Un Mondo di Scuole. Volume5 R.U.E.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un Mondo di Scuole. Volume5 R.U.E."

Transcript

1 Un Mondo di Scuole Volume5 R.U.E.

2 Un Mondo di Scuole Volume 5 Schede descrittive

3 Introduzione Il progetto è stato approvato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Direzione Centrale Istruzione, Formazione e Cultura, Servizio solidarietà e associazionismo, Struttura stabile per gli immigrati e co- finanziato con decreto n.2430/cult/7vip del 9 ottobre Il progetto era stato presentato da RUE Risorse Umane Europa al Bando per il finanziamento delle attività relative ai centri di aggregazione e per la comunicazione interculturale a favore della popolazione straniera immigrata relativo all anno Le fasi realizzative di Un mondo di scuole volume V sono state costruite dal team di RUE Risorse Umane Europa con momenti di incontro e di dialogo interculturale, all interno dei quali la produzione di materiali informativi sui sistemi scolastici, italiano e dei Paesi di emigrazione,facesse da supporto non solo per l integrazione scolastica dei giovani migranti, ma divenisse veicolo di informazione interculturale per i destinatari, operatori dei servizi scolastici e socio - sanitari. Obiettivi generali del progetto: - favorire l interazione tra le diverse culture per contribuire ad un arricchimento che nasce dal contatto, dalla conoscenza e dallo scambio - supportare, migliorare e rendere più efficaci la relazione e la comunicazione interculturale attraverso la produzione di uno strumento di comunicazione sui sistemi scolastici, realizzato su supporto cartaceo e per via telematica - contribuire all avvio di un approccio interculturale nei protocolli di accoglienza mediante il potenziamento e completamento del gruppo di lavoro di Un mondo di scuole volume V, con la partecipazione di educatori e di esperti. Obiettivi specifici del progetto: - ricerca azione all interno delle classi coinvolte nel progetto sulla risposta all analisi dei sistemi scolastici di altri paesi che sono stati oggetto di presa visione assieme ai propri docenti, per la sensibilizzazione degli alunni e degli studenti ai problemi della relazione e della comunicazione interculturale - entrare in contatto con culture diverse, ma soprattutto con contenuti e rappresentazioni differenti rispetto a quelle utilizzate solitamente nei contesti scolastici e socio - educativi, valorizzando il patrimonio culturale di cui gli alunni stranieri e le loro famiglie sono portatori - stampa, riproduzione su carta e Cd rom e diffusione on line dei materiali della ricerca - azione di un Un mondo di scuole volume V

4 Le azioni di Un mondo di scuole volume V, riferite all attività inerente la realizzazione di iniziative per la valorizzazione delle diverse competenze professionali, sono state compiute a Udine, Gorizia, Pordenone e Trieste ed hanno coinvolto decine di classi delle scuole elementari, medie e superiori. Il potenziamento e il completamento del gruppo di lavoro di Un mondo di scuole volume V, con la partecipazione di educatori ed esperti delle quattro Province, si è consolidato nelle diverse fasi delle seguenti azioni: - implementazione del rapporto di rete tra i servizi e gli operatori al fine di agevolare e migliorare la comunicazione, l adattamento e l inserimento: bambini, famiglie, scuola, docenti, operatori sociali e sanitari. - promozione, analisi e commento, attraverso confronti fra gruppo di lavoro e operatori dei servizi socio educativi, sul protocollo di accoglienza come pratica di conoscenza e di integrazione per supportare, migliorare e rendere più efficaci la relazione e la comunicazione interculturale e se e come la presenza di diverse culture abbia cambiato o stia cambiando abitudini e schemi di pensiero degli autoctoni e stia contribuendo ad un arricchimento culturale che nasce dal contatto, dalla conoscenza e dallo scambio - incontri con il gruppo di lavoro di RUE per l'analisi delle criticità emerse durante le attività svolte per un confronto produttivo ed efficace - analisi con RUE delle problematiche, relative alla programmazione interculturale, manifestatesi in classe e dei progressi a livello di relazione, mediante confronto con gli insegnanti e gli operatori interessati. La ricerca azione è stata finalizzata, da una parte, alla produzione di adeguati strumenti di comunicazione utili per l iscrizione a scuola e dall altra contribuisce alla valorizzazione delle specifiche funzioni, operative e genitoriali, compresenti nelle istituzioni formative ed educative : - personale di segreteria e collaboratori amministrativi, interessato ad una sintetica ed immediata comparazione del percorso formativo nel paese di provenienza con i requisiti generali di iscrizione nella scuola italiana, in termini di età anagrafica e di numero di anni del percorso formativo ( prima parte della pubblicazione) - personale docente, educatori e mediatori, destinatari di schede informative approfondite in termini di descrizione dei percorsi formativi e scolastici, al fine della determinazione della classe di iscrizione, della programmazione educativa individualizzata, degli interventi formativi e linguistici ( seconda parte della pubblicazione)

5 - personale direttivo, coinvolto sia per evitare possibili discriminazioni, dirette ed indirette, che per garantire pari opportunità di fruizione del sistema formativo/educativo - genitori ed adulti di riferimento degli alunni e studenti stranieri, destinatari di una corretta informazione e motivazione delle procedure e dei successivi adempimenti finalizzati all iscrizione scolastica. Gli strumenti informativi sono quindi strutturati per descrivere i sistemi scolastici dei Paesi di provenienza dei migranti per consentire il raffronto con il sistema scolastico italiano in un ottica di educazione alla cittadinanza che comprenda la dimensione interculturale insieme alla corretta applicazione degli strumenti normativi che presiedono alla regolazione della comunità scolastica. Pertanto oggetto della produzione curata dal team di RUE sono gli strumenti - schede informative di 61 Paesi di provenienza dei migranti nella Regione, nelle versioni sia sintetica che approfondita, disponibili on line al seguente indirizzo apri LAVORI SVOLTI. Per disporre di un quadro di riferimento sintetico ed immediato delle complessità globali nelle quali sono immerse le istituzioni scolastiche locali nel territorio Regionale vi invitiamo alla analisi senza commenti da parte nostra - delle schede riassuntive, correlate alla semplice rilevazione effettuata durante la ricerca azione sui 61 Paesi, da RUE intitolate nell ordine :

6 Trentaquattro lingue ufficiali di insegnamento in Friuli Venezia Giulia romeno macedone sloveno slovacco punjabi russo ceco urdu tedesco serbo thai turco ucraino albanese ungherese francese portoghese italiano ebraico farsi arabo greco georgiano giapponese filippino spagnolo croato bulgaro cinese bosniaco bielorusso inglese bengali castigliano La presenza delle religioni in Friuli Venezia Giulia ebraica 3% taoista 1% anim ista 6% buddis ta 3% shintoista 1% luterana 1% drusa sikh 1% 1% altre religioni 5% cattolica 29% indu 2% anglicana 1% protestante 11% ortodossa 12% mussulmana 23%

7 Durata della scolarità obbligatoria nei 61 paesi di origine 12(6-18) 10% 5(6-11) 3% 6(6-12) 13% 10(6-16) 20% 8(6-14) 20% 9(6-15) 34% Criteri di valutazione nei 61 paesi di origine (1-3) 2% (5-10) 2% (2-6) 1% (1-7) 1% (0-4) 4% (1-12) 1% (1-10) 18% (A-F) 14% (0-20) 18% (1-5) 19% (0-100) 20%

8 Tra le fonti utilizzate per la ricerca sono state privilegiate quelle istituzionali ( Ministeri, Ambasciate, Consolati, Istituti Italiani di Cultura all estero, Centri Interculturali ed Università) e la pubblicazione dell UNESCO - United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization, International Bureau of Education, che ha fornito la VI edizione del Cd-Rom World Data on Education 2006/7, parzialmente riprodotta. Udine, 16 aprile 09 RUE Risorse Umane Europa

9 Un Mondo di Scuole Volume 5 Indice Albania Algeria Angola Arabia Saudita Argentina Australia Bangladesh Benin Bielorussia Bosnia-Erzegovina Brasile Bulgaria Burkina Faso Camerun Cile Cina Colombia Congo Croazia Cuba Ecuador Egitto Etiopia Filippine Georgia Ghana Giappone Grecia India Iran Iraq Israele Libano Liberia Macedonia Marocco Mauritania Moldova Mozambico Nigeria Pakistan Perù Punjab Repubblica Ceca Repubblica Domenicana Repubblica Slovacca Romania Russia Senegal Serbia e Montenegro Siria Slovenia Stati Uniti d America Svizzera Tailandia Togo Tunisia Turchia Ucraina Ungheria Venezuela

10 IL SISTEMA SCOLASTICO IN ALBANIA Albania STRUTTURA DEL SISTEMA EDUCATIVO ANNI Durata (età) CICLO DENOMINAZIONE LOCALE CORRISPONDENZA IN ITALIA VOTI 2 (1-3) 3 (3 6) PRE- PRIMARIO ÇERDHE FËMIJËSH KOPESHT FËMIJËSH Asilo nido Scuola materna o dell infanzia - 4 (6-10) PRIMARIO CIKËL i ULËT SHKOLLË FILLORE Scuola elementare o primaria 4(10-14) CIKËL i LARTË Scuola media inferiore o di 1 grado 5 (14-19) SHKOLLË TEKNIKE Scuola superiore tecnica (14-17) SECONDARIO SHKOLLË PROFESIONALE Scuola superiore generale 4 (14-18) SHKOLLË E MESME E PËRGJITHSHME Scuola professionale POST- SECONDARIO SHKOLLA E LARTË JO UNIVERSITARE UNIVERSITET/AKADEMIE Istituti non universitari Università/Accademia FORMAZIONE POST-LAUREA SHKOLLË PASUNIVERSITARE DOKTOR i SHKENCAVE Specializzazione post-laurea Dottorato

11 Albania PRINCIPI E OBIETTIVI GENERALI DEL SISTEMA EDUCATIVO Il sistema educativo della Repubblica albanese è sotto la giurisdizione del Parlamento. Il diritto all istruzione è sancito dai principi della Costituzione ed è considerato una priorità nazionale, diritto di tutti i cittadini albanesi, indipendentemente dal loro status sociale, genere, religione, lingua, posizione politica o livello economico. In accordo con la legge, nel contesto dei curricula scolastici, i membri delle minoranze hanno la possibilità di studiare nella propria lingua e apprendere la loro storia e cultura. I principi e gli obiettivi generali del sistema educativo includono inoltre: - creare le condizioni per completare lo sviluppo personale; - revisione e modernizzazione del contesto educativo in accordo con le esigenze sociali; - migliorare la qualità e l efficienza dell educazione. Lingua di insegnamento e altre lingue Lingua ufficiale d istruzione è l albanese, che ha due dialetti, ghego a nord e tosco a sud, adottato come lingua ufficiale del Paese. Altre lingue sono il ghego, greco, macedone. Maggioranza musulmana, minoranza ortodossa a sud, cattolica a nord. Religioni Maggioranza musulmana, minoranza ortodossa a sud, cattolica a nord. SISTEMA SCOLASTICO Educazione pre-primaria L istruzione obbligatoria dura 8 anni (da 6 a 14 anni). L educazione pre-primaria viene impartita da scuole materne ed asili nido, non è obbligatoria ed è riferita ai bambini dai 3 ai 6 anni. Educazione primaria L educazione primaria ha durata di 8 anni (dai 6 ai 14 anni), è obbligatoria e gratuita ed è suddivisa in due livelli: classi I-IV, classi V-VIII. Alla fine del ciclo di studi viene rilasciato un certificato attestante il suo termine. Nel 2004 è iniziata la sperimentazione di un programma della durata di 9 anni. Educazione L istruzione ha durata di 3, 4 o 5 anni e l offerta formativa consiste in: scuole professionali, linguistiche, d arte, pedagogiche, generali e tecniche. L educazione inizia dal IX anno ed ha una durata variabile: 3 anni per le scuole professionali (shkolla profesionale), che includono circa 35 diversi profili lavorativi e conferiscono certificati di formazione professionale; 4 anni per le scuole superiori linguistiche, d arte, pedagogiche e generali (shkolla e mesme e përgjithshme), simili al liceo che prevedono lo studio di tutte le discipline, il conferimento del diploma di maturità (dëftesë pjekurie) e l accesso a tutte le facoltà universitarie; 5 anni per le scuole tecniche (shkolla teknike) con circa 15 indirizzi diversi (industriale,

12 Albania agricolo, economico, commerciale, ecc.). Esse prevedono un esame finale e il conferimento del diploma di maturità (dëftesë pjekurie) o il certificato di abilitazione professionale differenziato per qualifica (dëftesë e përfundimit dhe certifikatë e aftësive profesionale për punëtor të kualifikuar). Educazione post Il sistema dell educazione post- in Albania è costituito da università, accademie artistiche e da istituti di educazione post-. È richiesto il titolo di maturità (dëftesë pjekurie) con un voto minimo di 15 su 30, per l accesso all educazione superiore non universitaria, e un voto minimo di 25 su 100 per l accesso all università. È previsto un esame di ammissione. Livello non universitario Viene offerta da istituti di educazione post- con corsi la cui durata varia da 2 a 5 anni. La Scuola Superiore per Infermieri (Shkollë e Lartë e Infermierise), ad esempio, conferisce una qualifica dopo 7 semestri pari a 3 anni e mezzo di studio. Studi universitari Gli studi universitari si articolano in 3 livelli: Diploma di laurea di 1 livello: i corsi durano 4-6 anni (4 per la maggior parte delle facoltà, 5 per Ingegneria, 6 per Medicina), al termine dei quali viene conferito un titolo di studio (titull). L anno accademico inizia ad ottobre e finisce a giugno ed è diviso in due semestri, di 15 settimane ciascuno. Gli esami hanno luogo alla fine di ogni semestre e possono essere orali e scritti. Specializzazione post-laurea: i corsi post-universitari (Shkollë Pas Universitare-SHPU) durano 1-2 anni dopo il completamento del primo livello di educazione universitaria e conducono al conferimento, con la stesura e discussione di una tesi, del diploma di studi di approfondimento post-universitario (Diplomë e Studimeve të Thelluara Pasuniversitare). Dottorato di ricerca: gli studi per il conseguimento del titolo di Dottore in Scienze (Doktor i Shkencave) durano 3-5 anni dopo lo SHPU e consistono in studi individuali e ricerca. I prerequisiti di ammissione includono attività scientifiche, di ricerca e pubblicazioni. Il candidato, sotto la supervisione di un ricercatore scientifico, deve preparare una tesi da discutere. Formazione insegnanti Per la pre-primaria e il 1 ciclo della scuola primaria: gli insegnanti di asilo nido (çerdhe fëmijësh) e asilo infantile (kopesht fëmijësh) vengono formati in 3 anni alla Scuola Media di Pedagogia (Shkollë e Mesme Pedagogjike). Essi ottengono un Diploma per Educatore di asilo nido e infantile (Edukatore për çerdhe dhe kopesht fëmijësh). Gli insegnanti per il ciclo inferiore (classi I-IV) degli otto anni di scuola obbligatoria, prima della riforma venivano formati in 6 semestri presso un Istituto di Educazione Superiore e ottenevano il diploma di insegnante (Mësues për ciklit e ulët), ora invece, seguendo il modello internazionale, essi devono formarsi a livello universitario presso le facoltà di pedagogia. Per il 2 ciclo delle scuole primarie: i docenti per il ciclo superiore (classi V-VIII) degli 8 anni di istruzione obbligatoria vengono formati a livello universitario con corsi di 4 anni in educazione e, dopo aver svolto un periodo di tirocinio, ottengono il diploma di insegnante per scuole medie inferiori (Mësues për shkollat e mesme).

13 Albania Per l educazione post-: la certificazione degli insegnanti dipende dal primo e secondo grado di studi post-universitari e la dissertazione della tesi. Il titolo di professore richiede il grado di Dottore in Scienze e una vasta esperienza di ricerca, insegnamento e pubblicazione. Un docente è un ricercatore d esperienza e istruttore con il titolo di Kandidat i Shkencave. Ci sono anche due tipi di posizioni di insegnamento presso istituti di educazione superiore che non richiedono un grado scientifico: pedagogista e assistente, per i quali è sufficiente possedere un diploma conseguito con ottimi voti. PROGRAMMI DIDATTICI Programma scuola primaria I programmi della scuola dell obbligo e della scuola sono uniformi sul territorio nazionale in quanto realizzati dal Ministero dell Educazione e della Scienza e comprendono materie obbligatorie e facoltative, che possono essere decise dalle autorità locali. Le innovazioni dei curricula della scuola primaria e sono state introdotte nell anno scolastico : l educazione sociale ha sostituito quella morale e politica, l allenamento militare, il lavoro fisico e lo studio del marxismo leninismo sono stati abbandonati. Tutte le discipline sono state depoliticizzate e rese ideologicamente neutrali. Il programma di matematica e scienze naturali è stato modificato. Programma generale Numero di ore* settimanali Discipline 1 ciclo 2 ciclo 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 6 anno 7 anno 8 anno Lingua albanese Letteratura Lingua straniera Storia Scienze naturali Geografia Matematica Fisica Chimica Biologia Educazione civica Educazione artistica Educazione musicale Educazione tecnica Educazione fisica Totale Fonte: Ministero Educazione e Scienza, *L ora scolastica ha una durata di 45 minuti. La scuola generale fornisce istruzione in tutte le discipline e permette l accesso a tutte le facoltà universitarie. Discipline Numero di ore* settimanali 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno Lingua e letteratura

14 Lingua straniera Storia Geografia Sociologia Economia Filosofia Matematica Fisica Chimica Biologia Tecnologia Informatica Astronomia Ed.Fisica Totale Fonte: Ministero Educazione e Scienza, *L ora scolastica ha una durata di 45 minuti. Albania Sistema di valutazione nella scuola primaria e Il curriculum della scuola superiore tecnica comprende discipline obbligatorie (50% delle lezioni), materie teoriche professionali (25%) e istruzione pratica (25%). Il programma delle scuole professionali prevede un 40% di lezioni d istruzione generale, 20-25% di lezioni teoriche professionali e 35-40% di attività pratica. Alla fine del III anno per le scuole professionali e del V per quelle tecniche gli studenti sostengono un esame finale il cui contenuto dipende dalla qualifica prescelta. Il monitoraggio dei risultati degli alunni avviene quotidianamente; la valutazione è effettuata due volte a semestre e alla fine dell anno vengono forniti i giudizi e i voti finali. I risultati vengono espressi con un giudizio per ogni disciplina corrispondente ad un voto numerico da 1 a 10: 10 (dhjetë) = eccellente; 9 (nëntë) = ottimo; 8 (tetë) = buono; 7 (shtatë) = discreto; 6 (gjashtë) = soddisfacente; 5 (pesë) = sufficiente. I voti da 4 a 1 sono quelli insufficienti: 4 (katër) = insufficiente; 3 (tre); 2 (dy); 1 (një). La soglia per la sufficienza è 4/5 LEGISLAZIONE E REGOLE DEL SISTEMA EDUCATIVO Il sistema educativo albanese è fruibile da tutti, indipendentemente da genere, appartenenza e religione. Lo strumento legale basilare riguardante l istruzione è il Pre-University Education Act No del giugno 1995 (modificato nel 1998), la Normative Provisions for Public Schools, il Labour Code of the Republic of Albania (1995), il Private Education Act (1995) e il Higher Education Act No del 25 febbraio Quest ultimo modificato nel giugno 2003 al fine di istituire un miglior sistema educativo basato su cicli di studio. La Decisione del Consiglio dei Ministri No. 156 del marzo 2001, riconosce i programmi privati di educazione superiore. Il Parlamento ha inoltre approvato, nel marzo 2002, una Framework Law on Vocational Education and Training (VET) per il sostegno allo sviluppo di un sistema di formazione professionale e pratica nel Paese. In accordo con la Direttiva No. 20 del 2004, tutte le università e la maggioranza dei programmi sono basati su due cicli di studio. I programmi riguardanti le lauree di primo livello hanno una durata minima di 3 anni, i corsi di specializzazione post laurea prevedono una durata di 2 anni (le

15 Albania facoltà di medicina, studi dentistici, farmacia, architettura e veterinaria terminano in 6 anni) e i dottorati di ricerca possono avere durata variabile tra i 3 e i 5 anni (EURYDICE, 2007). EDUCAZIONE DEGLI ADULTI L articolo 57 della Costituzione (1998) afferma che: ognuno ha il diritto all istruzione e la sua obbligatorietà è sancita dalla legge; le scuole superiori generali pubbliche sono aperte a tutti, mentre l accesso alle scuole professionali può essere condizionato dal possesso di determinate abilità. Gli studenti possono inoltre essere istruiti in scuole private create e tutelate dalla legge. L istruzione obbligatoria ha durata di 8 anni e tutti i bambini dai 6 ai 14 anni sono tenuti a frequentare la scuola. L educazione non-formale include corsi separati (dattilografia, estetista, stilista, etc.) e scuole per l apprendimento di lingue straniere. I corsi durano più di 6 mesi e sono sotto la responsabilità del Ministero dell Educazione e della Scienza o del Ministero del Lavoro. Persone di età superiore ai 16 anni possono ottenere l istruzione elementare in speciali scuole per adulti, scuole part-time o serali. L educazione comprende le classi dal quinto all ottavo anno ed esistono inoltre scuole medie e professionali che offrono programmi triennali. ENTE NAZIONALE EDUCAZIONE Autorità responsabili: Ministero dell Educazione e della Scienza (Ministria e Arsimit dhe e Shkencës) Indirizzo: Rruga e Durrësit, Nr.23 Tiranë Albania Sito:

16 STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA EDUCATIVO Albania 5 DOTTORATO 2 STUDI POST-LAUREA 6 UNIVERSITA ISTITUTI POST- SECONDARI 5 SCUOLA SCUOLA SUPERIORE GENERALE TECNICA SUPERIORE SCUOLA PROFESSIONALE 8 EDUCAZIONE DI BASE CICLO SUPERIORE - MEDIE CICLO INFERIORE - ELEMENTARI 6 ASILO INFANTILE ASILO NIDO

17 IL SISTEMA SCOLASTICO IN ALGERIA Algeria STRUTTURA DEL SISTEMA EDUCATIVO ANNI Durata (età) CICLO DENOMINAZIONE LOCALE CORRISPONDENZA IN ITALIA VOTI 2 (4-6) PRE- PRIMARIO ENSEIGNEMENT PRÉPRIMAIRE Scuola materna o dell infanzia - 9 (6-15) PRIMARIO ENSEIGNEMENT FONDAMENTAL Scuola elementare o primaria Scuola media inferiore o di 1 grado 3 (15-18) LYCÉES D'ENSEIGNMENT TECHNIQUE (TECHNICUM) Scuola superiore tecnica 3 (15-18) SECONDARIO LYCÉE D'ENSEIGNEMENT GÉNÉRAL/LYCÉES POLYVALENTS Scuola superiore generale 2,5-7 ENSEIGNEMENT E FORMATION SUPÉRIEUR Insegnamento e formazione superiore 2-5, POST- SECONDARIO NON UNIVERSITARI O POST- SECONDARIO UNIVERSITARI O CYCLE COURT CYCLE LONG GRADUATION-BREVE DURATA GRADUATION-LUNGA DURATA Istituti di educazione tecnica post- Laurea breve Laurea FORMAZIONE POST-LAUREA MAGISTER/MASTER DOCTORAT/DOCTORAT D'ETAT Specializzazione post-laurea Dottorato

18 Algeria STORIA E FILOSOFIA GENERALE EDUCAZIONE Considerata nella Costituzione Algerina (1963;1996) come il fattore alla base di ogni cambiamento economico e sociale, la politica educativa è definita precisamente nei suoi obiettivi e finalità con il decreto del 16 aprile Lo Stato è ritenuto il diretto ed unico garante di un sistema educativo obbligatorio e gratuito per ogni individuo dai 6 ai 16 anni di età. Tra gli obiettivi dell educazione scolastica primeggiano la consacrazione dei principi di arabizzazione e di democratizzazione, lo sviluppo di personalità autonome ed attive che agiscono nell amore per la propria patria, l assimilazione di valori quali l eguaglianza e la giustizia contro ogni forma di discriminazione, l interiorizzazione dei principi legati ai diritti dell uomo e alle sue libertà fondamentali così come di uno spirito di cooperazione e pace tra le nazioni. Accanto a questi valori definiti spirituali, il sistema educativo mira allo sviluppo di conoscenze scientifiche e tecnologiche. Lingua di insegnamento e altre lingue L educazione viene impartita a tutti i livelli utilizzando la lingua nazionale (arabo); l insegnamento di una o più lingue straniere è subordinato alle condizioni imposte dai decreti legge. SISTEMA SCOLASTICO Educazione pre-primaria L istruzione obbligatoria dura 10 anni (dai 6 ai 16). L educazione pre-primaria è rivolta ai bambini dai 4 ai 6 anni, è gratuita, facoltativa ed impartita in lingua araba. Educazione primaria Educazione superiore Educazione post L insegnamento fondamentale rappresenta la tappa di scolarizzazione obbligatoria, la cui durata è di 9 anni. L ammissione dei bambini al primo anno si effettua all età di 6 anni compiuti. Esiste però una possibilità di deroga rivolta a bambini di 5 anni in casi eccezionali in cui le condizioni di accoglienza lo permettano. L insegnamento fondamentale è organizzato in tre cicli di tre anni ciascuno: il ciclo di base, il ciclo di stimolazione e il ciclo d orientamento. Gli studi dell insegnamento fondamentale sono sanciti dalla licenza di scuola dell obbligo (Brevet d enseignement fondamental, BEF). La fase dell insegnamento secondario comprende l insegnamento secondario generale e l insegnamento secondario tecnico-professionale. L alunno è tenuto a scegliere di proseguire con uno dei due. Il primo ha una durata di tre anni, mentre la durata del secondo oscilla da uno a quattro anni a seconda del tipo di formazione. La fine degli studi di insegnamento secondario è sancita dal diploma di insegnamento secondario generale (baccalauréat) e dal diploma di tecnico (baccalauréat de technicien) a seconda del percorso seguito. La durata ufficiale dell anno scolastico è di 36 settimane, ma gli alunni generalmente sono sottoposti a trenta settimane di lezioni all anno. Gli istituti d insegnamento e formazione post-diploma (enseignement et formation supérieurs), invece, offrono due tipi di formazione: una formazione detta di ciclo breve (Cycle court) la cui durata varia da due anni e mezzo ( laurea di tecnico, in francese diplôme de technicien supérieur) a tre anni ( laurea d insegnamento universitario applicato e laurea per l insegnamento fondamentale, - in francese diplôme de maître d enseignement fondamental-); e una formazione detta di ciclo lungo

19 Algeria (cycle long) la cui durata varia da quattro anni (diplôme de licence, diplôme d études supérieurs, ecc.) a cinque anni (ingegneria, architettura, farmacia, veterinaria; sette anni nel caso della laurea in medicina). Si prevedono due tipi di formazione superiore: la graduation e la post-graduation. Formazione superiore de graduation La formazione superiore de graduation si divide in formazione superiore di lunga durata (de longue durée) o di breve durata (de courte durée). L accesso a questi tipi di formazione è aperto a chi possiede un diploma di formazione ed è organizzato secondo prove e test d ingresso determinati dal Ministero per l Istruzione. La formazione superiore de graduation di breve durata prevede i seguenti diploma di laurea: - Diploma di studi universitari applicati (sei semestri). - Diploma di tecnico superiore (cinque semestri). - Diploma di maestro dell insegnamento fondamentale (sei semestri). La formazione superiore de graduation di lunga durata comprende le seguenti lauree: - Diploma di licenza (quattro anni di studi). - Diploma di professore per l insegnamento fondamentale (quattro anni) - Diploma di professore per l insegnamento secondario (cinque anni). - Diploma d Ingegnere (cinque anni). - Diploma d architetto (cinque anni). - Diploma di Farmacista (cinque anni). - Diploma di Chirurgo Dentista (cinque anni). - Diploma di Medico Veterinario (cinque anni). - Diploma di Dottore in Medicina (sette anni). Formazione superiore post graduation La formazione superiore di post-graduation è accessibile a chi ha concluso un ciclo di formazione di lunga durata; essa comprende i dottorati previsti per tutte le discipline (esclusa medicina), la formazione in scienze mediche e la formazione specialistica per determinati settori professionali. Questi studi hanno una durata di due anni. Il dottorato prevede la discussione di una tesi finale, mentre la formazione specialistica si conclude con uno stage presso un azienda. Formazione insegnanti Fino a pochi anni fa, per poter insegnare in Algeria non occorrevano alte qualifiche, e solo di recente (anni Novanta) il Ministero dell Istruzione ha messo a punto una serie di riforme adeguandosi ai sistemi scolastici dei paesi più avanzati. I cambiamenti introdotti prevedono la seguente struttura di qualificazione a seconda del livello di insegnamento impartito: Maestro di insegnamento fondamentale (primo e secondo ciclo): diploma di scuola e tre anni di insegnamento superiore. Professore di insegnamento fondamentale (terzo ciclo): diploma di scuola e quattro anni di formazione superiore. Professore per l insegnamento secondario (generale e tecnico): diploma di scuola e

20 Algeria cinque anni di formazione superiore. In realtà la situazione attuale del corpo docenti rispecchia ancora la generazione passata, per cui sono previste una serie di azioni di formazione ed aggiornamento durante l anno scolastico ed anche azioni di formazione per corrispondenza. Dei insegnanti di primo e secondo ciclo, infatti, solo possiedono un diploma di scuola (15%), e persino considerando i insegnanti di terzo ciclo i titolari di un diploma rappresentano ancora solo il 36%. PROGRAMMI DIDATTICI scuola primaria L insegnamento fondamentale è strutturato in tre cicli successivi di tre anni ciascuno: il ciclo di base, il ciclo di stimolazione e il ciclo di orientamento. Il ciclo di base sviluppa i seguenti obiettivi e discipline: apprendimento di mezzi essenziali di espressione e di comprensione (lingua araba e matematica), educazione artistica (plastica, musicale, sportiva); materie sociali (educazione islamica ed educazione sociale). Il ciclo di stimolazione si articola attorno al consolidamento delle conoscenze acquisite ed all introduzione di nuove attività (discipline che riguardano la fisica, la tecnologia, la biologia e la sociologia nonché la prima lingua straniera, francese o inglese). Il ciclo di orientamento si sviluppa attorno alla concretizzazione delle conoscenze acquisite attraverso situazioni pratiche (nelle imprese) e reali (nei laboratori, nei parchi della scuola e durante le escursioni); introduce la seconda lingua straniera (francese per chi ha scelto inglese come prima e viceversa). L arabo è l unica lingua d insegnamento per i primi tre anni di scuola primaria. Numero di ore settimanali Discipline 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 6 anno 7 anno 8 anno 9 anno Lingua araba Ed. islamica Ed. sociale o civica Storia Geografia Matematica Scienze naturali Studio territorio Ed. tecnologica ^lingua straniera ^lingua straniera Ed. artistica Ed. musicale Ed. fisica Totale A questo orario si aggiungono le ore di recupero come segue: 1h30 nel primo ciclo; due ore all insegnante di lingua araba nel secondo ciclo (arabo e matematica); un ora all insegnante di

Un mondo di scuole. Strumenti per la comprensione dei sistemi scolastici stranieri

Un mondo di scuole. Strumenti per la comprensione dei sistemi scolastici stranieri Un mondo di scuole Strumenti per la comprensione dei sistemi scolastici stranieri Premessa Un mondo di scuole volume III. Strumenti per la comprensione dei sistemi scolastici stranieri L istruzione è una

Dettagli

IL SISTEMA SCOLASTICO IN COLOMBIA

IL SISTEMA SCOLASTICO IN COLOMBIA IL SISTEMA SCOLASTICO IN COLOMBIA STRUTTURA DEL SISTEMA EDUCATIVO ANNI Durata (età) CICLO DENOMINAZIONE LOCALE CORRISPONDENZA IN ITALIA VALUTA ZIONE 3 (3-5) PRE-PRIMARIO EDUCACIÓN PREESCOLAR (ultimo anno

Dettagli

IL SISTEMA SCOLASTICO IN CINA

IL SISTEMA SCOLASTICO IN CINA IL SISTEMA SCOLASTICO IN CINA STRUTTURA DEL SISTEMA EDUCATIVO ANNI Durata (età) CICLO DENOMINAZIONE LOCALE CORRISPONDENZA IN ITALIA VOTI 2-3 (3 6) PRE- PRIMARIO YOU ÉRYUAN Scuola materna o dell infanzia

Dettagli

IL SISTEMA SCOLASTICO IN INDIA

IL SISTEMA SCOLASTICO IN INDIA IL SISTEMA SCOLASTICO IN INDIA India STRUTTURA DEL SISTEMA EDUCATIVO** ANNI Durata (età) CICLO DENOMINAZIONE LOCALE CORRISPONDENZA IN ITALIA 2-3 (3 5) PRE-PRIMARIO PRE-PRIMARY SCHOOL Scuola materna o dell

Dettagli

Nel contesto politico ed economico attuale, questi obiettivi sembrano però lungi dal poter essere realizzati.

Nel contesto politico ed economico attuale, questi obiettivi sembrano però lungi dal poter essere realizzati. Al termine della seconda guerra mondiale, l'albania figurava come uno dei Paesi europei maggiormente in ritardo sul piano del sistema educativo. Circa il 90% della popolazione era analfabeta. Il numero

Dettagli

TIPOLOGIE DI ISTITUZIONI E CODICI FUNZIONE

TIPOLOGIE DI ISTITUZIONI E CODICI FUNZIONE ALLEGATO n. 1 TIPOLOGIE DI ISTITUZIONI E CODICI FUNZIONE Il personale docente e ATA (limitatamente a direttori dei servizi generali e amministrativi e assistenti amministrativi) può partecipare alle prove

Dettagli

ITALIA. 2. Controllo amministrativo e importanza dell istruzione finanziata con fondi pubblici

ITALIA. 2. Controllo amministrativo e importanza dell istruzione finanziata con fondi pubblici ITALIA I DESCRIZIONE DEL SISTEMA EDUCATIVO 1. Popolazione educativa e lingua di istruzione Nell anno scolastico 2005-2006, il totale degli studenti, a tutti i livelli scolastici, è stato di 7.714.557,

Dettagli

Istruzione e Formazione. Schede sintetiche nazionali sui sistemi educativi e sulle riforme in corso in Europa. Edizione 2007. Commissione europea

Istruzione e Formazione. Schede sintetiche nazionali sui sistemi educativi e sulle riforme in corso in Europa. Edizione 2007. Commissione europea Istruzione e Formazione Schede sintetiche nazionali sui sistemi educativi e sulle riforme in corso in Europa Edizione 2007 Commissione europea SCHEDE SINTETICHE NAZIONALI SUI SISTEMI EDUCATIVI E SULLE

Dettagli

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare,

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare, ITALIA Introduzione La riforma del sistema italiano è stata oggetto di numerose discussioni e polemiche. La legge di riforma dell ordinamento varata nel 2000 è stata successivamente abrogata dal nuovo

Dettagli

Per la riproduzione tipografica ci si è avvalsi della stamperia dell Istituto Tecnico Industriale A. Malignani di Udine.

Per la riproduzione tipografica ci si è avvalsi della stamperia dell Istituto Tecnico Industriale A. Malignani di Udine. Un mondo di scuole - ricerca sui sistemi scolastici stranieri è stato realizzato da RUE Risorse Umane Europa, su incarico della Struttura stabile per gli immigrati del Servizio politiche della pace, solidarietà

Dettagli

ISTRUZIONE PRE-SCOLARE (ETÀ DI FREQUENZA TEORICA: 0-5 ANNI)

ISTRUZIONE PRE-SCOLARE (ETÀ DI FREQUENZA TEORICA: 0-5 ANNI) CAPITOLO 3 ISTRUZIONE SCOLASTICA In base al Piano per l istruzione decennale nazionale, redatto per offrire a tutta la popolazione un offerta formativa migliore, l istruzione di base ha una durata nominale

Dettagli

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 Uff. VII, DGSP, M.A.E. - Roma Tel. 06 3691 + Int. personale - Fax 06 3691 3790 dgsp7@esteri.it N.B.

Dettagli

Strutture dei SiStemi educativi europei: grafici 2014/2015

Strutture dei SiStemi educativi europei: grafici 2014/2015 n u m e r o m o n o g r a f i c o Dicembre 2014 Notiziario a cura dell Unità Italiana di Eurydice - Indire pubblicato con il contributo del MIUR Strutture dei SiStemi educativi europei: grafici 2014/2015

Dettagli

La scuola in Italia Un diritto - dovere Informarsi

La scuola in Italia Un diritto - dovere Informarsi La scuola in Italia Un diritto - dovere La Costituzione italiana riconosce il diritto all istruzione e alla formazione per tutti. L istruzione e la formazione non sono solo un diritto, ma sono anche un

Dettagli

Sistema scolastico della Repubblica Ceca

Sistema scolastico della Repubblica Ceca Sistema scolastico della Repubblica Ceca Organizzazione del sistema scolastico La frequenza scolastica nella Repubblica Ceca è obbligatoria dai 6 ai 15 anni. La maggior parte dei bambini frequenta scuole

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI settembre 2015. L istituto ha un totale di 176 alunni stranieri (circa il 18 %), così suddivisi:

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI settembre 2015. L istituto ha un totale di 176 alunni stranieri (circa il 18 %), così suddivisi: PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI settembre 2015 PREMESSA La nostra scuola è frequentata da alunni stranieri provenienti da paesi europei ed extraeuropei; da qui l esigenza di fare in modo che il

Dettagli

CTP: la frontiera della lingua

CTP: la frontiera della lingua Terzo rapporto sull immigrazione della Provincia di Monza e della Brianza Osservatorio Provinciale sull Immigrazione Appunti per il Consiglio Territoriale sull immigrazione di Monza e Brianza CTP: la frontiera

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA Art.1 Premessa e ambito di competenza 1. Il presente Regolamento, in conformità allo Statuto e al Regolamento Didattico di Ateneo, disciplina gli aspetti organizzativi

Dettagli

Sito internet: http://www.disp.let.uniroma1.it/basili2001

Sito internet: http://www.disp.let.uniroma1.it/basili2001 Bollettino di sintesi della Banca Dati BASILI a cura di Maria Senette Banca Dati degli Scrittori Immigrati in Lingua Italiana fondata da Armando Gnisci nel 1997 Dipartimento di Italianistica e Spettacolo

Dettagli

UFFICIO LEGISLATIVO IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

UFFICIO LEGISLATIVO IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA UFFICIO LEGISLATIVO Schema di decreto legislativo concernente le norme generali relative al secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione ed i livelli essenziali delle prestazioni in materia

Dettagli

Spagna. 1 - Il sistema educativo spagnolo

Spagna. 1 - Il sistema educativo spagnolo Spagna 1 - Il sistema educativo spagnolo In Spagna le competenze relative all educazione sono distribuite secondo un modello decentralizzato che contempla la partecipazione delle Comunità Autonome, delle

Dettagli

SSAS Scuola superiore di studi avanzati

SSAS Scuola superiore di studi avanzati SSAS Scuola superiore di studi avanzati a.a. 2015/2016 1 Scuola Superiore di Studi Avanzati Ogni Allievo è seguito sia da un tutor che da un relatore specializzato per l approfondimento di un progetto

Dettagli

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA Che cos è L indirizzo si caratterizza per lo studio delle lingue straniere in stretto collegamento con il latino e l italiano. L obiettivo primario è far acquisire

Dettagli

Cicli scolastici. 1. I cicli d istruzione in Italia. L ordinamento attuale. Come siamo arrivati al sistema attuale?

Cicli scolastici. 1. I cicli d istruzione in Italia. L ordinamento attuale. Come siamo arrivati al sistema attuale? Cicli scolastici I cicli d istruzione sono un argomento ignorato nel rapporto La Buona Scuola, ma riteniamo sia necessario avviare una riflessione profonda sul tema. Certamente i problemi della scuola

Dettagli

Assessore alla Formazione professionale Istruzione ed Edilizia scolastica Provincia di Torino

Assessore alla Formazione professionale Istruzione ed Edilizia scolastica Provincia di Torino Benvenuta! Benvenuto! Le scuole di Torino e provincia ti aspettano: andare a scuola è un tuo diritto, ma anche un dovere. Conoscere i propri diritti e sapere come accedere ai servizi è fondamentale per

Dettagli

Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero

Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero Scuola materna Possono iscriversi alla scuola dell infanzia anche i bambini di 2 anni e mezzo. stradale Cittadinanza e Costituzione È la nuova disciplina,

Dettagli

Certifica il tuo Italiano. La lingua per conoscere e farsi conoscere

Certifica il tuo Italiano. La lingua per conoscere e farsi conoscere Ministero della Pubblica Istruzione Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Certifica il tuo Italiano. La lingua per conoscere e farsi conoscere

Dettagli

Regolamento degli studi liceali (del 25 giugno 2008)

Regolamento degli studi liceali (del 25 giugno 2008) Regolamento degli studi liceali (del 25 giugno 2008) 5.1.7.2 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO richiamati la Legge sulle scuole medie superiori del 26 maggio 1982 e il relativo Regolamento

Dettagli

TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento

TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento Questa breve guida è stata realizzata dalla redazione Edises, casa editrice specializzata in formazione universitaria

Dettagli

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 A cura di Giovanna Tizzi 1. Gli accessi allo Sportello Informativo della Casa delle Culture Questo terzo report, relativo

Dettagli

Scuola nel mondo. Come è strutturata la scuola nei paesi di provenienza dei bambini stranieri presenti nelle classi italiane

Scuola nel mondo. Come è strutturata la scuola nei paesi di provenienza dei bambini stranieri presenti nelle classi italiane Scuola nel mondo Come è strutturata la scuola nei paesi di provenienza dei bambini stranieri presenti nelle classi italiane Il presente opuscolo si inserisce all interno del lavoro svolto dal progetto

Dettagli

27.281 permessi rilasciati

27.281 permessi rilasciati Corso Libertà 66 / Freiheitsstraße 66 39100 Bolzano / Bozen Alto Adige / Südtirol Tel. ++39 0471 414 435 www.provincia.bz.it/immigrazione www.provinz.bz.it/einwanderung 10/09/2007 Riproduzione parziale

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

Scheda informativa sull organizzazione della scuola in Romania Tratto da: www2.comune.bologna.it/bologna/immigra/ - La Città Multietnica

Scheda informativa sull organizzazione della scuola in Romania Tratto da: www2.comune.bologna.it/bologna/immigra/ - La Città Multietnica Albania Argentina Bosnia Brasile Cina Croazia Macedonia Marocco Romania Sri Lanka Scheda informativa sull organizzazione della scuola in Romania La scuola pubblica è gratuita Materna: dai 3 ai 7 anni Elementare:

Dettagli

Milano. Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2008 2009

Milano. Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2008 2009 Milano Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado Anno scolastico 28 29 Comune di Milano A cura di: Vittoria Carminati Elaborazione dati:

Dettagli

TENDENZE RECENTI DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA

TENDENZE RECENTI DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA TENDENZE RECENTI DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA Asher Colombo Elisa Martini LA PRESENZA STRANIERA COMPARAZIONI INTERNAZIONALI DIMENSIONI E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IN ITALIA Cittadini

Dettagli

CULTURA EUROPEA I testi biblici come fonte del pensiero filosofico e teologico, della letteratura e dell arte

CULTURA EUROPEA I testi biblici come fonte del pensiero filosofico e teologico, della letteratura e dell arte BIBBIA E CULTURA EUROPEA I testi biblici come fonte del pensiero filosofico e teologico, della letteratura e dell arte Master universitario di primo livello Facoltà di Lettere e Filosofia in collaborazione

Dettagli

Venerdì 27 marzo 2015

Venerdì 27 marzo 2015 PREFETTURA MASSA CORSO DI FORMAZIONE Venerdì 27 marzo 2015 Servizio di mediazione linguistico culturale per: - le attività dei presidi ospedalieri e dei presidi territoriali dell'azienda USL 5 di Pisa

Dettagli

Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006

Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006 Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006 Procedura di valutazione della preparazione di base finalizzata all iscrizione ai corsi speciali di cui all art. 2, comma 1-c bis e comma 1 ter della Legge 143/2004,

Dettagli

Curricoli dell istruzione secondaria superiore in alcuni paesi dell Unione Europea

Curricoli dell istruzione secondaria superiore in alcuni paesi dell Unione Europea B I B L I O T E C A D I D O C U M E N T A Z I O N E P E D A G O G I C A U n i t à i t a l i a n a d i E u r y d i c e V i a M. B u o n a r r o t i 10 50122 F i r e n z e Tel. +39/055/23 80 325 384 Fax

Dettagli

Regolamento Didattico del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria LM-85 bis

Regolamento Didattico del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria LM-85 bis Regolamento Didattico del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria LM-85 bis CAPO I Oggetto Art. 1 Oggetto del regolamento Dipartimento di Scienze Umane 1. Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze della Formazione LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia Scolastica e dell'educazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008

Dettagli

Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi

Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi Repubblica e Cantone 340 Ticino Estratto Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi Volume 134 Bellinzona, 27 giugno 34/2008 Regolamento degli studi liceali (del 25 giugno 2008) IL CONSIGLIO

Dettagli

Allievi di cittadinanza non italiana nelle scuole di ogni ordine e grado nell'anno scolastico 2005-2006

Allievi di cittadinanza non italiana nelle scuole di ogni ordine e grado nell'anno scolastico 2005-2006 Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Allievi di cittadinanza non italiana nelle scuole di ogni ordine e grado nell'anno scolastico 2005-2006 a cura di Silvana Mosca, Lorenzo Capisani, Antonio D

Dettagli

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento)

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente:

Dettagli

FAQ CENTRO DITALS 1) Che cos è la Certificazione DITALS? 2) Come è strutturata la Certificazione DITALS?

FAQ CENTRO DITALS 1) Che cos è la Certificazione DITALS? 2) Come è strutturata la Certificazione DITALS? FAQ CENTRO DITALS 1) Che cos è la Certificazione DITALS? È un titolo culturale rilasciato dall'università per Stranieri di Siena che attesta un certo grado di competenza teorico-pratica nel campo dell'insegnamento

Dettagli

CRITERI DI SELEZIONE MOBILITA ERASMUS+ STUDIO 2014-2015 SUDDIVISI PER DIPARTIMENTO

CRITERI DI SELEZIONE MOBILITA ERASMUS+ STUDIO 2014-2015 SUDDIVISI PER DIPARTIMENTO CRITERI DI SELEZIONE MOBILITA ERASMUS+ STUDIO 2014-2015 SUDDIVISI PER DIPARTIMENTO Dip. di Ingegneria e Architettura AREA ARCHITETTURA Presenza di studenti anche nelle graduatorie senza borsa anni precedenti

Dettagli

LICEI SPERIMENTALI LICEO SPERIMENTALE F. PACINI - PISTOIA

LICEI SPERIMENTALI LICEO SPERIMENTALE F. PACINI - PISTOIA LICEI SPERIMENTALI Costituiscono una anticipazione di quella che dovrebbe essere la futura scuola secondaria di 2 grado. Propongono una cultura di base approfondita, ma nello stesso tempo, incanalata verso

Dettagli

FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/2012

FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/2012 FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI E CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/20 LETTERE...3 BENI ARTISTICI E DELLO SPETTACOLO...5 CIVILTA E LINGUE STRANIERE MODERNE...5

Dettagli

Liceo Russell. Investire in cultura conviene. Liceo Bertrand Russell Via IV Novembre 35 Cles (Tn)

Liceo Russell. Investire in cultura conviene. Liceo Bertrand Russell Via IV Novembre 35 Cles (Tn) Liceo Russell. Investire in cultura conviene Liceo Bertrand Russell Via IV Novembre 35 Cles (Tn) Il profilo e l identità culturale del liceo contemporaneo rispondono alle esigenze di un presente sempre

Dettagli

LICEO GIOLITTI-GANDINO BRA

LICEO GIOLITTI-GANDINO BRA INDIRIZZI SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE LINGUISTICO CLASSICO SCIENZE UMANE NUOVO INDIRIZZO Dirigente: SCARFÌ prof.ssa Francesca www.liceidibra.com segreteria@pec.liceidibra.com LE RADICI DEL TUO FUTURO

Dettagli

Progetti comuni ai vari indirizzi e confermati negli anni: Progetti caratterizzanti

Progetti comuni ai vari indirizzi e confermati negli anni: Progetti caratterizzanti I Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché egli si ponga, con atteggiamento razionale, creativo,

Dettagli

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota *

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota * Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina Paese /non richiesto Nota * 1. Austria Visto non richiesto per un soggiorno 2. Afghanistan DP titolari di passaporti diplomatici SP titolari di

Dettagli

Auditorium Comunale Albino Bg V.le Aldo Moro 2/4

Auditorium Comunale Albino Bg V.le Aldo Moro 2/4 Auditorium Comunale Albino Bg V.le Aldo Moro 2/4 La società multiculturale italiana: numeri e parole Mara Clementi - Fondazione ISMU 22 ottobre 2012 mara clementi ismu 1 due parole chiave abitano oggi

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE Classe delle Lauree in Servizio sociale (L-39) Sedi didattiche del Corso di Laurea: Asti Presidente del Corso di Laurea: Prof.ssa Elena Allegri Referente di

Dettagli

VADEMECUM PER L ACCESSO AL TFA

VADEMECUM PER L ACCESSO AL TFA VADEMECUM PER L ACCESSO AL TFA da Orizzonte scuola, 30.4.2012 Aggiornato al 30 aprile 2012. Finalità, durata, requisiti, Università che attivano il TFA, classi di concorso attivate e non attivate, l esame

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1 NORME GENERALI ART. 2 OBBLIGHI DEGLI ALLIEVI ART. 3 PERCORSO INTEGRATIVO ART. 4 DIDATTICA FRONTALE ART. 5 DIDATTICA INTERATTIVA ART. 6 ACCESSO AI

Dettagli

NOTIZIE E COMMENTI, a cura di Adriano Colombo

NOTIZIE E COMMENTI, a cura di Adriano Colombo NOTIZIE E COMMENTI, a cura di Adriano Colombo La scuola che vorremmo di Adriana Agostinucci, Daniela Bertocchi, Franca Quartapelle Una proposta per una scuola rinnovata I risultati dell indagine internazionale

Dettagli

Diritto allo studio. da quando, come è concepito, vengono rispettate norme e leggi in questo senso?

Diritto allo studio. da quando, come è concepito, vengono rispettate norme e leggi in questo senso? Diritto allo studio da quando, come è concepito, vengono rispettate norme e leggi in questo senso? La Costituzione Il 1 luglio del 1866 fu approvata la prima Costituzione della Romania, che ha subito delle

Dettagli

SUPERIORI. GUIDA alla RIFORMA. Devo iscrivere mio figlio/a alle

SUPERIORI. GUIDA alla RIFORMA. Devo iscrivere mio figlio/a alle Devo iscrivere mio figlio/a alle La riforma parte per le sole classi prime da settembre 2010 Le iscrizioni si chiudono il 26 marzo 2010 Richiedi al Dirigente Scolastico della scuola media di tuo figlio/a

Dettagli

Milano. Settore Statistica e S.I.T. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2009 2010.

Milano. Settore Statistica e S.I.T. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2009 2010. Milano Settore Statistica e S.I.T. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado Anno scolastico 2009 2010 Comune di Milano - Dati di sintesi - A cura di: Vittoria Carminati Elaborazione dati:

Dettagli

INTEGRAZIONE. Tante diversità. Uguali diritti. Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale

INTEGRAZIONE. Tante diversità. Uguali diritti. Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Tante diversità. Uguali diritti INTEGRAZIONE Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale MIUR MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO. Art. 1 Ammissione

REGOLAMENTO. Art. 1 Ammissione REGOLAMENTO Il è una Società Cooperativa ONLUS, riconosciuta dal M.I.U.R. come Ente Formatore che si occupa del disagio infantile svolgendo attività di consulenza in campo educativo, promuovendo corsi

Dettagli

Capitolo IV - I corsi brevi, modulari, di alfabetizzazione funzionale

Capitolo IV - I corsi brevi, modulari, di alfabetizzazione funzionale Capitolo IV - I corsi brevi, modulari, di alfabetizzazione funzionale 4.1 I corsi attivati I corsi brevi modulari di alfabetizzazione funzionale rappresentano, in modo ormai consolidato, l elemento forte

Dettagli

FAQ CENTRO DITALS. 2) Come è strutturata la Certificazione DITALS? È strutturata in due livelli indipendenti tra loro che prevedono due esami distinti

FAQ CENTRO DITALS. 2) Come è strutturata la Certificazione DITALS? È strutturata in due livelli indipendenti tra loro che prevedono due esami distinti FAQ CENTRO DITALS 1) Che cos è la Certificazione DITALS? È un titolo culturale rilasciato dall'università per Stranieri di Siena che attesta un certo grado di competenza teorico-pratica nel campo dell'insegnamento

Dettagli

A.C.I.S.J.F. - Firenze

A.C.I.S.J.F. - Firenze OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE A.C.I.S.J.F. - Firenze STAZIONE DI S. M. NOVELLA DI FIRENZE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO DI ASCOLTO E DI AIUTO Referente

Dettagli

Le università del Friuli Venezia Giulia

Le università del Friuli Venezia Giulia Le università del Friuli Venezia Giulia a regionale REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Assessore regionale alle finanze, patrimonio e programmazione, ambiente, energia e politiche per la montagna Direzione

Dettagli

YOUNG INTERNATIONAL FORUM 2014

YOUNG INTERNATIONAL FORUM 2014 YOUNG INTERNATIONAL FORUM 2014 14 16 Ottobre Ex Mattatoio di Testaccio Ingresso: piazza Orazio Giustiniani 4 PROGRAMMA Martedì 14 Ottobre 2014 H. 9.00 11.00 - Sala Europa Presentazione dello Young International

Dettagli

ISTRUZIONE EX MAGISTRALE

ISTRUZIONE EX MAGISTRALE ISTRUZIONE EX MAGISTRALE Istituto Magistrale e Scuola Magistrale sono stati aboliti a seguito del D.I. del 10-03-97, non esistono più quindi i corsi tradizionali che rilasciavano titoli di studio abilitanti

Dettagli

LICEO COREUTICO GUIDA ALL ISCRIZIONE A.S. 2015/16

LICEO COREUTICO GUIDA ALL ISCRIZIONE A.S. 2015/16 Sede centrale: Vico I Rota, 2 (80067) Tel 081 8073230 Fax 081 8072238 Sorrento Napoli Sede storica: P.tta San Francesco, 8 - Tel. 081 807 30 68-80067 Sorrento C.F. 90078490639 - Cod. Mecc: NAIS10300D e-mail:

Dettagli

PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino

PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino Carissimi alunni, gentili genitori, questo opuscolo è stato pensato per far conoscere l offerta formativa della nostra scuola a

Dettagli

Master universitario di primo livello Istituto di Studi Ecumenici San Bernardino. Facoltà di Teologia - Pontificia Università Antonianum

Master universitario di primo livello Istituto di Studi Ecumenici San Bernardino. Facoltà di Teologia - Pontificia Università Antonianum DIALOGO INTERRELIGIOSO DIDATTICA E METODOLOGIA DELLE RELIGIONI Master universitario di primo livello Istituto di Studi Ecumenici San Bernardino Facoltà di Teologia - Pontificia Università Antonianum Venezia

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA Credo che sia molto importante parlare di formazione degli insegnanti in generale ed in particolare credo che sia importante fare un confronto tra la nostra situazione

Dettagli

LIONE CORSI MODULO 5 LA PROMOZIONE. 1 tappa: Ricapitolazione tappe precedenti

LIONE CORSI MODULO 5 LA PROMOZIONE. 1 tappa: Ricapitolazione tappe precedenti LIONE CORSI MODULO 5 LA PROMOZIONE 1 tappa: Ricapitolazione tappe precedenti Sulla base dello schema proposto, abbiamo in un primo tempo riconsiderato tutto il lavoro svolto sino ad ora. Nel Modulo I (la

Dettagli

Ricerca Uil Scuola. da affiggere all'albo sindacale della scuola, ai sensi dell'art. 25 della legge n. 300 del 20.5.70

Ricerca Uil Scuola. da affiggere all'albo sindacale della scuola, ai sensi dell'art. 25 della legge n. 300 del 20.5.70 Ricerca Uil Scuola da affiggere all'albo sindacale della scuola, ai sensi dell'art. 25 della legge n. 300 del 20.5.70 Non solo bambini Stranieri adulti sui banchi di scuola Una fotografia dell Italia che

Dettagli

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie?

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? A cura dell I.I.S.S. di LERCARA FRIDDI A.S.2013-2014 Progetto P.O.F. UNA BUSSOLA PER ORIENTARSI! DOCENTE: Terrasi Francesca Nuovo impianto organizzativo

Dettagli

Nell art. 3 del Regolamento troviamo la seguente articolazione dei nuovi percorsi formativi:

Nell art. 3 del Regolamento troviamo la seguente articolazione dei nuovi percorsi formativi: I NUOVI PERCORSI FORMATIVI PER I DOCENTI NORME A REGIME Al termine di un lungo e complesso iter, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31.1.2011, Suppl. Ordinario n. 23, il Regolamento

Dettagli

Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2015/2016

Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DIPARTIMENTO DI DIRITTO, ECONOMIA E CULTURE - DiDEC Corso di Laurea Magistrale in Lingue Moderne per la Comunicazione e la Cooperazione Internazionale Classe LM-3 Lingue Moderne per la Comunicazione e

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA CORSI SERALI PER ADULTI Istituti di Istruzione Superiore di Padova e Provincia

OFFERTA FORMATIVA CORSI SERALI PER ADULTI Istituti di Istruzione Superiore di Padova e Provincia OFFERTA FORMATIVA CORSI SERALI PER ADULTI Istituti di Istruzione Superiore di Padova e Provincia I diversi percorsi quinquennali possono ridursi a 3 anni sulla base dei crediti posseduti. Ogni studente

Dettagli

SEZIONE IV COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

SEZIONE IV COOPERAZIONE INTERNAZIONALE SEZIONE IV COOPERAZIONE LINEAMENTI GENERALI... 49 GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE... 50 GLI ESPERTI E GLI UFFICIALI DI COLLEGAMENTO ANTIDROGA PRESSO LE RAPPRESENTANZE DIPLOMATICHE ITALIANE... 52 47 Annuale

Dettagli

REPORT SCUOLA DI LINGUA ITALIANA distretto SUD ASSOCIAZIONE ARCOBALENO. c/o SALA MARTINELLI, viale Martinelli n. 21 RICCIONE

REPORT SCUOLA DI LINGUA ITALIANA distretto SUD ASSOCIAZIONE ARCOBALENO. c/o SALA MARTINELLI, viale Martinelli n. 21 RICCIONE REPORT SCUOLA DI LINGUA ITALIANA distretto SUD ASSOCIAZIONE ARCOBALENO c/o SALA MARTINELLI, viale Martinelli n. 2 RICCIONE TOTALE ISCRITTI: 269 TOTALE CORSI ATTIVATI: 7 TOTALE ORE DI LEZIONE: 765 TOTALE

Dettagli

Regolamento Didattico. Corso di Laurea in Scienze Motorie Classe L-22

Regolamento Didattico. Corso di Laurea in Scienze Motorie Classe L-22 Regolamento Didattico Corso di Laurea in Scienze Motorie Classe L-22 REG.CDL.SM rev. 0 del 16 febbraio 2011 1/9 Articolo 1 - Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: a) per Facoltà:

Dettagli

LAUREA IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE

LAUREA IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE LAUREA IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE Università degli Studi di Verona Palazzo ex-giorgi di via Filippini 18, Verona www.univr.it www. formazione.univr.it/fol/main 1. La nostra lunga storia: tradizione

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE TECNICA E LICEALE GALILEO GALILEI LICEO DELLE SCIENZE UMANE TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING TECNICO SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Ministero della Pubblica

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE Emanato con Decreto del Presidente del Consiglio dell Università n. 04 del 12.0.2009 (decorrenza a.a. 2009/2010) STR 1 Art. 1 Definizione e

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATI VI All interno dell Ateneo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATCA E COMUNICAZIONE DIGITALE Art. 1 Finalità (art.2 c.6 art.15

Dettagli

1 Istruzione. 1.1 Asilo nido o nido d infanzia

1 Istruzione. 1.1 Asilo nido o nido d infanzia 1 Istruzione In Italia esiste il diritto-dovere all istruzione e alla formazione che inizia a 6 anni. Il sistema nazionale di istruzione è rappresentato dalle scuole pubbliche e private. La scuola dell

Dettagli

Facoltà di Interpretariato, traduzione e studi linguistici e studi culturali

Facoltà di Interpretariato, traduzione e studi linguistici e studi culturali Facoltà di Interpretariato, traduzione e studi linguistici e studi culturali Laurea triennale in Interpretariato e comunicazione Regolamento dei Laboratori di lingua professionalizzanti e caratterizzanti

Dettagli

Report Annuale 2010. Centro Servizi Nuovi Cittadini Immigrati. coordinato. dall Associazione Multietnica. Viale Grecia, 71 - Frosinone

Report Annuale 2010. Centro Servizi Nuovi Cittadini Immigrati. coordinato. dall Associazione Multietnica. Viale Grecia, 71 - Frosinone Comune di Frosinone Associazione Multietnica Nuovi Cittadini Ciociari ONLUS Report Annuale 2010 Centro Servizi Nuovi Cittadini Immigrati coordinato dall Associazione Multietnica Nuovi Cittadini Ciociari

Dettagli

b) Area 2; include i seguenti campi: 2

b) Area 2; include i seguenti campi: 2 Laurea in Scienze della Formazione Primaria (durata quadriennale) Anno Accademico 2009-2010 Accesso: previa selezione Posti disponibili: n. 125 posti, più 5 posti riservati agli studenti stranieri non

Dettagli

- Istruzione: un dovere e un diritto - A scuola fino a 16 anni

- Istruzione: un dovere e un diritto - A scuola fino a 16 anni Indice L obbligo di istruzione - La scuola, oggi - Istruzione: un dovere e un diritto - A scuola fino a 16 anni - Dopo la terza media - Cosa scegliere? - L istruzione liceale - L istruzione tecnica - L

Dettagli

REPORT SCUOLA DI LINGUA ITALIANA - distretto NORD e distretto SUD- ASSOCIAZIONE ARCOBALENO A.S. 2012-2013 (01 GIUGNO 2012-31 MAGGIO 2013)

REPORT SCUOLA DI LINGUA ITALIANA - distretto NORD e distretto SUD- ASSOCIAZIONE ARCOBALENO A.S. 2012-2013 (01 GIUGNO 2012-31 MAGGIO 2013) REPORT SCUOLA DI LINGUA ITALIANA - distretto NORD e distretto SUD- ASSOCIAZIONE ARCOBALENO TOTALE ISCRITTI: 1274 TOTALE CORSI ATTIVATI: 61 TOTALE ORE DI LEZIONE: 2965 TOTALE INSEGNANTI: 32 A.S. 2012-2013

Dettagli

Liceo Linguistico Primo Levi

Liceo Linguistico Primo Levi Liceo Linguistico Primo Levi Via Trieste, angolo Via Marconi 48, San Giuliano M. raggiungibile con pullman da e per Milano e con passante (Lodi-Saronno) Che cosa richiede il liceo linguistico? Curiosità

Dettagli

DIVERSITA LINGUISTICHE TRA I CITTADINI STRANIERI Anno 2011-2012

DIVERSITA LINGUISTICHE TRA I CITTADINI STRANIERI Anno 2011-2012 UNIONE EUROPEA DIVERSITA LINGUISTICHE TRA I CITTADINI STRANIERI Anno 2011-2012 Vengono diffusi oggi i risultati sulle diversità linguistiche dei cittadini stranieri oggetto di una convenzione stipulata

Dettagli

ITI ENRICO FERMI - DESIO

ITI ENRICO FERMI - DESIO 1 2 Breve storia dell Istituto L Itis Enrico Fermi di Desio è nato nel 1964 come succursale dell istituto Galvani di Milano e ha iniziato l attività con sei classi del biennio; dopo tre anni, con il DPR

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN FINANZA E METODI QUANTITATIVI PER L ECONOMIA CLASSI DELLE LAUREE MAGISTRALI LM-1 e LM-83 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 (FIN) (Sede

Dettagli

Alcuni dati sugli studenti stranieri iscritti nelle università piemontesi

Alcuni dati sugli studenti stranieri iscritti nelle università piemontesi Alcuni dati sugli studenti stranieri iscritti nelle università piemontesi di Federica Laudisa e Alberto Stanchi - Settembre 2003 - Premessa Alcuni paesi Ocse stanno guardando con crescente attenzione ai

Dettagli