Codice di buone pratiche dell ILO sulla sicurezza e salute nei porti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Codice di buone pratiche dell ILO sulla sicurezza e salute nei porti"

Transcript

1 Codice di buone pratiche dell ILO sulla sicurezza e salute nei porti

2 Prefazione Il presente Codice di buone pratiche dell ILO sulla sicurezza e salute nei porti sostituisce due precedenti pubblicazioni dell ILO: Guida alla sicurezza e all igiene nelle operazioni portuali (1976) e Sicurezza e igiene nelle operazioni portuali, un codice di buone pratiche ILO (seconda edizione, 1977). Il testo è stato adottato in occasione di una riunione di esperti tenutosi a Ginevra dall 8 al 17 dicembre Il Consiglio di Amministrazione dell ILO, alla sua 287 a sessione nel giugno 2003, ha approvato la composizione della riunione degli esperti. Conformemente a tale decisione, sono intervenuti all incontro 12 esperti designati dai governi (Australia, Brasile, Canada, Cina, Egitto, Germania, Nigeria, Panama, Filippine, Spagna, Regno Unito, Stati Uniti), dodici esperti designati dai datori di lavoro e da dodici esperti designati dai lavoratori. Vi hanno inoltre partecipato osservatori esperti di altri governi, e gli osservatori di molte organizzazioni intergovernative e non governative. Questo codice non è uno strumento giuridicamente vincolante. Non è destinato a sostituire le leggi e le normative nazionali o né a incidere sui principi e i diritti fondamentali dei lavoratori enunciati dagli strumenti ILO. Le raccomandazioni pratiche presenti in questo codice sono intese come orientamenti per i componenti dell ILO e per tutti coloro che hanno responsabilità o sono coinvolti nella gestione, nel funzionamento, nella manutenzione e nello sviluppo dei porti. Si auspica che il presente codice contribuisca a innalzare il livello di sicurezza e salute nei porti di tutto il mondo, e che incoraggi più Paesi a ratificare la Convenzione sulla sicurezza e l igiene nelle operazioni portuali, 1979 (n 152), o altrimenti che ne favorisca la messa in atto delle disposizioni. L ILO desidera rivolgere i propri ringraziamenti alla Circlechief AP e al gruppo Circlechief di John Alexander e Mike Compton del Regno Unito per l esauriente opera compiuta nello sviluppare il codice di buone pratiche e nel presenziare alla riunione degli esperti durante le discussioni. L ILO ringrazia inoltre la Through Transport Mutual Services (UK) Ltd. (TT CLUB) per il contributo finanziario offerto nella preparazione delle illustrazioni tecniche incluse nel presente codice. V

3 Codice di buone pratiche dell'ilo sulla sicurezza e salute nei porti Lista dei partecipanti Esperti designati dai Governi: Mr. John Kilner, Assistant Secretary, Maritime Security, Department of Transport and Regional Services, Canberra (Australia). Mr. John Platts, Special Advisor, Marine Security, Transport Canada, Security and Emergency and Preparedness Directorate, Ottawa (Canada). Consigliere: Ms.Lynn Young, Director, Human Resources Development Canada (HRDC), Ottawa. Mr. Daltro D Arisbo, Labour Office Auditor FISCAL, Porto Alegre (Brazil). Consigliere: Captain Darlei Pinheiro, Mission Officer, Brazilian Permanent Representation to the IMO, London. Mr. Ye Hongjun, Division Chief, Department of Worker Transport Administration, Ministry of Communication, Beijing (China). Consiglieri: Mr. Xu Yi, Director, Department of Human Resources, Ministry of Communication, Beijing. Ms.Zhao Xiaoliang, Official, Department of International Cooperation, Ministry of Communication, Beijing. Mr. Tarek Hassan Ibrahim Sharef Eldin, Director, Industrial Health and Safety Institute, Cairo (Egypt). Consiglieri: Mr. Hazem Abdel Hazem Halim, Head of Maritime Sector Administration, Alexandria. Ms.Nadia El-Gazzar, Labour Counsellor, Permanent Mission of Egypt, Geneva. Mr. Achim Sieker, Junior Unit Leader, Federal Ministry of Economics and Labour, Bonn (Germany). VI

4 Prefazione Consigliere: Ms.Ute Bödecker, Executive for Legal and Security Matters, Ministry of the Interior, Hamburg. Mr. Mobolaji Olurotimi Banjo, Acting Director, Inspectorate Department, Federal Ministry of Labour and Productivity, Abuja (Nigeria). Consiglieri: Mr. Wali Mansoor Kurawa, Director of Maritime Services, Federal Ministry of Transport, Abuja. Mr. Sotonye Inyeinengi-Etomi, Special Assistant to the Honourable Minister of Transport, Federal Ministry of Transport, Abuja. Dr. O.C. Nathaniel, Deputy Director, Joint Maritime Labour Industrial Council, Lagos. Ms.Ifeoma Christina Nwankwo, Deputy Director, Federal Ministry of Labour and Productivity, Abuja. Mr. John Idakwoji, Assistant Chief Administrative Officer, Abuja. Mr. Audu Igho, Administrative Officer, Joint Maritime Labour Industrial Council, Lagos. Mr. Henry A. Ajetunmobi, Assistant General Manager Security, Nigerian Ports Authority, Lagos. Ms.Julissa Tejada de Humphrey, Director, Institutional Office of Human Resources, Ministry of Labour and Manpower Development, Panama (Panama). Mr. Gerardo S. Gatchalian, Supervising Labor and Employment Officer, Bureau of Working Conditions, Department of Labor and Employment, Manila (Philippines). Consiglieri: Mr. Benjamin B. Cecilio, Assistant General Manager for Operations, Philippine Ports Authority, Manila. Ms.Yolanda C. Porschwitz, Labor Attaché, Permanent Mission of the Philippines, Geneva. Mr. D. Juan Ramón Bres, Inspector, Labour and Social Security Inspectorate, Cadiz (Spain). VII

5 Codice di buone pratiche dell'ilo sulla sicurezza e salute nei porti Consigliere: Mr. Pedro J. Roman Nuñez, Safety and Security Department Manager, Spanish Ports Administration, Madrid. Mr. Graeme Henderson, Head of Marine and Civil Contingencies Section, Health and Safety Executive, London (United Kingdom). Consiglieri: Mr. David Carter, Deputy Head and Health and Safety Executive, Transport Safety Division, Marine, Aviation and Civil Contingencies Section, London. Mr. Ashley Reeve, Head of Maritime Security Operations, Department of Transport, London. Mr. Charles Thomas Pope, Area Director, US Department of Labor Occupational Safety and Health Administration (OSHA), Norfolk (United States). Consiglieri: Captain Jon S. Helmick, USMS, Director, Logistics and Intermodal Transportation Program, United States Merchant Marine Academy, Kings Point. Captain David L. Scott, Chief, Office of Operating and Environmental Standards, Washington, DC. Mr. John W. Chamberlin, First Secretary, Permanent Mission of the United States of America, Chambésy. Esperti designati dai Datori di lavoro: Mr. Abdou Ba, Director of the Port Manpower Bureau, Unions of Cargo- Handling Enterprises of Senegal Ports, Mole (Sénégal). Mr. Francis Bertrand, Director of Human Resources and Legal Affairs, International Organisation of Employers (IOE), Nantes (France). Mr. Guido Marcelo Bocchio Carbajal, Legal Superintendent, Southern Peru Copper Corporation, Lima (Peru). Mr. Joseph J. Cox, President, Chamber of Shipping of America, Washington, DC (United States). VIII

