 1) (ID 2) (ID 3) (ID 4) (ID 5) (ID 7) CORSI IN AULA Corso per Personale qualificato e non qualificato della ristorazione e dell impresa alimentare 6 ore Corso per Responsabile Impresa Alimentare 20 ore (ID 1) (ID 2) (ID 3) (ID 4) (ID 5) (ID

Dettagli

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO 1 di 5 DATA.. Referente di Commessa RdC Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP Direttore Lavori DL Direttore Operativo DO Ispettore di Cantiere IC Assistente lavori AL Collaudatore

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO 23 settembre 2005

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO 23 settembre 2005 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 23 settembre 2005 Pubblicazione della traduzione in lingua italiana del testo consolidato della versione 2005 delle disposizioni degli allegati A

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO 23 settembre 2005

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO 23 settembre 2005 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 23 settembre 2005 Pubblicazione della traduzione in lingua italiana del testo consolidato della versione 2005 delle disposizioni degli allegati A

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2012

QUADERNO TECNICO Gennaio 2012 1 QUADERNO TECNICO Gennaio 2012 Autore: Luigi p.i. Leccardi Tecnico della Prevenzione CANTIERI EDILI CONTROLLI PER RIDURRE IL RISCHIO D UTILIZZO DELLA ATREZZATURE DI LAVORO GRU A TORRE Premessa La parola

Dettagli

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Sicurezza realizzabile Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Imbracatura, stoccaggio e trasporto Nella vostra azienda si lavora in condizioni di sicurezza con gli elementi prefabbricati in

Dettagli

I piani di sicurezza e la stima dei costi

I piani di sicurezza e la stima dei costi I piani di sicurezza e la stima dei costi Corso sulla sicurezza nei cantieri temporanei o mobili di cui al D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PIANI Di SICUREZZA/1 Riferimenti normativi Art. 131 del D.Lgs. n. 163/2006

Dettagli

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali 14 giugno 2012 - Fenestrelle (TO) ASL CN2 Alba-Bra Servizio di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (S.Pre Pre.S.A.L.) TITOLO IV D.L.gs 81/08

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello) PERCORSI VERTICALI Scheda: P005 Rev: 06/06/2009 10.48.00 Pagina 1/5 PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

Dettagli

SOMMARIO: Emissione: 08/11/1996 Aggiornamento: 24/09/2001 Motivo revisione Prima emissione Sistema Gestione Qualità Distribuzione Controllata

SOMMARIO: Emissione: 08/11/1996 Aggiornamento: 24/09/2001 Motivo revisione Prima emissione Sistema Gestione Qualità Distribuzione Controllata Pag. 1 di 9 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

UTILIZZO DI BRACHE IN FIBRE SINTETICHE PER SOLLEVAMENTO CARICHI

UTILIZZO DI BRACHE IN FIBRE SINTETICHE PER SOLLEVAMENTO CARICHI UTILIZZO DI BRACHE IN FIBRE SINTETICHE PER SOLLEVAMENTO CARICHI Nel settore lapideo vengono utilizzate brache in fibre sintetiche per sollevamento e movimentazione di lastre lucidate e manufatti quando

Dettagli

7.4.4.4.0 - Conduttori di carrelli elevatori 7.4.4.3.0 - Conduttori di gru e di apparecchi di sollevamento

7.4.4.4.0 - Conduttori di carrelli elevatori 7.4.4.3.0 - Conduttori di gru e di apparecchi di sollevamento REGIONE TOSCANA SETTORE FSE E SISTEMA DELLA FORMAZIONE E DELL'ORIENTAMENTO REPERTORIO REGIONALE DELLE FIGURE PROFESSIONALI (RRFP) DETTAGLIO SCHEDA FIGURA PROFESSIONALE Denominazione Figura Addetto alla

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONEPER IL LIVELLO DIRETTIVO PER DIRETTORE DI MACCHINA E 1 UFFICIALE DI MACCHINA

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONEPER IL LIVELLO DIRETTIVO PER DIRETTORE DI MACCHINA E 1 UFFICIALE DI MACCHINA A LLEGATO B PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONEPER IL LIVELLO DIRETTIVO PER DIRETTORE DI MACCHINA E 1 UFFICIALE DI MACCHINA FUNZIONE 1: MECCANICA NAVALE A LIVELLO DIRETTIVO Gestisce il funzionamento dell

Dettagli

Sommario. Premessa... pag. XV

Sommario. Premessa... pag. XV Premessa... pag. XV A Abbigliamento e indumenti protettivi...» 1 Acqua...» 9 Addestramento (v. anche Informazione, formazione e addestramento dei lavoratori)...» 13 Agenti biologici...» 16 Agenti cancerogeni...»

Dettagli

1. INDICAZIONI GENERALI

1. INDICAZIONI GENERALI DIRETTIVE INERENTI L ATTIVITA DI VERIFICA DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE - AUTORIZZAZIONE DEGLI STUDI PROFESSIONALI MEDICI ED ODONTOIATRICI INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELL ELENCO DEI DOCUMENTI 1. INDICAZIONI

Dettagli

0,1,67(52'(//('(,75$63257, &$3,7$1(5,$',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006

0,1,67(52'(//('(,75$63257, &$3,7$1(5,$',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006 0,1,67(52'(//('(,7563257, &3,71(5,',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006 9,672 il Decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2005 n.134 Regolamento recante disciplina per le navi mercantili dei

Dettagli

Addestramento D.P.I. per la discesa nel vano trasformatore Addetti alla conduzione di carrelli elevatori industriali semoventi con conducente a bordo

Addestramento D.P.I. per la discesa nel vano trasformatore Addetti alla conduzione di carrelli elevatori industriali semoventi con conducente a bordo Addestramento D.P.I. per la discesa nel vano trasformatore Addetti alla conduzione di carrelli elevatori industriali semoventi con conducente a bordo con Azienda Addetti alla manutenzione di estintori

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA A cura di Pier Luigi Ghisi OBIETTIVO PRINCIPALE Descrivere l approccio che è stato utilizzato nella

Dettagli

Lista di controllo Gru a ponte e a portale

Lista di controllo Gru a ponte e a portale Sicurezza realizzabile Lista di controllo Gru a ponte e a portale Potete affermare di lavorare in condizioni di sicurezza con le gru a ponte e a portale? Nell industria e nell artigianato le gru sono il

Dettagli

IL RISCHIO CADUTA DALL ALTO NELLE AZIENDE MANIFATTURIERE

IL RISCHIO CADUTA DALL ALTO NELLE AZIENDE MANIFATTURIERE IL RISCHIO CADUTA DALL ALTO NELLE AZIENDE MANIFATTURIERE ATTREZZATURE PER IL LAVORO IN QUOTA GIOVANNI SPEDO - ASL MANTOVA DIP. PREVENZIONE MEDICA Principali attività con rischio caduta dall alto nelle

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Logistica esterna - intermodalità PREMESSA SISTEMA DEI TRASPORTI Costituisce un organizzazione tecnico

Dettagli

Norme tecniche per macchinari 1

Norme tecniche per macchinari 1 Legge federale sulla sicurezza delle installazioni e degli apparecchi tecnici (LSIT) Norme tecniche per macchinari 1 Visto l articolo 4a della legge federale del 19 marzo 1976 (modificata il 18 giugno

Dettagli

CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011

CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011 CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011 ing. Cesare Cosentino Coordinatore AIAS Calabria Consigliere Nazionale 1 CLASSIFICAZIONE DELLE MERCI

Dettagli