Antonio Licciulli Corso di scienza e tecnologia dei materiali ceramici. I trattamenti termici e la sinterizzazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Antonio Licciulli Corso di scienza e tecnologia dei materiali ceramici. I trattamenti termici e la sinterizzazione"

Transcript

1 Antonio Licciulli Corso di scienza e tecnologia dei materiali ceramici I trattamenti termici e la sinterizzazione

2 Aria e fuoco Dopo la creazione dell oggetto con terra e acqua intervengono aria (essiccamento) e fuoco (cottura) a donare resistenza e durevolezza Definizione di sinterizzazione Processo di trattamento termico, con o senza applicazione di pressioni esterne, mediante il quale un sistema di particelle individuali o un corpo poroso modifica le sue proprietà evolvendo verso uno stato di massima densità e minima porosità Durante la sinterizzazione avvengono contemporaneamente trasformazioni di fase, reazioni chimiche, la formazione microstrutturale e macrostrutturale del prodotto finito Dopo è difficile intervenire ulteriormente a cambiare forma e struttura di un ceramico La porosità è il parametro basilare per la descrizione del processo di sinterizzazione dei materiali ceramici

3 Le fasi della cottura Nella prima fase della cottura viene eliminata l acqua di impasto (attorno ai 100 C), l acqua di struttura ed i leganti organici ( C) Nella successiva fase di sinterizzazione si passa da un prodotto altamente poroso ad uno compatto. Il processo avviene per diffusione allo stato solido di atomi tra le superfici di contatto. Il processo avviene per la riduzione dell energia superficiale che la sinterizzazione comporta Vetrificazione: in alcuni ceramici, contenenti una fase vetrosa, la fase vetrosa liquefa per prima riempiendo i pori della fase cristallina. Al raffreddamento la fase vetrosa solidifica legando le particelle che in questo caso non hanno sinterizzato

4 Ciclo termico di sinterizzazione dell Al 2 O 3 0,00 L/L -0,02-0,04-0,06-0,08 Resin burn-out ramp rate 200 C/h Rapid heating thermal expansion ramp rate 300 C/h Sintering 1550 C hold: 2h Temperature ( C)

5 Essiccamento L essiccamento consiste nella eliminazione della maggior parte dell acqua contenuta nell impasto prima della fase di cottura. L'alta percentuale di acqua e gli elevati spessori fanno di questa, una delle fasi più delicate di tutto il processo produttivo. Si possono avere fratture e deformazioni a causa degli stress che si originano a causa del ritiro della massa.

6 Impianti di essiccazione Sono camere climatizzate con controllo accurato della temperatura e dell umidità In generale, in impianti di grande produzione, si utilizzano essiccamento a galleria, continui. L essiccamento avviene mediante un flusso d aria in controcorrente oppure a ventilazione trasversale.

7 Processi post essiccamento Ingobbiatura Smaltatura L applicazione di un rivestimento vetroso risponde riduce il potere assorbente ed aumenta la resistenza agli agenti atmosferici e le qualità meccaniche Applicazione di sali solubili di elementi cromofori Arrotatura Su elementi di copertura o di mattoni faccia a vista Spazzolatura con setole metalliche Aumento della resistenza all'usura della superficie trattata perché i granuli di inerte affiorati sono più duri della pasta argillosa Antisdrucciolo

8 Forze motrici della sinterizzazione Da un punto di vista termodinamico, la forza motrice che determina la trasformazoni di polveri compattate (green ceramico) in un solido denso è la riduzione di energia libera totale G t Essa è la somma di tre contributi G v variazione di energia libera di volume G b variazione di energia libera per la riduzione dei bordi di grano G s variazione di energia libera per la riduzione di superficie G t = G v + G b + G s Nella sinterizzazione tradizionale il termine preponderante è G s = γ A γ = energia superfifiale e si realizza mediante aggregazione di più particelle piccole in poche grandi, e mediante sostituzione di interfacce gas-solido con altre solido-solido

9 Cinetica e modelli della sinterizzazione La sinterizzazione può essere spiegata attraverso meccanismi di diffusione di specie gassose e di lacune assumendo variazioni locali della pressione di vapore (di elementi e lacune) dovute alla curvatura delle superfici. Il modello che si utilizza è quello delle sfere a contatto elaborato da Frenkel (1945) e Kuczysnki (1949) per spiegare la densificazione di metalli e vetri ed esteso da Kingery alla sinterizzazione per diffusione allo stato solido per i materiali ceramici.

10 Meccanismi di sinterizzazione Si possono distinguere tre categorie di densificazione vetrificazione con formazione di una fase liquida e conseguente eliminazione della fase gassosa e dei pori intergranulari. La driving force per la piena densificazione è rappresentata dalla riduzione dell area superficiale conseguente all'eliminazione dei pori/bolle. sinterizzazione con fase liquida in cui la formazione della fase liquida non elimina totalmente la porosità; la piena densificazione si raggiune per reazione della fase solida. sinterizzazione senza fase liquida in cui la densificazione e compattazione avvengono al di sotto del punto di fusione di tutte le possibili fasi liquide. La sinterizzazione è accompagnata dalla cambiamento in forma dei grani.

11 Sinterizzazione con e senza fase liquida

12 Gli stadi del processo di sinterizzazione Il processo di sinterizzazione si può suddividere in tre stadi: stadio iniziale (fino al 3% del ritiro) nel quale il sistema viene assimilato ad un insieme di sfere uniformi legate da colli stadio intermedio (fino al 92% della densità teorica): il sisteema si rapresenta come un insieme di grani uniformi con facce in comune e pori cilindrici lungo i bordi dei grani. La fase porosa viene considerata continua all inizio dello stadio mentre alla fine tendono a chiudersi stadio finale si hanno pori isolati in ciascuno degli angoli del grano

13 Sinterizzazione con fase liquida La fase liquida non è sufficiente a chiudere la porosità Si utilizza quando la sinterizzazione allo stato solido richiede temperature troppo elevate (e.g. sistemi covalenti come SiC, Si 3 N 4, ionici ad alta temperatura di fusione e.g. MgO, UO 2 ) La creazione della fase liquida avviene attraverso additivi di sinterizzazione: CaO-SiO 2 per MgO, MgO-SiO 2 per Al 2 O 3, MgO per Si 3 N 4 Il meccanismo prevede due stadi: ricoprimento del particolato solido con la fase fluida, aggregazione e impacchettamento sotto la spinta delle forze di capillarità dissoluzione e riprecipitazione del materiale maggioritario nel film liquido sotto la spinta dei gradienti di potenziale termodinamico

14 Sinterizzazione viscosa Quando una frazione del volume iniziale di almeno il 20% si trasforma in una fase fluida si ha la chiusura della porosità iniziale Il consolidamento avviene attraverso: la formazione del liquido lo scorrimento viscoso con la conseguente compattazione del particolato solido sospeso nella fase fluida la vetrificazione durante il raffreddamento e/o la simultanea cristallizzazione della fase vetrosa La sinterizzazione viscosa è usata per porcellana e gres

15 Teoria della sinterizzazione viscosa La sinterizzazione viscosa è guidata dal guadagno di energia dovuto alla riduzione di area superficiale Nel modello di Frenkel(1945) la variazione di area superficiale è correlata alla variazione dimensionale (i.e. allo strain) Si opera un bilancio energetico tra l energia guadagnata E g = energia superficiale specifica X variazione di superficie e l energia spesa nello scorrimento viscoso E s = Volume X Strain X Stress Si ottiene per la variazione di volume (ritiro) la relazione: V/V = 9γt/4ηr 0 γ= energia superficiale specifica η = viscosità r 0 = dimensione delle particelle

16 Meccanismo di trasporto Nel processo di sinterizzazione con due sfere a contatto il trasporto di massa avviene per: evaporazione-trasporto -condensazione in cui il trasporto è dovuto alla differenza pressioni parziali di vapore diffusione superficiale delle vacanze dal collo delle sfere verso quella parte della superficie più lontana. Alla diffusione di vacanze corrisponde un flusso inverso di atomi che contribuisce a riempire il collo. La diffusione di vacanzej e segue la legge di Fick: J e = -Ddc/dx D = coefficiente di diffusione superficiale dc/dx = coefficiente di diffusione diffusione delle vacanze nel volume di vacanze con meccanismo analogo alla diffusione superficiale

17 Effetto delle superfici curve Per una superficie curva la tensione di vapore in equilibrio con il solido varia in funzione della curvatura P/P 0 = - γv m /RTr r = raggio di curvatura V m = volume morare Similmente per effetto della curvatura si ottiene una variazione nella concentrazione delle vacanze: C/C 0 = 2 γv m /RTr

18 Meccanismi di trasporto nella sinterizzazione da fase solida

19 Sintering Diagram log(r neck / R particle ) 0 Boundary diffusion Volume diffusion Surface diffusion -2 0,5 1 T/T Melting

20 Sinterizzazione nello stadio finale Con l unione dei grani i poli si localizzano in maggior parte all interfaccia L ingrossamento dei grani provoca lo spostamento all interfaccia e quindi dei pori. Il poro si muove mediante trasporto di atomi da una parete all altra del poro con i meccanismi di diffusione noti (evaporazioe condensazione, diffusione superficiale) I pori risidui possono: restringersi ulteriormente per diffusione atomica di atomi sulla superficie dei pori unirsi per effetto della mobilità dei bordi dei grani per formare pori più grandi

21 Additivi della sinterizzazione Additivi insolubili I migliori risultati della sinterizzazione si ottengono massimizzando il rapporto densità/ingrossamento dei grani. Gli additivi insolubili inibiscono la crescita discontinua ed esagerata dei grani esplicando la funzione di ancorare i giunti dei grani e rendendo possibile la densificazione totale di un compatto Additivi che formano una fase liquida Additivi che favoriscono la sinterizzazione riducendone la temperatura possono essere classificati a seconda che: a) la fase liquida agisca da legante b) la fase liquida reagisca con la fase solida

22 Composizione dei diversi di tipi di porcellana Alta concentrazione di argilla rende facile i processi di formatura Alta concentrazione di feldspato abbassa la temperatura di sinterizzazione e introduce una fase liquida nella sinterizzazione

23 La sinterizzazione dei ceramici tradizionali C Perdità di acqua zeolitica C Inizia la struttura dei minerali argillosi inizia a decomporsi (deossidrillazione). La trasformazione della illite si protrae fino a 900 C, temperatura alla quale si ha formazione di spinello e fase vetrosa; la caolinite forma un composto intermedio, il metacaolino Al 2 O 3 2SiO 2 2H 2 O Al 2 O 3 2SiO 2 + 2H 2 O (Caolino) (Metacaolino) Fonte GRES FINE PORCELLANATO, SACMI

24 La sinterizzazione dei ceramici tradizionali C evoluzione della metacaolinite a spinello che avviene verso i C Al 2 O 3 2SiO 2 + 2H 2 O 2Al 2 O 3 3SiO 2 + SiO 2 (Metacaolino) (fase spinello) (Amorfa) C trasformazione dello spinello in mullite primaria e cristobalite 3(2Al SiO 2 ) 2(3Al 2 O 3 2SiO 2 ) + 5SiO 2 (fase spinello) (mullite) (cristobalite) Fonte GRES FINE PORCELLANATO, SACMI

25 La sinterizzazione dei ceramici tradizionali 3 Intorno ai C, inizia a manifestarsi la presenza di una fase liquida dovuta alla fusione dei silicati alcalini, formatisi dagli ossidi dei minerali argillosi e dalla silice più fine, ma soprattutto alla fusione di miscele eutettiche tra i fondenti feldspatici e il quarzo fine. Leucite-quarzo a circa C presentano un eutettico costituito dal 58,2% di feldspato potassico (K 2 O Al 2 O 3 6SiO 2 ) e dal 41,8% di quarzo Albite-quarzo a circa C si ha la fusione della miscela eutettica costituita dal 68,3% di feldspato sodico (Na 2 O Al 2 O 3 6SiO 2 ) e dal 31,7% di quarzo. Fonte GRES FINE PORCELLANATO, SACMI

26 Microstruttura della porcellana sinterizzata

27 Mullite in un impasto da porcellana S = Mullite primaria A = Mulliite secondaria V = Fase vetrosa Q = granulo di quarzo in fase di dissoluzion

28 Ciclo termico del gres porcellanato ~ 40 C/min ~ 90 C/min Fonte GRES FINE PORCELLANATO, SACMI

29 Ritiro, resistenza e porosità vs sint. Temp. Variazioni delle caratteristiche di resistenza alla flessione, contrazione ed assorbimento d'acqua per diversi intervalli di temperatura di cottura. Fonte GRES FINE PORCELLANATO, SACMI

30 Forni a tiraggio diretto Nei forni primitivi il focolare è situato sotto una griglia, attraverso la quale le fiamme penetrano nella camera di cottura, sfuggendo da un camino. Nel forno a muffola i pezzi si trovano in una camera, che li protegge dal contatto diretto con le fiamme. Possono essere ottenute al suo interno atmosfere ossidanti o riducenti.

31 Forni ceramici tradizionali Nel forno a tiraggio orizzontale un tramezzo impedisce alla cenere e ad atre impurità di penetrare nella camera. Il calore si distribuisce molto uniformemente Nel forno a tiraggio discendente le fiamme ridiscendono verso il basso. In figura i piani superiori sono utilizzati per cotture a più basse temperature (smaltatura, terzo fuoco)

32 Forni a tunnel Forni continui a fuoco fisso a ciclo lento su carri (20-50 ore) Forni a ciclo rapido direttamente sui rulli o su rulli con adeguati supporti sagomati se l'impasto raggiunge, durante la cottura, un certo grado di rammollimento (3-5 ore) G.P.Emiliani, F.Corbara, Tecnologia ceramica. Le tipologie vol.iii, Faenza ed.

33 Profilo di temperatura in un forno a tunnel

La sinterizzazione dei materiali ceramici. Antonio Licciulli

La sinterizzazione dei materiali ceramici. Antonio Licciulli La sinterizzazione dei materiali ceramici Antonio Licciulli 1 Presentazione e contenuti della lezione Introduzione, ed elementi generali La sinterizzazione viscosa nei ceramici tradizionali La sinterizzazione

Dettagli

ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE

ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE Indice Premessa Nota degli autori PARTE PRIMA ESSICCAZIONE E COTTURA: NOZIONI FONDAMENTALI Capitolo 1. INTRODUZIONE Capitolo 2. IL CALORE 1. I principali

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

Sinterizzazione. Il processo di sinterizzazione. π = D

Sinterizzazione. Il processo di sinterizzazione. π = D Sinterizzazione (M. Casalboni, F. De Matteis) La sinterizzazione è un processo che permette di ottenere corpi solidi di forma definita a partire da polveri di materiali diversi pastiglie di aspirina filamenti

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO

IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO Relatori: C. Carbonchi, P. Danasino, R. Riveriti Una giornata su Le materie prime di qualità per piastrelle

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura.

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. Il sistema di riferimento è quello di un componente soggetto a carichi esterni

Dettagli

COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO.

COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO. COTTURE CERAMICHE COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO. CONFERIMENTO DI PARAMETRI TECNICI,

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI DEFINIZIONE DI VETRO LO STATO VETROSO È QUELLO DI UN SOLIDO BLOCCATO NELLA STRUTTURA DISORDINATA DI UN LIQUIDO (FASE AMORFA) SOLIDO:ORDINE A LUNGO RAGGIO

Dettagli

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI Si suddividono in : proprietà chimico-strutturali strutturali; proprietà fisiche; proprietà meccaniche; proprietà tecnologiche. Le proprietà chimico-strutturali riguardano

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Minerali industriali 2

Minerali industriali 2 Minerali industriali 2 Processi di fabbricazione Preparazione della miscela Processo di formazione Asciugatura e cottura Trattamenti Preparazione della miscela Le materie prime sono pesate e miscelate

Dettagli

(b) Leganti idraulici

(b) Leganti idraulici (b) Leganti idraulici Materiali leganti: classificazione induriscono soltanto in aria, non possono stare permanentemente a contatto con l acqua induriscono anche in acqua Materiali leganti: classificazione

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

TESINA SUI MATERIALI CERAMICI AVANZATI

TESINA SUI MATERIALI CERAMICI AVANZATI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica L.S. N.O. 2003 Daniele Calvagno Davide Cassisi TESINA SUI MATERIALI CERAMICI AVANZATI Docente : Prof. Giuseppe

Dettagli

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto Contenuto o legame chimico C C - legame covalente, energia di legame - struttura tetragonale dei quattro legami del carbonio reazioni di polimerizzazione - poliaddizione, esempi - policondensazione, esempi

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

I LATERIZI seconda parte

I LATERIZI seconda parte Materiali per l architettura (6CFU) prof. Alberto De Capua Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 I LATERIZI seconda parte Informazioni

Dettagli

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre.

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre. Prof. Carlo Carrisi Il vetro è un prodotto omogeneo e compatto, ad elevata trasparenza, costituito prevalentemente da silice e materiali fondenti (ossidi di sodio e potassio). Una antica leggenda racconta

Dettagli

Materiali ceramici tradizionali

Materiali ceramici tradizionali Materiali ceramici tradizionali -Classificazione dei ceramici tradizionali I materiali ceramici possono essere classificati in base all'impiego ed alla funzione che svolgono. Uso domestico: Laterizi, piastrelle,

Dettagli

SPETTROSCOPIA ATOMICA

SPETTROSCOPIA ATOMICA SPETTROSCOPIA ATOMICA Corso di laurea in Tecnologie Alimentari La spettroscopia atomica studia l assorbimento, l emissione o la fluorescenza di atomi o di ioni metallici. Le regioni dello spettro interessate

Dettagli

I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo

I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo diverse metodologie. 1 La tempra termica (o fisica) si basa

Dettagli

Rappresentazione schematica dei processi di sinterizzazione

Rappresentazione schematica dei processi di sinterizzazione Pagina 1 di 6 Cialde di biossido di zirconio, stabilizzate con ittrio, pre-sinterizzate Valido per tutte le varianti, geometrie e colorazioni I parametri di cottura elencati sono solo raccomandazioni indicative.

Dettagli

La caratterizzazione delle materie prime sul Web

La caratterizzazione delle materie prime sul Web La caratterizzazione delle materie prime sul Web M. Paganelli: Expert System Solutions / Modena 1 - INTRODUZIONE Relazione presentata allo giornata di studio su "Materie prime e controlli di laboratorio

Dettagli

CARMEN Aspetti di una nuova metallo-ceramica Dr. Ing. J.Lindigkeit

CARMEN Aspetti di una nuova metallo-ceramica Dr. Ing. J.Lindigkeit CARMEN Aspetti di una nuova metallo-ceramica Dr. Ing. J.Lindigkeit Via degli Speziali, 142/144 CENTERGROSS - 40050 FUNO (Bologna) Tel. : 051/86.25.80 - Fax : 051/86.32.91 www.dentaurum.it - info@dentaurum.it

Dettagli

UTILIZZO DELLA CERAMIC SAND NELLE INDUSTRIE CERAMICHE: RISULTATI, PROBLEMI E SOLUZIONI

UTILIZZO DELLA CERAMIC SAND NELLE INDUSTRIE CERAMICHE: RISULTATI, PROBLEMI E SOLUZIONI UTILIZZO DELLA CERAMIC SAND NELLE INDUSTRIE CERAMICHE: RISULTATI, PROBLEMI E SOLUZIONI **************** ESEMPIO DELL IMPIEGO DI VETRO ADDIZIONATO AD UN FELDSPATO SODICO-POTASSICO (GS6) IN UNA PRODUZIONE

Dettagli

3.7 LA SOLIDIFICAZIONE DELL ACQUA NEI MICRO-PORI DELLE COSTRUZIONI IN ASSENZA DI PIOGGIA O DI ACQUA AMBIENTALE

3.7 LA SOLIDIFICAZIONE DELL ACQUA NEI MICRO-PORI DELLE COSTRUZIONI IN ASSENZA DI PIOGGIA O DI ACQUA AMBIENTALE μm), è estremamente benefica nel buon comportamento del materiale nei confronti della formazione del ghiaccio: infatti queste micro-bolle fungono da vasi di espansione capaci di ospitare l acqua liquida

Dettagli

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria Katia Gallucci Spesso è necessario variare il contenuto di vapore presente in una corrente gassosa. Lo studio di come si possono realizzare queste variazioni

Dettagli

TERMOMETRIA E PROCESSI TERMICI

TERMOMETRIA E PROCESSI TERMICI TERMOMETRIA E PROCESSI TERMICI SISTEMA parte di materia e/o spazio, idealmente isolata, su cui si concentra ntra l attenzione dell osservatore AMBIENTE ESTERNO tutto ciò che sta al di fuori, ma pur sempre

Dettagli

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA ITST J.F. KENNEDY - PN Disciplina: TECNOLOGIA MECCANICA Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA A cura di Prof. Antonio Screti LA COSTITUZIONE DELLA MATERIA CARATTERISTICHE DEI MATERIALI METALLICI Le caratteristiche

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

Alcune tecniche di applicazione e proprietà del film verniciante essiccato. Proprietà tecniche

Alcune tecniche di applicazione e proprietà del film verniciante essiccato. Proprietà tecniche L ARIA COMPRESSA NEGLI IMPIANTI DI VERNICIATURA Lo scopo principale del processo di verniciatura, oltre a motivi estetici, è quello di proteggere il manufatto dalle aggressioni degli agenti ossidanti,

Dettagli

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

TECNOLOGIE DI LIQUID MOULDING

TECNOLOGIE DI LIQUID MOULDING TECNOLOGIE DI LIQUID MOULDING Tecniche legate alla produzione di materiali compositi, caratterizzate dal flusso di una matrice polimerica termoindurente (resina) attraverso un rinforzo asciutto a base

Dettagli

gli stati inusuali della materia: il PLASMA e i COLLOIDI Pietro Favia, Gerardo Palazzo

gli stati inusuali della materia: il PLASMA e i COLLOIDI Pietro Favia, Gerardo Palazzo gli stati inusuali della materia: il PLASMA e i COLLOIDI Pietro Favia, Gerardo Palazzo Dipartimento di Chimica, Università di Bari Aldo Moro CAMPUS, via Orabona 4, 70126 Bari pietro.favia@uniba.it, gerardo.palazzo@uniba.it

Dettagli

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino. Diagrammi di stato

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino. Diagrammi di stato Diagrammi di stato Introduzione Fase: regione in un materiale che è diversa per struttura e funzione da altre regioni. Diagramma di stato: rappresenta le fasi presenti nel metallo in diverse condizioni

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella Università di Pisa Facoltà di Ingegneria Leghe non ferrose Chimica Applicata Prof. Cristiano Nicolella Leghe non ferrose Minerali di alluminio L alluminio è uno degli elementi più abbondanti sulla crosta

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO La fabbricazione degli elementi meccanici seguita dalla loro unione sono i principali compiti dell industria produttiva. Essenzialmente l assemblaggio consiste nel collegare degli

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

AUTODIFFUSIONE Autodiffusione

AUTODIFFUSIONE Autodiffusione DIFFUSIONE ATOMICA La diffusione è un processo importante che influenza il comportamento di un materiale alle alte temperature (creep, trattamenti termici superficiali, tempra chimica del vetro, ricristallizzazione,

Dettagli

THERMO RASATURA. Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe

THERMO RASATURA. Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe THERMO RASATURA Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe konstruktive leidenschaft 01.2016 Vimark 2 5 DESCRIZIONE COMPOSIZIONE

Dettagli

SINTESI C1. Materia ed energia

SINTESI C1. Materia ed energia Le proprietà fisiche della materia Il mondo che ci circonda è formato da un gran numero di oggetti diversi. Siano essi di origine naturale o creati dagli esseri umani questi oggetti in chimica e fisica

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay ARGILLE Definizione di argilla Le argille sono sostanze complesse e possono essere definite sotto vari punti di vista: mineralogico, geologico, chimico, tecnologico,

Dettagli

LA NITRURAZIONE. (versione gennaio 2006)

LA NITRURAZIONE. (versione gennaio 2006) LA NITRURAZIONE (versione gennaio 2006) Raccolta di appunti ad esclusivo uso interno ITIS VARESE - specializzazione meccanici. La nitrurazione è un processo che consente la formazione di nitruri durissimi

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

LO STATO SOLIDO. Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia

LO STATO SOLIDO. Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia LO STATO SOLIDO Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia Nello stato solido le forze attrattive tra le particelle (ioni, atomi, molecole) prevalgono largamente sull effetto

Dettagli

LIFE10 ENV/IT/427 1 LEAD - COLOURED LEAD - FREE

LIFE10 ENV/IT/427 1 LEAD - COLOURED LEAD - FREE LIFE10 ENV/IT/427 1 LEAD - COLOURED LEAD - FREE Sostituzione di materiali tossici in piombo con nuovi materiali alternativi non tossici come agenti brillanti di sostegno in vernice policromatica INTRODUZIONE

Dettagli

INDICE. Premessa, XII

INDICE. Premessa, XII INDICE Premessa, XII 1. Prestazioni dei materiali e progetto, 3 1.1 Comportamento meccanico, 6 1.2 Azione dell ambiente, 6 1.3 Vita di servizio e durabilità, 11 1.4 Prevenzione del degrado, 16 1.5 Restauro,

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.1 I materiali ceramici tradizionali sono tipicamente formati da tre componenti argilla, feldspato e

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase Separazione di fase Fasi della materia: solido, liquido, gas SOLIDO Scioglimento solidificazione LIQUIDO evaporazione condensazione

Dettagli

Preparazione e caratterizzazione di nanocompositi polimerici attraverso precursori organo-silanici

Preparazione e caratterizzazione di nanocompositi polimerici attraverso precursori organo-silanici Preparazione e caratterizzazione di nanocompositi polimerici attraverso precursori organo-silanici Ezio Amerio Politecnico di Torino, Dipartimento di Scienza dei Materiali ed Ingegneria Chimica C.so Duca

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche antimetallurgia) che si manifesta spontaneamente se: G

Dettagli

Classe 4^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Taglio dei metalli - Fluidi da taglio FLUIDI DA TAGLIO

Classe 4^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Taglio dei metalli - Fluidi da taglio FLUIDI DA TAGLIO FLUIDI DA TAGLIO Il calore che si sviluppa durante l asportazione di truciolo é causato da: - lavoro di deformazione del materiale - lavoro di attrito 1) Il calore dovuto alla deformazione dipende dalle

Dettagli

Il ciclo della resa è riassunto in 3 fasi:

Il ciclo della resa è riassunto in 3 fasi: TORRI DI RAFFREDDAMENTO Il problema della resa decrescente Chi utilizza torri di raffreddamento conosce bene il fenomeno del decadimento della loro resa; il peggioramento è pressoché certo, varia solo

Dettagli

Blade cooling Gas Turbine. Impianti per l Energia l

Blade cooling Gas Turbine. Impianti per l Energia l Blade cooling Gas Turbine Impianti per l Energia l 2010-2011 2011 Effetto della temperatura massima del ciclo sulle prestazioni dei turbogas Effetto della temperatura massima del ciclo sulle prestazioni

Dettagli

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Distanze tra molecole Stati Fisici (Fase) Comportamento atipico La maggiore differenza tra liquidi e solidi consiste nella libertà di movimento delle loro molecole

Dettagli

Per Prototipazione Rapida (Rapid Prototyping) si intende la realizzazione in poco tempo di un prototipo con costi molto contenuti.

Per Prototipazione Rapida (Rapid Prototyping) si intende la realizzazione in poco tempo di un prototipo con costi molto contenuti. La Prototipazione Rapida Per Prototipazione Rapida (Rapid Prototyping) si intende la realizzazione in poco tempo di un prototipo con costi molto contenuti. Un prototipo può essere usato per: o Verifiche

Dettagli

Trattamenti delle acque primarie

Trattamenti delle acque primarie Trattamenti Impianti Meccanici 1 ELIMINAZIONE DELL ANIDRIDE CARBONICA ELIMINAZIONE DELL OSSIGENO AEREAZIONE DELL ACQUA DEFERRITIZZAZIONE DEMANGANIZZAZIONE ADDOLCIMENTO Impianti Meccanici 2 1 Trattamenti

Dettagli

Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio

Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio L estinzione dell incendio si ottiene per raffreddamento, sottrazione del combustibile soffocamento. Tali azioni possono essere ottenute singolarmente

Dettagli

I materiali di rivestimento. di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli

I materiali di rivestimento. di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli I materiali di rivestimento di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli Porosità della ceramica -Le ceramiche hanno la caratteristica di essere porose, un fattore che non le ha rese utilizzabili

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

BA1U3L2 L INDUSTRIA DEL VETRO FUSIONE FOGGIATURA E RICOTTURA TECNICHE FI LAVORAZIONE TEMPRA

BA1U3L2 L INDUSTRIA DEL VETRO FUSIONE FOGGIATURA E RICOTTURA TECNICHE FI LAVORAZIONE TEMPRA BA1U3L2 L INDUSTRIA DEL VETRO FUSIONE FOGGIATURA E RICOTTURA TECNICHE FI LAVORAZIONE TEMPRA FUSIONE LE MATERIE PRIME SONO MACINATE E LE POLVERI COSÌ OTTENUTE VERSATE IN APPOSITI CONTENITORI,DETTI TRAMOGGE;QUESTE

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 45 I CALCESTRUZZI LEGGERI I calcestruzzi leggeri hanno massa volumica inferiore a 2000 kg/m 3, minore di quella dei calcestruzzi normali ( 2250-2400 Kg/m 3 ), per la presenza all interno del conglomerato

Dettagli

tecnica di essiccazione

tecnica di essiccazione tecnica di essiccazione we process the future Tecnica del trattamento di materiali I COMPITI L operazione tecnica dell essiccazione costituisce una fase importante in molti processi industriali. Vari materiali

Dettagli

SISTEMI ELETTROCHIMICI

SISTEMI ELETTROCHIMICI Università degli studi di Palermo SISTEMI ELETTROCHIMICI Dott. Ing. Serena Randazzo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica OUTLINE 1) Introduzione sui sistemi elettrochimici

Dettagli

MATERIALI SINTERIZZATI

MATERIALI SINTERIZZATI MATERIALI SINTERIZZATI Sono ottenuti con la cosiddetta Metallurgia delle polveri, che consiste nella compattazione e trasformazione di materiali ridotti in polvere in un composto indivisibile. Sono utilizzati

Dettagli

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro Materiali, Sviluppo, Soluzioni Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro H.C. Starck, Molibdeno Materiali come il molibdeno e il tungsteno, sono vitali per le applicazioni di fusione, omogeneizzazione

Dettagli

METODOLOGIA DI REALIZZAZIONE DI UN PORTAMOZZO: DALLA FUSIONE IN GRAVITA ALLA FUSIONE IN BASSA PRESSIONE

METODOLOGIA DI REALIZZAZIONE DI UN PORTAMOZZO: DALLA FUSIONE IN GRAVITA ALLA FUSIONE IN BASSA PRESSIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA MECCANICA METODOLOGIA DI REALIZZAZIONE DI UN PORTAMOZZO: DALLA FUSIONE IN GRAVITA ALLA FUSIONE IN BASSA PRESSIONE Sommario Obiettivo Il progetto

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica Università telematica Guglielmo Marconi Chimica 1 Termodinamica 1 Argomenti Nell unità didattica dedicata alla termodinamica verranno affrontati i seguenti argomenti: L energia interna di un sistema Le

Dettagli

ALLEGATO D APPLICAZIONE DELLE MTD

ALLEGATO D APPLICAZIONE DELLE MTD WIENERBERGER S.p.A. Unipersonale Sede legale in 40027 Mordano (BO), Via Ringhiera 1 Insediamento sito in 32020 Feltre (BL) Strada della Fornace 7 Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) D.lgs. 152/2006

Dettagli

Fibra Ceramica. Catalogo generale

Fibra Ceramica. Catalogo generale Fibra Ceramica Catalogo generale La storia della società KERAUNION Nel 1, in Bohemia (oggi Repubblica Ceca) viene fondata la ditta Keraunion per produrre vasellame ed oggetti in vetro e cristallo. Dal

Dettagli

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG Il ciclo frigorifero Esempio di ciclo frigorifero ad assorbimento con generatore a fiamma diretta Il principio di funzionamento /informazioni utili La termodinamica

Dettagli

Corso di Scienza e Tecnologia dei Materiali A.A. 2010-2011 LEGANTI LEGANTI

Corso di Scienza e Tecnologia dei Materiali A.A. 2010-2011 LEGANTI LEGANTI LEGANTI LEGANTI Testo: M. Lucco Borlera e C. Brisi Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Levrotto & Bella - Torino http://bioslab.unile.it/courses.html LEGANTI: Riferimenti Si definiscono cementanti

Dettagli

PRODOTTI IN GRAFITE DI CARBONIO Composito C/C

PRODOTTI IN GRAFITE DI CARBONIO Composito C/C PRODOTTI IN GRAFITE DI CARBONIO Immagine: fornita da JAXA Illustrazioni di Akihiro Ikeshita Caratteristiche dei prodotti compositi C/C Il composito C/C (composito di carbonio rinforzato da fibra di carbonio)

Dettagli

TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA I

TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA - Facoltà di Architettura di Matera Classe LM/4, conforme alla DIRETTIVA EUROPEA 85/384 e al D.M. 22 ottobre 2004, n.270 a.a. 2011/2012 II ANNO Semestrale TECNOLOGIA

Dettagli

I Materiali Polimerici

I Materiali Polimerici I Materiali Polimerici I Materiali Polimerici Un polimero è costituito da molte unità molecolari ricorrenti, unite tra di loro per addizione sequenziale di molecole di monomero. Molte molecole del monomero

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

NOTA TECNICA : Metallurgia di base degli acciai speciali da costruzione

NOTA TECNICA : Metallurgia di base degli acciai speciali da costruzione NOTA TECNICA : Metallurgia di base degli acciai speciali da costruzione Indice : 1. INTRODUZIONE p. 1 2. FASI e COSTITUENTI STRUTTURALI p. 3 3. PUNTI CRITICI p. 4 4. TRATTAMENTI TERMICI MASSIVI p. 5 0

Dettagli

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X ESERCITAZIONI DI CHIMICA FISICA A.A 2010/2011 I MODULO 6 crediti (Anna Corrias) Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X Analisi Termica Cenni teorici Descrizione esperienze di laboratorio

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore La materia è un sistema fisico a molti corpi Gran numero di molecole (N A =6,02 10 23 ) interagenti tra loro Descrizione mediante grandezze macroscopiche (valori medi su un gran numero

Dettagli

Generalità. Le cere dentali CERE NATURALI. Generalità

Generalità. Le cere dentali CERE NATURALI. Generalità Generalità Le cere dentali Prof. Silvia Recchia le cere dentali sono: utilizzate in numerosi impieghi, ma soprattutto per la modellazione di protesi (da riprodurre in lega o resina) materiali termoplastici

Dettagli

COME OTTIMIZZARE L USO DELL ENERGIA NEI

COME OTTIMIZZARE L USO DELL ENERGIA NEI COME OTTIMIZZARE L USO DELL ENERGIA NEI PROCESSI INDUSTRIALI E NEGLI EDIFICI Prof.ing. Giovanni Petrecca Ordinario di Energetica Elettrica Dipartimento di Ingegneria Elettrica Università di Pavia PIANO

Dettagli

Nome Collezione: 45 colori opachi Rifra, 44 colori lucidi Rifra e 6 essenze legno Rifra.

Nome Collezione: 45 colori opachi Rifra, 44 colori lucidi Rifra e 6 essenze legno Rifra. RI.FRA Mobili S.r.l. 20855 GERNO fraz. di Lesmo (MB) Via Fratelli Cervi, 17/19 Tel. 039.62845.1 Fax 039.62845.33 info@rifra.com Nome Collezione: Designer: Panoramica Prodotto: Componibilità: Finiture:

Dettagli