Linee guida contro le molestie sessuali sul luogo di lavoro nel Dipartimento federale degli affari esteri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida contro le molestie sessuali sul luogo di lavoro nel Dipartimento federale degli affari esteri"

Transcript

1 DFAE Linee guida contro le molestie sessuali sul luogo di lavoro nel Dipartimento federale degli affari esteri del settembre 0 secondo la Legge del marzo 000 sul personale della Confederazione (LPers) l Ordinanza del luglio 00 sul personale della Confederazione (OPers) la Legge federale del marzo 995 sulla parità dei sessi (Legge sulla parità, LEg) Capitolo Disposizioni generali Art. Principi La tutela dell'integrità personale sul luogo di lavoro è un diritto di tutte le collaboratrici e di tutti i collaboratori. Le molestie sessuali sono considerate una discriminazione e in quanto tali sono vietate e sanzionabili. Non sono in alcun modo tollerate nel Dipartimento federale degli affari esteri. Chi denuncia molestie sessuali non subirà alcun pregiudizio. Art. Oggetto e campo d applicazione Le presenti linee guida hanno lo scopo di tutelare dalle molestie sessuali sul luogo di lavoro le collaboratrici e i collaboratori del DFAE impiegati alla Centrale e all'estero. Tutte le collaboratrici e tutti i collaboratori sono informati personalmente sui loro diritti e sui loro obblighi. Art. Dovere d assistenza Il datore di lavoro è co-responsabile dell'integrità fisica e psichica dei collaboratori e delle collaboratrici sul luogo di lavoro. Prende tutti i provvedimenti necessari per tutelare l'integrità sessuale e la sfera intima delle sue collaboratrici e dei suoi collaboratori. Art. Definizioni Si definisce molestia sessuale sul luogo di lavoro ogni comportamento indesiderato a connotazione sessuale nel contesto lavorativo che offende la dignità della persona cui è rivolto. RS 7.0. RS RS 5. Valide dal novembre 0

2 Le molestie sessuali possono manifestarsi in diverse forme, ad esempio: - apprezzamenti allusivi o imbarazzanti sull'aspetto fisico, - osservazioni o barzellette sulle caratteristiche sessuali, il comportamento sessuale o l'orientamento sessuale, - esibizione, esposizione, distribuzione o invio (anche per via elettronica) di materiale sessista o pornografico, - inviti indesiderati con intenzioni sessuali, - contatti fisici involontari, - pratiche che consistono nel seguire colleghi all interno o all esterno del luogo di lavoro, - tentativi di avvicinamento (anche per via di messaggi scritti o per via elettronica) o inviti associati a promesse di vantaggi o minacce di ritorsione, - aggressioni sessuali, coazione sessuale o stupro. L'elenco non è esaustivo. Per valutare se ci si trova in presenza di un caso di molestia sessuale non si considera l'intenzione della persona molestatrice, ma solo ed esclusivamente il modo in cui il suo comportamento è percepito dalla persona cui è rivolto, ossia se questa lo avverte come desiderato o indesiderato. Si rileva peraltro che le molestie sessuali verbali gravi sono punibili (art. 98 CP, RS.0). Chiunque, donna o uomo, può essere vittima di molestie sessuali. 5 Sono considerate molestie sessuali sul posto di lavoro anche quelle compiute in occasione di eventi aziendali, come gite o cene di Natale. Qualora si verifichino nel tempo libero, si considera che rientrino nel contesto lavorativo se incidono sul rapporto di lavoro. Capitolo Procedura in caso di molestie sessuali Si può procedere in diversi modi. La persona interessata può avviare una procedura formale, una procedura informale o entrambe le procedure simultaneamente. Inoltre, la persona interessata può avviare le altre procedure previste all articolo 9. Art. 5 Procedura informale a. Reazione nei confronti della persona molestratrice Per quanto possibile si raccomanda alle collaboratrici e ai collaboratori molestati sessualmente di reagire in modo tempestivo e di comunicare in modo inequivocabile alla persona molestatrice che il suo comportamento li importuna e che non lo tollerano. b. Interlocutori in seno al dipartimento e/o superiore diretto Chi è vittima di molestie sessuali può rivolgersi in qualsiasi momento a un interlocutore interno del dipartimento. Questa persona, tenuta al segreto professionale, offre Valide dal novembre 0

3 informazioni, assistenza e sostegno. Fornisce consulenza sia alla vittima, sia alla persona molestatrice e predispone quanto prima, nel limite delle sue possibilità, misure adeguate per tutelare l'integrità fisica e psichica della vittima sul luogo di lavoro. Senza il consenso di quest'ultima non intraprende nessun altro passo e non porta i fatti a conoscenza dei superiori. Gli interlocutori interni sono specialmente formati e fanno parte di un gruppo composto da donne e uomini di diversa appartenenza linguistica. La pagina Intranet sottoindicata riporta i nomi, le funzioni e la lingua madre di queste persone: Persone di fiducia in caso di molestie sessuali nel DFAE Chi subisce molestie sessuali può rivolgersi in qualsiasi momento anche al proprio superiore diretto. In tal caso occorre tuttavia tenere presente che quest'ultimo dovrà probabilmente adottare misure anche se la vittima non lo auspica. 5 Se un interlocutore interno o un superiore diretto si rende conto che una collaboratrice o un collaboratore subisce molestie sessuali o viene a saperlo da terzi, cerca il dialogo con la vittima e, se del caso, dà avvio a misure adeguate. c. Servizi esterni al dipartimento 6 Le collaboratrici e i collaboratori oggetto di molestie sessuali possono rivolgersi ai seguenti servizi esterni al dipartimento: a) Consulenza sociale del personale dell'amministrazione federale (CSPers) dell'ufper b) Organo di mediazione per il personale federale c) Ufficio federale per l'uguaglianza fra donna e uomo UFU, che mette a disposizione il nominativo di specialisti esterni all'amministrazione federale: 7 Questi servizi trattano le richieste in modo professionale e con assoluta riservatezza. d. Procedura di conciliazione 8 In virtù della LPar, chi è vittima di molestie sessuali può rivolgersi per iscritto alla Commissione di conciliazione per il personale della Confederazione. Art. 6 Procedura formale Se dopo la procedura informale la situazione non migliora o la persona molestatrice non cambia comportamento, se una delle parti rifiuta la procedura informale o se sussiste un atto perseguibile penalmente, la collaboratrice o il collaboratore può richiedere una decisione. Valide dal novembre 0

4 Chi subisce o potrebbe subire molestie sessuali può chiedere per iscritto al datore di lavoro che emani una decisione, la quale: a) vieti o impedisca la discriminazione di cui potrebbe essere vittima; b) faccia cessare la discriminazione di cui è vittima; c) accerti una discriminazione se questa persiste; d) stabilisca eventualmente un risarcimento. La persona accusata può chiedere per iscritto al datore di lavoro che emani una decisione con lo scopo di constatare l inesistenza della molestia sessuale. Se del caso, l'organo competente conduce un'indagine prima di emanare la decisione. Se l'organo adito non può adottare una determinata misura, ad esempio perché ciò esula dal suo ambito di competenza in quanto non è datore di lavoro della persona molestatrice, il caso viene trasmesso all'autorità competente. Art. 7 Accompagnatrice o accompagnatore In tutte le fasi della procedura formale e informale, la vittima di molestie sessuali può farsi accompagnare da una persona di fiducia. Art. 8 Follow-up Sei mesi dopo la fine della procedura, quando il datore di lavoro ha concluso i necessari passi formali, la collaboratrice o il collaboratore RU competente prende contatto con la persona interessata e si informa sulla sua situazione. Art. 9 Altre procedure Oltre la procedura informale e formale, la persona interessata può avviare le seguenti procedure: a. Procedura secondo la Legge sulla parità; b. Azione civile; c. Procedura penale. Chi subisce molestie sessuali in Svizzera può sporgere denuncia penale contro la persona molestatrice. In caso di delitto perseguibile su querela (ad es. molestie sessuali, vie di fatto, esibizionismo) il perseguimento penale viene avviato soltanto se la parte lesa presenta la querela entro un termine di tre mesi. In caso di molestie sessuali subite all'estero, la procedura penale è retta dal diritto penale locale. Valide dal novembre 0

5 Capitolo Sanzioni / False accuse Art. 0 Sanzioni Le molestie sessuali sul luogo di lavoro costituiscono una violazione degli obblighi professionali. Contro chi molesta sessualmente un'altra persona può essere avviata una procedura disciplinare. Le molestie sessuali, la pornografia, la violenza sessuale, lo stupro, l'esibizionismo e lo sfruttamento di una situazione di dipendenza in un rapporto di lavoro sono peraltro atti perseguibili penalmente. Il DFAE si riserva il diritto di sporgere denuncia penale o di adottare altre misure di diritto del personale. Art. False accuse Contro chi denuncia una collaboratrice o un collaboratore per molestie sessuali senza motivo o pur sapendo che non le ha commesse può essere avviata una procedura disciplinare. La diffamazione, la calunnia e la denuncia mendace sono peraltro atti perseguibili penalmente. Il DFAE si riserva il diritto di sporgere denuncia penale o di adottare altre misure di diritto del personale. Capitolo Entrata in vigore Art. Entrata in vigore Le presenti linee guida entrano in vigore il novembre 0. Valide dal novembre 0

CODICE DI CONDOTTA DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE PER LA PREVENZIONE DELLE MOLESTIE SESSUALI E MORALI

CODICE DI CONDOTTA DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE PER LA PREVENZIONE DELLE MOLESTIE SESSUALI E MORALI CODICE DI CONDOTTA DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE PER LA PREVENZIONE DELLE MOLESTIE SESSUALI E MORALI Articolo1 Finalità L¹Università degli studi del Molise per tutelare la dignità delle donne

Dettagli

5.8) CODICE DI CONDOTTA PER LA PREVENZIONE DELLE MOLESTIE SESSUALI E MORALI DELIBERA. Art.1

5.8) CODICE DI CONDOTTA PER LA PREVENZIONE DELLE MOLESTIE SESSUALI E MORALI DELIBERA. Art.1 I DIVISIONE 5.8) CODICE DI CONDOTTA PER LA PREVENZIONE DELLE MOLESTIE SESSUALI E MORALI OMISSIS DELIBERA di approvare il Codice di Condotta per la Prevenzione delle Molestie Sessuali, così come di seguito

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA DA ADOTTARE NELLA LOTTA CONTRO LE MOLESTIE SESSUALI

CODICE DI CONDOTTA DA ADOTTARE NELLA LOTTA CONTRO LE MOLESTIE SESSUALI Allegato b) DIREZIONE GENERALE DIREZIONE CENTRALE RISORSE UMANE ALLEGATO ALLA CIRCOLARE N. 8/2005 CODICE DI CONDOTTA DA ADOTTARE NELLA LOTTA CONTRO LE MOLESTIE SESSUALI PREAMBOLO L'INAIL, forte di una

Dettagli

Codice di Condotta. per la tutela della dignità delle donne e degli uomini in azienda. a cura della Commissione Pari Opportunità

Codice di Condotta. per la tutela della dignità delle donne e degli uomini in azienda. a cura della Commissione Pari Opportunità Impaginato 9-10-2009 8:42 Pagina 1 Codice di Condotta per la tutela della dignità delle donne e degli uomini in azienda a cura della Commissione Pari Opportunità Impaginato 9-10-2009 8:42 Pagina 2 Impaginato

Dettagli

Legge federale sull applicazione di sanzioni internazionali

Legge federale sull applicazione di sanzioni internazionali Legge federale sull applicazione di sanzioni internazionali (Legge sugli embarghi, LEmb) 946.231 del 22 marzo 2002 (Stato 27 luglio 2004) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO COMITATO UNICO DI GARANZIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO COMITATO UNICO DI GARANZIA CODICE DI COMPORTAMENTO PER LA TUTELA DELLA DIGNITA' DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI, DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO. ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Considerato

Dettagli

Verso una cultura della parità: Codice di condotta INGV e strumenti giuridici per la tutela delle vittime di molestie sul luogo del lavoro

Verso una cultura della parità: Codice di condotta INGV e strumenti giuridici per la tutela delle vittime di molestie sul luogo del lavoro Seminario sulla prevenzione e la tutela dalle molestie nei luoghi di lavoro Verso una cultura della parità: Codice di condotta INGV e strumenti giuridici per la tutela delle vittime di molestie sul luogo

Dettagli

MOLESTIE, MOLESTIE SESSUALI NEL MONDO DEL LAVORO

MOLESTIE, MOLESTIE SESSUALI NEL MONDO DEL LAVORO MOLESTIE, MOLESTIE SESSUALI NEL MONDO DEL LAVORO Corso Universitario CORSO UNIVERSITARIO DONNE, POLITICA, ISTITUZIONI III EDIZIONE (2012) Avv. Rita Mazzanti Ferrara, 24 novembre 2012 VIOLENZA SULLE PERSONE

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA DA ADOTTARE NELLA LOTTA CONTRO LE MOLESTIE SESSUALI E PER LA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO IL FENOMENO MOBBING

CODICE DI CONDOTTA DA ADOTTARE NELLA LOTTA CONTRO LE MOLESTIE SESSUALI E PER LA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO IL FENOMENO MOBBING CODICE DI CONDOTTA DA ADOTTARE NELLA LOTTA CONTRO LE MOLESTIE SESSUALI E PER LA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO IL FENOMENO MOBBING adottato con delibera di Giunta Comunale n. 288 del 23/12/2002 modificato

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Codice di condotta per la tutela della dignità delle lavoratrici e dei lavoratori

COMUNE DI PAGLIETA Codice di condotta per la tutela della dignità delle lavoratrici e dei lavoratori COMUNE DI PAGLIETA Codice di condotta per la tutela della dignità delle lavoratrici e dei lavoratori Art. 1 Principi e finalità 1. L amministrazione Comunale garantisce a tutti coloro che lavorano nelle

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA PER LA TUTELA E LA PREVENZIONE DEL MOBBING, DELLE MOLESTIE MORALI E SESSUALI

CODICE DI CONDOTTA PER LA TUTELA E LA PREVENZIONE DEL MOBBING, DELLE MOLESTIE MORALI E SESSUALI CODICE DI CONDOTTA PER LA TUTELA E LA PREVENZIONE DEL MOBBING, DELLE MOLESTIE MORALI E SESSUALI (emanato con D.R. n. 376/2015 del 2 settembre 2015 in vigore dal 3 settembre 2015) INDICE PREMESSA Art. 1

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO. Approvato con deliberazione consiliare n. 86-56964/1996 30 aprile 1996

PROVINCIA DI TORINO. Approvato con deliberazione consiliare n. 86-56964/1996 30 aprile 1996 PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL CODICE DI COMPORTAMENTO PER LA TUTELA DELLA DIGNITÀ SUL LAVORO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI DELLA PROVINCIA DI TORINO Approvato con deliberazione

Dettagli

Azienda Ospedaliera S. Maria - Terni

Azienda Ospedaliera S. Maria - Terni PROCEDURA DI SEGNALAZIONI DI ILLECITI O DI IRREGOLARITÀ DA PARTE DEI DIPENDENTI O COLLABORATORI DELL AZIENDA OSPEDALIERA S. MARIA E RELATIVE FORME DI TUTELA. 1. Fonte normativa e natura dell istituto.

Dettagli

Schema riepilogativo di infrazioni e sanzioni

Schema riepilogativo di infrazioni e sanzioni Schema riepilogativo di infrazioni e sanzioni Sommario: 1. Personale docente: Infrazioni e sanzioni. 2. Personale amministrativo, tecnico e ausiliario: Infrazioni e sanzioni. 1. PERSONALE DOCENTE: INFRAZIONI

Dettagli

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità CITTA DI CASTENASO Provincia di Bologna Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione)

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati in Svizzera. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati (LAV)

Aiuto alle vittime in caso di reati in Svizzera. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati (LAV) Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

No agli abusi sessuali nello sport. Foto: Swiss Olympic

No agli abusi sessuali nello sport. Foto: Swiss Olympic No agli abusi sessuali nello sport Foto: Swiss Olympic 1 Programma Prevenzione - Intervento - Trattamento Esempi pratici per le direttive della SSS Estratto specifico per privati Le 8 misure di prevenzione

Dettagli

Legge sui consulenti in brevetti

Legge sui consulenti in brevetti (LCB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 95 della Costituzione federale 1, visto il messaggio del Consiglio federale del... 2 decreta: Sezione 1: Oggetto

Dettagli

823.20 Legge federale concernente condizioni lavorative e salariali minime per lavoratori distaccati in Svizzera e misure collaterali

823.20 Legge federale concernente condizioni lavorative e salariali minime per lavoratori distaccati in Svizzera e misure collaterali Legge federale concernente condizioni lavorative e salariali minime per lavoratori distaccati in Svizzera e misure collaterali (Legge federale sui lavoratori distaccati in Svizzera) dell 8 ottobre 1999

Dettagli

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Aspetti specifici della deontologia Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Programma Il segreto professionale, la testimonianza, l obbligo di denuncia/referto

Dettagli

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione di Orienta S.p.a del 15/12/2010 INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. VALORI ETICI 3 3. CRITERI DI CONDOTTA 3 4. COMPORTAMENTO SUL LUOGO DI LAVORO 6 5. CONFLITTTO

Dettagli

13.4081 Postulato Lehmann del 5 dicembre 2013 Continuazione del rapporto di lavoro dopo il raggiungimento dell età di pensionamento

13.4081 Postulato Lehmann del 5 dicembre 2013 Continuazione del rapporto di lavoro dopo il raggiungimento dell età di pensionamento Il Consiglio federale 13.4081 Postulato Lehmann del 5 dicembre 2013 Continuazione del rapporto di lavoro dopo il raggiungimento dell età di pensionamento Rapporto del 26 agosto 2015 Indice 1 Situazione

Dettagli

Consigliera di Fiducia

Consigliera di Fiducia Consigliera di Fiducia fonti normative, ruolo, competenze, facoltà - Codice di condotta nella lotta contro le molestie sessuali" Codice etico di Ateneo - costituzione dei CUG attività svolte La figura

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Legge federale sull Ufficio del difensore civico federale (Legge sul difensore civico, LDCiv)

Legge federale sull Ufficio del difensore civico federale (Legge sul difensore civico, LDCiv) Legge federale sull Ufficio del difensore civico federale (Legge sul difensore civico, LDCiv) Progetto preliminare del 4 luglio 2003 del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo

Dettagli

LEGISLAZIONE NEGLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D EUROPA IN MATERIA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE. Esempi di buone prassi LUSSEMBURGO

LEGISLAZIONE NEGLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D EUROPA IN MATERIA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE. Esempi di buone prassi LUSSEMBURGO LEGISLAZIONE NEGLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D EUROPA IN MATERIA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE Esempi di buone prassi LUSSEMBURGO Le informazioni sono state fornite dal Ministero della Promozione Femminile

Dettagli

CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR

CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR Aut. Min. Lav. 1118/SG del 26/11/04 INDICE 1.INTRODUZIONE 3 2.VALORI ETICI 3 3.CRITERI DI CONDOTTA 4 4 Relazioni con gli azionisti 4 Relazioni con interlocutori esterni

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA WHISTLEBLOWING POLICY

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA WHISTLEBLOWING POLICY PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA OGGETTO E SCOPO Oggetto della presente procedura è la segnalazione da parte dei dipendenti dell'azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi di illeciti

Dettagli

Procedura per la gestione della sicurezza per i reati contro la personalità individuale

Procedura per la gestione della sicurezza per i reati contro la personalità individuale Procedura per la gestione della sicurezza per i reati contro la personalità Approvato da: Funzione Cognome e Nome Data Firma per approvazione Presidente del CdA RSPP Soc. di consulenza Verificato da::

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3469 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MIGLIOLI Disposizioni per il contrasto della violenza fisica e della persecuzione psicologica

Dettagli

Calci nel cuore Abusi e violenze sulle donne

Calci nel cuore Abusi e violenze sulle donne Calci nel cuore Abusi e violenze sulle donne Lesina 17/12/2007 I problemi non sono disgiunti da quelli del resto dell umanit umanità La violenza si combatte con la volontà e l impegno di tutti Dove esista

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA Preambolo Istanbul, 11 maggio 2011 Gli Stati membri del Consiglio d

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13;

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13; Direzione generale Direzione centrale risorse umane Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza Circolare n. 64 Roma, 28 luglio 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Divergenza Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 23.08.2012 Decisioni del Consiglio nazionale del 14.06.2012 Legge federale

Dettagli

Codice disciplinare dirigenti

Codice disciplinare dirigenti Codice disciplinare dirigenti A. Norme di carattere generale 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, sono fissati i seguenti

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Circondario Tribunale di Napoli Ente Pubblico non Economico

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Circondario Tribunale di Napoli Ente Pubblico non Economico ARTICOLO 1 PRINCIPI E FINALITÀ 1. Tutti gli iscritti all Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Napoli (sigla ODCEC) hanno diritto ad un ambiente di lavoro sereno e favorevole alle relazioni

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA. per la tutela della dignità delle lavoratrici e dei lavoratori di ARPAL

CODICE DI CONDOTTA. per la tutela della dignità delle lavoratrici e dei lavoratori di ARPAL CODICE DI CONDOTTA per la tutela della dignità delle lavoratrici e dei lavoratori di ARPAL Sommario Art. 1 Ambito di applicazione... 2 Art. 2 Principi e finalità... 2 Art. 3 Definizioni... 3 Art. 4 Molestie

Dettagli

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano Regolamento di istituzione e funzionamento del Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora

Dettagli

Policy segnalazioni anomalie (Whistleblowing)

Policy segnalazioni anomalie (Whistleblowing) Policy segnalazioni anomalie Versione: 1.0 Data: Tipo documento: Policy Pagina 1 di 12 Titolo documento: Policy Segnalazioni anomalie Indice 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 EXECUTIVE SUMMARY... 3 1.2 GLOSSARIO...

Dettagli

Il benessere nella pubblica amministrazione Verona, 9 febbraio 2006. Laura Calafà,, Associata di diritto del lavoro nell Universit

Il benessere nella pubblica amministrazione Verona, 9 febbraio 2006. Laura Calafà,, Associata di diritto del lavoro nell Universit Il benessere nella pubblica amministrazione Verona, 9 febbraio 2006 Dal genere al benessere: presentazione di un laboratorio di ricerca e didattica su benessere e prevenzione fenomeni complessi (discriminazioni,

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY

WHISTLEBLOWING POLICY WHISTLEBLOWING POLICY Allegato C Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

VIOLENZA VIOLENZA DI GENERE

VIOLENZA VIOLENZA DI GENERE VIOLENZA Si intende un azione che reca un danno fisico o psicologico ad uno o più soggetti. Essa, quindi, non implica necessariamente ed esclusivamente un atto fisico (indurre un certo comportamento attraverso

Dettagli

Prevenzione della corruzione e «whistleblowing»

Prevenzione della corruzione e «whistleblowing» Prevenzione della corruzione e «whistleblowing» 1 Non chiudete gli occhi! Corruzione nell Amministrazione federale? Sebbene in Svizzera il tasso di corruzione nel settore pubblico sia basso o minimo, occorre

Dettagli

Rapporto esplicativo concernente l ordinanza sull organizzazione del Consiglio federale (OOrg-CF)

Rapporto esplicativo concernente l ordinanza sull organizzazione del Consiglio federale (OOrg-CF) Cancelleria federale CaF Rapporto esplicativo concernente l ordinanza sull organizzazione del Consiglio federale (OOrg-CF) Sezione 1: Collegio governativo Art. 1 Ordine di precedenza dei membri del Consiglio

Dettagli

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela Art. 1 Finalità, oggetto e natura dell istituto 1) L

Dettagli

Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi

Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi dovranno conformarsi sotto tutti gli aspetti al testo

Dettagli

Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge

Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge Informazioni sul tema del cybermobbing e relativo quadro giuridico Una pubblicazione della polizia e della Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro

Dettagli

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE DI ILLECITI O DI IRREGOLARITA. DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (C.D.

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE DI ILLECITI O DI IRREGOLARITA. DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (C.D. Pag. 1/6 PROCEDURA DI SEGNALAZIONE DI ILLECITI O DI IRREGOLARITA. DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (C.D. WHISTLEBLOWER). Premessa Capitolo I Procedure di segnalazione

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA' WHISTLEBLOWING POLICY

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA' WHISTLEBLOWING POLICY Pag. 1 di 7 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE. OGGETTO: procedura di segnalazione degli illeciti da parte del dipendente (cd. Whistleblower)

IL SEGRETARIO GENERALE. OGGETTO: procedura di segnalazione degli illeciti da parte del dipendente (cd. Whistleblower) IL SEGRETARIO GENERALE a tutto il personale dipendente p.c. Presidente della Provincia OGGETTO: procedura di segnalazione degli illeciti da parte del dipendente (cd. Whistleblower) L art. 1, comma 51,

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari (Legge sulle borse, LBVM) Modifica del 28 settembre 2012 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio

Dettagli

COME MISURARE LA VIOLENZA L indagine nazionale sulla sicurezza delle donne

COME MISURARE LA VIOLENZA L indagine nazionale sulla sicurezza delle donne t1 COME MISURARE LA VIOLENZA L indagine nazionale sulla sicurezza delle donne Roberta Barletta Ricercatrice ISTAT Diapositiva 1 t1 dimensioni altezza 0,7 larghezza 2,41 posizione 0,93-1,16 tabanell; 19/04/2006

Dettagli

Legge federale sull assicurazione contro gli infortuni

Legge federale sull assicurazione contro gli infortuni Decisioni del Consiglio degli Stati dell 8.9.2015 Proposta della Commissione del Consiglio nazionale del 9.9.2015: adesione Legge federale sull assicurazione contro gli infortuni (LAINF) (Organizzazione

Dettagli

Newsletter. Notiziario settimanale 17-23 aprile 2000. Marketing pubblicitario: viola la privacy l archivio non aggiornato

Newsletter. Notiziario settimanale 17-23 aprile 2000. Marketing pubblicitario: viola la privacy l archivio non aggiornato Newsletter Notiziario settimanale Marketing pubblicitario: viola la privacy l archivio non aggiornato Riccometro: il Garante chiede maggiore chiarezza su flussi di dati Controlli sui lavoratori che accedono

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Commissione di redazione del... Relatore / Relatrice:... Approvato dal Consiglio degli Stati il 20.12.2011 Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari (, LBVM) Disegno Modifica del L

Dettagli

Gruppo Helvetia. Codice di Compliance

Gruppo Helvetia. Codice di Compliance Gruppo Helvetia Codice di Compliance Care collaboratrici, cari collaboratori Helvetia vuole essere considerata un fornitore di servizi assicurativi e previdenziali affidabile e consapevole dell importanza

Dettagli

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico

Dettagli

1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla

1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla ART.95 CCNL SCUOLA -CODICE DISCIPLINARE (SOLO PERSONALE ATA) 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla gravità della mancanza ed in conformità di quanto

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Approvato dal Consiglio degli Stati il 20.12.2011 Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 27.04.2012 Legge federale sulle borse

Dettagli

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE . DEONTOLOGIA PROFESSIONALE Moderna definizione della DEONTOLOGIA Strumento di informazione e guida permanente nell esercizio professionale, diretto sin dalla preparazione universitaria a realizzare una

Dettagli

VICINI S.p.A. CODICE ETICO

VICINI S.p.A. CODICE ETICO VICINI S.p.A. CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. PRINCIPI DI RIFERIMENTO E NORME DI COMPORTAMENTO 4. EFFICACIA DEL CODICE ETICO E SUE VIOLAZIONI 1. PREMESSA Il presente Codice

Dettagli

Codice delle obbligazioni

Codice delle obbligazioni Decisioni del Consiglio degli Stati del 22.9.2014 Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 14.11.2014 (maggioranza: entrare in materia e rinvio al Consiglio federale; minoranza: non entrare

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING POLICY) CONTESTO NORMATIVO La Legge 190/2012 1 ha introdotto nel nostro ordinamento una misura, conosciuta nel mondo anglosassone

Dettagli

CODICE&ETICO& Versione(2.0(( Approvato(dal(CdA(del(21(luglio(2014(

CODICE&ETICO& Versione(2.0(( Approvato(dal(CdA(del(21(luglio(2014( CODICEETICO Versione2.0 ApprovatodalCdAdel21luglio2014 LETTERA AI COLLABORATORI WSWebScienceSrl)credecheipropriVALORIAZIENDALIdebbanoesserdaguidaedispirazionenellavita professionalequotidianadiognicollaboratore.

Dettagli

ESTRATTO TITOLO VII NORME COMPORTAMENTALI E DISCIPLINARI

ESTRATTO TITOLO VII NORME COMPORTAMENTALI E DISCIPLINARI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE SETTORI SOCIOASSISTENZIALE, SOCIO-SANITARIO ED EDUCATIVO UNEBA Unione Nazionale Istituzioni ed Iniziative di Assistenza Sociale ESTRATTO

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1119 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del deputato COSTA (V. stampato Camera n. 925) approvato dalla Camera dei deputati il 17 ottobre 2013 Trasmesso dal Presidente

Dettagli

POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING)

POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING) POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING) INDICE 1. Premessa 2. Scopo e ambito di applicazione 3. Definizioni 4. Riferimenti normativi 5. Governo della policy 6. Segnalazioni relative a presunte violazioni

Dettagli

363 Legge federale sull utilizzo di profili del DNA nel procedimento penale e per l identificazione di persone sconosciute o scomparse

363 Legge federale sull utilizzo di profili del DNA nel procedimento penale e per l identificazione di persone sconosciute o scomparse Legge federale sull utilizzo di profili del DNA nel procedimento penale e per l identificazione di persone sconosciute o scomparse (Legge sui profili del DNA) del 20 giugno 2003 (Stato 1 gennaio 2015)

Dettagli

Violenza contro le donne

Violenza contro le donne Violenza contro le donne La violenza contro le donne, in ogni sua forma, viola i diritti umani e rappresenta un ostacolo significante per l'eguaglianza fra donne e uomini, crea un problema di salute pubblica

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI O IRREGOLARITÀ E DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (WHISTLEBLOWING)

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI O IRREGOLARITÀ E DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (WHISTLEBLOWING) PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI O IRREGOLARITÀ E DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (WHISTLEBLOWING) Premessa La legge 190/2012, articolo 1 comma 51, ha introdotto

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

Legge federale sul trasporto di merci per ferrovia o idrovia

Legge federale sul trasporto di merci per ferrovia o idrovia Legge federale sul trasporto di merci per ferrovia o idrovia (Legge sul trasporto di merci, LTM) Avamprogetto del XX. xxx 2006 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 87

Dettagli

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA Gruppo Te.M.A. Territoriale Multidimensionale Abuso Il termine Abuso all Infanzia indica ogni forma di violenza fisica e psicologica ai danni

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa,

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa, Raccomandazione Rec (2012)5 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sul Codice Europeo di Etica per il personale penitenziario (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 aprile 2012 nel corso della

Dettagli

APPLICAZIONE DEL CODICE ETICO E DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI COMAG S.r.L.

APPLICAZIONE DEL CODICE ETICO E DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI COMAG S.r.L. APPLICAZIONE DEL CODICE ETICO E DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI COMAG S.r.L. E stata adottata una procedura gestionale delle segnalazioni ricevute dall Organismo di Vigilanza e sono

Dettagli

COS E L AUTOCERTIFICAZIONE

COS E L AUTOCERTIFICAZIONE COS E L AUTOCERTIFICAZIONE L ARTICOLO 46 DEL DPR N. 445/2000 CONSENTE AL SINGOLO CITTADINO DI POTERE CERTIFICARE UNA SERIE DI STATI, QUALITA PERSONALI E FATTI PUR IN ASSENZA DI DOCUMENTAZIONE ORIGINARIA

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 25 gennaio 2010, n. 5. pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 29 del 5 febbraio 2010. testo in vigore dal: 20-2-2010

DECRETO LEGISLATIVO 25 gennaio 2010, n. 5. pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 29 del 5 febbraio 2010. testo in vigore dal: 20-2-2010 DECRETO LEGISLATIVO 25 gennaio 2010, n. 5 Attuazione della direttiva 2006/54/CE relativa al principio delle pari opportunità e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e

Dettagli

PROCEDURA TUTELA DEL DIPENDENTE Che denuncia illeciti WHISTLEBLOWER- l informatore (NOVEMBRE 2014)

PROCEDURA TUTELA DEL DIPENDENTE Che denuncia illeciti WHISTLEBLOWER- l informatore (NOVEMBRE 2014) SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Dipartimento di Prevenzione S.C. Attività giuridico- amministrative del Dipartimento di Prevenzione e Trasparenza dei

Dettagli

CONVEGNO MOBBING: SENSIBILIZZAZIONE E PREVENZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO IN REGIONE VENETO

CONVEGNO MOBBING: SENSIBILIZZAZIONE E PREVENZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO IN REGIONE VENETO CONVEGNO MOBBING: SENSIBILIZZAZIONE E PREVENZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO IN REGIONE VENETO Spinea, 3 giugno 2010 IMPEGNO DEL COMITATO ANTI-MOBBING Sensibilizzare amministrazioni, dirigenti e dipendenti

Dettagli

I formatori sono tenuti a rispettare la salute della donna incinta, della madre e del bambino (permettendo brevi pause ed evitando lavori pesanti).

I formatori sono tenuti a rispettare la salute della donna incinta, della madre e del bambino (permettendo brevi pause ed evitando lavori pesanti). Promemoria 208 Gravidanza e maternità Una donna in formazione professionale di base che resta incinta o partorisce gode di una protezione legale particolare. Come formatori siete responsabili che tale

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ CONTESTO NORMATIVO La presente procedura disciplina le modalità di segnalazione degli illeciti nell ambito delle attività di prevenzione della corruzione

Dettagli

Direzione del Personale. Codice di buona condotta per la prevenzione delle discriminazioni

Direzione del Personale. Codice di buona condotta per la prevenzione delle discriminazioni Direzione del Personale Codice di buona condotta per la prevenzione delle discriminazioni CdA del 5 Luglio 2011 1 INDICE PREMESSA E PRINCIPI GENERALI pag. 3 Articolo 1 - Ambito di applicazione pag. 4 Articolo

Dettagli

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Azienda USL di Bologna e relative forme di

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Azienda USL di Bologna e relative forme di Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Azienda USL di Bologna e relative forme di tutela 1 PREMESSA ED ESEGESI DELL ART. 54-bis DEL D.LGS.

Dettagli

U.O. Gestione del Personale Pag. 1

U.O. Gestione del Personale Pag. 1 WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. Fonte normativa e natura dell istituto L art. 1, comma 51, della L. 190/2012 ha inserito nell ambito del Decreto Legislativo

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

Ordinanza sul collocamento in vista d adozione

Ordinanza sul collocamento in vista d adozione Ordinanza sul collocamento in vista d adozione (OCAdo) del 29 novembre 2002 Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 269c capoverso 3 del Codice civile 1 (CC); visto l articolo 26 della legge federale

Dettagli

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE 1.0 Missione Policart di Aquino G. & V. snc produce rotoli in carta ed etichette autoadesive per misuratori fiscali, calcolatrici, bilance e stampanti. 1.1 Il Codice Etico Aziendale Le responsabilità etiche

Dettagli

Legge federale sull attuazione dell Accordo FATCA tra la Svizzera e gli Stati Uniti (Legge FATCA)

Legge federale sull attuazione dell Accordo FATCA tra la Svizzera e gli Stati Uniti (Legge FATCA) Proposta della Commissione del Consiglio degli Stati del 27.8.2013: adesione Decisioni del Consiglio nazionale del 9.9.2013 Legge federale sull attuazione dell Accordo FATCA tra la Svizzera e gli Stati

Dettagli

4 ISTITUTO COMPRENSIVO V. BRANCATI Via Tafuri 96018 PACHINO (SR) - Tel. / Fax 0931/ 846101

4 ISTITUTO COMPRENSIVO V. BRANCATI Via Tafuri 96018 PACHINO (SR) - Tel. / Fax 0931/ 846101 4 ISTITUTO COMPRENSIVO V. BRANCATI Via Tafuri 96018 PACHINO (SR) - Tel. / Fax 0931/ 846101 Circ int. A tutto il personale Oggetto: Codice disciplinare (Art. 92 del CCNL, in S.O. n. 135 alla G.U. n. 188

Dettagli

Legge federale sull assicurazione contro gli infortuni

Legge federale sull assicurazione contro gli infortuni Decisioni del Consiglio nazionale del 4.6.2015 Legge federale sull assicurazione contro gli infortuni (LAINF) (Organizzazione e attività accessorie della Suva) Modifica del L Assemblea federale della Confederazione

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE NELLA NUOVA U.E. ALLARGATA: UN INTRODUZIONE

I DIRITTI DELLE DONNE NELLA NUOVA U.E. ALLARGATA: UN INTRODUZIONE Ente accreditato dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia per la formazione professionale Servizio di promozione europea della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia. Punto della Rete informativa per

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA n. 46.1/AD del 14 nov 2007 Procedura Tutela Legale del personale aziendale vittima di aggressioni

COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA n. 46.1/AD del 14 nov 2007 Procedura Tutela Legale del personale aziendale vittima di aggressioni COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA n. 46.1/AD del 14 nov 2007 Procedura Tutela Legale del personale aziendale vittima di aggressioni Con la presente Comunicazione Organizzativa vengono definite le modalità operative

Dettagli

ORDINE REGIONALE ASSISTENTI SOCIALI DELLA BASILICATA Potenza 14.12.2007 Aula Magna Università degli Studi della Basilicata

ORDINE REGIONALE ASSISTENTI SOCIALI DELLA BASILICATA Potenza 14.12.2007 Aula Magna Università degli Studi della Basilicata ORDINE REGIONALE ASSISTENTI SOCIALI DELLA BASILICATA Potenza 14.12.2007 Aula Magna Università degli Studi della Basilicata CONVEGNO Codice Deontologico: l Assistente Sociale tra dovere di segnalazione

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E RATIO DELL ISTITUTO L art. 54 bis 1, d.lgs. 165/2001, inserito dall art. 1, comma 51 della legge 190/2012

Dettagli

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING)

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING) PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING) 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge n. 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito un

Dettagli

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ ( WHISTLEBLOWING POLICY ) Disciplina della tutela del dipendente che segnala illeciti e/o irregolarità (c.d. whistleblower) Redatta da: Paolo Zanoni, Anna Teneggi Codice procedura: PG004 Approvata

Dettagli

MEDIOLANUM S.p.A. Codice Etico

MEDIOLANUM S.p.A. Codice Etico MEDIOLANUM S.p.A. Codice Etico INDICE PREMESSA... 5 CAPO I... 6 DISPOSIZIONI GENERALI... 6 Art. 1...6 Ambito di applicazione e Destinatari...6 Art. 2...6 Principi generali...6 Art. 3...7 Comunicazione...7

Dettagli