E Lichtbericht 84. Pubblicato nel gennaio 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E Lichtbericht 84. Pubblicato nel gennaio 2008"

Transcript

1 E Lichtbericht 84 Pubblicato nel gennaio 2008 Il MUDAM, il museo d'arte di Lussemburgo, costruito da I.M. Pei sulle mura di un'antica fortezza, è un faro della cultura, la cui visione notturna cambierà il modo in cui Lussemburgo viene percepita. L'architettura luminosa non si limita a plasmare l'ambiente immediato intorno a noi, ma crea anche immagini pregnanti la moneta della società della comunicazione globale.

2 Indice In questa edizione Introduzione Articolo Sfondo In questa edizione Flash Sprazzi di luce MUDAM, Lussemburgo Il Musée d'art Moderne Grand-Duc Jean di I.M. Pei: un faro dell'arte per il Granducato nel cuore dell'europa. Time, Place and Purpose I.M. Pei e la sua architettura MUDAM, Lussemburgo L'edificio di Pei dall'interno, un concetto sul banco di prova Città in divenire Il Dott. Oliver Herwig, giornalista recensore di architettura, scrive una riflessione su smaterializzazione e ronzio notturno delle città. Luce & Tecnica Progetti Comfort visivo efficiente e tecnologia Dark Sky Le novità ERCO 2008 per l'esterno Zoom Lampade per esterni Doppio zoom Esigenze d'illuminazione e tipi di lampada Casa privata nei pressi di Düsseldorf Architettura e illuminazione di questa abitazione e del suo ambiente ne valorizzano la straordinaria posizione. VinContoret, Tidaholm La messa in scena notturna fa dell'ambiente dell'ex fabbrica di fiammiferi una vera attrazione per i residenti e i visitatori di Tidaholm. Complesso residenziale «Beim Dorf» L illuminazione d alto pregio trasmette le ambi zioni di architetti e investitori. Il Palmengarten di Francoforte Il roseto con la nuova illuminazione è vessillo esemplare del giardinaggio e attrazione per i visitatori del giardino. 32 Luci di chiusura Tim Henrik Maack Interno ed esterno, non sono per ERCO che due aspetti di un approccio unitario di pianificazione. Lo si può osservare nella sua interezza a Lussemburgo, nel Musée d'art Moderne di I.M. Pei edificato di recente. Nel MUDAM la ERCO non si è assunta solo il compito di illuminare le opere d'arte, ma si è occupata in pari misura della messa in scena dell'ambiente esterno. Ne è scaturito un concetto d'illuminazione compiuto e qualitativamente coerente. Su scala un po' più piccola, ma non meno pregnante nella sua interazione tra interno ed esterno, si presenta una casa privata presso Düsseldorf. Le grandi finestre, quasi una membrana trasparente tra spazi interni ed esterni, rendono addirittura assolutamente indispensabile un approccio illuminotecnico unitario. Ne scaturisce una struttura spaziale che non perde nulla della sua grandezza, neanche di notte. Negli ultimi anni la ERCO ha continuamente aggiornato i suoi strumenti per l'illuminazione esterna e prevede anche nel corso di quest'anno un grande ampliamento delle possibilità illuminotecniche. La parte tecnica del Lichtbericht contiene pertanto una prima introduzione alle novità attuali per esterni. Tutte hanno in comune la caratteristica di essere state sviluppate all'insegna del «comfort visivo efficiente». Da un lato, un comfort visivo ottenuto grazie a un'illuminotecnica efficiente con alto grado di antiabbagliamento e un pilotaggio preciso della luce e, dall'altro, l'efficienza data dall'impiego delle lampade più moderne, quali le lampade ad alogenuri metallici e i LED. Altri articoli su progetti per esterni, quali il Palmengarten di Francoforte, un complesso residenziale presso Düsseldorf o il «VinContoret» di Tidaholm in Svezia, mostrano su quale scala architetti e illuminotecnici impieghino ormai i prodotti ERCO per l'esterno e come, con una riuscita progettazione delle luci, si possano ottenere sia immagini sorprendenti che un'esperien za di alta qualità per chi qui si sofferma. Si dimostra così, che anche mezzo secolo dopo che Richard Kelly, il pioniere americano dell'illumino tecnica, ha messo in scena con la luce il giardino della Glass House di Philip Johnson, le sue concezioni sono ancora pienamente valide. Nessuna meraviglia quindi che la mostra itinerante su Richard Kelly, che, organizzata dalla PLDA (Professional Lighting Designers Association) e da ERCO, ha girato l'europa nel 2007, abbia riscosso tanto interesse in tutte le sue tappe. Daremo uno sguardo retrospettivo alla mostra nella rubrica Luci di chiusura. A titolo di riconoscimento la ERCO ha ricevuto, in occasione del convegno «Professional Lighting Designers Conference» (PLDC), tenutosi a Londra lo scorso ottobre, il premio «Best Partner in the Lighting Industry». Un sentito ringraziamento alla giuria, a tutti i visitatori della mostra e soprattutto alla Signora Addison Kelly e alla Fondazione Richard Kelly per una collaborazione di grande ispirazione per noi! ERCO Lichtbericht Impressum Editore: Tim H. Maack Redattore capo: Martin Krautter Design: Christoph Steinke, Simone Heinze Stampa: Mohn Media Mohndruck GmbH, Gütersloh ERCO Foto (Pagina): Frieder Blickle (22 25), Derek Cattani (33), Lars Christ (11), Roland Halbe (2), Bernd Hoff (6 9, 11, 12 13, 15, 16, 17), Michael Jaeger (17), Kurt Keinrath (32), Thomas Mayer (2, 3, 14, 15, 17), Rudi Meisel (3, 10, 11, 33), Thomas Pflaum (11), Dirk Reinartz (15), Alexander Ring (1, 18 19, 32), Tomas Södergren (2, 26 27, 33), Mike St. Maur Sheil (3), Edmund Sumner / VIEW (2), Dirk Vogel (3, 4 5, 28 31, 33), Michael Wolf (11, 14). Traduzione: Lanzillotta Translations, Düsseldorf ERCO Lichtbericht 84 1

3 Flash Siggen (Heringsdorf) Nell'Holstein orientale, la fondazione «Alfred-Toepfer-Stiftung» gestisce il centro per seminari Gut Siggen. Accanto alla casa padronale è nato un moderno edificio per seminari. La soluzione illuminotecnica è data da faretti Gimbal integrati nei soffitti per lampade alogene a bassa tensione. Centro per seminari Gut Siggen Architetto: Auer + Weber + Assoziierte, Stoccarda Progettazione illuminotecnica: Neher Butz Ingenieure, Costanza Tokyo Un luogo dedicato al design nel centro di Tokyo: il museo 21_21 Design Sight presenta esposizioni nei settori design industriale, design grafico e moda. I direttori Issey Miyake, Taku Satoh e Naoto Fukasawa garantiscono un programma sofisticato. Ingresso e atrio formano un padiglione fatto di superfici piegate, nella sala sotterranea sono montati binari elettrificati ERCO e faretti Eclipse. Museo 21_21 Design Sight Architetto: Tadao Ando Architect & Associates, Tokyo Göteborg Anche a Göteborg si convertono i relitti dell'era industriale per renderli compatibili con la società dell'informazione e dei servizi. L'illuminazione differenziata della facciata con apparecchi ad incasso da pavimento Tesis e proiettori Beamer crea un'immagine forte e contribuisce a rendere questa fabbrica scrupolosamente restaurata un attraente sede per giovani imprese. Gamlestadens Fabriker Progetto illuminotecnico: Primetec AB, Göteborg Londra Un gentleman che tiene alla propria eleganza si fa fare i vestiti su misura in Savile Row a Londra, per esempio da Henry Poole, che si fregia addirittura del titolo di fornitore di corte della regina Elisabetta II. Il restauro dei locali, se ne ha mantenuto lo charme e lo stile, largheggia tuttavia ora in tecnica moderna, con faretti e wallwasher Quadra e con faretti Optec per la messa in scena delle vetrine. La tecnica alogena a bassa tensione valorizza al massimo i pregiati tessuti. Henry Poole Bespoke Tailors Wageningen La ricerca e la scienza olandesi nel settore agricoltura e prodotti alimentari si concentra a Wageningen. Il nucleo del nuovo campus è l'edificio Forum con la biblioteca universitaria. Gli scaffali dei libri sono illuminati da strutture luminose T-16. Università di Wageningen, biblioteca del Forum Architetto: Quist Wintermans Architekten, Rotterdam Bad Sooden-Allendorf Il nuovo impianto termale fa di questa stazione idrominerale dell'assia settentrionale, ricca di tradizioni, un'oasi di wellness all'altezza dei tempi. Sia all'interno che all'aperto i progettisti hanno impiegato apparecchi ERCO con alto grado di protezione, ad esempio apparecchi a colonna Panorama o proiettori Beamer. Werrataltherme Architetto: Geier + Geier Freie Architekten, Stoccarda Progettazione illuminotecnica: Facit Lichttechnik, Lemgo Firenze Gli Uffizi sono una delle collezioni d'arte più famose del mondo. Gli architetti delle esposizioni e i tecnici del museo da anni operano in continuazione con gli strumenti d illuminazione ERCO. Per la nuova illuminazione della sala della Niobe i progettisti hanno scelto faretti Parscan per lampade alogene a bassa tensione QT12 75W e washer Parscoop per lampade alogene QT-DE 300W, montati discretamente sulla cornice che corre tutto intorno mettendo in perfetto risalto le ricche decorazioni della cupola. Uffizi Progetto illuminotecnico: Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Fiorentino, Arch. Antonio Godoli english/musei/uffizi/ Atlanta Nelle direttive impartite da Porsche ai suoi concessionari per l'arredo degli autosaloni figurano anche gli strumenti d'illuminazione ERCO. I gestori del nuovo autosalone Hennessy della Porsche di Atlanta (Georgia) hanno seguito il consiglio e impiegato strutture luminose, apparecchi a sospensione e faretti del programma ERCO. Porsche Hennessy Stoccolma La nuova moderna piscina Eriksdalsbadet, per lo sport e il tempo libero, è situata in una posizione ricca di tradizioni ai margini del centro di Stoccolma. L'accesso dei veicoli alla piscina, strutturato come rampa, è illuminato economicamente e senza abbagliamento con washer per pavimento per lampade ad alogenuri metallici. Eriksdalsbadet Progetto illuminotecnico: Retea, Stefan Sjölund, Stoccolma Coventry Sui terreni di un'ex centrale elettrica, il progetto di sviluppo urbano Electric Wharf si prefigge di riunire vita e lavoro sotto gli stessi principi di edilizia ecologica. Un ardito ponte pedonale in acciaio, illuminato da washer per pavimento Visor integrati, vi accede scavalcando il Coventry Canal. Electric Wharf Foot Bridge Architetto: Price & Myers 3D Engineering, Londra Eberswalde Il distretto di Barnim si è dotato nel capoluogo Eberswalde di un nuovo edificio per l'amministrazione e il consiglio del distretto. Il complesso, di metri quadrati, ospita circa 500 posti di lavoro dell'amministrazione distrettuale. I proiettori Grasshopper mettono in risalto le piante nell'atrio. Paul-Wunderlich-Haus (sede del Consiglio del distretto di Barnim) Architetto: GAP mbh, Berlino Progettazione illuminotecnica: Licht + Elektroplanung Hecht, Rankweil 2 ERCO Lichtbericht 84 ERCO Lichtbericht 84 3

4 Sprazzi di luce De Grote Markt (piazza del mercato), Anversa Proiettori Beamer illuminano le decorazioni scultoree del timpano rinascimentale. Foto: Dirk Vogel, Dortmund 4 ERCO Lichtbericht 84 ERCO Lichtbericht 84 5

5 MUDAM, Lussemburgo: un faro dell'arte Musée d'art Moderne Grand-Duc Jean: così suona il nome completo di questo primo grande museo d'arte di Lussemburgo un «progetto faro» per la politica culturale del piccolo granducato nel cuore dell'europa. Architettura: Consorzio Pei Cobb Freed & Partners, New York, e Georges Reuter Architectes, Luxemburg Progettazione illuminotecnica: ARUP, Londra; Fisher Marantz Stone, New York; Projekt Licht Andreas Thiel, Saarbrücken Foto: Bernd Hoff, Düsseldorf La facciata del museo (in basso) è rivolta a sud verso il centro urbano, al di là dell'alzette l'ingresso (a destra) è sull'altro lato dell'edificio e costituisce il collegamento con il nuovo centro culturale che nasce sulla Place de l'europe. Per il visitatore da fuori, il cui concetto di Lussemburgo non è inizialmente altro che quello di un'astratta piazza finanziaria e della sede delle autorità dell'unione Europea, già la vivace topografia dell'antica città fortificata costituisce una prima sorpresa. I quartieri della città si inerpicano tra le vallette che incidono profondamente la valle del fiume Alzette fino all'altipiano, rispecchiando ognuno uno stadio dello sviluppo urbano. Alti ponti collegano il centro storico con il quartiere della stazione e i suoi palazzi antichi verso sud, con il plateau di Kirchberg verso ovest. Nel 1960 sono sorti qui i primi edifici amministrativi dell'europa, a cui si aggiunsero le sedi amministrative di banche e servizi finanziari, creando una città di uffici senza alcun fascino urbano. Sulla punta di questo altipiano, in posizione strategicamente favorevole, si trovano in direzione del centro storico i resti del forte di Thüngen, bastione del maresciallo Vauban, circondato dal parco detto delle «Drei Eicheln» (Tre ghiande), così denominato per i motivi orna mentali sul tetto delle tre cupole della fortezza. Nell'intento di legare più strettamente il plateau di Kirchberg alla coscienza pubblica di Lussemburgo, soprattutto l'allora Primo Ministro Jacques Santer caldeggiò, a partire dalla fine degli anni Ottanta, la fondazione e la costruzione di un museo d arte contemporanea. Il museo avrebbe dovuto essere terminato per il 1995, perché era l'anno per il quale Lussemburgo era stata scelta come capitale culturale europea. Come i suoi colleghi in politica Mitterrand e Kohl, diede direttamente l'incarico all'architetto I.M. Pei e scelse con lui la sede delle «Drei Eicheln» come «testa di ponte» tra le due parti della città. In effetti, si è dovuti arrivare al 2005 per vedere finalmente l'inaugurazione del museo, oggetto di continue contestazioni politiche e considerevolmente ridotto, per ragioni di costo, rispetto alle dimensioni originarie, e ci vorrà ancora del tempo per ristrutturare l'ambientazione del parco e restaurare completamente la fortezza. Non si può tuttavia negare che la politica culturale lussemburghese, insieme a un architetto di fama mondiale, abbia creato qui un «progetto faro» nel senso vero e proprio della parola, tanto vistosamente questo edificio dall'illuminazione drammatica segnala nella notte l'ambizione di dare all'arte moderna in questa città uno spazio e una cornice adeguata. 6 ERCO Lichtbericht 84 ERCO Lichtbericht 84 7

6 Il nuovo museo si erige sulle fondamenta dell'antica fortezza. Per questo assume anch'esso la pianta a forma di freccia dell'ex forte «Thüngen», che è stato in parte restaurato e in parte adibito a museo della fortezza. Il fossato illuminato riluce magicamente sotto i ponti che conducono all'entrata del museo sull estremità nord-est dell'edificio. I downlight Lightcast in corpi da incasso per soffitto in calcestruzzo creano un invitante tappeto luminoso sotto la pensilina. Nella zona vicina alle pareti sono impiegati wallwasher Downlight per produrre ulteriori luminanze verticali. Washer Focalflood I washer con distribuzione assiale simmetrica della luce servono per illumi nare uniformemente oggetti o superfici. La distribuzione della luce possiede una focalizzazione. Il giunto articolato fissabile consente di regolare con la massima precisione l'angolo d'inclinazione. Lungo le pareti del nuovo edificio, i progettisti illuminotecnici hanno allineato washer Focalflood per lampade fluorescenti compatte TC-TEL 26W, per illuminare le superfici in modo efficiente ed economico. In una fossa speciale lungo tutta la muraglia storica della fortezza i progettisti illuminotec nici hanno disposto centinaia di washer lineari. Il cono di luce allungato produce un'impressione drammatica e accentua la superficie movimentata dell'antica muraglia, proprio nel senso indicato dall'architetto: «Quello che mi interessa è il pro blema di riuscire a creare, tra il passato e il presente, un'armonia che li esalti reciprocamente», ha scritto I.M. Pei a proposito di questo progetto. Apparecchio per facciate Focalflood I washer in protezione IP65 sono dotati di lampade fluorescenti lineari T16/28W bianco caldo. La scatola di collegamento nella base di montaggio consente un pratico cablaggio passante. 8 ERCO Lichtbericht 84 ERCO Lichtbericht 84 9

7 Time, Place and Purpose: I.M. Pei e la sua architettura Il nuovo museo di Suzhou riflette l'arte dei giardini tradizionale di questa città. La famiglia di Pei era originaria di qui, e qui Pei trascorse le estati della sua infanzia presso i nonni. I.M. Pei all'inaugurazione del Deutsches Historisches Museum di Berlino nel Banca di Cina, Beijing (2001). Una volta Ieoh Ming Pei ha detto, nella sua intervista con il giornalista Gero von Boehm, che la luce è di capitale importanza per i suoi edifici. Anche ammettendo che questa affermazione si riferisse in primo luogo alla luce naturale, l'insolita sensibilità verso l'illuminazione architettonica è una caratteristica che permea tutto il lavoro di Pei. La ERCO ha avuto più volte l'occasione di lavorare in importanti progetti con Pei, e i suoi progettisti specializzati, su soluzioni illuminotecniche che spesso si pensi solo alla sua opera più popolare, la piramide di vetro del Louvre erano non meno pionieristiche degli edifici stessi. Pei affascina non solo per la sua personalità e le sue creazioni, ma anche perché la sua vita precorre i fenomeni attuali della globalizzazione e della rinnovata importanza della Cina. Nasce in Cina nel 1917 da un importante banchiere di Canton. A 17 anni lascia la casa paterna per studiare all'estero. Pei sceglie come meta gli USA e si iscrive a un corso di architettura del MIT di Boston, dove nel 1940 si diploma come Bachelor of Architecture. Le vicissitudini della guerra, prima di quella tra Cina e Giappone e poi della seconda guerra mondiale, lo trattengono in America, facendo passare decenni prima che Pei possa rimettere piede in patria. Però il giovane cinese non è il solo a trovarsi bloccato all'estero, perchè è in buona compagnia dei protagonisti dell'architettura moderna: Gropius e Breuer diventano suoi insegnanti alla Harvard Graduate School of Architecture. Dopo il diploma nel 1946, Pei continua a lavorare ad Harvard come assistente e docente e dal rapporto da collega con i suoi professori nascono amicizie, sebbene Pei, allontanandosi dalla scuola dell «international style», sviluppi ben presto l'idea di un'architettura di matrice individuale, contrassegnata dalle condizioni culturali, storiche e geografiche: il progetto come funzione di tempo, luogo e scopo. Dopo questi anni accademici, Pei cerca e trova sfide pratiche come architetto dirigente della ditta Webb & Knapp sotto il carismatico impresario edilizio William Zeckendorf. In collaborazione con quest'uomo, che deve essere stato dotato di enorme istinto politico e che Pei descrive al tempo stesso come incredibilmente generoso, il giovane laureato di Harvard riesce a progettare e realizzare progetti di edilizia residenziale su grande scala in tutti gli USA. Oltre all'esperienza in questioni tecniche e urbanistiche, in questa fase della carriera Pei impara soprattutto quanto sia importante l'analisi delle strutture di potere che stanno dietro a una commessa edilizia: Pei ne trae la conclusione che anche l'idea migliore non vale niente senza appoggi importanti. Con queste premesse, Pei nel 1955 si rende indipendente con il suo studio di New York I.M. Pei & Associates, continuando comunque a lavorare esclusivamente per Zeckendorf fino al Il grande debutto sulla scena dell'architettura avviene con il National Center for Atmospheric Research (Centro nazionale per la ricerca sull'atmosfera) di Boulder nel Colorado, una roccaforte per ricercatori ai piedi delle Rocky Mountains, composta da cubi incastrati uno dentro l'altro ( ). Sempre negli anni Sessanta, l'architetto, che mostra praticamente in tutte le foto un sorriso contagioso, incontra la giovane vedova Jacqueline Kennedy e ne riceve l'incarico diretto per la Kennedy Library, soprattutto a causa della reciproca simpatia, come dice lui. Un progetto che si sarebbe protratto per molti anni ( ), ma che gli apre le porte verso un nuovo gruppo di committenti. Titolare di commesse conferite dai potenti del mondo, Pei d'ora in poi persegue finalmente le proprie idee architettoniche, superando controversie e resistenze politiche con cordiale testardaggine e pazienza apparentemente infinita. Così come i principi si eternavano con i castelli e i vescovi con le cattedrali, i musei pubblici sono gli edifici di prestigio dell'era moderna. E quindi costituiscono le pietre miliari dell'opera di Pei: dalla National Gallery of Arts (Galleria nazionale d'arte) ( ) di Washington all'ampliamento del Louvre commissionato da François Mitterrand ( ), al museo Miho di Shiga in Giappone ( ), al Deutsches Historisches Museum (Museo Storico Tedesco) di Berlino ( ) per finire con il nuovo MUDAM di Lussemburgo ( ). Un altro capitolo della sua biografia è il ritorno professionale di Pei in Cina. Nel periodo nasce il «Fragrant Hill Hotel», seguito dagli edifici per la Banca di Cina di Hong Kong ( ) e Beijing (2001). Entrambi i temi si riallacciano e si completano nell'opera forse più personale di questo architetto insignito del premio Pritzker nel 1983: il nuovo museo di Suzhou, luogo della sua infanzia. Letteratura: Gero von Boehm: «Light is the Key», Conversations with I.M. Pei (Prestel, Monaco, 2000) Ulf Meyer: «Bau Politik! I.M. Pei als Architekt der Mächtigen», in: MUDAM, catalogo «Eldorado», Lussemburgo, 2006 MK Sito web dello studio Pei Cobb Freed & Partners: I.M. Pei (a sinistra) e il progettista illuminotecnico Claude Engle 1984 in occasione di una simulazione dell'illuminazione dell'ampliamento del Louvre a Parigi. La collabora Il museo Miho presso Shiga (Giappone) è inserito in modo spettacolare in un parco naturale. Espone soprattutto tesori artistici asiatici. zione a questo progetto pionieristico ha significato anche per la ERCO una grande affermazione come marchio internazionale dell'illuminazione di architetture. Per il Deutsches Historisches Museum di Berlino, le cui collezioni sono alloggiate nell'ex arsenale sulla Unter den Linden, Pei ha progettato un annesso con ambienti per le mostre temporanee. L'incarico è stato conferito nel 1997 direttamente dall'allora Cancelliere Helmut Kohl. Un tempo fieramente avversata, oggi su ogni cartolina. La piramide di vetro ( ) del Louvre di Parigi è divenuta un'icona della capitale francese, e un esempio da sfoggiare di architettura luminosa riuscita. 10 ERCO Lichtbericht 84 ERCO Lichtbericht 84 11

8 MUDAM, Lussemburgo L'edificio di Pei dall'interno, un concetto sul banco di prova I faretti Parscan DALI per lampade alogene a bassa tensione, montati su binari elettrificati, sono integrati discretamente nella struttura portante delle superfici trasparenti. Con la lunga e tediosa storia della sua progettazione, il MUDAM ci ricorda che l'architettura dovrebbe essere considerata su una scala più a lunga scadenza di quanto siamo abituati in questi tempi frenetici. Con il suo ambizioso pro - gramma museale e una collezione d'arte moderna allestita sistematicamente dal 2000, il nuovo museo si rivolge sia al pubblico dell'arte d'avanguardia, sia a spiriti più conservatori, che dalla purezza delle superfici e delle proporzioni di Pei vengono tranquillizzati e preparati alle provocazioni degli artisti contemporanei. Già solo nel primo anno si sono contati circa visitatori, una dimensione in precedenza sconosciuta a Lussemburgo. Una grande sala centrale sotto il tetto piramidale in vetro esalta, dopo l'atmosfera piuttosto intima dell'entrata, lo spazio, gli assi visuali e la vista sul forte, sulla città e sul paesaggio. Il museo, di dimensioni raccolte, offre sui suoi 3 piani ambienti adeguati a tutti i principali generi artistici: grandi sale e studioli, collegati ad effetto da corridoi, passerelle e scale. Due ampie sale a lucernario offrono le classiche condizioni da pinacoteca, mentre gli ambienti senza finestre del piano interrato si prestano meglio all'arte mediatica. La caffetteria e il negozio del museo, che spesso non sono che appendici al discorso artistico, nel MUDAM fanno parte del giro di visita non solo in senso spaziale, ma anche di integrazione concettuale. Con padiglioni in legno e coperture in feltro, ideati dai fratelli Bouroullec, le due strutture di servizio perseguono proprie e originali strategie museali. Le limpide forme geometriche e le preziose superfici degli edifici di Pei si avvalgono di concetti di luce che operano prevalentemente con downlight integrati nel soffitto e illuminazione con wallwasher. Si ritrova questo approccio negli ambienti comuni, mentre le sale espositive sono attrezzate con futuristici binari elettrificati DALI di ERCO, che possono essere dotati di apparecchi da variare a seconda della situazione. Anche le superfici trasparenti del tetto e della facciata, in acciaio e vetro, sono dotate di binari elettrificati e faretti per illuminare l'ambiente e gli oggetti. Come già nella piramide del Louvre, sono inoltre montati, nascosti nel punto di transizione tra la parete e la superficie in vetro, faretti che con la loro luce concentrata mettono in scena la filigrana della struttura portante. La caffetteria del museo fa parte del programma dei curatori, secondo il motto «Be the artist's guest». La famosa chef lussemburghese Léa Linster ha elaborato il concetto gastronomico insieme agli artisti Tal Lancman e Maurizio Galante, che curano anche il negozio del museo. La sala centrale porta la firma tipica dell'architetto. Da qui si domina l'intero edificio e si aprono vedute mirate che intrecciano lo spazio interno con l'ambiente vicino e lontano. La combinazione fra programma ambizioso e architettura classicomoderna fa presa sul pubblico: l'alto numero di visitatori conferma il concetto del MUDAM. Piccoli atelier separati sono collegati come satelliti da ponti in vetro al corpo principale dell'edificio. Il lampadario appositamente costruito, composto da 16 cilindri in metallo, presenta elementi a supporto cardanico con faretti direzionali del programma Gimbal. Le caratteristiche strutturali dell'architettura sono messe in risalto ottimale dall'illuminazione con downlight e wallwasher, integrata discretamente nel soffitto. 12 ERCO Lichtbericht 84 ERCO Lichtbericht 84 13

9 Città in divenire La smaterializzazione e il ronzio notturno delle città del Dott. Oliver Herwig Hugo Boss Store, Manhattan Foto: Thomas Mayer Veduta di Hong Kong Foto: Michael Wolf Chi apprezza le metropoli lo ama. L'angolo tra la 42 strada e Broadway è qualcosa di più di un incrocio nel cuore di Manhattan: è l'epicentro della macchina globale delle notizie. La città emana scintille come se fosse corrente elettrica. Giorno e notte, gli schermi informativi risplendono, le notizie scorrono sull One Times Square, quasi condensando tutto il mondo in titoli sensazionali. Il «ticker» vanta una lunga tradizione. Messa in funzione nel 1928, la gigantesca scritta scorrevole era formata un tempo da lampadine. Oggi il nastro luminoso rosso è surclassato dal gigantesco monitor della NBC News. Al di sopra delle teste dei turisti e dei locali si svolge uno spettacolo sempre diverso. La facciata si dissolve in un turbine di pixel, le immagini in movimento trasformano l immobile, lo rendono invisibile. L'edificio si ritrae e diventa supporto di una pelle mediatica. New York diviene ombelico del mondo, da udire, afferrare, toccare. Ridley Scott ha catturato l'imma gine della metropoli elettronica nella fosca visione del futuro del suo Blade Runner; macchine volanti che ronzano al di sopra di un caos di luci denominato San Angeles, che arriva fino all'orizzonte, lingue di gas in fiamme che guizzano nel cielo, e dietro si erge il coronamento della città, la piramide a gradini sede centrale della Tyrell Corporation. Sulla facciata si allineano proiettori che eclissano ancora una volta lo sfondo vibrante del paesaggio urbano. La fantascienza ha bisogno di forze arcaiche. E anche dopo l'11 settembre vi sono edifici che spiccano sugli altri, punti d'orientamento nel mare degli edifici. Chi vuole gettare un'occhiata sul domani, non ha più bisogno di andare al cinema, le megacittà avanzano in tutte le parti del mondo. Se c'è una direzione in cui va il processo di civilizzazione, si chiama urbanizzazione. Nel XIX secolo si raccoglieva nelle città appena il dieci per cento dell'umanità, oggi nelle metropoli si condensano intere società; le conurbazioni crescono in misura esponenziale. Tuttavia le metropoli non risucchiano come buchi neri tutto quello che sta intorno, ma piuttosto lo inghiottono come stelle giganti, mosse dalla grande utopia che l'aria della città renda liberi. Ma l'aria della città spesso non è altro che un intruglio arricchito dallo smog di migliaia di auto e fabbriche, dalla folle concentrazione di esseri umani. Cupole luminose si inarcano sulla notte delle metropoli e rilucono da lontano. Se si crede a sociologi, urbanisti e statistici, il numero delle «gigantopoli», conglomerati da più di dieci milioni di abitanti, nei prossimi due decenni potrebbe triplicarsi, arrivando a 30 megalopoli. Già oggi le metropoli sono masse che sfuggono agli strumenti razionali di progettazione, anzi si ingigantiscono nei dati e nelle statistiche, mentre sfuma la loro forma reale. Circolazione e movimento hanno determinato l'immagine della città fin dall'inizio. Strade e persone erano travolte dal turbine del traffico di merci e denaro. Georges-Eugène Haussmann a metà del XIX secolo aveva aperto delle piste attraverso la Parigi medievale, i boulevard, che «accolgono le stradine come fanno i grandi fiumi con i loro affluenti». Ora l'epoca digitale liquefà la città. Smaterializza le facciate e sostituisce gli indirizzi reali con indirizzi di router nel flusso dei dati. La metropoli, illuminata dai lampioni a gas, dalla luce elettrica e infine dal neon e dalle scritte a LED, è essa stessa un megasimbolo che fissa il movimento per breve tempo, per poi liquefarsi nuovamente. Qui si cristallizza un problema. Come cambia l'aspetto delle città quando i suoi grattacieli luccicano come pesci abissali e aumenta sempre più il numero delle pareti mediatiche che proiettano l'interno all'esterno, come la BBC Music Box dello studio Foreign Office? L'effetto non è una questione di lux e watt, bensì conseguenza di una buona realizzazione. I designer illuminotecnici aprono tutto un ventaglio di emozioni che, nel caso migliore, si adattano esattamente al luogo. Le torri per uffici si trasformano allora in luminosi messaggeri dei loro proprietari. I designer illuminotecnici dipingono le pareti con i colori aziendali e proiettano immagini su balaustre e balconi. Alla «Corporate Architecture», tentativo di coerente trasposizione in edifici tridimensionali delle regole creative, fa seguito la «Corporate Lighting», l'arte di illuminare magicamente gli edifici. Boom del mercato della luce È il boom del mercato della luce. Architetti, progettisti e artisti della luce lavorano alla nuova messa in scena degli edifici. Un in gresso luminoso porta buoni affari. La luce si slega dall'edificio e mostra un nuovo ritmo che sarà ancora da leggere, da decifrare. La Cenerentola in abito da lavoro di giorno, quella in abito da sera di notte. Sempre più edifici si trasformano al calar del sole. Persino la Galleria d'arte moderna di Monaco di Baviera riluce in rosso e oro se le aziende clienti lo desiderano quando affittano la rotonda per una serata. Senza una luce congeniale, anche il materiale migliore va perso, dicono i progettisti. Ma che cos'è una buona luce e come la si impiega? I critici della nuova mania della luce enumerano i lati d'ombra dell'architettura illuminata di notte, bollandola come falsificazione storica e caccia all'effetto. Gli uplight semplicemente ribaltano l'architettura tradizionale con i suoi cornicioni, mettendo sottosopra edifici ideati per la luce del giorno. Le grandi superfici illuminate degli edifici servono invece spesso da semplici schermi di proiezione. Le facciate annegano nella luce, perdendo ogni dettaglio nel mare dei lux. Diventano sale cinematografiche sulla strada. Un edificio non è mai uguale a un altro, ma acquista qualcosa dalla funzione che svolge. Gli edifici di dimensioni nazionali diventano simboli che emanano una propria luce. Una porta di Brandeburgo oscura, una Potsdamer Platz nel buio pesto, un Parlamen to tenebroso o una Cancelleria nera sarebbero comunque semplicemente impensabili. Helmut Kohl ha capito subito l'importanza di una messa in scena della nuova Cancelleria. Si tratta pur sempre dell'immagine del governo nelle ore televisive migliori, quando i corrispondenti di tutto il mondo sfruttano il palazzo come sfondo dei loro reportage. Visto così, ogni palazzo diventa una potenziale facciata mediatica. Facciate mediatiche Stiamo vivendo una trasformazione fondamentale, da immobili a immagini cittadine in movimento. Le facciate mediatiche non sono che il naturale passo successivo. Le facciate in vetro degli uffici moderni sono ideali come superfici di proiezione, il vetro è trasparente alla luce e la trasmette bene. Combinate con schermi a LED, presto le facciate illuminate racconteranno storie. Nel singolo caso ciò può essere allegro e divertente. È solo una questione di dosi. L'età dei media punta al totale. Sostituisce la materia con l'informazione e lo spazio con il tempo. Precorritrice e maestra di questo sviluppo è indubbiamente Las Vegas, i cui sfondi e screen improntano la città mediatica. Il loro hardware però non è nulla senza il software adatto che li fa risplendere. Senza computer il passaggio di Fremont Street sarebbe solo neon senza vita. Non deve per forza trattarsi di Times Square per dare gambe all'architettura e dissolverne i confini. Le monotone facciate e il cumulo di piani ad uso ufficio del moderno si riempiono di poesia se entrano in campo gli artisti della luce: Mischa Kubal nel 1990 ha trasformato l'ignobile palazzo della Mannesmann di Düsseldorf in un «megasimbolo» di nipponica severità, lo scorso anno le luci danzavano sulla Uniqa Tower di Vienna, come su un palcoscenico di fari elettrici. Qui sta il futuro dell'architettura mediatica, che rende i palazzi dei simboli urbani che reagiscono all'umore degli abitanti, dei vicini o dei cittadini. Le fasce di finestre d'improvviso formano lettere, messaggi per tutti. L'architettura può trasformarsi, diventare interattiva e proiettare all'esterno l'interno più profondo con pareti mediatiche, come il BBC Music Box di Foreign Office. Facciate per ardite trasformazioni non mancano. Architetti e illuminotecnici trasformano banali passaggi in porte rilucenti, noiose facciate in palcoscenici luminosi e normali edifici in fari nella notte. Con cascate di colori sempre nuove, infine, si trasforma il carattere della città. La metropoli illuminata crea nuove attrazioni, punti di riferimento e segnali indicatori che ormai hanno solo il nome in comune con il materiale di partenza, le case e strutture per la circolazione. Poi diventa icona essa stessa, come ha fatto per prima Lione e, ora, Rotterdam perfeziona. La luce artificiale crea l'arte della luce e gli edifici da esposizione formano la nuova avanguardia di questo genere architettonico. Non c'è museo che si sottragga alla tendenza dei giochi di luce sulla facciata. Una particolarità è offerta dalla Zeughaus di Mannheim, una specie di immagine divina. Elisabeth Brockmann, allieva di Gerhard Richter, dà un volto alla facciata; un paio di occhi gigante Scena di strada a Manhattan Foto: Thomas Mayer Potsdamer Platz, Berlino Foto: Frieder Blickle Atrio della Bank of China, Beijing Architetto: I.M Pei Veduta di Dubai Foto: Bernd Hoff 14 ERCO Lichtbericht 84 ERCO Lichtbericht 84 15

10 Helsinki, Cattedrale Foto: Thomas Mayer Petronas Twin Towers, Kuala Lumpur Foto: Bernd Hoff Copenaghen: Castello e nuova Opera di notte Foto: Bernd Hoff schi ci guarda dalle finestre senza vita, che nessuno ormai più percepiva come tali. L'architettura diventa così non solo la superficie di proiezione dell'arte, ma opera d'arte essa stessa. È questo il vero segreto dell'architettura illuminata, che altro non è che luce costruita. È interessante che parecchie fotografie rimandino all'abile mediatizzazione dell'architettura urbana. Ecco l'immagine spettrale delle torri gemelle del World Trade Center, come in una cupa giornata novembrina, quando sale la nebbia e con essa un senso di commiato e morte. Nel 1997 Hiroshi Sugimoto cacciò gli spettri della distruzione dissolvendo le gigantesche torri e al tempo stesso raffigurandole come righe verticali contro il cielo luminoso. Potenza e grandezza, in un gioco sofisticato con l'aldiquà. Precisione anche nella dispersione, concretezza anche nel vago, sembra questa la strategia vincente per il futuro, la permeazione totale della città con sorgenti luminose. Per il futuro si impone il riserbo, al posto dell'effetto esteriore plateale ad ogni costo. Presto si potrebbe restare piacevolmente impressionati se sempre più facciate fossero illuminate come vetri opachi. Lenin aveva spiegato la sua ideologia con una semplice equazione: «potere dei soviet più elettrificazione uguale a comunismo». Applicandola alle città di oggi, si è tentati di dire: «urbanizzazione più elettrificazione uguale a moderno». La corrente è luce e la luce è la città. Che cosa farne non dipende solo dai singoli, ma richiede un nuovo consenso sociale, fra cui non sarebbe male anche inserire qualcosa come delle norme creative per la luce. Perché il moderno, con la sua trasformazione dei mondi concreti, ha già aperto il prossimo capitolo: la smaterializzazione dell'ambiente, l'emancipazione dall'edificio, passa ad una nuova fase. Se per primi sono stati i cosiddetti nomadi del lavoro, che si svincolavano dal «cubical», l'ufficio cellulare fisso, poi anche Internet e la globalizzazione hanno assunto dimensioni sociali determinanti. Oggi persino la città edificata sembra dissolversi nella sua stessa aura. Ogni notte riluce un po' di più. Una festa per tutti, se vi prendono parte anche i creatori. Il Dott. Oliver Herwig, 40 anni, scrive per il Süddeutsche Zeitung, il Frankfurter Rundschau, GQ, Monopol e Stern. Insegna teoria del design presso le Scuole Politecniche di Karlsruhe e Linz, e comunicazio - ne alla Scuola Universitaria Professionale di Arte e Design di Basilea. Organizza e conduce congressi per l'accademia Evangelica di Tutzing e l'alto Ispettorato per l'edilizia della Baviera. I suoi studi di germanistica, americanistica e storia recente lo hanno condotto a Regensburg, Williamstown (MA), Champaign-Urbana (IL) e Kiel, guadagnando un Magister Artium, ed una laurea. Volontariato presso la casa editrice C. H. Beck Verlag di Monaco, redattore scientifico in germanistica a Tübingen ( ), dal 1998 giornalista freelance e autore a Monaco. 16 ERCO Lichtbericht 84 ERCO Lichtbericht 84 17

11 Comfort visivo efficiente e tecnologia Dark Sky Novità ERCO 2008 per l'esterno Per il 2008 ERCO presenta delle nuove famiglie di prodotti e delle integrazioni del programma per ambienti esterni, tenendo sempre presente un chiaro obbiettivo: il «comfort visivo efficiente», ossia il raggiungimento della massima qualità della luce nel rispetto delle risorse ambientali. A tal fine si impiegano le più moderne sorgenti luminose, la moderna componentistica a consumo energetico contenuto e, soprattutto, l efficace e sofisticata illuminotecnica ERCO: ciò garantisce che la luce arrivi esattamente dove è necessaria. Il tutto senza abbagliamento, minimizzando la dispersione della luce e l inquinamento luminoso, secondo il principio dell illuminazione Dark Sky. ERCO fornisce così gli strumenti di illuminazione ideali per elaborare dei concetti di illuminazione per ambienti esterni innovativi e consapevoli. Kubus Midipoll Lightmark Tesis Con una tecnologia illuminotecnica altamente integrata il programma di apparecchi Kubus porta agli estremi il motto di ERCO «luce più che apparecchi». Le sorgenti luminose miniaturizzate, discrete e ultracompatte, a forma di parallelepipedo, con i corpi robusti in fusione di alluminio, passano completamente in secondo piano rispetto agli efficaci effetti luminosi del washer per pavimenti o dell apparecchio per facciate. Per ottenere un elevata efficienza energetica e lunghi cicli di manutenzione si ricorre a lampade moderne, come le lampade ad alogenuri metallici ed i LED. Con gli apparecchi a colonna Midipoll gli architetti, i progettisti illuminotecnici e gli urbanisti trovano uno strumento che può svolgere eccellentemente diversi compiti: Midipoll non è solamente un potente strumento per l illuminazione delle superfici all aperto, ma serve anche da elemento discreto per l articolazione degli spazi, di giorno e di notte. Infatti la superficie di emissione della luce, assolutamente schermata e non abbagliante, oltre a direzionare il cono luminoso nell ambiente circostante, illumina anche l elegante profilo a croce dell apparecchio, creando una tenue luminanza sulla colonna stessa. La famiglia di prodotti Lightmark comprende un sistema poliedrico di apparecchi per esterni con diverse distribuzioni dell intensità luminosa per l illuminazione diffusa, che con la loro forma cubica si inseriscono in modo preciso e discreto nelle architetture, nell urbanistica e nel paesaggio. Oltre agli apparecchi a colonna e agli apparecchi per facciate già esistenti, ERCO offre ora anche gli apparecchi Lightmark per l incasso in parete. Si possono così creare dei progetti per delle aree e dei passaggi in cui si passa senza discontinuità dagli apparecchi a colonna ai washer per pavimento integrati nei muri o nelle pareti. Tesis è l affermato programma di apparecchi da incasso nel pavimento caratterizzato da un grado di protezione IP68 ed adatto per un impiego universale negli ambienti esterni. Per il programma Tesis è stata sviluppata ex novo una versione con superficie di emissione della luce quadrata. In questa nuova forma, che in determinate situazioni architettoniche viene preferita dai progettisti per motivi estetici, gli apparecchi da incasso nel pavimento Tesis sono disponibili come faretti direzionali, come apparecchi da incasso nel pavimento a LED con tecnologia varychrome e, con diverse caratteristiche di distribuzione dell intensità luminosa, come wallwasher. Con gli apparecchi Kubus miniaturizzati si possono risolvere globalmente diversi problemi dell'illuminazione di esterni come con un sistema modulare. Gli apparecchi a colonna Midipoll sono strumenti d'illuminazione potenti, ma servono anche da elementi di articolazione dello spazio, di giorno e di notte. Gli apparecchi a colonna Lightmark, con un'ampia gamma di tipi di distri buzione della luce, offrono numerose possibilità d'impiego per un'illuminazione efficiente di aree esterne e facciate. I modelli quadrati Tesis sono stati costruiti ex novo concentrandosi sulle diverse caratteristiche dei wallwasher. 18 ERCO Lichtbericht 84 ERCO Lichtbericht 84 19

12 Zoom Doppio zoom Lampade per esterni Temperature ambiente mutevoli, posizioni difficili da raggiungere per il montaggio ed esigenze d'illuminamento elevate comportano per l'esterno criteri di scelta delle lampade diversi da quelli previsti per gli interni. Nel corso della giornata e delle stagioni le temperature ambiente possono subire oscillazioni estreme. Questo si ripercuote, a seconda della lampada, sul comportamento di accensione e sul flusso luminoso. Per evitare una bassa efficienza luminosa e la len tezza di avviamento delle lampade fluorescenti convenzionali in ambiente freddo, sono disponibili per le basse temperature ambiente lampade fluorescenti di tipo speciale. Per gli esterni si dimostrano molto potenti ed efficienti le lampade ad alogenuri metallici e i LED. Il loro flusso luminoso rimane sostanzialmente costante anche a bassa temperatura. In un ambiente freddo sono rilevanti soprattutto le specifiche della componentistica. Le schede tecniche dei produttori di lampade e componentistica contengono dati precisi sul comportamento termico. Le lampade a scarica ad alta pressione si distinguono per i flussi luminosi elevati e l ottima efficienza luminosa. Con la miniaturizzazione verso i 20W questo tipo di lampada sta assumendo un'importanza sempre maggiore per le applicazioni di potenza ridotta, ma con flusso luminoso sufficiente, ad esempio per l illuminazione di piccole superfici di facciate o della vegetazione. Per le soluzioni illuminotecniche che richiedono illuminamenti rela tivamente bassi, come l'illuminazione d'orientamento e d'effetto, il LED è un tipo di lampada importante. Uno dei punti di forza decisivi di questa tecnologia è la disponibilità di LED a colori ad alta saturazione, che permettono di costruire apparecchi potenti per l'illuminazione monocromatica a colori o apparecchi varychrome (con tecnica a sintesi cromatica RGB). Il turbinoso progresso tecnico in questo settore fornisce moduli LED sempre più potenti e con flusso luminoso sempre più elevato. Le aree dei flussi luminosi delle lampade a scarica ad alta pressione e dei LED si sovrappongono tecnologicamente quindi sempre di più, consentendo con la loro combinazione concetti luminosi molto differenziati. Mentre già le lampade a scarica ad alta pressione offrono una durata utile estremamente lunga rispetto alle lampade a incandescenza, questa durata è ancora superata di gran lunga dai LED. I costi d esercizio così si abbassano e, per esempio nell'illuminazione di ponti o strutture edilizie complesse, gli apparecchi possono essere collocati in posizioni non imposte principalmente dall'accessibilità per la manutenzione. HIT LED Potenza lampada P (W) ,1 10 Flusso luminoso (lm) , Efficienza luminosa (lm/w) Effetto cromatico ww, nw, tw ww, nw, tw, colori Temperatura colore TF (K) Grado di resa cromatica 1b 1b Indice di resa cromatica Ra Durata t (h) Comportamento di dimmerazione - + Brillanza + + HIT-CE Le lampade ad alogenuri metallici si distinguono per la potenza luminosa elevata. L'esecuzione con attacco unilaterale, con tubo di scarica compatto, è idonea per una luce d'accento brillante. HIT-DE-CE La lampada ad alogenuri metallici con attacco bilaterale, con tubo di scarica allungato, è idonea per l'illuminazione uniforme. LED Per i bassi illuminamenti all'esterno sono idonei i LED ad alta potenza per un'illuminazione economica. I moduli LED compatti producono la luce per una distribuzione simmetrica dell'illuminamento. LED Si impiegano file di LED per una distribuzione dell'intensità luminosa ad ampio raggio e a rotazione simmetrica. La versione RGB offre il vantaggio di permettere la creazione di una gran quantità di effetti cromatici cd Proiettori I proiettori producono un cono luminoso stretto, per accentuare immobili o dettagli cd Washer I washer con distribuzione asimmetrica dell intensità luminosa producono un illuminazione uniforme sulle facciate cd Apparecchi per superfici aperte Una lente guida la luce del LED verso il terreno con grande efficienza cd Apparecchi per gradini Il sistema illuminotecnico crea un comfort visivo ottimale per l illuminazione di pianerottoli o gradini. Esigenze d'illuminazione e tipi di lampada Le grandi distanze tra apparecchio d'illuminazione ed edificio, le gran di superfici delle facciate e gli illuminamenti elevati per l'effetto a distanza esigono all'esterno lampade con flusso luminoso elevato, ad esempio lampade ad alogenuri metallici. Le lampade di questo tipo si differenziano non solo per potenza ed effetto cromatico, ma anche per la forma. Se la versione ad attacco unilaterale per il suo tubo di scarica compatto è predestinata ai faretti per la luce d'accento bril lante, la versione ad attacco bilaterale con tubo di scarica allungato è ideale per l'illuminazione di grandi superfici. A seconda del riflettore, mediante la lampada con attacco bilaterale si ottiene una distribuzio ne dell intensità luminosa a rotazione simmetrica per un illuminazione uniforme, o una distribuzione asimmetrica per l illuminazione di facciate. Se all esterno si desiderano mantenere bassi i contrasti tra l ambiente circostante oscuro e la superficie illuminata, per adeguare la qualità della luce anche alla capacità di adattamento dell occhio, sono adatte sorgenti luminose a ridotto flusso luminoso, come i LED. Anche i moduli LED assumono varie forme. Il cono luminoso rotondo per proiettori o apparecchi a colonna è prodotto preferibilmente con moduli LED compatti. Per un illuminazione su grandi superfici di gradini o per coni di luce allungati su facciate si impiegano invece LED in linea. Grazie alla loro forma compatta, i LED forniscono a designer ed illu minotecnici nuove possibilità di ottimizzazione nella costruzione di apparecchi per illuminazione. Poiché i LED diffondono la luce già concentrata in una direzione, occorrono meno elementi ottici per dirigere la luce sulla superficie illuminata, aumentando così il livello di rendimento. Thomas Schielke 20 ERCO Lichtbericht 84 ERCO Lichtbericht 84 21

13 Casa privata nei pressi di Düsseldorf Posizione, posizione, posizione i tre criteri fondamentali nella ricerca di un terreno edificabile. L architettura e l illuminazione di questa abitazione e del contesto in cui è inserita ne valorizzano la posizione straordinariamente idilliaca al centro di un agglomerato urbano tedesco. Architetti: Ingenhoven Architekten, Düsseldorf Progettisti illuminotecnici: Tropp Lighting Design, Weilheim Allestimento del giardino: WKM Landschaftsarchitekten, Meerbusch Foto: Frieder Blickle, Amburgo Da Richard Kelly in poi la soluzione classica per l utilizzo dell architettura residenziale trasparente è sempre stata: illuminazione senza abbagliamento all interno, illuminazione dell'area immediatamente circostante l'edificio, in questo caso il tetto in legno, e allestimento luminoso dello sfondo paesaggistico. L architettura in vetro è un architettura luminosa: l'eleganza della costruzione viene sottolineata chiaramente quando, di notte, il corpo dell'edificio, riluce quasi come una lanterna. La messa in scena luminosa del paesaggio funge da perfetto collegamento fra l interno e l esterno. È un caso fortuito trovare un tale lotto di terreno al centro di una Germania densamente popolata: ai margini di un sobborgo suburbano ben curato, si apre oltre il recinto un angolo di natura protetta con morbide forme paesaggistiche e un antico patrimonio arboreo, il tutto a soli pochi chilometri di distanza dalle attrazioni di una moderna metropoli. Nel rispetto del paesaggio naturale, i progettisti di Ingenhoven Architekten hanno inserito il corpo dell edificio in un angolo della proprietà in grado di soddisfare al meglio tutti i criteri di utilizzo. La forma della pianta è un segmento circolare leggermente ricurvo, che forma quasi una tribuna creata per ammirare lo spettacolo della natura. Si tratta della prima casa privata realizzata dallo studio Ingenhoven, noto soprattutto per edifici amministrativi e costruzioni a molti piani, che affrontano con un massiccio utilizzo di tecnologia questioni proiettate al futuro, quali l efficienza energetica e l impiego oculato delle risorse, creando un repertorio di soluzioni dal carattere spiccatamente moderno e dalla precisione industriale. In questa casa realizzata per una famiglia con molti bambini, lo studio Ingenhoven ha optato per forme e particolari lontani dai cliché suburbani o dalle sperimentazioni espressive. L eleganza discreta, i pilastri sottili e le raffinate altezze slanciate ricordano in qualche modo le migliori realizzazioni dell architettura degli anni cinquanta. L edificio non esprime di per sé i comuni attributi dell'estetica ecologica, pertanto sorprende in un primo momento il fatto che architetti e residenti ne sottolineino il positivo bilancio ambientale: l'edificio supera gli standard di basso consumo energetico e si propone con l impiego di materiali ineccepibili dal punto di vista bioedile di raggiungere una emissione di anidride carbonica il più possibile ridotta. «L 85% del fabbisogno annuo di energia termica è soddisfatto dall utilizzo di collettori solari e di una pompa di calore con sonde geotermiche», dichiara orgogliosamente il proprietario. Come combustibile si utilizzano tavolette di legno. Anche la costruzione si fonda su principi di natura ecologica: solai in calcestruzzo attivati e tramezze creano una massiccia ossatura centrale, che in inverno provvede al riscaldamento e in estate alla climatizzazione dell'intero edificio. La facciata è costituita da intelaiature di legno, provviste di ampie vetrate con elementi racchiusi in Pino dell Oregon e aperture con comando automatico per garantire una ventilazione naturale. Il tetto dall'elegante volta, a sua volta, poggia su una serie di slanciati pilastri in acciaio, che scandiscono il ritmo della facciata. In modo coerente è stato realizzato il progetto dell'area del giardino estesa su ben m 2, allestita alla stregua di un vero e proprio parco. La facciata posteriore, la recinzione della proprietà e la costruzione piatta del garage creano una piccola area di cortile interna. Già da qui si intuisce attraverso l atrio d ingresso vetrato a doppia altezza l'ampiezza dello sguardo di cui godono tutti i locali, i balconi e le terrazze sulla facciata sud-ovest. L'ospite può accedere sempre diritto alla terrazza in giardino, a destra nel soggiorno oppure a sinistra nella sala da pranzo che, grazie alla cucina open-space e al gigante tavolo da pranzo, fa capire quanto numerosa è la famiglia e quanto ospitali sono i suoi componenti. La vita privata si svolge al piano superiore, a cui si accede tramite una scala in acciaio: a sinistra dell atrio d ingresso domina lo spazio dei genitori, a destra si susseguono in fila le stanze dei bambini. Tutte le camere da letto danno sul paesaggio naturale, mentre i bagni sono rivolti verso la facciata posteriore. Nel piano interrato i progettisti hanno creato, oltre alle cantine e ai vani destinati agli impianti, un confortevole locale multifunzionale, utilizzato dai proprietari anche come «sala cinema», nonché un'ampia zona dedicata alla sauna e al wellness. La trasparenza della facciata che dà sul giar dino rende il paesaggio parte integrante dell architettura e della vita quotidiana dei residenti. I progettisti hanno comunque dovuto risolvere gli stessi problemi già riscontrati 50 anni fa da Philip Johnson con la sua «Glass House», realizzazione pionieristica dell architettura residenziale trasparente: di notte i riflessi e i contrasti trasformano rapidamente la facciata in vetro in uno specchio impenetrabile dall interno. Seguendo la tradizione del progettista illuminotecnico Richard Kelly, che sviluppò all epoca un concetto luminoso avveniristico, Christoph Ingenhoven e il suo progettista illuminotecnico Clemens Tropp sono ricorsi a tre misure fondamentali: in primo luogo, nei locali interni hanno utilizzato luci d accento prodotte da sorgenti luminose schermate verso l alto per ridurre al minimo i riflessi sul vetro. In secondo luogo, nell ampia terrazza perimetrale hanno realizzato una zona di transizione illuminata che circonda il bordo dell edificio. In terzo luogo, hanno allestito l'illuminazione notturna dello sfondo paesaggistico in modo che, anche al buio, l architettura si apra e dia l impressione di continuare verso l esterno. 22 ERCO Lichtbericht 84 ERCO Lichtbericht 84 23

14 Gli apparecchi ad incasso da pavimento rappre sentano la soluzione più discreta per l'allestimento luminoso dell'area esterna. I progettisti illuminotec nici sono ricorsi a wall washer con lenti Tesis HIT da 35W. Concetto luminoso Il comfort visivo rappresenta proprio nel soggior no un criterio determinante per l illu minazione, soprattutto quando, di notte, estese superfici di vetro riflettono in una miriade di sfaccettature, anche fastidiose, qualsiasi sorgen te luminosa non schermata. Nella zona del soggiorno e della sala da pranzo i progettisti hanno quindi impiegato i downlight Lightcast per lampade alogene a bassa tensione. Grazie alla perfetta protezione antiabbagliamento realizzata con la tecnica dei riflettori Darklight lo spazio viene scandito da zone illuminate ben definite. Più vicino alla facciata in vetro sono incassati a filo dei soffitti binari elettrificati ERCO, che sostengono faretti Parscan per lampade aloge ne a bassa tensione, utilizzati per sottolineare, sempre rigorosamente senza abbagliamento, mobili, oggetti o altri punti focali. Un sistema bus integrato nell impianto tecnico ed esteso a tutto l edificio consente di riprodurre situazioni luminose programmate oppure di dimmerare manualmente gruppi di apparecchi. L allestimento luminoso del background naturale del giardino con apparecchi ad incasso da pavimento Tesis contribuisce, assieme all illu minazione accuratamente progettata dei locali interni dell edificio, a sottolineare anche al buio l eccezionalità dell architettura trasparente, vale a dire l integrazione fra ambiente interno e ambiente esterno. Le lampade ad alogenuri metallici da 35W come sorgenti luminose e un comando temporizzato garantiscono un utilizzo economico dell illuminazione esterna. 24 ERCO Lichtbericht 84 I downlight dimmerabili creano nell area posterio re del soggiorno l illumi nazione generale, inte grata verso la facciata in vetro dalla luce d accento orientata e flessibile dei faretti Parscan schermati verso l alto. Nei locali interni, i pro gettisti hanno utilizzato apparecchi da incasso a soffitto e sistemi con faretti/binari elettrificati. Le lampade alogene a bassa tensione offrono una buona resa croma tica, una piacevole tem peratura dei colori e una perfetta dimmerabilità. La planimetria mette in evidenza come l edificio segua l orientamento del paesaggio. Gli ambienti del piano terra utilizzati da tutta la famiglia creano assieme all atrio centrale un con tinuum spaziale. Anche il piano interrato presenta binari elettrifi cati integrati nei soffitti. I wallwasher Parscan creano una particolare atmosfera luminosa con illuminamenti verticali. Anche sul lungo tavolo da pranzo i faretti Parscan creano una luce brillante, senza abbagliamento. Da questa prospettiva risulta evidente come la zona di transizione perimetrale metta in comunicazione l interno e l esterno: gra zie all illuminazione il tetto in legno e i pilastri rimangono visibili dall in terno anche al buio. In questa zona, oltre agli apparecchi ad incasso da pavimento Tesis vengono impiegati anche washer per pavimento Visor, ad esempio per l illumina zione della scala. La forma sobria dei faretti Parscan si inserisce nel moderno contesto di arre damento. «tune the light»: sia di giorno che di notte, luci d accento mirate guidano lo sguardo, sot tolineano o attenuano contrasti e ravvivano le superfici. ERCO Lichtbericht 84 25

15 VinContoret, Tidaholm Chi visita oggi l idilliaca sede aziendale dell importatore di vini svedese VinContoret farà fatica a crederci: cent anni fa da qui si fornivano fiammiferi di legno a mezzo mondo. Architetti: White Arkitekter AB, Göteborg Progettazione illuminotecnica: White Design AB, Göteborg Foto: Tomas Södergren, Stockholm L'illuminazione d'effetto dell'acqua che scorre sugli sbarramenti è realizzata con proiettori Beamer orientati in basso per lampade alogene a bassa tensione QT12/50W. Per la messa in scena dello sfondo paesaggistico, i progettisti illuminotecnici si sono avvalsi dell'intero spettro del programma per esterni della ERCO: dagli apparecchi ad incasso da pavimento per l'illuminazione degli alberi secolari, agli apparecchi a colonna per l'illuminazione di zone all'aperto, fino agli apparecchi di orientamento a LED per un'illuminazione sicura ed esente da manutenzione dei gradini delle scale. Durante il periodo di industrializzazione, le rapide del Tidan vennero circoscritte da sbarramenti e utilizzate per la generazione di energia. Una rete di percorsi e ponti apre la vista sulle rive e sugli isolotti del fiume. Grazie all'allestimento luminoso il tour notturno attraverso gli storici edifici locali diventa un'esperienza particolarmente suggestiva. L'allestimento luminoso notturno fa degli storici impianti industriali sul piccolo fiume Tidan una vera e propria attrazione per i residenti e i visitatori di Tidaholm. Sebbene non esistano fonti molto coerenti su chi, verso la metà del XIX secolo, abbia inventato i fiammiferi di legno, è vero che la produzione a livello industriale fu presto dominata dalle aziende svedesi in misura tale da diffondere il termine «svedesi» per indicare proprio questo tipo di fiammiferi. È a questo eccezionale boom industriale che deve oggi la sua esistenza la cittadina di Tidaholm. Laddove, inizialmente, una semplice tenuta amministrava la fertile regione di Västergöt land, nel 1799 prese piede un processo di industrializzazione sviluppatosi a partire da una piccola ferriera. Nel 1868 la fabbrica ubicata su un isolotto del piccolo fiume Tidan passò alla produzione di fiammiferi di legno, e con grande successo, perché intorno al intorno al 1900 la fabbrica «Vulcans Tändsticksfabrik» era a tutti gli effetti la più grande del mondo! Sulle rive del fiume e su un'altra isola si insediarono poi altre fabbriche e centrali idroelettriche per l'approvvigionamento di energia. Nel 1910 Tidaholm ottenne i diritti di città e, oggi, raggiunge all'incirca gli abitanti. Chi visita ora la vecchia zona industriale sulle rive del Tidan, riesce a fatica ad immaginarsi le antiche ciminiere fumanti, l'odore di zolfo e il rumore delle macchine in funzione di fronte al romantico spettacolo delle costruzioni in laterizi patinate, degli alberi secolari, dei pontili, dei prati e dei muretti a riva: si apre alla vista un'immagine idilliaca. A dire il vero, a Tidaholm si producono ancora fiammiferi di legno, però presso la moderna fabbrica di «Swedish Match AB» all'esterno di questa atmosfera idilliaca. Una parte dell'antico complesso «Vulcans» del 1894 rappresenta oggi, in veste accuratamente restaurata, la sede principale di VinContoret, importatore e rivenditore di vini, alcolici e superalcolici da tutto il mondo. Qui, il processo di ristrutturazione, che altrove ha improntato intere regioni, come la Ruhr in Germania, è avvenuto in propor zioni ridotte: dalla zona industriale è nato il centro di rappresentanza della cittadina, con musei, scuole, caffé e una galleria d'arte. Committenti privati, come VinContoret, contribuiscono a creare un attraente paesaggio, valorizzando gli impianti esterni della sede aziendale con una raffinata illuminazione notturna. 26 ERCO Lichtbericht 84 ERCO Lichtbericht 84 27

16 Complesso residenziale «Beim Dorf» L illuminazione d alto pregio nell'area esterna conferisce a questo complesso residenziale nel quartiere Niederkassel di Düsseldorf il tocco finale, trasmettendo anche nell oscurità le forti ambizioni degli architetti e degli investitori. Architettura: Lievens und Partner, Aquisgrana Progettisti illuminotecnici: Ingenieurbüro Kiep + Braun, Wuppertal Foto: Dirk Vogel, Dortmund Anche all esterno è importante un illuminazione equilibrata fra superfici orizzontali e verticali. Gli apparecchi a colonna Panorama illuminano percorsi e superfici, mentre gli apparecchi ad incasso da pavimento Tesis accentuano alberi e superfici di pareti selezionate. Gli apparecchi a colonna Panorama sono dotati di lampade ad alogenuri metallici da 35W, particolarmente efficienti e di lunga durata per ridurre i costi energetici e di manutenzione. Sulla rampa che porta all ingresso del garage interrato, i washer per pavimento Visor illuminano senza abbagliamento la carreggiata. Sebbene i costruttori di case autonome possano storcere il naso, dal punto di vista ecologico e della progettazione urbanistica, la costruzione di palazzine a più piani in posizione ravvicinata, in zone residenziali già esistenti, è una soluzione particolarmente apprezzabile. Tuttavia, neppure in località molto ambite vicino Düsseldorf, città capoluogo della regione Nord-Reno-Vestfalia, abitazioni di questo tipo si vendono da sole: i potenziali clienti hanno elevati requisiti in termini di creatività architettonica e allestimento, quindi creare edifici «amorfi» sarebbe un cattivo investimento. Per il complesso residenziale «Beim Dorf» («Al villaggio») di Niederkassel gli architetti Lievens und Partner di Aquisgrana hanno fornito il loro contributo con un progetto caratterizzato da chiare strutture e facciate aperte, dall effetto elegante «senza tempo». Sono state realizzate 43 unità abitative, suddivise in sei edifici, su un lotto di oltre 7.000m 2. Le abitazioni di proprietà molto spaziose hanno una superficie abitativa dai 95 ai 250m 2. Finestre alte fino al soffitto, stanze di altezza superiore alla media e finiture di lusso danno l impressione di veri e propri atelier in ambienti inondati dalla luce. I committenti della Provinzial-Leben- Baubetreuungs GmbH di Düsseldorf si sono fatti convincere del fatto che un illuminazione sapientemente progettata e allestita dello spazio esterno, e quindi un immagine attraente e pregnante del complesso durante le ore serali, avrebbe conferito al progetto il tocco finale. Con il supporto dei consulenti illuminotecnici della ERCO, i progettisti hanno sviluppato un concetto d illuminazione esterna in grado di offrire un perfetto comfort visivo ai residenti grazie all'impiego di apparecchi antiabbagliamento che sottolineano l effetto drammatico dell allestimento del giardino nell area del cortile e dimostrano di essere estremamente economici nel funzionamento grazie all efficace illuminotecnica e alle moderne lampade ad alogenuri metallici. L atmosfera dell area del cortile piantumata con cipressi e robinie pseudoacacia viene accentuata dal concetto luminoso. La disposizione degli apparecchi sottolinea gli assi e i punti prospettici. Gli apparecchi per facciate creano attraenti coni luminosi sulle facciate intonacate di bianco. 28 ERCO Lichtbericht 84 ERCO Lichtbericht 84 29

17 Il Palmengarten di Francoforte Il roseto nel Palmengarten (giardino delle palme) di Francoforte: vessillo esemplare del giardinaggio e attrazione per i visitatori. L'intelligente progettazione dell'illuminazione permette a chi si sofferma in questa zona un'esperienza di qualità nuova e superiore. Il cono di luce degli apparecchi a colonna Lightmark guida i visitatori, dalla sala d'esposizione all'entrata del Palmengarten, direttamente al roseto di recente impianto. Progettazione illuminotecnica: Atelier deluxe, Daniel Zerlang-Rösch, Offenbach Ideazione del giardino: Palmengarten Francoforte, Christian Barthelmes, Ralf Bromm Foto: Dirk Vogel, Dortmund La rosa è la regina dei fiori e, come si conviene a una diva, le sue sofisticate esigenze di esposizione, terreno e cura fanno ingrigire i capelli di non pochi giardinieri dilettanti. È bello quindi poter lasciare il lavoro ai professionisti per dedicarsi anima e corpo al piacere estetico. È per questo che si visitano i roseti pubblici, per esempio quello del «Palmengarten» di Francoforte, la cui tradizione risale alla fondazione di questo giardino botanico nel La sua collocazione all'interno del Palmengarten è cambiata più volte in questo lungo periodo. Nella sua collocazione attuale si trova dal Inizia poco dopo il padiglione d'ingresso ed è chiuso ad ovest da una pergola semicircolare che circonda il padiglione in stile neoclassico della «Haus Rosenbrunn». Poiché le rose esauriscono il terreno nel corso del tempo, i giardinieri di Francoforte dopo poco meno di due decenni hanno messo in programma un rinnovo del roseto. La terra esaurita è stata asportata a fondo e sostituita da terra nuova, e con l'occasione si è proceduto al tempo stesso a rifare i sentieri e l'impostazione delle aiuole, posare nuove linee elettriche e impostare una nuova illuminazione. Quest'ultima operazione è stata affidata comunque non ai giardinieri del Palmengarten, ma allo studio di progettazione luminosa Atelier deluxe di Offenbach. Il designer illuminotecnico Daniel Zerlang-Rösch ha sviluppato un concetto d'illuminazione che intende permettere al visitatore una qualità d'osservazione ottimale fornendogli un ambiente illuminato, ma senza abbagliarlo. Questo vale anche per le numerose possibilità di sedersi, che comportano necessariamente un'altezza degli occhi inferiore. I sentieri e le piante devono essere illuminati in modo da essere ben individuabili, mantenendo invece il visitatore in una suggestiva penombra. A questo scopo i progettisti hanno impiegato apparecchi a colonna Lightmark lungo i sentieri e proiettori Grasshopper montati a un'altezza di 4m circa sulla pergola. Con questi apparecchi e il loro posizionamento si è riusciti a conferire al roseto un'atmosfera luminosa gradevole e priva di abbagliamento che invita a soffermarvisi. Lightmark Il programma Lightmark è un sistema di apparecchi a colonna e washer per pavimento con diverse caratteristiche di distribuzione dell'intensità lumi nosa. Trovano una combinazione ideale con gli apparecchi per facciate Lightmark per ottenere un'immagine estetica uniforme. Nell'ambito del roseto il progettista ha impiegato apparecchi a colonna Lightmark con emissione bilaterale della luce, perché hanno un'altezza inferiore del punto luminoso, pur producendo un cono di luce largo su sentieri e aiuole. Grazie alla schermatura ottimale antiabbagliamento si mimetizzano completamente sullo sfondo di fronte alle superfici e alle piante illuminate. La lampada ad alogenuri metallici (HIT 35W) di color bianco caldo ha una resa cromatica particolarmente indicata per l'illuminazione delle piante. Grasshopper Questo programma di proiettori particolarmente compatti per esterni comprende, oltre ai modelli con lampade ad alogenuri metallici e riflettori Spherolit, anche modelli con LED in bianco, bianco caldo o varychrome (cambio cromatico RGB). Se i punti luminosi nel roseto sono stati appositamente collocati in basso, nella zona della pergola le sorgenti luminose si spostano in alto, a poco meno di 4 metri, per irradiare da lì la loro luce verso il basso. I proiettori Grasshopper con lampade ad alogenuri metallici da 20W e lenti per scultura come accessori mettono in risalto le colonne formando una cornice luminosa per l'insieme. Dietro le colonne i proiettori Grasshopper sono disposti in modo da non essere visibili dal roseto come sorgenti luminose. Inoltre un proiettore Grasshopper su due è puntato direttamente sulle sculture, per esaltarne la plasticità con il gioco di luci e ombre. La «Haus Rosenbrunn» è circondata dalla pergola illuminata, che funge anche da conclusione del roseto. 30 ERCO Lichtbericht 84 ERCO Lichtbericht 84 31

18 Luci di chiusura Mostra Richard Kelly: uno sguardo retrospettivo Per la prima volta in Europa, ERCO e la PLDA (Professional Lighting Designers Association) hanno presentato nel 2007 la mostra itinerante «Richard Kelly: Opere Scelte». La mostra comprendeva un totale di 37 opere in cornice e pannelli fotografici con disegni, stampe e fotografie originali provenienti dagli archivi di Richard Kelly e, nel 2006, era già stata esposta presso il Center for Architecture di New York City. La mostra ha illustrato in modo esemplare la filosofia del famoso illuminotecnico e designer americano, il suo approccio visionario all'illuminazione architettonica, all'utilizzo della luce diurna e al design degli strumenti di illuminazione. Presentiamo in questa pagina impressioni dalle varie tappe in tutta Europa. Stoccolma ( ) Berlino ( ) Parigi ( ) Naarden ( ) Londra ( ) Vienna ( ) Energia solare dalla fabbrica di luce Nel dicembre 2007 ERCO di Lüdenscheid ha messo in funzione un impianto a energia solare. Il tetto di circa 2500m² dell'edificio dello stabilimento P2 supporta ora 891 moduli solari della potenza nominale di 160 chilowatt (kw) in totale, più o meno il 10 per cento del consumo di corrente di ERCO. In base alle condizio ni cli matiche locali, si stima che si accumuleranno nella rete elettrica kwh all'anno. Quindi l'impianto dopo soli 3 anni dovrebbe risparmiare più CO 2 di Nuovo showroom ERCO, Vienna In uno storico edificio a loft di Vienna-Leopoldstadt ERCO ha allestito un nuovo grande showroom con uffici. Da qui non solo si segue il mercato austriaco, ma si pilota tutta l'attività nell'europa centrale e orientale. In occasione dell'apertura Vienna ha ospitato la mostra «Richard Kelly: Opere Scelte» dal al il vernissage ha coinciso con l'inaugurazione. L'indirizzo degli uffici ERCO di Vienna è: ERCO Lighting GmbH Engerthstrasse 151/Loft e Wien Austria Tel.: Fax: quella che veniva prodotta alla sua costruzione. L'ex capannone a tre navate dell'azienda tramviaria contiene un ampio settore mock-up per la dimostrazione delle qualità della luce, ma anche una zona uffici e sale riunione per discutere i progetti metri quadri di moduli: l'amministratore delegato Tim Henrik Maack a sinistra e il direttore dello stabilimento Martin Neugebauer esaminano l'impianto solare appena installato sul tetto a terrazza dello stabilimento ERCO P2. L'edificio Art Deco di Londra del RIBA (Royal Institute of British Architects) ha fornito una degna cornice al vernissage e alla mostra. È stata ottenuta la presenza di illuminotecnici di fama come oratori per i vernissage: ad esempio John Marsteller (in alto a sinistra) a Londra e Parigi e Gad Giladi (in basso a destra) a Berlino. Nel quadro del convegno «Professional Lighting Designers Conference» (PLDC) tenutosi a Londra dal 24 al 27 ottobre 2007, l'associazione dei progettisti illuminotecnici PLDA (Professional Lighting Designers Association) ha assegnato il premio «Best Partner in the Lighting Industry» alla ERCO riconoscendo a ERCO il merito di aver portato in Europa la mostra su Richard Kelly. Ospite d'onore all'inaugurazione presso ERCO Olanda di Naarden: Addison Kelly (in alto), figlia di Richard Kelly, lei stessa progettista illuminotecnica a New York. In tutte le tappe la mostra e le pubblicazioni associate hanno destato grande interesse tra gli architetti, gli specialisti dell'illuminazione e gli intellettuali. 32 ERCO Lichtbericht 84 ERCO Lichtbericht 84 33

19 Hotel Kieler Yacht Club, Kiel Una nuova luce per questa casa ricca di tradizione sulle sponde della Hindenburgufer di Kiel. Sono sufficienti solo sei apparecchi Lightmark per illuminare senza abbagliamento tutta la facciata. Questo è reso possibile dall'illuminotecnica di alta qualità e dalla dotazione con lampade ad alogenuri metallici da 35W a ridotto consumo energetico. Architetto: Nagel & Partner Archi tek ten BDA, Kiel Progettazione illuminotecnica: team licht, Amburgo E ERCO Leuchten GmbH Postfach Lüdenscheid Germany Tel.: Fax:

In molte sale del museo la luce diurna zenitale penetra da intagli

In molte sale del museo la luce diurna zenitale penetra da intagli Museo Guggenheim Architetto: Frank O. Gehry & Associates, Santa Monica Progettista illuminotecnico: Lam Partners Inc., Cambridge/MA Fotografo: Thomas Mayer, Neuss Luogo: Bilbao Il museo Guggenheim di Bilbao

Dettagli

STILE ITALIANO. Südtirolhaus Zona artigianale 3, I 39050 Nova Ponente (BZ) Tel. +39.0471.617120 Fax +39.0471.616159 www.suedtirolhaus.

STILE ITALIANO. Südtirolhaus Zona artigianale 3, I 39050 Nova Ponente (BZ) Tel. +39.0471.617120 Fax +39.0471.616159 www.suedtirolhaus. STILE ITALIANO di Paola Pianzola Südtirolhaus Zona artigianale 3, I 39050 Nova Ponente (BZ) Tel. +39.0471.617120 Fax +39.0471.616159 www.suedtirolhaus.it 52 casa naturale Materiali naturali, domotica friendly

Dettagli

Edificio Tamedia, Zurigo

Edificio Tamedia, Zurigo Shigeru Ban Architects Jean De Gastines Ernst Basler+Partner traduzione Studio Associato Bozzola Edificio Tamedia, Zurigo Le travi luminose La sede del gruppo editoriale svizzero Tamedia è situata nel

Dettagli

Illuminazione stradale e arredo urbano: risparmio energetico e alta qualità di luce con le nuove tecnologie

Illuminazione stradale e arredo urbano: risparmio energetico e alta qualità di luce con le nuove tecnologie COMUNICATO STAMPA Illuminazione stradale e arredo urbano: risparmio energetico e alta qualità di luce con le nuove tecnologie Strade, piazze e quartieri meglio illuminati, con una riduzione dei consumi

Dettagli

25 Edizione italiana I. 2012

25 Edizione italiana I. 2012 25 Edizione italiana I. 2012 Progettazione Il piacere di illuminare di Dean Skira 1 La luce è la forma invisibile che rivela tutte le altre forme e ne crea un'altra che noi chiamiamo ombra. Comprendere

Dettagli

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE SENIGALLIA LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE RINASCE UN AREA DI SENIGALLIA Si chiama RESIDENZE SAN SEBASTIANO. Un nome che già appartiene all identità cittadina: San Sebastiano è il nome dell antistante

Dettagli

Sentirsi bene al lavoro Uffici ad efficienza energetica con l insieme di luce naturale e artificiale

Sentirsi bene al lavoro Uffici ad efficienza energetica con l insieme di luce naturale e artificiale Comunicato stampa Dornbirn, febbraio 2012 Sentirsi bene al lavoro Uffici ad efficienza energetica con l insieme di luce naturale e artificiale Numero crescente di impiegati e bisogno di unire diverse filiali

Dettagli

ILLUMINAZIONE EFFICIENTE IN UFFICIO

ILLUMINAZIONE EFFICIENTE IN UFFICIO CONSIGLI PER RISPAMIARE ENERGIA IN UFFICIO I SETTIMANA DELL ENERGIA ILLUMINAZIONE EFFICIENTE IN UFFICIO Buone Abitudini Ecco alcuni comportamenti che è bene adottare per risparmiare energia in ufficio

Dettagli

Moschea Sheikh Zayed bin Sultan Al Nahyan

Moschea Sheikh Zayed bin Sultan Al Nahyan Moschea Sheikh Zayed bin Sultan Al Nahyan Architetto: Yusef Abdelki, Halcrow (Executive Architects), Spatium Architects, Milano (Interior Design) Progettista illuminotecnico: Speirs and Major Associates,

Dettagli

Parte Terza Casi studio

Parte Terza Casi studio Parte Terza Casi studio In questo capitolo conclusivo vogliamo analizzare nel dettaglio due diverse tipologie di spazi retail. Abbiamo scelto un negozio monomarca e un department store proprio perché,

Dettagli

LED LA LUCE DEL FUTURO

LED LA LUCE DEL FUTURO LED LA LUCE DEL FUTURO LUMINOSITÀ PER L ECONOMIA E L AMBIENTE Le luci a LED rappresentano la sorgente luminosa del ventunesimo secolo. Abbinano la tecnologia più moderna e innovativa a un elevato potenziale

Dettagli

Case ecologiche in legno a basso consumo energetico

Case ecologiche in legno a basso consumo energetico Legno - il materiale del futuro 5000/HF/04.07. Case ecologiche in legno a basso consumo energetico Vivere la propria abitazione ai massimi livelli di comfort, sicurezza e risparmio energetico. haus.idea

Dettagli

UNA COMETA SU MILANO

UNA COMETA SU MILANO UNA COMETA SU MILANO Domani, mercoledì 5 dicembre vede la luce la cometa progettata dall architetto Mario Bellini, che così ha voluto definire la sua creazione per il MiCo, il nuovo Centro congressi di

Dettagli

LA NUOVA DEUTSCHE BANK DI MARIO BELLINI

LA NUOVA DEUTSCHE BANK DI MARIO BELLINI LA NUOVA DEUTSCHE BANK DI MARIO BELLINI La Deutsche Bank ha un nuovo quartier generale nella sua sede storica di Francoforte. A firmarlo è l architetto milanese Mario Bellini che ha radicalmente rinnovato

Dettagli

Sistemi in vetro. Università dell Iowa Architetto: Steven Holl Fotografia: Jerry Swanson Architectural Photography. Pilkington Profilit

Sistemi in vetro. Università dell Iowa Architetto: Steven Holl Fotografia: Jerry Swanson Architectural Photography. Pilkington Profilit Sistemi in vetro Università dell Iowa Architetto: Steven Holl Fotografia: Jerry Swanson Architectural Photography Il complesso Centro di Ricerche Biomediche, composto da due parti, viene diviso da una

Dettagli

Toshiba Lampade a LED. Gamma di prodotti 11/2014

Toshiba Lampade a LED. Gamma di prodotti 11/2014 Toshiba Lampade a LED Gamma di prodotti 11/2014 2 3 Chi altri se non Toshiba? Lampadine Perché tutti scelgono E-RE LED Lighting? Lo scorso anno, centinaia di migliaia di professionisti e clienti provenienti

Dettagli

La natura non è un posto da visitare, è casa nostra

La natura non è un posto da visitare, è casa nostra Una grande magnolia, un oasi verde in città, un corso d acqua, un foglio bianco. La natura non è un posto da visitare, è casa nostra gary Snider il progetto nasce così, con una sfida: dare vita a un nuovo

Dettagli

Giardini d inverno. un progetto di luce

Giardini d inverno. un progetto di luce Giardini d inverno un progetto di luce [ cos è un giardino d inverno ] detto anche veranda, serra bioclimatica o serra solare Il piacere è potersi godere la bellezza della natura, nell intimità di una

Dettagli

La prima casa passiva in Giappone

La prima casa passiva in Giappone EDIFICI PASSIVI La prima casa passiva in Giappone Nell agosto del 2009 lo studio di architettura Key Architects della signora Miwa Mori, ha realizzato, a Kamagura, nei pressi di Tokyo, la prima casa passiva

Dettagli

Luce, la nuova dimensione...

Luce, la nuova dimensione... Luce, la nuova dimensione... ELETTROTECNOLOGIA PER L INDUSTRIA Chi vuole attirare l attenzione, deve mettersi in luce nel vero senso della parola. L espressione, che finora valeva in primo luogo per le

Dettagli

Visor Apparecchi per facciate

Visor Apparecchi per facciate Una luce puntata sull obiettivo con un eleganza minimalista Gli efficienti apparecchi per facciate con alto comfort visivo per l illuminazione di passaggi, spazi aperti ed aree d ingresso Gli apparecchi

Dettagli

Valutazione dell illuminazione artificiale

Valutazione dell illuminazione artificiale Valutazione dell illuminazione artificiale Introduzione La progettazione del campo luminoso realizzato dalle sorgenti artificiali costituisce una parte importante dei compiti del progettista degli ambienti

Dettagli

COMUNE DI MONZA. SETTORE AMBIENTE E QUALITA URBANA Ufficio Ecologia

COMUNE DI MONZA. SETTORE AMBIENTE E QUALITA URBANA Ufficio Ecologia COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITA URBANA Ufficio Ecologia REGOLAMENTO PER L ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA Approvato con Deliberazione di C.C. n 39 del 09.06.2003 REGOLAMENTO PER L ILLUMINAZIONE

Dettagli

Una nuova era per luce e illuminazione

Una nuova era per luce e illuminazione x Una nuova era per luce e illuminazione Il mercato dell illuminazione globale sta attraversando un periodo di cambiamento radicale, che non si registrava dai tempi dell invenzione della lampada a incandescenza.

Dettagli

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI L uso di lampade ad avanzata tecnologia ed elevata efficienza luminosa costituisce un ulteriore criterio tecnico imposto dalla normativa regionale, affinchè

Dettagli

Cooper Union a New York Il meteorite di Manhattan

Cooper Union a New York Il meteorite di Manhattan Comunicato stampa Dornbirn, aprile 2010 Cooper Union a New York Il meteorite di Manhattan B1 Come un corpo celeste luminoso, la facciata spigolosa dell edificio universitario si insinua in mezzo alle storiche

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

Le attività del centenario

Le attività del centenario Le attività del centenario Il Comune di Milano, la Fondazione AEM ed A2A in occasione dei 100 anni della costituzione dell Azienda Elettrica Municipale (dicembre 1910), per ricordare l importante ricorrenza,

Dettagli

L edificio amministrativo Pollmeier

L edificio amministrativo Pollmeier L edificio amministrativo Pollmeier Il nuovo edificio amministrativo dell azienda Pollmeier di Creuzburg (Germania), una segheria con 400 collaboratori, ha ricevuto nel 2002, per la sua architettura, il

Dettagli

Illuminazione naturale (3)

Illuminazione naturale (3) PROGETTAZIONE ENERGETICA Illuminazione naturale (3) Luce dall alto (toplighting) Fig. 1 - Illuminazione attraverso una cupola Gli ambienti di elevata dimensione (capannoni, atri, ecc.) sono spesso illuminati

Dettagli

MAXXI a Roma. Scultura Dinamica. Comunicato stampa Dornbirn, novembre 2010

MAXXI a Roma. Scultura Dinamica. Comunicato stampa Dornbirn, novembre 2010 Comunicato stampa Dornbirn, novembre 2010 MAXXI a Roma Scultura Dinamica B1 I Con il suo linguaggio formale espressivo l edificio del MAXXI rompe nettamente la maglia urbanistica ortogonale del quartiere.

Dettagli

VHV Palazzo di uffici a Hannover Postazioni di lavoro con atmosfera

VHV Palazzo di uffici a Hannover Postazioni di lavoro con atmosfera Comunicato stampa Dornbirn, aprile 2010 VHV Palazzo di uffici a Hannover Postazioni di lavoro con atmosfera B1 Nell imponente atrio della VHV le torri luminose degli ascensori conferiscono un ulteriore

Dettagli

casa vinicola cantina masselina

casa vinicola cantina masselina 04 casa vinicola cantina masselina casa vinicola cantina masselina Incastonato nelle morbide campagne della romagna, un piccolo gioiello architettonico accoglie visitatori e operatori vinicoli, ospiti

Dettagli

Giochi di luce e trasparenze

Giochi di luce e trasparenze Progetto di Antonella Scarpitta Giochi di luce e trasparenze Il progetto di recupero di un vecchio edificio industriale, metallo, vetro e luce, elementi composti tra loro in modo efficace determinano il

Dettagli

Palazzo Cagnola Via Cusani

Palazzo Cagnola Via Cusani 5 5 Lo spazio nel cuore di Milano Per chi desidera vivere la storia di Milano, Palazzo Cagnola offre quest opportunità con esclusivi appartamenti nel cuore della città a pochi passi da piazza del Carmine,

Dettagli

Presentazione del progetto architettonico Centre Pompidou Malaga

Presentazione del progetto architettonico Centre Pompidou Malaga Presentazione del progetto architettonico Centre Pompidou Malaga Committente Architetti: Francisco Javier Pérez de la Fuente Juan Antonio Marín Malavé Sito: Lo spazio espositivo si trova all angolo tra

Dettagli

MICHELE PERLINI. la villa DEL FUTURO. 74 ristrutturare

MICHELE PERLINI. la villa DEL FUTURO. 74 ristrutturare MICHELE PERLINI la villa DEL FUTURO Indipendente, economica, a basso impatto ambientale. Ecco la casa progettata dall`architetto e designer Veronese Michele Perlini 74 ristrutturare ristrutturare 75 76

Dettagli

1. PARTICOLARITA DEL TESSUTO POLYSCREEN RISPETTO AD ALTRI ARTICOLI. GENERALITA.

1. PARTICOLARITA DEL TESSUTO POLYSCREEN RISPETTO AD ALTRI ARTICOLI. GENERALITA. Tutto sul POLYSCREEN 1 INTRODUZIONE: PERCHE IL POLYSCREEN AD ALTA TENACITA? VERTISOL ha scommesso sulla scelta del poliestere ad alta tenacità in seguito alle alte prestazioni ottenute con questo tipo

Dettagli

Manutenzione illuminazione pubblica centro urbano

Manutenzione illuminazione pubblica centro urbano STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Settore Servizi tecnici e manutentivi Manutenzione illuminazione pubblica centro urbano Progettista Geom. Luigi Culmone Signor Salvatore Drago Signora Anna Maria Melia Signora

Dettagli

Illuminazione a LED per ampi spazi

Illuminazione a LED per ampi spazi Illuminazione a LED per ampi spazi Sistemi di illuminazione in linea con LED E4, E5 ed E7 di ETAP comprendono una vasta gamma di luci a LED per grandi spazi e soffitti alti, come stabilimenti industriali,

Dettagli

Progetto CASA NATURALE

Progetto CASA NATURALE Progetto 56 il tetto green La tradizione architettonica canadese legata all'utilizzo del legno si evolve in versioni contemporanee come in questa residenza a La Malbaie, nella regione di Charlevoix di

Dettagli

CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA

CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA Rif 374 - CASTELLO GALLENGA STUART Trattativa Riservata CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA Perugia - Perugia - Umbria www.romolini.com/it/374 Superficie: 3500 mq Terreno: 6 ettari Camere: 28 Bagni:

Dettagli

Residenze di Via Magenta

Residenze di Via Magenta Residenze di Via Magenta Vicenza Una forma sorprendente si staglia in un quartiere d altri tempi, con volumi a misura d uomo, ambienti eleganti e servizi accessibili. Su 5 piani, spazio e luce per 8 residenze

Dettagli

ILLUMINAZIONE A LED green makes bright future

ILLUMINAZIONE A LED green makes bright future ILLUMINAZIONE A LED green makes bright future 1 L illuminazione a led sfrutta la capacità di alcuni diodi (i led) in grado di emettere luce al passaggio della corrente elettrica. I led si accendono immediatamente

Dettagli

Lampade elettroniche a risparmio di energia OSRAM DULUX EL e CIRCOLUX EL

Lampade elettroniche a risparmio di energia OSRAM DULUX EL e CIRCOLUX EL Lampade elettroniche a risparmio OSRAM DULUX EL e CIRCOLUX EL Luce intelligente ed Più luce senza apparecchi extra Le lampade elettroniche a risparmio OSRAM DULUX EL e CIRCOLUX EL sono famose per il ridotto

Dettagli

Informazioni Stampa aprile 2009 L EDILIZIA SI RINNOVA

Informazioni Stampa aprile 2009 L EDILIZIA SI RINNOVA Informazioni Stampa aprile 2009 L EDILIZIA SI RINNOVA Le sfide energetiche nella ristrutturazione degli edifici per uno sviluppo più sostenibile Evento atteso da tutti gli operatori del settore edilizio,

Dettagli

Sistemi per verande in alluminio

Sistemi per verande in alluminio Sistemi per verande in alluminio Luce e spazio per il vostro benessere Tecnologia verde per il Pianeta blu Energia pulita da Sistemi solari e Finestre 2 Schüco Indice Indice Sistemi per verande Schüco

Dettagli

«Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.»

«Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.» «Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.» Volker Schultz, Prof. laureato in Architettura, Detmold 1-I-05/13 Sorgente

Dettagli

Dreamled Enjoy the light

Dreamled Enjoy the light Dreamled Enjoy the light Soluzioni Innovative per l'illuminazione Altissimo risparmio energetico Basso impatto ambientale Altissima qualità dei prodotti SOLUZIONI INNOVATIVE PER L'ILLUMINAZIONE Dreamled

Dettagli

I L L U M I N A Z I O N E S T R A D A L E E F F I C I E N T E

I L L U M I N A Z I O N E S T R A D A L E E F F I C I E N T E L occasione per città e comuni: risparmio di energia e di costi fissi grazie a investimenti affidabili. I L L U M I N A Z I O N E S T R A D A L E E F F I C I E N T E Occasioni e possibilità per città e

Dettagli

Art. 7 (Progettazione, realizzazione e conduzione degli impianti di illuminazione)

Art. 7 (Progettazione, realizzazione e conduzione degli impianti di illuminazione) Regolamento regionale per la riduzione e prevenzione dell inquinamento luminoso Art. 1 (Oggetto ed ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento, in attuazione di quanto previsto dagli articoli 3

Dettagli

Illuminazione a LED. Cos'è un LED. Tipi di LED

Illuminazione a LED. Cos'è un LED. Tipi di LED Illuminazione a LED Cos'è un LED Tipi di LED (1) LED SMD La sigla significa Surface Mouted Devices. Questi LED vengono incollati sulla superficie del circuito e quindi immersi in un bagno di saldatura.

Dettagli

The Solaire L ESEMPIO

The Solaire L ESEMPIO L ESEMPIO The Solaire The Solaire, situato nella Battery Park City di New York, su un area nella parte occidentale di Manhattan, direttamente adiacente a Ground Zero, è il primo edificio progettato in

Dettagli

home Living huf haus art 3

home Living huf haus art 3 42 Home comfort & design avanti nel tempo Design, tecnologia, stile, sono le caratteristiche che contraddistinguono ogni abitazione firmata Huf Haus, leader nel settore delle case prefabbricate di lusso.

Dettagli

Spazio al design, alla tecnologia e al comfort con i sistemi in alluminio Schüco

Spazio al design, alla tecnologia e al comfort con i sistemi in alluminio Schüco Schüco International Italia è la consociata italiana del gruppo tedesco con 200 dipendenti e una rete di 1300 partner. Da più di 40 anni propone sul mercato nazionale un offerta di prodotti e servizi di

Dettagli

KONE design COLLECTiON. Temi di design per il vostro ascensore

KONE design COLLECTiON. Temi di design per il vostro ascensore KONE design COLLECTiON Temi di design per il vostro ascensore 2 3 Una collezione creata per affascinare Motivi che catturano lo sguardo. Finiture che arricchiscono l estetica di un ediicio. soluzioni d

Dettagli

CATALOGO BARRE A LED S.E.I. 2012. Illuminazione architettonica per interni.

CATALOGO BARRE A LED S.E.I. 2012. Illuminazione architettonica per interni. CATALOGO BARRE A LED S.E.I. 2012 Illuminazione architettonica per interni. Illuminazione a LED: campi di applicazione: Le ridotte dimensioni e la possibilità di realizzare un ampia gamma di colori di luce,

Dettagli

Elena Mostardini ARCHITETTO. Via Pontorme 3, 50053 Empoli (FI) Tel 0571 1820618 Fax 05711979129 Email elena.mostardini@pec.architettifirenze.

Elena Mostardini ARCHITETTO. Via Pontorme 3, 50053 Empoli (FI) Tel 0571 1820618 Fax 05711979129 Email elena.mostardini@pec.architettifirenze. Elena Mostardini ARCHITETTO Via Pontorme 3, 50053 Empoli (FI) Tel 0571 1820618 Fax 05711979129 Email elena.mostardini@pec.architettifirenze.it COMUNE DI EMPOLI (FI) MUVE Museo del Vetro di Empoli PROGETTO

Dettagli

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3:

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3: CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA Lezione n 3: Elementi caratterizzanti il colore Grandezze fotometriche qualitative Le Sorgenti Luminose artificiali Ing. Oreste Boccia 1 Elementi caratterizzanti

Dettagli

VERSATILITÀ DI LUCE E COLORE

VERSATILITÀ DI LUCE E COLORE VERSATILITÀ DI LUCE E COLORE Unitarietà e contemporaneità rappresentano le linee guida del progetto di ristrutturazione totale di un appartamento a Roma, nel quale convivono colori chiari e scuri, superfici

Dettagli

swissfineline le vetrate prive di telaio La trasparenza nella sua forma più bella

swissfineline le vetrate prive di telaio La trasparenza nella sua forma più bella swissfineline le vetrate prive di telaio La trasparenza nella sua forma più bella Prospettive visionarie Berger Metallbau AG è un impresa familiare indipendente che vanta oltre 120 anni di storia aziendale.

Dettagli

La competenza per padiglioni Expo e per aziende. SCHMIDHUBER / Milla & Partner

La competenza per padiglioni Expo e per aziende. SCHMIDHUBER / Milla & Partner La competenza per padiglioni Expo e per aziende SCHMIDHUBER / Milla & Partner Expo 2015, Milano. 2017 Astana. 2020 Dubai. Le migliori presentazioni dello spatial brand internazionale e della comunicazione

Dettagli

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA EDIFICIO RESIDENZIALE IN BIOEDILIZIA A BASSO CONSUMO ENERGETICO Piano di Lottizzazione loc. Bassone lotto B5 EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

Dettagli

Desert Learning Centre, Emirati Arabi Un opera sostenibile con pezzi unici PERI

Desert Learning Centre, Emirati Arabi Un opera sostenibile con pezzi unici PERI Desert Learning Centre, Emirati Arabi Un opera sostenibile con pezzi unici PERI Basiano, 9 Ottobre 2012 E un vero e proprio edificio scultura ecosostenibile e sta sorgendo ad Al Ain: è il Desert Learning

Dettagli

1. STRUTTURE 2. CHIUSURE ESTERNE

1. STRUTTURE 2. CHIUSURE ESTERNE SCOMPOSIZIONE TECNICA di un EDIFICIO Didattica nov122012 L involucro edilizio è un elemento architettonico che delimita l organismo costruttivo e strutturale, come fosse una scatola la cui funzione è di

Dettagli

1.500.000,00. Rif 0351. Villa di lusso a Biella. www.villecasalirealestate.com/immobile/351/villa-di-lusso-a-biella

1.500.000,00. Rif 0351. Villa di lusso a Biella. www.villecasalirealestate.com/immobile/351/villa-di-lusso-a-biella Rif 0351 Villa di lusso a Biella www.villecasalirealestate.com/immobile/351/villa-di-lusso-a-biella 1.500.000,00 Area Comune Provincia Regione Nazione Pralungo Biella Piemonte Italia Superficie Immobile:

Dettagli

una ristrutturazione completa per sfruttare al massimo

una ristrutturazione completa per sfruttare al massimo Progetto Nel centro di Parma, l abitazione del secondo Dopoguerra ecco la casa anni 50 che, unendo domotica e L intero progetto ruota intorno al corridoio e alle pareti curvilinee disegnate per dare movimento

Dettagli

ROOS ALDERSHOFF LOSTILE RAZIONALISTA OLANDESE

ROOS ALDERSHOFF LOSTILE RAZIONALISTA OLANDESE LE IDEE amsterdam lo studio Vasd, nella capitale olandese, ha trasformato un edificio anni '30 salvandone l'identità storica e rispondendo alle nuove esigenze funzionali di ANTONIA SOLARI foto di ROOS

Dettagli

INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO

INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO 1 INQUINAMENTO LUMINOSO: DEFINIZIONI E CAUSE PERCHÉ VEDIAMO QUANDO SI ILLUMINA? La luce per illuminare deve seguire un percorso analogo a quello indicato dalla

Dettagli

RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI E N E R G E T I C O. Vantaggi immediati per un futuro migliore

RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI E N E R G E T I C O. Vantaggi immediati per un futuro migliore COSTRUZIONI E RISTRUTTURAZIONI CON PARAMETRI CASA CLIMA A BASSOCONSUMO E N E R G E T I C O RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI Vantaggi immediati per un futuro migliore Strada Comunale Gelati, 5 29025

Dettagli

Progetti. monestiroli architetti associati Due nuove piazze e tre edifici a Pioltello, Milano. Igor Maglica

Progetti. monestiroli architetti associati Due nuove piazze e tre edifici a Pioltello, Milano. Igor Maglica Progetti Igor Maglica monestiroli architetti associati Due nuove piazze e tre edifici a Pioltello, Milano Dettaglio dell atrio centrale dell edificio della nuova stazione ferroviaria. fotografie Marco

Dettagli

LEZIONE 4. Indice CORSO E-LEARNING LEZIONE 4

LEZIONE 4. Indice CORSO E-LEARNING LEZIONE 4 CORSO E-LEARNING LEZIONE 4 Indice Efficienza Energetica negli Edifici o Infissi esterni o Progettazione bioclimatica o Consigli per incrementare l efficienza energetica Note sui diritti d autore Il presente

Dettagli

stampa Novembre 2014 ISH 2015 presenta i nuovi trend per il settore dei camini

stampa Novembre 2014 ISH 2015 presenta i nuovi trend per il settore dei camini stampa Novembre 2014 Fiera leader mondiale del mondo del bagno, delle tecnologie per il risparmio energetico, la climatizzazione e l automazione degli edifici, delle energie rinnovabili Anja Bräutigam

Dettagli

Nuovi Stili IL COLORE È DESIGN

Nuovi Stili IL COLORE È DESIGN DCASA Nuovi Stili IL COLORE È DESIGN Musei multifunzione A CENA CON PICASSO Shopping IN QUALE LETTO VORRESTI DORMIRE? SUPPLEMENTO A D LA REPUBBLICA N. 813 DEL 20 OTTOBRE 2012 2012/n.4 N.1/IN UNA EX FABBRICA,

Dettagli

Il futuro dell edilizia

Il futuro dell edilizia Connecting Global Competence Il futuro dell edilizia 19-24 gennaio, Monaco di Baviera Salone Internazionale di Architettura, Materiali e Sistemi BAU è orientato al business e trasversale a tutto il settore

Dettagli

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce Il Sole è sicuramente la sorgente più comune e facilmente disponibile. In realtà però al giorno d oggi molte attività sono svolte sotto sorgenti artificiali di tipo

Dettagli

Luce di prim ordine e massima flessibilità

Luce di prim ordine e massima flessibilità Comunicato stampa Dornbirn, settembre 2010 Luce di prim ordine e massima flessibilità I magazzini Globus puntano sull illuminazione Zumtobel e risparmiano il 30% di energia B1 I La prima impressione è

Dettagli

ART. 1 - Impianti di illuminazione esterna pubblici e privati preesistenti alla data di entrata in vigore del presente Regolamento.

ART. 1 - Impianti di illuminazione esterna pubblici e privati preesistenti alla data di entrata in vigore del presente Regolamento. REGOLAMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA ESTERNA ATTRAVERSO IL CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO E L ABBATTIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO ART. 1 - Impianti di illuminazione

Dettagli

Australia - Sidney Il posto migliore del mondo

Australia - Sidney Il posto migliore del mondo Simpatica, allegra e piena di vita, Sydney è una meraviglia creata dall uomo. E la metropoli del futuro con le sue torri in vetro e acciaio, con i suoi palazzi che assecondano dolcemente la splendida baia.

Dettagli

'GREENING CERNUSCO LOMBARDONE'

'GREENING CERNUSCO LOMBARDONE' ARCHITECTURAL DESIGN 'GREENING CERNUSCO LOMBARDONE' Universita: Corso: Nome progetto: Politecnico di Milano Architectural design Lombardone Gruppo: No 4 Nomi: Aleksandar Tasev Mahmoud Hreitani Mohammad

Dettagli

BENESSERE VISIVO ED ILLUMINOTECNICO. arch. Cristina Carletti Dip. TAeD Università di Firenze

BENESSERE VISIVO ED ILLUMINOTECNICO. arch. Cristina Carletti Dip. TAeD Università di Firenze BENESSERE VISIVO ED ILLUMINOTECNICO arch. Cristina Carletti Dip. TAeD Università di Firenze BENESSERE TERMOIGROMETRICO Stato di neutralità termica, in cui il soggetto non sente né caldo né freddo. Benessere

Dettagli

automazione domotica Una dimora dal gusto contemporaneo dove comfort e sicurezza sono garantiti da un innovativo sistema di facile gestione

automazione domotica Una dimora dal gusto contemporaneo dove comfort e sicurezza sono garantiti da un innovativo sistema di facile gestione vivere contemporaneo automazione Una dimora dal gusto contemporaneo dove comfort e sicurezza sono garantiti da un innovativo sistema di facile gestione progetto building automation microdevice ph celeste

Dettagli

Impostato sul vostro successo.

Impostato sul vostro successo. Nuovo Impostato sul vostro successo. Il salone internazionale delle piastrelle di ceramica. Hannover, 16. 19.1.2010 In viaggio verso il nuovo salone europeo delle piastrelle di ceramica. Una strada nuova

Dettagli

CANTALUPI LIGHTING PRESENTA L ULTIMO GRADO DI EVOLUZIONE DELLA TECNOLOGIA LED

CANTALUPI LIGHTING PRESENTA L ULTIMO GRADO DI EVOLUZIONE DELLA TECNOLOGIA LED HOUSE ORGAN 245x324 ita +eng 09-04-10.qxd:Layout 1 9-04-2010 12:45 Pagina 2 LUXOPERA MAGAZINE INFORMAZIONE PERIODICA SUL MONDO CANTALUPI N 0 2010 T H E I T A L I A N A R T O F Y A C H T L I G H T I N G

Dettagli

Abitare il Calcestruzzo

Abitare il Calcestruzzo AbitareilCalcestruzzo PietroMencagli,Architetto,DottorediricercainTecnologiadell Architettura Troppo spesso, e per troppo tempo, il calcestruzzo è sempre stato visto come materiale strutturale,utilizzatoesclusivamenteperlarealizzazionedipilastri,traviearchi,rinunciando

Dettagli

Illuminazione differenziata nei negozi

Illuminazione differenziata nei negozi Comunicato stampa Illuminazione differenziata nei negozi Zumtobel e il Gruppe Nymphenburg hanno condotto uno studio di laboratorio in cui sono riusciti a registrare empiricamente le reazioni emotive delle

Dettagli

Introduzione. Il Dott. Martin Viessmann guida l azienda in terza generazione.

Introduzione. Il Dott. Martin Viessmann guida l azienda in terza generazione. Azienda Calore Il calore è fondamentale per la vita sul nostro pianeta. Laddove il sole non è sufficiente a soddisfare questo bisogno, questo compito spetta all uomo. Questa è la mission a cui l azienda

Dettagli

Tecnologie edili per l ambiente. facciate continue serramenti - pareti mobili

Tecnologie edili per l ambiente. facciate continue serramenti - pareti mobili Certificato n. 4858 Tecnologie edili per l ambiente facciate continue serramenti - pareti mobili Progetto di ampliamento della sede Arnoldo Mondadori Editore con completa ristrutturazione della CASCINA

Dettagli

Effizienzhaus Plus Un bilancio poco promettente

Effizienzhaus Plus Un bilancio poco promettente EDIFICI SOLARI Effizienzhaus Plus Un bilancio poco promettente Dal dicembre 2011 funziona a Berlino la cosiddetta Effizienzhaus Plus, una casa che dovrebbe produrre più energia di quanta gli abitanti consumano

Dettagli

Padiglione di Barcellona 1929

Padiglione di Barcellona 1929 Mies van der Rohe Ludwig Mies van der Rohe è il padre dell'estetica architettonica contemporanea. Se Le Corbusier incarna l'anima più poetica del Movimento Moderno, l'architetto tedesco ne rappresenta

Dettagli

indice indice Azienda Guida alla scelta Strisce di LED Tubi neon a LED Lampadine a LED Moduli di LED Faretti da incasso a LED Lampade da ufficio a LED

indice indice Azienda Guida alla scelta Strisce di LED Tubi neon a LED Lampadine a LED Moduli di LED Faretti da incasso a LED Lampade da ufficio a LED LED Lighting La nostra sede indice indice 04 06 08 18 21 30 33 45 49 55 65 68 73 77 Azienda Guida alla scelta Strisce di LED Tubi neon a LED Lampadine a LED Moduli di LED Faretti da incasso a LED Lampade

Dettagli

Adeguamento del Parco e della Serra del Museo delle Ville Storiche di Caltagirone

Adeguamento del Parco e della Serra del Museo delle Ville Storiche di Caltagirone RELAZIONE TECNICA Adeguamento del Parco e della Serra del Museo delle Ville Storiche di Caltagirone PO FESR SICILIA 2007-2013 DELL OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3 LINEA D'INTERVENTO 3.1.3.3 PROGETTO BIENNALE

Dettagli

LG Hausys Europe Mariana Fredes mfredes@himacs.eu +41 (0)22 879 54 83

LG Hausys Europe Mariana Fredes mfredes@himacs.eu +41 (0)22 879 54 83 HI-MACS ottimizza i requisiti architettonici e il design degli spazi Nuovo design per la filiale di Königstraße 3 della BW Bank a Stoccarda Le banche rappresentano un elemento saldamente radicato nel paesaggio

Dettagli

NAVETTE E ALTA VELOCITÀ PER FRANCOFORTE

NAVETTE E ALTA VELOCITÀ PER FRANCOFORTE AEROPORTI & FRANCOFORTE NAVETTE E ALTA VELOCITÀ PER FRANCOFORTE Con la recente inaugurazione del nuovo terminal 2 il maggiore scalo tedesco guarda al futuro del trasporto aereo, affidandosi a un complesso

Dettagli

Sommario Supplemento 4/09. Rubriche. Progetti. Lighting design

Sommario Supplemento 4/09. Rubriche. Progetti. Lighting design 46 Sommario Supplemento 4/09 Rubriche 6 Next. Fiere, convegni, corsi e mostre 10 Bookstore. Novità librarie 12 Echi dal Web. Le novità in Internet 16 Rassegna di progetti e di opere. Nove interventi di

Dettagli

Soluzioni green oggi per vivere meglio domani.

Soluzioni green oggi per vivere meglio domani. Soluzioni green oggi per vivere meglio domani. Enel è la più grande azienda di energia elettrica d Italia e la seconda utility quotata d Europa per capacità installata. È un operatore integrato, attivo

Dettagli

PETRARCA 20 LA MAGIA DI IERI INCONTRA LA TECNOLOGIA DI OGGI

PETRARCA 20 LA MAGIA DI IERI INCONTRA LA TECNOLOGIA DI OGGI P REATR R PET C AA2 R 0 CA 20 P PETRARCA 20 LA MAGIA DI IERI INCONTRA LA TECNOLOGIA DI OGGI IL PROGETTO Petrarca 20 nasce da un armoniosa unione tra classicità e design. Inizialmente opificio con abitazione

Dettagli

Comunicato stampa. La nuova geometria dei profili PAVATEX nella pratica. Sede centrale della società Abensberger Holz 100-Haus GmbH

Comunicato stampa. La nuova geometria dei profili PAVATEX nella pratica. Sede centrale della società Abensberger Holz 100-Haus GmbH Comunicato stampa Fribourg, aprile 2012 Sede centrale della società Abensberger Holz 100-Haus GmbH La nuova geometria dei profili PAVATEX nella pratica Pavatex SA Martin Tobler Direttore Marketing & Sviluppo

Dettagli

Lighting System ILLUMINOTECNICA LED RIQUALIFICAZIONE E RISPARMIO ENERGETICO

Lighting System ILLUMINOTECNICA LED RIQUALIFICAZIONE E RISPARMIO ENERGETICO Lighting System LLUMNOTECNCA LED 5 ANN di GARANZA su tutti i prodotti RQUALFCAZONE E RSPARMO ENERGETCO LA MGLORE SOLUZONE PER L LLUMNAZONE ECA Techlogy Lighting System è la gamma di prodotti LED per l

Dettagli

Casa Latscha nel Taunus, Germania

Casa Latscha nel Taunus, Germania Progetti Veronica Dal Buono Anche per l architetto contemporaneo è essenziale il confronto con la complessità dell abitare: l architettura di qualsiasi tipo, come insegna Heidegger, comincia infatti dall

Dettagli