6 Prefazione Ms.Lynne Harrison, Human Resources Manager, Port of Napier Ltd., Napier (New Zealand). Mr. Dierk Lindemann, Managing Director, German Shipowners Association, Hamburg (Germany). Mr. Claes Olmarker, Port Security Officer, Port of Göthenburg, Göthenburg (Sweden). Mr. Usman Husein Punjwani, Seaboard Services Partner, Seaboard Services, Karachi (Pakistan). Mr. Dahari Ujud, Senior Manager, Ancilliary Services, Port Klang (Malaysia). Mr. Michael Joseph Van der Meer, General Manager, Port Authority Division, Namibian Ports Authority, Walvis Bay (Namibia). Mr. Pieter M. Van der Sluis, Adviser Social Affairs, General Employers Organization, Nieuwerherh (The Netherlands). Consigliere: Mr. Fer M.J. Van de Laar, Chairman, International Association of Ports and Harbours, Environment and Marine Operations Committee, Amsterdam Port Authority, Amsterdam. Mr.Alexander Zaitsev, President, Association of Ports and Shipowners of River Transport, Moscow (Russian Federation). Esperti designati dai Lavoratori: Mr. Gary Brown, Port Security, AFL-CIO, Fife, Washington State (United States). Mr. Marcel Carlstedt, Swedish Transport Workers Union, Stockholm (Sweden). Mr. P.M. Mohamed Haneef, Working President, Cochin Port Staff Association, Kochi (India). Mr. Knud Hansen, Secretary, General Workers Union, Copenhagen (Denmark). Mr. Albert François Le Monnier, Third Vice-President, Safety Coordinator, International Longshore and Warehouse Union (ILWU), Vancouver (Canada). IX

7 Codice di buone pratiche dell'ilo sulla sicurezza e salute nei porti Mr. Peter Lovkvist, Co-Sweden, Valbo (Sweden). Mr. Kees Marges, Union Adviser, FNV Bondgeroter Netherlands, London (United Kingdom). Ms.Veronica Mesatywa, National Sector Coordinator, Maritime Industry, South African Transport and Allied Workers Union (SATAWU), Johannesburg (South Africa). Mr. Leal Sundet, International Longshore and Warehouse Union (ILWU), California (United States). Mr. James Trevor Tannock, Deputy National Secretary, Maritime Union of Australia, Sydney (Australia). Mr. Kenji Yasuda, President, National Council of Dockworkers Union of Japan (ZENKOKU-KOWAN), Tokyo (Japan). Consiglieri: Mr. Yuji Iijima, Chief of European Office, All Japan Seamen s Union, London. Mr. Shimpei Suzuki, General Secretary, National Council of Dockworkers Union of Japan, Tokyo. In addition to the experts, Government observers from three member States, as well as ten representatives of intergovernmental and non-governmental organizations, attended. Osservatori governativi: Mr. Harri Halme, Senior Safety Officer, Ministry of Social Affairs and Health, Tampere (Finland). Mr. Mario Alvino, Official, Ministry of Labour and Social Policy, Rome (Italy). Ms.Asiye Türker, Senior Engineer, Head of Delegation, The Prime Ministry Undersecretariat for Maritime Affairs, Ankara (Turkey). Rappresentanti di organizzazioni intergovernative: Mr. W. Elsner, Head of Port Unit, European Union (EU), Brussels. Mr. Diego Teurelincx, Port Unit, EU, Brussels. Mr. Christopher C. Trelawny, Senior Technical Officer, Navigational Safe- X

8 Prefazione ty and Maritime and Security Section, Maritime Safety Division, International Maritime Organization (IMO), London. Mr. Viatcheslav Novikov, Economic Affairs Officer, United Nations Economic Commission for Europe (UNECE), Geneva. Rappresentanti di organizzazioni internazionali non governative: Mr. Fer M.J. Van de Laar, Chairman, International Association of Ports and Harbours (IAPH), Environment and Marine Operations Committee, Amsterdam Port Authority, Amsterdam. Mr. John Nicholls, Director, ICHCA International, Romford, Essex. Mr. Brian Parkinson, Adviser, International Shipping Federation (ISF), London. Mr. Dan Cunniah, Director, Geneva Office, International Confederation of Free Trade Unions (ICFTU), Geneva. Ms.Anna Biondi, Assistant Director, Geneva Office, ICFTU, Geneva. Mr. Jean Dejardin, Adviser, International Organisation of Employers (IOE), Geneva. Rappresentanti ILO: Ms.Cleopatra Doumbia-Henry, Director, Sectoral Activities Department. Mr. Dani Appave, Maritime Specialist, Maritime Activities, Sectoral Activities Department. Mr. Marios Meletiou, Technical Specialist (Ports and Transport), Maritime Activities, Sectoral Activities Department. XI

9 Indice Prefazione V Elenco dei partecipanti VI Abbreviazioni e acronimi XXIX 1. Introduzione, campo di applicazione, attuazione e definizioni Introduzione Panoramica generale sull industria portuale Motivi della pubblicazione del presente codice Campo di applicazione Attuazione Innovazioni nei porti Definizioni Disposizioni generali Responsabilità Requisiti generali Le autorità competenti Datori di lavoro portuali Appaltatori e fornitori di mano d opera o di servizi Ufficiali di bordo Dirigenza Supervisori Lavoratori portuali Lavoratori autonomi Consulenti per la sicurezza e salute sul lavoro Altro personale al lavoro Passeggeri e non lavoratori Gestione della sicurezza e salute sul lavoro Requisiti generali Metodi di valutazione del rischio Sistemi di gestione della sicurezza e salute Misure di sicurezza del lavoro Organizzazione Organizzazione della sicurezza e salute nel lavoro portuale Comitati di sicurezza e salute sul lavoro Rappresentanti della sicurezza XIII

10 Codice di buone pratiche dell'ilo sulla sicurezza e salute nei porti 2.5. Rapporti e indagini sugli infortuni Rapporti interni sugli infortuni Notifica obbligatoria sugli infortuni Indagini sugli infortuni Selezione e formazione Selezione dei lavoratori portuali Bisogni formativi Formazione base Formazione specifica Metodi di formazione Valutazione della formazione Informazione dei lavoratori portuali Strutture speciali per disabili Infrastrutture portuali, impianti e apparecchiature Disposizioni generali Separazione delle persone dai veicoli Superfici Illuminazione Misure di prevenzione antincendio Requisiti generali Misure di protezione antincendio Sistemi di allarme incendio Attrezzature antincendio Mezzi di evacuazione in caso di incendio Viabilità Strade Passaggi pedonali Altre questioni Aree di movimentazione merci Disposizione Protezione dei bordi Cigli delle banchine Recinzioni di protezione Scale di banchina Attrezzature di salvataggio Mezzi di accesso alle navi Requisiti generali XIV

11 Indice Rampe di imbarco/sbarco e passaggi pedonali Pontili Gradini e scale fisse Scale di banchina Accesso a edifici, strutture e impianti del terminal Requisiti generali Scale e gradini Scale fisse e passaggi pedonali Scale portatili Biscagline Ascensori Macchinari e attrezzature per terminal Requisiti generali Attrezzature mobili Veicoli operanti esclusivamente all interno dell area portuale Installazione di monitor sui veicoli Semirimorchi Cavalletti Colli d oca Rimorchi e casse mobili ( cassettes ) Carrelli manuali e carrelli trolleys Piattaforme di carico Gabbie di rizzaggio o di accesso Nastri Trasportatori Apparecchiature elettriche Utensili a mano Macchinari Colonne e bitte di ormeggio Strutture per la copertura dei veicoli con teloni Altre attrezzature Terminal per merci alla rinfusa Prodotti solidi alla rinfusa Liquidi e gas alla rinfusa Terminal contenitori Definizioni Requisiti generali Segregazione XV

12 Codice di buone pratiche dell'ilo sulla sicurezza e salute nei porti Reception Sale di controllo Griglie di scambio Terminal passeggeri Terminal ro-ro (roll-on-roll-roff) Depositi merci e capannoni per merci in transito Gate e uffici di banchina Gate Uffici di banchina Ferrovie portuali Navi di appoggio e scialuppe Dispositivi di protezione individuale Requisiti generali Stoccaggio e manutenzione dei dispositivi di protezione individuale Apparecchi e accessori di sollevamento Requisiti di base Requisiti generali Freni Alimentazione elettrica Carico di utilizzazione ammissibile (SWL, Safe Working Load) Comandi Dispositivi di limitazione Lubrificazione Cabina dell operatore Contrappeso Anello girevole Pneumatici Mezzi di accesso Argani e tamburi, inserimento e fissaggio Manutenzione Collaudo, esame completo, marcatura e controllo degli apparecchi e degli accessori di sollevamento Introduzione Collaudo degli apparecchi di sollevamento Collaudo degli accessori di sollevamento XVI

