Accanto alla vita. Sempre.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Accanto alla vita. Sempre."

Transcript

1 Accanto alla vita. Sempre.

2 Il fondatore BEATO DON CARLO GNOCCHI ( ) È passato alla storia come il padre dei mutilatini. Don Carlo Gnocchi, sacerdote milanese proclamato Beato nel 2009, è certamente una delle personalità più affascinanti della storia italiana, civile ed ecclesiale, del secolo scorso. Nato a San Colombano al Lambro, presso Lodi, nel 1902, perde in giovanissima età il padre e i due fratelli maggiori. Cresce con la madre, a cui resterà profondamente legato. Ordinato prete nel 1925, è assistente d oratorio, prima a Cernusco sul Naviglio e poi, dopo solo un anno, a Milano, nella popolosa parrocchia di San Pietro in Sala, dove si fa apprezzare per la sua intensa attività e per le sue indubbie doti educative. Nel 1936 il cardinale Schuster lo nomina direttore spirituale di una delle scuole più prestigiose di Milano: l Istituto Gonzaga, retto dai Fratelli delle Scuole Cristiane. Allo scoppiare della guerra, cappellano volontario, affronta con cuore di pace, intruppato nella Julia, le montagne fangose dell'albania e della Grecia e poi le lande gelide della steppa russa con gli alpini della Tridentina. Durante l immane tragedia della ritirata si salva per miracolo. Ed è in quei giorni che, assistendo gli alpini feriti e morenti e raccogliendone le ultime volontà, matura in lui la decisione di dedicarsi completamente a un opera di carità che troverà compimento, a guerra finita, nella Fondazione Pro Juventute. Dopo il doloroso pellegrinaggio tra le valli alpine alla ricerca dei familiari dei caduti in Russia e l attività clandestina per salvare vite umane dagli strascichi della guerra civile (imprigionato dalle SS, viene liberato grazie all intervento del cardinale Schuster), assume la direzione dell Istituto Grandi Invalidi di Arosio, dove accoglie i primi orfani. Lì, una sera, una giovane donna disperata gli affida il proprio figlio, mutilato a una gamba: fulminato dai tratti sfigurati di quel piccolo, vittima degli orrori della guerra, don Carlo matura la sua personale e audace risposta alla tragedia del dolore innocente. In pochi anni l'opera cresce prodigiosamente, con collegi in ogni parte d Italia: non semplici ricoveri, ma luoghi tesi a favorire la maturazione affettiva e intellettuale, ricreativa e occupazionale degli assistiti, con interventi chirurgici e cure mediche, ma anche istruzione scolastica e professionale. L ultima impresa di don Gnocchi è l avvio a Milano del Centro Pilota per poliomielitici (vera piaga dell infanzia di quegli anni), straordinaria sintesi della sua metodologia riabilitativa: nel settembre del 1955, partecipa alla posa della prima pietra del complesso, nel quartiere di San Siro. Cinque mesi dopo, aggredito dalla malattia e consumato dalla fatica, don Gnocchi si spegne alla Clinica Columbus. È il 28 febbraio 1956: ha solo 53 anni. Indomito nello spirito, vuole però porre l ultimo sigillo a una vita donata fino all estremo: regalare i propri occhi a due mutilatini ciechi, quando ancora in Italia il trapianto di organi non era regolato dalla legge. 2 Trent anni dopo la morte, il cardinale Carlo Maria Martini ha avviato la causa di canonizzazione. Nel 2002 Giovanni Paolo II, riconoscendone l eroicità delle virtù, lo ha proclamato Venerabile. Il riconoscimento di un miracolo (l episodio, accaduto nel 1979 nei pressi di Como, ha visto protagonista un artigiano elettricista e alpino, incredibilmente sopravvissuto a una mortale scarica elettrica) ne ha permesso la beatificazione, celebrata a Milano, il 25 ottobre 2009, in una piazza Duomo gremita da oltre 50 mila fedeli.

3 La Fondazione Istituita oltre sessant anni fa da don Gnocchi per assicurare cura, riabilitazione e integrazione sociale a mutilatini e poliomielitici, la Fondazione ha progressivamente ampliato nel tempo il proprio raggio d azione e la propria attività, continuando a rispondere - anche con soluzioni innovative e sperimentali - ai bisogni emergenti delle persone più fragili. Grazie a un modello distintivo, finalizzato alla presa in carico globale del paziente nel suo percorso socio-sanitario, oggi la Fondazione accoglie, cura ed assiste: bambini e ragazzi portatori di handicap, affetti da complesse patologie acquisite e congenite; pazienti di ogni età che necessitano di interventi riabilitativi in ambito neuromotorio, cardiorespiratorio e oncologico; persone con esiti di traumi, colpite da ictus, sclerosi multipla, sclerosi laterale amiotrofica, morbo di Parkinson, malattia di Alzheimer o altre patologie invalidanti; anziani non autosufficienti, malati oncologici terminali, pazienti con gravi cerebrolesioni o in stato vegetativo prolungato. Riconosciuta Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS), la Fondazione Don Gnocchi conta oltre operatori, tra personale dipendente e collaboratori professionali, destinatari di una costante azione formativa. L attività si articola in ambito sanitario-riabilitativo (in regime di ricovero residenziale e day-hospital, ambulatoriale e domiciliare), socio-assistenziale (Centri Diurni Integrati, Residenze Sanitario-Assistenziali, interventi domiciliari, ricoveri di sollievo, Centri residenziali per cure palliative) e socio-educativo (Centri Diurni Disabili, Residenze Sanitarie per Disabili, Degenze Diurne Riabilitative, comunità-alloggio, case-vacanza ). Le prestazioni sono erogate in regime di accreditamento con il Servizio Sanitario Nazionale in 29 Centri (a cui si affiancano una trentina di ambulatori territoriali), raggruppati in 8 Poli in nove regioni, con oltre posti letto. Intensa è l attività di ricerca scientifica e di formazione ai più diversi livelli. Riconosciuta Organizzazione Non Governativa (ONG), la Fondazione Don Gnocchi è inoltre impegnata in progetti di solidarietà nei Paesi in via di sviluppo. 3

4 L attività Sanitario-riabilitativa La Fondazione è realtà leader nel settore della riabilitazione. L attività viene svolta in regime di ricovero (residenziale e day hospital), in ambulatorio e a domicilio. La riabilitazione in ambito ospedaliero è contraddistinta da un elevato standard qualitativo ed è affiancata e potenziata da una vasta attività di ricerca scientifica. I protocolli riabilitativi prevedono interventi di tipo multidisciplinare, con il coinvolgimento di diverse figure specialistiche, che operano sulla base di un piano personalizzato, per garantire la miglior qualità di vita possibile alla persona assistita, favorendone il repentino reinserimento familiare e sociale. Gli operatori della Fondazione sono impegnati per la messa a punto di complesse strategie di riabilitazione in ambito neurologico, ortopedico, cardiologico, respiratorio e oncologico, per pazienti dall età evolutiva all età adulta. A queste si aggiunge una vasta attività di riabilitazione di carattere estensivo, rivolta alle persone con handicap o al trattamento di disabilità complesse. A supporto delle attività sanitarie, la Fondazione ha sviluppato una vasta rete di ambulatori polispecialistici, laboratori di analisi e servizi di diagnostica per immagini. Socio-assistenziale Dagli anni Ottanta la Fondazione ha esteso le proprie attività all assistenza agli anziani, specialmente non autosufficienti, intuendo con largo anticipo un esigenza divenuta prioritaria nella nostra società. Oggi tale impegno è una caratteristica qualificante della Fondazione, tanto da rappresentare un vero e proprio modello di riferimento, in una concezione di servizi a rete che valorizza anche le potenzialità alternative al ricovero nelle Residenze Sanitarie Assistenziali, grazie ai Centri Diurni Integrati, ai ricoveri di sollievo, ai mini-alloggi protetti, agli interventi domiciliari In questo contesto si inserisce l esperienza dei custodi sociosanitari e sociali (a Milano e in altre città) per intercettare i bisogni degli anziani soli o ammalati, ma anche dei disabili e delle loro famiglie che vivono situazioni di precarietà o disagio. Negli ultimi anni le attività assistenziali della Fondazione si sono estese anche ai malati oncologici terminali, attraverso l attivazione e la gestione di Centri residenziali per cure palliative (Hospice, con servizi di assistenza domiciliare) e alle persone con gravi cerebrolesioni acquisite o in stato vegetativo prolungato. 4

5 Socio-educativo L approccio educativo verso i giovani disabili, profetica intuizione di don Gnocchi e cuore della mission della Fondazione, continua con rinnovato impegno, coniugando qualità e spirito di servizio, innovazione scientifica e prossimità. Nei Centri l attività è strutturata in scuole materne ed elementari speciali, Centri Socio-Educativi, Centri Diurni, Residenze Sanitarie per Disabili, case-sollievo, comunità alloggio Ai disabili e alle loro famiglie, gli operatori della Don Gnocchi offrono un prezioso supporto educativo-assistenziale. Competenza, sperimentazione e innovazione pedagogica sono orientate ad accogliere e a rispondere ai bisogni degli utenti, a cui sono assicurati sviluppo delle capacità, autonomia, formazione, inserimenti lavorativi costantemente monitorati, integrazione sociale, abitazione e clima di famiglia, gestione del tempo libero e dei fine settimana e progetti sul dopo di noi, al venir meno dei riferimenti familiari I NUMERI La pluralità di servizi erogati dalla Fondazione Don Gnocchi può essere così riassunta: 2 Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) 22 Unità di riabilitazione polifunzionale 9 Unità di riabilitazione ospedaliera 4 Unità per le gravi cerebrolesioni acquisite (GCA) 8 Residenze per anziani non autosufficienti (RSA) 2 Nuclei specializzati nella cura del morbo di Alzheimer 3 Hospice per malati oncologici terminali 2 Case di Cura 2 Centri di Formazione, Orientamento e Sviluppo (CeFOS) 30 Ambulatori territoriali di riabilitazione 3 Centri Diurni Integrati per anziani (CDI) 7 Centri Diurni per Disabili (CDD) 1 Comunità Socio-Sanitaria per disabili (CSS) 3 Residenze Sanitarie per Disabili (RSD) 3 Progetti di custode sociale e socio-sanitario 1 Casa-sollievo per disabili e anziani persone curate o assistite ogni giorno 5

6 Centro IRCCS S. Maria Nascente (1960) Milano Via Capecelatro 66 Polo Lombardia 1 ASL MI Riabilitazione specialistica ospedaliera neurologica, ortopedica, cardiologica, sclerosi multipla - degenza residenziale 120 posti letto - day hospital 4 posti letto Attività ambulatoriale complessa ad alta intensità assistenziale (MAC) Ambulatorio polispecialistico Neuropsichiatria e riabilitazione dell età evolutiva - scuola elementare speciale - ciclo diurno continuo 75 posti letto - riabilitazione di mantenimento 4 posti letto - servizio di riabilitazione ambulatoriale Medicina di Laboratorio Medicina dello Sport Analisi della Funzione Locomotoria Laboratorio di ricerca di Medicina Molecolare e Biotecnologie Centro di Innovazione e Trasferimento Tecnologico (CITT) Servizio di Biometria ed Epidemiologia (SeBIE). DAT (Domotica, Ausili, Terapia Occupazionale) Ambulatori territoriali a Bollate, Canegrate, Cologno Monzese, Nerviano, S. Stefano Ticino e Sesto San Giovanni Settore Socio-Educativo - Residenza Sanitaria Disabili (RSD) 45 posti letto - Centro Diurno Disabili (CDD) 120 posti - Pronto intervento e sollievo 6 posti letto Casa vacanza per disabili e anziani - Comune di Pozzolengo (BS) Accanto al Centro IRCCS S. Maria Nascente sorge il Santuario diocesano del beato don Carlo Gnocchi, che conserva l urna con le spoglie mortali del padre dei mutilatini. Il Santuario, con annesso museo alla memoria, è aperto alla visita dei fedeli tutti i giorni, dalle ore 9 alle 18. Centro Peppino Vismara-Don Gnocchi (2013) Centro Diurno Disabili (CDD) Comunità Socio-Sanitaria per disabili (CSS) Riabilitazione ambulatoriale ASL MI 30 posti 8 posti letto 6 Milano Via Dei Missaglia 117

7 Centro Fondazione Don Gnocchi (1998) ASL Lodi Ambulatori territoriali a Lodi Vecchio, Crema e Casalpusterlengo Lodi Via Saragat 7 Centro Multiservizi (2010) Residenza Sanitaria Disabili (RSD) Centro Diurno Disabili (CDD) Ciclo Diurno Continuo (CDC) ASL MI1 20 posti letto 30 posti letto 30 posti letto Legnano (MI) Via Colli di S. Erasmo 29 Centro S. Maria alla Rotonda (1949) ASL CO Ciclo Diurno Continuo (CDC) 25 posti letto Riabilitazione Età Evolutiva - Centro Diurno Disabili (CDD) 18 posti letto Ambulatori territoriali a Como e Guanzate Inverigo (CO) Via privata D Adda 2 Centro S. Maria alle Fonti (1962) ASL PV Residenza Sanitaria Assistenziale 41 posti letto Unita Operativa Complessa Riabilitativa (UOCR): - Riabilitazione specialistica 30 posti letto - Riabilitazione generale e geriatrica 35 posti letto Residenza Sanitaria Disabili (RSD) 40 posti letto Casa Alloggio per Disabili Gigi Spezia 6 posti letto Servizio ambulatoriale di neuropsichiatria e Riabilitazione età evolutiva Salice Terme (PV) Viale Mangiagalli 52 7

8 Istituto Palazzolo - Don Gnocchi (1998) Milano Via Don Palazzolo 21 Polo Lombardia 2 ASL MI Residenza Sanitaria Assistenziale 599 posti letto di cui Nucleo spec. Alzheimer, Nucleo spec. Stati Vegetativi e Malattie neurodegenerative 78 posti letto Centro Diurno Integrato 30 posti Centro Residenziale Cure Palliative (Hospice) 10 posti letto Casa di Cura: - U.O. Medicina 20 posti letto - U.O. Medicina a indirizzo oncologico 14 posti letto - U.O. di Riabilitazione oncologica 13 posti letto - U.O. di Riabilitazione specialistica 40 posti letto - U.O. Cure sub acute 20 posti letto - Macroattività Ambulatoriale Complessa (MAC) oncologica 4 posti tecnici Riabilitazione Generale e geriatrica (RGG) 75 posti letto - Nucleo a pagamento dedicato (medico/riabilitativo/ambulatoriale) 6 posti letto Ambulatorio polispecialistico Servizio sociale Unità di Valutazione Alzheimer Unità di Valutazione geriatrica Centro odontoiatrico Servizi territoriali: Assistenza Domiciliare Integrata (ADI), custodi sociali Centro Girola - Don Gnocchi (1998) Residenza Sanitaria Assistenziale per anziani (RSA) di cui Nucleo spec. Alzheimer Riabilitazione Generale e Geriatrica (RGG) Centro Diurno Integrato (CDI) Unità di Valutazione Alzheimer (UVA) ASL MI 105 posti letto 20 posti letto 20 posti letto 30 posti Milano Via Girola 30 Centro S. Maria al Monte (1992) Residenza Sanitaria Assistenziale per anziani (RSA) Riabilitazione Generale e Geriatrica (RGG) Ambulatorio territoriale a Varese ASL VA 176 posti letto 20 posti letto 8 Malnate (VA) Via Nizza 6

9 Polo Lombardia 3 Centro S. Maria al Castello (1949) Residenza Sanitaria Assistenziale per anziani (RSA) Degenza Diurna Continua Scuola Speciale Riabilitazione generale e geriatrica Ambulatori territoriale a Melzo, Peschiera Borromeo, San Donato Milanese, San Giuliano Milanese e Segrate ASL MI2 87 posti letto 45 posti 20 posti letto Pessano con Bornago (MI) Piazza Castello 22 Centro Spalenza - Don Gnocchi (2006) Riabilitazione specialistica ospedaliera neurologica, ortopedica, cardiologica, pneumologica, gravi cerebrolesioni acquisite Attività di cura per pazienti subacuti Attività ambulatoriale complessa ad alta intensità assistenziale (MAC) Riabilitazione Generale e Geriatrica (RGG) Rovato (BS) Ambulatorio polispecialistico Largo Paolo VI ASL BS 110 posti letto 10 posti letto 10 posti 10 posti letto Centro Ronzoni Villa Don Gnocchi (2008) ASL MB Residenza Sanitaria Assistenziale per anziani (RSA) 92 posti letto Mini alloggi protetti per anziani 17 mini-alloggi di cui 2 riservati alle suore in servizio al Centro Riabilitazione di Mantenimento Età Evolutiva 36 posti letto Ambulatori territoriali a Barlassina, Monza, Lentate e Vimercate Seregno (MB), Via Piave 12 Hospice S. Maria delle Grazie (1999) Centro residenziale per cure palliative Cure Palliative Domiciliari (CPD) ASL MB 20 posti letto Monza Via Montecassino 8 9

10 Polo Piemonte-Liguria Centro S. Maria ai Colli (1950) ASL TO 1-2 Riabilitazione specialistica neurologica, ortopedica Ambulatori territoriali a Torino (via Livorno) 66 posti letto Torino Viale Settimio Severo 65 Presidio Ausiliatrice - Don Gnocchi (2005) ASL TO 1-2 Riabilitazione specialistica Gravi Cerebrolesioni Acquisite 50 posti letto Ambulatorio polispecialistico Torino Via Peyron 42 Polo Riabilitativo del Levante Ligure (2002) Riabilitazione specialistica ospedaliera con Unità GCA neurologica, ortopedica, cardiorespiratoria Servizio di psicologia Laboratorio Analisi del movimento ASL 5 SPEZZINO 66 posti letto Sarzana (SP) Ospedale San Bartolomeo Via Cisa Vecchia 10

11 Polo Emilia Romagna-Marche Centro S. Maria ai Servi (1949) AUSL PR Riabilitazione specialistica ospedaliera cardiologica, neurologica, ortopedica - degenza residenziale 76 posti letto - degenza diurna 4 posti letto Riabilitazione extraospedaliera 20 posti letto Ambulatorio polispecialistico Parma Piazzale Dei Servi 3 Centro Bignamini - Don Gnocchi (1989) ASUR AN Riabilitazione specialistica extraospedialiera con Scuola Speciale - degenza residenziale 50 posti letto - degenza semiresidenziale 40 posti letto Unità speciale per le gravi disabilità in età evolutiva 10 posti letto Riabilitazione ambulatoriale età evolutiva Ambulatori territoriali ad Ancona (via Brecce Bianche e via Rismondo), Torrette di Ancona, Camerano, Osimo, Senigallia e Fano Falconara M.ma (AN) Via Matteotti 56 11

12 Centro IRCCS Don Carlo Gnocchi (2011) Firenze Via di Scandicci Loc. Torregalli Polo Toscana USL 10 FI Riabilitazione specialistica ospedaliera 70 posti letto neurologica, ortopedica, cardiologica, pneumologica, patologie vertebrali Gravi Cerebrolesioni Acquisite (GCA) 25 posti letto Riabilitazione extraospedaliera - degenza residenziale 70 posti letto - degenza diurna 10 posti letto Centro Don Gnocchi (2011) USL 7 SI Colle Val d Elsa (SI) Via delle Casette 64 Centro S. Maria alla Pineta (1957) Riabilitazione specialistica ospedaliera cardiorespiratoria Riabilitazione extraospedaliera Degenza Diurna Centro residenziale cure palliative (Hospice) più 10 posti letto per accompagnatore Centro Sportivo Polifunzionale per Disabili Marina di Massa (MS) Via Don Gnocchi 24 Polo Specialistico Riabilitativo (2013) Riabilitazione specialistica ospedaliera USL 1 MS 45 posti letto 111 posti letto 50 posti letto 10 posti letto USL 1 MS 32 posti letto 12 Fivizzano (MS) Ospedale S. Antonio Abate Salita San Francesco

13 Polo Lazio-Campania Nord Centro S. Maria della Pace (1950) ASL RME Riabilitazione specialistica ospedaliera 30 posti letto neurologica, ortopedica, pneumologica, patologie degenerative e vascolari, algie vertebrali Riabilitazione extraospedaliera - degenza residenziale 55 posti letto - degenza diurna 105 posti letto Roma Via Maresciallo Caviglia 30 Centro S. Maria della Provvidenza (2003) ASL RME Residenza Sanitaria Assistenziale per disabili 60 posti letto Riabilitazione extraospedaliera - degenza residenziale 60 posti letto Centro di eccellenza per malati di Alzheimer e pazienti affetti da patologie dementigene 30 posti letto Roma Casal del Marmo 401 Polo Specialistico Riabilitativo (2006) Riabilitazione specialistica ospedaliera neurologica, ortopedica, cardiorespiratoria, gravi cerebrolesioni acquisite Riabilitazione ambulatoriale Assistenza Domiciliare Riabilitativa Intensiva (ADRI) ASL AV 111 posti letto 5 posti letto Sant Angelo dei Lombardi (AV) Ospedale G. Criscuoli Via Quadrivio 13

14 Polo Basilicata-Campania Sud Centro S. Maria al Mare (1951) ASL SA Salerno Via Leucosia 14/16 Centro Gala - Don Gnocchi (2005) Riabilitazione specialistica ospedaliera neurologica, ortopedica Riabilitazione ambulatoriale ASL PZ 64 posti letto Acerenza (PZ) Contrada Gala Polo Specialistico Riabilitativo (2006) Riabilitazione specialistica ospedaliera neurologica, ortopedica Residenza Sanitaria Assistenziale per anziani (RSA) Riabilitazione ambulatoriale Ambulatorio territoriale a Ferrandina ASL MT 64 posti letto 20 posti letto Tricarico (MT) Presidio Ospedaliero ASM Via delle Matine 14

15 Ricerca scientifica e tecnologica La Fondazione Don Gnocchi riserva grande spazio alla ricerca scientifica negli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) di Milano e Firenze e in parecchi altri Centri. Questi, in collegamento con università ed enti di ricerca nazionali e internazionali, sono specializzati nei settori biomedico, biotecnologico e delle nanotecnologie, oltre che nella sperimentazione clinica per individuare nuovi metodi e nuovi strumenti per il recupero dei deficit e la riduzione delle condizioni di disabilità. La ricerca, con il suo bagaglio di ricadute applicative, è in costante raccordo con le attività cliniche e assistenziali. Tale approccio multidisciplinare ha consentito la realizzazione di progetti avanzati in campo bioingegneristico nei settori neurologico, ortopedico e cardiorespiratorio. A Milano è attivo il CITT (Centro di Innovazione e Trasferimento Tecnologico), dipartimento interdisciplinare finalizzato alla ricerca, all applicazione e alla formazione sulle tecnologie avanzate per la medicina e la riabilitazione. Sono inoltre operativi il Servizio DAT (Domotica, Ausili e Terapia Occupazionale), che dispone di un attrezzata casa domotica, dotata dei più sofisticati dispositivi tecnologici al servizio delle persone con disabilità e il SIVA (Servizio Informazione Valutazione Ausili), la principale rete italiana in grado di fornire orientamento e consulenza nella scelta di ogni tipo di ausilio, supportata da un portale Internet (www.siva.it) che, grazie alla Don Gnocchi, si è integrato con analoghe esperienze di Paesi della comunità europea (www.eastin.eu). 15

16 Formazione La Fondazione attribuisce grande importanza alla dimensione formativa. Nell ambito della formazione professionale, la Don Gnocchi offre corsi per disabili fisici, mentali e sensoriali, insieme a progetti finalizzati al loro inserimento lavorativo, costantemente monitorato, corsi per figure professionali operanti nel mondo della disabilità e dell assistenza e corsi per il personale della scuola, finalizzati agli interventi di sostegno. Da anni la Fondazione partecipa alle iniziative promosse dall Unione Europea nell ambito della formazione e dell integrazione lavorativa delle persone disabili. Funzione centrale e pilota in tale settore è svolta dal CeFOS (Centro di Formazione Orientamento e Sviluppo) con sede a Milano e Roma. Nel settore della formazione continua, numerose iniziative sono rivolte al personale sanitario, assistenziale, educativo, tecnico e amministrativo della Fondazione e a partecipanti esterni. Una parte consistente rientra nei progetti di Educazione Continua in Medicina (ECM), che la Fondazione progetta ed eroga su tutto il territorio nazionale in qualità di Provider Nazionale accreditato dal ministero della Salute. In convenzione con la facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Milano, la Fondazione è sede didattica e di tirocinio di sette corsi di laurea triennale delle professioni sanitarie: infermieristica, educazione professionale, fisioterapia, terapia occupazionale, tecniche di neurofisiopatologia, terapia della neuropsicomotricità dell età evolutiva e logopedia. Offre inoltre tirocini formativi per i corsi di laurea magistrali e per scuole di specializzazione, corsi di perfezionamento post-laurea e master di specializzazione. Da segnalare, infine, l attività di consulenza per enti e istituzioni pubbliche e private, anche a livello internazionale. 16

17 Solidarietà internazionale Internazionale per vocazione, negli ultimi anni la Fondazione Don Gnocchi ha esteso il proprio campo di intervento oltre i confini nazionali, nel contesto di iniziative pubbliche e private, in particolare dove i bisogni sono più intensi e meno tutelati. Nel 2001 ha ottenuto dal ministero degli Affari Esteri il riconoscimento quale Organizzazione Non Governativa (ONG), acquisendo l idoneità per realizzare programmi a breve e medio termine nei Paesi in via di sviluppo e svolgere la formazione in loco dei cittadini. Tale riconoscimento ha contribuito alla crescita della capacità della Don Gnocchi di assistere e servire persone in difficoltà nei loro bisogni più urgenti, grazie allo sviluppo di progetti realizzati con risorse sia interne che esterne. La Don Gnocchi ha così valorizzato la propria esperienza e la generosità dei propri operatori realizzando strutture per l assistenza e la riabilitazione di bambini disabili e centri educativi e scolastici in Bosnia-Erzegovina e in Ecuador e accompagnandone lo sviluppo; strutture di chirurgia pediatrica ortopedica e di riabilitazione in Rwanda, Burundi e in Sierra Leone; progetti di promozione umana e di formazione sul tema della disabilità in Kosovo, Georgia, Tibet e nello Sri Lanka. Il Progetto Ospitalità consente invece di accogliere in Italia (spesso in famiglie di dipendenti Don Gnocchi ) per cure chirurgiche e riabilitative bambini cardiopatici provenienti da Albania e Zimbabwe. Nuovi progetti sono stati avviati in Tunisia e Bolivia e altri sono in fase di studio in diverse nazioni povere del mondo. 17

18 Per saperne di più Strumenti e percorsi di approfondimento Carlo Gnocchi, Gli Scritti ( ), Àncora-Fondazione Pro Juventute, Giorgio Cosmacini, «La mia baracca». Storia della Fondazione Don Gnocchi, Laterza, Carlo Gnocchi, Dio è tutto qui. Lettere di una vita, Mondadori, Stefano Zurlo, L Ardimento. Racconto della vita di don Gnocchi, Rizzoli, Carlo Gnocchi, Poesia della vita. Pensieri, a cura di Angelo Bazzari e Oliviero Arzuffi, Ed. San Paolo, Carlo Gnocchi, Cristo con gli alpini, Mursia, Sergio Toppi (tavole), Don Gnocchi (biografia a fumetti), Ed. San Paolo, 2009 Edoardo Bressan, Don Carlo Gnocchi. Una vita al servizio degli ultimi, Mondadori, Vincenzo Russo, Se il destino è contro di me Peggio per il destino, Mursia, Luisa Bove, Don Carlo Gnocchi, Edizioni Paoline, Roberto Parmeggiani, Don Carlo Gnocchi. Imprenditore della carità, Ed. San Paolo, Carlo Gnocchi, Restaurazione della persona umana, Editrice Vaticana, Emanuele Brambilla, Don Gnocchi. Il prete che cercò Dio tra gli uomini, Centro Ambrosiano, Ennio Apeciti, Li amò sino alla fine, Centro Ambrosiano, Emanuele Brambilla, «...e d ora in poi sia chiamato beato». Don Carlo Gnocchi. I volti, le immagini, le emozioni del 25 ottobre 2009, Mursia, Barbara Garavaglia, Malato di infinito, Centro Ambrosiano, I Quaderni della Fondazione Don Gnocchi, collana per pazienti e famiglie Missione Uomo, rivistra quadrimestrale Amis, notiziario bimestrale e news letter mensile on line Per altro materiale informativo sul beato don Gnocchi e sull attività della sua Opera in Italia e nel mondo è possibile contattare il Servizio Comunicazione e Relazioni Esterne della Fondazione Don Gnocchi (Milano, p.le R. Morandi 6-02/

19 Come sostenere la Fondazione Don Gnocchi Amis, ve raccomandi la mia baracca È possibile sostenere la Fondazione Don Gnocchi facendo una donazione con una delle seguenti modalità: CON BOLLETTINO POSTALE Conto Corrente Postale n Intestato a Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus, piazzale R. Morandi, MILANO CON BONIFICO BANCARIO Intestato a Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus Banca PROSSIMA (Gruppo Intesa Sanpaolo) - Filiale Milano Codice IBAN: IT60E CON ASSEGNO BANCARIO (non trasferibile) Intestato a Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus, spedito in busta chiusa a: Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus, piazzale R. Morandi MILANO ON-LINE CON CARTA DI CREDITO Le erogazioni liberali fatte alla Fondazione Don Gnocchi da persone fisiche o da enti soggetti all imposta sul reddito delle società sono deducibili dal reddito imponibile nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato e nella misura massima di euro l anno (art. 14, D.L. 35/2005). LASCITI TESTAMENTARI Sono disponibili una guida cartacea e un sito internet con informazioni e approfondimenti utili CINQUE PER MILLE Nella dichiarazione dei redditi, nel riquadro dedicato al sostegno delle Onlus o in quello per la ricerca sanitaria, indicare il codice fiscale della Fondazione: Informazioni e contatti: Servizio Fundraising - Fondazione Don Gnocchi Tel. 02/ mail: 19

20 POLO LOMBARDIA 1 IRCCS S. Maria Nascente Via Capecelatro, 66 Milano - tel Centro S. Maria alla Rotonda Via privata d Adda, 2 Inverigo (CO) - tel Centro S. Maria alle Fonti Viale Mangiagalli, 52 Salice Terme (PV) - tel Centro Fondazione Don Gnocchi Via Saragat Lodi - tel Centro Multiservizi Via Colli di S. Erasmo, 29 Legnano (MI) - tel Centro Vismara - Don Gnocchi Via Dei Missaglia, 117 Milano - tel POLO LOMBARDIA 2 Istituto Palazzolo - Don Gnocchi Via Don L. Palazzolo, 21 Milano - tel Centro Girola - Don Gnocchi Via C. Girola, 30 Milano - tel Centro S. Maria al Monte Via Nizza, 6 Malnate (VA) (tel ) POLO LOMBARDIA 3 Centro S. Maria al Castello Piazza Castello, 22 Pessano con Bornago (MI) tel Centro Ronzoni Villa - Don Gnocchi Viale Piave, 12 Seregno (MB) - tel Centro S. Maria delle Grazie Via Montecassino, 8 Monza - tel Centro E. Spalenza - Don Gnocchi Largo Paolo VI Rovato (BS) - tel POLO PIEMONTE-LIGURIA Centro S. Maria ai Colli Viale Settimio Severo, 65 Torino - tel Presidio Ausiliatrice - Don Gnocchi Via Peyron, 42 Torino - tel Polo Riabilitativo del Levante ligure Ospedale S. Bartolomeo Via Variante Cisa, 39 Sarzana (SP) - tel POLO EMILIA ROMAGNA - MARCHE Centro S. Maria ai Servi Piazzale dei Servi, 3 Parma - tel Centro E. Bignamini - Don Gnocchi Via G. Matteotti, 56 Falconara M.ma (AN) tel POLO TOSCANA IRCCS Don Carlo Gnocchi Via Di Scandicci loc. Torregalli Firenze - tel Centro Don Gnocchi Via delle Casette, 64 Colle Val d Elsa (SI) tel Centro S. Maria alla Pineta Via Don Carlo Gnocchi, 24 Marina di Massa (MS) tel Polo specialistico riabilitativo Ospedale S. Antonio Abate Salita S. Francesco Fivizzano (MS) - tel POLO LAZIO - CAMPANIA NORD Centro S. Maria della Pace Via Maresciallo Caviglia, 30 Roma - tel Centro S. Maria della Provvidenza Via Casal del Marmo, 401 Roma - tel Polo specialistico riabilitativo Ospedale civile G. Criscuoli Via Quadrivio Sant Angelo dei Lombardi (AV) tel POLO BASILICATA CAMPANIA SUD Centro Gala - Don Gnocchi Contrada Gala Acerenza (PZ) - tel Polo specialistico riabilitativo Presidio Ospedaliero ASM Via delle Matine Tricarico (MT) - tel Centro S. Maria al Mare Via Leucosia, 14 Salerno - tel Febbraio 2014 Sede legale - Presidenza: MILANO piazzale R. Morandi, 6 (tel ) Direzione Generale: MILANO via C. Girola, 30 (tel ) Direzione Scientifica: Milano Via A. Capecelatro, 66 (tel ) Servizio Comunicazione e Relazioni Esterne: Milano Piazzale R. Morandi, 6 (tel )

ACCANTO ALLA VITA. SEMPRE. Volontari in Fondazione Don Gnocchi

ACCANTO ALLA VITA. SEMPRE. Volontari in Fondazione Don Gnocchi ACCANTO ALLA VITA. SEMPRE. Volontari in Fondazione Don Gnocchi La Fondazione Don Gnocchi Il ruolo del Volontariato Istituita nel secondo dopoguerra da Don Carlo Gnocchi, oggi beato, per assicurare cura,

Dettagli

STATUTO. Atto Costitutivo

STATUTO. Atto Costitutivo Atto Costitutivo STATUTO Sede legale: piazzale Rodolfo Morandi n. 6-20121 MILANO tel. 02.40308.900-912 - Fax 02.40308.927 Iscritta al n. 644 del Registro delle Persone Giuridiche - Prefettura di Milano

Dettagli

ORIENTAMENTO IN USCITA

ORIENTAMENTO IN USCITA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA SEDE DI AOSTA ORIENTAMENTO IN USCITA Azienda USL Valle d Aosta Casa di Riposo G.B. Festaz Casa di riposo Refuge Père Laurent Casa di Riposo Domus Pacis Casa per la salute

Dettagli

Centro di LODI AMBULATORI DI. l Lodi Vecchio. l Casalpusterlengo. l Crema CARTA DEI SERVIZI

Centro di LODI AMBULATORI DI. l Lodi Vecchio. l Casalpusterlengo. l Crema CARTA DEI SERVIZI Centro di LODI AMBULATORI DI l Lodi Vecchio l Casalpusterlengo l Crema CARTA DEI SERVIZI Indice Amis, ve raccomandi la mia baracca... pag. 3 Il Centro Ambulatori di Lodi Vecchio, Casalpusterlengo e Crema

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

Centro di LODI AMBULATORI DI. l Lodi Vecchio. l Casalpusterlengo. l Crema CARTA DEI SERVIZI

Centro di LODI AMBULATORI DI. l Lodi Vecchio. l Casalpusterlengo. l Crema CARTA DEI SERVIZI Centro di LODI AMBULATORI DI l Lodi Vecchio l Casalpusterlengo l Crema CARTA DEI SERVIZI Indice Amis, ve raccomandi la mia baracca... pag. 3 Il Centro Ambulatori di Lodi Vecchio, Casalpusterlengo e Crema

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte Il Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione dell ASL 9: una rete di servizi ospedaliera, territoriale e domiciliare per l utente con necessità di riabilitazione e assistenza L intervento riabilitativo

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi Titolo del Workshop La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad Abstract / sintesi degli interventi Presentazione Il workshop, partendo dalla presentazione dei

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

1) Accreditamento dei servizi socio sanitari

1) Accreditamento dei servizi socio sanitari Allegato 17 Linee di indirizzo per i servizi socio-sanitari e di riabilitazione afferenti alla competenza della Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale 1) Accreditamento dei servizi socio sanitari

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative

Terapia del dolore e cure palliative Terapia del dolore e cure palliative { Legge 38/10 e alcuni dati sulla sua applicazione Dott. Angelo G. Virtuani Ordine dei Medici Chirurghi Monza Sabato 9 novembre 2013 Legge N.38 del 15/03/2010 - G.U.

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

V Convegno Internazionale Medico Cura Te Stesso Sopravviverà la medicina all abbandono della clinica? 25 27 giugno 2009

V Convegno Internazionale Medico Cura Te Stesso Sopravviverà la medicina all abbandono della clinica? 25 27 giugno 2009 Sessione Parallela OSPEDALI RELIGIOSI: UN OPERA PUBBLICA LA FONDAZIONE DON CARLO GNOCCHI Gianbattista Martinelli Vice Direttore Generale e Responsabile Area Formazione e Sviluppo della Fondazione Don Carlo

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

RESEARCH INSTITUTE FOR AGEING

RESEARCH INSTITUTE FOR AGEING RESEARCH INSTITUTE FOR AGEING Gli uomini, per vecchi, malati e fragili, sono persone che hanno il diritto di essere rispettate. Ho fatto tutto questo perché anch io ho raggiunto il traguardo della vecchiaia

Dettagli

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE Brescia, 7 novembre 2011 Enrico Zampedri, direttore generale Alessandro Signorini, direttore sanitario Contenuti dell intervento

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

ASSOCIAZIONE. Sede Pasian di Prato, UD

ASSOCIAZIONE. Sede Pasian di Prato, UD ASSOCIAZIONE Sede Pasian di Prato, UD L Associazione La Nostra Famiglia, fondata dal Beato Luigi Monza nel 1948, è un ente ecclesiastico con personalità giuridica riconosciuta con decreto del Presidente

Dettagli

Corso di Laurea in Fisioterapia

Corso di Laurea in Fisioterapia Corso di Laurea in Fisioterapia Corso di Laurea in Fisioterapia Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia: Prof. Massimo Clementi Presidente del Corso di Laurea: Prof. Piero Zannini PRESENTAZIONE Il

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

Centro di Riabilitazione DON CARLO GNOCCHI. Colle Val D Elsa (SI) CARTA DEI SERVIZI

Centro di Riabilitazione DON CARLO GNOCCHI. Colle Val D Elsa (SI) CARTA DEI SERVIZI Centro di Riabilitazione DON CARLO GNOCCHI Colle Val D Elsa (SI) CARTA DEI SERVIZI Indice Amis, ve raccomandi la mia baracca... pag. 3 Il Centro di Riabilitazione Don Carlo Gnocchi l Cenni storici pag.

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giulia Fabiano Indirizzo Via Miglioli 75, Soresina, Cr Telefono 3394508370 E-mail giuliafabiano@virgilio.it

Dettagli

NUOVE STRUTTURE DI CURE INTERMEDIE E RIORGANIZZAZIONE DEI POSTI LETTO DI TEMPORANEITA

NUOVE STRUTTURE DI CURE INTERMEDIE E RIORGANIZZAZIONE DEI POSTI LETTO DI TEMPORANEITA NUOVE STRUTTURE DI CURE INTERMEDIE E RIORGANIZZAZIONE DEI POSTI LETTO DI TEMPORANEITA Dr. Mario Marin Responsabile S.D.D. Residenzialità Extraospedaliera Progetto riordino temporaneità Nell ambito delle

Dettagli

La RSA come modello di cura intermedia

La RSA come modello di cura intermedia Un modello di governance sociosanitaria nel territorio: il punto unico di accesso e la presa in carico della persona La RSA come modello di cura intermedia Relatore: Maria Assunta Pintus Direttore RSA

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1 All'interno del progetto riabilitativo, il programma riabilitativo definisce le aree di intervento specifiche, gli obiettivi a breve termine, i tempi e le modalità di erogazione degli interventi, gli operatori

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA DEFINIZIONE E UTENZA: L Unità Operativa di Riabilitazione Generale in Regime Diurno Continuo, accreditata presso il

Dettagli

www.fondazionehumanitas.it

www.fondazionehumanitas.it al servizio del malato e della sua famiglia www.fondazionehumanitas.it LA FONDAZIONE Sostenere e promuovere la qualità di vita del malato e della sua famiglia durante e dopo l esperienza in ospedale. E

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale OSPEDALE 88 Dipartimento di Salute Mentale Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO PSICHIATRIA CENTRO PSICO SOCIALE (CPS) E AMBULATORI PERIFERICI Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci AREA MATERNO INFANTILE ED ETÀ EVOLUTIVA (1) Assistenza di tipo consultoriale

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie Roma, 25 Novembre 2014 Tiziana Sabetta Nulla rende più fragile e vulnerabile una famiglia dell esordio di una malattia

Dettagli

CENTRO S. MARIA AI COLLI. Torino CARTA DEI SERVIZI

CENTRO S. MARIA AI COLLI. Torino CARTA DEI SERVIZI CENTRO S. MARIA AI COLLI Torino CARTA DEI SERVIZI Indice Amis, ve raccomandi la mia baracca... pag. 3 Il Centro S. Maria ai Colli pag. 4 Cenni storici pag. 5 Il Centro oggi pag. 6 La degenza pag. 8 I Servizi

Dettagli

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE Dr Mauro Bandera Oncologo I progressi nella terapia dei tumori hanno portato ad una sopravvivenza a 5 anni dei 2/3 dei pazienti e di circa la metà a 10 anni dalla diagnosi.

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

ASSISTENZA HOSPICE: UNA NUOVA REALTA NELL ASL BT

ASSISTENZA HOSPICE: UNA NUOVA REALTA NELL ASL BT ASSISTENZA HOSPICE: UNA NUOVA REALTA NELL ASL BT G. Lella (1), F. V. Rizzi (2), C. Crapolicchio (1), L. N. Visaggio (1), D. Ancona (2) 1. Servizio di Farmacovigilanza; 2. Area Gestione Servizio Farmaceutico

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il contesto normativo regionale DGR 7328 del 11 dicembre 2001 Individuazione della rete regionale

Dettagli

Medico. maria.menichetti@sanita.marche.it. Laurea in Medicina e Chirurgia

Medico. maria.menichetti@sanita.marche.it. Laurea in Medicina e Chirurgia INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome MENICHETTI MARIA Data di Nascita 28/05/1961 Qualifica Medico Amministrazione ASUR AREA VASTA 4 FERMO Incarico attuale UOS Riabilitazione Ospedaliera Numero telefonico

Dettagli

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Conferenza Stampa Cure intermedie: attivi 6 posti all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Mercoledì 17 settembre 2014 - ore 11.30 Sala riunioni Servizio Attività Tecniche AUSL di Parma Via Spalato

Dettagli

Conferenza Stampa. Nasce il Polo Neurologico. interaziendale. diretto da Enrico Montanari

Conferenza Stampa. Nasce il Polo Neurologico. interaziendale. diretto da Enrico Montanari Conferenza Stampa Nasce il Polo Neurologico interaziendale diretto da Enrico Montanari Martedì 15 dicembre 2015 ore 11.00 Sala Riunioni Direzione Generale AUSL di Parma Alla Conferenza Stampa sono presenti:

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI C A R T A D E I S E R V I Z I D E L L E CURE DOMICILIARI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Via Maresciallo Giardino 20 20037 Paderno Dugnano MI tel. 02/99038571 fax 02/9186247 E-mail: curedomiciliari@clinicasancarlo.it

Dettagli

corso di laurea in INFERMIERISTICA

corso di laurea in INFERMIERISTICA corso di laurea in INFERMIERISTICA a.a. 00/005 Corso di laurea triennale in Infermieristica INFORMAZIONI GENERALI Classe di appartenenza: Professioni sanitarie infermieristiche e professione sanitaria

Dettagli

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854 CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE DOTT. VITO CORRAO Informazioni personali Data di nascita 9 agosto 1955 Luogo di nascita Mazara del Vallo (TP) Codice fiscale CRR VTI 55M09 F061M Comune iscrizione liste

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

LA RIABILITAZIONE IN ADI

LA RIABILITAZIONE IN ADI Azienda USL3 di Pistoia LA RIABILITAZIONE IN ADI LA RIABILITAZIONE DOPO ICTUS E FRATTURA FEMORE IN TOSCANA Firenze 17 Aprile 2012 Franco Giuntoli UORRF Aziendale Simone Bonacchi UORF Zona Distretto Pistoiese

Dettagli

Fondazione Santa Chiara Centro multiservizi per la popolazione anziana Onlus

Fondazione Santa Chiara Centro multiservizi per la popolazione anziana Onlus Carta dei Servizi RSA aperta Fondazione Santa Chiara Centro multiservizi per la popolazione anziana Onlus 1 INDICE Destinatari p. 3 Descrizione dell unità d offerta p. 3 Modalità di erogazione delle prestazioni

Dettagli

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo vigente alla data del 22 febbraio 2013 D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l'art.

Dettagli

ALBA SOLIDARIETA SOCIALE

ALBA SOLIDARIETA SOCIALE BROCHURE INFORMATIVA ATTIVITA SVOLTE 1989-2008 ASSISTENZA DOMICILIARE PRIVATA Alba Solidarietà Sociale dal 1989 ha effettuato servizi di assistenza domiciliare a pazienti affetti da patologie psichiatriche,

Dettagli

Residenze Sanitarie Assistenzali. Fondazione Manuli 2013

Residenze Sanitarie Assistenzali. Fondazione Manuli 2013 Fondazione Manuli 2013 Residenze Sanitarie Assistenzali La è una Struttura residenziale finalizzata all accoglienza, cura e recupero funzionale di Persone anziane parzialmente o totalmente non autosufficienti

Dettagli

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie La Regione Lombardia in data 06 agosto 2008 con D.G.R.n. 8/7915 ha pubblicato il decreto relativamente a Determinazione in ordine al miglioramento quali-quantitativo dell assistenza garantita a persone

Dettagli

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 Excursus legislativo sulla palliazione Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 1 Legge 39/99 Stabilisce l adozione di un programma

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Istituto Tumori Toscano ITT

Istituto Tumori Toscano ITT Istituto Tumori Toscano ITT Il percorso normativo Azione Progr. per l oncologia 1998 P.S.R. Istituzione Coordinamento Rete Oncologica 2001 P.S.R. 2002 Istituto Toscano Tumori Istituzione delle UU.OO. di

Dettagli

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009.

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie  presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009. C U R R I C U L U M P R O F E S S I O N A L E Giorgi Federica nata a Velletri il 05.05.1950. Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico

Dettagli

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata)

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Università degli Studi di Foggia C.di L. nella Professione Sanitaria di INFERMIERE ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Dott. Cristiano Capurso Definizione L'Assistenza Domiciliare Integrata è una forma

Dettagli

Versione aggiornata al 01/07/2014, approvata dal Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci

Versione aggiornata al 01/07/2014, approvata dal Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci Piano operativo per l attuazione degli interventi in materia di gravi e gravissime disabilità o anziani non autosufficienti previsti dalla DGR n. 740/2013 Versione aggiornata al 01/07/2014, approvata dal

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE TERZA SESSIONE IL PERCORSO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE: I NODI DELLA RETE Giovanna Beretta Dirigente Struttura Complessa Medicina Fisica e Riabilitativa. A.O. Niguarda, Milano Buongiorno a tutti. Ringrazio

Dettagli

Le Cure Palliative a Milano

Le Cure Palliative a Milano Le cure palliative per il malato oncologico A.O. H S. Paolo, 11 maggio 2002 Le Cure Palliative a Milano Ruolo del non profit: la formazione degli operatori e l informazione l della cittadinanza Bruno Andreoni

Dettagli

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI Giovan Francesco Nagli detto il Centino (not. 1638-1675) Sant Ubaldo libera un ossessa Azienda USL Rimini Stefano De Carolis Dal CeDeM alla ReteDem Responsabile Aziendale del Progetto Demenze per il territorio

Dettagli

Famiglia e solidarietà sociale

Famiglia e solidarietà sociale 20 21 Famiglia e solidarietà sociale e dei prezzi in vigore. Le RSA sono diffuse su tutto il territorio regionale. Sul sito www.famiglia.regione.lombardia.it si può accedere a un area nella quale vengono

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD Il bambino con malattie rare, croniche e complesse, presenta

Dettagli

INFORMATIVA AI CITTADINI

INFORMATIVA AI CITTADINI INFORMATIVA AI CITTADINI per le persone fragili Regione Lombardia ha definito modalità e strumenti di intervento, in particolare a favore di: - persone in condizione di dipendenza vitale - persone portatrici

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

E. SPALENZA DON GNOCCHI

E. SPALENZA DON GNOCCHI Centro E. SPALENZA DON GNOCCHI Rovato (BS) CARTA DEI SERVIZI Indice Amis, ve raccomandi la mai baracca... pag. 3 Il Centro E. Spalenza - Don Gnocchi l Il Centro pag. 4 l Cenni storici pag. 5 l La struttura

Dettagli

GNOCCHI» IL PROGETTO E LE MODALITÀ DI MISURAZIONE DEI

GNOCCHI» IL PROGETTO E LE MODALITÀ DI MISURAZIONE DEI EHEALTH 4 ALL «PREVENZIONE DELLA DISABILITÀ NELL ANZIANO: L APPROCCIO INNOVATIVO INTEGRATO DI FONDAZIONE DON GNOCCHI» IL PROGETTO E LE MODALITÀ DI MISURAZIONE DEI RISULTATI PROGETTUALI ING. G. POZZA DIRETTORE

Dettagli

Corso La complessità in geriatria

Corso La complessità in geriatria Corso La complessità in geriatria Argomento La complessità dell assistenza domiciliare Materiale didattico Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI 11 marzo 2011 Dalle cure domiciliari

Dettagli

pastorale della salute diocesi di brescia

pastorale della salute diocesi di brescia pastorale della salute diocesi di brescia PROGRAMMAZIONE 2009/2010 Un solo pane, un unico corpo FORMAZIONE E SPIRITUALITÀ Formazione pastorale nelle comunità parrocchiali, gruppi, associazioni Se un membro

Dettagli

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione FONDAZIONE BELLARIA WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione RSA E CReG: UN NUOVO MODELLO DI INTEGRAZIONE DEI SERVIZI TERRITORIALI Castellanza, 24 marzo 2015 a

Dettagli

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione Dott. Giovanni Battista Bochicchio Direttore Centro Integrato Medicina dell Invecchia Dott. Gianvito Corona Resp. Unità di Terapia del Dolore, Cure Palliative e Oncologia Critica Terr Un punto unico di

Dettagli

MISURA B1 - PERSONE CON DISABILITA GRAVISSIMA

MISURA B1 - PERSONE CON DISABILITA GRAVISSIMA Piano operativo per l attuazione degli interventi in materia di gravi e gravissime disabilità o anziani non autosufficienti previsti dalla DGR n. 740/2013 Regione Lombardia con DGR n. 740 del 27/09/2013

Dettagli

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA 1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Nella tabella riepilogativa, per le singole tipologie erogative di carattere socio sanitario, sono evidenziate, accanto al richiamo alle prestazioni sanitarie, anche

Dettagli

proposta di legge n. 262

proposta di legge n. 262 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 262 a iniziativa del Consigliere Marangoni presentata in data 16 ottobre 2012 DISPOSIZIONI SULLA PET THERAPY pdl 262 REGIONE MARCHE 2 ASSEMBLEA

Dettagli

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base Prof. A. Mistretta Il medico di medicina generale (MMG) Garantisce l assistenza sanitaria Si assicura di promuovere e salvaguardare la salute in un rapporto

Dettagli

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime Rete sanitaria delle ASL Reti della sussidiarietà Rete delle RSA Le tre Reti a regime 1997 1999 2002 2004 2001 2004 2008 Soffermiamo l attenzione sul titolo: GOVERNO DELLA RETE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

Le attività di prevenzione nella Regione Sicilia

Le attività di prevenzione nella Regione Sicilia Le attività di prevenzione nella Regione Sicilia I piani di intervento e di assistenza alla popolazione nelle Città di Palermo e Catania. Estate 2007 S. Scondotto A. Marras Il Sistema Nazionale di Sorveglianza

Dettagli

o.mauri.hsgerardo.org

o.mauri.hsgerardo.org F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MAURI ORNELLA IRMA Indirizzo A.O. SAN GERARDO VIA PERGOLESI, 33 20052 MONZA Telefono 039 2333486 Fax E-mail

Dettagli