Incontro di presentazione dei servizi attivati. 30/01/2015 Ore Università per Stranieri Dante Alighieri Reggio Calabria

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Incontro di presentazione dei servizi attivati. 30/01/2015 Ore 16.00 18.00 Università per Stranieri Dante Alighieri Reggio Calabria"

Transcript

1 Incontro di presentazione dei servizi attivati 30/01/2015 Ore Università per Stranieri Dante Alighieri Reggio Calabria

2 L ambito del progetto Fondo FEI Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Azione 6 - "Mediazione sociale, linguistica ed interculturale - Annualità 2013 Avvio attività 08/09/2014 Conclusione attività 30/06/ /01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 2

3 Obiettivo del progetto promuovere l accesso ai servizi da parte degli immigrati attraverso la creazione di una rete di mediatori culturali e linguistici a supporto del personale sanitario e delle strutture pubbliche per l accesso all alloggio (Pronto soccorso e URP), permettendo agli stranieri la comprensione delle procedure 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 3

4 Obiettivi generali riduzione fenomeni discriminatori ed atteggiamenti di chiusura che possono provenire sia dalla società ospitante che dai cittadini stranieri; alimentare il dialogo interculturale coinvolgendo gli operatori sanitari nell ambito della cura e della tutela della salute fisico-psichica dei cittadini/e e delle famiglie straniere. 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 4

5 Obiettivi specifici attivare un servizio di mediazione presso le Aziende Sanitarie di Reggio Calabria e presso l URP del Comune Reggio Calabria; informare il cittadino straniero sull esistenza di servizi/risposte adeguate al suo bisogno, organizzando ed indirizzando presso i servizi la domanda avanzata dal cittadino; migliorare e rendere sistemica la comunicazione tra cittadini stranieri e operatori pubblici e sanitari; aiutare gli operatori sanitari nel dialogo con gli utenti stranieri, per migliorare l'efficacia della cura e superare le difficoltà di relazione; costruire un punto di promozione di prevenzione sanitaria; aumentare le opportunità di accesso agli alloggi; produzione di materiale cartaceo e multimediale multilingue di supporto per l URP e le strutture sanitarie. 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 5

6 Destinatari L'azione si rivolge in particolar modo a immigrati appartenenti a target vulnerabili quali donne, cittadini analfabeti nella lingua d origine e/o nella lingua Italiana L2, famiglie con minori, disabili, ecc. che, per i motivi più vari (difficoltà familiari, scarsa integrazione sociale, carenze linguistiche di base molto evidenti, etc.) non dispongono di adeguata informazione per l accesso a determinati servizi loro offerti e/o svolgimento di attività (in ambito socio-sanitario per l accesso a prestazioni sanitarie o per l accesso all alloggio) 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 6

7 Soggetti attuatori - Capofila Università per Stranieri Dante Alighieri Direzione delle attività progettuali Attività di Segreteria e Sportello Informativo Erogazione delle attività formative Mediazione linguistico-culturale Consulenza giuridica Servizi di traduzione e aggiornamento siti Web 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 7

8 Soggetti attuatori - Partner I.P.E. (Istituto per la Promozione Economica) Progettazione esecutiva dell Intervento Monitoraggio, Valutazione dell intervento Attività amministrativa di gestione e rendicontazione delle spese MO.C.I. (Movimento per la Cooperazione Internazionale) Mediazione linguistico-culturale PRO.ALTER 2000 (Progetti Alternativi 2000) Mediazione linguistico-culturale 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 8

9 Rete Territoriale Istituti Italiani di Cultura Società "Dante Alighieri Scuole e Università Associazioni di migranti Enti Locali Altri aderenti da individuare 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 9

10 Attività Mediazione Linguistico-culturale Sportello Informativo Formazione dei mediatori e degli operatori Consulenza socio-giuridica Produzione e/o traduzione di materiali specifici in formato elettronico e cartaceo Promozione degli interventi e diffusione dei risultati 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 10

11 Sportelli di Mediazione - 1 N. 3 sportelli di Mediazione linguistico-culturale con personale con competenze linguistiche nelle principali lingue straniere diffuse nel ns. territorio, che saranno attivati presso le seguenti strutture: ASP e Ospedale di Reggio Calabria per la facilitazione dei servizi sanitari; Comune di Reggio Calabria, ufficio URP, per la facilitazione all accesso dei servizi alloggiativi. Presenza media presso le strutture - almeno 2 volte a settimana 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 11

12 Sportelli di Mediazione - 2 Presso le strutture sanitarie i mediatori avranno il compito di porre a disposizione dei pazienti e del personale socio-sanitario le competenze necessarie per interpretare linguisticamente e culturalmente le esigenze dell utente/paziente al fine di restituire la risposta del personale mediando tra i due universi culturali Allo stesso modo presso il Comune i mediatori interverranno accompagnando gli utenti presso gli uffici addetti agendo da facilitatori nell accesso alle informazioni 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 12

13 Mediazione a chiamata 1 L'intervento si svolgerà anche su appuntamento o su chiamata nei casi di emergenza Nel primo caso il personale delle strutture coinvolte programmerà la presenza del mediatore culturale in relazione alle visite con utenti di origine straniera Nel secondo caso il personale richiederà l'intervento tempestivo del mediatore culturale più idoneo che agirà, se possibile, telefonicamente, oppure recandosi presso la struttura 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 13

14 Mediazione a chiamata 2 Inoltre, si renderà disponibile il servizio, con modalità su appuntamento, anche nei comuni della Provincia ad alta affluenza migratoria ove venga richiesto l intervento L intervento di mediazione a chiamata sarà accessibile sia dal sito istituzionale dell Università, sia attraverso un numero telefonico dedicato allo scopo L accesso a tale servizio sarà aperto alle amministrazioni già aderenti, sia quelli che all atto dell attivazione del progetto dichiareranno il proprio interesse 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 14

15 Sportello Informativo - 1 Sportello Informativo presso la sede dell Università per Stranieri Dante Alighieri Attivo dal 22/12/2014 Attività di informazione e presa incarico Tel. 0965/ /01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 15

16 Sportello Informativo /01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 16

17 Formazione dei mediatori - 1 Prima di attivare il servizio di mediazione verrà svolta una attività formativa sui temi della mediazione in ambito clinico considerando l approccio della medicina transculturale rivolta a tutti i mediatori e parte degli operatori coinvolti, con la definizione delle procedure e metodologie da seguire nell erogazione del servizio, anche al fine di implementare tali procedure nell ambito dei processi delle strutture destinatarie dell attività progettuale 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 17

18 Formazione dei mediatori - 2 Durata 40H N. 4 Docenti Universitari, n. 2 tutor Studenti dell Ateneo Discipline: Mediazione e Sensibilità Culturale Docente Prof.ssa Tiziana TARSIA (10H) La legislazione sull immigrazione e l accesso ai servizi sociosanitari Docente Prof.ssa Francesca PANUCCIO (10H) Psicologia delle relazioni interculturali Docente Prof. Pasquale ROMEO (10H) Problemi di comunicazione interculturale Docente Prof. Maria Silvia RATI (10H) 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 18

19 Consulenza socio-giuridica Tutte le volte che lo riterranno necessario, i mediatori e/o il personale addetto coinvolto attiveranno gli interventi di consulenza socio-legale, che verranno erogati previo appuntamento e con l intermediazione dello stesso mediatore 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 19

20 Produzione e/o traduzione di materiali specifici - 1 Contestualmente alle attività di intermediazione culturale, si procederà alla produzione (sia in forma elettronica che cartacea) e diffusione in più lingue di materiale di educazione sanitaria di prevenzione e tutela della salute per le comunità straniere, le donne immigrate e i loro bambini e sui servizi alloggiativi disponibili sul territorio Questa tipologia di intervento è volta a trasmettere informazioni esatte, complete e percorribili sui servizi e prestazioni a cui si può accedere 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 20

21 Produzione e/o traduzione di materiali specifici - 2 Inoltre si provvederà alla traduzione in più lingue della modulistica di uso più comune e di maggiore importanza (quali ad es. i moduli per prestare il consenso informato o le schede informative per la risonanza magnetica), in uso presso le strutture sanitarie e del Comune per l accesso all alloggio e li si renderà disponibili online per il download sia dal sito dell Università (dove verrà realizzata una apposita sezione per il progetto), sia sui siti degli enti per i quali è stata prodotta 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 21

22 Aspetti innovativi L apporto innovativo del presente progetto vuole essere nella realizzazione del materiale tradotto tenendo conto della sua fruibilità online con dispositivi diversi, quindi non solo Personal Computer ma anche smartphone e tablet Android, sistemi Apple e dalla libera condivisione attraverso il sito web verso le associazioni, Istituzioni e comunità di stranieri presenti sul territorio Tutto il materiale verrà rilasciato in maniera tale da poter essere facilmente riutilizzabile ed aggiornabile all occorrenza 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 22

23 Promozione degli interventi e diffusione dei risultati Seminario di informazione e promozione Sportello Informativo Rete territoriale Seminario finale di diffusione dei risultati Pubblicazione dei prodotti dell iniziativa Rete territoriale 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 23

24 Il gruppo di lavoro - 1 Dal punto di vista organizzativo le specifiche attività sono state svolte attraverso il coinvolgimento di diverse figure professionali, funzionali rispetto alle finalità del progetto N. 5 componenti del Comitato di Pilotaggio, rappresentanti del partenariato Indirizza e controlla lo svolgimento delle attività progettuali N. 1 Coordinatore Coordinamento dei componenti il gruppo di lavoro Gestisce le relazioni con i soggetti esterni 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 24

25 Il gruppo di lavoro - 2 N. 3 operatori per attività di Segreteria e Sportello Informativo Forniscono informazioni sui servizi disponibili Svolgono attività di segreteria N. 1 Addetto per Attività amministrativa di gestione delle spese Si occupa della gestione e rendicontazione delle spese Assicura la corretta gestione delle risorse assegnate, verificando i costi di acquisto di materiali e servizi 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 25

26 Il gruppo di lavoro - 3 N. 1 Addetto Progettazione esecutiva dell'intervento Si occupa della redazione della pianificazione delle attività progettuali e dei percorsi formativi N. 2 Addetti al Monitoraggio e Valutazione delle attività progettuali Svolgono attività di monitoraggio e valutazione delle attività progettuali predisponendo gli strumenti più opportuni per le indagini, curandone la somministrazione ed elaborando le valutazioni intermedie e finali 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 26

27 Il gruppo di lavoro - 4 N. 10 mediatori linguistico-culturali Svolgono attività di primo contatto con l immigrato agendo in qualità di facilitatori per agevolare l interazione fra immigrati ed autoctoni N. 1 Addetto Consulenza Giuridica Svolge attività di consulenza a immigrati su tematiche specifiche connesse alle azioni progettuali ed in particolare in materia di intermediazione immobiliare 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 27

28 Prodotti dell attività Nell ambito del progetto verranno realizzati diversi prodotti che verranno individuati nel corso dello svolgimento delle attività attraverso un accurata analisi dei bisogni dei Cittadini di Paesi Terzi che usufruiranno dei servizi offerti 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 28

29 Risultati attesi - 1 miglioramento delle conoscenze e dell utilizzo dei servizi disponibili sul territorio e prevenzione delle possibili discriminazioni nell accesso alle cure mediche ed ai servizi alloggiativi; miglioramento dell efficacia della comunicazione nella presa in carico tra paziente di origine straniera e personale medico; agevolazione nell accesso ai servizi sanitari di prevenzione delle malattie; sensibilizzazione rispetto all importanza della presa in carico della propria salute e quella della propria famiglia; 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 29

30 Risultati attesi - 2 miglioramento dell inclusione e del dialogo interculturale tra cittadini di origine straniera e la società di accoglienza attraverso l attivazione del servizio di mediazione interculturale, la traduzione, la stampa e diffusione del materiale informativo e della modulistica; incremento della consapevolezza in merito alle informazioni e ai diritti garantiti agli immigrati e alle loro famiglie; rafforzamento sul territorio della prevenzione sanitaria e della cura delle malattie più diffuse; 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 30

31 Risultati attesi - 3 libera condivisione attraverso il sito web dei materiali scaturiti dal progetto, verso le associazioni, Istituzioni e le comunità di stranieri presenti sul territorio e diffusione dei servizi offerti; intensificazione e stabilizzazione della rete di rapporti con le altre Associazioni e le Istituzioni del settore in favore dei migranti. 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 31

32 Indicatori di realizzazione Indicatore Valore atteso N. di cittadini di Paesi terzi che beneficiano degli interventi 2000 Iniziative attivate per promuovere l accesso ai servizi (sportelli informativi / mediaz. linguisticoculturale / informaz., accoglienza, orientamento) 4 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 32

33 Indicatori di risultato Indicatore Attori istituzionali e sociali mediamente coinvolti negli interventi, attraverso partenariati e altre forme di collaborazione Valore atteso Reti territoriali attivate a seguito della sottoscrizione di accordi, convenzioni, protocolli, etc Output realizzati (guide informative, brochure, video, prodotti delle campagne di comunicazione istituzionale) 10 N. di interventi di mediazione erogati 800 N. di interventi di mediazione su chiamata erogati 100 % di aderenti che hanno effettivamente utilizzato il servizio di mediazione a chiamata 75% 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 33

34 Sostenibilità futura - 1 L Università ha inteso garantire la prosecuzione delle attività mantenendo le strutture informative dei servizi resi per almeno tre anni dal termine delle attività finanziate, mantenendo on-line sul proprio sito Web tutte le informazioni ed i prodotti sviluppati nel corso delle attività progettuali, ed aggiornandole periodicamente anche con i dati che di volta in volta pervengono da chi ha usufruito delle attività progettuali Verrà quindi mantenuto on-line tutto il materiale multilingua prodotto (guide, opuscoli, modulistica, ecc.) sviluppati e/o tradotti nel corso dello svolgimento delle attività, aggiornandole in caso di variazioni 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 34

35 Sostenibilità futura - 2 Dunque, altri cittadini extracomunitari o altre strutture dislocati sul territorio regionale e nazionale potranno usufruire di tutto il materiale realizzato (scaricandolo autonomamente dal sito), permettendo ad un pubblico sempre più ampio di sfruttare l esperienza del progetto Il servizio di mediazione, che si formerà e si plasmerà anche in base alle esigenze che verranno riscontrate durante il progetto, potrà rimanere in funzione e disponibile ai servizi pubblici e privati anche dopo la fine del progetto, diventando un sevizio a pagamento e/o sostenendosi con fondi nazionali o regionali 30/01/2015 Progetto FEI 2013 PIU SERVIZI, MIGLIORI SERVIZI 35

36 Grazie per l attenzione Università per Stranieri Dante Alighieri Reggio Calabria

PROGETTO PETRARCA 2 CODICE PROGETTO: PROG-101927

PROGETTO PETRARCA 2 CODICE PROGETTO: PROG-101927 PROGETTO PETRARCA 2 CODICE PROGETTO: PROG-101927 FINANZIATO SUL FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DEI CITTADINI DI PAESI TERZI AVVISI REGIONALI 2007-2013 INFORMAZIONI GENERALI Soggetto capofila: Regione

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

SCHEDA PROGETTO SALUTE PROVINCIA DI CAGLIARI (21/04/2015)

SCHEDA PROGETTO SALUTE PROVINCIA DI CAGLIARI (21/04/2015) SCHEDA PROGETTO SALUTE PROVINCIA DI CAGLIARI (21/04/2015) Settore di intervento Area territoriale 1. Sistema dei servizi 2. Occupazione e formazione 3. Scuola e Istruzione 4. Casa/Alloggio 5. X Salute

Dettagli

Progetto S.O.S. Sociale ANTEAS SICILIA. segretariato sociale

Progetto S.O.S. Sociale ANTEAS SICILIA. segretariato sociale Progetto S.O.S. Sociale ANTEAS SICILIA sportelli orientati al segretariato sociale Presentazione a cura di Carlo Albanese 1 Obiettivi del progetto Rafforzare un servizio di segretariato sociale che mira

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

PROGETTO DI SINGOLA SCUOLA PROGETTO DI RETI DI SCUOLE PROGETTO IN RETE CON ALTRI SOGGETTI SCUOLA CAPOFILA DI RETE

PROGETTO DI SINGOLA SCUOLA PROGETTO DI RETI DI SCUOLE PROGETTO IN RETE CON ALTRI SOGGETTI SCUOLA CAPOFILA DI RETE PROGETTO n. 1: RETE CON LO SPORTELLO SCUOLA PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI DI VERDELLINO E CON GLI ENTI LOCALI DEL TERRITORIO (PIANO DI ZONA L.328/2000) A- PROGETTUALITÀ DELL ISTITUTO PROGETTO

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE CENTRO DI ALFABETIZZAZIONE IN ITALIANO L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria di II grado Scuola Secondaria di I grado Scuola

Dettagli

IL FUTURO COME VIAGGIO

IL FUTURO COME VIAGGIO IL FUTURO COME VIAGGIO Anno di realizzazione 2011 Finanziamento Cariverona Rete di progetto Coop. Kantara; Coop. Progetto Integrazione; Fondazione ISMU, Settore Formazione; Studio Res Corso di formazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INFORMAZIONE, ACCESSO E ACCOGLIENZA DELL UTENZA IMMIGRATA NEI SERVIZI TERRITORIALI DEL TERRITORIO DELLA VALDICHIANA SENESE

PROTOCOLLO DI INFORMAZIONE, ACCESSO E ACCOGLIENZA DELL UTENZA IMMIGRATA NEI SERVIZI TERRITORIALI DEL TERRITORIO DELLA VALDICHIANA SENESE PROTOCOLLO DI INFORMAZIONE, ACCESSO E ACCOGLIENZA DELL UTENZA IMMIGRATA NEI SERVIZI TERRITORIALI DEL TERRITORIO DELLA VALDICHIANA SENESE TRA Comune di Sinalunga Assessorati Servizi Sociali e Istruzione

Dettagli

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE 2015-2020 PREMESSA Il documento è stato inviato alle Associazioni

Dettagli

SEZIONE 1 ANAGRAFICA ISTITUZIONE SCOLASTICA e INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGETTO. Denominazione dell istituzione scolastica (per esteso):

SEZIONE 1 ANAGRAFICA ISTITUZIONE SCOLASTICA e INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGETTO. Denominazione dell istituzione scolastica (per esteso): SCHEDA di RILEVAZIONE per le ISTITUZIONI SCOLASTICHE Progetti finanziati dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione centrale istruzione, cultura, sport e pace Coordinamento degli interventi

Dettagli

Progetto IDENTITAS: Formazione agli operatori di Bilancio di Competenze

Progetto IDENTITAS: Formazione agli operatori di Bilancio di Competenze Progetto IDENTITAS: Formazione agli operatori di Bilancio di Competenze Provincia di Roma Anno 2005 Indice Il problema affrontato...3 Obiettivi attesi/risultati raggiunti...3 Soggetti coinvolti...3 Il

Dettagli

SCHOOL LAB. Azione 3. Progetto cofinanziato dal Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi -Annualità2013

SCHOOL LAB. Azione 3. Progetto cofinanziato dal Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi -Annualità2013 SCHOOL LAB Progetto cofinanziato dal Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi -Annualità2013 Azione 3 FEI Fondo Europeo per l Integrazione Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini

Dettagli

Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007-2013

Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007-2013 Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007-2013 SCHEDA DI MONITORAGGIO Beneficiario Titolo del Progetto COMUNE DI PERUGIA FOR PA UMBRIA- Formazione nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

ALLEGATO 1. Specifiche progettuali e modello di presentazione del progetto e budget

ALLEGATO 1. Specifiche progettuali e modello di presentazione del progetto e budget ALLEGATO 1 Specifiche progettuali e modello di presentazione del progetto e budget Progetti finalizzati ad azioni di accoglienza e di sostegno linguistico e psicologico per minori non accompagnati D.M.

Dettagli

Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007-2013

Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007-2013 Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007-2013 SCHEDA DI MONITORAGGIO Beneficiario Titolo del Progetto ANCI UMBRIA (Associazione Nazionale dei Comuni dell'umbria) EMP.A.T.I.C. EMPowerment

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER LA TOSCANA (d ora in avanti INAIL) con sede in Firenze, via Bufalini n. 7, rappresentato

Dettagli

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 1) DENOMINAZIONE DEL PROGETTO Mediazione interculturale nelle strutture ospedaliere dell Azienda USL 2) SOGGETTO PROPONENTE Azienda USL Valle d Aosta 2.1)

Dettagli

Asp Poveri Vergognosi capitolato lotto 7. ASP Città di Bologna Via Marsala n. 7 40126 Bologna AFFIDAMENTO SERVIZI SOCIALI

Asp Poveri Vergognosi capitolato lotto 7. ASP Città di Bologna Via Marsala n. 7 40126 Bologna AFFIDAMENTO SERVIZI SOCIALI ASP Città di Bologna Via Marsala n. 7 40126 Bologna AFFIDAMENTO SERVIZI SOCIALI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO sportello di intermediazione linguistico-culturale, di ascolto, orientamento e informazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO SANTARCANGELO DI ROMAGNA. IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura di Barbara Tosi

DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO SANTARCANGELO DI ROMAGNA. IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura di Barbara Tosi DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO SANTARCANGELO DI ROMAGNA IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura di Barbara Tosi PREMESSA L impegno che oggi è richiesto ad ogni cittadino della Terra,

Dettagli

ORIZZONTI SCUOLA CONSOLIDAMENTO DELLA RETE DONNA-LAVORO

ORIZZONTI SCUOLA CONSOLIDAMENTO DELLA RETE DONNA-LAVORO CONSOLIDAMENTO DELLA RETE DONNA-LAVORO Il Servizio Orientamento Scolastico e Professionale partecipa al progetto Consolidamento della RETE DONNA-LAVORO, allo scopo di migliorare la qualità occupazionale

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale 1 AREE DI INTERVENTO E PROGETTI 1. Azioni di sistema Formazione Coordinamento e monitoraggio Trasporti 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità Moduli respiro 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 15 2. TITOLO AZIONE Mediazione linguistica 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE Prof. Federico VILARDO La Funzione Strumentale Area 6 si pone come OBIETTIVO GENERALE quello di migliorare

Dettagli

PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA

PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE DI II GRADO PER LA REALIZZAZIONE E QUALIFICAZIONE

Dettagli

I.C.S. QUASIMODO - LOCATELLI. Progetto didattico per accesso ai fondi

I.C.S. QUASIMODO - LOCATELLI. Progetto didattico per accesso ai fondi Progetto didattico per accesso ai fondi!1 TITOLO Laboratori mobili per l apprendimento. DESCRIZIONE Grazie a questo progetto sarà possibile trasformare l ambiente di apprendimento e potenziare, grazie

Dettagli

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO FINALIZZATO ALL' INDIVIDUAZIONE DI UN LUOGO IN CUI PROMUOVERE SCAMBI CULTURALI E PROCESSI DI INCLUSIONE E RELAZIONE

Dettagli

PROGETTI DI INTERESSE REGIONALE 2014. di cui al punto 4.3.4 lett. a) e b) Obiettivo generale 5 Asse 3 Educazione alla cittadinanza globale

PROGETTI DI INTERESSE REGIONALE 2014. di cui al punto 4.3.4 lett. a) e b) Obiettivo generale 5 Asse 3 Educazione alla cittadinanza globale ALLEGATO B Regione Toscana Direzione generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali D.C.R. n. 26 del 04/04/2012 Piano Integrato delle attività internazionali PROGETTI DI INTERESSE REGIONALE

Dettagli

Il Programma settoriale LEONARDO DA VINCI Principi generali e Azioni previste

Il Programma settoriale LEONARDO DA VINCI Principi generali e Azioni previste Slide 1 Il Programma settoriale LEONARDO DA VINCI Principi generali e Azioni previste Slide 2 Obiettivi specifici A. Sostenere coloro che partecipano ad attività di formazione e formazione continua nell

Dettagli

PROGETTO RE.CA. - RETI CAPACI

PROGETTO RE.CA. - RETI CAPACI PROGETTO RE.CA. - RETI CAPACI "Sistema di Giustizia Minorile Child Friendly" CUP J89B14000720007 CIG 57813221D7 Fondo Europeo per l'integrazione dei cittadini di Paesi terzi 2007-2013 Annualità 2013 Azione

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Direzione Didattica Statale di Caluso. Protocollo d accoglienza per alunni stranieri.

Direzione Didattica Statale di Caluso. Protocollo d accoglienza per alunni stranieri. Direzione Didattica Statale di Caluso Protocollo d accoglienza per alunni stranieri. 1 Indice Premessa Finalità Contenuti Prima fase di accoglienza : - domanda di iscrizione; - compiti della segreteria.

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione From the Lifelong Learnig Programme to Erasmus for All Investing in high quality education and training Istituto di Istruzione Superiore Crescenzi Pacinotti di Bologna 24 maggio 2013 Il contributo del

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016 Bisogni 1 Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione 4 Riflettere sugli esiti degli apprendimenti, sulla valutazione e certificazione

Dettagli

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo)

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo) Legge regionale 12 giugno 2009, n. 18 Accoglienza dei richiedenti Asilo, dei rifugiati e sviluppo sociale, economico e culturale delle Comunità locali. (BUR n. 11 del 16 giugno 2009, supplemento straordinario

Dettagli

MILLEVOCI CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E LABORATORIO PER UN EDUCAZIONE INTERCULTURALE. La sfida di un progetto operativo interistituzionale

MILLEVOCI CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E LABORATORIO PER UN EDUCAZIONE INTERCULTURALE. La sfida di un progetto operativo interistituzionale MILLEVOCI CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E LABORATORIO PER UN EDUCAZIONE INTERCULTURALE La sfida di un progetto operativo interistituzionale CHI SIAMO Il Centro Interculturale Millevoci è una risorsa che opera

Dettagli

Comune di Sondrio. Si assiste inoltre ad una maggior richiesta di accesso alla scuola secondaria di secondo grado da parte degli alunni disabili.

Comune di Sondrio. Si assiste inoltre ad una maggior richiesta di accesso alla scuola secondaria di secondo grado da parte degli alunni disabili. Comune di Sondrio LINEE GUIDA PER LA SPERIMENTAZIONE del coordinamento territoriale per l integrazione dei servizi a favore dell inclusione scolastica degli alunni con disabilità PREMESSA Il Comune di

Dettagli

Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014

Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014 Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione Divisione II Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014 A cura della

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

GLI IMMIGRATI IN PROVINCIA DI CREMONA Contesto, azioni, progetti

GLI IMMIGRATI IN PROVINCIA DI CREMONA Contesto, azioni, progetti Convenzione di Sovvenzione n. 2011/FEI/PROG-100781 CUP B53I12000030003 GLI IMMIGRATI IN PROVINCIA DI CREMONA Contesto, azioni, progetti CORRELARE: partnership ed esiti del progetto Rosita Viola Provincia

Dettagli

AGCI Solidarietà Nazionale NeWS Immigrazione. N.2 del 6 Febbraio 2012. Secondo Numero

AGCI Solidarietà Nazionale NeWS Immigrazione. N.2 del 6 Febbraio 2012. Secondo Numero AGCI Solidarietà Nazionale NeWS Immigrazione N.2 del 6 Febbraio 2012 Informativa su bandi e finanziamenti europei, nazionali e regionali Secondo Numero Bandi nazionali 1. Ministero dell Interno Dipartimento

Dettagli

Seminario informativo sulle modalità di gestione della piattaforma informativa in favore degli sportellisti e mediatori culturali (durata 12 ore).

Seminario informativo sulle modalità di gestione della piattaforma informativa in favore degli sportellisti e mediatori culturali (durata 12 ore). Re.T.I. Reti territoriali informative per l integrazione FEI 2013 Azione 5 PROG -106412 Seminario informativo sulle modalità di gestione della piattaforma informativa in favore degli sportellisti e mediatori

Dettagli

SCHEDE INTERVENTI ANNO 2011

SCHEDE INTERVENTI ANNO 2011 Pablo Picasso Donna allo specchio Piano di zona AREA IMMIGRAZIONE SCHEDE INTERVENTI ANNO 2011 Triage Multimediale Potenziamento Immigrazione - Altro intervento Il triade multimediale è un collegamento

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo Rev.1 del 30 maggio 2013 Il modello organizzativo INDICE 1. Premessa 2. Missione 3. Sistema di responsabilità 4. Mappa dei processi 5. Mansionario 1. Premessa Un laboratorio congiunto di ricerca sui temi

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

Contatto Provincia CPI Visita congiunta CPI / SIL in azienda. sensibilizzazione e di promozione del progetto,

Contatto Provincia CPI Visita congiunta CPI / SIL in azienda. sensibilizzazione e di promozione del progetto, ! "#$%&'()(&&*&"+" Il progetto prevedeva la formazione dei job coach, operatori che svolgono la funzione di mediazione e accompagnamento dei soggetti svantaggiati nel percorso di integrazione lavorativa.

Dettagli

MASTER IN RICONOSCIUTO DAL FORUM DELLE FAMIGLIE EUROPEE

MASTER IN RICONOSCIUTO DAL FORUM DELLE FAMIGLIE EUROPEE MASTER IN Adeguato agli standard definiti dal Forum Europeo di Formazione e Ricerca in Mediazione Familiare e del Forum Europeo dell Integrazione Interculturale DENOMINAZIONE MEDIATORE INTERCULTURALE DESCRIZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016 Ufficio Immigrazione Caritas Italiana Promotore Caritas Italiana Soggetti coinvolti Caritas italiana promuove il progetto nazionale coordinando il monitoraggio delle attività

Dettagli

Dipartimento. Palermo Libertà Civili e. regionale del l Immigrazione. Lavoro

Dipartimento. Palermo Libertà Civili e. regionale del l Immigrazione. Lavoro Progetto co-finanziato dall Unione Europea Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Ministero dell Interno Regione Siciliana Provincia Regionale di Dipartimento per le Dipartimento

Dettagli

Bando per il finanziamento di interventi relativi all Ambito 4 - Servizi territoriali, Azione 4.1 Piani territoriali, del Programma Immigrazione 2015.

Bando per il finanziamento di interventi relativi all Ambito 4 - Servizi territoriali, Azione 4.1 Piani territoriali, del Programma Immigrazione 2015. ALLEGATO A (vers. 02) Bando per il finanziamento di interventi relativi all Ambito 4 - Servizi territoriali, Azione 4.1 Piani territoriali, del Programma Immigrazione 2015. Art. 1 finalità e destinatari

Dettagli

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità Attuazione del Programma regionale per la promozione e tutela dei diritti, la protezione e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva e il sostegno alla genitorialità ai sensi della Legge regionale n. 14/08

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

Progetto regionale CONOSCERE PER PREVENIRE Prevenzione dell interruzione volontaria di gravidanza (IVG) e delle mutilazione genitali femminili (MGF) fra le donne immigrate. ATTIVITA 2009 ASSOCIAZIONE NOSOTRAS

Dettagli

Manuale del sistema di gestione U.O. FUNZIONE PROGETTUALE DEDICATA ALLA GESTIONE DELLE EMERGENZE IN AMBITO SANITARIO

Manuale del sistema di gestione U.O. FUNZIONE PROGETTUALE DEDICATA ALLA GESTIONE DELLE EMERGENZE IN AMBITO SANITARIO Manuale del sistema di gestione U.O. FUNZIONE PROGETTUALE DEDICATA ALLA GESTIONE DELLE EMERGENZE IN AMBITO SANITARIO Documento: GEN-ESP-MG-Strutturaattività-00 Data modifica: 12/02/2008 Data stamp:04.06.2008

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 1 1. Chi siamo 2. La carta dei servizi 3. A chi ci rivolgiamo 4. I nostri servizi 5. Modalità di accesso 6. Attuazione e controllo 7. Dove siamo 2 1. CHI SIAMO C.C.S. è

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 4.3.2 Titolo Azione

Dettagli

La partnership e il nucleo del team progettuale

La partnership e il nucleo del team progettuale PROGRAM DAPHNE III " Tripudium - WOMAN IN THE DANCE OF EUROPEAN CULTURE " ****** La partnership e il nucleo del team progettuale Il progetto prevede: Costruzione di una rete stabile e sinergica livello

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIREZIONE GENERALE PER LO STUDENTE Ufficio III Prot.461/A3 Roma 06-02 - 2004

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIREZIONE GENERALE PER LO STUDENTE Ufficio III Prot.461/A3 Roma 06-02 - 2004 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIREZIONE GENERALE PER LO STUDENTE Ufficio III Prot.461/A3 Roma 06-02 - 2004 - Ai DIRETTORI SCOLASTICI REGIONALI Loro sedi - Ai componenti FORUM

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Ridurre la vulnerabilità alle malattie sessualmente trasmesse, con

Dettagli

PROGETTO VIVERE IN ITALIA. L ITALIANO PER IL LAVORO E LA CITTADINANZA QUARTA EDIZIONE (2014 2015) PROG 106530 CUPE86G13004820007

PROGETTO VIVERE IN ITALIA. L ITALIANO PER IL LAVORO E LA CITTADINANZA QUARTA EDIZIONE (2014 2015) PROG 106530 CUPE86G13004820007 PROGETTO VIVERE IN ITALIA. L ITALIANO PER IL LAVORO E LA CITTADINANZA QUARTA EDIZIONE (2014 2015) PROG 106530 CUPE86G13004820007 AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI COLLABORATORI Nell ambito del progetto

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Francesco D Este MASSA LOMBARDA (RA) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA è un documento che viene deliberato

Dettagli

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati)

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) PROVINCIA DI LATINA SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) Ai sensi della Deliberazione di Giunta Regionale n. 792 del 31

Dettagli

P I A N O DI M O N I T O R A G G I O

P I A N O DI M O N I T O R A G G I O P I A N O DI M O N I T O R A G G I O Premessa Il progetto di supporto e accompagnamento alle azioni della Campagna Straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza

Dettagli

LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO

LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO ALLEGATO A LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO 1) I servizi finanziati I beneficiari dei servizi finanziati con il

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione consiliare

Dettagli

Centro Servizi Stranieri

Centro Servizi Stranieri Centro Servizi Stranieri Cittadini stranieri e italiani Servizi, enti, istituzioni, associazioni, gruppi che operano nell ambito dell immigrazione Informazione sulla normativa in tema di immigrazione Supporto

Dettagli

Progetto Take Easy I partner del progetto CITTÀ DI TORINO ASL TO2 ASL TO4 UNIVERSITA DI TORINO CIPES PIEMONTE Gli aderenti al progetto COMUNE DI CHIVASSO COMUNE DI SETTIMO ASGI (Associazione per gli Studi

Dettagli

CONVENZIONE tra UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL MOLISE. Centro Linguistico di Ateneo (Centro di servizi per la didattica e la ricerca)

CONVENZIONE tra UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL MOLISE. Centro Linguistico di Ateneo (Centro di servizi per la didattica e la ricerca) CONVENZIONE tra UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL MOLISE Centro Linguistico di Ateneo (Centro di servizi per la didattica e la ricerca) e SOCIETA DANTE ALIGHIERI Comitato di Campobasso VISTA la legge 9 maggio

Dettagli

ISIS E. STEIN GAVIRATE A.S. 2007/2008 PROGETTO ACCOGLIENZA E SOSTEGNO PRESENZA STUDENTI STRANIERI IN ISTITUTO

ISIS E. STEIN GAVIRATE A.S. 2007/2008 PROGETTO ACCOGLIENZA E SOSTEGNO PRESENZA STUDENTI STRANIERI IN ISTITUTO ISIS E. STEIN GAVIRATE A.S. 2007/2008 PROGETTO ACCOGLIENZA E SOSTEGNO PRESENZA STUDENTI STRANIERI IN ISTITUTO Premessa Analisi dei bisogni A tutt oggi al nostro istituto risultano iscritti complessivamente

Dettagli

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI A.S. 2014/2015 AREA 1. REVISIONE E GESTIONE DEL POF REVISIONE E GESTIONE DEL POF ATTIVITA INTERNE PER IL POTENZIAMENTO E AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AREA 2. SERVIZI AL PERSONALE DOCENTE GESTIONE

Dettagli

REGIONE PUGLIA Servizio Formazione professionale Via Corigliano 1 - Zona Industriale - BARI

REGIONE PUGLIA Servizio Formazione professionale Via Corigliano 1 - Zona Industriale - BARI Allegato 2 REGIONE PUGLIA Servizio Formazione professionale Via Corigliano 1 - Zona Industriale - BARI FORMULARIO Avviso n. 7/2012 DIRITTI A SCUOLA Denominazione progetto DIRITTI A SCUOLA TIPO B finalizzato

Dettagli

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI NELLA SCUOLA

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI NELLA SCUOLA PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI NELLA SCUOLA RETE INTERDISTRETTUALE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE VENEZIA ORIENTALE ANNO SCOLASTICO 2008 2009 LINEE GUIDA PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA Una scuola

Dettagli

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE Il Centro per la formazione continua e l aggiornamento del personale insegnante cura iniziative

Dettagli

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della Qualità Direzione Generale della Programmazione Sanitaria, dei Livelli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GRAZIANO DA CHIUSI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. Che cosa è il protocollo di accoglienza?

ISTITUTO COMPRENSIVO GRAZIANO DA CHIUSI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. Che cosa è il protocollo di accoglienza? ISTITUTO COMPRENSIVO GRAZIANO DA CHIUSI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Che cosa è il protocollo di accoglienza? E un documento deliberato dal Collegio dei Docenti, quale strumento per l attuazione del D.P.R.

Dettagli

Progetto scuole in aree a forte processo immigratorio a.s. 2011/12

Progetto scuole in aree a forte processo immigratorio a.s. 2011/12 : E VALUTAZIONE PREVISIONE DI PES SPESA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ist. Sec. di I Grado VIA VOLTA VIA BATTISTI Via Volta,13-20093 Cologno (MI) Tel. 0225492649-022543060

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO

PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO Direzione Servizi agli Studenti Ufficio Orientamento allo Studio www.orientamento.unimore.it PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO Il Progetto Orientamento di Ateneo (P.O.A.) dell Università degli studi di Modena

Dettagli

Piano di Zona 2010-2012

Piano di Zona 2010-2012 AREA IMMIGRATI CODICE - I - COD. AZIONE PAG I - 01 Centri di accoglienza FAMIGLIA AMICA e VIVERE LA VITA per richiedenti Asilo Politico 235 I - 02 SENTIERI DI SPERANZA - Servizio di pronta accoglienza

Dettagli

PROGETTUALITA DELL ISTITUTO PROGETTO P14: PRONTA ACCOGLIENZA PER I MINORI STRANIERI DELL I.C.

PROGETTUALITA DELL ISTITUTO PROGETTO P14: PRONTA ACCOGLIENZA PER I MINORI STRANIERI DELL I.C. PROGETTUALITA DELL ISTITUTO PROGETTO P14: PRONTA ACCOGLIENZA PER I MINORI STRANIERI DELL I.C. PROGETTO DI SINGOLA SCUOLA X NO PROGETTO IN RETE CON SCUOLE E ALTRI SOGGETTI X NO (per le attività collegate

Dettagli

Women In Development UN MODELLO EUROPEO PER LO SVILUPPO LOCALE GENDER ORIENTED PIANO DI COMUNICAZIONE

Women In Development UN MODELLO EUROPEO PER LO SVILUPPO LOCALE GENDER ORIENTED PIANO DI COMUNICAZIONE Women In Development UN MODELLO EUROPEO PER LO SVILUPPO LOCALE GENDER ORIENTED PIANO DI COMUNICAZIONE Introduzione Il progetto W.In D. (Women In Development) si inserisce nelle attività previste e finanziate

Dettagli

cooperazione e sviluppo locale via Borgosesia, 30 10145 Torino tel. 011.74.12.435 fax 011.77.10.964 cicsene@cicsene.org www.cicsene.

cooperazione e sviluppo locale via Borgosesia, 30 10145 Torino tel. 011.74.12.435 fax 011.77.10.964 cicsene@cicsene.org www.cicsene. cooperazione e sviluppo locale via Borgosesia, 30 10145 Torino tel. 011.74.12.435 fax 011.77.10.964 cicsene@cicsene.org www.cicsene.org cooperazione e sviluppo locale progetto CASA tecniche urbane percorsi

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI INDICE: PREMESSA 1. FINALITA 2. CONTENUTI 3. LA COMMISSIONE ACCOGLIENZA 4. PRIMA FASE DI ACCOGLIENZA

Dettagli

Programma Vinci Bando 2013

Programma Vinci Bando 2013 Programma Vinci Bando 2013 Apertura della procedura di registrazione online: 14/1/2013 Termine per la registrazione online della candidatura: 4/03/2013 (ore 12.00 ) Termine per l invio della documentazione

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015

PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015 AREA SERVIZI ALLO STUDENTE Divisione Orientamento e Diritto allo Studio Ufficio Orientamento e Tutorato PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015 Tutte

Dettagli