SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI - VOLUME 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI - VOLUME 2"

Transcript

1

2

3 SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI - VOLUME 2 SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR I fabbisogni professionali e formativi delle imprese italiane nell industria e nei servizi per il 2008

4 Il Sistema Informativo Excelsior realizzato da Unioncamere e dal Ministero del Lavoro - si colloca dal 1997 tra le maggiori fonti disponibili in Italia sui temi del mercato del lavoro e della formazione. Attraverso l indagine annuale Excelsior, inserita tra quelle uffi ciali con obbligo di risposta previste dal Programma Statistico Nazionale, vengono intervistate circa imprese con almeno un dipendente per conoscerne in modo analitico il fabbisogno di occupazione per l anno in corso. I dati in tal modo raccolti forniscono una conoscenza aggiornata, sistematica ed affi dabile della consistenza e della distribuzione territoriale, dimensionale e per attività economica della domanda di lavoro espressa dalle imprese, nonché delle principali caratteristiche delle figure professionali richieste (livello di istruzione, età, esperienza, diffi coltà di reperimento, necessità di ulteriore formazione, ecc.). L ampiezza e la ricchezza delle informazioni disponibili fanno di Excelsior un utile strumento di supporto a coloro che devono facilitare l incontro tra la domanda e l offerta di lavoro, ai decisori istituzionali in materia di politiche formative, nonché agli operatori della formazione a tutti i livelli. Le principali tavole in formato html e l intera base dati dell indagine sono consultabili al sito I Rapporti Excelsior 2008 sono stati realizzati da un gruppo di ricerca del Centro Studi Unioncamere, diretto da Claudio Gagliardi. Al gruppo redazionale hanno partecipato: Pietro Aimetti, Stefano Casagrande, Claudio Gagliardi, Andrea Gianni, Domenico Mauriello, Bruno Paccagnella, Enrico Quaini, Luisa Ribolzi, Luca Schionato, Carlo Vaghi, Francesco Vernaci, Paola Zito. Si ringrazia per gli spunti di rifl essione offerti il Comitato Scientifi co presieduto dalla Prof.ssa Luisa Ribolzi. La rilevazione diretta tramite questionario per le imprese di maggiori dimensioni è stata realizzata dagli Uffi ci di statistica delle Camere di commercio e delle Unioni Regionali delle Camere di commercio con il coordinamento dell equipe del Centro Studi Unioncamere. Unioncamere, per la realizzazione del Sistema informativo Excelsior, si è avvalsa della collaborazione della società Gruppo Clas di Milano per l impostazione metodologica e per tutte le attività di analisi ed elaborazione statistica. Le interviste alle imprese con meno di 250 dipendenti sono state realizzate con tecnica C.A.T.I. (Computer Aided Telephone Interview) dalla società Atesia S.p.A. del Gruppo Almaviva Italia. Unioncamere, 2008 Finito di stampare nel mese di settembre 2008 dalla tipografi a Prostampa Sud - Roma La riproduzione e/o diffusione parziale o totale delle tavole contenute nel presente volume è consentita esclusivamente con la citazione completa della fonte: Unioncamere Ministero del Lavoro, Sistema informativo Excelsior, 2008.

5 SOMMARIO CAPITOLO I - L evoluzione della domanda di professioni alla luce della metamorfosi dell apparato produttivo 1.1 Domanda di capitale umano e strategie aziendali: l impatto dei nuovi assetti organizzativi delle imprese sui profi li professionali richiesti Un approfondimento sugli andamenti occupazionali delle attività core business dei trasporti e sulle fi gure professionali legate alle funzioni logistiche Un evidenza delle strategie di riposizionamento di mercato: i fabbisogni professionali delle imprese manifatturiere export oriented e delle imprese innovatrici 26 CAPITOLO II - L investimento in capitale umano: livelli di istruzione in entrata e attività di formazione continua da parte delle imprese 2.1 La crescita della domanda di qualifi cazione iniziale da parte delle imprese La richiesta di qualifi cazione in uscita dal sistema formativo Dall università al mercato del lavoro: domanda e offerta di laureati nel I laureati in ingresso nel mercato del lavoro tra il 2004 e il Laureati e ingressi nel mercato del lavoro nel La domanda di laureati nel Lo squilibrio tra domanda e offerta di laureati Il fabbisogno di diplomati e lo squilibrio tra domanda e offerta nel I diplomati già presenti sul mercato del lavoro e i nuovi ingressi previsti nel La domanda di diplomati delle imprese italiane La domanda complessiva di diplomati e lo squilibrio tra domanda e offerta Le imprese formatrici e i costi della formazione 80

6 CAPITOLO III - Le tendenze della domanda di lavoro nel periodo : una simulazione sulle tendenze settoriali e professionali 3.1 Le previsioni sugli stock settoriali degli occupati nel settore privato La composizione del fabbisogno occupazionale per gruppi professionali e livelli di istruzione 93 TAVOLE STATISTICHE 99 Appendice 1 - Corrispondenza tra la classifi cazione di attività economica ATECO 2002 e i settori EXCELSIOR 219 Appendice 2 - Classificazione dei titoli di studio 223 Nota metodologica 227 Allegato 1 - Questionario di rilevazione (estratto) 245 Allegato 2 - Glossario 253

7 Capitolo I L evoluzione della domanda di professioni alla luce della metamorfosi dell apparato produttivo

8

9 1.1 Domanda di capitale umano e strategie aziendali: l impatto dei nuovi assetti organizzativi delle imprese sui profili professionali richiesti Il sistema economico-produttivo italiano continua ad essere attraversato da un importante processo di trasformazione, necessario a riconquistare competitività e rispondere alle sfide dell economia globale. Si tratta di un processo che richiede alle nostre imprese un forte e continuo investimento nell innovazione (dei prodotti e dei processi produttivi), negli assetti organizzativi, nelle modalità di presenza sui mercati. Molte di loro stano affrontando questo percorso, anche a costo di sacrifici: e reagiscono agli andamenti congiunturali non certo brillanti dei primi trimestri del 2008 indirizzando il proprio mix di beni e servizi verso target di consumatori diversi dal passato, sia perché geograficamente distanti, sia perché collocati su fasce di mercato di livello più elevato 1. Il perseguimento di queste strategie passa attraverso l internalizzazione di professionalità sempre più qualificate, in grado di sviluppare di continuo innovazioni nel prodotto o nel servizio offerto, di gestire relazioni complesse con altre imprese e con i mercati finali, domestici e internazionali. Il Sistema Informativo Excelsior fornisce informazioni preziose per il monitoraggio di tali percorsi di riposizionamento del nostro apparato produttivo. E questo perché arriva ad indagare in profondità le caratteristiche della domanda di capitale umano espressa dalle imprese, attraverso l analisi dei livelli professionali in entrata nei diversi settori economici e nelle diverse fasce dimensionali. 1 Per un approfondimento sul tema del riposizionamento competitivo del sistema produttivo italiano si veda: Centro Studi Unioncamere (a cura di), Rapporto 2008, Retecamere, Roma. 9

10 Sistema Informativo Excelsior I fabbisogni professionali e formativi per il 2008 L analisi svolta sulle previsioni formulate per il 2008 mostra in maniera ancor più netta che in passato l upgrading qualitativo della struttura professionale delle imprese italiane. La prima evidenza a tal riguardo proviene dalla maggiore domanda - in termini sia assoluti, sia relativi - di figure professionali di livello elevato (dirigenti, professioni intellettuali e tecniche, corrispondenti ai grandi gruppi 1, 2 e 3 della classificazione Istat). A fronte di una lieve flessione dei flussi di lavoratori in entrata (considerando la quota complessiva di assunzioni, al netto di quelle a carattere stagionale), il gruppo delle professioni high skill - rappresentato dai dirigenti, dagli impiegati con elevata specializzazione e dai tecnici - vede infatti una crescita significativa (+13% quanto a entrate complessive tra il 2007 e il 2008) e arriva a superare le unità, in più rispetto all anno precedente. In termini relativi, la maggior domanda di high skill si traduce in un incidenza sul totale delle entrate che sfiora il 21%, quota di ben due punti percentuali e mezzo più elevata rispetto al 2007 (quando raggiungeva il 18,2%). Assunzioni previste dalle imprese per grandi gruppi professionali Anni 2006, 2007 e 2008 Assunzioni non stagionali 2008 Valore assoluto* distribuz. % Assunzioni non stagionali 2007 Valore assoluto distribuz. % Assunzioni non stagionali 2006 Valore assoluto* distribuz. % Dirigenti, impiegati con elevata specializzazione e tecnici , , ,8 1 Dirigenti , , ,2 2 Professioni intellettuali, scientifiche e di elevata specializzazione , , ,1 3 Professioni tecniche , , ,5 Impiegati, professioni commerciali e nei servizi , , ,1 4 Impiegati , , ,4 5 Professioni qualificate nelle attività commerciali e nei servizi , , ,7 Operai specializzati e conduttori di impianti e macchine , , ,1 6 Operai specializzati , , ,1 7 Conduttori di impianti e addetti a macchinari fissi e mobili , , ,0 Professioni non qualificate , , ,0 Totale , , ,0 (*) Valori assoluti arrotondati alle decine. A causa di questi arrotondamenti, i totali possono non coincidere con la somma dei singoli valori. Fonte: Unioncamere - Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior, vari anni Le professioni high skill sono quasi esclusivamente rappresentate da figure di laureati (45,4%) o diplomati (53,1%), che vengono assunte nella maggioranza dei casi con contratto a tempo indeterminato (59,7% del totale, quota di 2 punti più elevata rispetto al 2007). Per questo gruppo sembra inoltre contare sempre più il possesso di esperienza lavorativa: a fronte di un 26% di entrate per le quali appena nel 2006 si faceva riferimento a personale alla ricerca del primo impiego, per il 2008 tale valore scende fino al 21% circa. A conferma ulteriore della rilevanza strategica di tali figure per le imprese che intendono internalizzarle, basti pensare che per ben il 35% delle entrate relative è prevista la partecipazione a corsi di formazione e aggiornamento dopo l assunzione, contro un valore medio che non supera un quarto del totale. 10

11 Capitolo I: L evoluzione della domanda di professioni alla luce della metamorfosi dell apparato produttivo La maggiore domanda di figure high skill si rifletterà con buona probabilità anche in una crescita dello stock di figure professionali di livello più elevato, complessivamente stimato intorno al 27% del totale nel 2007, per un ammontare pari a oltre 3 milioni di dipendenti occupati nelle attività private dell industria e dei servizi. Una quota che, disaggregando il dato su scala settoriale, si attesta al 22% circa nell industria (essenzialmente a causa di una composizione professionale più squilibrata verso le figure di livello operaio) e arriva fino al 31% nel terziario. Distribuzione percentuale dello stock dei dipendenti al 31/12/2007 per grandi gruppi professionali e macrosettore di attività 1,9 4,5 20,5 14,0 1,3 3,1 17,5 9,3 2,4 2,3 5,8 23,0 Dirigenti Profess. intellettuali e scientifiche Professioni tecniche Impiegati Professioni commercio e servizi Operai specializzati Cond. impianti, operatori macchin. Personale non qualificato 17,9 14,2 37,2 24,2 21,7 14,7 23,0 8,7 7,7 8,5 6,3 10,4 Totale economia Industria Servizi Fonte: elaborazioni su dati Istat Forze di Lavoro Tali tendenze della domanda di lavoro ben si inseriscono nella sempre più spinta terziarizzazione della struttura professionale italiana, dove le figure legate alle fasi progettuali e gestionali (come lo sono gran parte di quelle high skill) e ai processi di vendita acquistano sempre più peso. Agli andamenti della domanda di high skill nell ultimo triennio fa da contraltare la sensibile diminuzione della richiesta di impiegati e professioni relative alle vendite e ai servizi per le famiglie, che, diminuendo di unità tra il 2007 e il 2008, arrivano come gruppo a concentrare poco più di assunzioni nell ultimo anno, pari al 32,9% del totale. Da evidenziare, in quest ambito, è soprattutto la più contenuta richiesta di figure di livello intermedio della filiera turistica (camerieri, baristi, cuochi, addetti all accoglienza, 11

12 Sistema Informativo Excelsior I fabbisogni professionali e formativi per il 2008 ecc.), che, così come la flessione riscontrata in alcune figure tecniche del settore (agenti di viaggio, ecc.), riflette una diminuzione della domanda di professioni legate alle attività core business del turismo. In lieve crescita è poi la richiesta di operai specializzati (rappresentano poco più di 166 mila entrate complessive nel 2008), che si porta nuovamente al di sopra del 20% della domanda di lavoro complessiva. Questo fenomeno, unito alla sostanziale stabilità delle figure di conduttori di impianti e operatori di macchinari (circa assunzioni, arrivando a concentrare il 14% delle assunzioni in Italia per il 2008), fa sì che il gap tra le due tipologie professionali di operai continui ad ampliarsi nel tempo, a tutto vantaggio della prima: la differenza era pari a circa assunzioni nel 2006 e arriva a superare le due anni dopo. Tale andamento va essenzialmente ricondotto all edilizia, mentre il settore manifatturiero si segnala per un andamento in controtendenza, a conferma dei crescenti fenomeni di decentramento di fasi produttive all esterno (o spesso anche all estero): lo testimonia la lieve riduzione del gruppo professionale degli operai specializzati - passati dal 34,5% al 33,8% delle assunzioni totali a fronte di una quota di addetti alle fasi di assemblaggio e finitura che continua a mantenersi intorno al 32% (con un gap tra i primi e i secondi che passa dalle alle unità). Indipendentemente dal settore di sbocco occupazionale, vale inoltre evidenziare che se ancora nel 2006 le professioni intermedie a più alto contenuto terziario (impiegati e addetti alle vendite e ai servizi alle famiglie) avevano un incidenza percentuale uguale a quella dell insieme delle figure incaricate della produzione di beni e servizi in senso stretto (operai specializzati e conduttori di impianti e macchine), nel 2008, invece, queste ultime contano un numero di assunzioni leggermente più elevato, pesando rispettivamente il 32,9% e il 33,8% sul totale delle entrate complessivamente programmate dalle imprese. Diminuisce, infine, la domanda di personale non qualificato: è infatti quantificata in circa entrate (ossia quasi unità in meno rispetto all anno precedente), pari al 12,5% delle assunzioni complessivamente programmate per il 2008 (erano il 13,7% nel 2007 e il 16% nel 2006). L analisi più dettagliata dei fabbisogni professionali delle imprese a livello settoriale consente di ricostruire meglio i contorni di quel processo di upgrading qualitativo della nostra struttura professionale di cui si è detto all inizio. Il terziario manifesta una domanda di figure high skill non solo più sostenuta rispetto all industria ma anche più dinamica. L incremento della richiesta di dirigenti, impiegati con elevata specializzazione e tecnici è infatti imputabile in buona parte alle attività terziarie: qui, la crescita delle entrate di high skill (circa in più tra il 2007 e il 2008, in controtendenza rispetto all andamento delle entrate complessive del settore) porta l incidenza di tali professioni sul totale dal 20,3% al 23,8% nello stesso intervallo di tempo, soprattutto a causa di un aumento dei tecnici. L industria mostra un flusso di entrate di high skill anch esso in salita rispetto all anno precedente (passate da a assunzioni) ma con una dinamica meno sostenuta del terziario: l incidenza sul totale passa in questo caso dal 14,8% del 2007 al 16,2% del In questo, non sembrano 12

13 Capitolo I: L evoluzione della domanda di professioni alla luce della metamorfosi dell apparato produttivo rilevarsi differenze di rilievo tra le due componenti del settore industriale, dal momento che la richiesta di high skill espressa dalle attività manifatturiere pur decisamente superiore segue un ritmo di sviluppo analogo a quello delle costruzioni. Nelle prime, i dirigenti, gli impiegati con elevata specializzazione e i tecnici passano infatti dal 19% al 20,7% delle entrate complessive tra il 2007 e il 2008, mentre nelle seconde la variazione è dal 7,6% all 8,9%. Distribuzione percentuale delle assunzioni di figure high skill 1 e low skill 2 previste dalle imprese industriali e terziarie per il 2007 e per il 2008 High skill 20,8 18,1 16,2 14,8 20,7 19,0 8,9 7,6 23,8 20,3 Low skill 79,2 81,9 83,8 85,2 79,3 81,0 91,1 92,4 76,2 79, Totale economia Industria di cui: manifatturiero di cui: edilizia Servizi (1) Dirigenti, impiegati con elevata specializzazione e tecnici. (2) Impiegati, professioni del commercio e dei servizi; Operai specializzati e conduttori di impianti e macchine; Personale non qualificato. Fonte: Unioncamere - Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior, vari anni Tra le attività terziarie, la richiesta di professioni dirigenziali, impiegatizie a elevata specializzazione e tecniche risulta più elevata, in termini relativi, per le imprese di piccole e medio-piccole dimensioni (tra i 10 e i 249 dipendenti, dove raggiunge il 27%), mentre le aziende della trasformazione industriale mostrano un orientamento crescente all internalizzazione di figure high skill all aumentare della dimensione, sopravanzando quelle del terziario nel caso delle unità medie e medio-grandi (oltre i 249 dipendenti). I dati relativi alla domanda di lavoro espressa dalle imprese manifatturiere di medie dimensioni ( dipendenti) confermano alcune peculiarità del loro modello organiz- 13

14 Sistema Informativo Excelsior I fabbisogni professionali e formativi per il 2008 zativo. La loro struttura professionale sembra infatti evolvere, da un lato, nella direzione tracciata dalle società di più grandi dimensioni in termini di terziarizzazione interna e di sviluppo di funzioni di progettazione e controllo (le high skill e le figure impiegatizie addette alle attività di servizio raggiungono rispettivamente il 27,7% e il 9% circa dei fabbisogni occupazionali); dall altro, appare ancora molto forte l attenzione alle fasi più strettamente legate al core business produttivo, come dimostra l entità della richiesta di figure operai a diversi livelli di specializzazione (59,6% del totale delle entrate, contro il 56,1% delle grandi imprese manifatturiere). A conferma dei processi di riqualificazione e riorganizzazione delle fasi produttive in atto nelle medie imprese e dell esistenza di fenomeni di decentramento e rilocalizzazione (in Italia o all estero) facenti capo proprio a tale profilo aziendale, si segnala inoltre una graduale diminuzione delle figure di operai specializzati (che raggiungono appena il 25,6% delle entrate nella fascia dipendenti), a fronte di un maggiore ricorso (pari al 34% delle assunzioni programmate) ai conduttori di impianti e operai di montaggio industriali, che in questo caso sono da vedere essenzialmente come assemblatori di semilavorati (nel campo dei macchinari, delle apparecchiature elettriche ed elettroniche, dei beni per l arredamento, etc.) in gran parte prodotti all esterno della stessa impresa di medie dimensioni. Assunzioni previste dalle imprese manifatturiere per il 2008, per grandi gruppi professionali e classe dimensionale Micro imprese (1-9 dip.) Valore assoluto* distribuz. % Piccole imprese (10-49 dip.) Valore assoluto distribuz. % Medie imprese ( dip.) Valore assoluto* distribuz. % Grandi imprese (oltre 499 dip.) Valore assoluto* distribuz. % Dirigenti, impiegati con elevata specializzazione e tecnici , , , ,7 1 Dirigenti 30 0,0 90 0, , ,7 2 Profess. intellettuali, scientifiche e di elevata specializz , , , ,1 3 Professioni tecniche , , , ,9 Impiegati, professioni commerciali e nei servizi , , , ,2 4 Impiegati , , , ,0 5 Profess. qualificate nelle attività commerciali e nei servizi , , , ,2 Operai specializzati e conduttori di impianti e macchine , , , ,1 6 Operai specializzati , , , ,7 7 Conduttori di impianti e addetti a macchinari fissi e mobili , , , ,3 Professioni non qualificate , , , ,0 Totale , , , ,0 (*) Valori assoluti arrotondati alle decine. A causa di questi arrotondamenti, i totali possono non coincidere con la somma dei singoli valori. Fonte: Unioncamere - Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior, 2008 Tale circostanza confermerebbe come una delle chiavi del successo della formula organizzativa delle medie imprese sia legata non tanto alle lavorazioni e alle funzioni svolte direttamente, quanto piuttosto alla possibilità di incrementare le quote di valore aggiunto facendo leva sulle attività (semilavorati e servizi) svolte fuori dalle mura della fabbrica, nelle filiere nelle quali sono inserite. Un anello fondamentale di tali filiere è rappresentato dalle piccole e piccolissime unità produttrici, che mostrano al contempo una 14

15 Capitolo I: L evoluzione della domanda di professioni alla luce della metamorfosi dell apparato produttivo migliore tenuta con riferimento al raggruppamento degli operai specializzati (in termini di incidenza percentuale sul totale delle assunzioni) e delle figure del terziario interno, per lo più addette alle funzioni di vendita e relazione diretta col mercato. Tener conto in maniera congiunta della variabile settoriale e di quella dimensionale nell analisi delle tendenze dei fabbisogni professionali delle imprese porta a interpretare in una chiave diversa le motivazioni alla base delle assunzioni da loro programmate. Motivazioni che non vanno ricondotte solo alle necessità di miglioramento delle performance (di produttività, di vendite, di redditività) delle singole aziende ma anche all upgrading delle diverse filiere alle quali esse stesse appartengono. Tale approccio porta infatti a ipotizzare flussi di professioni omogenee che si muovono all interno dello stesso settore (le medie imprese manifatturiere che assumono spesso posizioni di leadership all interno delle filiere produttive, focalizzandosi sulla progettazione, sull innovazione e sul presidio dei mercati, delegando invece alle unità di più piccole dimensioni le fasi di lavorazione in senso stretto, ancorché altamente specializzate) e tra i diversi settori (la domanda di high skill del terziario in buona parte non è altro che lo sviluppo esterno di attività prima svolte entro le mura della fabbrica e ora gestite all interno di filiere a forte presenza di componenti terziarie). Le strategie occupazionali seguite dalle imprese consentono, più nello specifico, di individuare alcuni percorsi di diffusione delle conoscenze e competenze strategiche nelle e tra le aziende italiane, spesso diversi in base all attività economica o alla dimensione d impresa. Tali dinamiche passano in molti casi attraverso l internalizzazione di figure con competenze elevate, da un lato sul versante tecnologico in senso stretto (per permettere lo sviluppo di relazioni stabili con centri di ricerca e formazione e favorire così la diffusione di innovazioni), da un altro lato sul versante delle strategie di marketing e comunicazione o, ancora, su quello dell efficienza del processo di produzione e distribuzione. Raggruppando le high skill in base ai contenuti professionali, le figure per le quali si rileva la crescita più rilevante in termini assoluti nell ultimo triennio sono quelle di tipo tecnico-specialistico impegnate - a vari livelli di responsabilità - nel campo dell amministrazione, del controllo di gestione, della finanza: concentrano infatti nel 2008 una quota pari a poco meno di assunzioni, pari al 30,7% delle high skill (ben 6,4 punti percentuali in più rispetto all incidenza rilevata soltanto nel 2006). Si tratta di professioni sempre più richieste dalle imprese terziarie, a conferma dei fenomeni di crescente esternalizzazione di funzioni a carattere trasversale nel campo della gestione amministrativa delle aziende. Oltre a queste figure, si segnalano, quanto a dinamica nell ultimo triennio, due gruppi di professioni collegate alle strategie di riposizionamento competitivo del nostro apparato produttivo, ossia quelle addette alle fasi di progettazione e sviluppo di nuovi prodotti/servizi e quelle finalizzate al conseguimento di maggiori margini di efficienza dei processi produttivi e gestionali. Si tratta di due ambiti strettamente connessi tra loro e quasi complementari : le imprese che puntano su fattori come la qualità e l innovazione di prodotto appaiono sempre più impegnate a industrializzare i risultati raggiunti e conseguire, così, un innalzamento dei livelli di produttività. Nel caso delle figure tecniche specializzate 15

16 Sistema Informativo Excelsior I fabbisogni professionali e formativi per il 2008 nelle fasi di progettazione, sembra tuttavia che le aziende manifatturiere (che concentrano quasi i tre quarti della domanda relativa) tendano a rivolgersi in misura lievemente superiore a strutture terziarie esterne; per quelle legate all efficienza dei processi produttivi e gestionali - soprattutto con l innesto di ICT si potrebbe invece segnalare una tendenza all internalizzazione, pur tenuto conto della quota decisamente contenuta di figure richieste dalle nostre industrie. La domanda di professioni high skill 1 per famiglia professionale di appartenenza Assunzioni programmate nel 2008 e andamento nel triennio Famiglie di professioni high skill Totale assunzioni 2008 val.ass.* Incidenza su totale % su high skill Quota in imprese industriali % su tot. figure Quota laureati % su tot. figure Variaz. media annua 2006/2008 % Differenza di incidenza su totale 2006/2008 punti percentuali +/- Differenza quota in industria 2006/2008 punti percentuali +/- Differenza quota laureati 2006/2008 punti percentuali +/- Approvvigionamento beni/servizi e gestione magazzino ,3 61,5 26,3 11,8-0,2 17,7 7,8 Progettazione e design ,5 72,7 38,3 23,1 0,1-4,4 9,2 Core business produttivo ,4 53,8 51,8 15,7-2,2-8,9 4,3 Efficienza dei processi produttivi e gestionali (ICT) ,4 15,1 62,5 20,8-0,2 0,5 8,7 Gestione, amministrazione e controllo ,7 24,7 24,4 37,4 6,4-1,4-4,3 Istruzione, formazione, risorse umane ,5 1,9 84,4 18,4-0,4 0,4 21,0 Marketing&Comunicazione, Commerciale ,9 33,7 43,0 16,2-1,9-7,3 6,5 Servizi socio-sanitari ,4 3,7 91,9 9,9-1,5 0,3 4,2 Cultura, spettacolo e sport ,0 7,3 17,1 22,2 0,0-13,3-21,9 Totale assunzioni high skill ,0 30,8 45,4 22,2 0,0-4,4 1,4 (1) Dirigenti, impiegati con elevata specializzazione e tecnici (*) Valori assoluti arrotondati alle decine. A causa di questi arrotondamenti, i totali possono non coincidere con la somma dei singoli valori. Fonte: Unioncamere - Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior, vari anni Meno dinamiche rispetto alle altre high skill appaiono poi le figure impegnate nello sviluppo dei mercati, nell individuazione di nuovi target di clientela e nel potenziamento della rete commerciale: si tratta, nel complesso, di oltre assunzioni programmate nel 2008, con una velocità di crescita tuttavia più contenuta rispetto al recente passato. Particolarmente sensibile è il rallentamento rilevato per le imprese industriali, che esprimono una richiesta più limitata di queste figure (dal 41% al 34% circa del loro totale). Un analoga tendenza si osserva per le professioni di livello elevato impegnate più da vicino nella gestione e nel controllo dei processi produttivi di beni e servizi (poco meno di entrate nel 2008, +15,7% in media annua nel periodo in esame). Tra queste, cresce tuttavia la fascia a maggior contenuto scientifico, cui appartengono, tra l altro, gli ingegneri meccanici. In aumento è anche il fabbisogno di figure legate alla gestione dei rapporti a monte e a valle delle filiere produttive (addetti alla logistica, addetti agli acquisti, responsabili magazzino, ecc.), richieste soprattutto dalle imprese industriali. Si tratta di figure che, come si vedrà meglio in seguito, vengono da queste ultime sempre più spesso internalizzate per poter gestire in maniera più efficiente sia le relazioni con i fornitori, sia quelle 16

17 Capitolo I: L evoluzione della domanda di professioni alla luce della metamorfosi dell apparato produttivo con le strutture e gli intermediari commerciali di cui si servono per arrivare ai consumatori finali. Sempre con riferimento alle figure high skill, vale evidenziare la crescita di due filiere professionali, il cui sviluppo va al di là dei fenomeni di esternalizzazione di fasi produttive o terziarie ma può essere invece collegato all evoluzione dei comportamenti individuali e, dunque, ai servizi alle persone. La prima è quella socio-sanitaria (infermieri, fisioterapisti, assistenti sociali, ecc.), che, pur con un incremento complessivo del 9,9% medio annuo nell ultimo triennio, si mostra tuttavia sensibilmente meno dinamica del recente passato. Cresce invece a ritmi sempre più sostenuti (pur rappresentando però una quota ancora esigua all interno delle high skill) l insieme delle professioni legate alla cultura, allo spettacolo, allo sport e ai media: se ne prevedono poco più di assunzioni nel mondo delle imprese private. Infine, il raggruppamento delle professioni legate al mondo della scuola e dell istruzione (dai professori nelle scuole secondarie agli insegnanti di scuola materna e a quelli di sostegno), nonché alla formazione interna alle imprese arriva a superare le assunzioni nel 2008, con un incremento medio annuo del 18,4% in tre anni. Scendendo al dettaglio delle specifiche professioni elementari richieste, emergono alcune conferme rispetto all analisi effettuata su gruppi professionali più ampi ma anche alcune indicazioni più precise a proposito delle strategie produttive e commerciali seguite dalle imprese in questa fase congiunturale. Anche a questo livello di analisi si conferma l attenzione strategica alle fasi gestionali e amministrative, cui fanno riferimento tre fra le professioni high skill più richieste: addetti alla contabilità, addetti all amministrazione e addetti alla contabilità generale, nella grande maggioranza dei casi assorbiti, come visto, da piccole strutture dei servizi. Significativa è poi la crescita di alcune professioni addette alle varie funzioni inerenti ai rapporti a monte e a valle della filiera, come l addetto alla contabilità clienti-fornitori, l addetto alla logistica e l addetto agli acquisti (quest ultimo più richiesto dalle imprese industriali di medio-grandi dimensioni). Resta forte l attenzione alla customer care, come dimostra la domanda in espansione riferita all assistente tecnico alla clientela e al tecnico informatico per l assistenza ai clienti, che trovano sbocco nella grande maggioranza dei casi presso strutture dei servizi. 17

18 Sistema Informativo Excelsior I fabbisogni professionali e formativi per il 2008 Figura Le prime 30 professioni high skill 1 richieste nel 2008 e la loro dinamica nel triennio Totale % in imprese dei servizi Assunzioni 2008 % in imprese con meno di 50 dip. % laureati % su tot. high skill Assunzioni cumulate Tendenza ) Addetto contabilità ,7 83,9 8,6 9, = 2 ) Addetto amministrazione ,0 71,6 16,1 7, ) Operatore commerciale ,7 39,5 38,1 4, ) Addetto contabilità generale ,2 84,8 6,3 3, ) Infermiere ,0 6,2 100,0 2, ) Disegnatore cad-cam ,0 73,6 23,9 2, ) Educatore professionale ,0 42,1 82,9 2, ) Programmatore informatico ,8 68,1 46,4 2, = 9 ) Assistente tecnico clienti ,2 42,5 34,7 1, ) Progettista meccanico ,9 23,1 100,0 1, ) Tecnico commerciale ,6 49,4 66,0 1, ) Addetto contabilità clienti - fornitori ,9 82,5 6,5 1, ) Venditore tecnico ,1 43,9 33,0 1, ) Analista programmatore informatico ,1 35,3 76,4 1, ) Addetto marketing ,4 45,6 59,3 1, ) Farmacista ,9 79,7 100,0 1, ) Sviluppatore software ,1 25,7 78,7 1, ) Progettista software ,6 43,1 76,0 1, ) Addetto logistica ,2 33,0 37,2 1, ) Addetto acquisti ,2 45,2 28,1 1, ) Progettista settore metalmeccanico ,3 18,7 73,6 1, ) Tecnico informatico assistenza clienti ,3 73,0 34,5 0, ) Assistente di cantiere edile ,3 50,4 18,3 0, ) Addetto consulenza fiscale ,9 49,3 0,0 0, ) Fisioterapista ,0 54,5 100,0 0, ) Operatore commerciale estero ,3 52,4 40,5 0, ) Progettista edile ,1 59,2 56,8 0, ) Responsabile amministrativo ,4 82,8 24,1 0, ) Banconista di agenzia viaggi ,0 81,4 0,0 0, ) Informatore medico - scientifico 780 5,1 0,0 100,0 0, Totale assunzioni high skill ,2 52,0 45,4 100, (1) Dirigenti, impiegati con elevata specializzazione e tecnici. I valori assoluti esposti sono arrotondati alle decine. (2) +: variazione media annua superiore a quella del totale delle figure high skill; =: variazione media annua in linea con quella del totale delle figure high skill (+/-3 punti percentuali); -: variazione media annua inferiore a quella del totale delle figure high skill. Fonte: Unioncamere - Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior, vari anni In rallentamento rispetto all exploit degli anni passati appare invece la domanda relativa agli operatori commerciali, agli addetti marketing, ai tecnici commerciali, agli operatori commerciali con l estero (queste ultime due figure con una variazione media annua nel periodo che è stata addirittura inferiore a quella del totale delle high skill). Ad eccezione di quest ultimo caso, la richiesta proviene soprattutto da strutture del terzia- 18

19 Capitolo I: L evoluzione della domanda di professioni alla luce della metamorfosi dell apparato produttivo rio, cui tendono in molti casi ad essere esternalizzate tali funzioni da parte di aziende industriali intenzionate a migliorare il loro posizionamento competitivo puntando su fattori quali la qualità e lo sviluppo della rete di vendita. Meno rilevante è quest anno l irrobustimento della forza vendita, ritenuta quantitativamente adeguata ai bisogni aziendali, considerato anche il rallentamento della fase congiunturale. Si conferma poi l interesse strategico delle nostre imprese verso il conseguimento di maggiori margini di produttività attraverso l adozione di ICT. Con l unica eccezione del programmatore informatico (3.650 entrate previste nel 2008, all 8 posto della graduatoria delle professioni e con un tasso di variazione in linea con la media delle high skill), le altre figure con competenze tecnico-specialistiche in campo informatico - dagli analisti programmatori informatici agli sviluppatori e ai progettisti software - seguono un ritmo di crescita ben più sostenuto della media, arrivando a contare ciascuno dalle alle assunzioni per il L interesse strategico verso l internalizzazione di tali figure appare peraltro immediatamente evidente attraverso il confronto con quanto rilevato soltanto nel 2006: alle quattro professioni menzionate facevano riferimento entrate, a fronte delle complessivamente previste per il 2008 (poco più del 6% del totale high skill). Infine, in ascesa e sempre più rilevante risulta la richiesta di figure legate alle fasi di progettazione di nuovi prodotti, che trovano sbocco quasi esclusivamente in imprese industriali: i disegnatori tecnici in quelle di più piccole dimensioni, i progettisti meccanici e metalmeccanici in quelle di medie e grandi dimensioni. Tutte in rallentamento, specie se confrontate all andamento generale delle high skill, sono poi le professioni del campo sanitario e farmaceutico, dall infermiere al fisioterapista, dal farmacista all informatore medico. Alla diversa entità e tipologia della richiesta di figure high skill rispetto al recente passato corrisponde anche una mutato profilo del fabbisogni delle cosiddette professioni low skill (definizione per certi aspetti non corrispondente tuttavia alla realtà nel nuovo contesto dell organizzazione aziendale). L incremento medio annuo del 6,3% tra il 2006 e il 2008, che ha portato l insieme di queste figure a superare le assunzioni nell ultimo anno, è da riferire essenzialmente alla crescita delle professioni operaie (+8,7% all anno) e, in seconda battuta, dei white collars intermedi (impiegati e addetti alle attività commerciali e terziarie), a fronte di una flessione del personale non qualificato (-3,6%). Ma anche tra questi tre raggruppamenti esistono specifiche figure la cui domanda si muove in controtendenza rispetto agli andamenti generali. All interno delle figure intermedie impiegatizie aumenta in modo particolare la domanda di quelle professioni che, più da vicino, rispondono alle esigenze strategiche illustrate analizzando le high skill: si tratta del personale addetto alla gestione del magazzino, del personale di segreteria, dell aiuto contabile. Al contrario, più contenuto del passato è il fabbisogno delle professioni più legate al ramo dei pubblici esercizi e dei servizi alle persone (cuochi, baristi, parrucchieri, ecc.). 19

20 Sistema Informativo Excelsior I fabbisogni professionali e formativi per il 2008 Le prime 30 professioni low skill 1 richieste nel 2008 e la loro dinamica nel triennio Figura Assunzioni 2008 Assunzioni Totale Distr. % cumulate Tendenza ) Commessi e assimilati , ) Addetti non qualificati nei servizi di pulizia , = 3 ) Camerieri ed assimilati , ) Muratori in pietra, mattoni, refrattari , = 5 ) Conduttori di mezzi pesanti e camion , ) Personale addetto alla gestione dei magazzini , ) Manovali e personale non qualif. dell edilizia civile , ) Personale di segreteria , ) Elettricisti nelle costruzioni civili ed assimilati , ) Cuochi in alberghi e ristoranti , ) Professioni qualificate nei servizi sanitari , ) Baristi e assimilati , ) Facchini, addetti allo spostamento merci ed assimilati , ) Idraulici e posatori di tubazioni idrauliche e di gas , = 15 ) Meccanici e montatori di macchinari industriali ed assimilati , ) Addetti allo sportello bancario , ) Parrucchieri, estetisti ed assimilati , ) Meccanici, riparatori e manutentori di automobili ed assimilati , = 19 ) Aiuto contabili e assimilati , ) Montatori di carpenteria metallica , ) Personale non qualificato delle attività industriali ed assimilati , = 22 ) Addetti a macchine confezionatrici di prodotti industriali , = 23 ) Centralinisti, telefonisti e operatori di call center , ) Addetti a macchine utensili industriali , = 25 ) Carpentieri e falegnami nell edilizia (escl. parchettisti) , ) Conduttori di catene di montaggio automatizzate , ) Saldatori e tagliatori a fiamma , ) Conduttori di macchinari per il movimento terra , ) Addetti all assistenza personale in istituzioni , ) Spazzini e altri raccoglitori di rifiuti ed assimilati , Totale assunzioni low skill , (1) Impiegati, professioni commerciali e nei servizi; Operai specializzati e conduttori di impianti e macchine; Professioni non qualificate. I valori assoluti esposti sono arrotondati alle decine. (2) +: variazione media annua superiore a quella del totale delle figure low skill; =: variazione media annua in linea con quella del totale delle figure low skill (+/-2 punti percentuali); -: variazione media annua inferiore a quella del totale delle figure low skill. Fonte: Unioncamere - Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior, vari anni Tra le figure operaie, un trend di crescita più sostenuto si osserva per quelle direttamente collegate alle lavorazioni manifatturiere (montatori di macchinari industriali, addetti alle macchine utensili industriali, addetti alle catene di montaggio, ecc.), a fronte di un rallentamento rilevabile nel caso di gran parte delle professioni del mondo delle costruzioni. La flessione complessivamente rilevata per le figure non qualificate trova infine un eccezione nel caso degli addetti ai servizi di pulizia, dei facchini, del personale non qualificato delle attività industriali (tutti in crescita, anche se meno della media delle low skill) e, soprattutto, dei manovali dell edilizia, in netta controtendenza rispetto alle figure di livello più elevato richieste dalle imprese delle costruzioni. 20

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse La cooperazione italiana negli anni della crisi 2 Rapporto Euricse 1 La cooperazione italiana negli anni della crisi Secondo Rapporto Euricse Introduzione 3 Carlo Borzaga Parte 1: Il quadro generale 9

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Primo Rapporto ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA

LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA DOCUMENTI 12 RAPPORTO LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA ROMA, GENNAIO 2002 Il Rapporto è stato curato dall Ufficio per l Informazione con la collaborazione di Monitor Lavoro.

Dettagli

LE IMPRESE ARTIGIANE ITALIANE NEL CORSO DELLA CRISI: UNA PRIMA ANALISI DELL EVOLUZIONE STRUTTURALE DAL PUNTO DI VISTA SETTORIALE E TERRITORIALE

LE IMPRESE ARTIGIANE ITALIANE NEL CORSO DELLA CRISI: UNA PRIMA ANALISI DELL EVOLUZIONE STRUTTURALE DAL PUNTO DI VISTA SETTORIALE E TERRITORIALE 64 Quaderni di ricerca sull artigianato 65 - Sennet R. (2008), L uomo artigiano, Feltrinelli, Milano. - Sennet R. (2012), Insieme. Rituali, piaceri, politiche della collaborazione, Feltrinelli, Milano.

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VARESE. Rapporto sull economia della provincia di Varese

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VARESE. Rapporto sull economia della provincia di Varese CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VARESE Rapporto sull economia della provincia di Varese Ricerca condotta dalla Università Carlo Cattaneo LIUC LA STRUTTURA DEL MERCATO DEL LAVORO

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

1. CHE COS E IL LAVORO INTERINALE

1. CHE COS E IL LAVORO INTERINALE 1. CHE COS E IL LAVORO INTERINALE Il lavoro interinale (o in affitto che dir si voglia) è un contratto atipico che permette alle imprese di utilizzare per un periodo di tempo prestabilito (quindi temporaneo)

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Osservatorio nazionale distretti italiani

Osservatorio nazionale distretti italiani Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani- Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Dal valore delle competenze, nuove opportunità per rimettere in moto il lavoro. Rapporto Finale

Dal valore delle competenze, nuove opportunità per rimettere in moto il lavoro. Rapporto Finale Dal valore delle competenze, nuove opportunità per rimettere in moto il lavoro Rapporto Finale Roma, febbraio 2014 INDICE Executive Summary 1 Parte prima I risultati dell indagine sulle imprese 11 1.

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT 31 Professioni tecniche in campo scientifico, ingegneristico e della produzione 311 Tecnici delle scienze quantitative, fisiche e chimiche 3111. Tecnici fisici e geologici Rilevatore geologico Tecnico

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU

GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU Sommario Prefazione, di Stefano Colli-Lanzi, AD Gi Group e Presidente Gi Group

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto:

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto: PREMESSA La riforma del sistema di classificazione del personale civile del Ministero della difesa è stata realizzata in applicazione del CCNL 2006/2009. Nel quadro di adeguamento delle competenze e delle

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli