Specialità: Avastin(Roche spa)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Specialità: Avastin(Roche spa)"

Transcript

1 BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule, non resecabile, avanzato, metastatico o in ricaduta in aggiunta a chemioterapia a base di platino. ( ) Specialità: Avastin(Roche spa) Forma farmaceutica: 1 flaconcino, soluzione per infusione 400mg in 16ml - Prezzo: euro flaconcino, soluzione per infusione 100mg in 4ml - Prezzo: euro 504 ATC: L01XC07 Categoria terapeutica: Citostatici: anticorpi monoclonali Fascia di rimborsabilità: H OSP-1 Indicazioni ministeriali: Avastin (bevacizumab) in combinazione con chemioterapia a base di fluoropirimidine è indicato per il trattamento di pazienti con carcinoma metastatico del colon e del retto. Avastin in combinazione con paclitaxel è indicato per il trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico. Avastin in combinazione con interferone alfa-2a è indicato per il trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma renale avanzato e/o metastatico. Indicazione oggetto di valutazione: Avastin, in aggiunta a chemioterapia a base di platino, è indicato per il trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule, non resecabile, avanzato, metastatico o in ricaduta, con istologia a predominanza non squamocellulare. Decisioni PTORV Data riunione: Decisione: Allargamento indicazioni Commenti: La Commissione decide di autorizzare l allargamento dell indicazione per bevacizumab, in aggiunta a chemioterapia a base di platino, per il trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule, non resecabile, avanzato, metastatico o in ricaduta, con istologia a predominanza non squamocellulare. Ritiene, comunque, di inserire l ulteriore restrizione limitatamente al regime di associazione con carboplatino e paclitaxel. La Commissione si riserva, quindi, di monitorare l aderenza a tale restrizione mediante le schede AIFA. Indicazione studi in corso Gli studi in corso con bevacizumab nel trattamento del NSCLC riportati nel sito Americano clinicaltrials.gov sono, come ci si può attendere, molto numerosi (87). Alcuni di questi sono riportati anche nel sito AIFA [8]. Si ritiene importante segnalare che sono in corso già in fase studi che stanno valutando l'efficacia dell'associazione di bevacizumab ad erlotinib in prima linea e in seconda linea e l'efficacia dell'associazione di bevacizumab alla chemioterapia anche negli stadi meno avanzati della patologia [7, 8]. Tali studi sono descritti in tabella. Registro / Pazienti e trattamento Disegno Fase Misure di esito Note Nazione clinicaltrials.gov Pz con NSCLC avanzato o metastatico mai trattati precedentemente [N=1150] Pz randomizzati a ricevere: - bevacizumab IV + erlotinib os - bevacizumab IV + placebo os RCT, doppio cieco, gruppi paralleli, controllato con placebo PFS (sopravvivenza libera da progressione) attivato, non in fase di reclutamento

2 Pz con NSCLC, già trattati in prima linea con altra terapia chemioterapica [N=650] clinicaltrials.gov Pz randomizzati a ricevere: AIFA - bevacizumab IV + erlotinib os - bevacizumab IV + placebo os RCT, doppio cieco, gruppi paralleli, controllato con placebo sopravvivenza globale studio attivato, non in fase di reclutamento clinicaltrials.gov pz con diagnosi di NSCLC di stadio IB (con dimensioni del tumore >4)cm o di stadio A, che sono stati sottoposti a completa resezione del tumore nei 6-12 mesi precedenti [N=1500] Pz randomizzati a ricevere: - carboplatino IV + cisplatino IV + docetaxel IV + gemcitabina IV + paclitaxel IV + vinorelbina IV - bevacizumab IV + cisplatino IV + docetaxel IV + gemcitabina IV + paclitaxel IV + vinorelbina IV RCT sopravvivenza globale in fase di reclutamento Caratteristiche del prodotto Bevacizumab è un anticorpo monoclonale ricombinante umanizzato, registrato con procedura centralizzata a livello europeo. E' inibitore dell angioneogenesi e agisce legando il fattore di crescita vascolare endoteliale (VEGF), impedendo così l interazione di questo ai recettori VEGF- 1 e VEGF-2 presenti sulle cellule endoteliali. L espressione del recettore VERG è molto bassa nei tessuti normali, mentre risulta importante in molti tumori inclusi quelli del colon-retto, mammella, polmone, rene. L azione di bevacizumab di neutralizzazione del VEGF si traduce in una relativamente specifica inibizione dell angiogenesi a livello tumorale e quindi della crescita e sviluppo tumorali[1]. Inquadramento della patologia Più di un milione di nuovi casi di tumore al polmone vengono diagnosticati in tutto il mondo ogni anno. E' il secondo più frequente tumore sia negli uomini che nelle donne. Il carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) rappresenta circa l'80% dei carcinomi polmonari. Le istologie più comuni sono rappresentate da quella epidermioide o a cellule squamose (30-35%), adenocarcinoma (40-45%) e carcinoma a grandi cellule (<10%). Nella pratica clinica, una elevata percentuale di pazienti con NSCLC riceve la diagnosi ad uno stadio avanzato della malattia (circa il 30% in fase localmente avanzata e il 40% in fase metastatica) con il rimanente 25-30% in stadio precoce. Nonostante i recenti progressi nel trattamento, la prognosi rimane sfavorevole. A 5 anni la percentuale di sopravvivenza dei pazienti con NSCLC è del 15% [1]. Linee guida di trattamento esistenti Le linee guida NCCN del 2008, relativamente al trattamento sistemico del NSCLC avanzato o metastatico, riportano che il bevacizumab è raccomandato solo nei pazienti con PS 0-1 e qualora rispondano ai seguenti requisiti: NSCLC non squamoso, che non abbiano storia di emoptisi (sangue nell'espettorato), che non presentino metastasi cerebrali, che non siano in trattamento con anticoagulanti. Il bevacizumab non può essere somministrato come monoterapia, eccetto che come mantenimento nel caso in cui inizialmente fosse stato associato alla chemioterapia. Relativamente ai regimi di chemioterapia da utilizzare viene specificato che qualsiasi regime ad alto rischio di trombocitopenia e con un potenziale rischio di sanguinamento deve essere usato con cautela in combinazione a bevacizumab. I regimi chemioterapici da preferirsi sono a base di due farmaci, mentre le triplice associazione non ha mostrato benefici ulteriori. La monoterapia, invece, è da riservare a pazienti con performance status 2 o anziani. I regimi a base di platino (carboplatino o cisplatino) sono risultati efficaci in combinazione con uno dei seguenti chemioterapici. paclitaxel, docetaxel, gemcitabina, vinorelbina, irinotecan, etoposide, vinblastina [2]. Le principali raccomandazioni delle linee guida dell'american College of Chest Physicians del 2007 sono le seguenti: per il trattamento di prima linea del NSCLC di IV stadio in pazienti con buon performance status (PS), è raccomandata la chemioterapia di associazione a due farmaci. L'aggiunta di una terzo citotossico non è raccomandata in quanto non apporta miglioramenti in termini di sopravvivenza (grado di raccomandazione 1A). Il bevacizumab aumenta la sopravvivenza quando associato a carboplatino e paclitaxel in sottogruppi clinicamente selezionati di pazienti (stadio IV, buon PS, istologia non a cellule squamose, assenza di

3 metastasi al cervello, senza emoptisi). In questi pazienti l'aggiunta di bevacizumab al carboplatino e paclitaxel può rappresentare un'opzione terapeutica (grado 1A). Nei pazienti anziani (di più di 70 anni) la chemioterapia a singolo farmaco è la più raccomandata (grado 1A); anche se in quelli con buon PS, senza comorbidità significative, l'associazione di due chemioterapici può rappresentare un'opzione terapeutica (grado 1B). Nei pazienti con più di 80 anni non è ben chiaro il beneficio della chemioterapia e, pertanto, il trattamento deve essere deciso in base alle caratteristiche individuali (grado 2C). Nei pazienti con NSCLC di stadio IV e PS 2 la chemioterapia è raccomandata sulla base alle percentuali di risposta definite e all'effetto palliativo sui sintomi (grado 1B), ma non possono essere fornite specifiche raccomandazioni relativamente al regime di chemioterapia ottimale. Un singolo studio clinico di fase ha mostrato un beneficio sulla sopravvivenza di un regime di due chemioterapici a base di platino rispetto alla monoterapia in una analisi per sottogruppi pianificata (grado 2C) [3]. Trattamenti alternativi I regimi chemioterapici a base di platino sono negli ultimi anni divenuti la terapia standard nel trattamento del NSCLC. In una recente metanalisi si è osservato che la sopravvivenza ad 1 anno aumenta dal 30% con la monoterapia al 35% con il regime di associazione di due chemioterapici, ma non si è osservato un beneficio ulteriore sulla sopravvivenza con la triplice terapia. I regimi di riferimento negli anni sono divenuti carboplatino + paclitaxel e cisplatino + gemcitabina in prima linea, il primo è il più utilizzato negli USA, mentre il secondo è più comunemente usato in Europa [1]. Dati di efficacia L'efficacia di bevacizumab nel carcinoma NSCLC avanzato o metastatico è stata valutata in uno studio di fase II di dose-finding e in uno studio principale di fase, che hanno entrambi confrontato l'associazione di bevacizumab ad un regime chemioterapico di associazione di carboplatino + paclitaxel, in pazienti non precedentemente trattati [4,5]. La Scientific Discussion riporta un ulteriore studio di supporto di fase (non ancora pubblicato) che ha confrontato bevacizumab in aggiunta ad un regime chemioterapico di associazione di gemcitabina + cisplatino vs la sola associazione gemcitabina cisplatino [1]. Lo studio di fase II ha dimostrato che il dosaggio più elevato di bevacizumab 15 mg/kg ogni 3 settimane ha prodotto una percentuale di risposta più elevata e un tempo mediano alla progressione più lungo rispetto al dosaggio 7.5 mg/kg ogni 3 settimane, ma non nella sopravvivenza complessiva. Il dosaggio 15 mg/kg ogni 3 settimane è stato utilizzato nello studio pivotal di fase, che ha arruolato 878 pazienti. La selezione dei pazienti è stata molto rigida: sono stati esclusi pazienti con tumore a cellule squamose, con metastasi cerebrali, con emoptisi clinicamente significativa o con funzionalità d'organo inadeguata o con performance status >1. L'end-point primario scelto è stato la sopravvivenza complessiva che è risultata significativamente superiore nel gruppo trattato con bevacizumab ( mediana 12.3 mesi vs 10.3 mesi, p= 0.003). Anche la sopravvivenza libera da malattia e la percentuale di risposte sono state significativamente superiori nel gruppo bevacizumab, anche se il trattamento è gravato da importanti effetti collaterali. Una analisi effettuata su sottogruppo dello studio principale relativo alla popolazione anziana (n=224) ha mostrato che la sopravvivenza complessiva, la sopravvivenza libera da malattia e percentuale di risposta sono risultate simili nei due gruppi, pur con un trend verso la significatività per la sopravvivenza libera da malattia e la risposta clinica [6]. Lo studio di fase che ha confrontato due diversi dosaggi di bevacizumab (15 mg/kg e 7.5 mg/kg) associati con gemcitabina + cisplatino, vs la sola associazione gemcitabina + cisplatino, ha mostrato per entrambi i gruppi bevacizumab un miglioramento significativo della progression free survival (end-point primario) e della percentuale di risposta oggettiva rispetto alla sola associazione gemcitabina + cisplatino. Un'analisi esplorativa non ha mostrato differenze tra i due dosaggi.

4 Referenza Pazienti e trattamento Disegno Fase Misure di esito Risultati principali D.H. Johnon J Clin Oncol 2004 [4] A. Sandler New Engl J Med 2006 [5] Ramalingam S J Clin Oncol 2008 [6] 99 pazienti (uomini e donne) con NSCLC ricorrente o avanzato (stadio B o stadio IV) non precedentemente trattati Trattamento: bevacizumab (7.5mg/kg) + carboplatino (AUC=6) +paclitaxel (200 mg/m 2 ) al giorno 1 ogni 3 settimane[n=32] al giorno 1 ogni 3 settimane; bevacizumab 15mg/kg + carboplatino + paclitaxel (stesso regime terapeutico) [N=35]; carboplatino e paclitaxel (stesso regime terapeutico)[n=32]. Durata media trattamento 12 settimane 878 pazienti con NSCLC ricorrente o avanzato precedentemente non trattati ad eccezione della predominanza a cellule squamose. Trattamento:PCB: Paclitaxel(200 mg/m 2 )+Carboplatino (AUC=6) + Bevacizumab 15mg/kg al giorno 1 ogni 3 settimane [N=434] vs PC: Paclitaxel e Carboplatino da soli (stesso schema posologico)[n=444] Durata trattamento: 6 cicli Il gruppo PCB continuava a ricevere bevacizumab in monoterapia ogni 3 settimane fino a progressione Sottogruppo pazienti anziani (>70 anni) arruolati nello studio pivotal (analisi per sottogruppo non pianificata nello studio pivotal) n=224 randomizzato, aperto, comparativo,gruppi paralleli randomizzato, aperto, comparativo, gruppi paralleli Sottogruppo studio PIVOTAL II End-point primario: valutazione del TTP (progressione misurata radiologicamente) e tasso di risposta. End-point secondario: OS (sopravvivenza globale), tossicità ed eventi avversi End-point primario: OS (tempo di sopravvivenza globale). End-point secondario: tasso di risposta oggettiva, PFS (sopravvivenza priva di progressione) e tossicità. Confronto pazienti anziani vs non anziani e confronto nel sottogruppo pazienti TTP mediano: 7.4 vs 4.3 vs 4.2 mesi (p=0.023), Risposta complessiva :31.5% vs 28.1% vs 18.8% rispettivamente per i pazienti trattati con PCB (Bevacizumab 15mg/kg), con PCB (Bevacizumab 7.5mg/kg) e con PC. OS: PCB alto dosaggio ha mostrato un modesto aumento rispetto al gruppo di controllo (17.7 vs 14.9 mesi p=0.63). OS: aumento significativo per PCB vs PC (mediana 12.3 mesi vs 10.3 mesi p=0.003); PFS: aumento significativo per PCB vs PC (mediana 6.2 vs 4.5 mesi p<0.001); percentuale risposta: 35% vs 15% per PCB vs PC (p<0.001). Una percentuale significativamente maggiore nel gruppo PCB ha presentato sanguinamento clinicamente rilevante 4.4% vs 0.7% (p<0.001). 15 morti nel gruppo PCB erano correlate al trattamento (5 per emorragia polmonare). Analisi nel sottogruppo anziani: OS: simile sopravvivenza nei gruppi PCB vs PC 11.3 Jadad score

5 EPAR EMEA [1] confronto nel sottogruppo pazienti anziani del trattamento PCB vs PC; Confronto pazienti anziani vs non anziani pazienti con NSCLC ricorrente non squamoso o avanzato o metastatico precedentemente non trattati. Gemcitabina + Cisplatino + Bevacizumab 7.5 mg/kg al giorno 1 ogni 3 settimane [N=345] vs Gemcitabina + Cisplatino + Bevacizumab 15mg/kg al giorno 1 ogni 3 settimane [N=351] vs Gemcitabina + Cisplatino [N=347] Durata trattamento: 6 cicli randomizzato doppio cieco, comparativo a gruppi paralleli anziani del trattamento PCB vs PC (stessi end-point studio PIVOTAL) End-point primario: Progression free survival (PFS) End-point secondario: OS (sopravvivenza globale), % risposta oggettiva, tempo al fallimento, durata della risposta mesi vs 12.1mesi (p=0.4); PFS: 5.9 mesi PCB vs 4.9 mesi PC ( p=0.63); % risposta: 29% PCB vs 17% PC (p=0.67) Tossicità grave si è osservata con maggior frequenza nella popolazione anziana rispetto ai pazienti più giovani. PFS: BV 7.5+GC: 0.75 ( ) p= BV 15+ GC: 0.82 ( ) p= OR: BV 7.5+GC: 34% BV 15+GC: 30% PL+ GC: 20% OS: EPAR riporta solo analisi esplorativa relativa al 50% dei pazienti previsti per l'analisi della OS (risultati non significativi): BV 7.5+GC: 0.88 ( ) BV 15+ GC:1.02 ( ) *Jadad Scale: strumento per la verifica della qualità della pubblicazione; si basa sulla considerazione che i tre elementi principali che devono essere riportati per avere maggiori garanzie sulla buona qualità di uno studio clinico siano la randomizzazione, la condizione di doppia cecità, e la gestione dei drop-out. Si considerano buone le pubblicazioni che ottengono almeno 3 punti, mentre si considerano di scarsa qualità quelle che raggiungono un punteggio uguale o inferiore a due. --

6 Valutazione della qualità degli studi Il punteggio della Jadad scale non raggiunge nello studio principale il valore soglia di 3 in particolare per la mancanza della descrizione delle modalità di randomizzazione e per l'assenza della doppia cecità. Dati di sicurezza Nello studio di fase II, le reazioni avverse associate a bevacizumab su cui è stata posta particolare attenzione sono state: ipertensione, proteinuria e sanguinamento. Si sono osservate due tipologie di sanguinamento: emorragie minori mucocutanee (principalmente epistassi di grado 1 e 2) ed emoptisi maggiore. Sei pazienti hanno mostrato sanguinamenti maggiori che li hanno messi pericolo di vita (in particolare emoptisi ed ematemesi); quattro eventi sono risultati fatali [4]. Nello studio pivotal [5] i criteri di selezione dei pazienti sono stati particolarmente rigidi: l'esclusione di pazienti con storia di emoptisi è un criterio aggiunto dopo che in un paziente con emoptisi precedente al trattamento si è verificata un'emorragia polmonare di grado V. La scelta di escludere pazienti con metastasi cerebrali è stata sempre dettata dalla necessità di ridurre il potenziale rischio di emorragie. Nello studio pivotal la frequenza di ipertensione, proteinuria, sanguinamento, neutropenia, neutropenia febbrile, trombocitopenia, iponatriemia rash e mal di testa è stata significativamente più alta nel gruppo bevacizumab+carboplatino+paclitaxel (p <0.005). In particolare i sanguinamenti clinicamente significativi sono risultati maggiori nel gruppo bevacizumab (4.4% vs 0.7%, p<0.001), come anche i casi si morte correlata ad eventi avversi (15 morti vs 2 morti p=0.001). Delle 15 morti, 5 erano correlate ad emorragia polmonare, 5 a complicazioni per neutropenia febbrile, 2 ad eventi cerebrovascolari e 2 ad emorragie gastrointestinali, 1 potenzialmente ad un'embolia polmonare. Nell'analisi del sottogruppo di pazienti sopra i 70 anni è emersa una maggior tossicità rispetto ai pazienti più giovani nel gruppo trattato con bevacizumab. L'87% degli ultrasettantenni rispetto al 70% degli under 70 ha presentato almeno un effetto tossico di grado 3 nel gruppo bevacizumab (p<0.001), in particolare neutropenia, sanguinamento, proteinuria. Una più elevata incidenza di eventi avversi di grado 3-5 si è osservata, all'interno del sottogruppo di pazienti anziani, tra quelli trattati con bevacizumab paclitaxel carboplatino (87%) vs paclitaxel-carboplatino (61%). Altri report HTA E' disponibile il report HAS (Haute Autorité de Santé) francese, pubblicato a maggio 2008, che riporta che l'apporto terapeutico di bevacizumab, associato a chemioterapia a base di platino, nel NSCLC avanzato non operabile o metastatico, con istologia non a prevalenza epidermioide, è limitato ad una popolazione altamente selezionata: buon performance status, assenza di precedente storia di emoptisi, senza problemi di coagulazione, malattie cardiovascolari o metastasi cerebrali; ciò in considerazione del rischio emorragico e dell'assenza di dati sulla qualità della vita. Allo stato dei dati attualmente disponibili, pertanto, in attesa di risultati definitivi, la Commissione ha ritenuto che bevacizumab non apporti un miglioramento alle strategie terapeutiche attuali (livello V) [9]. Il NICE viceversa riporta che non è ad oggi in grado di fornire alcuna raccomandazione d'so del bevacizumab nella prima linea metastatica del NSCLC (con istologia a prevalenza non squamosa) in quanto non ha ancora ricevuto dalla ditta farmaceutica la sottomissione del dossier [10]. Analisi economiche Non sono ad oggi pubblicati studi si farmacoeconomia relativi a questa indicazione. Analisi dei costi (costi delle alternative, potenziale impatto di budget etc.) Il costo del trattamento per un anno è di circa Per il farmaco l'aifa ha contrattato la seguente modalità di rimborso: primi 2 cicli di terapia: risk sharing al 50%, cicli dal 3 al 10 a carico dell'ssn, i cicli successivi sono a carico della ditta produttrice (fino ad un anno di trattamento nel primo anno e solo per il dosaggio più elevato). Rispetto alla sola associazione di Paclitaxel + carboplatino ( per ciclo), l'aggiunta di bevacizumab comporta un costo aggiuntivo che va da a oltre a seconda del dosaggio di bevacizumab impiegato. Bisogna inoltre sottolineare la spesa relativa allo spreco di farmaco che si attesta sui per ciclo ( a seconda dei regimi posologici impiegati).

7 Principio attivo BEVACIZUMAB* BEVACIZUMAB* Dosaggio da scheda tecnica 15mg/kg ogni 3 settimane (2 fl da 400mg e 3 fl da 100mg) 7,5mg/kg ogni 3 settimane (1 fl da 400mg e 2 fl da 100mg) Costo all'ospedale per ciclo di terapia (senza risk sharing) 3.366,38 (CICLO DI 3 SETTIMANE) 1.836,07 (CICLO DI 3 SETTIMANE) Spreco di farmaco per ciclo di terapia 50mg 152,88 75 mg 229,32 Prezzi da ditta produttrice-agosto 2008 *Il prezzo di bevacizumab deve sempre essere aggiunto al prezzo della chemioterapia (paclitaxel-carboplatino) Costo all'ospedale per anno di terapia (risk sharing incluso) Note il costo all'anno è stato valutato secondo la seguente modalità di rimborso fornita dalla ditta: primi 2 cicli di terapia: risk sharing al 50% cicli dal 3 al 10 a carico dell'ssn i cicli successivi a carico della ditta produttrice il costo all'anno tiene conto che i primi due cicli di terapia (prime 6 settimane di terapia) prevedono il risk sharing al 50% Costo dell' alternativa proposta nello studio clinico Principio attivo Dosaggio previsto negli studi clinici (all'interno del range massimo da scheda tecnica) Costo all'ospedale per ciclo di terapia Spreco di farmaco per ciclo di terapia Costo all'ospedale per anno di terapia Note PACLITAXEL 1 + CARBOPLATINO 2 Paclitaxel 200mg/m 2 nel giorno 1 ogni 21 giorni (1fl da 300mg e 2 fl da 30mg) Carboplatino(AUC=6 mg/ml/min) : indicativamente da scheda tecnica da 150 a 400mg/m 2 (la dose raccomandata da scheda tecnica per pazienti non precedentemente trattati e a funzionalità renale normale è di 400mg/m 2 ) ogni 4 settimane 1.067,81 30mg di carboplatino = 8, ,25 1 prezzo fornito da ditta produttrice 2 prezzo calcolato al 50% del prezzo al pubblico (da banca dati Farmadati agosto 2008) prendendo in considerazione il generico al prezzo più basso

8 Bibliografia 1) EMEA Scientific Discussion Avastin: EMEA/H/C/582/II/09 21/08/2007 2) (accesso 28/08/2008) 3) 3)Socinski MA et al, Chest 2007; 132(3 Suppl):277S-89S. 4) 4)Johnson D.H. et al, J Clin Oncol 2004; 22: ) Sandler A et al, New Engl J Med 2006; 355: ) Ramalingam S.S. et al, J Clin Oncol 2008: 26: ) (accesso 31/08/2008) 8) (accesso 31/08/2008) 9) (accesso il 31/08/2008) 10) (accesso 31/08/2008) SINTESI Indicazione studi in corso Sono in corso già in fase studi che stanno valutando l'efficacia dell'associazione di bevacizumab ad erlotinib in prima linea e in seconda linea e l'efficacia dell'associazione di bevacizumab alla chemioterapia anche negli stadi meno avanzati della patologia. Caratteristiche del prodotto Bevacizumab è un anticorpo monoclonale ricombinante umanizzato, registrato con procedura centralizzata a livello europeo. E' inibitore dell angioneogenesi e agisce legando il fattore di crescita vascolare endoteliale (VEGF), impedendo così l interazione di questo ai recettori VEGF- 1 e VEGF-2 presenti sulle cellule endoteliali. L azione di bevacizumab di neutralizzazione del VEGF si traduce in una relativamente specifica inibizione dell angiogenesi a livello tumorale e quindi della crescita e sviluppo tumorali Inquadramento della patologia Il carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) rappresenta circa l'80% dei carcinomi polmonari. Le istologie più comuni sono rappresentati da quella epidermioide o a cellule squamose (30-35%), adenocarcinoma (40-45%) e carcinoma a grandi cellule (<10%). Nella pratica clinica, una elevata percentuale di pazienti con NSCLC riceve la diagnosi ad uno stadio avanzato della malattia (circa il 30% in fase localmente avanzata e il 40% in fase metastatica). A 5 anni la percentuale di sopravvivenza dei pazienti con NSCLC è del 15%. Linee guida di trattamento esistenti Le linee guida NCCN del 2008, relativamente al trattamento sistemico del NSCLC avanzato o metastatico, riportano che il bevacizumab è raccomandato solo nei pazienti con PS 0-1 e qualora rispondano ai seguenti requisiti: NSCLC non squamoso, che non abbiano storia di emoptisi, che non presentino metastasi cerebrali, che non siano in trattamento con anticoagulanti. La medesima indicazione viene fornita anche dalle Linee Guida dell'american College of Chest Physicians del 2007, secondo cui il bevacizumab aumenta la sopravvivenza quando associato a carboplatino e paclitaxel in sottogruppi clinicamente selezionati di pazienti (stadio IV, buon PS, istologia non a cellule squamose, assenza di metastasi al cervello, senza emoptisi). In questi pazienti l'aggiunta di bevacizumab al carboplatino e paclitaxel può rappresentare un'opzione terapeutica (grado 1A). Trattamenti alternativi I regimi chemioterapici a base di platino (associazione a due chemioterapici) sono divenuti negli ultimi anni la terapia standard nel trattamento del NSCLC. Dati di efficacia L'efficacia di bevacizumab nel carcinoma NSCLC avanzato o metastatico è stata valutata in uno studio di fase II di dose-finding e in uno studio principale di fase, che hanno entrambi confrontato l'associazione di bevacizumab ad un regime chemioterapico di associazione di carboplatino + paclitaxel, in pazienti non precedentemente trattati. La Scientific Discussion riporta un ulteriore studio di supporto di fase (non ancora pubblicato) che ha confrontato bevacizumab in aggiunta ad un regime chemioterapico di associazione di gemcitabina + cisplatino vs la sola associazione gemcitabina cisplatino. Lo studio di fase II ha dimostrato che il dosaggio più elevato di bevacizumab 15 mg/kg ogni 3 settimane ha prodotto una percentuale di risposta più elevata e un tempo mediano alla progressione più lungo rispetto al dosaggio 7.5 mg/kg ogni 3 settimane, ma non nella sopravvivenza complessiva. Il dosaggio 15 mg/kg ogni 3 settimane è stato utilizzato nello studio pivotal di fase, che ha arruolato 878 pazienti. La selezione dei pazienti è stata molto rigida: sono stati esclusi pazienti con tumore a cellule squamose, con metastasi cerebrali, con emoptisi clinicamente significativa o con funzionalità

