Convegno medico UniSalute

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convegno medico UniSalute"

Transcript

1 Convegno medico UniSalute Influenza degli stili di vita sulle malattie croniche non trasmissibili: aspetti epidemiologici, medici ed economico-sociali Bologna, 11 ottobre 2013 COMPETENZE DELL'UE - INTRODUZIONE Come tutti voi sapete, il settore sanitario rientra essenzialmente nella competenza degli Stati membri. Il ruolo dell'unione europea, in virtù dei trattati europei, consiste nell'intraprendere azioni volte a completare il lavoro degli Stati membri, pur apportando un valore aggiunto europeo, in particolare nei settori delle minacce più importanti per la salute, delle questioni che hanno un impatto transfrontaliero o internazionale e di quelle legate alla libera circolazione dei beni, dei servizi e delle persone. Quindi il compito dell'ue è sostanzialmente di completare e migliorare l'azione singola degli Stati Membri. La salute è non solo un valore in sé, ma anche un importante fattore di crescita economica. Solo una popolazione sana può conseguire appieno il proprio potenziale economico. A livello dell'ue, il settore sanitario è uno dei più vasti: rappresenta circa il 10% del prodotto interno lordo; occupa un lavoratore su dieci; la percentuale di operatori in possesso di un livello d'istruzione universitaria è superiore alla media. 1

2 LE MALATTIE CRONICHE NON TRASMISSIBILI E LO STILE DI VITA In generale lo stato di salute europeo, guardando all'aumento costante della spettanza di vita deve considerarsi in costante miglioramento. Per quanto ci siano ampie differenze tra la spettanza per le donne rispetto a quella per gli uomini, e soprattutto tra le diverse nazioni UE (e dell'est), tra il 1980 e il 2010 è aumentato notevolmente Grafico 1: E aumentata la spettanza di vita ma con importante diseguaglianza di genere Grafico 2: Spettanza di vita i vita nelle nazioni europee. Con forte differenziale di vita nelle diverse nazioni. 2

3 Molto preoccupanti sono i dati riguardanti le malattie croniche non trasmissibili (MCNT), che, per quanto in percentuale variabile da paese a paese, sono una piaga per l'unione, non solo in termini di salute ma anche economici. Delle 6 regioni dell'organizzazione Mondiale della Sanità, la regione Europea è quella più colpita dalle malattie croniche non trasmissibili, che sono in totale responsabili del 86% delle morti, e pesano per il 77% sul totale delle malattie. Grafico 3: Tasso di mortalità a seconda delle principali malattie in EU Regione X

4 Grafico 4: Mortalità per malattie cardiovascolari in Europa Essa incide per circa il 40 % sulla mortalità totale con variazioni da nazione a nazione: da una mediana del 47% a 4 volte tanto. Con principali cause indipendentemente dal genere: Ipertensione / obesità / diabete / consumo di sale / alcoolismo disguglienze economiche (indigenza). Focus: Incidenza stimata del Cancro in tutta l Europa nel 2012 Nuovi casi di cancro in un anno: 3,45 milioni (esclusi quelli della pelle non-melanoma). Mortalità 1,75 milioni. Più comuni (metà onere complessivo) a carico di: mammella ( casi) colon-retto ( ) prostata ( ) polmone ( ) Le cause più comuni di morte per cancro sono quelli del polmone ( morti) - l unico pressoché totalmente evitabile attraverso virtuosi stili di vita (tabacco) del colon-retto ( ) seno ( ) stomaco ( ) Dell'Unione Europea, il numero stimato di nuovi casi è circa 1,4 milioni. 4

5 Si stima che i costi delle MCNT si elevino al 70-80% del budget totale che i Paesi europei spendono per la salute. Bisogna poi aggiungere le spese delle singole famiglie per medicinali e cure che non vengono inseriti in questo calcolo. Italia: le malattie croniche non trasmissibili sono ritenute responsabili, per il 2010, del 92% dei decessi totali registrati, in particolare le malattie cardiovascolari (41%), i tumori (29%), le malattie respiratorie croniche (5%) e il diabete (4%). In realtà questi dati, già molto allarmanti, sono destinati a peggiorare per diverse ragioni, fra le quali la tendenza all aumento dell inattività fisica e l aumento epidemico di sovrappeso e obesità o l aumento dell aspettativa di vita con il quale cresce parallelamente la probabilità di sviluppare tumori, malattie cardiovascolari e diabete (se però l'aspettativa di vita aumenta il rischio di queste malattie, è altrettanto vero che il progresso in medicina ne farà diminuire la mortalità. Grafico 5: Mortalità per malattie cardiovascolari in Europa Proiezioni della incidenza del cancro dal 2010 al Tendenza ad aumentare anche per l invecchiamento della popolazione ma con diminuzione della mortalità in percentuale. 5

6 LA CRISI E I SISTEMI SANITARI La crisi finanziaria ha ulteriormente messo in evidenza l'esigenza di migliorare il rapporto costo/efficacia del sistema sanitario e gli Stati membri sono sotto pressione per trovare il giusto equilibrio fra la possibilità per tutti di avere accesso a cure sanitarie di qualità elevata e il rispetto dei vincoli di bilancio. A questo riguardo, è fondamentale sostenere gli sforzi degli Stati membri per migliorare la sostenibilità dei sistemi sanitari, se si vuole garantire loro di poter fornire cure sanitarie di elevata qualità per tutti ora come in futuro. La crisi economico-finanziaria in atto a livello globale ormai dal 2007 ha prodotto in Europa la crisi dei debiti sovrani, che ha colpito in modo particolare i cosiddetti PIGS (Portogallo, Irlanda, Grecia e Spagna). Le risposte messe in atto dai governi europei sono state dominate dalle politiche di austerità richieste dalla UE (e BCE) e dal FMI, volte principalmente al controllo dell inflazione e alla riduzione della spesa pubblica con forti effetti recessivi. Tali politiche stanno comportando conseguenze per i sistemi sanitari euromediterranei improntati al modello Servizio Sanitario Nazionale che vanno ben oltre il pur necessario contenimento delle inefficienze e il doveroso contributo al risanamento della finanza pubblica. In Grecia, sono stati imposti durissimi tagli a un sistema sanitario già in crisi, sostanzialmente incompiuto e pieno di contraddizioni che la terribile crisi economica ha enormemente amplificato. Il budget della sanità è stato duramente tagliato e hanno perso il lavoro 26 mila dipendenti pubblici del servizio sanitario, di cui medici. Anche a causa del malfunzionamento dei servizi ambulatoriali, i ricoveri ospedalieri sono aumentati di oltre il 20% negli ultimi anni, ma gli ospedali funzionano sempre peggio a causa del taglio di budget del 40% e della conseguente carenza di farmaci e personale. Le conseguenze in termini di peggioramento delle condizioni di salute della popolazione sono già evidenti: è aumentata la percentuale di persone che considera la propria salute cattiva o molto cattiva e di coloro che rinunciano a curarsi a causa della crisi; sono pure in forte aumento i suicidi e le infezioni da HIV, nonché la prevalenza dell uso di eroina, mentre si è ridotto di un terzo il budget destinato ai servizi per tossicodipendenti. In Spagna, nonostante il progresso avvenuto negli anni 2000, la crisi del debito ha prodotto effetti nefasti sul sistema sanitario pubblico, che prima ha visto una netta riduzione dei finanziamenti che si è tradotta nella riduzione nell offerta di servizi, nella riduzione degli stipendi degli operatori e nell aumento della partecipazione alla spesa da parte dei pazienti e poi, con il provvedimento dell ultimo governo nell aprile 2012, nella privatizzazione del sistema con una riforma che segna un drastico ritorno al passato, archiviando il sistema universalistico basato sulla fiscalità generale e reintroducendo il sistema assicurativo in vigore durante il franchismo. 6

7 In Italia gli effetti sono stati sin qui meno drastici che negli altri due paesi, ma la spesa sanitaria pubblica è fra le più basse in Europa sia in termini pro-capite che in rapporto al PIL ed è stata attuata una politica di tagli lineari crescenti dei finanziamenti al SSN imposta dagli ultimi governi. Ciò ha determinato una diminuzione dei posti letto ed un aumento delle spese delle singole famiglie per la loro salute. La crisi ha prodotto anche un aumento della disoccupazione, con ricadute sullo stato di salute generale. Più ricerche hanno dimostrato che per i disoccupati aumenta il rischio di sentirsi in cattiva salute, dei disturbi del sonno, di soffrire di nervosismo, di depressione, di disturbi cardiaci, e di dolori muscolari e articolari. Anche tra i lavoratori dipendenti che temono di perdere il lavoro si presentano tutti questi sintomi, in maniera più o meno acuta. In questo senso, anche una seria politica contro la disoccupazione può avere effetti positivi sulle spese della sanità. Grafico 6: Mortalità per malattie cardiovascolari in Europa Mortalità prematura per malattie cardiovascolare e prodotto nazionale lordo (GDP -PIL). Più basso è il PIL più alta è la mortalità (si veda la differenza tra paesi Est ed Ovest EU) 7

8 DISOCCUPAZIONE Focus Crisi e costi aggiuntivi sulla salute: una lezione dal passato e una dal presente Associata ad un rischio doppio di incorrere in malattie: con rischio > 60% di non guarirne Forte correlazione con malattie come l'abuso di alcol, ulcere, cirrosi,epatica, cardiovasculopatie, tabagismo. Aumento dell'incidenza dei suicidi: 17% in Grecia e Lituania, Irlanda 13%, Italia 12 % circa. Aumento di richieste per trattamenti medici. Un'attiva politica sul mercato del lavoro ed Indirizzi di spesa mirati eliminano molti di questi effetti avversi. I PROGRAMMI EUROPEI L'Europa ha, come già accennato all'inizio, poche competenze in questo settore. Oltre ad avere inserito la "salute" come uno degli obiettivi della strategia Europa2020 sono stati strutturati negli ultimi anni tre programmi di coordinamento e completamento alle politiche sanitari nazionali. I programmi dell'ue nell'ambito della salute: Il programma d'azione comunitario nel campo della sanità pubblica ( ) Secondo programma d'azione comunitaria in materia di salute ( ) Salute per la Crescita ( ), ancora in fase di approvazione. Rispetto ai programmi precedenti, il terzo programma d'azione dell'ue in materia di salute ( ), "Salute per la crescita", rafforza ulteriormente e pone maggior enfasi sui legami esistenti fra la crescita economica e una popolazione in buona salute. Il programma si concentra su quattro obiettivi principali, il cui scopo è conseguire un forte potenziale di crescita economica grazie al miglior stato di salute: 1. sviluppare strumenti e meccanismi comuni a livello dell'ue per affrontare la carenza di risorse umane e finanziarie e agevolare l'adozione dell'innovazione nell'assistenza sanitaria, al fine di contribuire a sistemi sanitari innovativi e sostenibili; 2. migliorare l'accesso alle competenze mediche e alle informazioni concernenti patologie specifiche anche su scala transnazionale e sviluppare soluzioni condivise e orientamenti per 8

9 migliorare la qualità della sanità e della sicurezza dei pazienti allo scopo di migliorare l'accesso a un'assistenza sanitaria migliore e più sicura per i cittadini europei; 3. individuare, diffondere e promuovere l'adozione di buone pratiche convalidate per misure di prevenzione efficaci sotto il profilo dei costi, affrontando i principali fattori di rischio, segnatamente il tabagismo, l'abuso di alcol e l'obesità, nonché l'hiv/aids, incentrandosi particolarmente sulla dimensione transfrontaliera, al fine di prevenire le malattie e promuovere la buona salute; 4. sviluppare approcci comuni e comprovarne il valore per essere più preparati e coordinarsi meglio nelle emergenze sanitarie nell'intento di proteggere i cittadini dalle minacce sanitarie transfrontaliere. Considerando che i problemi di salute sono una delle principali cause di assenteismo sul lavoro e di prepensionamento, mantenere gli individui sani e attivi più a lungo ha un'incidenza positiva sulla produttività e la competitività. Aumentare il numero di anni di vita sana è una condizione indispensabile, se l'europa vuole vincere la sfida di conseguire l'occupazione del 75 % degli individui della fascia d'età compresa fra i 20 e i 64 anni e scongiurare il prepensionamento per malattia, inoltre, mantenere gli ultra sessantacinquenni sani e attivi può avere un'incidenza sulla partecipazione al mercato del lavoro e apportare notevoli risparmi in termini di bilanci sanitari. L'UE agisce/ha agito in particolare in 4 settori della salute per quanto riguarda gli stili di vita: 1. tabacco 2. alcool 3. alimentazione e attività fisica 4. salute mentale 1. In merito al tabacco, l'ue ha regolamentato il settore per quanto riguarda la fabbricazione, la presentazione e la vendita dei prodotti da tabacco con una direttiva del 2001, in fase di modifica. La nuova normativa rafforzerà la lotta al fumo, soprattutto adolescenziale, imponendo norme molto più stringenti per quanto riguarda il packaging, i contenuti delle sigarette, ma soprattutto mettendo al bando tutte le forme di sigarette create pe sembrare meno dannose alla salute, quando al contrario hanno effetti nocivi elevatissimi. 9

10 La filosofia di base della riforma è quella di scoraggiare soprattutto i giovani ad iniziare a fumare. In base agli studi condotti dalla Commissione europea, ogni anno si registrano morti per cause collegate al fumo. La proposta è molto restrittiva e probabilmente ridurrà il gettito fiscale in tutti gli Stati membri ma al contempo permetterà di ridurre i costi che gravano sui sistemi sanitari nazionali per curare le malattie derivanti dal fumo. La direttiva ha, anche, l'obiettivo di adeguare la legislazione europea agli impegni assunti dagli Stati membri che hanno sottoscritto la Convenzione Quadro sul Controllo del tabacco dell'organizzazione Mondiale della Sanità. Rispetto agli Stati Uniti, all'australia e al Brasile l'europa registra tassi più elevati di fumatori. 2. La strategia (giugno 2001) stabilisce cinque priorità al fine di ridurre il consumo nocivo e pericoloso di alcool nell'unione europea. Per ciascuna di queste priorità, vengono sottolineate le buone prassi seguite negli Stati membri. 3. La raccomandazione della Commissione europea (aprile 2010) invita gli Stati membri a sviluppare e attuare una strategia comune nel settore della prevenzione delle malattie legate all'alimentazione. Poiché una cattiva alimentazione, porta al sovrappeso e all'obesità che a loro volta possono portare allo sviluppo di gravi malattie come ictus, ipertensione, diabete. Anche le politiche per la tutela dell'ambiente sono fondamentali per garantire una buona salute ai cittadini europei. Tutte le politiche europee ad esempio volte a ridurre le immissioni di CO2, di controllo della qualità sui prodotti alimentari, e di salvaguardia dell'ambiente in generale, hanno naturalmente ricadute benefiche sulla salute del cittadino. LA DICHIRAZIONE DI VIENNA (OMS) Lo scorso luglio, i ministri della salute dei 53 paesi europei si sono riuniti a Vienna nel contesto di Salute 2020 (la nuova politica comune di riferimento concordata tra i 53 Stati membri della Regione europea dell OMS) per firmare la "Dichiarazione sulla nutrizione e le malattie non trasmissibili". Secondo l Oms attraverso questa dichiarazione l Europa si impegnerà all adozione di nuove politiche innovative per ridurre l obesità e promuovere scelte più salutistiche per la popolazione. 1 0

11 I ministri si sono impegnati a migliorare l azione di monitoraggio, ad agire in modo più efficace per affrontare alla radice le cause dell obesità e a informare e responsabilizzare maggiormente i cittadini europei a fare scelte più sane. La Dichiarazione di Vienna sulla Nutrizione e malattie non trasmissibili nel contesto della Salute 2020 sottolinea l'importanza della cooperazione in tutti i settori: coinvolge non solo la salute, ma anche altri ministeri in iniziative che vanno dalla riformulazione alimentare ed etichettatura del prodotto, alle mense scolastiche e il commercio internazionale. Essa si basa sui principi guida contenuti nella Carta europea sull'azione di contrasto all'obesità del 2006 e appunto Salute ********* A livello europeo viene quindi fatto molto per la tutela della salute dei cittadini europei, anche se spesso ciò non si nota immediatamente, poiché sono normative su altri settori che hanno però importantissime ricadute benefiche sulla protezione della salute. E' necessario mantenere quindi un approccio fortemente europeista poiché le difficoltà che i cittadini dei 28 Paesi membri debbono affrontare sono sostanzialmente le stesse. 1 1

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA Contributo di Claudio Garbelli La Commissione Europea ha recentemente proposto il Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla istituzione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute SCHEDA I NUMERI DEL TABAGISMO Il tabacco provoca più decessi di alcol, aids, droghe, incidenti stradali, omicidi e suicidi messi insieme. L epidemia del tabacco è una delle più grandi

Dettagli

2014-2020. Terzo programma dell'ue in materia di salute

2014-2020. Terzo programma dell'ue in materia di salute 2014-2020 Terzo programma dell'ue in materia di salute Articolo 168 del Trattato sul funzionamento dell Unione Europea (TFUE) Report Together for Health. Documento Investing in Health. Comunicazione della

Dettagli

Guadagnare salute e Territorio. Daniela Galeone

Guadagnare salute e Territorio. Daniela Galeone Guadagnare salute e Territorio Daniela Galeone Fattori di rischio di malattia e morte prematura in Europa Decessi DALY* 1. Ipertensione 22% 1. Tabacco 12% 2. Tabacco 19% 2. Ipertensione 9% 3. Colesterolo

Dettagli

Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari

Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari Obiettivo ambizioso Incidere del 20% sugli stili di vita delle persone nei prossimi 10 15 anni Programma Europeo Programma nazionale 1. Alimentazione

Dettagli

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino LA PROMOZIONE DELLA SALUTE IN TRENTINO numeri, attività, prospettive Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino Laura Battisti

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: ATTIVITÀ FISICA Traduzione non ufficiale a cura di

Dettagli

SALUTE E ASSISTENZA. Buona salute Né bene né male Male Molto Male 2011 71.1% 23.2% 4.8% 0.9% 2012 71.1% 23.3% 4.8% 0.9% 2013 70.4% 23.8% 4.8% 1.

SALUTE E ASSISTENZA. Buona salute Né bene né male Male Molto Male 2011 71.1% 23.2% 4.8% 0.9% 2012 71.1% 23.3% 4.8% 0.9% 2013 70.4% 23.8% 4.8% 1. SALUTE E ASSISTENZA Stato di salute della popolazione italiana. Dall'Indagine Multiscopo dell'istat risulta che nel 2013 il 70.4% della popolazione italiana gode di buona salute con un calo rispetto agli

Dettagli

Daniela Galeone. Il sistema di sorveglianza Okkio alla Salute: risultati 2012. Roma, 20 febbraio 2013

Daniela Galeone. Il sistema di sorveglianza Okkio alla Salute: risultati 2012. Roma, 20 febbraio 2013 Pianificazione nazionale delle strategie di prevenzione dell obesità Daniela Galeone Il sistema di sorveglianza Okkio alla Salute: risultati 2012 Roma, 20 febbraio 2013 Malattie croniche : un allarme mondiale

Dettagli

Sedentarietà. Un adeguata attività fisica è fondamentale per prevenire l epidemia mondiale di malattie croniche

Sedentarietà. Un adeguata attività fisica è fondamentale per prevenire l epidemia mondiale di malattie croniche Sedentarietà Almeno il 60% della popolazione mondiale è al di sotto dei livelli di attività raccomandati di attività motoria (30 minuti al giorno di attività moderata) Un adeguata attività fisica è fondamentale

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Epidemiologia dell obesità

Epidemiologia dell obesità Epidemiologia dell obesità Obesità Paradossalmente,visto il grado di malnutrizione esistente sul pianeta, l obesità costituisce oggi uno dei problemi di salute pubblica più visibile e tuttavia ancora

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati TERZA CONVENTION NAZIONALE DEI DIRETTORI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE DELLE AZIENDE ULSS Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati Dott. Rocco Sciarrone Direttore del Dipartimento

Dettagli

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Workshop Politiche di Integrazione Socio- Sanitaria: modelli a confronto e sfide per un futuro sostenibile IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Cittadella, 23-24 settembre 2014 IL

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 La salute dell anziano e l invecchiamento in buona salute Stato di salute, opportunità e qualità dell assistenza nelle regioni italiane L analisi della struttura demografica

Dettagli

Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE

Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE ATTIVITÀ PER LA PREVENZIONE DEL TABAGISMO RAPPORTO ANNO 2011 10 gennaio 2012 La prevenzione e la cura del tabagismo sono essenziali

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Promuovere il movimento per guadagnare salute Daniela Galeone Programma Ministero In Forma 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Le malattie croniche: un allarme mondiale - 57 milioni di

Dettagli

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 REGIONE ABRUZZO I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 A cura di: Claudio Turchi SIESP ASL Lanciano-Vasto-Chieti Cristiana Mancini SIESP ASL Avezzano-Sulmona-L Aquila Progressi

Dettagli

Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio

Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non semplicemente l assenza di malattia

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA L 80% degli eventi cardiovascolari che insorgono prima dei 75 anni è prevenibile Nel 2011 diminuisce del -3,1% l aderenza alle terapie per l ipertensione: i liguri i meno assidui;

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO su un'azione nel settore delle malattie rare

ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO su un'azione nel settore delle malattie rare CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 5 giugno 2009 (OR. en) 10122/09 Fascicolo interistituzionale: 2008/0218 (CNS) LIMITE SAN 142 RECH 167 MI 219 ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI Oggetto: RACCOMANDAZIONE

Dettagli

La salute alle porte dell Europa da: 10 health questions about the new EU neighbours, Oms Europa

La salute alle porte dell Europa da: 10 health questions about the new EU neighbours, Oms Europa La salute alle porte dell Europa da: 10 health questions about the new EU neighbours, Oms Europa (traduzione, adattamento e sintesi a cura della redazione di EpiCentro) Dopo l allargamento a est dell Unione

Dettagli

SALVAGUARDIA DELLA SALVAGUARDIA DELLA NATURA, SALUTE

SALVAGUARDIA DELLA SALVAGUARDIA DELLA NATURA, SALUTE GREENACCORD IV FORUM INTERNAZIONALE DELL INFORMAZIONE PER LA SALVAGUARDIA DELLA NATURA SALVAGUARDIA DELLA NATURA, SALVAGUARDIA DELLA SALUTE Sessione : il mondo del lavoro Salute negli ambienti di lavoro

Dettagli

Comitato regionale per l Europa

Comitato regionale per l Europa Comitato regionale per l Europa Organizzazione mondiale della sanità Ufficio regionale per l Europa Guadagnare salute : la strategia europea per la prevenzione e il controllo delle malattie croniche malattie

Dettagli

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte La mortalità La mortalità generale e le principali cause di morte Nel 211 sono decedute 4.543 persone residenti in provincia di Trento (di cui 2.42, pari al 53%), con un tasso di mortalità dell 8,5, uno

Dettagli

L OBESITÀ E L ECONOMIA DELLA PREVENZIONE: OBIETTIVO SALUTE OBESITY AND THE ECONOMICS OF PREVENTION: FIT NOT FAT

L OBESITÀ E L ECONOMIA DELLA PREVENZIONE: OBIETTIVO SALUTE OBESITY AND THE ECONOMICS OF PREVENTION: FIT NOT FAT L OBESITÀ E L ECONOMIA DELLA PREVENZIONE: OBIETTIVO SALUTE OBESITY AND THE ECONOMICS OF PREVENTION: FIT NOT FAT Un nuovo rapporto OCSE analizza le dimensioni e le caratteristiche dell attuale epidemia

Dettagli

PROPOSTA DI RISOLUZIONE

PROPOSTA DI RISOLUZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Documento di seduta 15.1.2015 B8-0000/2014 PROPOSTA DI RISOLUZIONE presentata a seguito dell'interrogazione con richiesta di risposta orale B8-0000/2014 a norma dell'articolo

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE IMPEGNO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE DEL MINISTERO DELLA SALUTE Daniela Galeone ISS OSSFAD: ROMA 31 MAGGIO

Dettagli

Studio Professionale AM Consulting

Studio Professionale AM Consulting La seguente scheda fornisce solo alcune informazioni di carattere generale e non è da considerarsi esaustiva, si rimandano gli approfondimenti a un momento successivo con le parti interessate. SALUTE 2008-2013

Dettagli

Salute 2020: Una politica di riferimento europea a sostegno di un azione trasversale ai governi e alle società per la salute e il benessere *

Salute 2020: Una politica di riferimento europea a sostegno di un azione trasversale ai governi e alle società per la salute e il benessere * Organizzazione Mondiale della Sanità UFFICIO REGIONALE PER L Europa Comitato Regionale Europeo Sessantaduesima Sessione Malta, 10-13 settembre 2012 Salute 2020: Una politica di riferimento europea a sostegno

Dettagli

stili di vita e disuguaglianze

stili di vita e disuguaglianze stili di vita e disuguaglianze Gli stili di vita insalubri sono fattori di rischio che possono causare disuguaglianze di salute. Come dimostrano diversi studi, abitudini e comportamenti malsani contribuiscono

Dettagli

DUE PASSI IN CENTRO: UNA CAMPAGNA SENIOR ITALIA PER L ATTIVITA FISICA E LA QUALITA DELLA VITA DEI SENIOR

DUE PASSI IN CENTRO: UNA CAMPAGNA SENIOR ITALIA PER L ATTIVITA FISICA E LA QUALITA DELLA VITA DEI SENIOR DUE PASSI IN CENTRO: UNA CAMPAGNA SENIOR ITALIA PER L ATTIVITA FISICA E LA QUALITA DELLA VITA DEI SENIOR LA FEDERAZIONE Senior Italia FederAnziani è la federazione delle associazioni della terza età, cui

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute Dott.ssa M. Teresa Scotti Bologna, 15 ottobre 2009 La promozione della salute è il processo che

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della prevenzione e comunicazione Direzione Generale per i rapporti con l Unione Europea e per i rapporti internazionali UFFICIO III RAPPORTO MONDIALE DELL OMS SULLE

Dettagli

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DELLA SANITA

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DELLA SANITA LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DELLA SANITA Fact sheet n.3 ksdbfsm ASIHFncj Molti dei fattori che contribuiscono di più alla genesi delle disuguaglianze sociali nella salute non sono di competenza

Dettagli

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007)

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007) 5 La "cartella clinica" del Cesenate Conoscere quali sono le principali cause di morte e le malattie a maggior impatto sociale e sanitario in una popolazione può fornire utili indicazioni per l identificazione

Dettagli

XIII Giornata Mondiale BPCO Associazione Italiana Pazienti BPCO Conferenza Nazionale: BPCO e Comorbidità

XIII Giornata Mondiale BPCO Associazione Italiana Pazienti BPCO Conferenza Nazionale: BPCO e Comorbidità XIII Giornata Mondiale BPCO Associazione Italiana Pazienti BPCO Conferenza Nazionale: BPCO e Comorbidità Paolo D Argenio Roma, 19 novembre 2014 Salvator Mundi International Hospital Peso socio-economico

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori di outcome

Dettagli

Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici

Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici Sostenibilitàdel Sistema Sanitario e Dispositivi Medici: obiettivi e strategie Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici Dott.ssa Marcella Marletta Direttore Direzione Generale

Dettagli

La salute degli anziani di Asl 3 Genovese: costruire la rete aziendale per Passi d Argento Genova, 24 Novembre 2015

La salute degli anziani di Asl 3 Genovese: costruire la rete aziendale per Passi d Argento Genova, 24 Novembre 2015 La salute degli anziani di Asl 3 Genovese: costruire la rete aziendale per Passi d Argento Genova, 24 Novembre 2015 Alcuni risultati dell indagine PdA in Asl 3 Genovese Raffaella Castiglia, Patrizia Crisci

Dettagli

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005)

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Documento a cura della Dr. Maria Vincenza Liguori Settore Epidemiologia Ambientale Direttore Dr. Laura

Dettagli

In Europa cure senza confini Ma con tanti dubbi da sciogliere

In Europa cure senza confini Ma con tanti dubbi da sciogliere Corriere della Sera http://www.corriere.it/salute/13_novembre_04/europa-cure-senza-confini-ma-tanti-du... Page 1 of 1 11/11/2013 stampa chiudi DIRETTIVA In Europa cure senza confini Ma con tanti dubbi

Dettagli

Comune di Modena Modena per il Cuore

Comune di Modena Modena per il Cuore Comune di Modena Modena per il Cuore Le malattie del sistema circolatorio: al primo posto tra le cause di morte Nella realtà modenese le malattie del sistema cardiocircolatorio sono un tema di salute prioritario:

Dettagli

Europa 2020, salute e sociale

Europa 2020, salute e sociale Europa 2020, salute e sociale Breve introduzione L Europa 2020 presenta tre priorità che si rafforzano a vicenda: Crescita intelligente: sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione.

Dettagli

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi.

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. MENOPAUSA scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. Nel climaterio le ovaie producono meno ESTROGENI L OVAIO MODIFICAZIONI NELLA VITA RIPRODUTTIVA FEMMINILE MENOPAUSA Inizio della menopausa

Dettagli

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente Dott.ssa Silvia Navarin Scuola di Specializzazione Medicina d Emergenza-Urgenza

Dettagli

Risoluzione del Parlamento Europeo sul diabete

Risoluzione del Parlamento Europeo sul diabete Home Persone con Diabete Risoluzione del Parlamento Europeo sul diabete Risoluzione del Parlamento Europeo sul diabete Giovedì 15 Marzo 2012 13:08 Risoluzione del Parlamento europeo sulla lotta al dilagare

Dettagli

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 200-202 ) Regione: Regione Autonoma della Sardegna Allegato 2 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

Health at a Glance: OECD Indicators 2005 Edition. Uno Sguardo alla Sanità - Indicatori OCSE 2005. Sommario. Summary in Italian. Riassunto in Italiano

Health at a Glance: OECD Indicators 2005 Edition. Uno Sguardo alla Sanità - Indicatori OCSE 2005. Sommario. Summary in Italian. Riassunto in Italiano Health at a Glance: OECD Indicators 2005 Edition Summary in Italian Uno Sguardo alla Sanità - Indicatori OCSE 2005 Riassunto in Italiano Sommario I sistemi sanitari sono in forte crescita in termini di

Dettagli

Quotidiano. www.ecostampa.it

Quotidiano. www.ecostampa.it Malattie reumatiche. Colpiti 700mila italiani ma solo 50mila hanno accesso ai nuovi f... http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=15772 Page 1 of 2 01/07/2013 quotidianosanità.it

Dettagli

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Gemona del Friuli, 11 Maggio 2010 Giancarlo Miglio I DETERMINANTI DELL EVOLUZIONE EVOLUZIONE DEI SISTEMI SANITARI CAMBIAMENTI EPIDEMIOLOGICI RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

MALATTIE CARDIOVASCOLARI

MALATTIE CARDIOVASCOLARI MALATTIE CARDIOVASCOLARI Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la prima causa di mortalità,, di morbilità e di disabilità specialmente nei paesi del mondo occidentale. NEL MONDO 15 milioni/anno di eventi

Dettagli

Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione

Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione Paolo Conci Direzione Area Territorio Comprensorio sanitario di Bolzano Azienda sanitaria dell Alto Adige Epidemiologia delle malattie

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può Sale e salute Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può causare gravi problemi alla salute. La quantità

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Traduzione non ufficiale a cura del Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali (DGREI) Ufficio III Rapporti con

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

Il programma guadagnare salute

Il programma guadagnare salute Ministero della Salute Il programma guadagnare salute Donato Greco Roma 6 12 2007 STRATEGIE INTERNAZIONALI Convenzione Quadro OMS per il controllo del tabacco 2003 Strategia Globale dell OMS su Dieta,

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

La Giunta regionale toscana è intenzionata

La Giunta regionale toscana è intenzionata 10 Toscana: Alimentazione e salute La Giunta regionale toscana è intenzionata a rafforzare il progetto di studio già in atto sul rapporto tra alimentazione e salute. Lo scopo è di monitorare i comportamenti

Dettagli

La SALUTE non ha prezzo, ma la SANITÀ costa a tutti

La SALUTE non ha prezzo, ma la SANITÀ costa a tutti 7 a Conferenza Nazionale GIMBE Bologna, 17 febbraio 2012 La SALUTE non ha prezzo, ma la SANITÀ costa a tutti Nino Cartabellotta Fondazione GIMBE IL PARADOSSO Vantiamo un SSN che l Organizzazione Mondiale

Dettagli

L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa

L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa In una realtà economica complessa ed in rapida evoluzione la responsabilità per i giovani di cercare un cambio di

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini e Carmen Calabrese Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori

Dettagli

infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Solidarietà sociale 2015/2018 Piano provinciale della prevenzione Sintesi

infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Solidarietà sociale 2015/2018 Piano provinciale della prevenzione Sintesi infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Solidarietà sociale 2015/2018 Piano provinciale della prevenzione Sintesi Giugno 2015 Indice Sintesi introduttiva del Piano provinciale

Dettagli

PUBLIC CO SIGLIO DELL'U IO E EUROPEA. Bruxelles, 5 giugno 2009 (OR. en) 10120/09 Fascicolo interistituzionale: 2009/0003 (C S) LIMITE SA 140

PUBLIC CO SIGLIO DELL'U IO E EUROPEA. Bruxelles, 5 giugno 2009 (OR. en) 10120/09 Fascicolo interistituzionale: 2009/0003 (C S) LIMITE SA 140 Conseil UE CO SIGLIO DELL'U IO E EUROPEA Bruxelles, 5 giugno 2009 (OR. en) PUBLIC 10120/09 Fascicolo interistituzionale: 2009/0003 (C S) LIMITE SA 140 ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUME TI Oggetto: RACCOMANDAZIONE

Dettagli

IL PARADOSSO. La SALUTE non ha prezzo, I NOSTRI DIRITTI IL DILEMMA. 7 a Conferenza Nazionale GIMBE Bologna, 17 febbraio 2012

IL PARADOSSO. La SALUTE non ha prezzo, I NOSTRI DIRITTI IL DILEMMA. 7 a Conferenza Nazionale GIMBE Bologna, 17 febbraio 2012 7 a Conferenza Nazionale GIMBE Bologna, 17 febbraio 2012 IL PARADOSSO La SALUTE non ha prezzo, ma la SANITÀ costa a tutti Nino Cartabellotta Fondazione GIMBE Vantiamo un SSN che l Organizzazione Mondiale

Dettagli

La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale

La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale Assistente Sanitaria Giuliana Faccini Referente Regionale Antifumo SPISAL Dipartimento di Prevenzione Az ULSS 21 Di cosa parleremo Premessa

Dettagli

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Ufficio Rapporti con l'unione Europea Misure dell'ue per il sostegno finanziario alla Grecia e la

Dettagli

Guadagnare salute. Il Programma. Fausta Ortu medico SISP. Dipartimento di Prevenzione. Azienda Ulss 15. Dipartimento di Prevenzione

Guadagnare salute. Il Programma. Fausta Ortu medico SISP. Dipartimento di Prevenzione. Azienda Ulss 15. Dipartimento di Prevenzione Dipartimento di Prevenzione Il Programma Guadagnare salute Fausta Ortu medico SISP Dipartimento di Prevenzione Azienda Ulss 15 Che cos è il programma Guadagnare salute? Perché è nato? Dove è nato? E un

Dettagli

Programmi di promozione della salute nelle aziende

Programmi di promozione della salute nelle aziende Promozione della salute in azienda, il miglioramento del benessere nei luoghi di lavoro Programmi di promozione della salute nelle aziende Carlo Nava Medico del lavoro Dipartimento Area della Medicina

Dettagli

6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO 6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Gli indicatori di tipo sanitario utilizzati sono stati tratti dagli archivi organizzati e istituzionalizzati, quali i Registi di mortalità e

Dettagli

Solo 4 Fattori di Rischio!

Solo 4 Fattori di Rischio! Ministero della Salute Solo 4 Fattori di Rischio! Almeno l 86% delle NCDs, condivide solo 4 fattori di rischio modificabili Ministry of Health Italy - Presidency 2014 1 Health spending Average annual growth

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Sempre in salute in bici

Sempre in salute in bici Sempre in salute in bici Giorgio Pasetto Dottore in Scienze Motorie Consigliere Comunale del Comune di Verona La nostra società ha visto nell arco degli ultimi dieci/quindici anni una evoluzione continua

Dettagli

Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica PREFAZIONE

Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica PREFAZIONE Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica XIV LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI PREFAZIONE La riduzione dei danni sanitari e sociali causati dall alcol è, attualmente, uno dei più

Dettagli

CONInforma Sport e corretti stili di vita

CONInforma Sport e corretti stili di vita Numero 7 del 16 luglio 2014 A cura del Dott. Sergio Zita Responsabile sportello CONInforma I BENEFICI DELLO SPORT Fare sport non solo è consigliabile, ma addirittura necessario. A confermare quello che

Dettagli

Il governo della spesa sanitaria e gli investimenti per la salute

Il governo della spesa sanitaria e gli investimenti per la salute Il governo della spesa sanitaria e gli investimenti per la salute Esmeralda Ploner CREA Sanità Università di Roma «Tor Vergata» Contesto Il passaggio al federalismo voluto prioritariamente per ragioni

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali UFFICIO STAMPA I CONFERENZA NAZIONALE SULL ALCOL Più salute meno rischi Costruire alleanze per il benessere e la sicurezza SCHEDA ALCOL: L ATTIVITA

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali Ufficio IV ex DGRUERI Sintesi dei contenuti discussi durante il Consiglio

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO

ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO Valentina Di Mario INTRODUZIONE L uso di bevande alcoliche è da lungo tempo considerato un fattore di rischio per la salute pubblica. Il significato

Dettagli

L'aspettativa di vita sana sta crollando in Italia Come invecchiare bene? Prevenzione e segreti

L'aspettativa di vita sana sta crollando in Italia Come invecchiare bene? Prevenzione e segreti Anziani f-+ m gamba L'aspettativa di vita sana sta crollando in Italia Come invecchiare bene? Prevenzione e segreti organizzata dalla Fondazione Veronesi nell 'ambito del programma "The Future qfscience

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE: la comunicazione pubblica leva strategica per la promozione della salute in Italia e in Europa COMPA Bologna, 7 novembre 2007 Campagne di comunicazione del ministero della salute Guadagnare

Dettagli

STILI DI VITA E GENERAZIONI

STILI DI VITA E GENERAZIONI STILI DI VITA E GENERAZIONI Giuseppe Costa Università di Torino contesto contesto di politiche di politiche contesto contesto stratificazione influenzare stratificazione diminuire esposizione diminuire

Dettagli

Fernando De Benedetto Chieti. La pneumologia nel contesto della programmazione sanitaria: quale futuro?

Fernando De Benedetto Chieti. La pneumologia nel contesto della programmazione sanitaria: quale futuro? Fernando De Benedetto Chieti La pneumologia nel contesto della programmazione sanitaria: quale futuro? L incremento Delle Cronicità La programmazione sanitaria nei paesi sviluppati è condizionata dall

Dettagli

I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali.

I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali. I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali. Tuttavia, a livello mondiale, le principali cause di morte sono rappresentate da: -diarrea -malaria -tubercolosi

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE

IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE Le reti transeuropee (RTE) sono in parte finanziate dall'unione europea e in parte dagli Stati membri. L'aiuto finanziario dell'unione funge da catalizzatore, poiché

Dettagli