Oggetto: Programma Provinciale di Educazione Alimentare L.R. 31/2008; Anno Scolastico 2013/14

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggetto: Programma Provinciale di Educazione Alimentare L.R. 31/2008; Anno Scolastico 2013/14"

Transcript

1 Alla cortese attenzione dei Sig.ri 1 Dirigenti Scolastici Scuole Primarie Dirigenti Scolastici Scuole Secondarie di primo grado Pubbliche e Private di Milano e Provincia Oggetto: Programma Provinciale di Educazione Alimentare L.R. 31/2008; Anno Scolastico 2013/14 Egregio Dirigente, La Provincia di Milano,, visto l interesse manifestato negli scorsi anni sui temi dell alimentazione e del corretto stile di vita sia da parte delle scolaresche, sia da parte dagli insegnanti, rinnova la proposta del Programma di Educazione Alimentare, con progetti per tutte le fasce di età. Nel Programma Provinciale di Educazione Alimentare per l A.S. 2013/14, inserito nel progetto interregionale di comunicazione ed educazione alimentare, sono stati previsti anche dei percorsi didattici specifici per le scuole, a partire da quelle dell infanzia fino alle secondarie di secondo grado. Obiettivi del programma rimangono quelli di far acquisire solide basi informative sulle corrette abitudini alimentari, formare un giusto approccio al gusto, promuovere i prodotti a denominazione d origine e quelli legati ad un dato contesto territoriale. Gli uffici del sono a Vostra disposizione per qualsiasi informazione e chiarimento. Augurandomi un positivo riscontro ed una sempre maggiore attenzione da parte Vostra verso questo progetto, ne approfitto per segnalarvi che presso la Vostra Amministrazione Comunale è stata formulata una proposta di iniziative analoghe rivolte ai cittadini / genitori. Colgo l occasione per porgervi i miei più cordiali saluti. Luca Agnelli Assessore all Agricoltura, Parchi, Caccia e Pesca Si allega prospetto delle iniziative e scheda di adesione

2 2 INIZIATIVE DI EDUCAZIONE ALIMENTARE RIVOLTE AL MONDO DELLA SCUOLA Le attività di educazione alimentare che proponiamo, sono articolate in modo differente, in base all età degli studenti a cui sono destinate. Di seguito sono riportati i titoli dei progetti proposti quest anno e le modalità di adesione. I percorsi didattici, basati su esperienze pratiche, forniscono anche indicazioni e spunti per sviluppare e continuare un lavoro di educazione alimentare nelle classi. È quindi opportuna un attiva partecipazione degli insegnanti durante lo svolgimento del percorso didattico. TITOLO PERCORSO DESTINATARI DEL PERCORSO N 1) Il supermercato come laboratorio didattico per il 2 ciclo della scuola primaria e secondaria di I N 2) 2+2 fa sempre 4? La matematica dell alimentazione per il 2 ciclo della scuola primaria e secondaria di I N 3) Latte e derivati: non solo notizie per il 2 ciclo della scuola primaria e secondaria di I N 4) Il gusto questo sconosciuto per il 2 ciclo della scuola primaria e secondaria di I N 5) Cereali, un tesoro alimentare per il 1 e il 2 ciclo della scuola primaria e secondaria di I N 6) La dieta mediterranea per il 2 ciclo della scuola primaria e secondaria di I N 7) Non solo acqua per il 2 ciclo della scuola primaria e secondaria di I N 8) Il miele: non solo dolcezza per il 1 e 2 ciclo della scuola primaria e secondaria di I N 9) Fattoria e i prodotti del territorio per il 1 e 2 ciclo della scuola primaria Le schede informative di ciascun percorso sono allegate alla presente ed anche reperibili dal sito internet all indirizzo: L organizzazione dei percorsi didattici avverrà, con le modalità di seguito descritte, basandosi sulle specifiche richieste scritte inoltrate dalle scuole. 1. A ciascuna scuola potrà essere assegnato un solo percorso didattico tra quelli proposti, che potrà essere svolto al massimo da due classi, per un totale di alunni. In ogni scheda si possono indicare al massimo tre percorsi didattici, dando l ordine di preferenza (da 1 a 3); 2. La Provincia di Milano si riserva, in base alle disponibilità delle risorse umane e finanziarie, di soddisfare le richieste pervenute. 3. Le adesioni verranno accettate e selezionate sulla base del numero di posti disponibili e dell ordine di arrivo (farà fede la data di invio), dando la precedenza a chi non ha mai avuto modo di partecipare alle iniziative.

3 3 Per aderire all inziativa è necessario inviare la scheda di adesione allegata (debitamente compilata) entro e non oltre il 30/10/2013 via posta elettronica al seguente indirizzo: Tel E importante individuare un unico referente per l iniziativa all interno della stessa scuola, in modo da coordinare le richieste provenienti dallo stesso istituto. Per ulteriori ed eventuali informazioni contattare: 02/ N.B. Gli oneri delle suddette iniziative sono, ad eccezione delle eventuali spese di trasporto relative alle visite guidate, di eventuale materiale di supporto alla lezione, a carico della Provincia di Milano. A scopo precauzionale si prega di comunicare all esperto che terrà la lezione la presenza di eventuali soggetti allergici ad alimenti, particolari ingredienti o/e punture di insetti. La Provincia di Milano declina ogni responsabilità in caso di reazioni allergiche o di altra natura.

4 4 N 1 IL SUPERMERCATO COME LABORATORIO DIDATTICO per 3 a, 4 a, 5 a della scuola primaria e scuola secondaria di I Il Settore Agricoltura, Parchi, Caccie e Pesca della Provincia di Milano propone, alle scolaresche interessate, un percorso didattico per le scuole secondarie di I e secondo ciclo delle scuole primarie dal titolo: Il supermercato come laboratorio didattico, un approccio sperimentale per saper leggere la pubblicità, per strada, in TV e al supermercato. Obiettivi - Promuovere una capacità di lettura del messaggio pubblicitario: interpretazione critica della pubblicità - Acquisire conoscenze di base in merito alle tecniche pubblicitarie ed alle modalità di presentazione dei prodotti in un supermercato. - Acquisire conoscenze di carattere generale in merito ai diversi alimenti, con riferimento agli aspetti nutrizionali, merceologici, alla loro conservazione ed al loro miglior utilizzo. Contenuti Il percorso si articola in due momenti: 1. Lezione in classe (2 ore a classi congiunte) a cura dell esperto messo a disposizione dalla Provincia di Milano in cui gli alunni vengono sensibilizzati sulla pubblicità e sulle tecniche di disposizione degli stessi in un supermercato; inoltre vengono istruiti sull importanza che riveste l informazione (etichettatura). 2. Visita guidata (di 1 ora per singola classe) presso un supermercato di zona, con presenza di un esperto messo a disposizione dalla Provincia di Milano, che richiamerà i concetti teorici illustrati durante la lezione in classe, con particolare riferimento agli aspetti nutrizionali e merceologici degli alimenti, alla loro disposizione e alla corretta modalità di conservazione. Alle scolaresche sarà rilasciato del materiale didattico informativo edito dalla Provincia di Milano sull argomento. Nota operativa La visita al supermercato di zona dovrà essere organizzata direttamente dalla scuola; le eventuali spese per il trasporto sono a carico della scuola stessa. Il percorso è destinato agli studenti delle classi 3 a, 4 a, 5 a della scuola primaria e delle scuole secondarie di I ; per le classi 3 a della scuola primaria si consiglia il percorso solo se l argomento è inserito all interno del programma scolastico. Compilare la scheda di partecipazione allegata, indicando le due classi che aderiscono all iniziativa. Le modalità di selezione sono quelle indicate nella circolare di presentazione pagina 3-4.

5 5 N FA SEMPRE 4? LA MATEMATICA DELL ALIMENTAZIONE per 3 a, 4 a, 5 a della scuola primaria e scuola secondaria di I Il Settore Agricoltura, Parchi, Caccie e Pesca della Provincia di Milano propone, alle scolaresche interessate, un percorso didattico per le scuole secondarie di I e per il secondo ciclo delle scuole primarie dal titolo: Due più due fa sempre quattro? La matematica dell alimentazione, la cui finalità è l introduzione di un lavoro di educazione alimentare a partire dalla valutazione del profilo nutrizionale delle proprie abitudini alimentari. Obiettivi - Fornire conoscenze in merito alle indicazioni per una corretta alimentazione: presentazione dei criteri fondamentali della nutrizione e delle linee guida dell Istitituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione. - Prendere coscienza delle proprie abitudini alimentari e confrontarle con una corretta alimentazione. - Incoraggiare il passaggio da un informazione alimentare ad un educazione alimentare. Contenuti Il percorso, della durata di due ore per singola classe, si articola in: - lezione in classe, a cura dell esperto messo a disposizione dalla Provincia di Milano, in cui vengono descritti i principi alimentari, individuati i fabbisogni e illustrati i criteri fondamentali della nutrizione (definizione di fabbisogno calorico e LARN); - confronto di diversi stili alimentari e definizione di una giornata alimentare tipo, con attività di gruppo per facilitare l apprendimento degli argomenti trattati. Alle scolaresche sarà rilasciato del materiale didattico informativo edito dalla Provincia di Milano sull argomento. Il percorso è destinato agli studenti delle classi 3 a, 4 a, 5 a della scuola primaria e delle scuole secondarie di I ; per le classi 3 a della scuola primaria si consiglia il percorso solo se l argomento è inserito all interno del programma scolastico. Compilare la scheda di partecipazione allegata, indicando la/e classe/i che aderiscono all iniziativa, ricordando che per ogni percorso didattico possono aderire al massimo due classi. Le modalità di selezione sono quelle indicate nella circolare di presentazione pagina 3-4.

6 6 N 3 LATTE E DERIVATI: NON SOLO NOTIZIE per 3 a, 4 a, 5 a della scuola primaria e scuola secondaria di I Il Settore Agricoltura. Parchi, Caccia e Pesca della Provincia di Milano propone, alle scolaresche interessate, un percorso didattico per le scuole secondarie di I e il secondo ciclo delle scuole primarie dal titolo: Latte e derivati: non solo notizie. Obiettivi - Conoscere le caratteristiche nutrizionali e merceologiche del latte e dei suoi derivati. - Sottolineare l importanza di inserire latte e derivati nella propria alimentazione. - Apprendere i principi su cui si basa la trasformazione del latte nella produzione dei formaggi. Contenuti Il percorso, della durata di due ore per singola classe, si articola in: - lezione in classe a cura dell esperto messo a disposizione dalla Provincia di Milano, in cui vengono illustrate le caratteristiche nutrizionali e merceologiche di latte, formaggi e derivati; - sperimentazione in classe della coagulazione del latte, processo alla base della produzione del formaggio. Per la realizzazione del suddetto percorso didattico occorre procurare materiale di supporto alla lezione, da concordare con il relatore. Alle scolaresche sarà rilasciato del materiale didattico informativo edito dalla Provincia di Milano sull argomento. Il percorso è destinato agli studenti delle classi 3 a, 4 a, 5 a della scuola primaria e delle scuole secondarie di I. Compilare la scheda di partecipazione allegata, indicando la/e classe/i che aderiscono all iniziativa, ricordando che per ogni percorso didattico possono aderire al massimo due classi. Le modalità di selezione sono quelle indicate nella circolare di presentazione 3-4.

7 7 N 4 IL GUSTO QUESTO SCONOSCIUTO per 3 a, 4 a, 5 a della scuola primaria e scuola secondaria di I Il della Provincia di Milano propone, alle scolaresche interessate, un percorso didattico rivolto alle scuole secondarie di I ed al secondo ciclo delle primarie dal titolo: Il gusto questo sconosciuto, la cui finalità è l introduzione di un lavoro di educazione alimentare a partire dall esperienza che i bambini possono fare su questo argomento. Obiettivi - Prendere coscienza che il gusto è fortemente legato al proprio vissuto e che da esso è fortemente condizionato. - Sperimentare che il gusto è determinato da tutti i cinque organi di senso. - Affinare la capacità percettiva dei sapori. - Recuperare e stimolare il consumo di alimenti, validi sotto il profilo nutrizionale, ma spesso non consumati per preconcetto. Contenuti Il percorso, della durata di due ore per singola classe, si articola in una lezione teorico pratica in classe a cura dell esperto messo a disposizione dalla Provincia di Milano sulla percezione dei sapori attraverso gli organi di senso e sulla valutazione della componente sensoriale dei campioni in prova. Per la realizzazione del suddetto percorso didattico occorre avere a disposizione tovaglioli, cucchiaini monouso e bicchierini di carta in numero sufficiente o altro materiale eventualmente richiesto dal relatore. Alle scolaresche sarà rilasciato del materiale didattico informativo edito dalla Provincia di Milano sull argomento. Il percorso è destinato agli studenti delle classi 3 a, 4 a, 5 a della scuola primaria e delle scuole secondarie di I. Compilare la scheda di partecipazione allegata, indicando la/e classe/i che aderiscono all iniziativa, ricordando che per ogni percorso didattico possono aderire al massimo due classi. Le modalità di selezione sono quelle indicate nella circolare di presentazione pag 3-4.

8 8 N 5 CEREALI, UN TESORO ALIMENTARE per scuola primaria e scuola secondaria di I Il della Provincia di Milano propone, alle scolaresche interessate, un percorso didattico per le scuole primarie e secondarie di I dal titolo: Cereali, un tesoro alimentare. Obiettivi: - Illustrare le caratteristiche nutrizionali e merceologiche dei cereali e sottolinearne il ruolo nell alimentazione. - Illustrare la filiera e le modalità di trasformazione dei cereali. Contenuti: Il percorso, della durata di due ore per singola classe, si articola in una lezione teorico pratica in classe a cura dell esperto messo a disposizione dalla Provincia di Milano in cui sono descritti il ciclo vitale dei cereali, le caratteristiche merceologiche dei prodotti da essi derivati, le loro proprietà nutrizionali e le tecniche di lavorazione. Durante la lezione sarà sperimentato il fenomeno della lievitazione dell impasto del pane. Per la realizzazione del suddetto percorso didattico occorre avere a disposizione tovaglioli, cucchiaini monouso e bicchierini di carta in numero sufficiente o altro materiale eventualmente richiesto dal relatore. Alle scolaresche sarà rilasciato del materiale didattico informativo edito dalla Provincia di Milano sull argomento. Il percorso è destinato agli studenti delle scuola primaria e secondaria di I. Compilare la scheda di partecipazione allegata, indicando la/e classe/i che aderiscono all iniziativa, ricordando che per ogni percorso didattico possono aderire al massimo due classi. Le modalità di selezione sono quelle indicate nella circolare di presentazione pagina 3-4.

9 9 N 6 LA DIETA MEDITERRANEA E LE NOSTRE TRADIZIONI ALIMENTARI per 3 a, 4 a, 5 a della scuola primaria e scuola secondaria di I Il della Provincia di Milano propone, alle scolaresche interessate, un percorso didattico per 3 a, 4 a, 5 a della scuola primaria e scuola secondaria di I dal titolo: La dieta mediterranea e le nostre tradizioni alimentari. Obiettivi: - Conoscere e riconoscere gli ingredienti base della dieta mediterranea e le loro caratteristiche nutrizionali. - Illustrare i principi della dieta mediterranea per poterla attuare correttamente. Contenuti: Il percorso, della durata di due ore per classe, prevede una lezione teorico pratica a cura dell esperto messo a disposizione dalla Provincia di Milano in cui saranno illustrati i prodotti tipici della dieta mediterranea e i principi nutritivi su cui si basa. Per la realizzazione del suddetto percorso didattico occorre procurare materiale di supporto alla lezione, da concordare con il relatore. Durante la lezione è prevista una valutazione sensoriale di alcuni campioni di olio di oliva. Alle scolaresche sarà rilasciato del materiale didattico informativo edito dalla Provincia di Milano sull argomento. Il percorso è destinato agli studenti delle classi 3 a, 4 a, 5 a scuola primaria e delle scuole secondarie di I. Compilare la scheda di partecipazione allegata, indicando la/e classe/i che aderiscono all iniziativa, ricordando che per ogni percorso didattico possono aderire al massimo due classi. Le modalità di selezione sono quelle indicate nella circolare di presentazione pagine 3-4.

10 10 N 7 NON SOLO ACQUA per 3 a, 4 a, 5 a della scuola primaria e scuola secondaria di I Il della Provincia di Milano propone, alle scolaresche interessate, un percorso didattico per 3 a, 4 a, 5 a della scuola primarie e scuola secondaria di I dal titolo: Non solo acqua. Obiettivi: - Enfatizzare l importanza dell acqua per gli esseri viventi e per l ambiente. - Illustrare le caratteristiche delle diverse bevande (acqua, bibite, succhi, vino, ecc.) ed evidenziarne il ruolo in una corretta alimentazione. - Conoscere la filiera produttiva di alcune bevande e la loro classificazione. Contenuti: Il percorso, della durata di due ore per classe, prevede una lezione teorico pratica a cura dell esperto messo a disposizione dalla Provincia di Milano in cui si illustrano le caratteristiche dell acqua e la sua importanza per l organismo, la composizione e la modalità di preparazione delle bevande analcoliche e cenni su quelle alcoliche. Per la realizzazione del suddetto percorso didattico occorre procurare materiale di supporto alla lezione, da concordare con il relatore. Durante la lezione è prevista l effettuazione del test triangolare con una bibita. Alle scolaresche sarà rilasciato del materiale didattico informativo edito dalla Provincia di Milano sull argomento. Il percorso è destinato agli studenti delle classi 3 a, 4 a, 5 a della scuola primaria e delle scuole secondarie di I. Compilare la scheda di partecipazione allegata, indicando la/e classe/i che aderiscono all iniziativa, ricordando che per ogni percorso didattico possono aderire al massimo due classi. Le modalità di selezione sono quelle indicate nella circolare di presentazione pagine 3-4.

11 11 N 8 IL MIELE:NON SOLO DOLCEZZA per scuola primaria e scuola secondaria di I In collaborazione con una scuola di floro-ortofrutticoltura ubicata in provincia di Como, il Settore Agricoltura, Parchi, Caccia e Pesca della Provincia di Milano propone, alle scolaresche interessate, un percorso didattico per le scuole primarie e secondarie di I dal titolo: Il miele: solo dolcezza?. Obiettivo - Riscoprire il valore nutrizionale del miele e conoscerne le modalità di produzione. - Avvicinare i ragazzi al mondo delle api aiutandoli a riscoprire il valore dei prodotti dell alveare. Contenuti Il percorso si articola in una visita presso una scuola di floro-ortofrutticoltura ubicata in provincia di Como, supportata da una lezione teorica con l ausilio di materiale audiovisivo. È previsto un momento di degustazione (sottoforma di gioco) del miele. Verrà inoltre organizzato un piccolo laboratorio con realizzazione di candele di forma diversa, utilizzando fogli di cera. Ad ogni bambino verrà lasciato in omaggio un vasetto di miele. Il percorso è destinato agli studenti del 1 e 2 ciclo della scuola primaria e delle scuole secondarie di I. Compilare la scheda di partecipazione allegata, indicando le classi che aderiscono all iniziativa, ricordando che per ogni percorso didattico possono partecipare al massimo due classi. Le modalità di selezione sono quelle riportate nella circolare di presentazione pagine 3-4. N.B. La visita alla scuola di floro-ortofrutticoltura dovrà essere prenotata direttamente dalla scuola; le spese per il trasporto sono a carico della scuola stessa. La visita potrà essere effettuata durante tutto l anno scolastico: durante il periodo invernale, da fine settembre a metà marzo, sarà proiettato un filmato didattico, mentre in primavera, nei mesi di aprile e maggio, il video sarà sostituito da una visione dal vivo della vita delle api. Per la visita dovranno essere previsti gruppi di 50/55 persone al massimo.

12 12 N 9 FATTORIA, LA FABBRICA DEGLI ALIMENTI per scuola primaria Il della Provincia di Milano propone, alle scolaresche interessate, un percorso didattico per le scuole primarie dal titolo: Fattoria, la fabbrica degli alimenti. Obiettivi Far conoscere ai giovani studenti la realtà del mondo agricolo e le sue produzioni alimentari, valorizzandone le tradizioni ed illustrandone le capacità produttive e di tutela del territorio. Contenuti Il percorso si articola in una lezione teorica di due ore per classe a cura dell esperto messo a disposizione dalla Provincia di Milano in cui sarà illustrata la struttura di un azienda agricola evidenziando le caratteristiche nutrizionali e merceologiche delle diverse produzioni: prodotti carnei, prodotti lattiero-caseari, itticoltura. Il metodo dell agricoltura tradizionale è confrontato con quello della agricoltura biologica. Alle scolaresche sarà rilasciato del materiale didattico informativo edito dalla Provincia di Milano sull argomento. Il percorso è destinato agli studenti del 1 e 2 ciclo delle scuole primaria. Compilare la scheda di partecipazione allegata, indicando le classi che aderiscono all iniziativa, ricordando che per ogni percorso didattico possono partecipare al massimo due classi. Le modalità di selezione sono quelle riportate nella circolare di presentazione pagina 3-4. N.B Si consiglia di associare eventualmente il percorso ad una uscita didattica presso un azienda agricola o agrituristica. L elenco delle fattorie didattiche della Regione Lombardia si può visionare al seguente indirizzo: L effettuazione dell eventuale visita ad un azienda agricola/agrituristica è totalmente a carico della scuola, sia per quanto riguarda gli aspetti organizzativi che i costi.

Oggetto: Programma Provinciale di Educazione Alimentare L.R. 31/2008; Anno Scolastico 2012/13

Oggetto: Programma Provinciale di Educazione Alimentare L.R. 31/2008; Anno Scolastico 2012/13 1 Alla cortese attenzione dei Sig.ri Dirigenti Scolastici Scuole Primarie Dirigenti Scolastici Scuole Secondarie di primo grado Pubbliche e Private di Milano e Provincia Oggetto: Programma Provinciale

Dettagli

Oggetto: Programma Provinciale di Educazione Alimentare L.R. 31/2008; Anno Scolastico 2014/15

Oggetto: Programma Provinciale di Educazione Alimentare L.R. 31/2008; Anno Scolastico 2014/15 1 Alla cortese attenzione dei Sig.ri Dirigenti Scolastici Scuole Primarie Dirigenti Scolastici Scuole Secondarie di primo grado Pubbliche e Private di Milano e Provincia Oggetto: Programma Provinciale

Dettagli

di Milano e Provincia

di Milano e Provincia 1 Alla cortese attenzione dei Sig.ri Direttori Didattici Scuole dell Infanzia di Milano e Provincia Oggetto: Programma Provinciale di Educazione Alimentare L.R. 31/2008; Anno Scolastico 2012/13 Egregi

Dettagli

Progetto di comunicazione ed educazione alimentare per le scuole della provincia di Mantova

Progetto di comunicazione ed educazione alimentare per le scuole della provincia di Mantova Progetto di comunicazione ed educazione alimentare per le scuole della provincia di Mantova Anno scolastico 2008/2009 Per l anno scolastico 2008/2009 la propone una serie di attività, di educazione alimentare

Dettagli

Colgo l occasione per porgervi i miei più cordiali saluti.

Colgo l occasione per porgervi i miei più cordiali saluti. 1 Alla cortese attenzione dei Dirigenti Scolastici delle Scuole Secondarie di secondo Grado Pubbliche e Private di Milano e Provincia Oggetto: Programma Provinciale di Educazione Alimentare L.R. 31/2008;

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO n. 1 CASARO PER UN GIORNO. Destinatari: - classi 4a, 5a della scuola primaria; - scuola secondaria di I grado.

PERCORSO DIDATTICO n. 1 CASARO PER UN GIORNO. Destinatari: - classi 4a, 5a della scuola primaria; - scuola secondaria di I grado. PERCORSO DIDATTICO n. 1 CASARO PER UN GIORNO : - classi 4a, 5a della scuola primaria; Obiettivi: - conoscere le caratteristiche nutrizionali e merceologiche del latte e dei suoi derivati; - sottolineare

Dettagli

C O M U N E D I V E C C H I A N O Provincia di Pisa

C O M U N E D I V E C C H I A N O Provincia di Pisa C O M U N E D I V E C C H I A N O Provincia di Pisa 1 Settore - Politiche Comunali e Gestione delle Risorse Denominazione progetto: Il gusto di stare insieme a.s. 2008/2009 tra frutta, verdura e tradizioni

Dettagli

PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ALIMENTARE, AMBIENTALE E SULLA RURALITÀ

PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ALIMENTARE, AMBIENTALE E SULLA RURALITÀ allegato A alla determinazione n. 139/SA del 18 marzo 2013 BANDO PUBBLICO CAMPU MAISTU DIDATTICA IN FATTORIA SULCIS IGLESIENTE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ALIMENTARE, AMBIENTALE E

Dettagli

Le attività si svolgono solo su prenotazione dal 1 settembre 2014 al 10 giugno 2015.

Le attività si svolgono solo su prenotazione dal 1 settembre 2014 al 10 giugno 2015. Orto Botanico di Catania Dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali Università degli Studi di Catania Via A. Longo, 19 95125 Catania tel. 095-430902; e-mail: orto.scuola@yahoo.it L ORTO

Dettagli

DISTRIBUZIONE AUTOMATICA DI ALIMENTI E PROMOZIONE DELLA SALUTE : PROGETTO SPERIMENTALE LOCALE Cortese G., Del Sole A., Cibin M., Cavallini R.

DISTRIBUZIONE AUTOMATICA DI ALIMENTI E PROMOZIONE DELLA SALUTE : PROGETTO SPERIMENTALE LOCALE Cortese G., Del Sole A., Cibin M., Cavallini R. DISTRIBUZIONE AUTOMATICA DI ALIMENTI E PROMOZIONE DELLA SALUTE : PROGETTO SPERIMENTALE LOCALE Cortese G., Del Sole A., Cibin M., Cavallini R. SIAN - Dipartimento di Prevenzione Az. Ulss 19 Adria(RO) IL

Dettagli

PROGETTAZIONE/DOCUMENTAZIONE UNITA DIDATTICA di AREA SCIENTIFICA a.s.2011-12

PROGETTAZIONE/DOCUMENTAZIONE UNITA DIDATTICA di AREA SCIENTIFICA a.s.2011-12 Istituto Sperimentale Rinascita - A. Livi - Milano Scuola statale secondaria di primo grado ad indirizzo musicale PROGETTAZIONE/DOCUMENTAZIONE UNITA DIDATTICA di AREA SCIENTIFICA a.s.2011-12 TITOLO UNITA

Dettagli

Il partenariato per la realizzazione del progetto pilota è così composto:

Il partenariato per la realizzazione del progetto pilota è così composto: Progetto esecutivo per azioni pilota di sensibilizzazione sui prodotti tipici della Provincia di Bari rivolto alle scuole primarie e alle scuole secondarie di 1 e 2 Premesse - Il partenariato e descrizione

Dettagli

L UOMO È CIÒ CHE MANGIA

L UOMO È CIÒ CHE MANGIA L UOMO È CIÒ CHE MANGIA Motivazione Oggi l alimentazione ha assunto un ruolo importante nella determinazione della qualità della vita: essa, pertanto, si configura quale strumento indispensabile per l

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: Alberghiero INDIRIZZO: Enogastronomia e Servizi di sala e vendita DOCENTE: Prof. Fontanesi Elisa CLASSE: III Serale MATERIA DI INSEGNAMENTO: Scienza e Cultura

Dettagli

Il progetto Sano è Lucano, attraverso la trasmissione di conoscenze, sapori, emozioni, immagini e profumi legati alla Dieta Mediterranea, ha la

Il progetto Sano è Lucano, attraverso la trasmissione di conoscenze, sapori, emozioni, immagini e profumi legati alla Dieta Mediterranea, ha la Il progetto Sano è Lucano, attraverso la trasmissione di conoscenze, sapori, emozioni, immagini e profumi legati alla Dieta Mediterranea, ha la finalità di attivare, nei giovani lucani, un cambiamento

Dettagli

Azienda Agricola Masseria Manone

Azienda Agricola Masseria Manone Azienda Agricola Masseria Manone Proposte Fattoria Didattica A.S. 2015/2016 Fattoria Didattica Masseria Manone: Proposte didattiche a.s. 2015/2016, Page 1 Masseria Manone Fattoria Didattica Egregio Signor

Dettagli

L Orto dei Bambini. Per trasmettere l amore e il rispetto della terra.

L Orto dei Bambini. Per trasmettere l amore e il rispetto della terra. L Orto dei Bambini Per trasmettere l amore e il rispetto della terra. Premessa L idea dell orto didattico nasce dal desiderio di attivare iniziative socio-culturalieducative che comprendessero l area naturalistica.

Dettagli

UN ORTO DI CLASSE Curare la terra, nutrire la vita.

UN ORTO DI CLASSE Curare la terra, nutrire la vita. UN ORTO DI CLASSE Curare la terra, nutrire la vita. Progetto rivolto alle classi della scuola primaria e secondaria di primo grado dell Emilia Romagna a.s. 2014-2015 Novità 2014/15 KIT PER ORTO DEL CONTADINO

Dettagli

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 1 INDICE 1. PREMESSA 2. OBIETTIVI 3. INCONTRO FORMATIVO PER GLI INSEGNANTI 4. ATTIVITA SUDDIVISE per CLASSI 5. EVENTI ORGANIZZATI: GIORNATE ECOLOGICHE 6.

Dettagli

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto A SCUOLA CON GUSTO Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto Il progetto A SCUOLA CON GUSTO Il progetto A SCUOLA CON GUSTO, giunto oggi alla quarta edizione, mira ad avvicinare adulti e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STA- TALE G. PASCOLI MIIC8A0002

ISTITUTO COMPRENSIVO STA- TALE G. PASCOLI MIIC8A0002 ISTITUTO COMPRENSIVO STA- TALE G. PASCOLI MIIC8A0002 Via F.lli di Dio 101 20099 - Sesto S. Giovanni Telef. 02-3657491 telefax 02-36574925 LA NOSTRA SCUOLA E IL PROGETTO L Istituto comprensivo G. Pascoli,

Dettagli

PERIODO DI RIFERIMENTO Saranno ammessi a finanziamento solamente i progetti attuati negli anni scolastici 2011/12-2012/13.

PERIODO DI RIFERIMENTO Saranno ammessi a finanziamento solamente i progetti attuati negli anni scolastici 2011/12-2012/13. BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI ALLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DELLA PROVINCIA DI ANCONA PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ANNI 2011/12-2012/13 (Approvato con Delibera della

Dettagli

L EDUCAZIONE AGROALIMENTARE

L EDUCAZIONE AGROALIMENTARE VENETO AGRICOLTURA E L EDUCAZIONE AGROALIMENTARE Attraverso l attività dei propri Centri Sperimentali ed Aziende Pilota, promuove la ricerca applicata alle produzioni agro-alimentari studiando sistemi

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA DELL INFANZIA VIA T. M. FUSCO a.s.2011/2012 Premessa Nel periodo della Scuola dell infanzia i bambini acquisiscono e strutturano atteggiamenti e modelli comportamentali

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE

SISTEMA DI VALUTAZIONE Attività coinvolgenti di educazione ed interpretazione ambientale, per stabilire un rapporto di empatia con la natura e per conoscere i principali ambienti naturali del Parco Nazionale d Abruzzo, Lazio

Dettagli

Progetti SAPERI E SAPORI IN FATTORIA

Progetti SAPERI E SAPORI IN FATTORIA Progetti SAPERI E SAPORI IN FATTORIA Con l eredità lasciata da EXPO 2015, conoscere il territorio significa anche recuperare antichi mestieri e tradizioni, riscoprire i prodotti della nostra terra, far

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA e AGRITURISTICA FATTORIA del CERRETINO Piano di attività didattiche e ricreative

AZIENDA AGRICOLA e AGRITURISTICA FATTORIA del CERRETINO Piano di attività didattiche e ricreative AZIENDA AGRICOLA e AGRITURISTICA FATTORIA del CERRETINO Piano di attività didattiche e ricreative La nostra Fattoria del Cerretino svolge attività di Fattoria Didattica proponendo visite o soggiorni giornalieri

Dettagli

SPORCHIAMOCI DI CAMPAGNA

SPORCHIAMOCI DI CAMPAGNA SPORCHIAMOCI DI CAMPAGNA Percorsi Tematiche didattiche Costi Foto Modulistica a i r e s Mas a s o i g n a r F NOME ISTITUTO: FATTORIA DIDATTICA MASSERIA FRANGIOSA SPETT.LE ISTITUTO Gent.mo Dirigente scolastico,

Dettagli

Progetto Educativo-didattico dell area Consumi Sostenibili COLTURE E CULTURE NELLA RISERVA DEI CALANCHI DI ATRI educazione al gusto e al mangiar sano

Progetto Educativo-didattico dell area Consumi Sostenibili COLTURE E CULTURE NELLA RISERVA DEI CALANCHI DI ATRI educazione al gusto e al mangiar sano Progetto Educativo-didattico dell area Consumi Sostenibili COLTURE E CULTURE NELLA RISERVA DEI CALANCHI DI ATRI educazione al gusto e al mangiar sano CEA RISERVA NATURALE DEI CALANCHI DI ATRI SCHEDA DESCRITTIVA

Dettagli

ALI..MENTIAMOCI (PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE) Il progetto vuole essere un occasione di crescita e di incontro volto a promuovere il

ALI..MENTIAMOCI (PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE) Il progetto vuole essere un occasione di crescita e di incontro volto a promuovere il ALI..MENTIAMOCI (PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE) Il progetto proposto ha lo scopo primario di avvicinare i bambini della scuola dell infanzia (5 anni), ai cibi che tradizionalmente non mangiano volentieri,

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 2012 COMUNE DI PERO

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 2012 COMUNE DI PERO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 2012 COMUNE DI PERO PREMESSA Negli ultimi anni il Comune di Pero ha consolidato la sua collaborazione con il Comune di Settimo Milanese sia nella gestione delle mense

Dettagli

Centro di Educazione Ambientale LABTER Provincia di Pesaro e Urbino ASUR Dipartimento di Prevenzione PROGETTO ALIMENTAZIONE TRIENNALE

Centro di Educazione Ambientale LABTER Provincia di Pesaro e Urbino ASUR Dipartimento di Prevenzione PROGETTO ALIMENTAZIONE TRIENNALE Centro di Educazione Ambientale LABTER Provincia di Pesaro e Urbino ASUR Dipartimento di Prevenzione Indicazioni sintetiche e generali: PROGETTO ALIMENTAZIONE TRIENNALE - Il Centro di Educazione Ambientale

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA SOLARIA Società Cooperativa UFFICIO PUBBLICA ISTRUZIONE PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Premessa L alimentazione ha assunto nella società in cui viviamo oggi un ruolo fondamentale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO V. PACIFICI SCUOLA PRIMARIA DI CAMPOLIMPIDO PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO V. PACIFICI SCUOLA PRIMARIA DI CAMPOLIMPIDO PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO V. PACIFICI SCUOLA PRIMARIA DI CAMPOLIMPIDO Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE CLASSI COINVOLTE:

Dettagli

Raccontare la città industriale

Raccontare la città industriale Raccontare la città industriale Dalmine 13 Novembre 2014 IL METODO L Asl di Bergamo ha lavorato molto negli ultimi, in collaborazione con la scuola, per produrre strumenti atti ad inserire i temi della

Dettagli

Laboratori di educazione alimentare in classe

Laboratori di educazione alimentare in classe Laboratori di educazione alimentare in classe La scuola che promuove salute Varese, 10 novembre 2010 Incontri nelle scuole presenza dell esperto in classe I cinque colori della salute Corretto stile di

Dettagli

- 6 - PROGETTI EDUCATIVI

- 6 - PROGETTI EDUCATIVI Progetto di educazione alimentare Il progetto A SCUOLA CON GUSTO consiste in una serie di interventi (tre oppure quattro, a seconda del percorso formativo) da effettuarsi in classe. L intento generale

Dettagli

CEA RISERVA NATURALE DEI CALANCHI DI ATRI

CEA RISERVA NATURALE DEI CALANCHI DI ATRI Progetto didattico area Biodiversità Cuccioli, germogli e ragazzi... Giocare, esplorare, proteggere!!!! CEA RISERVA NATURALE DEI CALANCHI DI ATRI SCHEDA DESCRITTIVA DEL PROGRAMMA DELLE ATTIVITA DESTINATARI

Dettagli

N. identificativo progetto: IZS SA 08/09 RC. Sicurezza alimentare: garanzie e informazioni sulla presenza di sostanze allergeniche negli alimenti

N. identificativo progetto: IZS SA 08/09 RC. Sicurezza alimentare: garanzie e informazioni sulla presenza di sostanze allergeniche negli alimenti N. identificativo progetto: IZS SA 08/09 RC Sicurezza alimentare: garanzie e informazioni sulla presenza di sostanze allergeniche negli alimenti Relatori: Dr.ssa M.R. Mancuso Dr.ssa B. Soro Sviluppo di

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, ENOGASTRONOMICI E PER L'OSPITALITA' ALBERGHIERA "NICOLO' GALLO" VIA QUARTARARO PITTORE

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, ENOGASTRONOMICI E PER L'OSPITALITA' ALBERGHIERA NICOLO' GALLO VIA QUARTARARO PITTORE ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, ENOGASTRONOMICI E PER L'OSPITALITA' ALBERGHIERA "NICOLO' GALLO" VIA QUARTARARO PITTORE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Materia: Scienza e cultura dell

Dettagli

LA SALUTE PRIMA DI TUTTO!

LA SALUTE PRIMA DI TUTTO! LA SALUTE PRIMA DI TUTTO! FINALITA E MOTIVAZIONI L'educazione alla salute rappresenta il processo educativo attraverso il quale gli individui imparano ad assumere consapevolmente decisioni utili al mantenimento

Dettagli

RingraziandoLa anticipatamente per l attenzione che vorrà accordarci colgo l occasione per porgerle i miei più cordiali saluti.

RingraziandoLa anticipatamente per l attenzione che vorrà accordarci colgo l occasione per porgerle i miei più cordiali saluti. Al Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Prof.ssa Maria Letizia Melina Via Palermo 06129 Perugia Perugia, 09 settembre 2013 Gentile Direttore Generale, è con piacere che Le

Dettagli

PROGETTO "FATTORIE DIDATTICHE- SATU PO IMPARAI- PROGRAMMA TRIENNALE DI EDUCAZIONE ALIMENTARE,

PROGETTO FATTORIE DIDATTICHE- SATU PO IMPARAI- PROGRAMMA TRIENNALE DI EDUCAZIONE ALIMENTARE, PROGETTO "FATTORIE DIDATTICHE- SATU PO IMPARAI- PROGRAMMA TRIENNALE DI EDUCAZIONE ALIMENTARE, AMBIENTALE E SULLA RURALITÀ" mod. Relazione.dot Versione 3.10 del 25.10.2011 PAG.1 DI 5 AREA: Cultura DIRIGENTE:

Dettagli

VADEMECUM 2012-2013. Pagina 1 di 19

VADEMECUM 2012-2013. Pagina 1 di 19 VADEMECUM 2012-2013 Pagina 1 di 19 Da compilare e inviare alla Federazione BDS (Annuali) Iscrizione federazione BDS nuovo / rinnovo ( validità anno solare); Modulo adesione Donacibo (Convenzione) Modulo

Dettagli

Convenzione per visite guidate con la Fondazione di Minoprio RELATIVE AL PROGRAMMA PROVINCIALE DI EDUCAZIONE

Convenzione per visite guidate con la Fondazione di Minoprio RELATIVE AL PROGRAMMA PROVINCIALE DI EDUCAZIONE Convenzione per visite guidate con la Fondazione di Minoprio Atti provinciali: /8.4/2012/448 CONVENZIONE CON LA SCUOLA DI FLORO ORTO FRUTTICOLTURA DI MINOPRIO PER VISITE GUIDATE RELATIVE AL PROGRAMMA PROVINCIALE

Dettagli

PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense

PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense SCUOLA D INFANZIA BIANCO BUONO LATTE 4 anni, scuola dell infanzia Latte, filiera, gusto, preferenze, Alimentazione:

Dettagli

CURRICOLO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

CURRICOLO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE CURRICOLO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Premessa Dalle rilevazioni effettuate negli ultimi anni sulla popolazione giovanile è emerso un aumento di problemi legati alle cattive abitudini alimentari e alla pratica

Dettagli

MERCOLEDì 9 Settembre. (ulteriori dettagli logistici saranno forniti a ridosso dell'evento di formazione) Agenda

MERCOLEDì 9 Settembre. (ulteriori dettagli logistici saranno forniti a ridosso dell'evento di formazione) Agenda Alla cortese attenzione di tutti gli Istituti Comprensivi della Regione Marche Roma, 23 giugno 2015 Oggetto: Invito alla formazione a.s. 2015-2016 Gent.mi Presidi, con riferimento al progetto MaestraNatura

Dettagli

BANDO DI CONCORSO CONCORSO DI IDEE: LE BUONE ABITUDINI DI MISTER EAT UN VIDEO PER RACCONTARE LE RICETTE DELLA DIETA MEDITERRANEA REGOLAMENTO CONCORSO

BANDO DI CONCORSO CONCORSO DI IDEE: LE BUONE ABITUDINI DI MISTER EAT UN VIDEO PER RACCONTARE LE RICETTE DELLA DIETA MEDITERRANEA REGOLAMENTO CONCORSO Confederazione Italiana Agricoltori di Salerno BANDO DI CONCORSO CONCORSO DI IDEE: LE BUONE ABITUDINI DI MISTER EAT UN VIDEO PER RACCONTARE LE RICETTE DELLA DIETA MEDITERRANEA REGOLAMENTO CONCORSO Art.

Dettagli

Alla cortese Attenzione del Dirigente Scolastico. Roma, 11 novembre 2014. Egregio Dirigente,

Alla cortese Attenzione del Dirigente Scolastico. Roma, 11 novembre 2014. Egregio Dirigente, Alla cortese Attenzione del Dirigente Scolastico Roma, 11 novembre 2014 Egregio Dirigente, siamo lieti di informarla che l Assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili della Regione Lazio, con la collaborazione

Dettagli

INIZIATIVA SOCIALE ECONOMICO-FINANZIARIA rivolta a TUTTI gli alunni delle Scuole Superiori italiane (classi 4 e 5 )

INIZIATIVA SOCIALE ECONOMICO-FINANZIARIA rivolta a TUTTI gli alunni delle Scuole Superiori italiane (classi 4 e 5 ) Alla c.a. del DIRIGENTE SCOLASTICO e p. c. del Prof./a fax. INIZIATIVA SOCIALE ECONOMICO-FINANZIARIA rivolta a TUTTI gli alunni delle Scuole Superiori italiane (classi 4 e 5 ) Milano, Ottobre 2009 GRUPO

Dettagli

SARDEGNA. Cagliari, 21 novembre 2015

SARDEGNA. Cagliari, 21 novembre 2015 Per Direzione Generale dell Ufficio Scolastico della Sardegna e, p.c.: Dirigenti e Reggenti degli ambiti territoriali della Sardegna Coordinatori di educazione fisica e sportiva Prot. 245 b / IC-15 Oggetto:

Dettagli

FRUTTA NELLE SCUOLE REGIONE DEL VENETO. Veronica Bertoldo tel. 041/2795628 mail: veronica.bertoldo@regione.veneto.it

FRUTTA NELLE SCUOLE REGIONE DEL VENETO. Veronica Bertoldo tel. 041/2795628 mail: veronica.bertoldo@regione.veneto.it FRUTTA NELLE SCUOLE REGIONE DEL VENETO Veronica Bertoldo tel. 041/2795628 mail: veronica.bertoldo@regione.veneto.it PROGRAMMA COMUNITARIO CON COFINANZIAMENTO NAZIONALE Progetto di educazione alimentare

Dettagli

Allievi e docenti delle scuole primarie afferenti alla rete. RSdS.

Allievi e docenti delle scuole primarie afferenti alla rete. RSdS. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO Umberto I - A L B A Alba e Verzuolo: Tecnico Agrario, Agroalimentare e Agroindustria Fossano e Grinzane C.: Professionale Servizi per l Agricoltura e lo sviluppo

Dettagli

PROGETTO ORTO IN CONDOTTA

PROGETTO ORTO IN CONDOTTA PROGETTO ORTO IN CONDOTTA 1. IL TEMA L Orto in Condotta Realizzazione di orti per promuovere e sviluppare l educazione alimentare e ambientale nelle scuole. Costituzione di una comunità dell apprendimento.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA PARITARIA ISTITUTO SACRO CUORE BITONTO (BA) Contributi in materia di Diritto allo Studio. della Regione Puglia

SCUOLA PRIMARIA PARITARIA ISTITUTO SACRO CUORE BITONTO (BA) Contributi in materia di Diritto allo Studio. della Regione Puglia SCUOLA PRIMARIA PARITARIA ISTITUTO SACRO CUORE BITONTO (BA) della Regione Puglia (L.R. 42/80 art. 10 Legge n. 241 del 7/8/1990 art.12) Fiabe per educare Anno scolastico 2010/2011 DESCRIZIONE DETTAGLIATA

Dettagli

Sport & Nutrizione 2016

Sport & Nutrizione 2016 SPORT VILLAGE CATONA PRESENTA Sport & Nutrizione 2016 Giocare - Crescere Mangiare Nei precedenti Camp organizzati nella struttura dello Sport Village si è ottenuto una larga adesione da parte di molte

Dettagli

GRUPPO NATURALISTICO del FORMIGGINI

GRUPPO NATURALISTICO del FORMIGGINI LICEO A. F. FORMIGGINI SCIENTIFICO E CLASSICO SCHEDA DI PRESENTAZIONE DI PROGETTO DIDATTICO P.O.F. a.s. 2015/2016 Titolo del progetto: GRUPPO NATURALISTICO del FORMIGGINI " NUTRIRE l uomo. senza danneggiare

Dettagli

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati Ministero della Pubblica Istruzione Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze

Dettagli

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE COMUNE DI BRUINO Provincia di Torino CAP 10090 Piazza Municipio, n. 3 - Tel. 011 9094411 - Fax 011 9084541 www.comune.bruino.to.it - e-mail ambiente.ecologia@comune.bruino.to.it Settore Urbanistica, Lavori

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria Settore Polizia Municipale Educazione stradale Introduzione L Educazione stradale o l educazione al rischio stradale ed alla mobilità sostenibile è disposta dall

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale BANDO DI CONCORSO

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale BANDO DI CONCORSO Assessore alle Politiche per la Tutela dei Consumatori Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale BANDO DI CONCORSO Premessa

Dettagli

OGGETTO: INSERIMENTO NEL P.O.F. DELLE PROPOSTE EDUCATIVE TELETHON.

OGGETTO: INSERIMENTO NEL P.O.F. DELLE PROPOSTE EDUCATIVE TELETHON. Alla c.a. del Dirigente Scolastico OGGETTO: INSERIMENTO NEL P.O.F. DELLE PROPOSTE EDUCATIVE TELETHON. Gentile Dirigente, come forse saprà da 25 anni la Fondazione Telethon si occupa di finanziare i migliori

Dettagli

SAPERI IN CAMPAGNA PROGRAMMA INTERREGIONALE COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGRAMMA OPERATIVO 2005. Allegato alla deliberazione n.

SAPERI IN CAMPAGNA PROGRAMMA INTERREGIONALE COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGRAMMA OPERATIVO 2005. Allegato alla deliberazione n. PROGRAMMA INTERREGIONALE COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGRAMMA OPERATIVO 2005 SAPERI IN CAMPAGNA 1 PREMESSA Le nuove generazioni e la Sardegna: un rapporto che occorrerebbe rinsaldare attraverso

Dettagli

Si prega di rispondere a tutte le domande nel modo più completo possibile e nel modo più sincero.

Si prega di rispondere a tutte le domande nel modo più completo possibile e nel modo più sincero. CODE N: Caro Insegnante, Apprezziamo la vostra partecipazione al Progetto Insegnante saggio- bambino sano ( WITH.CH ) sulle abitudini alimentari sane e l'attività fisica nella scuola, che è attualmente

Dettagli

LIVORNO IN CONTEMPORANEA E

LIVORNO IN CONTEMPORANEA E Percorsi didattici LIVORNO IN CONTEMPORANEA E un iniziativa realizzata con la collaborazione del Centro per l Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato nell ambito del progetto regionale: Cantiere Toscana

Dettagli

EDUCARE AL GUSTO Giochi e attività per bambini e ragazzi

EDUCARE AL GUSTO Giochi e attività per bambini e ragazzi EDUCARE AL GUSTO Giochi e attività per bambini e ragazzi Si propongono di seguito alcuni giochi ed un programma di attività sull'educazione al gusto elaborati a cura della rete delle fattorie didattiche

Dettagli

ORTO IN TAVOLA L ORTO SCOLASTICO COME SISTEMA DI APPRENDIMENTO

ORTO IN TAVOLA L ORTO SCOLASTICO COME SISTEMA DI APPRENDIMENTO ORTO IN TAVOLA L ORTO SCOLASTICO COME SISTEMA DI APPRENDIMENTO Relatore: Rita Tieppo insegnante presso la scuola dell infanzia La Gabbianella di Moncalieri e formatore Slow Food per il progetto Orto in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO V.O.CENCELLI SABAUDIA RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE

ISTITUTO COMPRENSIVO V.O.CENCELLI SABAUDIA RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE ISTITUTO COMPRENSIVO V.O.CENCELLI SABAUDIA RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE Ferraro Adele Anno Scolastico 2013 2014 ATTIVITA di Continuità educativo - didattica Accoglienza PROGETTO Conoscere per

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE

CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE MANGIA, SALTA RIDI L Educazione Alimentare, oggi ha assunto un ruolo fondamentale nella determinazione

Dettagli

ARSIAL. Via R. Lanciani, 38 ROMA

ARSIAL. Via R. Lanciani, 38 ROMA Istituto Comprensivo Milani via Olivetti, 41 Terracina tel 0773 725919 fax 0773 722388 ARSIAL Servizio Comunicazione, Promozione e Marketing Via R. Lanciani, 38 ROMA Oggetto: Bando Scuole Progetto Sapere

Dettagli

Scegli con gusto, gusta in salute. Marina Fridel Marilena Durante Bologna 28 ottobre 2013

Scegli con gusto, gusta in salute. Marina Fridel Marilena Durante Bologna 28 ottobre 2013 Scegli con gusto, gusta in salute Marina Fridel Marilena Durante Bologna 28 ottobre 2013 Scegli con gusto, gusta in salute Progetto di promozione della salute che si rivolge agli Istituti / Scuole Alberghiere

Dettagli

Scuola dell infanzia S.Smerilli Relazione finale anno scolastico 2014/2015

Scuola dell infanzia S.Smerilli Relazione finale anno scolastico 2014/2015 Scuola dell infanzia S.Smerilli Relazione finale anno scolastico 2014/2015 L anno scolastico si e concluso,ed è giunto il momento di fare una verifica sul lavoro svolto e sui risultati conseguiti. Il percorso

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Risultati e proposte per l a.s. 2014-2015

PROGETTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Risultati e proposte per l a.s. 2014-2015 PROGETTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE Risultati e proposte per l a.s. 2014-2015 1. Il gruppo Contarina Spa 2. L educazione ambientale 3. Obiettivi dei progetti 4. Risultati raggiunti 5. Proposte per anno scolastico

Dettagli

La qualità dei prodotti agroalimentari tipici del territorio Grossetano.

La qualità dei prodotti agroalimentari tipici del territorio Grossetano. La qualità dei prodotti agroalimentari tipici del territorio Grossetano. Descrizione delle finalità del progetto Il Presente progetto si inserisce all interno del Progetto finanziato dalla Provincia di

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO ORTO IN CONDOTTA

SCHEDA DI PROGETTO ORTO IN CONDOTTA ALLEGATO A SCHEDA DI PROGETTO ORTO IN CONDOTTA 1. IL TEMA L Orto in Condotta Realizzazione di orti per promuovere e sviluppare l educazione alimentare e ambientale nelle scuole. Costituzione di una comunità

Dettagli

Mostra mercato di prodotti biologici e a km 0

Mostra mercato di prodotti biologici e a km 0 Mostra mercato di prodotti biologici e a km 0 1 Dove e quando si svolge? In via Alzaia Naviglio Pavese in Milano Domenica 29 Settembre 2013 Dalle ore 08.00 alle ore 19.30 2 Programma Dalle ore 08.00 alle

Dettagli

Progetto in rete interistituzionale Aliment-azione I. C. Marconi I.C. Guinizelli I.C.Pacinotti Scuola primaria Classe Prima

Progetto in rete interistituzionale Aliment-azione I. C. Marconi I.C. Guinizelli I.C.Pacinotti Scuola primaria Classe Prima Progetto in rete interistituzionale Aliment-azione I. C. Marconi I.C. Guinizelli I.C.Pacinotti Scuola primaria Classe Prima -utilizzare i sensi per riconoscere le caratteristiche degli alimenti - le caratteristiche

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO: presentazione progetto alle famiglie

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO: presentazione progetto alle famiglie GALILEO GALILEI - Crema (CR) CIRCOLARE n. 159 CREMA, 04.02.2016 Modalità di Pubblicazione: - Albo elettronico - Albo cartaceo Destinatari: - Agli studenti delle classi 3 e e alle loro famiglie - Ai coordinatori

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. nr. 25213/c27/1 Bergamo, 21 dicembre 2010 Alla c.a. Dirigenti Scolastici Istituti Superiori di Bergamo e provincia Docenti referenti alla rappresentanza Istituti Superiori di Bergamo e provincia

Dettagli

PROGETTO SCIENZE CLASSI PRIME SECONDARIA I GRADO A.S. 2013/2014

PROGETTO SCIENZE CLASSI PRIME SECONDARIA I GRADO A.S. 2013/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO Via San Francesco 5 20061 CARUGATE (MI) tel. 02.92151388 02.9253970 02.9252433 FAX 02.9253741 e-mail segreteria: miic8bj003@istruzione.it

Dettagli

MARTEDì 8 Settembre. presso l aula Bovet dell Istituto Superiore di Sanità. Viale Regina Elena, 299 Metro Policlinico. Agenda

MARTEDì 8 Settembre. presso l aula Bovet dell Istituto Superiore di Sanità. Viale Regina Elena, 299 Metro Policlinico. Agenda Alla cortese attenzione di tutti gli Istituti Comprensivi della Provincia di Roma Roma, 5 giugno 2015 Oggetto: Invito alla formazione a.s. 2015-2016 Gent.mi Presidi, con riferimento al progetto MaestraNatura

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S.

PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S. PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S. 2014/2015 La scuola bergamasca si prepara all Expo 2015 (esposizione universale) imparando a conoscere i prodotti a Chilometro

Dettagli

La Colombaia. Presentazione Programmi Didattici Laboratori Attività Pratiche. Fattoria Didattica Biologica

La Colombaia. Presentazione Programmi Didattici Laboratori Attività Pratiche. Fattoria Didattica Biologica La Colombaia Fattoria Didattica Biologica Azienda iscritta all Albo delle fattorie Didattiche della REGIONE CAMPANIA al n 45 sez.a-b DRD n 280 del 20/06/05 Azienda biologica in appl. del REG. CEE 2092/91

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Anno scolastico 2015-2016 Circolo Didattico di Ischia 1

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Anno scolastico 2015-2016 Circolo Didattico di Ischia 1 PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Anno scolastico 2015-2016 Circolo Didattico di Ischia 1 Titolo del Progetto: Alimenta la mente Referente del Progetto: Ins. Scala Isabella Durata del Progetto: eventi

Dettagli

Alla tua salute: scegli con gusto, gusta in salute. Aspetti metodologici del Programma

Alla tua salute: scegli con gusto, gusta in salute. Aspetti metodologici del Programma Alla tua salute: scegli con gusto, gusta in salute Aspetti metodologici del Programma Reggio Emilia. Luoghi di prevenzione, 25/9/2012 Sandra Bosi Responsabile Servizi di Promozione della Salute e Formazione

Dettagli

Sviluppo sostenibile partecipato e Progetto Mense Tipiche. Realizzato da So.Svi.Ma. SpA

Sviluppo sostenibile partecipato e Progetto Mense Tipiche. Realizzato da So.Svi.Ma. SpA Sviluppo sostenibile partecipato e Progetto Mense Tipiche Scelte alimentari e costi sociali ed ambientali Modello socio economico imperfetto sintetizzato dal sistema dei prezzi cui si affianca il concetto

Dettagli

Progetto Alimentazione aa.ss. 2007/2008 e 2008/2009 Assessorato alle Politiche Scolastiche

Progetto Alimentazione aa.ss. 2007/2008 e 2008/2009 Assessorato alle Politiche Scolastiche aa.ss. 2007/2008 e 2008/2009 Assessorato alle Politiche Scolastiche Progetto Alimentazione Vittorio Veneto Teatro Da Ponte 13/02/2008 Pagina 1 I partners del Comune nel progetto: Servizio per l educazione

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Corrado Alvaro Chiaravalle Centrale. Progetto Coltivare. in continuità. Una favola d orto

Istituto Comprensivo statale Corrado Alvaro Chiaravalle Centrale. Progetto Coltivare. in continuità. Una favola d orto Istituto Comprensivo statale Corrado Alvaro Chiaravalle Centrale Progetto Coltivare. in continuità Una favola d orto Mai più le parole senza le cose, mai più le parole e le cose senza le azioni (Giuseppina

Dettagli

Esperienze locali di promozione della salute per contrastare l obesità e i comportamenti a rischio nei bambini in Liguria

Esperienze locali di promozione della salute per contrastare l obesità e i comportamenti a rischio nei bambini in Liguria Stili di vita e stato ponderale dei bambini italiani: i risultati della IV raccolta dati di Okkio alla Salute Roma 21 Gennaio 2015 Esperienze locali di promozione della salute per contrastare l obesità

Dettagli

PROGETTI SCUOLA MEDIA

PROGETTI SCUOLA MEDIA PROGETTI SCUOLA MEDIA Ad ampliamento delle attività curriculari vengono proposti progetti che si collocano in un ottica di continuum rispetto alla normale programmazione e che vanno ad ampliare ulteriormente

Dettagli

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività:

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: visite guidate, laboratori didattici, filmati, conferenze, convegni, mostre, eventi artistici, ma anche: soggiorni per

Dettagli

Richiesta di ammissione al Paniere dei parchi dell Appennino Emiliano per PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI

Richiesta di ammissione al Paniere dei parchi dell Appennino Emiliano per PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI Richiesta di ammissione al Paniere dei parchi dell Appennino Emiliano per PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI Al fine di richiedere l adesione della propria azienda al progetto Softeconomy nei Parchi e nelle aree

Dettagli

Giornata Mondiale dell Ambiente Premiazione Concorso Unesco DESS 2015

Giornata Mondiale dell Ambiente Premiazione Concorso Unesco DESS 2015 Giornata Mondiale dell Ambiente Premiazione Concorso Unesco DESS 2015 In occasione della ricorrenza della Giornata Mondiale dell Ambiente (5 Giugno), ARPA Sicilia Struttura Territoriale di Messina ha festeggiato

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado PREMESSA La Fib, Federazione Italiana Bocce, da sempre a sostegno della pratica motoria

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO E OBIETTIVI

ANALISI DI CONTESTO E OBIETTIVI Allegato 1.1) FAC SIMILE DI SCHEDA-PROGETTO PER PROGETTI A VALENZA REGIONALE PER ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSI DA SOGGETTI PRIVATI SENZA FINI DI LUCRO RIVOLTI A PREADOLESCENTI E ADOLESCENTI PUNTO

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico.

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico. ASSOCIAZIONE GENITORE AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRIVERO COMUNE DI TRIVERO COMUNE DI SOPRANA TITOLO DEL PROGETTO Piatto sano, mi ci ficco. SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA Associazione Genitore Amico.

Dettagli