L Università a Mantova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Università a Mantova"

Transcript

1 L Università a Mantova Vademecum 2007

2 Università degli Studi di Pavia Politecnico di Milano Università degli Studi di Brescia

3 I soci fondatori della Fondazione Università di Mantova Provincia di Mantova Comune di Mantova Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Mantova Confindustria Mantova Con il contributo di Regione Lombardia Fondazione Monte dei Paschi di Siena Fondazione Banca Agricola Mantovana Fondazione Cassa di Risparmio di Verona Vicenza Belluno e Ancona Fondazione Cariplo Fondazione Comunità Mantovana Onlus Fondazione Banca del Monte di Lombardia Fondazione Istituto Giuseppe Franchetti

4

5 Gentile studentessa e gentile studente, penso che la voglia di crescere culturalmente, acquisendo in maniera consapevole gli strumenti scientifici e i metodi per operare significativamente nella società, debba trovare una risposta adeguata e qualificata da parte delle istituzioni. 5 L Università va incontro a questa esigenza di crescita, con un insieme molteplice di risposte. Frequentare con altri studenti un corso di studi universitari, infatti, porta a un arricchimento personale unico, non solo in termini di contenuti, ma anche di relazioni e di esperienze. Lo sviluppo del Sistema Universitario Mantovano è fatto di persone, docenti, studenti, professionisti, tecnici e amministratori, e di scelte che promuovono un modello a misura di studente, con percorsi di studio aggiornati e proficui. L impegno primario e costante della Fondazione Università di Mantova è quello di garantire allo studente la qualità della formazione, seguendo un progetto che, di anno in anno, viene scelto da un numero crescente di giovani. A te, che inizi questo progetto, porgo il mio più cordiale benvenuto. Dott. Giuseppe Pacchioni Presidente Fondazione Università di Mantova

6

7 Indice Indice Indice Il Sistema Universitario di Mantova 9 La Fondazione Università di Mantova 9 La storia 10 Le finalità 10 Gli organi della Fondazione Università di Mantova 10 Le attività di ricerca 11 Il Campus universitario 11 Principali cariche ed organi universitari 11 Perché scegliere Mantova 13 Il corpo docente 13 Indagine sull occupazione dei laureati mantovani 7 La riforma universitaria 16 I crediti e i debiti formativi 17 La prova finale 18 Informazioni generali Servizi per gli studenti 19 Biblioteca 20 Palestra 20 Alloggi per studenti 21 Sportello Uninforma

8 L offerta formativa 22 I corsi di laurea 23 Corso di Laurea in Architettura e Produzione Edilizia 26 Corso di Laurea in Scienze dell Architettura 29 Corso di Laurea Magistrale in Architettura Indice 32 Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio 35 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica 38 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria per la Gestione del Territorio e dell Ambiente 42 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria dei Sistemi e dei Servizi per il Territorio e per l Ambiente 8 48 Corso di Laurea in Educazione Professionale 51 Corso di Laurea in Fisioterapia 54 Corso di Laurea in Infermieristica 57 Corso di Laurea in Tecniche di radiologia medica, per immagini e radioterapia La formazione superiore e post-laurea 60 Corsi di perfezionamento e di aggiornamento 61 Attività di ricerca 63 Corsi di formazione permanente Corso di formazione al trattamento della dislessia in ambito educativo 65 Master universitari di I e II livello 66 Iniziative seminariali e di approfondimento tematico 67 Convegni 70 Dipartimento per l innovazione del sistema agroalimentare 72 Centro Studi Innovazione e Sviluppo 73 Centro Linguistico d Ateneo 76 Istituto Superiore di Scienze Religiose San Francesco 79 Lezioni di Cultura Ebraica 81 Le nostre sedi

9 Il Sistema Il Sistema Universitario di Universitario Mantova di Mantova La Fondazione Università di Mantova La Fondazione Università di Mantova, costituita il 20 dicembre 2001 e riconosciuta dalla Regione Lombardia, promuove e gestisce la crescita del Sistema Universitario Mantovano, favorendo iniziative didattiche e di ricerca rivolte alle attese di sviluppo e di innovazione del tessuto produttivo del territorio. I soci fondatori della Fondazione Università di Mantova sono la Provincia di Mantova, il Comune di Mantova, la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Mantova e l Associazione degli Industriali della Provincia di Mantova. Il Sistema Universitario di Mantova 9 La storia L Università a Mantova è presente dal La Fondazione Università di Mantova si sostituisce al Consorzio Universitario Mantovano, attivo dal 1992 al 2001, proseguendone l attività. Il primo corso di studio avviato è il diploma universitario in Ingegneria dell Ambiente e delle Risorse, promosso dall Università degli Studi di Pavia, Facoltà di Ingegneria. A questo si aggiungono, nel corso degli anni, il diploma universitario in Edilizia del Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura, e quindi il diploma universitario in Ingegneria Informatica promosso dall Università degli Studi di Pavia, Facoltà di Ingegneria e il corso di laurea quinquennale in Architettura UE del Politecnico di Milano. La crescita del Sistema Universitario Mantovano è accompagnata dall introduzione dei nuovi corsi di laurea triennale e dall ampliamento dell offerta formativa post-diploma e post-laurea. Entra nel Sistema Universitario Mantovano anche l Università degli Studi di Brescia con il Polo Socio-sanitario della Lombardia orientale. Con l anno accademico 2007/2008 verranno completati i corsi di laurea in Ingegneria con l istituzione di due lauree specialistiche in Ingegneria per la Gestione del Territorio e dell Ambiente e in Ingegneria dei Sistemi e dei Servizi per il Territorio e per l Ambiente.

10 Il Sistema Universitario di Mantova Le finalità La Fondazione Università di Mantova: coordina il rapporto e la collaborazione con le singole università sul territorio; promuove un offerta formativa mirata e articolata, vicina alle esigenze di specializzazione stimolate dal mondo produttivo, pubblico e privato; realizza attività di orientamento agli studenti delle scuole superiori, e favorisce una più incisiva e omogenea politica locale di diritto allo studio (residenze, borse di studio, prestiti agevolati); cura la logistica, lo sviluppo e l adeguamento delle strutture universitarie (aule, laboratori, biblioteche) e la realizzazione del Campus di Mantova, un unico plesso funzionale dove sono riunite tutte le attività universitarie; promuove l interazione con le università straniere. 10 Gli organi della Fondazione Università di Mantova Sono organi della Fondazione: l Assemblea generale, il Consiglio di Amministrazione, il Presidente, il Collegio dei Revisori contabili, il Consiglio Tecnico Scientifico. L Assemblea generale è composta dai Membri Fondatori (Provincia di Mantova, Comune di Mantova, Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Mantova, Associazione degli Industriali della Provincia di Mantova), e dai Membri Sostenitori, Ordinari, Benemeriti. Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione è costituito dai rappresentati di ciascuna categoria di Membri. La Fondazione esprime un Presidente ed un Segretario, che promuovono progetti e soluzioni, realizzando le indicazioni e le strategie del Consiglio di Amministrazione. Il Collegio dei Revisori contabili si compone di tre membri effettivi e di due supplenti. Il Consiglio Tecnico Scientifico è composto dai Presidi delle Facoltà, o loro delegati, che abbiano rapporti accademici con la Fondazione Università di Mantova, nonché dal Segretario Generale della Fondazione. Al Consiglio Tecnico Scientifico sono demandati compiti di proposta e di iniziativa in merito alla programmazione, al coordinamento didattico dei diversi corsi di laurea ed allo sviluppo di ricerche e progetti correlati alle esigenze del territorio. Le attività di ricerca Le attività di ricerca sono realizzate principalmente dai Laboratori universitari allestiti nella sede mantovana. I settori coinvolti riguardano lo studio dell ambiente, la valorizzazione del paesaggio, l analisi dei materiali per la costruzione, l architettura integrata, l informatica e l automazione. I Laboratori: Modellistica Rilievo e fotogrammetria Tecnologia dei materiali Architettura integrata

11 Pianificazione ambientale Storia e conservazione Informatica Il Campus universitario La Fondazione Università di Mantova ha individuato un area degli studi con tutte le strutture, didattiche e di ricerca, riunite a formare il Campus di Mantova e comprendente le sedi site in via Scarsellini 2 e via Scarsellini 15. I corsi dell area sanitaria si svolgono prevalentemente nel Campus ospedaliero, in via di sviluppo, c/o il Presidio Poma - Azienda Ospedaliera Carlo Poma in viale Albertoni 1. Il Campus dispone attualmente di 40 aule la cui capienza varia da 40 a 225 posti. Il Sistema Universitario di Mantova Principali cariche ed organi universitari 11 La più alta carica di una Università è il Rettore, che la rappresenta dal punto di vista legale. Il Rettore governa l Ateneo presiedendo il Senato Accademico che promuove, gestisce, coordina e controlla l attuazione e l esercizio dell autonomia dell Università, nonché l attività didattico-scientifica, il Consiglio di Amministrazione che si occupa della gestione amministrativa, finanziaria e patrimoniale. L attività didattica di un Ateneo è suddivisa in Facoltà: ciascuna Facoltà elegge Preside il docente che la rappresenta e la coordina. In ogni Facoltà esistono più corsi di laurea: il Presidente è il docente designato a coordinare un corso di laurea. Perché scegliere Mantova Il Sistema Universitario di Mantova è costituito dai corsi di laurea attivati da tre Atenei lombardi tutti con una riconosciuta tradizione nella didattica e nella ricerca: l Università degli Studi di Pavia, il Politecnico di Milano, l Università degli Studi di Brescia. Tutta l attività didattica dalle lezioni agli esami fino al conseguimento della laurea si svolge a Mantova. Il prestigio degli Atenei e l impegno delle istituzioni locali e della Fondazione contribuiscono alla solidità del sistema mantovano. La Fondazione Università di Mantova ha seguito un modello flessibile di sviluppo, promuovendo corsi di studio sulla base delle esigenze del mondo produttivo e degli studenti. Questo modello rappresenta una scelta strategica, considerato che il Sistema Universitario Mantovano è in costante crescita. Al tempo stesso, però, rappresenta

12 Il Sistema Universitario di Mantova 12 anche una sfida, perché chiama la Fondazione ad un confronto continuo con i docenti, gli studenti e le realtà produttive del territorio, pubbliche e private, sul fronte della qualità della formazione. Una qualità della formazione garantita dalle risorse che gli Atenei coinvolti e le istituzioni del territorio hanno deciso di investire su Mantova. Per le sue dimensioni, il Sistema Universitario Mantovano è davvero un sistema a misura di studente, in grado di garantire un ottimale rapporto docenti/studenti, proficui legami con le realtà produttive del territorio, larga spendibilità dei titoli e ridotti tempi di ingresso nel mondo del lavoro. La vivibilità del Sistema Universitario a Mantova richiama molti studenti che si trasferiscono in queste sede anche da altri Atenei. Una percentuale crescente di iscritti proviene inoltre dalle province limitrofe. Grazie alle intense attività di scambi culturali, un buon numero di studenti stranieri sceglie ogni anno i corsi del Sistema Universitario Mantovano. La partecipazione degli studenti stranieri non si limita agli accordi specifici nell ambito delle relazioni internazionali, tra cui il Programma Socrates/Erasmus, diversi studenti provenienti da paesi europei ed extraeuropei sono infatti iscritti ai master post-laurea attivati a Mantova. Provenienza iscritti a Mantova (PROFILO STORICO) 9% 4% 23% 44% 20% Provincia di Mantova Veneto Altre province Lombardia Emilia Romagna Altre province/estero

13 Il corpo docente Le risorse di docenza nella sede di Mantova sono andate nel tempo mutando. Il numero complessivo dei docenti, comprendente anche assegnisti di ricerca ed esercitatori, si aggira sulle 350 unità. Indagine sull occupazione dei laureati mantovani La Fondazione Università di Mantova nel dicembre 2005 ha realizzato attraverso un azienda specializzata una ricerca sui propri laureati e neolaureati nel periodo compreso tra febbraio 2002 e luglio 2005 con lo scopo di conoscere alcuni dati tra cui i tempi necessari per l entrata nel mondo del lavoro, il grado di soddisfazione, l attinenza degli studi con le mansioni svolte. La ricerca realizzata si basa sui dati rilevati con 371 interviste su un universo di 453 laureati nel periodo febbraio 2002 luglio 2005 ed essendo la copertura dell universo pari all 82% si può parlare di un vero e proprio censimento. In sintesi, gli elementi principali che emergono dall indagine sono i seguenti: Il Sistema Universitario di Mantova 13 Lo studio garantisce il lavoro. Il 52.9% dei laureati intervistati lavora e questa è un ottima percentuale, soprattutto se sommata a quella di coloro che studiano ancora, e che quindi non possono essere considerati disoccupati (33.6% studia ancora). Solo il 13.5% è effettivamente inoccupato. ll 60.9% dei laureati ha dichiarato inoltre che la laurea è stata fondamentale nella ricerca del lavoro. Studio come investimento. Se a livello di retribuzione la laurea non rende nell immediato, l 86.3% degli intervistati si aspetta che il titolo potrà rendere nel futuro. Ciò che ci si attende è: un miglioramento della retribuzione (94%) e nelle mansioni svolte (94.7%). Il 90% giudica poi positivamente il proprio percorso universitario e il 48.7% ritiene Utilizzo delle competenze acquisite durante la formazione universitaria 11,1 in misura elevata in misura ridotta per niente 39,2 49,7

14 Il Sistema Universitario di Mantova che la laurea sia attinente al lavoro svolto; solo il 5.5% giudica il proprio titolo ininfluente nei confronti della propria attività lavorativa. Il laureato non smette mai di studiare. Questa consapevolezza è ben chiara; infatti, il 52.6% ha seguito, o sta seguendo, corsi di formazione post-laurea. In effetti, per molte professioni la laurea è il titolo di studio minimo. Un altra considerazione è che, forse, le lauree triennali non sono considerate sufficienti dagli studenti, i quali, in gran numero, proseguono gli studi per conseguire la laurea lunga. Da qui la necessità della formazione continua. Sono infatti i corsi di laurea specialistica e i master, o corsi di perfezionamento, ad essere i più gettonati. Mantova e i suoi laureati. Quasi il 40% dei laureati lavora in aziende che hanno sede a Mantova e provincia. Se si prendono in considerazione anche le province limitrofe (Verona, Modena, Reggio Emilia e Brescia) la percentuale di laureati che rimane ad orbitare nell area, per quanto vasta, sale al 79%. 14 Tempo intercorso tra il conseguimento della laurea e il primo lavoro 2,6 11,5 0,6 fino a 6 mesi da 7 a 12 mesi da 13 a 24 mesi 85,3 da 25 a 36 mesi Quanto è soddisfatto della coerenza con gli studi fatti 14,9 6,6 13,3 moltissimo molto abbastanza poco 29,8 35,4 per niente

15 I laureati dell Ateneo di Mantova arricchiscono dunque il tessuto produttivo dell area e sono quindi una risorsa importante per le aziende della zona che, come tante altre nel paese, hanno necessità di figure professionali altamente qualificate. Grado di soddisfazione in relazione al percorso universitario 1,6 8,4 16,8 molto positivo abbastanza positivo Il Sistema Universitario di Mantova abbastanza negativo 15 73,2 molto negativo

16 La riforma universitaria 16 La riforma La riforma universitaria universitaria La recente riforma del sistema universitario italiano prevede una struttura dei corsi di studio articolata su due livelli: Laurea (I livello) e Laurea Magistrale (II livello), che può essere biennale o a ciclo unico. La Laurea si consegue attraverso un corso di studio triennale, e ha l obiettivo di assicurare metodi e contenuti scientifici generali e specifiche conoscenze professionali. Con la Laurea si può accedere direttamente al mondo del lavoro, proseguire gli studi per conseguire la Laurea Magistrale oppure accedere a un Master di I livello. La Laurea Magistrale si consegue attraverso un ulteriore corso di studio biennale, e ha l obiettivo di fornire una formazione avanzata e di elevata qualificazione in ambiti specifici. Con la Laurea Magistrale si può accedere direttamente al mondo del lavoro, proseguire gli studi per conseguire il Dottorato, accedere ad un Master di II livello. La Laurea Specialistica a ciclo unico è un corso di cinque anni (sei per Medicina e Chirurgia) che non rilascia alcun titolo dopo i primi tre anni, ma solo al termine del percorso di studi complessivo. Tutte le lauree di I e di II livello sono raggruppate in classi: ciascuna classe comprende corsi di studio che condividono gli stessi obiettivi formativi qualificanti e le stesse attività formative. Le classi determinano il valore legale delle lauree. Il nome, il numero e le caratteristiche delle classi sono fissate a livello nazionale, e sono comuni a tutti gli atenei: sono state istituite 42 classi di Laurea, 104 classi di Laurea Magistrale, e per le Professioni sanitarie 4 classi di Laurea e 4 di Laurea Magistrale. I crediti e i debiti formativi La quantità di studio necessario per la formazione viene calcolata in crediti formativi universitari (CFU): il numero complessivo di crediti per ciascun insegnamento comprende lezioni in aula, attività di laboratorio, seminari, tirocini e studio individuale. Un anno accademico richiede allo studente una quantità di lavoro convenzionalmente fissata in 60 crediti. La Laurea (3 anni) si consegue con l acquisizione di 180 crediti. La Laurea Magistrale (ulteriori 2 anni, ossia 120 crediti) e quella Specialistica a ciclo unico si conseguono con l acquisizione complessiva di 300 crediti. L acquisizione dei crediti corrispondenti a un insegnamento è legata al superamento del relativo esame. Il riconoscimento dei crediti è indipendente dal voto conseguito:

17 i crediti, infatti, corrispondono alla quantità dello studio. Il voto, ossia la valutazione del profitto, rappresenta la qualità dello studio, ed è espresso in trentesimi: 18/30 è la votazione minima, 30/30 quella massima, con eventuale lode. Il debito formativo indica le lacune nella preparazione rispetto alle conoscenze minime richieste per l accesso a un corso di Laurea o di Laurea Magistrale. Gli eventuali debiti formativi vengono evidenziati dai risultati della prova di ammissione. Lo studente di un corso di laurea di I livello che presenta debiti formativi dovrà recuperarli durante il primo anno di corso, attraverso attività formative integrative organizzate dall ateneo. Lo stesso vale per chi, in possesso di una Laurea di una determinata classe (ad esempio Matematica), vuole iscriversi ad una Laurea Magistrale di una classe solo parzialmente affine (ad esempio Fisica). Con la riforma i crediti vengono adottati in tutto il sistema universitario italiano per facilitare il riconoscimento della preparazione da parte di tutte le università, anche straniere, promuovendo così la mobilità studentesca a livello nazionale e internazionale. I percorsi formativi della Laurea e della Laurea Magistrale prevedono lo studio obbligatorio di una lingua europea. La riforma universitaria 17 La prova finale La prova finale per conseguire la Laurea viene stabilita dai singoli atenei: si tratta in genere di elaborati o relazioni. Il corso di Laurea Magistrale si conclude con l elaborazione e la discussione di una tesi. DIPLOMA DI SCUOLA MEDIA SUPERIORE LAUREA 3 anni LAUREA SPECIALISTICA A CICLO UNICO 5-6 anni MASTER 1 LIVELLO 1 anno LAUREA MAGISTRALE 2 anni CORSI DI SPECIALIZZAZ. x anni DOTTORATO DI RICERCA almeno 3 anni MASTER 2 livello 1 anno SPECIALIZZAZIONE (SOLO MEDICHE) x anni

18 Informazioni generali 18 Informazioni Informazioni generali generali Per iscriversi a uno dei corsi universitari attivati a Mantova occorre rivolgersi alle Segreterie Studenti che seguono, dal punto di vista amministrativo, tutta la carriera dello studente. Presso ciascuna segreteria di Facoltà sono disponibili tutte le informazioni necessarie allo studente (documenti da compilare, importi tasse universitarie, ecc.); contatti e modalità di iscrizione sono disponibili anche sul sito web oltre che sui siti dei singoli atenei: per i corsi della Facoltà di Ingegneria dell Università degli Studi di Pavia: per i corsi della Facoltà di Architettura e Società del Politecnico di Milano: per i corsi della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università degli Studi di Brescia: In ogni segreteria (come indicato sulla scheda di ogni corso), inoltre, è possibile accedere alle informazioni e/o alla modulistica per concorrere all assegnazione dei benefici universitari: borse di studio, esenzione tasse, buoni mensa. Inoltre ciascuna Università presente a Mantova mette a disposizione dei propri iscritti una serie differenziata di servizi (tra cui ad esempio i bandi per le attività lavorative degli studenti presso gli uffici universitari, per le attività ricreative e culturali). La Fondazione Università di Mantova gestisce una biblioteca centrale (in via Scarsellini, 15), aule di informatica presso le sedi dei corsi e corsi di lingua per gli iscritti. Biblioteche universitarie di notevole prestigio sono presenti nel Campus Ospedaliero e presso l Istituto di Scienze Religiose. Ogni anno vengono istituite borse di studio per chi frequenta i corsi di studio mantovani. Sono inoltre state stipulate convenzioni con mense, palestre e strutture ricreative per favorire le attività degli studenti nel tempo libero. Mense convenzionate: Free Service Nuvolari, piazza Viterbi 11, angolo vicolo Varrone Self Service Il Punto, via Solferino, 36

19 Servizi Servizi per gli studenti per gli studenti Biblioteca La Biblioteca del Polo Regionale di Mantova fa parte del Sistema Bibliotecario di Ateneo del Politecnico di Milano e nasce per fornire supporto alla didattica dei corsi di Laurea attivati a Mantova dall anno accademico In base alla convenzione stipulata tra Politecnico di Milano - Polo di Mantova e la Fondazione Università di Mantova la biblioteca didattica rende fruibile il proprio patrimonio bibliografico non solo agli studenti, ai docenti e al personale tecnico amministrativo del Politecnico di Milano ma anche agli studenti iscritti ai corsi di laurea attivati, a Mantova, dall Università degli Studi di Brescia e dall Università degli Studi di Pavia. Il patrimonio documentario conservato, di circa 5000 volumi, comprende i testi consigliati nelle bibliografie d esame, che coprono le seguenti aree tematiche: storia dell architettura, urbanistica, paesaggio, scienza e tecnica, restauro, ingegneria. Una sezione è dedicata a testi riguardanti il territorio mantovano. Sono inoltre disponibili 27 periodici in abbonamento cartaceo e, tramite cinque postazioni informatiche, sono fruibili le risorse elettroniche e le banche dati del Politecnico. Servizi per gli studenti 19 Servizi al pubblico Il catalogo della biblioteca è accessibile via internet attraverso il catalogo unico dell'ateneo (OPAC). Dalle 5 postazioni informatiche predisposte presso la biblioteca sono consultabili le risorse elettroniche e le banche dati del Politecnico. La biblioteca assicura agli utenti una serie di servizi quali: consultazione in sede di tutto il materiale bibliografico posseduto, prestito a domicilio, fornitura di documenti in copia, prestito interbibliotecario, assistenza per le ricerche bibliografiche. È a disposizione dell utenza una fotocopiatrice a colori self-service per la riproduzione nei limiti previsti dalla legge sul diritto d autore (L. 248/2000).

20 Servizi per gli studenti 20 Consultazione La consultazione in sede è aperta a tutti. Parte del materiale consultabile è a scaffale aperto (periodici, testi generali) ed è self-service. Per poter consultare il materiale depositato in magazzino è necessario effettuare una richiesta presso il banco distribuzione. Prestiti Il prestito è riservato alle seguenti categorie di utenti: studenti, assegnisti di ricerca, dottorandi, specializzandi, studenti di master, docenti, personale tecnico-amministrativo del Politecnico di Milano e studenti e docenti dei corsi di Laurea attivati a Mantova dalle Università degli Studi di Brescia e di Pavia. Ubicazione, orari di apertura e recapiti Via Scarsellini, 15 - Mantova Dal lunedì al venerdì: 10,00-18,00. Consultazione e prestito fino alle ore 17,45 Ritiro libri e periodici fino alle ore 17,45 Telefono: 0376/ Fax: 0376/ Palestra del Polo Universitario Regionale di Mantova Da aprile 2007 è disponibile la nuova palestra del Polo Universitario Regionale di Mantova. La palestra che sarà utilizzabile per qualsiasi attività ludico-sportiva di gruppo sarà disponibile nei giorni di martedì e giovedì dalle ore 17 alle ore 19 per gli studenti della Facoltà di Architettura e Società del Politecnico di Milano e il mercoledì e venerdì dalle ore 15 alle ore 17 per gli studenti della Facoltà di Ingegneria dell Università degli Studi di Pavia. Per poter accedere alla palestra gli interessati dovranno essere tutti in possesso della tessera verde annuale del CUS Milano e del certificato medico in corso di validità. Inoltre per prenotare l uso della palestra è necessario presentare presso il CUS point di via Scarsellini, 15 almeno un giorno prima una lista contenente nome, cognome, matricola e numero di tessera Cus di coloro che entreranno in palestra (il modulo da compilare è disponibile presso il CUS point). Alloggi per studenti L istituto Franchetti socio benemerito della Fondazione ha messo a disposizione di studenti universitari, ricercatori e docenti alcuni appartamenti di recente costruzione situati in zona Borgochiesanuova e adiacenti alla chiesa di San Filippo Neri. La distanza fra la sede universitaria e gli appartamenti viene coperta con i mezzi pubblici o in auto, in circa cinque minuti, ed in tre minuti circa per la sede dell Ospedale Carlo Poma. Saranno inoltre completati (entro fine luglio 2007) 160 posti letto a costo controllato. Le informazioni sugli alloggi per studenti con la modulistica relativa saranno disponibili sul sito alla voce alloggi studenti.

21 Sportello Uninforma Presso la sede della Fondazione Università di Mantova è attivo lo sportello Uninforma gestito dal Consorzio Sol.Co. e dalla cooperativa Alce Nero con il contributo finanziario della Fondazione Comunità Mantovana onlus. Lo sportello offre servizi di informazione e orientamento personalizzati sulla formazione universitaria, mondo del lavoro, mobilità internazionale e volontariato. Lo sportello è aperto il lunedì e il mercoledì dalle ore 10 alle ore 12, tel. 0376/263627, Servizi per gli studenti 21

22 L offerta formativa L offerta L offerta formativa formativa 22 I corsi di laurea: Facoltà di Architettura e Società Politecnico di Milano Corso di Laurea in Architettura e Produzione Edilizia (3 anni) Corso di Laurea in Scienze dell Architettura (3 anni) Corso di Laurea Magistrale in Architettura (2 anni) Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Pavia Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio (3 anni) Corso di Laurea in Ingegneria Informatica (3 anni) Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria per la Gestione del Territorio e dell Ambiente (2 anni) Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria dei Sistemi e dei Servizi per il Territorio e per l Ambiente (2 anni) Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Brescia Corso di Laurea in Educazione professionale (3 anni) Corso di Laurea in Fisioterapia (3 anni) Corso di Laurea in Infermieristica (3 anni) Corso di Laurea in Tecniche di radiologia medica, per immagini e radioterapia (3 anni) Centro Linguistico d Ateneo Oxford Mantova Corso di Laurea equipollente in Mediazione Linguistica (3 anni)

23 Politecnico di Milano Politecnico di Milano FACOLTÀ DI ARCHITETTURA E SOCIETÀ Segreteria Studenti - Sede di Mantova via Scarsellini, 2 tel. 0376/ / fax 0376/ Corso di Laurea in ARCHITETTURA E PRODUZIONE EDILIZIA (Classe 4 - Scienze dell architettura e dell ingegneria edile) Durata: 3 anni Accesso: test d ingresso selettivo, 3 settembre 2007 presso le sedi milanesi del Politecnico. Iscrizioni: l iscrizione al test avviene on line sul sito d Ateneo (www.polimi.it), o presso la segreteria studenti di Mantova, da metà luglio a fine agosto Il Corso di Laurea in Architettura e Produzione Edilizia ha un numero programmato di 80 studenti. Ordinamento didattico: l anno accademico comprende due semestri, ognuno costituito da una sessione didattica e da una sessione d esame. La sessione didattica è dedicata a lezioni, esercitazioni e attività di laboratorio. Le sessioni d esame sono tre. Frequenza: prevista per il 70% delle attività di laboratorio. Relativamente agli altri corsi è obbligatoria solo su richiesta del docente. Docente coordinatore del corso: Prof. Paolo Carpeggiani Indirizzo sito web: 23 Architettura e Prod. Edilizia FACOLTÀ DI ARCHITETTURA E SOCIETÀ

24 PRESENTAZIONE 24 Architettura e Prod. Edilizia FACOLTÀ DI ARCHITETTURA E SOCIETÀ Il Corso di Laurea in Architettura e Produzione Edilizia è stato introdotto in Italia per adeguare la situazione nazionale a quella già in vigore, da tempo e con successo, in altri Paesi dell Unione Europea ed extraeuropei. Il Corso di Laurea punta a formare professionalità a livello universitario in grado di rispondere alle esigenze del mondo del progetto edilizio e del cantiere, della produzione e della gestione. In particolare mira alla preparazione di tecnici altamente specializzati: a) nell ambito del restauro architettonico, sia per la conoscenza storica e costruttiva del fabbricato, che per la valutazione delle specifiche problematiche di conservazione e di riuso; b) nell ambito del rilevamento, sia con utilizzo delle tecniche tradizionali che delle metodologie scientificamente più avanzate, dalla scala del manufatto alla scala territoriale; c) nell ambito complessivo della gestione dell impresa e del cantiere, con particolare riguardo per: gli aspetti economici, organizzativi, gestionali e legislativi; la conoscenza delle più aggiornate metodologie di progettazione; le questioni relative alla sicurezza e alla qualità. OBIETTIVI FORMATIVI Il Corso di Laurea si compone di due momenti formativi fondamentali: il momento delle conoscenze di base (intese non solo a livello teorico, ma soprattutto a livello applicativo), finalizzate a un ampia e articolata preparazione culturale e scientifica, aggiornata nei vari campi dell attività edilizia: questo permette una reale flessibilità di risposta alle richieste continuamente variabili del mondo del lavoro; il momento delle conoscenze specifiche, finalizzato a una maggiore caratterizzazione della professionalità. Questo momento formativo è legato allo studio e all analisi delle problematiche di gestione del processo edilizio, nelle sue diverse tematiche applicative. Particolarmente importante è l attività di tirocinio che lo studente deve svolgere, prima dell esame finale di laurea, presso enti, istituzioni e aziende convenzionate, di accertata qualificazione. SBOCCHI PROFESSIONALI Il laureato in Architettura e Produzione Edilizia è una figura professionale nuova, che viene a colmare una carenza sistematicamente evidenziata dal mondo dell imprenditoria e dalle Pubbliche Amministrazioni. Il suo compito è quello di organizzare risorse materiali e umane, risultando strategico nel quadro delle professioni di settore. Il laureato in Architettura e Produzione Edilizia può trovare impiego nelle imprese di costruzione (restauro, gestione, manutenzione), nella produzione manifatturiera e nella commercializzazione di materiali di base per l edilizia (componenti, semilavorati), nelle Pubbliche Amministrazioni. Può anche esercitare la libera professione. Come tutti i laureati della Classe 4, i laureati in Architettura e Produzione Edilizia possono iscriversi, superando il rispettivo Esame di Stato:

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI

GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI ANNO ACCADEMICO 2013/2014 GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI ANNO ACCADEMICO 2013/2014 SOMMARIO L UNIVERSITÀ DI TRENTO 7 IL SISTEMA UNIVERSITARIO

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015)

CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015) CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015) Si ricorda che le attività di orientamento predisposte per l'anno scolastico 2014/2015 sono state

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO D. R. 767 del 30/06/2014 MANIFESTO GENERALE DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE VISTA la Legge 19 novembre 1990

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

La riforma del sistema universitario nel contesto delle Facoltà di Ingegneria

La riforma del sistema universitario nel contesto delle Facoltà di Ingegneria La riforma del sistema universitario nel contesto delle Facoltà di Ingegneria Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri 5 CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA - 00186

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza.

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza. REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALLE LAUREE MAGISTRALI IN INGEGNERIA 14/15 (Approvato dal CCSA di ingegneria Industriale del 17/7/2014) 1. PREMESSA E NORME GENERALI 1.1. Norme e principi di riferimento Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

LAUREA TRIENNALE STUDENTI LAUREA MAGISTRALE POST LAUREA

LAUREA TRIENNALE STUDENTI LAUREA MAGISTRALE POST LAUREA Allegato 6 - MOTIVI PRINCIPALI PER CUI GLI UTENTI SI RECANO NELLE BIBLIOTECHE, DOCUMENTI MAGGIORMENTE UTILIZZATI, FATTORI RITENUTI DETERMINANTI PER LA QUALITA DELLE BIBLIOTECHE RISPOSTE PER GRUPPI DI UTENTI

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013

Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013 Immatricolazione e Iscrizione ai Corsi di studio di cui ai DD.MM. 03.11.1999 n.509 (G.U. 04.01.2000), 04.08.2000 (G.U.

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE PER GLI STUDENTI Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE VALIDE PER I CORSI ATTIVATI AI SENSI DEL D.M. 270/04 Immatricolazione

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo.

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. Le risposte negative vengono memorizzate con i valori 1 e 2. Le risposte positive

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Regione Toscana. Bando di concorso a.a. 2014/2015. Borse di studio Posti alloggio

Regione Toscana. Bando di concorso a.a. 2014/2015. Borse di studio Posti alloggio Regione Toscana Bando di concorso a.a. 2014/2015 Borse di studio Posti alloggio Luglio 2014 Pubblicazione a cura del Servizio Comunicazione Impaginazione a cura di: Leda Lazzerini Redazione testo: Servizi

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli