Testo Unico del Programma Nazionale I.O.M.M.P.T. Italian Orthopaedic Manual & Manipulative Physical Therapists

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Testo Unico del Programma Nazionale I.O.M.M.P.T. Italian Orthopaedic Manual & Manipulative Physical Therapists"

Transcript

1 Testo Unico del Programma Nazionale I.O.M.M.P.T. Italian Orthopaedic Manual & Manipulative Physical Therapists A cura del Con.S.F.O. Consiglio Superiore dei Fisioterapisti Ortokinetici GSTM Ma.It.Group Manual Therapy Gruppo OMT Italia Versione 2.0 Settembre 2011

2 Sommario 1 IL PROGRAMMA I.O.M.M.P.T COSA SIGNIFICA PROGRAMMA IOMMPT A CHI SI RIVOLGE IL PROGRAMMA? QUALI SONO GLI OBIETTIVI DEL PROGRAMMA? Dare più valore alla competenza in TM Dare più visibilità ai Fisioterapisti specializzati in TM Mettere ordine nella proposta formativa in TM CHI PROMUOVE IL PROGRAMMA IOMMPT? Una associazione di secondo livello Attuale composizione dell Associazione LA SPECIALIZZAZIONE IN TERAPIA MANUALE COSA INTENDIAMO PER TERAPIA MANUALE? Il riferimento Internazionale TM e Fisioterapia Neuro-Muscolo-Scheletrica (FTNMS) COSA INTENDIAMO PER SPECIALIZZAZIONE? La Terapia Manuale è una specializzazione della Fisioterapia I contenuti della specializzazione in TM Educational Standards, percorsi formativi e specializzazione COME SI RAGGIUNGE ATTUALMENTE LA FORMAZIONE SPECIALISTICA? La specializzazione in ambito medico Gli attuali riconoscimenti formativi specialistici Le proposte formative in Terapia Manuale esistenti LA FORMAZIONE POST-LAUREA IN ITALIA L OBBLIGO DELL EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) Differenza tra le proposte formative esistenti I costi dell ECM Disorganicità della formazione in TM Terapia Manuale e Osteopatia ALTA FORMAZIONE E BASSO IMPATTO SOCIALE" LA STRATEGIA DEL PROGRAMMA IOMMPT IL RICONOSCIMENTO DELLA FORMAZIONE IN TERAPIA MANUALE DEL FISIOTERAPISTA QUALE SPECIALIZZAZIONE...15 ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 2

3 4.1.1 Una risposta ad esigenze sociali emergenti Un riconoscimento associativo della formazione specialistica Qualifica professionale e riconoscimento associativo LA DENOMINAZIONE DEL FISIOTERAPISTA SPECIALIZZATO IN TM E FT-NMS Un nuovo nome La genesi e il significato del nome Una denominazione per il contesto nazionale Estensione della denominazione alla disciplina Assegnazione della denominazione e della qualifica RIORDINARE E FINALIZZARE LA FORMAZIONE CONTINUA Mettere le basi per una vera formazione specialistica Creare convergenza nella formazione post-laurea esistente CREARE STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEI PERCORSI FORMATIVI ESISTENTI Mappa dei contenuti formativi Mappa delle proposte formative Valutazione dei curricula formativi e pianificazione della formazione SCELTE OPERATIVE DEL PROGRAMMA IOMMPT IL CONSIGLIO NAZIONALE SUPERIORE DEI FISIOTERAPISTI ORTOKINETICI TM Il gruppo preparatorio del CONSFO Aderire al programma e al CONSFO Associazione di secondo livello e Associazioni di primo livello IL PROGETTO FORMATIVO PER LA SPECIALIZZAZIONE IN FT NMS La mappa dei contenuti La mappa delle proposte Interferenza con le attività di formazione esistenti Comunicazione dell avvenuto accreditamento delle proposte formative Nuove opportunità formative Prospettive del progetto formativo LA PROVA NAZIONALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA QUALIFICA ASSOCIATIVA L'accesso all'esame L'esame nazionale LA PROMOZIONE DELLA FIGURA DEL FISIOTERAPISTA ORTOKINETICO TM...28 ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 3

4 ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 4

5 1 IL PROGRAMMA I.O.M.M.P.T. 1.1 COSA SIGNIFICA PROGRAMMA IOMMPT L'acronimo IOMMPT sta per ITALIAN ORTHOPAEDIC MANUAL & MANIPULATIVE PHY- SIOTHERAPISTS. E una sigla provvisoriamente utilizzata per identificare il contesto e l oggetto del programma: ITALIAN è l'aggettivo che identifica l'italia, quale contesto professionale e socioeconomico di riferimento e di azione. ORTHOPAEDIC MANUAL & MANIPULATIVE PHYSIOTHERAPISTS : si prende a prestito una delle molteplici denominazioni internazionali utilizzate per rappresentare la figura professionale con una specifica formazione in Terapia Manuale (TM), che è al centro del programma. 1.2 A CHI SI RIVOLGE IL PROGRAMMA? Il programma IOMMPT si rivolge a tutti i Fisioterapisti Italiani che hanno raggiunto un livello elevato di formazione e abilità clinica nell'ambito della TM come intesa dall'international Federation of Orthopaedic Manipulative Physical Therapists (IFOMPT), nonché a tutti coloro che hanno intrapreso o intendono intraprendere un percorso formativo così orientato. 1.3 QUALI SONO GLI OBIETTIVI DEL PROGRAMMA? Dare più valore alla competenza in TM Il programma IOMMPT si propone di valorizzare il livello di competenza conseguito da fisioterapisti con elevato livello di formazione nell ambito delle discipline inerenti la Terapia Manuale Ortopedica (TM), intesa come una forma di specializzazione professionale, dotata di una propria metodologia e di procedure cliniche specifiche e distinte da quelle di altre figure operanti nel medesimo ambito Dare più visibilità ai Fisioterapisti specializzati in TM Il programma IOMMPT è orientato a creare le condizioni affinché la figura del Fisioterapista specializzato in TM possa avere un più alto impatto sociale, proporzionato al livello di competenza e alle capacità cliniche conseguite. A tale scopo, ritiene fondamentale individuare una nuova denominazione del professionista, in grado di renderlo riconoscibile inequivocabilmente nel panorama socioeconomico e sanitario nazionale. ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 5

6 1.3.3 Mettere ordine nella proposta formativa in TM Il programma IOMMPT si propone di creare strumenti operativi utili a coordinare e organizzare le proposte di formazione post-laurea dell'area specifica della TM, in un progetto organico per contenuti e approccio clinico, in grado di assicurare una formazione specialistica garantita, riconoscibile e riconosciuta. 1.4 CHI PROMUOVE IL PROGRAMMA IOMMPT? Una Associazione di Secondo Livello Il programma IOMMPT è promosso da Gruppi e Associazioni di Fisioterapisti organizzati a vario titolo, che si propongono di dare vita ad una associazione di secondo livello (Associazione o Federazione di Associazioni di primo livello) che esprima un Consiglio Nazionale Superiore, quale organo di garanzia e di promozione dello status di esperto e specializzato (vedi successivamente) del Fisioterapista con formazione avanzata in TM Attuale composizione dell Associazione In attesa e nella prospettiva di costituire una vera e propria forma associativa, il programma è attualmente guidato da un Gruppo Preparatorio che si è assunto il ruolo di Consiglio Nazionale Superiore (CoNS) e che vede la compresenza del GSTM (Gruppo di Studio della Terapia Manuale, ideatore e promotore dell'iniziativa), del Gruppo OMT-Italia, del Ma.It.Group Manual Therapy. Il Consiglio è attualmente composto da un Coordinatore e da 2 membri per ogni gruppo aderente. ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 6

7 2 LA SPECIALIZZAZIONE IN TERAPIA MANUALE 2.1 COSA INTENDIAMO PER TERAPIA MANUALE? Il riferimento Internazionale Il programma IOMMPT assume la definizione di TM propria della IFOMPT (Cape Town, marzo 2004): La Terapia Manuale Ortopedica è una specializzazione della fisioterapia per la gestione delle condizioni neuro-muscolo-scheletriche, basata sul ragionamento clinico e che usa approcci terapeutici altamente specifici incluso tecniche manuali ed esercizi terapeutici. La Terapia Manuale Ortopedica comprende ed è guidata dall evidenza scientifica e clinica e dal quadro bio-psico-sociale di ogni singolo paziente. L obiettivo principale della Terapia Manuale Ortopedica è di ripristinare la funzione massimale e indolore del sistema neuro-muscolo-articolare TM e Fisioterapia Neuro-Muscolo-Scheletrica (FTNMS) Il concetto esteso di TM rappresenta un grande contenitore in continuo sviluppo, fatto di discipline, approcci clinici, produzione di evidenze e di informazione scientifica, che si possono ormai concepire come un sapere multidisciplinare e multidimensionale cresciuto attorno al paradigma del movimento, proprio della fisioterapia. Il contesto bio-psico-sociale della salute e la multidimensionalità dell'approccio terapeutico e riabilitativo di questa figura professionale, hanno portato allo sviluppo del concetto di Fisioterapia Neuro-Muscolo-Scheletrica (FTNMS), che include e supera quello, più comune, di Terapia Manuale, che, nel senso stretto, rappresenta un aspetto parziale e non esaustivo della disciplina. Il programma IOMMPT assume entrambe le terminologie e intende promuovere l identit{ di un professionista specializzato in Terapia Manuale e Fisioterapia Neuro-Muscolo- Scheletrica (TM - FTNMS). 2.2 COSA INTENDIAMO PER SPECIALIZZAZIONE? La Terapia Manuale è una specializzazione della Fisioterapia L'IFOMPT definisce la Terapia Manuale una specializzazione della fisioterapia, nell accezione di sapere specialistico. I contenuti di tale sapere e la loro applicazione clinica di fatto promuovono le prerogative professionali di Competenza e Responsabilità del Fisioterapista al rango di una vera e propria specializzazione professionale. ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 7

8 2.2.2 I contenuti della specializzazione in TM I contenuti del sapere specialistico in TM sono stati codificati dall IFOMPT in Educational Standards, dei quali la Federazione si fa garante attribuendo ai Fisioterapisti che li hanno conseguiti il titolo di OMT (Orthopaedic Manipulative Physioterapist) Educational Standards, percorsi formativi e specializzazione Gli Standards formativi IFOMPT comprendono un sapere scientifico, clinico e metodologico di alto livello, corredato da un bagaglio di abilità e attitudini, personali e professionali, che si ritengono necessarie a interventi di problem solving centrati sul paziente e sul suo contesto bio-psico-sociale. Tale orizzonte di competenze è molto ampio, approfondito e articolato: per questa ragione, la formazione OMT può essere conseguita con modalità e prospettive diverse, e gli stessi Educational Standards assumono questa realtà come necessaria. La traduzione degli Educational Standards in un percorso formativo unico ed onnicomprensivo necessiterebbe di una programmazione didattica pluriennale, multidisciplinare e multidimensionale, che permetta non solo l assimilazione dei contenuti e l acquisizione delle abilità, ma anche l esercizio delle attitudini previste. Allo stato attuale, un progetto formativo e didattico con queste caratteristiche non esiste in Italia: se pensato e organizzato, potrebbe costituire il fondamento necessario a trasformare la TM da "disciplina specialistica" a "specializzazione, e cioè in una vera e propria qualifica professionale, nelle forme e nei modi previsti per l ambito medico-sanitario dalle normative universitarie. 2.3 COME SI RAGGIUNGE ATTUALMENTE LA FORMAZIONE SPECIALISTICA? La specializzazione in ambito medico In Allegato al presente documento riportiamo una relazione sull assetto della formazione universitaria italiana, dalla quale è possibile evincere chiaramente che nessuno dei livelli accademici raggiungibili dal fisioterapista è attualmente in grado di attribuire la qualifica o il titolo di specialista. ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 8

9 2.3.2 Gli attuali riconoscimenti formativi specialistici La formazione effettuata in ossequio agli standard IFOMT è attualmente contrassegnata dall'attribuzione del titolo OMT. Il titolo OMT è un riconoscimento associativo (federativo) e non accademico, e pertanto non gode di un riconoscimento pubblico o "istituzionale". L'attuale attribuzione del titolo OMT, in Italia coincide esclusivamente con la formazione universitaria in un master di primo livello, che, come si è visto, non rilascia alcuna qualifica di tipo specialistico, o spendibile come tale. Il titolo OMT può essere conseguito anche in paesi europei ed extraeuropei, attraverso dei percorsi non necessariamente universitari e comunque non riconducibili alla carriera accademica dell Università italiana Le proposte formative in Terapia Manuale esistenti Esistono molteplici percorsi e opportunità formative che si riconoscono nell'ambito degli Educational Standard IFOMPT. Formazione universitaria La proposta formativa dei master universitari di primo livello si prefigge l'obiettivo di promuovere formazione e ricerca, e dunque pone particolare attenzione alla dimensione scientifica della FTNMS. Attualmente rappresenta l'unica via percorribile per il riconoscimento OMT. Dura 18 mesi (450 ore ore tirocinio). Criticità: il titolo accademico non è sempre ricercato dai professionisti e non offre maggiore visibilità; l'approccio formativo non include i molteplici approcci presenti nel panorama della TM ; durata e pianificazione didattica sono regolate dalle normative universitarie. Formazione non universitaria Esiste un Master Non Universitario, strutturato in un percorso pluriennale (GSTM). Il titolo non universitario è spendibile nel mercato del lavoro al pari di quelli universitari. Ha il patrocinio e la collaborazione dell'università Milano Bicocca; integra modelli metodologici e concetti diversi; la libertà dai regolamenti accademici permette di pianificare e adeguare in autonomia contenuti e strumenti didattici. Dura 3 anni (650 ore circa). Criticità: non rilascia titolo accademico, il piano didattico è in fase di riorganizzazione, non offre tirocinio, non rilascia il titolo OMT. ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 9

10 Formazione modulare pluriennale strutturata. Vi sono comprese le proposte costituite da un ciclo compiuto di formazione in TM in grado di fornire una metodologia clinica, strumenti di valutazione e trattamento professionalizzanti in senso specialistico. Il corso di Terapia Manuale secondo il concetto Maitland è ispirato e guidato dai criteri degli Educational Standard IFOMPT. Ha un percorso di circa 440 ore suddivise in 3 livelli progressivi. Non basta al conseguimento del titolo OMT. Il corso di Terapia Manuale secondo il concetto OMT - Kaltenborn-Evjenth è anch esso ispirato e guidato dai criteri degli Educational Standard IFOMPT. Si sviluppa nei suoi livelli base in circa 280 ore. Formazione modulare non strutturata Comprende tutte le proposte formative a ciclo compiuto o monotematiche che implementano la formazione circa aspetti specifici dell'approccio della FT NMS. Per alcuni di essi è richiesta una formazione base in Terapia Manuale. E rappresentata dalle molteplici offerte del mercato formativo (nazionale e internazionale); permette libertà di pianificare la propria formazione personale, consente approfondimenti monodisciplinari. La durata non è definibile. Criticità: rischio di disorganicità, senza momenti di sintesi metodologica. Non rilascia titoli. Non è sufficiente al titolo OMT. A esse possono essere ricondotti i molteplici corsi in Neurodinamica, Controllo Motorio, Dolore e disfunzioni craniofacciali, Approfondimenti tecnici, Allenamento riabilitativo, Approccio cognitivo-comportamentale, ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 10

11 3 LA FORMAZIONE POST-LAUREA IN ITALIA 3.1 L OBBLIGO DELL EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) Nel contesto nazionale, gli operatori sanitari, inclusi i Fisioterapisti, sono tenuti a conseguire annualmente un certo numero di crediti formativi in grado di dimostrare l'aggiornamento professionale, che è obbligatorio Differenza tra le proposte formative esistenti Tra le molteplici proposte e modalità previste per il conseguimento dei crediti ECM, è importante operare una netta distinzione tra le proposte formative di "aggiornamento" nel senso stretto del termine e quelle che - se intraprese e portate a compimento - forniscono una vera e propria formazione specializzante. Aggiornamento professionale Consideriamo forme di aggiornamento le proposte offerte da corsi e convegni di durata circoscritta nel tempo e/o contenuti formativi settoriali e altamente specifici, quelli cioè che permettono al professionista di integrare o aggiornare la sua formazione di base, senza modificare nella sostanza la metodologia clinica abitualmente utilizzata. Formazione specializzante Consideriamo formazione "specializzante" l'insieme delle proposte che, per durata, progressività dell'apprendimento, contenuti ecc., determinano una nuova o diversa modalità di esercitare la professione, sulla base di precise modalità di ragionamento clinico, metodologia clinica (strumenti di valutazione e tecniche di trattamento, misure di outcome specifiche), con il supporto di un importante bagaglio di evidenze scientifiche. Questo tipo di formazione, rappresenta la base necessaria per intraprendere ulteriori percorsi di approfondimento. Nell'ambito specifico della TM, tra le proposte rispondenti a queste caratteristiche ci sono i percorsi formativi in TM citati in precedenza (Master universitari e non, Corsi Maitland, Corsi OMT Kaltenborn-Evjenth). Per quanto nessuna delle suddette proposte possa considerare esaustivo il proprio percorso didattico - che necessita continuamente di essere integrato nei contenuti (che evolvono in relazione all evoluzione della ricerca scientifica) e nelle strategie cliniche si ritiene che la loro struttura metodologica e didattica debba essere considerata una formazione in grado di qualificare in senso specialistico l agire professionale del fisioterapista, e di poter supportare e integrare coerentemente tutti gli sviluppi previsti negli Educational Standard IFOMPT. ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 11

12 3.1.2 I costi dell ECM L obbligo dell Educazione Continua in Medicina ha un importante risvolto sul piano economico. Il Fisioterapista italiano interessato alla TM, che è tenuto ad effettuare ogni anno dei corsi di aggiornamento, spende mediamente 1.500,00 (Euro Millecinquecento/00) all anno. Considerando la variazione media del costo della vita (vedi tabella dati ISTAT in allegato dal 1996 al 2010) ed ipotizzando una attività lavorativa di 30 anni, il Fisioterapista italiano potrebbe dover sostenere una spesa complessiva di circa ,00 (Euro Cinquantaquattromila), escludendo i costi aggiuntivi (viaggi, pasti, pernottamento, mancato guadagno per l interruzione dell attivit{ professionale, ecc.) Disorganicità della formazione in TM Un aspetto problematico connesso all'obbligo di formazione continua è l'assenza di un progetto formativo organico e chiaro finalizzato ad una formazione superiore del fisioterapista, con particolare riferimento alla TM. La percezione dell importanza e delle potenzialit{ della TM da parte dei fisioterapisti è sovente il risultato di una sintesi maturata nel tempo, e non invece una prospettiva che dovrebbe essere offerta fin dalla formazione universitaria di base, quale sviluppo in senso specialistico della professione. Molti fisioterapisti (e studenti) non sanno che la TM costituisce la naturale evoluzione delle prerogative professionali del fisioterapista per la gestione dei problemi neuromuscolo-scheletrici, che in tale direzione si è sviluppato un enorme patrimonio di ricerca e informazione scientifica, che in altri paesi il fisioterapista TM è riconosciuto accanto, e non in subordine, ad altre professioni del settore. Questa condizione ha una ricaduta sulle scelte di aggiornamento di molti fisioterapisti italiani, che si muovono tra le molteplici proposte formative collezionando competenze tra le più svariate, senza finalizzarle e ricollegarle se non grazie a un auspicabile sintesi personale a una disciplina strutturata, condivisa e riconosciuta (appunto specialistica in senso professionale) Terapia Manuale e Osteopatia L assenza di un progetto formativo compiuto e la scarsa conoscenza delle prerogative della Terapia Manuale si accompagnano sovente alla convinzione che l'osteopata rappresenti la figura professionale di riferimento per la gestione qualificata dei disturbi muscoloscheletrici. Si aggiunga che la figura dell Osteopata si presenta con un'identità forte, consolidata e con un impatto socio-economico superiore a quello della TM in contesto OMT. ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 12

13 3.2 ALTA FORMAZIONE E BASSO IMPATTO SOCIALE" La ricognizione fin qui svolta determina una serie di costatazioni, che possono essere sintetizzate nel concetto di alta formazione e basso impatto sociale quale reale condizione di molti Fisioterapisti italiani. Tra le costatazioni, si segnala in particolare che: il progresso della scienza e delle possibilità cliniche a disposizione dei fisioterapisti si è notevolmente elevato nel corso degli anni, ma non si è proporzionalmente evoluta la percezione di tanta competenza nel contesto socio-economico e sanitario nazionale; persistono contestazioni relative alla stessa autonomia professionale del fisioterapista e questo, senza una presa di posizione chiara e ad alto impatto, rende più difficile che si riconosca, addirittura, una specializzazione con forti margini di autonomia clinica come quella in TM - FT NMS; il titolo OMT, del quale non si mette in dubbio l importanza e che per il suo significato professionale deve essere giustamente sostenuto - non corrisponde di fatto a un comprovato ed esplicito riconoscimento di figura specialistica in ambito medico e nella percezione sociale; al persistere tra i fisioterapisti dell obiettivo della formazione in Osteopatia, non si affianca una chiara ed esplicita presa di posizione da parte delle associazioni di categoria, che metta in evidenza ruolo e patrimonio scientifico, tecnico e clinico della FTNMS; l'utilizzo della denominazione generica di Terapia Manuale non facilita il riconoscimento e la visibilità sociale e intra-professionale di una precisa figura: la denominazione, al di fuori del contesto specifico dei fisioterapisti OMT, lascia intendere una generica modalità di approccio terapeutico, che è comune a diverse figure professionali, non sempre assimilabili; nel percorso formativo secondo gli standard IFOMPT, né la formazione modulare strutturata, né la formazione universitaria sono attualmente in grado di preparare uno specialista nella forma intesa dagli stessi Educational Standards, e la formazione continua non solo è un obbligo, ma si rivela una necessità per tutti coloro che intendono raggiungere elevati livelli di capacità professionale; il panorama delle offerte formative specifiche nelle discipline che costituiscono la TM - FTNMS è variegato e inevitabilmente soggetto alle regole di mercato; non sempre queste sono le più idonee a garantire standard qualitativi, organicità dei percorsi e livello scientifico dei corsi; non esistono, all interno della categoria dei fisioterapisti, forme di riconoscimento di una competenza superiore e non sono previste forme di qualifica per professionisti di fatto molto diversi tra loro per capacità e assunzione di ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 13

14 responsabilità in ambito clinico. Per tutti, l unico criterio sembra essere dipendente dai meriti che il fisioterapista si vede attribuiti, sul campo, dai suoi assistiti in termini di abilità ed efficacia. Questa situazione ha ricadute anche sugli aspetti economici e di tutela assicurativa, che dovrebbero essere meglio definiti. Da questo insieme di costatazioni ha preso le mosse il programma IOMMPT, che intende porsi come opportunità per favorire la convergenza dei fisioterapisti che desiderano elevare l impatto sociale della professione e ottenere un giusto riconoscimento per il livello di formazione conseguito. Il programma IOMMPT ritiene che tale riconoscimento debba andare nella direzione di una vera e propria qualifica specialistica, in grado di proporsi al contesto socio-economico nazionale quale espressione della crescita avvenuta nella professione e come capacità di rispondere con efficacia ai bisogni dei pazienti. ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 14

15 4 LA STRATEGIA DEL PROGRAMMA IOMMPT 4.1 IL RICONOSCIMENTO DELLA FORMAZIONE IN TERAPIA MANUALE DEL FI- SIOTERAPISTA QUALE SPECIALIZZAZIONE Una risposta ad esigenze sociali emergenti Il programma IOMMPT, con l intento di rispondere positivamente alle nuove esigenze emergenti dallo sviluppo della società e della professione, ritiene necessario porre con forza il problema dello status della TM FTNMS come specializzazione. Il percorso accademico riservato ai fisioterapisti, non prevede attualmente la possibilità di conseguire il titolo di Specialista, rilasciato dalle scuole di specializzazione universitarie, ma solo un Master di primo livello, al quale non corrisponde alcun titolo. Nell attesa della creazione di una figura ufficialmente normata di Fisioterapista specializzato, il programma IOMMPT intende porre le basi di un nuovo Profilo-Identit{ professionale che permetta di valorizzare la figura e il ruolo del Fisioterapista specializzato in Terapia Manuale e Fisioterapia Neuro-Muscolo-Scheletrica, per dotarla di un più alto impatto sociale Un riconoscimento associativo della formazione specialistica In vista di questa nuova identità professionale, il programma IOMMPT si pone l obiettivo di organizzare, promuovere e garantire in Italia la formazione nell'area della FTNMS. Tale formazione, per essere considerata specializzante, dovr{ essere all altezza di quella di altre figure professionali per qualità, spessore scientifico-tecnico-clinico, ispirandosi alle norme vigenti delle Scuole di Specializzazione dell area medica e sanitaria. Allo scopo, il programma IOMMPT si propone di coordinare e sistemare le molteplici proposte didattiche esistenti affinché possano convergere alla formazione del professionista specializzato, di verificare l efficacia formativa dei corsi esistenti, di promuovere iniziative utili a garantirne la qualità e di colmare le eventuali carenze. Ai fisioterapisti che hanno effettuato in modo idoneo tale genere di formazione e a coloro che intenderanno intraprenderla, il programma IOMMPT intende attribuire, mediante gli organismi e nelle modalità previste e illustrate più avanti, la Qualifica di Fisioterapista Ortokinetico TM, quale Riconoscimento Nazionale Associativo Specialistico. ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 15

16 4.1.3 Qualifica professionale e riconoscimento associativo Il programma IOMMPT è pienamente consapevole della sostanziale differenza intercorrente tra i titoli specialistici propriamente detti, rilasciati da corrispondenti percorsi accademici, e il riconoscimento associativo che intende promuovere. La qualifica di Fisioterapista Ortokinetico TM rilasciato dalle associazioni che convergeranno al programma, certificherà che il professionista che lo esibisce ha conseguito competenze e abilit{ cliniche superiori nell ambito della Terapia Manuale e della Fisioterapia Neuro-Muscolo-Scheletrica, che consentono di definirlo esperto e/o specializzato e non specialista, nel rispetto delle normative e delle prerogative professionali vigenti. In allegato al Testo Unico è disponibile un documento, riportante la consulenza legale e i riferimenti giuridici del caso, in grado di chiarire e sostenere le prerogative del programma IOMMPT circa i termini Specializzazione, Specialista, Titolo, Qualifica ecc. Il presente documento intende ribadire con chiarezza che il riconoscimento specializzante è di tipo associativo nell'area fisioterapica nazionale e non deve essere interpretato come specializzazione medica o altri tipi di specializzazione rilasciata dalle Università. A tale riconoscimento può essere legittimamente attribuita la denominazione di esperto e/o specializzato. 4.2 LA DENOMINAZIONE DEL FISIOTERAPISTA SPECIALIZZATO IN TM E FT-NMS Un nuovo nome Il programma IOMMPT, effettuate opportune indagini e interpellati esperti delle discipline sociologiche e della comunicazione, ritiene strategica l adozione di una nuova denominazione della figura professionale specializzata, adatta al contesto Italiano, pregnante circa i contenuti della professione, spendibile nel mondo medico e nella società, ma soprattutto in grado di farla riconoscere in modo univoco. Il nome del Fisioterapista cui si attribuisce la qualifica associativa di esperto e specializzato, è FISIOTERAPISTA ORTOKINETICO TM La genesi e il significato del nome FISIOTERAPISTA: E il profilo accademico e professionale di partenza ORTOKINETICO TM : E il termine nuovo che qualifica il Fisioterapista esperto e specializzato in Terapia Manuale e Riabilitazione Neuro-Muscolo-Scheletrica. Composto da: ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 16

17 Orto: derivazione dal greco Orthos. Il significato etimologico ( dritto, corretto, veritiero ) rappresenta l azione terapeutica del professionista, che è quella di guidare, allineare verso la posizione corretta. Il significato in ambito medico sanitario suggerisce l appartenenza dell azione o della persona all area delle discipline Ortopediche. Nell ambito specifico della Fisioterapia, assume un esplicito riferimento alla Terapia Manuale e Manipolativa Ortopedica. Kine: derivazione dal greco Kinesis Il significato etimologico (ben noto ai FisioKinesiTerapisti- FKT) è quello di movimento e mobilit{. Cinetico è l aggettivo derivato. La radice kinesis in italiano si ritrova nelle voci Kinesiologia e Chinesiologia, a volte quest ultima è indicata anche come cinesiologia. Tali termini si riferiscono a una scienza che tratta lo studio del movimento umano in tutte le sue forme. In italiano la chinesiologia non va confusa con la kinesiologia, che presenta la stessa forma fonetica, ma con una grafia differente. L'etimologia risulta la stessa per entrambe e fa riferimento ai termini greci "kinésis", nel senso di movimento, e "logos", nel senso di studio (con il significato dunque di "studio del movimento"), ma mentre la kinesiologia opera nell'ambito delle discipline terapeutiche, la chinesiologia opera nel campo delle scienze motorie. L'utilizzo della K nella denominazione permette la distinzione dal termine ortocinetico (già utilizzato in riferimento a particolari processi chimici, a specificare un tipo di ortesi plantare e una modalit{ di ginnastica o di trattamento ) e da ortochinetico, che richiamando quello di chinesiologia/chinesiologo potrebbe sovrapporsi a concetti appartenenti al mondo dell'educazione Fisica e delle Scienze Motorie. Il significato in ambito professionale richiama il ruolo della professione del Fisioterapista nel contesto attuale di salute secondo il modello ICF- International Classification of Functioning, Disability and Healt: la mobilit{ in quanto funzione dell individuo è uno dei fattori di salute dell individuo e come tale è assunta dalla definizione della WCPT- World Confederation for Physical Therapy, quale obiettivo della Fisioterapia; le funzioni e strutture connesse al movimento sono oggetto della valutazione e del trattamento altamente specifico del Fisioterapista esperto e specializzato in TM e FT NMS. Tico: derivazione dal greco Tekne Tekne è tradotto in latino col termine Arte. Nell antica Grecia con mathematikè tékhne, si intendeva l arte di imparare con metodo e logica. Le desinenze in Tica da matematica a cifrematica, oggi indicano piuttosto la scienza che la tecnica, che è una delle due facce della scienza (l altra è l invenzione). ConSFO - Testo Unico del Progetto IOMMPT - v Settembre 2011 Pag. 17

PROGRAMMA NAZIONALE ORTOKINETICO

PROGRAMMA NAZIONALE ORTOKINETICO PROGRAMMA NAZIONALE ORTOKINETICO TESTO UFFICIALE VER. FEBBRAIO 2014 A CURA DEL CO.NA.F.O. COMITATO NAZIONALE DEI FISIOTERAPISTI ORTOKINETICI 1. IL PROGRAMMA NAZIONALE ORTOKINETICO 1.1. DAL PROGRAMMA IOMMPT

Dettagli

Programma Nazionale I.O.M.M.P.T.

Programma Nazionale I.O.M.M.P.T. Programma Nazionale I.O.M.M.P.T. Italian Orthopaedic Manual & Manipulative Physical Therapists A cura del Con.S.F.O. Consiglio Superiore dei Fisioterapisti Ortokinetici GSTM - Ma.It.Group Manual Therapy

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

LINGUA INGLESE, ALTRE CONOSCENZE LINGUISTICHE, INFORMATICA DI BASE E TIROCINI

LINGUA INGLESE, ALTRE CONOSCENZE LINGUISTICHE, INFORMATICA DI BASE E TIROCINI Allegato L-14/5 al Regolamento del Corso di laurea in Scienze dei servizi giuridici per l'impresa, le organizzazioni pubbliche ed il lavoro (art. 11, comma 4 e 12, comma 4) ( i ) LINGUA INGLESE, ALTRE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1 Art. 1 - Riconoscimento dei crediti universitari. Art. 2 - Competenza. 1 ART. 23 Regolamento

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SCUOLA DI OLOS

CARATTERISTICHE DELLA SCUOLA DI OLOS CARATTERISTICHE DELLA SCUOLA DI OLOS QUALITA, COMPETENZA ED ESPERIENZA La qualità della didattica, impartita dal Centro Olos, si basa sull'alta formazione scientifica, culturale ed esperienziale dei suoi

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

Funzioni responsabili. Direttore di sede sig.ra Roberta FILIPAZZI per Genova; Direttore generale dei corsi: Sig. Luigi CIULLO.

Funzioni responsabili. Direttore di sede sig.ra Roberta FILIPAZZI per Genova; Direttore generale dei corsi: Sig. Luigi CIULLO. FORMAZIONE POST SECONDARIA IN OSTEOPATIA: MODALITA ( Estratto dalla Guida dello Studente IEMO ) Funzioni responsabili. Direttore di sede sig.ra Roberta FILIPAZZI per Genova; Direttore generale dei corsi:

Dettagli

SCUOLA SPECIALISTICA IN FISIOTERAPIA ORTOKINETICA

SCUOLA SPECIALISTICA IN FISIOTERAPIA ORTOKINETICA SCUOLA SPECIALISTICA IN FISIOTERAPIA ORTOKINETICA TERAPIA MANUALE E FISIOTERAPIA NEURO-MUSCOLOSCHELETRICA SEDE DI TORINO FORMAZIONE MODULARE STRUTTURATA È questa un innovativa Formazione Modulare Strutturata

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI STAGE

REGOLAMENTO PER GLI STAGE REGOLAMENTO PER GLI STAGE emanato con D.R. n. 5146 del 2000, successivamente modificato con D.R. n. 9 del 16 gennaio 2007 e D.R. n. 198 del 29 novembre 2011 1/5 ART. 1 Ambito di applicazione 1.1 Il presente

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti.

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti. ALLEGATO A Apprendistato 2013 2015 PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE (art. 5 D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167 ) (art. 41 della Legge regionale 11 maggio 2009 n. 18) PROTOCOLLO DI INTESA TRA la Regione Liguria

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA SOCIETA OBIETTIVI DELLA CARTA DEI SERVIZI

DESCRIZIONE DELLA SOCIETA OBIETTIVI DELLA CARTA DEI SERVIZI DESCRIZIONE DELLA SOCIETA Work Experience è una piccola società di servizi per il lavoro, autorizzata a livello nazionale per le attività di Ricerca & Selezione e per le attività di Outplacement e accreditata

Dettagli

PROGETTO I.O.M.M.P.T. ITALIAN ORTHOPAEDIC MANUAL & MANIPULATIVE PHYSIOTHERAPISTS

PROGETTO I.O.M.M.P.T. ITALIAN ORTHOPAEDIC MANUAL & MANIPULATIVE PHYSIOTHERAPISTS PROGETTO I.O.M.M.P.T. ITALIAN ORTHOPAEDIC MANUAL & MANIPULATIVE PHYSIOTHERAPISTS Milano, 15 gennaio 2011 Conferenza di presentazione ufficiale Massimo Zocchi Coordinatore del progetto IOMMPT La storia

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE

Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE DIRETTORE Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE VISTO VISTA CONSIDERATO CONSIDERATO VISTA RITENUTA l Art. 3, comma 8 del D.M. 509/99 attraverso il quale le Università possono attivare, disciplinandoli

Dettagli

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA CONVENZIONE CONVENZIONE TRA - l Associazione ItaliaCamp, con sede in viale Pola, 12, 00198 Roma (di seguito, ItaliaCamp ), nella persona del Presidente Pier Luigi Celli, nato a Verucchio (Rimini) l 8 luglio

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

Scuola di Giurisprudenza

Scuola di Giurisprudenza Scuola di Giurisprudenza PARTE NORMATIVA DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA - sede di Bologna ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO AL CORSO Per essere ammesso

Dettagli

Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006

Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006 Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006 Procedura di valutazione della preparazione di base finalizzata all iscrizione ai corsi speciali di cui all art. 2, comma 1-c bis e comma 1 ter della Legge 143/2004,

Dettagli

Regolamento Interno del Dottorato in Matematica. INdAM Milano Bicocca Pavia. XXXI Ciclo TITOLO I CONSIDERAZIONI GENERALI

Regolamento Interno del Dottorato in Matematica. INdAM Milano Bicocca Pavia. XXXI Ciclo TITOLO I CONSIDERAZIONI GENERALI ISTITUZIONE DEL DOTTORATO Regolamento Interno del Dottorato in Matematica INdAM Milano Bicocca Pavia XXXI Ciclo TITOLO I CONSIDERAZIONI GENERALI E istituito il Dottorato in Matematica in convenzione/consorzio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Scienze del lavoro (classe delle

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri Aterno - Manthonè PESCARA. Regolamento "Progetto Sirio"

Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri Aterno - Manthonè PESCARA. Regolamento Progetto Sirio Prot. N 1442/C3 Pescara, 25.02.2012 Regolamento "Progetto Sirio" IL PROGETTO SIRIO PREMESSA: Questo modello organizzativo per il settore della formazione degli adulti si propone di contenere la dispersione

Dettagli

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore Il tirocinio in Management per il Coordinamento delle

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

Linee guida sulla Formazione Continua

Linee guida sulla Formazione Continua Linee guida sulla Formazione Continua In applicazione del Regolamento adottato dal Consiglio Nazionale dell Ordine dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati, pubblicato sul bollettino ufficiale

Dettagli

E ora?!? cosa fare dopo la Laurea di I livello

E ora?!? cosa fare dopo la Laurea di I livello E ora?!? cosa fare dopo la Laurea di I livello Uno dei primi obiettivi della formazione è permettervi, come professionisti, di agire in scienza e coscienza. Esistono, in Italia, due percorsi che consentono

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree in INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE Ingegneria Civile ed Ambientale L8 - Classe delle Lauree

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: DAMS - DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO Testo: LAUREA IN DAMS Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo CLASSE L- 3 REGOLAMENTO

Dettagli

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore Il tirocinio in Management per il Coordinamento delle Professioni

Dettagli

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale.

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale. Allegato 2 Art. 4. Crediti formativi universitari Testo approvato Rilievi CUN Testo adeguato ai rilievi 1. Il credito formativo universitario (cfu) - di seguito denominato credito - è l unità di misura

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7)

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7) PONTIFICIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE «AUXILIUM» via Cremolino, 141-00166 ROMA tel. 06.61564226 fax. 06.61564640 e-mail: segreteria@pfse-auxilium.org ALLEGATO 1 REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA STIPULA DI CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO A TITOLO ONEROSO O GRATUITO E DI ATTIVITA INTEGRATIVE AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con DR. 11460/I/003

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

FONDAZIONE IRI BORSE DI STUDIO E BORSE DI RICERCA PER IL PERFEZIONAMENTO ALL ESTERO IN DISCIPLINE MANAGERIALI. Anno Accademico 2003 2004

FONDAZIONE IRI BORSE DI STUDIO E BORSE DI RICERCA PER IL PERFEZIONAMENTO ALL ESTERO IN DISCIPLINE MANAGERIALI. Anno Accademico 2003 2004 FONDAZIONE IRI BORSE DI STUDIO E BORSE DI RICERCA PER IL PERFEZIONAMENTO ALL ESTERO IN DISCIPLINE MANAGERIALI Anno Accademico 2003 2004 La Fondazione IRI, al fine di promuovere nel sistema formativo italiano

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti

Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti MODENA ASSEMBLEA CODAU 28 MARZO 2014 Sofia Baggini Servizio Ricerca Università di Pavia NORME E DOCUMENTI

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. D al bando di ammissione pubblicato in data 15/10/2012 Art. 1 - Tipologia L Università degli studi di Pavia attiva, per l a.a. 2012/2013, presso la Facoltà di Giurisprudenza, Dipartimento di Giurisprudenza,

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE ANNUALITA 2011/2012 Master e Corsi di Specializzazione per Laureati finanziati dalla Regione Campania attraverso Voucher Formativi individuali www.altaformazioneinrete.it

Dettagli

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 Per conseguire le finalità di cui all art. 4, secondo comma, della legge 19 novembre

Dettagli

ARTICOLO 1 (Denominazione)

ARTICOLO 1 (Denominazione) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI SPECIALIZZAZIONE QUADRIENNALE IN PSICOTERAPIA PSICOANALITICA: INTERVENTO PSICOLOGICO CLINICO E ANALISI DELLA DOMANDA (Approvato dal consiglio di amministrazione SPS s.r.l.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

Non sai cosa scegliere?

Non sai cosa scegliere? Non sai cosa scegliere? Architettura medicina Scienze biologiche Matematica Lingue sociologia ti orienta! Moduli di Orientamento Universitari Simulazioni e Test per l accesso alle Facoltà a numero chiuso

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

Nuova disciplina dell attività di Restauro. Sintesi

Nuova disciplina dell attività di Restauro. Sintesi Nuova disciplina dell attività di Restauro Sintesi Definizione dei profili professionali Il D.M. n. 86 del 26 maggio 2009 definisce così i profili professionali degli operatori che eseguono interventi

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMATICA ANNO 2010

RELAZIONE PROGRAMMATICA ANNO 2010 Associazione dei Laureati in Economia dell Università degli Studi di Udine RELAZIONE PROGRAMMATICA ANNO 2010 Sede Legale: Via Tomadini 30/a 33100 Udine C.F. 94078730309 info: 0432249960 - e-mail: info@aule.it

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA PROCEDURA PUBBLICA DI SELEZIONE, PER TITOLI, PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO PER ATTIVITA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea in Allevamento e Salute Animale. Classe di laurea n.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea in Allevamento e Salute Animale. Classe di laurea n. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA Corso di laurea in Allevamento e Salute Animale Classe di laurea n. L-38 DM 270/2004, art. 12 R.D.A. art. 5 RIDD 1 Art. 1 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI 15 BORSE DI STUDIO PER GLI STUDENTI DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA A.A. 2015-16 TRA L Università Ca Foscari

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE LM-51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Regolamento di Ateneo per il riconoscimenti di crediti formativi universitari (CFU)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Regolamento di Ateneo per il riconoscimenti di crediti formativi universitari (CFU) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Regolamento di Ateneo per il riconoscimenti di crediti formativi universitari (CFU) Art. 1 Ambiti d applicazione In attuazione della legislazione vigente (L. 64/2001; L.

Dettagli

Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore

Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore Il tirocinio in Management per il Coordinamento delle Professioni

Dettagli

Facoltà: SCIENZE STATISTICHE Corso: 8053 - FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA (L) Ordinamento: DM270 Titolo: FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA Testo: SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Regolamento

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

PREMESSO TENUTO CONTO

PREMESSO TENUTO CONTO CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PROTOCOLLO D INTESA TRA CONFERENZA DEI RETTORI DELLE UNIVERSITÀ ITALIANE E CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

CAPO III PROFESSIONI SANITARIE NON CONVENZIONALI ESERCITATE DAI LAUREATI IN CHIROPRATICA E DAI LAUREATI IN OSTEOPATIA ART. 14.

CAPO III PROFESSIONI SANITARIE NON CONVENZIONALI ESERCITATE DAI LAUREATI IN CHIROPRATICA E DAI LAUREATI IN OSTEOPATIA ART. 14. CAPO III PROFESSIONI SANITARIE NON CONVENZIONALI ESERCITATE DAI LAUREATI IN CHIROPRATICA E DAI LAUREATI IN OSTEOPATIA ART. 14. (Istituzione delle professioni sanitarie non convenzionali di chiropratico

Dettagli

Assegna i crediti e li trasmette

Assegna i crediti e li trasmette NUOVO SISTEMA ECM L ECM è il processo attraverso il quale il professionista della salute si mantiene aggiornato per rispondere ai bisogni dei pazienti, alle esigenze del Servizio sanitario e del proprio

Dettagli

LINEE GUIDA TFA FISICA

LINEE GUIDA TFA FISICA LINEE GUIDA TFA FISICA PREMESSA La macchina dei TFA si è ormai messa in moto in molte Università italiane e la Commissione Didattica della SIF ha ritenuto opportuno individuare delle linee guida da proporre

Dettagli

quarto ciclo di incontri per conoscere le professioni

quarto ciclo di incontri per conoscere le professioni COSTRUIRE IL FUTURO: PROFESSIONI E INNOVAZIONE quarto ciclo di incontri per conoscere le professioni Il mondo della STATISTICA: 30 novembre 2007 A cura di Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

REGOLAMENTO PER I CREDITI FORMATIVI DEI CORSI SPERIMENTALI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO

REGOLAMENTO PER I CREDITI FORMATIVI DEI CORSI SPERIMENTALI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO REGOLAMENTO PER I CREDITI FORMATIVI DEI CORSI SPERIMENTALI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO Approvato dal Consiglio Accademico in data 4 maggio 2005. Modificato in data 3 dicembre 2009 I. Norme generali Art.

Dettagli

Management delle aziende sanitarie

Management delle aziende sanitarie ANNO ACCADEMICO 2009-2010 BANDO DI CONCORSO Hsfhjgh.jvn.xcbvmn-lòkjbfdgjwà

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Testo: LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE - CLASSE L- 20 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA Questo regolamento è il risultato di riflessioni e aggiornamenti avvenuti a partire dal 1989, anno in cui il Centro di Psicologia e Analisi Transazionale di Milano ha avviato la

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA ART. 1 Denominazione e obiettivi formativi Il Master in Economia e Banca nasce (MEBS) dal rapporto di collaborazione tra 1'Università degli Studi di Siena e la

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Facoltà di Farmacia. viale E. Betti tel. 0737 402456 fax 0737 402456 e-mail farmacia@unicam.it. Consiglio di Facoltà Preside: Prof.

Facoltà di Farmacia. viale E. Betti tel. 0737 402456 fax 0737 402456 e-mail farmacia@unicam.it. Consiglio di Facoltà Preside: Prof. Facoltà di Farmacia viale E. Betti tel. 0737 402456 fax 0737 402456 e-mail farmacia@unicam.it Consiglio di Facoltà Preside: Prof. Maurizio Massi Classe 24 Scienze e Tecnologie Farmaceutiche Corso di Laurea

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; LEGGE 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari. Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Vademecum per i tirocini

Vademecum per i tirocini Vademecum per i tirocini CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN SCIENZE PEDAGOGICHE Approvato dal Consiglio di Dipartimento del 19 maggio 2015 PRESENTAZIONE E

Dettagli

SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE 8059 - MEDIAZIONE LINGUISTICA INTERCULTURALE (L)

SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE 8059 - MEDIAZIONE LINGUISTICA INTERCULTURALE (L) SEDE DI FORLI - Corso: Ordinamento: SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE 8059 - MEDIAZIONE LINGUISTICA INTERCULTURALE (L) DM270 MEDIAZIONE LINGUISTICA INTERCULTURALE Scuola di Lingue

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso

Dettagli

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI ALLEGATO B D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI 2 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI Le caratteristiche strutturali dei percorsi dell IFTS (modularità, unità capitalizzabili,

Dettagli

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Istituto Galileo CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Comunale di Frosinone n. 6 del 2.3.2011 Art. 1 Costituzione e sede. Il Comune di Frosinone

Dettagli

Classe 19 delle lauree in Scienze dell'educazione e della Formazione CORSO DI LAUREA A DISTANZA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Classe 19 delle lauree in Scienze dell'educazione e della Formazione CORSO DI LAUREA A DISTANZA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE Università degli Studi di Padova Facoltà di Scienze della Formazione Classe 19 delle lauree in Scienze dell'educazione e della Formazione CORSO DI LAUREA A DISTANZA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE A.A. 2014/2015 Anno Accademico 2014/2015 I ANNO II ANNO III ANNO E2401P - Scienze e tecniche psicologiche (Classe L-24 D.M. 270/2004) Attivato Attivato

Dettagli

LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO

LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO per la gestione delle richieste degli studenti che intendono usufruire di periodi di studio all estero e per gli studenti

Dettagli