VDA Net Srl VDA Net Srl VDA Net Srl

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VDA Net Srl VDA Net Srl VDA Net Srl"

Transcript

1 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 14 termico, le quote di contributo corrispondente a ciascuno di essi, con le modalità indicate, a titolo di pagamento a saldo del contributo previsto dall Accordo Volontario Settoriale per l anno 2006 approvato con delibera di G.R. n. 1/2006; 3. di dichiarare il contributo esente da ritenuta ai sensi dell art. 28 del DPR n. 600/73; 4. il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT ai sensi dell art. 5 bis comma 1 lettera f, della L.R. 23/2007 e successive modifiche e integrazioni e sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta regionale ai sensi dell art. 18 comma 2 della medesima L.R. 23/2007. E escluso dalla pubblicazione integrale l allegato A ai sensi dell art. 6, comma 2, della L.R.23/2007 e della direttiva approvata con D.G.R. 167/2007 Il Dirigente Edo Bernini 121 Vista la legge regionale 31 maggio 2004, n. 28 Disciplina delle attività di estetica e di tatuaggio e piercing come modificata dalla legge regionale 27 luglio 2007, n. 40; Visto il Regolamento di attuazione della legge regionale 31 maggio 2004, n. 28 Disciplina delle attività di estetica e di tatuaggio e piercing emanato con DPGR del 2 ottobre 2007, n. 47/R come modificato dal DPGR del 6 agosto 2008, n. 44/R, che prevede: - all art. 25 l adozione di linee guida che disciplinano: - la pulizia dei pavimenti, delle pareti e degli arredi - la manutenzione degli impianti di ventilazione e degli impianti di scarico - all art. 61 l adozione di linee guida che disciplinano il lavaggio delle mani e la pulizia delle unghie - all art. 81 l approvazione di apposita informativa inerente i rischi legati all esecuzione dei trattamenti di tatuaggio o piercing e sulle precauzioni da tenere dopo l effettuazione degli stessi; Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Area di Coordinamento Sanità Settore Igiene Pubblica DECRETO 30 marzo 2009, n certificato il L.R. 28/04 Disciplina delle attività di estetica e di tatuaggio e piercing. Approvazione ai sensi degli artt. 25, 61 e 81 del DPGR 2 ottobre 2007, n. 47/R delle Linee guida per la pulizia dei pavimenti, delle pareti e degli arredi e la manutenzione degli impianti di ventilazione e degli impianti di scarico, delle Linee guida per il lavaggio delle mani e la pulizia delle unghie e delle Informative inerenti i rischi legati all esecuzione dei trattamenti di tatuaggio e piercing. IL DIRIGENTE Visto quanto disposto dall art. 2 della LR 1/2009, Testo unico in materia di organizzazione e ordinamento del personale che definisce i rapporti tra gli organi di direzione politica e la dirigenza; Visto quanto disposto dagli artt. 6 e 9, della sopra citata LR 1/2009, inerenti le competenze dei responsabili di settore; Visto il decreto n del 5 aprile 2007 con il quale la sottoscritta è stata nominata Responsabile del Settore Igiene Pubblica ; Viste le Linee guida per la pulizia dei pavimenti, delle pareti, e degli arredi e la manutenzione degli impianti di ventilazione e degli impianti di scarico, contenute nell allegato A, parte integrante del presente decreto; Viste le Linee guida per il lavaggio delle mani e la pulizia delle unghie, contenute nell allegato B, parte integrante del presente decreto; Viste l Informativa inerente i rischi legati all esecuzione dei trattamenti di tatuaggio e sulle precauzioni da tenere dopo l effettuazione degli stessi, contenute nell allegato C, parte integrante di questo decreto, nonché l Informativa inerente i rischi legati all esecuzione dei trattamenti di piercing e sulle precauzioni da tenere dopo l effettuazione degli stessi, contenute nell allegato D, parte integrante del presente decreto; Ritenuto di approvare le linee guida contenute negli allegati A e B e le informative di cui agli allegati C e D, parti integranti del presente decreto; DECRETA 1. di approvare per le motivazioni espresse in narrativa: - le Linee guida per la pulizia dei pavimenti, delle pareti e degli arredi e la manutenzione degli impianti di ventilazione e degli impianti di scarico - art.25 del DPGR 2 ottobre 2007, n. 47/R - di cui all allegato A, parte integrante del presente decreto; - le Linee guida per il lavaggio delle mani e la pulizia delle unghie - art. 61 del DPGR 2 ottobre 2007, n. 47/R

2 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N di cui all allegato B, parte integrante del presente decreto; - l Informativa inerente i rischi legati all esecuzione dei trattamenti di tatuaggio e sulle precauzioni da tenere dopo l effettuazione degli stessi - art. 81 del DPGR 2 ottobre 2007, n. 47/R - di cui all allegato C, parte integrante di questo decreto, nonché l Informativa inerente i rischi legati all esecuzione dei trattamenti di piercing e sulle precauzioni da tenere dopo l effettuazione degli stessi - art. 81 del DPGR 2 ottobre 2007, n. 47/R - di cui all allegato D, parte integrante del presente decreto. Il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT ai sensi dell art. 5 comma 1 lettera f) della LR 23/2007 e sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta regionale, ai sensi dell art. 18 comma 2 della medesima LR 23/2007. Il Dirigente Emanuela Balocchini SEGUONO ALLEGATI

3 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N Allegato A Art. 25 comma 1 DPGR , n. 47/R Linee guida per la pulizia dei pavimenti, delle pareti, degli arredi e la manutenzione degli impianti di ventilazione e degli impianti di scarico. a) - Pavimenti La pulizia dei pavimenti è effettuata mediate: spazzamento ad umido, o con panni elettrostatici, o mediate l impiego di aspirapolvere preferibilmente con filtro ad acqua; lavaggio con prodotti detergenti reperiti in commercio e utilizzati secondo le indicazioni previste in etichetta. - Decontaminazione superfici: in caso di presenza di sangue su pavimenti, mobili e piani di lavoro l operatore deve: - Indossare i guanti (da pulizia) - Rimuovere lo sporco con teli monouso - Pulire con acqua e sapone - Sciacquare e disinfettare con ipoclorito (candeggina), con diluizioni 1:10 In presenza di quantità notevoli di sangue oltre a quanto sopra indicato dopo aver indossato i guanti (da pulizia): - Coprire la zona con teli monouso impregnati di ipoclorito diluizione 1:10 - Aspettare 10 minuti e rimuovere il materiale con l ausilio di attrezzature per la pulizia (scopa e paletta). - Docce La pulizia delle docce è effettuata mediante: impiego di prodotti detergenti reperiti in commercio e utilizzati secondo le indicazioni previste in etichetta; accurata pulizia delle cipolle di erogazione acqua avendo particolare cura della rimozione di residui e sedimenti calcarei. - Pareti La pulizia delle pareti è effettuata mediante: accurata spolveratura lavaggio, nelle parti impermeabili, con prodotti detergenti reperiti in commercio e utilizzati secondo le indicazioni previste in etichetta. b) - Arredi La rimozione della polvere dagli arredi è effettuata utilizzando, a seconda delle superfici da pulire, panni cattura polvere o apparecchi aspirapolvere preferibilmente con filtro ad acqua oppure stracci inumiditi con soluzioni detergenti. - Manutenzione e pulizia di impianti di ventilazione Gli impianti di ventilazione forzata o di trattamento termico a completo ricircolo sono sottoposti a manutenzione generale periodica con frequenza concordata con la ditta incaricata. Nell effettuazione della pulizia e manutenzione dell impianto è prestata particolare attenzione alla strumentazione dell impianto che umidifica l aria immessa negli ambienti al fine di evitare la contaminazione da Legionella - Pulizia degli impianti di scarico E curata con particolare attenzione l efficacia degli impianti di raccolta e scarico delle acque reflue nere e saponose.

4 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 14 Allegato B Art. 61 comma 3 DPGR , n. 47/R Linee guida per il lavaggio delle mani e la pulizia delle unghie Le mani devono essere accuratamente lavate, almeno nelle seguenti occasioni: - Il lavaggio delle mani deve effettuarsi prima di ogni seduta di tatuaggio o esecuzione di piercing e prima di procedere alle operazioni di sterilizzazione; - Prima e dopo avere usato il servizio igienico, avere fumato, mangiato, bevuto, o dopo essersi toccato il naso, bocca o aver usato un fazzoletto; - Dopo un contatto certo o sospetto con sangue, o con materiale organico del cliente o proprio. Devono essere osservate le seguenti procedure: - Inumidire le mani ed i polsi con acqua tiepida per ottenere una migliore azione detergente rispetto all utilizzo di acqua fredda; - Prelevare, dal distributore di sapone liquido, una dose sufficiente; - Frizionare vigorosamente le superfici insaponate ponendo particolare attenzione agli spazi interdigitali, alle estremità delle dita ed alla zona periungueale per un tempo di almeno 30 secondi (durante la frizione delle mani sfregare palmo contro palmo, il palmo destro contro il dorso della mano sinistra e viceversa, sfregare i palmi fra loro con le dita intrecciate, ruotare il pollice all interno del palmo dell altra mano ed infine strofinare la punta delle dita di ogni mano sul palmo dell altra mano); - Risciacquare abbondantemente e con cura con acqua tiepida dalla mano verso il gomito; - Asciugare accuratamente le mani. Si raccomanda l uso di creme o lozioni per le mani per ridurre al minimo la comparsa di dermatiti associate a lavaggio delle mani.

5 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N Allegato C Art. 81 comma 2 DPGR , n.47/r Informativa inerente i rischi legati all esecuzione dei trattamenti di tatuaggio e sulle precauzioni da tenere dopo l effettuazione degli stessi Per quanto attiene all attività di tatuaggio: - La scrupolosa applicazione delle modalità di sterilizzazione delle attrezzature utilizzate, disinfezione della cute interessata dal tatuaggio e asepsi in tutte le operazioni eseguite durante un tatuaggio è in grado di ridurre significativamente il rischio della trasmissione di malattie infettive ma non è in grado di azzerarlo. In particolare si possono manifestare le seguenti infezioni: o infezione superficiale della cute (impetigine, ectima); o infezioni profonde della cute (foruncolosi, erisipela); o epatiti da virus di tipo B e di tipo C; o A.I.D.S. (Sindrome da Immunodeficienza Acquisita); o tetano. - Benché nella pratica di tatuaggio vengano usati pigmenti dichiarati atossici non è possibile escludere, nel singolo caso, il rischio di reazioni allergiche a sostanze in essi contenuti. - L introduzione di pigmenti nel derma può far manifestare malattie quali psoriasi, lichen planus e sarcoidosi; - Dopo l esecuzione di un tatuaggio, la cute interessata presenta una naturale reazione infiammatoria che, di regola, non si protrae oltre 2 3 settimane. Durante questo periodo di tempo il cliente ha il dovere di proteggere la parte tatuata da stimoli fisici (quali ad esempio l esposizione al sole od a lampade abbronzanti), curando con particolare attenzione la pulizia personale soprattutto della zona interessata ; - In caso di pentimento, dopo l esecuzione di un tatuaggio, nessuna delle tecniche oggi disponibili è in grado di garantire la sua rimozione con risultati esteticamente validi. E comunque ipotizzabile che la rimozione raggiunga risultati migliori su tatuaggi monocromatici e di piccole dimensioni. Cheloidi: A seguito di esecuzione di tatuaggio, in soggetti predisposti, è possibile che si verifichi l insorgenza di Cheloidi. I Cheloidi sono cicatrici esuberanti che si estendono oltre i limiti della lesione primitiva. Sono prevalentemente asintomatici e la loro formazione crea un inestetismo. Il cheloide è estremamente difficile da trattare. Tende infatti quasi sempre a recidivare in forma più grave dopo ogni tentativo di trattamento. Di norma comunque la formazione di cheloidi avviene nel caso in cui il tatuatore ha effettuato in maniera non corretta il tatuaggio (eccessiva penetrazione degli aghi, eccessiva pressione, utilizzo di numero di aghi eccessivo)

6 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 14 Allegato D Art. 81 comma 2 DPGR , n. 47/R Informativa inerente i rischi legati all esecuzione dei trattamenti di piercing e sulle precauzioni da tenere dopo l effettuazione degli stessi - La scrupolosa applicazione delle modalità di sterilizzazione delle attrezzature utilizzate, disinfezione della cute interessata dal piercing e asepsi in tutte le operazioni eseguite durante un piercing è in grado di ridurre significativamente il rischio della trasmissione di malattie infettive ma non è in grado di azzerarlo. In particolare si possono manifestare le seguenti infezioni: o infezione superficiale della cute (impetigine, ectima); o infezioni profonde della cute (foruncolosi, erisipela); o epatiti da virus di tipo B e di tipo C; o A.I.D.S. (Sindrome da Immunodeficienza Acquisita); o tetano. - In caso di piercing nella porzione cartilaginea del padiglione auricolare o del naso si deve tener presente che il tessuto cartilagineo è scarsamente vascolarizzato e può andare in necrosi in caso di complicazioni infettive. - Benché nella pratica di applicazione piercing vengono usati monili o pre-orecchini dichiarati atossici, non è possibile escludere, nel singolo caso, il rischio di reazioni allergiche a sostanze in essi contenuti. - Dopo l esecuzione di un piercing, la cute interessata presenta una naturale reazione infiammatoria che, di regola, si protrae per alcune settimane. La durata di tale reazione infiammatoria è variabile a seconda della parte anatomica perforata. Durante questo periodo di tempo il cliente ha il dovere di proteggere la parte anatomica perforata da stimoli fisici (quali ad esempio l esposizione al sole, a lampade abbronzanti, sfregamento con abiti, ecc.), curando con particolare attenzione la pulizia personale soprattutto della zona interessata.

Linee Guida per l'igiene di Parrucchieri e Barbieri. 16/05/05 Luca Ricci - Az. USL 2 Lucca U.O. Igiene e Sanità Pubblica

Linee Guida per l'igiene di Parrucchieri e Barbieri. 16/05/05 Luca Ricci - Az. USL 2 Lucca U.O. Igiene e Sanità Pubblica Linee Guida per l'igiene di Parrucchieri e Barbieri 1 Introduzione Le infezioni possono trasmettersi: per contatto diretto operatore/cliente (e viceversa) per contatto indiretto con gli strumenti, le attrezzature

Dettagli

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI S.C. Prevenzione Rischio Infettivo IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI BIONIL GRANULI Sodio Dicloro-isocianurato Panno assorbente monouso Guanti monouso

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica. Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta

Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica. Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta Tatuaggi, piercing e trucco permanente Quali sono i riferimenti normativi riguardanti

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

DIVISIONE CONVIVENZE

DIVISIONE CONVIVENZE SISTEMA DI SANIFICAZIONE STOVIGLIE l) ammollo igienizzante; 2) detersione meccanica o manuale; 3) asciugatura meccanica o manuale con carta monouso o per naturale vaporazione. KEY 01 KEY 02 indicato per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING. CITTA' di GARDONE VAL TROMPIA (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING. Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466 OGGETTO: REQUISITI ORGANIZZATIVI GENERALI STUDIO DENTISTICO MODALITA DI PULIZIA, LAVAGGIO, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DI TUTTI GLI STRUMENTI ED ACCESSORI OGNI PAZIENTE E DA CONSIDERARE POTENZIALMENTE

Dettagli

REQUISITI IGIENICO-SANITARI DEI LOCALI

REQUISITI IGIENICO-SANITARI DEI LOCALI Linee-guida Ministero della Sanità in tema di tatuaggio e piercing. Adempimenti da seguire in ambito regionale riguardanti misure preventive di tutela della salute in connessione alle attività di tatuaggio

Dettagli

Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1

Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1 Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1 Allegato al regolamento comunale per le attività di acconciatore, estetista, tatuaggio e piercing CAP.1 - CARATTERISTICHE DEI LOCALI DIMENSIONE

Dettagli

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI A. Cosa dice la Legge? Articolo della DGR 464/2007 E opportuno che gli ambienti destinati a 1. sala d attesa 2.

Dettagli

Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1

Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1 Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1 Ai sensi dell art.15 del regolamento comunale per le attività di acconciatore, estetista, tatuaggio e piercing CAP.1 - CARATTERISTICHE DEI LOCALI

Dettagli

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE RISCHIO BIOLOGICO Gestione Aziendale di caso di influenza da virus A/H1N1 percorso di biosicurezza PIACENZA 4 16 Settembre 2009 U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D.Lgs 81/08 Titolo X DIRETTORE

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo

adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo PREVENZIONE PROTEZIONE individuazione ed eliminazione dei pericoli alla fonte adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo 2 NORME GENERALI DI

Dettagli

Igiene e Prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali IL LAVAGGIO DELLE MANI

Igiene e Prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali IL LAVAGGIO DELLE MANI Igiene e Prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali IL LAVAGGIO DELLE MANI Le infezioni nelle organizzazioni sanitarie Ospedali. Ambulatori medici. R.S.A. / Lunghe Degenze / Case

Dettagli

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v Cesena, 12 settembre 2009 Direzione Infermieristica e Tecnica Paola Ceccarelli PRECAUZIONI DA ADOTTARE Popolazione: misure

Dettagli

REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING

REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI MINIMI DEI LOCALI I locali nei quali sono eseguite le attività di tatuaggio e di piercing devono essere in possesso

Dettagli

Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1

Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1 ALLEGATO 4 Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1 CAP.1 - CARATTERISTICHE DEI LOCALI Requisiti dell'unità immobiliare Attività di tatuatore/ piercing può essere esercitata in locali

Dettagli

LAVAGGIO DELLE MANI 1

LAVAGGIO DELLE MANI 1 LAVAGGIO DELLE MANI 1 Piccoli cenni storici Per secoli il lavaggio delle mani con acqua e sapone è stato considerato una misura di igiene personale, mentre la connessione con la trasmissione delle malattie

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 6932 DEL 27 APRILE 2004. Linee Guida per l'esercizio delle attività di tatuaggio e/o peircing

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 6932 DEL 27 APRILE 2004. Linee Guida per l'esercizio delle attività di tatuaggio e/o peircing DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 6932 DEL 27 APRILE 2004 Oggetto: Linee Guida per l'esercizio delle attività di tatuaggio e/o peircing IL DIRETTORE GENERALE VISTE le Linee Guida del Ministero della

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica sede di

Corso di Laurea in Infermieristica sede di Corso di Laurea in Infermieristica sede di ABILITA PRATICHE( SKILLS ) Igiene delle mani: lavaggio sociale Fasi e sequenza operativa Corretto Non IRR Materiale occorrente: detergente in flacone con dispenser,

Dettagli

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO Manuale di informazione per i Collaboratori Scolastici delle Istituzioni scolastiche statali impegnati nelle operazioni di assistenza agli alunni portatori

Dettagli

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO 1 Criteri generali Per quanto sia stato ampiamente dimostrato che le superfici ambientali sono, di per sé, difficilmente responsabili della trasmissione

Dettagli

Informativa sull influenza A/H1N1

Informativa sull influenza A/H1N1 Informativa sull influenza A/H1N1 Indicazioni per il personale aziendale per ridurre il rischio di diffusione della malattia Indicazioni per i Responsabili di Sede per ridurre il rischio di diffusione

Dettagli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli Protocollo di pulizia per l'asilo Nido II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli standard che dovranno essere rispettati al fine di assicurare l'adeguata pulizia dell'asilo

Dettagli

Studio Odontoiatrico Dott.Guido Gandini Via Zuretti,47/ B 20125 Milano Tel. 02 6686436 Milano,01/09/2010

Studio Odontoiatrico Dott.Guido Gandini Via Zuretti,47/ B 20125 Milano Tel. 02 6686436 Milano,01/09/2010 Studio Odontoiatrico Dott.Guido Gandini Via Zuretti,47/ B 20125 Milano Tel. 02 6686436 Milano,01/09/2010 OGGETTO: REQUISITI ORGANIZZATIVI GENERALI : OGPRO07/d MODALITA DI PULIZIA, LAVAGGIO, DISINFEZIONE

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

sommario DECRETA ALLEGATO 1 LINEE-GUIDA PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI TA- TUAGGIO E/O PIERCING DDG SAN (3) 6932_04.doc Pag: 1

sommario DECRETA ALLEGATO 1 LINEE-GUIDA PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI TA- TUAGGIO E/O PIERCING DDG SAN (3) 6932_04.doc Pag: 1 DDG SAN (3) 6932_04.doc Pag: 1 Decreto Direzione Generale Sanità Regione Lombardia N. 6932 del 27.04.2004 Oggetto: Linee Guida per l'esercizio delle Attività di Tatuaggio e/o Piercing sommario DECRETA

Dettagli

NOTIFICA DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO E DI PIERCING

NOTIFICA DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO E DI PIERCING ALLEGATO A) NOTIFICA DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO E DI PIERCING DATI IDENTIFICATIVI DELLA STRUTTURA Denominazione:.. Indirizzo:... Proprietà:. Responsabile: Orario di esercizio:. Data di inizio dell attività:../../

Dettagli

Ministero Della Salute Igiene Delle Mani

Ministero Della Salute Igiene Delle Mani Igiene Delle Mani 05/01/2007 (Livello 2) Ministero Della Salute Igiene Delle Mani I Cinque Momenti Fondamentali per l'igiene Delle Mani Come Frizionare le Mani con la Soluzione Alcolica Come Lavarsi le

Dettagli

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 I.T.I. OMAR GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 Procedure igienico sanitarie OTTOBRE 2009 REVISIONE 01 SOMMARIO La sindrome influenzale da virus A/H1N1 3 Misure di prevenzione 3 Come lavare

Dettagli

WHO GUIDELINES ON HAND HYGIENE IN HEALTH CARE: A SUMMARY FIRST GLOBAL PATIENT SAFETY CHALLENGE. CLEAN CARE IS SAFER CARE

WHO GUIDELINES ON HAND HYGIENE IN HEALTH CARE: A SUMMARY FIRST GLOBAL PATIENT SAFETY CHALLENGE. CLEAN CARE IS SAFER CARE WHO GUIDELINES ON HAND HYGIENE IN HEALTH CARE: A SUMMARY FIRST GLOBAL PATIENT SAFETY CHALLENGE. CLEAN CARE IS SAFER CARE LINEE-GUIDA OMS SULL IGIENE DELLE MANI NEI CONTESTI DI ASSISTENZA SANITARIA: VERSIONE

Dettagli

elenco prodotti detergenti Igienizzanti PRATIKA LAVAMANI Lavamani liquido pag 138 ROSè Lavamani liquido profumato pag 139

elenco prodotti detergenti Igienizzanti PRATIKA LAVAMANI Lavamani liquido pag 138 ROSè Lavamani liquido profumato pag 139 134 elenco prodotti detergenti PRATIKA LAVAMANI Lavamani liquido pag 138 ROSè Lavamani liquido profumato pag 139 LILLIMAN Lavamani delicato profumato pag 140 Igienizzanti LILLIGEN Lavamani igienizzante

Dettagli

Scheda informativa per l attività di acconciatore

Scheda informativa per l attività di acconciatore Scheda informativa per l attività di acconciatore Allegato al regolamento comunale per le attività di acconciatore, estetista, tatuaggio e piercing CAP.1 - CARATTERISTICHE DEI LOCALI DIMENSIONE LOCALI

Dettagli

Igiene del personale: Principi e comportamenti sui Punti Critici dell HACCP

Igiene del personale: Principi e comportamenti sui Punti Critici dell HACCP Igiene del personale: Principi e comportamenti sui Punti Critici dell HACCP UOC di Direttore Tecnico-Scientifico: LM Donini Dietisti: E Castellaneta, C Civale, P Ceccarelli, S Passaretti, A Gabriele HACCP

Dettagli

Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche. Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara

Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche. Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara Le Cullette termiche rappresentano l ambiente entro il quale il neonato a rischio trascorre un periodo

Dettagli

Scheda informativa per l attività di estetista e onicotecnico

Scheda informativa per l attività di estetista e onicotecnico Scheda informativa per l attività di estetista e onicotecnico Allegato al regolamento comunale per le attività di acconciatore, estetista, tatuaggio e piercing CAP.1 - CARATTERISTICHE DEI LOCALI DIMENSIONE

Dettagli

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE 1 Norme Generali Prodotti di Sanificazione RISPETTARE E AGGIORNARE IL PIANO DI SANIFICAZIONE IN MODO PERIODICO E OGNI VOLTA CHE INTERVENGONO DEI CAMBIAMENTI (indicare

Dettagli

Manutenzione perfetta per una lunga durata del vostro apparecchio acustico

Manutenzione perfetta per una lunga durata del vostro apparecchio acustico Manutenzione perfetta per una lunga durata del vostro apparecchio acustico Come asciugare correttamente l apparecchio acustico L umidità costituisce una minaccia per la delicata tecnologia degli apparecchi

Dettagli

Lista di controllo La protezione della pelle nell industria alimentare e nei servizi di ristorazione collettiva e catering

Lista di controllo La protezione della pelle nell industria alimentare e nei servizi di ristorazione collettiva e catering Sicurezza realizzabile Lista di controllo La protezione della pelle nell industria alimentare e nei servizi di ristorazione collettiva e catering Potete affermare che nella vostra azienda si presta sufficiente

Dettagli

Decontaminazione alcolica delle mani

Decontaminazione alcolica delle mani E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA Decontaminazione alcolica delle mani PREPARATO VERIFICATO APPROVATO ARCHIVIATO Nadia Cenderello Paola Fabbri Carla Fraguglia Mauro Nelli Ufficio Qualità Servizio Prevenzione

Dettagli

Ci sono differenze tra il trucco permanente ed i tatuaggi che normalmente si fanno sul resto del corpo?

Ci sono differenze tra il trucco permanente ed i tatuaggi che normalmente si fanno sul resto del corpo? Cos è il trucco permanente? Il trucco permanente (o semi permanente o micro pigmentazione) indica un tatuaggio eseguito a livello del derma superficiale con pigmenti e attrezzature specifici. Essendo un

Dettagli

SITUAZIONE MATERIALI DA DISINFETTARE PROCEDURE

SITUAZIONE MATERIALI DA DISINFETTARE PROCEDURE Il 5 luglio scorso l Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato contenuta in tutto il mondo l epidemia di SARS. Ciononostante occorre mantenere alta la vigilanza globale. A questo proposito

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DALLE ATTIVITA DI TATUAGGIO E PIERCING

LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DALLE ATTIVITA DI TATUAGGIO E PIERCING REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Dipartimento di Prevenzione Via Chiusaforte, 2-33100 UDINE Linee guida adottate da Azienda Servizi Sanitari n. 3 -

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE Dott. Mauro Verna Direttore Servizio Igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione A.S.U.R. Zona Territoriale 7 Ancona Dott.

Dettagli

Operazioni di igiene e manutenzione

Operazioni di igiene e manutenzione OPERAZIONI DI IGIENE Operazioni di igiene dei visi del manichino Laerdal Si consiglia di fornire un singolo viso del manichino a ciascuno studente per eliminare la necessità di decontaminazione tra uno

Dettagli

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI Casa di Cura Villa delle Querce LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI PREMESSA Le pulizie e la sanificazione degli ambienti sanitari rivestono un ruolo importante non solo per il significato

Dettagli

L.R. 7/2012, art. 10 B.U.R. 23/4/2014, n. 17. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 14 aprile 2014, n. 064/Pres.

L.R. 7/2012, art. 10 B.U.R. 23/4/2014, n. 17. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 14 aprile 2014, n. 064/Pres. L.R. 7/2012, art. 10 B.U.R. 23/4/2014, n. 17 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 14 aprile 2014, n. 064/Pres. Regolamento recante la disciplina di attuazione della legge regionale 12 aprile 2012, n. 7

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Il presente documento descrive le procedure per la pulizia e sanificazione ambientale dell Azienda Ospedaliera. Le imprese concorrenti potranno

Dettagli

Linee-guida per l igiene delle mani nei contesti di assistenza sanitaria

Linee-guida per l igiene delle mani nei contesti di assistenza sanitaria ALLEGATO 3 CDC (Centers for Disease Control and Prevention) Guideline for hand hygiene in health care settings in MMWR (Morbidity and Mortality Weekly Report Ottobre 25, 2002 / Vol. 51 / no RR-16) Linee-guida

Dettagli

Scopri i prodotti LG che ti offrono: PIÙ IGIENE E PIÙ SALUTE PER LA FAMIGLIA

Scopri i prodotti LG che ti offrono: PIÙ IGIENE E PIÙ SALUTE PER LA FAMIGLIA Scopri i prodotti LG che ti offrono: PIÙ IGIENE E PIÙ SALUTE PER LA FAMIGLIA LG: PIÙ IGIENE E PIÙ SALUTE PER LA TUA FAMIGLIA ASPIRAPOLVERE KOMPRESSOR LAVABIANCHERIA DIRECT DRIVE A VAPORE Da sempre LG è

Dettagli

IGIENE E PREVENZIONE NELL'ASSISTENZA AI PAZIENTI PRECAUZIONI STANDARD

IGIENE E PREVENZIONE NELL'ASSISTENZA AI PAZIENTI PRECAUZIONI STANDARD IGIENE E PREVENZIONE NELL'ASSISTENZA AI PAZIENTI a cura del Servizio di Prevenzione e Protezione dell'università Statale di Padova PRECAUZIONI STANDARD A chi si applicano: Le Precauzioni Standard si applicano

Dettagli

Scheda informativa per l attività di acconciatore

Scheda informativa per l attività di acconciatore Scheda informativa per l attività di acconciatore CAP.1 - CARATTERISTICHE DEI LOCALI Requisiti dell'unità immobiliare Attività di acconciatore esercitata in unità immobiliari di dimensioni minime corrispondenti

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

Sono di importanza fondamentale:

Sono di importanza fondamentale: La Pandemia influenzale H1N1 2009 Misure di protezione per operatori sanitari Paola Bertoli - Resp. Servizio Prevenzione Protezione Azienda USL di Parma Sono di importanza fondamentale: 1) Per tutta la

Dettagli

Scheda informativa per l attività di acconciatore

Scheda informativa per l attività di acconciatore Scheda informativa per l attività di acconciatore CAP.1 - CARATTERISTICHE DEI LOCALI Requisiti dell'unità immobiliare Attività di acconciatore esercitata in unità immobiliari di dimensioni minime corrispondenti

Dettagli

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEFINIZIONI Per pulizia si intende la rimozione meccanica dello sporco da superfici ed oggetti. Di norma viene eseguita con l impiego di acqua e detergenti diluiti

Dettagli

Scheda informativa del modulo B31

Scheda informativa del modulo B31 IN QUALI CASI PUOI UTILIZZARE QUESTO MODULO? Per le ditte che eseguono tatuaggi e applicano piercing nonché esecuzione di trucco permanente e semipermanente. Il modulo si utilizza per ogni caso di: Nuova

Dettagli

REQUISITI MINIMI SPECIFICI SALA AUTOPTICA

REQUISITI MINIMI SPECIFICI SALA AUTOPTICA Allegato n. 6 alla Delib.G.R. n. 47/15 del 29.9.2015 REQUISITI MINIMI SPECIFICI SALA AUTOPTICA Scheda È la struttura dove si esegue il riscontro autoptico, ovvero una serie di procedure volte alla identificazione

Dettagli

IP.DS.22 ISTRUZIONE OPERATIVA DI PRESIDIO OSPEDALIERO PER LA CORRETTA PULIZIA E SANIFICAZIONE DELLA VASCA PER IL TRAVAGLIO ED IL PARTO IN ACQUA.

IP.DS.22 ISTRUZIONE OPERATIVA DI PRESIDIO OSPEDALIERO PER LA CORRETTA PULIZIA E SANIFICAZIONE DELLA VASCA PER IL TRAVAGLIO ED IL PARTO IN ACQUA. Pagina 1 di 13 ISTRUZIONE OPERATIVA DI PRESIDIO OSPEDALIERO PER LA CORRETTA PULIZIA E SANIFICAZIONE DELLA VASCA PER IL TRAVAGLIO ED IL PARTO IN ACQUA. REV. DATA AUTORIZZAZIONI REDATTO VERIFICATO APPROVATO

Dettagli

Scheda informativa per l attività di estetica e onicotecnico

Scheda informativa per l attività di estetica e onicotecnico ALLEGATO 3 Scheda informativa per l attività di estetica e onicotecnico CAP.1 - CARATTERISTICHE DEI LOCALI Requisiti dell'unità immobiliare Attività di estetista (compresa l'attività di onicotecnico) può

Dettagli

Scheda informativa per l attività di estetica e onicotecnico

Scheda informativa per l attività di estetica e onicotecnico Scheda informativa per l attività di estetica e onicotecnico CAP.1 - CARATTERISTICHE DEI LOCALI Requisiti dell'unità immobiliare Attività di estetista (compresa l'attività di onicotecnico) può essere esercitata

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI TRASMISSIBILI PER VIA AEREA E PER CONTATTO

NORME DI COMPORTAMENTO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI TRASMISSIBILI PER VIA AEREA E PER CONTATTO Azienda ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi C a t a n i a Direttore Generale: Dr. A. Pellicanò NORME DI COMPORTAMENTO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI TRASMISSIBILI PER

Dettagli

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Intervento a cura di: Dario Signorelli -Dipartimento di Prevenzione Medica SC Alimenti e Nutrizione ASL Milano Milano, 3 maggio 2012 1 servizio

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 11 del 09 gennaio 2013 pag. 1/9

ALLEGATOA alla Dgr n. 11 del 09 gennaio 2013 pag. 1/9 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 11 del 09 gennaio 2013 pag. 1/9 Nuovi indirizzi regionali per tutelare la salute della popolazione in connessione alle attività di tatuaggio e piercing.

Dettagli

PULIZIA E DISINFEZIONE

PULIZIA E DISINFEZIONE Regione Piemonte - Direzione Sanità Pubblica PULIZIA E DISINFEZIONE 1 riduzione della contaminazione batterica OBIETTIVI eliminazione completa dei germi patogeni Un corretto sistema di pulizia si articola

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA..

LAVORARE IN SICUREZZA.. LAVORARE IN SICUREZZA.. Non è un concetto assoluto. è la modalità per gestire il rischio: > conoscendolo > prevenendolo > intervenendo prontamente, quando capita l incidente E NECESSARIO AVERE UN METODO,

Dettagli

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione Servizio pulizie - ALLEGATO N 2 Pagina 1 di 6 PULIZIA GIORNALIERA AREE AD ALTO RISCHIO 1 Servizi

Dettagli

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PULIZIE Pag. 1/7 Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado INDICE 1. SCOPO... 2 2.

Dettagli

Istruzioni operative. Esercizio delle attività di Acconciatore Estetista

Istruzioni operative. Esercizio delle attività di Acconciatore Estetista Esercizio delle attività di Acconciatore Estetista Istruzioni operative PREMESSA: Le seguenti istruzioni operative sono riferite esclusivamente ad attività di acconciatore ed estetista. Per le attività

Dettagli

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA Introduzione La qualità dell acciaio utilizzato nella costruzione delle attrezzature per le cucine professionali è

Dettagli

REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE (PROVINCIA DI BOLZANO) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE (PROVINCIA DI BOLZANO) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE (PROVINCIA DI BOLZANO) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 13 giugno 2007, n. 37 Regolamento sull'esecuzione di tatuaggi e piercing in condizioni di sicurezza. (GU n. 28

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

Esercizio delle attività di Acconciatore Estetista Tatuaggio e Piercing. Istruzioni operative

Esercizio delle attività di Acconciatore Estetista Tatuaggio e Piercing. Istruzioni operative Esercizio delle attività di Acconciatore Estetista Tatuaggio e Piercing Istruzioni operative Conduzione igienica dell attività di Acconciatore ed Estetista Il titolare dell'autorizzazione è responsabile

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E LA CURA DELLA SCABBIA

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E LA CURA DELLA SCABBIA PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E LA CURA DELLA SCABBIA GENERALITA La scabbia è una delle affezioni dermatologiche di più frequente riscontro, soprattutto nelle comunità in genere. Tale affezione è causata

Dettagli

ATTIVITÀ DI ESTETISTA E ACCONCIATORE. Norme igienico sanitarie

ATTIVITÀ DI ESTETISTA E ACCONCIATORE. Norme igienico sanitarie Allegato A ATTIVITÀ DI ESTETISTA E ACCONCIATORE Norme igienico sanitarie Articolo 1 Accertamenti igienico sanitari 1. L'accertamento dei requisiti igienico - sanitari dei locali, delle suppellettili, delle

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

l applicazione della disciplina regionale delle attività

l applicazione della disciplina regionale delle attività 14 7.6.2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 21 i) le condizioni inerenti l attività di macellazione di animali allevati in azienda e utilizzati per l attività agrituristica di somministrazione

Dettagli

ALLEGATO 4: PIERCING E TATOO

ALLEGATO 4: PIERCING E TATOO ALLEGATO 4: PIERCING E TATOO REQUISITI GENERALI PER STRUTTURE DA ADIBIRE AD ATTIVITA di ESECUZIONE di TATUAGGI E di PIERCING PREMESSA Per esercitare l attività di esecuzione di tatuaggi e/o piercing al

Dettagli

MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA MUGNANO - MODENA (Tel. 059/586511 - Fax 059/460133)

MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA MUGNANO - MODENA (Tel. 059/586511 - Fax 059/460133) S C A M S.r.l. Pag. 1 di 5 SCHEDA DI SICUREZZA 1. Denominazione della sostanza/preparato e della Ditta (Registr. n. 11624 del 11/03/2003) MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA

Dettagli

PIANO DI SANIFICAZIONE

PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO E PIANO DI SANIFICAZIONE Data: Aprile 14 Il Documento è composto di n 07 pagine pag.1di pag totali.7 Piano di sanificazione - Cucina Centralizzata, Cucina dell asilo nido e Locali refettori nelle

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE SOCIALI DI TUTELA, LEGALITA', PRATICA SPORTIVA E SICUREZZA URBANA. PROGETTI INTEGRATI STRATEGICI

Dettagli

Protezione delle mani e istruzioni per l uso di guanti

Protezione delle mani e istruzioni per l uso di guanti Protezione delle mani e istruzioni per l uso di guanti INTRODUZIONE I prodotti chimici possono essere usati in modo sicuro se l utilizzatore identifica tutti i pericoli possibili e prende le dovute precauzioni

Dettagli

La formazione professionale. Tatuaggi & piercing: verso un comportamento consapevole Montecchio Precalcino (VI) 12 dicembre 2012

La formazione professionale. Tatuaggi & piercing: verso un comportamento consapevole Montecchio Precalcino (VI) 12 dicembre 2012 La formazione professionale Tatuaggi & piercing: verso un comportamento consapevole Montecchio Precalcino (VI) 12 dicembre 2012 Le dimensioni del fenomeno Tatuaggio Piercing Adolescenti 2002 2011 2011

Dettagli

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 2. FASE DI LAVORAZIONE: Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 3. CODICE INAIL: 4. FATTORE DI RISCHIO:

Dettagli

SUPPLEMENTO SPECIALE DEL BOLLETTINO UFFICIALE

SUPPLEMENTO SPECIALE DEL BOLLETTINO UFFICIALE SUPPLEMENTO SPECIALE DEL BOLLETTINO UFFICIALE PER LA CONSULTAZIONE DELLA SOCIETÀ REGIONALE Iniziative legislative, regolamentari, amministrative di rilevante importanza Pubblicazione ai sensi dell'articolo

Dettagli

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Progetto Formativo Aziendale RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI LA DECONTAMINAZIONE DEGLI AMBIENTI CRITICI E LA GESTIONE DEI MATERIALI CONTAMINATI IN REPARTO: PROTOCOLLI

Dettagli

TESTO UNICO REGOLAMENTO COMUNALE per le ATTIVITA ESTETICHE (attività di acconciatore, estetica, tatuaggio, piercing).

TESTO UNICO REGOLAMENTO COMUNALE per le ATTIVITA ESTETICHE (attività di acconciatore, estetica, tatuaggio, piercing). TESTO UNICO REGOLAMENTO COMUNALE per le ATTIVITA ESTETICHE (attività di acconciatore, estetica, tatuaggio, piercing). Approvato con deliberazione C.C. n. 33 del 30 marzo 2009 INDICE Art. 1 - Oggetto ed

Dettagli

REGIONE TOSCANA BALDI SIMONETTA. Il Dirigente Responsabile: Proposta N 2013AD002383

REGIONE TOSCANA BALDI SIMONETTA. Il Dirigente Responsabile: Proposta N 2013AD002383 REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO INDUSTRIA, ARTIGIANATO, INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE POLITICHE ORIZZONTALI DI

Dettagli

KPC Le domande piùfrequenti. Cristina Disconzi Infermiera Controllo Infezioni Correlate Assistenza

KPC Le domande piùfrequenti. Cristina Disconzi Infermiera Controllo Infezioni Correlate Assistenza KPC Le domande piùfrequenti Cristina Disconzi Infermiera Controllo Infezioni Correlate Assistenza Perchédobbiamo adottare le misure di controllo? A parità di criticità aumento mortalità Lasciano poche

Dettagli

PROCEDURA per la corretta pulizia e disinfestazione degli ambienti scolastici

PROCEDURA per la corretta pulizia e disinfestazione degli ambienti scolastici Lice o classico Stellini Udine PROCEDURA per la corretta pulizia e disinfestazione degli ambienti scolastici OGGETTO: PROCEDURE PULIZIE LOCALI DATA: 01/09/2013 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Giuseppe Santoro

Dettagli

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 51 del 18.12.2013 CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI REGIONE TOSCANA Direzione Generale Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze

Dettagli

7.7. FASE 7 - Lavaggio e pulizia attrezzi ed utensili (manuale e con macchine)

7.7. FASE 7 - Lavaggio e pulizia attrezzi ed utensili (manuale e con macchine) 7.7. FASE 7 - Lavaggio e pulizia attrezzi ed utensili (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 2. FASE DI LAVORAZIONE: Lavaggio e pulizia attrezzi ed utensili (manuale e con macchine) 3. CODICE

Dettagli

Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature

Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature COMUNE DI CASTELNUOVO SCRIVIA Provincia di Alessandria SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Allegato N. 5 Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature 1 1 DEFINIZIONE DELLE

Dettagli

Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C!

Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C! Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C! L Epatite C può essere trasmessa attraverso: L uso comune di aghi e siringhe L uso comune di filtri, cucchiai e acqua al momento del consumo di droghe

Dettagli

Maintenance and Guarantee

Maintenance and Guarantee Please keep for future cleaning advice. Maintenance and Guarantee Pflege - vedlikehold - entretien - onderhoud - manutenzione Cura e manutenzione Per garantire una lunga durata degli arredi, seguire le

Dettagli

Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)

Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) 1) Se si verificano incidenti che possono provocare la dispersione di un agente biologico appartenente ai gruppi 2, 3 o 4, i lavoratori debbono abbandonare

Dettagli

[PRECAUZIONI STANDARD E IGIENE AMBIENTALE]

[PRECAUZIONI STANDARD E IGIENE AMBIENTALE] Corso di formazione per ausiliari di assistenza Maggio 2016 [PRECAUZIONI STANDARD E IGIENE AMBIENTALE] [Docente: Monica Pedrotti] PRECAUZIONI STANDARD (PS) In ambito sanitario, per precauzioni standard

Dettagli