Libera circolazione dei pazienti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Libera circolazione dei pazienti"

Transcript

1 Libera circolazione dei pazienti Massimizzare i benefici sociali ed economici attraverso l interoperabilità e l attuazione di sistemi ehealth Provincia autonoma di Trento Servizio Europa Francesco Zeni Elaborato finale di tirocinio Ufficio per i Rapporti con l Unione Europea Gennaio - Marzo 2013

2 2

3 Introduzione ehealth: a che punto siamo?... 9 Politiche europee Profili normativi: direttiva 2011/24/UE sull assistenza sanitaria transfrontaliera 2. Le tecnologie TIC nell assistenza sanitaria e medica Sfide, limiti ed opportunità Best practices: e-prescription in Grecia epsos: interoperabilità dei servizi sanitari 3. Barriere giuridiche alla diffusione di servizi ehealth in Europa Proposta di regolamento sul trattamento dei dati personali Proposta di regolamento sui dispositivi medici Conclusioni Annex I Siti utili Links a progetti pilota 3

4 4

5 Introduzione: lo stato di salute della nostra salute L obiettivo di questa breve trattazione è di offrire una panoramica multidisciplinare al tema dell assistenza sanitaria e medica in Europa, partendo dagli elementi critici nei moderni sistemi di assistenza sanitaria e medica e di cura della persona, passando per le sfide economiche, occupazionali e sociali dell invecchiamento, fino alla potenziale funzione innovatrice delle tecnologie ehealth nel settore dell'assistenza sanitaria e medica e di cura della persona. La sfida per un incremento dell aspettativa di vita sana, a costi sostenibili per i sistemi sanitari e per i pazienti, chiama policy makers, operatori dell assistenza sanitaria, mondo della ricerca, dell industria, del volontariato e cittadini a confrontarsi al fine di definire e gestire un sistema di governance per la salute che contribuisca al valore aggiunto della scelta di vivere in un determinato territorio. 1 In questo senso, si è pensato di contribuire al confronto inter-regionale e transnazionale dando atto di quelle politiche e del contributo normativo a livello europeo nel campo sanitario, insieme ad alcune delle best practices tra i modelli per la gestione economica e sociale della cura della persona tramite soluzioni e servizi ehealth. Va innanzitutto chiarito che con il termine ehealth ci si riferisce all applicazione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (ICT) ai sistemi sanitari e all assistenza sanitaria, quali potenziali strumenti per aumentare l efficienza e l efficacia dell intervento, nonché migliorare la qualità della vita dei cittadini. Perché è importante occuparsi del tema della salute quando si definiscono le politiche di sviluppo e di bilancio di una comunità? Il numero delle persone di età superiore ai 65 anni in Europa crescerà del 36.1%, passando dagli attuali 87 milioni a circa 152 milioni nel Invece, gli anziani over-85 passeranno dagli attuali 23 milioni circa a 62 milioni. Queste cifre non sono nemmeno lontanamente paragonabili all indice di crescita totale della popolazione europea, che è previsto si attesti intorno allo 0,3% fino al 2030, in controtendenza con le dinamiche globali. Infatti, considerato l aumento demografico mondiale da 6 a 7 miliardi di persone nel periodo dal 1999 al 2011, le previsioni più ottimistiche anticipano un numero di abitanti sul pianeta di circa 9 miliardi nel Charles Price, DG SANCO Commissione europea, nel corso del suo intervento al workshop Health as a Determinant for Growth, Bruxelles 26 marzo 2013, ha indicato la governance nel campo della sanità come una delle cause delle disuguaglianze regionali in materia di salute pubblica. 2 Eurostat, Demography report Cfr.: EN.PDF. 5

6 Che cosa sta succedendo in Europa? L aspettativa di vita, il tasso di fertilità e le migrazioni sono i tre fattori da considerare nell analisi degli sviluppi demografici della popolazione in un determinato territorio. L incremento dell aspettativa di vita media, di gran lunga superiore oggi rispetto alle generazioni che ci hanno preceduto, è legato a standard di vita qualitativamente più elevati, ad una migliore alimentazione e allo sviluppo di tecnologie che hanno consentito cure mediche e sanitarie migliori. Al contempo, il miglioramento della ricchezza, un più alto livello educativo e l espansione delle libertà individuali in termini di pianificazione familiare, hanno contribuito sui tassi di fertilità. Le migrazioni hanno partecipato al bilanciamento dei tassi nascita-morte, in molte regioni europee altrimenti in favore del secondo. In Italia, l'aspettativa di vita a 65 anni d'età è mediamente, per entrambi i sessi, di 16 anni, a 75 di 10 anni, a 85 di 6 anni, a 100 di 3 anni. Se si considera che l'attesa di vita alla nascita è di 75 anni per gli uomini e di 82 anni per le donne, si può concludere che più si va avanti negli anni più si prolunga la durata totale della vita. Mentre sul fronte della quantità (quanto si vive) non sembra ci si possa lamentare, si può dire lo stesso sul fronte della qualità (fino a che età si vive senza avere disabilità o malattie che ostacolano le attività quotidiane)? Per rispondere a questa domanda è stato introdotto il concetto di speranza di vita per condizioni di salute (Health Life Years - HLY), tramite il quale si quantificano gli anni vissuti in diverse condizioni di salute, da buona a cattiva, aggiungendo così quella dimensione qualitativa al numero di anni vissuti. 3 3 Indicatori della Commissione europea per contribuire al calcolo della speranza di vita per condizioni di salute (Healty Life Years - HLY): / 6

7 E qual è in Italia lo stato di salute della salute? Le tabelle di Eurostat evidenziano una cosa molto semplice: per esempio, nel 2003 una donna italiana di 65 anni aveva di fronte circa 13/14 anni di vita in salute, mentre nel 2008 si è passati a 7 anni. In appena cinque anni, la speranza di una vita in salute si è dimezzata. 4 Gli studi e la letteratura in materia testimoniano un aumento della cronicità delle patologie. Queste, ed altre conseguenze dell invecchiamento sulla salute, rappresentano una delle preoccupazioni maggiori per i cittadini europei: sembrerebbe che il sogno, realizzato, di una vita più lunga debba fare i conti con il suo contrappasso dantesco del timore di trascorrerne una parte in condizioni di sofferenza, di non autosufficienza, e, in certi casi, anche di non ottenere le cure e le attenzioni necessarie per affrontare al meglio malanni e invalidità. Inoltre, passando dal punto di vista individuale a quello collettivo, è stato evidenziato già da tempo un rischio riguardo alla sostenibilità di lungo periodo dei sistemi sanitari, in relazione al fatto che nel futuro la quota di anziani sulla popolazione sarà più alta e dunque, prevedibilmente, si dovrà far fronte ad una più elevata prevalenza di patologie, soprattutto croniche, e ad un ingente crescita delle esigenze di cura dei cittadini sia sanitarie, sia assistenziali - con conseguenti riflessi sulla spesa per la salute, pubblica e privata. Il problema, tra l altro, non è limitato all'aspetto sanitario, ma ha ricadute dirette e ingenti sulle casse statali (che destinano alla spesa sanitaria 110 miliardi all anno, oltre il 7% del Pil) e sui costi per le aziende italiane. Un numero maggiore di anni passati con patologie invalidanti significa meno ore di lavoro, più giorni di malattia, minore produttività, maggiori costi sanitari per visite, esami diagnostici, ricoveri e interventi chirurgici. Allo stesso tempo, l aumento del tasso di dipendenza demografica degli anziani (il rapporto tra il 4 Nell'insieme delle politiche e delle comunicazioni della stessa Commisisone europea bisogna sottolineare la presenza di elementi contraddittori in riferimento agli stessi ambiti o settori della vita sociale. Un esempio è il riconosscimento, tramite indagine statistica, dell'abbassamento della speranza di vita sana in molti Stati membri e il contestuale richiamo agli stessi Stati membri ad intensificare le riforme dei sistemi pensionistici per allineare l età pensionabile alla speranza di vita, limitare l accesso ai regimi di prepensionamento e consentire l allungamento della vita lavorativa (Analisi annuale della crescita novembre 2012). Seguendo queste ultime raccomandazioni gli Stati membri potrebbero trovarsi in futuro a scaricare sul sistema produttivo parte dei costi -sia termini di spesa sia di produttività- dell'intervento sanitario sulle imprese. 7

8 numero di individui di età superiore a 66 anni e quello dei soggetti in età attiva, cioè tra 15 e 64 anni), accrescendo il tasso di dipendenza economica (il rapporto tra la popolazione inattiva e gli attivi), pone un incognita anche dal lato del finanziamento. Dunque, l invecchiamento ha delle conseguenze dirette sul mercato del lavoro, e di qui sul reddito e sulle entrate fiscali e contributive che forniscono le risorse per pagare i sistemi previdenziali e di welfare. Come se non bastasse, la recente crisi delle finanze pubbliche ha causato un vero e proprio shock in riferimento alle risorse finanziarie disponibili per l assistenza sanitaria in molti paesi europei, fra questi anche l Italia. Uno studio commissionato dalla Commissione europea evidenzia come esistano forti differenze tra i paesi dell'ue in termini di aspettativa di vita e qualità della vita, quindi delle politiche sociali e sanitarie. Queste differenze sarebbero correlate positivamente anche con il PIL e la spesa per la salute dei singoli Stati membri. Ma, se da un lato, il livello di salute pubblica è direttamente proporzionale alla spesa pubblica, dall'altro, quest'ultima è sempre più soggetta a revisioni a ribasso in ragione della crisi finanziaria e dei debiti sovrani. Una riforma strutturale della governance e dei sistemi nazionali e regionali di assistenza sanitaria, nonché delle politiche sociali, è la cura confermata dalla Commissione nelle conclusioni della comunicazione Analisi annuale della crescita 2013 : le sfide demografiche e le pressioni sulla spesa connessa all invecchiamento impongono inoltre di riformare i sistemi sanitari per renderli sostenibili ed efficaci in termini di costi, valutandone i risultati in funzione del duplice obiettivo di utilizzare meglio le risorse pubbliche e di assicurare un assistenza sanitaria di qualità. Le sfide sopra brevemente ripercorse (demografica, economica e alla sostenibilità) possono in parte trovare una risposta grazie all'applicazione di tecnologie innovative al settore sanitario e medico. L'investimento c.d. intelligente nel settore dell'ehealth ha già dato prova (si pensi che la sola Commissione europea ha investito negli ultimi 20 anni circa 1,8 miliardi di euro in progetti pilota) dei benefici collettivi derivanti dall'utilizzo di tecnologie innovative (sia in termini di medical devices che di processi) nel settore medico e assistenziale, ad esempio per quanto riguarda cure continue, scambio di informazioni e aumento della responsabilizzazione del paziente/persona. 5 Da sole queste tecnologie non possono soddisfare la complessità dei moderni sistemi sanitari; c'è bisogno di ripensare alla governance del settore tramite la compartecipazione di diversi attori (amministrazione del sistema sanitario, operatori sanitari, università, ricerca, volontariato, pazienti, etc.) nella programmazione e definizione di strategie di lungo periodo per lo sviluppo sostenibile di un territorio. 5 Cfr. Commissione, Social investment package Investing in Health SWD(2013) 43 definitivo, che accompagna la Comunicazione della Commissione COM(2013) 83 definitivo, Quest'ultima è consultabile all'indirizzo: 8

9 1. ehealth: a che punto siamo? La sanità in rete o sanità elettronica o assistenza sanitaria on line è al centro di numerose iniziative a tutti i livelli: europeo, nazionale, regionale e locale, finalizzate alla diffusione di servizi di ehealth, quale strumento per operatori sanitari e pazienti per il miglioramento della qualità dell assistenza sanitaria e della produttività del settore sanitario, con positive ricadute anche in termini di sostenibilità economica dei sistemi sanitari e assistenziali stessi. 6 Con assistenza sanitaria s intende l'insieme di misure, prestazioni ed iniziative finalizzate alla promozione, alla prevenzione o alla cura della salute. Ciò significa che tutto ciò che può contribuire al miglioramento delle condizioni di salute in un individuo dovrebbe fare oggetto di intervento da parte dell ente pubblico preposto alla definizione di politiche della salute, che mirino a prevenire le malattie, promuovere uno stile di vita più sano e proteggere le persone dalle minacce per la salute. Sebbene l'organizzazione e l'erogazione dei servizi sanitari sia di competenza dei singoli Stati membri, l'unione europea conferisce un valore aggiunto alla loro azione riunendo i vari paesi per affrontare insieme i problemi comuni come l'invecchiamento demografico e i problemi sanitari ad esso associati. In tema di ehealth, l'unione come si analizzerà successivamente intende contribuire trasversalmente al tema della salute pubblica e dell'assistenza sanitaria e medica, co-finanziando quei progetti di ricerca volti allo sviluppo di sistemi e servizi dedicati alla cura della persona (cfr. cap. 3). 7 In particolare, a livello unionale, la Commissione Europea ha identificato una serie di azioni e politiche volte ad offrire una migliore qualità dell'assistenza sanitaria in tutta Europa, ad esempio agevolando la cooperazione transfrontaliera nella mobilità medica, promuovendo l'interoperabilità dei sistemi sanitari, sostenendo l'innovazione imprenditoriale e il finanziamento della ricerca nel campo delle tecnologiche applicabili alla medicina, garantendo il diritto alla libera circolazione dei pazienti, promuovendo la personalizzazione dell assistenza dei pazienti e focalizzando l attenzione sulla gestione della persona durante la vita e non solo nella fase della malattia. 8 In Italia, nell ambito dell attuazione dei servizi di sanità in rete, assume grande rilevanza la definizione di modalità tecnico-organizzative finalizzate a consentire l integrazione socio-sanitaria ed a sostenere forme innovative di assistenza domiciliare. In particolare, i servizi di telemedicina rappresentano, in questo senso, una parte integrante del ridisegno strutturale ed organizzativo della rete di assistenza sanitaria nazionale, grazie alla promozione dell'integrazione fra presidi ospedalieri, distretti sanitari e professionisti quotidianamente in contatto con i cittadini/pazienti. 9 6 Il termine ehealth nella sua versione italiana è tradotto con una pluralità di espressioni (sanità in rete, sanità elettronica, sanità online), le quali non aiutano ad identificare nel complesso una materia per natura articolata. Per questo motivo d ora in poi si utilizzerà il termine ehealth, specificando, se del caso, di volta in volta la portata del suo utilizzo. Qualora non specificato, s intenda il termine ehealth nella sua accezione generale, ossia l'applicazione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (ICT) ai sistemi sanitari e all assistenza sanitaria. 7 Il portale dell'unione europea dedicato a chi cerca informazioni sulla salute pubblica: 8 Il primo piano d azione per l'ehealth è stato adottato nel Comunicazione della Commissione al Consiglio, al Parlamento europeo, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle Regioni: Sanità elettronica migliorare l assistenza sanitaria dei cittadini europei: piano d azione per uno spazio europeo della sanità elettronica, COM(2004) 356 definitivo, Cfr.: 9 Secondo il Ministero della Salute, la telemedicina può, in particolare, contribuire a migliorare la qualità dell assistenza sanitaria e consentire la fruibilità di cure, servizi di diagnosi e consulenza medica a distanza, oltre al costante monitoraggio di parametri vitali, al fine di ridurre il rischio d insorgenza di complicazioni in persone a rischio o affette da patologie croniche. Al seguente 9

10 A livello regionale, in Italia, il Trentino è un territorio all avanguardia nello sviluppo delle necessarie infrastrutture tecnologiche volte all introduzione di sistemi di ehealth, che coinvolgano la partecipazione attiva dei cittadini e di tutti i soggetti che operano all'interno del sistema sanitario trentino. In particolare, il sistema sanitario provinciale sta promuovendo un modello integrato di innovazione attraverso l'implementazione e lo sviluppo di una serie di iniziative e azioni di ehealth, che coinvolgono i gestori amministrativi del servizio sanitario, il sistema di cure ospedaliere e domiciliari, il personale medico e sanitario, i centri di ricerca presenti sul territorio e, soprattutto, il paziente. L infostruttura di base del sistema ehealth trentino è costituito dalla cartella clinica elettronica del cittadino chiamata TreC (Cartella Clinica del Cittadino) intesa come una vera e propria cartella clinica, ma in forma virtuale, costantemente aggiornata dai professionisti della salute che di volta in volta prendono in carico il cittadino/paziente, e che quest ultimo può gestire e aggiornare in autonomia. 10 POLITICHE EUROPEE 11 Piano Strategico Europa Il 2010 deve segnare un nuovo inizio. Voglio che l Europa esca rafforzata --J.M.D. Barroso Si apriva con queste parole del Presidente della Commissione europea la premessa della comunicazione della Commissione Europa2020-Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. Nel titolo di questo documento sono riassunte le priorità che la Commissione europea ha delineato e che continuano, a distanza di tre anni, a fungere da guida nelle politiche di crescita dell'ue, anche nel campo sanitario e dell'information technology: crescita intelligente: sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile: promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse, più verde e più competitiva; crescita inclusiva: promuovere un'economia con un alto tasso di occupazione che favorisca la coesione sociale e territoriale. Benché nelle priorità e negli obiettivi di Europa2020 non ci sia un riferimento esplicito alla salute e all'assistenza sanitaria, ben 4 delle 7 iniziative faro della Commissione hanno una ricaduta sul tema indirizzo sono sintetizzate le iniziative ehealth in Italia: (30/03/2013). 10 TreC è frutto di un progetto di ricerca e innovazione promosso dalla Provincia Autonoma di Trento in collaborazione con la locale Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari sotto la gestione scientifica della Fondazione Bruno Kessler. Da qualsiasi postazione internet e in possesso della tessera sanitaria, così come di un lettore di smart card, del quale fare richiesta pressto l Azienda Sanitaria, ogni cittadino potrà accedere alla piattaforma elettronica che consente di consultare i referti on-line, tenere un diario della propria salute e gestire la cartella dei propri figli. Cfr. all indirizzo: https://trec.trentinosalute.net/home. 11 Questo paragrafo riporta le iniziative più recenti che avranno un impatto sulle politiche e sul processo legislativo dell'ue e nazionale nei prossimi anni. Per una revisione sintetica delle azioni dell'ue in tema di ehealth cfr. l'incipit della Comunicazione della Commissione, Piano d azione Sanità elettronica Una sanità innovativa per il 21esimo secolo COM(2012) 736 final, Cfr. il testo all'indirizzo: 12 Cfr. il testo di Europa2020 all'indirizzo: 10

11 della salute, in termini di azioni che dovranno essere messe in atto sia a livello nazionale sia europeo. 1) L'Unione dell'innovazione per migliorare le condizioni generali e l'accesso ai finanziamenti per la ricerca e l'innovazione, facendo in modo che le idee innovative si trasformino in nuovi prodotti e servizi tali da stimolare la crescita e l'occupazione. impegni a livello UE completare lo spazio europeo della ricerca, definire un programma strategico per la ricerca incentrato su sfide come [...] salute e invecchiamento; lanciare "partenariati europei per l'innovazione" tra l'ue e i livelli nazionali; 13 potenziare e sviluppare ulteriormente il ruolo pro-innovazione degli strumenti dell'ue (come i fondi strutturali e i fondi per la ricerca); 14 promuovere i partenariati per la conoscenza e rafforzare i legami tra istruzione, settore delle imprese, ricerca e innovazione. impegni a livello nazionale riformare i sistemi di R&S e innovazione nazionali (e regionali) per favorire l'eccellenza e la specializzazione intelligente, intensificare la cooperazione tra università, centri di ricerca e imprese, attuare una programmazione congiunta e rafforzare la cooperazione transnazionale nei settori con un valore aggiunto dell'ue e adeguare opportunamente le procedure di finanziamento nazionali per garantire la diffusione della tecnologia in tutto il territorio dell'ue. 2) Un'agenda per nuove competenze e nuovi posti di lavoro onde modernizzare i mercati occupazionali e consentire alle persone di migliorare le proprie competenze in tutto l'arco della vita al fine di aumentare la partecipazione al mercato del lavoro e di conciliare meglio l'offerta e la domanda di manodopera, anche tramite la mobilità dei lavoratori. impegni a livello UE definire e attuare la seconda fase del programma "flessicurezza", per trovare il modo di gestire meglio le transizioni economiche, lottare contro la disoccupazione e innalzare i tassi di attività; adeguare il quadro legislativo, in linea con i principi della regolamentazione "intelligente", ai modelli di lavoro in evoluzione (orari, lavoratori distaccati, ecc.) e ai nuovi rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro; agevolare e promuovere la mobilità della manodopera all'interno dell'ue e garantire un maggiore equilibrio tra offerta e domanda di lavoro, con un sostegno finanziario adeguato dei fondi strutturali (FSE), e promuovere una politica di migrazione dei lavoratori; imprimere un forte slancio al quadro strategico per la cooperazione tra tutte le parti interessate a livello di istruzione e formazione; fare in modo che le competenze necessarie per il proseguimento della formazione e l'ingresso nel mercato del lavoro siano acquisite e riconosciute in tutti i sistemi di insegnamento generale, professionale, superiore e per adulti. impegni a livello nazionale attuare i propri percorsi nazionali di flessicurezza, come stabilito dal Consiglio europeo, per ridurre la segmentazione del mercato del lavoro e agevolare le transizioni, facilitando al tempo stesso un migliore equilibrio tra vita lavorativa e vita privata; riesaminare e monitorare regolarmente l'efficienza dei sistemi fiscali e previdenziali per rendere il lavoro redditizio, con particolare attenzione alle persone poco qualificate, abolendo al tempo stesso le misure che scoraggiano il lavoro autonomo; imprimere un forte slancio all'attuazione del Quadro europeo delle qualifiche mediante la creazione di quadri nazionali delle qualifiche; sviluppare i partenariati tra il settore dell'istruzione/formazione e il mondo del lavoro, in particolare associando le parti sociali alla pianificazione dell'istruzione e della formazione. 13 Nel 2011 è stato lanciato il Il partenariato europeo per l'innovazione sull'invecchiamento attivo e in buona salute (EIP AHA). Cfr: 14 Nella proposta della Commissione per Horizon2020 il 45% dei fondi è destinato all'area c.d. Sfide della società, ossia sanità, cambiamenti demografici e benessere. 11

12 3) Piattaforma europea contro la povertà 15 per garantire coesione sociale e territoriale in modo tale che i benefici della crescita e i posti di lavoro siano equamente distribuiti e che le persone vittime di povertà e esclusione sociale possano vivere in condizioni dignitose e partecipare attivamente alla società impegni a livello UE trasformare il metodo aperto di coordinamento su esclusione e protezione sociale in una piattaforma di cooperazione, revisione inter pares e scambio di buone pratiche, nonché in uno strumento volto a promuovere l'impegno pubblico e privato a ridurre l'esclusione sociale, e adottare misure concrete, anche mediante un sostegno mirato dei fondi strutturali, in particolare del FSE; agevolare l'uso dei fondi strutturali dell'ue per la realizzazione dell'agenda; riformare i fondi per la ricerca e l'innovazione e aumentare il sostegno nel settore delle TIC. impegni a livello nazionale elaborare strategie operative per l'internet ad alta velocità e orientare i finanziamenti pubblici, compresi i fondi strutturali, verso settori non totalmente coperti da investimenti privati; promuovere la diffusione e l'uso dei moderni servizi online (e-government, servizi sanitari online, domotica, competenze digitali, sicurezza, ecc.). 4) Un'agenda europea del digitale (o Agenda digitale europea) per accelerare la diffusione dell'internet ad alta velocità e sfruttare i vantaggi di un mercato unico del digitale per famiglie e imprese. impegni a livello UE creare un quadro giuridico stabile tale da incentivare gli investimenti in un'infrastruttura aperta e competitiva per l'internet ad alta velocità e nei servizi collegati; agevolare l'uso dei fondi strutturali dell'ue per la realizzazione dell'agenda; riformare i fondi per la ricerca e l'innovazione e aumentare il sostegno nel settore delle TIC. impegni a livello nazionale elaborare strategie operative per l'internet ad alta velocità e orientare i finanziamenti pubblici, compresi i fondi strutturali, verso settori non totalmente coperti da investimenti privati; promuovere la diffusione e l'uso dei moderni servizi online (e-government, servizi sanitari online, domotica, competenze digitali, sicurezza, ecc.). Agenda digitale europea L agenda digitale è, come brevemente descritto nel paragrafo precedente, una delle sette iniziative faro della strategia Europa2020, che fissa obiettivi per la crescita nell UE da raggiungere entro il L'agenda propone di sfruttare il potenziale delle ICT a vantaggio della società. Ai fini del raggiungimento di tale obiettivo strategico, la suddetta agenda individua molteplici ambiti d intervento, tra cui il seguente: Assistenza sanitaria sostenibile e supporto delle ICT per una vita dignitosa e indipendente. In questo ambito sono individuate due azioni chiave, su cui la Commissione europea 15 Quest'ultima iniziativa faro tocca il tema della salute solo trasversalmente, nelle misura in cui la povertà e l'esclusione sociale necessitano degli strumenti di intervento, soprattutto a livello nazionale e locale (regionale), per contrastare la disuguaglianza di salute, ossia le differenze, le viariazioni, le disparità nel raggiungimento della salute. Dal momento che questo profilo non forma oggetto della presente trattazione, si rimanda alla pagina internet di EuroHealthNet, un network attivo nel campo della lotta alla disuguaglianza di salute: Cfr, inoltre, il SWD(2013) 43 definitivo della Commissione, , pgf. 3, pagg : 12

13 intende focalizzarsi insieme alle Autorità competenti degli Stati Membri ed agli stakeholders interessati: Azione n.3: proporre una revisione della direttiva sulla firma elettronica, al fine di istituire un quadro normativo per il riconoscimento e l'interoperabilità transfrontalieri di sistemi di autenticazione elettronica sicuri; Azione n.13: dotare i cittadini europei di un accesso on-line sicuro ai propri dati medici entro il 2015 e raggiungere entro il 2020 una elevata diffusione dei servizi di telemedicina; Azione n.14: predisporre una raccomandazione finalizzata a definire un minimo set comune di dati per l interoperabilità dei patient records a livello europeo entro il Azione n.16: proporre, entro il 2012, una decisione del Consiglio e del Parlamento europeo per assicurare il riconoscimento reciproco dell'identificazione e dell'autenticazione elettronica in tutte l'ue sulla base di "servizi online di autenticazione" che devono essere disponibili in tutti gli Stati membri. 16 Al fine di migliorare i sevizi ad alto contenuto tecologico e per la realizzazione del mercato unico digitale la Commisione si è impegnata, da un lato, ad abbattere le barriere giuridiche, aprendo così l accesso ai contenuti on line e ai dati personali pur mantenendo alta la garanzia della protezione degli stessi dati e, dall'altro, a promuovere la realizzazzione dell'infrastruttura necessaria. A tal fine, è in corso la revisione della direttiva 2003/98/CE relativa al riutilizzo dell informazione del settore pubblico, 17 nonché il processo legislativo sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali e la libera circolazione di tali dati (regolamento generale sulla protezione dei dati). 18 Invece, sul versante infrastrutturale, la Commissione intende servirsi dei fondi europei (in particolare del FESR) 19 per finanziare gli investimenti nella banda larga, e allo stesso tempo è in 16 Nel medesimo ambito di intervento, sono inoltre previste due ulteriori azioni finalizzate, l una a promuovere gli standard, l interoperabilità, il test e la certificazione dei sistemi informativi sanitari entro il 2015, l altra a rinforzare il programma Ambient Assisted Living (AAL) attraverso il quale, grazie all ICT, consentire alle persone anziane ed ai disabili di essere autosufficienti ed attivi nella società. Cfr. 17 Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica la direttiva 2003/98/CE relativa al riutilizzo dell informazione del settore pubblico 2011/0430 (COD), COM(2011) 877 definitivo, Bruxelles Iter della procedura: Le informazioni del settore pubblico sono un importante materia prima per i prodotti e i servizi basati sui contenuti digitali, con un potenziale enorme finora non sfruttato. L'obiettivo generale dell'intervento dell'ue è contribuire alla crescita economica e alla creazione di occupazione sfruttando il potenziale economico dei dati detenuti dal settore pubblico attraverso il miglioramento delle condizioni d uso dell'informazione del settore pubblico. Come previsto dalla normativa vigente, la Commissione ha effettuato uno studio volto al riesame della disciplina, dal quale è emerso che sussistono una serie di ostacoli, tra cui i tentativi degli enti pubblici di recuperare al massimo i costi invece di guardare ai vantaggi per l economia nel suo complesso, la concorrenza tra il settore pubblico e quello privato, le questioni pratiche che ostacolano il riutilizzo delle informazioni del settore pubblico (come la mancanza di indicazioni su quali di esse sono disponibili) o la mentalità degli enti pubblici che non ne comprendono le potenzialità economiche. Versione definitiva della proposta di revisione della Commissione all'indirizzo: 18 L intenso lavoro della Presidenza irlandese degli ultimi mesi (2013) ha permesso di ultimare un primo esame dell intera proposta, tanto che il Commissario Reading è fiducioso circa l adozione di un testo definitivo entro la fine della Presidenza irlandese (30 giugno 2013) conferenza stampa del Consiglio Giustizia e Affari Interni del 7 e 8 marzo Cfr. il testo della proposta della Commissione (COM(2012) 11 final, ) all'indirizzo: Cfr. l'iter legislativo all'indirizzo: 19 Nel testo dell'ultimo (27/02/2013) documento di compromesso della Presidenza irlandese sui considerando delle proposte di regolamento recante disposizioni comuni cocernenti i regolamenti FESR, Fondo di coesione, FSE e CTE, è previsto che il FESR deve contribuire a ridurre il divario tra i livelli di sviluppo delle varie regioni ed il ritardo [ ] delle regioni meno favorite, [ ] 13

14 corso la revisione del regolamento (CE) n. 994/98 del Consiglio, sulla disciplina delle esenzioni in materia di aiuti di Stato: l'ultima bozza di compromesso presentata dalla Presidenza irlandese comprende nella lista dei settori esentati anche gli investimenti per basic braodband infrastructure. 20 Social investment package SWD investire in salute Il 20 febbraio 2013, la Commissione europea ha presentato al Parlamento europeo, al Consiglio e al Comitato economico e sociale e al Comitato delle Regioni la comunicazione Investire nel settore sociale a favore della crescita e della coesione, in particolare attuando il Fondo sociale europeo nel periodo Questo documento è accompagnato da alcuni staff working documents (SWD), tra cui lo SWD investire in salute. 21 Il documento va ad integrare la strategia Europa2020, assegnando un ruolo anche alla salute, sottolineando in particolare il valore economico degli investimenti nel settore della salute pubblica, intesa come precondizione per la prosperità economica (in termini di produttività, dipsonibilità di capitale umano e spesa pubblica), oltre che ai benefici in termini di produttività della forza lavoro (incremento dell'aspettativa di vita sana) conseguente ad una spesa sanitaria efficiente ed efficace. Il documento di lavoro si sviluppa, in particolare, su tre ambiti dell'investimento in salute: investire in sistemi sanitari sostenibili, combinando riforme strutturali volte a incrementare l'efficienza dei servizi sanitari e a ottenere il consolidamento dei bilanci pubblici, garantendo l'offerta di servizi sanitari sufficientemente adeguati; investire nella salute delle persone intese come capitale umano, al fine di migliorare la condizione di salute delle persone e rinforzare il livello di impiego, in questo modo permettendo di incrementare l'efficacia delle politiche per l'impiego; investire per ridurre la disugaglianza di salute, contribuendo alla coesione sociale e all'eradicazione della povertà; investire nella salute tramite un adeguato supporto dei fondi strutturali europei. Un capitolo del documento di lavoro è interamente dedicato al miglioramento del rapporto costiefficienza tramite l'utilizzo delle tecnologie, le quali possono cambiare le modalità di organizzazione e di fornitura di servizi sanitari. Le innovazioni nel settore medico, se pianificate e utilizzate in modo inappropriato, possono altresì portre ad un incremento di spesa. Per questo motivo la Commissione invita gli Stati membri a dotarsi di un servizio di Health Technology Assesment (HTA). È un processo multidisciplinare, ben radicato nei settori della ricerca e del metodo scientifico, utile a sintetizzare le informazioni sulle questioni sanitarie, sociali, economiche ed etiche connesse all'uso di una tecnologia nel campo sanitario in modo sistematico, trasparente e imparziale. Si tratta di uno strumento che fra cui un'attenzione particolare dovrebbe essere rivolta alle regioni che presentano gravi e permanenti svantaggi naturali o demografici, quali [ ] le regioni più settentrionali con bassissima densità demografica e le regioni insulari, transfrontaliere e di montagna. 20 Cfr. l'iter legislativo all'indirizzo: 21 Cfr. Commissione, Social investment package Investing in Health SWD(2013) 43 definitivo, cit. 14

15 dovrebbe supportare le decisioni di chi si occupa di governance dei sistemi sanitari. (cfr. p. 18 lo strumento sarà introdotto in seguito all adozione negli Stati membri della direttiva 2011/24/UE). Piano d'azione ehealth Il Piano d'azione ehealth Assistenza sanitaria innovativa per il 21 secolo (piano d'azione) s'inserisce nella strategia definita dal piano d'azione eeurope dell'unione europea, la cui finalità è consentire a tutti i cittadini europei di fruire dei vantaggi offerti dalla società dell'informazione. 23 Invece, l'obiettivo principale del piano d'azione ehealth è permettere all'unione europea di sfruttare il potenziale dei sistemi e dei servizi dell'ehealth nell'ambito di uno spazio europeo della sanità elettronica. L'azione proposta è articolata in tre linee d'intervento: soluzione di problemi comuni a tutti gli Stati membri dell'ue e creazione di un quadro giuridico e tecnico (standards) adeguato a sostegno dell'ehealth, promuovendo l'interoperabilità dei sistemi sanitari; attuazione di azioni pilota (ricerca+industria) volte ad accelerare l'avvio dell'assistenza sanitaria online (per esempio la telemedicina); diffusione delle migliori prassi e valutazione dei progressi compiuti. Che mirino in particolare a: migliorare la gestione della malattia cronica e delle plurimultimorbilità (più patologie concomitanti) e rafforzare strumenti di prevenzione efficace e pratiche di promozione della salute; aumentare la sostenibilità e l'efficienza dei sistemi sanitari promuovendo l'innovazione, ponendo il paziente/cittadino al centro della cura, responsabilizzando i cittadini e incoraggiando i cambiamenti organizzativi; promuovere l'assistenza sanitaria transfrontaliera, la sicurezza sanitaria, la solidarietà, l'universalità e l'equità; migliorare le condizioni legali e di mercato per lo sviluppo di prodotti e servizi ehealth. Nel prossimo paragrafo si analizzeranno alcuni dei successi già raggiunti dalla Commissione, come l'adozione della direttiva concernente l'assistenza sanitaria transfrontaliera, che disciplina in attesa delle norme attuative nazionali la cooperazione transnazionale in materia di ehealth. PROFILI NORMATIVI Secondo il Trattato dell'unione Europea, l'azione dell'unione rispetta le responsabilità degli Stati 22 Comunicazione della Commissione, Piano d azione Sanità elettronica , cit.. 23 L'iniziativa eeurope è stata avviata l'8 dicembre 1999 con l'adozione, da parte della Commissione europea, della comunicazione intitolata eeurope Una società dell'informazione per tutti. L'iniziativa era intesa ad accelerare l'adozione delle tecnologie digitali in tutta Europa ed a garantire che tutti gli europei acquisissero le competenze necessarie ad impiegare tali tecnologie. Cfr. 15

16 membri per la definizione della loro politica sanitaria e per l'organizzazione e la fornitura di servizi sanitari e di assistenza medica e l azione dell'unione, che completa le politiche nazionali, si indirizza al miglioramento della sanità pubblica [ ]. In particolare, l Unione è autorizzata ad agire negli ambiti della sanità pubblica a carattere transfrontaliero (art. 168 TFUE). Inoltre, l'unione incoraggia la cooperazione tra gli Stati membri nei settori di cui al presente articolo e, ove necessario, appoggia la loro azione. In particolare incoraggia la cooperazione tra gli Stati membri per migliorare la complementarietà dei loro servizi sanitari nelle regioni di frontiera (art TFUE). Risale, invece, al 2003 la pronuncia della Corte Europea di Giustizia nel caso della signora Watts, una paziente inglese che optò di farsi curare in Francia dopo una lunga attesa sulle liste del servizio sanitario inglese. Al rientro in patria si vide rifiutare il rimborso dei costi della prestazione sanitaria e il suo caso fu portato all'esame della Corte di Giustizia Europea che stabilì che i cittadini dell'unione europea hanno diritto di ricorrere alle cure sanitarie in un altro Stato Membro, potendo beneficiare di un rimborso da parte del loro proprio Stato. La Corte precisò, tuttavia, che il diritto al rimborso venisse accordato solo qualora le cure mediche fossero suscettibili di essere meglio assicurate in un altro Stato membro, o quando le strutture sanitarie competenti più vicine fossero quelle situate in un altro Paese. Anche i ragione di questa pronuncia della Corte, nel 2006, la Commissione europea ha tentato di inserire i diritti dei cittadini europei in materia sanitaria all'interno della c.d. «Direttiva Servizi» (2006/123/EC), ma, dopo aver subito numerose pressioni, ha preferito orientare i suoi sforzi per stabilire un quadro europeo al fine di regolarizzare la presa in carico di queste cure a livello transfrontaliero in un testo autonomo. La direttiva 2011/24/UE sull assistenza sanitaria transfrontaliera Lo scorso 28 febbraio 2011 è stata adottata la nuova direttiva 2011/24/UE in materia di assistenza sanitaria transfrontaliera. 24 La direttiva intende chiarire le regole applicabili nel caso che i pazienti si avvalgano del diritto di ricevere cure sanitarie al di fuori dello Stato membro di appartenenza, nel rispetto dei principi già sanciti dalla giurisprudenza della Corte di Giustizia e dell autonomia degli Stati circa l organizzazione dei propri sistemi sanitari, facilitando in tal modo l accesso a cure sanitarie sicure e di elevata qualità, promovendo allo stesso tempo la cooperazione tra gli Stati. In particolare, la direttiva contiene disposizioni sul diritto al rimborso per le prestazioni sanitarie ricevute in uno Stato membro diverso da quello di appartenenza, sulla possibilità per gli Stati di introdurre un autorizzazione preventiva, sulla cooperazione amministrativa, il riconoscimento reciproco delle prescrizioni, l utilizzo delle nuove tecnologie e la sanità online, e le malattie rare. 24 Direttiva 2011/24/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 9 marzo 2011 concernente l applicazione dei diritti dei pazienti relativi all assistenza sanitaria transfrontaliera. 16

17 Per le finalità enunciate nell'introduzione, questa trattazione si occupa nello specifico delle novità normative introdotte in materia di ehealth, essendo questo il primo atto normativo a livello europeo che tratta la disciplina congiunta sanità-tecnologia. ehealth Network art.14 L'Unione sostiene e facilita la cooperazione e lo scambio di informazioni tra gli Stati membri operanti nell'ambito di una rete volontaria che collega le autorità nazionali responsabili dell'assistenza sanitaria online designate dagli Stati membri. Alla rete volontaria (ehealth Network) sono stati designati degli obiettivi mirati a conseguire una maggiore interoperabilità dei servizi ehealth nazionali, anche in considerazione del fatto che in futuro il diritto dei pazienti di ricevere assistenza sanitaria trasfrontaliera potrebbe realizzarsi anche da remoto (ad esempio tramite la telemedicina). Gli obiettivi dell'attività dell'ehealth Network consistono nel: sfruttare i vantaggi socioeconomici sostenibili dei sistemi sanitari ehealth, al fine di conseguire un elevato livello di fiducia e sicurezza, rafforzare la continuità delle cure e garantire l'accesso ad un'assistenza sanitaria sicura e di elevata qualità; elaborare orientamenti riguardanti: (i) un elenco di dati da inserire nei fascicoli dei pazienti; (ii) metodi efficaci per consentire l'uso di informazioni mediche per la sanità pubblica e la ricerca; (iii) misure comuni agli Stati membri di identificazione e atenticazione per agevolare la trasferibilità dei dati. 25 Il Network sarà supportato dall'ehealth Governance Initiative (ehgi), che sta lavorando per stabilire una struttura di governance per il coordinamento delle iniziative ehealth a livello europeo. L obiettivo di questa iniziativa è di instaurare meccanismi di dialogo continuo e sistematico tra i livelli istituzionale, strategico ed operativo, in ambito europeo e nazionale, la cui carenza costituisce ad oggi un ostacolo all ulteriore sviluppo dell ehealth. Inoltre, essa costituirà una piattaforma di scambio comune a tutti gli Stati Membri nell ambito della quale identificare ed affrontare congiuntamente le problematiche che concernono l ehealth, supportare la realizzazione di servizi e soluzioni di ehealth interoperabili a livello europeo, in stretta collaborazione con i diversi stakeholder, in primis gli utenti finali e le associazioni rappresentative degli operatori di mercato. Il progetto ehgi ha, tra gli altri, l obiettivo di sviluppare una cornice normativa per la predisposizione dell identità digitale (eid Management) che costituisce la condizione per la realizzazione di una rete di servizi sanitari transfrontalieri. 26 Le priorità operative dell'ehealth Network si concentrano in quattro macroaree: 25 Raggiungere quell'interoperabilità tecnica e semantica di cui parla il Piano d'azione ehealth Per approfondimenti e aggiornamenti, cfr. 17

18 eid Governance europea per servizi di ehealth, che lavorerà principalmente su identificazione e autenticazione per migliorare l'accesso alle informazioni sanitarie, sia per i pazienti che per gli operatori sanitari; 27 interoperabilità semantica e tecnica: ci si riferisce, rispettivamente, alla capacità di garantire che il significato delle informazioni scambiate sia inequivocabilmente interpretabile da qualsiasi altro sistema, servizio o utente, nonché alla capacità di due o più strumenti di TIC di accettare e riconoscere dati in modo appropriato e soddisfacente; 28 trattamento e protezione dei dati, nella misura in cui i dati vengono non solo condivisi per la singola prestazione sanitaria, ma hanno la potenzialità di essere riutilizzati ("uso secondario") per la pianificazione dei servizi, la ricerca, etc.; 29 patient summary (cfr. cap. 2 - epsos). Health Techonology Assessment art L Unione sostiene e facilita la cooperazione e lo scambio di informazioni scientifiche tra gli Stati membri nell ambito di una rete volontaria che collega fra loro le autorità o gli organismi nazionali responsabili della valutazione delle tecnologie sanitarie designati dagli Stati membri. Gli Stati membri ne notificano alla Commissione i nominativi e le coordinate. I membri di tale rete di valutazione delle tecnologie sanitarie partecipano e contribuiscono alle attività della rete conformemente alla legislazione dello Stato membro in cui sono stabiliti. La rete si fonda sui principi di buona governance, tra cui trasparenza, l'obiettività, l'indipendenza delle perizie, la correttezza procedurale e le opportune consultazioni dei soggetti interessati. Gli obiettivi della rete di valutazione delle tecnologie sanitarie consistono nel: sostenere la cooperazione fra le autorità nazionali o gli organismi nazionali; sostenere gli Stati membri nella messa a disposizione e lo scambio di informazioni sull'efficacia relativa e sull'efficacia a breve e lungo termine delle tecnologie sanitarie; evitare la duplicità delle valutazioni. Il Ministero della Salute italiano definisce l HTA come un approccio multidimensionale e multidisciplinare per l analisi delle implicazioni medico-cliniche, sociali, organizzative, economiche, etiche e legali di una tecnologia attraverso la valutazione di più dimensioni quali l efficacia, la 27 Cfr. %20Approved.pdf 28 Per ulteriori approfondimenti, cfr. il documento al seguente indirizzo: %20eHGI%20Discussion%20Paper%20Semantic%20and%20Technical%20Interoperability pdf. 29 Il tema è di grande attualità e sta occupando Commissione, Consiglio e Parlamento europeo in negoziati che si protrarranno per tutto il 2013, con la possibilità di un voto nella plenaria del Parlamento europeo a settembre. Inoltre, cfr.: %20eHGI%20Discussion%20Paper%20Data%20Protection%20Regulation_FINAL%20adapted.pdf. 30 Cfr. supra p. 14 di questa trattazione. Per ulteriori approfondimenti cfr. l iniziativa Joint Action on HTA, sviluppata da 24 paesi dell UE, Norvegia e Svizzera nel periodo : Inoltre, l iniziativa promossa da EUnetHTA: 18

19 sicurezza, i costi, l impatto sociale e organizzativo. L obiettivo è quello di valutare gli effetti reali e/o potenziali della tecnologia, sia a priori che durante l intero ciclo di vita, nonché le conseguenze che l introduzione o l esclusione di un intervento ha per il sistema sanitario, l economia e la società. 31 L HTA si sviluppa come risposta all esigenza di trovare percorsi che permettano di basare le scelte di politica sanitaria e sanità pubblica, a livello europeo, nazionale o regionale, sulle migliori evidenze e pratiche. In questo senso, si pone come strumento volto a creare un ponte tra mondo della ricerca e mondo della politica. La formalizzazione e istituzionalizzazione della collaborazione e condivisione di informazioni tra i diversi livelli di governo mira allo sviluppo di attività valutative integrate a supporto dei diversi livelli decisionali, allo scopo di programmare strategie volte al potenziamento delle capacità di innovazione e di governo delle tecnologie dei sistemi sanitari. e-prescription art Gli Stati membri [...] garantiscono che le prescrizioni rilasciate in un altro Stato membro a un determinato paziente possano essere dispensate sul loro territorio conformemente alla legislazione nazionale in vigore. [ ] 2. Per agevolare l attuazione del paragrafo 1, la Commissione adotta: [ ] b) orientamenti che aiutino gli Stati membri a sviluppare l interoperabilità delle prescrizioni elettroniche ; I sistemi di e-prescription producono benefici trasversalmente per diverse categorie di persone: pazienti: in termini di convenienza (prescrizioni e farmaci pronti per essere ritirati in farmacia), effettività della cura (la terapia inizia senza indugio), soddisfazione (semplificazione della procedura, in particolare di quello relativo ai rinnovi delle prescrizioni), di sicurezza (prescrizioni leggibili. farmacisti: minor numero di errori a causa di lettura errata, più tempo da dedicare alle problematiche connesse alla somministrazione del farmaco, vantaggio competitivo nei confronti dei farmacisti che non adottano sistemi di e-prescrption; medici: accesso on line alle informazioni del paziente, notifica online delle interazioni tra farmaci, revisione dei costi di prescrizione dei prodotto; autorità sanitarie: meno tempo improduttivo speso per procedure burocratiche, riduzione dei costi di farmaci attraverso il sostegno alla prescrizione di generici, informazioni sulle abitudini prescrittive dei medici e lo stato di salute dei cittadini. Nel prossimo capitolo si ripercorrerà nelle sue linee principali l introduzione e l applicazione di un sistema di e-prescription nel sistema sanitario nazionale greco. 31 Ministero della Salute: 32 Cfr. al capitolo 2 alcune best practices anche in materia di eprescription. 19

20 2. Le tecnologie TIC nell'assistenza sanitaria e medica Sfide 33 La spesa pubblica in ambito sanitario nei 27 Stati membri dell UE è passata da una media del 5,9% del PIL nel 1990 al 7,2% del PIL nel 2010 e secondo le proiezioni il dato potrebbe crescere ulteriormente fino all 8,5% del PIL nel 2060 in ragione dell invecchiamento demografico e di altri fattori socioeconomici e culturali. Inoltre, le proiezioni a lungo termine sulla spesa dell assistenza sanitaria prevedono che la spesa dell assistenza sanitaria arriverà quasi a raddoppiare nel corso del periodo di osservazione. Le attuali stime prevedono che la quota della popolazione attiva subirà una forte contrazione, passando dal 61% al 51% della popolazione complessiva, mentre la percentuale della popolazione anziana (65+) e molto anziana (80+) nell UE dovrebbe crescere rispettivamente dal 17,4% del 2010 al 30,0% nel 2060 e dal 4,7% del 2010 al 12,1% nel L impatto di questi cambiamenti si avverte già ed è particolarmente accentuato in questo periodo caratterizzato da crescenti pressioni sui bilanci pubblici, da un declino costante nel numero di occupati nel settore sanitario, da un incidenza più elevata di patologie croniche e da una crescente domanda e maggiori aspettative da parte dei cittadini che invocano una migliore qualità dei servizi e dell assistenza sanitaria. Limiti Le sfide del cambiamento si scontrano con dei limiti oggettivi e soggettivi, alcuni dei quali hanno già fatto oggetto di trattazione nei paragrafi precedenti, altri, invece, che necessiterebbero di maggiori dati derivanti da sperimentazioni su larga scala di progetti pilota che nel corso degli ultimi decenni hanno visto la luce in molte regioni europee. I limiti a cui ha fatto riferimento la Commissione europea nel Piano d'azione ehealth sono: sensibilizzazione carente e scarsa fiducia nelle soluzioni di sanità elettronica da parte di pazienti, cittadini e operatori sanitari; mancanza di interoperabilità tra le soluzioni ehealth; poche prove concrete su vasta scala dell efficacia sotto il profilo dei costi degli strumenti e dei servizi di sanità elettronica (modelli commerciali e finanziari poco chiari per l'industria); assenza di chiarezza giuridica sulle applicazioni mobili nel settore sanitario e del benessere e mancanza di trasparenza sull uso dei dati rilevati con tali applicazioni; inadeguatezza e frammentazione dei quadri giuridici, ad esempio per quanto riguarda i regimi di rimborso dei servizi di sanità elettronica; elevati costi iniziali per chi intende realizzare sistemi di sanità elettronica; differenze a livello regionale relative all accesso ai servizi TIC, accesso limitato in aree svantaggiate. 33 The 2012 Ageing Report:Economic and budgetary projections for the EU27 Member States ( ) Joint Report prepared by the European Commission (DG ECFIN) and the Economic Policy Committee (AWG); cfr.: 20

Europa 2020, salute e sociale

Europa 2020, salute e sociale Europa 2020, salute e sociale Breve introduzione L Europa 2020 presenta tre priorità che si rafforzano a vicenda: Crescita intelligente: sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione.

Dettagli

L Agenda Sociale Europea

L Agenda Sociale Europea L Agenda Sociale Europea La politica sociale europea La politica sociale e per l'occupazione dell'unione Europea mira a promuovere l'occupazione, il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro,

Dettagli

Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici

Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici Sostenibilitàdel Sistema Sanitario e Dispositivi Medici: obiettivi e strategie Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici Dott.ssa Marcella Marletta Direttore Direzione Generale

Dettagli

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Workshop Politiche di Integrazione Socio- Sanitaria: modelli a confronto e sfide per un futuro sostenibile IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Cittadella, 23-24 settembre 2014 IL

Dettagli

2014-2020. Terzo programma dell'ue in materia di salute

2014-2020. Terzo programma dell'ue in materia di salute 2014-2020 Terzo programma dell'ue in materia di salute Articolo 168 del Trattato sul funzionamento dell Unione Europea (TFUE) Report Together for Health. Documento Investing in Health. Comunicazione della

Dettagli

ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO su un'azione nel settore delle malattie rare

ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO su un'azione nel settore delle malattie rare CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 5 giugno 2009 (OR. en) 10122/09 Fascicolo interistituzionale: 2008/0218 (CNS) LIMITE SAN 142 RECH 167 MI 219 ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI Oggetto: RACCOMANDAZIONE

Dettagli

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO L 260/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.10.2009 DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO DECISIONE N. 922/2009/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

9524/16 cip/tar/s 1 DG G 3 C

9524/16 cip/tar/s 1 DG G 3 C Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 26 maggio 2016 (OR. en) 9524/16 RISULTATI DEI LAVORI Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni IND 111 RECH 207 TELECOM 99 MI 389 COMPET

Dettagli

L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa

L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa In una realtà economica complessa ed in rapida evoluzione la responsabilità per i giovani di cercare un cambio di

Dettagli

Studio Professionale AM Consulting

Studio Professionale AM Consulting La seguente scheda fornisce solo alcune informazioni di carattere generale e non è da considerarsi esaustiva, si rimandano gli approfondimenti a un momento successivo con le parti interessate. SALUTE 2008-2013

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria I documenti di: quotidianosanità.it Quotidiano online di informazione sanitaria Dossier Documentazione legislativa Studi e ricerche Interventi e relazioni COMMISSIONE EUROPEA MEMO Bruxelles, 22 ottobre

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 394/5 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Finanziamenti dell Unione europea: funzionamento e fonti di informazione on-line Perché una strategia per l Europa 2020? La crisi degli ultimi anni ha determinato

Dettagli

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA Contributo di Claudio Garbelli La Commissione Europea ha recentemente proposto il Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla istituzione

Dettagli

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull innovazione. Sostenibile per promuovere un economia più efficiente

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL SOCIETAL CHALLENGES NEW FORMS OF INNOVATION H2020-INSO-2014-2015 H2020-INSO-2014 SCADENZA CALL 29 aprile 2014 TOPICS INSO-1-2014: ICTenabled open government

Dettagli

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO 1 Di cosa parliamo! 1. Il FSE nella Politica di Coesione 2. Cos è il Fondo Sociale Europeo? 3. Il FSE in Sardegna 4. Le priorità del FSE 2 1. Il

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

Riepilogo del progetto

Riepilogo del progetto Riepilogo del progetto 1. Contesto e scopo della agenda strategica Le malattie neurodegenerative (MN) sono condizioni debilitanti e in gran parte incurabili, strettamente legate all'invecchiamento. Tra

Dettagli

Prospettive e rischi del nuovo ciclo di programmazione della politica europea di coesione

Prospettive e rischi del nuovo ciclo di programmazione della politica europea di coesione Roma, 20 maggio 2010 Prospettive e rischi del nuovo ciclo di programmazione della politica europea di coesione Michele Pasca-Raymondo Commissione Europea DG Politica regionale 1 Principali fasi del processo

Dettagli

Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento

Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento IL PERCORSO DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 Dicembre 2013: invio seconda bozza dell Accordo di Partenariato alla

Dettagli

Alberto Bellocco. ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile

Alberto Bellocco. ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile Alberto Bellocco ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile Alberto Bellocco ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile Copyright 2015 Edizioni del Faro Gruppo

Dettagli

POLITICA AUDIOVISIVA E DEI MEDIA

POLITICA AUDIOVISIVA E DEI MEDIA POLITICA AUDIOVISIVA E DEI MEDIA La politica audiovisiva nell'ue è disciplinata principalmente dagli articoli 167 e 173 del trattato sul funzionamento dell'unione europea (TFUE). L'atto normativo fondamentale

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 2.7.2008 COM(2008) 415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Quadro comunitario concernente l'applicazione dei diritti dei pazienti relativi

Dettagli

Le tipologie di finanziamento comunitario

Le tipologie di finanziamento comunitario Le tipologie di finanziamento comunitario Breve introduzione I Programmi Comunitari sono stati creati con l'obiettivo di coinvolgere, attraverso finanziamenti a fondo perduto, il settore pubblico e quello

Dettagli

Bergamo, 21 dicembre 2015. Fondi europei

Bergamo, 21 dicembre 2015. Fondi europei Bergamo, 21 dicembre 2015 Fondi europei Fondi europei 1. Il 76% del bilancio dell'ue è gestito attraverso i «Fondi strutturali e di investimento europei» (c.d. fondi indiretti) attraverso piani di sviluppo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione Laboratorio di specializzazione professionale in Scienze dell'educazione permanente e della formazione continua I progetti

Dettagli

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità Roma, 2 dicembre 2010 Vittorio Calaprice della Commissione europea Dal 2009 al 2010

Dettagli

EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale*

EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale* EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale* Il programma Occupazione e innovazione sociale (EaSI- Employment and Social Innovation) è il nuovo strumento finanziario

Dettagli

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali ForumPA - Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano flavia.marzano2@unibo.it Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano 1 Ricerca europea? Arrivare al 3% del

Dettagli

Il Consiglio dell Unione si pronuncia sui tirocini: adottata la Raccomandazione su un quadro di qualità per i tirocini

Il Consiglio dell Unione si pronuncia sui tirocini: adottata la Raccomandazione su un quadro di qualità per i tirocini Il Consiglio dell Unione si pronuncia sui tirocini: adottata la Raccomandazione su un quadro di qualità per i tirocini Premesse: la proposta della Commissione Lo scorso 10 marzo 2014, in occasione del

Dettagli

MODULI FORMAZIONE A DISTANZA 2004 Area Comunicazione e Promozione della Salute Modulo Educazione Sanitaria e Promozione della Salute Unità 1

MODULI FORMAZIONE A DISTANZA 2004 Area Comunicazione e Promozione della Salute Modulo Educazione Sanitaria e Promozione della Salute Unità 1 La dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21secolo, 4 a Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute, nuovi attori per una nuova era: introdurre la promozione della salute

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per l'occupazione e gli affari sociali 15.4.2015 2014/2236(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sull'imprenditoria sociale e l'innovazione sociale nella lotta alla disoccupazione

Dettagli

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità:

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità: Sanità digitale Il completamento dell informatizzazione dell area clinico-sanitaria, la dematerializzazione della documentazione clinica e l accessibilità alle informazioni ed ai servizi da qualsiasi punto

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

FSE ed EHR vs Taccuino e PHR Il percorso della Emilia Romagna

FSE ed EHR vs Taccuino e PHR Il percorso della Emilia Romagna FSE ed EHR vs Taccuino e PHR Il percorso della Emilia Romagna Trento, 21 marzo 2014 Anna Darchini Agenda Approccio Emilia Romagna EHR Componenti approccio lineare Stato dell arte La Visione verso Taccuino

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ASSEMBLEA LEGISLATIVA "BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI" I COMMISSIONE ASSEMBLEARE PERMANENTE

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ASSEMBLEA LEGISLATIVA BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI I COMMISSIONE ASSEMBLEARE PERMANENTE Atti assembleari VIII LEGISLATURA Commissioni DOCUMENTI - PROGETTI DI LEGGE E DI REGOLAMENTO - PROVVEDIMENTI ATTI E RELAZIONI DI COMPETENZA DELL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONE EMILIA-ROMAGNA ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia MPG PON Governance e Azioni di Sistema - 2007/2013 Ob. 1 Asse E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico

Dettagli

Agenda digitale italiana Sanità digitale

Agenda digitale italiana Sanità digitale Agenda digitale italiana Sanità digitale Paolo Donzelli Ufficio Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione tecnologica Presidenza del

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi

La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi Annalisa Faggionato Palmanova, 29 giugno 2011 Evoluzione del

Dettagli

DIRETTIVA 2011/24/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2011/24/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 4.4.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 88/45 DIRETTIVE DIRETTIVA 2011/24/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 9 marzo 2011 concernente l applicazione dei diritti dei pazienti relativi

Dettagli

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 1) La programmazione dei fondi europei 2014 2020 L UE propone attraverso Europa 2020 una strategia concentrata su alcune priorità, innervata

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Pag 1 di 14

CAPITOLATO TECNICO. Pag 1 di 14 GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI MONITORAGGIO, VERIFICA E SUPPORTO TECNICO AI PROGETTI REALIZZATI DALLE SCUOLE AMMESSE AL FINANZIAMENTO NELL AMBITO DELL INIZIATIVA E-INCLUSION.

Dettagli

MEDICINA TRANSFRONTALIERA

MEDICINA TRANSFRONTALIERA MEDICINA TRANSFRONTALIERA DIRETTIVA 2011/24/UE applicazione dei diritti dei pazienti relativi all assistenza sanitaria transfrontaliera Adriano Ramello ANPO CENTRO STUDI 15/04/2013 1 Articolo 21 Attuazione

Dettagli

Investire efficacemente su Istruzione e Formazione: un imperativo per l'europa Gennaio 2003 - Comunicazione della Commissione

Investire efficacemente su Istruzione e Formazione: un imperativo per l'europa Gennaio 2003 - Comunicazione della Commissione 1.2 Il quadro di riferimento europeo: obiettivi, strategie, raccomandazioni La scelta di inserire un breve approfondimento che estenda l analisi di contesto alla dimensione europea è stata dettata da più

Dettagli

(Schema di decreto legislativo n. 54)

(Schema di decreto legislativo n. 54) Attuazione della direttiva 2011/24/UE in materia di assistenza sanitaria transfrontaliera nonché della direttiva 2012/52/UE in materia di riconoscimento delle ricette mediche emesse in un altro Stato membro

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

Antenne Europee: il ruolo degli Uffici di Bruxelles

Antenne Europee: il ruolo degli Uffici di Bruxelles Antenne Europee: il ruolo degli Uffici di Bruxelles Giornata Informativa- Progetto Mattone Internazionale Borgo Gregoriopoli di Ostia Antica 19 Aprile 2012 Sabrina Montante e Daniela Negri Staff Mattone

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Al servizio di gente unica STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Trieste 11 febbraio 2015 La crescita digitale in

Dettagli

Che cosa è la semplificazione? 3. Come è possibile semplificare? 4. Quali sono le proposte della Commissione? 5

Che cosa è la semplificazione? 3. Come è possibile semplificare? 4. Quali sono le proposte della Commissione? 5 Commissione europea Semplificare la politica di coesione per gli anni 2014-2020 Indice Introduzione 2 Che cosa è la semplificazione? 3 Come è possibile semplificare? 4 Quali sono le proposte della Commissione?

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/17/CU02/C8-C9 PARERE SUL DISEGNO DI LEGGE

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/17/CU02/C8-C9 PARERE SUL DISEGNO DI LEGGE CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/17/CU02/C8-C9 PARERE SUL DISEGNO DI LEGGE DELEGA RECANTE NORME RELATIVE AL CONTRASTO ALLA POVERTÀ, AL RIORDINO DELLE PRESTAZIONI E AL SISTEMA DEGLI

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa IP/03/645 Bruxelles, 7 maggio 2003 Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa La Commissione europea ha pubblicato la strategia per il mercato

Dettagli

FSE, Taccuino e Telemedicina: situazione attuale e prospettive

FSE, Taccuino e Telemedicina: situazione attuale e prospettive FSE, Taccuino e Telemedicina: situazione attuale e prospettive Dott.ssa Lidia Di Minco Direttore Ufficio Coordinamento, Sviluppo e Gestione del NSIS Direzione Generale del Sistema Informativo e Statistico

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

Finanziamento EU per le politiche sociali

Finanziamento EU per le politiche sociali Finanziamento EU per le politiche sociali Struttura istituzionale delle politiche europee Divisione in settori di politiche sociali per Dipartimenti: DGs (Directorates-General) http://ec.europa.eu/about/ds_en.htm

Dettagli

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa?

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Paolo Donzelli DG Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 14 maggio 2014 (15.05) (OR. en) 9516/1/14 REV 1 EDUC 137 SOC 336

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 14 maggio 2014 (15.05) (OR. en) 9516/1/14 REV 1 EDUC 137 SOC 336 CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 14 maggio 2014 (15.05) (OR. en) 9516/1/14 REV 1 EDUC 137 SOC 336 NOTA RIVEDUTA del: Comitato dei rappresentanti permanenti (parte prima) al: Consiglio n. doc. prec.:

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale

Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale marco mietto L Unione europea si è data cinque obiettivi da realizzare entro la fine del decennio: 1.occupazione: il tasso di occupazione deve essere del

Dettagli

2014-2020. Horizon. Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism

2014-2020. Horizon. Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism 2014-2020 Horizon Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism Regolamento (UE) n. 1291/2013 che istituisce Horizon 2020 - il programma quadro di ricerca e innovazione (2014-2020) Base giuridica

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 8.12.2008 COM(2008) 819 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Piano di azione per la donazione e il trapianto di organi (2009-2015): rafforzare la cooperazione

Dettagli

Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana

Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana Alessandra Morelli Regione Toscana Trento, 21 marzo 2014 AGENDA Il Sistema Sanitario della Toscana (SST) Obiettivi e strumenti Sistema ICT Il progetto

Dettagli

Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020. Cristiano "R"ipoli

Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020. Cristiano Ripoli Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020 All interno di una «politica di coesione» (Politica di coesione 2014-2020)......mobilitare fino a 366,8 miliardi di euro

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO 7.7.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 199/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2011 Youth on the Move Promuovere

Dettagli

8394/15 rus,bla/paz/gl/s 1 DPG LIMITE IT

8394/15 rus,bla/paz/gl/s 1 DPG LIMITE IT Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 22 giugno 2015 (OR. en) 8394/15 LIMITE CO EUR-PREP 20 NOTA Origine: Segretariato generale del Consiglio Destinatario: Consiglio Oggetto: Consiglio europeo (25 e

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE. Consultazione relativa ad un azione comunitaria nel settore dei servizi sanitari

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE. Consultazione relativa ad un azione comunitaria nel settore dei servizi sanitari IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 26.09.2006 SEC (2006) 1195/4 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Consultazione relativa ad un azione comunitaria nel settore dei servizi sanitari IT IT

Dettagli

l imprenditoria sociale

l imprenditoria sociale L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Mercato interno e servizi Per la versione elettronica di questo opuscolo, consultare: http://ec.europa.eu/internal_market/publications/docs/sbi-brochure/sbi-brochure-web_it.pdf

Dettagli

DIRETTIVA SUI SERVIZI SANITARI

DIRETTIVA SUI SERVIZI SANITARI DIRETTIVA SUI SERVIZI SANITARI Proposta di Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa a cure sanitarie transfrontaliere sicure, di elevata qualità ed efficienti FASI PRECEDENTI DELLA PROPOSTA

Dettagli

Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013

Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013 Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013 Base giuridica Descrizione Per l'attuale periodo di programmazione del FSE (2007-2013), nel 2006 e nel 2007 è stato adottato un nuovo pacchetto di regolamenti. REGOLAMENTO

Dettagli

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sezione per la promozione degli scambi dell Ambasciata d Italia Sintesi dell Accordo di Partenariato con la

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 20.4.2004 COM(2004) 304 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

OGGETTO: programmazione fondi europei: periodo 2014-2020.

OGGETTO: programmazione fondi europei: periodo 2014-2020. Assessorat de l éducation et de la culture Assessorato istruzione e cultura Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche comprensive della scuola secondaria di secondo grado comprese le paritarie Réf. n

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

DALLA STRATEGIA DI LISBONA AL POR MARCHE FSE 2007/2013. Mauro Terzoni Urbino 6 Luglio 2007

DALLA STRATEGIA DI LISBONA AL POR MARCHE FSE 2007/2013. Mauro Terzoni Urbino 6 Luglio 2007 DALLA STRATEGIA DI LISBONA AL POR MARCHE FSE 2007/2013 Mauro Terzoni Urbino 6 Luglio 2007 DA MAASTRICHT A LISBONA Con il trattato di Maastricht (7 febbraio 1992) la politica economica europea si era basata

Dettagli

DIRITTO SOCIETARIO BASE GIURIDICA OBIETTIVI

DIRITTO SOCIETARIO BASE GIURIDICA OBIETTIVI DIRITTO SOCIETARIO Nonostante non esista un diritto societario europeo codificato, la legislazione dell'unione prevede norme minime applicabili alle imprese in tutta l'unione europea. Due importanti strumenti

Dettagli

Agenda digitale europea: iniziative fondamentali (vedi anche IP/10/581 e MEMO/10/199)

Agenda digitale europea: iniziative fondamentali (vedi anche IP/10/581 e MEMO/10/199) MEMO/10/200 Bruxelles, 19 maggio Agenda digitale europea: iniziative fondamentali (vedi anche IP/10/581 e MEMO/10/199) Perché un'agenda digitale europea? L'Europa ha bisogno di un nuovo piano di azione

Dettagli

e delle imprese di servizi 2014/2015 Laurea magistrale in Servizio sociale e politiche sociali Fondi e finanziamenti Tipologie di Fondi Fondi pubblici: derivano dall attuazione di obiettivi politici locali

Dettagli

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI SIE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E CAPACITA ISTITUZIONALE FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 Il PON Governance e capacità istituzionale

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli