V illaggio Mosè- V illaggio Peruzzo Agrigento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "V illaggio Mosè- V illaggio Peruzzo Agrigento"

Transcript

1 Istituto Comprensivo V illaggio Mosè- V illaggio Peruzzo Agrigento A cura di Angela Chianetta Funzione strumentale Area 1 Il Dirigente scolastico : Dott. Giuseppe Alfano Anno Scolastico

2 IIstiituto Comprensiivo Viillllaggiio Mosè Peruzzo Viia Viittttorriio De Siica,, Agrriigentto Scuola dell infanzia Santa Chiara, Via dei fiumi Scuola dell infanzia Villaggio Peruzzo, Via E. De Amicis Scuola primaria De Cosmi, P.za del Vespro Scuola primaria Nuova Manhattan, Via E. De Amicis Scuola primaria Giovanni Paolo II, Via dei fiumi Scuola primaria Montessori, Piazza Montessori, 1 Scuola secondaria di primo grado Villaggio Peruzzo, Via S. Acquisto Scuola secondaria di primo grado Federico II, Via Vittorio De Sica Tel. E fax

3 Seziione 1 Presentaziione dell Pof II priinciipii fondamentallii IIndiicaziionii tecniiche sullll iistiituto IIll contesto sociio-cullturalle ed economiico iin cuii opera ll IIstiituto Comprensiivo Mosè/Peruzzo Lo Staff gestiionalle e diidattiico IIll personalle ATA:: compiitii e mansiionii 3

4 Che cos è iill POF? Il Piano dell offerta formativa, comunemente chiamato Pof, è stato introdotto per effetto del DPR. 275/99. Esso è uno strumento di lavoro di tutti gli insegnanti appartenenti ad un medesimo istituto e costituisce un contratto formativo tra scuola e cittadini, che formalizza in un Progetto Unico il complessivo processo educativo delle diverse realtà scolastiche dell Istituto Comprensivo. Viene elaborato sulla base di: - quanto predisposto nelle singole sedi - quanto condiviso dall intero Collegio Docenti Viene deliberato e reso operativo dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio d Istituto. E disponibile per l utenza in ogni singola sede. Gli organi collegiali, attraverso un attenta analisi del lavoro svolto e degli esiti formativi relativi alle azioni educative programmate, potranno verificare l effettivo andamento delle attività didattiche. Il POF viene verificato attraverso un piano di autoanalisi interna, in itinere e a conclusione di ogni anno scolastico. I nuclei fondamentali del documento sono: Analisi del territorio e individuazione dei bisogni Le scelte organizzative Le scelte educative con definizione delle finalità, degli obiettivi e dei bisogni educativi Le garanzie Il Pof offre quindi una sintesi degli elementi organizzativi e strutturali che l Istituto è in grado di garantire al fine di consentire all utenza una scelta cosciente e ponderata. 4

5 Priinciipii Fondamentallii Ubii sociietas iibii iius Uguaglliianza ((artt.. 3 e 34 Cost..)) Nessuna discriminazione nell erogazione del servizio scolastico può essere compiuta per motivi riguardanti sesso, razza, etnia, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni psico-fisiche e socio- economiche. «La scuola è aperta a tutti». IImparziialliità e regollariità Tutti i soggetti che operano nella scuola agiscono con criteri di obiettività ed equità. Accoglliienza e iintegraziione La scuola si impegna, con opportuni ed adeguati atteggiamenti ed azioni di tutti gli operatori del servizio, a favorire l accoglienza dei genitori e degli alunni, l inserimento e l integrazione di questi ultimi con particolare riguardo alla fase di ingresso alle classi iniziali e alle situazioni di rilevante necessità. Nello svolgimento della propria attività, ogni operatore ha pieno rispetto dei diritti e degli interessi dell alunno. Diiriitto dii scellta,, obblliigo scollastiico e ffrequenza L utente ha facoltà di scegliere l istituzione scolastica di cui avvalersi. L obbligo scolastico e la regolarità della frequenza sono assicurati con interventi di prevenzione e controllo dell evasione e della dispersione scolastica, con il coinvolgimento dei genitori e delle altre istituzioni a ciò deputate. 5

6 Parteciipaziione,, effffiiciienza e trasparenza Istituzione scolastica, personale, genitori e alunni, sono protagonisti e responsabili dell attuazione della gestione partecipata della scuola. I loro comportamenti devono favorire la più ampia realizzazione degli standard generali del servizio. L Istituzione scolastica si impegna a favorire le attività extrascolastiche che realizzino la funzione della scuola come centro di promozione culturale, sociale, civile, con il supporto anche di natura economica dagli enti locali, consentendo l uso delle attrezzature e degli edifici fuori dall orario scolastico L istituzione scolastica, al fine di promuovere ogni forma di partecipazione, garantisce la massima semplificazione delle procedure ed un informazione completa e trasparente. L attività scolastica, ed in particolare l orario di servizio di tutte le componenti, si uniforma a criteri di efficienza, di efficacia, di flessibilità nell organizzazione dei servizi amministrativi, dell attività didattica e dell offerta formativa integrata. Per le stesse finalità la scuola garantisce ed organizza le modalità di aggiornamento del personale in collaborazione con Istituzioni ed Enti culturali, nell ambito delle linee di indirizzo e delle strategie di intervento definite dall amministrazione. Liibertà dii iinsegnamento e aggiiornamento dell personalle La programmazione assicura il rispetto della libertà di insegnamento dei docenti e garantisce la formazione dell alunno, facilitandone le potenzialità e contribuendo allo sviluppo armonico della personalità nel rispetto degli obiettivi formativi nazionali e comunitari, generali e specifici, recepiti nei piani di studio. L aggiornamento e la formazione costituiscono un impegno per tutto il personale scolastico e un compito per l amministrazione, che assicura interventi organici e regolari. 6

7 Ill nostro Istiituto comprensiivo L Istituto Comprensivo Villaggio Mosè - Villaggio Peruzzo, costituito il primo settembre 2012 a seguito del dimensionamento e della razionalizzazione della rete scolastica, raggruppa plessi appartenenti a circoli didattici e istituti comprensivi diversi, le cui sedi centrali pur facendo capo ad Agrigento avevano varie dislocazioni territoriali, come nel caso della scuola materna del Villaggio Peruzzo, sezione staccata del IV Circolo Didattico di Villaseta. L accorpamento dei plessi dei tre ordini di scuola ha finalmente consentito la costituzione di un Istituto Comprensivo a dimensione naturale oltre che logistica a livello spaziale. Pertanto sarà possibile realizzare una vera continuità formativa dalla scuola dell infanzia alla scuola secondaria di primo grado, accompagnando l alunno nelle tappe fondamentali del percorso evolutivo dai tre ai quattordici anni, ossia dalla prima infanzia all adolescenza. Ciò costituisce anche un vantaggio indiscutibile ad ampio raggio per l utenza, in quanto sia la dirigenza che gli uffici di segreteria si trovano nel plesso di scuola media Federico II (sede centrale), ubicato al Villaggio Mosè. Indicazioni tecniche sull Istituto Appartengono all Istituto: n. 2 scuole dell infanzia Scuola dell Infanzia Santa Chiara Scuola dell Infanzia Villaggio Peruzzo n. 4 scuole primarie Scuola Primaria Nuova Manhattan Scuola Primaria Giovanni Paolo II Scuola Primaria Montessori n. 2 scuole secondarie di primo grado Scuola Secondaria Federico II Scuola Secondaria Peruzzo Per un totale di 1169 alunni. 7

8 IIll contesto sociio/economiico dell terriitoriio iin cuii sii colllloca ll IIstiituto Viillllaggiio Mosè Viillllaggiio Peruzzo Il nostro Istituto Comprensivo copre un territorio piuttosto vasto e diversificato: dalla zona commerciale del Villaggio Mosè, al Villaggio Peruzzo, alla frazione balneare di San Leone. La sede centrale del nuovo polo è sita in Via Vittorio De Sica presso la scuola Media Federico II del Villaggio Mosè. Nella piazza del villaggio, di fronte la chiesa, è ubicato il plesso di Scuola Primaria De Cosmi, edificio nuovo riaperto nel settembre del 2012 dopo dieci lunghi anni di chiusura. In Via dei fiumi si trovano nello stesso edificio la scuola dell infanzia Santa Chiara e la scuola primaria Giovanni Paolo II. Al Villaggio Peruzzo, poco distanti tra loro, il plesso di scuola dell infanzia Villaggio Peruzzo, la scuola primaria Nuova Manhattan e la scuola secondaria di primo grado Peruzzo. Tutte le scuole del nostro Istituto comprensivo hanno come denominatore comune l appartenenza alla II circoscrizione denominata della Costa. Le sedi degli edifici si trovano infatti tra Villaggio Mosè, Villaggio Peruzzo e San Leone. Viillllaggiio Mosè Nell ultimo decennio il Villaggio Mosè è diventato un grande centro commerciale. Sono sorti infatti negozi vari, bar, tabacchi, supermercati, banche, hotels, posti di ristoro etc. e si è registrato un notevole incremento demografico per la crescente espansione edilizia. Le due parrocchie Santa Rosa e Cuore Immacolato di Maria, rappresentano gli unici punti d incontro e di svago per i bambini e per i ragazzi residenti. La zona non è servita di campetti pubblici di calcio, di pallacanestro e spazi attrezzati per attività ludico- ricreative. La palestra coperta del plesso Federico II viene utilizzata nel pomeriggio da società sportive. Gli alunni provengono da un contesto sociale eterogeneo, formato prevalentemente da commercianti, professionisti, artigiani, impiegati e operai. Essi presentano in genere un sufficiente grado di socializzazione, tuttavia non sempre sono sostenuti dal punto di vista culturale e formativo in modo adeguato dalle famiglie. 8

9 Viillllaggiio Peruzzo Il Villaggio Peruzzo è sorto nei primi degli anni 60, quando venne delimitata all interno delle zone A-B-C- del parco della Valle dei Templi, un area D per l edilizia popolare. All inizio nel quartiere vi erano solo tredici palazzine, oggi la zona è servita da negozi (prevalentemente di generi alimentari), bar, scuole, un campetto di calcio e i campetti di basket e tennis. Queste ultime due strutture sportive, abbandonate per anni per mancanza di fondi, sono state riaperte nel marzo La chiesa San Pio X, con l annesso oratorio è punto di incontro per bambini e ragazzi della zona. Merita di essere menzionata l attività del gruppo Agesci scout Agrigento 3 che ha sede proprio presso la parrocchia del villaggio. Il livello socio-culturale delle famiglie può considerarsi medio. San Leone La località balneare di Agrigento che sorge in prossimità della foce del fiume Akragas, prende il nome dal Papa siciliano Leone II ( ). Molto affollata e caotica nel periodo estivo - conta infatti circa villeggianti -, nel periodo invernale la popolazione si riduce a circa residenti. Essendo una zona turistica è servita da alberghi, bar, ristoranti, pizzerie, supermercati, negozietti etnici e due aree dedicate alle giostre, di cui una, quella situata vicino al porticciolo, non costituisce attività stagionale perché funzionante tutto l anno. All interno dell area pedonale sul lungomare Falcone-Borsellino, la pista ciclabile, consente a bambini e ragazzi del luogo di gustare con sicurezza il piacere di una sana passeggiata in tutti i periodi dell anno. Anche a San Leone, come al villaggio Mosè e al villaggio Peruzzo la chiesa Mater San Leonis, costituisce un insostituibile luogo di aggregazione e di socializzazione. L utenza appartiene a un ceto sociale medio-alto. 9

10 Diiriigente scollastiico:: Dott.. Giiuseppe Allffano Lo staffff gestiionalle e llo staffff diidattiico CollaboratorI Responsabili di Funzioni Coordinatori del D.S. plesso Strumentali Dipartimenti I Collaboratore del D.S. Prof. Rosanna Vaccaro Infanzia S Chiara Ins. Patrizia Montes Infanzia Peruzzo Ins. Maria Lucia Amato Primaria Gestione Piano Offerta Formativa Ins Angela Chianetta Marketing e supporto alla multimedialità. la tecnologia. Prof. Silvio Licata Area Linguistica: Prof.ssa Assunta Gandolfo Area Matematica: Ins. Maria Musso De Cosmi Ins. Patrizia Morello Coordinamento Gruppo GLI e rapporti con l ASP Prof.ssa Marchica Area Antropologica: Collaboratore del D.S. Primaria Giovanni Paolo II : Attività extra moenia: rapporti con il territorio Prof. Rosalinda Greco Ins. Maria Grazia Carlisi Prof. Maria Rosa Posante D.S.G.A. Carmela Luparello Ins. Adriana Moncada Primaria Nuova Mahnattan : Ins. Rosaria Castro Primaria Montessori Ins. Angela Chianetta Valutazione interna e monitoraggio: la qualità. Prof.ssa Assunta Gandolfo Sostegno al lavoro dei docenti: Piano annuale di aggiornamento: Ins. Anna Pisciotta Scuola Media Peruzzo Prof. Giovanni Messina 10

11 Personalle ammiiniistratiivo e rellatiive mansiionii IIll Personalle A..T..A.. Diirrettttorre Ammiiniisttrrattiivo:: Carrmella Luparrellllo Assistenti amministrativi Cognome Nome Status 1 Bontà Pasquale Ufficio personale 2 Carafassi Rita Maria Addetta alla contabilità 3 Lattuca Irene Ufficio protocollo 4 Nobile Angelo Ufficio alunni 5 Puccio Giuseppe Ufficio personale 6 Vetro Giuseppe Ufficio alunni/ posta elettronica ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO Tutti i giorni dalle 10,00 alle 12,30 Non è previsto ricevimento del pubblico in altre sedi se non per motivi eccezionali autorizzato dal D.S. che riferirà ai responsabili dei plessi. E prevista l apertura pomeridiana della segreteria in occasione dei colloqui con le famiglie, elezioni organi collegiali e per particolari esigenze di servizio. 11

12 Organico collaboratori scolastici (18 unità) con relativa assegnazione ai plessi Cognome Nome Status Plesso assegnato 1 Cacciatore Giuseppe T.I. Materna Peruzzo 2 Casavola Antonio T.I. Centrale 3 Cipolla Salvatore T.I. Primaria San Leone 4 Cusumano Paolo T.I. Primaria Peruzzo 5 D Anna Giovanni T.I. Media Peruzzo 6 D Oro Mario T.I. Centrale 7 Fanara Carmelo T.I. Primaria De Cosmi 8 Galvano Gerlando T.I. Media Peruzzo 9 Gibilaro Carmelo T.I. Infanzia Vill. Mosè 10 La Gaipa Giuseppe T.I. Primaria De Cosmi 11 Milioti Pasquale T.I. Primaria De Cosmi 12 Mongiovì Domenico T.I. Centrale 13 Puglisi Filippo T.I. Media Peruzzo 14 Sorce Rosario T.I. Primaria Peruzzo 15 Tarallo Maria T.I. Infanzia Peruzzo 16 Trupia Pasquale T.I. Primaria Papa Giovanni Paolo II 17 Tuttolomondo Pasquale T.I. Infanzia Vill. Mosè 18 Tuttolomondo Pietro T.I. Primaria san Leone N.. B.. Il personale ausiliario potrebbe essere spostato, in itinere per esigenze di servizio. 12

13 Presentaziione deii pllessii Seziione 2 Le scuolle dellll iinfanziia IIll pllesso Santa Chiiara IIll pllesso Peruzzo Le scuolle priimariie IIll pllesso De Cosmii IIL pllesso Giiovannii Paollo IIII IIll pllesso Nuova Manhattan IIll pllesso Montessorii Le scuolle secondariie dii priimo grado IIll pllesso Federiico IIII IIll pllesso Peruzzo 13

14 Scuolla dellll iinfanziia La scuola dell infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita, di relazioni, un luogo di apprendimento e di crescita dalle connotazioni culturali, pedagogiche e didattiche, che valorizzano la diversità e considerano ogni bambino protagonista e costruttore della propria personalità attraverso l interazione con gli adulti, con le cose e i contesti di vita, con i simboli e i linguaggi della nostra cultura. Essa si pone la finalità di promuovere nei bambini lo sviluppo dell identità, dell autonomia, delle competenze e della cittadinanza. Progettaziione attiiviità educatiiva La scuola dell infanzia predispone all interno del Piano dell Offerta Formativa il curricolo che si articola attraverso i Campi di esperienza Il sé e l altro Il corpo in movimento L arte Immagini, la musica, suoni, i colori media I discorsi e le parole Numeri La conoscenza e spazio, fenomeni del mondo e viventi I campi di esperienza delineano una prima mappa di linguaggi, alfabeti, saperi in forma di traguardi di sviluppo, che poi troveranno una loro evoluzione nel passaggio alla scuola primaria. 14

15 Mettodollogiia La metodologia privilegia : - Il gioco in tutte le sue manifestazioni: creativo, cognitivo, socializzante; -L esperienza e la ricerca proponendo esperienze che muovano dalla curiosità del bambino e che lo stimolino a confrontare situazioni, a formulare ipotesi, ad adattarsi alla realtà; - La vita di relazione proponendo attività nel piccolo e nel grande gruppo Veriiffiica L ausilio di libri, di schede didattiche individuali e differenziate per età e sviluppo; l uso di griglie di verifica e valutazione; attività di lavoro per gruppi spontanei e non, eterogenei e non, e a sezioni aperte; incontri dibattiti con le colleghe; colloqui-confronti con i genitori saranno alla base della nostra verifica e valutazione riguardo il raggiungimento degli obiettivi prefissati. 15

16 Responsabile di plesso: Maria Lucia Amato Sostituta: Anna Sicilia Telefono: 0922/ Scuolla dellll iinffanziia Viillllaggiio Peruzzo Risorse strutturali Lo stabile che ospita la scuola dell infanzia del Villaggio Peruzzo, è situato a pianterreno. Gli spazi ampi e luminosi, le pareti colorate, gli arredi nuovi rendono l ambiente molto accogliente. Oltre alle aule che ospitano le tre sezioni, vi è una stanza con tanti giochi e materiale didattico e una adibita alla conservazione del materiale utilizzato ciclicamente in occasione di ricorrenze e festività. Anche i locali utilizzati per la mensa sono spaziosi, confortevoli e ben organizzati. L edificio è dotato di climatizzatori. Assegnazione docenti alle classi Sezioni A (anni 5) B (anni 3) C (anni 4) Insegnanti Sofia Buccheri- Giuseppina Gulisano Giusy Aguglia - Rosa Sciortino Anna Lucia Amato - Annamaria Sicilia N.B. Nella sezione dei bambini di cinque anni, sezione A, a supporto della classe opera 16

17 l insegnante Marianna Piazza per 25 ore EH grave; a supporto della sezione C opera l ins. Giuseppina Trupia per ore EH-DH 10 h. Orario: 8.00/16/00 Organizzazione della giornata tipo Ore 8,00 / 8,45 accoglienza Ore 8,45 / 9,30 attività di routine Ore 9,30 / 9,45 colazione Ore 9,45/ 11,30 attività educative-didattiche Ore 11,30 /12,00 preparazione al pranzo Ore 12,00/12,45 pranzo Ore 12,45/13,30 gioco libero e organizzato Ore 13,30/ 14,30 attività di intersezione Ore 14,30/15,00 merenda Ore 15,00/16,00 uscita 17

18 Rappresentanti genitori eletti nei Consigli di Intersezione Sezioni A (anni 5) B (anni 3) C (anni 4) Cognome e nome Russello Liliana Amato Luciana Adragna Daniela 18

19 Scuolla dellll iinffanziia:: Santa Chiiara Responsabile di plesso: Patrizia Montes Sostituta: Galvano Rosangela Telefono:0922/ Risorse strutturali: I locali della scuola dell infanzia Santa Chiara, si trovano al pianterreno dell edificio che ospita al primo piano la scuola primaria Giovanni Paolo II. Le aule sono spaziose, riscaldate e confortevoli. Adeguati i servizi igienici. Assegnazione docenti alle sezioni: Sezioni A (anni 3-4) B (anni 5) C (anni 5) D (anni 4) E (anni 4) F (anni 3) G (anni ) Insegnanti Rosangela Galvano Anna Pisciotta Annamaria Caramazza Angela Spina Patrizia Montes Calogera Vaianella Calogera Morreale 19

20 N.B A supporto della sezione G opera l ins. Giuseppina Trupia per 25h EH I bambini delle varie sezioni si distinguono con un colore. La sezione A è contraddistinta dal colore bordeaux, la sezione B dall arancione, la C dal blu, la D dal rosso, la E dal giallo, la F dal Blu Cobalto e la G dal colore verde. Orario Ore: 8,15 /13,15 Organizzazione della giornata tipo Ore 8,15 / 9,00 accoglienza bambini Ore 9,00 /9,30 attività di routine (appello-conversazioni) Ore 9,00/ 10,30 attività educative -didattiche Ore 10,30 /11,00 colazione Ore 11,30/13,00 gioco libero ed organizzato, attività di intersezione. 20

21 Attività di intersezione Rappresentanti genitori eletti nei Consigli di Intersezione Sezioni A B C D E F G Cognome e nome Santalucia Simona Passarello Maria Chiara Navarra Assuntina Zarcone Carmelina Zambuto Anna Maria Maniglia Carmelina Carlisi Antonella 21

22 Le scuolle priimariie Tutte le scuole primarie del nostro Istituto Comprensivo, pur se contraddistinte da diverse connotazioni, strutturali, ambientali e sociali sono accomunate da alcuni punti cardine unitari. Le insegnanti dei vari plessi all inizio dell anno scolastico hanno concordato le linee essenziali della programmazione annuale per classi parallele, nonché i traguardi intermedi da conseguire alla fine delle classi terze e quinte, in armonia con quanto disposto dalle Indicazioni Nazionali. Inoltre tutte le classi, di tutti i plessi, hanno adottato il tempo scuola normale di 27 ore settimanali, distribuite in cinque giorni. L orario osservato è il seguente: dal lunedì al giovedì ore 8.00/13.30 venerdì 8.00/13.00 sabato libero. Entrata alunni: ore con tolleranza fino alle ore 8.10 Gli incontri di programmazione sono settimanali. Il giorno stabilito è il martedì, dalle ore alle 18.00, nelle rispettive sedi di appartenenza. Eccezionalmente in occasione di particolari situazioni tutto il corpo docente di scuola si riunisce in un solo plesso per adottare decisioni o effettuare scelte secondo coordinate unitarie. I plessi De Cosmi, Nuova Manhattan, Giovanni Paolo II, adottano le quote orarie rilevate in tabella (D.M. 37/09 quadri orari) 22

23 Quotte orrarriie perr diisciiplliine Discipline I II III IV V Italiano Inglese Storia Geografia Matematica Scienze Musica Tecnologia Arte e immagine Ed. fisica Religione Per la scuola primaria Montessori, si rimanda alla lettura della presentazione del plesso per la distribuzione delle quote orarie in quanto, sempre nel rispetto delle quantificazione delle ore ex D.M. 37/09, si rilevano alcune variazioni relative al laboratorio Nati per leggere ormai adottato da alcuni anni come progetto curricolare. 23

24 Scuolla priimariia De Cosmii Responsabiille dii pllesso:: IInsegnantte Marriia Pattrriiziia Morrellllo Sosttiittutta:: Giiulliiana Monttallbano Telleffono Il plesso De Cosmi è dedicato all alunno Francesco Tirone Rissorrsse ssttrrutttturral lii : Plesso di recente ristrutturazione costituito da un edificio di due piani con spazio esterno. Le dieci aule, equamente dislocate per piano così come i servizi igienici, sono di varia grandezza. Numero aule: 10 Numero classi: 11. L undicesima classe è ubicata presso la Scuola secondaria di I grado Federico II. Questa classe osserva un orario diversificato: ore 7:55 entrata-ore13:25 uscita 24

25 Assegnaziione docentii alllle cllassii Classe Italiano Storia Geografia Inglese Matematica Scienze Arte e immagine Tecnologia Musica Educazione fisica I A Sutera Sutera Sutera Sutera Sutera Poma Sutera Poma Poma Sutera I B Costanza Costanza Costanza Caramazza Costanza Guarneri Costanza Cstanza Guarneri Scienze I C Saieva Saieva Saieva Caramazza Saieva Guarneri Saieva Saieva Poma Saieva II A Bongiorno Bongiorno Bongiorno Caramazza Bongiorno Bongiorno Bongiorno Bongiorno Bongiorno Bruccoleri II B Musso Musso Musso Caramazza Musso Musso Musso Musso Musso Bruccoleri III A Morello Morello Morello Morello Poma Poma Morello Morello Morello Morello III B Montalbano Montalbano Montalbano Montalbano Poma Poma Montalbano Montalbano Montalbano Montalbano IV A Bruccoleri Siracusa Siracusa Siracusa Guarneri Guarneri Bruccoleri Siracusa Bruccoleri Siracusa IV B Bruccoleri Siracusa Siracusa Siracusa Guarneri Guarneri Bruccoleri Siracusa Bruccoleri Siracusa VA D Oro Montalbano D Oro Caramazza D Oro D Oro D Oro D oro D oro D Oro V B Natalello Morello Natalello Caramazza Natalello Natalello Natalello Natalello Natalello Natalello N.B L insegnante coordinatore di classe è contrassegnato col colore arancione. L insegnante di religione cattolica, Lucia Giddio, opera in tutte le classi del plesso. Cllassssii ccon ssosstteegno Classe Docente Ore I B Sutera Sardo 16 II B Montana 17,30 IV B Montana 4,30 V A Caltagirone 22 V A V B V B Siracusa Sutera Sardo Santamaria

26 Rappresentantii deii geniitorii ellettii iin seno all Consiiglliio d IIntercllasse Classe I A I B I C II A II B III A III B IV A IV B V A V B Cognome e nome Russo Gaetana Cervone Lugi Sanfilippo Elena Ferrante Maria Vullo Serafina Palumbo PiccionelloDaniela Lombardo Samantha Cumbo Rosanna Palumbo Valentina Daino Annunziata Lo Bue Emilia Sussiidii e materiiallii diidattiicii Nr.10 computer Nr 1 stampante Nr 2 radioregistratori 26

27 Scuolla Priimariia Giiovannii Paollo IIII Responsabiille dii pllesso:: IInsegnantte Adrriiana Moncada Sosttiittutta:: Calldarra Crroce Teleffono:: 0922/60845 Rissorrsse ssttrrutttturral li: L edificio, di proprietà privata, dato in locazione circa sette anni fa al comune di Agrigento, è idoneo all uso scolastico. Lo stabile ha i locali situati su due livelli, possiede porte antipanico, servizi igienici su misura per gli alunni e ascensore. I due piani pur se comunicanti tra loro per mezzo di una porta tagliafuoco, sono dotati di ingressi autonomi: uno per il piano terra che 27

28 ospita la scuola dell infanzia Santa Chiara, ed uno per il primo piano, che ospita la scuola primaria Papa Giovanni Paolo II. La scuola primaria ha 7 aule e un aula di informatica adibita a classe per mancanza di locali. Trradi izzi ionii -- abittudi ini: In occasione di ricorrenze, i docenti nelle proprie classi programmano e realizzano attività a carattere interdisciplinare per rivivere le antiche tradizioni e le usanze popolari spesso dimenticate; tali attività, a volte, sono espletate in collaborazione con i rappresentanti dei genitori. Assegnaziione docentii alllle cllassii Classe Italiano Storia Geografia Inglese Matematica Scienze Arte e immagine Tecnologia Musica Educazione fisica I A Cortini Schembri Schembri Calabrò Cortini Schembri Schembri Schembri Schembri Schembri II A Danile Cosentino Cosentino Danile Montalbano Montalbano Danile Cosentino Montalbano Montalbano II B Danile Cosentino Cosentino Danile Montalbano Montalbano Danile Cosentino Montalbano Montalbano III A Caldara Caldara Caldara Moncada Moncada Moncada Calabrò Calabrò Calabrò Calabrò III B Caldara Caldara Caldara Moncada Moncada Moncada Calabrò Calabrò Calabrò Calabrò IV A Arcieri Arcieri Arcieri Arcieri Arcieri Cosentino Arcieri Acieri Cosentino Cosentino V A Iacono Iacono Iacono Costanza Costanza Costanza Cortini Cortini Cortini Cortini V B Iacono Iacono Iacono Costanza Costanza Costanza Cortini Cortini Cortini Cortini N.B. L insegnante coordinatore di classe è contrassegnato col colore arancione. Religione cattolica: insegnante Santina Deni in tutte le classi. In V B opera l insegnante di sostegno Elena Santamaria (19 ore, EH grave). 28

29 Rappresentantii deii geniitorii ellettii iin seno all Consiiglliio d IIntercllasse Classe I A II A II B III A III B IV A V A V B Cognome e nome Di Stefano Linda Sciacca Stefania Sguali Cinzia Russo Simona Di Stefano Linda Scebba Patrizia Argento Alfonsa De Castro Marika Sussiidii e materiiallii diidattiicii Attrezzi per laboratorio di scienze motorie e giochi sportivi Materiale per laboratorio scientifico Materiale per laboratorio di informatica Nr 1 televisore Nr 1 fotocopiatore Nr 1 lettore DVD Nr 1 videoregistratore 29

30 Scuolla Priimariia Nuova Manhattan Responsabiille dii pllesso:: Rosarriia Casttrro Sosttiittutta:: Marriia Terresa Viicciica Teleffono:: 0922// Rissorrsse Sttrrutttturral lii :L edificio ubicato a piano terra è idoneo ad ospitare locali scolastici. E dotato di impianto di riscaldamento e di adeguati servizi igienici. E circondato da uno spazio libero in parte pavimentato. Tale spazio comunica con la scuola dell infanzia Villaggio Peruzzo. 30

31 Assegnaziione docentii alllle cllassii Classe Italiano Storia Geografia Inglese Matematica Scienze Arte immagine Tecnologia Musica Educazione fisica I A Palumbo Calabrò Calabrò Calabrò Palumbo. Palumbo Palumbo. Palumbo. Palumbo Palumbo Piccionello.C Piccionello.C Palumbo.C Piccionello.C Piccionello C. Piccionello.C Piccionello I B Agliata Sicilia Sicilia Agliata Agliata Agliata Agliata Agliata Agliata Agliata II A Mosca Sicilia Sicilia Mosca Mosca Mosca Mosca Mosca Mosca Mosca II B Marra Sicilia Sicilia Marra Marra Marra Marra Marra Marra Marra IIIA Castro Sicilia Sicilia Caramazza Castro Castro Castro Castro Castro Castro III B Piro Sicilia Sicilia Piro Piro Piro Piro Piro Piro Piro IV A Marchica Marchica Marchica Caramazza Marchica Marchica Calabrò Calabrò Marchica Marchica V A Viccica Viccica Viccica Caramazza Viccica Viccica Calabrò Calabrò Viccica Viccica V B Carlisi Carlisi Carlisi Carlisi Carlisi Carlisi Calabrò Calabrò Carlisi Calabrò N.B Insegnanti di religione : Lo Piparo Classi I A- I B- II A- II B-III A- IIIB- IV A. Cammalleri: Classe V A Deni: Classe V B Sussiidii e materiiallii diidattiicii Nr 1 lavagna interattiva (L.I.M.) Nr 10 computer Nr 1 computer portatile 31

32 Rappresentantii deii geniitorii ellettii iin seno all Consiiglliio d IIntercllasse Classe I A I B II A II B III A III B IV A V A V B Cognome e nome Rizzo Pinna Michela in Fazio Fortino Antonio Villardita Assuntina in D Anna Failla Teresa in Siracusa Gariboli Antonella in Cucchiara Costanza Francesca in Burceri Frenda Floriana in Mirabile Gariboli Rosalinda in Puntorno Tuttolomondo Simona in Fazio 32

33 Scuolla Priimariia Montessorii Responsabiille dii pllesso:: Angella Chiianetttta Sosttiittutta:: Marriia Giiuseppiina IIacono Lo Biianco Teleffono 0922/ Riisorrse sttrrutttturrallii La scuola primaria Montessori sita in piazza Montessori, nella frazione balneare di San Leone, è uno stabile su due piani, entrambi forniti di adeguati servizi igienici, di cui: uno per disabili e due per il personale docente. Al pianterreno si trovano due aule molto spaziose e luminose e un ripostiglio dotato di porta blindata. Al primo piano le aule sono di diverse dimensioni. Nell aula centrale, decisamente più ampia, è collocata una lavagna interattiva multimediale (LIM). Tutte le classi dispongono di climatizzatori. 33

34 Non vi sono spazi strutturati a laboratorio. Tuttavia all ingresso, grazie alla creatività delle insegnanti, è stata ricavata la Tana del lupo, accogliente angolo lettura. La scuola infatti ormai da anni aderisce al progetto Nati per Leggere. All esterno dell edificio c è un cortile molto spazioso che i docenti, compatibilmente con le condizioni climatiche, utilizzano per attività sportive, rappresentazioni teatrali e spettacoli di fine anno. Laborrattorrii: Il plesso non dispone di altre aule oltre le cinque occupate dalle classi, tuttavia è a disposizione degli alunni molto materiale per laboratorio scientifico, diversi libri della collana Nati per leggere, nonché una mini biblioteca per il progetto lettura. Responsabile della biblioteca e del relativo progetto curricolare, per l anno scolastico 2013/14 è l insegnante Lavinia Russo. Sia la Tana del lupo, sia le aule, all occorrenza sono adibiti ad uso laboriatoriale. Trradiiziionii -- abiittudiinii :: Nell ambito del progetto Nati per leggere, un intera settimana nel mese di marzo è dedicata a Storie piccine fiabe, racconti, filastrocche, nella Tana del lupo, contestualmente ai laboratori di lettura di Torino e delle città italiane che aderiscono a tale progetto. La postta dii llupo sabbiioso Gli alunni scrivono a Lupo sabbioso perché è un lupo sapiente e saggio, capace di rispondere alle grandi domande e dissolvere ogni loro dubbio 34

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI PARTE SECONDA 5. LA SCUOLA PRIMARIA DELL'ISTITUTO 5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI La scuola Primaria promuove il benessere dei bambini e si impegna ad educarli tenendo conto delle diverse dimensioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo I PROGETTI DIDATTICI INDIRIZZI GENERALI DELLA SCUOLA LE STRUTTURE IL CURRICOLO P.O.F

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n.

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n. ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n. 0332400737 e-mail scuolavo@libero.it C è qualcosa di più

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere PROGETTO CONTINUITÀ Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini [Plesso di Arbostella, Plesso di Fuorni, Plesso di Mariconda, Plesso di Mercatello] Una scuola da scoprire e da vivere icritalevimontalcini.gov.it

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Indicazioni nazionali per il curricolo

Indicazioni nazionali per il curricolo Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione a cura di Valentina Urgu per l I.C. Monastir L ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO Indicazioni quadro di riferimento

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il Curricolo

Indicazioni Nazionali per il Curricolo Indicazioni Nazionali per il Curricolo Scuola dell infanzia e primo ciclo di istruzione Conferenza Stampa Mercoledì 6 Marzo 2013 MIUR- Sala della Comunicazione Ore 15:00-17:00 #InScuola Le nuove Indicazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado Istituto Comprensivo "San Giovanni Bosco" Naro ISTITUTO COMPRENSIVO "SAN GIOVANNI BOSCO" NARO Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado A.S.2015-16

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

Prot. n. 3389/B4 Cattolica Eraclea, lì 21/09/2015

Prot. n. 3389/B4 Cattolica Eraclea, lì 21/09/2015 Istituto Comprensivo di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado EZIO CONTINO Largo Pertini -92011 Cattolica Eraclea (AG) Tel.0922 849242 fax 0922 840344 E-mail agic80700p@istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Scolastica Regionale per il Piemonte ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE DI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Scolastica Regionale per il Piemonte ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE DI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Scolastica Regionale per il Piemonte ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE DI PIANEZZA (TO) 1 Le nostre Scuole Primarie DIRIGENTE

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PAESE Viale Panizza 4-31038 - PAESE (TV) TEL. 0422.959057 - FAX 0422.959459 - Codice Fiscale 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it pec: tvic868002@pec.istruzione.it sito:

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO CENTALLO - VILLAFALLETTO

CARTA DEI SERVIZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO CENTALLO - VILLAFALLETTO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CENTALLO VILLAFALLETTO Scuola dell infanzia Scuola primaria - Scuola secondaria di primo grado Via delle Scuole 8-12044 Centallo (CN) Tel. 0171214049 fax 0171214049 email cnic84300r@istruzione.it

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell infanzia-scuola primaria-scuola secondaria di 1 a indirizzo musicale BOER-VERONA TRENTO Via XXIV Maggio,

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

Istituto Comprensivo G. Rovani. Scuola Primaria Rovani. Scuola Primaria XXV Aprile

Istituto Comprensivo G. Rovani. Scuola Primaria Rovani. Scuola Primaria XXV Aprile Istituto Comprensivo G. Rovani Scuola Primaria Rovani Scuola Primaria XXV Aprile 15 gennaio 2015 Presentazione Scuola Primaria Le finalità della proposta formativa (dal POF della scuola) 1. Istruzione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995)

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) La Carta dei servizi del CPIA Napoli città 1 ha quali principi ispiratori gli articoli

Dettagli

Protocollo per l accoglienza alle scuole dell infanzia dell I.C. di Bariano ( Criteri e punteggi per la compilazione delle liste d attesa )

Protocollo per l accoglienza alle scuole dell infanzia dell I.C. di Bariano ( Criteri e punteggi per la compilazione delle liste d attesa ) APPENDICE E Protocollo per l accoglienza alle scuole dell infanzia dell I.C. di Bariano ( Criteri e punteggi per la compilazione delle liste d attesa ) NORME GENERALI Le iscrizioni alle scuole dell infanzia

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

Istituto Comprensivo N 5 Via Pirandello 12 40026 Imola (BO)

Istituto Comprensivo N 5 Via Pirandello 12 40026 Imola (BO) Istituto Comprensivo N 5 Via Pirandello 4006 Imola (BO) dal Piano dell Offerta Formativa che: esplicita la nostra progettazione curricolare, extracurricolare educativa ed organizzativa e si configura,

Dettagli

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia Paola di Rosa Scuola Primaria San Giuseppe La vera educazione è apertura alla realtà nella sua ricchezza la scuola è

Dettagli

Istituto Comprensivo G. Bolognesi

Istituto Comprensivo G. Bolognesi Istituto Comprensivo G. Bolognesi Codice Meccanografico LIIC 81400Q Organizzazione ed orari delle scuole che fanno parte dell Istituto Comprensivo Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Secondaria di I Grado

Dettagli

Carta dei servizi. La carta dei servizi della scuola ha come fonte di ispirazione fondamentale gli art. 3, 33 e 34 della Costituzione italiana.

Carta dei servizi. La carta dei servizi della scuola ha come fonte di ispirazione fondamentale gli art. 3, 33 e 34 della Costituzione italiana. ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE M A C E D O N I O M E L L O N I Viale Maria Luigia, 9/a 43125 Parma Tel 0521.282239 Fax 0521.200567 info@itemelloni.gov.it www.itemelloni.gov.it PRINCIPI FONDAMENTALI

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti OGGETTO: Scrutini: indicazioni per le attività di recupero e per la valutazione del comportamento degli alunni Attività

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO I VALUTAZIONE INTERMEDIA

ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO I VALUTAZIONE INTERMEDIA ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO I VALUTAZIONE INTERMEDIA ANNO SCOLASTICO 212/213 Il percorso di autovalutazione dei risultati di apprendimento dell Istituto Comprensivo Nettuno I ha lo scopo di : Scuola dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. CENA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. CENA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. CENA Centro Risorse Territoriale Via Lepanto 2 04100 Latina 0773 695393 fax 0773 471618 Sito: www.scuolacenalt.eu

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua.

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua. SCUOLA PRIMARIA Denominazione progetto Priorità cui si riferisce (L.107/2015)e Traguardi di risultato Obiettivo di processo CLIL SCIENCE Sviluppare e potenziare le competenze chiave di cittadinanza. Rispondere

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ TRASVERSALI Sviluppa autostima Sviluppa competenze disciplinari e trasversali Impara a cooperare e vivere in gruppo Impara a superare ansie e difficoltà Impara a conoscere

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di Primo Grado Pietra Ligure - Borgio Verezzi

PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di Primo Grado Pietra Ligure - Borgio Verezzi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI PIETRA LIGURE PIETRA LIGURE BORGIO VEREZZI VAL MAREMOLA UFFICI VIA OBERDAN 84 17027 - PIETRA LIGURE SV Tel 019/628109 - fax 019/6295160 PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria

Dettagli

I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio

I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio http://www.icdeamicis.gov.it Secondaria di 1 Grado E. De Amicis Anno scolastico 2016/2017 Piano Triennale dell Offerta Formativa (ex. L. 107 cd. «Buona scuola») La carta

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCEGLIERE CONOSCENDOSI E CONOSCERE PER SCEGLIERE

PROGETTO ORIENTAMENTO SCEGLIERE CONOSCENDOSI E CONOSCERE PER SCEGLIERE PROGETTO ORIENTAMENTO SCEGLIERE CONOSCENDOSI E CONOSCERE PER SCEGLIERE 1 DENOMINAZIONE PROGETTO Scegliere conoscendosi e conoscere per scegliere COLLOCAZIONE DEL PROGETTO Parte integrante del PTOF. Livelli

Dettagli

DOCUMENTO E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

DOCUMENTO E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO IN QUESTA SCUOLA SI ATTUANO PROGETTI PON I.C. 3 de Curtis Ungaretti ad Indirizzo Musicale Scuola dell Infanzia -Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Sede Centrale: Via Viola, 20 80056, Ercolano

Dettagli

Sintesi del Piano dell Offerta Formativa

Sintesi del Piano dell Offerta Formativa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale «ALESSANDRO VOLTA» Sintesi del Piano dell Offerta Formativa SCUOLA PRIMARIA Dirigente Scolastico Prof. Incoronata

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369 CRITERI DI VALUTAZIONE Approvato in Collegio Docenti 15/10/2013 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA Indicatori: Rispetto del regolamento di Istituto, delle persone e dell ambiente scolastico Assiduità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli Prot.2429/O Napoli 28.09.2015 Al Collegio Docenti Alla DSGA All Albo AL SITO WEB IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI il D.P.R. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; il D.P.R. 20 MARZO 2009, N.89, recante Revisione

Dettagli

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado SEZIONE A Competenze Europee Competenza Chiave in Educazione Fisica Competenza Sociale e Civica Imparare ad Imparare Spirito d'iniziativa e imprenditorialità Competenza digitale Fonti di Legittimazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2008-2009 I NOSTRI ALUNNI E LA NOSTRA SCUOLA SCUOLA ALUNNI CLASSI Infanzia 152 7 Primaria 133 (73 Deledda- 60 Morandi) Secondaria di 1^ grado 143 10 (5 Deledda-

Dettagli

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. Ma qual è la pietra che sostiene il ponte? - chiede Kublai Kan. Il ponte non è sostenuto da LA CONCRETEZZA DELL'INVISIBILE Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da questa o quella pietra, -

Dettagli

art. 28, comma 4, CCNL/(2007)

art. 28, comma 4, CCNL/(2007) PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA'' DELL ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N.. INGANNAMORTE art. 28, comma 4, CCNL/(2007) Il Dirigente Scolastico, prima dell'inizio delle lezioni, ha sottoposto all approvazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G.Rodari Via Aquileia, 1 20021 Baranzate (MI) Tel/fax 02-3561839 Cod. Fiscale 80126410150 Cod. meccanografico MIIC8A900C

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

IL CONSIGLIO DI CLASSE

IL CONSIGLIO DI CLASSE Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO XXV APRILE Via Gramsci, 2-4 6 01033 CIVITA CASTELLANA (VT) Tel. 0761513060 Fax. 0761513362

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Ogni docente è libero di attuare le pratiche educative che ritiene più efficaci. Le lezioni si svolgono alternando metodologie didattiche tradizionali come lezione frontale, a

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASEO. EccoCi Qua

ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASEO. EccoCi Qua ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASEO EccoCi Qua PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2015-2016 SCUOLA SECONDARIA Linee essenziali Valori, obiettivi e piano d azione IC TOMMASEO - SECONDARIA UNA SCELTA DI CONTINUITÀ La

Dettagli

SECONDARIA "L. VERGA"

SECONDARIA L. VERGA SECONDARIA "L. VERGA" SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LUIGI VERGA Via Trino 32, Tel. 0161-215814, E-mail vergadocenti@tiscali.it CLASSI ALUNNI INSEGNANTI 16 334 38 10 DI SOSTEGNO 1 DI RELIGIONE COLLABORATRICI

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016

PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di ROCCAPIEMONTE Via Pigno 84086 Roccapiemonte (SA) e Fax 081-931587-Codice Fiscale: 94065920657 e-mail: saic8bd00x@istruzione.it Sito Web: www.istitutocomprensivoroccapiemonte.gov.it

Dettagli

O.D.G. COMPONENTI SCANSIONE

O.D.G. COMPONENTI SCANSIONE CALENDARIO ATTIVITA anno scolastico 2015-16 Suddivisione anno scolastico Primo quadrimestre: 14 settembre 23 gennaio Secondo quadrimestre: 25 gennaio 8 giugno DATA TIPO di RIUNIONE 1 settembre Collegio

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme Lo sviluppo umano riguarda l essere di più e non l avere di più scelte educative La nostra Scuola si impegna per sostenere motivazione riflessione l imparare ad imparare orientare stili di vita buone pratiche

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE R. MAGIOTTI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE R. MAGIOTTI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE R. MAGIOTTI Via F.lli Rosselli n. 4-52025 Montevarchi (AR ) e-mail: aric834004@istruzione.it - aric834004@pec.it http://www.magiotti-mv.it/ Tel. e Fax. 055/9102637-055/9102704

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO Istituto Comprensivo Pio Fedi Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO INTEGRAZIONE-INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTI ABILI Premessa Questo documento denominato PROTOCOLLO D'ISTITUTO: integrazioneinclusione

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA LO SCRICCIOLO

LA SCUOLA DELL INFANZIA LO SCRICCIOLO LA SCUOLA DELL INFANZIA LO SCRICCIOLO SCUOLA STATALE DELL INFANZIA Lo Scricciolo Via Quasimodo, 2 Tel. 0522 347412 Ricevimento ed informazioni in sezione dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8.00 alle ore 16.00

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA TEMPO PIENO F. BARACCA DI RONCHI

SCUOLA PRIMARIA TEMPO PIENO F. BARACCA DI RONCHI SCUOLA PRIMARIA TEMPO PIENO F. BARACCA DI RONCHI 1 DISTRIBUZIONE ORARIA DELLA DISCIPLINE Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V ITALIANO 8 8 8 8 8 MATEMATICA 7 6 6 6 6 IMMAGINE 1 1 1 1 1 STORIA

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016/2019

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016/2019 I.C. 6 QUASIMODO DICEARCHIA 80078 POZZUOLI (NA)-Via Caio Vestorio,3 Tel e Fax 081/8042620 Cod. Fisc. 96029330634 Cod.Mecc. NAIC8DY002 http://www.ic6quasimododicearchia.gov.it e-mail: NAIC8DY002@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO NUOVI ORIZZONTI NON SEMPRE TUTTI I DOCENTI SVOLGONO CON REGOLARITÀ DURANTE L A. S. L EDUCAZIONE MOTORIA. NON SEMPRE LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE L autovalutazione delle attività progettuali previste nel POF viene attuata tramite la somministrazione di questionari rivolti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti

Dettagli

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO 7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO Essendo l'obiettivo prioritario delle attività di recupero e di sostegno l'innalzamento dei livelli di apprendimento degli studenti e la riduzione della dispersione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 Giovanni XXIII 73043 COPERTINO - Via Mogadiscio, 45 - Tel. 0832.947164 Fax 0832.934582 e-mail: leic865009@istruzione.it Allegato al Regolamento d Istituto PROTOCOLLO per l ACCOGLIENZA

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli