ilprogettosostenibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ilprogettosostenibile"

Transcript

1 EdicomEdizioni Trimestrale anno VI n 19 settembre 2008 Euro 20,00 Poste italiane S.p.A. Spedizione in a.p. D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n.46) art. 1, comma1, DCB Trieste 19. In caso di mancato recapito restituire all ufficio di Udine CPO detentore del conto, per la restituzione al mittente previo pagamento resi ilprogettosostenibile Ricerca e tecnologie per l ambiente costruito ISSN STRUTTURE RICETTIVE ECOCOMPATIBILI Le strutture ricettive eco-compatibili: obiettivi e criteri progettuali Hotel, acqua, risparmio e buon senso Impianti di trigenerazione per il risparmio energetico nel settore alberghiero in aree mediterranee Controllo intelligente nella gestione energetica degli alberghi Qualità ambientale degli edifici: analisi della trasferibilità dell ecolabel europeo per i servizi turistici

2 19. ilprogettosostenibile Strutture ricettive ecocompatibili FOCUS ARGOMENTI Le strutture ricettive eco-compatibili: obiettivi e criteri progettuali Manuela Franco Hotel, acqua, risparmio e buon senso Luca Maria Francesco Fabris, Emanuele Naboni, Elvira Pensa Impianti di trigenerazione per il risparmio energetico nel settore alberghiero in aree mediterranee Ennio Cardona, Antonio Piacentino, Fabio Cardona Controllo intelligente nella gestione energetica degli alberghi Costantino G. Giaconia, Antonio Di Stefano, Giuseppe Fiscelli, Maria La Gennusa, Gianluca Scaccianoce Qualità ambientale degli edifici: analisi della trasferibilità dell ecolabel europeo per i servizi turistici Maurizio Cellura, Giorgia Peri, Gianfranco Rizzo STUDI E RICERCHE L Ecomuseo riconsiderato per un turismo sostenibile Francesca Muzzillo Sostenibilità e turismo: la costa come sistema ricettivo Stefano Giussani Il marchio Ecolabel europeo per il servizio di campeggio Stefania Minestrini Il progetto Eco.Ri.Ve Ecolabel per la Ricettività in Veneto Antonio Scipioni, Anna Mazzi, Ambra Morelli Il progetto EcolaBELPIEMONTE per le strutture ricettive in Piemonte Cosimo Biasi, Alessandra Mazzotta La certificazione ambientale nel settore turistico in Friuli Venezia Giulia Enrico Artini, Barbara Lazzarini, Roberto Sbruazzo Il marchio di qualità ambientale Green Key Claudio P. Mazza L analisi ambientale del comparto turistico e gli strumenti per un turismo sostenibile Anna Di Lauro, Stellio Vatta, Nicola Skert, Barbara Lazzarini, Donatella Ducourtil Le politiche per l ambiente e lo sviluppo del turismo sostenibile a Jesolo Daniela Giacomin Il turismo sostenibile nelle aree protette: la Carta Qualità del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Enrico Vettorazzo Il turismo sostenibile nelle aree protette: il marchio di qualità ambientale del Parco Nazionale delle Cinque Terre Luca Natale Il turismo sostenibile nelle aree protette: le fattorie del Panda Roberto Furlani, Rita Minucci Piccoli comuni: prove di sviluppo locale Andrea Trisoglio Tecnologie open source per la valorizzazione delle risorse culturali Nicola Maiellaro Amazon Eco Park: architettura sostenibile ed ecoturismo Fernando Recalde

3 ilprogettosostenibile Ricerca e tecnologie per l ambiente costruito Rivista trimestrale Anno 6 - n 19 settembre 2008 Registrazione Trib. Gorizia n. 5/03 del Direttore responsabile: Ferdinando Gottard Coordinamento editoriale: Anna Raspar Direzione scientifica Focus: Gianni Scudo Redazione: Lara Bassi, Lara Gariup Progetto grafico: Marco Klobas Editore: EdicomEdizioni - Monfalcone (Go) Redazione e amministrazione Via I Maggio Monfalcone - Gorizia tel , fax Pubblicità: EdicomEdizioni Stampa: Grafiche Manzanesi - Manzano (UD) Stampato interamente su carta riciclata da fibre selezionate Prezzo di vendita: Euro 20,00 Abbonamenti: Italia: Euro 50,00 - Estero: Euro 100,00 Gli abbonamenti possono iniziare, salvo diversa indicazione, dal primo numero raggiungibile in qualsiasi periodo dell anno. Distribuzione in libreria Joo Distribuzione via F. Argelati, 35 - Milano La direzione lascia agli autori piena responsabilità degli articoli firmati. È vietata la riproduzione, anche parziale, di articoli, disegni e foto se non espressamente autorizzata dall editore PROGETTI E TECNOLOGIE Complesso turistico sportivo a Sottomarina di Chioggia (VE) Strutture in legno lamellare Agriturismo Corte all Olmo a Cá di David (VR) Strutture prefabbricate in legno L azienda vinicola Pittaro a San Martino al Tagliamento (PN) Edifici prefabbricati Art Hotel a Varese Malte, intonaci e finiture di calce idraulica naturale Royal Hotel Carlton a Bologna Decorazione e protezione murale Agriturismo e Centro Culturale Tirtha a Pescantina (VR) Vernici naturali Agriturismo Pianconvento a Monteguidi - Bagno di Romagna (FC) Parquet su sabbia Albergo Villa Tramonto a San Vincenzo (LI) Impianti solari termici DOSSIER Riqualificazione ambientale e sostenibile del fronte mare di Palau Giovanna Piga 36 84

4 20 _ ilprogettosostenibile 19 FOCUS Luca Maria Francesco Fabris Elvira Pensa Politecnico di Milano, Dipartimento BEST, ABITAlab Hotel, acqua, risparmio e buon senso Emanuele Naboni EETD - Lawrence Berkeley National Laboratory L asciugamano a terra L attenzione alle problematiche ambientali sta spingendo le catene alberghiere a puntare sulla sostenibilità. Il punto della situazione in Italia e l analisi di due casi negli Stati Uniti dal punto di vista del risparmio idrico. Hotel e il risparmio idrico Certamente la maggior parte di noi si ricorda quando, ormai una ventina d anni fa, con stupore nelle camere d albergo si trovava la scritta: Sei sicuro che i tuoi asciugamani debbano essere cambianti?. È stata la prima mossa da parte delle catene alberghiere per operare dapprima un risparmio meramente economico che, col tempo, si è trasformato in una presa di coscienza ecologica. Ora tutte le grandi catene alberghiere internazionali specie se europee puntano sulla sostenibilità per ottenere maggior consenso da parte di una clientela fattasi sempre più attenta alle problematiche ambientali. Il gruppo francese Accor, che consuma annualmente acqua alla pari di una città di abitanti, ha messo a punto un formulario di 65 punti per sensibilizzare i suoi dipendenti e ottenere risultati nel risparmio delle risorse e sensibilizzare l attenzione verso i cambiamenti climatici. Accor punta a ridurre del 10% il consumo d acqua totale nelle sue strutture entro il 2010, soprattutto operando la sostituzione delle rubinetterie con sistemi a risparmio idrico. Una ricetta applicata anche dalla piccola, ma interessante, catena inglese Apex, che si distingue per una progettazione ambientale molto aggressiva. Lo stesso ha fatto il gruppo svedese Scandic, tra i fondatori dello Stockholm Water Prize, che ha annunciato, oltre al cambio di rubinetterie, la sospensione dell acquisto d acqua in bottiglia e la distribuzione nei propri alberghi di sola acqua d acquedotto filtrata (tagliando così emissioni di CO 2 per oltre 160 t/anno): una Figura 1, 2. Songjiang Hotel; progetto di Atkins Design Studio. 1

5 Focus _ 21 2 delle tappe che porterà la Scandic a eliminare le emissioni di carbonio per il Insomma, le soluzioni per il risparmio idrico nelle strutture ricettive sono le stesse che un progettista attento, ma anche un cittadino responsabile dotato di buon senso, applica alle altre tipologie edilizie. Basta consultare il manuale Environmental Management for Hotel, edito dalla International Tourism Partnership e giunto alla terza edizione, per verificare come le strategie per il risparmio idrico o d altro tipo siano simili a quelle usate nella normale edilizia. Questo comporta anche il fatto che, purtroppo, la progettazione del risparmio sia spesso ancora svincolata dal processo d ideazione delle costruzioni. Pochi sono gli esempi di hotel dove l estetica architettonica, a partire dall aspetto della struttura esterna, ci parli di sostenibilità. Spesso questa ricerca si manifesta attraverso particolari tecnici, soluzioni d arredo o di forniture che non sono appariscenti. Rimaniamo in attesa, ancora, di una progettazione totale sostenibile aspettando di verificare sul campo promesse come il Songjiang Hotel nei pressi di Shangai, disegnato dallo studio Aktins Architects di Londra. Ricavato dal recupero di una cava dismessa, ospiterà un hotel a 5 stelle completamente sostenibile in cui l acqua naturale non solo avrà una presenza scenica importante, con cascate e con il livello del lago che coprirà due piani dell albergo, ma sarà parte del progetto integrale di risparmio energetico. Una sfida innovativa, che sarà pronta ad accogliere i turisti a partire dal prossimo maggio all interno di un enorme parco dedicato alla responsabilità ecologica. Per intanto facciamo il punto della situazione in Italia e, attraverso due casi studio, vediamo come l approccio sostenibile si incrocia con le strutture alberghiere in America. Risparmio, recupero, riutilizzo dell acqua nelle strutture ricettive La situazione italiana* La domanda di acqua nelle strutture ricettive è particolarmente elevata, caratterizzata dalla stagionalità dell utenza e concentrata in determinate fasce orarie. I consumi sono legati alla presenza degli utenti sia direttamente (alti consumi per igiene personale) che indirettamente (cambio della biancheria da camera e da bagno quotidiana, esigenza di pulizie negli spazi comuni anche più volte al giorno, irrigazione del verde di pertinenza). Il cliente, da parte sua, più o meno consapevolmente, non adotta gli stessi comportamenti che comunemente ha nella propria abitazione. Nelle località turistiche, durante i soggiorni al mare o in montagna, inoltre, alla smodata quantità di acqua, sempre potabile, si sommano ingenti quantitativi di inquinanti che vanno ad aumentare notevolmente le portate giornaliere e i carichi organici nelle acque di scarico. Non si deve dimenticare che moltissime strutture ricettive si trovano in luoghi, specialmente nel sud Italia e nelle isole, dove esistono spesso disagi nell approvvigionamento idrico, dovuto all insufficienza di acqua nel sottosuolo, alla scarsa piovosità, alla competizione tra i vari utilizzatori, alla cattiva gestione e alla scarsa manutenzione degli acquedotti. Si potrebbe, inoltre, aprire un capitolo relativo ai sistemi di depurazione, poiché, anche laddove esistono, potrebbero non essere in grado di restituire un prodotto sufficientemente depurato da essere reimmesso nel ciclo naturale. Coniugare lo sviluppo turistico alla sostenibilità ambientale diventa un inevitabile necessità che deve trovare d accordo sia i gestori o i proprietari di strutture ricettive di ogni genere sia gli enti che gestiscono il territorio. Questo è quanto cercano di fare, mediante la promozione di turismo sostenibile o turismo responsabile, anche associazioni di carattere sia umanitario sia ambientale, per offrire qualità, ricchezza di contenuti, cultura, evitando in ogni modo la snaturalizzazione dei luoghi di meta turistica per eccellenza: l obiettivo generale è quello di alleggerire e/o contenere il carico sul territorio riducendo l impatto ambientale del turismo; favorire vacanze più consapevoli e ricche di qualità e comfort; coinvolgere gli operatori locali e i turisti in una scelta duratura e consapevole 1. Gli operatori del turismo, stimolati dall offrire al cliente soggiorni di qualità, risparmiando energia e risorse, favorendo la raccolta differenziata, promovendo la mobilità su trasporti pubblici, hanno dato inizio ad una serie di iniziative che vedono riscontro e crescente consenso tra gli stessi clienti. Certificazioni e riduzione dei consumi L uso di buone pratiche e l applicazione di regole hanno avviato la promozione per l ottenimento di certificazioni e marchi di qualità che garantiscono in modo sistematico uniformità negli standard e negli obiettivi da perseguire per soddisfare clienti ed ambiente. Ecolabel è il marchio che senza dubbio sta avendo maggiori consensi. Riguarda la qualità ecologica, applicabile a prodotti e servizi rispettosi di criteri ambientali e prestazionali stabiliti a livello europeo. Nato nell ambito delle attività del V Programma d Azione della Comunità europea con Regolamento CEE n. 880/92, è normato attualmente dal Regolamento CE n.1980 del 17 luglio È uno strumento di partecipazione volontaria con diffusione a livello europeo che vede l Italia primo paese in classifica, con 50 licenze concesse ad aziende impiegate nei settori più disparati.

6 22 _ ilprogettosostenibile 19 Grazie alle iniziative legate all Agenda 21, con la collaborazione ed il coordinamento delle APAT e delle ARPA locali, il settore di ricettività turistica conta oggi 14 agriturismo, 16 bed and breakfast, 9 camping, 3 casa vacanza, 65 hotel e 8 rifugi, tra i già certificati e quelli in via di certificazione 2. Il marchio Ecolabel per una struttura ricettiva significa rispondere a specifiche domande di sostenibilità ambientale offrendo nel frattempo la stessa, se non maggiore, qualità del servizio. Vuol dire adottare una serie di misure tecnologiche volte al risparmio energetico e all uso razionale delle risorse; attuare pratiche ecologiche per quanto riguarda i prodotti, dall acquisto, al consumo, al rifiuto; informare e sensibilizzare sia la comunità sia gli ospiti riguardo la politica adottata dalla struttura per una migliore collaborazione a beneficio di tutti. A questo proposito, indagini mirate hanno dimostrato che il turista contemporaneo, specialmente quello proveniente dal nord e centro Europa, cerca nella propria vacanza sempre più il contatto con la natura con soggiorno in strutture ricettive ecocompatibili (M. Bernabè) 3. A prescindere dal marchio o dalle certificazioni, moltissime sono comunque le strutture in Italia che si adeguano a far fronte al risparmio energetico e idrico, non solo per poter contenere i costi di gestione, ma anche per condividere il buon approccio di informazione e sensibilizzazione che gli enti locali fanno sul proprio territorio. Per quanto riguarda la risorsa acqua, dal punto di vista dell ottimizzazione e della riduzione dei consumi, le strutture ricettive stanno applicando una serie di accorgimenti tecnologici che possono essere utilizzati senza che l utente venga assolutamente privato del proprio comfort igienico-sanitario. Il modo più semplice, immediato ed assolutamente poco costoso è l installazione di piccoli strumenti sulle rubinetterie. Questo metodo dovrebbe essere utilizzato, a prescindere dalle strutture ricettive, in ogni appartamento per ogni rubinetto sia della cucina che del bagno, poiché consente, specialmente mediante l abbinata limitatore di flusso ed aeratore, un risparmio di acqua potabile che alcune ditte produttrici garantiscono fino al 70%. Poco pratiche per gli usi domestici, ma estremamente utili nelle strutture ricettive, sono le rubinetterie con erogatori temporali, manuali od elettronici, quelli cioè che interrompono il flusso d acqua dopo un breve intervallo di tempo. Risultano fondamentali per un risparmio che va dal 30 al 40% soprattutto se utilizzate nelle docce delle strutture con grande affluenza di pubblico, dalle piscine alle palestre, agli ostelli ed alberghi. Non si può inoltre dimenticare il risparmio che si può ottenere con l installazione di cassette a doppia mandata per wc; queste hanno due pulsanti per l evacuazione e scaricano da 3 ai 9 litri al massimo ed i costi non superano i 50 euro per le esterne. L uso di queste semplici tecnologie non comportano grandi costi, anzi a volte sono i Comuni che ne incentivano l applicazione con la fornitura degli apparecchi stessi (campagne di distribuzione di regolatori di flusso sono state portate avanti in tutta Italia) e, soprattutto in casi di ristrutturazione, architetti avveduti suggeriscono le soluzioni più adatte non più solo per il risparmio energetico, ma anche per quello idrico. Per quanto riguarda la riduzione del carico inquinante, la migliore operazione da fare è senz altro quella di attuare una sorta di campagna di informazione e di coinvolgimento del cliente, incentivando l utilizzo di prodotti per l igiene personale altamente biodegradabili, meglio se messi a disposizione dalla struttura stessa, evitando in primis quelli contenenti battericidi. A questo proposito si pensi al Triclosan, presente anche in alcuni saponi e dentifrici, talmente potente e resistente da inibire gli stessi batteri indispensabili nei processi di depurazione, andando a mettere in crisi l intero sistema di smaltimento 4. Attenzione, inoltre, ai frequenti cambi di biancheria. Anche in questo caso è il cliente che può decidere quando la biancheria gli venga cambiata: una pratica che comporta una riduzione del consumo di acqua e di sostanze chimiche per il lavaggio di lenzuola ed asciugamani. Ecco che il cliente, entrando in camera, può trovare una serie di inviti che richiedono la sua collaborazione all uso consapevole della risorsa. Le pratiche per il risparmio dell acqua potabile sono sovente affiancate dalla valorizzazione di una risorsa gratuita, per lungo tempo ignorata, che se raccolta può offrire notevoli benefici ambientali: l acqua di pioggia. Viene, infatti, recuperata dai tetti o dalle superfici pavimentate, raccolta in cisterne e riutilizzata molto frequentemente per l irrigazione delle aree verdi, per la pulizia degli spazi aperti, per il sistema antincendio, dopo il passaggio attraverso semplici sistemi di filtraggio e separazione dalla prima pioggia. In alcuni casi, essa viene anche riutilizzata per gli scarichi dei wc, attraverso l applicazione di un doppio impianto idraulico che pompa l acqua dalle cisterne, la convoglia attraverso un sistema di sterilizzazione, generalmente una batteria di lampade a luce ultravioletta, inserita all interno di un tubo al quarzo. Queste tecnologie, se a beneficiarne è l edificio, devono presupporre una rete idraulica doppia (rete duale) che si può facilmente realizzare e nelle nuove costruzioni e nelle ristrutturazioni si devono avere spazi adeguati inter-

7 Focus _ 23 Figura 3. Hotel Residence Montelago di Ternate, Varese. rati per la localizzazione delle cisterne di raccolta, la cui capacità deve essere appositamente dimensionata in base ai dati pluviometrici del territorio sul quale insiste la struttura. Le cisterne sono collegate alla rete fognaria solo per lo sfioro del surplus di pioggia. Il riutilizzo dell acqua di pioggia per gli scarichi dei bagni è stato realizzato ad esempio presso l Hotel Residence Montelago di Ternate, dove il proprietario Eugenio Malnati, particolarmente sensibile agli aspetti ambientali, approfittando delle opere di ristrutturazione, ha voluto applicare, in un più ampio progetto, varie e significative misure di sostenibilità. È pur vero che la posizione geografica nella quale si trova l albergo ha permesso l applicazione di questo sistema tecnologico, in quanto Varese, anche dai più recenti rilevamenti 5, risulta essere tra le province più piovose d Italia. Utilizzare l acqua di pioggia per ciò che non necessita acqua di alta qualità, come invece l alimentazione e l igiene personale, significa utilizzare al meglio tutte le risorse che abbiamo a disposizione, con la stessa garanzia per la sicurezza sanitaria. 3 Le possibilità progettuali Deve essere, adesso, spostata l attenzione anche alle acque reflue e pensarle, non più solo come scarto, ma come possibilità. L occasione di depurare i reflui e di poterli quindi riutilizzare induce alla duplice funzione di risparmio della risorsa primaria e di gestione sostenibile dei rifiuti, contribuendo così al miglioramento della qualità delle acque sia superficiali sia sotterranee. E le strutture ricettive, per via della collocazione molto spesso isolata, della presenza di ampi spazi verdi, della fluttuazione stagionale degli utenti, sono ottimi ambiti per l installazione di sistemi naturali per il trattamento dei liquami, quali la fitodepurazione, il lagunaggio, la subirrigazione. Tecnologie che hanno un impatto ambientale quasi nullo e un trascurabile consumo energetico e consentono, con il massimo della sicurezza, la gestione sostenibile dei reflui delocalizzata sul territorio, in quanto l impianto è capace di sopportare carichi notevoli e differenziati di inquinanti, variabili sia qualitativamente che quantitativamente. Numerosi sono i testi ed i manuali a cui far riferimento 6, ma, molto schematicamente, la fitodepurazione si distingue a seconda di come l acqua attraversa la vasca, se è cioè a pelo libero (sistema a flusso superficiale) o è sommersa (sistema a flusso subsuperficiale). È costituita da un pozzo Imhoff per il pretrattamento, una serie di vasche in parallelo e/o in serie, dove avvengono i processi di depurazione. Nei letti e nelle vasche vengono inserite specie vegetali tipiche delle zone umide, le macrofite (emergenti, radicate o sommerse), che, grazie all apparato radicale e/o fogliare, insieme alla flora microbica del terreno e a moltissime altre variabili naturali (la temperatura, il clima, l ossigenazione), hanno un effetto di rimozione di un largo gruppo di inquinanti. Può essere, inoltre, motivo di riqualificazione ambientale, perché la formazione di zone umide, magari in più ampi contesti verdi, innesca meccanismi per la creazione, la conservazione o la massimizzazione della biodiversità autoctona, e, non da ultimo, il vantaggio economico sia nella diminuzione dell approvvigionamento idrico sia nello smaltimento dei reflui, con una altrettanto economicità di realizzazione e manutenzione d impianto 7. Numerose strutture ricettive, oltre ad utilizzare sistemi per il risparmio dell acqua potabile all interno dell edificio, hanno installato impianti di fitodepurazione per lo smaltimento delle acque sia grigie (lavandini, docce, bidet) sia nere (wc), finalizzata al riuso principalmente per scopi irrigui. A titolo di esempio vengono prese diverse strutture ricettive di varia tipologia e capacità di accoglienza, per metter in evidenza la validità di un orami consolidato sistema di smalti-

8 24 _ ilprogettosostenibile 19 Figura 4. La piscina di mare, Baia dei Delfini, Battipaglia (foto arch. Francese). Figura 5. Il Parco della Fondazione Le Madri nel comune di Rolo (RE). 4 5 mento reflui, idoneo nei casi più disparati sia per scala sia per picco di carico, senza che l impianto, che del resto è composto da unità viventi, subisca traumi tali da compromettere il suo corretto funzionamento. In alcuni casi è proprio la distanza dalla rete fognaria o il costo eccessivo dei lavori per poterla raggiungere, che ha indotto i titolari a determinate scelte tecnologiche, in altri è semplicemente un miglioramento o un adeguamento normativo del sistema di smaltimento reflui precedentemente adottato. Sono numerose in Italia strutture, come bed & breakfast ed agriturismo, che hanno optato per questa soluzione tecnologica, dimostratasi flessibile alle più svariate esigenze di piccolissimo e piccolo taglio. Di altro genere, ma altrettanto interessante è la Baia dei Delfini (progetto arch. Alberto Francese, fornitura Initram Impresa Italia srl) un campeggio con struttura balneare a Battipaglia, Salerno. Il complesso sorge su un terreno sabbioso, capta acqua potabile da falda mediante tre pozzi ed è comunque collegato all acquedotto pubblico, dato che nei periodi di alta affluenza questi non sono sufficienti al fabbisogno idrico richiesto. Sono stati applicati diversi sistemi per il risparmio idrico, ma non vi è la possibilità di raccogliere l acqua di pioggia. Per la piscina, anziché l acqua potabile, viene convogliata acqua di mare. È stato, inoltre, costruito un impianto di fitodepurazione dove sono convogliate, con due reti distinte, le acque grigie e quelle nere. L impianto è dimensionato per 380 abitanti equivalenti 8, con una superficie totale di metri quadrati, e l acqua depurata viene utilizzata per l irrigazione del verde di pertinenza. A volte la scelta è orientata da volontà progettuali di più ampio respiro: la Fondazione Le Madri, nel comune di Rolo (RE) è un centro culturale di ispirazione steineriana dove vengono organizzati gruppi di studio, corsi, seminari e conferenze su tematiche antroposofiche. È stato quindi un naturale proseguimento dell attenzione all uomo e alla natura dimostrata in tutte le attività della Fondazione anche la scelta di trattare le acque di scarico in modo ecologico e sostenibile, optando per la fitodepurazione. L impianto, progettato da ARTECambiente, è stato messo in funzione nell estate Ha una superficie di 50 metri quadrati, e va a trattare tutte le acque in uscita dalla cucina biologica del ristorante, che accoglie circa 50 coperti, dalla sala polivalente utilizzata per i corsi e in grado di contenere fino a 100 persone, e dalla parte adibita ad uffici della Fondazione e della Cooperativa Farnia. L acqua trattata, depurata e priva di qualunque agente inquinante, viene al momento ceduta ad un vicino corso d acqua, in previsione di essere in futuro utilizzata per l irrigazione in seguito a un passaggio attraverso giochi d acqua e vortici vitalizzanti 9. Spesso sono le prescrizioni locali, come avviene nell Isola Polvese, una delle tre piccole isole del Lago Trasimeno in provincia di Perugia, oppure si tratta di progetti europei che, coinvolgendo numerosi enti ed organizzazioni, sviluppano programmi che dettano i principi di gestione del territorio e che danno ottimi risultati, non solo dal punto di vista ambientale, ma anche di visibilità, comunicazione e promozione. Nell Isola Polvese, per l Ostello Internazionale Fattoria il Poggio, è stato realizzato da Iridra un impianto di fitodepurazione con una superficie totale di 450 metri quadrati, progettata per 80 abitanti equivalenti, la cui presenza non è continua nel corso dell anno. Precedentemente, i reflui prodotti subivano esclusivamente un trattamento primario (2 fosse Imhoff e 1 separatore di olii e grassi), per poi essere accumulati in apposite fosse e venire rimossi periodicamente. Questo sistema era accompagnato da costi elevati. A causa della necessità di un impianto di depurazione e del fatto che l Isola Polvese è stata dichiarata nel 1995 Parco scientifico e didattico 10 del Parco Regionale del Trasimeno, si decise di realizzare un sistema di trattamento che utilizzasse le tecniche di depurazione naturale. La scelta di questo tipo di sistema di trattamento è stata fatta considerando aspetti di tipo sperimentale e dimostrativo. Infatti, l impianto è un sistema multi-stadio, composto da un primo stadio a flusso sommerso orizzontale, un secondo stadio a flusso sommerso verticale e uno stadio finale a superficie libera. Così, l impianto contiene tutte le più significative e utilizzate tipologie di sistemi di depurazione naturale. Inoltre, questa combinazione di tipi differenti di sistema porta ad una diminuzione dell area richiesta per l impianto e ad un miglioramento dell efficienza totale 11. L acqua in uscita viene reimmessa nel ciclo naturale, convogliandola al lago, mentre l acqua di pioggia, raccolta in cisterne, è riutilizzata a scopi irrigui e per il sistema antincendio. Il secondo, è invece il caso dell Hotel Relais Certosa nel comune di Firenze. L intervento si inserisce all interno del Quinto Programma Framework dell Unione Europea Energy, Environment and Sustainable Development nel progetto SWAMP (Sustainable Water Management and Water Purificaton in Tourism Facilities). Obiettivo del progetto SWAMP è elaborare trattamenti di fitodepurazione delle acque reflue efficienti e sostenibili per siti turistici in situazioni isolate e per agriturismi in zone rurali da 10 a abitanti equivalenti, incentivando il riutilizzo delle acque depurate ed una gestione razionale della risorsa acqua. Al progetto europeo partecipano i seguenti partners: Austria (Ökologisches Project, Graz; Enhardt & Partners, Graz; AEE, Gleisdorf ); Italia (Ambiente Italia s.r.l.,

9 Focus _ 25 Figura 6. Impianto di fitodepurazione Fattoria il Poggio, Isola Polvese. Figura 7. Impianto di fitodepurazione Hotel Relais Certosa, Firenze. Figura 8. Piscina biologica Albergo Sonnleiten, Parcines (Paul Luther). 6 7 Milano; Iridra s.r.l, Firenze); Germania (Target, Hannover; AWA, Uelzen); Lettonia (Sia Aprite, Cesis; Carl Bro, Riga) 12. In questa struttura alberghiera, l Iridra ha realizzato nel 2001, un impianto di fitodepurazione per 140 abitanti equivalenti su una superficie di 340 metri quadrati, suddivisi in diversi stadi. Vengono, inoltre, recuperate le acque di pioggia, raccolte in una cisterna, mentre quelle in esubero vanno all impianto di fitodepurazione insieme all acqua nera. L acqua depurata in uscita dall impianto è utilizzata per l irrigazione. Biopiscine Le attività che le strutture ricettive prestano, influenzano senza dubbio il cliente nel momento della prenotazione e la concorrenza di mercato si basa proprio sulla differenziazione dei servizi. Per molte persone sapere che il luogo nel quale si intende soggiornare, dal singolo giorno per un viaggio d affari all intera 8 settimana per le vacanze, offre attività e servizi, a parità di prezzo, quali sala fitness, solarium, sauna o piuttosto piscina, è il motivo basilare per cui si preferisce un complesso piuttosto di un altro. La piscina è senz altro il più gradito tra i servizi. È tuttavia, sia coperta che scoperta, una struttura dispendiosa dal punto di vista energetico, di manutenzione e idrico. A questo proposito, a causa delle perdite dovute all evaporazione, deve essere fatta una continua reintegrazione, non solo d acqua, ma anche di tutte quelle sostanze con il quale questa viene trattata per raggiungere gli standard qualitativi che la normativa impone. Esistono, tuttavia, degli accorgimenti e degli interventi che possono limitare i consumi sia della quantità di acqua di integrazione (30-50%) sia delle sostanze chimiche (30-50%) 13, quali, ad esempio, prevedere il posizionamento di una copertura quando la vasca non viene utilizzata, ridurre filtraggi oltre il necessario, incrementare la manutenzione, e per le piscine all aperto, predisporre anche barriere verdi per ridurre la ventilazione 14. Tra le tante possibilità che il turismo sostenibile oggi offre al mercato, troviamo la biopiscina: piscina a tutti gli effetti con il valore aggiunto che, grazie all aspetto naturalistico, alla possibilità di inserimento in contesti paesaggistici di rilievo, alla purificazione dell acqua solo con principi naturali, ha un impatto quasi nullo sull ambiente. L approfondita conoscenza delle tecniche costruttive, il sapiente utilizzo delle scienze naturali e dell esperienza, permettono di ottenere un acqua dolce, morbida, gradevole sulla pelle, persino profumata. Una piscina biologica è innanzitutto un modo nuovo e antico allo stesso tempo di immergersi nella natura, di diventarne parte. Un modo nuovo perché utilizza conoscenze moderne, ma molto antico perché non fa che cercare di ricreare ciò a cui la natura aveva già pensato. È insomma un luogo nel quale rigenerarsi. Una biopiscina ha inoltre il vantaggio di richiedere consumi energetici piuttosto bassi 15. Si cita in merito l Hotel Sonnleiten a Parcines, in provincia di Bolzano, dove nel 2006, su progetto e realizzazione di Paul Luther (Gart manifattura giardini), è stata installata una biopiscina di 80 metri quadrati di superficie, in grado di accogliere 8 bagnanti al giorno, nonostante le dimensioni relativamente piccole, grazie all utilizzo di un filtro biologico e alla realizzazione di una vasta zona di rigenerazione 16. Risparmiare risorse, rispettare l ambiente, soddisfare il cliente informandolo e coinvolgendolo, non fermarsi alla propria struttura, ma interessare le aree limitrofe e migliorare territorio e paesaggio, sono gli obiettivi verso cui si sta indirizzando l emergente cultura del turismo sostenibile. Interessi personali che si trasformano in interessi comuni, benefici locali verso benefici globali.

10 26 _ ilprogettosostenibile 19 Figura 9. Proximity Hotel a Greensboro (North Carolina). Figura 10. Pannelli solari sulla copertura dell hotel. Hotel sostenibili in USA** Nel contesto Nordamericano vi sono diverse associazioni come la Green Hotels Association o il Green Hotel Certification Institute che supportano la pratica sostenibile a livello alberghiero: la maggior parte delle raccomandazioni riguardano la gestione del regime delle acque, il consumo elettrico, lo smaltimento e il riciclo dei rifiuti. Ma per una visione più integrata del concetto di struttura ricettiva sostenibile rimane punto di riferimento il sistema LEED (Leadership in Energy and Environmental Design), in quanto strettamente connesso alla costruzione e alle prestazioni dell edificio nell arco del suo ciclo di vita. Sviluppato dalla US Green Building Council, il sistema fornisce gli strumenti ed i parametri in sei settori chiave dell attività umana e della salute ambientale: lo sviluppo sostenibile del sito, il risparmio d acqua, l efficienza energetica, la selezione dei materiali, la qualità ambientale e l innovazione nel design. Gli hotel certificati LEED, comunque, non sono molti, circa una decina in tutto il Nordamerica, a testimonianza della difficoltà nell adattare i principi di sostenibilità in modo sistemico ad un settore, quello del turismo, che in USA è stato nel passato sinonimo di sfarzo e consumo eccessivo. Tra questi hotel sostenibili citiamo i casi di hotel che hanno considerato con attenzione gli aspetti di raccolta, purificazione e riutilizzo dell acqua. Si tratta del Proximity Hotel in North Carolina, esempio di albergo in contesto naturale, e della trasformazione dell Orchard Garden Hotel in San Francisco, albergo situato n un contesto urbano denso e povero di acqua piovana. Proximity Hotel, Greensboro L Hotel Proximity, in Greensboro, North Carolina, è un Green Hotel : il progetto, la 9 10 costruzione e la gestione si ispirano alle linee guida ed alle prestazioni ambientali dettate dal sistema LEED. L hotel ha ottenuto il grado più alto nel sistema di classificazione: il LEED platino. E quando si parla di LEED si parla di prestazioni accuratamente calcolate secondo procedure normate: il Proximity Hotel risparmia il 41% di energia rispetto ad analoghe strutture alberghiere ed il 33% in meno in termini di consumi idrici. Il progettista dell hotel, Dennis Quaintance, spiega come ad aspetti tecnici legati a energia e comfort si siano affiancati concetti come l utilizzo di prodotti locali per il cibo e risorse

11 Focus _ 27 Figura 11. Ingresso dell hotel. Figura 12. La reception Tabella 1. Le prestazioni ambientali del Proximity Hotel. STRATEGIA E TECNOLOGIE Energia dal moto dell ascensore Energia geotermica (sistema attivo) Luce naturale Esposizione e visibilità Materiali da costruzione a contenuto riciclato Recupero materiali in cantiere Sanitari ad alta efficienza Qualità dell aria Materiali sani Legno Biciclette Cappe con sensori PRESTAZIONE Si riduce l uso di energia utilizzando quella derivante dal moto di discesa Utilizzo per il ristorante e per gli impianti di refrigerazione Finestre molto alte per l incremento della diffusione della luce naturale in profondità Applicata a più del 97% di tutti gli spazi occupati regolarmente. L acciaio contiene il 90% di materiale riciclato; sheetrock (pannelli a secco per pareti): 100%, asfalto: 25%. Il cemento contiene il 4% di ceneri (residui d combustione da discariche) Recuperati 87% dei rifiuti da costruzione Riduzione dell uso d acqua del 33% Miglioramento della qualità dell aria con sistemi di ventilazione e recupero di energia dell aria estratta dalle stanze Riduzione dell uso di materiali con emissioni da composti organici volatili (COV) in vernici, adesivi, tappeti, ecc., per ridurre la contaminazione dell aria negli ambienti chiusi Utilizzo di scaffalature di noce SkyBlend, materiale composto ottenuto al 100% da pasta di legno riciclata senza aggiunta di formaldeide Offerta di biciclette per gli ospiti umane locali per un rapporto più vicino al territorio di cui l albergo vuole essere l espressione. All atto della costruzione si è voluto minimizzare l impatto sul territorio ed evitare il run off delle acque piovane, innanzitutto riducendo l erosione dovuta al flusso delle acque, impiantando specie vegetali locali al fine di consolidare la compattezza del terreno. Le 376 tonnellate di massi provenienti dallo scavo sono state riutilizzate in sito per la creazione di bacini d acqua naturale. La superficie di vegetazione sottratta al suolo dalla costruzione è restituita nella copertura dell edificio. Il tetto verde sul ristorante riduce l isola di calore. In altre parole, il tetto verde riflette il calore, riducendo così la quantità di energia necessaria per la refrigerazione e/o l aria condizionata, ma anche la pioggia rallenta il deflusso, mantenendo l edificio più fresco. L albergo utilizza l energia del sole per ottenere l acqua calda tramite 100 pannelli solari per un totale di mq di superficie (abbastanza acqua Cappe con velocità variabile: utilizzano una serie di sensori per impostare la potenza in base alle esigenze della cucina e si regolano a un livello inferiore di funzionamento (tipicamente 25% della loro piena capacità). Sono presenti anche sensori di rilevamento di calore, fumo o altri effluenti per aumentare la velocità per mantenere l aria fresca calda per un centinaio di case). Il sistema riscalda circa il 60% d acqua ad uso sia dell albergo sia del ristorante. L utilizzo di acqua è inoltre ridotto del 33% tramite l installazione di rubinetterie ad alta efficienza idraulica, mentre l acqua piovana è riutilizzata ai fini dell irrigazione dei giardini. Orchard Garden Hotel, San Francisco L hotel, costato 25 milioni di dollari, è situato nel cuore di San Francisco, ad un solo isolato da Union Square, a due passi dalla porta di Chinatown e vicino al Financial District. Architecture International ha progettato l hotel con la consulenza di Swinerton Builders, un team specializzato in bioediliza. Il design dell Orchard Garden Hotel è articolato in 10 piani che rafforzano il linguaggio architettonico del contesto storico, gli ultimi due piani sono rientranti rispetto al filo delle facciate creando una terrazza per ciascuna suite ed un tetto giardino. La facciata è quella tipica degli edifici San Francisco, con una base di pietra. Sherry Caplan, direttore di Architecture International ha progettato tenendo conto delle indicazioni della proprietaria che ha voluto costruire un ambiente sicuro e sostenibile, ottenendo la certificazione LEED. Il direttore generale Stefan Mühle spiega infatti che gli edifici certificati LEED hanno costi operativi ridotti, una maggiore produttività dei dipendenti e occupanti più felici. L Orchard Garden Hotel è stato progettato per ottenere un alto livello di sostenibilità e la certificazione LEED ha costituito il riferimento per i consumi energetici, l illuminazione, l acqua e l uso di materiali. Il risparmio energetico è ottenuto sia attraverso la qualità dell involucro, isolato in modo da utilizzare meno energia per il riscaldamento e l aria condizionata, sia grazie a ampie finestrature che massimizzano l utilizzo di luce naturale. Importanti anche le modalità operative

12 28 _ ilprogettosostenibile 19 Figura 13. Orchard Garden Hotel a San Francisco, vista esterna nottura. Figura 14. Vista della terrazza. Figura 16. La raccolta differenziata è gestita a partire dalla camera d albergo. Figura 15. La scheda che consente il controllo dell illuminazione e della climatizzazione della stanza razionalizzate: pur senza l utilizzo di sensori complicati, semplici schede che il cliente lascia in un piccolo box quando lascia la stanza disattivano luce e climatizzazione. Un abitudine ormai per gli alberghi europei, qui per la prima volta installata in un hotel a San Francisco. Anche la raccolta differenziata avviene a partire dalla camera d albergo: in questo modo il cliente diviene partecipe del processo comprendendo il suo importante ruolo, contribuendo al tema di un uso razionale delle risorse. Gli ecomateriali da costruzione utilizzati nella struttura includono cemento realizzato con ceneri volanti, un sottoprodotto del riciclaggio di carbone, e, per le finiture, legno certificato dal Forest Stewardship Council, marchio che garantisce che è stato coltivato e raccolto in modo sostenibile. Anche i detriti accumulati durante la fase di costruzione sono stati deviati presso discariche specializzate nel riutilizzo degli stessi. Un team di progettisti ha curato la scelta dei tessuti per sviluppare drappeggio, lenzuola, tappezzeria con poliestere riciclato lavabile al fine di evitare l uso di sostanze chimiche per la pulizia. Questi accorgimenti sono suggeriti dalla categoria LEED definita materiali e risorse. In questo quadro urbano l utilizzo dell acqua riveste un ruolo fondamentale, la California, infatti, e San Francisco in particolare hanno visto ridursi drasticamente la disponibilità di acqua negli ultimi anni. Si tratta di una vera e propria emergenza idrica dovuta al calo delle precipitazioni. Le autorità si sono mobilitate sensibilizzando la popolazione sul tema, proibendo l uso dell acqua per scopi non necessari ed aumentando i costi dell acqua al consumo. Ecco allora che nel progetto per il Garden Hotel è stato necessario uno studio per aumentare l efficienza nell uso dell acqua: innanzitutto si è puntato a ridurre il fabbisogno per l edificio, minimizzando l uso dell ac-

13 Focus _ 29 Figura 17. Rendering dell hotel. 17 Tabella 2. Le principali prestazioni ambientali dell Orchard Garden Hotel. STRATEGIA E TECNOLOGIE Energia - (sistema passivo) PRESTAZIONE L energia è conforme codice ASHRAE/IESNA : isolamento e posizionamento delle finestrature ottimizzano i guadagni solari e minimizzano dispersioni di calore non necessarie 14 - fonte: FIRE (Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia) M. Lajo, P. Luther, Biopiscine. Progettazione ed esecuzione tecniche normativa, Sistemi Editoriali, S. Lajo, Responsabile comunicazione esterna ARTECambiente srl. Viste dell esterno e daylighting Sistemi refrigeranti Isola di calore urbana Il 75% degli spazi interni ha una vista dell esterno e luce naturale con un fattore di luce diurna superiore al 2% Riduzione dell utilizzo di CFC Finiture e materiali per l esterno a basso assorbimento di calore (materiali di copertura certificati EnergyStar) Link utili Materiali Energy room control Rubinetti low-flow Sanitari e servizi igienici ad alta efficienza Sistema di irrigazione capillare qua in operazioni strettamente necessarie per la cucina e per la pulizia ed impiegando sanitari a basso flusso. Inoltre, è molto interessante il sistema di irrigazione, un vero e proprio sistema capillare e invisibile che tocca tutte le aree verdi: attraversando l edificio fornisce alle piante l apporto d acqua necessario senza sperperi. Note * Questa sezione dell articolo è scritta da Elvira Pensa. Si ringraziano le aziende e le strutture ricettive citate per la disponibilità e il materiale fornito. ** Questa sezione dell articolo è scritta da Emanuele Naboni. 1 - Gli alberghi & C. consigliati da Legambiente. 2 - fonte: Ecolabel Italia. 3 - M. Bernabè, consulente Ecolabel del gruppo operatori Riva del Garda, Convegno Progetto alberghi sostenibili: l esperienza del marchio Ecolabel, Fiera Expo Riva Hotel 2008, A. Lindstrom, I. J. Buerge, T. Poiger, P. Berqvist, Occurrence and environmental behavior of the bactericide triclosan and its Basso contenuto di energia per la produzione, riciclo e riduzione delle emissioni chimiche Scheda per il controllo dei dispositivi di illuminazione e di climatizzazione delle stanze sulla base della presenza di occupanti nelle stanze Ridotto consumo di acqua Riduzione dell utilizzo di acqua per scopi igienici Minimizzazione dell uso dell acqua per l irrigazione methyl derivative in surface waters and in wastewater, Environmental Science and Technology, fonte: Centro Meteorologico Lombardo. 6 - E.Trevisiol, R. Parancola, Manuale di fitodepurazione, Edizioni Edicom, M. Borin, Fitodepurazione, Il Sole 24ore, Milano, R. Vismara, Depurazione biologica. Teoria e processi, Hoepli, Milano, E. Pensa, La fitodepurazione, una risposta alla sostenibilità ambientale, blu+verde - Atti del 1 Congresso Internazionale, Milano maggio 2006, a cura di M. Bottero e L.M.F. Fabris, CLUP, Milano, Abitante equivalente: unità di misura standardizzata per il dimensionamento degli impianti, riferita al carico organico in rapporto alla natura dell attività della comunità. 9 - S. Lajo, Responsabile comunicazione esterna ARTECambiente srl Cooperativa Plestina nell ambito dei progetti CRIDEA (Centro Regionale per l Informazione, la Documentazione e l Educazione Ambientale), Regione Umbria, fonte: Iridra srl fonte: Initram Impresa Italia srl fonte: RESPEC (Reduce Swimming Pool Energy Costs). Hotels, water, saving and common sense The solutions adopted by European accommodation facilities to reduce water usage date back more than twenty years and were developed for purely economical reasons. Over the years the ecological conscience of both the sector operators and their clients has increased and the attention given to water usage has become a constant theme for almost all the main hotel chains around the world. The strategies adopted by hotels against water waste are the same as those used by the private building industry. What makes the difference is the large number of clients who are increasingly interested in the environmental aspect of their breaks for both business and pleasure. Analysing the Italian situation it can be discovered that the techniques and technologies applicable to the water cycle (drinkable, dirty and rain water) are already widely used in various hotel and tourist facilities, both large and small, thanks also to the application of advanced sustainable norms and controls and certification shared programmes. In the United States the amount of attention given to water waste is still small. Eco-friendly hotels are still a novelty but the demand for this kind of offer is rapidly increasing. Two American case studies underline the interaction among planning motivation, research for appropriate solutions and usefulness of the recommendations included in the LEED guide lines.

The Solaire L ESEMPIO

The Solaire L ESEMPIO L ESEMPIO The Solaire The Solaire, situato nella Battery Park City di New York, su un area nella parte occidentale di Manhattan, direttamente adiacente a Ground Zero, è il primo edificio progettato in

Dettagli

gli appunti per le Buone pratiche * estratto dal testo completo delle Linee Guida * per fornitori di servizi turistici e autorità locali

gli appunti per le Buone pratiche * estratto dal testo completo delle Linee Guida * per fornitori di servizi turistici e autorità locali gli appunti per le Buone pratiche * estratto dal testo completo delle Linee Guida * per fornitori di servizi turistici e autorità locali IL PROGETTO ECORUTOUR è un progetto europeo che si propone di promuovere

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL. BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013

Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL. BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013 Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013 Programma SPQR Strategia Il programma SPQR prevede la razionalizzazione del patrimonio immobiliare BNL a Roma

Dettagli

Contenuti della Guida Tecnica per la progettazione e gestione dei sistemi di fitodepurazione per il trattamento delle acque reflue urbane

Contenuti della Guida Tecnica per la progettazione e gestione dei sistemi di fitodepurazione per il trattamento delle acque reflue urbane Contenuti della Guida Tecnica per la progettazione e gestione dei sistemi di fitodepurazione per il trattamento delle acque reflue urbane Dott.ssa Silvana Salvati ISPRA Documento approvato con Delibera

Dettagli

GENERA Sistema Integrato e GeneraGreenBuilding

GENERA Sistema Integrato e GeneraGreenBuilding INVITO VI ASPETTIAMO AL NOSTRO STAND Siamo presenti alla Fiera internazionale della sostenibilità Padiglione 6 stand 6/b CONVEGNI ed EVENTI sabato 18 maggio 16.00 17.00 Sala 3 (padiglione 6) CONFERENZA

Dettagli

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

Risparmio nella fase di utilizzo della risorsa

Risparmio nella fase di utilizzo della risorsa L efficienza nell uso dell acqua potabile Gli interventi possibili nel settore civile Obiettivi PTUA 3 Le misure per la programmazione e l uso delle risorsa idrica a scala regionale dovrà essere finalizzata

Dettagli

La natura non è un posto da visitare, è casa nostra

La natura non è un posto da visitare, è casa nostra Una grande magnolia, un oasi verde in città, un corso d acqua, un foglio bianco. La natura non è un posto da visitare, è casa nostra gary Snider il progetto nasce così, con una sfida: dare vita a un nuovo

Dettagli

PROTOCOLLO ITACA 2009

PROTOCOLLO ITACA 2009 Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale PROTOCOLLO ITACA 2009 Art. 9, Schema Legge Regionale: Norme per l edilizia sostenibile LINEE GUIDA E DISCIPLINARE TECNICO

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE D E L I B E R A

LA GIUNTA REGIONALE D E L I B E R A DELIBERAZIONE DELLA 2 OGGETTO: LR 22/2009 interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l occupazione, migliorare l sicurezza degli

Dettagli

L.R. del 27 maggio 2008 n 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1)

L.R. del 27 maggio 2008 n 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1) L.R. del 27 maggio 2008 n 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1) SOMMARIO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità e oggetto) Art. 2 (Interventi di edilizia

Dettagli

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia Master progettazione urbana sostenibile L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia - Cooperativa e sostenibilità - Risorse umane e Coop casa Brescia Il bilancio sociale e il processo

Dettagli

Costruire con sole, vento, acqua

Costruire con sole, vento, acqua Costruire con sole, vento, acqua Il progetto D.A.R.E. BIO per un architettura sostenibile a Cecina La certificazione energetica degli edifici Roberto Bianco Cecina - 4 maggio 2006 DIRETTIVA EUROPEA SUL

Dettagli

Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio

Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio Il Divulgatore n 6/2006 Aziende agricole in Eco-gestione pagg.26-39 Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio Una margherita per identificare un prodotto o un servizio che lungo tutto il suo ciclo di vita

Dettagli

Independent Eco System (IES) è un modulo abitativo mobile energeticamente indipendente, utilizzabile in molteplici situazioni in cui è richiesta una

Independent Eco System (IES) è un modulo abitativo mobile energeticamente indipendente, utilizzabile in molteplici situazioni in cui è richiesta una Presenta Independent Eco System (IES) è un modulo abitativo mobile energeticamente indipendente, utilizzabile in molteplici situazioni in cui è richiesta una installazione off-grid, con completo distacco

Dettagli

DECOR HOUSE LA BIOEDILIZIA. 1. Conoscenza delle specificità locali del sito, come ad esempio,

DECOR HOUSE LA BIOEDILIZIA. 1. Conoscenza delle specificità locali del sito, come ad esempio, LA BIOEDILIZIA Costruire in armonia con l ambiente significa riconoscere che la casa fa parte di un ecosistema che si estende al di là delle pareti domestiche. Risulta fondamentale, pertanto, scegliere

Dettagli

ENERGIA E AMBIENTE UN OFFERTA COMPLETA DI PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI

ENERGIA E AMBIENTE UN OFFERTA COMPLETA DI PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI Energia e Ambiente UN OFFERTA COMPLETA DI PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI uroshunt propone soluzioni avanzate nel campo della produzione di energia, del riscaldamento e del raffreddamento. uroshunt, in partnership

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

Piazza Rosè Valmadrera (LC)

Piazza Rosè Valmadrera (LC) Piazza Rosè Valmadrera (LC) La Cascina Don Guanella si trova a Valmadrera in una località chiamata Piazza Rosè Dista solo 3,1 Km dalla Casa Don Guanella: 9 min circa in auto Piazza Rosè è un antica cascina,

Dettagli

Definizione delle caratteristiche tecniche costruttive per gli interventi di bioedilizia di cui all art. 3 della legge regionale 23 marzo 2010, n. 6.

Definizione delle caratteristiche tecniche costruttive per gli interventi di bioedilizia di cui all art. 3 della legge regionale 23 marzo 2010, n. 6. Dec. Ass. 7 luglio 2010 (1). Definizione delle caratteristiche tecniche costruttive per gli interventi di bioedilizia di cui all art. 3 della legge regionale 23 marzo 2010, n. 6. Pubblicato sulla Gazz.

Dettagli

Facciate ventilate più isolate e più sicure Migliorare la qualità dell offerta per vincere la crisi

Facciate ventilate più isolate e più sicure Migliorare la qualità dell offerta per vincere la crisi IMMAGINE PUBBLICITÀ EDITORIA UFFICIO STAMPA Vicenza - Corso Palladio, 155 Tel 0444 327206 Fax 0444 809819 e-mail: info@studioemmesrl.it Isolamento di pareti dall esterno Facciate ventilate più isolate

Dettagli

Riqualificazione energetica nell ambito del progetto Smart City: i casi di Treviso e Jesolo

Riqualificazione energetica nell ambito del progetto Smart City: i casi di Treviso e Jesolo Riqualificazione energetica nell ambito del progetto Smart City: i casi di Treviso e Jesolo Prof. ing. Luigi Schibuola Dipartimento di Culture del Progetto - Università IUAV di Venezia Unità di ricerca

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

Buone pratiche nella gestione energetica di Ca Foscari

Buone pratiche nella gestione energetica di Ca Foscari Buone pratiche nella gestione energetica di Ca Foscari ing. Tiziano Pompele Dirigente Area Servizi Immobiliari ed Acquisti ing. Massimo Mion Direttore Esecuzione Multiservizi Area Servizi Immobiliari ed

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

Edilizia. innovativa. Bioclimatica, bioedilizia e progettazione di impianti tecnologici. www.moroniepartners.it

Edilizia. innovativa. Bioclimatica, bioedilizia e progettazione di impianti tecnologici. www.moroniepartners.it Edilizia innovativa Bioclimatica, bioedilizia e progettazione di impianti tecnologici www.moroniepartners.it REALIZZAZIONI Alcuni dei nostri lavori: L esperienza maturata dalla Moroni & Partners e dallo

Dettagli

RIDUZIONE DEI COSTI ENERGETICI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI Ancona, 8 Ottobre 2010

RIDUZIONE DEI COSTI ENERGETICI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI Ancona, 8 Ottobre 2010 RIDUZIONE DEI COSTI ENERGETICI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI Ancona, 8 Ottobre 2010 Procedure di controllo tecnico amministrativo ai fini della verifica della giusta spesa energetica e della corretta conduzione

Dettagli

Bio-edilizia. D - Abitare ecologico

Bio-edilizia. D - Abitare ecologico D Abitare ecologico Anche l edilizia, oltre a quanto detto sopra a proposito delle energie rinnovabili, è investita da nuove tendenze nel segno della ricerca di un minore impatto ambientale (schede D1-

Dettagli

BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO

BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO LE NOSTRE CASE, BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO Costruire case sane e vivibili, con attenzione all ambiente e al risparmio energetico è un nostro obiettivo primario

Dettagli

PFF GROUP SRL CHI SIAMO

PFF GROUP SRL CHI SIAMO CHI SIAMO PFF srl, è un azienda giovane e dinamica dedicata alla progettazione, sviluppo e realizzazione di tutti i sistemi ed impianti da fonte di energia rinnovabile studiati per il risparmio energetico.

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI ENERGIA ENERGIA Mantenimento standard di vita Sviluppo delle società industriali e di quelle emergenti Inquinamento Modifica delle condizioni climatiche

Dettagli

g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria

g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria Possiamo considerare l architetto austriaco un pioniere dell architettura solare, avendo egli svolto da oltre venti anni attività di ricerca

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IGIENICO SANITARIA (art. 20 comma 1 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.)

AUTOCERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IGIENICO SANITARIA (art. 20 comma 1 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.) S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I AUTOCERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IGIENICO SANITARIA (art. 20 comma 1 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.) Il/La sottoscritto/a AL COMUNE DI

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI LODI

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI LODI REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI LODI ALLEGATO: GUIDA AGLI INCENTIVI PER L USO RAZIONALE DELL ENERGIA E CONFORT AMBIENTALE IL SINDACO Sig. Davide Tei IL SEGRETARIO GENERALE Dott.ssa Gado Giovanna Cristina

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia

Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia 1 Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia 2 Ruolo dei comuni REGOLAMENTAZIONE CONTROLLO - Redazione allegati energetico-ambientali ai regolamenti edilizi - Accertamenti

Dettagli

FUTURE IS GBC ITALIA Network dell edilizia sostenibile

FUTURE IS GBC ITALIA Network dell edilizia sostenibile FUTURE IS GBC ITALIA Network dell edilizia sostenibile Mission di GBC Italia Diffondere la cultura dell edilizia sostenibile, trasformando il modo in cui gli edifici e le comunità sono progettati, costruiti

Dettagli

La vita inizia dal sole: l energia del Fotovoltaico

La vita inizia dal sole: l energia del Fotovoltaico La vita inizia dal sole: l energia del Fotovoltaico 2015 L energia da fonti rinnovabili 01 IMPIANTO FOTOVOLTAICO 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI Il fotovoltaico è un sistema elettrico che trasforma

Dettagli

Conferenza Internazionale Riuso Sostenibile del Patrimonio Edilizio Torino, 5 giugno 2007 L ENERGIA: CHIAVE DI VOLTA DEL RIUSO EDILIZIO SOSTENIBILE Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico

Dettagli

Linee e dettagli di stile innovativo e contemporaneo senza dimenticare la tradizione

Linee e dettagli di stile innovativo e contemporaneo senza dimenticare la tradizione alberghi Abbiamo chiesto di creare atmosfere di intenso coinvolgimento emotivo. Rivisitando il rustico, Concreta, ha saputo creare un ambiente decisamente moderno! Albino, Annamaria e Marco Peruz Linee

Dettagli

GREEN DESIGN GREEN DESIGN

GREEN DESIGN GREEN DESIGN I TEMI DI OGGI 2 Qualità ambientale indoor e outdoor Efficienza energetica Efficienza e certificazione energetica degli edifici Impianti termici negli edifici Produzione e distribuzione dell'energia termica

Dettagli

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

NovaE e Consorzio Agrario

NovaE e Consorzio Agrario NovaE e Consorzio Agrario Insieme per accompagnare le aziende agricole verso un futuro sostenibile è una partnership NovaE aiuta le imprese agricole, scegli un partner affidabile per investire nell ambiente.

Dettagli

Allegato A8_RELAZIONE AMBIENTALE ENERGETICA

Allegato A8_RELAZIONE AMBIENTALE ENERGETICA COMUNE DI CERVIA PROVINCIA DI RAVENNA REGIONE EMILIA ROMAGNA PIANO PARTICOLAREGGIATO AMBITO EX-COLONIA MONTECATINI Allegato A8_RELAZIONE AMBIENTALE ENERGETICA File Colonia_RelAmbEn_rev02 Pag. 1 INDICE

Dettagli

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano PROGETTO ARETUSA Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano GENERALITÀ 1.1 Finalità ed Ubicazione dell impianto Aretusa

Dettagli

LA BIOEDILIZIA NEI PICCOLI COMUNI. arch. Andrea Moro. Envipark

LA BIOEDILIZIA NEI PICCOLI COMUNI. arch. Andrea Moro. Envipark LA BIOEDILIZIA NEI PICCOLI COMUNI arch. Andrea Moro IMPATTO AMBIENTALE DELL EDILIZIA L EDILIZIA È UNO DEI SETTORI A MAGGIORE IMPATTO AMBIENTALE: L ENERGIA IMPIEGATA NEL SETTORE RESIDENZIALE E TERZIARIO

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE 2009 STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE Arch. Riccardo Giacobazzi CISA Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale 15/09/2009 INDICE Introduzione... pag. 3 Analisi energetica della struttura.....pag.

Dettagli

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

NATURA E AMBIENTE. Il metodo lca applicato al ciclo di vita degli edifici

NATURA E AMBIENTE. Il metodo lca applicato al ciclo di vita degli edifici Il metodo lca applicato al ciclo di vita degli edifici NATURA E AMBIENTE Il metodo LCA OBIETTIVO UNITA FUNZIONALE FUNZIONE DEL SISTEMA CONFINI DEL SISTEMA ISO 14041 MATERIALI PROCESSI INVENTARIO ISO 14040

Dettagli

L elaborazione del Progetto è stato avviato e sviluppato dallo IACP di Salerno coinvolgendo consulenti ed esperti dell Università di Salerno.

L elaborazione del Progetto è stato avviato e sviluppato dallo IACP di Salerno coinvolgendo consulenti ed esperti dell Università di Salerno. Il Progetto per Castelnuovo Cilento (Salerno) L intervento per Castelnuovo Cilento prevede la realizzazione di 34 alloggi di Edilizia Economica Popolare, in un insediamento misto in cui sono compresenti

Dettagli

Idroearth Pompe di calore geotermiche per riscaldamento, raffrescamento, acqua calda

Idroearth Pompe di calore geotermiche per riscaldamento, raffrescamento, acqua calda Idroearth Pompe di calore geotermiche per riscaldamento, raffrescamento, acqua calda Il meglio a portata di mano Utilizziamo l energia che la terra ci regala UTILIZZARE IL CALORE RACCHIUSO NELLA TERRA

Dettagli

Dalla certificazione energetica alla certificazione ambientale del costruito: evoluzione necessaria, Venerdì 30.10.2009, SAIE

Dalla certificazione energetica alla certificazione ambientale del costruito: evoluzione necessaria, Venerdì 30.10.2009, SAIE Dalla certificazione energetica alla certificazione ambientale del costruito: evoluzione necessaria, Venerdì 30.10.2009, SAIE Il processo progettuale e la certificazione LEED: la nuova torre Unipol a Bologna

Dettagli

RISPARMIO ED EFFICIENZA: La prima fonte di energia

RISPARMIO ED EFFICIENZA: La prima fonte di energia FEDERAZIONE NAZIONALE LAVORATORI EDILI AFFINI E DEL LEGNO Aderente alla Fédération Européenne des Travailleurs du Batiment et du Bois dans la CEE ( F.E.T.B.B. ) e alla Fédération Internationale des Travailleurs

Dettagli

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini L integrazione degli strumenti per la sostenibilità Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini Sviluppo Sostenibile sviluppo che offre servizi ambientali, sociali ed economici di

Dettagli

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale AGOMENTI TRATTATI Concetti generali che stanno alla base dell Energy Audit Differenze tra

Dettagli

CONSIGLI PRATICI PER RIDURRE IL CONSUMO DI ACQUA

CONSIGLI PRATICI PER RIDURRE IL CONSUMO DI ACQUA «Sono le azioni che contano. I nostri pensieri, per quanto buoni possano essere, sono perle false fintanto che non vengono trasformati in azioni. Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo.» Mahatma

Dettagli

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra. Fitodepurazione per frazioni e comunità isolate Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.com Frazioni e comunità

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 Rilasciata da RINA con emissione corrente in data 13/07/2012 ATTESTAZIONE SOA Rilasciata da BENTLEY SOA in data 24/01/2013 per le

Dettagli

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE INDICE PREMESSA I PRODOTTI ALIMENTARI PRODOTTI BIOLOGICI PRODOTTI LOCALI BENI DI CONSUMO 2 PREMESSA Ogni giorno, tutti noi consumiamo una quantità di prodotti per soddisfare

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI Servizio 3 Politiche del Lavoro, I - 61121 Pesaro - Via Mazzolari, 4 della Formazione, Sociali, Tel. 0721.3592531/2507/2503 Culturali e Turismo Fax 0721.33930 PEC: provincia.pesarourbino@legalmail.it P.O.

Dettagli

Expo Riva Hotel. 4c) rapporto risp energ finale. Indagine condotta a novembre 2005 dallo Studio Roberto Fortino & Associati per conto di

Expo Riva Hotel. 4c) rapporto risp energ finale. Indagine condotta a novembre 2005 dallo Studio Roberto Fortino & Associati per conto di 4c) rapporto risp energ finale EXPO RIVA HOTEL Ospitalità, Risparmio Energetico e Ambiente I consumi energetici e la gestione delle risorse negli hotel Indagine condotta a novembre 25 dallo Studio Roberto

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI prof. ing. Politecnico di Torino - Dipartimento di Energetica - Gruppo di Ricerca TEBE Legislazione

Dettagli

DOMUS SOLIS PUBBLICATO DA STOLFA 10 FEBRUARY 12

DOMUS SOLIS PUBBLICATO DA STOLFA 10 FEBRUARY 12 Caso studio : DOMUS SOLIS Sito web : http://www.construction21.eu/italia/ DOMUS SOLIS PUBBLICATO DA STOLFA 10 FEBRUARY 12 Tipologia di progetto : Nuova costruzione Tipo di edificio : Condominio di altezza

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (D.Lgs. 152/99 - D.Lgs. 258/00 - Delibera RER n.1053/03 - Regolamento Comunale per il Servizio di Fognatura) AL SINDACO

Dettagli

GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Giancarlo Gusmaroli Coordinatore Tecnico-Scientifico LIFE AQUOR

GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Giancarlo Gusmaroli Coordinatore Tecnico-Scientifico LIFE AQUOR Gestione integrata delle risorse idriche sotterranee e ricarica artificiale delle falde CORSO di FORMAZIONE Centro Idrico di Novoledo, Via Andrea Palladio 128, Villaverla (VI) GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE

Dettagli

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Ecoabita è un progetto della Regione Emilia Romagna, in collaborazione con la Provincia

Dettagli

Rilevazioni consumi. L Agenda. SCHEDE DI RILEAVAZIONE Scheda Istituto Scheda aula Come articolare la scheda. Uno schema aperto SCUOLE

Rilevazioni consumi. L Agenda. SCHEDE DI RILEAVAZIONE Scheda Istituto Scheda aula Come articolare la scheda. Uno schema aperto SCUOLE L Agenda SCUOLE Rilevazioni SCHEDE DI RILEAVAZIONE Scheda Istituto Scheda aula Come articolare la scheda. Uno schema aperto Ing. Antonio Smaldore ACLI Anni Verdi Regionale schede rilevazioni P.I. Gino

Dettagli

un nuovo modo di abitare.

un nuovo modo di abitare. un nuovo modo di abitare. un nuovo modo di abitare. CasaClima, naturalmente tua. A Grotte Santo Stefano (VT), Via Sardegna n. 9 lena_zajchikova - Fotolia.com Casa tradizionale Casa in CLASSE A+ certificata

Dettagli

Acqua azzurra residence

Acqua azzurra residence Acqua azzurra residence Treviso - località Sant ANGELO ACQUA AZZURRA RESIDENCE La tua casa di lusso immersa nel verde con tutti i confort delle abitazioni moderne. Immerso in un oasi di natura e privacy,

Dettagli

Soluzioni green oggi per vivere meglio domani.

Soluzioni green oggi per vivere meglio domani. Soluzioni green oggi per vivere meglio domani. Enel è la più grande azienda di energia elettrica d Italia e la seconda utility quotata d Europa per capacità installata. È un operatore integrato, attivo

Dettagli

Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile

Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile Comune di Carugate Provincia di Milano Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile Fiera Milano City FMC Center 15 Febbraio 2006 COMUNE DI CARUGATE ( Provincia di Milano ) Regione:

Dettagli

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 6 La caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 47 Consigli generali Lo sapete che In media una famiglia italiana spende ogni anno circa 500 per il riscaldamento, che rappresenta

Dettagli

Architettura sostenibile e recupero energetico degli edifici

Architettura sostenibile e recupero energetico degli edifici 1 MODULO Architettura sostenibile e recupero energetico degli edifici LEZIONI: DAL 12 NOVEMBRE 2015 AL 18 DICEMBRE 2015 ESAME: 7 GENNAIO 2016 Fornire ai partecipanti le conoscenze necessarie per una progettazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11-02-2010 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11-02-2010 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11-02-2010 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA Modifiche alla legge regionale 2/2002 in materia di turismo e alla legge regionale 4/2005 recante interventi per il sostegno e lo sviluppo

Dettagli

P i s c i n e N a t u r a l i

P i s c i n e N a t u r a l i Piscine Naturali LA NATURA FONTE D ISPIRAZIONE... BIOTEICH è nato da un sogno: la scienza messa al servizio dell ambiente e del nostro benessere. Da più di 25 anni, grazie alla partecipazione sentita di

Dettagli

Impiantistica ecologica

Impiantistica ecologica Impiantistica ecologica Dipl.-Ing. Thomas Zelger IBO Vienna thomas.zelger@ibo.at Sommario Linee guida di impiantistica ecologica Metodi per la valutazione ecologica Ottimizzazione ecologica: scelta del

Dettagli

LA LEAF HOUSE. LA CASA RURALE

LA LEAF HOUSE. LA CASA RURALE Intervista a Enrico Loccioni, presidente Gruppo Loccioni LA LEAF HOUSE. LA CASA RURALE DIVENTA PULITA ED IPERTECNOLOGICA Condivisione, solidarietà, scambio di sapere sono gli interessi in gioco in un economia

Dettagli

Luogo: Comune di Roma Parco di San Gregorio al Celio Rione Monti

Luogo: Comune di Roma Parco di San Gregorio al Celio Rione Monti Luogo: Comune di Roma Parco di San Gregorio al Celio Rione Monti Intervento: Risanamento bioedile di un edificio adibito a Scuola per l Infanzia. Progetto: Geom. Edoardo Bellazecca ECOEDIL abitare secondo

Dettagli

l innovazione tecnologica per la nuova architettura

l innovazione tecnologica per la nuova architettura l innovazione tecnologica per la nuova architettura greenbuildingexpo.eu efficienza energetica e architettura sostenibile mostra e convegno internazionale 6 a edizione Fiera di Verona 9-11 maggio 2012

Dettagli

Il progettista e la sfida delle riqualificazioni

Il progettista e la sfida delle riqualificazioni Il progettista e la sfida delle riqualificazioni Un esperienza virtuosa in Classe A Relatore: ing. Michele Sardi Edificio di partenza Classe G Edificio in fase di riqualificazione energetica Classe A Contenuti

Dettagli

LA CORRETTA GESTIONE AMBIENTALE: OPPORTUNITÀ E VANTAGGI PER LE PMI

LA CORRETTA GESTIONE AMBIENTALE: OPPORTUNITÀ E VANTAGGI PER LE PMI LA CORRETTA GESTIONE AMBIENTALE: OPPORTUNITÀ E VANTAGGI PER LE PMI TRAPANI 26.09.2012 relatori: GIULIA CIARAMELLI FRANCESCO BARBATO ECOTEC-CONSULTING OBIETTIVI DELL INCONTRO PMI e Ambiente Dare supporto

Dettagli

Assessorato Agricoltura, Ambiente e Sviluppo Sostenibile. Quaderno orientativo. Tiziano Draghetti, Emanuele Cimatti

Assessorato Agricoltura, Ambiente e Sviluppo Sostenibile. Quaderno orientativo. Tiziano Draghetti, Emanuele Cimatti Assessorato Agricoltura, Ambiente e Sviluppo Sostenibile Quaderno orientativo Pratiche di risparmio dell acqua: tecniche e comportamenti Tiziano Draghetti, Emanuele Cimatti DIREZIONE GENERALE AMBIENTE

Dettagli

AMBIENTE RAPPORTO CUNEO 2008. I comuni cuneesi "ricloni" BRA DOGLIANI MARENE VILLANOVA MONDOVI' FARIGLIANO RACCONIGI MAGLIANO ALPI VERDUNO

AMBIENTE RAPPORTO CUNEO 2008. I comuni cuneesi ricloni BRA DOGLIANI MARENE VILLANOVA MONDOVI' FARIGLIANO RACCONIGI MAGLIANO ALPI VERDUNO RAPPORTO CUNEO 2008 AMBIENTE Produzione pro-capite di rifiuti urbani (in Kg) - anni 2004-2006 ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO VERBANO-CUSIO-OSSOLA VERCELLI 2004 2005 2006 I comuni cuneesi "ricloni"

Dettagli

L Efficienza Energetica per gli Hotel Investire nel Risparmio. Relatore: Ing. Roberto Canu, A.D. Myenergy S.p.A.

L Efficienza Energetica per gli Hotel Investire nel Risparmio. Relatore: Ing. Roberto Canu, A.D. Myenergy S.p.A. L Efficienza Energetica per gli Hotel Investire nel Risparmio Relatore: Ing. Roberto Canu, A.D. Myenergy S.p.A. INTERNATIONAL TOURFILM FESTIVAL 2012 Convegno Nazionale su ECOTURISMO, IL FUTURO COMPATIBILE

Dettagli

Relazione tecnica fognatura interna

Relazione tecnica fognatura interna Comune di Monza FARCASA S.R.L. PIANO ATTUATIVO IN VIA CAVALLOTTI Allegato 7 Relazione tecnica fognatura interna Ottobre 2013 (Aggiornamento 26/02/2014) Via Valsugana, 6 20052 Monza Tel 039 745508 e-mail:

Dettagli

INFORMAZIONI TECNICHE ECOSOSTENIBILI LOTTIZZAZIONE LE CORTI EDIFICIO A

INFORMAZIONI TECNICHE ECOSOSTENIBILI LOTTIZZAZIONE LE CORTI EDIFICIO A INFORMAZIONI TECNICHE ED ECOSOSTENIBILI LOTTIZZAZIONE LE CORTI BERGAMASCHI COSTRUZIONI BORGO DEL PARMIGIANINO N.22 43121 PARMA TEL. 0521233166 FAX 0521238024 www.bergacos.it CLASSE ENERGETICA A+ Gli edifici

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

ALLEGATI: Presentazione della domanda di partecipazione Premio Eco And The City Giovanni Spadolini Formulario di iscrizione Categoria 1 ( Fac Simile)

ALLEGATI: Presentazione della domanda di partecipazione Premio Eco And The City Giovanni Spadolini Formulario di iscrizione Categoria 1 ( Fac Simile) ALLEGATI: Presentazione della domanda di partecipazione Premio Eco And The City Giovanni Spadolini Formulario di iscrizione Categoria 1 ( Fac Simile) Anno: 2011 Categoria: Settore Privato Impresa Virtuosa

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Gli interventi

Dettagli

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile Alessandra Bonoli DICAM, Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e Materiali, Università degli Studi di Bologna Per contrastare il

Dettagli

COMUNE DI FANO. RELAZIONE ANALISI DI SETTORE L.R. n 14/2008 Art.5 comma 2 NORME PER L EDILIZIA SOSTENIBILE

COMUNE DI FANO. RELAZIONE ANALISI DI SETTORE L.R. n 14/2008 Art.5 comma 2 NORME PER L EDILIZIA SOSTENIBILE COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro Urbino PIANO DI RECUPERO IN VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO AREA COMPARTO SCOLASTICO SCUOLA PARITARIA MAESTRE PIE VENERINI RELAZIONE ANALISI DI

Dettagli

Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento. Opuscolo tecnico

Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento. Opuscolo tecnico Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento Opuscolo tecnico Che cos è il teleriscaldamento Il Gruppo Hera, una delle più importanti multiutility italiane che opera nei servizi dell ambiente,

Dettagli

EcoVillaggio Autocostruito

EcoVillaggio Autocostruito BAG officinamobile EcoVillaggio Autocostruito Pescomaggiore _1 Due degli edifici di diversa metratura completati. La veranda con i brise-soleil nell edificio a destra e lo sporto della copertura dell

Dettagli

I N D I C E. INDICE Pagina 2. CONCETTO & TECNOLOGIA Pagina 3. CONCETTO & TECNOLOGIA INCENTIVAZIONE Pagina 4. SISTEMAZIONE & SPAZIO Pagina 5

I N D I C E. INDICE Pagina 2. CONCETTO & TECNOLOGIA Pagina 3. CONCETTO & TECNOLOGIA INCENTIVAZIONE Pagina 4. SISTEMAZIONE & SPAZIO Pagina 5 Motore a vapore I N D I C E INDICE Pagina 2 CONCETTO & TECNOLOGIA Pagina 3 CONCETTO & TECNOLOGIA INCENTIVAZIONE Pagina 4 SISTEMAZIONE & SPAZIO Pagina 5 SCHEDA TECNICA Pagina 6-9 CONTATTO Pagina 10 CONCETTO

Dettagli