CENTRO NAZIONALE DI STUDI URBANISTICI ENTE MORALE D.P.R. 01/07/1971 N 840. Ing. Flavio Piva Consiglio Direttivo Nazionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CENTRO NAZIONALE DI STUDI URBANISTICI ENTE MORALE D.P.R. 01/07/1971 N 840. Ing. Flavio Piva Consiglio Direttivo Nazionale"

Transcript

1 CENTRO NAZIONALE DI STUDI URBANISTICI ENTE MORALE D.P.R. 01/07/1971 N 840 Ing. Flavio Piva Consiglio Direttivo Nazionale

2

3 Convegno 2010 Pianificazione territoriale e difesa del suolo Quarant'anni dopo la Relazione De Marchi Convegno nazionale promosso da: CNI Associazione Idrotecnica Italiana CeNSU GRUPPO 183 Roma, 2 3 dicembre 2010 Atti a cura di Maurizio Tira e Michele Zazzi

4 Cattivo governo del territorio L'Allegoria ed Effetti del Buono e del Cattivo Governo Ambrogio Lorenzetti, Palazzo Pubblico di Siena

5 Buon governo del territorio L'Allegoria ed Effetti del Buono e del Cattivo Governo Ambrogio Lorenzetti, Palazzo Pubblico di Siena

6 Un punto di vista giuridico La diversità delle discipline tecniche e giuridiche richiede una sede di visione unitaria che è il Governo del Territorio ripartito fra Stato e Regione Il sistema italiano delle regole del settore difesa del suolo stratifica dal 1817, comincia dal 1895 e, passando attraverso la 183/'89 continua fino ad oggi sistema che presenta una disomogeneità temporale ed un punto di vista del mondo (che è tutto il mondo di quel punto di vista) coacervo di infinite complicazioni e ormai paralizzante Il sistema si colloca in un regime di separatezza Stato Regione dove la difesa dell'ambiente e la difesa del suolo, con tutti i rischi da dissesto idrogeologico, sono competenze esclusive dello Stato mentre l'uso dei suoli e la fruizione dell'ambiente sono di competenza regionale Il criterio giuridico della prevalenza discrimina l'attribuzione all'una o all'altra istituzione Avv. Francesco Lettera

7 Rapporti sovraordinati La sovraordinazione della pianificazione di bacino ai piani territoriali e ai piani urbanistici si concretizza operativamente nell'obbligo in capo alle autorità competenti, entro dodici mesi, di adeguare i rispettivi piani territoriali e programmi regionali quali, in particolare, quelli relativi alle attività agricole, zootecniche ed agroforestali alla tutela della qualità delle acque, alla gestione dei rifiuti, alla tutela dei beni ambientali ed alla bonifica. Non è chi non vede che questo obbligo può avere effetti solo in tempi ben più lunghi dell'anno; la ridda di piani urbanistici e non, regionali, provinciali, comunali e i programmi operativi di cui sono ad oggi dotati enti di ogni livello rende inefficace l'effetto a cascata di tali norme sovraordinate. Avv. Francesco Lettera Alla fine si tratterà di affidare all'ultimo controllo, per ben che vada, la conformità del progetto mentre nessuno sorveglierà la coerenza generale di cosa si va a fare sul territorio.

8 Erasmo D'Angelis Coordinatore della Struttura di Palazzo Chigi #italiasicura contro il dissesto idrogeologico e per lo sviluppo delle infrastrutture idriche. Paese con caratteristiche morfologiche quasi uniche, una aggrovigliata geofisica del sottosuolo per la sua natura geologica in gran parte giovane, caratterizzata da terreni argillosi e sabbiosi incoerenti e malamente ancorati alla roccia dura e stabile. Purtroppo, questo stato di dissesto, presente in circa il 10% del territorio nazionale dove vivono circa 6 milioni di italiani, si intreccia con una impressionante carenza pianificatoria di superficie, con la quasi scomparsa delle manutenzioni, con abusi del suolo, con la scarsa percezione della dimensione dei pericoli e anche con la scarsa conoscenza dei fenomeni. È un mix che amplifica gli eventi e la loro potenza distruttiva che viene moltiplicata da errori fatali, primo fra tutti la caparbietà con la quale il territorio più fragile e anche densamente abitato, è stato spremuto come se vivessimo in un'italia virtuale e priva di rischi incombenti

9 Erasmo D'Angelis Coordinatore della Struttura di Palazzo Chigi #italiasicura contro il dissesto idrogeologico e per lo sviluppo delle infrastrutture idriche. Le nostre nuove regole fondamentali, da far applicare ovunque, devono essere quelle della prevenzione strutturale, di una buona pianificazione urbanistica, della fine del consumo di suolo, la consapevolezza di non dover più pagare costi carissimi, in termini di vite umane, distruzioni, e di danni per 3.5 miliardi di euro ogni anno dal dopoguerra ad oggi Occorre un salto tecnico, occorrono nuove linee guida per gli interventi sul reticolo idraulico Occorrono progetti esecutivi per mettere in sicurezza intanto le aree metropolitane

10 Obiettivi della pianificazione urbanistica oggi Per il territorio: Limite al consumo di suolo - Razionalizzazione infrastrutture Tutela paesaggio / Piani di Area vasta Sicurezza idrogeologica e sismica Per le città: Rigenerazione urbana / Limitazione espansioni a consumo di suolo Risparmio energetico Energie rinnovabili e mobilità sostenibile Bellezza delle città - Sobrietà Città sicura e resiliente

11 La posizione del CeNSU Il piano in crisi Spesso i comuni interessati da eventi catastrofici sono correttamente pianificati, anche con strumenti molto recenti, integrati da importanti documenti di Valutazione Ambientale Strategica (VAS), ma questi strumenti non sono stati in grado di assorbire l eccezionalità dell evento; riteniamo che ad un piano si possa chiedere di più. Dopo ogni evento catastrofico si fa certamente una ricognizione degli strumenti esistenti, per adeguare le carte dei rischi ma questo non basta: non basta aggiungere analisi anche esaustive a piani concepiti con le logiche del passato. E indispensabile una reale integrazione fra gli obiettivi della pianificazione territoriale e le esigenze sempre più tragicamente attuali di sicurezza del territorio.

12 La posizione del CeNSU Lo scenario di rischio peggiore Se si vuole pianificare tenendo solo conto dello scenario di rischio peggiore, la normativa urbanistica non può che essere subordinata acriticamente al vincolo e quindi irrigidita La pianificazione urbanistica con i suoi metodi e strumenti è invece in grado di indirizzare norme e comportamenti e di definire ed interpretare gli scenari locali di rischio sulla cui base graduare norme e favorire comportamenti virtuosi. Un piano per questi tempi Una pianificazione urbana e territoriale basata sulla valutazione del rischio e della vulnerabilità del territorio che oggi appare necessaria può essere vista anche come snodo concettuale di un nuovo piano nel quadro generale dell auspicata riforma urbanistica nazionale e di una forte semplificazione di tutta la strumentazione di Governo del territorio, non solo urbanistica dunque.

13 La posizione del CeNSU Assicurazione e rischio catastrofi L introduzione di un assicurazione sul rischio territoriale, già presente in quasi tutti i principali paesi industrializzati in forme anche molto diverse, appare oggi quanto mai opportuna L interazione tra le logiche del meccanismo assicurativo e quelle dell'intervento pubblico può innovare le dinamiche del settore Le procedure di stima del danno atteso e quelle pubbliche di messa in sicurezza dell'area a rischio, attentamente integrate, possono rappresentare un virtuoso equilibrio di fattori nel pretendere prevenzione Le due fonti di risarcimento, pubblico e assicurativo, possono garantire i fondi necessari per la ricostruzione delle zone colpite La conoscenza del tipo di pericolo, la consapevolezza del rischio e l'accettazione di una situazione di rischio diverso da zero da parte di tutti, enti e cittadini, possono rappresentare un moderno modello di gestione del territorio

14 Piani urbanistici e vincoli idrogeologici Oggi due sono le posizioni possibili nel processo di formazione di un Piano Urbanistico: Subordinamento acritico al vincolo idrogeologico Partecipazione informale alla formazione del vincolo Solo rinvio alle prescrizioni grafico-normative di vincolo Interazione in fase di analisi di PRGC (studio geologico preventivo) Interazione in fase di formazione delle norme nei contatti, informali, con gli uffici regionali della pianificazione territoriale Ma molte altre opzioni di buon Governo del territorio si potrebbero aprire con interazioni reali in fase di formazione dei piani urbanistici e della pianificazione di bacino

15 New York 2012 L'alluvione a Manhattan e la lezione di Bloomberg - Federico Rampini - repubblica.it ANCHE New York ha avuto la sua alluvione, con danni gravissimi, morti e feriti, case distrutte, e tante polemiche sull'imprevidenza e l'impreparazione. Qui a Manhattan più che un alluvione fu una sorta di tsunami, l'effetto indiretto dell'uragano Sandy. L'uragano in senso stretto a fine ottobre 2012 passò al largo di New York e colpì con più violenza il New Jersey. Ma la forma dell'estuario del fiume Hudson a noi "regalò" un'alta marea micidiale, aggravata dai venti di potenza inusitata. Ci furono allagamenti gravissimi nella punta Sud di Manhattan, un pezzo della città rimase nel blackout per giorni interi. Danni perfino peggiori colpirono i "borough" piu` vicini al mare, come Queens e Long Island, con interi quartieri residenziali devastati. New York capì di avere colpevolmente sottovalutato gli effetti del cambiamento climatico. Da Sandy in poi Bloomberg decise di dedicare la maggior parte delle sue energie a piani di lunghissimo periodo, i cui benefici saranno percepiti dai cittadini quando nessuno si ricorderà più di lui. New York è diventata un cantiere di opere pubbliche e private per la difesa dai disastri naturali.

16 New York 2014 La metropolitana ha intrapreso imponenti lavori per la protezione dei suoi tunnel. Tutte le zone costiere, dall'area di Battery Park (Manhattan Sud) a Brooklyn, da Staten Island a Queens, sono dei cantieri dove si edificano nuove difese. I principali serbatoi d'intelligenze della città, come lo Earth Institute della Columbia University (presieduto da Jeffrey Sachs) sono stati chiamati a collaborare con le autorità cittadine per studiare i migliori sistemi di prevenzione e difesa. La parola d'ordine è diventata "resilienza": quella proprietà studiata in fisica e riassunta nel detto popolare "mi piego ma non mi spezzo". Contro le forze della natura il più delle volte non serve erigere Grandi Muraglie, è meglio "collaborare" con la natura stessa. Un esempio classico è la riscoperta del ruolo prezioso delle "wetland", zone umide, lagune, che possono fungere da serbatoi naturali per accogliere un futuro uragano, un futuro tsunami, smorzandone la potenza distruttiva. Questo significa usare la natura stessa per rendere meno letale il prossimo evento anomalo. La riscoperta di queste difese naturali è stato un passo avanti e una strategia alternativa, rispetto a progetti di cementificazione e di edificazione di grandi dighe contro le maree. Questo è solo uno dei filoni d'intervento, elencare tutti gli investimenti fatti nel dopo- Sandy e in funzione del prossimo disastro naturale, è quasi impossibile. Ogni cantiere ormai "incorpora" nei suoi lavori e nella sua progettualità il rischio di maree anomale, inondazioni veloci e violente; tutti gli edifici nuovi sono pensati per contenere e minimizzare i danni, facilitare le evacuazioni, accogliere l'onda d'urto senza patirne shock letali. Federico Rampini - repubblica.it

17 New York New York Uragano: Zone di evacuazione From Coastal Storm Plan

18 New York New York Mappa Degli interventi costieri

19 New York 2014 Piani & Norme Strategie & Progetti - Partecipazione

20 New York 2014 Strategie e Progetti

21 Italia P.A.I.L. Mosaico del Piano stralcio per l'assetto Idrogeologico del bacino idrografico del fiume Livenza Carta della pericolosità idraulica

22 Il rischio urbano: i vincoli

23 Il rischio urbano: le norme

24 L'ineffabile rischio zero molti degli eventi catastrofici hanno interessato aree a rischio zero cioè sicure secondo i piani Per queste situazioni il concetto di rischio zero è un utopia deleteria; sopratutto all interno di un sistema che tende a sanzionare penalmente qualsiasi errore, o presunto tale Visti i cambiamenti climatici e i nuovi modelli idrometrici interpretativi degli eventi brevi estremi, utile per tutti sarebbe ampliare l'area dell'errore calcolato nelle valutazioni dei rischi Molte zone, in specie urbane, sono in effetti a rischio vicino allo zero, fuori dai pericoli dei modelli di valutazione ma localmente a rischio Anche qui l'analisi di dettaglio del territorio che i piani urbanistici o di settore e le loro analisi fanno, sono indispensabili

25 La regolazione delle aree a rischio Se rischio zero significa zona esente da pericolo o zona sicura per vincolo assoluto di esclusione d'uso Da questa classificazione duale discendono norme di vincolo semplici, radicali e chiare Tutte le altre zone sono a diverse % di rischio che vengono regolate dai Piani di bacino con sempre più complesse norme, zoning e rinvii ad altri piani ma così: se dal rischio non si passa al vincolo ma ad un piano di indirizzi e regole, il processo deve essere allora quello di tipo urbanistico Invece, il Piano di bacino si sovrappone completamente ai Piani urbanistici e li costringe a norme improprie, come per es. nelle aree già costruite dove insieme all'opzione di rilocalizzare sarebbe utile valutare, insieme, anche ipotesi di ristrutturazioni a riduzione di rischio o altre azioni di riduzione del danno

26 La città è complessa Servono norme articolate e strumenti di gestione raffinati

27 Dal vincolo alla regola I VINCOLI - P.A.I.L. Zoning: essenziale a 4 livelli Norme: si stanno trasformando in normative edilizio-urbanistiche LE REGOLE - P.R.G.C. Zoning urbanistico e norme complesse Vincoli idrogeologici: rinvio a P.A.I.L.

28 Lavorare in parallelo non in serie I VINCOLI - P.A.I.L. LE REGOLE - P.R.G.C. La pianificazione di bacino rischia di riproporre vecchi vizi dell'urbanistica La pianificazione a cascata è superata da tempo e non va riproposta. Se le strategie e i progetti di regolazione dei sistemi idrografici di bacino vogliono essere efficaci le variazioni degli strumenti urbanistici devono viaggiare parallele ai piani idrogeologici. Molte opere sono ormai necessarie in ambito urbano o urbanizzato e quindi servono strumenti attuativi da predisporre insieme al vincolo e procedure urbanistiche complesse, partecipate e aperte anche a interventi pubblico-privati Servono piani di bacino con contenuti strutturali a grande scala, interagenti con la pianificazione territoriale, e attuativi a scala locale, con ipotesi progettuali interagenti con la pianificazione urbana e i suoi strumenti operativi.

29 La pianificazione di bacino Oggi i Piani di bacino o i PAI sono basati su: Principio di prevalenza Stato/Regioni Sovraordinazione piani di bacino e piani urbanistici Struttura gerarchica e a cascata I nuovi Piani di settore non è ancora chiaro come si conformeranno: Piani strategici/strutturali o operativi/attuativi? Gestione di vincoli o azioni? Parametri statici o dinamici? Rapporto con i PAI: sostituzione o affiancamento? Rapporto con tutti gli altri piani di governo del territorio Partecipazione e VAS: in quali forme?

30 Piani urbanistici Modello pianificatorio attuale Piano a due/tre componenti Strutturale Operativo Non cogente, indirizzi, invarianti, norme quadro Cogente, norme, vincoli, premialità, convenzioni Flessibilità Chiave di volta moderna della gestione dei piani Procedura adozione/approvazione con osservazioni e procedura partecipata Pianificazione attuativa, programmi complessi, interventi pubblico/privato, perequazione

31 Piani di bacino & Piani urbanistici Una legge è indispensabile per stabilire i ruoli Obiettivi e problematiche comuni Modelli di piano mutuabili dall'urbanistica Sicurezza urbana e conservazione del paesaggio Partecipazione alle scelte Vision a tempi medio-lunghi Ciclo delle acque urbano e agricolo Pianificazione di area vasta come ambito a cui tendere Componente strutturale + operativa + flessibilità Analisi di territorio integrate Partecipazione alla formazione Procedure di formazione integrate/correlate e non a cascata/subordinate; mai varianti automatiche

32 Il CeNSU concorda Serve un nuovo approccio dinamico che Gruppo 183 Prime osservazioni sul D.L. 133/2014 Butti all aria la logica della distinzione tra emergenze e azioni a medio-lungo termine Risolva l'inefficacia dei piani di bacino con tempi biblici per la loro predisposizione, adozione e approvazione ma per questi obiettivi non è sufficiente pianificare con zoning, vincoli e norme nate solo per l'apposizione di veti Per passare dai piani dei vincoli ai piani di gestione servono i modelli della pianificazione urbanistica

33 Il CeNSU concorda La distinzione tra una fase emergenziale ed una fase di medio-lungo termine non è condivisibile Gruppo 183 Prime osservazioni sul D.L. 133/2014 Perchè contraria al percorso introdotto dalle Direttive comunitarie 2000/60 e 2007/60 Perchè genera incongruenze interventi emergenziali che causare effetti non graditi o non concordati con le Regioni vicine o p.es. interventi urgenti che iniziano a valle... mentre altri piano stralcio di bacino indicano di iniziare da monte Servono strumenti complessi, interprofessionali, pluriscala e partecipati per gestire processi reali di governo del territorio

34 Il CeNSU concorda il nostro Paese proseguirà nelle ambigue politiche di difesa del suolo Gruppo 183 Prime osservazioni sul D.L. 133/2014 da un lato si sta adoperando per realizzare - con urgenza - gli interventi segnalati dalle Regioni e dalla Protezione Civile dall altro sta elaborando un nuovo percorso di pianificazione comunitaria contro il rischio idrogeologico completamente svincolato dal primo, attuato con l adozione di nuovi strumenti di valutazione ambientale e di partecipazione pubblica Va però evitato il rischio esiziale di sovrapporre piani a piani e procedure a procedure La VAS e la partecipazione, in campo urbanistico sono diventate procedure burocratiche quasi inutili

35 Più sicuri Diminuiscono i morti il numero complessivo di persone vittime di fenomeni meteo estremi si è ridotto radicalmente negli ultimi decenni ancor più è diminuito il rischio individuale: negli ultimi anni hanno perso la vita per evento estremi tre persone su un milione a fronte di più di cento nella prima metà del secolo Rimangono i danni economici che andrebbero risarciti anche con l'intervento delle assicurazioni

36 L'assicurazione All'estero ci si avvale in molti casi del maggiore ammortizzatore esistente in caso di catastrofi naturali rappresentato dal sistema assicurativo nel suo complesso. Tutte le più grandi catastrofi naturali del mondo dalle inondazioni nel Sud Est asiatico agli uragani negli Stati Uniti sono stati coperti dal sistema assicurativo e soprattutto riassicurativo. Dati ANIA La media sugli ultimi 10 anni è stata di 60 miliardi di dollari all anno di sinistri pagati dal sistema riassicurativo per fare fronte alle catastrofi naturali verificatesi in ogni parte del globo.

37 Dati ANIA 2011: Associazione Nazionale fra Imprese Assicuratrici

38 Danno Annuo Atteso: 2,8 mlrd Stima del danno annuo da catastrofi naturali alle abitazioni civili Patrimonio immobiliare abitativo italiano: Valore complessivo a costo di ricostruzione: 27 milioni ca. di unità residenziali miliardi di euro ca. Danno Annuo Atteso: 2,8 miliardi = 73 / abitazione Dati ANIA La stima del danno annuo da catastrofi naturali è pari ad un costo di circa 73 euro per un unità abitativa del valore di ricostruzione di euro

39 Dati ANIA

40 Dati ANIA Danno massimo per tempo di ritorno Significativa per comprendere il danno che le catastrofi naturali possono arrecare al patrimonio abitativo è la distribuzione del danno annuo massimo probabile per tempo di ritorno. Tale distribuzione riporta il danno massimo che si verifica con un certo livello di probabilità espressa per tempo di ritorno. Al tempo di ritorno di 200 anni (cioé con una probabilità del 99,5% dal momento che accadrebbe una volta ogni 200 anni) corrisponde un danno annuo massimo probabile pari a circa 34,2 miliardi di euro Non sono state prese in considerazione altre catastrofi naturali quali il vulcanismo, le frane, le flash floods, la sussidenza, i maremoti, le mareggiate e l acqua alta per mancanza di modellistica e dati attendibili e per la scarsa significatività nel nostro Paese di questi fenomeni.

41 Danno massimo per tempo di ritorno Dati ANIA

42 Eventi sismici - D.A.A.: 2,6 mlrd Stima del danno annuo da catastrofi naturali alle abitazioni civili Patrimonio immobiliare abitativo italiano: 27 milioni ca. di unità residenziali Valore complessivo a costo di ricostruzione: Danno annuo da solo evento sismico miliardi di euro ca. Danno Annuo Atteso: 2,6 miliardi = 67 / abitazione Dati ANIA La stima del danno annuo da catastrofi naturali è pari ad un costo di circa 73 euro per un unità abitativa del valore di ricostruzione di euro al tempo di ritorno 200 anni corrisponde un danno annuo massimo probabile pari a 34,1 miliardi

43 Dati ANIA

44 Eventi alluvionali Stima del danno annuo da catastrofi naturali alle abitazioni civili Gli eventi alluvionali hanno frequenze di accadimento maggiori di quelli sismici un danno medio sensibilmente inferiore Dati ANIA Infatti, il grado medio di danno per un edificio colpito da un evento alluvionale di tirante idrico pari ad 1 metro, è circa il 18% della somma assicurata relativa alle sole unità abitative ubicate al piano terra o interrato. esclusi i danni relativi ai contenuti dell edificio quali gli arredi e i mobili

45 Eventi alluvionali - D.A.A.: 0,23 mlrd Stima del danno annuo da catastrofi naturali alle abitazioni civili Patrimonio immobiliare abitativo italiano: 27 milioni ca. di unità residenziali Valore complessivo a costo di ricostruzione: Danno annuo da solo evento alluvionale miliardi di euro ca. Danno Annuo Atteso: 0,23 miliardi = 6 / abitazione Dati ANIA La stima del danno annuo da catastrofi naturali è pari ad un costo di circa 73 euro per un unità abitativa del valore di ricostruzione di euro al tempo di ritorno 200 anni corrisponde un danno annuo massimo probabile, relativamente al solo rischio alluvionale, pari a 3,3 miliardi

46 Dati ANIA

47 Difficile assicurare Componenti ostative all'assicurazione rischio catastrofi Carenza di domanda: i cittadini si attendono risarcimenti pubblici come se fossero dovuti mentre, in generale, nel nostro Paese non esiste alcun diritto al risarcimento dei danni causati ai beni dalle catastrofi Carenza di offerta: Dati ANIA la situazione di elevato rischio naturale complessivo del territorio italiano rende la copertura assicurativa totale (34 mlrd euro) impegnativa come capitale da allocare Vi è anche una difficoltà a raggiungere la massa critica assicurativa che non deve essere concentrata esclusivamente nelle aree ad alto rischio

48 Difficile assicurare Componenti ostative all'assicurazione rischio catastrofi Aspetti legislativi ostativi: Dati ANIA il nostro Codice Civile nella sezione dedicata ai contratti assicurativi sui beni esclude la copertura assicurativa ai danni derivanti da catastrofi naturali che però viene nei fatti derogata con specifico patto contrario fra le parti nel nostro ordinamento civile vige il principio che non ci possa essere una sorta di arricchimento indebito, derivante dai risarcimenti ricevuti per eventuali danni ai beni. Infatti gli eventuali risarcimenti, nel loro complesso, non possono essere superiori al danno effettivamente patito. Pertanto in caso di catastrofe naturale i risarcimenti che si dovessero ricevere non potrebbero superare l entità del danno. Chi si fosse assicurato, pagando il relativo premio, correrebbe il rischio di vedersi negare l eventuale contributo per il ristoro dei danni da parte dello Stato

49 Tipologia assicurativa Proposte di assicurazione: obbligatoria e semiobbligatoria Assicurazione obbligatoria La proposta consiste nel rendere obbligatoria la copertura assicurativa contro l incendio e le catastrofi naturali alle unità abitative private a qualunque uso destinate purché non abusive. Assicurazione semiobbligatoria Dati ANIA La proposta consiste nel rendere obbligatoria l estensione alle catastrofi naturali delle coperture assicurative contro l incendio delle unità abitative civili comprensive delle attività commerciali annesse. La creazione di un sistema assicurativo misto tra il settore assicurativo privato e lo Stato può essere mutuato dalle migliori esperienze internazionali ma la specificità del nostro Paese fa pensare a un modello originale italiano diverso e diversificato territorialmente

50 Sistema di Contingent Capital Il più celebre è quello di un consorzio di Stati Caraibici che, avendo un economia in larga parte dipendente dal turismo, rischiano con una certa frequenza sensibili danni macroeconomici essendo sottoposti al fenomeno degli uragani e delle tempeste tropicali. Dati ANIA Il consorzio si garantisce un contingent capital al verificarsi di eventi catastrofici che permette loro di gestire l emergenza e riportare allo stato di normalità i territori colpiti. Lo schema di contingent capital non è adatto a risarcire direttamente il proprietario di un bene per il danno causato da un evento naturale, bensì è adatto a fornire ad Ente di una certa dimensione un capitale per far fronte alle necessità connesse al verificarsi dell evento

51 Richiami conclusivi I piani urbanistici e quelli di bacino dovrebbero interagire Il rischio urbano è multifattoriale e la risposta di piano deve essere integrata ad ogni scala Va ripensato il quadro normativo paralizzante delle prevalenze che devono confluire nel principio costituzionale del Governo del territorio, che è unico Pur essendocene troppe, manca una legge di coordinamento della pianificazione di bacino con la pianificazione territoriale Piani moderni: strutturali ed operativi, integrati ed inclusivi Come per le norme sismiche, ogni progetto deve contenere misure di prevenzione del danno e di conoscenza del rischio locale Nuovi approcci Serve un'assicurazione generale contro il rischio catastrofi Sviluppo maggiore della cultura del rischio diverso da zero

52 GRAZIE DELL'ATTENZIONE Ing. Flavio Piva Consiglio Direttivo Nazionale

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E DAL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Dettagli

Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico

Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico RemTech 2012 21 settembre Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico Coordinatori: Endro Martini, Filippo M. Soccodato

Dettagli

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 1. Quadro normativo statale Il Parlamento italiano è intervenuto circa 20 anni fa con una legge organica, la legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme

Dettagli

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART. 12 D.LGS. N. 152/2006

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART.

Dettagli

Autorità di Bacino del Fiume Arno

Autorità di Bacino del Fiume Arno BUONE NORME PER GESTIRE LE PIENE La redazione dei regolamenti di piena nel quadro normativo attuale Firenze 16 aprile 2014 Gli strumenti di pianificazione dell AdB Arno per la gestione del rischio idraulico:

Dettagli

I DANNI DA EVENTI ALLUVIONALI VALUTATI DAL SETTORE ASSICURATIVO

I DANNI DA EVENTI ALLUVIONALI VALUTATI DAL SETTORE ASSICURATIVO I DANNI DA EVENTI ALLUVIONALI VALUTATI DAL SETTORE ASSICURATIVO Carlo Conforti - ANIA Workshop Valutazione del rischio idraulico in ambito montano ed applicazione della direttiva Alluvioni Libera università

Dettagli

Premessa 23/05/2014 2

Premessa 23/05/2014 2 Regione Toscana NORMATIVA sulla DIFESA DEL SUOLO Legge Reg. 27 dicembre 2012 n. 79 Nuova Disciplina in materia di Consorzi di bonifica. Modifiche (Ver. alla l.r. 69/2008 e alla l.r. 91/98. 1.0) Abrogazione

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

ANTICIPAZIONI SULLO STUDIO QUANTITATIVO DANNI CATASTROFALI AL PATRIMONIO ABITATIVO ITALIANO E POSSIBILI SCHEMI ASSICURATIVI

ANTICIPAZIONI SULLO STUDIO QUANTITATIVO DANNI CATASTROFALI AL PATRIMONIO ABITATIVO ITALIANO E POSSIBILI SCHEMI ASSICURATIVI ANTICIPAZIONI SULLO STUDIO QUANTITATIVO DANNI CATASTROFALI AL PATRIMONIO ABITATIVO ITALIANO E POSSIBILI SCHEMI ASSICURATIVI Roberto Manzato Convegno CINEAS Calamità naturali: assistenzialismo o prevenzione?

Dettagli

Alcune questioni sul rischio di alluvioni nel Distretto Nord-Orientale

Alcune questioni sul rischio di alluvioni nel Distretto Nord-Orientale Alcune questioni sul rischio di alluvioni nel Distretto Nord-Orientale Con il patrocinio di Relatore: Antonio Rusconi, Ingegnere, Gruppo 183, Roma L alluvione del novembre 1966 nel Distretto Nord-Orientale

Dettagli

La polizza assicurativa come strumento di trasferimento del rischio residuo - lo stato dell'arte in Italia

La polizza assicurativa come strumento di trasferimento del rischio residuo - lo stato dell'arte in Italia La polizza assicurativa come strumento di trasferimento del rischio residuo - lo stato dell'arte in Italia Roberto Manzato Direttore Centrale Ania Vita, Danni e Servizi Workshop Valutazione del danno alluvionale:

Dettagli

Dissesto idrogeologico è un termine

Dissesto idrogeologico è un termine Il Dissesto idrogeologico un disastro italiano di Giovanni Maria Di Buduo* Dissesto idrogeologico è un termine infelice perché molto fuorviante: frane e alluvioni non sono dissesti, ma sono la concretizzazione

Dettagli

Catastrofali. Dott. Mirko Odepemko. Manager Assicurativo. www.ilbroker.it

Catastrofali. Dott. Mirko Odepemko. Manager Assicurativo. www.ilbroker.it Catastrofali Dott. Mirko Odepemko Manager Assicurativo Panoramica negli ultimi anni! Nel 2011 si sono registrati 253 catastrofi naturali nel mondo.! La perdita economica per tali catastrofi naturali ammonta

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Audizione

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Audizione Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Commissione Camera VIII, 12.11.2015, ore 8.30 Audizione (Eventi alluvionali che hanno colpito il territorio Calabrese ed emergenza idrica

Dettagli

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana Progetto di Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni FASE DI PARTECIPAZIONE ATTIVA (art.66 c.7 D.Lgs 152/06) I INCONTRO PUBBLICO PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore

Dettagli

GESTIONE SOSTENIBILE DEL COSTRUITO, Roma 22 maggio 2012

GESTIONE SOSTENIBILE DEL COSTRUITO, Roma 22 maggio 2012 GESTIONE SOSTENIBILE DEL COSTRUITO, Roma 22 maggio 2012 Schema della proposta di legge per la sicurezza e l efficienza energetica Il Gruppo di Lavoro e la Proposta di Legge Il Gruppo di lavoro (GdL), costituito

Dettagli

Il Mose (e non solo) a New York

Il Mose (e non solo) a New York 107 Il Mose (e non solo) a New York Venezia / New York. Elementi di crisi e soluzioni il modello Venezia Nell ottobre del 2012 l uragano Sandy (il più grande uragano Atlantico mai registrato) ha colpito

Dettagli

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 Allegato 6 Sintesi delle misure/azioni adottate

Dettagli

Problematica Idraulica e piani urbanistici

Problematica Idraulica e piani urbanistici Associazione Nazionale Urbanisti e Pianificatori Territoriali e Ambientali con il patrocinio di Comune di Este Consorzio di Bonifica Adige Euganeo PREVENZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO: UN COMPITO PER LA PIANIFICAZIONE

Dettagli

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana IL PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PAI Relazione introduttiva 1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana 1.1 La disciplina La difesa del suolo

Dettagli

Il ruolo delle Assicurazioni nelle catastrofi naturali. Ing. Sergio Ginocchietti

Il ruolo delle Assicurazioni nelle catastrofi naturali. Ing. Sergio Ginocchietti Il ruolo delle Assicurazioni nelle catastrofi naturali Ing. Sergio Ginocchietti Workshop CNR-IRPI -Torino, 13/2/2015 Agenda Un quadro del rischio alluvionale in Italia dal punto di vista dell assicuratore

Dettagli

Valutazione Globale Provvisoria

Valutazione Globale Provvisoria REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Territorio e Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO Attuazione della direttiva 2007/60/CE

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE Territorio e Rischio Idrogeologico ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE DR. GEOL. FRANCESCO BENINCASA LIBERO PROFESSIONISTA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il nuovo

Dettagli

MORETTI LUCA. Dati Personali:

MORETTI LUCA. Dati Personali: MORETTI ing. Luca Tel. e Fax 0564 28077 Via Goldoni n. 23 58100 Grosseto Cell. 333 8973895 e-mail: lucamoretti2@virgilio.it PEC: luca.moretti3@ingpec.eu Dati Personali: MORETTI LUCA Stato civile: sposato

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri

Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri RELAZIONE ILLUSTRATIVA Premessa La presente proposta di legge,

Dettagli

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane)

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) Standard Urbanistici: si introduce il metodo della perequazione e della cessione compensativa per

Dettagli

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova IMPOSTAZIONE METODOLOGICA

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova IMPOSTAZIONE METODOLOGICA Padova st innovazione Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova IMPOSTAZIONE METODOLOGICA INTRODUZIONE La ZIP di Padova, ha rappresentato e certamente ancora rappresenta una

Dettagli

LA GESTIONE DEI FIUMI TRA TUTELA, VALORIZZAZIONE E DISSESTO IDRAULICO. Torino, 8 luglio 2015

LA GESTIONE DEI FIUMI TRA TUTELA, VALORIZZAZIONE E DISSESTO IDRAULICO. Torino, 8 luglio 2015 LA GESTIONE DEI FIUMI TRA TUTELA, VALORIZZAZIONE E DISSESTO IDRAULICO. POSSIBILI MODELLI DI GOVERNANCE Torino, 8 luglio 2015 Ore 14 INTRODUZIONE a cura di Alberto Rudellat, Patrizia Saroglia (LaPo) Ore

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

MANIFESTO DEI GEOLOGI ITALIANI PER LA MESSA IN SICUREZZA DEL NOSTRO TERRITORIO

MANIFESTO DEI GEOLOGI ITALIANI PER LA MESSA IN SICUREZZA DEL NOSTRO TERRITORIO MANIFESTO DEI GEOLOGI ITALIANI PER LA MESSA IN SICUREZZA DEL NOSTRO TERRITORIO In occasione delle prossime elezioni politiche il Consiglio Nazionale dei Geologi, a nome di tutta la comunità geologica italiana,

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

UN ANNO DI GOVERNO PER L AMBIENTE

UN ANNO DI GOVERNO PER L AMBIENTE UN ANNO DI GOVERNO PER L AMBIENTE LOTTA AL DISSESTO IDROGEOLOGICO Piano nazionale senza precedenti da 7 miliardi in 7 anni per la sicurezza del territorio. Recuperati 2,3 miliardi non spesi. Già aperti

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

Il ruolo sociale e mutualistico dell assicurazione

Il ruolo sociale e mutualistico dell assicurazione Risposta alla consultazione sul documento: ELEMENTI PER UNA STRATEGIA NAZIONALE DI ADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI - Ministero dell Ambiente, Novembre 2013 Inquadramento La proposta di Strategia Nazionale

Dettagli

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Legambiente Rischio Idrogeologico: Un problema nazionale

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

PIANO DI BACINO STRALCIO ASSETTO IDROGEOLOGICO (PAI)

PIANO DI BACINO STRALCIO ASSETTO IDROGEOLOGICO (PAI) Autorità di Bacino della Puglia PIANO DI BACINO STRALCIO ASSETTO IDROGEOLOGICO (PAI) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Novembre 2005 TITOLO I PIANO DI BACINO DELLA REGIONE PUGLIA STRALCIO ASSETTO IDROGEOLOGICO...

Dettagli

REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 12 DEL 25/03/10

REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 12 DEL 25/03/10 1 REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 12 DEL 25/03/10 Deliberazione della Giunta Regionale 16 marzo 2010, n. 50-13546 L.R. 5.12.1977 n. 56 e successive modificazioni. Comune di CARIGNANO (TO). Variante

Dettagli

Il rischio idrogeologico nel Lazio

Il rischio idrogeologico nel Lazio Il rischio idrogeologico nel Lazio Geol. Tiziana Guida Consigliere dell Ordine dei Geologi del Lazio Il territorio della Regione Lazio, per la sua conformazione morfologica, si presta a varie tipologie

Dettagli

Italia: un territorio a rischio, sempre sotto osservazione

Italia: un territorio a rischio, sempre sotto osservazione Italia: un territorio a rischio, sempre sotto osservazione Intervista a Paola Pagliara, dirigente del Centro Funzionale Centrale del Dipartimento Nazionale nonché responsabile del Servizio rischio idrogeologico

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007 ORDINANZA N. 3 DEL 22.01.08 Oggetto: O.P.C.M. n. 3621 del 18.10.2007. Interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eccezionali eventi meteorologici che hanno

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE INDIRIZZI INTERPRETATIVI E CHIARIMENTI IN MERITO AI CRITERI PER LA REDAZIONE DELLA NORMATIVADEI PIANI DI BACINO PER LA TUTELA DAL RISCHIO IDROGEOLOGICO DI CUI ALLA

Dettagli

ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino

ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino Autorità di bacino del fiume Tevere Centro di Ricerca CERI Previsione, Prevenzione e

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto 15 gennaio 2013, c/o Camera di Commercio di Parma Via Verdi, Parma Il rischio idraulico La memoria degli eventi calamitosi

Dettagli

RIGENERAZIONE URBANA E RIUSO DEL SUOLO EDIFICATO PROPOSTE

RIGENERAZIONE URBANA E RIUSO DEL SUOLO EDIFICATO PROPOSTE RIGENERAZIONE URBANA E RIUSO DEL SUOLO EDIFICATO PROPOSTE PREMESSA A seguito dell esperienza maturata a livello nazionale con l iniziativa denominata #DissestoItalia sul tema del dissesto idrogeologico,

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

I COSTI DEL DISSESTO IDROGEOLOGICO

I COSTI DEL DISSESTO IDROGEOLOGICO I COSTI DEL DISSESTO IDROGEOLOGICO Geol. Gianluigi Giannella Geol. Tiziana Guida (Segreteria Tecnica per la Tutela del Territorio) IL COSTO PIÙ RILEVANTE È IMPUTABILE ALLA PERDITA DI VITE UMANE 1.473 vittime

Dettagli

RASSEGNA STAMPA UNIONE VENETA BONIFICHE TESTATE:

RASSEGNA STAMPA UNIONE VENETA BONIFICHE TESTATE: RASSEGNA STAMPA UNIONE VENETA BONIFICHE TESTATE: 7 AGOSTO 2015 UFFICIO COMUNICAZIONE UVB comunicazione@bonifica-uvb.it OGGI NOTIZIE SU: Consorzio/Pag. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Veronese Adige Po Delta del Po

Dettagli

VARIANTE STRUTTURALE 03/09

VARIANTE STRUTTURALE 03/09 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MONTANERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE STRUTTURALE 03/09 (ai sensi art. 1 L.R. 1/07) RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA SULLE AREE DII NUOVA ESPANSIIONE

Dettagli

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale Marco Amanti, Domenico Berti, Mauro Lucarini & Alessandro Troccoli ISPRA Lo studio affronta le possibili relazioni tra dissesto geologico-idraulico e variazioni climatiche, attraverso un approfondimento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L Unione delle Province d Italia (di seguito UPI) con sede in Piazza Cardelli n. 4, Roma, nella persona del Presidente Antonio Saitta; E L Associazione Nazionale dei Dirigenti e

Dettagli

Conferenza nazionale sul rischio idrogeologico. Spunti di discussione. Sessione II Reperimento e destinazione delle risorse economiche

Conferenza nazionale sul rischio idrogeologico. Spunti di discussione. Sessione II Reperimento e destinazione delle risorse economiche Conferenza nazionale sul rischio idrogeologico Spunti di discussione Sessione II Reperimento e destinazione delle risorse economiche Premessa e criticità a. Ogni anno ingenti risorse economiche devono

Dettagli

Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE

Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE Il piano di gestione del rischio di alluvioni Autorità di bacino

Dettagli

Documento sul Piano Casa Regione Campania

Documento sul Piano Casa Regione Campania Documento sul Piano Casa Regione Campania a cura di Associazione Costruttori Edili Ordine Architetti Ordine Ingegneri Collegio dei Geometri AVELLINO Ill.mo On. Marcello Taglialatela Assessore Regionale

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino Comitato alluvione 11 Giugno 2011 onlus Il dissesto nell Appennino di Parma programmiamo la prevenzione Fornovo, Biblioteca Comunale, 20 Maggio 2014 IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

Alla Giunta Regionale del Veneto, Palazzo Balbi, Dorsoduro 3901 30120 Venezia. OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE AL P.T.R.C.

Alla Giunta Regionale del Veneto, Palazzo Balbi, Dorsoduro 3901 30120 Venezia. OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE AL P.T.R.C. Alla Giunta Regionale del Veneto, Palazzo Balbi, Dorsoduro 3901 30120 Venezia. OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE AL P.T.R.C. adottata dalla Giunta Regionale con Dgr. n 427 del 10.04.2013 Sono trascorsi quattro

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) INDAGINE GEOLOGICO TECNICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE DEL PORTO TURISTICO DI TALAMONE (D.P.G.R.T. N 26/R/2007) RELAZIONE INTEGRATIVA Consulenti: Dr. Geol. STEFANO

Dettagli

VERDI DI ROMA DOSSIER NUOVO STADIO ROMA CALCIO STADIO SI' CEMENTIFICAZIONE NO

VERDI DI ROMA DOSSIER NUOVO STADIO ROMA CALCIO STADIO SI' CEMENTIFICAZIONE NO VERDI DI ROMA DOSSIER NUOVO STADIO ROMA CALCIO STADIO SI' CEMENTIFICAZIONE NO A cura di Gianfranco Mascia CoPortavoce dei Verdi di Roma Per info: verdidiroma@gmail.com Pubblica utilità? In realtà noi Verdi

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità Norme per la difesa del suolo. (1) Bollettino Ufficiale n. 43, parte prima, del 21.12.1998 Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91 Titolo I - FINALITÀ Art. 01 - Finalità 1. La Regione Toscana, per soddisfare

Dettagli

Procedura Tecnica Realizzazione del prodotto. Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni U.RP.T087 INDICE

Procedura Tecnica Realizzazione del prodotto. Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni U.RP.T087 INDICE Realizzazione del prodotto Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni Revisione Data Oggetto Revisione 1 13/02/2008 Prima emissione INDICE 1. Scopo ed Obiettivi 2. Campo di applicazione

Dettagli

INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA FRANOSITA DEI VERSANTI

INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA FRANOSITA DEI VERSANTI Seminario: Il dissesto idrogeologico: dalla conoscenza del territorio alla sua protezione Milano, 20 maggio 2015 INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA FRANOSITA DEI VERSANTI Dott. Geol. Dario Fossati Regione

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009)

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) SETTORE AMBIENTE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE IL PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PER L ANNO 2015 ED ADOZIONE DEL BILANCIO PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE PER L ANNO 2015 ED ADOZIONE DEL BILANCIO PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2015/2017 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 27 DICEMBRE, N. 181 BILANCIO DI PREVISIONE PER L ANNO 2015

Dettagli

I processi geo-idrologici (valanghe, frane, sono molto frequenti in Italia. Ogni anno in più luoghi della penisola tali

I processi geo-idrologici (valanghe, frane, sono molto frequenti in Italia. Ogni anno in più luoghi della penisola tali PROTEC Torino Lingotto 30 giugno/2 luglio 2011 PROCESSI GEO-IDROLOGICI GEO IDROLOGICI E COPERTURA ASSICURATIVA Fabio Luino I processi geo-idrologici (valanghe, frane, colate detritiche torrentizie, ti

Dettagli

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni.

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. Piano di Gestione del Rischio Alluvioni dicembre 2013 A cura di: Direzione

Dettagli

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO Ora e sempre resilienza Interventi, pianificazione e cultura del rischio per la difesa e l autodifesa dalle alluvioni nelle aree urbane Roma 3 luglio 2015 BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

presenta RIUSO un progetto per l Italia

presenta RIUSO un progetto per l Italia presenta RIUSO un progetto per l Italia LO STATO DI FATTO di un Paese bloccato, burocratico, che consuma territorio e beni culturali, che non valorizza la qualità, che non si preoccupa della sicurezza

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE CITTÀ DI ACIREALE SETTORE PROTEZIONE CIVILE PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Oggetto : PARTE I - GENERALITÀ GIUGNO 2013 REVISIONE ELABORATO ADEGUATO AL PARERE DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DEL 12/09/2012

Dettagli

Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i

Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i versanti boscati di molte parti del mondo nell emisfero

Dettagli

DIBATTITO SCIENTIFICO riforma LUN 1150/ 42. 2014 Proposte di riforma legislativa materia edilizia ed urbanistica

DIBATTITO SCIENTIFICO riforma LUN 1150/ 42. 2014 Proposte di riforma legislativa materia edilizia ed urbanistica DIBATTITO SCIENTIFICO riforma LUN 1150/ 42 2014 Proposte di riforma legislativa materia edilizia ed urbanistica Principi in materia di politiche pubbliche, territoriali e di trasformazione urb. - Testo

Dettagli

MS e CLE: sistemi informativi e diffusione. Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata

MS e CLE: sistemi informativi e diffusione. Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata MS e CLE: sistemi informativi e diffusione Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata La prevenzione del rischio sismico Dopo il terremoto in Abruzzo del 6 aprile 2009, lo Stato ha emanato un nuovo

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Tesi congressuale 3 GOVERNO DEL TERRITORIO: DALLA GESTIONE DELL EMERGENZA ALLA PREVENZIONE

Tesi congressuale 3 GOVERNO DEL TERRITORIO: DALLA GESTIONE DELL EMERGENZA ALLA PREVENZIONE Tesi congressuale 3 GOVERNO DEL TERRITORIO: DALLA GESTIONE DELL EMERGENZA ALLA PREVENZIONE RIFLESSIONI IN MERITO AI CRITERI DI CONTRIBUENZA: CHI CONTRIBUISCE A PREVENIRE? Andrea Salvagnini, dottore agronomo

Dettagli

Anno Accademico 2011-2012. Docente: Arch. Sante FORESTA PROGRAMMA ED ESERCITAZIONE PRATICA

Anno Accademico 2011-2012. Docente: Arch. Sante FORESTA PROGRAMMA ED ESERCITAZIONE PRATICA Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Urbanistica Corso di Laurea: Primo Livello - Classe L-21 Classe delle lauree in scienze della pianificazione

Dettagli

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA PUNTI DI FORZA Le Persone Filiera della distribuzione. Organizzazione della fi liera della distribuzione, assistenza tecnica, noleggio e servizi, fondata sulla formazione, qualifi cazione e certifi cazione

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU19 10/05/2012

REGIONE PIEMONTE BU19 10/05/2012 REGIONE PIEMONTE BU19 10/05/2012 Circolare del Presidente della Giunta regionale 9 maggio 2012, n. 7/UOL Decreto legge 13 maggio 2011, n. 70 Semestre Europeo Prime disposizioni urgenti per l economia,

Dettagli

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo Fase Conoscitiva Quali fattori vanno analizzati La fase conoscitiva analizza: Realtà geoterritoriale (quadro strutturale) Quadro Urbano (infrastrutture, edificato,

Dettagli

Rilancio della cartografia geologica

Rilancio della cartografia geologica Silvio Seno Presidente Federazione Italiana di Scienze della Terra 1 Rilancio della cartografia geologica 7 th Euregeo, Bologna - Conferenza stampa 14 giugno 2012 2 Premessa 3 Perché ci servono informazioni

Dettagli

RELAZIONE COMPRENSORIO PIANURA PISANA

RELAZIONE COMPRENSORIO PIANURA PISANA PIANO DELLE ATTIVITA 2015 (L.R. 79/2012 ART. 26 comma 2) VERSIONE 2 APPROVATA DEL 13/03/2015 RELAZIONE COMPRENSORIO Il Direttore Tecnico di Comprensorio Pianura Pisana (Dott. Ing. Sandro Borsacchi) 1 /

Dettagli

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni. Allegato 6. Schema di riferimento per le attività di reporting

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni. Allegato 6. Schema di riferimento per le attività di reporting Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 Allegato 6 Schema di riferimento per le attività di reporting

Dettagli