XVI Congresso Internazionale Novembre 2007 Etica e Sport. Giovani e Dirigenti Università di Anversa - Campus Middelheim.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XVI Congresso Internazionale - 22-23 Novembre 2007 Etica e Sport. Giovani e Dirigenti Università di Anversa - Campus Middelheim."

Transcript

1 ita - anversa - abstract 2007.qxp 13/11/ Page 27 XVI Congresso Internazionale Novembre 2007 Etica e Sport. Giovani e Dirigenti Università di Anversa - Campus Middelheim Programma Giovedì 22 novembre 14.00/16.00 Accreditamento partecipanti Apertura del Congresso - Indirizzo di saluto del Presidente del Panathlon International, Dott. Enrico Prandi - Saluto del Rettore dell Università di Anversa, Prof. Francis Van Loon - Saluto delle Autorità Presentazione delle tematiche del congresso Avv. Antonio Spallino Presidente Commissione Scientifico-Culturale del P.I Miglioramento dei corpi - Questioni etiche Prof. Claudio Marcel Tamburrini (RA), Università di Stoccolma (S) Progetto della Carta Etica del C.I.O.: ragazzi, adolescenti e la pratica sportiva Dott. Michel Leglise, Commissione Medica del C.I.O. (F) Venerdì 23 novembre 9.30 Etica nello sport giovanile Prof. Jim Parry, Università di Leeds (GB) La responsabilità della classe dirigente sportiva Prof. Gorge Vigarello, Università Parigi 1 (F) I rischi per i giovani di una formazione allo sport senza etica Prof. A. Carlos Bramante, Università Sorocaba (BR) coffee break Riunioni separate dei club delle aree linguistico-culturali del P.I. sui temi: - Giovani e sport - L etica nella classe dirigente sportiva coordinate dai componenti la Commissione Scientifico-Culturale del P.I. Dott. Aldo Aledda, Dott.ssa Maria Emilia Alvarez, Prof. Lucio Bizzini (Università di Ginevra), Prof. Yves Vanden Aweele (Università di Lovanio) Colazione di lavoro (self service) Ripresa delle riunioni separate dei club 16.00: coffee break 16.15: Dibattito generale - Interventi e coordinamento di Prof. Marc Maes, Università di Bruxelles per L etica nella classe dirigente sportiva Prof. Lucio Bizzini per Giovani e sport Lettura della Risoluzione del Congresso Dibattito e votazione Chiusura del Congresso 27

2 ita - anversa - abstract 2007.qxp 13/11/ Page 28 Introduzione di Antonio Spallino * Etica e Sport. Giovani e Dirigenti. Questo il titolo del congresso internazionale che si terrà ad Anversa presso l Università Campus Middelheim organizzato dal Panathlon International (www. panathlon.net) con il contributo dell Ateneo, nei giorni 22 e 23 Novembre Si tratta del XVI congresso che l associazione culturale, nata a Venezia nel 1951 e divenuta movimento internazionale presente oggi in 27 Paesi di Europa e delle Americhe, organizza sui grandi temi attorno a cui ruota lo sport. Cultura, etica e fair play sono i tre obiettivi fondanti di una attività che mira a fare dello sport uno strumento di formazione ed elevazione della persona e di solidarietà tra gli uomini e i popoli. Questo di Anversa segue congressi che hanno segnalato il Panathlon fra le associazioni più attive nella difesa dei valori universali, che lo sport aiuta a recepire, e nel recupero di umanità che dovrebbe sempre informarlo. Congressi come quello di Avignone nel 1995 dedicato a I diritti del ragazzo nello sport che diede diffusione alla Carta dei diritti del ragazzo nello sport da molti utilizzata e adattata - ; come quello di Vienna, che aveva al centro L adolescente e il suo inserimento sociale attraverso lo sport ; come a Palermo con Sport, Etica, Giovani, la linea d ombra del doping o quello di Basilea su Educazione e Sport - che anticipò il tema dell Anno Internazionale dell educazione attraverso lo sport; come a Parma quando si dibatterono i temi della multiculturalità e del volontariato nello sport - per citare solo quelli a più forte impatto sociale e di valore scientifico - hanno collocato il Panathlon fra le associazioni che collaborano con il C.I.O. e all interno dell AGFIS (Associazione Generale delle Federazioni Internazionali Sportive) e del CIFP (Comitato Internazionale per il Fair Play) delle quali è membro. I temi di Anversa propongono questioni cruciali per la conduzione delle attività agonistiche giovanili in un periodo non facile per le molte mani sporche che vi annaspano dentro. Quali sono oggi le questioni etiche legate al miglioramento del corpo? A rispondere sarà il Prof. Claudio Marcel Tamburrini, argentino, docente allo Stockholm Bioethics Centre dell Università di Stoccolma. Le metterà in relazione alle preoccupazioni relative al miglioramento genetico e all interrogativo se questo possa contribuire a rinforzare i valori culturali sospetti, impliciti nella progettazione di un esemplare umano perfetto. Quali i principi ispiratori e le istruzioni per l uso della Carta etica che il C.I.O. si appresta a varare con il significativo contributo venutogli dalla Dichiarazione del Panathlon sull etica nello sport giovanile? Sarà il Dr. Michel Leglise, francese, coordinatore del gruppo di lavoro Etica, sport, bambini e adolescenti della Commissione Medica del C.I.O. a portare il contributo del massimo organismo sportivo mondiale. Sarà la prima uscita ufficiale di questo documento. Effettiva, se potrà esserne diffuso il contenuto, o un anteprima se non sarà stata ancora ufficializzata e allora conosceremo i principi selezionati su cui è stata costruita: la responsabilità dei genitori e dei dirigenti ; la consapevolezza della estrema complessità e difficoltà della formazione sportiva dei giovani, sovente affascinati dal culto della performance o assoggettati a passioni familiari o societarie incompatibili con il rispetto della loro personalità; il primato dell etica su tutte le contingenze ; la validità del progetto per tutti i livelli della pratica sportiva, compresa quella di élite, oggetto di studio particolare; le peculiarità delle nozioni di infanzia e di adolescenza secondo fattori geografici, genetici e socio-culturali; i diritti e i doveri di ragazzi e adolescenti, ma soprattutto di quanti li circondano; il richiamo al postulato lo sport ha per vocazione il compito di educare e di far sbocciare il ragazzo e l adolescente, non di distruggere il suo equilibrio psichico e psicologico sotto la tensione di interessi che gli sono il più delle volte estranei. Un filone, questo che sarà esplorato anche dal Prof. Jim Parry dell Università di Leeds, nell affrontare L etica nello sport giovanile nel Regno Unito l esempio del Gruppo per la Strategia dell Etica nella FA(Football Association) e dal Prof Carlos Bramante, dell università di Sorocaba (BR) che tratterà I rischi di una formazione sportiva senza etica. 28

3 ita - anversa - abstract 2007.qxp 13/11/ Page 29 Come lo sport può contribuire al ritrovamento della felicità per gli esseri umani è la questione centrale che affronterà il Prof. Bramante. Quali sono i valori su cui s imperniano la formazione e l esercizio dei professionisti dell educazione fisica? Sport è educazione? Sport è salute? Lo è ancora? Lo sport aiuta i giovani a svilupparsi positivamente nelle loro diverse dimensioni? La ricerca delle risposte a questi interrogativi coinvolge evidentemente la responsabilità e la professionalità della dirigenza sportiva Ad affrontare questo nodo cruciale sarà il Prof. Gorge Vigarello dell Università di Parigi. Il ruolo del dirigente sportivo è cambiato con i mutamenti dello sport. Occorre considerarlo - oggi più che mai - in rapporto alle specificità precise, alle competenze, alle esigenze morali, comportamentali ed educative della sua figura. Concetti che si legano anche a quello di democrazia e alla progettualità che le rappresentanze degli atleti associati ai vari livelli devono avere. Inoltre la trasformazione da sport a spettacolo, a impresa di divertimento, assolve i dirigenti dalla responsabilità educativa e da comportamenti eticamente corretti? S impone una formazione del dirigente orientata a contrastare quei cambiamenti che pervertono le pratiche sportive, a rispondere alle pratiche fuori norma. Necessariamente la questione investe anche gli amministratori pubblici. Essi dovranno farsi carico della loro parte di responsabilità e i dirigenti non dovranno mai essere lasciati soli, in quanto rappresentano una risorsa fondamentale. Come i volontari (si vedano a tale proposito gli esiti del Congresso di Parma). arricchire il panorama delle esperienze e delle proposte. Ques ultime si tradurranno in lavoro sul campo per i club del Panathlon International, affinché ciascun club, nella propria realtà territoriale e sociale possa contribuire, accanto alle istituzioni sportive e civili, alla diffusione di una aggiornata cultura sportiva. In questa fase di crisi di credibilità dello sport di vertice - quello che esprime i modelli e di spinta esasperata del superamento dei limiti, è venuto il tempo di creare una postilla al Citius, altius, fortius dell olimpismo. Occorre fissare dei paletti, che un tempo erano ben visibili e che oggi i progressi della scienza e la crisi della cultura occidentale sradicano frequentemente rischiando di farci perdere la retta via. Quali prudenze adottare e quali suggerimenti dare di fronte ad esempio al varo dei Giochi Olimpici della Gioventù in programma già dal 2010? Anche di questo si dovrà parlare, perché siamo tutti convinti che nessuna medaglia vale la salute di un ragazzo, ma sappiamo e sapremo tenere comportamenti coerenti? * Presidente della Commissione Scientifico-Culturale e Membro d Onore del Panathlon International Si tratta di un congresso impegnativo, che può segnare una tappa importante nel percorso di rilancio dei valori nella pratica sportiva. I relatori sono di assoluta qualità e certamente i panathleti che parteciperanno attivamente ai lavori confrontandosi sui diversi temi e sulle loro esperienze nello svolgimento degli incontri per aree linguisticoculturali sapranno esprimere posizioni chiare e ferme. Le tavole rotonde collaterali, coordinate da esperti e da cattedratici come il Prof. Yves Vanden Aweele dell Università di Lovanio, Lucio Bizzini, dell Università di Ginevra, il Prof. Marc Maes dell Universtà di Bruxelles, la Dr.ssa Maria Emilia Alvarez uruguayana, il Dott. Aldo Aledda, contribuiranno ad 29

4 ita - anversa - abstract 2007.qxp 13/11/ Page 30 Claudio Marcel Tamburrini Argentino di nascita, calciatore professionista nel suo Paese, ha intrapreso la carriera universitaria dapprima a Buenos Aires dove ha svolto ricerca nel campo Penal philosophy and Philosophy of Sports. Trasferitosi in Svezia ha dappri - ma insegnato a Göteborg, poi a Stoccolma, dove è senior researcher at Stockholm Bioethics Centre Department of Philosophy, University, Sweden. È member of IAPS (Int.Ass. for the Philosophy of Sports), nonché partner del pro - getto enhance dell Unione Europeaautore di pubblicazioni sulla filosofia e i valori dello sport e di articoli giornalistici. Miglioramento dei corpi Questioni etiche recenti sviluppi nel campo della genetica sono incoraggian- Numerosi pazienti sono stati trattati mediante terapia Iti. genetica e gli esiti furono positivi, praticamente senza effetti collaterali negativi. Contemporaneamente a questa prospettiva positiva, è stata espressa preoccupazione circa la possibile applicazione di nuove tecniche mediche per scopi migliorativi. Particolare apprensione crea l utilizzo della tecnologia genetica nel mondo dello sport che, in alcuni casi, può trovarsi in contrasto con l attuale divieto di ricorrere a forme di doping genetico. Le preoccupazioni relative al miglioramento genetico sono effettivamente molte, e derivano dalla domanda se tale miglioramento potrebbe contribuire a rinforzare i valori culturali sospetti, impliciti nella progettazione di un esemplare umano perfetto, fino ad arrivare alle preoccupazioni relative alle questioni fondamentali di giustizia distributiva riferite ad una tecnica che, molto probabilmente, sarà abbastanza costosa e, almeno all inizio, solo accessibile ai ricchi. Altri autori sollevano invece la questione degli effetti che si potranno verificare, in caso vengano adottate le nuove tecnologie, (a) sull autonomia delle decisioni prese per se stessi e per gli altri (ad esempio, per conto dei figli) relative ai miglioramenti genetici. Si solleva la questione di come l ingegneria genetica possa trasformare i tratti fondamentali della personalità negli individui sottoposti a tali trasformazioni, e di come ciò possa influire sulla loro identità personale. Alcuni autori hanno persino espresso la relativa preoccupazione se l ingegneria genetica sia compatibile con (b) l autenticità che, si argomenta, dovrebbe caratterizzare i nostri progetti, obiettivi, desideri e aspirazioni di vita. Infine, le nuove tecnologie di miglioramento possono anche essere criticate sulla base delle (c) pari opportunità. Si potrebbe argomentare che i miglioramenti fisici attualmente previsti sono più legati al sesso maschile, poiché si riferiscono principalmente ad attributi maschili (forza, lunghezza, velocità), con una corrispondente devalorizzazione delle caratteristiche femminili. D altra parte, il miglioramento delle tecnologie potrebbe invece essere utilizzato per promuovere ulteriormente le pari opportunità, consentendo, ad esempio, di poter scegliere liberamente in che momento, nel corso della propria vita, avere dei figli o semplicemente riducendo il divario muscolare tra i sessi. In questa relazione intendo concentrarmi in particolare sulle questioni da (a) a (c). Riassumerò anzitutto l attuale dibattito sul miglioramento delle potenzialità fisiche dell essere umano. Inizierò descrivendo brevemente i risultati ottenuti in campo genetico, le possibili applicazioni nella medicina dello sport e le opportunità ed i rischi implicati in tale sviluppo. Dopo aver presentato il quadro scientifico-naturale, discuterò in maniera più approfondita le nuove tecnologie a supporto (a) dell autonomia, (b) dell autenticità e (c) e delle pari opportunità tra i generi. Bibliography: - Crime and Punishment? (Acta Universitatis Stockholmiensis, 1992, reprinted in 1993 and 1996 by Akademitryck AB Edsbruk); - The Hand of God? - Essays in the Philosophy of the sport (Acta Universitatis Gothoburgensis, 2000, translated in Spanish Both in Sweden and Argentina ; - Values in Sport- Elitism, Nationalism, Gender Equality and the Scientific Manufacture of Winners (co-editor together with Torbjon Tennsjö) London and EgFN Spon 2000 ; - Genetic technology and Sport-Ethical Questions (London and New York, Routledge, 2005) - Sport profile : professional soccer player in Argentina - Some articles : - El retorno de las Amazonas : el deporte de élite y la igualidad genérica - Deporte, Nazismo y Mercado. 30

5 ita - anversa - abstract 2007.qxp 13/11/ Page 31 Michel Leglise Dott. in Medicina Michel Leglise, Coordinatore del Gruppo di lavoro Sport, bambino, adolescente della Commissione medica del C.I.O.; I Vice Presidente della Federazione Internazionale di Ginnastica (FIG), di cui è anche Presidente della Commissione medica e della Commissione gare. Membro della commissione interfederale della FISM; Membro del consiglio medico consultativo di lotta antidoping dell Associazione delle Federazioni Internazionali degli Sport Olimpici Estivi (ASOIF); Membro della commissione antidoping dell Associazione Internazionale dei Giochi Mondiali (IWGA); Membro della commissione antidoping della Confederazione Mondiale delle Attività Subacquee (CMAS); Membro della commissione medica dell Agenzia francese di Lotta al Doping (AFLD). Progetto della Carta etica del C.I.O.: ragazzi, adolescenti e la pratica sportiva uesto progetto di Carta etica bambino, adolescente e Qsport è una richiesta della Commissione esecutiva del CIO del 2004, trasmessa dal Direttore medico del CIO al gruppo di lavoro Sport, bambino e adolescente della Commissione medica del CIO. La nozione di infanzia e di adolescenza è stata riferita a un periodo di durata variabile sottoposto a diversi fattori, in particolare geografici, genetici, socioculturali, ecc., durante il quale lo sviluppo fisico, biologico, ormonale, psicologico, sociale non ha raggiunto i criteri, le norme e la stabilità dell età adulta; salvo per questioni legali, non abbiamo fatto riferimento all età cronologica. Il CIO si è infatti commosso nel constatare alcuni abusi, devianze e comportamenti irresponsabili da parte di quanti hanno l incarico di organizzare, inquadrare, accompagnare la pratica sportiva del bambino e dell adolescente nell ambito molto più generico della loro educazione e del loro sviluppo fisico e psicologico. E necessaria infatti una grande vigilanza nei confronti di tali comportamenti nella consapevolezza che oggi, un numero sempre maggiore di discipline sportive accolgono sportivi sempre più giovani, con la tentazione di vederli compiere performance sempre più presto. Il progetto si basa su lavori riconosciuti ed accertati, in particolare nell ambito della biologia, dell endocrinologia, della psicologia e della sociologia. Intende essere universale, valido in tutti i paesi anche se leggi, principi di gestione, costumi, modi di vivere e mezzi per gestire lo sport possono essere diversi. Il riferimento all etica va oltre tutte queste contingenze. Si rivolge a tutti i livelli di pratica, anche se l accento è posto in particolare sull alto livello. Questo progetto non poteva ignorare quanto era stato detto e scritto sul tema e una ricerca bibliografica molto minuziosa ha mostrato che il Panathlon International, attraverso i suoi collaboratori, aveva, da solo, lanciato la maggior parte dei messaggi essenziali, irrinunciabili, esprimendoli perfettamente. Il nostro lavoro è così consistito soprattutto nel presentare l argomento sotto forma di una carta che si integrasse nello spirito, l etica e la presenza universale del CIO e del movimento sportivo in particolare. La nostra presentazione ha quindi separato in due capitoli ben distinti i diritti del bambino e dell adolescente, e i doveri di ognuna delle persone o strutture che li circondano, al tempo stesso nel contesto della sua vita sportiva, scolastica, familiare, ecc. Si tratta dei genitori, della famiglia, dei poteri pubblici, delle federazioni, degli educatori sportivi e scolastici, delle squadre mediche, degli eventuali datori di lavoro, degli sponsor, dei media ecc. Questo progetto, che sarà sottoposto ai membri del CIO in occasione di una prossima Sessione, ha l ambizione di ricordare a ognuno e in maniera universale che lo sport ha per vocazione di educare e di favorire lo sviluppo il bambino e l adolescente, e non di distruggere il loro equilibrio fisico e psicologico per interessi che, molto spesso, gli sono totalmente estranei. 31

6 ita - anversa - abstract 2007.qxp 13/11/ Page 32 Jim Parry Il Dr Jim Parry è professore accademico ed ex Direttore del Dipartimento di Filosofia all Università di Leeds, Inghilterra. E attualmente direttore di una Scuola Umanistica. Il suo lavoro è incentrato nell etica applicata alla filosofia politica, sociale come anche alla filosofia dello sport. E stato ex direttore dell Associazione PE delle Università Britanniche, Direttore per la fondazione dell Accademia Olimpica Britannica e collaboratore dell Accademia Internazionale Olimpica per più di 20 anni. Ha avuto l incarico Internazionale degli Studi Olimpici all Università Autonoma di Barcellona per il L Etica nello Sport Giovanile nel Regno Unito ieci anni fa, lo sport britannico fu scioccato da una serie di Dscandali che riguardavano abusi sessuali di bambini da parte di allenatori in un ambito sportivo. La relazione esaminerà la risposta di un organismo governativo nazionale, l Associazione del Calcio, che ideò una Politica di Protezione dei Bambini all interno di una più ampia Strategia Etica che era basata su un sicuro fondamento filosofico e un analisi dei valori del calcio come pratica sociale. Ma in realtà, la stessa era anche applicabile, con un interpretazione di principi generali a situazioni particolari e unite a risultati pratici per un vasto gruppo di utenti. La FA aveva le risorse per mettere in pratica un massiccio programma nazionale per l educazione degli allenatori, e sviluppare una buona pratica che potesse servire da modello per altri sport. La relazione valuterà il successo del programma. Pubblicazioni: - Joint series editor (with Mike McNamee) for Ethics and Sport, published by Routledge.Ten titles so far. Books - (co-edited with M. J. McNamee) Ethics and Sport (London: Routledge, 1999). - (with V Girginov) The Olympic Games Explained (London: Routledge, 2005). - Sport and Spirituality (Routledge 2007), written with Robinson, Nesti and Watson. Articles and Chapters - The Justification of Physical Education, in K Green & K Hardman, eds, Physical Education-A Reader ( Meyer & Meyer, 1998), pp Reid on Knowledge and Justification in Physical Education, European Physical Education Review, 4 (1998), Physical Education as Olympic Education, European Physical Education Review, 4 (1998), Aggression and Violence in Elite Competitive Sport, in M McNamee and J Parry, eds., Ethics and Sport (London: Routledge, 1999). - Ethics and Doping, Proceedings of the Conference: The Limits of Sport, Institute of Catalonian Studies, Barcelona, June This paper may be found at: - - Olympic Education in practice', Proceedings of the 3rd National Congress on Olympism and Sports Culture, University of Ulusal, Bursa, Turkey, May Keynote paper, pp Olympism for the 21st century, in D. Macura and M. Hosta, eds, Philosophy of Sport (Ljubljana: Univ of Ljubljana, 2004), pp Children in Sport: Ethical Issues', in Y Vanden Auweele, ed, Ethics and Youth Sport (Leuven: Lannoo Campus, 2004), pp Must Scientists Think Philosophically about Science?, in M McNamee, ed., Philosophies of Sport, Health and Exercise (London: Routledge, 2005), pp Sport for All and Public Health', Journal of Asiania Sport for All, 6 (2005), 'The Intentional Infliction of Pain in Sport, in S. Loland, B. Skirstad, and I Waddington, eds, Pain and Injury in Sport-Social and Ethical Perspectives (London: Routledge, 2006), pp ). - The Idea of the Record, Sport in History, 26 (2006), Doping in the UK: Alain and Dwain, Rio and Greg-Not Guilty?, Sport in Society 9 (2006), Sport and Olympism: Universals and Multiculturalism, Journal of the Philosophy of Sport, 33 (2006),

7 ita - anversa - abstract 2007.qxp 13/11/ Page 33 George Vigarello Direttore della Scuola di Studi Superiore in scienze sociali. Coodirettore del Cetsah, laboratorio del CNRS (sociologia). Componente dell Istituto Universitario di Francia. Capeps d'éducation physique, agrégation de philosophie, thèse d'etat ès lettres. La responsabilità della classe dirigente sportiva l ruolo del dirigente sportivo non può non cambiare con i Icambiamenti subiti dallo sport medesimo. Occorre ancora ricordare, di scorsa, qualcuna delle trasformazioni importanti di cui lo sport è stato oggetto, per meglio interrogarci sulle specificità possibili del ruolo del dirigente, perfino sulle esigenze umane o morali alle quali egli deve aderire. La parola dirigente non è presente, per esempio, nel linguaggio decoubertiniano: esistono federazioni, esistono educatori, ma l espressione dirigente, amministratore, responsabile amministrativo è lungi dall essere al centro dei libri o degli articoli di Pierre de Coubertin. È vero che vi domina l argomento democratico del mandante e del delegato. Quest ultimo sembra l esecutore d una volontà generale. Il suo ruolo non tenderà che ad un atteggiamento ben preciso: prolungare una dinamica collettiva, dare vita ad un progetto comune. Cosa che dirà eccellentemente l Enciclopedia dello Sport nel 1924 utilizzando d altronde l espressione dirigente : Alla base gli atleti raggruppati in Società o Club dove essi eleggono i dirigenti. In seguito i Comitati regionali o le Leghe regionali composte di membri eletti dai Club. Infine il potere centrale rappresentato da un Comitato Direttivo o un Consiglio composto di Delegati dei Comitati dei Club. Ma ciascuno sa che la democrazia non funziona da sola e la prima questione concerne l essenza di questo progetto come le condizioni della sua vitalità. La domanda sul ruolo e il posto del dirigente, sulla sua specificità precisa, sulle sue esigenze morali e comportamentali, non emerge poi che a partire dal momento in cui la democrazia rivela le difficoltà stesse del suo funzionamento. Questa democrazia ha dei difetti. Perché e come evitarli? Una seconda questione s impone quando lo sport rivela un cambiamento decisivo: questo sport non può più essere la pratica specificamente educativa che ha preteso di essere. Esso può divenire un impresa chiaramente finanziaria, un impresa di divertimento. Una responsabilità particolare continua allora ad esistere in questo caso per il dirigente? Deve egli limitare i suoi comportamenti a ciò a cui accennava Claude Bez, il vecchio presidente del club calcistico del Bordeaux, quando affermava: Il nostro scopo è di procurare dei momenti di felicità come un qualsiasi spettacolo di varietà? Ma, anche in questo caso, una domanda può riguardare la responsabilità particolare d un organizzatore di fronte alla felicità del pubblico. È compito d uno stato del sociale e del gruppo. Resta il fatto che quest orientamento mostra bene come due pratiche rischiano oggi di accrescere la loro distanza: quella dove domina la pedagogia e quella dove domina la redditività. Due responsabilità differenti, due missioni. Una terza questione s impone infine quando certi cambiamenti fan vedere che essi possono colpire l insieme delle pratiche sportive nelle loro diversità e nelle loro varietà. Possono trasformarle se non pervertirle. La presenza del doping ne è un esempio, come è un esempio l insieme delle questioni comprendenti il benessere fisico e mentale degli sportivi e, più estesamente, la salute pubblica nell universo sportivo e oltre. Questione decisiva perché presume che sia individuata una formazione particolare del dirigente rispetto a questi problemi. Il dirigente deve saper rispondere alle pratiche fuori norma. Questione decisiva anche perché obbliga ad uscire dal solo campo sportivo. Bisogna che queste sfide siano chiaramente affrontate, che il dirigente sportivo sia aiutato dagli altri dirigenti: quelli che hanno in carico le decisioni collettive e la guida della città. Il dirigente sportivo non dovrà mai essere lasciato solo con le sue responsabilità. Publications - Le Corps redressé, histoire d'un pouvoir pédagogique, Delarge, Le Propre et le Sale. L'hygiène du corps depuis le Moyen Age, Seuil, 1985 (Point Seuil, 1987). - Une histoire culturelle du sport, techniques d'hier et d'aujourd'hui, Robert Laffont et EPS, Le Sain et le Malsain, santé et mieux-être depuis le Moyen Age, Seuil, 1993 (Point Seuil, 1999). - Histoire du viol (XVIe-XXe siècle), Seuil, 1998 (Point Seuil, 2000). - Passion sport, histoire d'une culture, Textuel, Du jeu ancien au show sportif. La naissance d'un mythe, Seuil,

8 ita - anversa - abstract 2007.qxp 13/11/ Page 34 Antonio Carlos Bramante Ricercatore del Corso di turismo dell Università di Sorocaba dal 2004 nel campo del Volontariato e tempo libero fra i giovani e professore del Corso post-laurea in Studi avanzati sul tempo libero. Dottore in filosofia presso l Università statale della Pennsilvenia (USA); Maestro di Educazione Fisica presso l Università statale di West Chester (USA) per l area di studio di Scienze del movimento e di sviluppo della salute; laureato alla Scuola superiore di Educazione Fisica di San São Carlos; già Direttore della Facoltà di Educazione Fisica della ACM di Sorocaba; ha ricoperto numerosi incarichi come amministratore locale. Per 9 anni è stato membro del Consiglio Direttivo dell Associazione mondiale del tempo libero e del divertimento. È attualmente Assessore alla Gioventù del Comune di Sorocaba. I rischi per i giovani di una formazione allo sport senza etica In un evento di carattere tecnico scientifico di tale portata e che tratta un tema di così complesso, considerati i limiti dell analisi e della presentazione, tutti gli interventi, qualsiasi essi siano, devono essere inseriti in un contestuale quadro storico e culturale tradotto nelle dimensioni, tra altre, di spazio, tempo e contenuto. Innanzitutto vorrei precisare che il mio intervento non rappresenta il pensiero delle Americhe, data la molteplicità di modi di intendere in questa vasta regione del mondo quelli che possono essere i significati dei concetti di etica e perfino di gioventù, per non parlare dei valori che vengono attribuiti alle pratiche fisico sportive. In questo intervento intendo fare leva sulla mia visione di professore e ricercatore delle attività fisico sportive viste in quanto manifestazioni culturali del tempo libero, che non dipendono dall età, oltreché sull esperienza accumulata negli ultimi 30 anni lavorando anche nell amministrazione comunale in aree correlate ad esse quali l educazione, la cultura, lo sport, il tempo libero, bambini e adolescenti e, attualmente, come Assessore alla Gioventù della città di Sorocaba (più di 600 mila abitanti), situata nello Stato di San Paolo del Brasile. Si tratta di uno dei pochi Comuni brasiliani ad avere questo specifico organo il cui scopo è elaborare e mettere in pratica politiche pubbliche dirette a questo rilevante segmento della società (se consideriamo i giovani come la fascia di età compresa tra i 15 e i 29 anni questi corrispondono a quasi 1/3 del totale della popolazione brasiliana), in una prospettiva trasversale e intersettoriale. Credo che, sin dai tempi dei filosofi greci, la finalità ultima di tutti gli esseri umani sia la ricerca della felicità, individuale o collettiva, laddove le persone siano considerate come cittadini portatori di diritti e di responsabilità, personali o di carattere sociale/civile, in cerca di equilibri nelle varie funzioni che compongono la vita umana, considerati gli aspetti fisico psichico, emotivo, comunitario e planetario (responsabilità nei confronti dell ambiente). La questione centrale che emerge è: Come lo sport può contribuire al ritrovamento della felicità per gli esseri umani? Come lo sporte viene diffuso, praticato e (ri)conosciuto nella società contemporanea, particolarmente in Brasile? Come il giovane viene inserito nel mondo dello sport? A quale fascia di età ci riferiamo quando parliamo di giovani? Quali sono i valori su cui s imperniano la formazione e l attuazione dei professionisti dell educazione fisica i quali, in ultima analisi, insegnano e gestiscono queste pratiche? E infine, che cos è il giovane per noi quando si tratta di inserimento e sviluppo sportivo, considerate le diverse modalità? Sport è educazione? Sport è salute? Lo sport, di fatto, aiuta i giovani a svilupparsi positivamente nelle loro varie dimensioni? Si cercherà di indirizzare queste domande a delle possibili risposte nell intervento previsto per il Congresso. Tali risposte si baseranno su una bibliografia rivista e specifica per l area del Brasile e, soprattutto, su una recente ricerca effettuata con 1200 giovani tra i 14 e i 29 anni nella città di Sorocaba (2007), coprendo 16 aree della vita degli intervistati tra cui la conoscenza e le pratiche fisico sportive. 34

9 ita - anversa - abstract 2007.qxp 13/11/ Page 35 Riunioni dei Club per aree linguistico-culturali I coordinatori: Aldo Aledda (I) Scrittore e docente, ha insegnato Storia dello Sport negli ISEF e collabora alla realizzazione di corsi e master con alcune importanti università italiane, nell'ambito delle scienze motorie e del management sportivo. Redattore della rivista di educazione fisica e sport Didattica del movimento, solo su argomenti sportivi ha scritto otto libri, dei quali ultimi ricordiamo De Coubertin, Addio! Corruzione, frode, droga e criminalità nello sport dall'antichità ai nostri giorni (1998), Il movimento cattolico e le origini dello sport in Italia (1999), L'importante è vincere. Lo sport in Usa dal Big Game al Big Business (2000) e Sport. Storia sociale e politica (2002), con i quali ha ottenuto importanti riconoscimenti letterari. Maria Emilia Alvarez (U) - Dottore in Medicina, laureata presso l Università della Repubblica Orientale dell Uruguay. Ha ricevuto il titolo di specialista in Pediatria nel 1976 e di seguito Specialista in Medicina dello Sport nella stessa Università. Ha svolto l attività di docente dal 1966, come Professore titolare presso la Scuola Media e Istituto Superiore di educazione Fisica. Oggi fa parte del Direttivo della Scuola di preparazione alla Laurea della Facoltà di Medicina. Attualmente nel campo della Salute Pubblica svolge compiti di Direzione della Regione Est e coordina la Rete Nazionale di Promozione della Salute dei Giovani e Adolescenti e l Area della Gioventù del M.S.P. Inizia un attività corporativa dalla Federazione Medica dell Interno nel 1982 fino ad oggi. Nell area sociale crea e dirige diversi progetti per le popolazioni locali e regionali più povere. Nell attività politica occupa nella Giunta Dipartimentale di Maldonado l incarico di Vicepresidente dal fino ad esercitare l incarico eletto di Consigliere Dipartimentale convenzional nazionale del Partido Colorado nel periodo Lucio Bizzini (CH) Lucio Bizzini è dottore in psicologia, psicologo negli ospedali Universitari di Ginevra e nella pratica privata, insegnante al Dipartimento di Psichiatria dell Università di Ginevra. Detiene i titoli di FSP, di specialista in psicoterapia e neuropsicologia. Nel campo sportivo, dopo una carriera internazionale di calcio (12 anni in serie A ( ) e 41 presenze nella squadra Nazionale svizzera, è sia psicologo della squadra nazionale svizzera di calcio ( ) come di altre federazioni sportive (salto con gli sci, golf, scherma, hockey su ghiaccio, ginnastica, curling, ecc). E stato uno degli artigiani della Carta dei Diritti del Bambino nello Sport ed è componente della Commissione Culturale del Panathlon International. Ha pubblicato numerosi articoli e capitoli di libri nel campo della psicoterapia, della gerontopsicologia e della psicologia dello sport. Insegna in diversi moduli di formazione (universitari o di federazioni), destinati, secondo i temi, a psichiatri, psicologi e allenatori. E attivo in diverse associazioni nazionali e internazionali. E stato co-organizzatore dei Congressi del Panathlon di Avignone, Vienna e Palermo. Yves Vanden Aweele (B) Professore di Psicologia al KULeuven, Facoltà di Educazione Fisica e Fisioterapia. Incarichi d Insegnamento: Dal 1980 ha insegnato corsi base di psicologia agli studenti di educazione fisica e in corsi specializzati nello sport ed esercizi di psicologia all educazione fisica, psicologia a studenti di medicina. E il coordinatore del European Masters Program for Exercise and Sport Psychology che include 14 università di 12 paesi diversi. Ricerca: benefici psicologici dell attività fisica, studi d intervento sull esercizio della promozione degli adulti sedentari, sulle personalità di un artista d elite, su disfunzione verso ottimo funzionamento negli atleti d elite, sui gruppi e sulle forze e l organizzazione della classe di educazione fisica, sullo sfruttamento dei bambini nello sport agonistico Dibattito generale: Marc Maes coordina il tema L etica nella dirigenza sportiva Marc Maes is directeur van het Belgisch Olympisch en Interfederaal Comité, departement Olympische Waarden, Vorming en Communicatie en is professor sportmanagement aan de Universiteit Gent Lucio Bizzini coordina il tema Giovani e sport. (per il profilo v. sopra riportato) 35

10 ita - anversa - abstract 2007.qxp 13/11/ Page 36 Notes 36

11 ita - anversa - abstract 2007.qxp 13/11/ Page 37 Notes 37

12 ita - anversa - abstract 2007.qxp 13/11/ Page 38 Notes 38

13 ita - anversa - abstract 2007.qxp 13/11/ Page 39 PANATHLON DECLARATION ON ETHICS IN YOUTH SPORT Ghent, 24 September 2004 This declaration represents our commitment to go beyond discussion and to establish clear rules of conduct in the pursuit of the positive values in youth sport. We declare that: 1. We will promote the positive values in youth sport more actively with sustained effort and good planning. In training and competition we will aim for four major objectives in a balanced way: the development of motor (technical, tactical) competence, a healthy and safe competitive style, a positive self-concept, and good social skills. In this we will be guided by the needs of children. We believe that striving to excel and to win and to experience both success and pleasure, and failure and frustration, are all part and parcel of competitive sport. We will give children the opportunity to cultivate and to integrate (within the structure, the rules and the limits of the game) this in their performance and will help them to manage their emotions. We will give special attention to the guidance and education of children according to those models which value ethical and humanistic principles in general and fair-play in sport in particular. We will ensure that children are included in the decision making about their sport. 2. We will continue our effort to eliminate all forms of discrimination in youth sport. This coheres with the fundamental ethical principle of equality, which requires social justice, and equal distribution of resources. Late developers, the disabled and less talented children will be offered similar chances to practise sport and be given the same professional attention available to early developers, able-bodied, and more talented children without discrimination by gender, race or culture. 3. We recognise and adopt the fact that sports also can produce negative effects and that preventive and curative measures are needed to protect children. We will maximise the children s psychological and physical health through our efforts to prevent cheating, doping, abuse and exploitation, and to help children to overcome the possible negative effects of these. We accept that the importance of children s social environment and of the motivational climate is still underestimated. We will therefore develop, adopt and implement a code of conduct with clearly defined responsibilities for all stakeholders in the network around youth sport: sport governing bodies, sport leaders, parents, educators, trainers, sport managers, administrators, medical doctors, physical therapists, dieticians, psychologists, top athletes, children themselves, etc. We strongly recommend that the establishment of bodies on appropriate levels to govern this code should be seriously considered. We encourage registration and accreditation systems for trainers and coaches. 4. We welcome the support of sponsors and media but believe that this support should be in accordance with the major objectives of youth sport. We welcome sponsorship from organisations and companies only when this does not conflict with the pedagogical process, the ethical basis of sport and the major objectives of youth sport. We believe that the function of the media is not only to be re-active, i.e. holding the mirror up to the problems of our society, but also to be pro-active, i.e. stimulating, educational and innovative. 5. We therefore formally endorse The Panathlon Charter on the Rights of the Child in Sport. All children have the right to practise sports to enjoy themselves and to play to live in a healthy environment to be treated with dignity to be trained and coached by competent people to take part in training that is adapted to their age, individual rhythm and competence to match themselves against children of the same level in a suitable competition to practise sport in safe conditions to rest to have the opportunity to become a champion, or not to be a champion All this can only be achieved when governments, sports federations, sports agencies, sports goods industries, media, business, sport scientists, sport managers, trainers, parents and children endorse this declaration. Copyright Charter: Service des loisirs de la Jeunesse, (D.I.P.) Genève - Copyright Declaration: Panathlon International

14 ita - anversa - abstract 2007.qxp 13/11/ Page 40 Insert in this page or compose this page as you like for example: insert a map of the city, some useful numbers for congressmen, museums churches and something to visit etc.

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR COMUNICATO STAMPA 26/2003 Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra e MIUR (TORINO, 17 MARZO 2003) Valentino Castellani, presidente del e la senatrice Maria Grazia Siliquini, sottosegretario

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

CARTA EUROPEA DELLO SPORT

CARTA EUROPEA DELLO SPORT CONSIGLIO D EUROPA CDDS Comitato per lo Sviluppo dello Sport 7^ Conferenza dei Ministri europei responsabili dello Sport Rodi, 13 15 maggio 1992 CARTA EUROPEA DELLO SPORT Articolo 1 Scopo della Carta Articolo

Dettagli

Percorsi Formativi. Facoltà di Scienze XXXXX della formazione FOTO. Laurea magistrale. Piacenza a.a. 2014-2015. www.unicatt.it. www.unicatt.

Percorsi Formativi. Facoltà di Scienze XXXXX della formazione FOTO. Laurea magistrale. Piacenza a.a. 2014-2015. www.unicatt.it. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX della formazione FOTO Laurea magistrale www.unicatt.it Piacenza a.a. 2014-2015 www.unicatt.it INDICE Scienze della formazione 3 Laurea magistrale in Progettazione

Dettagli

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori Confi ndustria Modena Gruppo Giovani Imprenditori Il Gruppo Giovani Imprenditori Modena CHI SIAMO Il Gruppo Giovani Imprenditori di Modena è elemento integrante della vita associativa di Confi ndustria

Dettagli

Facoltà di Scienze della formazione

Facoltà di Scienze della formazione Percorsi Formativi Facoltà di Scienze della formazione Laurea magistrale Brescia a.a. 2011-2012 www.unicatt.it 1 2 INDICE Scienze della Formazione 4 Laurea magistrale in Progettazione 6 pedagogica e formazione

Dettagli

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA (approvato dai Ministri europei responsabili per lo Sport, riuniti a Rodi per la loro 7^ conferenza, 13-15 maggio 1992) FAIR PLAY - IL MODO VINCENTE CHI GIOCA LEALMENTE

Dettagli

LA LOMBARDIA PER L ECCELLENZA

LA LOMBARDIA PER L ECCELLENZA Iniziativa La Lombardia per l eccellenza Programma soggetto ad aggiornamento LA LOMBARDIA PER L ECCELLENZA La Lombardia per l Eccellenza è un iniziativa della Giunta Regionale rivolta ai giovani laureati,

Dettagli

FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI. Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/72027 - Fax 0346/76540

FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI. Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/72027 - Fax 0346/76540 FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/72027 - Fax 0346/76540 e-mail: scuolamaternarovetta@virgilio.it Sito: www.asilogallicciolli.191.it Il PROGETTO

Dettagli

Il nuovo Liceo Scientifico Sportivo

Il nuovo Liceo Scientifico Sportivo ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO Via Natta, 11-20151 MILANO TEL. 0238005599-0238007204 - FAX 0233402739 -C.F.: 80122690151 e-mail - info@iiscardano.it Il nuovo Liceo Scientifico Sportivo LA

Dettagli

Progetto educativo d Istituto

Progetto educativo d Istituto Istituto Privato d Istruzione Superiore Progetto educativo d Istituto A.S. 2014 / 2015 Progetto educativo del Nuovo Istituto Meucci PREMESSA Ai Genitori, quali titolari del Progetto Educativo, spetta la

Dettagli

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla DAL PEI AL PDV ALCUNE SIGLE PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA' E DELLA SALUTE LUNGO TUTTO L ARCO DELLA VITA (ICF) rivolto ai bambini

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Manuale Azzurro allegato D FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Modello per la creazione e gestione di un Club dei Giovani Il modello, tratto dall esperienza maturata nei Circoli che hanno svolto con successo l Attività

Dettagli

ETICA E IMPRESA. Il concetto di etica. Cosa è. A quale concetto ci rifacciamo. Quale legame esiste tra etica e impresa. Concetta Carnevale

ETICA E IMPRESA. Il concetto di etica. Cosa è. A quale concetto ci rifacciamo. Quale legame esiste tra etica e impresa. Concetta Carnevale ETICA E IMPRESA Concetta Carnevale Università della Calabria 1 Il concetto di etica Cosa è A quale concetto ci rifacciamo Quale legame esiste tra etica e impresa 2 Etica e sviluppo sostenibile L esigenza

Dettagli

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Osservatorio sui Diritti dei Minori CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Per i giovani e con i giovani Presentazione Il Codice di autoregolamentazione dello Sport è una dichiarazione di intenti,

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA CONSIGLIO D EUROPA 7^ Conferenza dei Ministri europei responsabili dello Sport Rodi, 13 15 maggio 1992 CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA Introduzione Interesse centrale del Codice Definizione del fair play

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ;

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È SEMPLICITÀ; IL CALCIO DEVE ESSERE SVOLTO

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO DELLO PSICOLOGO CLINICO DELLO SPORT PER L ETA EVOLUTIVA PREMESSA

CODICE DEONTOLOGICO DELLO PSICOLOGO CLINICO DELLO SPORT PER L ETA EVOLUTIVA PREMESSA CODICE DEONTOLOGICO DELLO PSICOLOGO CLINICO DELLO SPORT PER L ETA EVOLUTIVA PREMESSA Lo Psicologo clinico dello Sport che voglia prestare le proprie competenze al settore dell Età evolutiva, è chiamato

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE OBIETTIVI GENERALI DELLA DISCIPLINA NEL BIENNIO/TRIENNIO Premessa Il seguente piano di lavoro è stato redatto ai i fini dell adempimento dell obbligo di istruzione, tenendo conto delle competenze di cittadinanza,

Dettagli

I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI

I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI I DIRITTI DEI BAMBINI Il Table Soccer Club Black Rose 98 Roma regola l attività giovanile per quanto attiene il Subbuteo - Calcio

Dettagli

FOTO. Facoltà di. Laurea triennale. Servizio orientamento. Milano a.a. 2013-2014. www.unicatt.it. Percorsi Formativi. www.unicatt.

FOTO. Facoltà di. Laurea triennale. Servizio orientamento. Milano a.a. 2013-2014. www.unicatt.it. Percorsi Formativi. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Psicologia XXXXX Servizio orientamento FOTO Milano - Largo A. Gemelli, 1 Scrivi a servizio.orientamento@unicatt.it Telefona al numero 02 72348530 da lunedì a venerdì ore 9.30-12.30

Dettagli

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE CURRICOLO PER L ORA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA Presentazione LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE Secondo la delibera del Collegio dei Docenti tenutosi in data 3 ottobre 2013

Dettagli

Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità.

Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità. Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità. Verbania 1 2 aprile 2008 1 QUADRO DI RIFERIMENTO INTERNAZIONALE Il 13

Dettagli

Promozione della salute

Promozione della salute Promozione della salute Azioni di promozione della salute nella scuola Serena Consigli Seminario Divertirsi Guadagnando Salute-Giovani e mondo adulto per scelte salutari:cosa si può fare Lido di Camaiore,

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE MOTORIE

FACOLTÀ DI SCIENZE MOTORIE FACOLTÀ DI SCIENZE MOTORIE Identità La Facoltà forma professionisti capaci di operare nel mondo dello sport e in quello della promozione della salute e del benessere psico-fisico. Offerta Master I livello

Dettagli

Università degli studi di roma foro italico. Offerta formativa Università degli Studi di Roma Foro Italico Lauree Magistrali

Università degli studi di roma foro italico. Offerta formativa Università degli Studi di Roma Foro Italico Lauree Magistrali Offerta formativa Università degli Studi di Roma Foro Italico Lauree Magistrali L Università degli Studi di Roma Foro Italico è la quarta università statale di Roma, ed è l unico ateneo italiano, e uno

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

PROTOCOLLO D INTESA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO PROTOCOLLO D INTESA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA E FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO PROTOCOLLO D INTESA tra MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA (di seguito

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei programmi scolastici

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei programmi scolastici Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1157 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CECCACCI RUBINO Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva»

Dettagli

L Ufficio federale dello sport UFSPO

L Ufficio federale dello sport UFSPO L Ufficio federale dello sport UFSPO UFSPO 2532 Macolin Ufficio federale dello sport UFSPO L ufficio federale dello sport UFSPO Formazione, scienza e servizi per tutto lo sport svizzero Lo sport ed il

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

Comunicare con una mostra. Pratiche culturali di integrazione

Comunicare con una mostra. Pratiche culturali di integrazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Scienze della Comunicazione pubblica, sociale e politica Comunicare con una mostra Pratiche culturali di integrazione

Dettagli

Attività di formazione, attività promozionale e attività scolastica. Corsi di formazione e di informazione. Fuoriclasse cup. Comunicato Ufficilale N 1

Attività di formazione, attività promozionale e attività scolastica. Corsi di formazione e di informazione. Fuoriclasse cup. Comunicato Ufficilale N 1 Stagione sportiva 2006/2007 Comunicato Ufficilale N 1 4 Attività di formazione, attività promozionale e attività scolastica Corsi di formazione e di informazione Fuoriclasse cup C. ATTIVITA PROMOZIONALE

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

IIS Leonardo da Vinci Carate Brianza (MB) Il nuovo Liceo Scientifico Sportivo LA SCUOLA DENTRO LO SPORT LO SPORT DENTRO LA SCUOLA

IIS Leonardo da Vinci Carate Brianza (MB) Il nuovo Liceo Scientifico Sportivo LA SCUOLA DENTRO LO SPORT LO SPORT DENTRO LA SCUOLA IIS Leonardo da Vinci Carate Brianza (MB) Il nuovo Liceo Scientifico Sportivo LA SCUOLA DENTRO LO SPORT LO SPORT DENTRO LA SCUOLA Liceo scientifico sportivo: per chi? Il Liceo Scientifico Sportivo dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO G. DOZZA n. di classi 18 n. alunni 458 di cui 116 stranieri ALUNNI CON CITTADINANZA NON ITALIANA Est Europa: 42 Estremo oriente:37 Maghreb: 19

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

CHE FORTE! L EMOZIONE DI CRESCERE UN FIGLIO MILANO, APRILE 2013

CHE FORTE! L EMOZIONE DI CRESCERE UN FIGLIO MILANO, APRILE 2013 CHE FORTE! L EMOZIONE DI CRESCERE UN FIGLIO MILANO, APRILE 2013 CHEFORTE! Nasce nel 2011 TARGET: Mamme con bambini dai 3 ai 13 anni. Content Labs Presenza sul mercato di siti e blog quasi esclusivamente

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2014-2015. Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza

ANNO ACCADEMICO 2014-2015. Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza FORMULARIO per istituzione e attivazione master di I e II livello ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza Annuale

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

COUNSELING PSICOLOGICO UNIVERSITARIO

COUNSELING PSICOLOGICO UNIVERSITARIO COUNSELING PSICOLOGICO UNIVERSITARIO Roma, 19 NOVEMBRE 2010 sede Fondazione CRUI Programma del seminario Il Centro di Counseling nella rete dei servizi: modelli a confronto INTRODUZIONE AL SEMINARIO Il

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Liceo Scientifico Sezione ad indirizzo Sportivo. Che cos è

Liceo Scientifico Sezione ad indirizzo Sportivo. Che cos è Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli Napoli a.s. 2014-2015 Liceo Scientifico Sezione ad indirizzo Sportivo Che cos è E un indirizzo di studio, inserito nel percorso del liceo scientifico nell ambito

Dettagli

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici di Daniele Somenzi c.so Leonardo da Vinci, 48-21013 Gallarate (VA) P. IVA 03154750123 - Percorsi personalizzati di apprendimento - Utilizzo di strumenti compensativi per ragazzi affetti da DSA - Lavoro

Dettagli

MASTER IN REPORTAGE DI VIAGGIO

MASTER IN REPORTAGE DI VIAGGIO MASTER IN REPORTAGE DI VIAGGIO Il Master in Reportage di viaggio nasce dalla collaborazione tra il Centro Studi CTS, la Società Geografica Italiana e il giornalista e fotografo Antonio Politano. L obiettivo

Dettagli

EDUCARE ALLA FELICITÀ I genitori rappresentano le migliori risorse per sviluppare il talento dei figli fra amore e preoccupazioni.

EDUCARE ALLA FELICITÀ I genitori rappresentano le migliori risorse per sviluppare il talento dei figli fra amore e preoccupazioni. Tata Lucia e Luca Stanchieri EDUCARE ALLA FELICITÀ I genitori rappresentano le migliori risorse per sviluppare il talento dei figli fra amore e preoccupazioni. Giovedì 7 e 14 novembre 2013 ore 20.15 EDUCARE

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica 2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica L educazione alla cittadinanza democratica (EDC) è il risultato di un dibattito che nasce da diverse problematiche: il basso livello di partecipazione alle

Dettagli

Genova 13 Settembre 2010

Genova 13 Settembre 2010 Genova 13 Settembre 2010 Progetto Giovani Matteo Quarantelli 2 La percezione della qualità di un servizio è generato dalla corrispondenza con le aspettative (bisogni) degli utenti. I nostri utenti sono

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione consiliare

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN UE

MODELLI DI VALUTAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN UE MODELLI DI VALUTAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN UE Unità italiana di Eurydice, novembre 2009 Gli ultimi due decenni sono stati caratterizzati da un aumento progressivo della valutazione dell operato degli insegnanti.

Dettagli

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 14 del 22/7/2009 1 REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE

Dettagli

La nostra filosofia. L impresa crea più valore se lo fa per tutti

La nostra filosofia. L impresa crea più valore se lo fa per tutti La nostra filosofia L impresa crea più valore se lo fa per tutti Nata nel 2008, VerA offre consulenza specializzata nelle Relazioni Istituzionali e fornisce supporto e assistenza a tutte quelle realtà

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

LEADERSHIP E PERFOMANCE TRAINING

LEADERSHIP E PERFOMANCE TRAINING CENTRO TECNICO FEDERALE DI COVERCIANO (FI) 21-22 Giugno 2013 LEADERSHIP E PERFOMANCE TRAINING Dalla squadra in gioco al gioco di squadra In collaborazione con CHE COS È IL CAMPIONATO DEL MANAGER Un innovativo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL PROGETTO EDUCATIVO (P.E.I.) è il documento fondamentale che espone l orientamento

Dettagli

Scuola Media dello Sport. -sezione ad indirizzo sportivo- A.S.D. Sport Movimento Salute

Scuola Media dello Sport. -sezione ad indirizzo sportivo- A.S.D. Sport Movimento Salute LO SPORT PREPARA A SUPERARE GLI OSTACOLI DELLA VITA ISTITUTO COMPRENSIVO DI TAVAGNACCO Via Mazzini, 5 Fraz. Feletto Umberto 33010 Tavagnacco (UD) C.F. 80015940309 Tel. 0432.570980 fax 0432.574181 - e-mail:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENTAL STUDIES

REGOLAMENTO DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENTAL STUDIES REGOLAMENTO DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENTAL STUDIES (proposta deliberata dal Senato Accademico nella seduta del 23 maggio 2013 e approvata dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 23 maggio

Dettagli

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA ISTITUTO PARITARIO D.M. 15.02.2014 Liceo Internazionale Quadriennale IL NUOVO MODO DI FARE SCUOLA. WWW.LICEOINTERNAZIONALE.ORG Liceo Internazionale Quadriennale In

Dettagli

LEADERSHIP E PERFOMANCE TRAINING

LEADERSHIP E PERFOMANCE TRAINING con il patrocinio di CENTRO TECNICO FEDERALE DI COVERCIANO (FI) 21-22 Giugno 2013 LEADERSHIP E PERFOMANCE TRAINING Dalla squadra in gioco al gioco di squadra In collaborazione con CHE COS È Un innovativo

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

responsabile e solidale

responsabile e solidale Progetto: abbiamo fatto un sogno realizzare una scuola responsabile e solidale aiutando i nostri allievi a diventare soggetti attivi della propria vita attraverso scelte responsabili. Responsabilità è

Dettagli

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA Quali sono gli obiettivi dell Unione nel realizzare i programmi per la mobilità? Questi programmi rientrano all interno della politica di istruzione, formazione

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Servizio di Psicologia dello sport

Servizio di Psicologia dello sport Servizio di Psicologia dello sport SCUOLE CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Ente Comitato Regionale Puglia, Federazione Italiana Giuoco Calcio, Lega Nazionale Dilettanti (Bari). Chi siamo Sportivamente

Dettagli

Master in Economia e Management delle Attività Turistiche e Culturali. Corso di formazione in Diritto del turismo (14 maggio 22 maggio)

Master in Economia e Management delle Attività Turistiche e Culturali. Corso di formazione in Diritto del turismo (14 maggio 22 maggio) Master in Economia e Management delle Attività Turistiche e Culturali Corso di formazione in (14 maggio 22 maggio) La formazione nel turismo Nell ultimo ventennio profondi cambiamenti hanno segnato il

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

1989 >> 2009 La Convenzione dei diritti del fanciullo. a cura di Guido Turus e Salvatore Sechi

1989 >> 2009 La Convenzione dei diritti del fanciullo. a cura di Guido Turus e Salvatore Sechi ETNICA - 3 - 1989 >> 2009 La Convenzione dei diritti del fanciullo a cura di Guido Turus e Salvatore Sechi Con il patrocinio di Un progetto Comune di Padova In collaborazione con Dipartimento di Pediatria

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

airis consulting Via Domenichino, 19-20149 - Milano Tel: 02.43986313 - Fax: 02.43917414 e-mail: info@airisconsulting.it web: www.airisconsulting.

airis consulting Via Domenichino, 19-20149 - Milano Tel: 02.43986313 - Fax: 02.43917414 e-mail: info@airisconsulting.it web: www.airisconsulting. Via Domenichino, 19-20149 - Milano Tel: 02.43986313 - Fax: 02.43917414 e-mail: info@.it web: www..it Chi siamo AIRIS CONSULTING è una Società di Consulenza di Direzione nata per rispondere al bisogno delle

Dettagli

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA I SESSIONE 2004 Illustri la candidata un progetto di intervento sociale, focalizzandone

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE R. POLITI DI AGRIGENTO

LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE R. POLITI DI AGRIGENTO LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE R. POLITI DI AGRIGENTO COSA OFFRE IL LICEO R.POLITI di AGRIGENTO DUE INDIRIZZI LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE PRESENTAZIONE DEL Liceo Scientifico

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

XIV edizione. 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA

XIV edizione. 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA XIV edizione 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA Il programma può subire delle variazioni, si consiglia pertanto di consultare periodicamente il sito www.orientasud.it MARTEDI

Dettagli

INDIRIZZO A.F.M. MANAGEMENT DELLO SPORT

INDIRIZZO A.F.M. MANAGEMENT DELLO SPORT INDIRIZZO A.F.M. MANAGEMENT DELLO SPORT Lo sport in Italia, è uno dei pochi settori in crescita costante che richiede nuovi professionisti in grado di affiancare alla passione le conoscenze tecniche e

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

PREFAZIONE Questo volume sintetizza l esperienza decennale del Laboratorio Management e Sanità della Scuola Superiore Sant Anna nell ambito della formazione manageriale e, coerentemente con le logiche

Dettagli