IL NUOVO PIANO COMMERCIALE DI RFI. Bologna, 16 Dicembre 2014

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL NUOVO PIANO COMMERCIALE DI RFI. Bologna, 16 Dicembre 2014"

Transcript

1 IL NUOVO PIANO COMMERCIALE DI RFI Bologna, 16 Dicembre

2 Recast - Strategia di sviluppo dell infrastruttura Rif. Direttiva 2012/34/UE del 21 novembre 2012 art. 8 Entro il 16 dicembre 2014, ogni Stato membro deve pubblicare una strategia di sviluppo dell infrastruttura ferroviaria Diretta a soddisfare le future esigenze di mobilità in termini di manutenzione, rinnovamento e sviluppo dell infrastruttura, fondate su un finanziamento sostenibile del sistema ferroviario. Relativa ad un periodo almeno quinquennale Soggetta a preventiva consultazione delle parti interessate Il GI e le IF saranno chiamate a fornire gli input informativi necessari per l elaborazione del documento. 2

3 Recast - Piano Commerciale Rif. Direttiva 2012/34/UE del 21 novembre 2012 art. 8 Il GI, anche sulla base della strategia di sviluppo dell infrastruttura ferroviaria pubblicata dallo Stato membro, deve adottare un Piano Commerciale comprendente i programmi di investimento e di finanziamento Il Piano deve tener conto della strategia di sviluppo dell infrastruttura ferroviaria e del finanziamento erogato dallo Stato per la realizzazione, la gestione e la manutenzione dell infrastruttura Comprende i programmi di investimento e di finanziamento Il Piano ha lo scopo di garantire l uso e lo sviluppo ottimali ed efficienti dell infrastruttura, nonché l equilibrio finanziario ed indica i mezzi per conseguire gli obiettivi Prima dell approvazione da parte del GI, i richiedenti devono potersi esprimere sul contenuto del Piano 3

4 Processo di pianificazione Direttive e regolamenti NORMATIVA COMUNITARIA (UE) Linee guida TEN-T Specifiche tecniche di interoperabilità PROCESSO DI PIANIFICAZIONE STRATEGIA DI SVILUPPO (STATO ITALIANO, MIT) Entro il 16/12/2014 Regolamento finanziario Linee guida di carattere strategico Individuazione Rete prioritaria Definizione Reticolo impianti (terminali terrestri e marittimi e impianti viaggiatori) Priorità Programmazione economico-finanziaria Analisi di traffico, colli di bottiglia e tratte sature PIANO COMMERCIALE(GI, RFI) Analisi e piano economico sugli investimenti Azioni Tecnologiche e Infrastrutturali REALIZZAZIONE PIANO REGOLATORE DI RETE (GI, RFI) Analisi capacità residua Interventi da avviare Interventi a minor valenza commerciale 4

5 I principali item dello sviluppo del network TPL Innovazioni e forte discontinuità nella qualità per il rilancio del settore in particolare nelle grandi aree metropolitane LP Sviluppare ulteriormente la rete con un mix di investimenti leggeri e investimenti pesanti finalizzati all upgrading prestazionale e allo sviluppo della rete AV/AC e alla velocizzazione dei tratti antenna AV MERCI Azioni mirate al potenziamento dei corridoi ferroviari merci e collegamento con i principali porti e terminali Incremento velocità commerciale nei principali corridoi nazionali 5

6 Layout Piano Commerciale LAYOUT ITEMS 1.1 Sbottigliamento dei Nodi A) PIANI DI AZIONE 1.TPL 1.2 Banchine 1.3 Informazione e Comunicazione al Piano delle azioni funzionali allo sviluppo dei servizi sulla rete, con sintesi dello stato finanziario e di avanzamento del progetto di riferimento, soggetto realizzatore, impegno finanziario, scenario temporale di ritorno commerciale dell investimento. 2. Long Haul Pubblico 2.1 Velocizzazione linee e nuove linee 2.2 PRG Grandi Impianti 2.3 Upgrade tecnologico Il piano commerciale B) FOCUS INTERVENTI Il dettaglio degli interventi in termini di tipologia, impegno finanziario, stato di avanzamento, benefici sui servizi alla Clientela. 3. Merci 3.1 Adeguamento a modulo 3.2 Adeguamento a sagoma 3.3 Terminali e Porti C) BENEFICI Le ricadute sulla capacità delle azioni di piano, per ciascuna relazione dei bacini regionali CAPACITA RESIDUA 1 Piemonte 2 XXXX 3 XXX 6

7 1. TRASPORTO PUBBLICO LOCALE 1.1 Sbottigliamento dei Nodi 1.2 Piano Banchine 1.3 Piano di Informazione e Comunicazione al Pubblico 7

8 Servizi in Emilia Romagna 8

9 Sistema Regionale Emilia-Romagna: grado di utilizzazione per relazione O-D (dic.2013) Milano Verona Padova Monselice Rovigo 40% Grado di utilizzazione giornaliero < % tra % e 75% tra 75% e 90% >90% Voghera Salsomaggiore Piacenza 95% La Spezia Cremona Fidenza Brescia Parma 57% Vignola Verona Modena Poggio R. 61% 50% Ferrara 46% 48% S. Pietro C. 55% Chioggia 68% 6% Russi Lavezzola 53% 44% Ravenna Impianto critico Marzabotto 68% Casalecchio G. 47% 44% Porretta T. S.B.V.S. Pistoia 19% 47% Firenze Rimini Prato Ancona 9

10 Regione Emilia Romagna (475 treni/giorno) Criticità 1. Revisione modello di offerta Regione Veneto (dicembre 2013) con effetti positivi sulla regolarità dei servizi regionali sulle relazioni Bologna-Venezia 2. Velocizzazione servizi regionali relazioni Bologna-Prato, Bologna-Porretta T. e Bologna-Poggio Rusco (I fase dicembre 2013) 3. Guasti ripetitivi 2014: guasti IS e deviatoi a Castelfranco Emilia, PM Lavino e PM Santa Viola Azioni Attenzione sulla regolazione della circolazione per ottimizzazione conflitti di circolazione tra servizi Regionali e Mercato (FB) sulle linee Bologna Piacenza e Bologna Rimini. 2. Piano mirato di interventi di manutenzione ordinaria/straordinaria con particolare riferimento al consolidamento del piano di recupero degradi per abbattimenti codice delle linee Bologna Piacenza e Bologna Padova. 3. Accordo Quadro con Regione Emilia Romagna e nuova gara per l affidamento pluriennale (15 anni) dei servizi regionali ,6 88,688,7 0 Andamento Puntualità 92, ,8 97,6 97,6 91,3 Treni persi - media giorno RFI IF EST ,994,194,4 Percepita ST.B RFI IF Puntualità Standard B1 Fasce Pendolari Mattina RFI IF EST N Guasti rete Media Giornaliera Pomeriggio Cancellazioni media giorno 7 6 *Dati aggiornati al 12 dicembre 10

11 Piano TPL del Gestore ORARIO CAPACITÀ SBOTTIGLIAMENTO DEI NODI Accordi Quadro Rivisitazione offerta Azioni organizzative, infrastrutturali e tecnologiche per l eliminazione/riduzione delle interferenze e per l incremento di capacità BREVE PERIODO Ottimizzazione utilizzo delle stazioni attraverso stazioni elementari dedicate Accordi Quadro MEDIO/LUNGO PERIODO Nuove Tecnologie per il distanziamento dei treni Piano Regolatore di Linee e stazioni NUOVE BANCHINE QUALITA PROGETTO 500 STAZIONI REGOLARITÀ Azioni tecnologiche e infrastrutturali per il miglioramento dell accessibilità e della qualità dei servizi alla clientela. Azioni organizzative e tecnologiche per l accentramento delle funzioni di: regolazione e comando/controllo della circolazione Informazione e Comunicazione INFORMAZIONE AL PUBBLICO ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE CENTRI/TORRI DI CONTROLLO 11

12 Accordi Quadro introdotto con il primo pacchetto ferroviario (Dir. 2001/14/CE), recepito con il D.lgs 188/03 e declinato nel Prospetto Informativo della Rete (PIR) ha di norma una durata di 5 anni. Può avere una durata uguale e anche superiore ai 15 anni solo in casi eccezionali, segnatamente in presenza di cospicui investimenti definisce i diritti e gli obblighi di un Richiedente e del GI ed ha carattere generale giuridicamente vincolante, di diritto pubblico o privato rappresenta per il Richiedente un valido strumento per lo sviluppo della pianificazione dei servizi rappresenta per il GI un valido strumento per lo sviluppo della pianificazione integrata della Rete Ferroviaria 12

13 Modello adeguato alla domanda DOMANDA MODELLO RADIALE MODELLO PASSANTE TRENI FREQUENTI PER SPOSTAMENTI BREVI TRENI VELOCI PER DISTANZE MAGGIORI Dicembre 2013 Orario Giugno 2014 Orario Dicembre Regime 13

14 Nodo di Bologna Azioni prioritarie 1. Bologna Padova Nuovo collegamento della linea Bologna-Padova con la linea AV 2. Nodo di Bologna Completamento potenziamento tecnologico 14

15 P. L. km P. L. km P. L. km F a sc io R av one ( II -X IV ) X IV X III P. L. km X V X IV X I X V II V I I I E I E II E IV E V b in. I b in. II Collegamento linea AV con linea Bologna Padova P A D O V A B O L O G N A IN T E R P O R T O C a s te lm a g g io re km V E R O N A Tavernelle P.M. U.M. B Trebbo km km (PP-ACC) U.M. Ferm ata Bologna C orticella D o p p io B / P C B C alderara B Bertalia B A rc o v e g g io BOLO GN A FIER E k m B e v e ra ra km k m km km (bv. T a ve r n e lle ) km (P P -A C C ) P P -A C C P P -A C C (P P -A C C ) P P -A C C U.M. U.M. U.M. A C C U.M. B B a ttife rro ACC cab. A fascio arrivi fascio Smistamento V.O. fascio partenze nord cab. B In te rv e n to : d is m is s io n e b in a ri fasci V.O e sud B o lo g n a S. D o n a to B Tavernelle M IL A N O (A V ) km 2+6 (Cintura) (PP -ACC) B A g u c c h i ACC P.L. km fermata Bargellino P.L. km fermata Zanardi p.le Arcoveggio U.M. D. B Rimesse km km PP-ACC (B S. Vitale) B S. V ita le km ( C in tu r a ) P P - A C C A V B iv io R e n o A C C fe rm a ta Prati di C aprara B V e n e z ia A C C D e p o s ito L o c o m o tiv e X II X II I I X V III I V II I F a s c io S a le s ia n i fe rm a ta S.V ita le U M U M fe rm a ta S. L a z z a ro P.M. M ira n d o la B o. S. R u ffillo A n c o n a A V F iren z e P IA C E N Z A P.M. L a v in o km ( Cintura) B o rg o P a n ig a le U M C a b in a R a v o n e Sottovia Buca B o C.le P.le O V E S T II II I IV V V I V II F V B o C.le P.le E S T Portom aggiore (FER) B C ro c ia li km ( C in tu r a ) PP - AC C fe rm a ta M a z z in i C a s te ld e b o le S.V IO L A k m A C C V ig n o la (F E R ) C a sa le cc h io G. k m (B O -P T ) P IS T O IA DESCRIZIONE : Realizzazione di un nuovo collegamento dalla linea AV verso bivio Battiferro (bivio Venezia). STATO: Realizzazione in atto. Finanziamento di 36 mln nell ambito del Nodo AV di Bologna TEMPI : Attivazione prevista per il 2016 BENEFICI: Tutto il traffico AV delle Direttrici MI,VR e VE potrà essere servito nella nuova stazione AV di Bologna 15

16 Completamento upgrade tecnologico del Nodo di Bologna DESCRIZIONE : Le fasi ancora da realizzare prevedono l inserimento: di Bologna C.le e PM S. Viola in unico sistema di supervisione, della tratta PM S. Viola(e) Modena(e) in Nodo di Modena, della tratta PM S. Viola(e) Casalecchio G(i). in CTC Porretta, della tratta Bo C.le(e) Bv Crociali Bo S. Ruffillo(i) in CTC Prato STATO: Realizzazione delle ultime fasi del progetto in atto. Finanziamento di 32 mln nell ambito del progetto 0043 Sistema Comando Controllo di Bologna C.le e del Nodo TEMPI : Attivazione finale prevista nel 2016 BENEFICI: Centralizzazione del governo della circolazione, miglioramento nella gestione della circolazione. 16

17 Un network stazioni ad elevata qualità: progetto 500 stazioni Missione Migliorare il servizio nelle stazioni medio-piccole Obiettivi Garantire maggiore accessibilità, decoro, sicurezza e qualità percepita in stazione Aumentare la presenza di esercizi commerciali in una logica di servizi aggiuntivi utili al cliente Azioni Definizione di un network specifico riconoscibile (brand) di 433 stazioni Miglioramento del layout funzionale delle stazioni con specializzazione degli spazi (vendita biglietti, spazi commerciali, aree di attesa/sosta, self store h 24, distributori automatici, nuovi servizi igienici) Luoghi vivibili, sicuri e puliti Con servizi qualitativi, standardizzati e riconoscibili (brand) Con performance economiche redditizie (valorizzazione asset) 17

18 Banchine Nodo di Bologna VENEZIA VERONA S4 A FERRARA S2 B PORTOMAGGIORE POGGIO RUSCO S. PIETRO IN CASALE S3 CREVALCORE BUDRIO C. REGGIO E. S5 MODENA S4 B IMOLA CESENA RAVENNA/RIMINI/ ANCONA CASALECCHIO G. BOLOGNA C. S.RUFFILLO VIGNOLA S2 A PIANORO Marciapiede oggetto di intervento MARZABOTTO S1 A S1 B S.BENEDETTO V.D.S. Area urbana Area suburbana Area extraurbana PORRETTA TERME PISTOIA PRATO Tempi e Costi 18

19 2. PASSEGGERI LONG HAUL 2.1 Velocizzazioni e nuove linee 2.2 PRG Grandi impianti 2.3 Upgrade tecnologico 19

20 Piano LH del Gestore CAPACITÀ Azioni organizzative, tecnologiche e infrastrutturali per l incremento di capacità e l incremento dei livelli prestazionali BREVE PERIODO Ottimizzazione utilizzo delle stazioni attraverso stazioni elementari dedicate MEDIO PERIODO - Nuove Tecnologie per il distanziamento dei treni - Upgrade Infrastrutturale light LUNGO PERIODO -Potenziamento infrastrutturale hard QUALITA REGOLARITÀ Azioni tecnologiche e infrastrutturali per la riduzione dei tempi di viaggio e l incremento della qualità dei servizi Azioni organizzative e tecnologiche per l accentramento delle funzioni di: regolazione e comando/controllo della circolazione Informazione e Comunicazione PRG DI STAZIONE INFORMAZIONE AL PUBBLICO CENTRI/TORRI DI CONTROLLO 20

21 Velocizzazione Linea Adriatica DESCRIZIONE INTERVENTO Il progetto prevede interventi puntuali di upgrade dell infrastruttura e del sistema di distanziamento sull intera linea, che consentiranno di raggiungere per circa 300 km la velocità di 200 km/h. FINANZIAMENTI Il progetto è interamente finanziato ed ha risorse assegnate pari a 350 mln. STATO AVANZAMENTO LAVORI Gli interventi sono in fase di progettazione. L attivazione avverrà per fasi funzionali, così da poter ottenere in minor tempo i benefici attesi. La conclusione dell intero progetto è prevista per il BENEFICI ATTESI L intervento consentirà, unitamente ad altri interventi tecnologici già avviati sulla tratta a sud di Barletta, una riduzione dei tempi di percorrenza sul collegamento Bari Bologna stimata in circa 45 (attuale percorrenza 5h36, futura percorrenza 4h50 ) e sul collegamento Lecce Bologna stimata in circa (attuale percorrenza 6h58, futura percorrenza 5h58 ). 21

22 PRG e ACC di Reggio Emilia Configurazione di attivazione 1^fase Flussi di traffico Treni FB e IC Treni merci Treni regionali Bologna Milano Sosta/manovra DESCRIZIONE INTERVENTO: l intervento prevede la razionalizzazione parziale del piano del ferro, eliminando i deviatoi inglesi sui binari di corsa. Vengono velocizzate le principali deviate a km/h. Viene realizzato il nuovo apparato ACC predisposto per il futuro inserimento nel SCC-M della linea. FINANZIAMENTI: 1^ fase: 13 mln disponibili nel CdP vigente; 2^ fase: 3 Milioni di euro. STATO AVANZAMEENTO LAVORI: Intervento in fase di realizzazione Attivazione prevista 1^ fase: Estate 2015; 2^ fase: oltre 2015 BENEFICI ATTESI: Velocizzazione e razionalizzazione dei flussi regionali e lunga percorrenza, adeguamento per la centralizzazione del governo della circolazione. 22

23 Telecomando Bologna Padova (1^ fase) ATTUALE FASE I Upgrade tecnologico Bologna - Padova DESCRIZIONE INTERVENTO: l intervento prevede la realizzazione di un ACC Multistazione e nuovo sistema di regolazione della circolazione con Posto Centrale ubicato a Bologna per la tratta Bologna (e) Polesella (e), predisposto per l estensione definitiva fino a Padova Campo Marte. L intervento prevede il rinnovo del sistema di distanziamento sulla tratta Bivio Battiferro Polesella, integrazione dei sistemi di Informazione al Pubblico, interventi puntuali di PRG e soppressione PL. STATO: Avviata la progettazione. TEMPI E COSTI: Assegnate risorse pari a 55 mln sul progetto 1858 a Referenza ing. Sorbello con delibera di finanziamento AD n.77/2014. Attivazione stimata nel Padova C.M. Terme Euganee Battaglia T. Monselice Sant Elena Stanghella Rovigo BENEFICI: Centralizzazione del governo del traffico (posto di comando a Bologna Centrale). Arquà Polesella Canaro Occhiobello Pontelagoscuro Ferrara Corenella Poggio Renatico Galliera S.Pietro in Casale S. Giorgio di Piano Bologna Interporto Castelmaggiore nodo Bologna nodo Bologna APPARATI ACEI NON TLC ACEI TLC punto-punto ACEI TLC ACC Fermata SISTEMA DI ESERCIZIO DC DCO 23

24 3. CORRIDOI MERCI 3.1 Adeguamento a modulo 3.2 Adeguamento a sagoma 3.3 Terminali e Porti 24

25 Piano Merci del Gestore AZIONI ORGANIZZATIVE (ORARIO) CATALOGO AZIONI PER L INCREMENTO PRESTAZIONALE Sagoma linea Moduli di linea RETICOLO DEI TERMINALI Rail Road Terminal Terminali portuali 25

26 Moduli attuali DOMODOSSOLA LUINO CHIASSO BRENNERO TARVISIO GORIZIA VILLA OPICINA VENEZIA P.M. TRIESTE C.M. MODULO 750 METRI MODANE MODULO 650 METRI RAVENNA MODULO 0 METRI GENOVA LA SPEZIA MODULO INFERIORE AI 0 METRI VENTIMIGLIA ANCONA MODULO INFERIORE AI 500 METRI LIVORNO VALICO PORTO CIVITAVECCHIA BARI BRINDISI NAPOLI GIOIA TAURO PALERMO AUGUSTA 26

27 Moduli 2017 BRENNERO TARVISIO DOMODOSSOLA LUINO CHIASSO GORIZIA Modulo 750 corridoio Mediterraneo In corso attività realizzativa. Attivazione prevista : 2016 MODANE VENEZIA P.M. VILLA OPICINA TRIESTE C.M. MODULO 750 METRI MODULO 650 METRI Modulo 750 corridoio Baltico - Adriatico In corso attività realizzativa. Attivazione prevista : 2016 Modulo 750 corridoio Reno Alpi In corso attività realizzativa. Attivazione prevista : 2016 VENTIMIGLIA GENOVA LA SPEZIA LIVORNO RAVENNA ANCONA MODULO 0 METRI MODULO INFERIORE AI 0 METRI MODULO INFERIORE AI 500 METRI VALICO PORTO Modulo 750 corridoio Scandinavia Mediterraneo Tratta Brennero-Verona e Verona-Bologna In corso attività realizzativa. Attivazione prevista: 2017 Modulo 650/750 corridoio Scandinavia Mediterraneo Linea Adriatica In corso attività progettuale. Attivazione prevista: 2017 CIVITAVECCHIA NAPOLI BARI BRINDISI Modulo 650/750 corridoio Scandinavia Mediterraneo Linea Dorsale In corso attività progettuale. Attivazione prevista: 2018 PALERMO GIOIA TAURO AUGUSTA 27

28 Sagome attuali DOMODOSSOLA LUINO CHIASSO BRENNERO TARVISIO GORIZIA VILLA OPICINA MODANE VENEZIA P.M. TRIESTE C.M. RAVENNA VENTIMIGLIA GENOVA LA SPEZIA LIVORNO ANCONA SEMIRIMORCHI E AUTOSTRADA VIAGGIANTE CIVITAVECCHIA HIGH CUBE BARI CONTAINER 1 E 2 CLASSE UIC BRINDISI CONTAINER 1 CLASSE UIC NAPOLI VALICO PORTI CAGLIARI GIOIA TAURO PALERMO AUGUSTA 28

29 Sagome 2017 Adeguamento PC 80 Torino Milano In corso attività realizzativa. Attivazione prevista: Tratta Novara Milano : dicembre 2014 Tratta Novara Torino : giugno 2015 Adeguamento PC 80 linea Chiasso In corso attività realizzativa. Attivazione prevista : 2016 Adeguamento PC 80 linea Adriatica In corso attività progettuale. Attivazione prevista : 2017 MODANE DOMODOSSOLA VENTIMIGLIA LUINO NOVARA B. CHIASSO GENOVA LA SPEZIA MELZO SCALO LIVORNO BRENNERO DINAZZANO RUBIERA TARVISIO GORIZIA VILLA OPICINA TRIESTE C.M. VENEZIA P.M. RAVENNA ANCONA SEMIRIMORCHI E AUTOSTRADA VIAGGIANTE HIGH CUBE CONTAINER 1 E 2 CLASSE UIC CONTAINER 1 CLASSE UIC VALICO PORTI Adeguamento PC 80 Pisa La Spezia In corso attività progettuale. Attivazione prevista : 2017 Adeguamento PC 45 linea Tirrenica In corso attività progettuale. Attivazione prevista : 2017 Adeguamento PC 80 Piacenza Bologna In corso attività progettuale. Attivazione prevista : 2017 Adeguamento PC 80 linea Luino Novara/Gallarate In corso attività progettuale. Attivazione prevista : 2020 CAGLIARI CIVITAVECCHIA NAPOLI GIOIA TAURO BARI BRINDISI Adeguamento PC 80 Bologna - Firenze In corso attività progettuale. Attivazione prevista : 2018 PALERMO AUGUSTA 29

30 Scalo merci di Modena Marzaglia Configurazione di attivazione Configurazione di potenziamento Inserimento comunicazione per collegamento binari 7-8 a linea BO-PC Allungamento aste per mantenere il modulo a 750 m DESCRIZIONE: Prima fase: realizzazione di un nuovo scalo merci con 4 binari di presa/consegna, 4 binari per il carico/scarico container e 2 binari per il carico/scarico trasporto diffuso. Il potenziamento dello scalo consiste nell allungamento dei binari di presa/consegna e delle aste di manovra a modulo 750 metri e nel collegamento dei binari 7-8 alla linea Bo-Pc. STATO: L intervento di prima fase, per 129 mln, è in realizzazione e quasi ultimato. La fase di potenziamento, per 10 mln, è in progettazione. TEMPI: Attivazione prevista nel 2014 per la prima fase, nel 2015 per la fase di potenziamento BENEFICI: Realizzazione di un nuovo scalo merci per la delocalizzazione delle attività dalle stazioni di Modena, Rubiera e Reggio Emilia. 30

31 GRAZIE PER L ATTENZIONE E AUGURI DI UN BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO 31

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete 1 Overview Brescia e l Europa: i corridoi della Rete TEN-T Nodo di Brescia: infrastruttura e servizi Il Piano TPL

Dettagli

L OFFERTA NEL LAZIO LO SCENARIO EVOLUTIVO. Roma li, 2 ottobre 2014

L OFFERTA NEL LAZIO LO SCENARIO EVOLUTIVO. Roma li, 2 ottobre 2014 L OFFERTA NEL LAZIO LO SCENARIO EVOLUTIVO Roma li, 2 ottobre 2014 L affluenza sui treni MONTEROTONDO LADISPOLI COLLEFERRO CAMPOLEONE APRILIA Un network stazioni ad elevata qualità: progetto 500 stazioni

Dettagli

I Trasporti multi-modali, ostacoli e opportunità

I Trasporti multi-modali, ostacoli e opportunità Intermodal Connections in the Adriatic Ionian Macro Region I Trasporti multi-modali, ostacoli e opportunità Roberto Laghezza Direttore Direttrice Adriatica Ancona, 02 Luglio 2015 La Rete TEN-T che attraversa

Dettagli

WORKSHOP. Lo stato della programmazione delle infrastrutture portuali e ferroviarie. «Parte II» Antonino Vitetta

WORKSHOP. Lo stato della programmazione delle infrastrutture portuali e ferroviarie. «Parte II» Antonino Vitetta WORKSHOP ROMA TRENTUNOMARZODUEMILAQUINDICI ANNO ACCADEMICO DUEMILAQUATTORIDCII/DUEMILAQUINDICI Lo stato della programmazione delle infrastrutture portuali e ferroviarie «Parte II» Antonino Vitetta Obiettivi

Dettagli

Legnano, 5 maggio 2009. FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno

Legnano, 5 maggio 2009. FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno Legnano, 5 maggio 2009 FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno 1 Progetti Prioritari rete TEN e corridoi paneuropei 2 Progetto Prioritario 6 (TEN.T) e del Corridoio Paneuropeo V Connessione con il sistema dei

Dettagli

Evoluzione del sistema ferroviario. Marsiglia, 29 marzo 2005

Evoluzione del sistema ferroviario. Marsiglia, 29 marzo 2005 Evoluzione del sistema ferroviario Marsiglia, 29 marzo 2005 Progetti Prioritari della rete TEN e corridoi Paneuropei interessanti l Italia Tratti italiani del Progetto Prioritario 6 (TEN) e del Corridoio

Dettagli

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario 1 La riqualificazione delle grandi infrastrutture Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario ing. Vincenzo Conforti 1 Scelte economiche e tecniche nel Nodo di Bologna

Dettagli

EMILIA ROMAGNA. N. treno Stazione di partenza Ora part. Stazione di arrivo Note

EMILIA ROMAGNA. N. treno Stazione di partenza Ora part. Stazione di arrivo Note EMILIA ROMAGNA N. treno Stazione di partenza Ora part. Stazione di arrivo Note Linea Bologna - Castelbolognese - Ravenna - Rimini 2993 Bologna Centrale 06:50 Ravenna 2997 Bologna Centrale 07:54 Ravenna

Dettagli

Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest

Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest Infrastrutture ferroviarie strategiche definite dalla Legge Obiettivo n. 443/01 Tratta AV/AC Milano-Verona Lotto funzionale Treviglio Brescia Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest Ottobre

Dettagli

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Grazie agli interventi di potenziamento infrastrutturale e di ammodernamento tecnologico delle linee ferroviarie del Nord Est portati a termine negli ultimi anni

Dettagli

Emilia Romagna. N. treno Stazione di partenza Ora part. Stazione di arrivo Note

Emilia Romagna. N. treno Stazione di partenza Ora part. Stazione di arrivo Note Emilia Romagna N. treno Stazione di partenza Ora part. Stazione di arrivo Note Linea Bologna - Castelbolognese - Ravenna - Rimini 2993 Bologna Centrale 06:50 Ravenna 2997 Bologna Centrale 07:54 Ravenna

Dettagli

Progetto tratta AV Treviglio-Brescia e nodo di Brescia

Progetto tratta AV Treviglio-Brescia e nodo di Brescia Progetto tratta AV Treviglio-Brescia e nodo di Brescia Michele Mario Elia - Amministratore Delegato di RFI Brescia, 23 aprile 2014 Tratta AV/AC Treviglio-Brescia: Inquadramento dell opera Core Network

Dettagli

Analisi di capacità di infrastruttura regionale; dallo stato attuale al Piano di potenziamento

Analisi di capacità di infrastruttura regionale; dallo stato attuale al Piano di potenziamento SEF 15-4 Convegno Nazionale Sicurezza ed Esercizio Ferroviario Università La Sapienza Facoltà di Ingegneria Analisi di capacità di infrastruttura regionale; dallo stato attuale al Piano di potenziamento

Dettagli

Paolo Celentani Responsabile Marketing e Sviluppo Servizi Commerciali Trenitalia - Divisione Cargo

Paolo Celentani Responsabile Marketing e Sviluppo Servizi Commerciali Trenitalia - Divisione Cargo Intervento Paolo Celentani Responsabile Marketing e Sviluppo Servizi Commerciali Trenitalia - Divisione Cargo Sala Falck Assolombarda 29 gennaio 2007 Convegno MUOVERE PERSONE E MERCI: LE POLITICHE E I

Dettagli

Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci

Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci Marzo 2015 Il contesto europeo: i Core Corridors che interessano l Italia Corridoio

Dettagli

I principali aeroporti nazionali ed il collegamento alla rete ferroviaria. Febbraio 2015

I principali aeroporti nazionali ed il collegamento alla rete ferroviaria. Febbraio 2015 I principali aeroporti nazionali ed il collegamento alla rete ferroviaria Febbraio 2015 Traffico passeggeri dei principali Aeroporti nazionali - 2014 Aeroporto Nazionali Internazionali di cui C. Europea

Dettagli

Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi

Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi Inquadramento di rete Investimenti Terzo Valico dei Giovi Potenziamento Nodo di Genova Marsiglia Ventimiglia Collegamento del sistema portuale

Dettagli

Il ruolo del nuovo Corridoio multimodale Italia-Svizzera nel ridisegno dei trasporti e della logistica del Nord Italia

Il ruolo del nuovo Corridoio multimodale Italia-Svizzera nel ridisegno dei trasporti e della logistica del Nord Italia Il ruolo del nuovo Corridoio multimodale Italia-Svizzera nel ridisegno dei trasporti e della logistica del Nord Italia Oliviero Baccelli Direttore Università Bocconi 03 Dicembre 2015 Obiettivi, contesto

Dettagli

Il nodo di Modena e lo scalo Marzaglia

Il nodo di Modena e lo scalo Marzaglia Il nodo di Modena e lo scalo Marzaglia Convegno CIFI 24 giugno 2014 1 Indice Scenario infrastrutturale attuale La nuova infrastruttura per il sistema AV/AC Lo sviluppo del Nodo di Modena La valorizzazione

Dettagli

I servizi minimi garantiti per legge, nei soli giorni feriali, sono individuati per linea,numero di treno e orario effettivo di partenza.

I servizi minimi garantiti per legge, nei soli giorni feriali, sono individuati per linea,numero di treno e orario effettivo di partenza. Servizi minimi garantiti del trasporto locale nelle fasce orarie di maggiore frequentazione ( dalle ore 06.00 alle ore 09.00 e dalle ore 18.00 alle ore 21.00 dei giorni feriali) I servizi minimi garantiti

Dettagli

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE Verona,22 Novembre 2013 Traffico merci in Europa La ripartizione modale 76% 7% Road Railways Inland waterways

Dettagli

I primi effetti della Cura del ferro Il contributo di RFI

I primi effetti della Cura del ferro Il contributo di RFI I primi effetti della Cura del ferro Il contributo di RFI Ing. Gianpiero Strisciuglio Direttore Commerciale ed Esercizio Rete di RFI Roma, 27 giugno 2017 Highlights Il mercato: trend e prospettive Il potenziamento

Dettagli

Terminali Italia. Piano di Impresa aggiornamento 2013-15. Milano, 18.11.2013. Pasquale Ventrella

Terminali Italia. Piano di Impresa aggiornamento 2013-15. Milano, 18.11.2013. Pasquale Ventrella Terminali Italia Piano di Impresa aggiornamento 2013-15 Pasquale Ventrella Milano, 18.11.2013 Prodotto Interno Lordo Confronto internazionale Prodotto Interno Lordo Confronto internazionale Commercio Italia

Dettagli

La linea Firenze-Empoli-Pisa

La linea Firenze-Empoli-Pisa La linea Firenze-Empoli-Pisa La variante Signa-Montelupo La variante Signa-Montelupo La realizzazione della variante Signa-Montelupo sulla linea Firenze-Empoli-Pisa consentirà il potenziamento del servizio

Dettagli

IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO. Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio

IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO. Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio Verona, 28 Febbraio 2011 Sommario La dotazione infrastrutturale attuale:

Dettagli

L accessibilità dei servizi di trasporto passeggeri e merci

L accessibilità dei servizi di trasporto passeggeri e merci ANNO ACCADEMICO DUEMILAQUATTORDICII/DUEMILAQUINDICI 15 dicembre 2014 Laboratorio di Analisi dei Sistemi di Trasporto L accessibilità dei servizi di trasporto passeggeri e merci Francesco Russo francesco.russo@unirc.it

Dettagli

Ancona, 11/03/2010 PORTO DI ANCONA. Evoluzione del traffico ferroviario. Potenziamento linea adriatica

Ancona, 11/03/2010 PORTO DI ANCONA. Evoluzione del traffico ferroviario. Potenziamento linea adriatica Ancona, 11/03/2010 PORTO DI ANCONA Evoluzione del traffico ferroviario Potenziamento linea adriatica Corridoi transeuropei 2 La strategia merci di RFI Concentrazione del reticolo degli scali serviti e

Dettagli

Luisa Velardi Milano, 10 novembre 2007

Luisa Velardi Milano, 10 novembre 2007 Bici e treni Luisa Velardi Milano, 10 novembre 2007 Le Ferrovie dello Stato FS gestisce la più grande rete di trasporto in Italia con oltre 16.000 km di rete ferroviaria su cui circolano giornalmente oltre

Dettagli

Strategie per lo sviluppo della logistica nel porto di Genova. Autorità Portuale di Genova

Strategie per lo sviluppo della logistica nel porto di Genova. Autorità Portuale di Genova Strategie per lo sviluppo della logistica nel porto di Genova I numeri del porto - 51,9 Mil.Ton (anno 2014) - 2,17 Mil.Teus - 3,8 Mil. Mtl - 6.000 Accosti/anno Milioni Ton. 60-4.000 automezzi in/out al

Dettagli

L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA

L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA Imperia-Porto Maurizio, 21 luglio 2008 Il territorio della Liguria è interessato da un intenso programma di potenziamento infrastrutturale e tecnologico. Rete Ferroviaria Italiana

Dettagli

Corridoio Scandinavia - Mediterraneo Itinerario AV/AC Napoli Bari

Corridoio Scandinavia - Mediterraneo Itinerario AV/AC Napoli Bari Corridoio Scandinavia - Mediterraneo Itinerario AV/AC Napoli Bari Legge 11 novembre 2014, n. 164, di conversione del Decreto Legge n.133/2014 «Sblocca Italia» Grottaminarda, 15 dicembre 2014 1 Il Gruppo

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

RETI DI TRASPORTO TRANSEUROPEE. Roberto Laghezza

RETI DI TRASPORTO TRANSEUROPEE. Roberto Laghezza RETI DI TRASPORTO TRANSEUROPEE Roberto Laghezza TEN-T OGGI Il Regolamento UE n 1315/2013 per lo sviluppo della rete transeuropea dei trasporti TEN-T, approvato dalle istituzioni dell'unione Europea nel

Dettagli

BOLOGNA - PORRETTA. 27/01/ MARZABOTTO Soppresso 17,8 67,1% FM 27/01/ BOLOGNA CENTRALE Soppresso 17,8 67,1% FM

BOLOGNA - PORRETTA. 27/01/ MARZABOTTO Soppresso 17,8 67,1% FM 27/01/ BOLOGNA CENTRALE Soppresso 17,8 67,1% FM BOLOGNA - FIRENZE 11/01/2016 6538 PRATO CENTRALE Soppresso 80,5 100,0% IF 11/01/2016 6552 S.BENEDETTO SAMBRO-CASTIGLIONE Soppresso 40,6 100,0% IF 11/01/2016 11571 BOLOGNA CENTRALE Soppresso 40,6 100,0%

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O C U R R I C U L U M V I T A E D I P I E R L U I G I N A P O L I

F O R M A T O E U R O P E O C U R R I C U L U M V I T A E D I P I E R L U I G I N A P O L I F O R M A T O E U R O P E O C U R R I C U L U M V I T A E D I P I E R L U I G I N A P O L I INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Email PIERLUIGI NAPOLI Via Mario Rapisardi, 48 00137 Roma 3479367838

Dettagli

La qualità ferroviaria in Emilia - Romagna

La qualità ferroviaria in Emilia - Romagna Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità La qualità ferroviaria in Emilia - Romagna Laura Brugnolo Servizio Ferrovie Convegno Verso il nuovo PRIT - Qualità & TPL: dalla

Dettagli

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 1 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 2 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA 3 IMPORT EXPORT NAZIONALE ATTRAVERSO I PORTI QUANTITÀ Milioni di tonnellate IMPORT 199,8

Dettagli

POLITICHE SULLA RETE DISTRIBUTIVA E DI ASSISTENZA. Roma, ottobre 2008

POLITICHE SULLA RETE DISTRIBUTIVA E DI ASSISTENZA. Roma, ottobre 2008 POLITICHE SULLA RETE DISTRIBUTIVA E DI ASSISTENZA Roma, ottobre 2008 La rete distributiva diretta SPECIALIZZAZIONE NEI GRANDI IMPIANTI Le biglietterie XXL XL L specializzano la propria attività esclusivamente

Dettagli

L Scc della Rete Sarda

L Scc della Rete Sarda L Scc della Rete Sarda L Scc della Rete Sarda IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO La sigla Scc, Sistema di Comando e Controllo, indica il più avanzato sistema di gestione integrata della circolazione in

Dettagli

Le strategie per il trasporto pubblico di Brescia. Stefano Sbardella Responsabile Settore Mobilità e TPL - Comune di Brescia

Le strategie per il trasporto pubblico di Brescia. Stefano Sbardella Responsabile Settore Mobilità e TPL - Comune di Brescia Le strategie per il trasporto pubblico di Brescia Stefano Sbardella Responsabile Settore Mobilità e TPL - Comune di Brescia LA MOBILITA DI BRESCIA IN NUMERI PRIORITA e CRITERI di PIANIFICAZIONE P.U.M.S.

Dettagli

MERCI IN TRENO 2014. Amministratore Delegato RFI

MERCI IN TRENO 2014. Amministratore Delegato RFI MERCI IN TRENO 2014 Il ferroviario merci in Europa: le opportunità dei finanziamenti europei per il miglioramento delle prestazioni, delle infrastrutture e dei servizi. Maurizio Gentile Amministratore

Dettagli

Frecce ed EuroCity per Expo Milano 2015

Frecce ed EuroCity per Expo Milano 2015 Frecce ed EuroCity per Expo Milano 2015 Rho Fiera Expo Milano 2015 - ingresso Ovest Le Frecce a Rho Fiera: il modo più veloce per raggiungere Expo 2015 e Fiera Milano Sito EXPO 2015 Fiera Milano Stazione

Dettagli

Nuove risorse per investimenti nell Aggiornamento 2015 del Contratto di Programma tra MIT e RFI. Roma, 11 febbraio 2016

Nuove risorse per investimenti nell Aggiornamento 2015 del Contratto di Programma tra MIT e RFI. Roma, 11 febbraio 2016 Nuove risorse per investimenti nell Aggiornamento 2015 del Contratto di Programma tra MIT e RFI Roma, 11 febbraio 2016 Nuovi finanziamenti per il Contratto di Programma parte Investimenti tra il MIT e

Dettagli

Orario ferroviario. rete RFI. valido dal 14 Dicembre 2014. Orario valido dal 15 Dicembre 2013 al 13 Dicem

Orario ferroviario. rete RFI. valido dal 14 Dicembre 2014. Orario valido dal 15 Dicembre 2013 al 13 Dicem Orario ferroviario valido dal 14 Dicembre 2014 Orario valido dal 15 Dicembre 2013 al 13 Dicem rete RFI Linea Bologna - Poggio Rusco Linea Ferrara - Ravenna - Rimini Linea Ferrara - Bologna - Imola - Rimini

Dettagli

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi effettuati dal 12 dic 2010 all'11 giu 2011

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi effettuati dal 12 dic 2010 all'11 giu 2011 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.49 EC 13 CHIASSO 10.11 MILANO CENTRALE 10.50 EC 14 MILANO CENTRALE 9.10 CHIASSO 9.49 EC 15 CHIASSO 12.11 MILANO CENTRALE 12.50 EC 16 MILANO CENTRALE 11.10 CHIASSO 11.49

Dettagli

in Toscana Infrastrutture e Territorio

in Toscana Infrastrutture e Territorio Infrastrutture e Territorio in Toscana Arch. Riccardo Baracco Ing.Enrico Becattini Area Coordinamento Pianificazione Territoriale e Politiche Abitative D.G. Politiche Territoriali e Ambientali Regione

Dettagli

alta velocità per il Ticino?

alta velocità per il Ticino? AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? 24 marzo 2011 SUPSI, Lugano-Trevano Alptransit e le infrastrutture italiane del Nordovest: stato di avanzamento, problemi e prospettive Vittorio

Dettagli

Frecce ed EuroCity per Expo Milano 2015

Frecce ed EuroCity per Expo Milano 2015 Frecce ed EuroCity per Expo Milano 2015 Rho Fiera Expo Milano 2015 - ingresso Ovest Le Frecce a Rho Fiera: il modo più veloce per raggiungere Expo 2015 e Fiera Milano Sito EXPO 2015 Fiera Milano Stazione

Dettagli

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Direttore Settore Attuazione Mobilità Trasporti Ambiente Corridoi Europei in Italia (Reti TEN) Milano: una posizione strategica rispetto alle

Dettagli

Il Programma di Gestione e Valorizzazione del Patrimonio Immobiliare e Urbano delle Grandi Stazioni Ferroviarie

Il Programma di Gestione e Valorizzazione del Patrimonio Immobiliare e Urbano delle Grandi Stazioni Ferroviarie Il Programma di Gestione e Valorizzazione del Patrimonio Immobiliare e Urbano delle Grandi Stazioni Ferroviarie Relatore: Ing. Carlo De Vito Responsabile Struttura Terminali Viaggiatori e Merci RFI spa

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

Logistica e governo del territorio La strategia di FS Carlo De Vito

Logistica e governo del territorio La strategia di FS Carlo De Vito Milano, 8 febbraio 2010 Logistica e governo del territorio La strategia di FS Carlo De Vito Il sistema delle merci nel 1980 CERTOSA GRECO MILANO CENTRALE AREA MILANESE: Gli scali merci erano localizzati

Dettagli

Il Sud si muove. Si muove l Europa.

Il Sud si muove. Si muove l Europa. Il Sud si muove. Si muove l Europa. PON TRASPORTI 2000-2006 Programma di sviluppo infrastrutturale della rete trasporti nel Sud Italia Il Programma Nell ambito delle politiche cofinanziate dai Fondi strutturali

Dettagli

Progetto valorizzazione TLC (nuova Società FS Telco) Incontro con OO.SS. Nazionali del 28.4.2010

Progetto valorizzazione TLC (nuova Società FS Telco) Incontro con OO.SS. Nazionali del 28.4.2010 Progetto valorizzazione TLC (nuova Società FS Telco) Incontro con OO.SS. Nazionali del 28.4.2010 Gli asset TLC del Gruppo FS Il Gruppo FS possiede una delle più estese infrastrutture di TLC realizzate

Dettagli

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento Allegato n.1 La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento L infrastruttura La ferrovia Trento Bassano del Grappa o ferrovia della Valsugana è una linea

Dettagli

Taranto confermata sede dell' Autorità portuale

Taranto confermata sede dell' Autorità portuale Taranto confermata sede dell' Autorità portuale Con sfida in tre mosse il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio vuole far recuperare alla portualità italiana il tempo perso, per cogliere l opportunità

Dettagli

Il piano per la riqualificazione e il rilancio delle stazioni della rete ferroviaria regionale

Il piano per la riqualificazione e il rilancio delle stazioni della rete ferroviaria regionale Il piano per la riqualificazione e il rilancio delle stazioni della rete ferroviaria regionale Raffaele Donini Assessore Trasporti, Reti infrastrutture materiali e immateriali, programmazione territoriale

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Soluzioni ICT per l intermodalità ed i sistemi logistici integrati AlmavivA Soluzioni tecnologiche per innovare i processi operativi e migliorare i servizi 14 sedi in

Dettagli

PROGETTO DI RIMODULAZIONE DELLA POLIZIA DI FRONTIERA

PROGETTO DI RIMODULAZIONE DELLA POLIZIA DI FRONTIERA Polizia di Stato PROGETTO DI RIMODULAZIONE DELLA POLIZIA DI FRONTIERA Direzione Centrale per gli Affari Generali della Polizia di Stato Nell'ambito del progetto di razionalizzazione degli uffici e presidi

Dettagli

TRENITALIA. TRENO CAT PROVENIENZA Ora Part. DESTINAZIONE ora arr. PROVVEDIMENTI DETTAGLIO PROVVEDIMENTO

TRENITALIA. TRENO CAT PROVENIENZA Ora Part. DESTINAZIONE ora arr. PROVVEDIMENTI DETTAGLIO PROVVEDIMENTO PROTESTE SINDACALI PROCLAMATE IN ADESIONE ALLO SCIOPERO GENERALE: FILT - FIT - UILT Segreterie Regionali Emilia Romagna - RFI S.p.A., Trenitalia S.p.A. personale tutto dalle ore 09:01 alle ore 13:00 del

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

Posizionamento. Rilevanza strategica comunitaria, nodo del core network;

Posizionamento. Rilevanza strategica comunitaria, nodo del core network; Porto di Ancona Posizionamento Rilevanza strategica comunitaria, nodo del core network; Corridoio scandinavo-mediterraneo (38% traffico tir del porto proviene da Paesi lungo questo asse, Italia esclusa);

Dettagli

PR RE MO BO FC RN. l Area Centro Nord

PR RE MO BO FC RN. l Area Centro Nord PC PR RE MO MO La Commissione BO Tecnica incontra FE l Area Centro Nord FC RN PU AN MC AP LA STRUTTURA TERRITORIALE IL TERRITORIO PC PR RE MO BO FE RA EMILIA ROMAGNA MARCHE ALT CENTRO NORD FC RN DIMENSIONI

Dettagli

SCHEDA N. 121 CUP: SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE J11H03000100008. RFI Spa.

SCHEDA N. 121 CUP: SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE J11H03000100008. RFI Spa. SISTEMI URBANI Sistema integrato di trasporto del nodo di Catania Nodo di Catania - Interramento stazione centrale e raddoppio bivio Zurria- Catania Acquicella SCHEDA N. 121 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA

Dettagli

Velocizzazione della linea ferroviaria Bologna-Rimini Nuovi ponti ferroviari per treni più veloci. I corridori intermodali europei della rete Ten-T

Velocizzazione della linea ferroviaria Bologna-Rimini Nuovi ponti ferroviari per treni più veloci. I corridori intermodali europei della rete Ten-T Velocizzazione della linea ferroviaria Bologna-Rimini Nuovi ponti ferroviari per treni più veloci I corridori intermodali europei della rete Ten-T Ing. Eugenio Fedeli Direzione Territoriale Produzione

Dettagli

Il trasporto ferroviario delle merci in Italia e in Europa Intermodalità e Mercato Organizzato da Federmobilità in collaborazione con il CNEL

Il trasporto ferroviario delle merci in Italia e in Europa Intermodalità e Mercato Organizzato da Federmobilità in collaborazione con il CNEL Il trasporto ferroviario delle merci in Italia e in Europa Intermodalità e Mercato Organizzato da Federmobilità in collaborazione con il CNEL 19 e 20 Novembre 2009 Sala Parlamentino CNEL Viale D. Lubin,

Dettagli

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi dal 12 giugno2011 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.49 EC 13 CHIASSO MILANO CENTRALE 10.

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi dal 12 giugno2011 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.49 EC 13 CHIASSO MILANO CENTRALE 10. EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.49 EC 13 CHIASSO 10.11 MILANO CENTRALE 10.50 EC 14 MILANO CENTRALE 9.10 CHIASSO 9.49 EC 15 CHIASSO 12.11 MILANO CENTRALE 12.50 EC 16 MILANO CENTRALE 11.10 CHIASSO 11.49

Dettagli

OBIETTIVI DEL PROGETTO

OBIETTIVI DEL PROGETTO Velocizzazione Direttrice Adriatica Tratta Bologna Rimini Vincenzo Cefaliello OBIETTIVI DEL PROGETTO Input progettuali ottimizzare gli interventi da eseguire per ottenere i massimi benefici e minimizzare

Dettagli

al verbale di incontro del 11.12.2007 Progetto scissione RFI /TRENITALIA

al verbale di incontro del 11.12.2007 Progetto scissione RFI /TRENITALIA Allegato A al verbale di incontro del 11.12.2007 Progetto scissione manovra Motivi del trasferimento Con il tasfeimento trasferimento, il Gruppo Ferrovie dello Stato si allinea alle altre principali reti

Dettagli

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi effettuati dal 13 giugno 2010

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi effettuati dal 13 giugno 2010 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.50 EC 13 CHIASSO 10.10 MILANO CENTRALE 10.50 EC 14 MILANO CENTRALE 9.10 CHIASSO 9.50 EC 15 CHIASSO 12.10 MILANO CENTRALE 12.50 EC 16 MILANO CENTRALE 11.10 CHIASSO 11.50

Dettagli

Contratto Istituzionale di Sviluppo per la realizzazione della direttrice ferroviaria Salerno-Reggio Calabria

Contratto Istituzionale di Sviluppo per la realizzazione della direttrice ferroviaria Salerno-Reggio Calabria Allegato 3 schede intervento Contratto Istituzionale di Sviluppo per la realizzazione della direttrice ferroviaria Salerno-Reggio Calabria INTERVENTI DI ADEGUAMENTO TECNOLOGICO ED INFRASTRUTTURALE PER

Dettagli

Treno ORIGINE. Bo-Piacenza PARTENZA ARRIVO DESTINAZIONE

Treno ORIGINE. Bo-Piacenza PARTENZA ARRIVO DESTINAZIONE Bo-Piacenza soppr 2062 BOLOGNA C.LE 4.52 9.10 TORINO P.NUOVA soppr 2274 BOLOGNA C.LE 5.52 8.50 MILANO CENTRALE soppr 2913 PIACENZA 6.56 8.50 BOLOGNA C.LE soppr 6320 BOLOGNA C.LE 7.16 7.42 MODENA soppr

Dettagli

Categ. Treno Provenienza Par. Destinazione Arr.

Categ. Treno Provenienza Par. Destinazione Arr. EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.50 EC 13 CHIASSO 10.10 MILANO CENTRALE 10.50 EC 14 MILANO CENTRALE 9.10 CHIASSO 9.50 EC 15 CHIASSO 12.10 MILANO CENTRALE 12.50 EC 16 MILANO CENTRALE 11.10 CHIASSO 11.50

Dettagli

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 654/AD del 24 lug 2007. Trenitalia

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 654/AD del 24 lug 2007. Trenitalia DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 654/AD del 24 lug 2007 Trenitalia Principali logiche organizzative: Al fine di migliorare l efficacia del processo di monitoraggio del servizio di trasporto passeggeri e merci

Dettagli

Più integrazione Più disponibilità. Più qualità e servizi

Più integrazione Più disponibilità. Più qualità e servizi Più tecnologia Più integrazione Più disponibilità uguale Più qualità e servizi Roma, 5 dicembre 2013 Più tecnologia: a casa e in mobilità Trenitalia.com Migliore navigabilità 20 mln di biglietti venduti

Dettagli

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 62/AD del 08 settembre 2011. Direzione Generale

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 62/AD del 08 settembre 2011. Direzione Generale l Amministratore Delegato DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 62/AD del 08 settembre 2011 Direzione Generale La presente Disposizione Organizzativa istituisce, con decorrenza 01 ottobre p.v., una struttura centrale

Dettagli

IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO

IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO L Scc del Brennero L Scc del Brennero IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO La sigla Scc, Sistema di Comando e Controllo, indica il più avanzato sistema di gestione integrata della circolazione in uso in

Dettagli

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Ponte strallato sul Po (tratta AV/AC Milano-Bologna) PRESENTAZIONE 29.11.2010 RETE ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Con treno ad Alta Velocità si intende un convoglio per il

Dettagli

CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto

CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto 16/01/2015 1 Contesto nazionale e locale Utile premessa: nessuna linea ferroviaria italiana supera gli standard internazionali

Dettagli

WWW.CENTOSTAZIONI.IT CENTO NUOVE PIAZZE ITALIANE.

WWW.CENTOSTAZIONI.IT CENTO NUOVE PIAZZE ITALIANE. WWW.CENTOSTAZIONI.IT CENTO NUOVE PIAZZE ITALIANE. LA STAZIONE. UNA NUOVA PIAZZA AL CENTRO DELLA CITTÀ. CENTOSTAZIONI. 103 stazioni ferroviarie riqualificate e gestite secondo un piano integrato per creare

Dettagli

Convegno DISABILITÀ E TRASPORTI

Convegno DISABILITÀ E TRASPORTI Convegno DISABILITÀ E TRASPORTI Regolamento (CE) n. 1371/2007, relativo ai diritti e agli obblighi dei passeggeri nel trasporto ferroviario Servizio di assistenza in stazione ai passeggeri con disabilità

Dettagli

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Cod. ISTAT INT 00066 Settore di interesse: Industria, costruzioni e servizi: statistiche settoriali Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Titolare: Dipartimento

Dettagli

TRASPORT ARE LA RIPRESA

TRASPORT ARE LA RIPRESA Convegno Confcommercio Roma, 14 Maggio 2014 TRASPORT ARE LA RIPRESA Amministratore Delegato RFI Ing. Michele Mario Elia Overview 1 La rete transeuropea dei trasporti (TEN-T) e l infrastruttura ferroviaria

Dettagli

Vignola, 17 Ottobre 2013

Vignola, 17 Ottobre 2013 IV INCONTRO COMMISSIONE CONSILIARE UNIONE TERRE DEI CASTELLI SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI QUADRO DELLA SITUAZIONE Vignola, 17 Ottobre 2013 Agenzia Territoriale dell Emilia-Romagna per

Dettagli

Regione Retribuzioni Curricula Presenze/Assenze Evidenza sull'home page Abruzzo SI SI NO SI

Regione Retribuzioni Curricula Presenze/Assenze Evidenza sull'home page Abruzzo SI SI NO SI REGIONE ABRUZZO Abruzzo SI SI NO SI L'Aquila NO NO NO NO Chieti SI SI DATI MARZO SI Pescara SI SI NO SI Teramo SI SI DATI MARZO SI L'Aquila NO NO NO NO Chieti SI SI DATI MARZO SI Pescara SI PARZIALI NO

Dettagli

Po Città. Fonte: Legambiente, Ecosistema Urbano (Comuni, dati 2013) Elaborazione: Ambiente Italia

Po Città. Fonte: Legambiente, Ecosistema Urbano (Comuni, dati 2013) Elaborazione: Ambiente Italia CLASSIFICA CAPOLUOGHI ECOSISTEMA URBANO XXI edizione Dei 26 parametri Ecosistema da quest anno ne prende in considerazione 18. Il set di indicatori è composto ora da tre indici sulla qualità dell aria

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture PRIORITÀ INFRASTRUTTURALI NELLE REGIONI REGIONE LIGURIA SISTEMI STRADALI E AUTOSTRADALI Tunnel sottomarino/sotterraneo Genova Nel sistema della grande viabilità urbana di Genova si inserisce il progetto

Dettagli

LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO DELLE RETI TEN-T E IL MECCANISMO FINANZIARIO CONNECTING EUROPE Suggerimenti per la politica europea dell Italia

LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO DELLE RETI TEN-T E IL MECCANISMO FINANZIARIO CONNECTING EUROPE Suggerimenti per la politica europea dell Italia LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO DELLE RETI TEN-T E IL MECCANISMO FINANZIARIO CONNECTING EUROPE Suggerimenti per la politica europea dell Italia Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia Amici della

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PRINCIPALI INTERVENTI FERROVIARI

PIANO DI AZIONE COESIONE PRINCIPALI INTERVENTI FERROVIARI Allegato 2 PIANO DI AZIONE COESIONE PRINCIPALI INTERVENTI FERROVIARI 1 Quadro complessivo e piano finanziario La strategia di sviluppo della dotazione infrastrutturale ferroviaria delle Regioni Meridionali

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELLA SALUTE E FERROVIE DELLO STATO S.p.A.

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELLA SALUTE E FERROVIE DELLO STATO S.p.A. PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELLA SALUTE E FERROVIE DELLO STATO S.p.A. che interviene anche in nome e per conto delle società Rete Ferroviaria Italiana SpA, Grandi Stazioni SpA e Centostazioni

Dettagli

LINEA FERROVIARIA ALTA VELOCITA

LINEA FERROVIARIA ALTA VELOCITA LINEA FERROVIARIA ALTA VELOCITA BRESCIA - VERONA Conferenza Stampa Sabato 3 Ottobre 2015 Il parere del Comune di Brescia Rigorosa analisi trasportistica del progetto Parere approvato dal Consiglio comunale

Dettagli

Incrementi prestazionali della rete AV/AC conseguibili con ETR 1000

Incrementi prestazionali della rete AV/AC conseguibili con ETR 1000 Incrementi prestazionali della rete AV/AC conseguibili con ETR 1000 Caratteristiche della rete AV/AC italiana La rete ferroviaria AV/AC in Italia presenta un assetto e una conformazione ( curve minime

Dettagli

Circolare Territoriale BOLOGNA RFI DP/DTP_BO CT 9/2014. In vigore dal 26/09/2014 ore 00:01. Fascicolo Circolazione Linee di:

Circolare Territoriale BOLOGNA RFI DP/DTP_BO CT 9/2014. In vigore dal 26/09/2014 ore 00:01. Fascicolo Circolazione Linee di: RFI DP/DTP_BO Circolare Territoriale CT 9/2014 PAGINA 1 DI 12 In vigore dal 26/09/2014 ore 00:01 Fascicolo Circolazione Linee di: N fasc. Linea interessata/parte Generale 82 Piacenza - Bologna Salsomaggiore

Dettagli

Gli effetti della manovra. a cura della Direzione scientifica IFEL

Gli effetti della manovra. a cura della Direzione scientifica IFEL Gli effetti della manovra a cura della Direzione scientifica IFEL Roma, 15 settembre 2011 Effetti delle manovre finanziarie sui Comuni 2011 2012 2013 Obiettivo Patto 2.160 3.700 4.500 Taglio trasferimenti

Dettagli

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi dall' 11 dicembre 2011 al 9 giugno 2012 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.49

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi dall' 11 dicembre 2011 al 9 giugno 2012 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.49 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.49 EC 13 CHIASSO 10.11 MILANO CENTRALE 10.50 EC 14 MILANO CENTRALE 9.10 CHIASSO 9.49 EC 15 CHIASSO 12.11 MILANO CENTRALE 12.50 EC 16 MILANO CENTRALE 11.10 CHIASSO 11.49

Dettagli

La misura della Soddisfazione del Cliente per il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria ( RFI)

La misura della Soddisfazione del Cliente per il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria ( RFI) La misura della Soddisfazione del Cliente per il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria ( RFI) Bologna: 09/04/2013 I clienti di RFI q Le Imprese Ferroviarie q I Clienti nelle Stazioni q Le PRM (Persone

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO DI MILANO Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO

Dettagli

STATO DI AVANZAMENTO DELLE ATTIVITÀ

STATO DI AVANZAMENTO DELLE ATTIVITÀ Dott.Ing. Giorgio Mainardi Direzione Sviluppo Innovazione Infrastrutture e servizi ferroviari 14 Aprile 2015 Direzione Sviluppo e Innovazione STATO DI AVANZAMENTO DELLE ATTIVITÀ INQUADRAMENTO GENERALE

Dettagli

Le modalità di gestione della soddisfazione del cliente nell Impresa Ferroviaria TRENITALIA

Le modalità di gestione della soddisfazione del cliente nell Impresa Ferroviaria TRENITALIA Le modalità di gestione della soddisfazione del cliente nell Impresa Ferroviaria TRENITALIA Fabrizio Ruggiero Bologna, 9 Aprile 2013 Trenitalia Alta Velocità Veloce, conveniente e su misura per ogni cliente

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli