Risultati dell attività di indagine sui fabbisogni di servizi di orientamento formazione e consulenza per le lavoratrici indipendenti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risultati dell attività di indagine sui fabbisogni di servizi di orientamento formazione e consulenza per le lavoratrici indipendenti"

Transcript

1 Progetto cofinanziato dall Unione Europea Progetto n.1024 / RER-2000 FSE OB 3.E.1 Regione Emilia Romagna BRAVA E INTRAPRENDENTE: AZIONI PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME IN EMILIA ROMAGNA Risultati dell attività di indagine sui fabbisogni di servizi di orientamento formazione e consulenza per le lavoratrici indipendenti EMILIA ROMAGNA

2 Comitato Tecnico: Iole Gottardi Agenzia Emilia Romagna Lavoro, Lucilla Pieralli - Presidente Comitato Impresa Donna CNA Emilia Romagna, Mauro Battistini - CNA Emilia Romagna, Rossella Lama, Isabella Viganò. Direzione di Progetto Mirella Valentini Progettazione Analisi dei Risultati e Redazione Report Isabella Viganò e Rossella Lama Coordinamento Maria Francesca Picchio Interviste Anna Tartarini (CNA BO); Silvia Colombo (CNA BO); Alessandra Di Luca (Ecipar Bologna); Morena Cavallini (CNA/Comitato Impresa Donna FE); Maria Mondelli (CNA/Comitato Impresa Donna RE); Angela Pignataro (CNA/Comitato Impresa Donna RN); Stefania Fradusco (CNA Imola); Miki Pelliconi (CNA/Comitato Impresa Donna Imola); Franca Ferrari (CNA RA); Sonia Robuschi (CNA/Comitato Impresa Donna PR). Focus Group Organizzazione: Maria Francesca Picchio Realizzazione: Isabella Viganò e Rossella Lama Elaborazione dati Maria Stirpe Ringraziamo tutte le collaboratrici e le professioniste che hanno partecipato alle interviste ed ai focus group; le consulenti del Comitato Impresa Donna Emilia Romagna e della CNA che hanno dedicato il loro tempo ad un contatto diverso con le iscritte e non, all Associazione. Il tempo e l impegno di tutte le persone coinvolte ci hanno aiutato a costruire i risultati di questa attività. La ricerca è stata promossa e realizzata dal Comitato Impresa Donna CNA Emilia Romagna all interno del progetto Brava e intraprendente: azioni per la valorizzazione e la promozione dell imprenditoria femminile e delle lavoratrici autonome in Emilia Romagna. Il progetto Fondo Sociale Europeo n.1024/2000 Obiettivo 3. E.1, è cofinanziato dall Assessorato scuola, formazione professionale, università, lavoro, pari opportunità della Regione Emilia Romagna. 2

3 INDICE 1 Obiettivi dell indagine Metodologia della ricerca Analisi dei risultati I focus group Il focus group delle lavoratrici autonome Il focus group degli operatori L indagine telefonica Chi sono e cosa fanno I problemi e gli strumenti utilizzati per affrontarli Le richieste Soddisfazione e insoddisfazione Conclusioni APPENDICE Elenco completo delle attività svolte dalle intervistate 55 3

4 Presentazione Il Comitato Impresa Donna CNA Emilia Romagna, attraverso la realizzazione degli interventi previsti nel progetto BRAVA E INTRAPRENDENTE: azioni per la valorizzazione e la promozione dell imprenditoria femminile e delle lavoratrici autonome in Emilia Romagna (rif.1024 ob.3 FSE00 Asse E), si è proposto di indagare sui bisogni di servizi di supporto all attività professionale e sui fabbisogni formativi espressi dalle lavoratrici indipendenti associate e non alla CNA. Il progetto BRAVA E INTRAPRENDENTE che il Comitato Impresa Donna CNA Emilia Romagna ha attivato a partire dallo scorso ottobre, è articolato in quattro fasi: Fase A - Realizzazione dell attività di indagine sui fabbisogni di servizi di orientamento, formazione e consulenza. Diffusione dei risultati ; Fase B L avvio della rete delle operatrici ; Fase C Progettazione e realizzazione di strumenti innovativi a supporto dei servizi di informazione, orientamento, consulenza e networking ; Fase D Sperimentazione dell attività di servizio e di networking. Follow up della sperimentazione. L obiettivo degli interventi previsti nel progetto è stato quello di avviare un processo di relazione ATTIVA più efficace nei confronti delle lavoratrici autonome contribuendo a favorire la nascita di un NETWORK di lavoratrici autonome nell ambito del Comitato Impresa Donna CNA Emilia Romagna e contemporaneamente di contribuire alla costruzione di una rete di operatori e consulenti del sistema CNA-Comitato Impresa Donna Emilia Romagna e di dotare la rete di prodotti (servizi, consulenza, formazione) idonei a supportare la crescita professionale, l aggregazione e la migliore spendibilità sul mercato delle lavoratrici indipendenti. A tal fine è stata prevista la realizzazione di una attività di indagine sui fabbisogni di servizi di orientamento, formazione e consulenza (FASE A). L indagine è stata realizzata attraverso 73 interviste effettuate nei confronti di donne lavoratrici autonome attive su tutto il territorio Regionale e che hanno accettato di collaborare con il Comitato Impresa Donna CNA Emilia Romagna offrendo spunti di riflessione utili a rendere efficace la nostra azione. Gli output dell attività di indagine hanno consentito al Comitato Impresa Donna CNA Emilia Romagna di tracciare un profilo di questa tipologia di lavoratrici mettendo a fuoco le aree di criticità e le esigenze espresse da questo articolato mondo. 4

5 Introduzione Il presente rapporto documenta gli esiti finali dell indagine promossa e realizzata dal Comitato Impresa Donna CNA Emilia Romagna per indagare le aspettative di servizi e consulenze all attività professionale e sul fabbisogno di informazione e di apprendimento espressi dalle lavoratrici indipendenti. Il Comitato Impresa Donna Emilia Romagna, nato nel 1989 all interno della CNA, Federazione Regionale Emilia Romagna, da oltre 10 anni valorizza le risorse imprenditive delle donne con lo scopo di promuovere e qualificare lo sviluppo delle loro attività e di sostenere la loro crescita culturale, sociale, ma soprattutto economica attraverso specifici progetti. Il mondo del lavoro è in veloce trasformazione ed emergono soggetti, professioni, ruoli diversi, portatori di bisogni, interessi e competenze rilevanti per la costruzione del capitale sociale della nostra regione. Il Comitato Impresa Donna CNA Emilia Romagna ha inteso quindi, con il Progetto Brava e Intraprendente dedicare risorse alla conoscenza ed alla progettazione di servizi di supporto rivolti al mondo delle collaborazioni e del lavoro autonomo di seconda generazione dove è notevole la presenza femminile. La ricerca fotografa un identikit delle donne che cercano di realizzare percorsi professionali autonomi, individuandone difficoltà e necessità. Una nuova cultura del lavoro e un nuovo welfare mix, nuove tutele e regole devono essere costruite tenendo conto delle donne che assumono su di sé le responsabilità ed i rischi della costruzione del loro presente e futuro professionale. Senza questo impegno, il rischio appare chiaro: la costruzione di un mondo del lavoro autonomo, dipendente o professionale a due velocità: insiders ed outsiders. Le società complesse e globalizzate, le nuove tecnologie ed i nuovi modelli organizzativi, inducono nel mondo del lavoro competenze sempre più specifiche ed individualizzate per passare dall esecuzione del compito alla progettazione e realizzazione di azioni lavorative, capacità sociali e di lavoro in gruppo, flessibilità e capacità di adattamento a valori, più che a modelli organizzativi. Le organizzazioni richiedono inoltre capacità di assumere rischi, cedendo sicurezza in cambio di libertà. Libertà nella gestione dei compiti, e libertà nella gestione del proprio tempo di lavoro, esigenza legittima per le donne della nostra regione che spendono tempo nel lavoro, non remunerato, sia esso domestico o di cura. Ma per chi accetta questa sfida, il riconoscimento sociale, ancor prima che economico, non è scontato. Le difficoltà che incontrano sono ad oggi rilevanti perché questi cambiamenti sociali non sono sostenuti dalla difficile transizione italiana dal welfare assistenziale al welfare delle opportunità, né dalle attuali regole del mercato del lavoro, delle professioni, del credito e della previdenza. Il Comitato Impresa Donna CNA Emilia Romagna ha indagato il lavoro autonomo femminile cercando di capire se questo si colloca tra scelta e necessità; i risultati di questa indagine sembrano porci una domanda così formulabile: Le donne sono libere di rischiare? Riconoscere e valorizzare le lavoratrici indipendenti è l obiettivo che sottende alle attività del Comitato Impresa Donna CNA Emilia Romagna che ha promosso, oltre all attività di 5

6 indagine, percorsi di formazione rivolti alle responsabili dei Comitato Impresa Donna nelle diverse Province dell Emilia Romagna e percorsi di orientamento e formazione rivolti alle lavoratrici indipendenti. 6

7 1 Obiettivi dell indagine L attività ha inteso indagare i bisogni di servizi di supporto all attività professionale ed i fabbisogni di informazione e di apprendimento espressi dalle lavoratrici indipendenti associate e non alla CNA. Gli aspetti principali oggetto di ricerca sono così riassumibili: le percezioni degli operatori rispetto alla figura della lavoratrice indipendente come soggetto economico e sociale; i profili delle lavoratrici indipendenti, tenendo conto anche delle informazioni emerse sulle loro condizioni familiari, sociali ed economiche; le difficoltà incontrate dalle lavoratrici indipendenti nelle diverse fasi della loro attività professionale; i bisogni espressi che non trovano risposta adeguata; le specificità dell utenza femminile rispetto a quella maschile in termini di: tipologia di servizio richiesto ( consulenza, informazione etc.), aree funzionali ( economico-finanziario, fiscale etc.), problemi / criticità, relazioni interpersonali; le specificità dell approccio delle operatrici con le lavoratrici autonome. I risultati delle interviste e dei focus group sono inoltre rivolti a sostenere la creazione di una rete regionale di operatori e consulenti del sistema Comitato Impresa Donna CNA, maggiormente orientata alla domanda, fornendo al sistema dei servizi: analisi dei bisogni dalle lavoratrici indipendenti per facilitare ed orientare la progettazione, da parte della rete, del mix di servizi allineato ai bisogni delle utenti; conoscenze utili per l avvio di un processo di comunicazione e di supporto alla crescita personale e professionale, all aggregazione, ed alla promozione delle lavoratrici indipendenti. 7

8 2 Metodologia della ricerca PRIMA FASE: I FOCUS GROUP (Dicembre 2000) Obiettivi generali Focalizzare le aree critiche e le variabili chiave sul tema dei fabbisogni di servizi delle lavoratrici autonome; Costruire su questa base un questionario strutturato da somministrare telefonicamente ad un campione più esteso di lavoratrici autonome. Obiettivi del Focus group Lavoratrici Autonome Focalizzare, per ciascuna delle tre fasi del ciclo di vita (progetto avvio - piena attività): i fabbisogni informativi - formativi - consulenziali/assistenziali, legati alle problematiche specifiche di ciascuna delle fasi individuate; i servizi utilizzati fino ad ora e il relativo grado di soddisfazione / insoddisfazione. Focalizzare: i servizi attualmente offerti alle lavoratrici autonome; Obiettivi del Focus group Operatrici e Operatori CNA i bisogni delle utenti (lavoratrici autonome) - così come sono percepiti dalle operatrici - relativamente a informazione / formazione / consulenza / assistenza e a seconda della fase della loro attività; i bisogni delle lavoratrici autonome che non trovano risposta adeguata; le specificità dell utenza femminile rispetto a quella maschile in termini di: tipologia di servizio richiesto (consulenza, informazione etc.) aree funzionali (economico-finanziario, fiscale etc.) problemi / criticità relazione interpersonale; le specificità dell approccio delle operatrici con le lavoratrici autonome (rispetto a quello con i lavoratori autonomi). 8

9 SECONDA FASE: L INDAGINE TELEFONICA (Gennaio-Aprile 2001) Obiettivi Tracciare un profilo delle lavoratrici autonome; Individuarne i principali fabbisogni formativi, informativi, consulenziali. Strumento Questionario semi-strutturato somministrato telefonicamente. Campione 144 lavoratrici autonome della Regione Emilia Romagna in contatto con il mondo CNA-Comitato Impresa Donna Emilia Romagna; Interviste valide realizzate 71. Field Operatori della rete regionale della CNA-Comitato Impresa Donna Emilia Romagna coadiuvati da operatrici di un call-center. 9

10 3 Analisi dei risultati 3.1 I focus group Il focus group delle lavoratrici autonome Complessivamente il gruppo, composto da lavoratrici autonome di profilo generalmente medio-alto (come riportato nell elenco in appendice), ha risposto molto vivacemente alle sollecitazioni: la discussione che si è prodotta ha messo in luce aspetti interessanti della condizione di lavoratrice autonoma e ha dato un notevole contributo alla riflessione sui loro bisogni. Di seguito vengono sintetizzate le principali indicazioni emerse, articolate per aree tematiche. E comunque disponibile la registrazione integrale del focus group. Relazione con il mercato/clienti Un primo problema messo a fuoco in maniera molto chiara è quello relativo all individuazione di nuovi clienti. Emerge il bisogno di informazioni e assistenza per allargare il parco clienti e/o cercare di arrivare al cliente finale senza passare da strutture di intermediazione (agenzie di traduzioni piuttosto che software house), ritenute vantaggiose in termini di risparmio di costi commerciali ma meno redditizie sia dal punto di vista economico che di soddisfazione professionale. Complementare a questo è il problema di farsi conoscere, di avere visibilità sul mercato, che viene risolto, in modo non del tutto soddisfacente, con il passaparola e/o l invio di curriculum o brochure di presentazione e/o la pubblicità via Internet. Le lavoratrici sembrano patire, anche in conseguenza della mancanza di albi specifici, la mancanza di un riconoscimento dell identità professionale da parte dei clienti; lamentano uno scarso potere contrattuale nei confronti dei clienti, dai quali faticano a farsi riconoscere l autorevolezza professionale. Esse inoltre dichiarano di subire la concorrenza di chi offre i servizi a prezzi stracciati verosimilmente anche perché non riescono a rendere visibile e quindi a valorizzare la qualità della loro prestazione. Degna di nota l osservazione fatta dalla progettista di siti web che indica la CNA e le Associazioni in generale come potenziali clienti ma, parallelamente, come concorrenti pericolosi e sleali in quanto offrono servizi a prezzi assolutamente competitivi. Emerge in sintesi una certa debolezza nella relazione con il cliente/mercato legata: alla mancanza di informazioni / conoscenze specifiche; alle limitate (residuali non ho tempo ) risorse dedicate alle problematiche di marketing nell erronea convinzione che le competenze di marketing non facciano parte degli skill 10

11 necessari per svolgere l attività autonoma o che siano comunque di importanza marginale rispetto a quelle tecnico-professionali; a una situazione di mercato in genere fortemente concorrenziale; alla mancanza di identità / riferimenti di categoria ; al fatto di trovarsi ad interagire con clienti-aziende (per chi opera nel business to business) che godono di forte potere contrattuale e di consolidate abilità nella contrattazione. Contratti Strettamente connesso a quanto sottolineato in precedenza è il bisogno esplicitato di informazione e assistenza sulla stesura dei contratti per potersi tutelare nella maniera migliore possibile e difendersi da tutte le insidie che spesso vi si nascondono. Il bisogno appare trasversale per tutti i settori anche se ciascuno ha le sue specificità. Così ad esempio per la traduttrice il problema si pone con i clienti diretti che, a differenza delle agenzie, non hanno un facsimile standard. Per chi opera nel mondo del WEB è molto sentita la problematica dei diritti d autore; trattandosi inoltre di un attività relativamente giovane esistono ancora pochi e confusi punti di riferimento. Per chi opera come consulente uno dei temi critici è l esclusività che in alcuni casi viene imposta: va accettata? Come va remunerata? Per chi lavora con clienti privati (decoratrice) c è il problema del lavoro in nero e la mancanza di parametri di riferimento. Tariffe Anche sul fronte del quanto farsi pagare emerge una situazione di insicurezza che si traduce in un bisogno di informazioni sulle tariffe di riferimento per i vari settori, in modo tale da avere dei punti di riferimento per calibrare le proprie richieste economiche. Impera come modalità di comportamento l andare a intuito e, soprattutto, l accettare quello che il cliente propone, in una situazione di potere contrattuale fortemente sbilanciato a favore della domanda. L approccio è molto pragmatico imparare sugli sbagli precedenti. Alcune Associazioni di categoria forniscono (a pagamento) tariffari di settore, ma la percezione è che siano tariffe lontane dalla realtà del mercato. In sostanza sembra emergere il bisogno di un monitoraggio dei mercati locali, atto a fornire indicazioni reali e aggiornate sui prezzi mediamente praticati nella singola realtà locale. Contabilità / Fisco / Gestione economico-finanziaria Le soluzioni adottate per gestire la contabilità e la parte fiscale sono diverse. C è: chi fa da sola, grazie alla formazione in ragioneria; 11

12 chi utilizza un commercialista privato di cui non è soddisfatta per l incompetenza sulle problematiche specifiche del lavoro autonomo; chi utilizza il servizio della CNA, con livelli diversi di soddisfazione; Sul fronte della gestione economico finanziaria sembra emergere un quadro di navigatrici a vista : Faccio come mi sento in quel momento. E nitida in generale la consapevolezza dell importanza di disporre di quel minimo di conoscenze per tenere sotto controllo gli aspetti legati a quest area, di importanza cruciale ma di approccio difficile e molto tecnico. Le lavoratrici autonome fanno chiaramente capire che, se da un lato, è riconosciuta la necessità di ricorrere a professionisti specializzati ( a ognuno il suo mestiere ), dall altro è giustamente sentita l esigenza di disporre delle conoscenze di base atte a utilizzare in modo intelligente e critico l esperto e a mantenere il controllo sul suo operato e sui risultati economici della propria attività. La domanda implicita su quest area specifica sembra essere, in sintesi, quella di un mix di formazione di base e consulenza personalizzata, unitamente a un servizio informativo funzionale al costante aggiornamento sulle novità in campo fiscale e normativo. Networking E emerso nella discussione di gruppo il bisogno di collegarsi con altre donne lavoratrici autonome per rompere l isolamento e la solitudine ma soprattutto per scambiare informazioni, coordinarsi, stringere alleanze e collaborazioni tra professioniste dello stesso settore. In alcuni settori tradizionalmente molto maschili (vedi l informatica) è sentito il desiderio di confronto e di interazione professionale con chi, in quanto donna, è percepito più simile nell approccio al lavoro. Come specificato meglio nel punto successivo, il bisogno di far parte di una rete è anche bisogno di essere rappresentate e tutelate nonché di aumentare l autorevolezza e il potere contrattuale nella relazione con il cliente sentendosi parte di una categoria professionale. Aspettative nei confronti della CNA / Comitato Impresa Donna Emilia Romagna Due di fondo le aspettative nei confronti dell Associazione: erogazione di servizi personalizzati ed efficaci, sponsorizzazione per la creazione di un network femminile. Emerge anche la richiesta al Comitato Impresa Donna CNA Emilia Romagna di una forte connotazione di genere, al femminile, che sembra concretizzarsi per esempio nell erogazione di servizi per accedere ai finanziamenti specificatamente destinati alle 12

13 donne ma soprattutto nell avere un ruolo motore nella costruzione di reti e connessioni fra professioniste dei diversi settori. Il patrocinio di un organizzazione potente come CNA / Comitato Impresa Donna Emilia Romagna avrebbe, secondo le lavoratrici, anche la funzione di dare alle lavoratrici autonome maggior visibilità, credibilità e, quindi, maggior potere contrattuale sul mercato Il focus group degli operatori E prima di tutto importante evidenziare che il gruppo (vedi elenco e descrizione partecipanti in allegato) era formato da operatori con un esperienza professionale diretta con le lavoratrici autonome ancora molto limitata. L esito del focus group ribadisce anche la necessità di un lavoro di comprensione e analisi del mondo del lavoro autonomo che, dal focus group, emerge chiaramente come un pianeta ancora in gran parte da scoprire, che ha bisogno, per essere approcciato con successo, di servizi e quindi linguaggi, abilità e competenze specifiche, in buona parte da costruire. L offerta attuale di servizi per i lavoratori autonomi Romagna Servizi fiscali: c è una fiscalista dedicata sia alle nuove imprese che ai lavoratori autonomi. La criticità è la formazione specifica e l aggiornamento costante necessario per essere efficaci; un problema particolarmente sentito è capire come inquadrarli (IVA? Artigiano? Altro?). Servizi generali di contabilità e previdenza. Assistenza per la domanda di finanziamento (vedi bando regionale ). Hanno inoltre presentato e fatto approvare un progetto per l aggiornamento dei P.R. (in particolare per il settore discoteche fortemente sviluppato nella zona). Emilia Servizi di contabilità, erogato utilizzando la struttura esistente per l analogo servizio all impresa. Assistenza per la domanda di finanziamento (vedi bando regionale): su questo fronte è stata fornita sia l assistenza per la stesura della domanda sia la consulenza per il finanziamento, mettendo anche operativamente in contatto l autonomo con SERFINA (CNA). I risultati ottenuti sono stati definiti buoni. I lavoratori e le lavoratrici autonome nella percezione degli operatori: criticità e bisogni Un primo (e unico) distinguo viene fatto tra coloro che hanno volontariamente scelto e coloro che hanno subito la condizione di autonomo ma che in realtà aspirano al lavoro sicuro e dipendente; alcuni di questi autonomi loro malgrado sono professionalmente cresciuti e si sono appropriati della condizione di lavoratore autonomo ma la maggior parte rimane un dipendente frustrato. 13

14 Gli autonomi per scelta si caratterizzano per una professionalità medio-alta spendibile con successo sul mercato dove godono (almeno potenzialmente) di un potere contrattuale relativamente alto; è questo, in quanto imprenditore di sé stesso, il target elettivo della CNA. Le differenze di genere non sono una variabile su cui gli operatori sembrano aver soffermato l attenzione in modo particolare, anche per il ridotto numero di casi che hanno trattato. Sollecitati a riflettere su questo aspetto, sono emerse queste considerazioni: Le donne sono più caute nell iscriversi ma quando lo fanno sono più stabili nella relazione con CNA; Le donne sono più sicure e c è una maggior richiesta di essere seguiti da parte dei lavoratori maschi; Le donne in genere sono più soddisfatte della condizione di lavoratrice autonoma perché meglio conciliabile con il lavoro di cura e di gestione famigliare; La vera differenziazione scatta intorno ai 30 anni quando per le donne al lavoro di produzione si affianca quello di riproduzione: si generano a questo punto bisogni specifici di tutela della maternità. Una delle caratteristiche messa in particolare evidenza è la scarsa consapevolezza di sé come auto-imprenditori e, conseguentemente, la scarsa consapevolezza dei loro bisogni in quanto tali. Concentrati sull attività di produzione/erogazione, nella quale raggiungono anche livelli di alta qualità, sono stati efficacemente definiti ancora in fase di start up nel fare economia e paragonati agli artigiani product oriented di venti-trenta anni fa. Le criticità segnalate come più significative sono: la difficoltà a scegliere il tipo di inquadramento più corretto e conveniente (P.IVA? Artigiano?); la non percezione del problema del mercato sul quale operano e della concorrenza ovvero il non percepirsi come attori di un contesto competitivo che va capito e rispetto al quale va sviluppata una strategia; la difficoltà a stabilire un prezzo che sia parametrato al mercato e garantisca la giusta redditività; la non-gestione economico-finananziaria e, conseguentemente, la perdita di controllo sulla redditività del proprio lavoro; la difficoltà di accesso al credito per la mancanza di credibilità; l atteggiamento fortemente individualista che impedisce di sviluppare un attività in rete funzionale a diventare più competitivi sul mercato; 14

15 la ricerca di un appartenenza di categoria; i problemi relativi alla tutela sociale (malattia, pensione). Quali servizi, quale l approccio per il lavoro autonomo? Le parole chiave emerse nella discussione relativa ai servizi erogabili: La figura del tuttologo tutor così spesso evocata sembra coniugare la sostenibilità economica con l efficacia. E opinione condivisa, anche se (casualmente?) sostenuta con particolare forza da operatrici donne, che il lavoratore autonomo abbia bisogno di una figura di riferimento che si prenda in carico i suoi problemi a 360 e che accompagni il soggetto in un percorso di crescita guidata che deve essere declinato chiaramente nelle tappe e nelle modalità per evitare il pericolo di un tutoraggio infinito oneroso per la struttura e castrante per il cliente. In quest ottica è visto come ottimale il mix di consulenza & formazione, funzionale a contenere i costi di erogazione, a fornire strumenti tecnici al lavoratore autonomo in modo tale da affrancarlo gradualmente dalla dipendenza dal tutor e da fornirgli l occasione per un esperienza collettiva che lo tolga dalla condizione di solitudine e lo alleni a muoversi in modo diverso. La capacità chiave per una figura di operatore tuttologo-tutor è quella di mettersi in relazione con il cliente sfruttando intuizione e flessibilità: Sarà compito del consulente indirizzare, laddove necessario, verso servizi specialistici erogati dalla struttura, nei confronti della quale il consulente agisce in questo modo da cliente interno. Fondamentale è ritenuto il fatto che abbia un esperienza diretta di lavoro autonomo che lo metta in grado, con competenza ed empatia, di trasmettere sicurezza e di rafforzarlo professionalmente. L ipotesi di un consulente tuttologo è funzionale anche alla struttura organizzativa della CNA e alla sostenibilità economica: è infatti ritenuta improponibile, in termini di costo, la presenza di un team di consulenti specializzati in ognuna delle numerosissime sedi sparse sul territorio. La difficoltà maggiore a perseguire un ipotesi di questo genere è individuata nella rigidità degli attuali operatori CNA, abituati a erogare servizi specialistici e standardizzati: Attenzione particolare è stata posta sul problema della segmentazione di questo nuovo mercato : proprio perché è molto evidente la forte articolazione del mondo del lavoro autonomo sia in termini di tipologie professionali che di settori di attività, è considerato importante (fattore chiave di successo, quindi) segmentare l offerta sulla base dei diversi tipi di clienti/bisogni. Ciò in concreto, secondo gli operatori, significa che: la figura del tutor tuttologo è particolarmente adatta ai lavoratori autonomi di fascia media che non hanno ancora raggiunto consolidate capacità professionali, per chi è 15

16 all inizio dell attività o per chi sta progettando. Non è invece ritenuta adeguata a professionisti affermati che si sentirebbero sminuiti nel loro orgoglio professionale e che necessitano verosimilmente di servizi specialistici in risposta a bisogni specifici di cui sono già ben chiaramente consapevoli; in prospettiva bisogna ragionare in termini di servizi orizzontali e verticali: i primi aree fiscale, previdenziale, credito - trasversali ad ogni tipologia, i secondi - aree formazione e marketing specifici per ogni singola professionalità / settore. Per quanto concerne l erogazione di servizi in rete, è stata ribadita con forza la necessità di un sito interattivo tramite il quale fornire essenzialmente informazioni per esempio su occasioni formative, questioni fiscali, mostre/convegni/rassegne, opportunità di mercato. Viene esclusa l erogazione di consulenza e formazione on line, in quanto ritenuto assolutamente più efficace e adatto il contatto personale. Servizi on line quindi come complementari e non sostitutivi di quelli erogati tradizionalmente. La presenza sulla rete è comunque considerata indispensabile come leva di marketing per presidiare il mercato e comunicare con esso. In quest ottica è caldeggiata anche un offerta formativa specifica sull utilizzo delle tecnologie. E interessante il problema posto da un operatrice sulla gestione dei servizi on line: come si fa a erogare informazioni gratuite sulla rete e farle pagare di persona? La domanda è rimasta senza risposta. Ultima questione, su cui le idee sono state poche e confuse, è quella relativa a come attivarsi per essere motore di aggregazione. Tutti sono stati molto scettici sulle proposte tradizionali (convegni, conferenze etc.), mentre è interessante l osservazione di un operatrice: Vengono all Associazione per trovare e sviluppare il business, avere contatti con le imprese associate (potenziali clienti). 16

17 3.2 L indagine telefonica Chi sono e cosa fanno Il campione cui si fa riferimento è composto da 71 lavoratrici autonome (interviste valide) attive sul territorio emiliano-romagnolo. Obiettivo di questo primo blocco di domande è stato quello di tracciare un profilo anagrafico del campione, ricostruirne il percorso formativo-professionale, descrivere le attività attualmente svolte sia in termini di contenuti professionali che di soluzioni organizzative e livelli reddittuali. In sintesi, si è voluto tentare una sorta di identikit di queste new worker che permettesse di contestualizzare al meglio i fabbisogni formativi, informativi e consulenziali e fornisse al Comitato Impresa Donna Emilia Romagna lo spettro più ampio possibile di informazioni rispetto a questa fascia di utenza che presenta sfaccettature e articolazioni assai particolari. Dati anagrafici ETA anni 3 4, anni 17 23, anni 16 22, anni 15 21, anni 7 9,9 oltre i 45 anni 13 18,3 Totale ,0 Circa il 50% delle intervistate ha un età compresa tra i 26 e i 35 anni; rilevante anche la presenza della fascia e delle over

18 Stato civile Coniugata 29 40,9 Nubile 37 52,1 Separata/divorziata 3 4,2 Vedova 2 2,8 Totale ,0 La maggioranza delle intervistate è nubile e si suppone quindi libera da carichi di lavoro di cura famigliare. Figli conviventi Un figlio a carico 6 18,8 Due figli a carico 9 28,1 Tre o piu' figli a carico 2 6,3 Un figlio occupato 2 6,3 Nessun figlio 12 37,5 N.R. 1 3,1 Totale ,0 Tra le coniugate, cui sono state aggiunte le nubili conviventi (3) il 37% non ha figli, il 28% ne ha due e il 19% uno solo. Professione marito Lavoratore dipendente 15 46,9 Imprenditore/artigiano 3 9,4 Lavoratore autonomo 2 6,3 Pensionato 1 3,1 N.R ,4 Totale ,0 Circa la metà dei mariti/conviventi ha un lavoro dipendente. 18

19 Percorso formativo Titolo di studio Licenza media inferiore 5 7,0 Diploma professionale 5 7,0 Diploma di scuola media superiore 26 36,6 Laurea 34 47,9 N.R. 1 1,4 Totale ,0 Il livello di scolarità è decisamente alto: quasi la metà delle intervistate è laureata e più di un terzo è in possesso di un diploma di scuola superiore. Corsi di specializzazione eventuali Corsi tecnico - specialistici 28 39,4 Corsi di lingue 8 11,3 Corsi di informatica 6 8,5 Master post-laurea 4 5,6 Altro 6 8,5 Totale 71 * Domanda a risposta multipla Notevole anche l impegno sul fronte della formazione professionale: circa il 40% ha frequentato corsi di specializzazione di contenuti tecnicoprofessionali, inerenti quindi i contenuti specialistici dell attività svolta 19

20 Percorso lavorativo Più del 60% delle intervistate è arrivata all attività attuale attraverso un percorso lavorativo più o meno vario: il 28% proviene dal lavoro dipendente mentre il 20% circa ha sempre lavorato come autonoma e il 35% vanta entrambe le esperienze. Meno del 10% del campione è alla sua prima esperienza lavorativa. Per quanto riguarda i motivi del cambiamento attuato, purtroppo solo 15 intervistate su 45 ha dato delle indicazioni: prevale (9) la voglia di cambiare legata alla demotivazione professionale. Non è possibile trarre delle generalizzazioni collegando i percorsi professionali alle attività attualmente svolte piuttosto che ad altre variabili: il campione è dimensionalmente ridotto e le attività svolte troppo varie, come vedremo in seguito, per ricavarne delle linee di tendenza generali. Percorso lavorativo Ha precedenti esperienze lavorative di varia natura 25 35,2 Ha precedenti esperienze di lavoratrice dipendente 20 28,2 Ha sempre lavorato come lavoratrice autonoma 14 19,7 Quella attuale e' la prima attivita' in assoluto 6 8,5 N.R 6 8,5 Totale ,0 20

Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti

Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti Sono circa 10.000 in provincia di Bologna Sondaggio tra gli iscritti Cna: sono laureati e soddisfatti della loro autonomia Rivendicano

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Da Manager a Consulente

Da Manager a Consulente Da Manager a Consulente Valutare in modo consapevole un opportunità Pianificare l avvio professionale Elisabetta Castagneri - Tullio Miscoria elisabetta.castagneri@formatelier.it - t.miscoria@harrisitalia.it

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali Incubatore d impresa Per sostenere le nuove idee imprenditoriali PRESENTAZIONE DELLA BUONA PRATICA L alta mortalità delle imprese nei primi anni di vita è spesso dovuta a una scarsa programmazione prospettica

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Professione Avvocato: tendenze evolutive degli studi legali milanesi

Professione Avvocato: tendenze evolutive degli studi legali milanesi Professione Avvocato: tendenze evolutive degli studi legali milanesi (Paolo Bertozzi Luca Zanderighi) Lab per Ordine degli avvocati per Milano, Dicembre 2005 INDICE Obiettivi Metodologia I Parte: la professione

Dettagli

Sintesi dei principali risultati 1

Sintesi dei principali risultati 1 Sintesi dei principali risultati 1 In quest indagine sul settore dei servizi per le imprese, sono state studiate imprese che svolgono servizi di ricerca, selezione e fornitura di personale; imprese di

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

FORMAZIONE ESTERNA PER APPRENDISTI

FORMAZIONE ESTERNA PER APPRENDISTI FORMAZIONE ESTERNA PER APPRENDISTI Modello per la formazione dei tutor aziendali Allegato alla deliberazione della Giunta provinciale P.V. n. del /0/00 Il Rapporto CFP-imprese nella formazione esterna

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola Svolta in collaborazione con gli IRRE e con i Consigli Territoriali dell Ordine degli Psicologi 1. Attività

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno CISALPINA TOURS CISALPINA RESEARCH Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno Cisalpina Research, il nuovo centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08 Ufficio stage "formazienda" Incubatore di imprese innovative (Centro ISO - Industrial Spin-Off); Sportello informativo Start-up I.F.eG. (Imprenditorialità Femminile e Giovanile) Rilevazione annuale presso

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Scheda Progetto L.R. 46/95 Annualità 2008

Scheda Progetto L.R. 46/95 Annualità 2008 ALLEGATO Scheda Progetto L.R. 6/9 Annualità 008 Comune Capofila di Porto Sant Elpidio Ambito Territoriale Sociale N Ambito Sociale n 0 Popolazione 8.8 Il Progetto è stato presentato in ٱSingola Forma ٱAssociata

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

LE ADOZIONI LAVORATIVE

LE ADOZIONI LAVORATIVE LE ADOZIONI LAVORATIVE Il lavoro acquista sempre più rilievo nella vita dell uomo fino a diventarne l essenza stessa. L identità personale passa attraverso il ruolo che il singolo ha rispetto al contesto

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. SIMULAZIONE: il business plan di una impresa legata ai rifiuti. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. SIMULAZIONE: il business plan di una impresa legata ai rifiuti. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI SIMULAZIONE: il business plan di una impresa legata ai rifiuti GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea In questo modulo sono

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center

Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center RACCOLTA DATI PRESSO CENTRI PER L IMPEGO, STUDIO DI UN CASO: I CALL CENTER (Stefania Doglioli, Elena Ottolenghi, Gabriella Rossi, Michele Fortunato)

Dettagli

INDAGINE SU FARMACIE E PRODOTTI COSMETICI

INDAGINE SU FARMACIE E PRODOTTI COSMETICI Via Alessandro Torlonia, 15/A 00161 Roma Tel. (+39) 06 44292365 Telefax (+39) 06 44260414 06 44240030 e-mail: ermeneia@tin.it UNIPRO Beauty Report/2012 INDAGINE SU FARMACIE E PRODOTTI COSMETICI - Questionario

Dettagli

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO Avviso 26 del 4 marzo 2015 Piani formativi aziendali concordati Standard - Fondo di Rotazione SCHEDA DI PRE ADESIONE entro il 13 maggio 2015 STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO PREMESSA Venerdì 30 Gennaio

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO Un partner per crescere API LECCO Dal 1949 l Associazione Piccole e Medie Industrie della Provincia di Lecco è stata voluta dagli imprenditori

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove Dr. Mario Venturini Professionista operante in conformità alla Legge n. 4 del 14 /01/2013 Certified Management Consultant - Socio qualificato APCO-CMC n 2003/0042 Affianchiamo l imprenditore ed i suoi

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

GIUSTIZIA E PARITA Donne e professioni in Emilia-Romagna

GIUSTIZIA E PARITA Donne e professioni in Emilia-Romagna Giunta Regionale Direzione Attività Produttive, Commercio, Turismo GIUSTIZIA E PARITA Donne e professioni in Emilia-Romagna Dr.ssa Morena Diazzi Le professioni nei programmi regionali per l Imprenditoria

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2014/2015. In questa presentazione del Piano industriale 2014/2015 è omessa la parte di

PIANO INDUSTRIALE 2014/2015. In questa presentazione del Piano industriale 2014/2015 è omessa la parte di PIANO INDUSTRIALE 2014/2015 In questa presentazione del Piano industriale 2014/2015 è omessa la parte di introduzione. Tale scelta è imposta da motivi di sintesi perché in realtà le premesse relative alla

Dettagli

Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE"

Convegno LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE" Alcune riflessioni sul tema della diffusione dell'ict nelle imprese Guido Mario Rey Facoltà di Economia

Dettagli

IL SEGNO SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE

IL SEGNO SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE IL SEGNO PIANO STRATEGICO 2009-2012 INDICE Premessa 1) BASE SOCIALE Partecipazione Capitalizzazione 2) SEDE 3) BILANCIO SOCIALE 4) COMUNICAZIONE 5) SOSTENIBILITA E SVILUPPO PIANO STRATEGICO

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE ANNUALITA 2011/2012 Master e Corsi di Specializzazione per Laureati finanziati dalla Regione Campania attraverso Voucher Formativi individuali www.altaformazioneinrete.it

Dettagli

Artability. Tlab - 1 interim report

Artability. Tlab - 1 interim report Artability Tlab - 1 interim report Introduzione Il progetto Artability è un progetto biennale per lo scambio di buone pratiche che possono motivare le persone con disabilità di partecipare al processo

Dettagli

16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province. Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA

16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province. Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA 16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA Obiettivi della presentazione Illustrare i principali risultati

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH - Consumi natalizi 2013

CONGIUNTURA FLASH - Consumi natalizi 2013 CONGIUNTURA FLASH - Consumi natalizi 2013 Report documento per ASCOM dell Emilia - Romagna dicembre 2013 1 SOMMARIO 1 LA DESCRIZIONE DEL PANEL... 3 2 L INDAGINE SULLE VENDITE NEL PERIODO NATALIZIO... 6

Dettagli

SUMMARY REPORT MOPAmbiente. I principali risultati della ricerca

SUMMARY REPORT MOPAmbiente. I principali risultati della ricerca SUMMARY REPORT MOPAmbiente I principali risultati della ricerca VI Rapporto Periodo di rilevazione: 3 9 Novembre 2010 Metodologia: CATI; campione n=1000 casi, rappresentativo degli italiani dai 18 anni

Dettagli

vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business

vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business la soluzione PER IL MERCATO CHE CAMBIA Enerpoint, attiva da oltre 12 anni nel settore Fotovoltaico e da sempre in prima linea per promuovere il cambiamento,

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo. Dr. Alberto Meomartini

Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo. Dr. Alberto Meomartini Assolombarda - Politecnico di Milano - Fondazione Politecnico Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo Dr. Alberto

Dettagli

Analisi Fabbisogni Formativi Aziende ed Utenti

Analisi Fabbisogni Formativi Aziende ed Utenti MASTER FORMAZIONE S.r.l. Sede legale : Via Panaro, 16 0015 MONTEROTONDO (RM) Sede Direzione : Via Petrarca, 5 57023 CECINA (LI) Tel. 0586 632282 - Fax 0586 681865 Cecina, 6 Maggio 2010 Analisi Fabbisogni

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Aggiornato il 10 novembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE LAVORA...4 4. CONDIZIONI DI LAVORO...5 5. COMPETENZE...6 Che cosa deve

Dettagli

Un mestiere difficile

Un mestiere difficile Un mestiere difficile.forse troppo? a cura di Beatrice Chirivì INTRODUZIONE Sono in media 1.300 all anno le persone che inviano il proprio curriculum al COSV. In gran parte si tratta di candidature di

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

FondItalia fa un salto da te

FondItalia fa un salto da te FONDO FORMAZIONE ITALIA Campagna informativa 2011 FondItalia fa un salto da te PREMESSA I Fondi Paritetici Interprofessionali sono stati chiamati, in questa fase di crisi economica, a svolgere una funzione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

INDICE 2. I SERVIZI DI CONSULENZA CHE SARANNO EROGATI

INDICE 2. I SERVIZI DI CONSULENZA CHE SARANNO EROGATI P.S.M. PROGRAMMA DI PROMOZIONE DELL INCLUSIONE SOCIALE E LOTTA ALLA POVERTÀ LINEA 2 INCLUSIONE NEL MDL DELLE PERSONE A RISCHIO DI ESCLUSIONE INTRAPRENDO PIANO ESECUTIVO INDICE 1. DESCRIZIONE ATTIVITÀ 2.

Dettagli

PERCORSI INFORMATIVI PER AZIENDE, LAVORATRICI, LAVORATORI. OCCUPABILITÀ CONCILIAZIONE FLESSIBILITÀ FORMAZIONE

PERCORSI INFORMATIVI PER AZIENDE, LAVORATRICI, LAVORATORI. OCCUPABILITÀ CONCILIAZIONE FLESSIBILITÀ FORMAZIONE PERCORSI INFORMATIVI PER AZIENDE, LAVORATRICI, LAVORATORI. OCCUPABILITÀ CONCILIAZIONE FLESSIBILITÀ FORMAZIONE Attività di supporto ed informazione in tema di parità di genere e conciliazione LE TEMATICHE

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

La Leadership. Salvatore Savarese

La Leadership. Salvatore Savarese La Leadership Salvatore Savarese 1 Introduzione Lavorare all interno di organizzazioni induce un evoluzione professionale ed umana in più direzioni: aumentano le competenze tecniche specifiche, si sviluppano

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato BUON MANAGEMENT = BUONA SANITA La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato Bassano del Grappa, 25 giugno 2012 Questo Convegno nasce dall idea che un confronto

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere I Servizi della Provincia di Rimini a favore delle donne in difficoltà e per il contrasto della violenza di genere Servizio Per Lei accompagnamento ed inclusione sociale per donne in difficoltà Come noto,

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

la storia aziendale ha inoltre portato a lavorare insieme persone provenienti da esperienze diverse.

la storia aziendale ha inoltre portato a lavorare insieme persone provenienti da esperienze diverse. Marzo 2012 ACTA Consulting S.r.l. P.IVA: 08697660010 Sede legale: Via Des Ambrois 4 Sede Uffici: Via Cavour 1 10123 TORINO Tel. +39 011 08 88 190 Fax: +39 011 08 88 181 http://www.actaconsulting.it acta@actaconsulting.it

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA Un partner per crescere API SONDRIO L Associazione Piccole e Medie Industrie di Valtellina e Valchiavenna è una realtà fortemente voluta dagli

Dettagli

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING IL NETWORK DI CONSULENZE PER SOCIETA SPORTIVE E CENTRI FITNESS IMPRESA MODERNA OPPURE PALESTRA TRADIZIONALE? CHI

Dettagli

la crescita è la chiave

la crescita è la chiave AREA LEADERSHIP PROFESSIONALE IL COACHING Lo strumento di manutenzione dell uomo LeadershipLab Training Gubbio (Perugia) N.Verde 800.960.318 la crescita è la chiave MARCO MERANGOLA Tel 366 37.72.330 Fax

Dettagli

I CLIENTI VALUTANO IL LAVORO DEGLI PSICOLOGI: PROSPETTIVE PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVE

I CLIENTI VALUTANO IL LAVORO DEGLI PSICOLOGI: PROSPETTIVE PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVE I CLIENTI VALUTANO IL LAVORO DEGLI PSICOLOGI: PROSPETTIVE PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVE Metodologia e risultati della ricerca 22 ottobre 2009 Achille Orsenigo 1 Premesse sul valore del lavoro Non è facile

Dettagli