erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno È stata

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata"

Transcript

1 L obiettivo della presente analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno È stata analizzata la distribuzione dell utenza all interno dei differenti servizi, prendendo in considerazione le caratteristiche generali, quali la numerosità, il sesso e l età media. Inoltre, sono stati considerati alcuni aspetti più specifici: l età di primo contatto, la situazione lavorativa, la sostanza primaria utilizzata, la sostanza secondaria e la situazione giudiziaria dell utenza che ha usufruito dei Servizi nel corso dell anno Nel corso dell anno 2010, i servizi dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze hanno registrato, complessivamente, 2358 contatti e 2041 utenti, dove per utenti si intendono le persone fisiche che hanno usufruito di uno o più servizi, mentre per contatti le molteplici registrazioni che i differenti servizi hanno effettuato per ciascun utente. Può succedere, ad esempio, che un singolo utente abbia usufruito di n servizi, in questo caso avremmo 1 utente e n contatti. Tabella 1. Distribuzione dei contatti per servizio e relativo Ente erogatore Anno 2010 Servizi dell ACT N Comunità di Riabilitazione Residenziale (Coop.Soc. IL CAMMINO) Centro Residenziale di Reinserimento (Coop.Soc. IL CAMMINO) Centro Diurno di Pronta Accoglienza ROMA NORD (Coop.Soc. IL CAMMINO) Centro Diurno di Pronta Accoglienza ROMA EST (A.T.I. Ass. LA TENDA e Coop.Soc. IL CAMMINO) Centro Notturno di Pronta Accoglienza ROMA NORD/EST (A.T.I. Ass. LA TENDA e Coop.Soc. IL CAMMINO) Comunità di Pronta Accoglienza ROMA NORD (Coop.Soc. PARSEC)

2 Centro Diurno di Pronta Accoglienza ROMA CENTRO (Coop.Soc. PARSEC) 88 Centro Diurno di Pronta Accoglienza ROMA OVEST (Fondazione Villa Maraini) 92 Centro Notturno di Pronta Accoglienza ROMA CENTRO OVEST (Fondazione Villa Maraini) 119 Servizio Pronto Aiuto (Fondazione Villa Maraini) 424 Numero Verde Cittadini/Operatori (Ass. Droga che fare) 914 Centro Diurno di Pronta Accoglienza ROMA LITORALE (Coop.Soc. Magliana 80) 62 Centro Diurno di Pronta Accoglienza ROMA SUD (Coop.Soc. Magliana 80) 64 Centro Notturno di Pronta Accoglienza ROMA SUD/LITORALE (Coop.Soc. Magliana 80) 100 Comunità di Pronta Accoglienza ROMA SUD (Centro Italiano Solidarietà di Roma don Mario Picchi) 32 Totale CONTATTI 2358 Fonte: Elaborazione dei dati rilevati dai servizi dell ACT Analizzando la tipologia di Servizi erogati dall Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze, si possono distinguere servizi a bassa e ad alta soglia. Con servizio a bassa soglia, si intende un tipo di intervento sociale indirizzato a tossicodipendenti in situazione di estrema difficoltà, finalizzato alla riduzione del danno e caratterizzato da procedure di accesso ridotte al minimo. I servizi ad alta soglia sono caratterizzati, invece, da interventi volti alla cura, al reinserimento sociale del soggetto e dalla presenza di regole di accesso più strutturate, oltre che dal rispetto costante delle norme da parte dell utenza. Come si osserva dalla Tabella 2 e dal Grafico 1., l 87,3% degli utenti usufruisce di servizi a bassa soglia; il 12,7% di quelli ad alta soglia. Ciò è dovuto al fatto che, dei 13 servizi che l Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze eroga, 11 sono a bassa soglia (6 Centri Diurni, 3 Centri Notturni e 2 Comunità di Pronta Accoglienza) soltanto 2 ad alta soglia (Comunità di Riabilitazione Residenziale e Centro Residenziale di Reinserimento). Tabella 2. Distribuzione dei contatti nei Servizi ad Alta e Bassa Soglia Modello di intervento N Percentuali Alta soglia ,7% Bassa soglia ,3% TOTALE % Grafico 1. Distribuzione dei contatti nei Servizi ad Alta e Bassa Soglia 2

3 12,7% 87,3% Alta soglia Bassa soglia Di seguito viene riportata la distribuzione dei contatti nei diversi servizi erogati dall Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze: Tabella 3. Distribuzione dei contatti per tipologia di servizio Anno 2010 Servizi dell ACT N Somma N Comunità di Riabilitazione (1) Comunità di Riabilitazione Residenziale Comunità di Pronta Accoglienza ROMA NORD 50 (2) ROMA SUD ROMA NORD 110 ROMA OVEST 92 Centri diurni di Pronta ROMA LITORALE 62 Accoglienza (6) ROMA EST ROMA CENTRO 88 ROMA SUD 64 ROMA CENTRO OVEST 119 Centri Notturni di Pronta ROMA SUD/LITORALE 100 Accoglienza (3) 305 ROMA NORD/EST 86 Numero Verde 914 Servizi Telefonici (2) Cittadini/Operatori 1338 Servizio Pronto Aiuto 424 Centro di Reinserimento (1) Centro Residenziale di Reinserimento Totale CONTATTI Come si può osservare dalla Tabella 3 e dal Grafico 2, una quota consistente di contatti è avvenuta tramite i servizi telefonici: il servizio di Pronto Aiuto conta 424 contatti e il numero verde cittadini/operatori 914. Entrambi servizi che rappresentano, spesso, un primo avvicinamento con l utenza. Grafico 2. Distribuzione dei contatti per tipologia di servizio 3

4 Comunità Città della Pieve Comunità di Pronta Accoglienza Zona NORD Comunità di Pronta Accoglienza Zona SUD Centro Diurno Roma NORD Centro Diurno Roma SUD Centro Diurno Roma EST Centro Diurno Roma OVEST Centro Diurno Roma CENTRO Centro Diurno Roma LITORALE SERVIZI STANZIALI Su un totale di 719 utenti che usufruiscono dei 13 servizi erogati dall Agenzia, l 84,7% è di sesso maschile, il 13,6% femminile; si rileva, inoltre, la presenza di 2 transessuali. Da questo campione sono esclusi i Servizi Telefonici, che non offrono un assistenza continuativa nel tempo. Tabella 4. Genere Utenti N Percentuali Percentuali valide Maschi ,7% 85,9% Femmine 98 13,6% 13,8% Transessuali 2 0,3% 0,3% Totale ,6% 100% Dati mancanti 10 1,4% TOTALE % Grafico 3. Genere Utenti 85,9% 13,8% 0,3% Maschi Femm ine Transessuali Come si può notare dalla Tabella 5., relativa all età, gli utenti che usufruiscono dei Servizi, hanno un età che varia tra 17 (valore minimo) e 70 (valore massimo), con un età media di circa 39. Per quanto concerne l età in cui avviene il primo utilizzo della sostanza, l età media è di 19,7. Anche in questo caso si osserva un elevata variazione fra gli utenti (ds=6,935), che vede 4

5 persone avere il primo contatto con le sostanze già a 9 (valore minimo) e altre a 60 (valore massimo). Tabella 5. Età media Utenza e di primo contatto con sostanze N Valore Minimo Valore Massimo Media Deviazione Standard 1 Età dell utenza ,09 8,966 Età di primo contatto con le sostanze ,7 6,935 * L età riportata è relativa all anno 2010 Il Grafico 4 mostra che il primo contatto con le sostanze, per quasi la metà degli utenti (48,7%), avviene principalmente tra 16 e 20, ma molti (24%) sono anche coloro che vengono in contatto con le droghe tra 11 e 15. All innalzarsi dell età diviene sempre più esiguo il numero di utenti che ha il primo contatto con la sostanza: 12,9% tra 21 e 25, 6,7% tra 26 e 30, 2,8% tra 31 e 35, 1,6% tra 36 e 40, 1,2% nelle fasce e ; un solo utente tra 51 e 55, così come tra 56 e 60. La fascia di età più giovane, in cui si rileva un primo contatto con la sostanza tra 9 e 10, conta, invece, 5 utenti. Grafico 4. Fasce di età del Primo Utilizzo della Sostanza 50% 45% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% 48,7% 24,0% 12,9% 6,7% 3% 0,7% I dati, relativi alla sostanza utilizzata dagli utenti dei servizi dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze, evidenziano come la maggior parte delle persone utilizzi, prevalentemente, eroina (51%), il 27,8% cocaina, il 12,5% fa uso di alcol, il 3,2% di cannabis e il 4,3% dichiara di utilizzare più di una sostanza 1 Deviazione Standard: è un indice di dispersione, ovvero una misura di variabilità di una popolazione o di una variabile casuale. 5

6 Grafico 5. Sostanza primaria utilizzata Eroina Cocaina Alcol Cannabis Dichiaranti più sostanze Altro 12,5% 3,2% 4,3% 1,4% 50,8% 27,8% Oltre la metà degli utenti che fruiscono dei servizi (52,3%) utilizza altre sostanze oltre a quella primaria. Tra le altre sostanze utilizzate, è da notare l uso indistinto di molteplici droghe (59,6%), seguito dal consumo di cocaina (11,2%) e alcol (8%). Grafico 6. Altre sostanze utilizzate Tabella 6. Altre sostanze utilizzate N Percentuali Percentuale Valida Eroina 12 1,7% 3,2% Cocaina 42 5,8% 11,2% Alcol 30 4,2% 8,0% Cannabis 38 5,3% 10,1% Dichiaranti più sostanze ,2% 59,6% Altro 30 4,2% 8,0% Totale ,3% 100% Dati mancanti ,7% TOTALE % Eroina Cocaina Alcol Cannabis Dichiaranti più sostanze Altro 8,0% 3,2% 11,2% 8,0% 10,1% 59,6% L incrocio tra la classe di età degli utenti dei servizi dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze, e la tipologia di sostanza utilizzata, ci permette di evidenziare alcuni aspetti: l eroina è la sostanza maggiormente utilizzata in tutte le classi di età, ma spicca tra gli utenti appartenenti alle fasce di età e ; 6

7 la cocaina è la seconda sostanza d elezione fra gli utenti, e risulta la sostanza maggiormente utilizzata tra i 16 e i 20. Le classi d età 21-25, 26-30, e mostrano i numeri più elevati di utenti cocainomani, di poco inferiore a quello degli eroinomani; l utilizzo di alcol diviene rilevante a partire dalla fascia di età Il numero di alcolisti per fascia di età analizzata si mantiene pressocchè costante per le classi successive, 36-40, 41-45, e Grafico 7. Sostanza utilizzata e classi di età dell utenza Sostanza primaria eroina cocaina alcol cannabis uso di più sostanze altro Numero di utenti Età dell'utenza Per quanto riguarda la situazione giudiziaria, dall analisi dei dati, risulta che la maggioranza dei soggetti presi in carico, ovvero il 60,2%, ha trascorso, in passato, periodi di detenzione in carcere (Grafico 8). Gli utenti hanno dichiarato di aver avuto in media 4 episodi di detenzione, che si sono conclusi, per la maggior parte di questi, più di 6 mesi prima rispetto alla data di compilazione della scheda (66%) > 61 Grafico 8. Pregresse detenzioni 39,8% Sì No 60,2% Per ciò che riguarda la situazione lavorativa, come si può notare dalla Tabella 7 e dal Grafico 9, il 79%degli utenti non ha un occupazione: solo il 21% dichiara, infatti, di essere occupato. 7

8 Tabella 7. Occupazione utenti N Percentuali Percentuali valide Sì ,7 % 21,0% No ,4 % 79,0% Totale ,2% 100% Dati mancanti 42 5,8% Totale % Grafico 9. Occupazione utenti 79,0% Sì No 21,0% 8

9 SERVIZI TELEFONICI Nell anno 2010, i servizi telefonici sono stati contattati da utenti, principalmente di sesso maschile (84,5%). Solo il 15,4% delle chiamate è stato effettuato da donne e si è rilevata la presenza di un transessuale. Grafico 10. Genere Utenti 84,5% Maschi Femmine Transessuale 0,1% 15,4% L età media degli utenti che si sono rivolti ai servizi telefonici è di 34,4. I servizi telefonici risultano entrare in contatto con persone fra 12 e 80, con una forte variabilità (ds=10,133). L età di primo contatto con le sostanze dichiarate varia tra 8 e 59, con una media di 22,4. Tabella 8. Medie dell età dell Utenza e dell età di primo contatto con le sostanze Valore Valore Deviazione Standard 2 N Media Minimo Massimo Età dell Utenza nei servizi telefonici* ,36 10,133 Età di primo contatto con le sostanze ,44 8,572 * L età riportata è relativa all anno 2010 Il Grafico 11 riporta la distribuzione per fasce di età dell utenza. Nel campione, costituito da 1338 soggetti, la maggioranza dei contatti si concentra nella fascia di età (18,5%) e (18,4%). 2 Deviazione Standard: è un indice di dispersione, ovvero una misura di variabilità di una popolazione o di una variabile casuale. 9

10 Grafico 11. Fasce di età dell Utenza 20% 18% 16% 14% 12% 10% 8% 6% 4% 2% 0% 18,5% 18,4% 15,3% 12,6% 13% 8,0% 7,6% 2,9% 1,3% 1,8% 0,6% > 61 Andando ad analizzare la sostanza primaria utilizzata, si può notare che, contrariamente a quanto avviene nei servizi stanziali, l utenza che contatta i servizi telefonici utilizza maggiormente cocaina (39,2%), mentre l eroina risulta la seconda sostanza impiegata, con una percentuale pari al 29,7%. Anche i consumatori di cannabis si rivolgono più facilmente ai servizi telefonici, piuttosto che ai servizi stanziali: la percentuale di utenti che presentano problematiche legate all uso di cannabinoidi è, infatti, di 7,8% nei servizi telefonici, contro il 3,2% dei servizi stanziali. Il 9,8% degli utenti utilizza alcol e il 4,6% ha dichiarato di fare uso di più sostanze. Tra gli utenti che utilizzano altre sostanze, oltre a quella primaria (35,5%), la maggior parte sono principalmente poliassuntori (48,4%), seguono coloro che assumono alcol (14,5%) e cannabis (14,1%), infine coloro che assumono cocaina (12,8%). L utilizzo di eroina, come sostanza secondaria, invece, è pari al 3,2%. Grafico 13. Altre sostanze utilizzate Eroina Cocaina Alcol Cannabis Dichiaranti più sostanze Altro 6,9% 3,2% 12,8% 14,5% 48,4% 14,1% 10

11 Anche in questo caso, attraverso l incrocio tra la classe di età degli utenti dei servizi telefonici dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze, e la tipologia di sostanza consumata, si possono evidenziare i seguenti aspetti: La cannabis emerge come sostanza maggiormente utilizzata dalla classe di età 16-20, seguita da cocaina e, in numero inferiore, eroina; I consumatori di eroina superano i consumatori di cocaina, non solo nelle classi e 46-50, ma anche nella classe di età tra 21 e 25, dove i cocainomani risultano in numero lievemente inferiore agli eroinomani; La cocaina risulta, invece, la sostanza di elezione per le classi 26-30, e Grafico 14. Sostanza usata e classi di età dell utenza 120 Sostanza primaria numero di utenti eroina cocaina alcol cannabis uso di più sostanze altro >= 61 Età dell'utenza Per ciò che riguarda la situazione giudiziaria, il 48,5% 3 delle persone che hanno contattato i servizi telefonici ha trascorso, in passato, periodi di detenzione carceraria. Grafico 15. Pregresse detenzioni 3 Viene considerata, in questo caso, la percentuale valida, comprensiva dei dati mancanti. 11

12 51,5% 48,5% Sì No Contrariamente a quanto registrato nei servizi stanziali, per quanto riguarda la situazione lavorativa, si può notare che il 61,1% delle persone che chiamano i servizi telefonici ha un occupazione, mentre il 38,9% è disoccupato. Tabella 9. Occupazione N Percentuali Percentuale valida Sì ,2% 61,1% No ,4% 38,9% Totale ,6% 100% Dati mancanti ,4% TOTALE % Grafico 16. Occupazione 61,1% 38,9% Sì No 12

13 Ciò che emerge come dato comune a entrambe le tipologie di Servizi, è l età media dell utenza che ne usufruisce: 39 è l età media delle persone che sono accolte nei servizi stanziali, e 34 è l età media di coloro che si avvalgono dei servizi telefonici. Emerge, inoltre, come l età del primo utilizzo della sostanza sia sempre più precoce e altresì, per quanto riguarda le età più elevate, sia ancor più posticipato: vi sono utenti che hanno avuto il primo contatto con le sostanze a partire dai 9 di età (dato invariato rispetto alla Relazione Annuale del 2009), altri che l hanno utilizzata, per la prima volta, all età di 60 (si rileva un incremento dell età tardiva di primo contatto, rispetto ai 52 del 2009).Se si prende in considerazione l età media in cui avviene il primo contatto con le sostanze stupefacenti, 19, e quella che è la fascia d età più nutrita di persone all interno dei centri (36-40 ), si evidenzia una complessa questione: se l ingresso nei servizi avviene, solo dopo 20 dal primo utilizzo della sostanza, appare evidente che i servizi a Bassa Soglia intervengono su problematiche di tossicodipendenza già ampiamente cronicizzate. Infine, non bisogna sottovalutare il fenomeno della politossicodipendenza che emerge in maniera chiara ed evidente dall analisi dei dati dei Servizi erogati dall Agenzia, nell anno 2010: quasi il 53% degli utenti che sono stati ospitati all interno dei servizi stanziali erogati dall ACT, ha dichiarato di utilizzare altre sostanze stupefacenti, oltre a quella primaria e tra questi, quasi il 60% fa uso, in modo indistinto, di molteplici droghe, mentre il restante 40% utilizza soltanto una sostanza secondaria. La complessità di questo scenario implica una reale difficoltà da parte dell attuale rete di servizi a rispondere, in maniera adeguata ed efficace, alle problematiche connesse alle dipendenze, poiché in continua evoluzione, mentre gli stessi servizi sono rimasti immutati dal Pertanto, si impone la necessità, da parte dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze, di modulare, rimodulare e adattare i servizi presenti sul territorio di Roma Capitale, così che possano soddisfare i bisogni della cittadinanza tutta, ed essere maggiormente qualificati a rispondere alle esigenze, nonché alle richieste, di tutte le persone coinvolte, direttamente o indirettamente, con la problematica della tossicodipendenza. 13

L obiettivo di questa breve analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Comunale per le

L obiettivo di questa breve analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Comunale per le L obiettivo di questa breve analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Comunale per le Tossicodipendenze nel corso dell anno 2009. Si è dunque

Dettagli

INDICE PREFAZIONE 3 PREMESSA 5 INTRODUZIONE 7. I.1. Analisi generale dell utenza dei 13 servizi dell ACT 11

INDICE PREFAZIONE 3 PREMESSA 5 INTRODUZIONE 7. I.1. Analisi generale dell utenza dei 13 servizi dell ACT 11 INDICE PREFAZIONE 3 PREMESSA 5 INTRODUZIONE 7 Parte Prima I. CARATTERISTICHE DELL UTENZA DEI SERVIZI DELL AGENZIA COMUNALE PER LE TOSSICODIPENDENZE 10 I.1. Analisi generale dell utenza dei 13 servizi dell

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DELLE TOSSICODIPENDENZE NEI SERVIZI EROGATI DALL AGENZIA COMUNALE PER LE TOSSICODIPENDENZE

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DELLE TOSSICODIPENDENZE NEI SERVIZI EROGATI DALL AGENZIA COMUNALE PER LE TOSSICODIPENDENZE RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DELLE TOSSICODIPENDENZE NEI SERVIZI EROGATI DALL AGENZIA COMUNALE PER LE TOSSICODIPENDENZE ANNO 2009 Tutti i diritti sono riservati. E vietato qualunque uso commerciale, la

Dettagli

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8.1 Reati droga-correlati produzione, traffico e vendita di sostanze illegali e di associazione finalizzata alla produzione e al traffico (art. 73 e art. 74) 8.2 Reati

Dettagli

Relazione annuale sullo stato delle tossicodipendenze nei Servizi erogati dall Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze

Relazione annuale sullo stato delle tossicodipendenze nei Servizi erogati dall Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze sulle Tossicodipendenze Anno 2013 Relazione annuale sullo stato delle tossicodipendenze nei Servizi erogati dall Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze Anno 2013 2 sulle Tossicodipendenze Anno 2013

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

Servizio Regionale di Accoglienza Telefonica LINEAVERDEDROGA

Servizio Regionale di Accoglienza Telefonica LINEAVERDEDROGA Servizio Regionale di Accoglienza Telefonica LINEAVERDEDROGA Grande B. S., Bevacqua T., Sorrentino C. LineaVerdeDroga (Ser.T. di Catanzaro) Introduzione LineaVerdeDroga (LVD) è il Servizio di Accoglienza

Dettagli

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007 U.O. Ser.T. - Servizio Tossicodipendenze U.O.S. Osservatorio Socio- Epidemiologico Dipendenze Sistema Informativo Vico Gramsci n.1-75100 MATERA Tel. 0835 / 253704 253718 Fax 0835 / 253704 e-mail: asl4.sert@rete.basilicata.it

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili OSSERVATORIO SUL DISAGIO GIOVANILE Ser.T. e Associazioni Aggiornamento dei dati - Anno 2007 Si ringraziano per i dati forniti e la cortese collaborazione:

Dettagli

9. RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

9. RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 9. RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 9.1 Reinserimento sociale 9.2 Prevenzione dei reati droga-correlati 9.1 Reinserimento sociale I dati relativi alle implicazioni e conseguenze sociali

Dettagli

Nuovo Quadro dei Servizi Cittadino

Nuovo Quadro dei Servizi Cittadino uovo Quadro dei Servizi Cittadino Analisi degli interventi realizzati sul territorio di Roma Capitale e dei risultati conseguiti dall Agenzia uovo Quadro dei Servizi Cittadino Analisi degli interventi

Dettagli

RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI PARTE 9 RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 9.1 Reinserimento sociale 9.1.1 Casa 9.1.2 Istruzione e formazione 9.1.3 Occupazione 9.1.4 Assistenza sociale di base 9.2 Modalità di esecuzione

Dettagli

DISAGIO SOCIALE E POVERTA' NELLA CITTA' DI BOLOGNA I

DISAGIO SOCIALE E POVERTA' NELLA CITTA' DI BOLOGNA I DISAGIO SOCIALE E POVERTA' NELLA CITTA' DI BOLOGNA I soggetti contatti dai servizi di prima necessità del comune di Bologna dal 2000 al 2004: Caratteristiche, contatti e percorsi attraverso i servizi A

Dettagli

CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE

CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE III.3.1. Progetti di reinserimento sociale III.3.1.1 Strategie e programmazione di interventi di reinserimento sociale III.3.2. Misure alternative

Dettagli

Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio

Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio I luoghi di consumo La discoteca non è l unico luogo in cui si assumono droghe ricreazionali. Le percentuali

Dettagli

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI 14 dicembre 2012 Al 31 dicembre 2010 I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi il 31 dicembre 2010 sono 12.808

Dettagli

Tavolo Tecnico del Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013

Tavolo Tecnico del Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013 RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013 1 Tavolo Tecnico Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze Gruppo di lavoro per la stesura del Rapporto Regione Basilicata Rocco Libutti

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 -

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - A cura dell Osservatorio Epidemiologico Territoriale delle Dipendenze, ASL di Brescia OSSERVATORIO

Dettagli

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 -

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 - OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 213-1 - Dipendenza da sostanze illegali: monitoraggio epidemiologico 23-213 pag. 3 Dipendenza

Dettagli

Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna

Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna Quadro epidemiologico Caratteristiche tossicodipendenti, alcolisti e giocatori d azzardo patologici Attività dei servizi A cura di Raimondo

Dettagli

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

Dipartimento Dipendenze

Dipartimento Dipendenze Dipartimento Dipendenze Sostanze psicoattive e comportamenti di addiction in Provincia di Lecco I dati dei Servizi per le Dipendenze e degli Enti accreditati - Anno 2014 A cura dell Osservatorio Dipendenze

Dettagli

Focus I giovani e il mercato del lavoro

Focus I giovani e il mercato del lavoro Focus I giovani e il mercato del lavoro Per trovare lavoro conviene proseguire gli studi dopo il diploma Nel 2008 77 giovani (25-34 anni) su 100 lavorano o cercano un lavoro (tasso di attività); al sono

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA

LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA una riflessione complessiva dell'impatto degli interventi In Italia sono le singole Regioni e provincie autonome

Dettagli

Sintesi relazione conclusiva del progetto

Sintesi relazione conclusiva del progetto Sintesi relazione conclusiva del progetto Valutazione della performance dei Servizi del Dipartimento delle Dipendenze della ASL della Provincia di Milano 1 Lo svolgimento del progetto di ricerca Valutazione

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

/1 2 2. Sistema Integrato Multicentrico di Indicatori. Rapporto 2005 Provincia di Pescara. Ministero della Solidarietà Sociale

/1 2 2. Sistema Integrato Multicentrico di Indicatori. Rapporto 2005 Provincia di Pescara. Ministero della Solidarietà Sociale Ministero della Solidarietà Sociale 5 45 45 4 4 4 4 22 22 2 2 /1 2 2 /26 20 20 00/0 21 21 100/0 15 15 Sistema Integrato Multicentrico di Indicatori 99/1 10 10 Rapporto 2005 Provincia di Pescara 75/26 16

Dettagli

PROGETTO PATCHWORK LA PREVENZIONE PER GLI ADOLESCENTI NEI CONFRONTI DI ABUSI DA ALCOOL E SOSTANZE STUPEFACENTI

PROGETTO PATCHWORK LA PREVENZIONE PER GLI ADOLESCENTI NEI CONFRONTI DI ABUSI DA ALCOOL E SOSTANZE STUPEFACENTI PROGETTO PATCHWORK LA PREVENZIONE PER GLI ADOLESCENTI NEI CONFRONTI DI ABUSI DA ALCOOL E SOSTANZE STUPEFACENTI FINANZIATO DALLA REGIONE LIGURIA CON CONTRIBUTO PER AZIONI INNOVATIVE O A RILEVANZA REGIONALE

Dettagli

CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO

CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO III.3.1. Interventi delle Forze dell Ordine III.3.1.1 Detenzione per uso personale di sostanze illecite III.3.1.2 Deferiti alle Autorità Giudiziarie

Dettagli

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini Partecipa alla ricerca on line sull'alcolismo, potrai usare i dati immediatamente.seleziona l'immagine per entrare. CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol

Dettagli

COCAINA 1.1 IL CONSUMO PROBLEMATICO DI COCAINA IN EUROPA: DATI RECENTI SUI PAZIENTI IN TRATTAMENTO 1. Introduzione

COCAINA 1.1 IL CONSUMO PROBLEMATICO DI COCAINA IN EUROPA: DATI RECENTI SUI PAZIENTI IN TRATTAMENTO 1. Introduzione 1.1 IL CONSUMO PROBLEMATICO DI COCAINA IN EUROPA: DATI RECENTI SUI PAZIENTI IN TRATTAMENTO 1 Linda Montanari, Julian Vicente Osservatorio Europeo Droghe e Tossicodipendenze Introduzione Da 0.5% a 6% è

Dettagli

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI S. Rossi, C. Mortali, R. Spoletini, D. Mattioli, P. Zuccaro Dipartimento del Farmaco - ISS Dal rapporto annuale sulla droga dell ONU (2005), risulta

Dettagli

Draft sulla lettura dei risultati italiani dell indagine ALL (Adult literacy and Life skills) Aree geografiche a confronto

Draft sulla lettura dei risultati italiani dell indagine ALL (Adult literacy and Life skills) Aree geografiche a confronto Draft sulla lettura dei risultati italiani dell indagine ALL (Adult literacy and Life skills) Aree geografiche a confronto L indagine internazionale ALL raccoglie elementi importanti che riguardano la

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

2. USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE

2. USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE 2. USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE 2.1 Uso di droga nella popolazione generale 2.2 Uso di droga nei giovani scolarizzati 2.3 Uso di droga in gruppi specifici 2.3.1 Segnalazioni alle Prefetture per detenzione

Dettagli

Simone Bertacca Responsabile Centro Studi Farmacotossicodipendenze Ser.T. Parma

Simone Bertacca Responsabile Centro Studi Farmacotossicodipendenze Ser.T. Parma Simone Bertacca Responsabile Centro Studi Farmacotossicodipendenze Ser.T. Parma Ignazio Morreale Responsabile Unità Di Strada Programma Dipendenze Patologiche Oppiacei 7751 8173 Cocaina 614 1362 Stimolanti

Dettagli

CAPITOLO I.4. IMPLICAZIONI SOCIALI

CAPITOLO I.4. IMPLICAZIONI SOCIALI CAPITOLO I.4. IMPLICAZIONI SOCIALI I.4.1. Inclusione sociale I.4.1.1 Condizione lavorativa I.4.1.2 Assenza di fissa dimora I.4.2. Criminalità droga correlata I.4.2.1 Adulti tossicodipendenti ristretti

Dettagli

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA I dati relativi alle prevalenze dei consumi di sostanze psicoattive, legali ed illegali, nella popolazione

Dettagli

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza Numero 1 Si riporta di seguito una sintesi dei dati sul sistema dell Alta Formazione Artistica e Musicale in riferimento all anno accademico 2005/2006. Essa è il risultato dell ultima delle rilevazioni

Dettagli

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia 11. SANITÀ E SOCIALE 11.1. Mortalità e cause di morte L alto indice di vecchiaia che caratterizza la popolazione della provincia di Rovigo si riflette sul tasso di mortalità, i cui valori, nel periodo

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 16 maggio 2102 Comune di Cosenza RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO Ufficio Relazioni con il Pubblico Strumento n 9: modello report

Dettagli

Stima dell assunzione di stupefacenti in lavoratori dei settori autotrasporti ed edilizia in provincia di Bergamo

Stima dell assunzione di stupefacenti in lavoratori dei settori autotrasporti ed edilizia in provincia di Bergamo Unità Operativa Medicina del Lavoro - Ospedali Riuniti di Bergamo Stima dell assunzione di stupefacenti in lavoratori dei settori autotrasporti ed edilizia in provincia di Bergamo LE RELAZIONI SARANNO

Dettagli

Gli immobili in Italia - 2015

Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati

Dettagli

Il turismo e l immagine della Brianza

Il turismo e l immagine della Brianza Il turismo e l immagine della Brianza Sistema delle imprese, flussi turistici e percezione del territorio A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza Luglio 2011 I numeri del

Dettagli

CAPITOLO III.2. TRATTAMENTI SOCIO SANITARI

CAPITOLO III.2. TRATTAMENTI SOCIO SANITARI CAPITOLO III.2. TRATTAMENTI SOCIO SANITARI III.2.1. Programmi e qualità dei trattamenti attivati dalle Regioni III.2.2. Trattamenti erogati dai Servizi per le Tossicodipendenze III.2.3. Soggetti tossicodipendenti

Dettagli

Settore Programmazione Controllo e Statistica Popolazione anziana a Padova Anno 2014

Settore Programmazione Controllo e Statistica Popolazione anziana a Padova Anno 2014 Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Popolazione anziana a Padova Anno 2014 Comune di Padova - Settore Programmazione Controllo e Statistica - Via Tommaseo, 60 - Segreteria Tel.

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

Rapporto sullo stato delle dipendenze patologiche. Il quadro epidemiologico

Rapporto sullo stato delle dipendenze patologiche. Il quadro epidemiologico Azienda USL di Ferrara Osservatorio Epidemiologico Dipendenze Patologiche Rapporto sullo stato delle dipendenze patologiche. Il quadro epidemiologico Gabriella Antolini Biostatistica Ferrara, 13 Marzo

Dettagli

Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna

Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna 2008 Regione Autonoma della Sardegna Realizzazione a cura dell Assessorato dell Igiene, Sanità e dell Assistenza Sociale via Roma

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015)

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015) L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015 (novembre 2015) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 17 settembre 2015. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI inarcassa in Cifre Statistiche su iscritti e pensionati, redditi e volume d affari Ufficio Studi e Ricerche

Dettagli

Fonti e strumenti statistici per la comunicazione (prof.ssa I.Mingo) Esercizi (soluzioni e suggerimenti )

Fonti e strumenti statistici per la comunicazione (prof.ssa I.Mingo) Esercizi (soluzioni e suggerimenti ) Esercizio 1 Fonti e strumenti statistici per la comunicazione (prof.ssa I.Mingo) Esercizi (soluzioni e suggerimenti ) Qualitativo Sconnesso: Marca di Jeans preferita, Partito votato nelle ultime elezioni,

Dettagli

Indagine sulle disuguaglianze di salute della popolazione ad alta marginalità sociale

Indagine sulle disuguaglianze di salute della popolazione ad alta marginalità sociale Indagine sulle disuguaglianze di salute della popolazione ad alta marginalità sociale Firenze, 22 Maggio 2014 Fabrizio Mariani Presidente C.N.C.A. Toscana I presupposti della ricerca: - Servizi di bassa

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato. Tab.5.15: Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato per classi di età

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato. Tab.5.15: Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato per classi di età Tab.5.14: Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato Nuovi utenti 72 48 44 51 106 133 Proporzione di maschi (nuovi utenti) 93% 92% 86% 78% 84%

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO SULLO STATO DELLE TOSSICODIPENDENZE IN ITALIA 2001

RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO SULLO STATO DELLE TOSSICODIPENDENZE IN ITALIA 2001 RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO SULLO STATO DELLE TOSSICODIPENDENZE IN ITALIA 2001 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE SOCIALI E PREVIDEZIALI Indice Introduzione

Dettagli

DIPARTI T ME M NT N O

DIPARTI T ME M NT N O Direzione Sociale DIPARTIMENTO DIPENDENZE Report dell Osservatorio DIPARTIMENTO DIPENDENZE Sintesi. Anno 2013 INDICE 1. ANALISI DEI TREND 2011-2013 2. ANALISI SUDDIVISA PER TIPOLOGIA DI UTENZA (Tossicodipendenti;

Dettagli

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale.

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale. Serie schede tematiche gennaio 2007 - n. 27 - cod. 67447 pag. 1 I pensionati italiani: quanti sono, quanto percepiscono, dove risiedono i pensionati di nord, centro, sud, estero le pensioni sociali in

Dettagli

RASSEGNA STAMPA DATI GIOCO D AZZARDO A ROMA. A cura di. Agenzia Comunicatio

RASSEGNA STAMPA DATI GIOCO D AZZARDO A ROMA. A cura di. Agenzia Comunicatio RASSEGNA STAMPA DATI GIOCO D AZZARDO A ROMA A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA GIOCO D'AZZARDO: CEIS DON PICCHI, "18% GIOVANI ROMANI VITTIME GIOCHI ON LINE, COLPITI SEMPRE PIÙ I DISOCCUPATI

Dettagli

Le dipendenze nel territorio della ASL 10 Firenze: Bollettino anno 2004 e andamento nel periodo 1996-2004

Le dipendenze nel territorio della ASL 10 Firenze: Bollettino anno 2004 e andamento nel periodo 1996-2004 Regione Toscana Azienda Sanitaria Firenze Dipartimento delle Dipendenze Osservatorio Socio-Epidemiologico per le Tossicodipendenze e l Alcolismo Le dipendenze nel territorio della ASL 10 Firenze: Bollettino

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

Contratti aziendali per il 63,5% dei lavoratori delle imprese industriali associate a Confindustria

Contratti aziendali per il 63,5% dei lavoratori delle imprese industriali associate a Confindustria 14-11-2015 Numero 15-14 NOTA DAL CSC Indagine Confindustria sul lavoro nel 2014 1 Contratti aziendali per il 63,5% dei lavoratori delle imprese industriali associate a Confindustria Jobs Act e sgravi contributivi

Dettagli

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE Il fenomeno dell invecchiamento nella conduzione aziendale 1. I CONDUTTORI AGRICOLI NELL UNIONE EUROPEA Secondo i più recenti dati disponibili

Dettagli

INTRODUZIONE LA VALUTAZIONE TRAMITE QUESTIONARIO

INTRODUZIONE LA VALUTAZIONE TRAMITE QUESTIONARIO INTRODUZIONE Anche quest anno, Piscine Forlì S.S.D. A.R.L. ha proposto ai suoi utenti un questionario per rilevarne la soddisfazione. L intento del gestore è stato molto ambizioso, non si è limitato infatti

Dettagli

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara 13 marzo 2007 Cristina Sorio Responsabile Osservatorio Epidemiologico Dipendenze Patologiche Azienda USL di Ferrara LIVELLO

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

Temperamento, Addiction ed esiti trattamentali: uno studio su un campione di adolescenti. (II Parte).

Temperamento, Addiction ed esiti trattamentali: uno studio su un campione di adolescenti. (II Parte). Temperamento, Addiction ed esiti trattamentali: uno studio su un campione di adolescenti. (II Parte). Analisi dei dati Il nostro campione presenta un livello di disagio soggettivo molto alto così come

Dettagli

USO/ABUSO/DIPENDENZA DA SOSTANZE

USO/ABUSO/DIPENDENZA DA SOSTANZE DIREZIONE SOCIALE Dipartimento Dipendenze USO/ABUSO/DIPENDENZA DA SOSTANZE Per poter effettuare un analisi delle caratteristiche che assume, nel tempo, il fenomeno dell uso di sostanze, non ci si può limitare

Dettagli

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori 18 settembre 2014 A Bologna nel 2012 quasi 296.000 contribuenti

Dettagli

8.11.1. Profilo di salute Settore Dipendenze

8.11.1. Profilo di salute Settore Dipendenze 8.11.1. Profilo di salute Settore Dipendenze Dipendenze - dati 2004 Nome Indicatore Zancan Indicatori SDS Valore Note Persone 14 anni che consumano oltre 1/2 litro di vino al giorno per 1000 persone Utenti

Dettagli

2.1.3. DIPENDENZE. La rete dei Servizi per le tossicodipendenze

2.1.3. DIPENDENZE. La rete dei Servizi per le tossicodipendenze 2.1.3. DIPENDENZE La rete dei Servizi per le tossicodipendenze L assistenza ai tossicodipendenti nella inizia a strutturarsi nel 1985 per effetto dalla L.R. 70/84, a seguito dei Decreti Ministeriali del

Dettagli

Le strutture residenziali per minori in Sardegna

Le strutture residenziali per minori in Sardegna Le strutture residenziali per minori in Sardegna Le comunità presenti in Sardegna Le comunità intervistate I minori presenti I minori dimessi dal 2003 al 2005 I minori di prossima dimissione Nei mesi di

Dettagli

Progetto sui comportamenti a rischio di IST:

Progetto sui comportamenti a rischio di IST: Progetto sui comportamenti a rischio di IST: studio nel Centro fiorentino Cipriani F., Silvestri C., Alice B. Osservatorio di Epidemiologia - ARS Toscana www.ars.toscana.it francesco.cipriani@ars.toscana.it

Dettagli

Le competenze degli adulti nell ambito delle iniziative PON 2007/2013: modelli di rilevazione e strumenti diagnostici

Le competenze degli adulti nell ambito delle iniziative PON 2007/2013: modelli di rilevazione e strumenti diagnostici Le competenze degli adulti nell ambito delle iniziative PON 2007/2013: modelli di rilevazione e strumenti diagnostici Bagheria 16 settembre 2008 Monitoraggio Nazionale EdA a.s. 2006/07 GestioneProgetti

Dettagli

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV Presentazione di Antonio Zanon (Consorzio Biblioteche Padovane Associate) Biblioteca di Abano Terme Sala Consultazione 5 marzo 2009 Scopo della presentazione

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

SETTORE AFFARI GENERALI E CANTIERI DI LAVORO

SETTORE AFFARI GENERALI E CANTIERI DI LAVORO DIVISIONE LAVORO, ORIENTAMENTO, FORMAZIONE SETTORE AFFARI GENERALI E CANTIERI DI LAVORO I Cantieri di Lavoro, istituiti con L.R. 55/84, fin dall inizio indirizzati alle fasce più deboli del mercato del

Dettagli

Relazione 2013 sul fenomeno della tossicodipendenza nel Lazio

Relazione 2013 sul fenomeno della tossicodipendenza nel Lazio D EP Lazio Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale - Regione Lazio Relazione 2013 sul fenomeno della tossicodipendenza nel Lazio SISTEMA SANITARIO REGIONALE ASL ROMA E Relazione

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

Usabilità e comunicazione di www.spezialmente.it

Usabilità e comunicazione di www.spezialmente.it Pagina 1 di 7 Usabilità e comunicazione di www.spezialmente.it Finalità dell inchiesta "Quanto è usabile Spezialmente?". Ad un anno e mezzo dalla nascita e a meno di 6 mesi del fondamentale passaggio a

Dettagli

Le persone senza dimora

Le persone senza dimora Le persone senza dimora Linda Laura Sabbadini Direttore Dipartimento statistiche sociali e ambientali 9 Ottobre 2012 In maggioranza vivono al Nord Sono 47.648 le persone senza dimora che tra novembre e

Dettagli

VITTIME DEL GIOCO D AZZARDO

VITTIME DEL GIOCO D AZZARDO RASSEGNA STAMPA VITTIME DEL GIOCO D AZZARDO A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA GIOCO D'AZZARDO: CEIS DON PICCHI, "A ROMA L'80% DEI GIOCATORI VITTIME DI SLOT E SCOMMESSE SPORTIVE" ROMA - Maschio,

Dettagli

servizi per le dipendenze PROGETTO COCAINA Corso di aggiornamento 2009 per medici, farmacisti ed operatori sociosanitari BELLINZONA

servizi per le dipendenze PROGETTO COCAINA Corso di aggiornamento 2009 per medici, farmacisti ed operatori sociosanitari BELLINZONA Corso di aggiornamento 2009 per medici, farmacisti ed operatori sociosanitari BELLINZONA Mercoledì 28 ottobre 2009 1 Criteri per la descrizione dei diversi profili di consumatori Cocaina CARATTERISTICHE

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria

Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria UNA PANORAMICA DEL FENOMENO DELLE DIPENDENZE IN LIGURIA Quali sono le ragioni dell esistenza di un Osservatorio Epidemiologico Regionale delle Tossicodipendenze

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Aprile 2015 Anno 2015 vigenti all 1.1.2015 e liquidate nel 2014 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2015

Dettagli

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Lombardia Statistiche Report N 1 / 8 febbraio 2016 Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Sintesi Al 2013 la diffusione di limitazioni nello svolgimento delle attività

Dettagli

COCAINA 10.1 WEB CO CARE : UN SERVIZIO IN LINEA. Premessa

COCAINA 10.1 WEB CO CARE : UN SERVIZIO IN LINEA. Premessa 10.1 WEB CO CARE : UN SERVIZIO IN LINEA Agusto Consoli, Teresio Minetti Dipartimento Patologia delle Dipendenze Asl 4, Torino Premessa Il rendersi conto che il consumo di cocaina possa diventare problematico

Dettagli

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti 17. Criminalità: le sostanze stupefacenti Nel 2004 Roma è risultata tra le prime città italiane per sequestri di droghe tradizionali, soprattutto di cocaina (487,4 Kg, pari al 15,2% dei sequestri complessivi

Dettagli

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO REPORT INDAGINE Provincia di Lecce RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Dicembre 2013 REPORT: UFFICIO DI STATISICA FONTE DATI: UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO INDICE

Dettagli

ASSE IV CAPITALE UMANO

ASSE IV CAPITALE UMANO ASSE IV CAPITALE UMANO 1.PERCORSI FORMATIVI E SERVIZI SUCCESSIVI AL CONSEGUIMENTO DELL OBBLIGO Attività SCOLASTICO FINO A 16 ANNI, RIVOLTI ALL ACQUISIZIONE DI UNA QUALIFICA 2. PERCORSI FORMATIVI ANCHE

Dettagli

PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella

PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella 1. PREMESSA Il SIL è un servizio dell'azienda ULSS 21 di Legnago, in Staff al Dipartimento Distretto che agisce

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO DIPARTIMENTO DIPENDENZE Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER Maggio 2009 Responsabile Ricerca-Studio: Gruppo

Dettagli