13 Indice Esame completo Rapporti di prova e di esame, registri e certificati Marcatura Ispezione Apparecchi di sollevamento Apparecchi di sollevamento della nave Gru portuali Carrelli elevatori Accessori di sollevamento Requisiti generali Catene e brache di catena Funi e brache metalliche Funi e brache di fibra Bozzelli Altri accessori di sollevamento Dispositivi di sollevamento facenti parte integrante del carico Requisiti generali Contenitori flessibili intermedi per trasporto alla rinfusa Bancali Procedure di sicurezza per l utilizzo degli apparecchi e degli accessori di sollevamento Requisiti di base Requisiti generali Pianificazione e controllo delle operazioni di sollevamento Formazione Ispezioni Requisiti generali per ispezioni Controlli giornalieri Controlli settimanali Bozzelli Attrezzature non regolarmente utilizzate Condizioni meteorologiche Apparecchi di sollevamento Requisiti generali Uso sicuro Cura e manutenzione Apparecchi di sollevamento della nave Alberi di carico della nave XVII

14 Codice di buone pratiche dell'ilo sulla sicurezza e salute nei porti Utilizzo di bighi accoppiati (sistema di carico/ scarico all americana) Montacarichi delle navi Apparecchi mobili di sollevamento utilizzati sulle navi Gru installate temporaneamente sulla nave Gru portuali Carrelli elevatori Requisiti generali Uso sicuro Carrelli a braccio telescopico Carrelli elevatori a forca a presa laterale Batterie Carrelli transpallet spinti manualmente Altri apparecchi di sollevamento Utilizzo di più apparecchi di sollevamento per il sollevamento dei carichi Accessori di sollevamento Carico di utilizzazione ammissibile Uso sicuro Funi e brache Utilizzo Deposito e manutenzione Rimozione dall uso Altri accessori di sollevamento Segnalatori Operazioni a terra Disposizioni generali Requisiti generali Mezzi di accesso Manutenzione e pulizia Movimentazione manuale Merci in transito Manutenzione operativa Lavori a caldo Uso dei dispositivi di protezione individuale (DPI) Imballaggio delle merci XVIII

15 Indice 6.3. Operazioni sui contenitori Controllo delle operazioni sui contenitori Requisiti generali Operazioni di interscambio con gru a cavaliere Operazioni di interscambio con RMG e RTG Ingresso nelle aree di stoccaggio Procedure di emergenza Aree di stoccaggio dei contenitori Movimentazione e sollevamento dei contenitori Cambio degli spreader Accesso al tetto dei contenitori Operazioni svolte all interno dei contenitori Apertura dei contenitori Controlli doganali Riempimento e svuotamento di contenitori e di altre unità di trasporto carichi Pulizia dei contenitori Riparazione dei contenitori in transito Nastri trasportatori Apparati elettrici Prodotti forestali Requisiti generali Deposito Movimentazione Gate e reception Operazioni generiche di carico Macchinari (generale) Macchinari mobili (generale) Requisiti generali Veicoli per spostamenti interni Operazioni di rimorchio Cavalletti Semirimorchi a collo d oca Rimorchi a telaio ribassato a rulli Casse mobili Parcheggio Rifornimento di carburante XIX

16 Codice di buone pratiche dell'ilo sulla sicurezza e salute nei porti Merci liquide alla rinfusa Tronchi di albero Operazioni di ormeggio Movimentazione di bancali Terminal per passeggeri Operazioni ferroviarie Requisiti generali Carico e scarico dei vagoni ferroviari Vagoni ferroviari in movimento Operazioni roll on roll off (ro-ro) Movimentazione dei rottami di ferro Carichi solidi alla rinfusa Accatastamento e stivaggio delle merci Prodotti in acciaio e di altri metalli Requisiti generali Deposito Movimentazione Veicoli commerciali Regolamentazione del traffico Magazzini merci e capannoni per merci in transito Spazi confinati Requisiti generali Pericoli e precauzioni Operazioni a bordo Disposizioni generali Accesso alle navi Requisiti generali Scalandroni Passerelle di sbarco Scale portatili Biscagline Scala di murata Accesso ai ponti di navi portarinfuse e altre grandi navi Accesso a chiatte e altre piccole navi Accesso a navi ro-ro Accesso da nave a nave Accesso dal mare XX

17 Indice 7.3. Accesso a bordo Requisiti generali Accesso alle stive Accesso al carico di coperta Boccaporti Chiusure dei boccaporti Movimentazione dei portelli dei boccaporti Stoccaggio e assicurazione dei portelli dei boccaporti Protezione dei boccaporti Operazioni nelle stive Requisiti generali Procedure di lavoro Operazioni sul ponte Requisiti generali Rizzaggio e assicurazione dei carichi Destabilizzazione del carico Navi portacontenitori Requisiti generali Operazioni in coperta Lavoro sulla parte superiore dei contenitori Navi ro-ro Requisiti generali Spostamenti dei veicoli Transito dei passeggeri Operazioni di rizzaggio dei veicoli Montacarichi Navi per il trasporto di merci alla rinfusa Lavori a caldo Merci pericolose Merci pericolose imballate Requisiti generali Disposizioni internazionali Classificazione delle Nazioni Unite Codice IMDG Controllo delle merci pericolose imballate Carichi solidi alla rinfusa Liquidi e gas alla rinfusa XXI

18 Codice di buone pratiche dell'ilo sulla sicurezza e salute nei porti 8.4. Precauzioni operative Requisiti generali Formazione Controllo dell ingresso e della presenza Notifica di merci pericolose Verifica delle informazioni Movimentazione e stivaggio Misure di emergenza nell area portuale Disposizioni speciali Lavori di riparazione e manutenzione Salute Rischi per la salute Requisiti generali Merci pericolose e fumigazione Carichi di merci polverulente Merci di altro tipo Rumore Fatica Fumi Vibrazioni Situazioni particolari Altri aspetti sulla salute Ergonomia Servizi sanitari aziendali Principi generali Addetti al pronto soccorso Addetti ai servizi sanitari aziendali Servizi per il benessere dei lavoratori Disposizioni generali Servizi igienici Locali docce e lavabi Spogliatoi Acqua potabile Mense Uffici di avviamento al lavoro e sale d attesa XXII

19 Indice 11. Misure di emergenza Misure di emergenza a terra e a bordo della nave Requisiti generali Infortuni e malattie Soccorso Danni materiali Incendio Perdite da carichi Cadute in acqua Interruzione di servizi Condizioni meteorologiche avverse e rischi naturali Impianti a rischio di incidente rilevante Pianificazione delle misure di emergenza Requisiti generali Campo di applicazione Responsabilità Collegamenti Piani di emergenza Requisiti generali Personale essenziale Funzioni Centro operativo di controllo delle emergenze Pubblicazioni, esercitazioni e revisioni Attrezzatura di emergenza Altre questioni in materia di sicurezza Ambiente Requisiti generali Sistemi di gestioni ambientale Aspetti ambientali delle operazioni portuali Precauzioni Security Bibliografia Appendici A. Collaudo degli apparecchi di sollevamento B. Collaudo di accessori di sollevamento C. Esame completo degli apparecchi e degli accessori di sollevamento 404 XXIII

20 Codice di buone pratiche dell'ilo sulla sicurezza e salute nei porti D. Carico di prova E. Fattore di sicurezza (coefficiente di utilizzazione) F. Marchio del grado di qualità dell acciaio G. Trattamento termico del ferro saldato H. Marcatura dei bozzelli a una puleggia Figure 1. Torre faro per illuminare un area estesa Raccordo di terra per il collegamento internazionale nave-terra Esempi di segnaletica orizzontale e verticale per passaggi pedonali Indicazione di porta bassa con limite di altezza Barriere intorno a pali per illuminazione standard Recinzione per angoli e interruzioni dei bordi banchina Protezione del ciglio banchina per veicoli Struttura di una recinzione Scala di banchina Appigli e sistema di drenaggio nella parte superiore di una scala di banchina Rampa di imbarco/sbarco merci e passaggi pedonali Collegamento a terra tramite pontone con rampa di imbarco/sbarco o passerella di sbarco Recinzioni di un pontile Ringhiere di protezione mobili per le scale fisse Scala verticale passante attraverso un apertura Scala verticale che prosegue al di sopra della piattaforma di appoggio Dimensioni di una scala portatile Dispositivi di bloccaggio su un semirimorchio Cavalletto Rastrelliera di stoccaggio per colli d oca Piattaforma di carico Gabbia di accesso o di rizzaggio Strutture per la copertura di veicoli con teloni Identificazione delle condutture di terra Torre di servizio per il controllo dei contenitori Protezione di un uscita da uno stabile adiacente ad un binario XXIV

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro,

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso ASSOCIAZIONE TAVOLO 494 IMOLA www.tavolo494imola.org info@ tavolo494imola.org Atti del convegno DAL D.LGS. 494/96 AL TESTO UNICO DI SICUREZZA: novità e criticità 19 novembre 2008 FASCICOLO DELL OPERA e

Dettagli

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Enrico Bernardi e Michele Cannata www.anticaduta.com* Le necessità di manutenzione oppure di accesso a vario titolo ad una coperutra determinano importanti problemi

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA IMPRESE E INDUSTRIA. Guida all applicazione della. direttiva macchine 2006/42/CE

COMMISSIONE EUROPEA IMPRESE E INDUSTRIA. Guida all applicazione della. direttiva macchine 2006/42/CE COMMISSIONE EUROPEA IMPRESE E INDUSTRIA Guida all applicazione della direttiva macchine 2006/42/CE 2 a edizione giugno 2010 Introduzione alla 2 a edizione La direttiva 2006/42/CE è la versione rivista

Dettagli

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE

CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE Qualsiasi cosa transportate: la responsabilità vi accompagna! PREFAZIONE Egregi trasportatori, stimati conducenti di veicoli commerciali Caricare correttamente

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

SISTEMI DI MATERIAL HANDLING E STOCCAGGIO:

SISTEMI DI MATERIAL HANDLING E STOCCAGGIO: SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGENERIA AEROSPAZIALE E MECCANICA Cattedra di Impianti Industriali Prof. Ing. Roberto Macchiaroli SISTEMI DI MATERIAL HANDLING

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15 Consultazione tra i membri (procedura regolare) - giugno 2008 Bozza 1/7 NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE Revisione dell'ispm 15 [PARAGRAFO 1] REGOLAMENTAZIONE DEL MATERIALE DA IMBALLAGGIO

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione"

Roma, 14 aprile 2015 Convegno Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione" Attività del CRA-ING 1. Ricerca: sistemi per la determinazione

Dettagli

IL MINISTRO PER IL LAVORO E LA PREVIDENZA SOCIALE

IL MINISTRO PER IL LAVORO E LA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO MINISTERIALE 12 settembre 1959 Attribuzione dei compiti e determinazione delle modalità e delle documentazioni relative all'esercizio delle verifiche e dei controlli previste dalle norme di prevenzione

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE

ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE PREMESSA La parte IV Titolo I artt. da 102 a 113 del Codice del Consumo costituisce il recepimento nazionale della Direttiva

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

Manuale dell'operatore

Manuale dell'operatore Manuale dell'operatore con informazioni sulla manutenzione Second Edition Fifth Printing Part No. 82785IT CE Models Manuale dell operatore Seconda edizione Quinta ristampa Importante Leggere, comprendere

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv )

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv ) SIVIERA GIREVOLE A RIBALTAMENTO IDRAULICO BREVETTATA TRASPORTABILE CON MULETTO MODELLO S.A.F.-SIV-R-G SIVIERA A RIBALTAMENTO MANUALE MODELLO S.A.F. SIV-R1-R2 1 DESCRIZIONE DELLA SIVIERA Si è sempre pensato

Dettagli

2nd Conference on Liquefied Natural Gas for Transport Italy and the Mediterranean Area Andrea Stegher, Head of Business Development

2nd Conference on Liquefied Natural Gas for Transport Italy and the Mediterranean Area Andrea Stegher, Head of Business Development 2nd Conference on Liquefied Natural Gas for Transport Italy and the Mediterranean Area Andrea Stegher, Head of Business Development Roma, 10-11 aprile 2014 snam.it «Small-scale LNG»: un interesse in crescita

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli