PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI"

Transcript

1 PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA

2 Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono composti idrofobici e lipofili pertanto sono ritrovati più facilmente in terreni, sedimenti e negli organismi viventi piuttosto che nell acqua. i PCB presenti in acqua sono quasi completamente adsorbiti al particolato e solo quelli a più bassa clorurazione possono trovarsi in fase liquida. nell atmosfera sono rilasciati per evaporazione, che è favorita dalla temperatura, a cui segue probabilmente la condensazione sulle particelle di aerosol e alla fine la dispersione nell atmosfera. sono composti che non degradano per idrolisi in quanto sono molto stabili anche in presenza di acidi e basi forti. Anche la degradazione ossidativa richiede notevole energia

3 Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente i PCB possono essere degradati dai microrganismi, anche se molto lentamente. La velocità di degradazione aerobica, dipende dal grado e dalla posizione degli atomi di cloro. la loro mineralizzazione è possibile solo con forti radiazioni UV. per tutte queste proprietà ne consegue una persistenza nell ambiente che varia a seconda del congenere da anni (PCB 28 t 1/2 = 3 anni) a decenni (PCB 153 t 1/2 = 27.5 anni). essendo lipofili si concentrano nei tessuti adiposi degli organismi e la loro bassa velocità di degradazione determina il bioaccumulo o la bioconcentrazione che aumenta lungo la catena trofica di un ecosistema (biomagnificazione).

4 Conc. pesce volte > Conc. acqua Conc. particolato 3.5 volte > Conc. acqua Conc. molluschi volte > Conc. acqua Conc. sedimenti volte > Conc. acqua Conc. particolato 3.5 volte > Conc. acqua

5

6

7

8

9 Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente Esistono due tipi di utilizzo dei PCB: a) nei sistemi chiusi come fluidi dielettrici in apparecchiature elettriche (condensatori e trasformatori); in questo caso le principali vie di contaminazione sono perdite, incendi, scarichi illeciti e smaltimento inadeguato; b) in sistemi aperti, quali additivi per antiparassitari, lubrificanti, ritardanti di fiamma, isolanti, vernici; in questi usi, essendo banditi dal 1985, le principali fonti di contaminazione oggi sono le discariche, le migrazioni di particelle e l emissione nell atmosfera a seguito di evaporazione. Altre fonti di contaminazione sono l incenerimento di rifiuti, lo spandimento di fanghi non controllati in agricoltura, la combustione di oli usati, oltre alle riserve di PCB nei sedimenti marini e fluviali e nei fanghi di dragaggio dei porti.

10 Negli anni 80 l analisi dei PCB era essenzialmente riferita ad Aroclor singoli o in miscela sia per l identificazione (riconoscimento del pattern) che per la quantificazione. Allo stato attuale si ritiene che una corretta valutazione di questi composti, sia in termini quantitativi che di comparabilità dei dati, possa essere fatta solamente con un approccio congenere-specifico, utilizzando possibilmente tecniche spettrometriche. La ricerca di congeneri specifici è anche promossa dalle normative ambientali emanate negli ultimi anni, anche se il pool di PCB richiesto può essere diverso da norma a norma. Il dato analitico può essere espresso in termini di tal quale o peso fresco, su peso secco o sostanza secca, o sul grasso. È chiaro che per passare da un dato all altro bisogna che sia nota la % d acqua o % di lipidi nel campione.

11 Vongola Verace Vongola I bivalvi sono organismi filtratori. La respirazione viene effettuata attraverso le branchie, che sono responsabili dell interscambio gassoso, oltre ad essere il luogo in cui si realizza la captazione delle particelle alimentari. L alimentazione dei molluschi bivalvi è a base di fitoplancton e di particelle organiche mantenute in sospensione nell acqua. In condizioni normali, un mitilo di media dimensione, filtra all incirca da 4 a 5 litri d acqua all ora, ed è in grado di trattenere il 90% delle particelle contenute in essa, sempre che rientrino nella gamma delle dimensioni filtrabili (max di µm fino ad min di 1-5 µm).

12 Chamelea Gallina La caratteristica più importante, che la specie scelta come bioindicatore deve presentare, è la mancanza di meccanismi biochimici o fisiologici in grado di regolare le concentrazioni nei tessuti dei contaminanti. I principali vantaggi offerti da un programma di monitoraggio condotto mediante l utilizzo di bioindicatori si può riassumere nei seguenti punti: valutazione del grado di contaminazione dell area secondo una misura integrata nel tempo e non riferibile solo al momento del prelievo; possibilità di evidenziare/confrontare gradienti di inquinamento spaziotemporali; stima della biodisponibilità delle sostanze tossiche presenti nell ecosistema marino e valutazione del rischio legato al trasferimento di queste sostanze lungo la catena alimentare.

13 Analisi su sedimenti e mitili per la ricerca di OC, CB, IPA, PCB, PCDD/DF

14

15

16

17 Qualità dell acque destinate alla vita dei molluschi (D.Lvo 152/99 e L.R 3/99). Questa attività di monitoraggio è finalizzata all accertamento delle caratteristiche di qualità nelle acque nelle aree destinate alla vita dei molluschi e quindi alla rispondenza ai requisiti di qualità di cui alla tabella 1/C dell allegato 2 del D.Lvo 152/99. Al punto 8 della tabella 1/C alla voce Sostanze organo-alogenate nella colonne dei valori guida e imperativi non si riporta nessun valore. Gli unici valori imperativi sono fissati per il mercurio = 5 ppm e per il piombo = 2 ppm. Su molluschi campionati vengono ricercati i parametri che sono stati individuati nella determinazione della RER 7206/2000 e la successiva integrazione 5306/2002. I risultati vengono trasmessi alla Provincia che li presenta annualmente alla Regione con una relazione e le relative schede di accompagnamento. Nella Legge Regionale 3/99 sono state delegate alle Province le funzioni di designazione delle acque costiere e salmastre idonee alla molluschicoltura e dello sfruttamento dei banchi naturali di bivalvi. Anche per questo monitoraggio c è un coordinamento di attività tra la struttura Daphne, le AUSL di Ravenna, Ferrara e Forlì-Cesena, l Arpa di Ravenna ed il Centro Ricerche Marine di Cesenatico. In particolare per il biota, il campionamento viene effettuato ad opera delle AUSL, mentre le analisi per la ricerca dei metalli e delle sostanze organoclorurate vengono svolte da Arpa sez. di Ravenna.

18 Determinazione RER 7206/2000 e Determinazione RER 5306/2002

19 La linea rossa racchiude la zona B di raccolta di Tapes spp. ai sensi della Delibera n. 821 del 27/05/02 della Giunta della Regione Emilia Romagna

20

21 Acque destinate alla vita dei molluschi (D.Lvo 152/99 e L.R 3/99). Dati 2005 PCB totali (PNR e 152/99) PCB Σ(52,77,81,128,138,153,169) PCB 153 DDD s esaclorobenzene µg/kg ps < µg/kg pf < I congeneri #77, #81 e #169 (dioxin-like) non sono mai stati riscontrati I congeneri #153 e #138 sono stati rilevati in quasi tutti i campioni Il #153 è risultato quasi sempre il più abbondante

22 Dati 2005 PCB totali (PNR e 152/99) µg/kg ps µg/kg pf

23

24

25 Dati 2005 PCB totali (PNR e 152/99) PCB Σ (52,77,81,128,138,153,169) DDD s µg/kg ps µg/kg pf

26 PRAGRAMMI DI MONITORAGGIO AMBIENTALI E SANITARI CHE UTILIZZANO MOLLUSHI BIVALVI COME BIOINDICATORI Programma di monitoraggio qualità delle acque destinate alla vita dei molluschi (All. 2 D.Lgs.vo 152/99 e L.R 3/99). Sistema di sorveglianza sanitaria nelle zone di produzione dei molluschi bivalvi D. Lgs.vo 530/92 Programma di monitoraggio per le acque di transizione (All. 1 D. Lgs.vo 152/99 e successive modificazioni D. Lgs.vo 258/00) Legge n.979 del 31 dicembre 1982 Disposizioni per la difesa del mare Programma di monitoraggio acque marino costiere (All. 1 D. Lgs.vo 152/99 e successive modificazioni D. Lgs.vo 258/00)

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12 Gli idrocarburi policiclici aromatici sono idrocarburi costituiti da due o più anelli benzenici uniti fra loro, in un unica struttura piana, attraverso coppie di atomi di carbonio condivisi fra anelli

Dettagli

MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI

MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI Bologna 14 Settembre 2006 Simonetta Menotta Reparto di Merceologia degli Alimenti di Origine Animale- Istituto Zooprofilattico della Lombardia e Emilia Romagna

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

apparecchi e dei PCB in esso contenuti in attuazione del decreto legislativo 209/1999 e della direttiva 69/59/CE

apparecchi e dei PCB in esso contenuti in attuazione del decreto legislativo 209/1999 e della direttiva 69/59/CE Allegato di Piano 9 - Decontaminazione e smaltimento degli apparecchi e dei PCB in esso contenuti in attuazione del decreto legislativo 209/1999 e della direttiva 69/59/CE. SOMMARIO PREMESSA : I PCB 3

Dettagli

La sicurezza alimentare

La sicurezza alimentare PRIMO PIANO La sicurezza alimentare in relazione alla presenza di microinquinanti provenienti dai processi di incenerimento dei rifiuti DOTT. DAVIDE ZINGARIELLO Tecnico della Prevenzione nell Ambiente

Dettagli

I microinquinanti organici nei suoli

I microinquinanti organici nei suoli I microinquinanti organici nei suoli Scaroni Ivan, Castellari G., Santolini A., Panniello D., Foscoli D., Roncarati E., Montanari E., Casali P. Arpa Emilia Romagna sezione di Ravenna Piacenza, 1 ottobre

Dettagli

Giornata di studio sui RIFIUTI PERICOLOSI RIFIUTI CONTAMINATI DA PCB. Dott. Chim. Massimo T. Petri. Firenze, 13 dicembre 2007 - Hotel Alexander

Giornata di studio sui RIFIUTI PERICOLOSI RIFIUTI CONTAMINATI DA PCB. Dott. Chim. Massimo T. Petri. Firenze, 13 dicembre 2007 - Hotel Alexander Giornata di studio sui RIFIUTI PERICOLOSI RIFIUTI CONTAMINATI DA PCB Dott. Chim. Massimo T. Petri Firenze, 13 dicembre 2007 - Hotel Alexander La normativa vigente individua come PCB i PoliCloroBifenili

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

Rifiuti Aggiornamento Problematica Normativa

Rifiuti Aggiornamento Problematica Normativa Rifiuti Aggiornamento Problematica Normativa Campionamento ed analisi del Fluff Giorgio Croce Dip. ARPAT di Firenze tel. 0553206259 fax 0553206218 1 2 Rifiuti di Rottamazione in Italia 2.000.000 di automobili

Dettagli

Destinazione rifiuti Italia anno 2007

Destinazione rifiuti Italia anno 2007 compostaggio 6% Destinazione rifiuti Italia anno 2007 recupero 36% discarica 48% inceneritore 10% La DISCARICA CONTROLLATA è un sistema di smaltimento dei rifiuti (tipicamente Rifiuti Solidi Urbani) che

Dettagli

Molluschi bivalvi vivi: il controllo ufficiale nei centri di depurazione

Molluschi bivalvi vivi: il controllo ufficiale nei centri di depurazione Molluschi bivalvi vivi: il controllo ufficiale nei centri di depurazione Dott. Lari Boschetti 27 marzo 2012 1 Provincia di Ferrara 12 CDM: - 2 circuito aperto (captazione in mare dell acqua di depurazione)

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA TOSSICOLOGICA AMBIENTALE E TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DI REFLUI INDUSTRIALI

LABORATORIO DI CHIMICA TOSSICOLOGICA AMBIENTALE E TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DI REFLUI INDUSTRIALI LABORATORIO DI CHIMICA TOSSICOLOGICA AMBIENTALE E TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DI REFLUI INDUSTRIALI 12 CFU 1 e 2 Semestre Prof.ssa Milena Rizzo A.A. 2013-2014 Obiettivi Il corso fornisce gli strumenti teorici

Dettagli

I metalli pesanti nella fauna ittica: loro importanza nella sanitàanimale e nella sicurezza alimentare

I metalli pesanti nella fauna ittica: loro importanza nella sanitàanimale e nella sicurezza alimentare I metalli pesanti nella fauna ittica: loro importanza nella sanitàanimale e nella sicurezza alimentare Marco Rizzi Stefania Squadrone S.S. Contaminanti Ambientali - IZSPLV Numerosi elementi inorganici

Dettagli

Presentazione della relazione finale progetto A.G.I.R.E. POR

Presentazione della relazione finale progetto A.G.I.R.E. POR Presentazione della relazione finale progetto A.G.I.R.E. POR Convenzione n. 1 del 19/10/2005 PROGETTO A.G.I.R.E. POR Gemellaggio tra: Offerenti: ARPA Emilia Romagna ed ARPA Piemonte Beneficiaria: ARPA

Dettagli

La gestione dell inquinamento marino

La gestione dell inquinamento marino La gestione dell inquinamento marino Gustavo Capannelli, Claudia Cattaneo COS È L INQUINAMENTO - In natura non esiste il concetto di purezza - Il livello quantitativo oltre il quale la risorsa risulta

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Direzione Generale Sicurezza degli Alimenti e Nutrizione

Dettagli

Inquinamento delle Catene Alimentari: criticità e possibili soluzioni (Gianni Tamino)

Inquinamento delle Catene Alimentari: criticità e possibili soluzioni (Gianni Tamino) Inquinamento delle Catene Alimentari: criticità e possibili soluzioni (Gianni Tamino) Catene alimentari Sul nostro pianeta tutta la materia utilizzata dagli organismi viventi viene trasportata e trasformata

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

Osserviamo il presente, guardando al futuro

Osserviamo il presente, guardando al futuro Laboratori Hera Osserviamo il presente, guardando al futuro Hera Laboratori 2 company profile Un sistema di controlli per aziende ed enti pubblici Il sistema laboratori del Gruppo Hera rappresenta una

Dettagli

Luigi Turrio Baldassarri Igiene degli ambienti di vita Istituto superiore di sanità, Roma

Luigi Turrio Baldassarri Igiene degli ambienti di vita Istituto superiore di sanità, Roma Luigi Turrio Baldassarri Igiene degli ambienti di vita Istituto superiore di sanità, Roma L aria indoor è contaminata? L aria degli ambienti interni può essere contaminata sia da sostanze già presenti

Dettagli

Allo Sportello Unico del Comune di.per il successivo inoltro a:

Allo Sportello Unico del Comune di.per il successivo inoltro a: ALLEGATO 1P PROVINCIA di RAVENNA Allo Sportello Unico del Comune di.per il successivo inoltro a: Alla PROVINCIA di Ravenna BOLLO e p. c. Al Sindaco del Comune di... All ARPA Sezione Provinciale di... Via...

Dettagli

Classificazione delle zone di produzione e di stabulazione dei molluschi bivalvi vivi

Classificazione delle zone di produzione e di stabulazione dei molluschi bivalvi vivi ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE Servizio pesca Classificazione delle zone di produzione e di stabulazione dei molluschi bivalvi vivi Zona di produzione Specchio acqueo dove si trovano

Dettagli

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Depurazione fumi Emissioni inquinanti Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Macroinquinanti (g m -3 o mg m -3 ) Microinquinanti (µg m -3 o ng m -3 ) rganici (es. PCDD/F) Inorganici Es.

Dettagli

Protezione vie Respiratorie

Protezione vie Respiratorie Protezione vie Respiratorie D.lgs.475 Art. 1 2) Si intendono per Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) i prodotti che hanno la funzione di salvaguardare la persona che li indossi o comunque porti

Dettagli

STABILIMENTI PER LA RIPARAZIONE DI CARROZZERIE DI VEICOLI

STABILIMENTI PER LA RIPARAZIONE DI CARROZZERIE DI VEICOLI ALLEGATO 3 STABILIMENTI PER LA RIPARAZIONE DI CARROZZERIE DI VEICOLI A) REQUISITI TECNICO-COSTRUTTIVI E GESTIONALI E PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'INSTALLAZIONE E ALL'ESERCIZIO. 1) Lo stabilimento per la riparazione

Dettagli

TARIFFARIO. (DIIAR/DOC.95.301 agg. 3 del 25.03.2007) Verifica e approvazione: Il Responsabile di Laboratorio

TARIFFARIO. (DIIAR/DOC.95.301 agg. 3 del 25.03.2007) Verifica e approvazione: Il Responsabile di Laboratorio Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Ambientale, Infrastrutture Viarie, Rilevamento Laboratorio di Ingegneria Ambientale TARIFFARIO (DIIAR/DOC.95.301 agg. 3 del 25.03.2007) Verifica e approvazione: Il

Dettagli

A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 11

A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 11 A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 11 Analisi sugli effluenti in uscita dal combustore biogas Servizio di gestione operativa del sistema di smaltimento RSU dell ex bacino

Dettagli

QUALITA DEI FANGHI E DELLE ACQUE DEL CANALE NAVIGLIO NAVIGABILE.

QUALITA DEI FANGHI E DELLE ACQUE DEL CANALE NAVIGLIO NAVIGABILE. QUALITA DEI FANGHI E DELLE ACQUE DEL CANALE NAVIGLIO NAVIGABILE. LOCALIZZAZIONE DEGLI SCARICHI RILEVANTI DEL BACINO DEI COMUNI DI PARMA,TORRILE,COLORNO. Arpa Sez. di Parma. Referente Progetto Dr. R. Franchini

Dettagli

FERTIRRIGAZIONE: FANGHI E LIQUAMI

FERTIRRIGAZIONE: FANGHI E LIQUAMI FERTIRRIGAZIONE: FANGHI E LIQUAMI UTILITA O INUTILE RISCHIO? Ferdinando de Rosa Direttore Tecnico Scientifico ARPAM Presidente Ordine dei Chimici delle Marche S. Ippolito (PU) 23 aprile 2004-03-18 I terreni

Dettagli

Tecnologie e Metodologie per la Conversione Termochimica dei Rifiuti Solidi Urbani

Tecnologie e Metodologie per la Conversione Termochimica dei Rifiuti Solidi Urbani Tecnologie e Metodologie per la Conversione Termochimica dei Rifiuti Solidi Urbani Francesco Pepe Dipartimento di Ingegneria Università del Sannio, Benevento LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI La gestione

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI

Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI L obiettivo di questo studio è sperimentare una tecnica per la bonifica

Dettagli

Provvedimento n. 734 del 07/11/2007 IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE E SUOLO

Provvedimento n. 734 del 07/11/2007 IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE E SUOLO Provincia di Ravenna settore ambiente e suolo Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 / 4 Provvedimento n. 734 del 07/11/2007 Oggetto: D.LGS. 59/05 - L.R. 21/04 DITTA SOL S.P.A. AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Dettagli

CHEMI LAB LABORATORIO DI ANALISI CHIMICO-ECOLOGICHE. Con l attività del nostro laboratorio contribuiamo alla salvaguardia del territorio

CHEMI LAB LABORATORIO DI ANALISI CHIMICO-ECOLOGICHE. Con l attività del nostro laboratorio contribuiamo alla salvaguardia del territorio Con l attività del nostro laboratorio contribuiamo alla salvaguardia del territorio CHEMI LAB LABORATORIO DI ANALISI CHIMICO-ECOLOGICHE Utilizziamo strumentazioni innovative e tecnologicamente avanzate

Dettagli

DIFENDERE AMBIENTE E IMPRESE

DIFENDERE AMBIENTE E IMPRESE Poste Italiane Spa - Sped. in a.p. - D.L. 353/2003 conv. in L. 46/2004, art.1, c.1 - CB-NO/Torino Anno 7 n. 26 DEA edizioni s.a.s. Strada del Portone, 127-10095 Grugliasco (TO) marzo 2014 anno vii numero

Dettagli

TARIFFARIO. (DICA_LIA/DOC.95.301 agg. 4 del 08.08.2013) Verifica e approvazione: Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale.

TARIFFARIO. (DICA_LIA/DOC.95.301 agg. 4 del 08.08.2013) Verifica e approvazione: Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale ( agg. 4 del 08.08.2013) Verifica e approvazione: Il Responsabile di Laboratorio prof. Michele. Giugliano Il Direttore Prof. Gianpaolo Rosati Pagina 1 di

Dettagli

I Rifiuti dei Centri di Autodemolizione. Ancona 24 Febbraio 2005 Sala Raffaello - Regione Marche

I Rifiuti dei Centri di Autodemolizione. Ancona 24 Febbraio 2005 Sala Raffaello - Regione Marche I Rifiuti dei Centri di Autodemolizione Ancona 24 Febbraio 2005 Sala Raffaello - Regione Marche Dott. Massimo Mariani Chimico Dirigente UU.OO. Discariche e Cave/Siti Inquinati Dipartimento Provinciale

Dettagli

PIANO Lauree Scientifiche (CHIMICA)

PIANO Lauree Scientifiche (CHIMICA) PIANO Lauree Scientifiche (CHIMICA) Università degli Studi di Napoli Federico II PRODUZIONE DI SAPONE DA OLI ESAUSTI PREMESSA Si effettua una reazione chimica, l idrolisi basica di un estere, per ottenere

Dettagli

SPERIMENTAZIONE DI TECNOLOGIE DI BIORISANAMENTO

SPERIMENTAZIONE DI TECNOLOGIE DI BIORISANAMENTO SPERIMENTAZIONE DI TECNOLOGIE DI BIORISANAMENTO SARA BORIN DIPARTIMENTO DI SCIENZE PER GLI ALIMENTI, LA NUTRIZIONE E L AMBIENTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Sara.borin@unimi.it GRUPPO DI MICROBIOLOGIA

Dettagli

DIRETTIVE. DIRETTIVA 2008/99/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 19 novembre 2008 sulla tutela penale dell ambiente

DIRETTIVE. DIRETTIVA 2008/99/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 19 novembre 2008 sulla tutela penale dell ambiente L 328/28 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 6.12.2008 DIRETTIVE DIRETTIVA 2008/99/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 19 novembre 2008 sulla tutela penale dell ambiente (Testo rilevante ai

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

L ECOTOSSICOLOGIA. Cosa ricerca l ecotossicologia?

L ECOTOSSICOLOGIA. Cosa ricerca l ecotossicologia? Cosa ricerca l ecotossicologia? L ECOTOSSICOLOGIA Che cosa è l ecotossicologia? L ecotossicologia valuta gli effetti tossici degli agenti chimici e fisici sugli organismi viventi, riuniti in comunità all

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2011 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2011 DELLA COMMISSIONE L 320/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.12.2011 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2011 DELLA COMMISSIONE del 2 dicembre 2011 che modifica il regolamento (CE) n. 1881/2006 per quanto riguarda i tenori

Dettagli

SCHEDA SICUREZZA RESINA R00500 Revisione del 24/06/2009 Nome del Prodotto:R00500 Riferimento: SDS_R00500_20090624

SCHEDA SICUREZZA RESINA R00500 Revisione del 24/06/2009 Nome del Prodotto:R00500 Riferimento: SDS_R00500_20090624 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA / PREPARATO E DELLA SOCIETÀ PRODOTTO RESINA R00500 Nome chimico: Forma ionica: Uso del preparato utilizzi principali: Società produttrice: SOCIETA DISTRIBUTRICE: Acido

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Tariffario rifiuti speciali 2015

Tariffario rifiuti speciali 2015 Tariffario rifiuti speciali 2015 Servizi offerti L ACR accetta tutti i rifiuti speciali elencati nella nuova Ordinanza sul traffico dei rifiuti (). L ACR accetta anche gli apparecchi elettrici ed elettronici

Dettagli

Linea progettuale 2: Organizzazione e realizzazione della sorveglianza ambientale nelle aree di indagine

Linea progettuale 2: Organizzazione e realizzazione della sorveglianza ambientale nelle aree di indagine inea progettuale 2: rganizzazione e realizzazione della sorveglianza ambientale nelle aree di indagine biettivi specifici li obiettivi della inea Progettuale 2 sono i seguenti: 1. a realizzazione di inee

Dettagli

LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE

LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE LIPIDUR LIPIDUR è un prodotto premiscelato composto da leganti minerali cementizi e aggiunte speciali. LIPIDUR viene sempre confezionato

Dettagli

IMPIANTI DI INCENERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI

IMPIANTI DI INCENERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI IMPIANTI DI INCENERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI Eliminazione efficiente di sostanze inquinanti e recupero energetico Un azienda di Bayer e LANXESS Soluzioni estremamente pulite Fornitore competente di servizi,

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

ARPAE Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l'energia dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi

ARPAE Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l'energia dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi ARPAE Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l'energia dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi Determinazione dirigenziale n. DET-AMB-2016-424 del 29/02/2016 Oggetto 4^ modifica non

Dettagli

SMALTIMENTO DEI POLICLORODIFENILI E POLICLOROTRIFENILI (PCB)

SMALTIMENTO DEI POLICLORODIFENILI E POLICLOROTRIFENILI (PCB) Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 05/03/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

I.I.S. S.B.BOSCARDIN VICENZA

I.I.S. S.B.BOSCARDIN VICENZA I.I.S. S.B.BOSCARDIN VICENZA PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DEGLI OBIETTIVI DIDATTICI E MINIMI PER L INSEGNAMENTO DI BIOLOGIA, MICROBIOLOGIA E TECNOLOGIE DI CONTROLLO AMBIENTALE CLASSI QUINTE ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31. Acque Consumo di acqua Uomo città 450 800 litri/giorno Industria Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.500 m 3 /TONN Civili 5% Industria 20% Agricoltura 70% Quantità di acqua (%) nell

Dettagli

RELAZIONE FINALE SUI LAVORI DEL TAVOLO INTERISTITUZIONALE IN TEMA DI DIOSSINE/FURANI E PCB NELLE MATRICI AMBIENTALI ED ALIMENTARI DEL TERRITORIO

RELAZIONE FINALE SUI LAVORI DEL TAVOLO INTERISTITUZIONALE IN TEMA DI DIOSSINE/FURANI E PCB NELLE MATRICI AMBIENTALI ED ALIMENTARI DEL TERRITORIO RELAZIONE FINALE SUI LAVORI DEL TAVOLO INTERISTITUZIONALE IN TEMA DI DIOSSINE/FURANI E PCB NELLE MATRICI AMBIENTALI ED ALIMENTARI DEL TERRITORIO FORLIVESE 1 INTRODUZIONE Nel corso del 2011, in seguito

Dettagli

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI.

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI. WORKSHOP I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI 31 Maggio 2005 Centro Congressi SGR Via Chiabrera 34/B Produzione e recupero

Dettagli

Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre

Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre Progetto Ottobre 2007 1 Pag / indice 03 / INTRODUZIONE 03 / OBIETTIVI DEL PROGETTO 04 / PROGRAMMA ATTIVITÀ Gruppo di Lavoro

Dettagli

BERGAGNA SIMONE INDICE Generalità L acqua nel pianeta L acqua nell organismo Stati fisici dell acqua Il ciclo dell acqua Acqua potabile La carta europea dell acqua Come leggere l etichetta dell acqua Classificazione

Dettagli

Caratterizzazione chimico fisica di matrici note, incognite e complesse. M. Priola

Caratterizzazione chimico fisica di matrici note, incognite e complesse. M. Priola Caratterizzazione chimico fisica di matrici note, incognite e complesse M. Priola priola@ssc.it Area analisi chimico fisiche Lab. Liquidi Grezzi Lab. Solidi Lab. Gas Lab. Spettoscopia AA 2 Laboratorio

Dettagli

Indagine preliminare sul contenuto di piombo e cadmio presente nelle granelle di frumento duro di produzione nazionale (Raccolto 2001)

Indagine preliminare sul contenuto di piombo e cadmio presente nelle granelle di frumento duro di produzione nazionale (Raccolto 2001) Indagine preliminare sul contenuto di piombo e cadmio presente nelle granelle di frumento duro di produzione nazionale (Raccolto 2001) R. A c q u i s t u c c i 1,F. J. Comendador 2, D. Cardarilli 1, G.

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO. in materia di Gestione del Rischio derivante da. Materiali Contenenti Amianto

CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO. in materia di Gestione del Rischio derivante da. Materiali Contenenti Amianto ASSESSORATO POLITICHE PER LA SALUTE DIREZIONE GENERALE SANITÀ E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO SANITÀ PUBBLICA CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO in materia di Gestione del Rischio derivante da Materiali Contenenti

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE

IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE Monitoraggio degli effetti dell inquinamento atmosferico sui bambini a supporto delle politiche di sanità pubblica Monitoring Air Pollution Effects on Children for supporting

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA AREA AMBIENTE E TERRITORIO Servizio Gestione e Controllo Ambientale Ufficio Emissioni Atmosferiche e Verifiche Impianti Termici

PROVINCIA DI PERUGIA AREA AMBIENTE E TERRITORIO Servizio Gestione e Controllo Ambientale Ufficio Emissioni Atmosferiche e Verifiche Impianti Termici AREA AMBIENTE E TERRITORIO Ufficio Emissioni Atmosferiche e Verifiche Impianti Termici ALLEGATO EMISSIONI 1 Oggetto: Ditta Tibertarghe production s.r.l. - Autorizzazione Unica Ambientale Autorizzazione

Dettagli

Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna

Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna Cecilia Bergamini ARPA Sezione Provinciale di Bologna cbergamini@arpa.emr.it

Dettagli

I compiti istituzionali e l organizzazione di Arpa Emilia-Romagna

I compiti istituzionali e l organizzazione di Arpa Emilia-Romagna I compiti istituzionali e l organizzazione di Arpa Emilia-Romagna Norme istitutive Referendum 1993 scorporati i controlli ambientali dalla Sanità Legge nazionale 61/94 istituzione delle Arpa Legge regionale

Dettagli

RISULTATI DI OLTRE 13.500 CONTROLLI EFFETTUATI DAL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE

RISULTATI DI OLTRE 13.500 CONTROLLI EFFETTUATI DAL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Dipartimento di Sanità Pubblica Unità Operativa Igiene degli Alimenti e Nutrizione RISULTATI DI OLTRE 13.500 CONTROLLI EFFETTUATI DAL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE dell AZIENDA USL di BOLOGNA SULL

Dettagli

INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI

INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI Introduzione INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI I seguenti schemi vogliono rappresentare, per le principali componenti ambientali (aria, acqua, rumore, campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti)

Dettagli

Convegno organizzato da Mater e Federambiente

Convegno organizzato da Mater e Federambiente Convegno organizzato da Mater e Federambiente RECUPERO DI MATERIA ED ENERGIA DA RIFIUTI: DAL PROGETTO PRIN AL CENTRO STUDI MatER Claudio Galli Amministratore Delegato HERAmbiente SpA 29 febbraio 2012 Le

Dettagli

17. Il processo di inquinamento

17. Il processo di inquinamento 17. Il processo di inquinamento Gli inquinanti emessi da una sorgente vengono immessi nell'ambiente dove si propagano con velocità e per distanze che dipendono dal tipo d'inquinante e dal tipo di flusso,

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche 2010 2012 Area Chimica Università di Bologna Facoltà di Chimica Industriale. Laboratori didattici dei Corsi di Laurea

Piano Lauree Scientifiche 2010 2012 Area Chimica Università di Bologna Facoltà di Chimica Industriale. Laboratori didattici dei Corsi di Laurea Chimica Industriale Bologna Faenza Rimini BOLOGNA La Chimica nella vita di tutti i giorni è scienza per il futuro Dr. ELENA STROCCHI elena.strocchi@unibo.it Tel. 051 2093645 FAENZA La Chimica e i Materiali:

Dettagli

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc)

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) Inquinanti atmosferici Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) ZOLFO I composti dello zolfo di interesse ai fini dell inquinamento atmosferico

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE COLLETTIVA. Alessandra Pera ISPESL - DML

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE COLLETTIVA. Alessandra Pera ISPESL - DML DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE COLLETTIVA Alessandra Pera ISPESL - DML Cosa sono Come sceglierli Quali acquistare Quando usarli Come usarli Come tenerli I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE: D.Lgs. 81/2008

Dettagli

CONTAMINANTI AMBIENTALI NEI PESCI DEL LAGO MAGGIORE

CONTAMINANTI AMBIENTALI NEI PESCI DEL LAGO MAGGIORE Dipartimento della sanità e della socialità LABORATORIO CANTONALE CONTAMINANTI AMBIENTALI NEI PESCI DEL LAGO MAGGIORE Introduzione e obiettivi della campagna Dal 1996 con frequenza annuale il Laboratorio

Dettagli

In rapporto alla benzina, il GPL permette una riduzione delle emissioni:

In rapporto alla benzina, il GPL permette una riduzione delle emissioni: Butano e Propano sono dei combustibili puri che generano poco ozono ed ossidi di carbonio; la loro combustione non causa né rilascia particelle nell atmosfera, né odori sgradevoli. Non contenendo né piombo,

Dettagli

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE)

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) 1/6 CER AUTORIZZATI E RELATIVE OPERAZIONI ALLE QUALI POSSONO ESSERE SOTTOPOSTI CER RIFIUTI PERICOLOSI

Dettagli

Via Bettini Via Del Frullo

Via Bettini Via Del Frullo Via Bettini Via Del Frullo Nell ambito del Protocollo d Intesa tra la Provincia di Bologna, i Comuni di Bologna, Castenaso e Granarolo dell Emilia, Arpa di Bologna, Ausl di Bologna, Università di Bologna

Dettagli

DI COSA ABBIAMO PARLATO:

DI COSA ABBIAMO PARLATO: Giovedì 27 novembre 2014 (1 C) siamo andati alla centralina dell A.R.P.A. in via Giovanni XXIII, Borgo S.Dalmazzo, (che verrà chiusa a fine dicembre) accompagnati dalle prof Bagnus (matematica e scienze)

Dettagli

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO Comune di Valenza Il Ciclo Idrico Integrato Acque Superficiali Acque di Falda Depurazione Prelievo Collettamento Fognario Distribuzione

Dettagli

Spettrometria di massa

Spettrometria di massa Tecniche di monitoraggio ambientale di tipo fisico Spettrometria di massa (J. B. Fenn, K. Tanaka, K. Wüthrich, premio nobel per la chimica nel 2002) Analisi chimica dell aerosol Riconoscimento di inquinanti

Dettagli

INDICE GENERALE. CAPITOLO 1 PARAMETRI CHIMICO-FISICI... pag. 7 CAPITOLO 2 COSTITUENTI INORGANICI NON METALLICI... 29

INDICE GENERALE. CAPITOLO 1 PARAMETRI CHIMICO-FISICI... pag. 7 CAPITOLO 2 COSTITUENTI INORGANICI NON METALLICI... 29 INDICE GENERALE INDICE GENERALE CAPITOLO 1 PARAMETRI CHIMICO-FISICI... pag. 7 CAPITOLO 2 COSTITUENTI INORGANICI NON METALLICI... 29 CAPITOLO 3 PARAMETRI CHIMICI-METALLI... 57 CAPITOLO 4 PARAMETRI ORGANICI...

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) REGIONE EMILIA-ROMAGNA Allegato n. Azienda ASSESSORATO AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di

Dettagli

INTERVENTI PER LA MINIMIZZAZIONE DEI DISTURBI OLFATTIVI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE

INTERVENTI PER LA MINIMIZZAZIONE DEI DISTURBI OLFATTIVI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE INTERVENTI PER LA MINIMIZZAZIONE DEI DISTURBI OLFATTIVI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE Prof. Ing. Fabio Conti 1 Gli odori negli impianti di depurazione delle acque reflue urbane La produzione di odori molesti

Dettagli

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI)

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti di stabilimento Opuscolo informativo Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti stabilimento Introduzione F.I.S.

Dettagli

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore Generatori di calore Il generatore di calore a combustibile I generatori di calore Combustibile E CH Superficie di Confine del Sistema Aria comburente Generatore di calore Fluido in ingresso Fumi Calore

Dettagli

ACQUA componente più abbondante dell organismo fabbisogno più abbondante riserve più limitate

ACQUA componente più abbondante dell organismo fabbisogno più abbondante riserve più limitate ACQUA componente più abbondante dell organismo fabbisogno più abbondante riserve più limitate L ORGANISMO ANIMALE NON SOPRAVVIVE ALLA PERDITA DEL 10% DI ACQUA Permette la vita, che può essere considerata

Dettagli

Attività di ARPA Emilia Romagna in tema di radioattività ambientale: la rete regionale gestita dalla sezione di Piacenza

Attività di ARPA Emilia Romagna in tema di radioattività ambientale: la rete regionale gestita dalla sezione di Piacenza Attività di ARPA Emilia Romagna in tema di radioattività ambientale: la rete regionale gestita dalla sezione di Piacenza ROBERTO SOGNI ARPA Sezione di Piacenza NODO ECOSISTEMI E SISTEMI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Scienze della Terra - Sez. di Mineralogia, Petrologia e Geofisica

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Scienze della Terra - Sez. di Mineralogia, Petrologia e Geofisica Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Scienze della Terra - Sez. di Mineralogia, Petrologia e Geofisica Progetto finalizzato alla diffusione di iniziative di sviluppo sostenibile a livello

Dettagli

Sara Pelligra Polo Alimenti. Il controllo chimico negli alimenti: dal campionamento alla valutazione del risultato 5 e 6 febbraio 2014 Torino

Sara Pelligra Polo Alimenti. Il controllo chimico negli alimenti: dal campionamento alla valutazione del risultato 5 e 6 febbraio 2014 Torino Sara Pelligra Polo Alimenti Il controllo chimico negli alimenti: dal campionamento alla valutazione del risultato 5 e 6 febbraio 2014 Torino 1 CONTROLLO UFFICIALE monitoraggio e sorveglianza ispezioni

Dettagli

Percorso from farm to fork : Resoconto dello stato dell arte

Percorso from farm to fork : Resoconto dello stato dell arte Percorso from farm to fork : Resoconto dello stato dell arte Introduzione La globalizzazione e l alimentazione La globalizzazione della catena alimentare fa emergere continuamente nuove sfide e rischi

Dettagli

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO 9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO Campagne di monitoraggio Marzo - Ottobre 2012 INDICE 1 INTROduZIONE... 3 2

Dettagli

Emilia-Romagna Prelievo, trasporto e consegna di campioni di fango per verifica D. Lgs 99/92 Revisione 2 del 13/03/08 Pagina 1 di 10

Emilia-Romagna Prelievo, trasporto e consegna di campioni di fango per verifica D. Lgs 99/92 Revisione 2 del 13/03/08 Pagina 1 di 10 Arpa LINEA GUIDA-DIREZIONE TECNICA LG09/DT Emilia-Romagna Prelievo, trasporto e consegna di campioni di fango per verifica D. Lgs 99/92 Revisione 2 del 13/03/08 Pagina 1 di 10 PRELIEVO, TRASPORTO E CONSEGNA

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza Coadiuvante per capelli

Scheda Dati di Sicurezza Coadiuvante per capelli Scheda Dati di Sicurezza Coadiuvante per capelli 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Denominazione COADIUVANTE CADUTA CAPELLI 1.2.

Dettagli

Oggetto: Procedura di VIA regionale Varianti sostanziali impianto termovalorizzazione Osservazioni.

Oggetto: Procedura di VIA regionale Varianti sostanziali impianto termovalorizzazione Osservazioni. DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO AREA SALUTE E AMBIENTE Certificato secondo la Norma UNI EN ISO 9001 24122 Bergamo - Via Borgo Palazzo, 130 Direttore: Dott. Pietro IMBROGNO 035/2270494 fax.035/2270486

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

PARTE III PRESTAZIONI LABORATORISTICHE

PARTE III PRESTAZIONI LABORATORISTICHE PARTE III PRESTAZIONI LABORATORISTICHE ATTIVITA IN CAMPO 1 Accertamenti strumentali in campo (escluso costo sopralluogo ed accertamenti analitici eseguiti in laboratorio) 200,00 GIUDIZI / PARERI 1 Giudizio

Dettagli

Le sostanze chimiche i preparati pericolosi e i metodi di saggio

Le sostanze chimiche i preparati pericolosi e i metodi di saggio Paolo Izzo Paola Di Prospero Fanghella Le sostanze chimiche i preparati pericolosi e i metodi di saggio Palombi Editori Presentazione Questo libro presenta la serie completa dei metodi di saggio nella

Dettagli

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing.

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing. ENERGIA DA BIOMASSA sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011 Ing. Francesco Gallucci CRA-ING Monterotondo (RM) Ing. Fulvio Palmieri DIMI ROMA TRE Per informazioni, francesco.gallucci@entecra.it

Dettagli