L Attività Motoria nei servizi di salute mentale: evidenze scientifiche e linee guida

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Attività Motoria nei servizi di salute mentale: evidenze scientifiche e linee guida"

Transcript

1 L Attività Motoria nei servizi di salute mentale: evidenze scientifiche e linee guida Alessandra Giuliani 1, Gloria Micacchi 1, Marco Valenti 2 1 Dottorato di Ricerca in Discipline delle Attività Motorie e Sportive, Università dell Aquila 2 Cattedra di Metodologia Epidemiologica, Dipartimento M.I. e Sanità Pubblica, Università dell Aquila ABSTRACT Con crescente evidenza scientifica si impone il bisogno d interventi di supporto per promuovere l attività fisica per persone affette da disturbi psichici con grave disabilità. Questa rassegna discute i principi generali degli interventi da adottare, allo scopo di adattare l attività fisica a questa specifica popolazione. In linea di principio, i pazienti psichiatrici possono partecipare a programmi di allenamento nello stesso modo di individui non affetti, a condizione di non soffrire di disturbi cardiovascolari o patologie infettive. Tuttavia, molti pazienti con disturbi psichici presentano un basso livello di fitness, che influenza la scelta sia dei test di attività fisica che i metodi di allenamento. Le persone affette da gravi problemi mentali sono ad alto rischio di malattie croniche associate a stili di vita sedentari, come diabete e malattie cardiovascolari. Gli effetti conseguenti ad una modifica dello stile di vita nelle malattie croniche sono grandi, e sistematicamente riferiti in letteratura. La dimostrazione di benefici psicologici per popolazioni cliniche deriva da due meta-analisi che mostrano come in pazienti depressi gli effetti dell esercizio siano simili a quelli degli interventi psicoterapeutici. L esercizio può anche diminuire sintomi secondari come bassa autostima e ritiro dalla vita sociale. Sebbene programmi strutturati di gruppo possono essere efficaci per persone con gravi malattie mentali, i cambiamenti dello stile di vita che pongono l attenzione sullo svolgimento di una sistematica attività fisica di moderata intensità distribuita durante l arco della giornata potrebbero essere più appropriati. La ricerca suggerisce che l esercizio è ben accettato da persone con gravi malattie mentali ed è spesso considerato una delle componenti più valide del trattamento. L adesione agli interventi d attività fisica appare confrontabile con quella della popolazione generale.emerge quindi una precisa indicazione a predisporre efficaci interventi basati sull attività fisica nei servizi di salute mentale. Giuliani A, Micacchi G, Valenti M Physical Activity in mental health services: scientific evidence and guidelines Ital J Sport Sci 2005: 12: RASSEGNE E ARTICOLI Growing evidence supports the need for interventions to promote physical activity among persons with serious mental illness. Principles of designing effective physical activity interventions are discussed along with ways to adapt such interventions for this population. In principal, psychiatric patients can participate in training programmes in the same manner as healthy individuals provided that they have no cardiovascular or acute infectious diseases. However, many patients with psychiatric disorders have a low fitness level which influences the choice of exercise testing and training methods. Individuals with serious mental illness are at high risk of chronic diseases associated with sedentary behavior, including diabetes and cardiovascular disease. The effects of lifestyle modification on chronic disease outcomes are large and consistent across multiple studies. Evidence for the psychological benefits for clinical populations comes from two meta-analyses of outcomes of depressed patients that showed that effects of exercise were similar to those of psychotherapeutic interventions. Exercise can also alleviate secondary symptoms such as low self-esteem and social withdrawal. Although structured group programs can be effective for persons with serious mental illness, especially walking programs, lifestyle changes that focus on accumulation of moderate-intensity activity throughout the day may be most appropriate. Research suggests that exercise is well accepted by people with serious mental illness and is often considered one of the most valued components of treatment. Adherence to physical activity interventions appears comparable to that in the general population. Mental health service providers can provide effective, evidence-based physical activity interventions for individuals with serious mental illness. KEY WORDS: attività fisica, esercizio, salute mentale, servizi di salute mentale PREMESSA I benefici psicologici derivanti dallo svolgimento di regolare esercizio fisico sono ben conosciuti. Tuttavia, solo da poco tempo si iniziano a riscontrare in letteratura rassegne e articoli sull impatto dell attività fisica sulla salute di persone mentalmente svantaggiate. Evidentemente, c è un solido razionale nell investimento in attività fisica per la promozione della 116

2 salute nella disabilità psichica grave. Nella popolazione generale è ben documentata una forte associazione tra l attività fisica e la salute mentale (1,2) come pure tra l attività fisica e la salute fisica (3). Le persone che soffrono di gravi malattie mentali, come la depressione maggiore, la schizofrenia e i disturbi bipolari, spesso hanno una salute fisica precaria e sperimentano una significativa disabilità psichiatrica, sociale e cognitiva (4,5). L attività fisica ha il potenziale di migliorare la qualità della vita delle persone con gravi malattie mentali attraverso due vie: il miglioramento della salute fisica e l attenuamento della disabilità psichiatrica e sociale. BENEFICI SULLA SALUTE FISICA L inattività fisica è uno tra i più rilevanti fattori di morbosità e mortalità (3). Confrontate con soggetti attivi fisicamente, le persone sedentarie hanno un sostanziale incremento di rischio di sviluppare diabete (6-8), malattie cardiovascolari (9-12), ipertensione (13-17) e una serie di altre condizioni di disabilità cronica (3). Gli effetti della modifica dello stile di vita nelle malattie croniche, indotti anche da dieta ed esercizio, sono rilevanti e riscontrati in molti studi. Per esempio, il Diabetes Prevention Program, un trial controllato randomizzato multicentrico con più di partecipanti, confronta un intervento intensivo basato su dieta ed esercizio con altri due rami di trattamento, un gruppo con trattamento standard e un gruppo con trattamento basato su metformina. L incidenza di diabete tra i partecipanti assegnati a interventi intensivi sullo stile di vita era del 14% confrontato con il 29% nel gruppo di controllo. Questi risultati presentano almeno un 60% di riduzione del rischio e l effetto dell attività fisica è risultato doppio rispetto all effetto del trattamento standard. Gli effetti dell intervento della dieta e dell esercizio sono risultati così imponenti da indurre l interruzione della sperimentazione in una fase precoce del follow up. I risultati per la prevenzione di una malattia cardiovascolare sono similmente impressionanti e i benefici si sono visti anche tra persone che avevano già manifestato la malattia. In un RCT condotto su persone con una storia di infarto, insufficienza cardiaca, rischi di attacchi cardiaci, i soggetti casualmente assegnati ad un intervento basato sull esercizio mostrarono un tasso di ospedalizzazione e di mortalità di circa il 60% inferiore rispetto ai controlli trattati con lo standard (18). L attività fisica ha un ruolo predominante anche nella perdita di peso e nel ridurre il rischio di aumento di peso nella popolazione generale (19 24). Anche in mancanza di perdita di peso, l attività fisica può dare benefici sostanziali alla salute, ed individui obesi, ma attivi, sono in media più sani di soggetti non obesi ma sedentari (25). Come abiamo dimostrato anche in un nostro studio, le persone con malattia mentale grave sono a rischio più alto di mortalità prematura rispetto alla popolazione generale (26 28). In media le persone con gravi malattie mentali muoiono da 10 a 15 anni prima rispetto alla popolazione generale. Anche se la mortalità in eccesso è dovuta a suicidio e morte fortuita, l ischemia cardiaca è una causa comune di eccesso di mortalità in questa popolazione (29). Il tasso di comorbidità di malattie, come ipertensione, diabete, malattie respiratorie e malattie cardiovascolari è pari al 60% fra persone con gravi malattie mentali (30-32). In uno studio di più di persone trattate nel dipartimento del Veterans Affaire Health System, il 19% di pazienti con schizofrenia, aveva una diagnosi di diabete (33). Questo dato può dipendere in parte dall associazione tra narcolessia atipica e diabete (33,34). Comunque gli individui con schizofrenia non sono solo le uniche persone con gravi malattie mentali che sono a rischio di incremento di diabete. La prevalenza di depressione nei pazienti con diabete è circa doppia rispetto alla popolazione generale, con una prevalenza tra il 15 e il 30% secondo che le stime siano basate sui criteri DSM o sulla presenza di livelli elevati di sintomi depressivi misurati con scale standardizzate (35-37). I BENEFICI DELL ATTIVITÀ FISICA SULLA SALUTE MENTALE L evidenza più convincente dei benefici psicologici dovuti all esercizio viene dalle ricerche sulla depressione. Due recenti meta-analisi riportano un effect-size pari a 0.72 (38) e 1.1 (39) per esercizio vs. assenza di trattamento, ed entrambe mostrano effetti per l esercizio simili a quelli risultanti da altri interventi psicoterapici. Craft e Landers (38) riportano un effetto maggiore in individui con depressione severa. Effetti più modesti ma positivi dell attività fisica sono stati notati per disturbi da ansia generalizzata, fobie, attacchi di panico e disturbi da stress (40). Miglioramenti della qualità della vita e benessere emotivo grazie all attività fisica sono stati riportati anche in assenza di un miglioramento diagnostico ed obiettivo (41-43). L esercizio potrebbe alleviare sintomi secondari della schizofrenia, come depressione e isolamento sociale. Per alcune persone l esercizio può anche essere una strategia utile per ridurre i sintomi positivi come le allucinazioni uditive (41). L attività fisica può avere un ruolo anche nel ridurre l isolamento sociale in persone con gravi malattie mentali. Questo aspetto dell attività fisica resta un area poco conosciuta, anche se alcuni studi suggeriscono che la partecipazione all attività fisica può coinvolgere pazienti inseriti in servizi di salute mentale, promuovere un senso di normalizzazione e offrire op- ANNO 12 - NUMERO

3 portunità sicure per l interazione sociale (44,45). Inoltre, gli utenti del servizio di salute mentale hanno diritto a partecipare alle stesse attività ricreative e di tempo libero, come l attività fisica, di cui fruisce la maggior parte della comunità. EPIDEMIOLOGIA DELL ATTIVITÀ FISICA E MALATTIA MENTALE Individui con gravi malattie mentali sono significativamente meno attivi della popolazione generale (46-48). In un indagine su 140 individui con schizofrenia, nessuno dei rispondenti al questionario aveva svolto alcun esercizio efficace durante la settimana precedente, e solamente il 19% degli uomini e il 15% delle donne riferivano la partecipazione ad almeno una sessione di attività fisica di moderata intensità (46). Questi livelli d attività fisica sono più bassi dei livelli riportati nella popolazione generale. In una coorte di 234 persone con grave malattia mentale, il 12% svolgeva esercizio intenso durante le due settimane precedenti, confrontate con il 35% nella popolazione generale e la partecipazione in esercizi leggeri era significativamente inferiore (47). In un gruppo di 89 persone con disturbo bipolare, solamente il 39% prendeva parte settimanalmente ad attività fisica di moderata intensità durante le quattro settimane precedenti, rispetto al 70% dei controlli di pari età e sesso (48). L interazione tra vita sedentaria, dieta sbilanciata (46-48) e trattamenti farmacologici che inducono aumento di peso (34,49-52), dovrebbe comportare che individui con malattia mentale grave abbiano una più significativa probabilità di essere obesi rispetto alla popolazione generale. In ogni modo studi sulla prevalenza dell obesità in questa popolazione forniscono risultati discordanti, (46,53). Nonostante questi risultati contrastanti è chiaro che l alta prevalenza dell obesità è allarmante tanto per individui con grave malattia mentale quanto per la popolazione generale, ed individui che prendono farmaci antipsicotici possono essere a rischio particolarmente alto di malattie collegate all obesità ( ,55). Gli anti-psicotici di seconda generazione inducono aumento di peso ed aumentino il rischio di diabete (56). Un panel USA ha recentemente raccomandato l attività fisica, consigliando una specifica dieta per tutti i pazienti in soprappeso ed obesi in trattamento. Sebbene non esistano evidenze da RCT, i risultati preliminari suggeriscono che tali interventi nello stile di vita possano ridurre l aumento di peso in questa popolazione (57-58). LIVELLI RACCOMANDATI D ATTIVITÀ FISICA L American College of Sports Medicine (ACSM) ha 118 pubblicato un rapporto che raccomandava un appropriata quantità di esercizio necessaria per raggiungere livelli minimi di benessere fisico (59). Anche se non specifici per le varie disabilità, questi orientamenti descrivono la frequenza, la durata e l intensità di esercizio necessari per sviluppare e mantenere il benessere cardiovascolare e ridurre il grasso corporeo. Secondo gli orientamenti dell ACSM un programma minimo di esercizio dovrebbe consistere in tre sessioni a settimana di minuti. L alternativa a questo approccio strutturato di esercizio è uno stile di vita che si concentra su un accumulo di attività fisica di moderata intensità durante il giorno. CONFRONTO FRA ATTIVITÀ STRUTTURATE E STILE DI VITA ATTIVO Entrambi i tipi di programmi, sia esercizi di base strutturati, supervisionati e di facile esecuzione, che interventi sullo di stile di vita volti a promuovere l introduzione di attività fisiche generiche nel quotidiano, possono essere efficaci per le persone con gravi malattie mentali. I programmi d esercizio strutturati possono assicurare i livelli adatti ed appropriati di attività fisica in un ambiente supervisionato; la loro verifica è evidentemente più immediata rispetto al controllo degli stili di vita. Ci sono in ogni caso alcuni svantaggi tra cui un potenziale costo di attrezzature, spazi e staff. Gli interventi sullo stile di vita migliorano il benessere cardiorespiratorio, hanno un effetto positivo sui fattori di rischio della malattia cardiovascolare e possono essere più efficaci rispetto agli interventi di esercizi strutturati nell aumentare i livelli di attività fisica (17,60-65). La loro flessibilità, il costo più basso e la facile integrazione in orari quotidiani potrebbero essere particolarmente rilevanti per individui con gravi malattie mentali. Inoltre, alcuni individui potrebbero preferire un programma realizzabile in casa piuttosto che spostarsi tre o più volte a settimana, in particolar modo se il trasporto verso la struttura comporta una logistica inadeguata. L attività di camminare, sia sotto forma di passeggiate di gruppo assistite sia copme attività di marcia non assistita in ambiente familiare, costituisce il tipo d esercizio più facile, più sicuro e meno costoso da promuovere ed è anche una delle forme più popolari di esercizio nelle persone affette da malattia cronica. Per esempio, la maggior parte delle persone attive affette da diabete di tipo 2 sceglie il camminare come forma primaria di esercizio (66). Camminare è un attività che pressoché ognuno può fare quasi dovunque. Comunque anche il basso costo della camminata richiede pianificazione, supervisione e valutazione e comporta un tempo di organizzazione. Altre forme di attività fisica di particolare successo a basso costo

4 sono esercizi a basso-impatto video-assistiti e fitness aerobica di gruppo. INTERVENTI ADATTATI Gli interventi d attività fisica sono complessi, nel senso che ci sono molte componenti nella pianificazione che possono contribuire alla loro efficacia. Interventi targettati su specifici gruppi o disegnati su misura per l individuo, che prendono in considerazione età, sesso, stato socio-economico, livello di istruzione, stato di salute, ostacoli all attività e livello di benessere, sono più efficaci per l aumento del livello dell attività fisica di interventi più generici (67-70). Similmente programmi che erogano esercizi attraverso prescrizioni o messaggi motivazionali in forma stampata o attraverso il computer sono più efficaci del solo consiglio interpersonale (71-73). Interventi che si concentrano sull attività fisica intensa come corsa, calcio o gruppi di aerobica, tendono ad avere meno successo degli interventi a moderata intensità, come il camminare (71). Anche se le attività più vigorose migliorano il benessere cardio-respiratorio e rendono più veloce lla perdita di peso, la percentuale di persone che abbandonano tali programmi può essere più alta che con interventi meno intensi. Programmi che impiegano principi per la modifica del comportamento, comprendendo il raggiungimento di un fine, l automonitoraggio, il supporto sociale e la formazione (ovvero il cambiamento del comportamento a piccoli passi) sono più efficaci dei semplici programmi istruttivi. Programmi che incoraggiano l attività fisica durante il tempo libero o una supervisione delle attività a casa sono migliori della partecipazione a programmi a lungo termine (71). AUTOMONITORAGGIO I partecipanti hanno bisogno di fissare delle mete per monitorare i traguardi raggiunti e per cambiare con successo il loro comportamento (74-75). Sfortunatamente l automonitoraggio dell attività fisica nello stile di vita è difficile. Per esempio molte persone sono incapaci di riportare accuratamente quanto camminano e quello che fanno (76,77). La partecipazione a un programma d esercizio strutturato, come un gruppo regolarmente programmato, può essere più facile per attirare le persone, tuttavia è il soggetto che deve essere ben predisposto all iniziativa. Fortunatamente ci sono molti modi poco costosi ed efficaci di aiutare i partecipanti ad auto-esaminare la loro attività fisica. Questi metodi comprendono annotazioni quotidiane, registrazioni web, e metodi obiettivi di misura come contapassi e cardiofrequenzimetri. I contapassi sono poco costosi ed affidabili, apparecchiature facili da usare che possono essere portate tutto il giorno (78). Contano ogni passo fatto dall indossatore e riportano il numero di passi accumulati su un piccolo display incorporato (79,80). I cardiofrequenzimetri sono relativamente poco costosi, affidabili e facili da usare (81,82). Consistono di un nastro elastico portato sul torace ed un orologio che mostra la frequenza cardiaca e forniscono all indossatore risposte sull intensità della sessione d esercizio. Interventi che prevedono l accertamento degli obiettivi sono più efficaci degli interventi basati sull automonitoraggio (71). Il feedback è una componente critica dell automonitoraggio e dell autoregolazione nel cambiare il proprio comportamento per l incremento dell attività fisica (74,75). Diversamente da atleti estremamente addestrati che sono capaci di stime accurate e regolano il loro livello di esercizio, individui sedentari abusano della loro forza e ciò porta rapidamente alla perdita di motivazioni e alla rinuncia. Il feedback è sufficiente a documentare in modo chiaro un incremento graduale, che può essere un potente elemento motivazionale. Contapassi e cardiofrequenzimetri non sono troppo complessi per l uso quotidiano da parte di individui con gravi malattie mentali. LAVORO IN GRUPPO VS. LAVORO INDIVIDUALE Gli interventi di gruppo sono generalmente meno costosi degli interventi uno a uno. Comunque attenzione alle esigenze individuali e obiettivi personalizzati giocano un ruolo importante nel determinare modifiche comportamentali in persone con gravi malattie mentali. Fornire un attenzione individualizzata ai partecipanti è una sfida anche negli interventi di gruppo. Anche se si utilizzano apparecchiature con misurazione diretta come i contapassi, i partecipanti al programma di attività hanno bisogno che i loro sforzi siano riconosciuti e che i loro progressi siano gratificati. Brevi colloqui periodici individuali, revisioni di dati e partecipazione di leader di gruppo nelle sessioni di esercizio sono strategie sicuramente utili. Conferire attestati di partecipazione e svolgere manifestazioni pubbliche sono atti molto utili a fissare un riconoscimento del lavoro svolto dai pazienti. AUTOEFFICACIA Mancanza di conoscenze ed esperienze, di fiducia, bassa motivazione e aspettative eccessive possono impedire l avvio o il mantenimento di adeguati standard di attività fisica. Il conseguimento ed il riconoscimento dei piccoli miglioramenti nell attività fisica, costruiscono gradualmente l auto-efficacia, uno dei più importanti segnali dell adesione ad un programma d attività fisica (83). La filosofia del no pain-no gain ( niente dolore-niente miglioramento ) non costituisce un incentivo alla partecipazione a ANNO 12 - NUMERO

5 programmi di attività motoria per le persone con gravi malattie mentali. L entusiasmo e la competenza dell istruttore fisico sono importanti almeno quanto la prescrizione di esercizio in sé. In considerazione della notevole quantità di problematiche psicologiche, come l eccesso di attenzione sul corpo dovuta ad aumento di peso o a pregresse esperienze traumatiche, è molto importante avere un istruttore per lo svolgimento di esercizi specialistici, in grado di dare un aiuto per superare le barriere dell autostima. Infondere fiducia nella capacità dei partecipanti di recuperare il loro benessere e sviluppare una maggiore capacità di recupero è un compito essenziale per ogni istruttore di gruppi di persone con disabilità psichiatrica. SICUREZZA DEI PARTECIPANTI I problemi di sicurezza, con particolare riferimento ai problemi cardiovascolari acuti, possono essere un ostacolo alla realizzazione dei programmi di attività fisica in popolazioni ad alto rischio. Le attività di moderata intensità, incluso il passeggiare, sono relativamente sicure, ma condizioni preesistenti di rischio possono essere acutizzate dallo svolgimento di esercizio anche a livello moderato. Il Physical Activity Readiness Questionnaire (PAR-Q) (84) è un semplice strumento usato comunemente nei test di ammissione a programmi d attività fisica di moderata intensità (85-87). Individui che hanno fattori di rischio identificati dal PAR-Q dovrebbero avere un autorizzazione medica prima della loro partecipazione a un programma di attività fisica. L esercizio è associato ad altri potenziali rischi, come lesioni muscolo-scheletriche. Il rischio di lesione muscolo-scheletrica può essere minimizzato aumentando gradualmente l intensità e la durata dell attività, più o meno intensa a seconda dei periodi, prevedendo riscaldamento e rilassamento in ogni seduta, e indossando calzature adeguate (88). Le calzature sono particolarmente importanti per individui con diabete, in ragione del rischio di ulcerazioni da neuropatia periferica. Non ci sono complicazioni note dovute alla combinazione di esercizio fisico e trattamento farmacologico psicotropo (89). Tuttavia, in pazienti caratterizzati da sonnolenza e senso di affaticamento indotti da farmaci, l approccio all esercizio fisico deve essere graduale, con una precisa tabella individualizzata di incrementi nel tempo (90). PARTECIPAZIONE Nella popolazione generale, la partecipazione a programmi d attività fisica diminuisce drasticamente dopo sei mesi dall inizio, ce meno della metà prosegue 120 l attività (71). È irrealistico aspettarsi che le percentuali di partecipazione siano migliori in individui con gravi malattie mentali, che per di più affrontano ostacoli supplementari determinati dalla loro malattia. In generale, la nostra esperienza e la letteratura suggeriscono che l esercizio è ben accettato da persone con gravi malattie mentali (91) ed è spesso considerato una delle più valide componenti del trattamento (92). Se i programmi sono accessibili e strutturati all interno dei servizi psichiatrici come parte integrante del trattamento, l adesione sarà paragonabile a quella della popolazione generale (93). Programmi longitudinali che richiedano ai partecipanti di frequentare regolarmente le sessioni di lavoro possono costituire un problema per persone inserite saltuariamente nei servizi, o che attraversano fasi sfavorevoli del decorso clinico, senza considerare problemi legati al trasporto o altri ostacoli che impediscano una presenza regolare. Sono stati recentemente descritti quattro programmi di attività fisica innovativi, implementati all interno di servizi di salute mentale (94): le percentuali di abbandono dei programmi sono risultate simili a quelle della popolazione generale. Tenendo conto dei veri ostacoli alla partecipazione, l adesione può differire in diverse categorie di pazienti, ma il desiderio di aumentare o mantenere i livelli d attività probabilmente non li fa abbandonare (95). L INTEGRAZIONE NEI SERVIZI PSICHIATRICI Uno degli aspetti più difficili nell assistenza alle persone con grave malattia mentale, è il coordinamento efficace dei numerosi operatori dei servizi. L attività fisica, programmata per persone con gravi malattie mentali, dovrebbe essere integrata nei servizi di salute mentale. Ci sono alcune importanti ragioni a sostegno di questa proposta. Anzitutto, gli individui con gravi malattie mentali hanno contatti frequenti con gli operatori dei servizi di salute mentale. Cambiare stili di vita può essere difficile, e il rinforzo frequente della motivazione da parte degli operatori può avere un ruolo critico nell adozione a lungo termine dei programmi e nell ottenimento di regolari livelli di attività fisica. Inoltre, gli ostacoli determinati dalla malattia mentale possono essere affrontati più appropriatamente in presenza di sostegno e di un addestramento. Infine, l attività fisica può avere un ruolo definito nel recupero di un buon livello di salute mentale. I programmi di attività fisica disponibili in centri fitness con assistenza medica generica risultano spesso frammentari e inadeguati per i pazienti psichiatrici (96). Questi interventi a bassa intensità possono risultare del tutto inefficaci anche nella popolazione generale. In ogni caso, quando persone con gravi malattie

6 mentali hanno problemi di salute fisica, il coinvolgimento del personale medico può assicurare che la promozione dell attività fisica rinforzi gli altri interventi volti a migliorare la salute ed il benessere (35). LIMITAZIONE DELLA RICERCA CORRENTE E DIREZIONI FUTURE La ricerca sugli effetti dell attività fisica sulla salute mentale e fisica di persone con gravi malattie mentali è tuttora piuttosto limitata. La ricerca su base sperimentale è molto rara. Negli studi pubblicati, la ridotta dimensione campionaria, la mancanza o la selezione inadeguata dei gruppi di controllo, la mancanza di disegni di randomizzazione rappresentano limitazioni metodologiche gravi e ricorrenti. Si avverte il forte bisogno di disegnare e condurre nuove ricerche quantitative e qualitative finalizzate a fornire strumenti per l incremento dell attività fisica nelle gravi malattie mentali. Tutti le proposte di intervento dovrebbero comunque prevedere un processo di valutazione e revisione. I professionisti di salute mentale interessati ad attuare programmi d attività fisica, possono collaborare con le istituzioni di ricerca per dare accesso non solo ad esperti e a risorse nella programmazione degli esercizi, ma anche alla ricerca della valutazione delle abilità (97). Alcune strategie di successo per l incremento dell attività fisica attraverso modificazioni dello stile di vita, attuate nella popolazione generale, possono essere adottate anche nella popolazione dei pazienti psichiatrici. Questi interventi possono dar luogo a cambiamenti clinicamente significativo in un setting di salute mentale: integrando programmi di attività fisica nei servizi psichiatrici, possiamo migliorare sostanzialmente la salute fisica di persone con gravi malattie mentali e riscontrare anche miglioramenti psicologici e sociali. In definitiva, gli interventi di attività fisica sono una componente critica nell approccio bio-psicosociale all interno dei servizi di salute mentale (98). BIBLIOGRAFIA 1. Biddle SJ, Fox KR, Boutcher SH: Physical Activity and Psychological Well-Being. London, Routledge, Morgan WP: Physical activity and mental health. Washington, DC, Taylor and Francis, US Department of Health and Human Services: Physical Activity and Health: A Report of the Surgeon General. Atlanta, Centers for Disease Control and Prevention, National Center for Chronic Disease Prevention and Health Promotion, 1996 ANNO 12 - NUMERO Childs S, Griffiths C: Severe and enduring mental illness, in Physiotherapy and Occupational Therapy in Mental Health: An Evidence Based Approach. Edited by Everett T, Donaghy M, Fever S. Oxford, Butterworth Heinemann, Goldberg D, Huxley P: Common Mental Disorders: A Biosocial Model. London, Routledge, Knowler WC, Barrett-Connor E, Fowler SE, et al: Reduction in the incidence of type 2 diabetes with lifestyle intervention or metformin. New England Journal of Medicine 346: , Pan XR, Li GW, Hu YH, et al: Effects of diet and exercise in preventing NIDDM in people with impaired glucose tolerance: the Da Qing IGT and Diabetes Study. Diabetes Care 20: , Tuomilehto J, Lindstrom J, Eriksson JG, et al: Prevention of type 2 diabetes mellitus by changes in lifestyle among subjects with impaired glucose tolerance. New England Journal of Medicine 344: , Hu FB, Stampfer MJ, Solomon C, et al: Physical activity and risk for cardiovascular events in diabetic women. Annals of Internal Medicine 134:96 105, Manson JE, Greenland P, LaCroix AZ, et al: Walking compared with vigorous exercise for the prevention of cardiovascular events in women. New England Journal of Medicine 347: , Owens JF, Matthews KA, Raikkonen K, et al: It is never too late: change in physical activity fosters change in cardiovascular risk factors in middle-aged women. Preventive Cardiology 6:22 28, Williams PT: Physical fitness and activity as separate heart disease risk factors: a meta-analysis. Medicine and Science in Sports and Exercise 33: , Haapanen N, Miilunpalo S, Vuori I, et al: Association of leisure time physical activity with the risk of coronary heart disease, hypertension, and diabetes in middle-aged men and women. International Journal of Epidemiology 26: , Hayashi T, Tsumura K, Suematsu C, et al: Walking to work and the risk for hypertension in men: the Osaka Health Survey. Annals of Internal Medicine 131:21 26, Iwane M, Arita M, Tomimoto S, et al: Walking 10,000 steps/day or more reduces blood pressure and sympathetic nerve activity in mild essential hypertension. Hypertension Research 23: , Kokkinos PF, Narayan P, Colleran JA, et al: Effects of regular exercise on blood pressure and left ventricular hypertrophy in African-American men with severe hypertension. New England Journal of Medicine 333: , Moreau KL, Degarmo R, Langley J, et al: Increasing daily walking lowers blood pressure in postmenopausal women. Medicine and Science in Sports and Exercise 33: ,

7 18. Belardinelli R, Georgiou D, Cianci G, et al: Randomized, controlled trial of long-term moderate exercise training in chronic heart failure: effects on functional capacity, quality of life, and clinical outcome. Circulation 99: , Blair SN: Evidence for success of exercise in weight loss and control. Annals of Internal Medicine 119: , Colditz GA, Coakley E: Weight, weight gain, activity, and major illnesses: the Nurses Health Study. International Journal of Sports Medicine 18(suppl 3): S162-S170, Jakicic JM, Marcus BH, Gallagher KI, et al: Effect of exercise duration and intensity on weight loss in overweight, sedentary women: a randomized trial. JAMA 290: , Ross R, Freeman JA, Janssen I: Exercise alone is an effective strategy for reducing obesity and related comorbidities. Exercise and Sport Sciences Reviews 28: , Schoeller DA, Shay K, Kushner RF: How much physical activity is needed to minimize weight gain in previously obese women? American Journal of Clinical Nutrition 66: , Jebb SA, Moore MS: Contribution of a sedentary lifestyle and inactivity to the etiology of overweight and obesity: current evidence and research issues. Medicine and Science in Sports and Exercise 31:S534-S541, Blair SN, Brodney S: Effects of physical inactivity and obesity on morbidity and mortality: current evidence and research issues. Medicine and Science in Sports and Exercise 31:S , Valenti M, Necozione S, Busellu G, Borrelli G, Lepore AR, Madonna R,Altobelli E, Mattei A, Torchio P, Corrao G, Di Orio F. Mortality in psychiatric hospital patients: a cohort analysis of prognostic factors. Int J Epidemiol. 1997;26: Brown S, Inskip H, Barraclough B: Causes of the excess mortality of schizophrenia. British Journal of Psychiatry 177: , Joukamaa M, Heliovaara M, Knekt P, et al: Mental disorders and cause-specific mortality. British Journal of Psychiatry 179: , Lawrence DM, Holman CD, Jablensky AV, et al: Death rate from ischaemic heart disease in Western Australian psychiatric patients British Journal of Psychiatry 182:31 36, Koran LM, Sox HC, Morton KI, et al: Medical evaluation of psychiatric patients. Archives of General Psychiatry 36: , Bartsch DA, Shern DL, Feinberg LE, et al: Screening CMHC outpatients for physical illness. Hospital and Community Psychiatry 41: , Berren MR, Hill KR, Merikle E, et al: Serious mental 122 illness and mortality rates. Hospital and Community Psychiatry 45: , Sernyak MJ, Leslie DL, Alarcon RD, et al: Association of diabetes mellitus with use of atypical neuroleptics in the treatment of schizophrenia. American Journal of Psychiatry 159: , Lean ME, Pajonk FG: Patients on atypical antipsychotic drugs: another high-risk group for type 2 diabetes. Diabetes Care 26: , Piette J, Richardson C, Valenstein M: Addressing the needs of patients with multiple chronic illnesses: the case of diabetes and depression. American Journal of Managed Care 10:41 51, Anderson RJ, Freedland KE, Clouse RE, et al: The prevalence of comorbid depression in adults with diabetes: a meta-analysis. Diabetes Care 24: , Peyrot M, Rubin RR: Levels and risks of depression and anxiety symptomatology among diabetic adults. Diabetes Care 20: , Craft LL, Landers DM: The effect of exercise on clinical depression and depression resulting from mental illness: a meta-analysis. Journal of Sport and Exercise Psychology 20: , Lawlor DA, Hopker SW: The effectiveness of exercise as an intervention in the management of depression: systematic review and meta-regression analysis of randomised controlled trials. British Medical Journal 322: , O Conner PJ, Raglin JS, Martinsen EW: Physical activity, anxiety, and anxiety disorders. International Journal of Sport Psychology 31: , Faulkner G, Biddle S: Exercise as an adjunct treatment for schizophrenia: a review of the literature. Journal of Mental Health 8: , Hutchinson DS, Skrinar GS, Cross C: The role of improved physical fitness in rehabilitation and recovery. Psychiatric Rehabilitation Journal 22: , Skrinar GS, Unger KV, Hutchinson DS, et al: Effects of exercise training in young adults with psychiatric disabilities. Canadian Journal of Rehabilitation 5: , Carter-Morris P, Faulkner G: A football project for service users: the role of football in reducing social exclusion. Journal of Mental Health Promotion 2:24 30, Faulkner G, Sparkes A: Exercise as therapy for schizophrenia: an ethnographic study. Journal of Sport and Exercise Psychology 21:52-69, Brown S, Birtwistle J, Roe L, et al: The unhealthy lifestyle of people with schizophrenia. Psychological Medicine 29: , Davidson S, Judd F, Jolley D, et al: Cardiovascular risk factors for people with mental illness. Australian and New Zealand Journal of Psychiatry 35: , 2001

8 48. Elmslie JL, Mann JI, Silverstone JT, et al: Determinants of overweight and obesity in patients with bipolar disorder. Journal of Clinical Psychiatry 62: , Allison DB, Mentore JL, Heo M, et al: Antipsychoticinduced weight gain: a comprehensive research synthesis. American Journal of Psychiatry 156: , Fontaine KR, Heo M, Harrigan EP, et al: Estimating the consequences of anti-psychotic induced weight gain on health and mortality rate. Psychiatry Research 101: , Green AI, Patel JK, Goisman RM, et al: Weight gain from novel antipsychotic drugs: need for action. General Hospital Psychiatry 22: , McIntyre RS, Mancini DA, Basile VS: Mechanisms of antipsychotic-induced weight gain. Journal of Clinical Psychiatry 62(suppl 23):23 29, Allison DB, Fontaine KR, Heo M, et al: The distribution of body mass index among individuals with and without schizophrenia. Journal of Clinical Psychiatry 60: , Kurzthaler I, Fleischhacker WW: The clinical implications of weight gain in schizophrenia. Journal of Clinical Psychiatry 62(suppl 7):32 37, Weiden PJ, Mackell JA, McDonnell DD: Obesity as a risk factor for antipsychotic noncompliance. Schizophrenia Research 66:51 57, Consensus development conference on antipsychotic drugs and obesity and diabetes. Diabetes Care 27: , Faulkner G, Soundy AA, Lloyd K: Schizophrenia and weight management: a systematic review of interventions to control weight. Acta Psychiatrica Scandinavica 108: , Menza M, Vreeland B, Minsky S, et al: Managing atypical antipsychotic-associated weight gain:12-month data on a multimodal weight control program. Journal of Clinical Psychiatry 65: , The recommended quantity and quality of exercise for developing and maintaining cardiorespiratory and muscular fitness, and flexibility in healthy adults: American College of Sports Medicine position stand. Medicine and Science in Sports and Exercise 30: , Dunn AL, Garcia ME, Marcus BH, et al: Six-month physical activity and fitness changes in Project Active, a randomized trial. Medicine and Science in Sports and Exercise 30: , Andersen RE, Wadden TA, Bartlett SJ, et al: Effects of lifestyle activity vs structured aerobic exercise in obese women: a randomized trial. JAMA 281: , Dunn AL, Marcus BH, Kampert JB, et al: Comparison of lifestyle and structured interventions to increase physical activity and cardiorespiratory fitness: a randomized trial. JAMA 281: , 1999 ANNO 12 - NUMERO Smolander J, Blair SN, Kohl HW, 3rd: Work ability, physical activity, and cardiorespiratory fitness: 2-year results from Project Active. Journal of Occupational and Environmental Medicine 42: , Writing Group of the Premier Collaborative Research Group: effects of comprehensive lifestyle modification on blood pressure control: main results of the PREMIER clinical trial. JAMA 289: , Hagiwara A, Hayashi Y, Nakamura Y, et al: Effects of group- versus home-based walking intervention on lifestyle activity. Japanese Journal of Physical Fitness and Sports Medicine 49: , Krug LM, Haire-Joshu D, Heady SA: Exercise habits and exercise relapse in persons with non-insulindependent diabetes mellitus. Diabetes Educator 17: , Marcus BH, Bock BC, Pinto BM, et al: Efficacy of an individualized, motivationally-tailored physical activity intervention. Annals of Behavioral Medicine 20: , Marcus BH, Forsyth LH: Tailoring interventions to promote physically active lifestyles in women. Women s Health Issues 8: , Strecher V, Wang C, Derry H, et al: Tailored interventions for multiple risk behaviors. Health Education Research 17: , Segar M, Hanlon J, Jayaratne T, et al: Fitting fitness into women s lives: effects of a gender-tailored physical activity intervention. Women s Health Issues 12: , Dishman RK, Buckworth J: Increasing physical activity: a quantitative synthesis. Medicine and Science in Sports and Exercise 28: , Smith BJ, Bauman AE, Bull FC, et al: Promoting physical activity in general practice: a controlled trial of written advice and information materials. British Journal of Sports Medicine 34: , Swinburn BA, Walter LG, Arroll B, et al: The green prescription study: a randomized controlled trial of written exercise advice provided by general practitioners. American Journal of Public Health 88: , Cameron LD, Leventhal H: The Self-Regulation of Health And Illness Behavior. London, Routledge, Boekaerts M, Pintrich PR, Zeidner M: Handbook of Self-Regulation. San Diego, Academic Press, Bassett DR Jr, Cureton AL, Ainsworth BE: Measurement of daily walking distance: questionnaire versus pedometer. Medicine and Science in Sports and Exercise 32: , Welk GJ: Physical Activity Assessments for Health- Related Research. Stanningley, United Kingdom, Human Kinetics, Schneider PL, Crouter SE, Bassett DR: pedometer measures of free-living physical activity: comparison of 123

9 13 models. Medicine and Science in Sports and Exercise 36: , Tudor-Locke C, Bell RC, Myers AM, et al: Controlled outcome evaluation of the First Step Program: a daily physical activity intervention for individuals with type II diabetes. International Journal of Obesity and Related Metabolic Disorders 28: , Tudor-Locke CE, Myers AM: Methodological considerations for researchers and practitioners using pedometers to measure physical (ambulatory) activity. Research Quarterly for Exercise and Sport 72:1-12, Strath SJ, Swartz AM, Bassett DR Jr, et al: Evaluation of heart rate as a method for assessing moderate intensity physical activity. Medicine and Science in Sports and Exercise 32(suppl 9): S465-S470, Seaward BL, Sleamaker RH, McAuliffe T, et al: The precision and accuracy of a portable heart rate monitor. Biomedical Instrumentation and Technology 24:37-41, McAuley E, Blissmer B: Self-efficacy determinants and consequences of physical activity. Exercise and Sport Sciences Reviews 28:85-88, Canadian Society for Exercise Physiology: Physical Activity Readiness Questionnaire, revised Available at 85. American College of Sports Medicine: ACSM s Guidelines for Exercise Testing and Prescription. Baltimore, Lippincott, Williams and Wilkins, Thomas S, Reading J, Shephard RJ: Revision of the Physical Activity Readiness Questionnaire (PAR-Q). Canadian Journal of Sport Sciences 17: , Arraiz GA, Wigle DT, Mao Y: Risk assessment of physical activity and physical fitness in the Canada Health Survey mortality follow-up study. Journal of Clinical Epidemiology 45: , Centers of Disease Control and Prevention: Exerciserelated injuries among women: strategies for prevention from civilian and military studies. Morbidity and Mortality Weekly Report 49:13 33, Martinsen EW, Stanghelle JK: Drug therapy and physical activity, in Physical Activity and Mental Health. Edited by Morgan WP. Washington, DC, Taylor and Francis, Mutrie N, Faulkner G: Physical activity and mental health, in Physiotherapy and Occupational Therapy in Mental Health: An Evidence Based Approach. Edited by Everett T, Donaghy M, Fever S. Oxford, Butterworth Heinemann, Martinsen E: The effects of exercise on mental health in clinical populations, in European Perspectives on Exercise and Sport Psychology. Edited by Biddle S. Stanningley, United Kingdom, Human Kinetics, O Kelly JG, Piper WE, Kerber R, et al: Exercise groups in an insight-oriented, evening treatment program. International Journal of Group Psychotherapy 48:85 98, Martinsen EG: Therapeutic implications of exercise for clinically anxious and depressed patients. International Journal of Sport Psychology 24: , Frontline Reports. Psychiatric Services 56: , Faulkner G, Biddle S: Physical activity and depression: considering contextuality and variability. Journal of Sport and Exercise Psychology 26:3-18, Eden KB, Orleans CT, Mulrow CD, et al: Does counseling by clinicians improve physical activity? A summary of the evidence for the US Preventive Services Task Force. Annals of Internal Medicine 137: , Faulkner G, Biddle S: Exercise and mental health: it s just not psychology! Journal of Sports Sciences 19: , Anthony W, Cohen M, Farkas M, et al: Psychiatric rehabilitation. Boston, Boston University, Center for Psychiatric Rehabilitation,

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Brixia International Conference

Brixia International Conference Brixia International Conference OPEN ISSUES IN THE CLINICAL AND THERAPEUTIC MANAGEMENT OF MAJOR PSYCHIATRIC DISORDERS Brescia, June 11 th -13 th, 2015 Siamo lieti di invitarvi al congresso annuale Brixia

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro.

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro. Behavior-Based Based Safety (B-BS) BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro Italo Viganò Cosa causa gli incidenti Behavior &

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006

un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006 Considerando la diffusione che il diabete sta avendo anche nei Paesi in via di sviluppo, si può prevedere che tra 5 anni non ci saranno più risorse sufficienti al mondo per poter contenere questo grave

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

PREVENZIONE DELLE MALATTIE NON TRASMISSIBILI: Investimenti che funzionanoper promuovere l attività fisica

PREVENZIONE DELLE MALATTIE NON TRASMISSIBILI: Investimenti che funzionanoper promuovere l attività fisica PREVENZIONE DELLE MALATTIE NON TRASMISSIBILI: Investimenti che funzionanoper promuovere l attività fisica Un documento che integra la Carta di Toronto per l Attività Fisica: una Chiamata Globale all Azione.

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane

Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane Area di pratica professionale PSICOLOGIA PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELL ORGANIZZAZIONE E DELLE RISORSE UMANE Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane Classificazione EUROPSY Work

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RACCOMANDAZIONE PER PREVENIRE

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

Come scrivere un articolo scientifico La rassegna

Come scrivere un articolo scientifico La rassegna Come scrivere un articolo scientifico Con il termine "rassegna" si intende una sintesi critica dei lavori pubblicati su uno specifico argomento. Essa, pertanto, va incontro ad una esigenza particolarmente

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

Indicatori positivi: Misurare la salute e la Qualità di vita legata alla Salute

Indicatori positivi: Misurare la salute e la Qualità di vita legata alla Salute Indicatori positivi: Misurare la salute e la Qualità di vita legata alla Salute Prof. Giovanni Capelli Cattedra di Igiene Dipartimento di Scienze Motorie e della Salute Università di Cassino Salute e Qualità

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

NIEbP. Lotta alla sedentarietà e promozione dell attività fisica. Sistema nazionale per le linee guida LINEA GUIDA PREVENZIONE

NIEbP. Lotta alla sedentarietà e promozione dell attività fisica. Sistema nazionale per le linee guida LINEA GUIDA PREVENZIONE NIEbP Network Italiano Evidence based Prevention Lg L I N E A G U I D A Sistema nazionale per le linee guida Lotta alla sedentarietà e promozione dell attività fisica LINEA GUIDA PREVENZIONE Redazione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

EVIDENCE BASED PUBBLIC HEALTH (EBPH): LA PRATICA SOCIO-SANITARIA FONDATA SULLE EVIDENZE

EVIDENCE BASED PUBBLIC HEALTH (EBPH): LA PRATICA SOCIO-SANITARIA FONDATA SULLE EVIDENZE QUALITY MANAGEMENT in sanità EVIDENCE BASED PUBBLIC HEALTH (EBPH): LA PRATICA SOCIO-SANITARIA FONDATA SULLE EVIDENZE Francesco Bricolo 1), Giovanni Serpelloni 1), Maria Elena Bertani 2), Mario Cruciani

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO:

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO: Due mondi, due culture, due storie che si incontrano per dare vita a qualcosa di unico: la scoperta di ciò che ci rende unici ma fratelli. Per andare insieme verso EXPO 2015 Tutt altra storia Il viaggio

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli