Testo Unico del Programma Nazionale I.O.M.M.P.T. Italian Orthopaedic Manual & Manipulative Physical Therapists

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Testo Unico del Programma Nazionale I.O.M.M.P.T. Italian Orthopaedic Manual & Manipulative Physical Therapists"

Transcript

1 Testo Unico del Programma Nazionale I.O.M.M.P.T. Italian Orthopaedic Manual & Manipulative Physical Therapists A cura del Con.S.F.O. Consiglio Superiore dei Fisioterapisti Ortokinetici GSTM Ma.It.Group Manual Therapy Gruppo OMT Italia Versione 2.0 Settembre 2011

2 Sommario 1 IL PROGRAMMA I.O.M.M.P.T COSA SIGNIFICA PROGRAMMA IOMMPT A CHI SI RIVOLGE IL PROGRAMMA? QUALI SONO GLI OBIETTIVI DEL PROGRAMMA? Dare più valore alla competenza in TM Dare più visibilità ai Fisioterapisti specializzati in TM Mettere ordine nella proposta formativa in TM CHI PROMUOVE IL PROGRAMMA IOMMPT? Una associazione di secondo livello Attuale composizione dell Associazione LA SPECIALIZZAZIONE IN TERAPIA MANUALE COSA INTENDIAMO PER TERAPIA MANUALE? Il riferimento Internazionale TM e Fisioterapia Neuro-Muscolo-Scheletrica (FTNMS) COSA INTENDIAMO PER SPECIALIZZAZIONE? La Terapia Manuale è una specializzazione della Fisioterapia I contenuti della specializzazione in TM Educational Standards, percorsi formativi e specializzazione COME SI RAGGIUNGE ATTUALMENTE LA FORMAZIONE SPECIALISTICA? La specializzazione in ambito medico Gli attuali riconoscimenti formativi specialistici Le proposte formative in Terapia Manuale esistenti LA FORMAZIONE POST-LAUREA IN ITALIA L OBBLIGO DELL EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) Differenza tra le proposte formative esistenti I costi dell ECM Disorganicità della formazione in TM Terapia Manuale e Osteopatia ALTA FORMAZIONE E BASSO IMPATTO SOCIALE" LA STRATEGIA DEL PROGRAMMA IOMMPT IL RICONOSCIMENTO DELLA FORMAZIONE IN TERAPIA MANUALE DEL FISIOTERAPISTA QUALE SPECIALIZZAZIONE...15 ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 2

3 4.1.1 Una risposta ad esigenze sociali emergenti Un riconoscimento associativo della formazione specialistica Qualifica professionale e riconoscimento associativo LA DENOMINAZIONE DEL FISIOTERAPISTA SPECIALIZZATO IN TM E FT-NMS Un nuovo nome La genesi e il significato del nome Una denominazione per il contesto nazionale Estensione della denominazione alla disciplina Assegnazione della denominazione e della qualifica RIORDINARE E FINALIZZARE LA FORMAZIONE CONTINUA Mettere le basi per una vera formazione specialistica Creare convergenza nella formazione post-laurea esistente CREARE STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEI PERCORSI FORMATIVI ESISTENTI Mappa dei contenuti formativi Mappa delle proposte formative Valutazione dei curricula formativi e pianificazione della formazione SCELTE OPERATIVE DEL PROGRAMMA IOMMPT IL CONSIGLIO NAZIONALE SUPERIORE DEI FISIOTERAPISTI ORTOKINETICI TM Il gruppo preparatorio del CONSFO Aderire al programma e al CONSFO Associazione di secondo livello e Associazioni di primo livello IL PROGETTO FORMATIVO PER LA SPECIALIZZAZIONE IN FT NMS La mappa dei contenuti La mappa delle proposte Interferenza con le attività di formazione esistenti Comunicazione dell avvenuto accreditamento delle proposte formative Nuove opportunità formative Prospettive del progetto formativo LA PROVA NAZIONALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA QUALIFICA ASSOCIATIVA L'accesso all'esame L'esame nazionale LA PROMOZIONE DELLA FIGURA DEL FISIOTERAPISTA ORTOKINETICO TM...28 ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 3

4 ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 4

5 1 IL PROGRAMMA I.O.M.M.P.T. 1.1 COSA SIGNIFICA PROGRAMMA IOMMPT L'acronimo IOMMPT sta per ITALIAN ORTHOPAEDIC MANUAL & MANIPULATIVE PHY- SIOTHERAPISTS. E una sigla provvisoriamente utilizzata per identificare il contesto e l oggetto del programma: ITALIAN è l'aggettivo che identifica l'italia, quale contesto professionale e socioeconomico di riferimento e di azione. ORTHOPAEDIC MANUAL & MANIPULATIVE PHYSIOTHERAPISTS : si prende a prestito una delle molteplici denominazioni internazionali utilizzate per rappresentare la figura professionale con una specifica formazione in Terapia Manuale (TM), che è al centro del programma. 1.2 A CHI SI RIVOLGE IL PROGRAMMA? Il programma IOMMPT si rivolge a tutti i Fisioterapisti Italiani che hanno raggiunto un livello elevato di formazione e abilità clinica nell'ambito della TM come intesa dall'international Federation of Orthopaedic Manipulative Physical Therapists (IFOMPT), nonché a tutti coloro che hanno intrapreso o intendono intraprendere un percorso formativo così orientato. 1.3 QUALI SONO GLI OBIETTIVI DEL PROGRAMMA? Dare più valore alla competenza in TM Il programma IOMMPT si propone di valorizzare il livello di competenza conseguito da fisioterapisti con elevato livello di formazione nell ambito delle discipline inerenti la Terapia Manuale Ortopedica (TM), intesa come una forma di specializzazione professionale, dotata di una propria metodologia e di procedure cliniche specifiche e distinte da quelle di altre figure operanti nel medesimo ambito Dare più visibilità ai Fisioterapisti specializzati in TM Il programma IOMMPT è orientato a creare le condizioni affinché la figura del Fisioterapista specializzato in TM possa avere un più alto impatto sociale, proporzionato al livello di competenza e alle capacità cliniche conseguite. A tale scopo, ritiene fondamentale individuare una nuova denominazione del professionista, in grado di renderlo riconoscibile inequivocabilmente nel panorama socioeconomico e sanitario nazionale. ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 5

6 1.3.3 Mettere ordine nella proposta formativa in TM Il programma IOMMPT si propone di creare strumenti operativi utili a coordinare e organizzare le proposte di formazione post-laurea dell'area specifica della TM, in un progetto organico per contenuti e approccio clinico, in grado di assicurare una formazione specialistica garantita, riconoscibile e riconosciuta. 1.4 CHI PROMUOVE IL PROGRAMMA IOMMPT? Una Associazione di Secondo Livello Il programma IOMMPT è promosso da Gruppi e Associazioni di Fisioterapisti organizzati a vario titolo, che si propongono di dare vita ad una associazione di secondo livello (Associazione o Federazione di Associazioni di primo livello) che esprima un Consiglio Nazionale Superiore, quale organo di garanzia e di promozione dello status di esperto e specializzato (vedi successivamente) del Fisioterapista con formazione avanzata in TM Attuale composizione dell Associazione In attesa e nella prospettiva di costituire una vera e propria forma associativa, il programma è attualmente guidato da un Gruppo Preparatorio che si è assunto il ruolo di Consiglio Nazionale Superiore (CoNS) e che vede la compresenza del GSTM (Gruppo di Studio della Terapia Manuale, ideatore e promotore dell'iniziativa), del Gruppo OMT-Italia, del Ma.It.Group Manual Therapy. Il Consiglio è attualmente composto da un Coordinatore e da 2 membri per ogni gruppo aderente. ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 6

7 2 LA SPECIALIZZAZIONE IN TERAPIA MANUALE 2.1 COSA INTENDIAMO PER TERAPIA MANUALE? Il riferimento Internazionale Il programma IOMMPT assume la definizione di TM propria della IFOMPT (Cape Town, marzo 2004): La Terapia Manuale Ortopedica è una specializzazione della fisioterapia per la gestione delle condizioni neuro-muscolo-scheletriche, basata sul ragionamento clinico e che usa approcci terapeutici altamente specifici incluso tecniche manuali ed esercizi terapeutici. La Terapia Manuale Ortopedica comprende ed è guidata dall evidenza scientifica e clinica e dal quadro bio-psico-sociale di ogni singolo paziente. L obiettivo principale della Terapia Manuale Ortopedica è di ripristinare la funzione massimale e indolore del sistema neuro-muscolo-articolare TM e Fisioterapia Neuro-Muscolo-Scheletrica (FTNMS) Il concetto esteso di TM rappresenta un grande contenitore in continuo sviluppo, fatto di discipline, approcci clinici, produzione di evidenze e di informazione scientifica, che si possono ormai concepire come un sapere multidisciplinare e multidimensionale cresciuto attorno al paradigma del movimento, proprio della fisioterapia. Il contesto bio-psico-sociale della salute e la multidimensionalità dell'approccio terapeutico e riabilitativo di questa figura professionale, hanno portato allo sviluppo del concetto di Fisioterapia Neuro-Muscolo-Scheletrica (FTNMS), che include e supera quello, più comune, di Terapia Manuale, che, nel senso stretto, rappresenta un aspetto parziale e non esaustivo della disciplina. Il programma IOMMPT assume entrambe le terminologie e intende promuovere l identit{ di un professionista specializzato in Terapia Manuale e Fisioterapia Neuro-Muscolo- Scheletrica (TM - FTNMS). 2.2 COSA INTENDIAMO PER SPECIALIZZAZIONE? La Terapia Manuale è una specializzazione della Fisioterapia L'IFOMPT definisce la Terapia Manuale una specializzazione della fisioterapia, nell accezione di sapere specialistico. I contenuti di tale sapere e la loro applicazione clinica di fatto promuovono le prerogative professionali di Competenza e Responsabilità del Fisioterapista al rango di una vera e propria specializzazione professionale. ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 7

8 2.2.2 I contenuti della specializzazione in TM I contenuti del sapere specialistico in TM sono stati codificati dall IFOMPT in Educational Standards, dei quali la Federazione si fa garante attribuendo ai Fisioterapisti che li hanno conseguiti il titolo di OMT (Orthopaedic Manipulative Physioterapist) Educational Standards, percorsi formativi e specializzazione Gli Standards formativi IFOMPT comprendono un sapere scientifico, clinico e metodologico di alto livello, corredato da un bagaglio di abilità e attitudini, personali e professionali, che si ritengono necessarie a interventi di problem solving centrati sul paziente e sul suo contesto bio-psico-sociale. Tale orizzonte di competenze è molto ampio, approfondito e articolato: per questa ragione, la formazione OMT può essere conseguita con modalità e prospettive diverse, e gli stessi Educational Standards assumono questa realtà come necessaria. La traduzione degli Educational Standards in un percorso formativo unico ed onnicomprensivo necessiterebbe di una programmazione didattica pluriennale, multidisciplinare e multidimensionale, che permetta non solo l assimilazione dei contenuti e l acquisizione delle abilità, ma anche l esercizio delle attitudini previste. Allo stato attuale, un progetto formativo e didattico con queste caratteristiche non esiste in Italia: se pensato e organizzato, potrebbe costituire il fondamento necessario a trasformare la TM da "disciplina specialistica" a "specializzazione, e cioè in una vera e propria qualifica professionale, nelle forme e nei modi previsti per l ambito medico-sanitario dalle normative universitarie. 2.3 COME SI RAGGIUNGE ATTUALMENTE LA FORMAZIONE SPECIALISTICA? La specializzazione in ambito medico In Allegato al presente documento riportiamo una relazione sull assetto della formazione universitaria italiana, dalla quale è possibile evincere chiaramente che nessuno dei livelli accademici raggiungibili dal fisioterapista è attualmente in grado di attribuire la qualifica o il titolo di specialista. ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 8

9 2.3.2 Gli attuali riconoscimenti formativi specialistici La formazione effettuata in ossequio agli standard IFOMT è attualmente contrassegnata dall'attribuzione del titolo OMT. Il titolo OMT è un riconoscimento associativo (federativo) e non accademico, e pertanto non gode di un riconoscimento pubblico o "istituzionale". L'attuale attribuzione del titolo OMT, in Italia coincide esclusivamente con la formazione universitaria in un master di primo livello, che, come si è visto, non rilascia alcuna qualifica di tipo specialistico, o spendibile come tale. Il titolo OMT può essere conseguito anche in paesi europei ed extraeuropei, attraverso dei percorsi non necessariamente universitari e comunque non riconducibili alla carriera accademica dell Università italiana Le proposte formative in Terapia Manuale esistenti Esistono molteplici percorsi e opportunità formative che si riconoscono nell'ambito degli Educational Standard IFOMPT. Formazione universitaria La proposta formativa dei master universitari di primo livello si prefigge l'obiettivo di promuovere formazione e ricerca, e dunque pone particolare attenzione alla dimensione scientifica della FTNMS. Attualmente rappresenta l'unica via percorribile per il riconoscimento OMT. Dura 18 mesi (450 ore ore tirocinio). Criticità: il titolo accademico non è sempre ricercato dai professionisti e non offre maggiore visibilità; l'approccio formativo non include i molteplici approcci presenti nel panorama della TM ; durata e pianificazione didattica sono regolate dalle normative universitarie. Formazione non universitaria Esiste un Master Non Universitario, strutturato in un percorso pluriennale (GSTM). Il titolo non universitario è spendibile nel mercato del lavoro al pari di quelli universitari. Ha il patrocinio e la collaborazione dell'università Milano Bicocca; integra modelli metodologici e concetti diversi; la libertà dai regolamenti accademici permette di pianificare e adeguare in autonomia contenuti e strumenti didattici. Dura 3 anni (650 ore circa). Criticità: non rilascia titolo accademico, il piano didattico è in fase di riorganizzazione, non offre tirocinio, non rilascia il titolo OMT. ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 9

10 Formazione modulare pluriennale strutturata. Vi sono comprese le proposte costituite da un ciclo compiuto di formazione in TM in grado di fornire una metodologia clinica, strumenti di valutazione e trattamento professionalizzanti in senso specialistico. Il corso di Terapia Manuale secondo il concetto Maitland è ispirato e guidato dai criteri degli Educational Standard IFOMPT. Ha un percorso di circa 440 ore suddivise in 3 livelli progressivi. Non basta al conseguimento del titolo OMT. Il corso di Terapia Manuale secondo il concetto OMT - Kaltenborn-Evjenth è anch esso ispirato e guidato dai criteri degli Educational Standard IFOMPT. Si sviluppa nei suoi livelli base in circa 280 ore. Formazione modulare non strutturata Comprende tutte le proposte formative a ciclo compiuto o monotematiche che implementano la formazione circa aspetti specifici dell'approccio della FT NMS. Per alcuni di essi è richiesta una formazione base in Terapia Manuale. E rappresentata dalle molteplici offerte del mercato formativo (nazionale e internazionale); permette libertà di pianificare la propria formazione personale, consente approfondimenti monodisciplinari. La durata non è definibile. Criticità: rischio di disorganicità, senza momenti di sintesi metodologica. Non rilascia titoli. Non è sufficiente al titolo OMT. A esse possono essere ricondotti i molteplici corsi in Neurodinamica, Controllo Motorio, Dolore e disfunzioni craniofacciali, Approfondimenti tecnici, Allenamento riabilitativo, Approccio cognitivo-comportamentale, ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 10

11 3 LA FORMAZIONE POST-LAUREA IN ITALIA 3.1 L OBBLIGO DELL EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) Nel contesto nazionale, gli operatori sanitari, inclusi i Fisioterapisti, sono tenuti a conseguire annualmente un certo numero di crediti formativi in grado di dimostrare l'aggiornamento professionale, che è obbligatorio Differenza tra le proposte formative esistenti Tra le molteplici proposte e modalità previste per il conseguimento dei crediti ECM, è importante operare una netta distinzione tra le proposte formative di "aggiornamento" nel senso stretto del termine e quelle che - se intraprese e portate a compimento - forniscono una vera e propria formazione specializzante. Aggiornamento professionale Consideriamo forme di aggiornamento le proposte offerte da corsi e convegni di durata circoscritta nel tempo e/o contenuti formativi settoriali e altamente specifici, quelli cioè che permettono al professionista di integrare o aggiornare la sua formazione di base, senza modificare nella sostanza la metodologia clinica abitualmente utilizzata. Formazione specializzante Consideriamo formazione "specializzante" l'insieme delle proposte che, per durata, progressività dell'apprendimento, contenuti ecc., determinano una nuova o diversa modalità di esercitare la professione, sulla base di precise modalità di ragionamento clinico, metodologia clinica (strumenti di valutazione e tecniche di trattamento, misure di outcome specifiche), con il supporto di un importante bagaglio di evidenze scientifiche. Questo tipo di formazione, rappresenta la base necessaria per intraprendere ulteriori percorsi di approfondimento. Nell'ambito specifico della TM, tra le proposte rispondenti a queste caratteristiche ci sono i percorsi formativi in TM citati in precedenza (Master universitari e non, Corsi Maitland, Corsi OMT Kaltenborn-Evjenth). Per quanto nessuna delle suddette proposte possa considerare esaustivo il proprio percorso didattico - che necessita continuamente di essere integrato nei contenuti (che evolvono in relazione all evoluzione della ricerca scientifica) e nelle strategie cliniche si ritiene che la loro struttura metodologica e didattica debba essere considerata una formazione in grado di qualificare in senso specialistico l agire professionale del fisioterapista, e di poter supportare e integrare coerentemente tutti gli sviluppi previsti negli Educational Standard IFOMPT. ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 11

12 3.1.2 I costi dell ECM L obbligo dell Educazione Continua in Medicina ha un importante risvolto sul piano economico. Il Fisioterapista italiano interessato alla TM, che è tenuto ad effettuare ogni anno dei corsi di aggiornamento, spende mediamente 1.500,00 (Euro Millecinquecento/00) all anno. Considerando la variazione media del costo della vita (vedi tabella dati ISTAT in allegato dal 1996 al 2010) ed ipotizzando una attività lavorativa di 30 anni, il Fisioterapista italiano potrebbe dover sostenere una spesa complessiva di circa ,00 (Euro Cinquantaquattromila), escludendo i costi aggiuntivi (viaggi, pasti, pernottamento, mancato guadagno per l interruzione dell attivit{ professionale, ecc.) Disorganicità della formazione in TM Un aspetto problematico connesso all'obbligo di formazione continua è l'assenza di un progetto formativo organico e chiaro finalizzato ad una formazione superiore del fisioterapista, con particolare riferimento alla TM. La percezione dell importanza e delle potenzialit{ della TM da parte dei fisioterapisti è sovente il risultato di una sintesi maturata nel tempo, e non invece una prospettiva che dovrebbe essere offerta fin dalla formazione universitaria di base, quale sviluppo in senso specialistico della professione. Molti fisioterapisti (e studenti) non sanno che la TM costituisce la naturale evoluzione delle prerogative professionali del fisioterapista per la gestione dei problemi neuromuscolo-scheletrici, che in tale direzione si è sviluppato un enorme patrimonio di ricerca e informazione scientifica, che in altri paesi il fisioterapista TM è riconosciuto accanto, e non in subordine, ad altre professioni del settore. Questa condizione ha una ricaduta sulle scelte di aggiornamento di molti fisioterapisti italiani, che si muovono tra le molteplici proposte formative collezionando competenze tra le più svariate, senza finalizzarle e ricollegarle se non grazie a un auspicabile sintesi personale a una disciplina strutturata, condivisa e riconosciuta (appunto specialistica in senso professionale) Terapia Manuale e Osteopatia L assenza di un progetto formativo compiuto e la scarsa conoscenza delle prerogative della Terapia Manuale si accompagnano sovente alla convinzione che l'osteopata rappresenti la figura professionale di riferimento per la gestione qualificata dei disturbi muscoloscheletrici. Si aggiunga che la figura dell Osteopata si presenta con un'identità forte, consolidata e con un impatto socio-economico superiore a quello della TM in contesto OMT. ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 12

13 3.2 ALTA FORMAZIONE E BASSO IMPATTO SOCIALE" La ricognizione fin qui svolta determina una serie di costatazioni, che possono essere sintetizzate nel concetto di alta formazione e basso impatto sociale quale reale condizione di molti Fisioterapisti italiani. Tra le costatazioni, si segnala in particolare che: il progresso della scienza e delle possibilità cliniche a disposizione dei fisioterapisti si è notevolmente elevato nel corso degli anni, ma non si è proporzionalmente evoluta la percezione di tanta competenza nel contesto socio-economico e sanitario nazionale; persistono contestazioni relative alla stessa autonomia professionale del fisioterapista e questo, senza una presa di posizione chiara e ad alto impatto, rende più difficile che si riconosca, addirittura, una specializzazione con forti margini di autonomia clinica come quella in TM - FT NMS; il titolo OMT, del quale non si mette in dubbio l importanza e che per il suo significato professionale deve essere giustamente sostenuto - non corrisponde di fatto a un comprovato ed esplicito riconoscimento di figura specialistica in ambito medico e nella percezione sociale; al persistere tra i fisioterapisti dell obiettivo della formazione in Osteopatia, non si affianca una chiara ed esplicita presa di posizione da parte delle associazioni di categoria, che metta in evidenza ruolo e patrimonio scientifico, tecnico e clinico della FTNMS; l'utilizzo della denominazione generica di Terapia Manuale non facilita il riconoscimento e la visibilità sociale e intra-professionale di una precisa figura: la denominazione, al di fuori del contesto specifico dei fisioterapisti OMT, lascia intendere una generica modalità di approccio terapeutico, che è comune a diverse figure professionali, non sempre assimilabili; nel percorso formativo secondo gli standard IFOMPT, né la formazione modulare strutturata, né la formazione universitaria sono attualmente in grado di preparare uno specialista nella forma intesa dagli stessi Educational Standards, e la formazione continua non solo è un obbligo, ma si rivela una necessità per tutti coloro che intendono raggiungere elevati livelli di capacità professionale; il panorama delle offerte formative specifiche nelle discipline che costituiscono la TM - FTNMS è variegato e inevitabilmente soggetto alle regole di mercato; non sempre queste sono le più idonee a garantire standard qualitativi, organicità dei percorsi e livello scientifico dei corsi; non esistono, all interno della categoria dei fisioterapisti, forme di riconoscimento di una competenza superiore e non sono previste forme di qualifica per professionisti di fatto molto diversi tra loro per capacità e assunzione di ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 13

14 responsabilità in ambito clinico. Per tutti, l unico criterio sembra essere dipendente dai meriti che il fisioterapista si vede attribuiti, sul campo, dai suoi assistiti in termini di abilità ed efficacia. Questa situazione ha ricadute anche sugli aspetti economici e di tutela assicurativa, che dovrebbero essere meglio definiti. Da questo insieme di costatazioni ha preso le mosse il programma IOMMPT, che intende porsi come opportunità per favorire la convergenza dei fisioterapisti che desiderano elevare l impatto sociale della professione e ottenere un giusto riconoscimento per il livello di formazione conseguito. Il programma IOMMPT ritiene che tale riconoscimento debba andare nella direzione di una vera e propria qualifica specialistica, in grado di proporsi al contesto socio-economico nazionale quale espressione della crescita avvenuta nella professione e come capacità di rispondere con efficacia ai bisogni dei pazienti. ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 14

15 4 LA STRATEGIA DEL PROGRAMMA IOMMPT 4.1 IL RICONOSCIMENTO DELLA FORMAZIONE IN TERAPIA MANUALE DEL FI- SIOTERAPISTA QUALE SPECIALIZZAZIONE Una risposta ad esigenze sociali emergenti Il programma IOMMPT, con l intento di rispondere positivamente alle nuove esigenze emergenti dallo sviluppo della società e della professione, ritiene necessario porre con forza il problema dello status della TM FTNMS come specializzazione. Il percorso accademico riservato ai fisioterapisti, non prevede attualmente la possibilità di conseguire il titolo di Specialista, rilasciato dalle scuole di specializzazione universitarie, ma solo un Master di primo livello, al quale non corrisponde alcun titolo. Nell attesa della creazione di una figura ufficialmente normata di Fisioterapista specializzato, il programma IOMMPT intende porre le basi di un nuovo Profilo-Identit{ professionale che permetta di valorizzare la figura e il ruolo del Fisioterapista specializzato in Terapia Manuale e Fisioterapia Neuro-Muscolo-Scheletrica, per dotarla di un più alto impatto sociale Un riconoscimento associativo della formazione specialistica In vista di questa nuova identità professionale, il programma IOMMPT si pone l obiettivo di organizzare, promuovere e garantire in Italia la formazione nell'area della FTNMS. Tale formazione, per essere considerata specializzante, dovr{ essere all altezza di quella di altre figure professionali per qualità, spessore scientifico-tecnico-clinico, ispirandosi alle norme vigenti delle Scuole di Specializzazione dell area medica e sanitaria. Allo scopo, il programma IOMMPT si propone di coordinare e sistemare le molteplici proposte didattiche esistenti affinché possano convergere alla formazione del professionista specializzato, di verificare l efficacia formativa dei corsi esistenti, di promuovere iniziative utili a garantirne la qualità e di colmare le eventuali carenze. Ai fisioterapisti che hanno effettuato in modo idoneo tale genere di formazione e a coloro che intenderanno intraprenderla, il programma IOMMPT intende attribuire, mediante gli organismi e nelle modalità previste e illustrate più avanti, la Qualifica di Fisioterapista Ortokinetico TM, quale Riconoscimento Nazionale Associativo Specialistico. ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 15

16 4.1.3 Qualifica professionale e riconoscimento associativo Il programma IOMMPT è pienamente consapevole della sostanziale differenza intercorrente tra i titoli specialistici propriamente detti, rilasciati da corrispondenti percorsi accademici, e il riconoscimento associativo che intende promuovere. La qualifica di Fisioterapista Ortokinetico TM rilasciato dalle associazioni che convergeranno al programma, certificherà che il professionista che lo esibisce ha conseguito competenze e abilit{ cliniche superiori nell ambito della Terapia Manuale e della Fisioterapia Neuro-Muscolo-Scheletrica, che consentono di definirlo esperto e/o specializzato e non specialista, nel rispetto delle normative e delle prerogative professionali vigenti. In allegato al Testo Unico è disponibile un documento, riportante la consulenza legale e i riferimenti giuridici del caso, in grado di chiarire e sostenere le prerogative del programma IOMMPT circa i termini Specializzazione, Specialista, Titolo, Qualifica ecc. Il presente documento intende ribadire con chiarezza che il riconoscimento specializzante è di tipo associativo nell'area fisioterapica nazionale e non deve essere interpretato come specializzazione medica o altri tipi di specializzazione rilasciata dalle Università. A tale riconoscimento può essere legittimamente attribuita la denominazione di esperto e/o specializzato. 4.2 LA DENOMINAZIONE DEL FISIOTERAPISTA SPECIALIZZATO IN TM E FT-NMS Un nuovo nome Il programma IOMMPT, effettuate opportune indagini e interpellati esperti delle discipline sociologiche e della comunicazione, ritiene strategica l adozione di una nuova denominazione della figura professionale specializzata, adatta al contesto Italiano, pregnante circa i contenuti della professione, spendibile nel mondo medico e nella società, ma soprattutto in grado di farla riconoscere in modo univoco. Il nome del Fisioterapista cui si attribuisce la qualifica associativa di esperto e specializzato, è FISIOTERAPISTA ORTOKINETICO TM La genesi e il significato del nome FISIOTERAPISTA: E il profilo accademico e professionale di partenza ORTOKINETICO TM : E il termine nuovo che qualifica il Fisioterapista esperto e specializzato in Terapia Manuale e Riabilitazione Neuro-Muscolo-Scheletrica. Composto da: ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 16

17 Orto: derivazione dal greco Orthos. Il significato etimologico ( dritto, corretto, veritiero ) rappresenta l azione terapeutica del professionista, che è quella di guidare, allineare verso la posizione corretta. Il significato in ambito medico sanitario suggerisce l appartenenza dell azione o della persona all area delle discipline Ortopediche. Nell ambito specifico della Fisioterapia, assume un esplicito riferimento alla Terapia Manuale e Manipolativa Ortopedica. Kine: derivazione dal greco Kinesis Il significato etimologico (ben noto ai FisioKinesiTerapisti- FKT) è quello di movimento e mobilit{. Cinetico è l aggettivo derivato. La radice kinesis in italiano si ritrova nelle voci Kinesiologia e Chinesiologia, a volte quest ultima è indicata anche come cinesiologia. Tali termini si riferiscono a una scienza che tratta lo studio del movimento umano in tutte le sue forme. In italiano la chinesiologia non va confusa con la kinesiologia, che presenta la stessa forma fonetica, ma con una grafia differente. L'etimologia risulta la stessa per entrambe e fa riferimento ai termini greci "kinésis", nel senso di movimento, e "logos", nel senso di studio (con il significato dunque di "studio del movimento"), ma mentre la kinesiologia opera nell'ambito delle discipline terapeutiche, la chinesiologia opera nel campo delle scienze motorie. L'utilizzo della K nella denominazione permette la distinzione dal termine ortocinetico (già utilizzato in riferimento a particolari processi chimici, a specificare un tipo di ortesi plantare e una modalit{ di ginnastica o di trattamento ) e da ortochinetico, che richiamando quello di chinesiologia/chinesiologo potrebbe sovrapporsi a concetti appartenenti al mondo dell'educazione Fisica e delle Scienze Motorie. Il significato in ambito professionale richiama il ruolo della professione del Fisioterapista nel contesto attuale di salute secondo il modello ICF- International Classification of Functioning, Disability and Healt: la mobilit{ in quanto funzione dell individuo è uno dei fattori di salute dell individuo e come tale è assunta dalla definizione della WCPT- World Confederation for Physical Therapy, quale obiettivo della Fisioterapia; le funzioni e strutture connesse al movimento sono oggetto della valutazione e del trattamento altamente specifico del Fisioterapista esperto e specializzato in TM e FT NMS. Tico: derivazione dal greco Tekne Tekne è tradotto in latino col termine Arte. Nell antica Grecia con mathematikè tékhne, si intendeva l arte di imparare con metodo e logica. Le desinenze in Tica da matematica a cifrematica, oggi indicano piuttosto la scienza che la tecnica, che è una delle due facce della scienza (l altra è l invenzione). ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 17

PROGRAMMA NAZIONALE ORTOKINETICO

PROGRAMMA NAZIONALE ORTOKINETICO PROGRAMMA NAZIONALE ORTOKINETICO TESTO UFFICIALE VER. FEBBRAIO 2014 A CURA DEL CO.NA.F.O. COMITATO NAZIONALE DEI FISIOTERAPISTI ORTOKINETICI 1. IL PROGRAMMA NAZIONALE ORTOKINETICO 1.1. DAL PROGRAMMA IOMMPT

Dettagli

Programma Nazionale I.O.M.M.P.T.

Programma Nazionale I.O.M.M.P.T. Programma Nazionale I.O.M.M.P.T. Italian Orthopaedic Manual & Manipulative Physical Therapists A cura del Con.S.F.O. Consiglio Superiore dei Fisioterapisti Ortokinetici GSTM - Ma.It.Group Manual Therapy

Dettagli

PROGETTO I.O.M.M.P.T. ITALIAN ORTHOPAEDIC MANUAL & MANIPULATIVE PHYSIOTHERAPISTS

PROGETTO I.O.M.M.P.T. ITALIAN ORTHOPAEDIC MANUAL & MANIPULATIVE PHYSIOTHERAPISTS PROGETTO I.O.M.M.P.T. ITALIAN ORTHOPAEDIC MANUAL & MANIPULATIVE PHYSIOTHERAPISTS Milano, 15 gennaio 2011 Conferenza di presentazione ufficiale Massimo Zocchi Coordinatore del progetto IOMMPT La storia

Dettagli

SCUOLA SPECIALISTICA IN FISIOTERAPIA ORTOKINETICA

SCUOLA SPECIALISTICA IN FISIOTERAPIA ORTOKINETICA SCUOLA SPECIALISTICA IN FISIOTERAPIA ORTOKINETICA TERAPIA MANUALE E FISIOTERAPIA NEURO-MUSCOLOSCHELETRICA SEDE DI TORINO FORMAZIONE MODULARE STRUTTURATA È questa un innovativa Formazione Modulare Strutturata

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BINETTI. Istituzione della figura professionale dell osteopata

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BINETTI. Istituzione della figura professionale dell osteopata Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2518 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BINETTI Istituzione della figura professionale dell osteopata Presentata il 7 luglio 2014

Dettagli

Scuola Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica. www.gstmonline.it

Scuola Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica. www.gstmonline.it Scuola Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica www.gstmonline.it La Scuola di Formazione Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica GSTM è un percorso quadriennale in Terapia Manuale e Fisioterapia

Dettagli

CAPO III PROFESSIONI SANITARIE NON CONVENZIONALI ESERCITATE DAI LAUREATI IN CHIROPRATICA E DAI LAUREATI IN OSTEOPATIA ART. 14.

CAPO III PROFESSIONI SANITARIE NON CONVENZIONALI ESERCITATE DAI LAUREATI IN CHIROPRATICA E DAI LAUREATI IN OSTEOPATIA ART. 14. CAPO III PROFESSIONI SANITARIE NON CONVENZIONALI ESERCITATE DAI LAUREATI IN CHIROPRATICA E DAI LAUREATI IN OSTEOPATIA ART. 14. (Istituzione delle professioni sanitarie non convenzionali di chiropratico

Dettagli

Il Minimum Standard per la formazione iniziale del logopedista in Europa (traduzione italiana a cura di R. Muò e I. Vernero)

Il Minimum Standard per la formazione iniziale del logopedista in Europa (traduzione italiana a cura di R. Muò e I. Vernero) Il Minimum Standard per la formazione iniziale del logopedista in Europa (traduzione italiana a cura di R. Muò e I. Vernero) Al fine di raggiungere le conoscenze, le abilità e le competenze richieste,

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello D.R. n 92/2012 Prot. n 210/2012 UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA In convenzione con SPM 2004 S.r.l. Formazione Master Universitario di I livello In TECNICHE DI PREVENZIONE E RECUPERO DELLE ALTERAZIONI

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Classe L 18

Dettagli

Impegni principali A INVESTIRE SUI SOCI. Candidatura Giancarlo Rovere 2014. 1. Garantire il coinvolgimento di tutti i soci.

Impegni principali A INVESTIRE SUI SOCI. Candidatura Giancarlo Rovere 2014. 1. Garantire il coinvolgimento di tutti i soci. Impegni principali A INVESTIRE SUI SOCI 1. Garantire il coinvolgimento di tutti i soci. Poiché l UdP deve essere espressione di tutto l elettorato attivo e operare in stretto collegamento con esso, tempestivamente

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 10.05.2013 n. 300/5609

Dettagli

DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo

DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e in particolare, l art. 16-ter che istituisce la Commissione

Dettagli

1.1 I corsi di laurea

1.1 I corsi di laurea 1. Didattica 1.1 I corsi di laurea All offerta formativa per l a.a. 2013/2014, in preparazione agli inizi del 2013, viene applicato il D.M. 47 del 30 gennaio 2013 Autovalutazione, accreditamento iniziale

Dettagli

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Assistenziale 24 Maggio 2007 1 Premessa Il ruolo del

Dettagli

LA TERAPIA MANIPOLATIVA ORTOPEDICA NEL LOW BACK PAIN. UN APPROCCIO EBM. Ariano Irpino

LA TERAPIA MANIPOLATIVA ORTOPEDICA NEL LOW BACK PAIN. UN APPROCCIO EBM. Ariano Irpino LA TERAPIA MANIPOLATIVA ORTOPEDICA NEL LOW BACK PAIN. UN APPROCCIO EBM Ariano Irpino Settembre 2015 IL CORSO L Orthopaedic Manipulative Therapy è una specializzazione della fisioterapia per il trattamento

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

Oggetto: Comparazione costi - benefici tra modalità alternative di diffusione delle acquisizioni dei progetti

Oggetto: Comparazione costi - benefici tra modalità alternative di diffusione delle acquisizioni dei progetti allegato alla deliberazione n.04/070 del Consiglio Direttivo n.04/2008 del 28 maggio 2008 Oggetto: Comparazione costi - benefici tra modalità alternative di diffusione delle acquisizioni dei progetti Il

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività

Dettagli

Programma di supervisione clinica rivolto a medici, psichiatri, psicologi, psicoterapeuti. S O M M A R I O. 1) Obiettivi del programma.. pag.

Programma di supervisione clinica rivolto a medici, psichiatri, psicologi, psicoterapeuti. S O M M A R I O. 1) Obiettivi del programma.. pag. Dott. Andrea Vallarino Medico Specialista in Psicoterapia Specialista in Criminologia Clinica via A. Gramsci, 1/1A, 16126 Genova, tel. 010/2467677, cell. 3496922664 E-mail:andreavallarino@libero.it; web

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

Progetti di sviluppo delle Lauree Magistrali

Progetti di sviluppo delle Lauree Magistrali Progetti di sviluppo delle Lauree Magistrali Conferenza Permanente delle Classi di Laurea delle professioni Sanitarie Prof Adriano Ferrari Presidente commissione nazionale Lauree in Fisioterapia Orientamenti

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del corso di laurea in Scienze dell educazione e della formazione (L19)

Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del corso di laurea in Scienze dell educazione e della formazione (L19) Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del corso di laurea in Scienze dell educazione e della formazione (L19) Articolo 1 Definizioni e finalità Il presente regolamento disciplina, nel rispetto

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree in INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE Ingegneria Civile ed Ambientale L8 - Classe delle Lauree

Dettagli

2012-2014. Indirizzi per la programmazione della formazione di base e trasversale

2012-2014. Indirizzi per la programmazione della formazione di base e trasversale APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE (art. 4 - D.Lgs. n. 167/2011) 2012-2014 Indirizzi per la programmazione della formazione di base e trasversale Provvedimento attuativo dell art.

Dettagli

FILE. Esperienza nella Formazione. Fondazione FILE - Firenze

FILE. Esperienza nella Formazione. Fondazione FILE - Firenze XIX Congresso Nazionale SICP Torino 9 12 Ottobre 2012 Focus on: Fisioterapia in Cure Palliative: quali esperienze e quale formazione specifica? Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Dettagli

ISTRUZIONI PER UN CORRETTO USO DEI TITOLI ACCADEMICI E DI CARRIERA

ISTRUZIONI PER UN CORRETTO USO DEI TITOLI ACCADEMICI E DI CARRIERA ISTRUZIONI PER UN CORRETTO USO DEI TITOLI ACCADEMICI E DI CARRIERA 1. DEONTOLOGIA MEDICA 1.1. Informazione sanitaria Nella comunicazione in materia sanitaria è sempre necessaria la massima cautela al fine

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATI VI All interno dell Ateneo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte PROTOCOLLO DI INTESA tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Associazione Italiana Fisioterapisti Piemonte Valle d

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità

Articolo 1 Definizioni e finalità Facoltà di Lettere e Filosofia Facoltà di Giurisprudenza Facoltà di Scienze Motorie Regolamento didattico Corso di laurea interfacoltà in SERVIZIO SOCIALE Classe L39 Articolo 1 Definizioni e finalità 1.

Dettagli

SECONDO ANNO PROGRAMMA DEL CORSO PRIMO ANNO. Tot: 120 ore. Tipo di attività e Denominazione della disciplina

SECONDO ANNO PROGRAMMA DEL CORSO PRIMO ANNO. Tot: 120 ore. Tipo di attività e Denominazione della disciplina PROGRAMMA DEL CORSO PRIMO ANNO Tot: 500 ore Tipo di attività e Denominazione della disciplina PARTE GENERALE Tot: 150 ore Psicologia Generale I Psicologia dello Sviluppo Metodologia Sperimentale in Psicologia

Dettagli

Sistema CRUI di Gestione per la Qualità dei Corsi di Studio universitari

Sistema CRUI di Gestione per la Qualità dei Corsi di Studio universitari Sistema CRUI di Gestione per la Qualità dei Corsi di Studio universitari Revisione 2007 1 Premessa Il presente documento descrive il Sistema CRUI di gestione per la qualità dei Corsi di Studio universitari

Dettagli

Consulta Professioni Sanitarie

Consulta Professioni Sanitarie Consulta Professioni Sanitarie LA FORMAZIONE CONTINUA COME STRUMENTO DI MIGLIORAMENTO E CRESCITA PROFESSIONALE: INDAGINE CONOSCITIVA SUI SOCI SItI DELLE PROFESSIONI SANITARIE. STATO DI FATTO E PROPOSTE

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca Consiglio Nazionale Universitario

Ministero dell Università e della Ricerca Consiglio Nazionale Universitario Ministero dell Università e della Ricerca Consiglio Nazionale Universitario Criteri per una valutazione omogenea degli ordinamenti didattici dei corsi di studio formulati ai sensi del Decreto Ministeriale

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN COMUNICAZIONE IN AMBITO SANITARIO IN COLLABORAZIONE CON L ISTITUTO NAZIONALE TUMORI-FONDAZIONE PASCALE IRCCS 2 a Edizione Anno Accademico 2012/2013 REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

IL PROGETTO RIABILITATIVO INDIVIDUALE E L IMPORTANZA DEL LAVORO IN EQUIPE

IL PROGETTO RIABILITATIVO INDIVIDUALE E L IMPORTANZA DEL LAVORO IN EQUIPE IL PROGETTO RIABILITATIVO INDIVIDUALE E L IMPORTANZA DEL LAVORO IN EQUIPE Ministero della Salute-Piano di indirizzo per la Riabilitazione Con le Linee Guida sulla Riabilitazione del 1998 si è tentato di

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA SULLA FORMAZIONE SPECIALISTICA DEI LAUREATI IN MEDICINA E CHIRURGIA

PROTOCOLLO D INTESA SULLA FORMAZIONE SPECIALISTICA DEI LAUREATI IN MEDICINA E CHIRURGIA 2006 PROTOCOLLO D INTESA SULLA FORMAZIONE SPECIALISTICA DEI LAUREATI IN MEDICINA E CHIRURGIA tra La Regione Emilia-Romagna, in persona del Presidente della Giunta Regionale in carica Vasco Errani e L'Università

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale - Sportelli informa

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale - Sportelli informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: GIOVANI INFORMATI 7 SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale - Sportelli informa OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1 Art. 1 - Riconoscimento dei crediti universitari. Art. 2 - Competenza. 1 ART. 23 Regolamento

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA GESTIONALE (34/S) Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FACOLTA DI INGEGNERIA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA GESTIONALE (34/S) Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FACOLTA DI INGEGNERIA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA GESTIONALE (34/S) Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Regolamento Didattico Art. 1 Attivazione del Corso di Studio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI NUCLEO DI VALUTAZIONE UFFICIO DI SUPPORTO AL NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA A FAVORE DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI ANNO 2011-2012 novembre 2013

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE ANNUALITA 2011/2012 Master e Corsi di Specializzazione per Laureati finanziati dalla Regione Campania attraverso Voucher Formativi individuali www.altaformazioneinrete.it

Dettagli

Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa)

Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa) Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa) 1. Introduzione Questa indagine nasce per fare luce su come il tema delle pari opportunità

Dettagli

E ora?!? cosa fare dopo la Laurea di I livello

E ora?!? cosa fare dopo la Laurea di I livello E ora?!? cosa fare dopo la Laurea di I livello Uno dei primi obiettivi della formazione è permettervi, come professionisti, di agire in scienza e coscienza. Esistono, in Italia, due percorsi che consentono

Dettagli

Part Time. Corso in Osteopatia. Il corso. La struttura

Part Time. Corso in Osteopatia. Il corso. La struttura PART TIME Corso in Osteopatia Part Time Formazione in osteopatia PartTime secondo i criteri formativi stabiliti dall Organizzazione Mondiale della Sanità, dagli standard europei e dal Registro degli Osteopati

Dettagli

Ufficio Atti Normativi

Ufficio Atti Normativi Ufficio Atti Normativi NORME DISCIPLINANTI LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO (Emanato con D.R. n. 198/Uff. Pers. del 27.02.1999, pubblicato nel Bollettino Ufficiale

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2011/12 LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA PREVENZIONE

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2011/12 LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA PREVENZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2011/12 LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA PREVENZIONE GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza: Titolo rilasciato:

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018 PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018 Premessa Alla luce dei risultati delle prove Invalsi, tenuto conto dell

Dettagli

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO. DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO. DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO NUOVA DISCIPLINA DEI TIROCINI DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto 25 Settembre 2013 La nuova disciplina dei

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere . COORDINAMENTO NAZIONALE CAPOSALA Abilitati alle Funzioni Direttive dell'assistenza Infermieristica Regione Sicilia L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere A.G. La professione

Dettagli

Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Scienze Pedagogiche (LM 85)

Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Scienze Pedagogiche (LM 85) Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Scienze Pedagogiche (LM 85) Articolo 1 Definizioni e finalità Il presente regolamento, nel rispetto della libertà

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata FACOLTÁ DI MEDICINA E CHIRURGIA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN POSTUROLOGIA E OSTEOPATIA CLINICA INTEGRATA In presenza A.A. 2014/2015 Coordinatore: Prof.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea in Ingegneria Informatica (classe L-8), in conformità alla normativa vigente in

Dettagli

GUIDA AL DOSSIER FORMATIVO

GUIDA AL DOSSIER FORMATIVO NOTIZIARIO DI MEDICINA NUCLEARE ED IMAGING MOLECOLARE 4 giugno 2014 Iscritto al n. 813/05 del registro stampa del Tribunale di Milano, modif. con ordinanza del 24.10.2005 dello stesso Tribunale Direttore

Dettagli

Università degli Studi di Siena MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ETICA DEGLI AFFARI E DELLA RESPONSABILITA SOCIALE A.A.

Università degli Studi di Siena MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ETICA DEGLI AFFARI E DELLA RESPONSABILITA SOCIALE A.A. Università degli Studi di Siena MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ETICA DEGLI AFFARI E DELLA RESPONSABILITA SOCIALE A.A. 2008/2009 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena istituisce,

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (sviluppo dei profili di competenza dell infermiere)

Dettagli

ARTICOLO 1 (Denominazione)

ARTICOLO 1 (Denominazione) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI SPECIALIZZAZIONE QUADRIENNALE IN PSICOTERAPIA PSICOANALITICA: INTERVENTO PSICOLOGICO CLINICO E ANALISI DELLA DOMANDA (Approvato dal consiglio di amministrazione SPS s.r.l.

Dettagli

COLLEGIO DI MERITO BERNARDO CLESIO

COLLEGIO DI MERITO BERNARDO CLESIO COLLEGIO DI MERITO BERNARDO CLESIO Bando di selezione per corsi di Laurea, Laurea Magistrale a ciclo unico e Laurea Magistrale Anno Accademico 2015-2016 Emanato con D.R. n. 207 del 13 aprile 2015 Sommario

Dettagli

Corso di Laurea in Fisioterapia

Corso di Laurea in Fisioterapia Corso di Laurea in Fisioterapia Corso di Laurea in Fisioterapia Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia: Prof. Massimo Clementi Presidente del Corso di Laurea: Prof. Piero Zannini PRESENTAZIONE Il

Dettagli

Università degli Studi di Cassino Dipartimento di Economia e Giurisprudenza

Università degli Studi di Cassino Dipartimento di Economia e Giurisprudenza Università degli Studi di Cassino Dipartimento di Economia e Giurisprudenza Regolamento Didattico del Corsi di Laurea triennale in: Economia aziendale (Classe L 18 Classe delle lauree in Scienze dell'economia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Corso di Laurea in Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica (Abilitante alla Professione del Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica) 1. Aspetti generali e definizione

Dettagli

Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1

Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1 Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1 1. Premessa. Contesto e motivazione Nell attuale economia della

Dettagli

ART. 1 RIFERIMENTI NORMATIVI

ART. 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Regolamento di Tirocinio per i laureati nel Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche (classe L24) e del Corso di Laurea Specialistica (58/S) e Magistrale in Psicologia (classe LM51), anche ai

Dettagli

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei Commissione Nazionale Corsi di Laurea in Infermieristica Milano 10 giugno 2011 Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei protocolli d intesa d Università - Regioni Valerio Dimonte Legge 30 DICEMBRE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL SANNIO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI DESTINATI ALL ORGANIZZAZIONE DI CONVEGNI SCIENTIFICI E PER LA CONCESSIONE DEL LOGO E

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI STAGE

REGOLAMENTO PER GLI STAGE REGOLAMENTO PER GLI STAGE emanato con D.R. n. 5146 del 2000, successivamente modificato con D.R. n. 9 del 16 gennaio 2007 e D.R. n. 198 del 29 novembre 2011 1/5 ART. 1 Ambito di applicazione 1.1 Il presente

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI Dr.ClaudioCivitilloPT DODegreephysicaltherapy Osteopath[MROIT]1037 ProfessionalCurriculum 1 INFORMAZIONIPERSONALI Dr.ClaudioClaudioCivitilloPT DODegreephysicaltherapy Osteopath[MROIT]N.1037 IndirizzoViaLuigiFerritto95,81016PiedimonteMatese(CE)

Dettagli

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA Sormani Luisa*, Goggi Ezio *Responsabile Ufficio Formazione, Direzione Sanitaria Aziendale Ente Ospedaliero Valduce di Como (ospedale religioso

Dettagli

Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO

Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO Comitato per lo Sviluppo della Cultura Scientifica e Tecnologica Roma, 8 Ottobre 2010 Premessa Il problema dello sviluppo della cultura Scientifica e Tecnologica

Dettagli

C.I.C. Collegio Italiano dei Chirurghi

C.I.C. Collegio Italiano dei Chirurghi ACCORDO TRA ASSOBIOMEDICA E COLLEGIO ITALIANO DEI CHIRURGHI PREMESSA Nella moderna sanità è del tutto evidente l importanza dello stretto rapporto tra medicina e tecnologie; le prestazioni mediche, sempre

Dettagli

Oggetto: Criteri da utilizzare negli scrutini per merito comparativo - Osservazioni

Oggetto: Criteri da utilizzare negli scrutini per merito comparativo - Osservazioni Al Sig. Capo Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Pref. Francesco Paolo Tronca Prot. 47/13 del 22.06.2013 Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica nel settore delle scienze biomediche con il coinvolgimento di giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica nel settore delle scienze biomediche con il coinvolgimento di giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica nel settore delle scienze biomediche con il coinvolgimento di giovani ricercatori budget complessivo del bando 900.000 termine per la presentazione dei progetti

Dettagli

Regolamento Interno del Dottorato in Matematica. INdAM Milano Bicocca Pavia. XXXI Ciclo TITOLO I CONSIDERAZIONI GENERALI

Regolamento Interno del Dottorato in Matematica. INdAM Milano Bicocca Pavia. XXXI Ciclo TITOLO I CONSIDERAZIONI GENERALI ISTITUZIONE DEL DOTTORATO Regolamento Interno del Dottorato in Matematica INdAM Milano Bicocca Pavia XXXI Ciclo TITOLO I CONSIDERAZIONI GENERALI E istituito il Dottorato in Matematica in convenzione/consorzio

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

L istituzionalizzazione delle attività di comunicazione e il ruolo delle Università

L istituzionalizzazione delle attività di comunicazione e il ruolo delle Università L istituzionalizzazione delle attività di comunicazione e il ruolo delle Università Cari Convenuti, in primo luogo, desidero ringraziare i promotori e gli organizzatori per aver reso possibile la realizzazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5425 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disposizioni

Dettagli

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; LEGGE 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari. Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM-33 Classe delle lauree magistrali in INGEGNERIA MECCANICA Art. 1 - Finalità TITOLO

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA)

ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA) ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA) Coorte: 2008/2009 Il Corso di laurea magistrale in Economia e Direzione Aziendale si propone di fornire una formazione di livello avanzato per l'esercizio di attività

Dettagli

OGGETTO: Progetto Scacchi a scuola in Italia

OGGETTO: Progetto Scacchi a scuola in Italia OGGETTO: Progetto Scacchi a scuola in Italia Premessa Negli ultimi anni le attività di diffusione scacchistica nelle Istituzioni scolastiche si sono moltiplicate in molte regioni italiane, Dirigenti Scolastici

Dettagli

Prot. n. 5156/A22 Lecce, 23 dicembre 2014

Prot. n. 5156/A22 Lecce, 23 dicembre 2014 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO C. BATTISTI Centro Risorse per l Immigrazione Territoriale Via Costa n. 7 73100 LECCE 0832 306016-0832 279243 C.F.: 80010820753; e-mail: leee00100c@istruzione.it,

Dettagli

Scuola in psicologia e management dello sport

Scuola in psicologia e management dello sport Scuola in psicologia e management dello sport Corso Annuale Master inizio Ottobre 2013 in collaborazione con SCUOLA IN PSICOLOGIA E MANAGEMENT DELLO SPORT Corso Annuale Master (inizio Ottobre 2013) CARATTERISTICHE

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio ART. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento s intende:

Dettagli

Attualità e futuro di una Professione Sanitaria.

Attualità e futuro di una Professione Sanitaria. Attualità e futuro di una Professione Sanitaria. Dr. Daniele Tosarelli, Fisioterapista Servizio di Assistenza Infermieristica, Tecnica e della Riabilitazione Istituto Ortopedico Rizzoli, Bologna 1 Il E

Dettagli