4. FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOTTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4. FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOTTI"

Transcript

1 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine 4 FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOI Nello studio delle ahine si one il oblea di deteinae la onfoazione dei ondotti in odo he il fluido subisa deteinate tasfoazioni duante il suo assaggio; il oblea oleentae è aesentato dall individuazione dell evoluzione he il fluido seienta nell attavesae un ondotto di foa assegnata e on deteinate ondizioni al ontono Nella esente tattazione i si ifeià eslusivaente al oto di fluidi aeifoi (oiibili) talasiando l estensione al aso dei fluidi inoiibili (liquidi) 4 DEFINIZIONI PRELIMINARI VELOCIA DEL SUONO La veloità del suono è genealente identifiata on la veloità di oagazione delle iole etubazioni in un fluido in ui si itiene tasuabile la onduibilità teia Il suo valoe non diende dalla geoetia del ao di oto (onodiensionale bidiensionale ) a eslusivaente dallo stato fisio del ezzo: S dove è la essione del fluido? la sua densità ente la deivata sotto adie quadata è effettuata ad entoia ostante (si onsidea la oagazione di una etubazione infinitesia: le vaiazioni delle gandezze fisihe attaveso l onda sono infinitesie e le tasfoazioni del fluido si ossono onsideae evesibili; inolte il fluido è suosto un sistea adiabatio ivo di onduibilità teia) Utilizzando la legge di evoluzione isentoia (/? K ost) l esessione della veloità del suono diventa la seguente: S S valida e qualunque aeifoe (gas efetto fluido eale vaoe e) Nel aso di gas efetto utilizzando l equazione di stato si ottiene: S R Nel aso del vao d aqua ooeà fa ifeiento al diagaa di Mollie e deteinae l esonente dell evoluzione isentoia Ad eseio noti valoi di e? (unto iniziale della tasfoazione) sostandosi isentoiaente si ossono leggee i valoi e? di un geneio unto lungo l evoluzione E ossibile alloa alolae il valoe di ediante la seguente esessione: Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 36

2 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine ln ln E ootuno notae he eoi anhe ioli di lettua dei valoi di essione e volue seifio sul diagaa di Collie ossono ondue a valoi di alolati e ezzo dell equazione eedente assai ieisi NUMERO DI MACH Il aoto ta la veloità del fluido in un unto e la veloità loale del suono ende il noe di nueo di Mah: S M GRANDEZZE OALI (DI RISAGNO) DI UNA CORRENE Si definisono oietà o gandezze di istagno (o totali o di aesto) di una oente fluida i valoi he i aaeti teodinaii della oente aquisteebbeo se questa fosse deeleata fino a veloità nulla isentoiaente Figua 4: Gandezze totali di una oente fluida L entalia totale è definita dalla soa dell entalia e dell enegia inetia Pe l unità di assa: i i Aliando il io iniio della teodinaia in foa loale ad una tasfoazione adiabatia e senza sabio di lavoo on l esteno si ottiene: Q e L i E ( Q L E ) i f g e i f g Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 37

3 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine i E (i ) i os t i Dalle eedenti elazioni si dedue he e un fluido in oto stazionaio (anhe non isentoio) in una tasfoazione adiabatia e senza sabi di lavoo l entalia totale è una gandezza ostante Pe un gas ideale vale inolte la seguente elazione: i (i ) P os t os t P dove on il sibolo si è indiata la teeatua totale he dunque è una gandezza ostante (e un gas ideale) in una tasfoazione adiabatia e senza sabi di lavoo on l esteo aliata ad un fluido in oto stazionaio (anhe non isentoio) E bene iaae il fatto he le eedenti equazioni sono state iavate non ionendo l isentoiità del oto Le definizioni e la ostanza dell entalia totale e e un gas ideale della teeatua totale non diendono etanto da questa assunzione Le alte gandezze di aesto invee e loo stessa definizione sono i valoi aggiunti dalle oisondenti gandezze statihe quando la oente viene aestata on un oesso isentoio La essione totale uò essee alolata on la seguente elazione suonendo l evoluzione isentoia: nella quale al solito l aie seve a distinguee le gandezze totali da quelle statihe Pe la densità totale analogaente vale l esessione seguente: Pe quanto detto essione e densità totali si onsevano in tutto il doinio solo nel aso di oto eanente isentoio in assenza di sabi di aloe e lavoo on l esteno Con assaggi elativaente selii si iavano infine le seguenti esessioni delle gandezze totali: M ( M ( M ) ) Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 38

4 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine La ia delle eedenti elazioni è valida solo nell iotesi di gas ideale le alte due valgono anhe e gas eale o vaoe 4 EFFUSORI E DIFFUSORI Pe lo studio del oto dei fluidi nei ondotti si adotteanno le seguenti iotesi selifiative: a) Flusso unidiensionale - un unia oodinata ioè l asissa isuata lungo l asse del ondotto è suffiiente e individuae le ondizioni del flusso e quindi in ogni sezione noale all asse del ondotto il fluido si tova in ondizioni teodinaihe e di veloità unifoi b) Flusso stazionaio - le aatteistihe del fluido non sono funzioni del teo a solo dello sazio ioè le aatteistihe del fluido in ogni singola sezione sono ostanti nel teo EFFUSORE Un effusoe è un ondotto in ui l'effetto utile è ostituito da un auento della veloità in usita isetto a quella in ingesso a sese di una iduzione di essione fa onte e valle del sistea stesso Aliando il io iniio della teodinaia in foa euleiana ad un sistea oendente un ondotto fisso (isetto al sistea di ifeiento ineziale) attaveso il quale un fluido oiibile ideale si uove in oto stazionaio la veloità di efflusso tasuando il teine legato alla vaiazione di enegia otenziale uò essee sitta nel odo seguente iotizzando il flusso unidiensionale: ( i i ) Q e dove i edii e indiano isettivaente la sezione di ingesso e quella di usita Utilizzando invee il io iniio in foa ista si ottiene: vd Lw Se si onsidea il aso atiolae di notevole iotanza atia in ui il flusso evolve seondo una olitoia adiabatia on edite (Q e e L w ) e se si assue he la veloità in ingesso sia tasuabile isetto a quella finale la veloità di efflusso uò essee esessa dalle elazioni seguenti: ( ) v v Lw Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 39

5 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 4 Coe si uò notae dalle equazioni eedenti la veloità di usita da un ondotto uò essee alolata se sono note le ondizioni del fluido in ingesso ( e ) la essione in usita e l'esonente della tasfoazione (ovviaente devono anhe essee note le oietà del fluido) Sesso iuttosto he agionae in teini di onosenza del oeffiiente della olitoia si efeise fae ifeiento al valoe del oeffiiente di iduzione di veloità φ / is Questo nel aso di tasfoazione adiabatia e on veloità in ingesso al ondotto tasuabile uò essee sitto nel odo seguente: is ϕ iodando he la veloità di efflusso isentoio vale is v I endienti idaulio ed isentoio dell'effusoe sono definiti nel odo seguente: w ye L E E η is e E E η Se il sistea non è ineziale tutte le elazioni eedenti sono aliabili on ifeiento al oto elativo DIFFUSORE Un diffusoe è un ondotto in ui l'effetto utile è ostituito da un auento della essione in usita isetto a quella in ingesso a sese di una iduzione della veloità ta ingesso ed usita Aliando il io iniio della teodinaia in foa euleiana ad un sistea oendente un ondotto fisso (isetto al sistea di ifeiento ineziale) attaveso il quale un fluido oiibile ideale si uove in oto stazionaio e iotizzando he la tasfoazione alla quale è soggetto il fluido sia una olitoia isulta: e E E i Q e E Q

6 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine dove al solito è stato tasuato il teine dovuto alla vaiazione di enegia otenziale Aliando il io iniio in foa ista si ottiene: L i vd Lw E R Lw E Lw E R Analogaente a quanto visto e l effusoe il endiento idaulio ed il endiento isentoio di un diffusoe sono definiti nel odo seguente ( E < ): E Lw i η yd η is d E i Se il sistea non è ineziale tutte le elazioni eedenti sono aliabili on ifeiento al oto elativo 43 ANDAMENO DELLE AREE IN UN CONDOO Esiendo la vaiazione di otata fa due sezioni distanti dx lungo il ondotto e onsideando il fluido in oto eanente si uò sivee: d& & da A d d [] Dal io iniio della teodinaia esesso in foa euleiana on L i e L w isulta (sistea ineziale): d d da ui si evine he ad un auento di veloità oisonde una diinuzione di essione e vievesa Sostituendo nella [] si ottiene: da d d da da [] A A d d A d d s Nella sittua delle eedenti elazioni si è assunta l iotesi di oto isentoio e dunque si è alolata la deivata della essione isetto alla densità ad entoia ostante: d s d S os t dove S è la veloità del suono La [] uò essee anhe sitta oe segue: Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 4

7 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine da A d ( ) M dove M è il nueo di Mah Si ossono a questo unto effettuae alune onsideazioni sull andaento delle aee delle sezioni di assaggio del fluido lungo la linea d asse di un effusoe o un diffusoe seondo quanto iassunto nella tabella seguente: Subsonio < s M < Suesonio > s M > Effusoe d < da < da > Diffusoe d > da > da < Risulta etanto he un effusoe o ugello è un onvegente se il oto all ingesso del ondotto è subsonio è un divegente se invee è suesonio Pe un diffusoe valgono le ondizioni ooste Nel aso di ugello onvegentedivegente dunque se nella sezione inia non si è aggiunta la veloità del suono endendo divegente il ondotto il flusso non viene iù aeleato Si ala di ondizioni itihe quando in un unto viene aggiunta la veloità del suono (M) ali onlusioni sono valide anhe se il sistea non è ineziale uhè si faia ifeiento al oto elativo 44 PRESSIONE CRIICA IN UN CONVERGENE Iotizzando di avee a disosizione un ondotto onvegente nel quale il fluido evolva seondo una tasfoazione isentoia (Q e e L w ) il io iniio della teodinaia si selifia in questo odo: is i is i La assia essione di valle he ende sonia la veloità di efflusso è detta essione itia Se e iotesi inolte aliando il io iniio al ondotto isulta: d is s ( ) d S os t on s R Si uò etanto sivee: R R R da ui si ottiene: Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 4

8 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine La veloità del suono nella sezione istetta uò essee esessa in funzione delle sole ondizioni di onte: s R R s Nell iotesi in ui le ondizioni a onte dell ugello siano ai a quelle totali o di aesto la essione itia uò essee iavata iediataente oe segue: ( ) Il valoe del aoto itio ta essione di usita e essione di onte diende solo dal valoe di (nell iotesi di oto isentoio) Genealente il aoto / onte è oeso ta 487 e 58 e vaiabile ta 66 (gas onoatoii) e 35 (vaoe satuo seo) 45 UGELLO SEMPLICEMENE CONVERGENE (CASO IDEALE) Consideiao la figua 4 in ui è aesentato un ugello selieente onvegente (effusoe subsonio) e sovaosto un gafio he iota l andaento della otata in assa di fluido he lo attavesa in funzione della essione all usita del ondotto Siano e le essioni all ingesso e all usita dell ugello isettivaente Se le due essioni oinidono non i saà otata all inteno del ondotto a ano a ano he la essione all usita diinuise la otata auenta Quando nella sezione di usita si sono aggiunte le ondizioni itihe ovveo la veloità del fluido è ai a quella del suono e la essione è uguale a alloa la otata si antiene ostante ioè non auenta iù anhe abbassando ulteioente la essione Questo uò essee siegato da un unto di vista fisio in questo odo: quando la essione all usita è aggioe della essione itia il fluido si uove veso valle ad una veloità iù bassa isetto a quella del suono Abbassando a antenendosi anoa al di soa della essione itia l infoazione di questo abbassaento he viaggia alla veloità del suono iese a oedee veso onte (visto he la veloità del fluido è inoe della veloità del suono) ihiaando alto fluido (e quindi la otata auenta) Allohè nella sezione di usita si sono aggiunte le ondizioni itihe ovveo la essione è ai a e la veloità del flusso nella sezione di usita è uguale alla veloità del suono l infoazione di un ulteioe diinuzione della essione di sboo non è iù in gado di oedee veso onte e di onseguenza la otata si antiene ostante Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 43

9 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine Figua 4: Andaento della otata in assa in funzione della essione di sboo e della veloità e un ugello selieente onvegente Nella figua sottostante è iotato lo stesso andaento della otata al vaiae della essione all usita del ondotto in un gafio ibaltato isetto alla figua eedente: Figua 43: Andaento della otata in assa di fluido in funzione della essione di sboo Pe un ugello selieente onvegente la iù alta veloità aggiungibile dal fluido è la veloità del suono nella sezione di usita Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 44

10 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine CALCOLO DELLA PORAA E ossibile iavae l equazione del tatto uvo del gafio di figua 43 ovveo della otata in funzione della essione della sezione di usita (detta sezione essendo la iù iola viene anhe hiaata sezione istetta o sezione di gola) aso: : la otata in assa di fluido vale: A A A A v A v f [3] aso: : la essione nella sezione di sboo isulta essee ostanteente uguale a (ondizioni itihe) La otata dell ugello isulta essee alloa la seguente: A [4] v Questa è anhe l equazione del tatto lineae del gafio di figua 43 Si definise essione di adattaento quella essione e la quale si veifia uguaglianza ta la essione dell abiente di valle e la essione della sezione di saio A aità di ondizioni di onte al vaiae della essione di valle l ugello si antiene adattato finhè si aggiunge allo sboo la essione itia Raggiunta la veloità del suono in usita ulteioi abbassaenti della essione di valle non odifiano le otate E quindi inutile ai fini delle otate eae un vuoto sinto a valle in quanto la otata diende oa solo dalle ondizioni di onte Se l ugello non è adattato ioè la essione nell abiente esteno è inoe della essione di sboo (nella sezione di gola) alloa il fluido è ostetto ad esandesi all esteno dell ugello on inevitabili edite di natua fluidodinaia Si onsidei un ugello selieente onvegente in ete ondizioni di essione in oisondenza della sezione di ingesso A tale ugello oisondeà un gafio della otata in funzione della essione di sboo del tio di quello intodotto in eedenza on il tatto uvo aesentato dalla elazione [3] e on il tatto ettilineo aesentato dalla elazione [4] Se a aità di teeatua del fluido la essione totale all ingesso auenta oe ostato nella figua 44 anhe la essione itia dovà neessaiaente auentae dal oento he la quantità / è ostante Di onseguenza in queste nuove ondizioni di eseizio l andaento della otata in funzione della essione di sboo saà aesentato da una uva del tutto siile a quella eedente a aatteizzata da un valoe di otata Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 45

11 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine itia iù elevato Si noti nel gafio di figua 44 (he iota l andaento della otata in funzione della essione di sboo e divesi valoi della essione in oisondenza della sezione di ingesso) oe i unti aesentativi delle ondizioni itihe siano tutti allineati seondo una etta usente dall oigine Figua 44: Andaento della otata in assa di fluido in funzione della essione di sboo al vaiae della essione in oisondenza della sezione di ingesso I unti aesentativi delle ondizioni itihe sono allineati lungo una etta usente dall oigine 46 UGELLO CONVERGENE DIVERGENE (UGELLO DI DE LAVAL) (CASO IDEALE) Pe ottenee il assaggio da un flusso subsonio ad uno suesonio è neessaio disoe di un ondotto onvegente divegente: infatti se all ingesso si ha un flusso subsonio e aeleae la oente bisogna inanalala in un ondotto onvegente eettendo osì al flusso di esandesi fino al valoe della essione itia nella sezione di gola e di aggiungee in tale sezione la veloità del suono; oa se si desidea he la veloità auenti ulteioente diventando suesonia il ondotto a atie dalla sezione di gola deve diventae divegente eettendo osì un ulteioe esansione del flusso Si faia ifeieento ifeiento alla figua 45 he aesenta l andaento della otata in assa di fluido e della veloità di sboo in funzione della essione di usita Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 46

12 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine Figua 45: Andaento della otata in assa di fluido in funzione della essione di sboo e della veloità e un ugello di De Laval Sia la essione totale all iboo Se la essione in oisondenza della sezione di usita è uguale a quella in ingesso alloa la otata saà nulla Mano a ano he la essione allo sboo diinuise la otata tende ad auentae La essione nella sezione istetta diventa itia quando la essione allo sboo aggiunge un deteinato valoe hiaato essione liite ( li ) In queste ondizioni nella sezione di gola la veloità del flusso è ai alla veloità del suono Fino al aggiungiento della li il fluido si esande nel onvegente auentando la oia veloità ente nel divegente si oie diinuendola La veloità della oente in oisondenza della sezione di sboo alla essione liite è stata indiata on li (inoe della veloità del suono) Pe quanto iguada la otata he attavesa l ugello al diinuie della essione di usita essa tende ad auentae e diventa itia soltanto quando la essione di sboo ha aggiunto il valoe liite Riduendosi la essione all usita al di sotto della li la otata non auenteà iù Nel aso in ui la essione di valle sia oesa ta li e ad il ootaento dell ugello non uò essee siegato se non faendo ioso a fenoeni non isentoii detti uti Si tatta onettualente di sezioni di disontinuità nella essione e nell entoia (he auentano) e nella veloità (he diinuise) Gli uti ossono essee etti se la sezione di disontinuità è eendiolae all asse del ondotto e attaveso essi un flusso suesonio diventa subsonio oue obliqui se la sezione di disontinuità non è eendiolae all asse del ondotto e attaveso essi un flusso suesonio uò o eno diventae subsonio; a valle di un uto etto il flusso è anoa Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 47

13 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 48 isentoio ente a valle di uno obliquo la vena fluida in genee si staa dalle aeti e tutto oede oe se in quel unto il ondotto teinasse Esiste un valoe della essione di valle he loalizza l uto etto allo sboo del ondotto Al di sotto di questo valoe di essione si anifestano uti obliqui a onte dello sboo a seguito dei quali la essione auenta la vena fluida si staa dalle aeti del ondotto e oede indistubata Pe iusie ad utilizzae l ulteioe esansione del fluido nel divegente e quindi otae la oente all usita del ondotto da sonia a suesonia è neessaio abbassae la essione di sboo fino alla essione di adattaento ad Questa è da onsideasi ondizione ottiale ed è etanto da intendesi oe situazione di funzionaento in ondizioni di ogetto Se la essione di sboo è infeioe alla essione di adattaento l andaento della essione nel ondotto è quello di adattaento e l esansione dal valoe di essione di adattaento al valoe di valle si ealizza nell abiente di saio attaveso onde di esansione CALCOLO DELLA PORAA Pe un ondotto onvegente divegente ideale la elazione v A & [5] è vea solo fino a quando le ondizioni di otata nel ondotto onsentono ondizioni di esansione isentoihe ovveo: - nei asi in ui il ondotto funzioni oe tubo di Ventui (esansione e ioessione) fino al aggiungiento del unto in ui si veifia la ondizione sonia nella sezione istetta (ondizione liite); - in oisondenza della ondizione di adattaento La assia otata è quella itia ai a: v A A v A A v A A ad ad ad ad li li li li s & La otata subitia diende dalle ondizioni totali a anhe dalle ondizioni di valle Nel aso invee di ugello itio le vaiazioni di valle non ossono isalie la oente (dal oento he la veloità di tasinaento è aggioe o

14 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine uguale a quella del suono) Di qui l indiendenza della otata itia dalla essione di valle Si onsidei oa il gafio di figua 46 he iota l andaento della otata in assa di fluido al vaiae della essione di sboo Figua 46: Andaento della otata in assa di fluido in funzione della essione di sboo aiando la uva della otata (equazione [5]) si ottiene la uva tatteggiata in figua 46 e quindi anhe il valoe della otata itia aesentata dal tatto ettilineo il quale intesea la uva elativa al onvegente in oisondenza della essione di adattaento e della essione liite Analogaente al aso dell ugello selieente onvegente nel iano he aesenta la otata in assa di fluido in funzione della essione di sboo auentando la essione totale in oisondenza della sezione di ingesso si ottengono tante uve on otata itia esente in ui tutti i unti angolosi individuati dalla essione liite sono allineati lungo una etta usente dall oigine (figua 47) Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 49

15 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 5 Figua 47: Andaento della otata in assa di fluido in funzione della essione di sboo al vaiae della essione in oisondenza della sezione di ingesso I unti dati dalla essione liite sono allineati lungo una etta usente dall'oigine CALCOLO DELLA PRESSIONE LIMIE Pe alolae la essione liite esistono due etodi: ) si uguaglia la foula della otata in ondizioni geneihe on quella della otata itia (la essione liite è in oisondenza dell intesezione ta le due uve desitte da queste due equazioni); si ottiene: A A Le soluzioni fisiaente aettabili sono due date dalle due intesezioni della uva di otata on il tatto oizzontale he individua la otata itia: la essione liite e la essione di adattaento ) si uò anhe oedee ediante l aossiazione ellittia della otata ovveo è ossibile aossiae la uva he esie la otata eale ad un ellisse Pe l ugello selieente onvegente si eviene alla seguente equazione: ente e l ugello di De Laval:

16 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine A A Se in quest ultia equazione si one: ovveo si intesea l ellisse on una etta oizzontale avente oe odinata il valoe della otata itia si eviene ad un equazione di seondo gado le ui due soluzioni sono la essione di adattaento e la essione liite In genee il tatto onvegente degli ugelli è abbastanza oto dal oento he non esiste il eiolo del distao della vena fluida; inolte inoe è la sua lunghezza inoi sono le edite di natua fluidodinaia Il tatto divegente invee è deisaente iù lungo affinhè il fluido ossa esandee senza inoee nel eiolo di un distao della vena Infine è neessaio he il divegente teini on le aeti aallele all asse dell ugello e evitae he la veloità del fluido in usita abbia oonenti eendiolai all asse 47 ESERCIZI SVOLI ) Ad un ugello onvegente-divegente eviene elio ( 67; 53 J / (g*k)) on veloità d'ingesso / s MPa e t 8 C Le ondizioni di adattaento sono ai a ad 4 MPa e t ad 5 C e l'ugello uò essee onsideato adiabatio Calolae la veloità di sboo ed il lavoo delle esistenze assive aettendo olitoia la linea di tasfoazione SOLUZIONE Aliando il io iniio in foa euleiana on Q e e L i isulta: i E ( ad ) La veloità di efflusso nella sezione di sboo è: ( ) 7577 /s ad L'esonente della olitoia uò essee alolato e ezzo della foula seguente: lg ad 3579 lg ad da ui isulta: 5574 Il aloe seifio della tasfoazione vale: Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 5

17 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine ( / ) J/gK da ui il lavoo di attito: 8663 ( ) J/g Lw ad ) Un ugello onvegente-divegente ieve nella sezione di ingesso (A ) aia ( 4; R 87 J / (g*k)) on veloità d'ingesso / s essione e teeatua d ingesso isettivaente Pa e t 5 C Il tatto onvegente è isentoio e al teine di esso la teeatua in oisondenza della sezione istetta è ai a t C; il tatto divegente invee u essendo adiabatio ha un evoluzione di tio olitoio on esonente ai a 47 Nella sezione di usita l'aia ha una veloità / s Calolae le aee della sezione istetta e della sezione allo sboo e deteinae la essione in oisondenza di tali sezioni SOLUZIONE Aliando il io iniio in foa euleiana on Q e e L i nel tatto onvegente dell'ugello isulta: i E ( ) dove e sono isettivaente la teeatua e la veloità nella sezione istetta; esliitando isulta: R( ) /s La veloità del suono nella sezione istetta vale R 3873 /s > s e l'ugello etanto non è itio Aliando il io iniio in foa euleiana on Q e e L i nel tatto divegente dell'ugello isulta: i E ( ) da ui si uò iavae la teeatua nella sezione di sboo: K dove: R 45 J/gK Le essioni e le asse voluihe nella sezione istetta e in quella di sboo ossono essee alolate e ezzo delle seguenti elazioni: Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 5

18 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine 7763 Pa 77 g/3 R 7633 Pa 55 g/3 R ente la assa voluia nella sezione di ingesso vale: 9884 g/3 R La otata di fluido he assa attaveso l'ugello vale & A 977 g/s e e l'equazione di ontinuità si ha: & A A da ui si ossono ottenee la sezione istetta e la sezione di usita he valgono isettivaente A 739 e A ) Due ugelli di De Laval disosti in seie l'uno isetto all'alto on inteosta una aaità (in ui il io dissia l'enegia inetia di saio) esentano le seguenti ondizioni: ingesso effusoe - aia ( 4; R 87 J / (g*k)) a I 3 ba e I K on veloità di ingesso tasuabile La sezione inia è A I 5 L'esansione è adiabatia evesibile in ondizioni adattate il effusoe esenta una sezione inia A II e saia nell'abiente ( ba e C) on un'esansione adiabatia evesibile in ondizioni adattate Calolae la otata dei due effusoi e la veloità di saio dei due ugelli Calolae inolte le aee di sboo dei due effusoi SOLUZIONE Entabi gli ugelli sono adattati etanto nella sezione istetta si ha la essione e la teeatua itia Pe il io ugello etanto si ha iodando he la essione e la teeatua di onte oinidono on le isettive gandezze totali ( ): I I I 5848 ba I I K Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 53

19 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine I I 55 g/3 R I RI /s La otata he tansita attaveso il io ugello vale: I & AI I I 75 g/s La teeatua a onte del seondo ugello uò essee alolata e ezzo del io iniio in foa euleiana aliato ad un sistea teodinaio oendente il io ugello e l'intea aaità In questo odo isulta he la sezione di usita del fluido oisonde alla sezione di ingesso del seondo ugello e la quale la veloità del fluido stesso è tasuabile in quanto dissiata all'inteno della aaità Riodando he questo sistea teodinaio è adiabatio (Q e ) senza ogani obili (L i ) e on vaiazione di enegia inetia nulla isulta: ioè: ( ) i II I K II I Aliando oa l'equazione di ontinuità ai due ugelli si ottiene: II & AI I I AII II II AII R II Da questa elazione è ossibile iavae la essione in ingesso al seondo effusoe uguale a quella di usita dal io II I 499 ba Aliando il io iniio in foa euleiana on Q e e L i al io e al seondo effusoe isulta he le veloità di efflusso dalle sezioni di sboo valgono isettivaente: R I I I I I I ( ) R /s R II II II II 786 /s L'equazione di ontinuità sitta on ifeiento alla sezione istetta e alla sezione di sboo eette di ottenee la elazione seguente: A u A Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 54

20 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine La eedente elazione aliata ai due effusoi eette il alolo delle due aee di sboo he valgono isettivaente: A ui 455 e A uii 48 ESERCIZI ) Calolae la otata e la veloità del getto di un endoeattoe on effusoe efigeato e il quale le ondizioni in aea di obustione sono di 8 ata e 35 K la essione estena (di adattaento) di 5 ata L esansione è olitoia on esonente 9 il gas ha assa oleolae ai a 5 g/ol l esonente il aloe assio sabiato è ai a 3 al/g la sezione di sboo A [Risultati: 43 / s; 36 g / s] ) In un ugello onvegente - divegente del distibutoe di una tubina a vaoe si fanno esandee 35 g / s di vao d aqua da 3 ba e 5 C ( / s) fino a ba Aettendo isentoia l esansione alolae la sezione finale del ondotto e valutae l aea della sezione istetta [Risultati: 858 / s; A 8 ; 57; A in 4 ] 3) Un ugello selieente onvegente on ondizioni a onte 5 ata e 5 C ( / s) e essione di valle ata lasia assae 3 g / s di aia ( 4 R 87 J / (g*k)) Calolae la veloità e la teeatua nella sezione si sboo e una esansione isentoia Calolae inolte la nuova otata se le ondizioni di onte diventano ata e 3 C e la essione di valle 4 ata [Risultati: / s; t 79 5 C; ' 55 g / s] 4) Ad un ugello adiabatio a on esistenze assive eviene azoto ( 4 M 8 g / ol) a 7 ata e 5 C ( / s) Saendo he la sezione di sboo è ai a e he le ondizioni di adattaento si veifiano e essione di sboo di ata e 3 C di teeatua tovae la otata la veloità di sboo e il valoe di L W [Risultati: 5 Kg / s 656 / s L W 965 al / g] 5) Un ugello onvegente - divegente esande isentoiaente aia ( 4 4 al / g) Nella sezione istetta di aea A in si ha s 4 / s on s ata In usita la essione di adattaento è ai a ata Calolae la otata la veloità dell aia e l aea della sezione di sboo Deteinae inolte nella sezione di sboo la essione liite e la elativa veloità [Risultati: t s 4 C; 3 5 Kg / s; 738 / s; A 8 ; 93 ata; t 4 C; li 87 ata; li 95 / s] Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 55

21 Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine 6) Un diffusoe adiabatio ieve aia ( 4; R 87 J / (g*k)) a essione 4 ata e teeatua 3 K on veloità 5 / s Volendo idue la veloità a soli 5 / s alolae la essione aggiunta dall aia in usita al diffusoe sia nell iotesi di oessione isentoia sia nell iotesi di oessione eale on endiento del diffusoe ai a 9 [Risultati: d 9 ata; d 85 ata] 7) Un diffusoe eale ieve nella sezione d ingesso (aea tasvesale A ) aia ( 4 4 J / (g*k)) alla veloità 3 / s on Pa e t 3 C Nella sezione d usita la veloità dell aia è ai 3 / s L evoluzione nel diffusoe uò essee onsideata una olitoia di esonente 5 Le esistenze assive nel diffusoe dissiano un lavoo L wd equivalente al % della vaiazione di enegia inetia nel diffusoe stesso Deteinae la essione in usita al diffusoe l aea A tasvesale della sezione di usita la quantità di aloe Q e eventualente sabiata nel diffusoe on l esteno (seifiando se il diffusoe è efigeato o isaldato) [Risultati: t 74 C; 468 Pa; A 774 ; Q e J / g diffusoe efigeato] Aunti del Coso (Doente: Fabio Mallao) 4 Moto degli Aeifoi nei Condotti - ag 56

Prima di affrontare lo studio degli impianti a gas è utile richiamare alcune nozioni della termodinamica dei

Prima di affrontare lo studio degli impianti a gas è utile richiamare alcune nozioni della termodinamica dei RIHIAMI DI ERMODINAMIA DEI GAS gas. Pia di affontae lo studio degli iianti a gas è utile iiaae alune nozioni della teodinaia dei i ouiao di gas assiilabili a gas efetti, in alte aole gas e soddisfano l

Dettagli

Meccanica applicata alle macchine

Meccanica applicata alle macchine Meccanica alicata alle acchine Il sistea eccanico iotato in figa é costitito a n otoe elettico, a n tilizzatoe con l'inteosizione i na tasissione Il otoe eoga na coia costante al vaiae ella velocità ente

Dettagli

Il criterio media varianza. Ordinamenti totali e parziali

Il criterio media varianza. Ordinamenti totali e parziali Il citeio media vaianza Il citeio media vaianza è un alto esemio di odinamento aziale ta lotteie definito da a M b se la lotteia b domina la lotteia a se ha media sueioe e vaianza infeioe a b eσ a σ b

Dettagli

5 PROPRIETÀ MAGNETICHE DEI MATERIALI

5 PROPRIETÀ MAGNETICHE DEI MATERIALI 5 PROPRETÀ AGNETCE DE ATERAL A seguito della scopeta di Østed dell azione agnetica podotta da un filo conduttoe pecoso da coente l ipotesi più natuale che olti fisici avanzaono pe spiegae questo effetto

Dettagli

Primo principio della termodinamica

Primo principio della termodinamica Primo riniio della termodinamia Priniio di equivalenza Due ori a temeratura diversa, in ontatto, raggiungono l'equilibrio termio Durante il ontatto, il "alore" si trasferise dal oro iù aldo al oro iù freddo

Dettagli

Proporzionamento del pistone oleodinamico

Proporzionamento del pistone oleodinamico 0 Schede di Imianti Navali Poozionamento del istone oleodinamico ve 1. cua di Tommaso Coola e anco Quaanta 1 Poozionamento del istone oleodinamico vesione: 1. file oiginale: Poozionamento del istone oleodinamico

Dettagli

Lezione 6. Livello e finanziamento del capitale produttivo

Lezione 6. Livello e finanziamento del capitale produttivo Lezione 6. Livello e finanziamento del caitale oduttivo Il fabbisogno di fondi delle imese coisonde all eccesso della sesa e investimenti isetto all autofinanziamento, integato dall accumulo di nuove attività

Dettagli

MOMENTI E CENTRAGGIO DEL VELIVOLO

MOMENTI E CENTRAGGIO DEL VELIVOLO x 1 x ISTITUZIONI DI INGEGNERIA AEROSAZIALE OENTI E CENTRAGGIO VELIVOLO OENTI E CENTRAGGIO DEL VELIVOLO er il alolo delle prestazioni in volo orizzontale rettilineo ed uniforme, il velivolo può essere

Dettagli

pdv + p ponendo v T v p

pdv + p ponendo v T v p Nel aso artiolare in i δl sia esresso in fnzione delle oordinate e, è er trasformazione internamente reersibile ari a : δl d laoro di ariazione di olme, essendo d d d esso si ò osì esrimere δl d d onendo

Dettagli

Termometria e calorimetria

Termometria e calorimetria ermometria e alorimetria Priniio zero della termodinamia: 2 ori, e, a temerature differenti ( < ) osti a ontatto raggiungono l equilibrio termio. Se e sono in equilibrio termio on un terzo oro C allora

Dettagli

CAPITOLO 4 EQUAZIONI di CONSERVAZIONE

CAPITOLO 4 EQUAZIONI di CONSERVAZIONE CAPIOLO 4 EQUAZIONI di CONSERVAZIONE 4. Cassifiazione dee ahine Chiamasi mahina a sede di una trasformazione energetia oerante mediante uno o iù fuidi in azione dinamia o inematia; detti fuidi sono i ettori

Dettagli

Le reti di distribuzione degli impianti di riscaldamento

Le reti di distribuzione degli impianti di riscaldamento Corso di IMPIANTI TECNICI er l EDILIZIA Le reti di distribuione degli iianti di riscaldaento Prof. Paolo ZAZZINI Diartiento INGEO Università G. D Annunio Pescara.lft.unich.it Prof. Paolo ZAZZINI Diartiento

Dettagli

Oggetto: TEMA D ESAME DÌ STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DÌ GEOMETRA SESSIONE 2008

Oggetto: TEMA D ESAME DÌ STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DÌ GEOMETRA SESSIONE 2008 Toino, novembe 2008 Gentile ofessionista Oggetto: TEMA D ESAME DÌ STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DÌ GEOMETRA SESSIONE 2008 E con molto iacee che aendiamo il testo del Tema

Dettagli

Corrente elettrica. Definizione. dq i = dt. Unità di misura. 1Coulomb 1 Ampere = 1secondo. Verso della corrente

Corrente elettrica. Definizione. dq i = dt. Unità di misura. 1Coulomb 1 Ampere = 1secondo. Verso della corrente Nome file j:\scuola\cosi\coso fisica\elettomagnetismo\coente continua\coenti elettiche.doc Ceato il 05/1/003 3.07.00 Dimensione file: 48640 byte Elaboato il 15/01/004 alle oe.37.13, salvato il 10/01/04

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua MACCHINE ELETTRICHE Mahine in Corrente Continua Stefano Pastore Dipartiento di Ingegneria e Arhitettura Corso di Elettrotenia (IN 043) a.a. 2012-13 Statore Sistea induttore (Statore): anello in ghisa o

Dettagli

Energia potenziale e dinamica del punto materiale

Energia potenziale e dinamica del punto materiale Enegia potenziale e dinamica del punto mateiale Definizione geneale di enegia potenziale (facoltativo) In modo geneale, la definizione di enegia potenziale può esee pesentata come segue. Sia un punto di

Dettagli

5. CAMBIO. 5.1. descrizione

5. CAMBIO. 5.1. descrizione ambio powe - shift 5. AMBIO 5.. descizione Tattasi di cambio meccanico a te velocità avanti e te velocità indieto, ealizzate mediante cinque iduttoi epicicloidali vaiamente collegati ta loo. Tutte le cinque

Dettagli

CAPITOLO 10 La domanda aggregata I: il modello IS-LM

CAPITOLO 10 La domanda aggregata I: il modello IS-LM CAPITOLO 10 La domanda aggegata I: il modello IS-LM Domande di ipasso 1. La coce keynesiana ci dice che la politica fiscale ha un effetto moltiplicato sul eddito. Infatti, secondo la funzione di consumo,

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO 1 La siepe Sul eto di una villetta deve essee ealizzato un piccolo giadino ettangolae di m, ipaato da una siepe posta lungo il bodo Dato che un lato del giadino è occupato

Dettagli

TERMODINAMICA E TERMOFLUIDODINAMICA TRASMISSIONE DEL CALORE PER CONVEZIONE

TERMODINAMICA E TERMOFLUIDODINAMICA TRASMISSIONE DEL CALORE PER CONVEZIONE TERMODINAMICA E TERMOFUIDODINAMICA TRASMISSIONE DE CAORE PER CONVEZIONE h C T Q ( T ) m ( ) ρ = V T V ost T = A T S Trasmissione del alore per onvezione Indie 1. a onvezione termia forzata e naturale 2.

Dettagli

3. Compositi a fibre corte

3. Compositi a fibre corte 3. Copositi a ibre orte 3.1. Generalità Coe visto al apitolo preedente lainati opositi unidirezionali opositi a ibre lunghe sono aratterizzati da una elevata resistenza nella direzione delle ibre unita

Dettagli

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELLE SCORTE

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELLE SCORTE CBM a.s. 212/213 PROBLEMA DELLE SCORTE Chiamiamo SCORTA ogni riserva di materiali presente all interno del sistema produttivo in attesa di essere sottoposto ad un proesso di trasformazione o di distribuzione.

Dettagli

Impianto di pressurizzazione e condizionamento

Impianto di pressurizzazione e condizionamento Capitolo 8 Impianto di pressurizzazione e ondizionamento Capitolo 8 Impianto di pressurizzazione e ondizionamento Queste dispense possono essere liberamente sariate dal sito internet del Politenio di Milano.

Dettagli

Impianto di pressurizzazione e condizionamento

Impianto di pressurizzazione e condizionamento IMPIANTI E SISTEMI Disense del orso, versione 2014 Caitolo 9 Imianto di ressurizzazione e ondizionamento Caitolo 9 Imianto di ressurizzazione e ondizionamento Queste disense ossono essere liberamente sariate

Dettagli

Teoria del consumo basata sulle aspettative

Teoria del consumo basata sulle aspettative Lezione 7 (Blanchad ca. 5) Aseaive, consumo e invesimeno Coso di Macoeconomia Pof. Guido Ascai, Univesià di Pavia Teoia del consumo basaa sulle aseaive Teoia del eddio emanene (Milon Fiedman) > gli ageni

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO REALTÀ E MDELLI SCHEDA DI LAVR La clessida ad acqua Ipotizziamo che la clessida ad acqua mostata in figua sia fomata da due coni pefetti sovapposti La clessida impiega,5 minuti pe svuotasi e supponiamo

Dettagli

Urti tra due punti materiali

Urti tra due punti materiali Uti ta due punti ateiali URTO: eento isolato nel quale una foza elatiaente intensa agisce pe un tepo elatiaente bee su due o più copi in contatto ta loo isultato di un contatto fisico F F isultato di una

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

LA GENETICA MENDELIANA

LA GENETICA MENDELIANA LA GENETIA MENDELIANA Gli studi di Mendel hanno appesentato una tappa fondamentale nello sviluppo della genetia. i pae quindi giusto dediae un po di spazio a questo pesonaggio, he, ome spesso aade pe le

Dettagli

Modelli di base per la politica economica

Modelli di base per la politica economica Modelli di base per la politia eonomia Capitolo Marella Mulino Modelli di base per la politia eonomia Corso di Politia eonomia a.a. 22-23 Modelli di base per la politia eonomia Capitolo Capitolo Modello

Dettagli

Misure di RAP risk-adjusted performance

Misure di RAP risk-adjusted performance Misue di RAP isk-adjusted eomance Indice di Shae e M-quado Indice di Teyno Tacking Eo e Inomation Ratio Indice di Sotino 28 Indice di Shae Pemio e unità di ischio totale, o ewad to vaiability S µ z µ P

Dettagli

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

GEOMETRIA 3D MODELLO PINHOLE

GEOMETRIA 3D MODELLO PINHOLE http://imagelab.ing.unimo.it Dispense del coso di Elaboazione di Immagini e Audio Digitali GEOMETRIA 3D MODELLO PINHOLE Pof. Robeto Vezzani Calibazione della telecamea: a cosa seve? Obiettivo: pote calcolae

Dettagli

CAPITOLO 11 La domanda aggregata II: applicare il modello IS-LM

CAPITOLO 11 La domanda aggregata II: applicare il modello IS-LM CPITOLO 11 La domanda aggegata II: applicae il modello - Domande di ipasso 1. La cuva di domanda aggegata appesenta la elazione invesa ta il livello dei pezzi e il livello del eddito nazionale. Nel capitolo

Dettagli

Corso di Laurea: INGEGNERIA INFORMATICA (classe 09) Insegnamento: n Lezione: Titolo: V M. Fig. 5.1 Schematizzazione di una macchina a fluido

Corso di Laurea: INGEGNERIA INFORMATICA (classe 09) Insegnamento: n Lezione: Titolo: V M. Fig. 5.1 Schematizzazione di una macchina a fluido Corso di Laurea: INGEGNERIA INFORMATICA (lasse 09) Le equazioni del moto dei fluidi L equazione di onservazione dell energia in forma termodinamia V M Ω Ω Fig. 5. Shematizzazione di una mahina a fluido

Dettagli

CORRENTI ELETTRICHE E CAMPI MAGNETICI STAZIONARI

CORRENTI ELETTRICHE E CAMPI MAGNETICI STAZIONARI CORRENT ELETTRCHE E CAMP MAGNETC STAZONAR Foze magnetiche su una coente elettica; Coppia magnetica su una coente in un cicuito chiuso; Azioni meccaniche su dipoli magnetici; Applicazione (Galvanometo);

Dettagli

La sezione della struttura interna di un attuatore (motore) a passo a riluttanza variabile (VR), a tre. avvolgimento. fase a.

La sezione della struttura interna di un attuatore (motore) a passo a riluttanza variabile (VR), a tre. avvolgimento. fase a. Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto I6 Azionaenti con otoe a ao In queto caitolo i affontano i incii di funzionaento e i dettagli cotuttivi dei inciali attuatoi a ao Veà anche fonito un elice eeio di

Dettagli

IL MOMENTO ANGOLARE E IL MOMENTO D INERZIA

IL MOMENTO ANGOLARE E IL MOMENTO D INERZIA . L'IMPULS 0 DI MT IL MMENT NGLRE E IL MMENT D INERZI Il momento angolae nalizziamo alcuni moti di otazione. Se gli attiti sono tascuabili, una uota di bicicletta messa in otazione può continuae a giae

Dettagli

Movimento nei fluidi : prima parte Applicazioni della meccanica dei fluidi

Movimento nei fluidi : prima parte Applicazioni della meccanica dei fluidi In questa sezione vi sono argomenti he non fanno normalmente parte di un orso tradizionale di Fisia. Si tratta di una breve esursione nei viini ampi della biologia e della zoologia: appliazioni delle leggi

Dettagli

FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO. Dispositivo sperimentale

FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO. Dispositivo sperimentale FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO 0 Dispositivo speimentale Consideiamo pe semplicità un campo magnetico unifome, le linee di foza sono paallele ed equidistanti. Si osseva una foza di oigine

Dettagli

SIMULAZIONE - 22 APRILE 2015 - QUESITI

SIMULAZIONE - 22 APRILE 2015 - QUESITI www.matefilia.it Assegnata la funzione y = f(x) = e x 8 SIMULAZIONE - APRILE 5 - QUESITI ) veificae che è invetibile; ) stabilie se la funzione invesa f è deivabile in ogni punto del suo dominio di definizione,

Dettagli

1.1 Rendimento isoentropico

1.1 Rendimento isoentropico . Rendiento isoentroio L oressione o l esnsione di un fluido è un oerzione olto oune nei roessi tenologii. Bsti ensre he qulunque otore er oter funzionre h bisogno di un fse di oressione e di un di esnsione.

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Lezione 3 Controllo delle scorte. Simulazione della dinamica di un magazzino

Lezione 3 Controllo delle scorte. Simulazione della dinamica di un magazzino Lezione 3 Conollo delle scoe Simulazione della dinamica di un magazzino Conollo delle scoe ovveo gesione magazzini significa conollo degli aovvigionameni (aivi), a fone di acquisi; conollo della oduzione

Dettagli

Politecnico di Torino Laurea a Distanza in Ingegneria Meccanica Corso di Macchine

Politecnico di Torino Laurea a Distanza in Ingegneria Meccanica Corso di Macchine Polteno d orno aurea a Dstanza n Ingegnera Meana Corso d Mahne SRCIZI SVOI Sono d seguto svolt gl serz 4 6 e 7 roost al terne del Ca 4 (Moto d un fludo aerfore n un ondotto) al eserz non sono stat svolt

Dettagli

Grandezze cinematiche angolari (1)

Grandezze cinematiche angolari (1) Uniesità degli Studi di Toino D.E.I.A.F.A. MOTO CIRCOLARE UNIFORME FISICA CdL Tecnologie Agoalimentai Uniesità degli Studi di Toino D.E.I.A.F.A. Genealità () Moto di un punto mateiale lungo una ciconfeenza

Dettagli

Il candidato risolva uno dei due problemi e 4 degli 8 quesiti scelti nel questionario.

Il candidato risolva uno dei due problemi e 4 degli 8 quesiti scelti nel questionario. LICEO SCIENTIFICO SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO (AMERICHE) SESSIONE ORDINARIA Il candidato isolva uno dei due poblemi e degli 8 quesiti scelti nel questionaio. N. De Rosa, La pova di matematica pe il liceo

Dettagli

Sistemi inerziali Forza centripeta e forze apparenti Forza gravitazionale. 03/11/2011 G. Pagnoni 1

Sistemi inerziali Forza centripeta e forze apparenti Forza gravitazionale. 03/11/2011 G. Pagnoni 1 Sistemi ineziali Foza centipeta e foze appaenti Foza gavitazionale 03/11/011 G. Pagnoni 1 Sistemi ineziali Sistema di ifeimento ineziale: un sistema in cui è valida la pima legge di Newton (I legge della

Dettagli

Elettropompa per acque chiare tipo ABS Robusta 200 e 300

Elettropompa per acque chiare tipo ABS Robusta 200 e 300 Elettropopa per aque hiare tipo ABS Robusta 200 e 300 1081-02 Type tested and onitored 15970230IT (04/2015) IT Istruzioni d installazione e uso www.sulzer.o 2 Istruzioni d installazione e uso (Traduzione

Dettagli

UN METODO SEMPLIFICATO PER L ANALISI NON LINEARE DEL COMPORTAMENTO DI PLATEE SU PALI

UN METODO SEMPLIFICATO PER L ANALISI NON LINEARE DEL COMPORTAMENTO DI PLATEE SU PALI UN METODO SEMPLIFICATO PER L ANALISI NON LINEARE DEL COMPORTAMENTO DI PLATEE SU PALI Raffaele Di Laoa, Luca de Sanctis Univesità di Naoli Pathenoe affaele.dilaoa@uniathenoe.it, luca.desanctis@uniathenoe.it

Dettagli

Università degli studi di Bologna D.I.E.M. Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni Meccaniche, Nucleari, Aeronautiche e di Metallurgia

Università degli studi di Bologna D.I.E.M. Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni Meccaniche, Nucleari, Aeronautiche e di Metallurgia Università degli studi di Bologna D.I.E.M. Diartiento di Ingegneria delle Costruzioni Meanihe, Nuleari, Aeronautihe e di Metallurgia rev. giugno 2005 Motore ad aensione oandata Motore ad aensione er oressione

Dettagli

12 L energia e la quantità di moto - 12. L impulso

12 L energia e la quantità di moto - 12. L impulso L enegia e la quantità di moto -. L impulso Il momento angolae e il momento d inezia Il momento angolae nalizziamo alcuni moti di otazione. Se gli attiti sono tascuabili, una uota di bicicletta messa in

Dettagli

Esercizi sui gas perfetti

Esercizi sui gas perfetti Eserz su gas perett Eserzo In un repente d esertata dal gas è d delle oleole d elo. 0 d sono ontenute ol d He. La pressone 5.5 Trasorao l volue n untà SI: 0d 0 Pa. Deternare la velotà quadrata eda Ravao

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

f Le trasformazioni e il trattamento dell aria

f Le trasformazioni e il trattamento dell aria f Le trasformazioni e il trattamento dell aria 1 Generalità Risolvendo il sistema (1) rispetto ad m a si ottiene: () Pertanto, il punto di misela sul diagramma psirometrio è situato sulla ongiungente dei

Dettagli

Investimento. 1 Scelte individuali. Micoreconomia classica

Investimento. 1 Scelte individuali. Micoreconomia classica Investimento L investimento è l aumento della dotazione di capitale fisico dell impesa. Viene effettuato pe aumentae la capacità poduttiva. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (5) L investimento In queste

Dettagli

Compressori e ventilatori. Impianti frigoriferi

Compressori e ventilatori. Impianti frigoriferi Sheda riassuntiva 10 apitolo 13 Compressori e ventilatori. Impianti frigoriferi Compressori e ventilatori I ompressori si possono lassifiare seondo lo shema seguente: Volumetrii alternativi rotativi Dinamii

Dettagli

PROVA DI LABORATORIO # 5

PROVA DI LABORATORIO # 5 PROVA DI LABORATORIO # 5 DEL 03/11/1998 Corso di Tenia delle Alte Tensioni ANALISI DELLA CURVA DI PASCHEN IN ARIA E IN SF 6. VERIFICHE DI MASSIMA E NUMERICA DI UN CIRCUITO MOLTIPLICATORE DI MARX Si intende

Dettagli

ONDE ELETTROMAGNETICHE

ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE Teoia delle onde EM e popagazione (B. Peite) mecoledì 8 febbaio 1 Coso di Compatibilità Elettomagnetica 1 Indice degli agomenti Fenomeni ondulatoi La matematica dell onda La legge

Dettagli

Calcolo della densità dell aria alle due temperature utilizzando l equazione dei gas:

Calcolo della densità dell aria alle due temperature utilizzando l equazione dei gas: Lezione XXIII - 0/04/00 ora 8:0-0:0 - Esercizi tiraggio e sorbona - Originale di Marco Sisto. Esercizio Si consideri un ipianto di riscaldaento a caino caratterizzato dai seguenti dati: T T Sezione ati

Dettagli

Elettropompa da fognatura per uso non gravoso tipo ABS MF 154-804 Elettropompe sommergibili trituratrici tipo ABS Piranha 08 & 09

Elettropompa da fognatura per uso non gravoso tipo ABS MF 154-804 Elettropompe sommergibili trituratrici tipo ABS Piranha 08 & 09 Elettropopa da fognatura per uso non gravoso tipo ABS MF 154-804 1010-00 15975131IT (08/2015) IT Istruzioni di Installazione e Uso www.sulzer.o 2 Istruzioni di Installazione e Uso (Traduzione delle istruzioni

Dettagli

Legge del gas perfetto e termodinamica

Legge del gas perfetto e termodinamica Scheda riassuntia 5 caitoli 9-0 Legge del gas erfetto e termodinamica Gas erfetto Lo stato gassoso è quello di una sostanza che si troa oltre la sua temeratura critica. La temeratura critica è quella oltre

Dettagli

Turbomacchine Radiali -Compressori Centrifughi -Turbine Centripete

Turbomacchine Radiali -Compressori Centrifughi -Turbine Centripete Turbomahine Radiali -Compressori Centrifughi -Turbine Centripete Testi di Riferimento Cumpsty, N.A. Compressor Aerodynamis, ISBN 0-470-334-5 Japikse, D. Centrifugal Compressor Design and Performane, ISBN

Dettagli

Elettropompa per acque chiare tipo ABS Robusta 200 e 300

Elettropompa per acque chiare tipo ABS Robusta 200 e 300 Elettropopa per aque hiare tipo ABS Robusta 200 e 300 1081-02 Type tested and onitored 15970230IT (10/2015) IT Istruzioni d installazione e uso www.sulzer.o 2 Istruzioni d installazione e uso (Traduzione

Dettagli

Rendimento globale: Assegnati combustibile. rapporto

Rendimento globale: Assegnati combustibile. rapporto Esoreattore (turbogetti o ramjets) Spinta: Velocità efficace: Resistenza ram Spinta del getto: Spinta netta (condizioni adattamento: ): Impulso specifico all aria: Consumo specifico di combustibile (TSFC):

Dettagli

Corso di Elettrotecnica 1 - Cod. 9200 N Diploma Universitario Teledidattico in Ingegneria Informatica ed Automatica Polo Tecnologico di Alessandria

Corso di Elettrotecnica 1 - Cod. 9200 N Diploma Universitario Teledidattico in Ingegneria Informatica ed Automatica Polo Tecnologico di Alessandria Schede di lettotecnica Coso di lettotecnica - Cod. 900 N Diploma Univesitaio Teledidattico in Ingegneia Infomatica ed utomatica Polo Tecnologico di lessandia cua di Luca FRRRIS Scheda N Sistemi tifase:

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE ANNO AADEIO / Esecitzioni di EANIA ALIATA ALLE AHINE di olo ilnesi Esecitzioni di eccnic lict lle cchine Indice delle esecitzioni INDIE DELLE ESERITAZIONI INTRODUZIONE ALLE ESERITAZIONI 5. SISTEI DI RIFERIENTO

Dettagli

Pressione totale 689 Pa Coefficiente di sicurezza 1,1 Pressione netta 522 Pa Perdita di carico aggiuntiva 115 Pa Filtri ad elevato rendimento

Pressione totale 689 Pa Coefficiente di sicurezza 1,1 Pressione netta 522 Pa Perdita di carico aggiuntiva 115 Pa Filtri ad elevato rendimento I.T.I.S. PININFARINA Via Ponhielli, 16 - Monalieri INTERVENTI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE E NORMATIVO FINANZIATI CON FONDI DEI PATTI TERRITORIALI AREA TORINO SUD Progetto eseutivo IMPIANTI TERMO-FLUIDICI

Dettagli

Sessione live #2 Settimana dal 24 al 30 marzo. Statistica Descrittiva (II): Analisi congiunta, Regressione lineare Quantili.

Sessione live #2 Settimana dal 24 al 30 marzo. Statistica Descrittiva (II): Analisi congiunta, Regressione lineare Quantili. Sessione lie # Settimana dal 4 al 30 marzo Statistica Descrittia (II): Analisi congiunta, Regressione lineare Quantili Lezioni CD: 3 4-5 Analisi congiunta Da un camione di 40 studenti sono stati rileati

Dettagli

FI.CO. 2. ...sempre più fico! ( Fisica Comprensibile per geologi) Programma di Fisica 2 - (v 5.0-2002) A.J. 2000 Adriano Nardi

FI.CO. 2. ...sempre più fico! ( Fisica Comprensibile per geologi) Programma di Fisica 2 - (v 5.0-2002) A.J. 2000 Adriano Nardi FI.CO. 2 ( Fisica Compensibile pe geologi) Pogamma di Fisica 2 - (v 5.0-2002)...sempe più fico! A.J. 2000 Adiano Nadi La fisica dovebbe essee una scienza esatta. Questo papio non può gaantie la totale

Dettagli

Cariche in campo magnetico: Forza magnetica

Cariche in campo magnetico: Forza magnetica Lezione 18 Campo magnetico I Stoicamente, i geci sapevano che avvicinando un pezzo di magnetite a della limatua di feo questa lo attaeva. La magnetite ea il pimo esempio noto di magnete pemanente. Come

Dettagli

REALIZZAZIONE DIGITALE DI ALGORITMI DI CONTROLLO DIRETTO DI COPPIA PER MOTORI ASINCRONI

REALIZZAZIONE DIGITALE DI ALGORITMI DI CONTROLLO DIRETTO DI COPPIA PER MOTORI ASINCRONI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE Dottoato di Riceca in Tecnologie dell Infomazione XXIV Ciclo Andea Rossi REALIZZAZIONE DIGITALE DI ALGORITMI DI CONTROLLO DIRETTO

Dettagli

DISPENSA DI PROGETTO DEL TELAIO www.tecnicadacorsa.it

DISPENSA DI PROGETTO DEL TELAIO www.tecnicadacorsa.it DISPENSA DI PROGETTO DEL TELAIO www.teniadaorsa.it Capitolo 7 Analisi Dinaia Analitia e Nueria 7. - Introduzione La gran parte delle strutture reali è soggetta a eitazioni vibratorie. Gli senari appliativi

Dettagli

FISICA. V [10 3 m 3 ]

FISICA. V [10 3 m 3 ] Serie 5: Soluzioni FISICA II liceo Esercizio 1 Primo rinciio Iotesi: Trattiamo il gas con il modello del gas ideale. 1. Dalla legge U = cnrt otteniamo U = 1,50 10 4 J. 2. Dal rimo rinciio U = Q+W abbiamo

Dettagli

LAVORO ED ENERGIA Corso di Fisica per Farmacia, Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2006

LAVORO ED ENERGIA Corso di Fisica per Farmacia, Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2006 LAVORO ED ENERGIA INTRODUZIONE L introduzione dei concetto di lavoro, energia cinetica ed energia potenziale ci perettono di affrontare i problei della dinaica in un odo nuovo In particolare enuncereo

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

Disequazioni. 21.1 Intervalli sulla retta reale

Disequazioni. 21.1 Intervalli sulla retta reale Disequazioni 1 11 Intevalli sulla etta eale Definizione 11 Dati due numei eali a e b, con a < b, si chiamano intevalli, i seguenti sottoinsiemi di R: a, b) = {x R/a < x < b} intevallo limitato apeto, a

Dettagli

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico Magnetostatica: foze magnetiche e campo magnetico Lezione 6 Campo di induzione magnetica () (nomenclatua stoica ; in ealtà si dovebbe chiamae, e spesso lo è, campo magnetico) è un campo di foze vettoiale

Dettagli

EX 1 Una cassa di massa m=15kg è ferma su una superficie orizzontale scabra. Il coefficiente di attrito statico è µ s

EX 1 Una cassa di massa m=15kg è ferma su una superficie orizzontale scabra. Il coefficiente di attrito statico è µ s STATICA EX Una cassa di massa m=5kg è fema su una supeficie oizzontale scaba. Il coefficiente di attito statico è µ s = 3. Supponendo che sulla cassa agisca una foza F fomante un angolo di 30 ispetto al

Dettagli

C8. Teoremi di Euclide e di Pitagora

C8. Teoremi di Euclide e di Pitagora 8. Teoemi di uclide e di Pitagoa 8.1 igue equiscomponibili ue poligoni sono equiscomponibili se è possibile suddivideli nello stesso numeo di poligoni a due a due conguenti. Il ettangolo e il tiangolo

Dettagli

Capitolo 16. La teoria dell equilibrio generale. Soluzioni delle Domande di ripasso

Capitolo 16. La teoria dell equilibrio generale. Soluzioni delle Domande di ripasso eanko & aeutigam icoeconomia anuale delle oluzioni Capitolo 16 La teoia dell equilibio geneale Soluzioni delle Domande di ipao 1. L analii di equilibio paziale tudia la deteminazione del pezzo e della

Dettagli

PERCORSO SUI PRINCIPALI CONCETTI ECONOMICI IL COMPORTAMENTO DELL IMPRESA

PERCORSO SUI PRINCIPALI CONCETTI ECONOMICI IL COMPORTAMENTO DELL IMPRESA Coso i Micoeconomia - Daniele Checchi PERCORSO SUI PRINCIPAI CONCETTI ECONOMICI I COMPORTAMENTO DE IMPRESA Cos è un imesa? Nella teoia neoclassica è una aggegaione temoanea i soggetti ientici (anche se

Dettagli

Corso di TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOVABILI. L energia eolica: il vento

Corso di TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOVABILI. L energia eolica: il vento POLITECNICO DI BARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA Corso di TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOABILI L energia eolia: il vento A.A. 203/4 Tenologie delle Energie

Dettagli

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. Introduzione I rocessi termodinamici che vengono realizzati nella ratica devono consentire la realizzazione di uno scambio di energia termica o di energia

Dettagli

Misure elettriche circuiti a corrente continua

Misure elettriche circuiti a corrente continua Misure elettriche circuiti a corrente continua Legge di oh Dato un conduttore che connette i terinali di una sorgente di forza elettrootrice si osserva nel conduttore stesso un passaggio di corrente elettrica

Dettagli

Potenziale elettrico per una carica puntiforme isolata

Potenziale elettrico per una carica puntiforme isolata Potenziale elettico pe una caica puntifome isolata Consideiamo una caica puntifome positiva. Il campo elettico geneato da uesta caica è: Diffeenza di potenziale elettico ta il punto ed il punto B: B ds

Dettagli

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia.

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia. Poblema fondamentale: deteminae il moto note le cause (foze) pe oa copi «puntifomi» Dinamica Se un copo non inteagisce con alti copi la sua velocità non cambia. Se inizialmente femo imane in quiete, se

Dettagli

CAPITOLO 3 Il reddito nazionale: da dove viene e dove va

CAPITOLO 3 Il reddito nazionale: da dove viene e dove va CAPITOLO Il eddito nazionale: da dove viene e dove va Domande di ipasso. I fattoi di poduzione e la tecnologia di poduzione deteminano il livello della poduzione aggegata di un sistema economico. I fattoi

Dettagli

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico Magnetostatica: foze magnetiche e campo magnetico Lezione 6 Campo di induzione magnetica B() (nomenclatua stoica ; in ealtà si dovebbe chiamae, e spesso lo è, campo magnetico) è un campo di foze vettoiale

Dettagli

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

Il teorema di Gauss e sue applicazioni

Il teorema di Gauss e sue applicazioni Il teoema di Gauss e sue applicazioi Cocetto di flusso Cosideiamo u campo uifome ed ua supeficie piaa pepedicolae alle liee di campo. Defiiamo flusso del campo attaveso la supeficie la uatità : = (misuata

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DELLA STAZIONE DI SOLLEVAMENTO A SERVIZIO DI UN SOTTOPASSO

DIMENSIONAMENTO DELLA STAZIONE DI SOLLEVAMENTO A SERVIZIO DI UN SOTTOPASSO DIMENSIONAMENTO DELLA STAZIONE DI SOLLEVAMENTO A SERVIZIO DI UN SOTTOPASSO Appliazione: Dimensionare l impianto di sollevamento per il sottopasso illustrato alle figure 3.60 e 3.61. Elaborazione delle

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Domane. Il lavoo pe spostae una caica ta ue punti è: L 0(! ). Pe i te casi inicati saà alloa: L (50! 00 ) (50 ) : 0 0 : L 0! 0 3: L 0! 0 [5 ( 5 )] (50 ) [ 0 ( 60 )]

Dettagli

Ottavio Serra. Dalle leggi di Keplero alla legge di gravitazione universale di Newton.

Ottavio Serra. Dalle leggi di Keplero alla legge di gravitazione universale di Newton. Ottvio Se Dlle leggi di Keleo ll legge di gvitzione univesle di Newton Pemess utti snno he Newton giunse ll legge di gvitzione univesle deivndol mtemtimente dlle te leggi ottenute induttivmente d Keleo

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia di Viterbo Dipartimento di ecologia e sviluppo economico sostenibile Facoltà di Agraria

Università degli Studi della Tuscia di Viterbo Dipartimento di ecologia e sviluppo economico sostenibile Facoltà di Agraria Univesità degli Studi della Tuscia di Vitebo Dipatimento di ecologia e sviluppo economico sostenibile Facoltà di Agaia Univesità degli Studi della Tuscia Dottoato di Riceca in Scienze Ambientali XIX Ciclo

Dettagli

RESISTENZE DI ATTRITO (Distillazione verticale)

RESISTENZE DI ATTRITO (Distillazione verticale) 1 ESISTEZE DI ATTITO (Distillazione veticale) OBIETTIVI: Saee calcolae le esistenze d attito nelle iù comuni alicazioni meccaniche. Saee calcolae lavoo dissiato e otenza dissiata dalle foze d attito. esistenza

Dettagli