V illaggio Mosè- V illaggio Peruzzo Agrigento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "V illaggio Mosè- V illaggio Peruzzo Agrigento"

Transcript

1 Istituto Comprensivo V illaggio Mosè- V illaggio Peruzzo Agrigento A cura di Angela Chianetta Funzione strumentale Area 1 Il Dirigente scolastico : Dott. Giuseppe Alfano Anno Scolastico

2 IIstiituto Comprensiivo Viillllaggiio Mosè Peruzzo Viia Viittttorriio De Siica,, Agrriigentto Scuola dell infanzia Santa Chiara, Via dei fiumi Scuola dell infanzia Villaggio Peruzzo, Via E. De Amicis Scuola primaria De Cosmi, P.za del Vespro Scuola primaria Nuova Manhattan, Via E. De Amicis Scuola primaria Giovanni Paolo II, Via dei fiumi Scuola primaria Montessori, Piazza Montessori, 1 Scuola secondaria di primo grado Villaggio Peruzzo, Via S. Acquisto Scuola secondaria di primo grado Federico II, Via Vittorio De Sica Tel. E fax

3 Seziione 1 Presentaziione dell Pof II priinciipii fondamentallii IIndiicaziionii tecniiche sullll iistiituto IIll contesto sociio-cullturalle ed economiico iin cuii opera ll IIstiituto Comprensiivo Mosè/Peruzzo Lo Staff gestiionalle e diidattiico IIll personalle ATA:: compiitii e mansiionii 3

4 Che cos è iill POF? Il Piano dell offerta formativa, comunemente chiamato Pof, è stato introdotto per effetto del DPR. 275/99. Esso è uno strumento di lavoro di tutti gli insegnanti appartenenti ad un medesimo istituto e costituisce un contratto formativo tra scuola e cittadini, che formalizza in un Progetto Unico il complessivo processo educativo delle diverse realtà scolastiche dell Istituto Comprensivo. Viene elaborato sulla base di: - quanto predisposto nelle singole sedi - quanto condiviso dall intero Collegio Docenti Viene deliberato e reso operativo dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio d Istituto. E disponibile per l utenza in ogni singola sede. Gli organi collegiali, attraverso un attenta analisi del lavoro svolto e degli esiti formativi relativi alle azioni educative programmate, potranno verificare l effettivo andamento delle attività didattiche. Il POF viene verificato attraverso un piano di autoanalisi interna, in itinere e a conclusione di ogni anno scolastico. I nuclei fondamentali del documento sono: Analisi del territorio e individuazione dei bisogni Le scelte organizzative Le scelte educative con definizione delle finalità, degli obiettivi e dei bisogni educativi Le garanzie Il Pof offre quindi una sintesi degli elementi organizzativi e strutturali che l Istituto è in grado di garantire al fine di consentire all utenza una scelta cosciente e ponderata. 4

5 Priinciipii Fondamentallii Ubii sociietas iibii iius Uguaglliianza ((artt.. 3 e 34 Cost..)) Nessuna discriminazione nell erogazione del servizio scolastico può essere compiuta per motivi riguardanti sesso, razza, etnia, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni psico-fisiche e socio- economiche. «La scuola è aperta a tutti». IImparziialliità e regollariità Tutti i soggetti che operano nella scuola agiscono con criteri di obiettività ed equità. Accoglliienza e iintegraziione La scuola si impegna, con opportuni ed adeguati atteggiamenti ed azioni di tutti gli operatori del servizio, a favorire l accoglienza dei genitori e degli alunni, l inserimento e l integrazione di questi ultimi con particolare riguardo alla fase di ingresso alle classi iniziali e alle situazioni di rilevante necessità. Nello svolgimento della propria attività, ogni operatore ha pieno rispetto dei diritti e degli interessi dell alunno. Diiriitto dii scellta,, obblliigo scollastiico e ffrequenza L utente ha facoltà di scegliere l istituzione scolastica di cui avvalersi. L obbligo scolastico e la regolarità della frequenza sono assicurati con interventi di prevenzione e controllo dell evasione e della dispersione scolastica, con il coinvolgimento dei genitori e delle altre istituzioni a ciò deputate. 5

6 Parteciipaziione,, effffiiciienza e trasparenza Istituzione scolastica, personale, genitori e alunni, sono protagonisti e responsabili dell attuazione della gestione partecipata della scuola. I loro comportamenti devono favorire la più ampia realizzazione degli standard generali del servizio. L Istituzione scolastica si impegna a favorire le attività extrascolastiche che realizzino la funzione della scuola come centro di promozione culturale, sociale, civile, con il supporto anche di natura economica dagli enti locali, consentendo l uso delle attrezzature e degli edifici fuori dall orario scolastico L istituzione scolastica, al fine di promuovere ogni forma di partecipazione, garantisce la massima semplificazione delle procedure ed un informazione completa e trasparente. L attività scolastica, ed in particolare l orario di servizio di tutte le componenti, si uniforma a criteri di efficienza, di efficacia, di flessibilità nell organizzazione dei servizi amministrativi, dell attività didattica e dell offerta formativa integrata. Per le stesse finalità la scuola garantisce ed organizza le modalità di aggiornamento del personale in collaborazione con Istituzioni ed Enti culturali, nell ambito delle linee di indirizzo e delle strategie di intervento definite dall amministrazione. Liibertà dii iinsegnamento e aggiiornamento dell personalle La programmazione assicura il rispetto della libertà di insegnamento dei docenti e garantisce la formazione dell alunno, facilitandone le potenzialità e contribuendo allo sviluppo armonico della personalità nel rispetto degli obiettivi formativi nazionali e comunitari, generali e specifici, recepiti nei piani di studio. L aggiornamento e la formazione costituiscono un impegno per tutto il personale scolastico e un compito per l amministrazione, che assicura interventi organici e regolari. 6

7 Ill nostro Istiituto comprensiivo L Istituto Comprensivo Villaggio Mosè - Villaggio Peruzzo, costituito il primo settembre 2012 a seguito del dimensionamento e della razionalizzazione della rete scolastica, raggruppa plessi appartenenti a circoli didattici e istituti comprensivi diversi, le cui sedi centrali pur facendo capo ad Agrigento avevano varie dislocazioni territoriali, come nel caso della scuola materna del Villaggio Peruzzo, sezione staccata del IV Circolo Didattico di Villaseta. L accorpamento dei plessi dei tre ordini di scuola ha finalmente consentito la costituzione di un Istituto Comprensivo a dimensione naturale oltre che logistica a livello spaziale. Pertanto sarà possibile realizzare una vera continuità formativa dalla scuola dell infanzia alla scuola secondaria di primo grado, accompagnando l alunno nelle tappe fondamentali del percorso evolutivo dai tre ai quattordici anni, ossia dalla prima infanzia all adolescenza. Ciò costituisce anche un vantaggio indiscutibile ad ampio raggio per l utenza, in quanto sia la dirigenza che gli uffici di segreteria si trovano nel plesso di scuola media Federico II (sede centrale), ubicato al Villaggio Mosè. Indicazioni tecniche sull Istituto Appartengono all Istituto: n. 2 scuole dell infanzia Scuola dell Infanzia Santa Chiara Scuola dell Infanzia Villaggio Peruzzo n. 4 scuole primarie Scuola Primaria Nuova Manhattan Scuola Primaria Giovanni Paolo II Scuola Primaria Montessori n. 2 scuole secondarie di primo grado Scuola Secondaria Federico II Scuola Secondaria Peruzzo Per un totale di 1169 alunni. 7

8 IIll contesto sociio/economiico dell terriitoriio iin cuii sii colllloca ll IIstiituto Viillllaggiio Mosè Viillllaggiio Peruzzo Il nostro Istituto Comprensivo copre un territorio piuttosto vasto e diversificato: dalla zona commerciale del Villaggio Mosè, al Villaggio Peruzzo, alla frazione balneare di San Leone. La sede centrale del nuovo polo è sita in Via Vittorio De Sica presso la scuola Media Federico II del Villaggio Mosè. Nella piazza del villaggio, di fronte la chiesa, è ubicato il plesso di Scuola Primaria De Cosmi, edificio nuovo riaperto nel settembre del 2012 dopo dieci lunghi anni di chiusura. In Via dei fiumi si trovano nello stesso edificio la scuola dell infanzia Santa Chiara e la scuola primaria Giovanni Paolo II. Al Villaggio Peruzzo, poco distanti tra loro, il plesso di scuola dell infanzia Villaggio Peruzzo, la scuola primaria Nuova Manhattan e la scuola secondaria di primo grado Peruzzo. Tutte le scuole del nostro Istituto comprensivo hanno come denominatore comune l appartenenza alla II circoscrizione denominata della Costa. Le sedi degli edifici si trovano infatti tra Villaggio Mosè, Villaggio Peruzzo e San Leone. Viillllaggiio Mosè Nell ultimo decennio il Villaggio Mosè è diventato un grande centro commerciale. Sono sorti infatti negozi vari, bar, tabacchi, supermercati, banche, hotels, posti di ristoro etc. e si è registrato un notevole incremento demografico per la crescente espansione edilizia. Le due parrocchie Santa Rosa e Cuore Immacolato di Maria, rappresentano gli unici punti d incontro e di svago per i bambini e per i ragazzi residenti. La zona non è servita di campetti pubblici di calcio, di pallacanestro e spazi attrezzati per attività ludico- ricreative. La palestra coperta del plesso Federico II viene utilizzata nel pomeriggio da società sportive. Gli alunni provengono da un contesto sociale eterogeneo, formato prevalentemente da commercianti, professionisti, artigiani, impiegati e operai. Essi presentano in genere un sufficiente grado di socializzazione, tuttavia non sempre sono sostenuti dal punto di vista culturale e formativo in modo adeguato dalle famiglie. 8

9 Viillllaggiio Peruzzo Il Villaggio Peruzzo è sorto nei primi degli anni 60, quando venne delimitata all interno delle zone A-B-C- del parco della Valle dei Templi, un area D per l edilizia popolare. All inizio nel quartiere vi erano solo tredici palazzine, oggi la zona è servita da negozi (prevalentemente di generi alimentari), bar, scuole, un campetto di calcio e i campetti di basket e tennis. Queste ultime due strutture sportive, abbandonate per anni per mancanza di fondi, sono state riaperte nel marzo La chiesa San Pio X, con l annesso oratorio è punto di incontro per bambini e ragazzi della zona. Merita di essere menzionata l attività del gruppo Agesci scout Agrigento 3 che ha sede proprio presso la parrocchia del villaggio. Il livello socio-culturale delle famiglie può considerarsi medio. San Leone La località balneare di Agrigento che sorge in prossimità della foce del fiume Akragas, prende il nome dal Papa siciliano Leone II ( ). Molto affollata e caotica nel periodo estivo - conta infatti circa villeggianti -, nel periodo invernale la popolazione si riduce a circa residenti. Essendo una zona turistica è servita da alberghi, bar, ristoranti, pizzerie, supermercati, negozietti etnici e due aree dedicate alle giostre, di cui una, quella situata vicino al porticciolo, non costituisce attività stagionale perché funzionante tutto l anno. All interno dell area pedonale sul lungomare Falcone-Borsellino, la pista ciclabile, consente a bambini e ragazzi del luogo di gustare con sicurezza il piacere di una sana passeggiata in tutti i periodi dell anno. Anche a San Leone, come al villaggio Mosè e al villaggio Peruzzo la chiesa Mater San Leonis, costituisce un insostituibile luogo di aggregazione e di socializzazione. L utenza appartiene a un ceto sociale medio-alto. 9

10 Diiriigente scollastiico:: Dott.. Giiuseppe Allffano Lo staffff gestiionalle e llo staffff diidattiico CollaboratorI Responsabili di Funzioni Coordinatori del D.S. plesso Strumentali Dipartimenti I Collaboratore del D.S. Prof. Rosanna Vaccaro Infanzia S Chiara Ins. Patrizia Montes Infanzia Peruzzo Ins. Maria Lucia Amato Primaria Gestione Piano Offerta Formativa Ins Angela Chianetta Marketing e supporto alla multimedialità. la tecnologia. Prof. Silvio Licata Area Linguistica: Prof.ssa Assunta Gandolfo Area Matematica: Ins. Maria Musso De Cosmi Ins. Patrizia Morello Coordinamento Gruppo GLI e rapporti con l ASP Prof.ssa Marchica Area Antropologica: Collaboratore del D.S. Primaria Giovanni Paolo II : Attività extra moenia: rapporti con il territorio Prof. Rosalinda Greco Ins. Maria Grazia Carlisi Prof. Maria Rosa Posante D.S.G.A. Carmela Luparello Ins. Adriana Moncada Primaria Nuova Mahnattan : Ins. Rosaria Castro Primaria Montessori Ins. Angela Chianetta Valutazione interna e monitoraggio: la qualità. Prof.ssa Assunta Gandolfo Sostegno al lavoro dei docenti: Piano annuale di aggiornamento: Ins. Anna Pisciotta Scuola Media Peruzzo Prof. Giovanni Messina 10

11 Personalle ammiiniistratiivo e rellatiive mansiionii IIll Personalle A..T..A.. Diirrettttorre Ammiiniisttrrattiivo:: Carrmella Luparrellllo Assistenti amministrativi Cognome Nome Status 1 Bontà Pasquale Ufficio personale 2 Carafassi Rita Maria Addetta alla contabilità 3 Lattuca Irene Ufficio protocollo 4 Nobile Angelo Ufficio alunni 5 Puccio Giuseppe Ufficio personale 6 Vetro Giuseppe Ufficio alunni/ posta elettronica ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO Tutti i giorni dalle 10,00 alle 12,30 Non è previsto ricevimento del pubblico in altre sedi se non per motivi eccezionali autorizzato dal D.S. che riferirà ai responsabili dei plessi. E prevista l apertura pomeridiana della segreteria in occasione dei colloqui con le famiglie, elezioni organi collegiali e per particolari esigenze di servizio. 11

12 Organico collaboratori scolastici (18 unità) con relativa assegnazione ai plessi Cognome Nome Status Plesso assegnato 1 Cacciatore Giuseppe T.I. Materna Peruzzo 2 Casavola Antonio T.I. Centrale 3 Cipolla Salvatore T.I. Primaria San Leone 4 Cusumano Paolo T.I. Primaria Peruzzo 5 D Anna Giovanni T.I. Media Peruzzo 6 D Oro Mario T.I. Centrale 7 Fanara Carmelo T.I. Primaria De Cosmi 8 Galvano Gerlando T.I. Media Peruzzo 9 Gibilaro Carmelo T.I. Infanzia Vill. Mosè 10 La Gaipa Giuseppe T.I. Primaria De Cosmi 11 Milioti Pasquale T.I. Primaria De Cosmi 12 Mongiovì Domenico T.I. Centrale 13 Puglisi Filippo T.I. Media Peruzzo 14 Sorce Rosario T.I. Primaria Peruzzo 15 Tarallo Maria T.I. Infanzia Peruzzo 16 Trupia Pasquale T.I. Primaria Papa Giovanni Paolo II 17 Tuttolomondo Pasquale T.I. Infanzia Vill. Mosè 18 Tuttolomondo Pietro T.I. Primaria san Leone N.. B.. Il personale ausiliario potrebbe essere spostato, in itinere per esigenze di servizio. 12

13 Presentaziione deii pllessii Seziione 2 Le scuolle dellll iinfanziia IIll pllesso Santa Chiiara IIll pllesso Peruzzo Le scuolle priimariie IIll pllesso De Cosmii IIL pllesso Giiovannii Paollo IIII IIll pllesso Nuova Manhattan IIll pllesso Montessorii Le scuolle secondariie dii priimo grado IIll pllesso Federiico IIII IIll pllesso Peruzzo 13

14 Scuolla dellll iinfanziia La scuola dell infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita, di relazioni, un luogo di apprendimento e di crescita dalle connotazioni culturali, pedagogiche e didattiche, che valorizzano la diversità e considerano ogni bambino protagonista e costruttore della propria personalità attraverso l interazione con gli adulti, con le cose e i contesti di vita, con i simboli e i linguaggi della nostra cultura. Essa si pone la finalità di promuovere nei bambini lo sviluppo dell identità, dell autonomia, delle competenze e della cittadinanza. Progettaziione attiiviità educatiiva La scuola dell infanzia predispone all interno del Piano dell Offerta Formativa il curricolo che si articola attraverso i Campi di esperienza Il sé e l altro Il corpo in movimento L arte Immagini, la musica, suoni, i colori media I discorsi e le parole Numeri La conoscenza e spazio, fenomeni del mondo e viventi I campi di esperienza delineano una prima mappa di linguaggi, alfabeti, saperi in forma di traguardi di sviluppo, che poi troveranno una loro evoluzione nel passaggio alla scuola primaria. 14

15 Mettodollogiia La metodologia privilegia : - Il gioco in tutte le sue manifestazioni: creativo, cognitivo, socializzante; -L esperienza e la ricerca proponendo esperienze che muovano dalla curiosità del bambino e che lo stimolino a confrontare situazioni, a formulare ipotesi, ad adattarsi alla realtà; - La vita di relazione proponendo attività nel piccolo e nel grande gruppo Veriiffiica L ausilio di libri, di schede didattiche individuali e differenziate per età e sviluppo; l uso di griglie di verifica e valutazione; attività di lavoro per gruppi spontanei e non, eterogenei e non, e a sezioni aperte; incontri dibattiti con le colleghe; colloqui-confronti con i genitori saranno alla base della nostra verifica e valutazione riguardo il raggiungimento degli obiettivi prefissati. 15

16 Responsabile di plesso: Maria Lucia Amato Sostituta: Anna Sicilia Telefono: 0922/ Scuolla dellll iinffanziia Viillllaggiio Peruzzo Risorse strutturali Lo stabile che ospita la scuola dell infanzia del Villaggio Peruzzo, è situato a pianterreno. Gli spazi ampi e luminosi, le pareti colorate, gli arredi nuovi rendono l ambiente molto accogliente. Oltre alle aule che ospitano le tre sezioni, vi è una stanza con tanti giochi e materiale didattico e una adibita alla conservazione del materiale utilizzato ciclicamente in occasione di ricorrenze e festività. Anche i locali utilizzati per la mensa sono spaziosi, confortevoli e ben organizzati. L edificio è dotato di climatizzatori. Assegnazione docenti alle classi Sezioni A (anni 5) B (anni 3) C (anni 4) Insegnanti Sofia Buccheri- Giuseppina Gulisano Giusy Aguglia - Rosa Sciortino Anna Lucia Amato - Annamaria Sicilia N.B. Nella sezione dei bambini di cinque anni, sezione A, a supporto della classe opera 16

17 l insegnante Marianna Piazza per 25 ore EH grave; a supporto della sezione C opera l ins. Giuseppina Trupia per ore EH-DH 10 h. Orario: 8.00/16/00 Organizzazione della giornata tipo Ore 8,00 / 8,45 accoglienza Ore 8,45 / 9,30 attività di routine Ore 9,30 / 9,45 colazione Ore 9,45/ 11,30 attività educative-didattiche Ore 11,30 /12,00 preparazione al pranzo Ore 12,00/12,45 pranzo Ore 12,45/13,30 gioco libero e organizzato Ore 13,30/ 14,30 attività di intersezione Ore 14,30/15,00 merenda Ore 15,00/16,00 uscita 17

18 Rappresentanti genitori eletti nei Consigli di Intersezione Sezioni A (anni 5) B (anni 3) C (anni 4) Cognome e nome Russello Liliana Amato Luciana Adragna Daniela 18

19 Scuolla dellll iinffanziia:: Santa Chiiara Responsabile di plesso: Patrizia Montes Sostituta: Galvano Rosangela Telefono:0922/ Risorse strutturali: I locali della scuola dell infanzia Santa Chiara, si trovano al pianterreno dell edificio che ospita al primo piano la scuola primaria Giovanni Paolo II. Le aule sono spaziose, riscaldate e confortevoli. Adeguati i servizi igienici. Assegnazione docenti alle sezioni: Sezioni A (anni 3-4) B (anni 5) C (anni 5) D (anni 4) E (anni 4) F (anni 3) G (anni ) Insegnanti Rosangela Galvano Anna Pisciotta Annamaria Caramazza Angela Spina Patrizia Montes Calogera Vaianella Calogera Morreale 19

20 N.B A supporto della sezione G opera l ins. Giuseppina Trupia per 25h EH I bambini delle varie sezioni si distinguono con un colore. La sezione A è contraddistinta dal colore bordeaux, la sezione B dall arancione, la C dal blu, la D dal rosso, la E dal giallo, la F dal Blu Cobalto e la G dal colore verde. Orario Ore: 8,15 /13,15 Organizzazione della giornata tipo Ore 8,15 / 9,00 accoglienza bambini Ore 9,00 /9,30 attività di routine (appello-conversazioni) Ore 9,00/ 10,30 attività educative -didattiche Ore 10,30 /11,00 colazione Ore 11,30/13,00 gioco libero ed organizzato, attività di intersezione. 20

21 Attività di intersezione Rappresentanti genitori eletti nei Consigli di Intersezione Sezioni A B C D E F G Cognome e nome Santalucia Simona Passarello Maria Chiara Navarra Assuntina Zarcone Carmelina Zambuto Anna Maria Maniglia Carmelina Carlisi Antonella 21

22 Le scuolle priimariie Tutte le scuole primarie del nostro Istituto Comprensivo, pur se contraddistinte da diverse connotazioni, strutturali, ambientali e sociali sono accomunate da alcuni punti cardine unitari. Le insegnanti dei vari plessi all inizio dell anno scolastico hanno concordato le linee essenziali della programmazione annuale per classi parallele, nonché i traguardi intermedi da conseguire alla fine delle classi terze e quinte, in armonia con quanto disposto dalle Indicazioni Nazionali. Inoltre tutte le classi, di tutti i plessi, hanno adottato il tempo scuola normale di 27 ore settimanali, distribuite in cinque giorni. L orario osservato è il seguente: dal lunedì al giovedì ore 8.00/13.30 venerdì 8.00/13.00 sabato libero. Entrata alunni: ore con tolleranza fino alle ore 8.10 Gli incontri di programmazione sono settimanali. Il giorno stabilito è il martedì, dalle ore alle 18.00, nelle rispettive sedi di appartenenza. Eccezionalmente in occasione di particolari situazioni tutto il corpo docente di scuola si riunisce in un solo plesso per adottare decisioni o effettuare scelte secondo coordinate unitarie. I plessi De Cosmi, Nuova Manhattan, Giovanni Paolo II, adottano le quote orarie rilevate in tabella (D.M. 37/09 quadri orari) 22

23 Quotte orrarriie perr diisciiplliine Discipline I II III IV V Italiano Inglese Storia Geografia Matematica Scienze Musica Tecnologia Arte e immagine Ed. fisica Religione Per la scuola primaria Montessori, si rimanda alla lettura della presentazione del plesso per la distribuzione delle quote orarie in quanto, sempre nel rispetto delle quantificazione delle ore ex D.M. 37/09, si rilevano alcune variazioni relative al laboratorio Nati per leggere ormai adottato da alcuni anni come progetto curricolare. 23

24 Scuolla priimariia De Cosmii Responsabiille dii pllesso:: IInsegnantte Marriia Pattrriiziia Morrellllo Sosttiittutta:: Giiulliiana Monttallbano Telleffono Il plesso De Cosmi è dedicato all alunno Francesco Tirone Rissorrsse ssttrrutttturral lii : Plesso di recente ristrutturazione costituito da un edificio di due piani con spazio esterno. Le dieci aule, equamente dislocate per piano così come i servizi igienici, sono di varia grandezza. Numero aule: 10 Numero classi: 11. L undicesima classe è ubicata presso la Scuola secondaria di I grado Federico II. Questa classe osserva un orario diversificato: ore 7:55 entrata-ore13:25 uscita 24

25 Assegnaziione docentii alllle cllassii Classe Italiano Storia Geografia Inglese Matematica Scienze Arte e immagine Tecnologia Musica Educazione fisica I A Sutera Sutera Sutera Sutera Sutera Poma Sutera Poma Poma Sutera I B Costanza Costanza Costanza Caramazza Costanza Guarneri Costanza Cstanza Guarneri Scienze I C Saieva Saieva Saieva Caramazza Saieva Guarneri Saieva Saieva Poma Saieva II A Bongiorno Bongiorno Bongiorno Caramazza Bongiorno Bongiorno Bongiorno Bongiorno Bongiorno Bruccoleri II B Musso Musso Musso Caramazza Musso Musso Musso Musso Musso Bruccoleri III A Morello Morello Morello Morello Poma Poma Morello Morello Morello Morello III B Montalbano Montalbano Montalbano Montalbano Poma Poma Montalbano Montalbano Montalbano Montalbano IV A Bruccoleri Siracusa Siracusa Siracusa Guarneri Guarneri Bruccoleri Siracusa Bruccoleri Siracusa IV B Bruccoleri Siracusa Siracusa Siracusa Guarneri Guarneri Bruccoleri Siracusa Bruccoleri Siracusa VA D Oro Montalbano D Oro Caramazza D Oro D Oro D Oro D oro D oro D Oro V B Natalello Morello Natalello Caramazza Natalello Natalello Natalello Natalello Natalello Natalello N.B L insegnante coordinatore di classe è contrassegnato col colore arancione. L insegnante di religione cattolica, Lucia Giddio, opera in tutte le classi del plesso. Cllassssii ccon ssosstteegno Classe Docente Ore I B Sutera Sardo 16 II B Montana 17,30 IV B Montana 4,30 V A Caltagirone 22 V A V B V B Siracusa Sutera Sardo Santamaria

26 Rappresentantii deii geniitorii ellettii iin seno all Consiiglliio d IIntercllasse Classe I A I B I C II A II B III A III B IV A IV B V A V B Cognome e nome Russo Gaetana Cervone Lugi Sanfilippo Elena Ferrante Maria Vullo Serafina Palumbo PiccionelloDaniela Lombardo Samantha Cumbo Rosanna Palumbo Valentina Daino Annunziata Lo Bue Emilia Sussiidii e materiiallii diidattiicii Nr.10 computer Nr 1 stampante Nr 2 radioregistratori 26

27 Scuolla Priimariia Giiovannii Paollo IIII Responsabiille dii pllesso:: IInsegnantte Adrriiana Moncada Sosttiittutta:: Calldarra Crroce Teleffono:: 0922/60845 Rissorrsse ssttrrutttturral li: L edificio, di proprietà privata, dato in locazione circa sette anni fa al comune di Agrigento, è idoneo all uso scolastico. Lo stabile ha i locali situati su due livelli, possiede porte antipanico, servizi igienici su misura per gli alunni e ascensore. I due piani pur se comunicanti tra loro per mezzo di una porta tagliafuoco, sono dotati di ingressi autonomi: uno per il piano terra che 27

28 ospita la scuola dell infanzia Santa Chiara, ed uno per il primo piano, che ospita la scuola primaria Papa Giovanni Paolo II. La scuola primaria ha 7 aule e un aula di informatica adibita a classe per mancanza di locali. Trradi izzi ionii -- abittudi ini: In occasione di ricorrenze, i docenti nelle proprie classi programmano e realizzano attività a carattere interdisciplinare per rivivere le antiche tradizioni e le usanze popolari spesso dimenticate; tali attività, a volte, sono espletate in collaborazione con i rappresentanti dei genitori. Assegnaziione docentii alllle cllassii Classe Italiano Storia Geografia Inglese Matematica Scienze Arte e immagine Tecnologia Musica Educazione fisica I A Cortini Schembri Schembri Calabrò Cortini Schembri Schembri Schembri Schembri Schembri II A Danile Cosentino Cosentino Danile Montalbano Montalbano Danile Cosentino Montalbano Montalbano II B Danile Cosentino Cosentino Danile Montalbano Montalbano Danile Cosentino Montalbano Montalbano III A Caldara Caldara Caldara Moncada Moncada Moncada Calabrò Calabrò Calabrò Calabrò III B Caldara Caldara Caldara Moncada Moncada Moncada Calabrò Calabrò Calabrò Calabrò IV A Arcieri Arcieri Arcieri Arcieri Arcieri Cosentino Arcieri Acieri Cosentino Cosentino V A Iacono Iacono Iacono Costanza Costanza Costanza Cortini Cortini Cortini Cortini V B Iacono Iacono Iacono Costanza Costanza Costanza Cortini Cortini Cortini Cortini N.B. L insegnante coordinatore di classe è contrassegnato col colore arancione. Religione cattolica: insegnante Santina Deni in tutte le classi. In V B opera l insegnante di sostegno Elena Santamaria (19 ore, EH grave). 28

29 Rappresentantii deii geniitorii ellettii iin seno all Consiiglliio d IIntercllasse Classe I A II A II B III A III B IV A V A V B Cognome e nome Di Stefano Linda Sciacca Stefania Sguali Cinzia Russo Simona Di Stefano Linda Scebba Patrizia Argento Alfonsa De Castro Marika Sussiidii e materiiallii diidattiicii Attrezzi per laboratorio di scienze motorie e giochi sportivi Materiale per laboratorio scientifico Materiale per laboratorio di informatica Nr 1 televisore Nr 1 fotocopiatore Nr 1 lettore DVD Nr 1 videoregistratore 29

30 Scuolla Priimariia Nuova Manhattan Responsabiille dii pllesso:: Rosarriia Casttrro Sosttiittutta:: Marriia Terresa Viicciica Teleffono:: 0922// Rissorrsse Sttrrutttturral lii :L edificio ubicato a piano terra è idoneo ad ospitare locali scolastici. E dotato di impianto di riscaldamento e di adeguati servizi igienici. E circondato da uno spazio libero in parte pavimentato. Tale spazio comunica con la scuola dell infanzia Villaggio Peruzzo. 30

31 Assegnaziione docentii alllle cllassii Classe Italiano Storia Geografia Inglese Matematica Scienze Arte immagine Tecnologia Musica Educazione fisica I A Palumbo Calabrò Calabrò Calabrò Palumbo. Palumbo Palumbo. Palumbo. Palumbo Palumbo Piccionello.C Piccionello.C Palumbo.C Piccionello.C Piccionello C. Piccionello.C Piccionello I B Agliata Sicilia Sicilia Agliata Agliata Agliata Agliata Agliata Agliata Agliata II A Mosca Sicilia Sicilia Mosca Mosca Mosca Mosca Mosca Mosca Mosca II B Marra Sicilia Sicilia Marra Marra Marra Marra Marra Marra Marra IIIA Castro Sicilia Sicilia Caramazza Castro Castro Castro Castro Castro Castro III B Piro Sicilia Sicilia Piro Piro Piro Piro Piro Piro Piro IV A Marchica Marchica Marchica Caramazza Marchica Marchica Calabrò Calabrò Marchica Marchica V A Viccica Viccica Viccica Caramazza Viccica Viccica Calabrò Calabrò Viccica Viccica V B Carlisi Carlisi Carlisi Carlisi Carlisi Carlisi Calabrò Calabrò Carlisi Calabrò N.B Insegnanti di religione : Lo Piparo Classi I A- I B- II A- II B-III A- IIIB- IV A. Cammalleri: Classe V A Deni: Classe V B Sussiidii e materiiallii diidattiicii Nr 1 lavagna interattiva (L.I.M.) Nr 10 computer Nr 1 computer portatile 31

32 Rappresentantii deii geniitorii ellettii iin seno all Consiiglliio d IIntercllasse Classe I A I B II A II B III A III B IV A V A V B Cognome e nome Rizzo Pinna Michela in Fazio Fortino Antonio Villardita Assuntina in D Anna Failla Teresa in Siracusa Gariboli Antonella in Cucchiara Costanza Francesca in Burceri Frenda Floriana in Mirabile Gariboli Rosalinda in Puntorno Tuttolomondo Simona in Fazio 32

33 Scuolla Priimariia Montessorii Responsabiille dii pllesso:: Angella Chiianetttta Sosttiittutta:: Marriia Giiuseppiina IIacono Lo Biianco Teleffono 0922/ Riisorrse sttrrutttturrallii La scuola primaria Montessori sita in piazza Montessori, nella frazione balneare di San Leone, è uno stabile su due piani, entrambi forniti di adeguati servizi igienici, di cui: uno per disabili e due per il personale docente. Al pianterreno si trovano due aule molto spaziose e luminose e un ripostiglio dotato di porta blindata. Al primo piano le aule sono di diverse dimensioni. Nell aula centrale, decisamente più ampia, è collocata una lavagna interattiva multimediale (LIM). Tutte le classi dispongono di climatizzatori. 33

34 Non vi sono spazi strutturati a laboratorio. Tuttavia all ingresso, grazie alla creatività delle insegnanti, è stata ricavata la Tana del lupo, accogliente angolo lettura. La scuola infatti ormai da anni aderisce al progetto Nati per Leggere. All esterno dell edificio c è un cortile molto spazioso che i docenti, compatibilmente con le condizioni climatiche, utilizzano per attività sportive, rappresentazioni teatrali e spettacoli di fine anno. Laborrattorrii: Il plesso non dispone di altre aule oltre le cinque occupate dalle classi, tuttavia è a disposizione degli alunni molto materiale per laboratorio scientifico, diversi libri della collana Nati per leggere, nonché una mini biblioteca per il progetto lettura. Responsabile della biblioteca e del relativo progetto curricolare, per l anno scolastico 2013/14 è l insegnante Lavinia Russo. Sia la Tana del lupo, sia le aule, all occorrenza sono adibiti ad uso laboriatoriale. Trradiiziionii -- abiittudiinii :: Nell ambito del progetto Nati per leggere, un intera settimana nel mese di marzo è dedicata a Storie piccine fiabe, racconti, filastrocche, nella Tana del lupo, contestualmente ai laboratori di lettura di Torino e delle città italiane che aderiscono a tale progetto. La postta dii llupo sabbiioso Gli alunni scrivono a Lupo sabbioso perché è un lupo sapiente e saggio, capace di rispondere alle grandi domande e dissolvere ogni loro dubbio 34

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

LISTE REGIONALI LISTE PROVINCIALI

LISTE REGIONALI LISTE PROVINCIALI LISTE REGIONALI SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ.3 SEZ.4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 SEZ. 12 SEZ. 13 TOTALE LISTA N. 1 CANCELLERI Giovanni Carlo 72 103 104 106 70 53 90 91 59 86 77 89 96 1096 LISTA

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ASSEGNAZIONE DOCENTI AI PLESSI, ALLE CLASSI, ALLE SEZIONI, ALLE DISCIPLINE

ASSEGNAZIONE DOCENTI AI PLESSI, ALLE CLASSI, ALLE SEZIONI, ALLE DISCIPLINE A.S. 2013-14 ASSEGNAZIONE DOCENTI AI PLESSI, ALLE CLASSI, ALLE SEZIONI, ALLE DISCIPLINE SCUOLA INFANZIA COLLE INNAMORATI Doc. curricolari Sostegno IRC Sezione A Cattelan Cristina Ranieri Paola (antimer.)

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli