DGSCN Protocollo del 11/09/2014 GABINETTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DGSCN - 4.27.9 - Protocollo 0023304 del 11/09/2014 GABINETTO"

Transcript

1 GABINETTO MBAC-UDCM GABINETTO /09/2014 Cl /7 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale Via della Ferrateli a in Laterano, 51 ROMA OGGETTO: Accordo di programma per lo sviluppo dello start up delle imprese di produzione e di microimprese giovanili, delle opportunità di sinergie con coproduzioni internazionali, delle occasioni di sostegno e scoperta dei talenti giovanili. Si trasmette il protocollo d'intesa in oggetto, sottoscritto dal Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo in data lo settembre 2014.

2 PROTOCOLLO D'INTESA TRA Ji~~~w~6,ug~w~s~ ~~g~nm#~~~ PREMESSO CHE Il Decreto del Presidente della Repubblica in data 21 febbraio 2014 ha nominato l'on. Avv. Dario Franceschini Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo; Il Decreto del Presidente della Repubblica in data 28 febbraio 2014 ha nominato l'on. Dott. Luigi Bobba Sottosegretario di Stato presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali; Il DM in data 8 maggio ha delegato al Sottosegretario di Stato On. Dott. Luigi Bob ba le funzioni di indirizzo politico-amministrativo nelle materie concernenti le Politiche giovanili e il Servizio civile nazionale; Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri l ottobre 2012, recante "Ordinamento delle strutture generali della Presidenza del Consiglio di Ministri", pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 288 dell' 11 dicembre 2012, attribuisce al Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale funzioni di promozione e raccordo delle azioni di Governo per l'attuazione delle politiche in favore dei giovani; l

3 ~ Il Sottosegretario di Stato On. Dott. Luigi Bobba, con delega alle politiche giovanili, si avvarrà del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale per i successivi accordi di attuazione del presente Protocollo; La Repubblica italiana, in attuazione degli articoli 21 e 33 della Costituzione, riconosce il cinema quale fondamentale mezzo di espressione artistica, di formazione culturale e di comunicazione sociale. Le attività cinematografiche sono riconosciute di rilevante interesse generale, anche in considerazione della loro importanza economica ed industriale ( art.l, commi l e 2, del D.lgs. 28/2004); La Repubblica italiana incoraggia ed aiuta le iniziative volte a valorizzare e a diffondere con qualsiasi mezzo il cinema nazionale, con particolare riguardo ai film di interesse culturale; assicura, per fini culturali ed educativi, la conservazione del patrimonio filmico nazionale e la sua diffusione in Italia ed all'estero; promuove attività di studio e di ricerca nel settore cinematografico (art. l, comma 3, del D.lgs. 28/2004); Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo: provvede alla tutela, gestione e valorizzazione dei beni culturali e ambientali e alla promozione delle attività culturali; favorisce la cooperazione con le Regioni e gli enti locali, con le amministrazioni pubbliche, con i privati e con le organizzazioni di volontariato; opera per la massima fruizione dei beni culturali e ambientali, per la più ampia promozione delle attività culturali. Le Parti intendono promuovere l'occupazione giovanile attraverso il sostegno ali' imprenditoria socio - culturale e realizzare forme di intervento a supporto dei talenti artistici giovanili; L'articolo 15 della legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni ed integrazioni prevede che "le amministrazioni pubbliche possono sempre concludere tra loro accordi per disciplinare lo svolgimento in collaborazione di attività di interesse comune. 2. Per detti accordi si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni previste dall'articolo 11, commi 2 e 3; SI CONVIENE QUANTO SEGUE 2

4 Articolo l OGGETTO DEL PROTOCOLLO In attuazione dei principi espressi m premessa, le Parti si impegnano a sviluppare, di comune intesa, lo start up di imprese di produzione e di microimprese giovanili, le opportunità di sinergie con coproduzioni internazionali, le occasioni di sostegno e scoperta dei talenti giovanili. Articolo 2 AZIONI Ai fini dell'attuazione del presente Protocollo potranno essere attivate, in particolare, le seguenti azioni: a) iniziative atte a favorire lo start up dell'impresa socio-culturale giovanile e delle m1cro Imprese; b) iniziative volte al coinvolgimento delle imprese internazionali per attrarre produzioni cinematografiche straniere, valorizzare il territorio nazionale, sostenere la filiera, nonché far crescere professionalmente i nostri giovani imprenditori ed i lavoratori; c) progetti volti a sostenere lo sviluppo sul territorio nazionale dei mestieri della filiera del cinema e dell'audiovisivo in generale, tesi alla creazione di nuovi posti di lavoro per i giovani; d) bandi di concorso per giovani artisti volti alla selezione dei migliori progetti di sceneggiature originali proposte da giovani talenti e da imprese di produttori emergenti. Articolo 3 COMUNICAZIONE E PROMOZIONE Le parti potranno intraprendere azioni e adeguati progetti di comunicazione e promozione tra le giovani generazioni, che verranno concordemente approvati. Articolo 4 SCAMBIO DI INFORMAZIONI 3

5 Le parti si impegnano allo scambio di informazioni sui fenomeni giovanili così da rendere ancora più fattiva la collaborazione tra le Parti medesime. Articolo 5 DECORRENZA Il presente protocollo decorre dalla data di sottoscrizione. Articolo 6 MEZZI FINANZIARI Il perseguimento delle finalità di cui al presente Protocollo non comporterà alcun reciproco onere di carattere economico che non sia precedentemente concordato. Nel caso in cui le iniziative di cui all'art.2 comportino un impegno economico le parti provvederanno ad assumere gli impegni con separato provvedimento. Il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Il Sottosegretario di Stato con delega alle Politiche Giovanili. le Avv. Dario 4

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA MINISTERO PUBBLICA ISTRUZIONE. DE AGOSTINI SCUOLA S.p.A

PROTOCOLLO D'INTESA MINISTERO PUBBLICA ISTRUZIONE. DE AGOSTINI SCUOLA S.p.A PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO PUBBLICA ISTRUZIONE (di seguito denominato Ministero) E DE AGOSTINI SCUOLA S.p.A (di seguito denominata Casa Editrice) VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n.

Dettagli

Protocollo d'intesa tra IL MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE e ALMA SCUOLA INTERNAZIONALE DI CUCINA ITALIANA

Protocollo d'intesa tra IL MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE e ALMA SCUOLA INTERNAZIONALE DI CUCINA ITALIANA Protocollo d'intesa tra IL MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE e ALMA SCUOLA INTERNAZIONALE DI CUCINA ITALIANA VISTA la legge 15 marzo 1997, n. 59 e in particolare l art. 21, recante norme in materia di

Dettagli

Protocollo di Intesa

Protocollo di Intesa Protocollo di Intesa tra Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (di seguito denominato INPS), E Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) per la valorizzazione

Dettagli

Atto di Convenzione. tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari opportunità,

Atto di Convenzione. tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari opportunità, ,gr~,;eh"n.za eh,,/yt:,.nj.7/,;e. tk,,; ~n';j.~~'; Dipartimento per le Pari Opportunità Atto di Convenzione tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari opportunità, il Ministero

Dettagli

Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (DIPE);

Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (DIPE); PROTOCOLLO D INTESATRA LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E LA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DEL SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI MIP PREMESSO

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. Tra

PROTOCOLLO D'INTESA. Tra PROTOCOLLO D'INTESA Tra Il Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Direzione Generale per lo studente, l'integrazione, la partecipazione e la comunicazione e la Croce Rossa Italiana

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Direttori di Albergo (di seguito denominato ADA)

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Direttori di Albergo (di seguito denominato ADA) PROTOCOLLO D'INTESA tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) e Associazione Direttori di Albergo (di seguito denominato ADA) "Rafforzare il rapporto tra

Dettagli

TITOLO I. Interventi a favore della produzione. Art. 1 Finalità e obiettivi.

TITOLO I. Interventi a favore della produzione. Art. 1 Finalità e obiettivi. L.R. 21 agosto 2007, n. 16. Interventi in favore del cinema e dell'audiovisivo. Pubblicata sulla Gazz. Uff. Reg. sic. 30 agosto 2007, n. 39. TITOLO I Interventi a favore della produzione Art. 1 Finalità

Dettagli

Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n.32 (Gazzetta Ufficiale n. 32 del 9 febbraio 2004)

Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n.32 (Gazzetta Ufficiale n. 32 del 9 febbraio 2004) Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n.32 (Gazzetta Ufficiale n. 32 del 9 febbraio 2004) Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 18 novembre 1997, n. 426, concernenti i compiti e l'organizzazione

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

PROTOCOLLO DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DEGLI SCAMBI GIOVANILI TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DELLA REPUBBLICA ITALIANA

PROTOCOLLO DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DEGLI SCAMBI GIOVANILI TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DELLA REPUBBLICA ITALIANA PROTOCOLLO DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DEGLI SCAMBI GIOVANILI TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL SEGRETARIATO GENERALE PER LA GIOVENTÙ DEI CULTI DELLA REPUBBLICA ELLENICA

Dettagli

Min istero deii'istruzione, deii'universita e della Ricerca (di seguito denominate MIUR)

Min istero deii'istruzione, deii'universita e della Ricerca (di seguito denominate MIUR) MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0002553.07-03-2016 PROTOCOLLO D'INTESA tra Min istero deii'istruzione, deii'universita e della Ricerca (di seguito denominate MIUR) e Federazione delle Associazioni

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO del PRESIDENTE della REPUBBLICA 4 febbraio 2005, n. 78 - Esecuzione dell'intesa tra il Ministro per i beni e le attività culturali ed il Presidente della Conferenza episcopale italiana, firmata

Dettagli

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI Friuli Venezia Giulia Protocollo d intesa REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA AUSER FVG FEDERSANITA ANCI FVG ANCI FVG PER L INVECCHIAMENTO ATTIVO E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI 1 PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO Norme per il diritto al lavoro delle persone disabili in attuazione della legge 12 marzo 1999, n. 68 e istituzione servizio integrazione lavorativa

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA (di seguito denominato AMAR) MINISTERO DELLA DIFESA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA (di seguito denominato AMAR) MINISTERO DELLA DIFESA MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca A0OUFGAB - Ufficio del Gabinetto ATTI del Ministro Prot. n. 0000012-25/09/2014 - REGISTRAZIONE Titolario: 36.26.02.08 IIIIFIIIII PROTOCOLLO

Dettagli

subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese, nonché a carico dei concessionari di finanziamenti pubblici anche europei, a qualsiasi

subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese, nonché a carico dei concessionari di finanziamenti pubblici anche europei, a qualsiasi PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E LA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA PARTECIPAZIONE DELLA REGIONE EMILIA- ROMAGNA ALLA PROGETTAZIONE DEL SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PROGETTO Viva Scampia Viva. Tra

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PROGETTO Viva Scampia Viva. Tra ACCORDO DI COLLABORAZIONE PROGETTO Viva Scampia Viva Tra La Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche Antidroga, Codice Fiscale 80188230587 con sede in Via dei Laterani, 34 00184

Dettagli

Protocollo d'intesa tra. II Ministero per i beni e le attività culturali e La Regione Toscana

Protocollo d'intesa tra. II Ministero per i beni e le attività culturali e La Regione Toscana Protocollo d'intesa tra II Ministero per i beni e le attività culturali e La Regione Toscana Visti: gli articoli 5, 9, 117 e 118 della Costituzione; il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 recante

Dettagli

Ministero deii'istruzione, deii'universita e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

Ministero deii'istruzione, deii'universita e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) \. ~ ~ ~(I'J'().rk/1~ M.tp~.. mt~ PROTOCOLLO D'INTESA tra Ministero deii'istruzione, deii'universita e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) e Ente Nazionale Istruzione Professionale Grafica (di seguito

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 771/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 17 del mese di giugno dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato)

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato) PROTOCOLLO D INTESA PER LA INDIVIDUAZIONE DI AZIONI COMUNI VOLTE A MIGLIORARE LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE DELLE CITTA D ARTE DELLA SICILIA TRA LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SETTORE 1 DECRETO. (ASSUNTO IL 04 dicembre 2014 PROT. N.631 )

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SETTORE 1 DECRETO. (ASSUNTO IL 04 dicembre 2014 PROT. N.631 ) REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SETTORE 1 DECRETO (ASSUNTO IL 04 dicembre 2014 PROT. N.631 ) " Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria " N. 14806 del

Dettagli

Comune di Morciano di Leuca PROVINCIA DI LECCE

Comune di Morciano di Leuca PROVINCIA DI LECCE Comune di Morciano di Leuca PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 168 del 15/10/2015 OGGETTO: ACCREDITAMENTO ENTE AL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE. ATTO DI INDIRIZZO. L'anno

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 40/33 DEL 7.8.2015

DELIBERAZIONE N. 40/33 DEL 7.8.2015 Oggetto: Norme per lo sviluppo del cinema in Sardegna. Programma di spesa. Esercizio finanziario 2015. Euro 3.410.000. L.R. n. 20 settembre 2006, n. 15, art. 24, comma 1. L Assessore della Pubblica Istruzione,

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PROGETTO MMG Drugs Prevention. Tra

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PROGETTO MMG Drugs Prevention. Tra ACCORDO DI COLLABORAZIONE PROGETTO MMG Drugs Prevention Tra La Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche Antidroga, Codice Fiscale 80188230587 con sede in Via dei Laterani, 34

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO N. 10 LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO.

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO N. 10 LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO. 4778 3-6-2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parte III - n. 22 REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO N. 10 LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, IL MINISTERO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE E L ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, IL MINISTERO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE E L ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, IL MINISTERO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE E L ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO Considerato che: - Il Ministero degli Affari Esteri ed il Ministero

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. MIUR USR Sicilia. Ufficio XI Ambito Territoriale per la provincia di Trapani

PROTOCOLLO D INTESA. tra. MIUR USR Sicilia. Ufficio XI Ambito Territoriale per la provincia di Trapani PROTOCOLLO D INTESA tra MIUR USR Sicilia Ufficio XI Ambito Territoriale per la provincia di Trapani e Conservatorio di Musica di Stato di Trapani Antonio Scontrino PROTOCOLLO D INTESA tra MIUR USR Sicilia

Dettagli

R E G O L A M E N T O F O N D O C I N E M A D E L L A R E G I O N E T O S C A N A. Art. 1. Oggetto. Art. 2. Definizioni

R E G O L A M E N T O F O N D O C I N E M A D E L L A R E G I O N E T O S C A N A. Art. 1. Oggetto. Art. 2. Definizioni R E G O L A M E N T O F O N D O C I N E M A D E L L A R E G I O N E T O S C A N A Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, in attuazione dell articolo 6 comma 4 della legge regionale 24 dicembre 2008,

Dettagli

ACCORDO FRA PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

ACCORDO FRA PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale REGIONE Il, :PIEMONTE Regione Piemonte Direzione Cultura, Turismo e Sport ACCORDO FRA PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Dettagli

Ministero deii'istruzione, deii'universita e della Ricerca (di seguito denominate MIUR) Associazione Direttori di Albergo (di seguito denominate ADA)

Ministero deii'istruzione, deii'universita e della Ricerca (di seguito denominate MIUR) Associazione Direttori di Albergo (di seguito denominate ADA) PROTOCOLLO D'INTESA tra Ministero deii'istruzione, deii'universita e della Ricerca (di seguito denominate MIUR) e Associazione Direttori di Albergo (di seguito denominate ADA) "Rafforzare il rapporto tra

Dettagli

IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MIUR

IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MIUR Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MIUR E LA SOCIETA DANTE ALIGHIERI Protocollo d'intesa Tra

Dettagli

CONVENZIONE TRA REGIONE E ASSOCIAZIONI E FEDERAZIONI DEI DONATORI DI SANGUE AI SENSI DELL ARTICOLO 6 DELLA LEGGE 21 OTTOBRE 2005 n.

CONVENZIONE TRA REGIONE E ASSOCIAZIONI E FEDERAZIONI DEI DONATORI DI SANGUE AI SENSI DELL ARTICOLO 6 DELLA LEGGE 21 OTTOBRE 2005 n. CONVENZIONE TRA REGIONE E ASSOCIAZIONI E FEDERAZIONI DEI DONATORI DI SANGUE AI SENSI DELL ARTICOLO 6 DELLA LEGGE 21 OTTOBRE 2005 n. 219 La Regione Emilia-Romagna nella persona dell'assessore alle Politiche

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione ADMO Associazione dei Donatori di Midollo Osseo PROTOCOLLO D INTESA Il Ministero della Pubblica Istruzione e l ADMO, Associazione dei Donatori di Midollo Osseo VISTA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. L Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio. Club Alpino Italiano Gruppo Regionale Lazio. in tema di Collaborazione formativa

PROTOCOLLO D INTESA TRA. L Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio. Club Alpino Italiano Gruppo Regionale Lazio. in tema di Collaborazione formativa PROTOCOLLO D INTESA TRA L Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio e Club Alpino Italiano in tema di Collaborazione formativa L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO, di seguito denominato USR Lazio,

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. tra. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca. Regione autonoma Friuli Venezia Giulia

PROTOCOLLO D'INTESA. tra. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca. Regione autonoma Friuli Venezia Giulia REGI9NE AUTONOMA FREILI VENEZIA GIULIA MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca AOOUFGAB - Ufficio del Gabinetto del MIUR ATTI del Ministro Prot. n. 0000014-02/05/2016 - REGISTRAZIONE

Dettagli

d) i criteri di valutazione dei progetti da parte del Comitato, tra i quali: 1) la riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale;

d) i criteri di valutazione dei progetti da parte del Comitato, tra i quali: 1) la riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale; IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI SULLA PROPOSTA DEL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE E CON IL MINISTRO DEI BENI E DELLE ATTIVITA

Dettagli

ACCORDO QUADRO del 7 agosto 2012

ACCORDO QUADRO del 7 agosto 2012 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà civili e l immigrazione Direzione Centrale per lo Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Ufficio I - Pianificazione delle Politiche dell Immigrazione

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE CONSIGLIO DIRETTIVO DELIBERAZIONE N. 12214

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE CONSIGLIO DIRETTIVO DELIBERAZIONE N. 12214 ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE CONSIGLIO DIRETTIVO DELIBERAZIONE N. 12214 Il Consiglio Direttivo dell'istituto Nazionale di Fisica Nucleare, riunito in Roma in data 24 febbraio 2012 alla presenza

Dettagli

Protocollo D Intesa. Tra. L Ufficio Scolastico Regionale Per L Umbria. Il Conservatorio F. Morlacchi di Perugia

Protocollo D Intesa. Tra. L Ufficio Scolastico Regionale Per L Umbria. Il Conservatorio F. Morlacchi di Perugia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Direzione Regionale Protocollo D Intesa Tra L Ufficio Scolastico Regionale Per L Umbria E Il Conservatorio

Dettagli

STATUTO DELL'AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI. Art. 1. Natura giuridica

STATUTO DELL'AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI. Art. 1. Natura giuridica STATUTO DELL'AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI Art. 1. Natura giuridica 1. L'Agenzia nazionale per i giovani, di seguito denominata: "Agenzia", e' agenzia di diritto pubblico ai sensi dell'articolo 8 del

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. - ROMA CAPITALE, in persona del Sindaco On.le Giovanni Alemanno, per la carica domiciliato in Roma, via del Campidoglio 1;

PROTOCOLLO D INTESA. tra. - ROMA CAPITALE, in persona del Sindaco On.le Giovanni Alemanno, per la carica domiciliato in Roma, via del Campidoglio 1; PROTOCOLLO D INTESA tra - CAPITALE, in persona del Sindaco On.le Giovanni Alemanno, per la carica domiciliato in Roma, via del Campidoglio 1; e - CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI, con sede in Roma,

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA tra Ministero della Pubblica Istruzione e Polisportive Giovanili Salesiane Ente di promozione Sportiva riconosciuto dal Coni

PROTOCOLLO D'INTESA tra Ministero della Pubblica Istruzione e Polisportive Giovanili Salesiane Ente di promozione Sportiva riconosciuto dal Coni PROTOCOLLO D'INTESA tra Ministero della Pubblica Istruzione e Polisportive Giovanili Salesiane Ente di promozione Sportiva riconosciuto dal Coni il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297 e successive

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Oggetto: Protocollo d intesa MIUR-ADMO (Associazione donatori midollo osseo).

Oggetto: Protocollo d intesa MIUR-ADMO (Associazione donatori midollo osseo). Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione Ufficio 6 Prot.n.2854-15/04/2010

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Ministero delle Finanze Decreto del 19/01/1998 Titolo del provvedimento: Approvazione del modello di comunicazione delle organizzazioni non lucrative di utilita' sociale ai sensi dell'art. 11 del decreto

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA

PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA 1 PROTOCOLLO D'INTESA TRA: Il Comune di Padova, in seguito denominato Comune, con sede a Padova, in via del Municipio n. 1, C.F. 00644060287, e in particolare:

Dettagli

LEGGE 13 luglio 2015, n. 107 artt.33,34,35,36 33. 15 aprile 2005, n. 77 34. 35. 36. all'articolo 4 della legge 28 marzo 2003, n.

LEGGE 13 luglio 2015, n. 107 artt.33,34,35,36 33. 15 aprile 2005, n. 77 34. 35. 36. all'articolo 4 della legge 28 marzo 2003, n. LEGGE 13 luglio 2015, n. 107 artt.33,34,35,36 33. Al fine di incrementare le opportunita' di lavoro e le capacita' di orientamento degli studenti, i percorsi di alternanza scuola lavoro di cui al decreto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE PUGLIA E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA PUGLIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE PUGLIA E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA PUGLIA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE PUGLIA E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA PUGLIA E L ASSOCIAZIONE VOLONTARI ITALIANI SANGUE AVIS REGIONALE DI PUGLIA VISTA La legge 4 maggio 1990, n. 107 recante

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 3 agosto 2012 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Istituzione della Cabina di regia per l'attuazione del Piano Nazionale per le Città. IL VICE MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

Dettagli

Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale. dlll:l. Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ACCORDO TRA

Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale. dlll:l. Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ACCORDO TRA g~~~~~ + i dlll:l Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ACCORDO L'anno 2014, il giorno.$.3... del mese di~p TRA la Presidenza del Consiglio dei Ministri- C.F. 80188230587, avente sede in Roma, Via

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTRO DELLA SALUTE E IL MINISTRO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LE ATTIVITÀ SPORTIVE VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 29 marzo 2003, n. 129, e successive modificazioni

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ABITATIVE Divisione V Direzione Programmazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI PROTOCOLLO D INTESA Tra la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l Agenzia Nazionale per i Giovani in relazione alle attività e

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 22 ottobre 1999, n.437. (Pubblicato sulla GU n. 277 del 25-11-1999)

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 22 ottobre 1999, n.437. (Pubblicato sulla GU n. 277 del 25-11-1999) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 22 ottobre 1999, n.437 Regolamento recante caratteristiche e modalità per il rilascio della carta di identità elettronica e del documento di identità elettronico,

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE IL CAPO DIPARTIMENTO DECRETO N. 1049/2015 VISTA la legge 6 marzo 2001, n. 64, recante: Istituzione del servizio civile nazionale e successive modificazioni e integrazioni; VISTO il decreto legislativo

Dettagli

COMUNE DI SAMUGHEO PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE, LA DISCIPLINA E LA GESTIONE DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI SAMUGHEO PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE, LA DISCIPLINA E LA GESTIONE DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI SAMUGHEO PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE, LA DISCIPLINA E LA GESTIONE DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il Comune di Samugheo riconosce e promuove

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

D.P.C.M. 29 settembre 2004, n. 295 (1).

D.P.C.M. 29 settembre 2004, n. 295 (1). D.P.C.M. 29 settembre 2004, n. 295 (1). Regolamento recante modalità di riconoscimento dei titoli post-universitari considerati utili ai fini dell'accesso al corsoconcorso selettivo di formazione dirigenziale,

Dettagli

ASSESSORATO TURISMO BARI

ASSESSORATO TURISMO BARI 16716 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 124 del 28-9-2006 ASSESSORATO TURISMO BARI Bando di gara affidamento servizi per partecipazione a fiere, mostre ed eventi (Determinazione del Dirigente

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 788 del 10 ottobre 2014 PROT. N. 22066

DETERMINAZIONE N. 788 del 10 ottobre 2014 PROT. N. 22066 Oggetto: Determinazione approvazione delle risultanze della valutazione Progetti di Servizio civile nazionale per il P.O.N. Garanzia Giovani, per gli anni 2014-2015. IL DIRETTORE DEL SERVIZIO lo Statuto

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Il Ministro per il Turismo ACCORDO QUADRO TRA il Ministro per il Turismo, On. Michela Vittoria Brambilla E il Presidente dell Associazione Nazionale Comuni Italiani,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute PROTOCOLLO D'INTESA tra il Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca e il Ministero della Salute PER LA TUTELA DEL DIRITTO ALLA SALUTE E DEL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI

Dettagli

Art. 1 Oggetto del Bando. Art. 2 Obiettivi dei progetti

Art. 1 Oggetto del Bando. Art. 2 Obiettivi dei progetti Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù BANDO DI CONCORSO GIOVANI PROTAGONISTI. Art. 1 Oggetto del Bando 1. Il concorso Giovani Protagonisti è promosso e coordinato dalla Presidenza

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Vili LEGISLATURA (N. 1432) DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri (FORLANI) e dal Ministro della Sanità (ANIASI) COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 14

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

CONVENZIONE PER CONDIVISIONE DI PERSONALE TRA IL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE UNIVERSITÁ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI

CONVENZIONE PER CONDIVISIONE DI PERSONALE TRA IL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE UNIVERSITÁ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI CONVENZIONE PER CONDIVISIONE DI PERSONALE TRA IL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE E UNIVERSITÁ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI 1 di 6 CONVENZIONE TRA CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE E UNIVERSITA /POLITECNICO

Dettagli

PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART»

PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART» PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART» TRA ROMA CAPITALE, con sede in Roma, Via del Campidoglio 1, Codice fiscale 024387505886, nella persona del Sindaco, On.le Giovanni

Dettagli

EMERGENZA FLUSSI NON PROGRAMMATI ATTIVITA DI VOLONTARIATO SVOLTA DAI MIGRANTI

EMERGENZA FLUSSI NON PROGRAMMATI ATTIVITA DI VOLONTARIATO SVOLTA DAI MIGRANTI EMERGENZA FLUSSI NON PROGRAMMATI ATTIVITA DI VOLONTARIATO SVOLTA DAI MIGRANTI PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE: gli importanti flussi migratori che stanno interessando l Italia hanno determinato una significativa

Dettagli

TUTTO CIO'PREMESSO. L'anno 2000, il giorno 14 del mese di febbraio, FRA

TUTTO CIO'PREMESSO. L'anno 2000, il giorno 14 del mese di febbraio, FRA CONVENZIONE TRA MINISTERO DEL COMMERCIO CON L'ESTERO, REGIONE EMILIA ROMAGNA, ICE, SACE, SIMEST IN ATTUAZIONE DELL'INTESA SOTTOSCRITTA IN DATA 26/10/1999 PER LA COSTITUZIONE DELLO SPORTELLO REGIONALE PER

Dettagli

Protocollo d 'Intesa

Protocollo d 'Intesa . l l ' P~. tjrtj. ~'f /.Ao RQ{>. e+j R.~\~ N..286~ ja,o Protocollo d 'Intesa Tra Regione Puglia e Consiglio nazionale delle Ricerche La Regione Puglia (C.F. 80017210727), di seguito Regione, nella persona

Dettagli

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ;

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ; Accordo tra Regione Emilia-Romagna, ATERSIR e Centro di Coordinamento RAEE, per favorire il recupero e l incremento dei tassi di raccolta differenziata dei RAEE di origine domestica attraverso la sperimentazione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. IL MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA (di seguito denominato MIUR) SOCIETA KNOW K.

PROTOCOLLO D INTESA. IL MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA (di seguito denominato MIUR) SOCIETA KNOW K. 4-2014 PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA (di seguito denominato MIUR) E SOCIETA KNOW K. Srl per la Promozione di azioni a supporto dell innovazione degli

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. IL MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. IL MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA (di seguito denominato MIUR) 5-2014 PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA (di seguito denominato MIUR) E Telecom Italia S.p.A. (di seguito denominata Telecom) per la Promozione di soluzioni

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA Regione Campania ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA TRA LA REGIONE CAMPANIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO VISTO l art.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Fonti energetiche rinnovabili per le isole minori TRA

PROTOCOLLO D INTESA. Fonti energetiche rinnovabili per le isole minori TRA DG PaBAAC PROTOCOLLO D INTESA Fonti energetiche rinnovabili per le isole minori TRA L Associazione Ambientalista Marevivo (di seguito denominata Marevivo), con sede legale in Roma, Viale Liegi n. 34, Codice

Dettagli

Protocollo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR),

Protocollo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR), Protocollo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR), e Comune di Viterbo Educazione alimentare e stili di vita consapevoli: le scuole del

Dettagli

PO FESR Sicilia 2007/2013 Piano di Comunicazione

PO FESR Sicilia 2007/2013 Piano di Comunicazione REPUBBLICA ITALIANA Unione Europea Regione Siciliana PRESIDENZA DIPARTIMENTO REGIONALE DELLA PROGRAMMAZIONE Area Coordinamento, Comunicazione, Assistenza tecnica UOB I - Servizi della Comunicazione PO

Dettagli

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza MIUR PROTOCOLLO D INTESA TRA L UFFICIO DEL GARANTE DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA DELLA REGIONE

Dettagli

TRA. La Provincia di Piacenza, rappresentata dal Vicepresidente - Assessore alla Sicurezza Maurizio Parma

TRA. La Provincia di Piacenza, rappresentata dal Vicepresidente - Assessore alla Sicurezza Maurizio Parma ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO "Osservatorio Legalità e Sicurezza." IN ATTUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PREVISTI DALL'ARTICOLO 3, LEGGE REGIONALE N. 3/2011 TRA La Regione Emilia-Romagna,

Dettagli

IMMAGINE. L anno duemilaquattordici addì. del mese di febbraio, in esecuzione della deliberazione della Giunta Comunale n. del..

IMMAGINE. L anno duemilaquattordici addì. del mese di febbraio, in esecuzione della deliberazione della Giunta Comunale n. del.. CONVENZIONE PER L ACCOGLIENZA A FINI EDUCATIVI E CULTURALI SUL TERRITORIO COMUNALE DA PARTE DEI VOLONTARI dell ARCHEOCLUB D ITALIA SEDE DI MONDOLFO PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO COMUNALE ECOMUSEO DI MONDOLFO

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA Regione Puglia ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA TRA LA REGIONE PUGLIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 Roma, novembre 2014 2 Accordo

Dettagli

Ministero della Giustizia Dipartimento Ammlnlstnulone Penltl:!fniarla PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Ministero della Giustizia Dipartimento Ammlnlstnulone Penltl:!fniarla PROTOCOLLO D'INTESA TRA Regione Puglia ~ acquedotto pugliese Ministero della Giustizia Dipartimento Ammlnlstnulone Penltl:!fniarla Provveditorato Regionale per la PuglIa PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE PUGLIA ACQUEDOTTO PUGLIESE

Dettagli

Finanziamento ai Comuni e ad altri Enti per sostenere il Turismo

Finanziamento ai Comuni e ad altri Enti per sostenere il Turismo Finanziamento ai Comuni e ad altri Enti per sostenere il Turismo Il Ministro per il Turismo ha stanziato 10 milioni di euro per il sostegno della realizzazione e diffusione dei servizi innovativi in favore

Dettagli

omissis (2) omissis (3)

omissis (2) omissis (3) 9(1(72 /HJJHUHJLRQDOHVHWWHPEUHQ%85Q 1250(,10$7(5,$',35202=,21((',))86,21(',$77,9,7 $57,67,&+(086,&$/,7($75$/,(&,1(0$72*5$),&+( 7LWROR, 2JJHWWRHILQDOLWjGHOODOHJJH $UW3ULQFLSLJHQHUDOL La Regione Veneto promuove

Dettagli

IL DIRETTORE CENTRALE

IL DIRETTORE CENTRALE D. Dirett. reg. 25 luglio 2013, n. 1335/ISTR/2013 1 Progetti per l'arricchimento dell'offerta formativa delle istituzioni scolastiche statali e paritarie del Friuli-Venezia Giulia - anno scolastico 2013/2014:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE

PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO (di seguito denominato U.S.R. Lazio) E ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE (di seguito denominato Protezione Civile)

Dettagli

Questa scheda è la n.67 del 02.11.2012 e riguarda: Preinformazione Bandi Dipartimento GIOVENTU

Questa scheda è la n.67 del 02.11.2012 e riguarda: Preinformazione Bandi Dipartimento GIOVENTU COMUNICAZIONE Informazione, Assistenza progettuale e normativa ad Enti locali e cittadini Seminari INFOMEDIA 2012 Uffici anagrafe 23 febbraio 2012- Lamezia Terme(CZ); C.A. SINDACO Uffici di ragioneria

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA :

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA : La collana TRENTINOFAMIGLIA è un iniziativa del Progetto Speciale Coordinamento politiche familiari e di sostegno alla natalità atta ad informare sui progetti in atto in Provincia di Trento e a raccogliere

Dettagli

Protocollo d Intesa TRA. PROVINCIA di CUNEO ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI

Protocollo d Intesa TRA. PROVINCIA di CUNEO ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI Protocollo d Intesa TRA PROVINCIA di CUNEO E ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI Per la promozione, l elaborazione, la gestione di Progetti

Dettagli

Protocollo d intesa per il Registro Provinciale Co-Manager

Protocollo d intesa per il Registro Provinciale Co-Manager Protocollo d intesa per il Registro Provinciale Co-Manager Provincia autonoma di Trento - Agenzia per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili Provincia autonoma di Trento - Agenzia del Lavoro

Dettagli

Protocollo d intesa tra Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Consiglio nazionale dell Ordine degli Assistenti sociali (CNOAS)

Protocollo d intesa tra Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Consiglio nazionale dell Ordine degli Assistenti sociali (CNOAS) Protocollo d intesa tra Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Consiglio nazionale dell Ordine degli Assistenti sociali (CNOAS) L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA E IL CONSIGLIO

Dettagli