9 d'organo inadeguata o con performance status >1. L'end-point primario scelto è stato la sopravvivenza complessiva che è risultata significativamente superiore nel gruppo trattato con bevacizumab ( mediana 12.3 mesi vs 10.3 mesi, p= 0.003). Anche la sopravvivenza libera da malattia e la percentuale di risposte sono state significativamente superiori nel gruppo bevacizumab, anche se il trattamento è gravato da importanti effetti collaterali. Un analisi effettuata su un sottogruppo dello studio principale relativo alla popolazione anziana (n=224) ha mostrato che la sopravvivenza complessiva, la sopravvivenza libera da malattia e percentuale di risposta sono risultate simili nei due gruppi. Lo studio di fase che ha confrontato due diversi dosaggi di bevacizumab (15 mg/kg e 7.5 mg/kg) associati con gemcitabina + cisplatino, vs la sola associazione gemcitabina + cisplatino, ha mostrato per entrambi un miglioramento significativo della progression free survival (end-point primario) e della percentuale di risposta oggettiva rispetto alla sola associazione gemcitabina + cisplatino. Un'analisi esplorativa non ha mostrato differenze tra i due dosaggi. Dati di sicurezza Nello studio di fase II, le reazioni avverse associate a bevacizumab su cui è stata posta particolare attenzione sono state: ipertensione, proteinuria e sanguinamento. Si sono osservate due tipologie di sanguinamento: emorragie minori mucocutanee ed emoptisi maggiore. Sei pazienti hanno mostrato sanguinamenti maggiori che li hanno messi pericolo di vita, di cui quattro eventi sono risultati fatali. Nello studio pivotal la frequenza di ipertensione, proteinuria, sanguinamenti (anche clinicamente significativi), neutropenia, neutropenia febbrile, trombocitopenia, iponatriemia rash e mal di testa è stata significativamente più alta nel gruppo bevacizumab+carboplatino+paclitaxel (p <0.005). Anche i casi di morte correlata ad eventi avversi sono stati maggiori nel gruppo bevacizumab (15 morti vs 2 morti p=0.001). Delle 15 morti, 5 erano correlate ad emorragia polmonare. Nell'analisi del sottogruppo di pazienti sopra i 70 anni è emersa una maggior tossicità rispetto ai pazienti più giovani nel gruppo trattato con bevacizumab. Una più elevata incidenza di eventi avversi di grado 3-5 si è osservata, all'interno del sottogruppo di pazienti anziani, tra quelli trattati con bevacizumab. Altri report HTA Il report HAS (Haute Autorité de Santé) francese riporta che l'apporto terapeutico di bevacizumab, associato a chemioterapia a base di platino, nel NSCLC avanzato non operabile o metastatico, con istologia non a prevalenza epidermioide, è limitato ad una popolazione altamente selezionata: buon performance status, assenza di precedente storia di emoptisi, senza problemi di coagulazione, malattie cardiovascolari o metastasi cerebrali; ciò in considerazione del rischio emorragico e dell'assenza di dati sulla qualità della vita. Allo stato dei dati attualmente disponibili, pertanto, in attesa di risultati definitivi, la Commissione ha ritenuto che bevacizumab non apporti un miglioramento alle strategie terapeutiche attuali (livello V). Analisi economiche Non sono ad oggi pubblicati studi si farmacoeconomia relativi a questa indicazione. Analisi dei costi (costi delle alternative, potenziale impatto di budget etc.) Il costo del trattamento per un anno è di circa Per il farmaco l'aifa ha contrattato la seguente modalità di rimborso: primi 2 cicli di terapia: risk sharing al 50%, cicli dal 3 al 10 a carico dell'ssn, i cicli successivi sono a carico della ditta produttrice (fino ad un anno di trattamento nel primo anno e solo per il dosaggio più elevato). Rispetto alla sola associazione di Paclitaxel + carboplatino ( per ciclo), l'aggiunta di bevacizumab comporta un costo aggiuntivo che va da a oltre a seconda del dosaggio di bevacizumab impiegato. Bisogna inoltre sottolineare la spesa relativa allo spreco di farmaco che si attesta sui per ciclo ( a seconda dei regimi posologici impiegati).

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel.

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. (09-09-2008) Specialità: Avastin(Roche spa) Forma farmaceutica:

Dettagli

Specialità: Avastin (Roche spa)

Specialità: Avastin (Roche spa) BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento di pazienti con carcinoma metastatico del colon e del retto in combinazione con chemioterapia a base di fluoropirimidine. (09-09-2008) Specialità: Avastin (Roche

Dettagli

Specialità: Avastin(Roche spa)

Specialità: Avastin(Roche spa) BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma renale avanzato e/o metastatico in combinazione con interferone alfa-2a. (09-09-2008) Specialità: Avastin(Roche spa)

Dettagli

MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO

MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO 1/7 MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO Nome Commerciale Avastin Principio Attivo Bevacizumab Ditta Produttrice Roche ATC L01XC07 Formulazione Concentrato per soluzione

Dettagli

Avastin è utilizzato con altri medicinali antitumorali per il trattamento dei seguenti tipi di tumore negli adulti:

Avastin è utilizzato con altri medicinali antitumorali per il trattamento dei seguenti tipi di tumore negli adulti: EMA/175824/2015 EMEA/H/C/000582 Riassunto destinato al pubblico bevacizumab Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per. Illustra il modo in cui il comitato per i medicinali

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

PEMETREXED per il trattamento carcinoma polmonare non a piccole cellule. (Nuovo allargamento indicazione) (27-05-2009)

PEMETREXED per il trattamento carcinoma polmonare non a piccole cellule. (Nuovo allargamento indicazione) (27-05-2009) PEMETREXED per il trattamento carcinoma polmonare non a piccole cellule. (Nuovo allargamento indicazione) (27-05-2009) Specialità: Alimta (Eli lilly italia spa) Forma farmaceutica: 1 fl di polvere per

Dettagli

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica:

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica: TRASTUZUMAB per l'indicazione: in associazione ad un inibitore dell aromatasi nel trattamento di pazienti in postmenopausa affetti da carcinoma mammario metastatico positivo per i recettori ormonali, non

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO COME E QUANDO GLI ASPETTI TECNICI DEI PROTOCOLLI POSSONO-DEVONO ESSERE OGGETTO-ARGOMENTO DI DECISIONI ETICHE? Fausto Roila Oncologia Medica, Terni NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE

Dettagli

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006 ALLEGATO A Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing Principio attivo ERLOTINIB (Tarceva ) SUNITINIB (Sutent ) SORAFENIB (Nexavar

Dettagli

Sorafenib indicazione epatocarcinoma (09-09-2008)

Sorafenib indicazione epatocarcinoma (09-09-2008) Sorafenib indicazione epatocarcinoma (09-09-2008) Specialità: Nexavar (Bayer spa) Forma farmaceutica: 112 compresse 200 mg - Prezzo: euro 5.305 ATC: L01XE05 Categoria terapeutica: Citostatici: inibitori

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Studio aperto randomizzato multicentrico di fase III di confronto tra il trattamento con Erlotinib (Tarceva ) e la chemioterapia nei pazienti affetti da carcinoma non a piccole

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

Gefitinib (23-09-2010)

Gefitinib (23-09-2010) Gefitinib (23-09-2010) Specialità: Iressa(Astrazeneca Spa) Forma farmaceutica: 30 CPR 250 mg - Prezzo: euro 3.615 ATC: L01XE02 Categoria terapeutica: Inibitori della proteina chinasi Fascia di rimborsabilità:

Dettagli

IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni

IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO Fausto Roila Oncologia Medica, Terni IL PROBLEMA - CRISI ECONOMICA DEI PAESI INDUSTRIALIZZATI - COSTI SEMPRE PIU ELEVATI DELLA INNOVAZIONE (nuove tecnologie,

Dettagli

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA )

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) 1/6 MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) FARMACO IN ESAME Nome commerciale Inlyta Principio Attivo Axitinib Ditta Produttrice Pfizer Italia srl ATC L01XE17 Formulazione Compresse rivestite Dosaggio 1 mg

Dettagli

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Negli ultimi anni c è stato un notevole cambiamento nella gestione diagnosticoterapeutica dei soggetti affetti da neoplasia

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE

LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE Gianna Regis qualche informazione Il tumore del polmone rappresenta la prima tra le cause di morte tumorale in termini di frequenza tra i maschi e la seconda tra

Dettagli

(Non Small Cell Lung Cancer)

(Non Small Cell Lung Cancer) Raccomandazioni d'uso Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Bevacizumab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

Tumore del colon-retto metastatico

Tumore del colon-retto metastatico Raccomandazioni d'uso Tumore del colon-retto metastatico Parte A: Bevacizumab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

Specialità: Hycamtin (Glaxosmithkline Spa)

Specialità: Hycamtin (Glaxosmithkline Spa) TOPOTECAN per l'indicazione: pazienti affetti da carcinoma polmonare a piccole cellule recidivante per i quali non à considerato appropriato un ulteriore trattamento con il regime terapeutico di prima

Dettagli

Forma farmaceutica: 1 flaconcino da 50 ml, soluzione per infusione 2 mg/ml - Prezzo: euro 312.01

Forma farmaceutica: 1 flaconcino da 50 ml, soluzione per infusione 2 mg/ml - Prezzo: euro 312.01 CETUXIMAB per l'indicazione: trattamento di pazienti affetti da carcinoma metastatico del colon-retto con espressione del recettore per EGF e con gene KRAS non mutato (27-10-2009) Specialità: ERBITUX (Merck

Dettagli

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI )

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) 1/7 MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) Nome Commerciale XALKORI Principio Attivo Crizotinib Ditta Produttrice Pfizer Italia Srl ATC L01XE16 Formulazione Capsule rigide Dosaggio 200 mg 250 mg Altri antineoplastici

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA REPORT HTA REGIONALE Decisioni CTR Data riunione: 05/06/2013 e 23/11/2012 Decisione: farmaco inserito con nota Nota ufficiale: con compilazione della scheda di monitoraggio regionale fd CARATTERISTICHE

Dettagli

www.medscape.org/viewarticle/805542

www.medscape.org/viewarticle/805542 Lucio Crinò, MD: Salve e benvenuti a questo programma. Sono Lucio Crinò, un oncologo medico di Perugia (Italia). Oggi parleremo degli attuali paradigmi per il trattamento del carcinoma del polmone non

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Avastin 25 mg/ml concentrato per soluzione per infusione. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ogni ml contiene

Dettagli

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights 16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights RISULTATI PRELIMINARI STUDIO ITACA Lo studio Itaca è uno studio multicentrico italiano di Fase III che confronta un trattamento chemioterapico tailored

Dettagli

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale LINEE GUIDA ROL - COLON segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale Sostituisce carcinoma in situ o adenoma intramucoso. Stadio

Dettagli

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO Cetuximab può ridurre la massa tumorale per permettere la resezione delle metastasi, anche, in pazienti inizialmente non resecabili,

Dettagli

Documento PTR n.212 relativo a:

Documento PTR n.212 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.212 relativo a: PAZOPANIB Aprile 2014 Pazopanib Indicazioni registrate

Dettagli

TRASTUZUMAB: trattamento adenocarcinoma metastatico dello stomaco e della giunzione gastro esofagea HER2+ (05/04/2011)

TRASTUZUMAB: trattamento adenocarcinoma metastatico dello stomaco e della giunzione gastro esofagea HER2+ (05/04/2011) TRASTUZUMAB: trattamento adenocarcinoma metastatico dello stomaco e della giunzione gastro esofagea HER2+ (05/04/2011) Specialità: HERCEPTIN(ROCHE) Forma farmaceutica: polvere per concentrato per soluzione

Dettagli

Tumore del polmone Non Small Cell Lung Cancer, non squamoso (mantenimento dopo I linea)

Tumore del polmone Non Small Cell Lung Cancer, non squamoso (mantenimento dopo I linea) Tumore del polmone Non Small Cell Lung Cancer, non squamoso () Raccomandazioni evidence-based A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 38 Aggiornamento Direzione

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO

MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO 1/7 MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO Nome Commerciale AFINITOR Principio Attivo everolimus Ditta Produttrice Novartis Farma spa ATC L01XE10 Formulazione Compresse Dosaggio

Dettagli

ABRAXANE (nab-paclitaxel) - Carcinoma pancreas esocrino

ABRAXANE (nab-paclitaxel) - Carcinoma pancreas esocrino Campo obbligatorio ai fini dell'eleggibilità Campo obbligatorio ABRAXAN (nab-paclitaxel) - Carcinoma pancreas esocrino Abraxane in associazione con gemcitabina è indicato per il trattamento di prima linea

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5 ALEMTUZUMAB L01XC04 Alemtuzumab è indicato per il trattamento di pazienti affetti da leucemia linfocitica cronica a

Dettagli

Tipo ricetta: OSP-2 Tipo di registrazione: procedura centralizzata europea

Tipo ricetta: OSP-2 Tipo di registrazione: procedura centralizzata europea SORAFENIB RUOLO INCERTO Inibitori della proteina chinasi L01XE05 Nexavar Bayer 200 mg 112 cpr riv 3.214,71 (prezzo ex factory IVA esclusa) Sconto obbligatorio sulle forniture cedute alle strutture pubbliche

Dettagli

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA REPORT HTA REGIONALE Decisioni CTR Data riunione:17/04/2012 Decisione: Non Inserito Motivazioni: il farmaco, pur avendo dimostrato di prolungare la sopravvivenza di 2,4 mesi rispetto al fd mitoxantrone,

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

REPORT HTA REGIONALE. Decisioni CTR Data riunione: 20/02/2012 fd. Decisione: Inserito

REPORT HTA REGIONALE. Decisioni CTR Data riunione: 20/02/2012 fd. Decisione: Inserito REPORT HTA REGIONALE Decisioni CTR Data riunione: 20/02/2012 fd Decisione: Inserito CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO PRINCIPIO ATTIVO: Pazopanib NOME COMMERCIALE: Votrient DITTA PRODUTTRICE: Glaxosmithkline

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) (pubblicato a maggio 2014) Aggiornata alla pubblicazione della negoziazione AIFA (luglio 2014)

A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) (pubblicato a maggio 2014) Aggiornata alla pubblicazione della negoziazione AIFA (luglio 2014) Raccomandazioni evidence-based Pertuzumab Nel carcinoma mammario avanzato HER2/neu positivo (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 26 Settembre

Dettagli

A l l eg ato 2. del 31 gennaio 2012 Monitoraggio dei farmaci oncologici ad alto costo: de-

A l l eg ato 2. del 31 gennaio 2012 Monitoraggio dei farmaci oncologici ad alto costo: de- 114 Ambiente familiare problematico Valutazione del livello di cura riabilitativo Presenza condizioni psicosociali che permettono di passare bilitativa Day hospital Ricovero Recupero o mantenimento del

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

TRABECTEDINA (rivalutazione del 22 febbraio 2010)

TRABECTEDINA (rivalutazione del 22 febbraio 2010) TRABECTEDINA (rivalutazione del 22 febbraio 2010) Specialità: Yondelis (PharmaMar) ATC: L01CX01 Categoria terapeutica: Altri alcaloidi derivati da piante e prodotti naturali Fascia di rimborsabilità: Indicazioni

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

La radioterapia nelle metastasi cerebrali

La radioterapia nelle metastasi cerebrali La radioterapia nelle metastasi cerebrali G. Rubino, L. Pirtoli S.C. Radioterapia, Dipartimento ad Attività Integrata dell Immagine, Azienda O. U. Senese ed Università di Siena Il tumore polmonare è la

Dettagli

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial H TAILR AIFA TArceva Italian Lung ptimization trial ttimizzazione dell erlotinib per il trattamento di pazienti con tumore del polmone avanzato non a piccole cellule: uno studio italiano randomizzato SISSI

Dettagli

Dott. Castellari Sigerio

Dott. Castellari Sigerio Dott. Castellari Sigerio Congresso Terapia Biologica delle patologie neoplastiche e degenerative a cura della Fondazione Di Bella Repubblica di San Marino 16 Gennaio 2010 1 Specialista in Oncologia Generale,

Dettagli

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante RETTO TRATTAMENTO MEDICO 01 Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti che effettuano una terapia medica oncologica e radioterapia post-intervento

Dettagli

Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico

Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico C. Cocco 1, B. Caruso 1, E. Fiorio 2 1 Laboratorio Analisi (sede di BT) 2 Oncologia (sede di BT), AOUI,

Dettagli

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne.

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne. TUMORE DEL POLMONE Nel periodo 27-211 sono stati registrati complessivamente in provincia di Latina 172 nuovi casi di tumore del polmone. E risultato al 1 posto in termini di frequenza fra le neoplasie

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

Indicatori di qualità nei carcinomi genitali femminili: ovaio e utero Serata di presentazione progetto Zonta Club Locarno 13.04.2010 Registro Tumori Canton Ticino Istituto Cantonale di Patologia Via in

Dettagli

Terapia in fase Avanzata

Terapia in fase Avanzata IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO 14 OTTOBRE 2011, ROMA Terapia in fase Avanzata Maria Sofia Rosati Oncologia A Policlinico Umberto I Roma Numeri.. e persone!! ***Solo il 56% *50% dei pz con CRC è over 70 degli

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE MESSINA UFFICIO STAMPA tel 090-3992859 Oncologia Medica AOOR Papardo-Piemonte. Il COEP, Centro Oncologico di

Dettagli

Raccomandazioni evidence-based. Farmaci per il tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC), avanzato, seconda linea di terapia

Raccomandazioni evidence-based. Farmaci per il tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC), avanzato, seconda linea di terapia Raccomandazioni evidence-based Farmaci per il tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC), avanzato, seconda linea di terapia A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d

Dettagli

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza FARMACOVIGILANZA FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza Le modifiche agli stampati sono conseguenti alla Determinazione

Dettagli

Farmaci biologici per il trattamento del tumore renale metastatico o non operabile in tutte le linee di terapia

Farmaci biologici per il trattamento del tumore renale metastatico o non operabile in tutte le linee di terapia Raccomandazioni evidence-based Farmaci biologici per il trattamento del tumore renale metastatico o non operabile in tutte le linee di terapia Sunitinib, temsirolimus, bevacizumab, pazopanib, sorafenib

Dettagli

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione SINOSSI TITOLO Studio di fase I-II con Lapatinib in combinazione con capecitabina e vinorelbina come seconda linea di trattamento in pazienti con carcinoma mammario con iperespressione di ErbB2 localmente

Dettagli

SINOSSI DEL PROTOCCOLO

SINOSSI DEL PROTOCCOLO Protocollo GO27821, versione 2 SINOSSI DEL PROTOCCOLO TITOLO: NUMERO DI PROTOCOLLO: STUDIO DI FASE II, RANDOMIZZATO, MULTICENTRICO, IN DOPPIO CIECO, CONTROLLATO VERSO PLACEBO, PER VALUTARE L'EFFICACIA

Dettagli

Tumore mammario metastatico (I linea di terapia)

Tumore mammario metastatico (I linea di terapia) Documento PTR n.99 Raccomandazioni d'uso Tumore mammario metastatico (I linea di terapia) Bevacizumab Direzione Generale alla Sanità e alle Politiche Sociali Raccomandazioni d uso n. 5/2010 Rev. luglio

Dettagli

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella!

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella! Il trattamento stereotassico delle lesioni surrenaliche in pazienti oligometastatici affetti da NSCLC: una promettente arma per il controllo locale di malattia?! E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore,

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI GEFITINIB ATC L01XE02 (IRESSA ) Presentata da Dott. A. Contu Direttore Oncologia medica ASL 1 Sassari In data luglio 2010 Per le seguenti motivazioni: Iressa è l unico

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

nel carcinoma del pancreas esocrino metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO)

nel carcinoma del pancreas esocrino metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazioni evidence-based Nab-paclitaxel nel carcinoma del pancreas esocrino metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 40 Febbraio

Dettagli

Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile. Erlotinib II linea di terapia. Raccomandazioni d'uso. Documento PTR n.

Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile. Erlotinib II linea di terapia. Raccomandazioni d'uso. Documento PTR n. Documento PTR n.131 Raccomandazioni d'uso Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile Erlotinib II linea di terapia A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO)

Dettagli

Criteri di scelta per la prima e seconda linea. Mariella Sorarù UO Oncologia Camposampiero

Criteri di scelta per la prima e seconda linea. Mariella Sorarù UO Oncologia Camposampiero Criteri di scelta per la prima e seconda linea Mariella Sorarù UO Oncologia Camposampiero Quali farmaci a disposizione? INIBITORI TKI: Sorafenib Sunitinib Pazopanib Axitinib INIBITORI m TOR: Temsirolimus

Dettagli

PERTUZUMAB - PERJETA

PERTUZUMAB - PERJETA giunta regionale Allegato C al Decreto n. 119 del 12 maggio 2015 pag. 1/9 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED PERTUZUMAB - PERJETA Indicazione in esame: Pertuzumab (Perjeta

Dettagli

RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO

RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO Raccomandazione n. 2 - Marzo 2011 INTRODUZIONE La presente Raccomandazione si pone come strumento metodologico di supporto a

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia)

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) Raccomandazioni evidence-based Panitumumab Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 36 Ottobre 2014 Direzione

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Avastin 25 mg/ml concentrato per soluzione per infusione. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ogni ml di concentrato

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

Sponsor e Comitati Etici a confronto. Presentazione di un successo della ricerca Raffaele Sabia (Vice President Medical AstraZeneca SpA)

Sponsor e Comitati Etici a confronto. Presentazione di un successo della ricerca Raffaele Sabia (Vice President Medical AstraZeneca SpA) Sperimentazione Clinica in Lombardia: punto e a capo? Milano, 5 marzo 212 Associazione Medicina e Persona www.medicinaepersona.org Sponsor e Comitati Etici a confronto Presentazione di un successo della

Dettagli

Algoritmi e percorsi terapeutici dei Carcinomi del Polmone

Algoritmi e percorsi terapeutici dei Carcinomi del Polmone Algoritmi e percorsi terapeutici dei Carcinomi del Polmone Standard Individualizzata Sperimentale Stadio Ia/Ib T1-2a N0 M0 radicale) CHIR con resezione sub-lobare, solo stadio Ib CHIR con VATS campionamento

Dettagli

Trastuzumab emtansine (TDM-1)

Trastuzumab emtansine (TDM-1) Raccomandazioni evidence-based Trastuzumab emtansine (TDM-1) nel carcinoma della mammella avanzato A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n.33 (Pubblicato a ) Aggiornato

Dettagli

Tumore del colon-retto metastatico

Tumore del colon-retto metastatico Raccomandazioni d'uso Tumore del colon-retto metastatico Parte B: Cetuximab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA In pazienti con carcinoma polmonare NSCLC in fase iniziale operabile, la chemioterapia adiuvante, aggiunta

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea in medicina e chirurgia - Statistica Medica Disegno dello studio

Dettagli

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto Carmelo Lupo RAS-RAF signaling Activation of the RAS-RAF signaling cascade occurs via the following sequential steps 1 : Activation

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

Studi clinici controllati in area di elevata incertezza Oncologia Quesito G1

Studi clinici controllati in area di elevata incertezza Oncologia Quesito G1 Studi clinici controllati in area di elevata incertezza Oncologia Quesito G1 Studio randomizzato multicentrico di CONFronto tra ERlotinib e Monochemioterapia nel trattamento di terza linea del tumore polmonare

Dettagli

Dir. Resp.: Alessandro Sallusti

Dir. Resp.: Alessandro Sallusti Tiratura 04/2015: 148.106 Diffusione 04/2015: 83.049 Lettori I 2015: 484.000 Dir. Resp.: Alessandro Sallusti da pag. 37 13-06-2015 Lettori 38.890 http://www.corriere.it/salute/ CONGRESSO AMERICANO DI ONCOLOGIA

Dettagli

Specialità: ABILIFY(Bristol-Myers Squibb) Forma farmaceutica:

Specialità: ABILIFY(Bristol-Myers Squibb) Forma farmaceutica: ARIPIPRAZOLO per l'indicazione: trattamento degli episodi maniacali di grado da moderato a severo del disturbo bipolare di Tipo I e per la prevenzione di un nuovo episodio maniacale (0-07-2009) Specialità:

Dettagli

Giovanna Scroccaro Settore Farmaceutico Regione Veneto

Giovanna Scroccaro Settore Farmaceutico Regione Veneto Processi decisionali e responsabilità finanziarie Giovanna Scroccaro Settore Farmaceutico Regione Veneto Rispetto spesa farmaceutica 14,85% sul FSN REGIONE FSN Gen Dic 2013 Spesa Territoriale Spesa Ospedaliera

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 Medicinale sottoposto a monitoraggio addizionale. Ciò permetterà la rapida identificazione di nuove informazioni sulla sicurezza. Agli operatori

Dettagli

Tumori: farmaco immunoterapico efficace contro cancro polmone

Tumori: farmaco immunoterapico efficace contro cancro polmone 1June2015 http://salute.agi.it/farmaci-eterapie/notizie/tumori_farmaco_immunoterapico_efficace_contro_cancro_polmone-201505291356-farrsa1015 Tumori: farmaco immunoterapico efficace contro cancro polmone

Dettagli

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA TERAPIA DELLA PATOLOGIA MAMMARIA INDOTTA DALLA MONOTERAPIA CON ANTIANDROGENO PURO PER ADENOCARCINOMA PROSTATICO

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA TERAPIA DELLA PATOLOGIA MAMMARIA INDOTTA DALLA MONOTERAPIA CON ANTIANDROGENO PURO PER ADENOCARCINOMA PROSTATICO STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA TERAPIA DELLA PATOLOGIA MAMMARIA INDOTTA DALLA MONOTERAPIA CON ANTIANDROGENO PURO PER ADENOCARCINOMA PROSTATICO FAX: 0916552413 SITO WEB: www.gstu.it E-MAIL: gstu@gstu.it CRITERI

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli