John mcenroe con James Kaplan. Non puoi dire sul. serio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "John mcenroe con James Kaplan. Non puoi dire sul. serio"

Transcript

1 John mcenroe con James Kaplan Non puoi dire sul serio

2 Titolo originale: Serious John McEnroe, 2002 Traduzione di Valentina Ricci/Studio Editoriale Littera Per l immagine con Nelson Mandela, l Editore resta a disposizione degli aventi diritto. Redazione: Edistudio, Milano I Edizione edizioni PIEMME Spa Milano - Via Tiziano, Stampa: Mondadori Printing S.p.A. - Stabilimento NSM - Cles (Trento)

3 1 Odio le sveglie: il loro incessante ticchettio mi dà sui nervi. Quindi l 11 settembre 2001 cominciò come un giorno qualsiasi in casa McEnroe, con la telefonata del servizio sveglia alle sette. Riagganciai subito, lasciai dormire mia moglie Patty e mi trascinai giù dal letto per andare a svegliare cinque dei miei sei figli. Ava, che all epoca aveva appena due anni ed era la piccola di famiglia, non partecipava ancora a quel rituale mattutino. Abitiamo all ultimo piano di un grande edificio su Central Park West, in quello che secondo me è l appartamento migliore del più bel palazzo di tutta New York. Me lo ripeto ogni giorno, quanto è fantastico. La nostra casa occupa gli ultimi quattro piani e le camere dei ragazzi si trovano al primo, al secondo e al terzo. Sorridevo passando da una stanza all altra, spettinando capelli, accarezzando schiene, sfiorando guance. E mentre i miei figli si aggrappavano agli ultimi minuti di sonno prima di affrontare la realtà di un altro giorno di scuola, riemersero dentro di me i ricordi della mia infanzia. Tornai a essere il quindicenne che stava per iniziare una grande avventura: quattro anni alla Trinity School nell Upper West Side di Manhattan. Mia madre cercava di farmi alzare dal letto della mia camera al piano di sopra del 255 di Manor Road, a Douglaston, nel Queens, incurante del mio quotidiano malumore scusa, mamma! provocato 7

4 dalla prospettiva di un tragitto giornaliero che i miei figli non potrebbero nemmeno immaginare. Cominciavo con una camminata di quindici minuti fino alla stazione ferroviaria di Douglaston, una passeggiata che mi toccò ogni mattina fino al meraviglioso giorno in cui compii diciassette anni e finalmente presi la patente. Salivo sul treno delle 7.20, mostravo al controllore il mio abbonamento mensile e mi sedevo per una corsa di mezz ora fino alla Penn Station di Manhattan. Forse chi non è di New York non sa che la Penn Station si trova proprio sotto il Madison Square Garden, uno stadio che frequentai molto da bambino perché ospitava le partite delle mie squadre del cuore, i Knicks per il basket e i Rangers per l hockey. Al Madison ebbero luogo due eventi fondamentali della mia adolescenza: il mio primo concerto rock (i Grand Funk Railroad!) e la tappa newyorchese del tour mondiale dei Led Zeppelin, nel E sempre al Madison, qualche anno più tardi, nel Masters subito dopo Natale, ho ottenuto alcuni dei miei più grandi trionfi tennistici, sia in singolo che in doppio. Sceso dal treno, camminavo nei tunnel affollati per raggiungere la metropolitana: la linea espresso della 7 a Strada, numero 2 o 3, per una corsa di venti minuti fino all Upper West Side. A volte viaggiavo con John Ryerson, un altro studente della Trinity che come me abitava a Douglaston, e di tanto in tanto si univa a noi un nostro compagno di classe, Steven Weitzmann. Adoravo la metropolitana. La adoro ancora oggi. Stare pigiato tra la folla non mi ha mai disturbato: sono newyorchese fino al midollo, dopotutto, e il contatto ravvicinato con gli sconosciuti fa parte del gioco. E, pur soffrendo di mal d auto quando leggo in macchina, la metropolitana non mi fa lo stesso effetto (non che io, John e Steven leggessimo molto, là sotto ricordo parecchie battaglie a palline di carta: scusate, passeggeri della metropolitana del 1974!). 8

5 Inoltre, mi è sempre piaciuta la sensazione di sobbalzare nell oscurità. Lo trovo confortante, anche se non saprei spiegare il perché. Scendevo sulla 96 a Strada, salivo le scale fino a Broadway, tra lo strombazzare dei taxi e le strade brulicanti di vita, e camminavo per cinque isolati fino alla Trinity, al numero 139 della 91 a West, tra Columbus e Amsterdam Avenue. È esattamente lo stesso luogo in cui accompagno in macchina Ruby, Kevin, Sean, Emily e Anna ogni mattina dopo colazione. È buffo: il nostro appartamento si trova a meno di un chilometro dalla Trinity eppure, benché da ragazzo dovessi fare parecchia strada per arrivarci (o forse proprio per questo), mi piace accompagnarli a scuola. Sono felice di avere molto tempo da trascorrere con i miei figli e, lo ammetto, mi piace viziarli un po. Mi biasimate per questo? Avere John McEnroe come padre rende le loro vite facili e difficili al tempo stesso, e trovare un giusto equilibrio è più complicato di quanto sembri. Voglio che i miei figli siano felici, protetti e amati. Voglio che abbiano tutto, ma senza perdere quello che io chiamo il fuoco dentro. È stato questo fuoco a farmi arrivare dove sono arrivato tanto tempo fa e dove mi trovo oggi. Ma io dovevo fare un sacco di strada ogni mattina, invece loro li accompagno fin sul portone della scuola. Che sia troppo indulgente? L 11 settembre del 2001 scesi in cucina verso le sette e mezzo del mattino e cominciai a preparare la frutta per la colazione: mele, pompelmi, fragole e melone. Secondo me mangiare frutta al mattino fa benissimo e, come i miei genitori, mi do da fare per i miei figli: sbuccio le mele, preparo gli spicchi di pompelmo, taglio il melone. Pochi minuti dopo, la mia piccola tribù irruppe in cucina come uno sciame di cavallette e fece fuori in un attimo la frutta che avevo preparato con tanta cura, senza dire una parola a parte un grazie che assomigliava a un grugnito 9

6 (purtroppo, di tanto in tanto mi sono macchiato anch io della medesima colpa). Poi spazzolarono le loro scodelle di latte e cereali, i waffles e le uova prima di precipitarsi fuori dalla porta, poco dopo le otto. Tornai a casa intorno alle 8.45 e accesi la televisione per guardare i talk-show del mattino. Non so cosa mi spinse a farlo quel martedì mattina: in genere mi piace cominciare la giornata con caffè, ciambelle e il «Times». Quel giorno però ero pronto, telecomando alla mano, per i programmi mattutini: Diane Sawyer e Charlie Gibson, Katie Couric e Matt Lauer, forse anche un po di Bryant Gumbel. Modestia a parte, sono un campione di zapping. Poi arrivò il telegiornale. Al World Trade Center era scoppiato un incendio, annunciarono. Accidenti, pensai, ma sembrava che la situazione fosse sotto controllo. Erano da poco passate le nove e mi stavo preparando per andare in centro per la mia seduta settimanale di terapia. I tribunali la chiamano supporto per la gestione della rabbia o, nel mio caso, era così che la definiva l avvocato della mia ex moglie. Partecipavo a quegli incontri da quasi un anno e, sebbene difficilmente li avrei frequentati se le condizioni del divorzio non me l avessero imposto, e benché non uscissi dalle sedute traboccante di pace interiore, dovevo ammettere che la terapia stava dando qualche risultato. Mi capitava sempre più spesso di contare fino a dieci in situazioni che un tempo mi avrebbero fatto perdere la testa. Quello che udii subito dopo, però, provocò in me più paura che rabbia. Quando stavo per uscire sentii che un aereo si era appena schiantato contro la torre sud del World Trade Center e che anche l incendio alla torre nord di cui avevano parlato poco prima era stato provocato dallo schianto di un altro aereo. Fu subito chiaro che eravamo nel pieno di una specie di attacco terroristico. Il cuore mi batteva come un martello. Cosa dovevo fare? Non ne avevo idea, quindi continuai 10

7 la mia solita routine del martedì mattina. Ora credo di poter dire che ero sotto shock. Quando entrai nello studio del mio strizzacervelli annunciai, quasi con noncuranza: «Ha sentito che due aerei si sono appena schiantati contro il World Trade Center?». Lui mi fissò per un attimo, forse chiedendosi se fosse una battuta. E poi ripensandoci è davvero incredibile iniziammo la nostra normale seduta, senza aggiungere una parola sull attentato. Non riuscivo ancora a rendermi conto della gravità di quanto era successo. Forse aveva a che fare con la mia carriera di tennista professionista: per anni ero stato costretto a non soffermarmi a pensare agli incidenti aerei per poter prendere almeno un volo a settimana. Normalmente i tennisti non parlano mai di questo genere di cose, così come i piloti di auto da corsa non amano parlare di incidenti mortali. Inoltre i giovani si sentono invulnerabili. Io invulnerabile non mi sento più. Tornai subito a casa e mi incollai al televisore. Rimasi inebetito: vidi le torri crollare una dopo l altra. Il centro di Manhattan era diventato lo scenario surreale di un film di fantascienza: persone in preda al panico che correvano per salvarsi, nuvole di polvere alte come montagne e lì, nell Upper West Side, solo un silenzio irreale. Io e Patty ci guardammo sconvolti. Con il susseguirsi delle notizie, cominciammo a preoccuparci per i nostri figli. I telefoni erano fuori uso. Cosa dovevamo fare? Cosa stava succedendo a scuola? Cosa sarebbe successo, dopo? Nonostante fossimo ancora sotto shock, ci rendemmo conto che se c era un momento in cui dovevamo riunirci e stare tutti insieme, era proprio quello. Volevo abbracciare i miei bambini, ne avevo bisogno. Fortunatamente Ruby, la nostra figlia sedicenne, aveva con sé il cellulare e riuscì a contattarci; scesi di corsa in strada, a piedi, per andare a prendere i ragazzi. Mentre camminavo, ancora stordito, cominciai a sentire le sirene, 11

8 a vedere i mezzi dei vigili del fuoco, le ambulanze e le volanti della polizia che mi sfrecciavano accanto. Anche le altre persone sembravano stordite e stavano sul marciapiede, a parlare e guardare. La città aveva subìto un colpo terribile, ma sembrava che stesse reagendo in un modo nuovo e insolito. Chissà perché, camminando pensai agli U.S. Open disputati pochi giorni prima. Ora, improvvisamente, mi sembrava che fossero passati mesi. Come sempre, li avevo seguiti da commentatore per la cbs e, come sempre, quel lavoro mi era piaciuto moltissimo. Il torneo si era però concluso con una nota spiacevole: l incontro amichevole tra me e Boris Becker, programmato dopo la finale del singolo femminile tra Venus e Serena Williams di sabato sera, era saltato a causa di un infortunio subìto da Boris. Ero molto arrabbiato e amareggiato: non solo per me, ma per tutto il tennis seniores. L esibizione avrebbe segnato l ingresso di un Becker ormai trentatreenne nel circuito seniores, un torneo per cui mi ero impegnato con tutto me stesso nei sei o sette anni precedenti, ma che ultimamente aveva grossi problemi finanziari. Il ritiro quasi casuale di Boris da un match importante agli U.S. Open non era affatto di buon auspicio. All improvviso tutta quella faccenda sembrava banale e molto, molto lontana. In quel momento volevo solo vedere i miei figli, subito, e portarli a casa. Perché, mi chiesi, c era voluto un evento così terribile per farmi capire cosa conta davvero nella vita? Una sera di luglio del 2000 (in quella che ora mi sembrava un epoca infinitamente più innocente) ero andato a una partita di football dei Mets con mio figlio Kevin, il suo amico Josh e il padre di Josh, che è mio amico. Avevamo preso la metropolitana sia all andata che al ritorno. Indossavo una variazione sul tema del mio abbigliamento 12

9 newyorchese tipico: giacca di pelle e berretto da baseball (dei Mets o degli Yankees, dei Rangers o dei Knicks). E nessuno mi aveva importunato, né mentre andavo allo stadio, né tornando a casa. Mentre ci avvicinavamo allo Shea Stadium vidi un tizio che aveva tutta l aria di volere un mio autografo, ma lo ignorai; poi la folla ci sospinse verso i cancelli e la faccenda si chiuse lì. Una parte di me era davvero contenta di essere lasciata in pace. Pensai: È esattamente quello che voglio. Giusto? Poi però dovetti ammettere: Be, forse non è esattamente quello che voglio. È difficile spiegare davvero cosa significasse trovarsi nei miei panni nei quindici anni che trascorsi nel circuito. Fu come un inebriante corsa sulle montagne russe. Per un decennio, dalla metà degli anni Settanta alla metà degli anni Ottanta, il tennis professionistico conobbe un boom che non aveva mai vissuto prima e non avrebbe mai più vissuto. Io sono capitato al momento giusto. La quantità di soldi in gioco non aveva precedenti, e così l entusiasmo da parte del pubblico. A cominciare da Björn Borg, i tennisti divennero molto più che semplici celebrità dello sport. All epoca, persino i cantanti aspiravano a essere tennisti professionisti. (Ovviamente noi volevamo essere rockstar.) Borg aveva tre anni più di me, ma era diventato professionista molto prima e non aveva mai avuto l aspetto di un ragazzino, anche se trascorreva il tempo libero leggendo fumetti. Era distaccato, profondo, riservato: meno rivelava di sé, più le ragazze impazzivano per lui. Fin dall inizio, quando sbucai dal nulla arrivando alle semifinali di Wimbledon all età di diciotto anni, fui un poco di buono agli occhi del pubblico. (Ho letto da qualche parte che quando si stava preparando per il ruolo di Mozart in Amadeus, Thomas Hulce guardava i video in cui davo in escandescenze sul campo da tennis.) Gli amici del circuito mi chiamavano Junior (mio padre 13

10 è John Patrick McEnroe Senior). Per il pubblico ero Super- Brat, McBrat, McNasty*, tutti soprannomi al vetriolo, oppure semplicemente Johnny Mac, il classico fratello o figlio o cugino o vicino di casa che rompe le scatole, l uomo che la gente amava odiare o (forse) odiava amare. Prima di me altri tennisti avevano perso il controllo o avevano protestato con il giudice di sedia Pancho González, Ilie Nǎstase, Jimmy Connors, tanto per fare qualche nome ma nessuno l aveva fatto con il mio stile inimitabile. Da subito gli spettatori ebbero una reazione stupefacente nei miei confronti. Forse le mie sfuriate risvegliavano in loro qualcosa che avevano dovuto reprimere o sopportare da bambini. Non lo so. Qualunque cosa fosse, la gente mi notò. Quasi tutti sogniamo di diventare famosi, ma come dice il proverbio bisogna stare attenti a ciò che si desidera. C erano momenti in cui volevo sottrarmi alla mia incredibile notorietà. Ci provai. Una volta andai in vacanza alle Fiji convinto che sicuramente laggiù, nelle distese infinite del Sud del Pacifico, per qualche giorno sarei diventato un cittadino americano come tanti. Ma non avevo considerato che il novanta per cento dei turisti in vacanza alle Fiji proviene dall Australia, ovvero sono i fan del tennis più appassionati al mondo! Ma cos hai in testa al posto del cervello, Mac? Ho avuto spesso la sensazione di portare il mio nome stampato in fronte. È dura camminare per strada (e soprattutto nella mia amata Manhattan, dove camminare è una delle attività che preferisco) senza essere individuato da persone che mi salutano con la familiarità di un vecchio compagno di scuola. La maggior parte delle volte si tratta di un esperienza positiva. Certo, vivrei benissimo anche se i miei pranzi al ristorante non fossero sempre interrotti da un fan che mi chiede l autografo. Il fatto è che non mi piace firmare * Super Peste, McPeste, McOdioso. [N.d.T.] 14

11 autografi a chiunque superi gli undici o i dodici anni d età: cosa possono mai valere i miei scarabocchi per qualcuno che non è un bambino, se non un po di soldi sul mercato delle reliquie sportive? (Ma non fatemene parlare.) E, credetemi, la mia firma non vale poi così tanto. Ma essere avvicinato da un tifoso che mi dice: «Ehi, John McEnroe, sei il più grande tennista di tutti i tempi!» non è affatto difficile da sopportare. Oppure: «Ehi, il tennis non è più lo stesso da quando te ne sei andato». O ancora: «Quella vittoria alla Coppa Davis nel 92 è stata incredibile!». Oppure: «Ho davvero apprezzato molto che tu non abbia accettato, quella volta in Sudafrica». (Nel 1980 mi fu offerto un milione di dollari una cifra impressionante all epoca per giocare una partita amichevole contro Björn Borg a Sun City. Io declinai perché non mi sembrava giusto, senza sapere quanti amici mi sarei guadagnato con quel gesto.) Di complimenti simili non mi stanco mai. Sono fiero di essermeli guadagnati. E, lo ammetto, una parte di me è fama-dipendente. È uno dei motivi per cui sto scrivendo questo libro sono disposto ad ammettere anche questo. Non è solo per attirare l attenzione, ma per riflettere su quanta attenzione voglio davvero, e sul perché ne ho bisogno. A volte mi chiedo seriamente: verrò del tutto dimenticato prima o poi? Finirò col desiderare ciò che non ho più? Di solito vogliamo sempre ciò che non possiamo avere il che, a mio avviso, è un tratto piuttosto patetico della natura umana. Diventerò uno che se ne va in giro a chiedere: «Ehi, vi ricordate di me?». Spero di no. Nella peggiore delle ipotesi, so che la gente mi ha considerato una specie di caricatura: un piagnucolone viziato e arrogante dal pessimo carattere. Non nego di essermi comportato così in molte occasioni, anche se la maggior parte delle volte me ne sono pentito quasi subito. Mi preoccupa notare che con il passare del tempo McEnroe la 15

12 macchietta prende il sopravvento e, forse sarà, ciò che i posteri ricorderanno di me. Mi dispiace che la cosa migliore che il mio agente mi propone sia: «Ehi, ti interessa giocare contro Anna Kournikova?». Sono una caricatura al punto che la miglior proposta di cui sono degno è giocare contro la Kournikova? È questo che succede alla mia età? È questo che sta accadendo al tennis? Il fatto che il principale argomento di conversazione agli U.S. Open del 2000 fossero i miei commenti su Venus Williams, e se avrei o meno giocato contro di lei, secondo me è una dimostrazione di quanti problemi abbia questo sport. (E quando sono stato io a sollevare per primo la questione, durante un intervista per il «New Yorker», è stato solo un modo per farmi pubblicità? Non ne sono così sicuro.) Vi dico chiaramente, però, che ho molte altre cose di cui occuparmi oltre che giocare contro Anna Kournikova o Venus Williams, e so che lo stesso vale per loro. Sentivo che dall 11 settembre qualcosa dentro di me era cambiato; nella mia vita in tutte le nostre vite desideravo più impegno, più serietà. Era come se finalmente dovessimo affrontare la realtà che avevamo a lungo evitato. Le convinzioni a cui tutti ci eravamo aggrappati «Compra qualunque diavoleria tecnologica, i prezzi andranno alle stelle»; «Nessuno oserà mai attaccare gli Stati Uniti d America» erano crollate sotto i nostri occhi. Speravo con tutto il cuore che dalla tragedia sarebbe nato qualcosa di buono, che sarebbe stato possibile vivere in questa nuova realtà. A quarantatré anni ero padre di sei figli. Non volevo più essere una caricatura. In un certo senso, avevo la sensazione che per me quella caricatura fosse stata uno scudo dietro cui nascondermi per poter rimanere immaturo. Vedete, la magia del tennis a livello professionistico è che ti permette di comportarti come un bambino. Parecchi di voi mi diranno che è bello conservare certi aspetti infantili, ma 16

13 ogni bambino deve crescere, prima o poi, oppure diventa un caso clinico. Mi sono sempre considerato più attento della maggior parte dei giocatori di tennis: leggevo, pensavo, osservavo il mondo esterno. Ma l ho sempre guardato da una certa distanza. Era difficile superare la sensazione che tutto ruotasse intorno al mio piccolo universo chiuso, da cui fuoriuscivo solo per trarne dei vantaggi, come ottenere dei buoni posti a un concerto o incontrare persone che non avrei mai conosciuto se non fossi stato un tennista famoso. E non osavo fuoriuscirne molto spesso. Per molti versi, non sapevo nemmeno che il mondo esterno esistesse. E lasciate che ve lo dica: una volta che esci dal mondo reale, è molto difficile tornarci. Basta guardare tutti gli ex vip che finiscono malati o sconvolti o un po toccati. O morti. C è stato un periodo, devo ammetterlo, in cui il mio ego era così ingombrante che passava a malapena dalle porte. Spero che avere dei figli mi abbia cambiato. Avere dei figli ti riporta immediatamente sulla terra, a meno che tu non li faccia crescere da altre persone, cosa che io non ho mai avuto intenzione di fare. Pensate: Johnny Mac padre di sei figli! Quando salii per la prima volta sul palcoscenico del mondo ero un diciottenne dal viso paffuto, con una criniera di ricci ribelli e la fascia rossa. Oggi sono un uomo dal viso scavato, con capelli radi e spolverati di bianco, le rughe sulle guance, un piccolo anello d argento al lobo dell orecchio sinistro e un tatuaggio con rose e spine sulla spalla destra. So cambiare un pannolino, gestire un capriccio, asciugare lacrime, preparare la colazione. Sono ancora in forma. Gioco a tennis quasi tutti i giorni, mi alleno sulla cyclette o salto la corda quando non ho tempo per il tennis o non voglio esagerare. La mia vista è ancora ottima e i miei riflessi abbastanza veloci, tanto che un giorno o l altro potrei sfidare per soldi una testa di se- 17

14 rie a giocare un paio di set. Come forse ricorderete, i miei standard sul campo da tennis sono sempre stati piuttosto alti, e mi sono sempre dato parecchio da fare perché non voglio deludere me stesso quando gioco. Fino a non molti anni fa ho preso in seria considerazione l idea di giocare di nuovo nel doppio in Coppa Davis, dopo una pausa di parecchi anni. Anche se avrei dovuto chiedere a mio fratello Patrick, allora capitano della squadra statunitense, che cosa ne pensasse al riguardo. Però non mi illudo. Nessuno conosce il proprio corpo meglio di un atleta professionista, sono consapevole che la macchina donatami dal Padreterno non è più flessibile come un tempo, che ho inevitabilmente perso qualche colpo. Essendo una persona che pensa in modo quasi ossessivo in termini numerici (quando ero piccolo, stupivo gli amici dei miei genitori moltiplicando e dividendo a mente numeri molto alti), direi che sono più o meno un sessanta per cento del tennista che ero all apice della carriera. Il che non è poi così male. Eppure non sono più un vero tennista. Quindi cosa sono? Da diversi anni sono un commentatore di tennis abbastanza orgoglioso del suo lavoro e ritengo di essere uno dei migliori nella mia professione. Non è stato un caso. Come saprete, ho sempre avuto una certa facilità nel parlare a ruota libera, ma commentare richiede massima concentrazione, capacità di formulare frasi di senso compiuto e sensibilità nel capire quando il silenzio vale più delle parole. In breve, era (ed è ancora) un lavoro duro. Perciò ho dovuto farmi le ossa. Fortunatamente, come mi è accaduto nella carriera tennistica, ho avuto eccellenti maestri. Mi è sempre piaciuto essere il membro di una squadra, più che giocare come singolo, e lavorare accanto a grandi giornalisti sportivi come Dick Enberg e Ted Robinson (e produttori come Gordon 18

15 Beck e John McGuinness, che mi ha concesso la libertà di essere me stesso) mi ha reso felice e mi ha insegnato molto. Sono certo che la mia gioia traspaia in televisione e alla radio, che i miei commenti abbiano permesso alla gente di vedere una parte diversa di me, una parte molto più leggera e autoironica di quella che ho rivelato sui campi da tennis. Negli ultimi anni sono cresciuto molto. E come la maggior parte della gente e forse anche più della maggior parte della gente sto crescendo ancora. Chiunque mi abbia visto giocare nel circuito seniores sa che, anche se il mio brutto carattere si è un po ammorbidito, in campo sono ancora in grado di tirarlo fuori. Non succede spesso come una volta, questo no per un motivo semplicissimo: non gioco spesso come una volta, ma di questi tempi anche il poco sembra troppo, e il fatto che la gente si aspetti da me le intemperanze per cui sono famoso non facilita le cose. Sto cercando di migliorare. Una delle cose contro cui lotto con maggiore accanimento è quella parte profonda di me che non si è ancora decisa ad abbandonare la rabbia. In fin dei conti, sono certo che è stato proprio questo aspetto del mio carattere a portarmi in cima, anche se non sono più all apice della mia carriera, quel fuoco dentro di me brucia ancora. Dove finirei se lo lasciassi estinguere? E a cosa mi serve esattamente, adesso? L orgoglio è una cosa buffa. Anche se durante la mia carriera sportiva ho avuto molto di cui andare fiero e molto di cui pentirmi non sono mai stato il tipo che si sofferma troppo sulle cose. Sono uno che gioca a rete: il mio stile era, ed è ancora, basato sull andare avanti, sempre avanti, e poi sferrare il colpo vincente. Ma quando la tua carriera come atleta professionista finisce, ti trovi in una posizione strana. Ti chiedi: e ora cosa mi aspetta? 19

16 Nel corso della mia carriera sono passato da una cosa all altra: il passo successivo era sempre dietro l angolo. Lungo la strada ho raggiunto molti obiettivi vincere il torneo universitario ncaa, vincere Wimbledon, gli U.S. Open, la Coppa Davis; ho cercato di emulare il mio eroe, Rod Laver, e ho realizzato molti dei miei sogni. Negli ultimi anni, però, ho riflettuto su chi ero, chi sono e chi voglio diventare. Sono fierissimo della mia carriera tennistica. Ho vinto 77 tornei di singolo e 77 di doppio: 154 tornei in totale, più di qualunque altro tennista professionista. I miei record mi permettono di piazzarmi al terzo posto assoluto sia nel singolo, dopo Jimmy Connors e Ivan Lendl, che nel doppio, dietro a Todd Woodbride a Tom Okker. Pensate al numero esiguo di grandi giocatori che vantano risultati significativi non solo nel singolo ma anche nel doppio. Non ne fanno parte né Borg (non ha quasi mai giocato in doppio), né Connors, né Lendl. Pensate a quante star americane dell era moderna hanno partecipato alla Coppa Davis. Uno dei risultati di cui vado più fiero è quello di aver contribuito a resuscitare la Coppa Davis negli Stati Uniti, a partire dalla fine degli anni Settanta, un periodo in cui altre teste di serie americane (soprattutto James Scott Connors) non erano particolarmente inclini a sprecare energie per giocare praticamente gratis, quando era possibile guadagnare una marea di soldi in altri tornei ed esibizioni. Ditemi pure che sono un sentimentale, ma sono sempre stato fierissimo di rappresentare il mio paese: nel tennis non esiste emozione più grande. Forse ricorderete le foto che mi ritraggono mentre corro intorno al campo con una bandiera americana dopo la nostra appassionante vittoria contro la Svizzera nel mio ultimo match in Coppa Davis, nell anno che concluse la mia carriera, il In dodici anni ho disputato 30 incontri in Coppa Davis, vincendo 41 match di singolo e 59 in totale. 20

17 Vorrei però soffermarmi sulla cosa più importante: non il numero di partite vinte, ma le cinque Coppe che ho contribuito a far vincere agli Stati Uniti. La storia del tennis, qualunque sia stato il mio ruolo in essa, è sempre stata molto importante per me. Il mio idolo, Rod Laver, è stato uno dei più grandi tennisti di tutti i tempi, e ha realizzato per ben due volte la straordinaria impresa di vincere tutti e quattro i titoli principali nella stessa stagione: il Roland Garros, Wimbledon, gli U.S. Open e gli Open d Australia. Io non ci sono mai riuscito. Ho vinto tre volte a Wimbledon e tre agli U.S. Open, ma mai un Roland Garros o un Open d Australia. Pete Sampras ha vinto tredici titoli del Grande Slam e, anche se gli è sfuggito il Roland Garros, ha vinto sette volte a Wimbledon, quattro agli U.S. Open e due agli Open d Australia: un record incredibile. Come me, anche Andre Agassi ha vinto quattro volte il Grande Slam, ma a differenza di me ha vinto tutti e quattro i trofei principali, anche se non nella stessa stagione. Il suo posto nella storia è assicurato. Dove mi porterà tutto questo? Solo il tempo potrà dirlo. In totale ho vinto oltre dodici milioni di dollari in premi e, con l aiuto di mio padre e di altre persone sagge, ho investito le mie vincite e i soldi guadagnati con la pubblicità in modo abbastanza intelligente e prudente da permettere a mia moglie e ai miei figli una vita agiata. All inizio i contratti pubblicitari non furono numerosi, a causa della mia immagine di ragazzaccio, ma poi si sono susseguiti in fretta, quando i numi del marketing di Madison Avenue, e in particolare quelli della Nike, hanno capito come sfruttarla. Ho avuto contratti importanti anche dopo aver lasciato il tennis giocato, proprio con la Nike. Perché, allora, sento ancora di poter fare molto? Credo dipenda dalla mia tendenza a vedere il bicchiere 21

18 mezzo vuoto. Sono abbastanza intelligente da sapere che non ha senso guardare a quello che non si è fatto invece che a quello che si è fatto. Perdi la prospettiva, se ti paragoni a persone che sono fuori dalla tua portata o con cui non è il caso di paragonarti. Ma a volte lo faccio lo stesso. Lo confesso: sento che avrei potuto fare di più. Ci sono notti in cui non riesco a dormire e ripenso all Open d Australia che mi sono lasciato sfuggire mentre ero all apice della carriera perché ho sempre creduto che avrei avuto un altra possibilità; al Roland Garros che ho avuto a portata di mano e ho buttato via. Mi sembra quasi di sentirvi sbottare: «Dai, McEnroe! Sei ricco, famoso e in salute; hai una famiglia meravigliosa, una vita più che agiata. Hai fatto cose incredibili e sei stato in posti fantastici, cose e posti che la maggior parte della gente può a malapena sognare. Perché non ti rilassi e non ti godi quello che hai?». Vi rispondo che ci sto provando, con tutto me stesso. Però rimango uno che gioca a rete. Il mio stile è, ed è sempre stato, andare avanti, sempre avanti. Le mie aspettative su me stesso sono, come sempre, straordinariamente alte. Perché dovrei cambiare adesso? 22

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Traduzione di Marco Zappella Nota dell Editore: Il 22 agosto 1998 la Congregazione per la Dottrina della Fede ha emanato una Notificazione, qui pubblicata

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli