COMUNE DI AGRIGENTO ***

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI AGRIGENTO ***"

Transcript

1 PROPOSTA SETT. P.M. W O~ DEL«(;/o(,/~ REGISTRO PROPOSTE w.mfl DEL ce/oisi H COMUNE DI AGRIGENTO *** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. dj4 del (!i {O 8 {.2PI3 Oggetto: Adesione nuovo accordo quadro ANCI e Sicurezza e Ambiente su: "Progetto Trasparenza" - servizio di antifrode assicurativa. Approvazione ulteriore servizio aggiuntivo del. n 78 del 22/06/2011 e schema di convenzione. L'anno duemilatredici, il giorno ---,;wtt/uc.""-'-->ù-<- del mese di ~sso alle ore.{3 od e seguenti, in Agrigento, nel Palazzo di Città, si è riunita la Giunta comunale nelle seguenti persone: Nome e Cognome firma,1 I p A Zambuto Marco Luparello Pietro Sindaco Vice Sindaco Amato Antonino Assessore l Valenza Ignazio Assessore Pilato Patrizia Messina Francesco Assessore Assessore 1/10 1..A..J Partecipa alla seduta il Segretario Generale dott.:;,,,,, 5. (Nhi \ IfA 'Kob1CA che svolge funzioni di verbalizzante, ai sensi dell'art. 52 della legge 142/90, come recepito con L.R. 48/91. Totale Il Presidente, constatato che gli intervenuti sono in numero legale, dichiara aperta la seduta ed invita la Giunta comunale a prendere le proprie determinazioni in ordine alla proposta di cui all' oggetto. Sulla proposta di deliberazione sono stati acquisiti ai sensi dell'art. 12 della L.R. n. 30/2000 i seguenti pareri: '!- del responsabile del servizio interessato per quanto attiene alla regolarità tecnica; ;g del responsabile del servizio di Ragioneria per quanto attiene alla regolarità contabile. 1 6

2 IL DIRIGENTE COMANDANTE RICHIAMATI I SEGUENTI ATI! - verbale di deliberazione di G.M. n 78 del 22/06/2011, con il quale si è assegnato allo scrivente dirigente, l'obiettivo finalizzato a stipulare una convenzione, sulla base dell'accordo Quadro deil'a.n.c.1., con le società aderenti, per il ripristino delle condizioni di sicurezza e viabilità stradale mediante bonifica ambientale dell'area interessata da incidenti; - determina dirigenziale n 59 del 12/07 /2012 di formalizzazione del rinnovo della convenzione stipulata con Sicurezza e Ambiente S.p.a. nell'anno 2008, giusta deliberazione di G.M. n 50 del 30/05/2008, fino al 15/12/2011; - nota pro!. N" del 15/12/2011 indirizzata alla Sicurezza e Ambiente di richiesta di adesione e contestuale proroga del servizio dal 16/12/2011 fino alla definizione del procedimento istruttorio di assegnazione di convenzione; - determinazione dirigenziale n 41 del 27/03/2012 di presa atto di fine del procedimento istruttorio e presa atto di nuovo accordo quadro ANCI con S.A. valido fino al 2015 del "Progetto Trasparenza". - determinazione dirigenziale n 69 del 07/06/2012 di rinnovo della convenzione con Sicurezza e Ambiente S.p.a. e stipula del rapporto convenzionale per anni uno. - Determinazione dirigenziale n 95 del 24/06/2013 di formalizzazione atto di proroga della convenzione con Sicurezza e Ambiente s.p.a., per anni uno, per il servizio di bonifica dell'area post incidente. PRESO AnO CHE la Sicurezza e Ambiente s.p.a., con la quale questo Ente ha stipulato rapporto convenzionale per il raggiungimento dell'obiettivo previsto dal Titolo Il del C.d.S. ed in particolare dall'art. 14, che prevede la responsabilità dell'ente proprietario dell'infrastruttura stradale, deve ripristinare, nel minor tempo possibile, le condizioni di sicurezza e viabilità dell'area interessata da incidenti, con l'obbligo di garantire che gli interventi di bonifica ambientale post-incidente siano effettuati nel pieno rispetto della normativa del C.d.S. e del L.vo n 152/2006; la stessa società, oltre ad assicurare gli interventi ordinari obbligatori, ha offerto e continua ad offrire i seguenti servizi aggiuntivi: (giusto art. 1 schema di convenzione approvato con del G.M. N" 78 del 22/06/2011)./ interventi di ripristino delle condizioni di sicurezza e viabilità post incidente, privi dell'individuazione del veicolo il cui conducente abbia causato l'evento e quindi, con la possibilità per la società di recuperare i costi dalle Compagnie di assicurazione;./ trattamento, in caso di "incidenti rilevanti", di sversamenti e/o dispersione di materiale pericoloso, inquinante o tossico trasportato, in quantità tali da richiedere la bonifica del territorio../ Esecuzione di interventi di rimozione, trasporto, conferimento provvisorio a un centro di raccolta e successiva demolizione, radiazione e cancellazione dal PRA dei veicoli e/o rimorchi rinvenuti in evidente stato di abbandono, su aree a uso pubblico e sulle aree private a uso pubblico;./ Ripristino dello stato dei luoghi per danni alle infrastrutture stradali; con comunicazione del 28 febbraio 2012 dell'ufficio stampa dell' ANCI, si è appreso che è stato stipulato un nuovo accordo con Sicurezza e Ambiente con validità fino al 2015, e che con tale accordo le parti intendono avviare un rapporto di collaborazione volto a promuovere la diffusione e l'applicazione del "Progetto Trasparenza" sviluppato e brevettato da Sicurezza e Ambiente per:./ riduzione delle frodi assicurative;./ contenimento della spesa del premio assicurativo per la R.C.A. per sinistri accidentali a carico delle amministrazioni comunali;./ ridimensionamento della spesa burocratica a carico delle Amministrazioni comunali (contenzioso, personale, relazioni);./ raccolta sistematica di dati, informazioni e notizie su una ampia casistica, per consentire azioni di intervento significative su localizzazioni di particolare interesse, eliminando gravi situazioni di rischio;./ certezza della procedure e velocità nei tempi di liquidazione dei danni quantificati;./ abbattimento della litigiosità con alleggerimento del carico di lavoro dei Giudici;./ maggiore sicurezza sociale, stradale e urbana. 2

3 CONSIDERATO CHE l'italia risulta il paese europeo con la più alta frequenza di incidenti stradali, in cui la percentuale di "sinistri anomali" inscenati dai malintenzionati, ha assunto picchi di rilevanza sociale non più trascurabile, con innalzamento dei costi delle RC auto. Sicurezza e Ambiente s.p.a., con il supporto delle istituzioni e delle compagnie assicurative, ha ideato l'innovativo servizio denominato "Progetto Trasparenza", mediante il quale il luogo dell'incidente viene cristallizzato, fissando quanto realmente accaduto in conseguenza dell'incidente stradale, non lasciando spazio alle interpretazioni, ottimizzando la corretta acquisizione dei dati e favorendo la celere istruzione della pratica, divenendo risorsa delle compagnie assicurative per arginare il fenomeno dei C.d. "sinistri anomali" dissuadendo gli autori da richieste risarcitorie relative a sinistri mai accaduti; ATIESO CHE l'innovativo servizio essendo remunerato dalle stesse compagnie assicurative, attraverso accordi, non onera in nessun modo la collettività e gli Enti locali; il Comune chiamato a stipulare onerose polizze assicurative a garanzia dei danni causati da difformità nella tenuta della strada, realizzerebbe la riduzione e con il tempo anche l'azzeramento della deplorevole prassi delle fraudolenti richieste di risarcimento danni, beneficerebbe di rilevanti scontistiche e della riduzione della franchigia sulla polizza assicurativa. PER QUANTO SOPRA SPECIFICATO alla luce della pregressa e referenziata prestazione dei servizi e degli interventi in tema di ripristino della sicurezza e della viabilità della piattaforma stradale, e a maggior garanzia per l'ente, si riterrebbe utile stipulare ulteriore convenzione con la ditta "Sicurezza e Ambiente" per il proposto "Progetto Trasparenza", al fine di rendere un servizio più completo, implementando l'operatività della medesima società, ottimizzando le risorse interne dell'ente (personale, mezzi, oneri di contenzioso etc.) mediante il monitoraggio costante ed efficace del territorio comunale, per la migliore gestione ed immagine della res publica. ATIESA la propria competenza VISTO il vigente Regolamento Comunale sull'ordinamento degli uffici e dei servizi VISTO lo Statuto Comunale VISTO il Decreto Legislativo n 267/2000 PROPONE Per le motivazioni esposte e qui integralmente richiamate a) di prendere atto dell'ulteriore servizio aggiuntivo previsto dall'accordo Quadro ANCI e la società Sicurezza e Ambiente S.p.a. denominato "Progetto Trasparenza"che offre:./ riduzione delle frodi assicurative;./ contenimento della spesa del premio assicurativo per la R.C.A. per sinistri accidentali a carico delle amministrazioni comunali;./ ridimensionamento della spesa burocratica a carico delle Amministrazioni comunali (contenzioso, personale, relazioni);./ raccolta sistematica di dati, informazioni e notizie su una ampia casistica, per consentire azioni di intervento significative su localizzazioni di particolare interesse, eliminando gravi situazioni di rischio;./ certezza della procedure e velocità nei tempi di liquidazione dei danni quantificati;./ abbattimento della litigiosità con alleggerimento del carico di lavoro dei Giudici;./ maggiore sicurezza sociale, stradale e urbana. 3

4 bl Di assegnare al sottoscritto Dirigente Comandante della Polizia Municipale l'obiettivo di avvalersi del suddetto servizio aggiuntivo secondo le prescrizioni riportate nell'accordo quadro e nello schema di convenzione allegato alla presente come parte integrante e sostanziale; cl Di autorizzare, conseguentemente il suddetto Dirigente alla stipula della convenzione per il sopracitato servizio aggiuntivo, sulla base dei predetti allegati, per la stessa durata della convenzione a cui si riferisce, con possibilità di rinnovo, anche tacito, da parte del Dirigente competente, previa verifica della sussistenza di ragioni di pubblico interesse e dei risultati conseguiti in conformità agli obiettivi del Comune assunti e dichiarati con il presente atto, nonché ogni atto gestionale connesso; dl Di dare atto che il rapporto convenzionale non comporta alcun onere finanziario a carico del bilancio comunale; el Di dare atto che il proposto atto aggiuntivo sarà valido dalla data di sottoscrizione, fino alla naturale scadenza della "Convenzione" a cui si riferisce. f) Di dichiarare il presente provvedimento immediatamente esecutivo ai sensi dell'art. 12, comma 2, della L.R. n. 44/91 s.m.i. 4

5 Parere in ordine alla regolarità tecnica Si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica della proposta del provvedimento deliberativo I in oggetto, ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 49 del D.lgs 267/2000 e dell'art. l,comma 1, lettera i'l della L.R. n. 48/91 come integrato dall'art. 12 della L.R. 30/2000 nonché della regolarità e della 1 correttezza dell'azione amministrativa ai sensi dell'art. 147 bis del D.lgs n. 267/2000.! Il Dirigente Comandante! ~ +c:=== ~_o~.xs~ ~A~nt_o~ni~ca ~1 I Parere in ordine alla regolarità contabile, Visto e condiviso il contenuto dell'istruttoria si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità I contabile ella proposta del provvedimento deliberativo in oggetto, ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 49! I del D.lgs 267/2000 e dell'art. 1, comma l, lettera i, della L.R. n. 48/91 come integrato dall'art. 12 della i 1 I L.R. 30/2000 nonché l'assenza di condizioni che possano determinare lo squilibrio nella gestione delle 5

6 SiCUl'eZZa e Ambiente S.p.A. Associazione Nazionale dei Comuni Itsliani - ACCORDO QUADRO-

7 ., Sicurezza e Ambiente S.p.A., con sede Largo Ferruccio Mengaronl, n Roma, C.F. e P. IV A , numero REA , Registro Imprese di Roma, in persona del Presidente del C.d.A. e legale rappresentante pro tempore (di seguito "Sicurezza: e AmDlente") e Assocluione Nazionale dei Comuni ltalianl, con sede in Via dei Prefetti n Roma, C.F , in persona de11egale rappr.te pro tempore Segretario Generale Angelo Rughettl (di seguito n ANCl") di seguito anche slngo1ermente "Parte" e congiuntamente "Parti" Premesso che le truffe alle compagnie d'assicurazione auto sono uno dei reati più comuni in Italia; che organizzazioni crimlnali e para-criminali traggono notevoli profitti dall'organizzazione di finti incidenti; che tale fenomeno ha ricadute negative sulla totalità dei cittadini, a fronte dei continui aumenti praticati dalle Compagnle assicurative; che il fenomeno delle frodi assicurative ha una forte incidenza oltre che sul cittadini anche sugli Enti proprietari elo gestori di reti stradali; che attualmente le Amministrazioni Comunall sono munite di copertura assicurativa per responsabilità civile verso terzi, per tutti quegli incidenti stradall che vedono protagonisti degli utenti della strada che ricevono un danno durante la fase della circolazione dinamica dalla presenza di improvvise buche o dislivelli elo liquidi o detriti (spesso conseguenza di precedenti incidenti stradali e incautamente non rimossi o protetti) presenti sulla sede stradale; che gli Enti proprietari della strada rispondono civilmente di tutti i danni conseguenti a tali incidenti, con.sostanz1ali difficoltà nella verifica della veridicità di quanto lamentato, quando non intervengono nell'immediatezza; che quanto evidenziato al punto precedente provoca:./ aumento esponenziale dei premi assicurativi per la responsabilità civile degli Enti proprietari della strada;./ costi di carattere organizzativo - burocratico per la pubblica Amministrazione (spese legali, personale di P.M. accertatore, relazioni, ecc.);./ alti costi di contenzioso; Considerato che Sicurezza e Ambiente S.p.A. è la società che ha ideato il servizio di ripristino della sicurezza stradale post incidente, senza costo per la Pubblica Anurrltùstrazione, che risponde all'esigenza degli Enti proprietari delle strade di provvedere alla manutenzione e pulizia delle strade in seguito al verificarsi di incidenti stradali (art. 14 del Codice della Strada); 2

8 I.. che Sicurezza e Ambiente S.p.A. svolge attualmente il servizio dì ripristino post incidente sulle strade di competenza di oltre Amministrazioni Comtmalì sull'intero territorio nazldnale; che Sicurezza e Ambiente s.p.a. dispone di una rete di strutture operative altamente spec:lallzzate dislocate su tutto il territorio nazionale che gli consente di garantire dei tempi di arrivo sui luoghi degli incidenti molto rapidi; che Sicurezza e Ambiente S.p.A. ha elaborato e brevettato un servizio denominato "Progetto T:rasparenza" con peculiare funzionalità antifrode assicurativa; che il "Progetto Trasparenza" prevede che alla segnalazione di un sinistro alla Centrale Operativa di Sicurezza e Ambiente S.p.A. venga inviato un operatore sui luogo del sinistro per effettuare la ripresa fotografica del teatro dell'incidente con la rilevazione dei seguenti dati: - collocazione temporale e spaziale dell' evento (data, ora, luogo); - targhe dei veicoli coinvolti; - denominazione delle rispettive Compagnie di assicurazione; - numero delle persone presenti in ciascun veicolo al momento del sinistro; rilievo fotografico dei danni ai veicoll, con dettaglio sui particolari; - presenza o meno di testimoni; - attivazione o meno dell' air bas; ripresa fotografica dello stato della pavimentazione (defonnazioni, eventuale presenza di buche, ecc.), dei danni alle strutture/infrastrutture e ali' ambiente; che le infonnazioni sopra ejencate sono trasmesse via internet in tempo reale alla Centrale Operativa di Sicurezza e Ambiente S.p.A. e inviate telematicamente al1'aocount/mail dedicato deda Compagnia Assicurativa di riferimento, vengono quindi anche archiviate su una Banca Dati alla quale hanno accesso le Compagnie di Assicurazione e l'ente proprietario/gestore della strada; che i costi di tale servizio SOno posti a carico delle Compagnie di assicurazione, in forza di contratti sottoscritti con queste ultime, e sono ottimizzati grazie al fatto che Sicurezza e Ambiente S.p.A. già dispone di un'organlzzazione diffusa capillarmente su tutto il territorio nazionale, predisposta e formata appositamente per Intervenire in emergenza al verificarsi di incidenti stradali; che il "Progetto Trasparenza" è già stato testato sull'area pilota del Comune di Roma; che il servizio "Progetto Trasparenza" è stato presentato all' Anta, all'isvap ed alle imprese assicurative ricevendo apprezzamento e condivisione unanime; che Sicurezza e Ambiente S.p.A. è l'unica società presente sui mercato ad offrire un servizio di questa natura e con le pecui:larità sopra specificate. Ulteriormente considerato che è compito delle Amminisll'azioni Comunali assumere tutte quelle iniziative dl prevenzione sociale e per la vivibllità e qualificazione del luoghi di vita che possono concorrere a rendere più difficoltoso Il manifestarsi di fenomeni di disagio sociale e di comportamenti devianti; 3

9 I i f che i dati raccolti. grazie al Progetto Trasparenza consentono di cristallizzare la realtà degli eventi sinlstrosi e riducono lo spazio per la realizzazione di frodi a danno delle compagnie assicurative, dei cittadini e delle Ammlnistrazioni Comunali; che la collaborazione delle AmminlBtrazioni Comunali ed in particolare del corpi di Polizja Municipale, ai quali è demandata la rilevazione del sinistri verificatisi nelle aree di competenza di tali Enti, è fondamentale per la diffusione su larga scala del "Progetto Trasparenza" e per il conseguimento del risultati attesi; che ANCI rappresenta Comuni, Città Metropolitane ed Enti di derlvazlone comunale, ne promuove lo sviluppo e la crescita, svolge attività di sostegno, assistenza tecnica ed erogazione di servizi nell'interesse e nel confronti degli associati;. che ANCI persegue i propri obiettivi sia su base nazionale che locale, anche mediante l'organizzazione di convegni e la sponsorizzazione di servizi ed eventi dedicati ai propri assodati; che ANCI e Sicurezza e Ambiente hanno già in precedenza stretto, con reciproca e ancora attuale soddisfaziq11e, Accordi Quadro, aventi ad oggetto la promozione nei CQ11fronti dei Comuni associati all'anci del servizio di ripristino delle condizioni di sicurezza e viabilità delle aree interessate da incidenti stradali, offerto da Sicurezza e Ambiente S.p. A.; Tutto quanto sopra premesso e considerato le.parti, come sopra rappresentate, convengono e stipulano quanto segue: Arlicolot Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente Accordo e si danno per note ed accettate dalle Parti, Articolo 2 Finalità dell'accordo Con il presente Accordo le parti intendono avviare un rapporto di collaborazione volto a promuovere la diffusione su larga scala, nel territori del Comuni asselciati ali'anci, l'applicazione del "Progetto Trasparenza" sviluppato e brevettato da Sicurezza e Ambiente S.p.A, al fine di perseguire i seguenti obiettivi: riduzione delle frodi assicurative; contenh:nento della spesa del premio assicurativo per la Re Auto a carico dei cittadini; contenimento della spesa del premio assicurativo per la responsabilità civile per sinistri accidentali a carico delle Amministrazioni Comunali; ridimensionamento della spesa "burocratica" a carico delle Amminlstrazioni Comunali (contenzioso, personale, relazioni, ecc.); raccolta sistematica di dati, informazioni e notizie su una ampia casistica, per consentire azioni di intervento significative su localizzazioni di particolare interesse, eliminando gravi situazioni di rischio; certezza delle procedure e velocità nei tempi di liquidazione del danni quantificati; abbattimento della litigiosità con alleggerimento del carico di lavoro dei Giudici di Pace e dei Tribunali ; 4

10 maggiore sicurezza sociale, stradale e urbana., I. I l I I! Articolo 3 Impegni delle Parti Sicurezza e Ambiente si Impegna a garantire gratuitamente l'esecuzione del "Progetto Trasparenza" sul territorio delle Amministrazioni Comunali associate ad ANO nel rispetto del seguenti standard: 1. centrale operativa in h 24 per 365 giorni r anno dotata di numero verde , unico valido su tutto il territorio nazionale, n servizio potrà essere attivato direttamente dagli utenti della strada elo dai soggetti preposti (Polizia Municipale e personale degli Enti proprietari delle strade); 2. srrivo sul luogo del sinistro entro minuti con l'utilizzo di mezzi di trasporto georeferenziati., (prioritariamente moto polifunzlonali), tali da consentire il monitoraggio degli spostamenti sul territorio, al fini del controllo e del supporto ad opera della Polizia Municipale terrltorlalmente competenti; 3. attivazione dalle centrali operative di Polizia Municipale (quali soggetti riconosciuti dall'art. n 12 del C.d.S.) nel caso di incidenti stradali con feriti elo morti per le procedure di rilevamento ex art. 189 C.d.S. 4. creazione di una Banca dati dei sinistri unificata con accesso riservato all' Amministrazione Comunale. ANO si Impegna a promuovere e dlvulgllie, attraverso i propri canali di comunicazione istituzionale e per il tramite della Sua società di comunicazione ed organizzazjone eventi ComuniCare, Yoperatività del Progetto Trasparenza: - favorendo il processo di adesione delle Amministrazioni Comunali; organizzando convegni e incontri formativi (la copertura economica sarà a carico di Sicurezza&Ambiente) volti a sensibilizzare I Corpi di Polizia Municipale delle Ammlnlstrazionl Comunali associate ANO riguardo le modalità operative e gli obiettivi perseguiti con l'applicazione del "Progetto Trasparenza". Articolo 4. Decorrenza e durata Il presente Accordo ha decorrenza dalla data della sua sottoscrizione e avrà durata fino a e comunque fino all'eventuale reces80 di una di esse, come previsto dal successivo IIIticolo 7. ArtIcolo 5 Principi generati di regalazione del rapporto Le Parti si Impegnano al rispetto delle normative vigenti e dei comuni principi di etica professionale, al fine di non porre in essere alcuna azione pregiudizievole nei confronti dell'altra Parte e dei terzi in genere. Le Parti si impegnano a porre in essete ognl cura ed azione per garantire il rispetto dei seguenti principi fondamentali: (a) corretta gestione ed uso delle informazioni riservate o confidenziali ricevute da terzi, in modo tale da non falsare la ooncorrenza; (h) adozione di pratiche contrattuali nel pieno rispetto dei canoni di correttezza e diligenza. 5

11 Articolo 6 Buona fede Le Parti dichiarano e riconoscono che le pattulzioni oggetto del presente Accordo sono lrutto di una amichevole e ponderata intesa tra di loro raggiunta; pertanto gj obbligano - quale impegno di correttezza - ad osservarle lealmente e con splrito collaborativo. Resta fermo il falto che le Parti non sono vincolate ad alcun rapporto di esclusiva e che si riservano la postnbilità di stipulare accordi aneloglù con altri soggetti operanti nei settori di competenza delle parti. Per tutti gli aspetti non disciplinati dal presente Accordo, le Parti si obbligano reciprocamente a svolgere le attività di propria competenza nel rispetto del generale principio di buona fede di cui a1l' articolo 1375 del codice civile. Articolo 7 Recesso Le Parti convengono gjn d'ora che ciascuna di esse potrà recedere dal presente Accordo in qualsiasi momento, comunicando all' altra la propria intenzione tramite raccomandata a/r con un preavviso di almeno 30 gg. Articolo 8 Acquiescenza Qualunque eventuale tolleranza, anche reiterata, di inosservanza di una delle Parti degli impegni di correttezza, lealtà, buona fede ed in generale dei doveri stabiliti dal presente Accordo, non potrà in alcun modo essere interpretata come tacita abrogazione dei patti che li prevedono o tacita rinuncia ai diritti spettanti ai!' altra Parte in virtù delle suddette previsioni.! ) I I I! I Articolo 9 Interpretazione e Invalidità parziale TI presente Accordo dovtà essere interpretato ed eseguito secondo buona fede, avendo riguardo alla comune intenzione delle Parti e al rlsultato sostanziale che, con la sottoscrizione del presente Accordo, esse intendono ragionevolmente perseguire. Nel caso in cui una o piil previsioni del presente Accordo dovessero risultare contrarie a norme inderogabili di legge o comunque dovessero venire dichlarate nulle o annullate, le rimanenti previsioni del presente Accordo rimarranno in vigore per conservare, per quanto possibile, lo scopo originariamente voluto dalle PartL Articolo 10 Modifiche, integrazioni e specifiche Le Parti convengono che ogni eventuale modifica, integrazione elo specifica al presente Accordo - che si rendesse necessaria elo opportuna - potrà essere apportata esclusivamente per iscritto di comune accordo tra le Parti medesime. Le Parti si danno reciprocamente atto che le suddette modifiche, integrazioni elo specifiche saranno dalle stesse negoziate in buona fede e nel rispetto dei principi enunciati nel presente Accordo, al fine del piil soddisfacente e proficuo raggiungimentodei reciproci obiettivi ed interessi sottesi all' Accordo medegjmo. 6

12 Articolo 11 Comunicazioni Tutti gli avvisi e le comunicazioni ufficiali tra le Parti dovranno essere effettuate per iscritto mediante lettera l'accomandata con avviso di ricevimento. Articolo 12 Controversie - Componimento bonario Qualsiasi controversia dovesse Insorgere In relazione al presente Accordo ed alla sua interpretazione, esecuzione, validità o efficacia dovrà essere risolta amichevolmente, obbligandosi le Parti ad assumere un comportamento responsabile e bonario quale principio immanente nella collaborazione oggetto del presente Accordo. Letto, approvato e sottoscritto Roma, 18 Gennaio

13 Atto Aggiuntivo per l'esecuzione degli interventi di rilevazione, acquisizione, archiviazione, dei dati utili alla corretta e trasparente istruttoria delle pratiche relative ad incidenti stradali - "Servizio Trasparenza" ALLA CONVENZIONE per il ripristino delle condizioni di sicurezza stradale e la reintegra delle matrici ambientali, compromesse dal verificarsi di incidenti stradali, interventi eseguiti in situazioni di emergenza tra il "Comune di... ", con sede in..., Codice Fiscale e Partita I.V.A. n......, rappresentato nel presente atto da..., nato a... (... ) il... domiciliato per la carica presso la sede comunale, giusto atto di nomina..., n..., repertorio n..., in seguito per brevità denominato anche "Comune"; e "Sicurezza e Ambiente S.p.A.", con sede in Largo Ferruccio Mengaroni n Roma, Capitale Sociale ,00, Codice Fiscale e Partita I.V.A. n , iscritta al Registro delle Imprese di Roma al R.E.A. n , in persona di....., nella Sua qualità di ". o " " O", ". "",. "'1.. '" "". '. o, " "., o o.,,,,, " Premesso 1. che il Comune ha provveduto alla sottoscrizione della convenzione con Sicurezza e Ambiente S.p.A. per l'affidamento del servizio di ripristino post incidente; 2. che Sicurezza e Ambiente S.p.A. ha allestito le strutture necessarie a soddisfare le esigenze operative del Comune 3. che le truffe alle compagnie d'assicurazione auto sono uno dei reati più comuni in Italia; 4. che organizzazioni criminali e para-criminali traggono notevoli profitti dall'organizzazione di finti incidenti; 5. che tale fenomeno ha ricadute negative sulla totalità dei cittadini, a fronte dei continui aumenti praticati dalle Compagnie assicurative; 6. che il fenomeno delle frodi assicurative ha una forte incidenza oltre che sui cittadini anche sugl' Enti proprietari e/o gestori di reti stradali; 7. che attualmente le Amministrazioni Comunali sono munite di copertura assicurativa per responsabilità civile verso terzi, per tutti quegli incidenti stradali che vedono protagonisti degli utenti della strada che ricevono un danno durante la fase della circolazione dinamica dalla presenza di improvvise buche o dislivelli e/o liquidi o detriti (spesso conseguenza di precedenti incidenti stradali e incautamente non rimossi o protetti) presenti sulla sede stradale; 8. che gli Enti proprietari della strada rispondono civilmente di tutti i danni conseguenti a tali incidenti, con sostanziali difficoltà nella verifica della veridicità di quanto lamentato, quando non Intervengono nell'immediatezza; 9. che quanto evidenziato al punto precedente provoca:./ aumento esponenziale dei premi assicurativi per la responsabilità civile degli Enti proprietari della strada;./ costi di carattere organizzativo - burocratico per la pubblica Amministrazione (spese legali. personale di P.M. accertatore, relazioni, ecc.);./ alti costi di contenzioso; 10. che Sicurezza e Ambiente S.p.A. ha elaborato. e brevettato un servizio denominato "Servizio Trasparenza" con peculiare funzionalità antifrode assicurativa; 11. che il "Servizio Trasparenza" prevede che alla segnalazione di un sinistro alla Centrale Operativa di Sicurezza e Ambiente S.p.A. venga inviato un operatore sul luogo del sinistro per effettuare la ripresa fotografica del teatro dell'incidente con la rilevazione dei seguenti dati: collocazione temporale e spaziale dell'evento (data, ora, luogo);

14 targhe dei veicoli coinvolti; denominazione delle rispett'lve Compagnie di assicurazione; numero delle persone presenti in ciascun veicolo al momento del sinistro; rilievo fotografico dei danni ai veicoli, con dettaglio sui particolari; presenza o meno di testimoni; attivazione o meno dell'air bag; ripresa fotografica dello stato della pavimentazione (deformazioni, eventuale presenza di buche, ecc.), dei danni alle strutture/infrastrutture e all'ambiente; 12. che le informazioni sopra elencate sono trasmesse via internet in tempo reale alla Centrale Operativa di Sicurezza e Ambiente S.p.A. e successivamente archiviate su una Banca Dati alla quale hanno accesso le Compagnie di Assicurazione e l'ente proprietario/gestore della strada; 13. che con l'applicazione sistematica del "Servizio Trasparenza" il Comune potrebbe ottenere i seguenti benefici: rilevanti scontistiche e di riduzioni nelle franchigie al momento della stipula della polizza assicurativa garante dei danni configurati per effetto di insidie stradali, grazie alla dimostrazione di aver adottato misure idonee a scongiurare le frodi a danno delle compagnie assicurative e del Comune (per la parte coperta da franchigie); le vittime dei danni configurati per effetto di tali incidenti potranno contare sull'agevole e celere procedura di accertamento e liquidazione del danno subito, in quanto il Comune avrà accesso in tempi molto rapidi ad ogni elemento necessario alla esaustiva istruttoria della pratica; la riduzione (e con il tempo l'azzeramento) della deplorevole prassi delle fraudolente richieste di risarcimento danni per insidie presenti sulla strada; maggiori informazioni sulla tenuta del patrimonio stradale, migliorandone il monitoraggio, la gestione e manutenzione, nonché l'immagine della res publica; 14. che l'economicità delle attività relative al "Servizio Trasparenza" è interamente ad appannaggio delle compagnie assicuratrici garanti per la r,c.a.~ non è previsto in nessun caso alcun onere a carico dell'amministrazione, come meglio specificato nel successivo art. 5; Considerato A. che Sicurezza e Ambiente S.p.A. è l'unica società presente sul mercato ad offrire un servizio di questa natura e con le peculiarità sopra specificate; B. che Sicurezza e Ambiente S.p.A., ha dotato l'impianto operativo territorialmente competente della strumentazione tecnologica ed informatica finalizzata alla trasmissione in tempo reale dei dati raccolti nell'ambito del "Servizio Trasparenza"; C. che in data 18 Gennaio 2012 Sicurezza e Ambiente S.p.A. ha sottoscritto Accordo Quadro con l'associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI Italia), con il quale, l'anci, valutata l'utilità del "Progetto Trasparenza" per le Amministrazioni associate, indica alle Amm'lnistrazioni Comunali l'opportunità di aderire ai servizi offerti da Sicurezza e Ambiente S.p.A. Tutto ciò premesso, da considerarsi a ogni effetto di legge parte integrante e sostanziale del presente accordo, le Parti convengono e stipulano quanto segue: Articolo 1 Accordo ed oggetto della convenzione 1. Il "Comune di...,... " concede a "Sicurezza e Ambiente S.p.A.", che accetta, il servizio "di rilevazione, acquisizione, archiviazione con accesso telematico dei dati utili (report fotografica, modulo di servizio,... ) per la corretta e trasparente istruttoria delle prati-che relative ad incidenti stradali - di seguito "Servizio Trasparenza"- per i sinistri stradali occorsi su tutta la rete stradale comunale. 2. Il "Servizio Trasparenza" consiste nell'acquisizione di ogni dato utile - attraverso apposita modulistica e report fotografico - relativo allo status conseguente il verificarsi di incidenti stradali, meglio specificati al successivo art. 4. 2

15 Articolo 2 Modalità di attivazione degli interventi Gli interventi relativi al "Servizio Trasparenza" potranno essere richiesti direttamente dagli utenti della strada eia dalla Polizia Locale e/o dalle Forze dell'ordine presenti sul territorio, ovvero dal personale addetto alla Viabilità dipendente del Comune, attraverso comunicazione telefonica al numero verde della Centrale Operativa di Sicurezza e Ambiente S.p.A., tel (in servizio 24 ore su 24, per 365 giorni l'anno), che dovrà garantire tempi di risposta non superiori a un minuto per almeno il 90% delle chiamate. Articolo 3 Tempi di intervento 1. Considerato che il "Servizio Trasparenza" riveste carattere di pubblica utilità, con ampi risvolti sociali, in quanto direttamente connesso a garantire la trasparenza delle posizioni dei soggetti coinvolti nel sinistro, i tempi di intervento debbono essere contenuti al massimo e, salvo casi di comprovata impossibilità, non superare i 15/25 minuti, 24 ore su 24, 365 giorni l'anno 2. Ciascun intervento delle strutture operative di Sicurezza e Ambiente S.p.A potrà essere posto sotto la direzione della linea operativa dell'ente, il quale si riserva la possibilità di coordinare i movimenti dei mezzi utilizzati e di documentarne le diverse fasi di intervento. Articolo 4 Modalità operative 1. Sicurezza e Ambiente S.p.A., facendosi carico di ogni onere (economico e gestionale) -a prescindere dalla necessità di effettuare la pulitura della strada - Interverrà sul luogo del sinistro con tempestività a seguito della richiesta di intervento, per effettuare la ripresa fotografica del teatro dell'incidente con la rilevazione dei seguenti dati: collocazione temporale e spaziale dell'evento (data, ora, luogo); targhe dei veicoli coinvolti; denominazione delle rispettive Compagnie di assicurazione; numero delle persone presenti in ciascun veicolo al momento del sinistro; rilievo fotografico dei danni ai veicoli, con dettaglio sui particolari; presenza o meno di testimoni; attivazione o meno dell'airbag; ripresa fotografica dello stato della pavimentazione (deformazioni, eventuale presenza di buche, ecc.), dei danni alle strutture/infrastrutture e all'ambiente; ed altri elementi utili. l dati concernono quindi tutti gli elementi indispensabili per la corretta ricostruzione della realtà dell'evento sinistroso. 2. Le rilevazioni sono effettuate con l'ausilio di particolari dispostivi informatici progettati e brevettati da Sicurezza e Ambiente S.p.A. e/o utilizzando il Modulo di Rilevazione Facilitata allegato. Dopo la compilazione, il Modulo viene inserito in una specifica banca dati di "Sicurezza e Ambiente S.p.A. 3. Nel caso di incidenti stradali con feriti eia mo":i Sicurezza e Ambiente S.p.A. si impegna a darne immediata notizia agli agenti della Polizia Municipale (in qualità di soggetti riconosciuti dall'art. 12 del C.d.S.), qualora non ancora informati dell'accaduto, al fine di consentire le procedure di rilevamento ex art. 189 Cd.S. 4. Tutte le pratiche relative ai sinistri registrati potranno essere successivamente visionate dal Comune attraverso il portale interno del sito previo accesso grazie alle chiavi di accesso - username e password - ricevute al momento dell'attivazione di servizio, sempre gratuitamente. Articolo 5 Condizioni economiche del servizio l costi relativi al "Servizio Trasparenza", sooo sostenuti - per unità d'interrogazione - dalla 3

16 compagnia assicurativa che attinge elementi istruttori del sinistro stradale (informazioni, documentazione, report fotografico) dal portale telematico, nel quale confluiscono tutte le acquisizioni dati ottenute attraverso l'applicazione del protocollo scandito dal "Servizio Trasparenza". L'esecuzione del "Servizio Trasparenza" non prevede dunque alcun onere economico a carico della Pubblica Amministrazione. Articolo 6 Incombenze a carico del Comune 1. L'Ente, con la sottoscrizione del presente atto aggiuntivo, si impegna ad inoltrare Immediatamente e automaticamente tutte le notizie di sinistro al numero verde di Sicurezza e Ambiente S.p.A , al fine di consentire la realizzazione degli interventi di rilevazione previsti da "Progetto Trasparenza" ed il concreto conseguimento dei risultati attesi. 2. Per consentire l'adempimento di tale obbligo, l'ente si impegna ad emanare una nota che verrà diramata al Corpo di Polizia Municipale (in partico'are al personale della Sala Operativa), al Settore Viabilità, a tutti i dipendenti dell'amministrazione comunque preposti alla rilevazione o alla ricezione delle segnalazioni di sinistri, nonché a tutte le Forze dell'ordine che operano sulla rete viaria di propria competenza, al fine di illustrare le procedure di funzionamento del "Progetto Trasparenza", precisando che ad ogni segnalazione di incidenti stradali sono tenuti ad attivare l'intervento di Sicurezza e Ambiente S.p.A., mediante chiamata a numero verde Articolo 7 Durata del!' "Atto aggiuntivo" Il presente "Atto aggiuntivo" avrà la stessa durata della "Convenzione" a cui si riferisce, a meno che non intervenga disdetta da una delle Parti, da inoltrare a mezzo raccomandata A/R. Articolo 8 Varie 1. Le premesse costituiscono parte integrante del presente "Atto aggiuntivo". QualsiasI sua modifica dovrà avvenire con l'accordo delle Parti e in forma scritta. 2. Il trattamento dei dati personali avviene nel rispetto del D.lgs. 196/2003. Letto, confermato e sottoscritto. per il "Comune di... " (... ) per "Sicurezza e Ambiente S.p.A." (... ) Luogo, data Si allega alla presente: Accordo Quadro Sicurezza e Ambiente S,p.A. - AN CI 4

17 Esaminata la proposta di deliberazione di cui sopra; LA GIUNTA COMUNALE Considerato che della stessa se ne condividono tutti i presupposti di fatto e di diritto, Preso atto che su tale proposta di deliberazione sono stati resi i pareri ai sensi dell'art. 12 della legge regionale 30/2000; Ad unanimità di voti DELIBERA Per le motivazioni esposte e qui integralmente richiamate a) di prendere atto dell'ulteriore servizio aggiuntivo previsto dall' Accordo Quadro ANCI e la società Sicurezza e Ambiente S.p.a. denominato "Progetto Trasparenza"che offre:./ riduzione delle frodi assicurative;./ contenimento della spesa del premio assicurativo per la R.C.A. per sinistri accidentali a carico delle amministrazioni comunali;./ ridimensionamento della spesa burocratica a carico delle Amministrazioni comunali (contenzioso, personale, relazioni);./ raccolta sistematica di dati, informazioni e notizie su una ampia casistica, per consentire azioni di intervento significative su localizzazioni di particolare interesse, eliminando gravi situazioni di rischio;./ certezza della procedure e velocità nei tempi di liquidazione dei danni quantificati;./ abbattimento della litigiosità con alleggerimento del carico di lavoro dei Giudici;./ maggiore sicurezza sociale, stradale e urbana. b) Di assegnare al sottoscritto Dirigente Comandante della Polizia Municipale l'obiettivo di avvalersi del suddetto servizio aggiuntivo secondo le prescrizioni riportate nell'accordo quadro e nello schema di convenzione allegato alla presente come parte integrante e sostanziale; cl Di autorizzare, conseguentemente il suddetto Dirigente alla stipula della convenzione per il sopracitato servizio a iuntivo, sulla base dei pnedetti allegati, per la s ss rata della convenzione a cui si riferisce, con possibilita I rinnovo, anc e tacito a parte ompetente, revia verifica della sussistenza di ragioni di pubblico interesse e dei risultati conseguiti in conformità agli obiettivi del Comune assunti e dichiarati con il presente atto, nonché ogni atto gestionale connesso; d) Di dare atto che il rapporto convenzionale non comporta alcun onere finanziario a carico del bilancio comunale; el Di dare atto che il proposto atto aggiuntivo sarà valido dalla data di sottoscrizione fino alla naturale scadenza della "Convenzione" a cui si riferisce. f) Di dichiarare il presente provvedimento immediatamente esecutivo ai sensi dell'art. 12, comma 2, della lor. n. 44/91 s.m.i. Con separata ed unanime votazione favorevole, DELIBERA Dichiarare, il presente atto immediatamente esecutivo ai sensi dell'art. 12, comma 2 della L.R. n. 44/91. 6

18 Letto e sottoscritto, re [dente L'A~ Certificato di avvenuta affissione Per gli effetti di cui agli artt. 11 e nr.12 della l.r. 44/91 e dell' art. 12, comma 3 della l.r. n. 5/2011, si certifica che la presente deliberazione è stata affissa ali' Albo Pretori o on - line, nr. di reg. il Agrigento, lì Il Responsabile del Servizio IO - Settore IO [ l La presente deliberazione è divenuta esecutiva, decorsi dieci giorni dall 'affissione, il,ai sensi dell'art. 12, comma 1, della legge regionale 44/91. ~a presente deliberazione è divenuta esecutiva lo stesso giorno dell' adozione in quanto dichiarata Immediatamente esecutiva, ai sensi dell'art. 12, comma 2, della L.R. n. 44/91 s.m.i... Agrigento, lì O'1.loslZoB e Certificato di avvenuta pubblicazione Per gli effetti di cui all'art. 11, comma l, della l.r. n. 44/91 si certifica, su referto dell'operatore qui allegato, che la presente deliberazione è rimasta affissa all'albo pretorio on - line, nr. reg., dal al per giorni 15 ( quindici) consecutivi. Agrigento, lì Il Responsabile del Servizio ]0 - Settore IO Il Dirigente del Settore ]0 Il Segretario Generale 7

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE COAWYE PERC,1 (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. i Registro Delibere OGGETTO: Prosecuzione fino al 31/12/2014 n. 12 contratti di lavoro di diritto privato a tempo determinato

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR)

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) Tel. 0564 861111 Fax 0564 860648 C.F. 82001470531 P.I. 00105110530 DETERMINAZIONE N 722 DEL 27/10/2011 U.O. Politiche

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

tm \, ~. "'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,... " COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. d6::l DEL,Il - 02.

tm \, ~. 'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,...  COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. d6::l DEL,Il - 02. tm \, ~. "'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,... " COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - r:..,... i f,p.:

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali La procedura della contrattazione decentrata integrativa Comparto Regioni e Autonomie locali Marzo 2013 INDICE 1. Introduzione... 2 2. Le fasi della procedura... 3 3. Nomina delegazione di parte pubblica...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CULTURA - ISTRUZIONE - SPORT Istruzione - Cultura - Politiche Familiari

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CULTURA - ISTRUZIONE - SPORT Istruzione - Cultura - Politiche Familiari Proposta nr. 113 del 08/07/2011 - OGGETTO: mostra «FOTOGRAFIA E RISORGIMENTO. TESORI DEI GRANDI MUSEI ITALIANI». Spese per fornitura di immagini digitali. Assunzione impegno di spesa. I L F U N Z I O N

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs.

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 19 del 05 02 2015 4275 Di notificare il presente provvedimento: Sindaco del Comune di Mola di Bari (BA); Al Sindaco del Comune di Rutigliano (BA); Al Sindaco

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli