Pianificazione e gestione dei progetti Tecniche reticolari e PERT

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pianificazione e gestione dei progetti Tecniche reticolari e PERT"

Transcript

1 Pianificazione e gestione dei progetti Tecniche reticolari e PERT. Pianificazione e gestione di progetti Nella progettazione ed esecuzione di progetti complessi, progetti cioè che coinvolgono numerose attività da definire e coordinare, è necessario predisporre in anticipo schemi operativi in modo che il tempo necessario per completare l intero progetto possa venire convenientemente delimitato e che l impiego delle risorse risulti uniforme ed economico. Il fattore tempo è di importanza fondamentale, perché ogni fase implica costi e investimenti spesso considerevoli: mentre da un lato è opportuno non dilazionare troppo i lavori contemplati, per non rischiare di compromettere il completamento in tempo utile o di dover ricorrere a prestazioni straordinarie delle risorse, d altro canto un anticipo eccessivo può avere effetti negativi sulla gestione complessiva e nell organizzazione finanziaria. La ricerca e il mantenimento di questo equilibrio è il compito principale della gestione del progetto o project management. Facilmente, però, i progetti, e perciò anche i rapporti tra le attività necessari per realizzarli, raggiungono una complessità tale da sfuggire a valutazioni immediate, e le previsioni basate unicamente sull intuito risultano spesso poco affidabili. Si è quindi sentita l esigenza di poter disporre di tecniche razionali ed efficienti, in grado di aiutare il decisore, o project manager, in questa opera di programmazione. Il PERT in particolare è un utile strumento per la pianificazione e il controllo dei progetti: vengono evidenziate le diverse fasi, individuate le reciproche influenze e la loro localizzazione temporale. In altre parole, si richiede l analisi del progetto orientata alla sua suddivisione in fasi la determinazione dei vincoli di precedenza fra le varie fasi la determinazione della durata di ogni fase.. Fasi e ciclo di vita di un progetto Si può definire un progetto come un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio. Un team di progetto si costituisce per realizzare una specifica missione, spesso mai realizzata prima, e questo mandato ha una (più o meno esplicita) scadenza temporale. La scadenza temporale entro cui il progetto deve essere realizzato può essere un vincolo stretto (si pensi ad esempio ai progetti relativi alla conversione dei sistemi

2 contabili delle banche con il passaggio all Euro), oppure essere più flessibile, con tempi indicativi di realizzo (come ad esempio nella costruzione di un gruppo di palazzi). In entrambi i casi, è chiaro che il progetto ha un obiettivo ben preciso, e che una volta realizzato, il progetto termina. Il progetto deve poter essere suddiviso in fasi, a loro volta divisibili in attività elementari, gli oggetti elementari delle procedure che si prenderanno in considerazione. Ovviamente, cosa sia da considerarsi elementare o no dipende dal contesto; Comunque, tutto il ciclo di vita del progetto è sostanzialmente volto a definire, pianificare, eseguire e controllare (in una sola parola, gestire) lo svolgimento di tutte le attività. Il progetto va trattato come un sistema integrato, in cui le attività elementari interagiscono tra loro. La non buona riuscita di una sola attività può avere un effetto a cascata sulle attività successive in senso temporale e portare al fallimento dell intero progetto. Non esistono regole fisse per specificare il numero, la durata e il livello di dettaglio della varie fasi. E possibile affermare che, in linea di massima, il numero tipico è 4-, ma si può arrivare anche a molte di più o, nei casi più semplici, a fasi uniche. In genere, comunque, il passaggio da una fase a una successiva è abbastanza marcato, per cui gli strumenti di pianificazione che verranno analizzati vanno sostanzialmente pensati per ciascuna fase, o almeno, per quella o quelle centrali nello sviluppo del progetto. Nel campo dell edilizia, ad esempio, ma non solo, possiamo citare un tipico progetto diviso in quattro fasi: Fattibilità: formulazione del progetto, studio di fattibilità. Al termine di questa fase si valuta se procedere oppure no. Pianificazione: definizione di massima di tempi, costi, condizioni di contratto, scadenze, permessi, concessioni. E in questa fase che la tecnica della gestione dei progetti trova il suo utilizzo sostanziale Costruzione: è la fase centrale e operativa del progetto, che termina con la realizzazione del prodotto. Collaudo: collaudo e finitura. La fase si conclude con la consegna del prodotto. E infine da sottolineare che generalmente le risorse (monetarie, di personale, tecniche, ecc..) a disposizione del project manager sono limitate, quindi la razionalizzazione del processo di gestione non è opzionale, ma bensì assolutamente necessaria.. Pianificazione dell ambito del progetto (Scope Planning): WBS

3 La pianificazione dell ambito del progetto consiste nel definire in dettaglio tutto ciò che deve e non deve far parte della missione del progetto. Tale descrizione implica sostanzialmente di segmentare il progetto in un certo numero di attività elementari. In genere, si considera elementare un attività che, ai fini del progetto, non richieda di essere specificata in modo più dettagliato. Ad esempio, si consideri un progetto consistente nella creazione di una cooperativa di servizi. Una delle attività iniziali può essere, ad esempio, richiesta di permessi o di iscrizione all albo.. Per passare dall oggetto finale di un progetto alla specifica in termini di attività si utilizza un procedimento top down il cui risultato è la cosiddetta Work Breakdown Structure (WBS o WBDS). Si parte dal livello più alto suddividendo l attività complessiva in alcune macro-attività; ciascuna di queste viene poi ulteriormente divisa in un certo numero di attività componenti, la divisione di queste componenti in altre sotto-componenti, etc e così via fino al livello di dettaglio desiderato. A ogni livello si riduce il valore monetario e la complessità delle attività, fino a raggiungere una dimensione gestibile per la pianificazione e il controllo. Il numero di livelli di una WBS dipende dal tipo di progetto e da chi lo esegue. E importante, però, sottolineare che, per poter dire di essere giunti a identificare una attività elementare, è consigliabile poter associare a tale attività: Una persona o un gruppo di persone responsabili dell esecuzione dell attività Una stima della durata, o un range di possibili durate; Una stima dei costi, eventualmente in relazione alle durate; Un risultato tangibile, ossia l output dell attività. Tale oggetto può essere un oggetto fisico, (paratie, condutture, documenti scritti, ecc ) ma anche un permesso di costruzione, un autorizzazione, una procedura sotfware, ecc...) prende il nome di deliverable, ed è indispensabile per poter certificare l avvenuta esecuzione dell attività; Le relazioni che legano l attività alle altre, in termini di dipendenza/precedenza; Il fabbisogno di risorse richiesto. Segmentare un progetto è una delle fasi più rilevanti nel project management. Le ultime due voci caratterizzano l attività, ma non sono tipicamente espresse nella WBS, bensì dal processo di pianificazione temporale e di pianificazione dei costi rispettivamente

4 In pratica, mediante la WBS si specifica in dettaglio l evoluzione del progetto. La WBS assume quindi un importante valenza di riferimento, non solo perché specifica quello che va fatto, ma anche quello che non va fatto. Infatti, lo sforzo iniziale di preparazione della WBS, ottenuto da una concertazione e dall accordo del gruppo di progetto, serve a chiarire le idee, contribuisce alla discussione degli aspetti realizzativi della soluzione adottata e a condividere l obiettivo finale. Un compito tipico del project manager è quello di determinare quali attività occorre accelerare e, in che misura, per rientrare, ad esempio, nelle specifiche temporali del progetto. Le risorse limitate di cui si dispone sono in genere tempo e denaro. Non sono poi da trascurare i rischi connessi a possibili imprevisti.. Programmazione temporale delle attività e tecniche reticolari Una volta terminata la fase di pianificazione è possibile entrare nella fase di programmazione. La fase di programmazione consiste nella stima della durata di ogni attività; stima che può essere deterministica o probabilistica. La durata delle singole attività è infatti una variabile aleatoria, che va stimata tenendo presente le varie fonti di rischio (tecnico, gestionale, organizzativo, esterno). La pianificazione temporale è il cuore del project management. L input alla pianificazione temporale è rappresentato principalmente dalla WBS. Allo scopo occorre definire: Le relazioni di interdipendenza tra le attività elementari (vincoli di precedenza); La stima delle durate delle attività; La pianificazione della tempistica (schedule) del progetto. Mentre la definizione dei vincoli di precedenza non è un compito particolarmente complicato, la stima delle durate richiede più attenzione. A seconda dei casi, le durate delle attività possono essere considerate un informazione nota, o essere variabili aleatorie. Nei modelli deterministici si associa un dato certo a ciascuna attività. Se la varianza non è elevata, questo dato certo può ragionevolmente essere il valor medio. In questo capitolo, dopo la descrizione della tecnica per la rappresentazione reticolare di progetti nel caso deterministico, vedremo l applicazione del PERT nel caso probabilistico. 4

5 Per la rappresentazione delle attività e delle relazioni intercorrenti si utilizzano tecniche reticolari, basate sulla teoria dei grafi. Il progetto viene rappresentato mediante un grafo orientato i cui oggetti sono le attività ed i legami logici tra esse; deve esistere una attività di inizio ed un attività di fine, corrispondenti rispettivamente all'inizio e alle fine dei lavori. In Fig. è disegnata una possibile rappresentazione reticolare. Fig. Esempio di reticolo Un attività deve essere terminata prima che la successiva possa incominciare. Dato che tutte le attività hanno un evento iniziale ed uno finale, l evento finale dell attività precedente coincide con l evento iniziale dell attività seguente. La relazione di precedenza è transitiva ossia, se l attività A precede l attività B e B precede C, allora A precede C. Per semplificare la trattazione conviene che il grafo sia privo di circuiti. Una rete di attività è, dunque, un grafo orientato G = (V, A), in cui V contiene le attività del progetto e A i vincoli di precedenza. Esistono due possibili rappresentazioni di una rete di attività: Activity on arcs (AOA): gli archi rappresentano le attività mentre i nodi esprimono i vincoli di precedenza. In particolare, i nodi corrispondono ad eventi, quali il completamento di alcune attività (quelle corrispondenti ad archi entranti nel nodo) e l inizio di altre (quelle uscenti): l attività (i, j) non potrà iniziare prima che siano terminate le attività entranti nel nodo i, mentre nessuna attività uscente dal nodo j può iniziare prima che sia terminata (i, j) (e le altre attività entranti in j). L arco (u, v) rappresenta un attività, che può iniziare dopo che tutte le attività entranti in u sono terminate. Il nodo iniziale non ha predecessori (nodo sorgente) e il nodo finale non ha successori (nodo pozzo). Tutti gli altri nodi hanno almeno un predecessore e almeno un successore. Il grafo è semplice in quanto tra ogni coppia di eventi vi è al più una attività. Per poter costruire una rete AOA, associata a un insieme di attività e relative precedenze, rispettando le regole dette, talvolta è necessario aggiungere attività o eventi fittizi. Activity on nodes (AON): i nodi rappresentano le attività, gli archi rappresentano vincoli di precedenza: un arco da i e j indica che l attività j

6 non può iniziare prima che i sia terminata. In questa rappresentazione i nodi rappresentano le attività del progetto, mentre gli archi rappresentano le relazioni di precedenza tra le attività. Gli unici nodi fittizi che può essere necessario aggiungere sono quelli di inizio e fine progetto. Questa tra le due è forse la rappresentazione più semplice. Ad ogni attività a i (la i-esima con i=,, n) si associano due insiemi di attività: {P i }, i predecessori di a i, ossia le attività immediatamente precedenti ad a i {S i }, i successori di a i, ossia le attività immediatamente successive ad a i In AON i predecessori di a i sono i nodi collegati ad a i tramite un arco, di cui a i è il nodo entrante; i successori sono i nodi collegati ad a i tramite un arco, di cui a i è il nodo uscente. Occore ora stimare la durata di ciascuna attività. Con riferimento ad AOA, possiamo indicare questa durata con t(i,j), dove l attività si sviluppa tra l evento i e l evento j; mentre in AON, riferendosi all i-esima attività a i, la chiameremo d i. ESEMPIO - Rinascita culturale Progetto di realizzazione di una testata giornalistica di approfondimento culturale, a diffusione locale, dal titolo Rinascita Culturale. Si tratta di un iniziativa editoriale basata sulla volontà di pubblicare e diffondere sul mercato una testata giornalistica. Gli interventi verteranno sulla storia, le tradizioni, la lingua, il territorio, in generale la cultura del contesto di riferimento. Il bacino di utenza è ben determinato e definibile con i confini del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano (Provincia di Salerno). La periodicità sarà bimestrale; la semplice veste grafica (4 facciate A4) e il materiale qualificano la pubblicazione come essenziale. Dopo il necessario brainstorming, si è identificata la seguente WBS (durata in giorni) : Attività Precedenza Durata A Costituzione 4 associazione (inizio) B Registrazione A 4 associazione (ONLUS) C Costituzione Redazione B Descrizione dettagliata delle attività e della WBS disponibile presso gli Autori. Rinascita Culturale è un progetto del Dott. Francesco D Amato (si veda anche 6

7 D Gestione burocratica B 0 ONLUS E Individuazione C 4 Direttore F Registrazione testata B-E G Individuazione F articolisti H Richiesta - ottenimento F 0 contributi comunali I Richiesta - ottenimento F 0 altri contributi J Marchio e design I 0 K Pubblicità J L Merchandising J M Creazione sito web J N Web marketing M 0 O Predisposizione articoli G-H-I 40 P Rete per la gestione del O lavoro Q Tipografia J-P 0 R Rete di distribuzione H-I S Pubblicazione (fine) D-K-L-N- Q-R Esempio WBS del progetto Rinascita Culturale La rappresentazione AON (Fig. ) è dunque: Fig. AON del progetto Rinascita Culturale

8 mentre la rappresentazione AOA (Fig. ) è: Fig. AOA del progetto Rinascita Culturale. Attività al più presto, attività al più tardi e cammino critico Dopo l indicazione delle durate, per ogni a i andranno identificati i tempi in cui l attività potrà iniziare al più presto (Tm i ) e in cui potrà iniziare al più tardi (TM i ), senza con questo creare problemi di svolgimento all intero progetto. Tm i, detto anche tempo minimo ammissibile, rappresenta quella data in cui a i può essere al più presto iniziata, in funzione di ciò che le sta a monte e la precede ricollegandola all evento di inizio della rete. E però anche interessante conoscere, per ogni attività, qual è quella data in cui essa potrebbe essere al più tardi iniziata (TM i ), oppure completata, rispettando la condizione di non causare, così facendo, dei ritardi nella data finale del progetto. Ovviamente, per ogni attività, questa sua data sarà funzione di ciò che le sta a valle, cioè delle attività che la seguono concatenandola all attività finale, e naturalmente, anche della data calcolata o prefissata per quest ultima. TM i, detto anche tempo massimo ammissibile, è molto importante, perché un ritardo oltre questo tempo in una qualsiasi attività può provocare lo stesso ritardo alla conclusione. Si noti che nella prima e ultima attività il tempo minimo e il tempo massimo ammissibile devono essere tra loro uguali; questa condizione permette anche 8

9 il controllo della bontà della procedura di calcolo dei tempi minimi e massimi ammissibili. Sulla base dei propri predecessori e successori, per l i-esima attività si calcola Tm i e TM i secondo le seguenti relazioni ricorsive: Tm i Max ( Tm j Pi 0 = j + d j ) P i P i Φ, TM = Φ i min ( TM j Si Tm = i j d ) i S S i i Φ = Φ Per ogni attività, per il calcolo di Tm i si procede partendo dall inizio del progetto, mentre per il calcolo di TM i si procede partendo dalla fine. Definiamo inoltre lo slittamento o scarto Sc i come la differenza tra TM i e Tm i : Sc i = TM i - Tm i Questa differenza rappresenta lo slittamento temporale (o slack time) di cui può usufruire l attività; con slittamento si esprime quindi l intervallo di tempo entro i cui limiti si è liberi di far iniziare l attività in questione o di farla terminare, certi che ciò è compatibile con quanto procede, e che non saranno indotti ritardi nella data finale. Da ciò è possibile ricavare tutte le informazioni necessarie per l analisi e la gestione dell avanzamento del progetto. In particolare, in qualsiasi progetto alcune attività sono flessibili, relativamente alla loro data di inizio e fine; altre invece non lo sono. Queste ultime attività sono tali che se si ritarda una qualsiasi di esse si ritarderà l intero progetto. Queste attività sono quelle a scarto nullo. Le attività a scarto nullo sono dette critiche; un cammino che parte dall attività iniziale, si conclude all attività finale e i cui nodi sono tutti critici è detto cammino critico. C è sempre almeno un cammino critico in ogni progetto e, a volte, ve n è più di uno della medesima durata. Si può inoltre dimostrare che è il cammino di durata massima dell intero progetto. E molto importante controllare in modo diretto le attività critiche, dato che il ritardo di una qualsiasi di queste si traduce in un ritardo dell intero progetto. Inoltre, se vi è da ridurre la durata dell intero progetto, saranno da ridurre (sulla base di considerazioni di costo) proprio le attività critiche, perché una riduzione della altre non comporta alcuna variazione di durata. Per Rinascita Culturale sono calcolati i temi al più presto, al più tardi e gli scarti. Durata Tm i TM i Sc i A B C D

10 E F G 4 H I 0 0 J 0 0 K L 6 0 M N O 40 6 P Q R 60 S Le attività critiche sono dunque A, B, C, E, F, I, J, M, N, S, indicate in grassetto in Fig. 4 Fig.4 -Cammino critico per Rinascita culturale Il cammino critico è essenziale per lo scheduling e per l allocazione delle risorse perché il project manager può riprogrammare quegli eventi che non si trovano sul percorso critico per spalmarli su altri periodi in cui si può ottenere l utilizzo massimo delle risorse, purché il tempo del percorso critico non venga dilatato. La durata del cammino critico, inoltre, essendo il percorso di durata massima, dà l effettiva durata dell intero progetto, perché chiarisce quali sono le attività che possono procedere in parallelo. Infatti, nell Esempio Rinascita Culturale, anche se la somma delle durate (apparentemente la durata 0

11 del progetto) è 4 giorni, in realtà la vera durata, quella del cammino critico, è 9.. Diagrammi di Gantt Il diagramma di Gantt è una rappresentazione grafica delle attività dell intero progetto fatta su scala temporale. Sull'asse dei tempi (asse delle ascisse) si rappresentano i tempi mentre sull'asse delle ordinate si rappresentano le singole attività componenti il progetto, evidenziandone le date di inizio e fine. Si possono avere diagrammi di Gantt al più presto (associando ad ogni attività l istante di inizio al più presto e la durata) e al più tardi (associando ad ogni attività l istante di inizio al più tardi e la durata). E uno strumento di immediata lettura e sintetizza numerose informazioni circa il progetto: in particolare mostra quali sono le attività in atto per un dato intervallo. Non fa capire però se il completamento di un attività sia necessario o meno per l'inizio di un'altra. Si possono evidenziare con colore diverso le attività critiche per una più immediata lettura. In Fig. è rappresentato un diagramma di Gantt al più presto con attività critiche in rosso. Il PERT Fig. Diagramma di Gantt al più presto con attività critiche in rosso Pert (Project Evaluation Review Technique) è uno strumento di pianificazione e controllo. In molti casi non si può stabilire con precisione la data esatta di fine di un lavoro, ma si può cercare di stabilire il tempo più probabile nel quale il lavoro può finire, secondo le esperienze precedenti e la disponibilità delle risorse. Vi sono infatti spesso degli imprevisti che possono ritardare o accelerare la data di compimento delle attività. Questo sistema consiste nel domandare al responsabile del lavoro, per ogni attività, tre tempi: la durata più probabile (m) la durata ottimistica (a) la durata pessimistica (b)

12 La durata più probabile è l intervallo di tempo più verosimile nel quale l attività può compiersi e il cui risultato si ottiene con maggior frequenza quando si ripete l attività molte volte nelle stesse condizioni. La durata ottimistica è il tempo minimo che si richiede per terminare l attività in condizioni favorevoli. La durata pessimistica è la durata massima che può essere richiesta per l attività in condizioni sfavorevoli, per esempio, per un avaria nelle macchine, per una mancanza di energia elettrica, una malattia del personale o un ritardo nella consegna delle materie prime, etc Una volta ottenute le tre stime di tempo si calcola la durata media (µ) µ = a + 4m + b 6 Se la durata è certa (caso deterministico), a=m=b e l attività si concluderà nella data fissata con probabilità. La durata dell attività è tuttavia più realisticamente una variabile aleatoria che segue una distribuzione di probabilità. Generalmente si assume che la distribuzione di probabilità appartenga alla famiglia Beta, una famiglia di distribuzioni dipendenti da due parametri positivi, h e k, che dall applicazione a progetti reali sembra la più adatta allo studio di questi fenomeni. La funzione densità Beta è h k f ( x; h, k) = ( x a) ( b x) h > 0, k > 0, a x b b h k ( x a) ( b x) dx a A seconda dei valori che la coppia h,k può assumere si avranno diverse forme. Quando la media µ coincide con il valore più probabile m (la moda), la distribuzione è simmetrica (caso h=k), ed è a + b = µ. Negli altri casi vi sarà asimmetria negativa (h>k) o positiva (h<k) e sarà rispettivamente m>µ e m<µ.. La varianza della distribuzione è b a σ. = Un valore alto della varianza indica che vi è incertezza rispetto al periodo di tempo nel quale l attività potrà essere realizzata. Questo succede quando la durata ottimistica a e quella pessimistica b sono fra loro molto distanziate. Consideriamo ad esempio le seguenti tre attività: 6

13 ATTIVITA a m b µ σ Distribuzione Α, Asimmetrica negativa Β Simmetrica C Unica stima Nel caso della distribuzione simmetrica, la durata media coincide con la più probabile per l attività B. Nel caso deterministico tutti i valori coincidono e la varianza è 0. Stima della probabilità che la durata totale del progetto sia quella prevista Per ciascuna attività, date le tre stime di tempo, se ne calcola la durata media e la varianza. Si vuole ora valutare la durata totale del progetto, un informazione più importante e interessante rispetto alla durata delle singole attività. Si può anche valutare il rischio di non rispettare una durata fissata preventivamente dal project manager, tanto nel senso di anticiparne, quanto in quello di ritardarne la fine. Ricordando che il cammino critico risulta essere quel cammino formato dalle attività critiche, ovvero il cammino più lungo dell intero progetto, per riuscire a calcolare la durata totale del progetto si sommeranno tutte la durate delle attività critiche, ossia: N D C = D i i= dove D i, (i=,,, N) sono le durate (aleatorie) delle attività critiche. La durata media sarà µ C N i i= = µ

14 dove µ i, (i=,,, N) sono le durate (aleatorie) delle attività critiche. Se le attività sono tra loro indipendenti, la varianza totale del progetto sarà data dalla somma delle varianze σ² i (i=,,, N) delle attività critiche: σ C N i i = = σ Se le attività che compongono il cammino critico sono abbastanza numerose, applicando il Teorema centrale del limite la distribuzione della durata dell intero progetto tenderà ad essere normale con media µ C e varianza σ C. Si può quindi calcolare la probabilità che la durata totale non superi una durata prefissata, ossia D ( ) C µ C y µ C y µ = Φ C P DC y P σ C σ C σ C dove Φ è la distribuzione cumulata della variabile casuale normale standardizzata. 4

15 APPLICAZIONI La squadra di calcio Siamo verso la fine del campionato di calcio. Una delle squadre è in forte crisi monetaria e di risultati. In tutta fretta viene trovato un finanziatore disposto a rilevarla. Anche per evitare sommosse della tifoseria locale, l obiettivo è di pervenire al completamento del progetto prima dell inizio del prossimo campionato 4. Lo scopo è di realizzarne una nuova e di renderla più forte, rispettando tuttavia i vincoli fissati in sede di redazione del budget. Verranno di seguito mostrate le varie fasi che vanno dall acquisizione della vecchia società alla formazione della nuova con indicazione dei tempi e della attività necessarie. Molte delle attività possono essere svolte in tempi brevissimi a causa della struttura già esistente. Scegliendo come unità di misura il giorno, la WBS è Attività Descrizione Precedenza Durata A Rilevazione società -- B Acquisto infrastrutture e attrezzature per svolgimento campionato A 0 C Predisposizione organigramma societario A D Scelta sponsor tecnico e partner commerciali A E Formulazione budget C-D F Obiettivi agonistici/commerciali da raggiungere E G Obiettivi di mercato ( giocatori ) E H Scelta giocatori e staff E I Acquisto giocatori e staff E J Preparazione pre-campionato I 0 K Organizzazione attività di merchandising F L Campionato B, K, G, H, J 8 Progetto La squadra di calcio di Albonico Davide Alietti Davide Castelli Luca 4 Nella sezione delle Applicazioni della Programmazione lineare sono indicati i criteri per la selezione dei giocatori

16 La rappresentazione AON è 0 B A C 8 D E F F G K L H 0 I J Vengono calcolati i tempi al più presto, al più tardi e gli scarti: Attività Durata Al più presto Al più tardi Scarto A B 0 6 C D 0 E 0 F 9 G 9 0 H 9 I

17 J K 4 L Dal calcolo degli scarti si procede all identificazione delle attività critiche e del cammino critico (evidenziato in rosso) B A C D E F F K L G H I J Il cammino critico individuato prevede: A. rilevazione società D. scelta sponsor tecnico e partner commerciali E. formulazione budget I. acquisto giocatori e staff J. preparazione pre-campionato L. campionato con una durata deterministica dell intero progetto di 94 giorni. I diagrammi di Gantt al più presto e al più tardi sono rispettivamente

18 8 Diagramma di Gantt al più presto A B C D E F G 0 H I J K L Diagramma di Gantt al più tardi A B C D E F G H I J K L Infine, nell ipotesi di durata aleatoria, una volta indicati i parametri descrittivi per ogni attività (a, b, m) procediamo al calcolo delle medie e delle varianze: Attività Minimo a Più probabile m Massimo b Media µ Varianza σ² A 4 6,00 0,

19 B 9 0 0, 0, C 4, 0, D 6 8,00 0, E 9,00 0,44 F,00 0,44 G 8,00,00 H 6 8,00 0, I 9,00 0,44 J 9 0 0,00 0, K 4 6,00 0, L 8 9 8,00 0, Siccome il cammino critico C corrisponde alla successione di attività A-D-E- I-J-L, la durata media del progetto (coincidente con quella deterministica) è: con una varianza µ c = Σ µ i = 94 σ² c = Σ σ² i =,. Infine ci possiamo chiedere quale sia la probabilità che il progetto venga realizzato entro 9 giorni. Utilizzando l approssimazione normale della distribuzione del cammino critico D c, ricaviamo: D 9 94 ( 9) C µ C D = 0.80 = C µ C P DC < = P < P < σ C σ C La probabilità di riuscire a portare a compimento l intero progetto entro il tempo previsto è dell 80% circa; abbiamo quindi molte chances di iniziare il prossimo campionato in tempo utile. LEDAS Impianti - Progetto sostituzione contatori Progetto sostituzione contatori di Antonio Bruno 9

20 Una piccola impresa di servizi ha tra le sue attività la manutenzione di piccoli contatori e contatori flangiati (di grandi dimensioni) per conto di aziende fornitrici di energia. Si vuole organizzare la procedura completa della manutenzione dei contatori di un condominio (0 contatori di piccole dimensioni) dal momento del ritiro fino alla consegna. La WBS con precedenze (in ore) è Attività A Precedenza Descrizione Ritiro contatori /verbali lavorazione / B Sistemazione contatori ritirati a C Programma per le sostituzioni b D Controllo tecnico sulle lavorazioni c E Esecuzione intervento c F Mancata esecuzione c G Comunicazione f problematica,risoluzione H Esecuzione sulla risoluzione proposta g cliente I Esecuzione lavori arretrati/posticipati c J Restituzione contatori,verbale d,e,h,i sostituzione per contabilità K Emissione fattura/rapportino j Il grafo AON è riportato in Fig. 6. Segue il calcolo dei tempi al più presto e al più tardi, il cammino critico e i diagrammi di Gantt. 0

21 9 d a b c f g i h j k 6 e Attività Durata Al + presto Al + tardi Scarto A B 0 C 0 D 9 0 E 6 6 F 6 G 4 H 0 I 9 6 J 0 K 0 Il cammino critico è costituito dalle attività A, B, C, D, J, K. Nei diagrammi di Gantt è evidenziato in verde.

22 diagramma di Gantt al più presto ATTIVITA' A B C D E F G H I J K diagramma di Gantt tardi ATTIVITA A B C D E F G H I J K Siccome la consegna dei contatori deve rispettare gli accordi prestabiliti senza incertezze, il titolare di Ledas consegnerà i 0 contatori in 6 ore, ossia due giorni lavorativi.

IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 4

IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 4 IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT UNA VOLTA CREATA LA WBS E, QUINDI, INDIVIDUATA CIASCUNA PARTE ELEMENTARE DEL PROJECT, SI PASSA ALLA SCHEDULAZIONE CHE CONSISTE NELL ASSEGNARE

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM C. Noè WBS Si tratta di uno strumento di supporto alla scomposizione analitica di un progetto in tutte le sue parti. Ciò facilita l attribuzione di

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

CPM - PERT CPM - PERT. Rappresentazione di un progetto. Gestione di un progetto. Critical Path Method Project Evaluation and Review Technique

CPM - PERT CPM - PERT. Rappresentazione di un progetto. Gestione di un progetto. Critical Path Method Project Evaluation and Review Technique CPM - PERT CPM - PERT CPM e PERT sono metodologie per la gestione di progetti composti da più attività in cui esistano relazioni di precedenza. Critical Path Method Project Evaluation and Review Technique

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 11: valutazione costi diagramma di PERT Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Da ricordare:

Dettagli

PERT e CPM Cenni storici

PERT e CPM Cenni storici CPM e PERT PERT e CPM Le tecniche CPM (Critical Path Method) e PERT (Program Evaluation and Review Technique) consentono lo sviluppo del programma di un progetto attraverso la programmazione delle attività

Dettagli

APPUNTI SUI METODI PERT-C.P.M.

APPUNTI SUI METODI PERT-C.P.M. APPUNTI SUI METODI PERT-C.P.M. (corso di ricerca operativa) A cura di: Antonio Scalera 1 PERT/C.P.M. I metodi Pert e C.P.M. studiano lo sviluppo di un progetto attraverso la programmazione delle attività

Dettagli

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3)

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3) Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management Work Breakdown Structure, Organizational Breakdown Structure, GANTT, Pert È una illustrazione (grafica) del progetto che articola il

Dettagli

Le tecniche di scheduling (1)

Le tecniche di scheduling (1) Le tecniche di scheduling (1) Sono la base di tutto il processo di pianificazione, e fornisco al management gli elementi per decidere come utilizzare le risorse per raggiungere gli obiettivi di costo e

Dettagli

Introduzione. Il Project Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti

Introduzione. Il Project Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti Università degli Studi di Cagliari D.I.M.C.M. Introduzione Il Proect Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti Gestione dei Progetti Prof.

Dettagli

COORDINAMENTO E GESTIONE DI PROGETTI COMPLESSI

COORDINAMENTO E GESTIONE DI PROGETTI COMPLESSI COORDINAMENTO E GESTIONE DI PROGETTI COMPLESSI 1. - Formulazione del problema Supponiamo di dover organizzare e gestire un progetto complesso, quale puó essere la costruzione di un edificio, oppure la

Dettagli

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il progetto definitivo è corredato dal cronoprogramma delle lavorazioni, redatto anche al

Dettagli

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015 Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il

Dettagli

Ottimizzazione nella gestione dei progetti

Ottimizzazione nella gestione dei progetti Ottimizzazione nella gestione dei progetti Capitolo 2: Reti di attività CARLO MANNINO Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Informatica e Sistemistica Definizioni di ase Il Progetto è costituito

Dettagli

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI Project Management Alessandro Silvestri A.A. 010/011 1 AGENDA - Introduzione PROJECT MANAGEMENT - TECNICHE DI BASE - TECNICHE RETICOLARI PERT Deterministico (CPM) PERT

Dettagli

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Il Project management Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Progetto. La nozione Un progetto costituisce un insieme di attività, complesse e interrelate, aventi come fine un obiettivo

Dettagli

TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE

TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE TECNICA E SICUREZZA DEI CANTIERI TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE Nicola Marotta La programmazione nel cantiere edile La programmazione dei lavori all interno di un cantiere

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

La gestione dei progetti informatici

La gestione dei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La gestione dei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Gestione - 1 Scopo

Dettagli

Processi principali per il completamento del progetto

Processi principali per il completamento del progetto Piano di progetto È un documento versionato, redatto dal project manager per poter stimare realisticamente le risorse, i costi e i tempi necessari alla realizzazione del progetto. Il piano di progetto

Dettagli

ing. consuelo rodriguez

ing. consuelo rodriguez TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE La ricerca operativa La ricerca operativa può essere considerata una scienza finalizzata allo studio di problemi decisionali. Consiste in un sistema di analisi quantitativo finalizzato

Dettagli

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività Schemi di scomposizione delle attività Gestione parte IIC Work Breakdown Structures (WBS) Struttura ad albero: radice: attività principale i nodi figli rappresentano la scomposizione del nodo padre le

Dettagli

La gestione dei tempi IL CRONOPROGRAMMA

La gestione dei tempi IL CRONOPROGRAMMA Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà La gestione dei

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

Tecniche Reticolari. Problema: determinare l istante di inizio di ogni attività in modo che la durata complessiva del progetto sia minima

Tecniche Reticolari. Problema: determinare l istante di inizio di ogni attività in modo che la durata complessiva del progetto sia minima Project Management Tecniche Reticolari Metodologie per risolvere problemi di pianificazione di progetti Progetto insieme di attività A i di durata d i, (=,...,n) insieme di relazioni di precedenza tra

Dettagli

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto Il Ciclo di e il Piano di Alessandro De Nisco Università del Sannio Il Ciclo di IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO RISORSE TEMPO IDEAZIONE VALUTAZIONE PIANIFICAZIONE REALIZZAZIONE MANUTENZIONE FASE INIZIALE

Dettagli

Esercizi di Programmazione del progetto

Esercizi di Programmazione del progetto Esercizi di Programmazione del progetto 1. Un progetto è costituito da tre attività tra loro non legate da vincoli di precedenza. Rappresentarlo con un reticolo americano ed europeo. L attività a dura

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

LA GESTIONE DEI PROGETTI

LA GESTIONE DEI PROGETTI Mara Bergamaschi LA GESTIONE DEI PROGETTI Copyright SDA-Bocconi Nota didattica PA 2365 LA GESTIONE DEI PROGETTI Di Mara Bergamaschi SOMMARIO: La nozione di progetto; L importanza di un project management

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

Trasformazione dei Processi in Progetti DIB 1

Trasformazione dei Processi in Progetti DIB 1 Trasformazione dei Processi in Progetti DIB 1 Generalità DIB 2 Progetto PROGETTO: esecuzione di un insieme di attività in un tempo e con risorse limitati per raggiungere uno specifico scopo. A causa dell

Dettagli

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Dopo aver affrontato la prima stesura del POP, si deve passare piano al vaglio del committente per avere il via definitivo. Se OK Si procede

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE MULTIPLE E TEOREMI ASSOCIATI. Dopo aver trattato delle distribuzioni di probabilità di una variabile aleatoria, che

VARIABILI ALEATORIE MULTIPLE E TEOREMI ASSOCIATI. Dopo aver trattato delle distribuzioni di probabilità di una variabile aleatoria, che VARIABILI ALATORI MULTIPL TORMI ASSOCIATI Fonti: Cicchitelli Dall Aglio Mood-Grabill. Moduli 6 9 0 del programma. VARIABILI ALATORI DOPPI Dopo aver trattato delle distribuzioni di probabilità di una variabile

Dettagli

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Alta Formazione per il Business Executive master GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Bologna, 4 maggio 2013 introduzione al Project management a cura del dott. Stefano Soglia Materiale riservato alla

Dettagli

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

Elementi di Statistica descrittiva Parte I

Elementi di Statistica descrittiva Parte I Elementi di Statistica descrittiva Parte I Che cos è la statistica Metodo di studio di caratteri variabili, rilevabili su collettività. La statistica si occupa di caratteri (ossia aspetti osservabili)

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3 IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE Un progetto è un insieme complesso di numerose attività finalizzate al raggiungimento

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

Strumenti per il Project Management

Strumenti per il Project Management CORSO DI Gestione aziendale Facoltà di Ingegneria Strumenti per il Project Management Carlo Noè Università Carlo Cattaneo Istituto di Tecnologie e-mail: cnoe@liuc.it AGENDA Strumenti per il Project Management

Dettagli

Le attività di project management

Le attività di project management Le attività di project management 1 Corso di Gestione della Produzione II Le caratteristiche dei processi oggetto di analisi 1. Attraversano l organizzazione, in quanto richiedono molteplici competenze

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 5 PIANIFICAZIONE DELLE FASI DI UN PROGETTO Andrea Chiarini 2 PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO E DEL PROCESSO

Dettagli

Dimensionamento dei lotti di produzione: il caso con variabilità nota

Dimensionamento dei lotti di produzione: il caso con variabilità nota Dimensionamento dei lotti di produzione: il caso con variabilità nota A. Agnetis In questi appunti studieremo alcuni modelli per il problema del lot sizing, vale a dire il problema di programmare la dimensione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DEL PROCESSO DI SVILUPPO PRODOTTO

ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DEL PROCESSO DI SVILUPPO PRODOTTO ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DEL PROCESSO DI SVILUPPO PRODOTTO 151 Organizzazione e pianificazione del processo di sviluppo prodotto (1/2) Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività.

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Nella precedente Unità formativa si è fatto cenno ad alcuni strumenti molto diffusi per la programmazione delle attività e, in particolare,

Dettagli

Introduzione: l impresa edile... 2 Gli accordi contrattuali... 2 La pianificazione... 2 I cantieri... 2 Eterogeneità delle componenti del prodotto

Introduzione: l impresa edile... 2 Gli accordi contrattuali... 2 La pianificazione... 2 I cantieri... 2 Eterogeneità delle componenti del prodotto Appunti di Economia Capitolo 11 Programmazione e controllo dei progetti Introduzione: l impresa edile... 2 Gli accordi contrattuali... 2 La pianificazione... 2 I cantieri... 2 Eterogeneità delle componenti

Dettagli

6. La gestione del contenuto del progetto

6. La gestione del contenuto del progetto 6. La gestione del contenuto del progetto Il primo processo di pianificazione riguarda la definizione di tutto e solo ciò che riguarda il progetto. Occorre passare dalla descrizione dell oggetto finale

Dettagli

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione dei Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Metodologie operative Pianificazione e dimensionamento di un progetto Controllo e gestione operativa del progetto.

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

Project Manager. Funzioni ed attività di un ruolo strategico. e-academy Milano, 20 Ottobre 2005

Project Manager. Funzioni ed attività di un ruolo strategico. e-academy Milano, 20 Ottobre 2005 Project Manager Funzioni ed attività di un ruolo strategico e-academy Milano, 20 Ottobre 2005 Mentis innovazione e strategia Mentis crea strumenti innovativi per Aziende che vogliono sfruttare appieno

Dettagli

Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Sequenze CAPITOLO II

Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Sequenze CAPITOLO II CAPITOLO II 2. - PROBLEMI DI SEQUENZA I problemi di sequenza si presentano ogni qualvolta vi sono delle attività che richiedono delle risorse limitate ed indivisibili e bisogna definire l'ordine secondo

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE IMPRESE TURISTICHE Lezione 4 Project Management PROJECT MANAGEMENT Il project management

Dettagli

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi October 26, 2008 1 Variabili aleatorie Per la definizione rigorosa di variabile aleatoria rimandiamo ai testi di probabilità; essa è non del tutto immediata

Dettagli

E naturale chiedersi alcune cose sulla media campionaria x n

E naturale chiedersi alcune cose sulla media campionaria x n Supponiamo che un fabbricante stia introducendo un nuovo tipo di batteria per un automobile elettrica. La durata osservata x i delle i-esima batteria è la realizzazione (valore assunto) di una variabile

Dettagli

Il Project Management

Il Project Management Il Project Management con l ausilio di strumenti informatici A cura di Paolo Tateo Il Project Management Tecnica per la gestione sistemica di un'impresa complessa, unica e di durata determinata, rivolta

Dettagli

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI OBIETTIVI Individuazione delle singole attività elementari Loro organizzazione su differenti livelli di dettaglio Definizione di una struttura di controllo P.D.Patrone,

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET Prof. Francesco Albergo Docente di PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Corso di Laurea in Economia Aziendale Curriculum in Gestione Aziendale Organizzata UNIVERSITA degli Studi di Bari

Dettagli

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio Programmazione operativa Programmazione operativa La programmazione operativa è la traduzione della progettazione dei sistemi edilizi, in termini di programma temporale della fase esecutiva dell opera

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI

LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI Giordano Renato Gariboldi Responsabile Controllo di Gestione e Controllo Progetti Divisione E.& P. giordano. gariboldi@sini.it Comitato Direttivo Corsi ANIMP 1 PIANIFICAZIONE

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 20010-11

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 20010-11 Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 20010-11 Project Scheduling: Reti di attività CARLO MANNINO Sapienza Università di Roma Dipartimento di Informatica e Sistemistica

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

La Gestione del progetto

La Gestione del progetto Il Laboratorio e la Professione La Gestione del progetto Padova 25-26 settembre 2009 M. Iside Bruschi REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO Il Project Management è un sistema che utilizza ed applica conoscenze

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Esercitazione n.2 Inferenza su medie

Esercitazione n.2 Inferenza su medie Esercitazione n.2 Esercizio L ufficio del personale di una grande società intende stimare le spese mediche familiari dei suoi impiegati per valutare la possibilità di attuare un programma di assicurazione

Dettagli

Forniture informatiche

Forniture informatiche Forniture informatiche Nella Pubblica Amministrazione: gestione dei processi contrattuali e qualità Chianese Angelo Contenuti Strategie di acquisizione delle forniture ICT Contratti ICT Qualità delle forniture

Dettagli

GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004

GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004 GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004 Rispondere alle seguenti domande marcando a penna la lettera corrispondente alla risposta ritenuta corretta (una sola tra

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*)

Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*) a cura di - Coordinatore della Sezione Quadri Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*) L implementazione di un sistema di Project Management all interno della propria organizzazione

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw Pianificazione e gestione di progetto Responsabile di progetto: attività 1) Pianificazione 2) Organizzazione 3) Gestione del personale (staffing) 4) Direzione 5) Controllo Adozione di tecniche e metodologie

Dettagli

Il project management: tecniche e strumenti

Il project management: tecniche e strumenti 122109CFC1209_0982a0987.qxd 30-11-2009 8:47 Pagina 982 pianificazione, finanza Il project management: tecniche e strumenti Le fasi: tre momenti fondamentali Fabrizio Bencini Dottore commercialista, Partner

Dettagli

Esercizio 1. Verifica di ipotesi sulla media (varianza nota), p-value del test

Esercizio 1. Verifica di ipotesi sulla media (varianza nota), p-value del test STATISTICA (2) ESERCITAZIONE 6 05.03.2014 Dott.ssa Antonella Costanzo Esercizio 1. Verifica di ipotesi sulla media (varianza nota), p-value del test Il preside della scuola elementare XYZ sospetta che

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

Stima delle Risorse di un Progetto

Stima delle Risorse di un Progetto Stima delle Risorse di un Progetto di Vito Madaio (Quali sono i benefici delle stime, i principali approcci e come utilizzarle nei progetti reali.) La stima delle esigenze di risorse di solito si effettua

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Il progetto e la sua fattibilità: gli strumenti

Il progetto e la sua fattibilità: gli strumenti Il progetto e la sua fattibilità: gli strumenti 17.XII.2008 Scopo della comunicazione Abbiamo sino a qui analizzato i principali attori che entrano in gioco in un operazione di sviluppo immobiliare, le

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA Pagina: 1 di 9 Registro delle modifiche Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 11/03/2010 Emissione formale A ALLEGATI: ---- DISTRIBUZIONE DEL DOCUMENTO: Direttore Generale Dott.

Dettagli

IL PERCORSO LOGICO DI UN PROGETTO. Prof.Claudio Saita

IL PERCORSO LOGICO DI UN PROGETTO. Prof.Claudio Saita IL PERCORSO LOGICO DI UN PROGETTO Prof.Claudio Saita PROGETTARE SIGNIFICA: utilizzare procedimenti introdurre organizzazione e razionalità nell azione raggiungere determinati obiettivi 1- Perché si vuol

Dettagli

CAPITOLO 3: STIMA DI RISORSE E DURATA DELLE ATTIVITÀ

CAPITOLO 3: STIMA DI RISORSE E DURATA DELLE ATTIVITÀ INDICE INTRODUZIONE CAPITOLO 1: DEFINIZIONE DELLE ATTIVITÀ 1.1 WBS (Work Breakdown Structure) 1.2 L OBS e la matrice delle responsabilità CAPITOLO 2: COSTRUZIONE DEL RETICOLO 2.1 Sequenzializzazione delle

Dettagli

La Programmazione Lineare

La Programmazione Lineare 4 La Programmazione Lineare 4.1 INTERPRETAZIONE GEOMETRICA DI UN PROBLEMA DI PROGRAMMAZIONE LINEARE Esercizio 4.1.1 Fornire una rappresentazione geometrica e risolvere graficamente i seguenti problemi

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Web Risk Management. Come gestire i rischi di un progetto Web. e-academy Milano, 20 Ottobre 2005

Web Risk Management. Come gestire i rischi di un progetto Web. e-academy Milano, 20 Ottobre 2005 Web Risk Management Come gestire i rischi di un progetto Web e-academy Milano, 20 Ottobre 2005 Mentis innovazione e strategia Mentis crea strumenti innovativi per Aziende che vogliono sfruttare appieno

Dettagli

Pianificazione e progettazione

Pianificazione e progettazione Pianificazione e progettazione L analisi preventiva degli eventi e delle loro implicazioni rappresenta una necessità sempre più forte all interno di tutte le organizzazioni variamente complesse. L osservazione

Dettagli

Introduzione al Project Management

Introduzione al Project Management Introduzione al Project Management Che cos è il project management Gestione di un impresa complessa, unica e di durata determinata rivolta al raggiungimento di un obiettivo chiaro e predefinito mediante

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

1 - I segnali analogici e digitali

1 - I segnali analogici e digitali 1 - I segnali analogici e digitali Segnali analogici Un segnale analogico può essere rappresentato mediante una funzione del tempo che gode delle seguenti caratteristiche: 1) la funzione è definita per

Dettagli

Note su quicksort per ASD 2010-11 (DRAFT)

Note su quicksort per ASD 2010-11 (DRAFT) Note su quicksort per ASD 010-11 (DRAFT) Nicola Rebagliati 7 dicembre 010 1 Quicksort L algoritmo di quicksort è uno degli algoritmi più veloci in pratica per il riordinamento basato su confronti. L idea

Dettagli

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA Roma, aprile 2015 Project Management (Prof. A. Rocchi) A cosa si riferisce Diverse sono le problematiche relative alla gestione dei progetti all interno di ogni

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

Strumenti per il Project Management. GanttProject cos è e come si usa. GanttProject

Strumenti per il Project Management. GanttProject cos è e come si usa. GanttProject Strumenti per il Project Management cos è e come si usa. Angelo Caruso, 2010 1 Open Source; Gestione tempo e risorse progettuali; Produce diagrammi Gantt e PERT; Ottimo per la didattica; Importa file MPX;

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Fenomeni di obsolescenza 2 Determinati da: Prodotto inidoneo al segmento di mercato (es: computer) Effetto moda (es: abbigliamento) Mancato

Dettagli