ADDENDUM LE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ADDENDUM LE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE"

Transcript

1 LUIGI DESIDERIO TEMI E PROBLEMI DI DIRITTO DELLE ASSICURAZIONI ADDENDUM LE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE Successivamente alla pubblicazione del volume Temi e problemi di diritto delle assicurazion i (in appresso il VOLUME) la materia assicurativa è stata interessata da alcuni provvedimenti legislativi, che hanno a volte integrato, altre volte modificato (spesso in misura incisiva) la disciplina preesistente. Di conseguenza il VOLUME, nella parteincuiquelladisciplinaèstata integrata o sostituita, è divenuto inattuale o, addirittura, obsoleto, in tal senso assumendo il valore, eminentemente storico, del come eravamo. In attesa di una nuova edizione, che tenga conto delle variazioni od integrazioni disciplinari nel frattempo intervenute, si è convenuto di redigere il presente AD- DENDUM che, in accordo con l Editore, viene inserito nel sito della Giuffrè e, con specifico riguardo alle esigenze didattiche, in quello personale in essere presso la Facoltà di Giurisprudenza della LUISS, a disposizione degli studenti del corso di diritto delle assicurazioni. L ADDENDUM costituirà parte integrante delle lezioni (e, si aggiunge, degli esami) che impegneranno gli alunni dell Ateneo; vengono in proposito espressamente indicate le parti del VOLUME da integrare ovvero sostituire. È rimasto il carattere problematico della trattazione, non mancandosi di sottolineare che la nuova disciplina nasceinunclimadiemergenza,piùche da riflessioni sistematiche, con decreti legge convertiti a colpi di fiducia, sicché i nodi interpretativi che essa propone a volte sopravanzano le soluzioni offerte dal Legislatore. È dunque sperabile che non manchino opportunità dipiù pacate riflessioni a misura degli approfondimenti della dottrina e dei suggerimenti della pratica. La nuova disciplina della r.c. auto. Particolarmente rilevanti appaiono gli interventi operati in tema di disciplina della r.c.auto dal d.l. n. 1/12, convertito dalla legge n. 27/12.

2 2 Temi e problemi di diritto delle assicurazioni La norma che dà avvio alle variazioni è l art. 28, dedicato alle polizze Vita stipulate a corredo di mutui immobiliari o di operazioni di credito al consumo. Si ricorda in proposito che già l ISVAP con il provvedimento n del 6 dicembre 2011, integrando l art. 48 del Regolamento n. 5/06 aveva stabilito il divieto per gli intermediari di assumere, direttamente o indirettamente, la veste di beneficiari o vincolatari delle prestazioni assicurative e, nello stesso tempo, di collocatori delle polizze che prevedevano tali prestazioni; ciò per evitare che si lucrasse un doppio vantaggio, quello degli interessi per il mutuo o finanziamento concesso e l altro delle provvigioni per l intermediazione compiuta. Un provvedimento della specie lo si rammenta perlastoria eragiàstato emanato in passato dall ISVAP (pag. 127 del VOLUME), ma il TAR Lazio lo aveva annullato per ragioni procedurali sicché l ISVAP, rispettando la procedura di legge segnatamente per quanto riguarda la preventiva consultazione dei destinatari che era prima mancata, aveva reiterato il divieto della doppia intermediazione con una determinazione radicale, anche se di dubbia ortodossia. Tornando all art. 28, dispone la norma che possono essere stipulate polizze Vita a garanzia dei mutui o dei crediti al consumo, ma che la stipula deve avvenire ad opera di intermediari diversi da quelli che sia pure ad altro titolo sono essenzialmente gli operatori di banca assicurazione hanno concesso il mutuo o finanziato operazionidicreditoalconsumo.ètuttavia previsto che, nel concedere mutui immobiliari o finanziamenti al credito al consumo, dovranno essere proposti al cliente almeno due preventivi di polizze offerte da gruppi assicurativi diversi, libero questi di scegliere sul mercato la polizza ritenuta più conveniente. Rimane, in ogni caso, la configurazione di tali polizze come fideiussorie o cauzionali, stipulate cioè dal debitore (ed a sue spese) nell interesse delle pretese creditorie dell istituto che ha concesso un mutuo o un altro finanziamento. Non è invece consentito subordinare l erogazione del mutuo o del finanziamento alla stipula di una polizza offerta dallo stesso ente mutuante o finanziatore, sia pure nella veste di intermediario, ovvero all apertura di un conto corrente presso quest ultimo; una condizionedelgenerevieneconsideratapraticacommercialescorrettasecondo il Codice del consumo, da assoggettare come tale alla valutazione dell Antitrust. Ciò induce a lasciar ferma la vigenza del provvedimento ISVAP n. 2946, che per vero considerava nulla, senza assoggettamento alle valutazioni ed alla conseguente attività istruttoria di altra Autorità, la concessione del mutuo o finanziamento da parte

3 Addendum 3 dello stesso intermediario che aveva collocato la polizza. Tanto si dice alla luce del richiamo della norma alla deliberazione adottata dall I- SVAP ai sensi dell art. 183 Cod. Ass., a prescindere dal fatto che l art. 13 d.l. n. 95/12, convertito dalla legge n. 135/12, abbia fatto successivamente salve tutte le disposizioni emanate in precedenza dall ISVAP (comma 43), anche se quest ultimo è stato (come si dirà) sostituito dall IVASS. Incidentalmente, il TAR Lazio con sentenza n. 7729/12 ha ritenuto affrancate dal divieto di cui al ricordato provvedimento ISVAP n. 2946/11 le imprese esercenti il leasing. La sentenza appare discutibile almeno con riguardo al leasing finanziario, che è del tutto simile ad una operazione creditizia. Non essendo stata impugnata nei prescritti 60 giorni, essa è passata in giudicato; in prosieguo, gli operatori interessati dovranno comunque tenere conto della nuova disciplina dettata dall art. 28 d.l. n. 1/12. L art. 29 è abbastanza generico nel disporre, con riguardo alla procedura di risarcimento diretto, che le imprese perseguano obiettivi di efficienza produttiva nel calcolo dei costi dei risarcimenti. Non è chiaro se la norma voglia anche imporre di contenere i rimborsi dovuti all impresa del danneggiato.sihapresentechegiàilprovvedimento applicativo dell art. 150 Cod. Ass. aveva previsto che il riconoscimento di quanto dovuto dall impresa del responsabile civile a quella del danneggiato non avvenisse a piè dilista,mainmisura forfettaria (pag. 194 del VOLUME). Ove si volessero ulteriormente ridurre i costi del risarcimento, ciò potrebbe costituire una remora in più per il ricorso all indennizzo diretto, avendo presente che tale procedura, prevista come obbligatoria dal Codice delle Assicurazioni, è stata successivamente depotenziata dalla nota sentenza della Corte costituzionale (la sentenza n. 180/09 del 19 giugno 2009) che ne ha sancito la facoltatività (pag. 195 del VOLUME). Importante è l art. 30, volto alla repressione delle frodi, un fenomeno finora sottovalutato al quale finalmente il Legislatore dedica maggiore attenzione. In effetti, i rilievi statistici effettuati dall ISVAP, basati come erano sulle comunicazioni delle stesse imprese, davano una visione sottostimata delle frodi, che si calcolavano nella misura di poco più del 2% dei sinistri; avendo presente che tale percentuale era del 10% in Inghilterra e del 5% in Francia, non è credibile che inglesi e francesi fossero più proclivi degli italiani alla frode, da ciò dovendosi inferire che il difetto era, come suol dirsi, nel manico, cioè nei meccanismi della rilevazione statistica in quanto come si è detto essa si fondava sulle notizie offerte dalle imprese, per defini-

4 4 Temi e problemi di diritto delle assicurazioni zione scarsamente impegnate nella lotta alla frode. Per indurle ad un maggiore impegno, l art. 30 richiede che le imprese inviino con cadenza annuale all Autorità di vigilanza una relazione circa le misure adottate sul piano dell organizzazione e della liquidazione dei sinistri allo scopo di arginare i comportamenti fraudolenti (è da ritenere, in fase sia assuntiva che liquidativa), per di più indicando le prevedibili riduzioni di spesa determinate dalla lotta alle frodi. Nel caso di inottemperanza, esse sono passibili di una sanzione amministrativa da diecimila a cinquantamila euro. L art. 31 preannuncia, sempre nell ottica della lotta ai comportamenti fraudolenti, la dematerializzazione dei contrassegni, misura rimessa ad un emanando regolamento ministeriale, per cui si sostituisce il controllo sui contrassegni con le indagini che la polizia può compiere raffrontando i dati derivanti dalle contestazioni stradali con quelli tratti da eventuali sistemi elettronici o telematici (in pratica, i cc.dd. palmari); non essendo plausibile che tutti gli automobilisti fruiscano di uno strumento siffatto, sarà obbligatorio per essi portare a bordo dell auto sia il contratto di assicurazione, sia la quietanza di avvenuto pagamento del premio (o dell ultima rata di premio). È in ogni caso singolare l ulteriore previsione, pure contenuta nell art. 31, in rapporto alla quale gli automobilisti possono circolare senza assicurazione fino ad un massimo di 15 giorni, venendo iscritti in un elenco a disposizione della polizia e delle Prefetture se non si assicurano entro tale termine. È dunque da credere che, ove negli anzidetti 15 giorni gli automobilisti dovessero provocare danni senza essere assicurati il danneggiato, mancando un assicurazione di riferimento, sia garantito dal FGVS, al quale dovrebbe chiedere l indennizzo dei danni subiti. Rispetto alla normativa vigente, che impone un assicurazione già al momento della messa in circolazione dell auto, la soluzione legislativa introdotta dall art. 31 sembra costituire un arretramento, non un avanzamento sul piano disciplinare. L art. 32 ha suscitato qualche polemica, non nella parte in cui, prevedendo la facoltà per l automobilista di accettare l ispezione del veicolo da assicurare, sancisce l obbligo a carico dell impresa di ridurre (non si dice di quanto) la tariffa, ma piuttosto laddove, una volta installata sul mezzo la c.d. scatola nera, prevede che le imprese vengano obbligate ad una riduzione tariffaria significativa (anche qui non è detto di quanto). Le imprese e l ANIA sostengono che l installazione della scatola nera, da effettuare comunque a spese delle stesse compagnie, sia per esse una facoltà, l ISVAP ha stabilito invece

5 Addendum 5 che si tratti di un obbligo. Pende al riguardo un ricorso dinanzi al TAR Lazio, per il quale si attende ai principi di novembre 2013 una pronuncia nel merito. Frattanto il Governo sta procedendo alla redazione di un decreto attuativo dell obbligo. Nell art. 32 si prevede anche l incremento dei dati da inserire nell attestato di rischio e, soprattutto, l invio del documento al cliente per via telematica. Si è venuto incontro alle richieste delle imprese, le quali hanno da sempre lamentato che l invio per posta è spesso causa di frode, anche se si è presupposta una dimestichezza con gli strumenti informatici e telematici o, addirittura, una loro disponibilità da parte dell utenza, che non sempre ha riscontro nella realtà. È stabilito inoltre che, in presenza di almeno due indici di significatività come definiti dall ISVAP con un provvedimento del 25 agosto 2010, emergenti dalla consultazione delle banche dati di cui all art. 135 Cod. Ass. e ingeneranti sospetti circa l autenticità delsinistro, le imprese possono sospendere per i tempi previsti dall art. 148, commi 1 e 2, Cod. Ass. la procedura risarcitoria, salvo a riprenderla se gli ulteriori accertamenti nel frattempo effettuati non confermino la falsità del sinistro ovvero ad insistere nel rifiuto del risarcimento ove, a seguito delle loro indagini, dovessero proporre querela ai sensi dell art. 642 c.p. È poi previsto che, prima della stipula di un contratto r.c.auto, siano presentati ed illustrati al cliente almeno tre diversi preventivi, anche qui fermo restando che l assicurando potrà liberamente scegliere di assicurarsi con l impresa che gli offra un prodotto più conveniente. Per la verità, non è passato per la mente del legislatore che esistono agenti monomandatari i quali, proponendo preventivi in ipotesi più convenienti di quello che si collega ai prodotti che essi devono vendere per obbligo di mandato, possono operare per il re di Prussia, ossia per la concorrenza. A proposito dei preventivi, la legge n. 229/12 (cd. legge di stabilità), integrando il disposto dell art. 22 d.l. n. 179/12, ha demandato all IVASS l emissione entro 180 giorni di un regolamento disciplinante l accesso ad una piattaforma di interfaccia comune per l attività di consultazione di cui all anzidetto art. 34 del d. l. n. 1/12 (in pratica, per la scelta dei preventivi da offrire all utente) nonché per l attività di preventivazione, monitoraggio e valutazione dei contratti di assicurazione contro i danni (non solo quindi dei contratti relativi alla r.c. auto). Sempre allo scopo di accrescere lo strumentario delle indagini sulle frodi, è prevista l istituzione, accanto alla banca dati sinistri, della banca dati relativi all anagrafe dei testimoni e quella dei dati ri-

6 6 Temi e problemi di diritto delle assicurazioni guardanti i danneggiati. Ciò che manca è ilfeed back delle decisioni del Magistrato, nel senso che il Giudice può consultare le banche dati in questione, ma non è tenuto a comunicare l esito dei propri accertamenti circa la genuinità o l inautenticità dei sinistri che sono stati denunciati e per i quali abbia proceduto. È poi integrato l art. 133 Cod. Ass. sulle formule tariffarie nella parteincuiprevedecomeautomaticaladiminuzionedeipreminel caso di assenza di sinistri all interno del sistema bonus malus. Anche tale punto vede in disaccordo le imprese e l associazione di categoria rispetto alle disposizioni dell ISVAP per il quale, una volta praticato dopo il primo anno senza incidenti un premio ridotto, tocca alle compagnie indicare preventivamente che terranno ferme le tariffe anche per l anno successivo. La contraria opinione dell ANIA e delle imprese, sostenuta in sede giudiziale, è stata condivisa da un parere tecnico dell Ordine Nazionale degli Attuari. Va anche ricordato che, sempre secondo l ISVAP, ove il contratto venga disdettato per iniziativa dell impresa, l eventuale stipula con essa di un nuovo contratto deve avvenire alle stesse condizioni del contratto disdettato. In tale caso (e solo in questo), le imprese non potranno esercitare la disdetta per un mero adeguamento delle tariffe alle proprie condizioni patrimoniali ovvero all evoluzione del mercato. Sempre nell ottica della repressione delle frodi, va visto con favore l inasprimento (art. 33) della pena a carico di medici e di periti che, rispettivamente, attestino danni alla persona inesistenti o superiori al vero oppure rilascino perizie gonfiando o inventando i danni: ad essi vengono comminate la reclusione da 1 a 5 anni e la multa da 400 a euro. Inoltre sul piano disciplinare è prevista la radiazione dall Albo professionale, intendendosi equiparato all Albo il Ruolo dei periti. Talune disposizioni dell art. 32 toccano il tema nevralgico del danno biologico, in grado di assumere livelli macroscopici se alle spalle del danneggiante si trovi un assicurazione, cioè un soggetto solvibile(pag.158delvolume).neldannobiologico,colfioriredi tabelle che ne calcolano variamente l entità a seconda dei giudici aditi (per Cassazione 7 giugno 2011, n le tabelle da utilizzare sono chissàperché quelle elaborate dal Tribunale di Milano), si scontrano due opposti obiettivi, quello dell autonomia delle imprese postulata dal Mercato Unico, che sarebbe vulnerata da eventuali vincoli tariffari imposti dall esigenza di dare alla gestione del ramo un saldo positivo, e quello della tutela del consumatore che, incoraggiato

7 Addendum 7 dalle Associazioni rappresentative, chiede tariffe sempre più contenute. Il Legislatore si prova a far quadrare il cerchio imponendo trasparenza alla concorrenza fra le imprese; ma la concorrenza può incidere sui premi, non necessariamente sulla qualità del servizio mentre, per suo conto, la trasparenza dovrebbe incoraggiare atteggiamenti di autoprotezione non sempre coltivati dagli utenti. Da qui la tendenza dello Stato ad intervenire con provvedimenti di stampo dirigistico, che spesso scontentano le imprese senza appagare la clientela. In particolare, non è appagante per quest ultima la previsione, contenuta nei commi 3 e 4 dell art. 32, secondo cui la risarcibilità del danno biologico permanente, derivante da lesioni di lieve entità (le cc.dd. micropermanenti), è consentitasoloseessepossonoessereaccertate clinicamente o, comunque, hanno un riscontro medico-legale. D altra parte, sono scontentate le imprese dalla disposizione dell art. 34-ter, per cui il risarcimento è dovuto anche se il sinistro sia stato denunciato all A.G. e l inchiesta non sia ancora chiusa; ciò fatta eccezione per il caso in cui la denuncia è stata presentata ai sensi dell art. 642 c.p. Se è consentito formulare una valutazione critica circa la congruità di alcuni degli interventi legislativi qui esaminati, resta dubbio che le modifiche introdotte nella disciplina r.c. auto determinino un reale decongestionamento, pure auspicabile, dei livelli tariffari, come continuamente richiesto dalle associazioni dei consumatori. Tanto si dice, con l eccezione ovviamente della repressione delle frodi, che tuttavia sembra anche qui resa meno incisiva dal fatto che l art. 642 c.p. è perseguibile non d ufficio, il che ne accrescerebbe la deterrenza, ma a querela di parte, adempimento questo al quale, come si è detto, le imprese sono apparse finora restie. Altra misura che non si è ritenuto di introdurre è quella secondo cui il risarcimento dei danni dovrebbe essere subordinato alla prova della sua avvenuta riparazione, in modo da evitare che uno stesso danno venga risarcito più volte. Una previsione della specie, introdotta per il solo caso in cui il veicolo sia stato riparato prima di essere ispezionato dalla compagnia (art. 32, comma 1), avrebbe meritato un applicazione generalizzata. La nuova vigilanza assicurativa. Gli assetti della vigilanza assicurativa sono stati radicalmente modificati dalle disposizioni del d.l. n. 95/12, convertito dalla legge

8 8 Temi e problemi di diritto delle assicurazioni n. 135/12. Le previsioni originarie erano ancora più incisive, prevedendo che fossero accorpate in un unico ente (non a caso denominato IVARP) le prerogative non solo dell ISVAP, ma anche della COVIP, che venivano entrambi soppressi. In sede di conversione è caduta l abrogazione della COVIP, con la conseguenza che si è soppresso il solo ISVAP, le cui competenze in materia di vigilanza sulle imprese e sugli intermediari sono state trasferite ad un nuovo ente, chiamato IVASS. Per vero, da più parti si era auspicata sì una riforma, ma della disciplina codicistica del contratto assicurativo, essendo quella in vigore risalente al 1942 e risultando superata dalla prassi, oltreché dalla normativa comunitaria. Come si è ricordato (pag. 3 del VOLUME), lo stesso Consiglio di Stato, nel dare il proprio parere sul progetto di Codice Assicurativo, aveva sollecitato il Governo a provvedere in tal senso. Viceversa si è ritenuto di modificare gli apparati del controllo pubblico, sebbene essi abbiano avuto una sistemazione non cento anni fa, ma nel 1998 e siano stati confermati dal Codice entrato in vigore nel Non cessano qui le singolarità dal momento che la disposizione di riforma della vigilanza assicurativa (l art. 13) è stata introdotta con un provvedimento destinato a contenere le spese a carico dell Erario (il c.d. spending review), quando è noto che le spese di funzionamento della vigilanza assicurativa sono poste unicamente a carico dei soggetti vigilati, senza alcun contributo da parte dello Stato. Né imprese ed intermediari sono stati sgravati dall onere di contribuire al finanziamento della vigilanza, postoché tale contributo continua ad onerare le une e gli altri, risultando ripartito fra gli enti deputati al controllo (art. 13, comma 37). È vero (come si dirà) che, essendosi il Direttore Generale della Banca d Italia nominato Presidente dell IVASS, presumibilmente la nuova carica non sarà compensata; avendo tuttavia presente la remunerazione dovuta ai consiglieri del Direttorio della Banca d Italia integrato (altro organo dell IVASS), dovrà convenirsi sul fatto che non si è determinata alcuna riduzione dei costi per il funzionamento della nuova Autorità. Di sicuro la riforma ha vulnerato il carattere sezionale della vigilanza, avendone distribuito i compiti fra enti distinti, rispettivamente l IVASS, l ente privato da creare per la tenuta del RUI, infine la CONSAP chiamata a vigilare sui periti, oltreché a gestire il centro di informazione di cui agli artt. 154 e 155 Cod. Ass. La conseguenza è che un controllo unitariamente esercitato su tutti gli operatori assicurativi secondo la scelta del Codice viene sminuzzato fra organismi di-

9 Addendum 9 versi, non sempre coordinati fra loro. È vero che la Banca d Italia vigilerà sull IVASS e sulla futura associazione tenutaria del RUI; ma, a parte il fatto che essa non ha alcun potere di vigilanza sulla CON- SAP, non può dirsi la stessa cosa se il controllo nei confronti di imprese ed intermediari viene attribuito ad un unica Autorità o invece ad Autorità diverse. In realtà, l assegnazione della vigilanza assicurativaallabancad Italiasembrafondarsisullaconvinzionechefrapolizze e prodotti creditizi non vi siano differenze; convinzione questa che non tiene conto né della specificità dell attività assicurativa né del fatto che l equiparazione potrebbe al massimo riguardare le polizze a contenuto finanziario (index o unit linked, capitalizzazioni) mentre non vale né per le polizze Vita tradizionali, né per le polizze Danni. Detto dei dubbi di costituzionalità derivanti dall improprio inserimento della riforma in un provvedimento destinato a contenere la spesa pubblica, va anche ricordato che in passato si era dibattuto sull opportunità di introdurre un modello di vigilanza per funzioni secondo cui i controlli di solvibilità su banche, assicurazioni e imprese finanziarie sarebbero dovuti passare alla Banca d Italia mentre quelli di trasparenza si dovevano assegnare alla CONSOB; nella logica dei riformatori nazionali rimaneva il sindacato dell Autorità Antitrust, quale titolare della concorrenza da attuare nei settori finanziari (pag. 66delVOLUME).Loschemadellavigilanza per funzioni aveva trovato realizzazione solo nella lontana Australia e, in Europa, nei Paesi Bassi mentre nel resto del Continente e, addirittura, del mondo occidentale, si fronteggiavano due distinti modelli, quello della vigilanza di tipo sezionale, assunto dalla Francia oltreché dall Italia, e quello della vigilanza unica sul tipo della FSA inglese. La riforma, se non recepisce in assoluto nessuno dei due cennati schemi, non adotta neppure quello della vigilanza per funzioni, nel senso che la CONSOB mantiene le proprie competenze solo con riguardo ai prodotti assicurativi-finanziari (art. 13, comma 1 d.l. n. 95/12); quanto all Antitrust, ataleautoritànonèassegnata alcuna competenza specifica, al di là del generale potere di interpello riconosciutole dall art. 5, comma 3 d.l. n. 1/12 in materia di accertamento della vessatorietà delle clausole contrattuali, materia che indirettamente può riguardare anche (ma non solo) i contratti assicurativi. In definitiva l IVASS, pur essendo autonomo sul piano finanziario, contabile e (con qualche dubbio) organizzativo, non sembra esserlo pienamente sul piano funzionale dal momento che la vigilanza assicurativa è essenzialmente esercitata dal Direttorio della Banca d I-

10 10 Temi e problemi di diritto delle assicurazioni talia, a parte la foglia di fico dell integrazione con due esperti del ramo, è previsto che Presidente dell Ente sia (come si è detto) il Direttore Generale dell Istituto di emissione, riceve dal Direttorio, sia pure integrato, indirizzi e direzione strategica (è significativo il marchio BI nel logo dell IVASS). La circostanza che il Direttorio integrato della Banca d Italia si sforzi, per quanto possibile, di rispettare l autonomia dell IVASS, non toglie che si tratti pur sempre di un autonomia concessa, non invece istituzionale. Pare perciò dicapireche l Autorità di vigilanza assicurativa sia figlia di un Dio minore, essendo regredita nella situazione di marginalità che aveva prima della riforma del 98. In estrema sintesi, l IVASS è un Istituto con personalità giuridica pubblica di cui, oltre al Presidente, che ne ha la rappresentanza legale, sono organi il Consiglio, composto dallo stesso Presidente e da due consiglieri scelti fra persone di indiscussa moralità edindipendenza oltreché di elevata qualificazione professionale, ed il Direttorio della Banca d Italia, integrato dagli anzidetti consiglieri. Al Consiglio spetta l amministrazione generale dell IVASS, la gestione delle sue risorse umane, l approvazione del bilancio mentre al Direttorio della Banca d Italia competono, oltre all attività diindirizzo e direzione strategica, l emanazione di provvedimenti di rilievo esterno in materia di vigilanza assicurativa, l approvazione della relazione sull attività dell Istituto da inviare annualmente al Governo ed al Parlamento, l adozione dei provvedimenti di distacco del personale, anche presso l Autorità europea delle assicurazioni e, infine, quella dei provvedimenti a carattere normativo. I consiglieri facenti parte del Consiglio dell IVASS durano in carica 6 anni e sono rinnovabili per un ulteriore mandato. La loro nomina avviene con decreto del Presidente della Repubblica, previa delibera del Consiglio dei Ministri ad iniziativa del Presidente del Consiglio, su proposta del Governatore della Banca d Italia e di concerto col Ministro dello Sviluppo economico; i relativi emolumenti sono fissati con decreto del Ministro dello Sviluppo economico, su proposta del Governatore della Banca d Italia. L IVASS ha un proprio statuto, approvato in sede di prima applicazione dal Direttorio (non integrato) della Banca d Italia. L approvazione avviene con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Presidente del Consiglio, di concerto col Ministro dello Sviluppo economico, previa delibera del Consiglio dei Ministri; secondolastessaproceduraèda ritenere che si approvino le modifi-

11 Addendum 11 che statutarie. Nello Statuto sono contenute norme di dettaglio sulle competenze dei diversi organi dell ente ed è prevista la facoltà di nomina di un Segretario Generale; in quella sede sono pure ricomprese le disposizioni sulla consulenza e sulla rappresentanza in giudizio dell Istituto. La contabilità dell IVASS viene verificata da revisori esterni, fermi restando i controlli già esercitati sull ISVAP dalla Corte dei Conti. Lo Statuto attuale è entrato in vigore l 1 gennaio 2013, contestualmente alla soppressione dell ISVAP, nel frattempo messo in liquidazione con l attribuzione al Presidente allora in carica delle funzioni di Commissario Straordinario. Entro due anni dall entrata in vigore del decreto legge sarà costituito (come si è anticipato) un organismo che curerà la tenuta del RUI ed eserciterà la vigilanza sugli intermediari; nell occasione potranno anche ridefinirsi le categorie dei soggetti tenuti all iscrizione del Registro. L organismo, istituito con regolamento governativo, avrà la forma di un associazione di diritto privato e sarà soggetto alla vigilanza del IVASS; nel Regolamento istitutivo ne saranno individuati gli organi e le competenze rispettive. Nell ambito della vigilanza sugli intermediari il nuovo organismo eserciterà le funzioni che furono già dell ISVAP; potrà dunque adottare (è da ritenere) anche i provvedimenti di carattere sanzionatorio ovvero disciplinare nei confronti degli intermediari. È dubbio in proposito che un soggetto privato possa emettere atti aventi rilevanza pubblica; ciò senza dire che, se si trattasse di atti privati, ne sarebbe contestabile la competenza (ora prevista) del giudice amministrativo a sindacarne la legittimità in sede di impugnazione. Non mancano, per la verità, opinioni che, ancorché espresse con riguardo al soggetto, anch esso di diritto privato, che è previstodall art. 113 TUB per la tenuta degli elenchi di coloro che erogano microcrediti ed è stato presumibilmente preso a modello in ambito assicurativo, ritengono gli enti della specie onerati di pubbliche funzioni e, perciò, dotati anche del potere di cancellazione degli iscritti dall elencoovverodisegnalazionealla Banca d Italia di irregolarità riscontrate nelle rispettive gestioni (così, adesempio,e.bani, sub art. 113, in Commentario del T.U. delle leggi in materia bancaria e creditizia, a cura di F. Capriglione, III, Padova, 2012, 1490). Ma è tesi che, in relazione all ampiezza dei poteri conferiti all ISVAP dal Codice delle assicurazioni nei confronti degli intermediari, suscita qualche perplessità. L alternativa potrebbe essere quella di riconoscere rilevanza esterna ai provvedimenti sanzionatori e disciplinari, che sarebbero

12 12 Temi e problemi di diritto delle assicurazioni istruiti e proposti dall organismo, ma dovrebbero venire adottati dal Direttorio integrato della Banca d Italia. In ogni caso, maggiore chiarezza sarebbe sul punto auspicabile per evitare incertezze nella disciplina dei controlli, che è stata elemento qualificante delle scelte del Codice delle Assicurazioni e non merita di subire arretramenti nell ambito della riforma. Il divieto di proroga tacita. Ai sensi dell art. 22 d.l. n. 179/12, convertito dalla legge n. 221/ 12, il contratto r.c.auto e i contratti eventualmente abbinati non possono essere stipulati per una durata superiore all anno o, su richiesta dell assicurato, all anno più frazione, né possono essere tacitamente rinnovati. La normativa civilistica viene così derogata sia sotto il profilo della durata dei contratti r.c. auto, non potendo essi superare l anno mentre per l art c.c. la durata può essere anche superioreseciòviene contrattualmente contemplato, sia sotto il profilo della proroga, non essendo consentita una proroga tacita, come è invece previsto dall art. 1901, pen. co. c.c. Le due disposizioni, non solo per ragioni di contesto, devono intendersi congiuntamente nel senso che, stabilita l obbligatorietà della durata annuale, eventualmente aumentata, su richiesta dell assicurato, di una frazione d anno, non è concesso prorogare in via tacita il contratto scaduto. Ciò comporta che, una volta venuto a scadenza, esso possa essere prorogato solo in forma espressa, vale a dire convenendovi l assicurato attraverso (come detto) la stipula di un contratto che sia la prosecuzione del precedente; il che significa altresì che, nel caso di proroga espressa, non vi sarà bisogno di dare all assicurato una documentazione precontrattuale e contrattuale ulteriore rispetto a quella già consegnatagli in occasione del contratto scaduto. Se non si intendessero in modo congiunto le due disposizioni, vorrebbe dire ma sarebbe stata necessaria una norma ad hoc che l art. 22 rechi deroga sia al disposto dell art. 1901, comma 2, in punto di tolleranza di 15 giorni se il premio non venga corrisposto alla scadenza, sia a quello dell art. 1932, che consente una disciplina della deroga in senso più favorevole all assicurato. Nulla dice la disposizione se nel caso in cui, decorsi i 15 giorni di tolleranza senza la stipula di un nuovo contratto, nel cennato termine di tolleranza rimanga o venga meno la copertura offerta dalla vecchia polizza. Se, come pare, la copertura per-

13 Addendum 13 mane anche in questo caso, nei fatti il contratto durerà sempreun anno + 15 giorni, in contrasto con la norma che subordina la durata ultra annuale alla espressa richiesta dell interessato. Abrogazione del divieto di collaborazione fra intermediari. Inoltre, sempre ai sensi dell art. 22, gli intermediari assicurativi dicuialcomma2,letterea, b, d dell art. 109 del d.lgs. 7 settembre 2005, n, 209, nonché quelli iscritti nell elenco annesso al registro degli intermediari medesimi ex art. 33, comma 2 del Regolamento ISVAP n. 5/06, possono adottare forme di collaborazione reciproca nello svolgimento della propria attività anche mediante l utilizzo dei rispettivi mandati. Questo è detto nel comma 10. Aggiunge il comma 11 che gli intermediari assicurativi i quali svolgono attività di intermediazione in collaborazione tra di loro rispondono in solido per gli eventuali danni sofferti dal cliente a cagione dello svolgimento di tale attività, salve le reciproche rivalse nei loro rapporti interni. A decorrere dal 1 o gennaio 2013 conclude il comma le clausole fra mandatario e impresa assicuratrice incompatibili con le previsioni del comma 10 sono nulle per violazione di norma imperativa di legge e si considerano non apposte. La disposizione elimina il divieto rigidamente opposto dall I- SVAP alla possibilità per gli intermediari di collaborare tra loro. Il divieto dell ISVAP derivava da una interpretazione particolare dell art. 109, comma 2, Cod. Ass. il quale, per vero, si limita a disporre che non è consentita la contemporanea iscrizione dello stesso intermediario in più Sezioni del Registro. L interpretazione era stata avallata dal Giudice amministrativo secondo cui l individuazione dell appartenenza alle Sezioni di cui all art. 109 del Codice è avvenuta con l utilizzo di due criteri che operano congiuntamente, quello soggettivo incentrato sulla tipologia dell intermediario e quello di tipo funzionale volto a definire lo spazio operativo delle figure ivi previste con la conseguenza di ritenere che il divieto di iscrizione plurima assume il ruolo di regole caratterizzante del sistema e l attività dell intermediario è segnata dalla Sezione nella quale è iscritto (così TAR Lazio, I, n. 5524/07). Per la verità, quasi a mitigare un interpretazione eccessivamente rigorosa, l ISVAP, col Regolamento n. 5/06 (art. 4, comma 4), con-

14 14 Temi e problemi di diritto delle assicurazioni sentiva, con riferimento agli agenti, la contemporanea iscrizione nelle Sezioni A ed E a condizione che l attività svolta in una delle due Sezioni riguardi incarichi di distribuzione relativi al solo ramo responsabilità civile auto, salvo l obbligo in tale caso dell annotazione della collaborazione nell anzidetta Sezione E. L apertura veniva considerata legittima dalla giurisprudenza che, nel richiamare l art. 8 d.l. n. 223/ 08 (c.d. legge Bersani), osservava come consentire agli agenti senza mandato di collaborare con gli agenti mandatari solo a condizione di cancellarsi dalla Sezione A e di iscriversi nella Sezione E equivarrebbe ad ostacolare il raggiungimento degli obiettivi cui è rivoltala legge in modo da impedire una maggiore diffusione delle relative polizze ed una superiore concorrenzialità tra i prodotti offerti (così Cons. St., VI, n. 5026/08). Quanto ai broker, si consentiva ad un broker c.d. retail, iscritto nella Sezione B del RUI, di collaborare con un altro broker, c.d. wholesale nell attività di intermediazione delle polizze, precisandosi che il broker dettagliante, con la consulenza del grossista, ricercherà lacoperturapiùadeguata alle esigenze del cliente a condizioni che non riuscirebbe altrimenti ad ottenere mentre il grossista, a sua volta, selezionerà prodotti o servizi da segnalare al dettagliante, fornendogli con riguardo agli stessi adeguata consulenza ed assistenza tecnica. Con l art. 22 il Legislatore, consentendo a partire dal 1 o gennaio 2013 la reciproca collaborazione fra gli intermediari, ha rimosso gli eventuali limiti del mandato in quanto ritenuti nulli, anche se ha tenuto ferme le scansioni recate dall art. 109 Cod. Ass. In pratica i mandati conferiti agli agenti non possono più contenere preclusioni alla collaborazione con altri intermediari (agenti od operatori di banca-assicurazione), anche privi di mandati o con mandati conferiti da altre imprese. Per gli agenti la rimozione delle preclusioni non avrà effetto con riguardo alla collocazione di polizze r.c. auto, in quanto in tale ramo la collaborazione era già permessa (viene però meno l obbligo dell annotazione in Sezione E); essa invece estende i suoi effetti agli altri rami assicurativi. Per quanto attiene ai broker, il problema non si pone con riferimento ai rapporti con gli agenti o con gli altri intermediari iscritti nella Sezione D ove ciascuno di essi eserciti il ruolo che gli è proprio, mentre si pone, determinando una facoltà dicooperazionereciproca, con riferimento alla collaborazione con altri broker parimenti iscritti nella Sezione B del RUI. È comunque da ritenere, per la perdurante vigenza dell art. 119, comma 2 Cod. Ass. che anche in presenza

15 Addendum 15 della possibilità di una collaborazione con un agente o un broker l intermediario iscritto nella Sezione D possa collaborare alla stipula dei soli prodotti standardizzati. La circostanza, infine, che gli intermediari siano solidalmente responsabili per gli eventuali danni derivanti a terzi dall affare trattato in comune induce a ritenere, essendo essi muniti di un assicurazione r.c. professionale, che si realizzi un ipotesi di assicurazione cumulativa ai sensi dell art c.c., intendendosi che la rivalsa sarà esercitata fra le assicurazioni e non, come la norma sembra voler dire, fra gli intermediari.

16

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

Capitolo 2 L intervento dello Stato e la vigilanza nel settore assicurativo

Capitolo 2 L intervento dello Stato e la vigilanza nel settore assicurativo Edizioni Simone - Vol. 24/1 Compendio di diritto delle Assicurazioni Capitolo 2 L intervento dello Stato e la vigilanza nel settore assicurativo Sommario 1. Introduzione. - 2. L intervento diretto dello

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 5 giugno 2013; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Guida pratica alle Assicurazioni

Guida pratica alle Assicurazioni Guida pratica alle Assicurazioni Le regole delle Assicurazioni R.C. Auto, Vita, Previdenziali e Malattia spiegate dall Autorità di vigilanza del settore Sommario Che cosa è l ISVAP 5 Assicurazioni R.C.

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli