COMUNE DI AGRIGENTO ***

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI AGRIGENTO ***"

Transcript

1 PROPOSTA SETT. P.M. W O~ DEL«(;/o(,/~ REGISTRO PROPOSTE w.mfl DEL ce/oisi H COMUNE DI AGRIGENTO *** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. dj4 del (!i {O 8 {.2PI3 Oggetto: Adesione nuovo accordo quadro ANCI e Sicurezza e Ambiente su: "Progetto Trasparenza" - servizio di antifrode assicurativa. Approvazione ulteriore servizio aggiuntivo del. n 78 del 22/06/2011 e schema di convenzione. L'anno duemilatredici, il giorno ---,;wtt/uc.""-'-->ù-<- del mese di ~sso alle ore.{3 od e seguenti, in Agrigento, nel Palazzo di Città, si è riunita la Giunta comunale nelle seguenti persone: Nome e Cognome firma,1 I p A Zambuto Marco Luparello Pietro Sindaco Vice Sindaco Amato Antonino Assessore l Valenza Ignazio Assessore Pilato Patrizia Messina Francesco Assessore Assessore 1/10 1..A..J Partecipa alla seduta il Segretario Generale dott.:;,,,,, 5. (Nhi \ IfA 'Kob1CA che svolge funzioni di verbalizzante, ai sensi dell'art. 52 della legge 142/90, come recepito con L.R. 48/91. Totale Il Presidente, constatato che gli intervenuti sono in numero legale, dichiara aperta la seduta ed invita la Giunta comunale a prendere le proprie determinazioni in ordine alla proposta di cui all' oggetto. Sulla proposta di deliberazione sono stati acquisiti ai sensi dell'art. 12 della L.R. n. 30/2000 i seguenti pareri: '!- del responsabile del servizio interessato per quanto attiene alla regolarità tecnica; ;g del responsabile del servizio di Ragioneria per quanto attiene alla regolarità contabile. 1 6

2 IL DIRIGENTE COMANDANTE RICHIAMATI I SEGUENTI ATI! - verbale di deliberazione di G.M. n 78 del 22/06/2011, con il quale si è assegnato allo scrivente dirigente, l'obiettivo finalizzato a stipulare una convenzione, sulla base dell'accordo Quadro deil'a.n.c.1., con le società aderenti, per il ripristino delle condizioni di sicurezza e viabilità stradale mediante bonifica ambientale dell'area interessata da incidenti; - determina dirigenziale n 59 del 12/07 /2012 di formalizzazione del rinnovo della convenzione stipulata con Sicurezza e Ambiente S.p.a. nell'anno 2008, giusta deliberazione di G.M. n 50 del 30/05/2008, fino al 15/12/2011; - nota pro!. N" del 15/12/2011 indirizzata alla Sicurezza e Ambiente di richiesta di adesione e contestuale proroga del servizio dal 16/12/2011 fino alla definizione del procedimento istruttorio di assegnazione di convenzione; - determinazione dirigenziale n 41 del 27/03/2012 di presa atto di fine del procedimento istruttorio e presa atto di nuovo accordo quadro ANCI con S.A. valido fino al 2015 del "Progetto Trasparenza". - determinazione dirigenziale n 69 del 07/06/2012 di rinnovo della convenzione con Sicurezza e Ambiente S.p.a. e stipula del rapporto convenzionale per anni uno. - Determinazione dirigenziale n 95 del 24/06/2013 di formalizzazione atto di proroga della convenzione con Sicurezza e Ambiente s.p.a., per anni uno, per il servizio di bonifica dell'area post incidente. PRESO AnO CHE la Sicurezza e Ambiente s.p.a., con la quale questo Ente ha stipulato rapporto convenzionale per il raggiungimento dell'obiettivo previsto dal Titolo Il del C.d.S. ed in particolare dall'art. 14, che prevede la responsabilità dell'ente proprietario dell'infrastruttura stradale, deve ripristinare, nel minor tempo possibile, le condizioni di sicurezza e viabilità dell'area interessata da incidenti, con l'obbligo di garantire che gli interventi di bonifica ambientale post-incidente siano effettuati nel pieno rispetto della normativa del C.d.S. e del L.vo n 152/2006; la stessa società, oltre ad assicurare gli interventi ordinari obbligatori, ha offerto e continua ad offrire i seguenti servizi aggiuntivi: (giusto art. 1 schema di convenzione approvato con del G.M. N" 78 del 22/06/2011)./ interventi di ripristino delle condizioni di sicurezza e viabilità post incidente, privi dell'individuazione del veicolo il cui conducente abbia causato l'evento e quindi, con la possibilità per la società di recuperare i costi dalle Compagnie di assicurazione;./ trattamento, in caso di "incidenti rilevanti", di sversamenti e/o dispersione di materiale pericoloso, inquinante o tossico trasportato, in quantità tali da richiedere la bonifica del territorio../ Esecuzione di interventi di rimozione, trasporto, conferimento provvisorio a un centro di raccolta e successiva demolizione, radiazione e cancellazione dal PRA dei veicoli e/o rimorchi rinvenuti in evidente stato di abbandono, su aree a uso pubblico e sulle aree private a uso pubblico;./ Ripristino dello stato dei luoghi per danni alle infrastrutture stradali; con comunicazione del 28 febbraio 2012 dell'ufficio stampa dell' ANCI, si è appreso che è stato stipulato un nuovo accordo con Sicurezza e Ambiente con validità fino al 2015, e che con tale accordo le parti intendono avviare un rapporto di collaborazione volto a promuovere la diffusione e l'applicazione del "Progetto Trasparenza" sviluppato e brevettato da Sicurezza e Ambiente per:./ riduzione delle frodi assicurative;./ contenimento della spesa del premio assicurativo per la R.C.A. per sinistri accidentali a carico delle amministrazioni comunali;./ ridimensionamento della spesa burocratica a carico delle Amministrazioni comunali (contenzioso, personale, relazioni);./ raccolta sistematica di dati, informazioni e notizie su una ampia casistica, per consentire azioni di intervento significative su localizzazioni di particolare interesse, eliminando gravi situazioni di rischio;./ certezza della procedure e velocità nei tempi di liquidazione dei danni quantificati;./ abbattimento della litigiosità con alleggerimento del carico di lavoro dei Giudici;./ maggiore sicurezza sociale, stradale e urbana. 2

3 CONSIDERATO CHE l'italia risulta il paese europeo con la più alta frequenza di incidenti stradali, in cui la percentuale di "sinistri anomali" inscenati dai malintenzionati, ha assunto picchi di rilevanza sociale non più trascurabile, con innalzamento dei costi delle RC auto. Sicurezza e Ambiente s.p.a., con il supporto delle istituzioni e delle compagnie assicurative, ha ideato l'innovativo servizio denominato "Progetto Trasparenza", mediante il quale il luogo dell'incidente viene cristallizzato, fissando quanto realmente accaduto in conseguenza dell'incidente stradale, non lasciando spazio alle interpretazioni, ottimizzando la corretta acquisizione dei dati e favorendo la celere istruzione della pratica, divenendo risorsa delle compagnie assicurative per arginare il fenomeno dei C.d. "sinistri anomali" dissuadendo gli autori da richieste risarcitorie relative a sinistri mai accaduti; ATIESO CHE l'innovativo servizio essendo remunerato dalle stesse compagnie assicurative, attraverso accordi, non onera in nessun modo la collettività e gli Enti locali; il Comune chiamato a stipulare onerose polizze assicurative a garanzia dei danni causati da difformità nella tenuta della strada, realizzerebbe la riduzione e con il tempo anche l'azzeramento della deplorevole prassi delle fraudolenti richieste di risarcimento danni, beneficerebbe di rilevanti scontistiche e della riduzione della franchigia sulla polizza assicurativa. PER QUANTO SOPRA SPECIFICATO alla luce della pregressa e referenziata prestazione dei servizi e degli interventi in tema di ripristino della sicurezza e della viabilità della piattaforma stradale, e a maggior garanzia per l'ente, si riterrebbe utile stipulare ulteriore convenzione con la ditta "Sicurezza e Ambiente" per il proposto "Progetto Trasparenza", al fine di rendere un servizio più completo, implementando l'operatività della medesima società, ottimizzando le risorse interne dell'ente (personale, mezzi, oneri di contenzioso etc.) mediante il monitoraggio costante ed efficace del territorio comunale, per la migliore gestione ed immagine della res publica. ATIESA la propria competenza VISTO il vigente Regolamento Comunale sull'ordinamento degli uffici e dei servizi VISTO lo Statuto Comunale VISTO il Decreto Legislativo n 267/2000 PROPONE Per le motivazioni esposte e qui integralmente richiamate a) di prendere atto dell'ulteriore servizio aggiuntivo previsto dall'accordo Quadro ANCI e la società Sicurezza e Ambiente S.p.a. denominato "Progetto Trasparenza"che offre:./ riduzione delle frodi assicurative;./ contenimento della spesa del premio assicurativo per la R.C.A. per sinistri accidentali a carico delle amministrazioni comunali;./ ridimensionamento della spesa burocratica a carico delle Amministrazioni comunali (contenzioso, personale, relazioni);./ raccolta sistematica di dati, informazioni e notizie su una ampia casistica, per consentire azioni di intervento significative su localizzazioni di particolare interesse, eliminando gravi situazioni di rischio;./ certezza della procedure e velocità nei tempi di liquidazione dei danni quantificati;./ abbattimento della litigiosità con alleggerimento del carico di lavoro dei Giudici;./ maggiore sicurezza sociale, stradale e urbana. 3

4 bl Di assegnare al sottoscritto Dirigente Comandante della Polizia Municipale l'obiettivo di avvalersi del suddetto servizio aggiuntivo secondo le prescrizioni riportate nell'accordo quadro e nello schema di convenzione allegato alla presente come parte integrante e sostanziale; cl Di autorizzare, conseguentemente il suddetto Dirigente alla stipula della convenzione per il sopracitato servizio aggiuntivo, sulla base dei predetti allegati, per la stessa durata della convenzione a cui si riferisce, con possibilità di rinnovo, anche tacito, da parte del Dirigente competente, previa verifica della sussistenza di ragioni di pubblico interesse e dei risultati conseguiti in conformità agli obiettivi del Comune assunti e dichiarati con il presente atto, nonché ogni atto gestionale connesso; dl Di dare atto che il rapporto convenzionale non comporta alcun onere finanziario a carico del bilancio comunale; el Di dare atto che il proposto atto aggiuntivo sarà valido dalla data di sottoscrizione, fino alla naturale scadenza della "Convenzione" a cui si riferisce. f) Di dichiarare il presente provvedimento immediatamente esecutivo ai sensi dell'art. 12, comma 2, della L.R. n. 44/91 s.m.i. 4

5 Parere in ordine alla regolarità tecnica Si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica della proposta del provvedimento deliberativo I in oggetto, ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 49 del D.lgs 267/2000 e dell'art. l,comma 1, lettera i'l della L.R. n. 48/91 come integrato dall'art. 12 della L.R. 30/2000 nonché della regolarità e della 1 correttezza dell'azione amministrativa ai sensi dell'art. 147 bis del D.lgs n. 267/2000.! Il Dirigente Comandante! ~ +c:=== ~_o~.xs~ ~A~nt_o~ni~ca ~1 I Parere in ordine alla regolarità contabile, Visto e condiviso il contenuto dell'istruttoria si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità I contabile ella proposta del provvedimento deliberativo in oggetto, ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 49! I del D.lgs 267/2000 e dell'art. 1, comma l, lettera i, della L.R. n. 48/91 come integrato dall'art. 12 della i 1 I L.R. 30/2000 nonché l'assenza di condizioni che possano determinare lo squilibrio nella gestione delle 5

6 SiCUl'eZZa e Ambiente S.p.A. Associazione Nazionale dei Comuni Itsliani - ACCORDO QUADRO-

7 ., Sicurezza e Ambiente S.p.A., con sede Largo Ferruccio Mengaronl, n Roma, C.F. e P. IV A , numero REA , Registro Imprese di Roma, in persona del Presidente del C.d.A. e legale rappresentante pro tempore (di seguito "Sicurezza: e AmDlente") e Assocluione Nazionale dei Comuni ltalianl, con sede in Via dei Prefetti n Roma, C.F , in persona de11egale rappr.te pro tempore Segretario Generale Angelo Rughettl (di seguito n ANCl") di seguito anche slngo1ermente "Parte" e congiuntamente "Parti" Premesso che le truffe alle compagnie d'assicurazione auto sono uno dei reati più comuni in Italia; che organizzazioni crimlnali e para-criminali traggono notevoli profitti dall'organizzazione di finti incidenti; che tale fenomeno ha ricadute negative sulla totalità dei cittadini, a fronte dei continui aumenti praticati dalle Compagnle assicurative; che il fenomeno delle frodi assicurative ha una forte incidenza oltre che sul cittadini anche sugli Enti proprietari elo gestori di reti stradali; che attualmente le Amministrazioni Comunall sono munite di copertura assicurativa per responsabilità civile verso terzi, per tutti quegli incidenti stradall che vedono protagonisti degli utenti della strada che ricevono un danno durante la fase della circolazione dinamica dalla presenza di improvvise buche o dislivelli elo liquidi o detriti (spesso conseguenza di precedenti incidenti stradali e incautamente non rimossi o protetti) presenti sulla sede stradale; che gli Enti proprietari della strada rispondono civilmente di tutti i danni conseguenti a tali incidenti, con.sostanz1ali difficoltà nella verifica della veridicità di quanto lamentato, quando non intervengono nell'immediatezza; che quanto evidenziato al punto precedente provoca:./ aumento esponenziale dei premi assicurativi per la responsabilità civile degli Enti proprietari della strada;./ costi di carattere organizzativo - burocratico per la pubblica Amministrazione (spese legali, personale di P.M. accertatore, relazioni, ecc.);./ alti costi di contenzioso; Considerato che Sicurezza e Ambiente S.p.A. è la società che ha ideato il servizio di ripristino della sicurezza stradale post incidente, senza costo per la Pubblica Anurrltùstrazione, che risponde all'esigenza degli Enti proprietari delle strade di provvedere alla manutenzione e pulizia delle strade in seguito al verificarsi di incidenti stradali (art. 14 del Codice della Strada); 2

8 I.. che Sicurezza e Ambiente S.p.A. svolge attualmente il servizio dì ripristino post incidente sulle strade di competenza di oltre Amministrazioni Comtmalì sull'intero territorio nazldnale; che Sicurezza e Ambiente s.p.a. dispone di una rete di strutture operative altamente spec:lallzzate dislocate su tutto il territorio nazionale che gli consente di garantire dei tempi di arrivo sui luoghi degli incidenti molto rapidi; che Sicurezza e Ambiente S.p.A. ha elaborato e brevettato un servizio denominato "Progetto T:rasparenza" con peculiare funzionalità antifrode assicurativa; che il "Progetto Trasparenza" prevede che alla segnalazione di un sinistro alla Centrale Operativa di Sicurezza e Ambiente S.p.A. venga inviato un operatore sui luogo del sinistro per effettuare la ripresa fotografica del teatro dell'incidente con la rilevazione dei seguenti dati: - collocazione temporale e spaziale dell' evento (data, ora, luogo); - targhe dei veicoli coinvolti; - denominazione delle rispettive Compagnie di assicurazione; - numero delle persone presenti in ciascun veicolo al momento del sinistro; rilievo fotografico dei danni ai veicoll, con dettaglio sui particolari; - presenza o meno di testimoni; - attivazione o meno dell' air bas; ripresa fotografica dello stato della pavimentazione (defonnazioni, eventuale presenza di buche, ecc.), dei danni alle strutture/infrastrutture e ali' ambiente; che le infonnazioni sopra ejencate sono trasmesse via internet in tempo reale alla Centrale Operativa di Sicurezza e Ambiente S.p.A. e inviate telematicamente al1'aocount/mail dedicato deda Compagnia Assicurativa di riferimento, vengono quindi anche archiviate su una Banca Dati alla quale hanno accesso le Compagnie di Assicurazione e l'ente proprietario/gestore della strada; che i costi di tale servizio SOno posti a carico delle Compagnie di assicurazione, in forza di contratti sottoscritti con queste ultime, e sono ottimizzati grazie al fatto che Sicurezza e Ambiente S.p.A. già dispone di un'organlzzazione diffusa capillarmente su tutto il territorio nazionale, predisposta e formata appositamente per Intervenire in emergenza al verificarsi di incidenti stradali; che il "Progetto Trasparenza" è già stato testato sull'area pilota del Comune di Roma; che il servizio "Progetto Trasparenza" è stato presentato all' Anta, all'isvap ed alle imprese assicurative ricevendo apprezzamento e condivisione unanime; che Sicurezza e Ambiente S.p.A. è l'unica società presente sui mercato ad offrire un servizio di questa natura e con le pecui:larità sopra specificate. Ulteriormente considerato che è compito delle Amminisll'azioni Comunali assumere tutte quelle iniziative dl prevenzione sociale e per la vivibllità e qualificazione del luoghi di vita che possono concorrere a rendere più difficoltoso Il manifestarsi di fenomeni di disagio sociale e di comportamenti devianti; 3

9 I i f che i dati raccolti. grazie al Progetto Trasparenza consentono di cristallizzare la realtà degli eventi sinlstrosi e riducono lo spazio per la realizzazione di frodi a danno delle compagnie assicurative, dei cittadini e delle Ammlnistrazioni Comunali; che la collaborazione delle AmminlBtrazioni Comunali ed in particolare del corpi di Polizja Municipale, ai quali è demandata la rilevazione del sinistri verificatisi nelle aree di competenza di tali Enti, è fondamentale per la diffusione su larga scala del "Progetto Trasparenza" e per il conseguimento del risultati attesi; che ANCI rappresenta Comuni, Città Metropolitane ed Enti di derlvazlone comunale, ne promuove lo sviluppo e la crescita, svolge attività di sostegno, assistenza tecnica ed erogazione di servizi nell'interesse e nel confronti degli associati;. che ANCI persegue i propri obiettivi sia su base nazionale che locale, anche mediante l'organizzazione di convegni e la sponsorizzazione di servizi ed eventi dedicati ai propri assodati; che ANCI e Sicurezza e Ambiente hanno già in precedenza stretto, con reciproca e ancora attuale soddisfaziq11e, Accordi Quadro, aventi ad oggetto la promozione nei CQ11fronti dei Comuni associati all'anci del servizio di ripristino delle condizioni di sicurezza e viabilità delle aree interessate da incidenti stradali, offerto da Sicurezza e Ambiente S.p. A.; Tutto quanto sopra premesso e considerato le.parti, come sopra rappresentate, convengono e stipulano quanto segue: Arlicolot Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente Accordo e si danno per note ed accettate dalle Parti, Articolo 2 Finalità dell'accordo Con il presente Accordo le parti intendono avviare un rapporto di collaborazione volto a promuovere la diffusione su larga scala, nel territori del Comuni asselciati ali'anci, l'applicazione del "Progetto Trasparenza" sviluppato e brevettato da Sicurezza e Ambiente S.p.A, al fine di perseguire i seguenti obiettivi: riduzione delle frodi assicurative; contenh:nento della spesa del premio assicurativo per la Re Auto a carico dei cittadini; contenimento della spesa del premio assicurativo per la responsabilità civile per sinistri accidentali a carico delle Amministrazioni Comunali; ridimensionamento della spesa "burocratica" a carico delle Amminlstrazioni Comunali (contenzioso, personale, relazioni, ecc.); raccolta sistematica di dati, informazioni e notizie su una ampia casistica, per consentire azioni di intervento significative su localizzazioni di particolare interesse, eliminando gravi situazioni di rischio; certezza delle procedure e velocità nei tempi di liquidazione del danni quantificati; abbattimento della litigiosità con alleggerimento del carico di lavoro dei Giudici di Pace e dei Tribunali ; 4

10 maggiore sicurezza sociale, stradale e urbana., I. I l I I! Articolo 3 Impegni delle Parti Sicurezza e Ambiente si Impegna a garantire gratuitamente l'esecuzione del "Progetto Trasparenza" sul territorio delle Amministrazioni Comunali associate ad ANO nel rispetto del seguenti standard: 1. centrale operativa in h 24 per 365 giorni r anno dotata di numero verde , unico valido su tutto il territorio nazionale, n servizio potrà essere attivato direttamente dagli utenti della strada elo dai soggetti preposti (Polizia Municipale e personale degli Enti proprietari delle strade); 2. srrivo sul luogo del sinistro entro minuti con l'utilizzo di mezzi di trasporto georeferenziati., (prioritariamente moto polifunzlonali), tali da consentire il monitoraggio degli spostamenti sul territorio, al fini del controllo e del supporto ad opera della Polizia Municipale terrltorlalmente competenti; 3. attivazione dalle centrali operative di Polizia Municipale (quali soggetti riconosciuti dall'art. n 12 del C.d.S.) nel caso di incidenti stradali con feriti elo morti per le procedure di rilevamento ex art. 189 C.d.S. 4. creazione di una Banca dati dei sinistri unificata con accesso riservato all' Amministrazione Comunale. ANO si Impegna a promuovere e dlvulgllie, attraverso i propri canali di comunicazione istituzionale e per il tramite della Sua società di comunicazione ed organizzazjone eventi ComuniCare, Yoperatività del Progetto Trasparenza: - favorendo il processo di adesione delle Amministrazioni Comunali; organizzando convegni e incontri formativi (la copertura economica sarà a carico di Sicurezza&Ambiente) volti a sensibilizzare I Corpi di Polizia Municipale delle Ammlnlstrazionl Comunali associate ANO riguardo le modalità operative e gli obiettivi perseguiti con l'applicazione del "Progetto Trasparenza". Articolo 4. Decorrenza e durata Il presente Accordo ha decorrenza dalla data della sua sottoscrizione e avrà durata fino a e comunque fino all'eventuale reces80 di una di esse, come previsto dal successivo IIIticolo 7. ArtIcolo 5 Principi generati di regalazione del rapporto Le Parti si Impegnano al rispetto delle normative vigenti e dei comuni principi di etica professionale, al fine di non porre in essere alcuna azione pregiudizievole nei confronti dell'altra Parte e dei terzi in genere. Le Parti si impegnano a porre in essete ognl cura ed azione per garantire il rispetto dei seguenti principi fondamentali: (a) corretta gestione ed uso delle informazioni riservate o confidenziali ricevute da terzi, in modo tale da non falsare la ooncorrenza; (h) adozione di pratiche contrattuali nel pieno rispetto dei canoni di correttezza e diligenza. 5

11 Articolo 6 Buona fede Le Parti dichiarano e riconoscono che le pattulzioni oggetto del presente Accordo sono lrutto di una amichevole e ponderata intesa tra di loro raggiunta; pertanto gj obbligano - quale impegno di correttezza - ad osservarle lealmente e con splrito collaborativo. Resta fermo il falto che le Parti non sono vincolate ad alcun rapporto di esclusiva e che si riservano la postnbilità di stipulare accordi aneloglù con altri soggetti operanti nei settori di competenza delle parti. Per tutti gli aspetti non disciplinati dal presente Accordo, le Parti si obbligano reciprocamente a svolgere le attività di propria competenza nel rispetto del generale principio di buona fede di cui a1l' articolo 1375 del codice civile. Articolo 7 Recesso Le Parti convengono gjn d'ora che ciascuna di esse potrà recedere dal presente Accordo in qualsiasi momento, comunicando all' altra la propria intenzione tramite raccomandata a/r con un preavviso di almeno 30 gg. Articolo 8 Acquiescenza Qualunque eventuale tolleranza, anche reiterata, di inosservanza di una delle Parti degli impegni di correttezza, lealtà, buona fede ed in generale dei doveri stabiliti dal presente Accordo, non potrà in alcun modo essere interpretata come tacita abrogazione dei patti che li prevedono o tacita rinuncia ai diritti spettanti ai!' altra Parte in virtù delle suddette previsioni.! ) I I I! I Articolo 9 Interpretazione e Invalidità parziale TI presente Accordo dovtà essere interpretato ed eseguito secondo buona fede, avendo riguardo alla comune intenzione delle Parti e al rlsultato sostanziale che, con la sottoscrizione del presente Accordo, esse intendono ragionevolmente perseguire. Nel caso in cui una o piil previsioni del presente Accordo dovessero risultare contrarie a norme inderogabili di legge o comunque dovessero venire dichlarate nulle o annullate, le rimanenti previsioni del presente Accordo rimarranno in vigore per conservare, per quanto possibile, lo scopo originariamente voluto dalle PartL Articolo 10 Modifiche, integrazioni e specifiche Le Parti convengono che ogni eventuale modifica, integrazione elo specifica al presente Accordo - che si rendesse necessaria elo opportuna - potrà essere apportata esclusivamente per iscritto di comune accordo tra le Parti medesime. Le Parti si danno reciprocamente atto che le suddette modifiche, integrazioni elo specifiche saranno dalle stesse negoziate in buona fede e nel rispetto dei principi enunciati nel presente Accordo, al fine del piil soddisfacente e proficuo raggiungimentodei reciproci obiettivi ed interessi sottesi all' Accordo medegjmo. 6

12 Articolo 11 Comunicazioni Tutti gli avvisi e le comunicazioni ufficiali tra le Parti dovranno essere effettuate per iscritto mediante lettera l'accomandata con avviso di ricevimento. Articolo 12 Controversie - Componimento bonario Qualsiasi controversia dovesse Insorgere In relazione al presente Accordo ed alla sua interpretazione, esecuzione, validità o efficacia dovrà essere risolta amichevolmente, obbligandosi le Parti ad assumere un comportamento responsabile e bonario quale principio immanente nella collaborazione oggetto del presente Accordo. Letto, approvato e sottoscritto Roma, 18 Gennaio

13 Atto Aggiuntivo per l'esecuzione degli interventi di rilevazione, acquisizione, archiviazione, dei dati utili alla corretta e trasparente istruttoria delle pratiche relative ad incidenti stradali - "Servizio Trasparenza" ALLA CONVENZIONE per il ripristino delle condizioni di sicurezza stradale e la reintegra delle matrici ambientali, compromesse dal verificarsi di incidenti stradali, interventi eseguiti in situazioni di emergenza tra il "Comune di... ", con sede in..., Codice Fiscale e Partita I.V.A. n......, rappresentato nel presente atto da..., nato a... (... ) il... domiciliato per la carica presso la sede comunale, giusto atto di nomina..., n..., repertorio n..., in seguito per brevità denominato anche "Comune"; e "Sicurezza e Ambiente S.p.A.", con sede in Largo Ferruccio Mengaroni n Roma, Capitale Sociale ,00, Codice Fiscale e Partita I.V.A. n , iscritta al Registro delle Imprese di Roma al R.E.A. n , in persona di....., nella Sua qualità di ". o " " O", ". "",. "'1.. '" "". '. o, " "., o o.,,,,, " Premesso 1. che il Comune ha provveduto alla sottoscrizione della convenzione con Sicurezza e Ambiente S.p.A. per l'affidamento del servizio di ripristino post incidente; 2. che Sicurezza e Ambiente S.p.A. ha allestito le strutture necessarie a soddisfare le esigenze operative del Comune 3. che le truffe alle compagnie d'assicurazione auto sono uno dei reati più comuni in Italia; 4. che organizzazioni criminali e para-criminali traggono notevoli profitti dall'organizzazione di finti incidenti; 5. che tale fenomeno ha ricadute negative sulla totalità dei cittadini, a fronte dei continui aumenti praticati dalle Compagnie assicurative; 6. che il fenomeno delle frodi assicurative ha una forte incidenza oltre che sui cittadini anche sugl' Enti proprietari e/o gestori di reti stradali; 7. che attualmente le Amministrazioni Comunali sono munite di copertura assicurativa per responsabilità civile verso terzi, per tutti quegli incidenti stradali che vedono protagonisti degli utenti della strada che ricevono un danno durante la fase della circolazione dinamica dalla presenza di improvvise buche o dislivelli e/o liquidi o detriti (spesso conseguenza di precedenti incidenti stradali e incautamente non rimossi o protetti) presenti sulla sede stradale; 8. che gli Enti proprietari della strada rispondono civilmente di tutti i danni conseguenti a tali incidenti, con sostanziali difficoltà nella verifica della veridicità di quanto lamentato, quando non Intervengono nell'immediatezza; 9. che quanto evidenziato al punto precedente provoca:./ aumento esponenziale dei premi assicurativi per la responsabilità civile degli Enti proprietari della strada;./ costi di carattere organizzativo - burocratico per la pubblica Amministrazione (spese legali. personale di P.M. accertatore, relazioni, ecc.);./ alti costi di contenzioso; 10. che Sicurezza e Ambiente S.p.A. ha elaborato. e brevettato un servizio denominato "Servizio Trasparenza" con peculiare funzionalità antifrode assicurativa; 11. che il "Servizio Trasparenza" prevede che alla segnalazione di un sinistro alla Centrale Operativa di Sicurezza e Ambiente S.p.A. venga inviato un operatore sul luogo del sinistro per effettuare la ripresa fotografica del teatro dell'incidente con la rilevazione dei seguenti dati: collocazione temporale e spaziale dell'evento (data, ora, luogo);

14 targhe dei veicoli coinvolti; denominazione delle rispett'lve Compagnie di assicurazione; numero delle persone presenti in ciascun veicolo al momento del sinistro; rilievo fotografico dei danni ai veicoli, con dettaglio sui particolari; presenza o meno di testimoni; attivazione o meno dell'air bag; ripresa fotografica dello stato della pavimentazione (deformazioni, eventuale presenza di buche, ecc.), dei danni alle strutture/infrastrutture e all'ambiente; 12. che le informazioni sopra elencate sono trasmesse via internet in tempo reale alla Centrale Operativa di Sicurezza e Ambiente S.p.A. e successivamente archiviate su una Banca Dati alla quale hanno accesso le Compagnie di Assicurazione e l'ente proprietario/gestore della strada; 13. che con l'applicazione sistematica del "Servizio Trasparenza" il Comune potrebbe ottenere i seguenti benefici: rilevanti scontistiche e di riduzioni nelle franchigie al momento della stipula della polizza assicurativa garante dei danni configurati per effetto di insidie stradali, grazie alla dimostrazione di aver adottato misure idonee a scongiurare le frodi a danno delle compagnie assicurative e del Comune (per la parte coperta da franchigie); le vittime dei danni configurati per effetto di tali incidenti potranno contare sull'agevole e celere procedura di accertamento e liquidazione del danno subito, in quanto il Comune avrà accesso in tempi molto rapidi ad ogni elemento necessario alla esaustiva istruttoria della pratica; la riduzione (e con il tempo l'azzeramento) della deplorevole prassi delle fraudolente richieste di risarcimento danni per insidie presenti sulla strada; maggiori informazioni sulla tenuta del patrimonio stradale, migliorandone il monitoraggio, la gestione e manutenzione, nonché l'immagine della res publica; 14. che l'economicità delle attività relative al "Servizio Trasparenza" è interamente ad appannaggio delle compagnie assicuratrici garanti per la r,c.a.~ non è previsto in nessun caso alcun onere a carico dell'amministrazione, come meglio specificato nel successivo art. 5; Considerato A. che Sicurezza e Ambiente S.p.A. è l'unica società presente sul mercato ad offrire un servizio di questa natura e con le peculiarità sopra specificate; B. che Sicurezza e Ambiente S.p.A., ha dotato l'impianto operativo territorialmente competente della strumentazione tecnologica ed informatica finalizzata alla trasmissione in tempo reale dei dati raccolti nell'ambito del "Servizio Trasparenza"; C. che in data 18 Gennaio 2012 Sicurezza e Ambiente S.p.A. ha sottoscritto Accordo Quadro con l'associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI Italia), con il quale, l'anci, valutata l'utilità del "Progetto Trasparenza" per le Amministrazioni associate, indica alle Amm'lnistrazioni Comunali l'opportunità di aderire ai servizi offerti da Sicurezza e Ambiente S.p.A. Tutto ciò premesso, da considerarsi a ogni effetto di legge parte integrante e sostanziale del presente accordo, le Parti convengono e stipulano quanto segue: Articolo 1 Accordo ed oggetto della convenzione 1. Il "Comune di...,... " concede a "Sicurezza e Ambiente S.p.A.", che accetta, il servizio "di rilevazione, acquisizione, archiviazione con accesso telematico dei dati utili (report fotografica, modulo di servizio,... ) per la corretta e trasparente istruttoria delle prati-che relative ad incidenti stradali - di seguito "Servizio Trasparenza"- per i sinistri stradali occorsi su tutta la rete stradale comunale. 2. Il "Servizio Trasparenza" consiste nell'acquisizione di ogni dato utile - attraverso apposita modulistica e report fotografico - relativo allo status conseguente il verificarsi di incidenti stradali, meglio specificati al successivo art. 4. 2

15 Articolo 2 Modalità di attivazione degli interventi Gli interventi relativi al "Servizio Trasparenza" potranno essere richiesti direttamente dagli utenti della strada eia dalla Polizia Locale e/o dalle Forze dell'ordine presenti sul territorio, ovvero dal personale addetto alla Viabilità dipendente del Comune, attraverso comunicazione telefonica al numero verde della Centrale Operativa di Sicurezza e Ambiente S.p.A., tel (in servizio 24 ore su 24, per 365 giorni l'anno), che dovrà garantire tempi di risposta non superiori a un minuto per almeno il 90% delle chiamate. Articolo 3 Tempi di intervento 1. Considerato che il "Servizio Trasparenza" riveste carattere di pubblica utilità, con ampi risvolti sociali, in quanto direttamente connesso a garantire la trasparenza delle posizioni dei soggetti coinvolti nel sinistro, i tempi di intervento debbono essere contenuti al massimo e, salvo casi di comprovata impossibilità, non superare i 15/25 minuti, 24 ore su 24, 365 giorni l'anno 2. Ciascun intervento delle strutture operative di Sicurezza e Ambiente S.p.A potrà essere posto sotto la direzione della linea operativa dell'ente, il quale si riserva la possibilità di coordinare i movimenti dei mezzi utilizzati e di documentarne le diverse fasi di intervento. Articolo 4 Modalità operative 1. Sicurezza e Ambiente S.p.A., facendosi carico di ogni onere (economico e gestionale) -a prescindere dalla necessità di effettuare la pulitura della strada - Interverrà sul luogo del sinistro con tempestività a seguito della richiesta di intervento, per effettuare la ripresa fotografica del teatro dell'incidente con la rilevazione dei seguenti dati: collocazione temporale e spaziale dell'evento (data, ora, luogo); targhe dei veicoli coinvolti; denominazione delle rispettive Compagnie di assicurazione; numero delle persone presenti in ciascun veicolo al momento del sinistro; rilievo fotografico dei danni ai veicoli, con dettaglio sui particolari; presenza o meno di testimoni; attivazione o meno dell'airbag; ripresa fotografica dello stato della pavimentazione (deformazioni, eventuale presenza di buche, ecc.), dei danni alle strutture/infrastrutture e all'ambiente; ed altri elementi utili. l dati concernono quindi tutti gli elementi indispensabili per la corretta ricostruzione della realtà dell'evento sinistroso. 2. Le rilevazioni sono effettuate con l'ausilio di particolari dispostivi informatici progettati e brevettati da Sicurezza e Ambiente S.p.A. e/o utilizzando il Modulo di Rilevazione Facilitata allegato. Dopo la compilazione, il Modulo viene inserito in una specifica banca dati di "Sicurezza e Ambiente S.p.A. 3. Nel caso di incidenti stradali con feriti eia mo":i Sicurezza e Ambiente S.p.A. si impegna a darne immediata notizia agli agenti della Polizia Municipale (in qualità di soggetti riconosciuti dall'art. 12 del C.d.S.), qualora non ancora informati dell'accaduto, al fine di consentire le procedure di rilevamento ex art. 189 Cd.S. 4. Tutte le pratiche relative ai sinistri registrati potranno essere successivamente visionate dal Comune attraverso il portale interno del sito previo accesso grazie alle chiavi di accesso - username e password - ricevute al momento dell'attivazione di servizio, sempre gratuitamente. Articolo 5 Condizioni economiche del servizio l costi relativi al "Servizio Trasparenza", sooo sostenuti - per unità d'interrogazione - dalla 3

16 compagnia assicurativa che attinge elementi istruttori del sinistro stradale (informazioni, documentazione, report fotografico) dal portale telematico, nel quale confluiscono tutte le acquisizioni dati ottenute attraverso l'applicazione del protocollo scandito dal "Servizio Trasparenza". L'esecuzione del "Servizio Trasparenza" non prevede dunque alcun onere economico a carico della Pubblica Amministrazione. Articolo 6 Incombenze a carico del Comune 1. L'Ente, con la sottoscrizione del presente atto aggiuntivo, si impegna ad inoltrare Immediatamente e automaticamente tutte le notizie di sinistro al numero verde di Sicurezza e Ambiente S.p.A , al fine di consentire la realizzazione degli interventi di rilevazione previsti da "Progetto Trasparenza" ed il concreto conseguimento dei risultati attesi. 2. Per consentire l'adempimento di tale obbligo, l'ente si impegna ad emanare una nota che verrà diramata al Corpo di Polizia Municipale (in partico'are al personale della Sala Operativa), al Settore Viabilità, a tutti i dipendenti dell'amministrazione comunque preposti alla rilevazione o alla ricezione delle segnalazioni di sinistri, nonché a tutte le Forze dell'ordine che operano sulla rete viaria di propria competenza, al fine di illustrare le procedure di funzionamento del "Progetto Trasparenza", precisando che ad ogni segnalazione di incidenti stradali sono tenuti ad attivare l'intervento di Sicurezza e Ambiente S.p.A., mediante chiamata a numero verde Articolo 7 Durata del!' "Atto aggiuntivo" Il presente "Atto aggiuntivo" avrà la stessa durata della "Convenzione" a cui si riferisce, a meno che non intervenga disdetta da una delle Parti, da inoltrare a mezzo raccomandata A/R. Articolo 8 Varie 1. Le premesse costituiscono parte integrante del presente "Atto aggiuntivo". QualsiasI sua modifica dovrà avvenire con l'accordo delle Parti e in forma scritta. 2. Il trattamento dei dati personali avviene nel rispetto del D.lgs. 196/2003. Letto, confermato e sottoscritto. per il "Comune di... " (... ) per "Sicurezza e Ambiente S.p.A." (... ) Luogo, data Si allega alla presente: Accordo Quadro Sicurezza e Ambiente S,p.A. - AN CI 4

17 Esaminata la proposta di deliberazione di cui sopra; LA GIUNTA COMUNALE Considerato che della stessa se ne condividono tutti i presupposti di fatto e di diritto, Preso atto che su tale proposta di deliberazione sono stati resi i pareri ai sensi dell'art. 12 della legge regionale 30/2000; Ad unanimità di voti DELIBERA Per le motivazioni esposte e qui integralmente richiamate a) di prendere atto dell'ulteriore servizio aggiuntivo previsto dall' Accordo Quadro ANCI e la società Sicurezza e Ambiente S.p.a. denominato "Progetto Trasparenza"che offre:./ riduzione delle frodi assicurative;./ contenimento della spesa del premio assicurativo per la R.C.A. per sinistri accidentali a carico delle amministrazioni comunali;./ ridimensionamento della spesa burocratica a carico delle Amministrazioni comunali (contenzioso, personale, relazioni);./ raccolta sistematica di dati, informazioni e notizie su una ampia casistica, per consentire azioni di intervento significative su localizzazioni di particolare interesse, eliminando gravi situazioni di rischio;./ certezza della procedure e velocità nei tempi di liquidazione dei danni quantificati;./ abbattimento della litigiosità con alleggerimento del carico di lavoro dei Giudici;./ maggiore sicurezza sociale, stradale e urbana. b) Di assegnare al sottoscritto Dirigente Comandante della Polizia Municipale l'obiettivo di avvalersi del suddetto servizio aggiuntivo secondo le prescrizioni riportate nell'accordo quadro e nello schema di convenzione allegato alla presente come parte integrante e sostanziale; cl Di autorizzare, conseguentemente il suddetto Dirigente alla stipula della convenzione per il sopracitato servizio a iuntivo, sulla base dei pnedetti allegati, per la s ss rata della convenzione a cui si riferisce, con possibilita I rinnovo, anc e tacito a parte ompetente, revia verifica della sussistenza di ragioni di pubblico interesse e dei risultati conseguiti in conformità agli obiettivi del Comune assunti e dichiarati con il presente atto, nonché ogni atto gestionale connesso; d) Di dare atto che il rapporto convenzionale non comporta alcun onere finanziario a carico del bilancio comunale; el Di dare atto che il proposto atto aggiuntivo sarà valido dalla data di sottoscrizione fino alla naturale scadenza della "Convenzione" a cui si riferisce. f) Di dichiarare il presente provvedimento immediatamente esecutivo ai sensi dell'art. 12, comma 2, della lor. n. 44/91 s.m.i. Con separata ed unanime votazione favorevole, DELIBERA Dichiarare, il presente atto immediatamente esecutivo ai sensi dell'art. 12, comma 2 della L.R. n. 44/91. 6

18 Letto e sottoscritto, re [dente L'A~ Certificato di avvenuta affissione Per gli effetti di cui agli artt. 11 e nr.12 della l.r. 44/91 e dell' art. 12, comma 3 della l.r. n. 5/2011, si certifica che la presente deliberazione è stata affissa ali' Albo Pretori o on - line, nr. di reg. il Agrigento, lì Il Responsabile del Servizio IO - Settore IO [ l La presente deliberazione è divenuta esecutiva, decorsi dieci giorni dall 'affissione, il,ai sensi dell'art. 12, comma 1, della legge regionale 44/91. ~a presente deliberazione è divenuta esecutiva lo stesso giorno dell' adozione in quanto dichiarata Immediatamente esecutiva, ai sensi dell'art. 12, comma 2, della L.R. n. 44/91 s.m.i... Agrigento, lì O'1.loslZoB e Certificato di avvenuta pubblicazione Per gli effetti di cui all'art. 11, comma l, della l.r. n. 44/91 si certifica, su referto dell'operatore qui allegato, che la presente deliberazione è rimasta affissa all'albo pretorio on - line, nr. reg., dal al per giorni 15 ( quindici) consecutivi. Agrigento, lì Il Responsabile del Servizio ]0 - Settore IO Il Dirigente del Settore ]0 Il Segretario Generale 7

Sicurezza e Ambiente S.p.A. -e- Associazione Nazionale dei Comuni Italiani - ACCORDO QUADRO -

Sicurezza e Ambiente S.p.A. -e- Associazione Nazionale dei Comuni Italiani - ACCORDO QUADRO - Sicurezza e Ambiente S.p.A. -e- Associazione Nazionale dei Comuni Italiani - ACCORDO QUADRO - Sicurezza e Ambiente S.p.A., con sede Largo Ferruccio Mengaroni, n. 25-00133 Roma, CJP. e P. IVA 09164201007,

Dettagli

COMUNE DI AGRIGENTO. Modifica orario di lavoro personale dipendente ~A DJ! I) X. .1 ~ ><-

COMUNE DI AGRIGENTO. Modifica orario di lavoro personale dipendente ~A DJ! I) X. .1 ~ ><- PROPOSTA SETT. W DEL REGSTRO PROPOST~ p.c. W /(0 DEL ZOP/2D13 COMUNE D AGRGENTO VERBALEDDELffiERAZONE DELLA GUNTA COMUNALE N. 7- O del 2 1 MnS. 2013 OGGETTO Modifica orario di lavoro personale dipendente

Dettagli

Comune di Settimo Milanese Provincia di Milano

Comune di Settimo Milanese Provincia di Milano Comune di Settimo Milanese Provincia di Milano OGGETTO : SERVIZI PER IL RIPRISTINO DELLE CONDIZIONI DI SICUREZZA E VIABILITA' STRADALE, MEDIANTE BONIFICA AMBIENTALE DELL'AREA INTERESSATA DA INCIDENTI.

Dettagli

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 41

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 41 Estratto web C O M U N E D I C A V A G N O L O P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 41 OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ***********************************************************************************************

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE *********************************************************************************************** Codice 11044 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE *********************************************************************************************** G. C. N. 46 DATA 12.3.2014 ***********************************************************************************************

Dettagli

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania)

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMEN- TO DANNI DERIVANTI DA RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 17/03/2014) Sommario

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 409 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11006 DEL 10/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

COMUNE DI AGRIGENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI AGRIGENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE PROPOSTASETT.il DEL fg/w/ REGISTRO PROPOSTE DEL 1-5*1 COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE 1 - UFFICIO DELIBERE ORIGINALE SETTORE li - AVVOCATURA - AFFARI LEGALI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.?S

Dettagli

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce Piazza Terra 73040 0833.902711 www.comune.alliste.le.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 DEL 28/02/2014 OGGETTO: EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONNETTIVITA E SICUREZZA

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 73 di Reg. Data 10/8/2015 OGGETTO: Gestione sinistri stradali. Integrazione deliberazione Giunta Comunale n. 64 del 25.6.2015.

Dettagli

COMUNE DI ROTA D'IMAGNA (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI ROTA D'IMAGNA (Provincia di Bergamo) Via V.Emanuele n. 3 CAP 24037 Cod.Fisc. /Part. IVA: 00382800167 Tel: 035-86.80.68 Fax: 035-86.80.68 COMUNE DI ROTA D'IMAGNA (Provincia di Bergamo) Codice ente 10189 COPIA DELIBERAZIONE N. 11 in data: 07.03.2015

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

DITTA SINET ITALIA S.R.L.

DITTA SINET ITALIA S.R.L. COMUNE DI SPINEA (Provincia di Venezia) CONVENZIONE CON LA DITTA SINET ITALIA S.R.L. DI PORTOGRUARO PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA TRACCIABILITA E RINTRACCIABILITA DELLE INFORMAZIONI MARKETING

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 DEL 10/02/2011.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 DEL 10/02/2011. C O P I A DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 15 DEL 10/02/2011 OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE DI COOPERAZIONE INFORMATICA TRA L'AGENZIA DELLE ENTRATE E IL COMUNE DI NOCETO AUTORIZZAZIONE ALLA SOTTOSCRIZIONE

Dettagli

Deliberazione Giunta Comunale

Deliberazione Giunta Comunale Copia CITTÀ DI ALTAMURA Provincia di Bari N. 17 del registro Deliberazione Giunta Comunale Oggetto: RIORDINO ED ADEGUAMENTO DELLE POLIZZE ASSICURATIVE DELL ENTE MEDIANTE RICORSO A BROKER ASSICURATIVO.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. ATTO N. 19 del 02.07.2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. ATTO N. 19 del 02.07.2014 COMUNE DI MARZIO PROVINCIA DI VARESE Via Marchese Menefoglio n. 3 - CAP. 21030 - TEL 0332.727851 FAX 0332.727937 E-mail: info@comune.marzio.va.it PEC:comune.marzio@pec.regione.lombardia.it COPIA VERBALE

Dettagli

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI FERENTILLO Provincia di Terni Copia di Deliberazione della Giunta Comunale Numero 73 Reg. Data 27-09-13 Oggetto: Concessione residenza artistica presso la palestra della scuola dell'istituto

Dettagli

CITTA` DI GRAVINA IN PUGLIA PROVINCIA DI BARI ORIGINALE

CITTA` DI GRAVINA IN PUGLIA PROVINCIA DI BARI ORIGINALE N 183 del Registro CITTA` DI GRAVINA IN PUGLIA PROVINCIA DI BARI ORIGINALE VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Manuale di gestione e conservazione dei documenti e per la tenuta del

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale NR. 1 DEL 12-01-2016

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale NR. 1 DEL 12-01-2016 COMUNE DI SORBOLO (PROVINCIA DI PARMA) Sede legale: Piazza della Libertà, 1-43058 Sorbolo (PR) Sede amministrativa: Via del Donatore, 2-43058 Sorbolo (PR) Tel. 0521/669611 - Fax 0521/669669 e-mail: info.sorbolo.pr.it

Dettagli

Convenzione Operativa ANCI CDCNPA in forma di contratto per adesione

Convenzione Operativa ANCI CDCNPA in forma di contratto per adesione Convenzione Operativa ANCI CDCNPA in forma di contratto per adesione per il ritiro di rifiuti di pile e accumulatori industriali e per veicoli dai Centri di Raccolta comunali Tra Il Centro di Coordinamento

Dettagli

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce Piazza Terra 73040 0833.902711 www.comune.alliste.le.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 1 DEL 19/01/2015 OGGETTO: CONFERIMENTO INCARICO LEGALE PER RECUPERO CREDITI

Dettagli

del 27/02/2007 n. 184

del 27/02/2007 n. 184 D E T E RMINAZI ONE DEL DIRIGENTE del 27/02/2007 n. 184 I X S E T T O R E T u t e l a d e l l A m b i e n t e Oggetto: Approvazione schemi per la stipulazione delle garanzie finanziarie relative alle attività

Dettagli

COMUNE DI TRECCHINA (Provincia di Potenza)

COMUNE DI TRECCHINA (Provincia di Potenza) COMUNE DI TRECCHINA (Provincia di Potenza) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA NR. 67 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL P.E.G. - PIANO DELLA PERFORMANCE 2013 (28 novembre 2013) L anno DUEMILATREDICI,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 55 REGISTRO DELIBERAZIONI COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza.. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE... OGGETTO: RINNOVO, PER ANNI UNO, DELLA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CASTELL

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO DISCIPLINARE DI INCARICO. Atti n. 104280/15.4/2013/1 ***** TRA

PROVINCIA DI MILANO DISCIPLINARE DI INCARICO. Atti n. 104280/15.4/2013/1 ***** TRA PROVINCIA DI MILANO DISCIPLINARE DI INCARICO Atti n. 104280/15.4/2013/1 ***** TRA PROVINCIA DI MILANO con sede legale in Milano alla Via Vivaio n. 1 C.F. e P.IVA 02120090150 rappresentata ai sensi del

Dettagli

COMUNE DI MEZZANI (PROVINCIA DI PARMA)

COMUNE DI MEZZANI (PROVINCIA DI PARMA) COMUNE DI MEZZANI (PROVINCIA DI PARMA) Strada della Resistenza, 2 43055 Mezzani Tel. (0521) 669711 - Fax (0521) 316005 www.comune.mezzani.pr.it cod. fisc. e P.I. 00432260347 ORIGINALE Verbale di Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 66 DATA 13/11/2014 OGGETTO: Misure organizzative per assicurare la tempestività

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 89

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 89 ORIGINALE P R O V I N C I A D I V E R O N A R E G I O N E V E N E T O Proposta n. 91 Comunicata ai Capigruppo consiliari per elenco il prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 89 OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI CONDOVE PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI CONDOVE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI CONDOVE PROVINCIA DI TORINO Piazza Martiri della Libertà n.7 10055 CONDOVE Tel. 0119643102 Fax 0119644197 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 60 OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Cabina di Regia del 26 gennaio 2009 Regolamento per l organizzazione ed il funzionamento della Cabina di Regia Città di Avellino Programma Integrato

Dettagli

CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna

CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N 182 del 28/12/2012. OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONI CON PUBBLICA ASSISTENZA CROCE ITALIA COMUNI

Dettagli

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce Piazza Terra 73040 0833.902711 www.comune.alliste.le.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 18/06/2015 OGGETTO: ATTIVITA' LEGALE NELLA PROCEDURA DI RECUPERO

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256

GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256 Immediatamente Eseguibile COPIA SEGRETERIA GENERALE 56125 PISA Piazza V. Emanuele II, 14 T. 050/ 929 317 318 346 GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256 OGGETTO : Integrazione

Dettagli

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 18/06/2015 INCARICO STUDIO ARENA BROKER SRL PER CONSULENZE ASSICURATIVE Nr.

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.120 del 13.05.2015 OGGETTO: GESTIONE ANAGRAFICA DEI CITTADINI SENZA TETTO E SENZA FISSA DIMORA. ISTITUZIONE DI UNA VIA TERRITORIALMENTE

Dettagli

Comune di Marliana (Provincia di Pistoia)

Comune di Marliana (Provincia di Pistoia) Per copia conforme all'originale - Comune di Marliana (Provincia di Pistoia) COPIA DELLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE NUMERO 14 DEL 04 marzo 2016 OGGETTO: FORNITURA SERVIZIO FONIA. ATTO DI INDIRIZZO. L'anno

Dettagli

COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA

COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA ORIGINALE DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 133delReg.Delib. data 27.05.2015 OGGETTO: Distretto Socio Sanitario 44. Erogazione dei Servizi di

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O

COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 55 in data 12/09/2014 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: CONVENZIONE CON ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MORDANO Provincia di Bologna Cap. 40027, Via Bacchilega n. 6 Tel. 0542/56911 Fax 56900 E-Mail: urp@mordano.provincia.bologna.it Sito Internet: www.comunemordano.it DELIBERAZIONE N. 43 DEL 15/05/2014

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA PER LO SVOLGIMENTO DI UN SUPPORTO TECNICO SPECIALISTICO DI TIPO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA PER LO SVOLGIMENTO DI UN SUPPORTO TECNICO SPECIALISTICO DI TIPO Reg. Inc. n. Pordenone, lì CONTRATTO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA PER LO SVOLGIMENTO DI UN SUPPORTO TECNICO SPECIALISTICO DI TIPO INFORMATICO ALL ATTIVITÀ DI ESTRAPOLAZIONE, ELABORAZIONE E MONITORAGGIO STATISTICO

Dettagli

CONVENZIONE TRA PREMESSO CHE

CONVENZIONE TRA PREMESSO CHE CONVENZIONE TRA LA FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA, con sede in Roma, Viale Tiziano, n.70 (di seguito indicata FMSI ), Codice Fiscale 97015300581, in persona del Presidente pro-tempore Dott. Maurizio

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo IMMEDIATA ESECUZIONE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. Reg. 63 del 29.04.2014 OGGETTO: Approvazione schema di convenzione per l'utilizzo della

Dettagli

C O M U N E D I G U A N Z A T E Provincia di Como

C O M U N E D I G U A N Z A T E Provincia di Como C O M U N E D I G U A N Z A T E Provincia di Como DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA Cod. Ente 10570 Numero 16 Del 23-02-2015 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLE MISURE ORGANIZZATIVE FINALIZZATE ALL'OTTIMIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE *** COPIA *** numero 38 del 31-03-2015 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLE MISURE ORGANIZZATIVE FINALIZZATE ALL'OTTIMIZZAZIONE DELLA GESTIONE

Dettagli

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 26 del Reg. DATA: 07.03.2014 OGGETTO: Progetto di georeferenziazione delle infrastrutture a rete di proprietà

Dettagli

COMUNE DI VEGLIE (Provincia di Lecce)

COMUNE DI VEGLIE (Provincia di Lecce) COMUNE DI VEGLIE (Provincia di Lecce) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 120 del 10/09/2013 OGGETTO: COMUNE C/DOTT. M.A. - AZIONE RISARCITORIA DINANZI ALL'A.G.O. - DETERMINAZIONI. L'anno

Dettagli

CITTÀ DI SELVAZZANO DENTRO Provincia di Padova

CITTÀ DI SELVAZZANO DENTRO Provincia di Padova CITTÀ DI SELVAZZANO DENTRO Provincia di Padova COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 7 del 28-01-2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' (P.T.T.I.) 2015-2017,

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 249 DEL 08-10-2015 OGGETTO: REVISIONE ED APPROVAZIONE DEL MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELL'ARCHIVIO COMUNALE.

Dettagli

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COMUNE DI SAN SALVO Provincia di Chieti UNO DEI 100 COMUNI DELLA PICCOLA GRANDE ITALIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Data 13/01/2014 N. 2 OGGETTO: INCENTIVI PER LA RISTRUTTURAZIONE DELLE

Dettagli

COMUNE DI PALAGIANO Provincia di Taranto

COMUNE DI PALAGIANO Provincia di Taranto COMUNE DI PALAGIANO Provincia di Taranto DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 113 Del reg. Data 25.07.2013 OGGETTO: STIPULA CONVENZIONE CON FINALITA DI PROTEZIONE CIVILE E CONTROLLO DEL TERRITORIO.

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Provincia di GENOVA

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Provincia di GENOVA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 114 DEL 11 Giugno 2014 L anno duemilaquattordici, addì undici del mese di Giugno, alle ore 15:00 presso la sede municipale di Piazza Matteotti, regolarmente convocata,

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli DETERMINAZIONE del V SETTORE: RESPONSABILE DEL SETTORE: arch. Elisabetta Bellonato Registro Generale n. 1226 del 25/11/15 Registro Settore n. 185 del 24.11.2015

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SOCIOASSISTENZIALE, CULTURALE, SCOLASTICO E TRIBUTI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SOCIOASSISTENZIALE, CULTURALE, SCOLASTICO E TRIBUTI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SOCIOASSISTENZIALE, CULTURALE, SCOLASTICO E TRIBUTI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE REG. N. 53 DEL 30/01/2014 OGGETTO: SERVIZIO DI

Dettagli

Comune di Golasecca GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N.42 DEL 19/03/2016

Comune di Golasecca GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N.42 DEL 19/03/2016 Copia Comune di Golasecca PROVINCIA DI VARESE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N.42 DEL 19/03/2016 OGGETTO: APPROVAZIONE RELAZIONE A CONSUNTIVO ANNO 2016 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ PARTECIPATE

Dettagli

Comune di Gemmano (RN)

Comune di Gemmano (RN) Comune di Gemmano (RN) C.F.82005670409 P.IVA 01188110405 PIAZZA ROMA N. 1-47855 GEMMANO (RN) P.E.C.: comune.gemmano@legalmail,it 0541 85.40.60 / 85.40.80 0541 85.40.12 Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

O P E R A R O M A N I

O P E R A R O M A N I O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n. 7. DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE Determinazione n. 4

Dettagli

COMUNE DI PRATO CARNICO Provincia di Udine

COMUNE DI PRATO CARNICO Provincia di Udine OGGETTO: COMUNE DI PRATO CARNICO Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale SEDUTA del 10/07/2014 N 76 del Reg. Del APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE 2014-2015-2016 PER LA RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia

COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia Repubblica Italiana COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia DELIBERAZIONE di GIUNTA MUNICIPALE COPIA n. 49 del 08-10-2015 OGGETTO: INDIVIDUAZIONE DELL'AREA ORGANIZZATIVA OMOGENEA (AOO) E NOMINA DEL

Dettagli

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale COPIA Delibera n 30/2014 COMUNE DI SUNO Provincia di NOVARA Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale Seduta del 22/04/2014 - delibera n.30 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI CAVIZZANA PROVINCIA DI TRENTO. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 83 della Giunta Comunale

COMUNE DI CAVIZZANA PROVINCIA DI TRENTO. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 83 della Giunta Comunale COMUNE DI CAVIZZANA PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 83 della Giunta Comunale OGGETTO: ADESIONE ALLA POLIZZA ASSICURATIVA IN CONVENZIONE POLIZZA RESPONSABILITÀ CIVILE PATRIMONIALE DEGLI

Dettagli

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COPIA DELIBERAZIONE N. 3 in data: 14.01.2014 Soggetta invio capigruppo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: RINNOVO INCARICO DI BROCHERAGGIO ASSICURATIVO

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 105 DATA 10.12.2013 OGGETTO: Adozione dei cani randagi accalappiati nel Comune

Dettagli

Comune di San Giorgio di Mantova

Comune di San Giorgio di Mantova Comune di San Giorgio di Mantova Piazza della Repubblica, 8. T el 0376 273111 F ax 0376 273154 p. e.c. comune. sangio rgiodimantova@pec. regione.lombardia. it C. F. 80004610202 ORIGINALE Deliberazione

Dettagli

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N 83 IN DATA 14/02/2005 PROTOCOLLO N 0008612 COMUNICATA AI CAPIGRUPPO CONSILIARI IL 21.02.2005 DELIB. IMM. ESEGUIBILE ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale COPIA Delibera n 25/2015 COMUNE DI SUNO Provincia di NOVARA Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale Seduta del 06/05/2015 - delibera n.25 OGGETTO: ISTITUZIONE DI AREA DI CIRCOLAZIONE

Dettagli

N 279 del Reg. Bilancio

N 279 del Reg. Bilancio Proposta N 312 / Prot. Data 01/09/2015 Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione del Commissario Straordinario (Decreto Presidente della Regione Siciliana N. 528/GAB del 19/06/2015) N 279

Dettagli

COMUNE DI BELPASSO PROVINCIA DI CATANIA

COMUNE DI BELPASSO PROVINCIA DI CATANIA COMUNE DI BELPASSO PROVINCIA DI CATANIA VERBALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Delibera N. 134 del 10/12/2015 Proposta N. 205 del 10/12/2015 ORIGINALE OGGETTO: Attivazione accesso Internet in Fibra

Dettagli

C I T T A DI M O L F E T T A PROVINCIA DI BARI COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 85 del 03/04/2014 O G G E T T O

C I T T A DI M O L F E T T A PROVINCIA DI BARI COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 85 del 03/04/2014 O G G E T T O C I T T A DI M O L F E T T A PROVINCIA DI BARI COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 85 del 03/04/2014 O G G E T T O Progetto Carta d Identità Donazione Organi. Adesione. L anno duemilaquattordici,

Dettagli

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 2012-77 Data 25-07-2012 OGGETTO: INSTALLAZIONE DI UN IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA NELL AMBITO DELLA CASA COMUNALE.

Dettagli

CITTA' DI PIAZZA ARMERINA PROVINCIA DI ENNA

CITTA' DI PIAZZA ARMERINA PROVINCIA DI ENNA CITTA' DI PIAZZA ARMERINA PROVINCIA DI ENNA 1 Settore - Segreteria ed Affari Generali Determina n. 10052 del 12.02.2009 Oggetto: Affidamento del servizio di BROKERAGGIO ASSICURATIVO. Vista la deliberazione

Dettagli

COMUNE DI BERBENNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI BERBENNO Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE Codice Ente 10024 DELIBERAZIONE NUMERO 2 DEL 05-03-2013 Adunanza straordinaria di Prima convocazione, seduta pubblica Oggetto: ESAME E APPROVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI FERENTILLO Provincia di Terni

COMUNE DI FERENTILLO Provincia di Terni COMUNE DI FERENTILLO Provincia di Terni SERVIZIO AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE N. 78 Del 13/12/2013 OGGETTO: Servizio di assistenza per la predisposizione, la gestione e l'esecuzione di contratti assicurativi

Dettagli

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 29 della Deliberazione DEL 07/02/2013 OGGETTO: BANDO CONCESONE CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale Proposta N 495 / Prot. Data 19/12/2014 Inviata ai capi gruppo Consiliari il Prot.N L impiegato responsabile N. 422 del Reg. Data 23/12/2014 Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 55 DEL 17/06/2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 55 DEL 17/06/2014 COPIA COMUNE PONTE DI PIAVE Provincia di Treviso VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 55 DEL 17/06/2014 Oggetto: NOMINA CONSEGNATARI DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DI PROPRIETA' COMUNALE. al CO.RE.CO.

Dettagli

Comune di Castelleone

Comune di Castelleone Comune di Castelleone Provincia di Cremona DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Numero Data 271 28-11-2014 OGGETTO: ACQUISTO DI UN SISTEMA DI RICONOSCIMENTO E CONTROLLO TARGHE PER ATTIVITA' DI POLIZIA

Dettagli

Comune di San Donà di Piave

Comune di San Donà di Piave COPIA Comune di San Donà di Piave PROVINCIA DI VENEZIA Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Deliberazione n 204 del 09/10/2014 OGGETTO REALIZZAZIONE DI UN PIANO DI SVILUPPO DIGITALE PER LA CITTA'

Dettagli

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce Piazza Terra 73040 0833.902711 www.comune.alliste.le.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 112 DEL 21/10/2013 OGGETTO: ART. 14 LEGGE REGIONALE N. 54/84 RISERVA

Dettagli

Provincia di Forlì-Cesena. SETTORE: Amministrativo SERVIZIO: Contratti NR. SETTORE: 08 D E T E R M I N A

Provincia di Forlì-Cesena. SETTORE: Amministrativo SERVIZIO: Contratti NR. SETTORE: 08 D E T E R M I N A COMUNE DI SARSINA Provincia di Forlì-Cesena SETTORE: Amministrativo SERVIZIO: Contratti NR. SETTORE: 08 D E T E R M I N A Numero 184 Data 15/04/2008 Prot. n. 5737 Reg. A.P. 482 Oggetto: Conferimento al

Dettagli

OGGETTO: Appalto servizi assicurativi. Presa d atto esiti procedure di gara. Provvedimenti.

OGGETTO: Appalto servizi assicurativi. Presa d atto esiti procedure di gara. Provvedimenti. PAG. 1 OGGETTO: Appalto servizi assicurativi. Presa d atto esiti procedure di gara. Provvedimenti. L anno duemilanove, addì sette del mese di ottobre in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10,00

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI CROTONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE A. P. DAL 30-07-2004 AL 14-08-2004 REG. GEN. N. 328 Data 28-07-2004 PRATICA N. DBGP - 415-2004 PROVINCIA DI CROTONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: AMP ATTIVAZIONE INTERVENTO AI 1 PROGETTO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.11) - COPIA - DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 82 del 26/05/2011 OGGETTO: AREA

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano

COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 30.11.2004 REGOLAMENTO PER

Dettagli

COMUNE DI ATRANI Città d Arte Provincia di Salerno

COMUNE DI ATRANI Città d Arte Provincia di Salerno COMUNE DI ATRANI Città d Arte Provincia di Salerno COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 41 OGGETTO: Schema di convenzione per lo svolgimento di attività in collaborazione con le Associazioni

Dettagli

COMUNE DI CASAMICCIOLA TERME PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI CASAMICCIOLA TERME PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI CASAMICCIOLA TERME PROVINCIA DI NAPOLI S T A Z I O N E D I C U R A, S O G G I O R N O E T U R I S M O COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 74 DEL 14/06/2013 OGGETTO: CONFERIMENTO INCARICO

Dettagli

Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO

Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO COMUNE DI CALCIO REP. N. Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO SCOLASTICO ANNI 2010/2011/2012-

Dettagli

Settore Formazione e Lavoro Servizio Attività formative AVVISO

Settore Formazione e Lavoro Servizio Attività formative AVVISO PROVINCIA DI FROSINONE Settore Formazione e Lavoro Servizio Attività formative AVVISO PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DI ASPIRANTI PRESIDENTI DI COMMISSIONE D ESAME PER I CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

Comune di MONTASOLA Provincia di Rieti

Comune di MONTASOLA Provincia di Rieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE Delib.n. 40 Data 27/07/2013 OGGETTO: AFFIDAMENTO GESTIONE BIBLIOTECA E ARCHIVIO STORICO COMUNALE ANNO 2013 CIG.Z370B121D1- L anno duemilatredici

Dettagli

COMUNE DI FORMIGARA Provincia di Cremona

COMUNE DI FORMIGARA Provincia di Cremona COMUNE DI FORMIGARA Provincia di Cremona VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Originale N 48 del 27/08/2015 OGGETTO: ADESIONE ALL'INIZIATIVA DI REGIONE LOMBARDIA "DOTE SPORT" L'anno duemilaquindici,

Dettagli

Comune di San Giorgio di Mantova - CAP 46030 C.F. 80004610202 TEL (0376) 273111 FAX (0376) 374198 -

Comune di San Giorgio di Mantova - CAP 46030 C.F. 80004610202 TEL (0376) 273111 FAX (0376) 374198 - Comune di San Giorgio di Mantova - CAP 46030 C.F. 80004610202 TEL (0376) 273111 FAX (0376) 374198 - ORIGINALE Deliberazione N. 17 del 16/02/2011 Codice Ente 10875 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CITTA DI COLOGNO MONZESE. (Provincia di Milano) contratto d appalto dei lavori di costruzione di ulteriori n.

REPUBBLICA ITALIANA CITTA DI COLOGNO MONZESE. (Provincia di Milano) contratto d appalto dei lavori di costruzione di ulteriori n. REPUBBLICA ITALIANA CITTA DI COLOGNO MONZESE (Provincia di Milano) REP. N. contratto d appalto dei lavori di costruzione di ulteriori n. 12 cappelle gentilizie ed opere strutturali ad esse connesse presso

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO N 155 N 14052 di prot. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto : APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA CON LA PROVINCIA DI SONDRIO RELATIVO ALLA GESTIONE COORDINATA

Dettagli

COMUNE DI ALBA ADRIATICA PROVINCIA DI TERAMO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 166 Del 27-07-15

COMUNE DI ALBA ADRIATICA PROVINCIA DI TERAMO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 166 Del 27-07-15 COMUNE DI ALBA ADRIATICA PROVINCIA DI TERAMO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 166 Del 27-07-15 COPIA Oggetto: CONVENZIONE PER SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' TRA IL COMUNE DI ALBA ADRIATICA E L'ASSOCIAZIONE

Dettagli

I S M A ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Roma - Via della Guglia n. 69/b... ESTRATTO DI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

I S M A ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Roma - Via della Guglia n. 69/b... ESTRATTO DI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I S M A ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Roma - Via della Guglia n. 69/b... ESTRATTO DI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Il Consiglio di Amministrazione, nominato con Decreto del

Dettagli