Distretti del sapere nell Europa dell Est

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Distretti del sapere nell Europa dell Est"

Transcript

1 Distretti del sapere nell Europa dell Est Gianfranco Giraudo Alexsander Naumow CA FOSCARI FORMAZIONE E RICERCA

2

3

4 DISTRETTI DEL SAPERE NELL EUROPA DELL EST Tutti i diritti riservati Stampa Litocenter snc Limena (Pd) 2003 Unimedia Srl IN COPERTINA, DA SINISTRA: statua dei Santi Cirillo e Metodio dall Università di Banja Luka e immagini dalle Università di Vilnius, Banja Luka, Tallin, Sofia, Ljubliana, Praga.

5 Distretti del sapere nell Europa dell Est Gianfranco Giraudo Alexsander Naumow CA FOSCARI FORMAZIONE E RICERCA

6 Distretti del sapere nell Europa dell Est: una ricerca dedicata alle imprese che multilocalizzano L imprenditore che decide di valutare nuove occasioni e formule di business per acquisire e presidiare attivamente i mercati dei Paesi dell Europa dell Est si trova a dover affrontare un mondo in gran parte sconosciuto sia dal punto di vista economico che da quello culturale e sociale. Favorire la presenza di investimenti diretti dell imprenditoria italiana sui mercati dell Est europeo implica un passaggio strategico: conoscere con chiarezza le potenzialità di sviluppo del Paese d interesse, le dotazioni infrastrutturali sia materiali che immateriali. Uno sviluppo che, nell Europa dell Est come altrove, si basa non solo sulle capacità della manodopera, ma soprattutto sulla spinta propulsiva della conoscenza, dell innovazione, della ricerca applicata al mondo dell industria e dell economia in genere. Costruire una nuova fabbrica in un Paese dell Est europeo significa, quindi, organizzare risorse umane, professionali e capacità tecniche in grado di fare impresa. Non basta. Significa anche trasferire know how e rendere autonomi e competitivi in loco funzionari e manager capaci ed affidabili. Questo contributo, nato dalla sinergia tra Unindustria Venezia e Università Ca Foscari, vuole sottolineare che i cervelli non sempre devono essere importarti dall Italia. Le più importanti Università delle capitali dell Europa dell Est offrono un livello di qualità formativa ed accademica che ha poco da invidiare ai più blasonati Atenei di Parigi, Venezia o Londra. Basta conoscere nel dettaglio i corsi di laurea e di istruzione superiore presenti nei Paesi d interesse per attivare una collaborazione impresa ateneo volta ad individuare professionalità locali di ottimo livello. Questo libretto vuole essere, a tal proposito, uno strumento per conoscere e utilizzare le opportunità offerte da un patrimonio culturale tecnico e scientifico. Lo scopo dell iniziativa è essenzialmente quello di censire gli istituti superiori e le università, i centri di eccellenza e della Ricerca, raccogliendo informazioni soprattutto su: organizzazione interna e settori di attività, rapporti con la società civile, imprese e mondo del lavoro. Gli Autori di questo lavoro hanno voluto incrociare questi dati con quelli sulla situazione socio-politica di ogni singolo Stato, magari con qualche spunto riguardo al rapporto interculturale tra Italia e Paese in esame, per favorire l approccio dell imprenditore italiano. 6

7 Il processo di multilocalizzazione - ossia la creazione di unità locali all estero integrate all azienda madre in Italia - si appoggia sul sapere chi e come sa fare. Una scommessa sul lungo periodo ed una responsabilità quotidiana nel governare l allargamento dell Unione Europea che è pure un occasione di sviluppo per l imprenditoria del Nord Est e italiana in genere, ma anche per molti giovani preparati e per i loro Paesi d appartenenza. Dissipare luoghi comuni e offrire nitidezza sulle prospettive di crescita ed evoluzione dei diversi Paesi costituisce già un primo obiettivo importante. Coglierne il valore aggiunto per la propria azienda e gli elementi di competitività per un Nord che dovrà guardare sempre più ad Est, spetta ora a ciascun imprenditore. Buona lettura. Diego Lorenzon Vice Presidente Unindustria Venezia 7

8

9 Indice Introduzione... 8 Albania Slovenia Croazia Bosnia-Erzegovina Serbia Montenegro Macedonia Bulgaria Romania Ungheria Polonia Repubblica Ceca Slovacchia Estonia Lettonia Lituania Moldova Sintesi

10 Distretti del sapere nell Europa dell Est 10

11 Introduzione Stati presi in considerazione Albania Ex Jugoslavia Slovenia Croazia Bosnia Erzegovina Serbia e Montenegro (ed ex Repubbliche Autonome di Kosovo e Vojvodina) Macedonia Bulgaria Romania Ungheria Polonia Ex Cecoslovacchia Rep. Ceca Slovacchia Ex U.R.S.S. Estonia Lettonia Lituania Moldova Quadro politico Tranne la Moldova, in cui la guerra civile rimane incombente, l Albania e, in certa misura, Serbia Montenegro e Macedonia, per l ancor alta conflittualità interetnica, gli Stati dell Europa Centro Orientale e Danubiano Balcanica sembrano avere un assetto istituzionale più o meno stabile con Parlamenti democraticamente eletti ed accettazione del principio dell alternanza. Slovenia, Ungheria e Polonia sono stati i primi in ordine di tempo e sono attualmente i più affidabili; la Federazione serbo montenegrina è stata l ultima in ordine di tempo. 11

12 Distretti del sapere nell Europa dell Est Più o meno pesanti sono i problemi della transizione politica (che è stata cruenta nella sola Romania): il troppo rapido passaggio alla democrazia ha provocato la sparizione (o, a volte, la mimetizzazione) delle élites preesistenti e portato alla ribalta seconde e terze scelte (un processo analogo, ma molto più traumatico, di quello italiano, dalla Prima alla Seconda Repubblica), oppure le forze di sottogoverno. Sul piano economico è doppio l ordine dei problemi: per tutti i Paesi il passaggio da un dirigismo rigido ad un economia di mercato spesso senza regole; per i Paesi nati dallo smembramrnto di entità multinazionali un processo simile a quello verificatosi dopo la Prima Guerra mondiale con la dissoluzione dell Impero Austro Ungarico, allorché aree economicamente complementari, spesso ad alta specializzazione, si sono trovate prive di materie prime e/o di impianti di trasformazione e/o di mercato. Spesso, tanto sul piano economico quanto su quello politico, la transizione ha significato paradossalmente eliminazione di quanto di buono vi era nel vecchio regime e conservazione degli elementi negativi, quali una pesante burocrazia ed una diffusa corruzione dei quadri medio-alti, che, peraltro, era l unica possibilità di far marciare un economia soffocata dalle pesantezze del sistema. Se nei Paesi a maggioranza cattolica (Slovenia, Croazia, Rep.Ceca, Slovacchia, Ungheria e Polonia) un margine più o meno ampio era lasciato all iniziativa privata, in quelli a tradizione ortodossa il Comunismo era attecchito su un terreno predisposto ad accettarlo, in quanto, per ormai secolare tradizione, il Principe era lo Stato, l unico imprenditore ed il Padre amorevole che soddisfaceva a tutte le esigenze del suo popolo. Quasi tutti i Paesi sono attualmente orientati verso gli USA, dai quali si attendono aiuti economici ed ai quali sono disposti ad offrire incondizionato sostegno politico. 12

13 Introduzione Alcuni indicatori economici e sociali Stato PIL/ab. % PIL % PIL % PIL (US$) I settore II settore III settore Albania Bosnia-Erzegovina n. d. n. d. n. d. Bulgaria Croazia Estonia Lettonia Lituania Macedonia Moldova Polonia Rep. Ceca Romania Serbia Montenegro Slovacchia Slovenia Ungheria Italia Stato Analfabetismo % Calorie/ab./giorno Albania 15, Bosnia-Erzegovina 14, Bulgaria 1, Croazia 1, Estonia 0, Lettonia 0, Lituania 0, Macedonia 5, Moldova 1, Polonia 0, Rep. Ceca n. d Romania 1, Serbia Montenegro 2, Slovacchia n. d Slovenia 0, Ungheria 0, Italia 1,

14 Distretti del sapere nell Europa dell Est Stato pop. pop. pop. consumo disoccuattiva % attiva M/F % urbana % energia/ pazione % ab.kwh Albania 49 59/41 21, ,8 Bosnia-Erzegovina 41 n.d ,4 Bulgaria 55 53/47 69, ,4 Croazia 48 55/45 57, ,1 Estonia 57 52/48 68, ,3 Lettonia 55 51/ Lituania 55 50/50 67,2 12,6 Macedonia 47 58/ ,2 Moldova 51 51/49 46,1 2,1 Polonia 52 54/46 65,6 15 Rep. Ceca 55 53/47 74,7 8,8 Romania 48 54/46 56,2 10,5 Serbia Montenegro 48 57/43 52,2 27,3 Slovacchia 54 54/46 57,4 17,9 Slovenia 49 54/46 50,4 7,4 Ungheria 47 55/ ,4 Italia 38 n. d Stato speranza mortalità infantile abitanti/ Casi AIDS di vita M/F <1anno/>5anni medico per ab. Albania 70/76 15/ ,3 Bosnia-Erzegovina 70/73 3/ Bulgaria 69/76 14,5/ ,6 Croazia 69/76 7,7/9 501 n. d. Estonia 65/76 8,9/ ,9 Lettonia 64/75 10,4/ Lituania 68/78 8,8/ ,3 Macedonia 71/75 15,7/ ,1 Moldova 64/72 17,4/ ,4 Polonia 69/77 8,1/ ,5 Rep. Ceca 71/78 4,1/ ,1 Romania 67/74 18,6/ ,8 Serbia Montenegro 70/75 12,6/ n. d. Slovacchia 69/77 8,6/9 265 n. d. Slovenia 71/79 5,1/ ,2 Ungheria 67/76 9,2/9 76 2,8 Italia 77/83 5,7/ ,5 14

15 Introduzione Istruzione Nel regime socialista l istruzione era obbligatoria e gratuita con cicli tra gli 8 e gli 11 anni, secondo i Paesi; la scuola di base dava di norma un informazione ampia e di buon livello, seppure con un severo controllo ideologico. Il tasso di alfabetizzazione, con qualche differenza tra Paese e Paese, era vicino al 100% e rimane tuttora altissimo, con l eccezione dell Albania e della Bosnia Erzegovina. L accesso all istruzione superiore era a numero chiuso, gli studenti ricevevano una retribuzione, norme severe regolavano la frequenza e gli esami. Il modello prevalente offriva tre livelli: scuole tecniche (sul modello delle Fachhochschulen tedesche) che davano una qualificazione professionale; Istituti pedagogici, che preparavano i futuri insegnanti; Università che preparavano i futuri quadri. I corsi post laurea erano egualmente a numero chiuso. Oggi l istruzione superiore pubblica versa in una crisi, più o meno accentuata secondo i Paesi, per mancanza di fondi, cui si cerca di supplire con accordi di collaborazione e sovvenzioni da parte di Università e Fondazioni straniere (americane soprattutto, ma anche canadesi, inglesi, tedesche, scandinave, etc.). Si registra comunque una proliferazione delle sedi universitarie: singole Stato % PIL per istruzione e ricerca Facoltà o Scuole Superiori Albania 3,1 Tecniche, sorte come sedi staccate di Bosnia Erzegovina n. d. Bulgaria 3,8 grandi Università ottengono lo status Croazia n. d. di Università autonome a pieno Estonia n. d. titolo. Lettonia 6,5 Lituania 5,4 Il processo, già iniziato negli anni Macedonia 5,1 70, continua parallelamente alla Moldova n. d. creazione di sempre più numerose Polonia 8.2 Istituzioni di insegnamento superiore Rep. Ceca 5,1 private locali o emanazione di Romania 4,2 Istituzioni straniere. Serbia Montenegro n. d. Slovacchia 5.0 Slovenia 7,1 Ungheria 5,3 15

16 Distretti del sapere nell Europa dell Est Minoranze Forti correnti nazionalistiche spesso suggerite dall identificazione di ethnos e confessione religiosa interessano quasi tutti i Paesi, così come quasi tutti hanno problemi di minoranze. Nei Paesi della ex-jugoslavia il melting pot dell epoca titoista è un lontano ricordo dopo le pulizie etniche incrociate provocate dal conflitto del In Slovenia la situazione non sembra drammatica, nonostante qualche rivendicazione della minoranza tedesca ed il contenzioso (ereditato, insieme con la Croazia, dalla ex Jugoslavia) con l Italia per le proprietà degli Italiani. In Croazia la minoranza serba già consistente, è stata in parte eliminata o costretta all emigrazione, mentre la parte rimasta difficilmente quantificabile si è mimetizzata. In Bosnia Erzegovina spariti o quasi Ebrei e Zingari resta difficile la convivenza tra i Serbi e la precaria Federazione croato-musulmana. Peraltro molti Musulmani, prima che Tito inventasse la pseudo-etnia musulmana, si definivano Serbi. Mentre le minoranze ungherese e ucraina (rusyna) della Vojvodina non sembrano minacciate, resta esplosiva la situazione del Kosovo, dove la neominoranza serba è minacciata dalla maggioranza locale albanese. Curiosa è la situazione linguistica del serbo-croato, codificato in due varianti alla metà dell Ottocento ed ora scisso in due lingue, mentre bosniaco e montenegrino rivendicano a loro volta l identità di lingue nazionali. Precaria è la situazione in Macedonia, sia sul piano religioso, in quanto la Chiesa ortodossa locale è non-canonica (cioé non riconosciuta dalle altre Chiese ortodosse), sia sul piano etnico per la presenza di una consistente minoranza albanese (otre il 30%). In corso è un intricato gioco politico, difficilmente decifrabile per un osservatore esterno. Per di più, pesa la rivendicazione sul nome e forse non solo da parte della Grecia, dove esisteva una minoranza slava della quale non si hanno ora notizie. In Albania è in corso una guerra linguistica (tra le varianti ghega e tosca), riflesso dello scontro tra i clans del Nord e del Sud. La Romania, dopo le persecuzioni delle minoranze linguistiche e religiose all epoca di Ceau4escu, non sembra avere problemi. Contrariamente a quanto 16

17 Introduzione avvenuto nella ex Jugoslavia, dove la crisi economica ha esasperato le rivalità, la difficile situazione economica sembra aver messo loro la sordina. Il problema, comunque, riguarda quasi esclusivamente la Transilvania, dove esiste una minoranza ungherese in maggioranza calvinista ed una tedesca, cattolica (gli Svevi) e luterana (i Sassoni). Qualche conflitto si registra tra Ortodossi ed Uniati, senza peraltro pericolo di scontri fisici. Il problema più scottante è quello dei rapporti con l Ungheria, dove un piccolo, ma potente, gruppo di estrema destra cerca di far leva su sentimenti revanscisti in Ungheria ed irredentisti in Transilvania. In Bulgaria, prima del 1989, erano riconosciuti come minoranze solo Armeni ed Ebrei, mentre la minoranza turca era stata forzosamente bulgarizzata. Dopo il 1989 una parte di essa era emigrata in Turchia, mentre la parte rimasta ha costituito un partito che è l ago della bilancia della politica bulgara. Singolare è la situazione della Chiesa ortodossa, scissa in due tronconi che si accusano a vicenda di eresia. Se nella Rep.Ceca ed in Ungheria, la situazione appare tranquilla, qualche problema sussiste in Slovacchia: qui Ucraini e Rusyny (in forte conflitto tra di loro) sono favoriti dal Governo centrale ai danni delle minoranze ungherese e tedesca. In Polonia una consistente minoranza ucraina (ortodossa e uniate) è divisa tra il Nord Ovest, dove è stata costretta ad emigrare a forza, e le province orientali di origine. Qui sorge un problema per gli Uniati, che erano nella giurisdizione della diocesi di Leopoli (L viv, Lwów, L vov, Lemberg) in Ucraina: poiché la legge polacca non ammette che cittadini polacchi si trovino a dipendere da una diocesi di un Stato straniero, la regione dei Lemky è stata posta sotto la diretta Amministrazione Apostolica. Nel Nord Est vi è una piccola minoranza bielorussa. Nella Slesia ex tedesca serpeggia qualche tendenza separatista. Nelle Repubbliche baltiche ex-sovietiche, la consistente minoranza russa (che sfiora il 50%), parte di antico insediamento, solo in parte arrivata dopo la Seconda Guerra Mondiale (militari e funzionari sovietici), è sottoposta ad una forte discriminazione: ai suoi membri è richiesto un certificato di conoscenza della lingua ufficiale dello Stato per poter accedere alle cariche pubbliche e godere di alcuni diritti civili. 17

18 Distretti del sapere nell Europa dell Est Stato Cattolici Ortodossi Protestanti Musulmani Altri* Albania 6,2 8,7 84,4 0,7 Bosnia-Erzegovina 18,0 29, ,1 Bulgaria 36,8 13,1 50,1 Croazia 72,2 14,0 0,7 1,2 11,9 Estonia 19,4 13,9 66,7 Lettonia 14,9 7,6 14,6 62,9 Lituania 72,2 2,4 25,4 Macedonia 54,4 29,9 15,7 Moldova 44,4 55,6 Polonia 90,7 1,4 7,9 Rep. Ceca 39,1 0,2 4,0 56,7 Romania 5,1 86,8 8,1 Serbia Montenegro 5,8 62,6 19,0 12,6 Slovacchia 60,4 6,1 33,5 Slovenia 82,7 17,3 Ungheria 63,1 25,4 11,5 *Compresi non dichiarati ed atei Fonte: Calendario Atlante DeAgostini

19 Albania Ottenuta l indipendenza dall Impero Ottomano, il Regno d Albania è stato occupato alla vigilia della Seconda Guerra Mondiale dall Italia, ed il Re d Italia ha assunto il titolo di Re d Albania. Alla fine della Guerra si è in instaurata la dittatura di Enver Hoxha che ha chiuso il Paese in un assoluto isolamento e creato un sistema rigido sino alla paranoia di controllo sulla popolazione: tra le altre cose, era proibita qualsiasi forma di culto religioso, così come era vietata la circolazione di veicoli a motore. Dopo la morte del dittatore si è creato un fragile sistema di democrazia, condizionato da riesplose rivalità tribali, una corruzione diffusa e la presenza di una forte malavita organizzata. Nonostante l instabilità politica endemica, è presente, soprattutto tra i giovani, una forte richiesta di cultura che guarda soprattutto all Italia. Durante il regime la televisione italiana era l unica finestra sul mondo. Vi è un liceo bilingue italiano-albanese a Scutari. Il sistema scolastico di base è così organizzato: Scuola elementare: 4 anni (6 10) Scuola di base: 4 anni (10 14) Scuola secondaria: 4 anni (14 18) Scuola professionale 4 anni (14 18) Scuola di avviamento al lavoro 3 anni (14 17) L istruzione è obbligatoria dai sei ai quattordici anni: il diploma di Scuola secondaria o professionale dà diritto a sostenere l esame d ammissione a Istituti d Istruzione Superiore professionali e tecnici o all Università, questa e quelli a numero chiuso. Il sistema universitario prevede tre livelli: Laurea: 4 6 anni, secondo le Facoltà Specializzazione: 2 3 anni Dottorato: non prevede obbligo di frequenza né di esami, soltanto la preparazione, senza limiti di tempo, di una tesi di dottorato. Nei primi anni del regime gli studenti albanesi venivano mandati a studiare nelle Università dei Paesi socialisti. Nel 1957 viene fondata l Università di Tirana, nella quale confluiscono i preesistenti Istituti d Istruzione Superiore: Economia, Giurisprudenza, Medicina, Pedagogia e il Politecnico. Nel 1991 il Politecnico si stacca dall Università. Sono attivi i seguenti Istituti d Istruzione Superiore: Università di Tirana Accademia di Belle Arti di Tirana Università di Agraria di Tirana Accademia di Sport ed Educazione Fisica di Tirana Scuola Superiore Militare Unificata di Tirana Università Luigj Gurakuqi di Shkoder (Scutari) Università Aleksander Xhuvani di Elbasan Università Eqerem Cabej di Gjirokaster (Argirocastro) Università Fan Noli di Korçe Università Ismail Qemali di Vlore Segnaliamo l Albania Education Development Program sostenuto dalla Fondazione Soros. L università di Tirana ha attualmente le seguenti Facoltà: 19

20 Distretti del sapere nell Europa dell Est Economia Lingue Straniere Scienze Naturali Storia Giurisprudenza Medicina Scienze Sociali Nella Facoltà di Lingue Straniere vengono impartiti insegnamenti di francese, greco, inglese, italiano, russo, tedesco e turco. L università di Scutari conta le seguenti Facoltà: Economia Filologia Giurisprudenza Pedagogia Scienze Naturali Scienze Sociali Storia e Geografia Recentemente è stato costituito un Dipartimento di Italianistica, cui l Università di Firenze fornisce gran parte dei docenti, sul modello del Dipartimento di Germanistica, adottato dall Università di Graz. Nel 1992 la Facoltà di Economia ha stipulato un accordo con l Università del Nebraska per lo sviluppo dei settori: economia di mercato, management e business administration. Nel 2001 si è costituito il Centro Donna Hapar e Lehe in occasione dell incontro della Rete delle Donne del Mediterraneo, del Sud Est Europeo e dei Balcani. L Albania dispone di discrete risorse di materie prime (lignite, petrolio, gas naturale, cromite, minerali ferrosi). L agricoltura è principalmente di sussistenza; diffusa la pesca. I settori industriali principali sono: agro-alimentare, tessile, lavorazione del legno. FONTI Il sito è un eccellente guida, articolata nelle seguenti sezioni: Business Mass-media Guide on line Scommesse Turismo Governo Enti statali Partiti politici Programmi di sviluppo Istituzioni accademiche Sport ONG Eventi Moda Personalia univ.htm 20

21 Slovenia Antico feudo asburgico, la Slovenia è entrata nel 1918 nel regno di Serbia, Croazia e Slovenia e nel 1946 come una delle sei Repubbliche federali della Repubblica Socialista di Jugoslavia. L indipendenza è stata tempestivamente riconosciuta da Italia e Germania ed ha suscitato grande entusiasmo in Vaticano. L istruzione è obbligatoria per dieci anni (6 16). Nella Primorska, dove esiste una consistente minoranza italiana, vi sono scuole con insegnamento solo in italiano, mentre l italiano è materia obbligatoria in tutte le scuole della regione. Nel Prekmurie, dove esiste una consistente minoranza ungherese, l insegnamento è bilingue. Il livello successivo ha tre indirizzi: Ginnasio: quattro anni (15 19); Scuola professionale inferiore: due anni (15 17); Scuola professionale secondaria: tre anni (15 18), con stages presso società ed imprese; Scuola tecnica secondaria: quattro anni (15 19), oppure due anni dopo la Scuola professionale, oppure uno dopo il Ginnasio. Grande importanza ha l educazione musicale, che dura 13 anni (6 19). Vi sono scuole speciali per portatori di handicap e per adulti. Dopo il diploma si può accedere a corsi non universitari professionalizzanti (due/quattro anni) o all Università. Gli studi universitari, cui si accede per concorso, durano quattro/sei anni secondo le Facoltà; Scuole di specializzazione post laurea e Masters due anni, Dottorato tre anni. L Università di Ljubljana (Lubiana), fondata nel 1919, conta attualmente le seguenti Facoltà: Affari Sociali Amministrazione Architettura Biotecnica Economia Elettronica Filosofia Geodesia Giurisprudenza Ingegneria Chimica Ingegneria Civile Matematica e Fisica Medicina Pedagogia Ragioneria e Informatica Scienze Marittime Scienze Naturali Scienze Sociali Sport Teologia Veterinaria Vi sono inoltre le Accademie di Arti Visive, Belle Arti e Musica; la Scuola Superiore di Sanità e quella di Polizia e Sicurezza. Presso l Università hanno sede la Società degli Scultori Sloveni, quella di Didattica nell Insegnamento Superiore e quella dei Giovani Ricercatori. L Università di Maribor ha come fine statutario di partecipare alla creazione di un area intellettuale europea ed al rafforzamento dell identità slovena all interno di 21

22 Distretti del sapere nell Europa dell Est essa. Attualmente conta le seguenti Facoltà: Agraria Economia e Business Giurisprudenza Ingegneria Civile Ingegneria Elettrotecnica Ingegneria Meccanica Pedagogia Pediatria Scienze dell organizzazione Ha inoltre Centri di Matematica Applicata e Fisica Teorica, Insegnamento a Distanza, Innovazione e Ricerca Interdisciplinare. Ha rapporti bilaterali di collaborazione con Università di Albania, Australia, Austria, Bosnia Erzegovina, Croazia, Danimarca, Francia, Germania, Giappone, Italia (Udine e Trieste), Lituania, Polonia, Rep. Ceca, Russia, Serbia Montenegro, Svezia e U.S.A. Quanto alla neonata Università di Koper (Capodistria), abbiamo trovato soltanto la menzione di una Facoltà di Management. L Accademia delle Scienze ed Arti di Slovenia (SAZU) ha per fini statutari: partecipare all elaborazione della politica della ricerca e della creazione artistica; fornire valutazioni, proposte e pareri sullo stato, lo sviluppo e le prospettive della ricerca e della creazione artistica; organizzare l attività di ricerca d intesa con le Università ed altre Istituzioni per la conoscenza del retaggio naturale e culturale del popolo sloveno e lo sviluppo della sua lingua e cultura; sviluppare la collaborazione internazionale nel campo delle scienze e delle arti. Attualmente conta le seguenti sezioni: Belle Arti Scienze Filologiche Scienze Matematiche Fisiche, Chimiche e Tecniche Scienze Mediche Scienze Naturali Scienze Storiche e Sociali La Slovenia è riuscita a tenersi in disparte dalla guerra del , il che ha favorito una crescita economica anticipata rispetto agli altri Paesi dell area, crescita che prosegue a ritmo intenso, con una disoccupazione minore della media europea, ma un inflazione molto alta. La Slovenia è povera di materie prime ed ha un agricoltura limitata dall esiguità dei terreni coltivabili. L industria è ben diversificata: i settori di punta sono le telecomunicazioni ed il farmaceutico; si segnalano la chimica, la metallurgia, la meccanica, il tessile, l alimentare ed il mobile. FONTI

23 Croazia Il medioevale regno di Croazia è stato a lungo oggetto di contesa tra la Repubblica di Venezia ed il Regno d Ungheria: a quest ultimo è toccata la Croazia interna, a quella l Istria e la Dalmazia. Entrambe le regioni hanno seguito le sorti dei rispettivi dominatori, per essere infine riunite sotto il dominio asburgico. Un caso particolare è rappresentato da Ragusa, che per sei secoli ha costituito una ricca e potente Repubblica, annessa nel 1807 all Impero Asburgico. Nel 1918 la Croazia è divenuta parte del Regno di Serbia, Croazia e Slovenia, Repubblica indipendente sotto l egida della Germania nazista tra il 1941 ed il 1945 e, dopo la Seconda Guerra Mondiale, una delle sei Repubbliche federali della Jugoslavia. La dichiarazione unilaterale di indipendenza nel 1991, immediatamente riconosciuta da Italia e Germania e salutata con grande entusiasmo dal Vaticano, ha preceduto di poco l inizio della guerra. Il sistema scolastico croato è stato riformato dopo l indipendenza sulla base di alcuni principi: eliminazione dell ideologia dalla scuola; riforma della legislazione scolastica; carattere nazionale dell insegnamento; introduzione dell insegnamento religioso. Attualmente l istruzione è obbligatoria e uguale per tutti per otto anni (6 14). La scuola secondaria (quattro anni, da 14 a 18) comprende i seguenti indirizzi: - culturale (Grammar School) con quattro curricula: generale, linguistico, classico, scientifico. L accesso avviene in base ad una graduatoria con criteri diversi secondo le scuole. Il diploma di maturità consente l accesso all Università; - artistico, con quattro curricula: musica, danza, arti figurative, disegno; - professionale, con specializzazioni in medicina, economia, commercio e agraria; industria e artigianato (studio parte in classe, parte in laboratorio); scuole del Ministero della Difesa e degli Interni, gestite direttamente dai Ministeri e sottratte alla giurisdizione dell autorità scolastica; - grammar Schools speciali, finalizzate all ottenimento di un International Baccalaureate, bilingui (50% delle materie in croato, 50% in una lingua straniera); - sportive per futuri campioni sportivi. Esistono inoltre scuole per Croati della Diaspora (Americhe, Australia, Nuova Zelanda, Sud Africa), finalizzate all integrazione nei Paesi d immigrazione ed alla preservazione dei caratteri nazionali, alcune finanziate dal Ministero croato dell Istruzione e dello Sport, altre dai Governi dei Paesi ospitanti. Vi sono 260 istituti scolastici per adulti con corsi regolari e per corrispondenza. Per le minoranze nazionali sono previste scuole primarie con insegnamento in cèco, italiano, rusyno, slovacco, ucraino ed ungherese; secondarie in cèco, italiano ed ungherese. Nella transizione dal regime socialista alla tuttora fragile democrazia il sistema universitario, al contrario di quello scolastico, ha subito scarse modifiche. Per l anno in corso sono previste borse di studio statali, di cui per corsi post-laurea. L Università più prestigiosa del Paese è quella di Zagabria, fondata nel 1669 dall Imperatore Leopoldo I e retta dai Gesuiti sino alla soppressione dell Ordine nel 23

24 Distretti del sapere nell Europa dell Est 1773; nel 1776 l Imperatrice Maria Teresa costituì la Regia Scientiarum Academia con Facoltà di Filosofia, Teologia e Giurisprudenza; nel 1874, con decreto dell Imperatore Francesco Giuseppe, prese il nome attuale. Oggi essa conta, oltre alle Accademie di Arte Drammatica, Belle Arti e Musica e ad una Scuola per la formazione degli insegnanti, le seguenti Facoltà: Agraria Architettura Arti Grafiche Biotecnologie Economia Educazione Fisica Educazione Speciale e Riabilitazione Filosofia Geodesia Geologia Giurisprudenza Ingegneria Chimica Ingegneria Civile Ingegneria dei Trasporti Meccanica e Costruzioni Navali Medicina Scienze Forestali Scienze Naturali e Matematica Scienze Politiche Stomatologia Tecnologia Tessile Teologia Cattolica Veterinaria Nella sede staccata di Varazdin vi sono le Facoltà di Informatica e Geotecnica, in quella di Sisak la Facoltà di Metallurgia. Nella Facoltà di Filosofia vengono impartiti insegnamenti di cèco, francese, inglese, italiano, macedone, polacco, russo, slovacco, sloveno, spagnolo, tedesco, ucraino. L Italianistica di Zagabria è di assoluta eccellenza, forse il miglior centro di studi italiani fuori d Italia. La conoscenza dell italiano, sia pure solo a livello colloquiale e in versione veneto-giuliana, era molto diffusa in Dalmazia, così come i dialetti croato-dalmati hanno tuttora un elevata percentuale di termini italiani (veneti). Tra i giovani, viceversa, prevalgono l inglese, e, in minor misura, il tedesco, che resta peraltro la lingua di cultura della Croazia interna. Si nota comunque una certa inversione di tendenza: il Centro Internazionale delle Università Croate di Dubrovnik (Ragusa) organizza da alcuni anni corsi di italiano che hanno sino a 300 studenti. L Università di Zagabria partecipa ai programmi CEEPUS (Central European Exchange Program for University Studies) e Alpe Adria; ha accordi bilaterali con Università di Australia, Austria, Belgio, Bosnia Erzegovina, Bulgaria, Francia, Italia (Trieste, Udine, Padova e Bologna), Germania, Polonia, Rep. Ceca, Slovacchia, Slovenia, Turchia,Ucraina ed Ungheria, nonché accordi multilaterali con Sidney e Parigi IV, con Leoben, Mostar e Maribor. L Università di Zagabria ha promosso la creazione del Centro Internazionale delle Università Croate (ICCU / MSHS) con due sedi in Istria, a Movotun e Brijuni Medulin (Brioni), ed uno a Ragusa. A Movotun vi sono tre centri: per lo studio del Tardo Antico e del Medio Evo, per l editoria e per l architettura. A Brioni vi è un centro di studi archeologici. La sede di Ragusa coordina ed organizza attività didattica e scientifica; in particolare corsi post laurea, scuole estive, congressi e seminari, progetti internazionali (TEMPUS e UNESCO per la conservazione e la ricostruzione di beni culturali), progetti mediterranei, studi su storia e cultura dei Sefarditi, seminari sull integrazione europea, etc. A Ragusa ha sede anche l InterUniversity Centre, fondato nel 1973, che ospita corsi 24

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE nel Circondario anno scolastico 2012/2013 INDICE dei Contenuti Premessa 1. Introduzione 1.1. Come usare questa guida: obiettivi, cosa contiene 1.2. Per gli studenti

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Classificazione Istat dei titoli di studio italiani

Classificazione Istat dei titoli di studio italiani 24 ottobre 2005 Classificazione Istat dei titoli di studio italiani Anno 2003 Nota metodologica 1. INTRODUZIONE In occasione del Censimento 2001 della popolazione, il settore Istruzione dell Istat è stato

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari Lista dei Settri Cncrsuali cn i relativi settri scientific disciplinari 01/A1 - LOGICA MATEMATICA E MATEMATICHE COMPLEMENTARI MAT/01 MAT/04 01/A2 - GEOMETRIA E ALGEBRA MAT/02 MAT/03 01/A3 - ANALISI MATEMATICA,

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Belgio Lo stato è diviso in 3 comunità:

Belgio Lo stato è diviso in 3 comunità: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Ufficio Scolastico Provinciale di Livorno Per poter produrre interventi efficienti ed efficaci, appare

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE 1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE Per secoli l Europa è stata teatro di conflitti, tensioni e divisioni, ma dopo gli orrori della seconda Guerra Mondiale il continente ha visto risorgere

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

NATO. Un solido. Rivista della N. 4. INVERNO 1998 Sped. abb. post. 45% (art. 2 comma 20/B legge 662/96) Filiale di Roma Pubblicazione trimestrale

NATO. Un solido. Rivista della N. 4. INVERNO 1998 Sped. abb. post. 45% (art. 2 comma 20/B legge 662/96) Filiale di Roma Pubblicazione trimestrale NATO Rivista della Un solido ancoraggio per alleati e partner N. 4 INVERNO 1998 Sped. abb. post. 45% (art. 2 comma 20/B legge 662/96) Filiale di Roma Pubblicazione trimestrale AP foto Lettera del Segretario

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

LA GUERRA NEI BALCANI. Le cause recenti

LA GUERRA NEI BALCANI. Le cause recenti LA GUERRA NEI BALCANI Le cause recenti Le responsabilità dello sfacelo della Repubblica federativa jugoslava sono di molti compresi ovviamente i governanti di ciascuna repubblica sorta dalla sua dissoluzione.

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli