il percorso del diritto all assistenza sanitaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "il percorso del diritto all assistenza sanitaria"

Transcript

1 Salute e immigrazione in Italia: il percorso del diritto all assistenza sanitaria di Salvatore Geraci (Area sanitaria Caritas Società Italiana di Medicina delle Migrazioni)... le misure sanitarie per i migranti che siano ben gestite, inclusa la salute pubblica, promuovono il benessere di tutti e possono facilitare l integrazione e la partecipazione dei migranti all interno dei Paesi ospitanti promuovendo l inclusione e la comprensione, contribuendo alla coesione, aumentando lo sviluppo. Dichiarazione di Bratislava a conclusione dell 8 a Conferenza dei Ministri Europei della Salute, 2007 Oltre 25 anni fa abbiamo cominciato ad occuparci di immigrati ancora prima che di immigrazione; abbiamo incontrato persone malate, bisogni sommersi e diritti negati. Protagonisti sono stati molti medici, infermieri, operatori sociali prevalentemente nell ambito del volontariato e del privato sociale, che in varie parti d Italia hanno avuto umanità, sensibilità professionale e un forte senso di giustizia sociale per impegnarsi nel garantire tutela della salute, senza esclusione. Dall impegno personale si è passati ad una coscienza collettiva di una nuova realtà; dall emergenza all esigenza di capire, studiare, sperimentarsi nell incontro con questi nuovi cittadini ; da un diritto di fatto negato e/o nascosto alla volontà di affermare, anche sul piano giuridico che la salute è un bene di tutti e per tutti. Il 1995: l emersione del diritto Per anni il fenomeno immigratorio nel nostro paese è stato ignorato o sottovalutato in ambito prospettico e spesso le politiche sanitarie sono state dettate da tentativi di risolvere situazioni contingenti. Da una nostra ricerca risultava infatti che, prima del 1995, le norme che identificavano le possibilità di garanzia del diritto alla salute degli stranieri erano contenute in ben 27 provvedimenti legislativi: 3 Leggi, 2 Decreti del Presidente della Repubblica (DPR), 6 Decreti Legge (DL), 16 Decreti Ministeriali (DM). Ciò non considerando i provvedimenti legislativi specifici come le Convenzioni con particolari Stati esteri e non prendendo in esame le reiterazioni dei Decreti Legge non convertiti in Legge. Una pletora di norme che di fatto per anni ha reso impossibile l accesso alle strutture e la fruibilità delle prestazioni per molti degli immigrati presenti in Italia. In quel periodo parlavamo di diritto alla salute negato per legge ai clandestini e nascosto ai regolari. Dalla fine degli anni 80, in varie parti d Italia, in modo spontaneo ed allora certamente non coordinato, vari gruppi di matrice confessionale o laica (per citarne alcuni: la Caritas a Roma, il Naga a Milano, la Croce Rossa a Genova, il Biavati a Bologna, i salesiani di Santa Chiara e l Università a Palermo,...) si sono organizzati per garantire il diritto all assistenza sanitaria agli stranieri che ne erano esclusi. Ambulatori di primo livello che tra mille difficoltà, con l entusiasmo di chi sa di percorrere strade impervie ma anticipatorie, con la curiosità del volontario, con la passione di chi crede ad un diritto alla salute senza esclusioni, hanno visto protagonisti centinaia di medici ed operatori sanitari con competenze ed appartenenze diverse ma con comune impegno

2 E quando all inizio degli anni novanta, questi gruppi sono riusciti a collegarsi e scambiarsi esperienze e progettualità anche politica, ne scaturisce un movimento dal basso, di alto profilo nelle competenze specifiche che, con lo stile che aveva caratterizzato ogni singolo gruppo e cioè quello della gratuità, dell impegno e della libertà, riesce ad essere credibile nell analisi del fenomeno e nelle proposte. Con questa chiave di lettura va vista la nascita e lo sviluppo della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni (SIMM) che da allora in gran parte condizionerà le scelte di politica sanitaria nazionale nello specifico settore (www.simmweb.it). Non sorprende quindi che, all inizio del 1995, una proposta di legge dal basso per il diritto alla salute degli immigrati con riferimento agli irregolari, promossa da gran parte dei gruppi impegnati nel settore, riceve prima l interesse ed il sostegno dell allora ministro della Sanità, prof. Elio Guzzanti, e poi, come Disegno di Legge, è presentata nell agosto di quello stesso anno al Senato ed alla Camera sottoscritta da circa 60 senatori (primo firmatario il verde Manconi) e oltre 140 deputati (primo firmatario il cristiano sociale Tanzarella) di tutte le forze politiche. Nello stesso periodo, nell ambito del dibattito politico relativo all approvazione della Legge Finanziaria del 1995, su esplicita richiesta della Lega Nord (che qualche mese prima era stata la responsabile della caduta del primo governo Berlusconi e successivamente ha appoggiato, da esterna al Governo, quello presieduto dall on. Dini) fu varata, non senza dibattito e polemiche, una normativa sugli stranieri: un Decreto Legge, reiterato ben 5 volte (dal novembre 1995 e ultima il 12 settembre 1996: le ultime due versioni con radicali modifiche dal sopraggiunto Governo Prodi). Già dal primo Decreto Legge del , n. 489 dal titolo Disposizioni urgenti in materia di politica dell'immigrazione e per la regolamentazione ingresso e soggiorno nel territorio nazionale dei cittadini dei Paesi non appartenenti all'unione Europea è stato recepito con l'articolo 13 (poi art. 11), il diritto alla salute come diritto per tutti gli stranieri, anche se irregolari o clandestini, non solo come accesso straordinario ma anche come cure ordinarie e continuative. L'articolo 13 è stato, soprattutto perchè contenuto nell'ambito di una normativa certamente non 'favorevole' agli immigrati, fortemente innovativo: si riscopre un diritto, un diritto da sempre negato ad alcuni immigrati presenti nel nostro paese non in posizione regolare, un diritto inalienabile che da anni molti operatori del settore con insistenza chiedevano. L'articolo 13, come abbiamo visto, non è stato un articolo casuale, nasce da una capillare azione di studio e di sensibilizzazione, da incontri e confronti tra associazioni, con il ministro, con i suoi collaboratori, con tutte le forze politiche. Questo articolo ha avuto anche il merito di sdoganare un problema, di liberare risorse, se non altro sul piano organizzativo, per affrontare il diritto all'accesso alle cure. Da quel momento Aziende Usl ed Ospedaliere, Enti Locali hanno dovuto/voluto pianificare interventi, deliberare iniziative, promuovere politiche adeguate. I limiti interpretativi rappresentati da quell articolo del Decreto Legge in oggetto, diventano spunto per azioni specifiche di chiarimento, di dibattito tecnico, di miglioramento delle procedure: un patrimonio prezioso per la definizione della successiva normativa. Dal 1996 al 1998 si succedono telex e note di chiarimento ministeriali, quesiti regionali e anche delibere locali ormai orientate in modo inclusivo di questa popolazione nel sistema di tutela sanitario. Alla fine del 1996, l'impossibilità della reiterazione del Decreto a seguito di una sentenza della Corte Costituzionale, ha nuovamente cambiato le carte in tavola. L'articolo 13 divenuto ormai articolo 11, forzatamente scompare dal panorama normativo italiano: fortunatamente il nuovo ministro della Sanità, on. Rosy Bindi, si pone su questo tema in continuità con il suo predecessore e cerca di salvare i diritti acquisiti ed anche le indicazioni emerse per una politica sanitaria adeguata. Viene promulgata quindi una Ordinanza Ministeriale, la prima datata 15 novembre 1996, successivamente ripresentata con qualche leggera modifica per ben 5 volte fino alla promulgazione della Legge Turco Napolitano. Il 1998: il consolidamento del diritto Dopo un intenso lavoro preparatorio, anche con il prezioso contributo dell associazionismo, il 14 febbraio 1997 il Governo presieduto dall on. Prodi, ha presentato un atteso Disegno di Legge dal titolo Disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero con il - 2 -

3 dichiarato obiettivo di superare la logica dell'emergenza e dei provvedimenti tampone, per confermare l'impegno europeista dell'italia e il rispetto di accordi e convenzioni, per garantire un limpido percorso di cittadinanza agli immigrati regolari, per contrastare l'immigrazione clandestina e lo sfruttamento criminale dei flussi migratori, per regolare il flusso degli ingressi (dal Comunicato del 14 febbraio 1997 dell'ufficio Stampa della Presidenza del Consiglio dei Ministri). L'intento è stato quello di varare una Legge quadro capace di reggere alla prevedibile evoluzione del fenomeno immigratorio negli anni a venire; per questo è stato redatto una proposta di Legge con un numero relativamente limitato di articoli da integrare con un dettagliato regolamento attuativo. Il 19 febbraio 1998 il Senato ha definitivamente approvato questa legge che viene promulgata il 6 marzo 1998 con il n. 40: Disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero. Il 25 luglio 1998 viene emanato il Decreto Legislativo (DLGS) n. 286 dal titolo Testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, che incorpora tutte le disposizioni della Legge 40, integrandola con alcuni dispositivi ancora in vigore da leggi precedenti. Da ora in poi faremo riferimento al Testo Unico (TU). L'articolo n. 34 del TU dal titolo "Assistenza per gli stranieri iscritti al Servizio Sanitario Nazionale" contiene le norme per gli immigrati 'regolarmente soggiornanti' sul nostro territorio cioè con una titolarità giuridica di presenza testimoniata da un regolare permesso o carta di soggiorno; l'articolo 35 dal titolo Assistenza sanitaria per gli stranieri non iscritti al Servizio Sanitario Nazionale affronta il tema di tutela sanitaria a salvaguardia della salute individuale e collettiva anche nei confronti di coloro non in regola con le norme relative all'ingresso ed al soggiorno, i cosiddetti irregolari e/o clandestini. L'articolo 36, dal titolo Ingresso e soggiorno per cure mediche, definisce le condizioni necessarie perchè un cittadino straniero possa venire in Italia per sottoporsi a cure mediche e chirurgiche. Disposizioni sanitarie e dettagli operativi sono contemplati anche negli articoli 42, 43 e 44 del citato Regolamento d'attuazione e ulteriori chiarimenti al riguardo sono stati inoltre forniti dal Ministero della Sanità con Circolare 24 marzo 2000, n. 5: Indicazioni applicative del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero. Obiettivo dichiarato della nuova impostazione politico-normativa è quello di includere a pieno titolo gli immigrati in condizione di regolarità giuridica nel sistema di diritti e doveri per quanto attiene all'assistenza sanitaria a parità di condizioni ed a pari opportunità con il cittadino italiano: sono stati così rimossi dei requisiti che nel passato erano ostativi (la residenza, il limite temporale, le aliquote diversificate per l'iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale - SSN,...) ed introdotti principi di equità (obbligatorietà estesa all'iscrizione al di là del perfezionamento formale delle pratiche, esenzione per situazioni di maggior disagio - richiedenti asilo, detenuti,...). Il diritto all'assistenza è stato esteso anche a coloro presenti in Italia in condizione di irregolarità giuridica e clandestinità garantendo loro oltre alle cure urgenti anche quelle essenziali, continuative ed i programmi di medicina preventiva. Per non ostacolare l accesso alle cure, è stato vietato, da parte delle strutture sanitarie, la segnalazione all autorità di polizia la presenza di immigrati clandestini che richiedono aiuto medico. Tutto ciò ha reso operativo quanto espresso all art. 32 della Costituzione Italiana: La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo ed interesse della collettività e garantisce cure gratuite agli indigenti. Da ciò si può evincere come la stessa Costituzione con il termine individuo includa nell ambito della tutela non solo il cittadino italiano, ma chiunque si trovi all interno dei confini della Repubblica, operando così secondo una logica di tutela e prevenzione collettiva. C è anche da riferire che se da una parte la Legge riconosce un sostanziale miglioramento alla condizione giuridica dello straniero (ciò è evidente nell ambito sanitario) con una riduzione del margine di disuguaglianza rispetto alla condizione di cittadino, dall'altra alcuni strumenti repressivi in particolare contro l'irregolarità amministrativa hanno introdotto, a nostro avviso, alcune limitazioni pericolose ai diritti individuali. L'aver lasciato per strada la possibilità di garantire il diritto di voto agli immigrati (era previsto nel disegno di legge presentato ma successivamente stralciato per opportunità politica), non aver definito, almeno nel dispositivo - 3 -

4 legislativo, una ampia possibilità di regolarizzazione e di ingresso regolare, hanno reso questa legge in parte incompleta ma egualmente interessante. Infatti al di là di alcuni punti critici che hanno suscitato ampio dibattito politico e sociale, ci piace sottolineare l'articolo 2 dove allo straniero, a prescindere dalla sua condizione giuridica, "sono riconosciuti i diritti fondamentali della persona umana" (comma 1), mentre a quanti soggiornano regolarmente sono riconosciuti gli stessi diritti civili attribuiti al cittadino italiano (comma 2). In coerenza con questi enunciati viene sviluppata tutta la parte relativa alle politiche di integrazione (lavoro, istruzione, minore età, alloggio e salute) e alle misure contro ogni discriminazione. A sostenere e rafforzare quanto delineato dal quadro legislativo appena esposto, pochi mesi dopo l emanazione del TU è arrivato il Piano Sanitario Nazionale per il triennio dal titolo significativo "Un patto di solidarietà per la salute". Tale documento, per la rilevanza che ha rivestito in termini di programmazione su base nazionale, ha assunto, per quanto di nostro interesse, un significato storico: per la prima volta infatti la salute degli stranieri immigrati è stata riconosciuta tra le priorità del SSN e dell intera collettività che esso tutela. Il Piano presentava infatti una sezione dedicata agli immigrati quali destinatari di interventi specifici. Nella prima parte del documento, dedicata agli obiettivi di salute, la popolazione migrante è stata espressamente compresa tra i 'soggetti deboli' di cui l Obiettivo IV si propone di 'rafforzare la tutela'. In sintesi, il PSN ha identificato come obiettivi prioritari, da raggiungere entro il triennio: - l'accesso all'assistenza sanitaria, secondo le normative vigenti, che deve essere garantito agli immigrati in tutto il territorio nazionale; - la copertura vaccinale garantita alla popolazione italiana, che deve essere estesa alla popolazione immigrata. A questo scopo, nel triennio , dovevano «essere sviluppate le seguenti attività rivolte allo sviluppo di politiche intersettoriali di salvaguardia della salute degli immigrati: formazione degli operatori sanitari finalizzata ad approcci interculturali nella tutela della salute; organizzazione dell'offerta di assistenza volta a favorire la tempestività del ricorso ai servizi e la compatibilità con l'identità culturale degli immigrati». Tra i documenti e provvedimenti previsti dal PSN quali adempimenti prioritari, vi era inoltre un Progetto Obiettivo dal titolo «Salute degli immigrati», la cui stesura è stata affidata ad una Commissione istituita presso il Servizio studi e documentazione dell allora Ministero della Sanità, che ha licenziato un documento che però a causa del cambiamento di governo è stato accantonato nonostante fosse un documento tecnico e non modificasse diritti ed impostazioni di politica sanitaria. La stessa Commissione ha promosso alcune attività, tra cui, in primis, la costituzione di un Coordinamento di referenti regionali sul tema, ed altre iniziative di sensibilizzazione e divulgazione (ad esempio la presentazione di decaloghi - documenti schematici di indirizzo operativo - rivolti ad operatori sanitari e ad utenti immigrati, tradotti in varie lingue e reperibili, al tempo, sul portale del ministero della Salute). Anche il PSN per il triennio ha previsto, all interno della parte seconda, nel capitolo dedicato alla «salute e il sociale» una sezione specifica sull assistenza agli stranieri, dove si riporta che osservando il flusso di utilizzo di alcuni servizi sanitari da parte degli stranieri, si evidenzia una sostanziale mancanza di elasticità dell offerta di servizi, a fronte dei nuovi problemi di salute di questi nuovi gruppi di clienti. Infine a sostegno delle spese sostenute per erogare tali prestazioni, il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE) ha stanziato, a partire dal 1996, la somma di 60 miliardi di vecchie lire annue (attuali ,00 euro) da dividere tra le regioni per l assistenza sanitaria agli stranieri temporaneamente presenti sul territorio nazionale. Il ruolo determinante degli enti locali Questa impostazione deve però necessariamente accompagnarsi con una disponibilità da parte delle amministrazioni locali, che nel tempo sono divenute le reali protagoniste delle politiche sociali e sanitarie per gli stranieri, nell implementarle e renderle operative; ma è proprio in questo ambito che si evidenzia una preoccupante discontinuità applicativa in base agli umori - 4 -

5 politici nazionali e locali. E non sfugga la peculiarità del momento storico in cui si assiste, da una parte, ad una serie di iniziative orientate ad un tentativo di armonizzazione delle politiche a livello europeo (in cui, tra l altro, cominciano ad essere evidenti gli effetti sul settore sanitario del recente allargamento a 27 Stati) e dall altra, in ambito nazionale, l avvio di un processo di decentramento regionale che ha visto nella sanità una delle aree di maggior interesse ma anche di potenziale criticità. Per effetto dell art. 117 della Legge Costituzionale n. 3 del 2001 (di modifiche al titolo V della II parte della Costituzione), infatti, la tematica salute e immigrazione appare ambiguamente sospesa tra la legislazione esclusiva (l immigrazione è infatti tra le materie in cui lo Stato mantiene la piena potestà legislativa ai sensi dell art. 1, comma 3, della Legge 59/97) e la legislazione concorrente (la tutela della salute è inserita tra le materie in cui la potestà legislativa spetta alle Regioni). Ciò rende ancora più pressante la chiara definizione di un sistema di garanzie relative ai contenuti di tutela della salute i livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale recentemente sottoposti a nuova revisione - e alle modalità di erogazione dei servizi e delle prestazioni i requisiti per l accreditamento istituzionale - che riguarda anche gli immigrati presenti sul territorio nazionale. L articolazione tra i diversi livelli istituzionali che animano il sistema salute propone dei passaggi critici che possono mettere in crisi l effettiva applicazione degli orientamenti sanitari, eludendo a volte lo stesso mandato istituzionale (come d altronde può accadere verso gli stessi cittadini italiani). Quindi pur essendo la politica sull immigrazione dettata a livello nazionale, i percorsi di inserimento, di integrazione e di promozione anche in ambito sanitario, sono implementati e realizzati localmente. Il progressivo decentramento amministrativo e politico, sta producendo estrema eterogeneità sul territorio nazionale per una più o meno specifica attenzione a livello locale. Ciò può determinare disuguaglianze sia in ambito di accesso ai servizi, sia in ambito di profilo di salute della popolazione immigrata su base territoriale. Per questo, già da 1995 e più strutturalmente dal 1998, l Area sanitaria della Caritas romana ha istituito un Osservatorio sulle politiche locali per l assistenza sanitaria agli stranieri che ha prodotto periodici rapporti, specifiche ricerche e che attualmente collabora in un monitoraggio coordinato dell Istituto Superiore della Sanità. Ciò che in questi anni emerge è che le Regioni che hanno scelto di promuovere o comunque sostenere iniziative di attivazione di organismi che vedessero il coinvolgimento delle diverse realtà istituzionali e non istituzionali presenti sul territorio, hanno maturato una visione d insieme e potuto dar vita ad una serie di interventi fondati su priorità condivise e implementati a partire dal basso con una partecipazione allargata (in questo senso interessanti le iniziative, fino ad un recente passato, della Regione Friuli Venezia Giulia, o del Lazio). In altre Regioni permane una notevole frammentarietà o addirittura mancanza tanto della capacità di lettura sistemica del fenomeno, quanto delle azioni specifiche eventualmente intraprese a livello locale. A rendere più incerto e vischioso il ruolo degli enti locali nella definizione ed implementazioni di specifiche politiche è certamente il dibattito ideologico-politico sull immigrazione particolarmente acceso nel nostro paese. L autonomia locale infatti permette in parte di attutire politiche aggressive a livello nazionale: è quello che è accaduto ad esempio in Toscana, in Piemonte o in Emilia Romagna che avevano governi di centro sinistra nel periodo del secondo e terzo governo Berlusconi ( ) ma anche nel Lazio, presieduto dal governatore Storace (centro destra) nello stesso periodo, ma caratterizzatosi da scelte particolarmente adeguate dal punto di vista sanitario per gli stranieri. Al contrario può anche accadere che amministrazioni locali vanifichino percorsi ed esperienza consolidati per allinearsi ad input della politica nazionale come recentemente è accaduto in Friuli Venezia Giulia dove, cambiando giunta regionale (dal centro sinistra al centro destra), si è abrogata una legge sull immigrazione di ampio respiro e tecnicamente di ottimo profilo : buona volontà ma troppa incertezza Alla fine del 2006 alcuni segnali importanti hanno caratterizzato la riflessione sulla salute degli immigrati in Italia ed indicato possibili sviluppi circa le politiche sanitarie per questa - 5 -

6 popolazione. Ad ottobre il nuovo ministro della Salute Livia Turco, intervenendo a Catania al Convegno della Società Italiana di Igiene, incentra il suo discorso sull immigrazione ed enfatizza la necessità di una integrazione a doppio senso:... Non è efficace l integrazione a senso unico: non è solo la persona immigrata che si deve <integrare> col sistema salute; è anche il sistema salute che si deve integrare con i nuovi italiani!... anche perchè...il nostro Sistema Sanitario è perfettamente in grado di curare i nuovi italiani senza costruire ghetti di isolamento Gli ultimi venti anni hanno visto, con governi diversi, una crescita dell offerta e dell accesso ai servizi della popolazione immigrata: oggi un immigrato, sia pure illegale, può ricevere un set di servizi essenziali dal servizio pubblico che, integrato all ampia rete dei servizi sanitari erogati dal volontariato, rispondono ad alcune delle esigenze primarie di salute di questa popolazione. Allora che manca? 1) Manca un approccio culturale all immigrato che lo consideri una risorsa, non un guaio per il Paese. 2) Manca umanizzazione nel rapporto servizi-immigrati. 3) E insufficiente la mediazione culturale tra servizi sanitari pubblici e popolazioni immigrate. 4) E insufficiente la comunicazione: in moltissimi casi l immigrato nemmeno conosce i suoi diritti alla salute. 5) Sul territorio italiano mancano meccanismi di omogenea contribuzione alla spesa sociale: gli immigrati regolarizzati pagano i contributi sanitari, ma non è raro che non ne usufruiscano. 6) Manca la prevenzione: buona parte della consistente attività di prevenzione che il nostro Sistema Salute offre, non raggiunge le donne e gli uomini immigrati, vuoi per ostacoli di mediazione etnica con lingue e culture, vuoi per sfiducia dei nostri operatori verso il successo di azioni preventive verso gli immigrati... Un analisi attenta ed anche un programma chiaro che comincia a concretizzarsi quando, su... sollecitazioni degli operatori del settore pubblico, del volontariato e del privato sociale, impegnati nel settore ed in particolare della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni che in gran parte li rappresenta, per una adeguata azione di monitoraggio degli interventi, la tutela omogenea dei diritti sanitari ed una armonizzazione delle procedure su tutto il territorio nazionale..., a novembre 2006 viene istituita presso il dicastero della Turco la Commissione Salute e Immigrazione. Obiettivi dichiarati sono: la promozione di interventi di prevenzione rivolti alla popolazione straniera; la promozione dell accessibilità e della fruibilità dei servizi sanitari da parte degli immigrati presenti sul territorio nazionale in una prospettiva di garanzia dei percorsi assistenziali, con particolare attenzione alla componente femminile, ai bambini stranieri ed ai lavoratori; la valorizzazione delle competenze professionali degli stranieri in campo sanitario; il contrasto del pregiudizio sanitario nei confronti degli stranieri e il sostegno alla cooperazione internazionale.... I lavori della Commissione potranno essere finalizzati alla progettazione di un piano integrato di intervento sul tema della salute degli immigrati, con azioni ed obiettivi complessi, che possa trovare attuazione attraverso azioni promosse dal Ministero della salute in collaborazione con le Regioni e gli enti locali o nell ambito di progetti comunitari (dal decreto di istituzione della Commissione, 27 novembre 2006). Inoltre a maggio 2007 è stato presentato al ministro Turco il rapporto sulle Linee guida per il contrasto delle mutilazioni genitali femminili ed il ministero della salute ha investito risorse per la definizione di un piano strategico di settore specifico per gli immigrati da dedicare a interventi ed azioni locali. Tutto ciò ha determinato negli addetti ai lavori grandi aspettative che ben presto vengono in parte deluse: la Commissione più che uno strumento di lavoro acquista la fisionomia di un assemblea con oltre 40 partecipanti e, per motivi economici (la partecipazione alla Commissione è a titolo gratuito ma l amministrazione deve sostenere i viaggi dei commissari fuori sede) si riunisce solo 3 volte in un anno e mezzo; le raccomandazioni comunque prodotte ed i documenti stilati non si traducono in atti formali; la preoccupazione espressa in particolare per l impatto sui servizi e sulle salute delle persone dall ingresso nell Unione Europea dei Rumeni e Bulgari se non accompagnati da indicazioni inclusive in ambito sanitario e le proposte indicate vengono di fatto ignorate; la discussione e la valutazione sulla scelta di prevedere nella legge finanziaria del 2007 (L. 296/06) il finanziamento di 25 milioni di euro in tre anni per la realizzazione di un Istituto nazionale per la promozione della salute delle - 6 -

7 popolazioni migranti ed il contrasto delle malattie della povertà, con compiti di prevenzione, cura, formazione e ricerca sanitaria, istituito successivamente con Decreto del ministro della Salute 3 agosto 2007, che pur ha sollevato grandi perplessità tra gli addetti ai lavori, non è stata mai messa all ordine del giorno. Ed ancora nel Disegno di Legge Delega sull immigrazione (Amato Ferrero) presentato nell aprile 2007, ci sono pochi accenni alla sanità anche se è espresso un significativo quanto generico intento di razionalizzazione delle competenze in materia di assistenza sanitaria dei cittadini stranieri, in un ottica di piena inclusione nel Sistema Sanitario Nazionale. Ma indubbiamente, accanto a non essere riusciti a ridefinire le norme con una nuova legge sull immigrazione, bloccata più dall incertezza della stessa maggioranza che dal dibattito politico che comunque si prospettava acceso, la debolezza dell esecutivo in ambito sanitario si è mostrata su ciò che abbiamo definito il caso dei neocomunitari. Il primo gennaio 2007 la Bulgaria e la Romania sono entrate nell Unione Europea: evento importante e largamente previsto come da tempo era previsto l impatto che tale provvedimento avrebbe provocato in ambito di assistenza sanitaria se non adeguatamente preparato e gestito. Infatti improvvisamente migliaia di cittadini rumeni presenti irregolarmente in Italia, dal 1 gennaio 2007 hanno perso il diritto ad essere assistiti come STP (Stranieri Temporaneamente Presenti: definizione che comprende gli immigrati senza permesso di soggiorno) non acquisendo spesso altro titolo per l assistenza. Come tutti i comunitari, essi possono circolare liberamente nell Unione Europea (e non possono essere espulsi anche i provvedimenti di espulsione attivi sono stati archiviati), possono lavorare anche senza entrare nei decreti flussi (è stato di immediata attuazione la possibilità di lavoro agricolo e turistico alberghiero, domestico e di assistenza alla persona, edilizio, metalmeccanico, dirigenziale e altamente qualificato; per le altre qualifiche tra un anno), possono quindi avere una carta di soggiorno ed iscrizione al SSN. Ai sensi del DLGS 30/2007, entrato in vigore l 11 aprile 2007 la carta di soggiorno, prima necessaria per soggiornare per periodi superiori a tre mesi, viene sostituita dall iscrizione anagrafica. A livello sanitario i cittadini neocomunitari (come tutti i comunitari), nel caso di soggiorno di breve durata, hanno diritto di accedere alle prestazioni in natura che si rendono necessarie dal punto di vista medico richieste dal proprio stato di salute per consentire di continuare il soggiorno in condizioni sicure sotto il profilo medico, dietro esibizione della tessera europea di assicurazione malattia (TEAM). In realtà in molti casi i cittadini provenienti da Romania e Bulgaria, soprattutto se in condizioni di fragilità sociale, non sono in possesso di tale documento e, spesso, non risultano iscritti al SSN del Paese di provenienza. Di fatto molti cittadini neocomunitari si sono trovati nella situazione di non poter proseguire trattamenti terapeutici in corso o si sono visti negare l assistenza sanitaria anche in situazioni delicate come la gravidanza. E opportuno chiarire che la maggior parte di queste persone non si trovano nel nostro paese per soggiorni di breve durata e non possono quindi accedere alle prestazioni sanitarie con la TEAM. Dall altra parte chi lavora e soggiorna stabilmente in Italia non sempre è in grado di esibire un regolare contratto di lavoro e ottenere quindi l iscrizione anagrafica e il rilascio della tessera sanitaria. Va aggiunto, inoltre, che coloro i quali sono titolari di regolare contratto di lavoro non sono comunque riusciti, in diversi casi, a effettuare l iscrizione anagrafica dato che moltissimi uffici comunali hanno sospeso per lunghi periodi tali pratiche sostenendo di non possedere disposizioni chiare e una formazione adeguata per rispondere alle richieste. Con notevole ritardo, a febbraio 2007 una Circolare del ministero dell Interno, ripresa dal ministero della Salute, proroga la possibilità di rinnovo per tutto il 2007 del tesserino STP a favore di coloro che ne erano già in possesso nel 2006 e non hanno altro titolo all assistenza sanitaria; a seguito anche di una Interrogazione Parlamentare, ad agosto 2007 il ministero della Salute pubblica una circostanziata Circolare di precisazione e chiarimento sui percorsi e procedure per la copertura sanitaria dei comunitari ma che ancora una volta lascia dei dubbi in quanto non prevede percorsi strutturali di tutela per tutti i cittadini presenti, con particolar modo quelli in condizione di fragilità sociale (rom, donne in gravidanza, minori anche se non accompagnati). Di fatto in questo periodo molti operatori sanitari del pubblico e del privato sociale non sono stati in grado di rispondere adeguatamente ai bisogni di una parte della popolazione rumena e bulgara presente in Italia da diverso tempo, o arrivata di recente, in particolare di quella più povera e sfruttata, creando dei vuoti assistenziali non coerenti con il nostro mandato costituzionale. A seguito di ripetute segnalazioni e denuncie da parte dell associazionismo e - 7 -

8 degli operatori sanitari, grazie anche alla pressione esercitata dalle regioni Marche, Piemonte e Toscana, il 19 febbraio 2008 il ministero della Salute pubblica una breve nota che, nell ambiguità dell impostazione, tuttavia invita ad essere attivate, nei confronti di queste persone, anche per motivi di sanità pubblica nazionale, le campagne di vaccinazione, gli interventi di profilassi internazionale e la profilassi, diagnosi e cura delle malattie infettive, ai sensi della vigente normativa nazionale. Attualmente solo 9 Regioni e la Provincia autonoma di Bolzano hanno emanato atti formali per garantire percorsi assistenziali per questa popolazione in condizione di fragilità sociale e stiamo così assistendo ad una enorme differenziazione e discrezionalità. La stagione inaugurata alla fine degli anni novanta caratterizzata da una politica sanitaria coraggiosa e innovativa (l Italia è stata prima in Europa a prevedere percorsi inclusivi per l intera popolazione immigrata presente a qualunque titolo), si è impattata con le incertezze citate e poco peso hanno avuto azioni specifiche comunque positive messe in cantiere dall esecutivo: la definizione di un piano strategico sulla salute degli immigrati cancellato dalla caduta del Governo; il finanziamento di alcuni progetti specifici sulle politiche locali, sui flussi informativi e sull accessibilità dei servizi e sulla fruibilità delle prestazioni che hanno visto alla fine del 2008 un reale avvio; un ampia indagine commissionata all Istat sulla condizione e integrazione sociale immigrati che, se tutto andrà in porto, si avvierà fra qualche mese, con l obiettivo di fornire un set di indicatori di salute (e non solo) confrontabili tra italiani e stranieri. Con il fondato dubbio che il cambiamento dell impostazione governativa forse potrà vanificare anche queste importanti azioni. 2008: si avvia una nuova stagione di diritti negati? Poco prima dell estate 2008, man mano che in Italia si accendeva il dibattito sulla sicurezza, all attenzione della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni sono giunti diversi quesiti sulle nuove norme sulla sicurezza (in particolare sull effetto in sanità del reato di clandestinità) e segnalazioni circa la difficoltà di accesso all assistenza sanitaria da parte degli stranieri irregolari e clandestini. Infatti il clima di criminalizzazione degli immigrati con riferimento a quelli presenti in Italia non in regola con le norme del soggiorno, ha immediatamente prodotto una significativa riduzione degli accessi negli ambulatori dedicati e nelle strutture sanitarie in genere, con un gradiente Nord-Sud (un ambulatorio di Brescia ha segnalato oltre il 50% in meno rispetto all utenza aspettata), creando, di fatto, danni per la salute degli immigrati stessi. Infatti, tutto ciò è accaduto non perchè siano diminuiti tali stranieri ma per il clima di sospetto e paura creatosi con ripercussioni gravissime anche sulla collettività: pensiamo alle badanti che non si rivolgono al medico o immigrati che vanno a lavorare in condizioni precarie di salute, o che vivono in condizioni di promiscuità con altri immigrati in regola o con italiani in condizione di fragilità sociale.... Gli appelli diffusi di rassicurazione non sono serviti a nulla anzi, durante l estate, ci sono stati alcuni casi di denuncia impropria da parte del personale sanitario nei confronti di stranieri illegali che hanno richiesto prestazioni sanitarie (a Treviso ed in Puglia), contravvenendo arbitrariamente le disposizioni legislative attuali. Il clima è diventato particolarmente pesante quando nell ambito della discussione in Senato del cosiddetto Pacchetto Sicurezza (atto 733), in commissione congiunta Giustizia ed Affari Costituzionali, è stato depositato da quattro senatori ed una senatrice della Lega Nord un emendamento che mina radicalmente uno dei principi base della politica sanitaria nei confronti dei cittadini stranieri nel nostro paese e cioè la garanzia di accessibilità ai servizi per la componente irregolare e clandestina. Erano previste due modifiche al comma 4 e comma 6, e l abrogazione del comma 5 dell articolo 35 del Decreto Legislativo 286 del 1998 (Testo Unico sull immigrazione). Successivamente l emendamento viene prima ritirato in Commissione ma poi ripresentato in aula diviso in due (modifica al comma 6 e abrogazione del comma 5). Partiamo dal comma 5, la cui cancellazione è di estrema gravità: esso infatti attualmente prevede che l accesso alle strutture sanitarie (sia ospedaliere, sia territoriali) da parte dello straniero non in regola con le norme sul soggiorno non può comportare alcun tipo di segnalazione all'autorità, salvo i casi in cui sia obbligatorio il referto, a parità di condizioni con il cittadino italiano. Come abbiamo visto questa disposizione normativa è presente nell ordinamento italiano già dal 1995, attraverso l art. 13, proposto da una vasta area della società civile, del decreto legge n. 489/95, più volte reiterato, voluto ed approvato dal centro - 8 -

9 destra anche con i voti della Lega. La logica della norma non è solo quella di aiutare/curare l immigrato irregolare (per altro deontologicamente assolutamente corretta!) ma in particolare di tutelare la collettività come prevede l articolo 32 della Costituzione; il rischio di segnalazione e/o denuncia contestuale alla prestazione sanitaria, creerebbe una barriera insormontabile per l accesso e spingerebbe ad una clandestinità sanitaria pericolosa per l individuo ma anche per la popolazione laddove possano esserci malattie trasmissibili. Ormai esiste una significativa documentazione sul tema, compresa la posizione della Federazione degli ordini dei medici italiani, di alcune Società scientifiche e dei Ministri della sanità europei... che sottolineano l indispensabilità di questa impostazione per garantire concretamente la salute per tutti (è assolutamente intuitivo come le malattie non facciano distinzione di etnia, status giuridico o colore della pelle). L effetto della cancellazione di questo comma vanificherebbe il lavoro fatto negli ultimi 13 anni che ha prodotto importanti successi nell ambito sanitario tra gli immigrati testimoniato ad esempio dalla riduzione dei tassi di Aids, dalla stabilizzazione di quelli relativi alla Tubercolosi, dalla riduzione degli esiti sfavorevoli negli indicatori materno infantili (basso peso alla nascita, mortalità perinatale e neonatale...). E tutto questo con evidente effetto sul contenimento dei costi in quanto l utilizzo tempestivo e appropriato dei servizi (quando non sia impedito da problemi di accessibilità) si dimostra non solo più efficace, ma anche più efficiente in termini di economia sanitaria. La modifica al comma 4 introduce un rischio di discrezionalità che amplificherebbe la difficoltà di accesso facendo della barriera economica e dell eventuale segnalazione (in netta contrapposizione al mandato costituzionale di cure gratuite agli indigenti ), un possibile strumento di esclusione, forse compromettendo la stessa erogazione delle prestazioni. In una puntuale nota la SIMM ha specificato come tale provvedimento sia inutile e dannoso perchè: spingerà all incistamento sociale, rendendo invisibile una popolazione che sfuggirà ad ogni forma di tutela sanitaria e di contatto sociale legittimo; potrà produrre percorsi sanitari ed organizzazioni sanitarie parallele al di fuori dei sistemi di controllo e di verifica della sanità pubblica (rischio di aborti clandestini, gravidanze non tutelate, minori non assistiti,...); creerà condizioni di salute particolarmente gravi poiché gli stranieri non accederanno ai servizi se non in situazioni di urgenza indifferibile; avrà ripercussione sulla salute collettiva con il rischio di diffusione di eventuali focolai di malattie trasmissibili a causa dei ritardi negli interventi e la probabile irreperibilità dei destinatari di interventi di prevenzione; produrrà un significativo aumento dei costi in quanto comunque le prestazioni di pronto soccorso dovranno essere garantite e le condizioni di arrivo saranno significativamente più gravi e necessiteranno di interventi più complessi e prolungati; spingerà molti operatori ad una obiezione di coscienza per il primato di scelte etiche e deontologiche. Con la SIMM, riteniamo anche estremamente pericoloso il provvedimento poichè soprattutto in un momento di trasformazione sociale e di sofferenza economica, questo atto va ad intaccare il cosiddetto capitale sociale della società (contrasto tra italiani e stranieri, diritti negati e nascosti, radicale differenza nella vision dell approccio professionale) che una significativa letteratura scientifica definisce condizione per una deriva nel conflitto sociale (le cui prime avvisaglie stiamo già vivendo negli ultimi tempi). La nota della SIMM si conclude con un appello affinchè piuttosto che logiche di partito prevalga, alla luce delle evidenze tecnico scientifiche e di consolidate politiche sanitarie, prevalga un approccio intelligente e concreto di sanità pubblica come è già avvenuto nel L appello è stato accolto da molti parlamentari, dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri, da diverse Società Scientifiche e da una vasta area della società civile. Ad oggi (gennaio 2009), non sappiamo se prevarrà il buon senso o l arroganza di un approccio alla sanità pubblica ideologizzato e sterile che forse drenerà qualche consenso in più ma farà del male all intera comunità nazionale

10 Infatti un approccio pluridimensionale alla promozione della salute degli immigrati non può ignorare l elemento della permeabilità dei servizi, come questione determinante per garantire percorsi di tutela sanitaria specifici nell ambito di una più generale funzione di advocacy e di contrasto alle diseguaglianze da parte del Servizio Sanitario Nazionale. Ciò, come si legge nelle conclusioni della Conferenza Europea Health and Migration in the UE: better Health for all in an inclusive society promossa dalla Presidenza del Consiglio d Europa (Lisbona, 27 e 28 settembre 2007), è da attuarsi necessariamente all interno di un azione politica e sociale ad ampio spettro che includa: accoglienza, inserimento, casa, lavoro, diritti costituzionali in genere. Epilogo Abitualmente si parla di funzione specchio dell immigrazione, cioè dell occasione privilegiata che essa costituisce per rendere palese ciò che è latente nella costruzione e nel funzionamento di un ordine sociale, per smascherare ciò che è mascherato, per rivelare ciò che si ha interesse a ignorare e lasciare in uno stato di innocenza o ignoranza sociale, per portare alla luce o ingrandire (ecco la funzione specchio) ciò che abitualmente è nascosto nell'inconscio sociale ed è perciò votato a rimanere nell ombra, allo stato di segreto o non pensato sociale. Abdelmalek Sayad La doppia assenza. Dalle illusioni dell emigrato alle sofferenze dell immigrato, 2002 Un singolo filo non fa una corda, un albero da solo non fa una foresta, cita un antico proverbio cinese. Policy networks sono invece i termini utilizzati oggi ad indicare una collaborazione su un territorio per lo sviluppo di complesse forme di strutture decisionali, costituite da attori istituzionalizzati e non istituzionalizzati, collegati tramite scambi, informazioni, conoscenza, pressione, fiducia e altre risorse di policy. Ma perché quest accostamento tra saggezza orientale e sociologia politica postmoderna? Cosa c entra con la nostra storia, con il nostro quotidiano impegno per la tutela della salute degli immigrati? Quando iniziammo ad occuparci di immigrati non potevamo prevedere come questa nuova utenza dei nostri servizi, potesse incidere in modo significativo in processi di cambiamento sia a livello individuale/professionale, sia in termini di sanità pubblica nella nostra società. Ma la consapevolezza di essere su un crinale della storia, della nostra storia, della storia di tante donne e tanti uomini che con la loro professionalità di medici, infermieri, operatori sociali e sanitari in questi anni impegnati in prima persona per garantire il diritto all assistenza sanitaria alla storia di tante donne, uomini e bambini immigrati nel nostro paese, ci fa pensare al domani in modo positivo. Le politiche possono dettare cambiamenti, possono accogliere o respingere, includere o escludere ma la storia, la nostra storia ha già prodotto un incontro. Non pensiamo di esagerare dicendo che chiunque abbia avuto, almeno in ambito professionale, degli incontri con un immigrato, o meglio con più cittadini immigrati, si sia fatto delle domande, abbia avuto curiosità, si sia scontrato con l evidenza di una burocrazia che tende a escludere l alterità, in alcuni casi si sia sentito impotente sul piano relazionale o clinico, a volte indignato dalle reazioni ed atteggiamenti. Nulla di nuovo per chi ha scelto di lavorare in relazioni d aiuto. Ma di nuovo c è che nella relazione con lo straniero, spesso regno condiviso di pregiudizi più o meno consapevoli, abbiamo misurato e misuriamo con mano la nostra impotenza: quella comunicativa linguistica, relazionale, politico-organizzativa, culturale terapeutica. Di nuovo c è la consapevolezza che per superare questa impotenza dobbiamo attraversare il diaframma che ci separa gli uni dagli altri e condividere informazioni, impressioni, scoperte, strategie. Da quel gruppetto sparuto di medici ed operatori sanitari che circa 30 anni fa ha istituito ambulatori di strada, tracciato percorsi, intuito cambiamenti; da una piccola società scientifica,

11 la SIMM, che comunque con costanza e competenza ha prodotto proposte e sollecitato risposte, oggi molti più operatori sociali e sanitari, italiani e stranieri, del settore pubblico e del privato sociale, in tante parti d Italia, riuniti o meno nei Gruppi Immigrazione e Salute (GrIS: unità territoriali della SIMM), stanno lentamente tracciando un altro tassello di quel processo di meticciamento della nostra società che inesorabilmente ci trasforma. I GrIS sono luoghi partecipati, dove ogni persona o ogni gruppo ha il coraggio di fare un passo all indietro, per condividere un progetto comune, costruito in base alle proprie possibilità e capacità. In una società sempre più individualista e quasi con l obbligo dell apparire, si profila un ambito organizzativo ma non strutturalmente organizzato, dove il singolo è valorizzato dal gruppo e l apparire è un vuoto di senso di fronte alla concretezza delle risposte che si riesce a mettere in atto; con tempi e modi sempre diversi, ma egualmente efficaci. Attori diversi (pubblico, privato sociale, volontariato, associazionismo, istituzioni), in una rete di reti (SIMM e GrIS), si confrontano, si scontrano anche, ma in un ottica costruttiva della valorizzazione delle diversità. E ci auguriamo che questa esperienza si diffonda sempre più nelle varie realtà regionali. Nella funzione di specchio che l immigrazione ci costringe, ritroviamo le nostre debolezze ma anche le motivazioni ad essere protagonisti di ciò che, a buon ragione, possiamo definire reali percorsi di sanità pubblica e del diritto alla salute senza nessuna esclusione. Bibliografia di riferimento - Bai Anna, Carradori Tiziano, Dallari Giovanna Vittoria, Petio Carmine, De Santis Franco: Immigrazione e salute: dall'emergenza al diritto. Un'esperienza di integrazione fra pubblico e Volontariato. Mecosan 1997; 24 (3): Barro Gianni, Cislaghi Cesare, Costa Giuseppe, Lemma Patrizia, Bandera Lia: I problemi di salute degli stranieri immigrati in Italia: la risposta delle istituzioni. "Epidemiologia & Prevenzione". N. 17, Milano, 1993: Bigot Giulia, Russo Maria Laura: Come nasce una politica: gli attori, i processi. In Una rete per la salute degli immigrati. La Società Italiana di Medicina delle Migrazioni (SIMM) ed i Gruppi Immigrazione e Salute (GrIS) a cura di Salvatore Geraci. Nuova Anterem, Roma, 2007, 7:15 - Conferenza dei Ministri Europei della Salute (ottava): Dichiarazione di Bratislavia sulla salute, i diritti umani e le migrazioni. Bratislava, 22 e 23 novembre Costa Giuseppe, Faggiano Fabrizio: L'equità nella salute e la programmazione sanitaria. In: Geddes Marco e Berlinguer Giovanni Eds. La salute in Italia. Rapporto Roma, EDIESSE, 1998: FNOMCeO: Manifesto di Padova sul Multiculturalismo in medicina e sanità. Padova, 24 novembre 2007 [http://portale.fnomceo.it/jcmsfnomceo/cmsfile/attach_5877.pdf] - Geraci Salvatore: Idea: e se tagliassimo i servizi agli immigrati?. In Janus. Medicina: cultura, culture. N. 31, autunno 2008, Zadig editore, Roma, 2008: 64:69 - Geraci Salvatore: il diritto all assistenza sanitaria per gli immigrati. In Sanità pubblica in una società multietnica. (a cura di S. Spinsanti. I quaderni di Janus. Zadig editore, Roma, 2008; 57:90 - Geraci Salvatore (a cura di): Immigrazione e salute: un diritto di carta? Viaggio nella normativa internazionale, italiana e regionale. Edizioni Anterem, Roma, Geraci Salvatore (a cura di): Una rete per la salute degli immigrati. La Società Italiana di Medicina delle Migrazioni (SIMM) ed i Gruppi Immigrazione e Salute (GrIS). Nuova Anterem, Roma, Geraci Salvatore, Marceca Maurizio, Del Vecchio Rosella (a cura di): Immigrazione e salute: problematiche sanitarie in una società multiculturale. Numero monografico di Annali di Igiene, medicina preventiva e di comunità. Volume, 7, n 3, Società Editrice Universo, Roma,

12 - Geraci Salvatore, Marceca Maurizio: La promozione della salute per gli stranieri: normativa nazionale sull accesso ai servizi e politiche locali. In: Atti della Conferenza nazionale Migrazioni e salute - Bari, 3-4 maggio Lecce, 2002; 36:51 - Geraci Salvatore, Martinelli Barbara: Il diritto alla salute degli immigrati: scenario nazionale e politiche locali. Edizioni Nuova Anterem, Roma, Geraci Salvatore: La salute degli immigrati: luci ed ombre. In Agenzia Sanitaria Italiana (ASI), n. 44, ottobre 2007; 2:14 - Geraci Salvatore: Le politiche socio-sanitarie per gli immigrati in Italia: storia di un percorso. In Salute e Società. Immigrazione e politiche socio-sanitarie. A cura di Cinzia Conti e Giovanni B. Sgritta. Anno III 2/2004. FrancoAngeli, Milano, giugno :34 - Mancinelli Sandro, Marazzi Maria Cristina, Panà Augusto.: La domanda di assistenza sanitaria: il ruolo del Volontariato. Atti del 36 Congresso Nazionale "L'igienista nella gestione della salute dell'ambiente e delle comunità". Siti, Sassari, ottobre Marceca Maurizio, Fara Gaetano Maria.: Condizionamento dei fattori sociali, economici e culturali nell accesso ai servizi sanitari. Annali di Igiene Medicina Preventiva e di Comunità 2000; 12 (Suppl. 1): Marceca Maurizio, Geraci Salvatore, Martinelli Barbara: Politiche regionali per la salute degli immigrati. In Atti IX Consensus Conference sull immigrazione. VII Congresso nazionale SIMM. Palermo, 2006; 37:43 - Marceca Maurizio: Immigrazione, un occasione per riorientare i servizi. Quaderni della Professione. Medicina, scienza, etica e società. Trimestrale della Federazione Nazionale Ordini Medici Chirurghi e Odontoiatri 2008; 2 201:205 - Marceca Maurizio: La salute degli stranieri tra fatti, contraddizioni e cambiamenti. In: Fondazione ISMU Iniziative e Studi sulla Multietnicità. Tredicesimo rapporto sulle migrazioni Milano, FrancoAngeli, 2008; 149:164 - Marceca Maurizio: La salute. In: Fondazione ISMU Iniziative e Studi sulla Multietnicità. Dodicesimo rapporto sulle migrazioni Milano, FrancoAngeli, 2007; 145:163 - Marceca Maurizio: Politiche sanitarie e percorsi di tutela. 2008, in press - Martino Ardigò, Geraci Salvatore, Marceca Maurizio: Fenomeni migratori e disuguaglianze in salute. Un approccio ragionato alla letteratura internazionale come chiave per migliorare l appropriatezza degli interventi italiani. In Atti IX Consensus Conference sull immigrazione. VII Congresso nazionale SIMM. Palermo, 2006; 101:108 - Presidenza del Consiglio d Europa: Conclusioni e Raccomandazioni della Conferenza Europea Health and Migration in the UE. Better Health for all in an inclusive society. Lisbona, 27 e 28 settembre World Health Organization, International Organization for Migration, Centers for Disease Control: Health and Migration: bridging the gap. WHO, Geneva,

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Migranti e accessibilità ai servizi sanitari: luci e ombre

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Migranti e accessibilità ai servizi sanitari: luci e ombre Migranti e accessibilità ai servizi sanitari: luci e ombre Salvatore Geraci 1, Issa El Hamad 2 1 Area sanitaria Caritas Roma; 2 1 Divisione Malattie Infettive-Spedali Civili di Brescia Autore per la corrispondenza:

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

L immigrazione in Italia è un fenomeno

L immigrazione in Italia è un fenomeno pubblicazioni Nursing e culture altre Tratto dalla Relazione al 5 0 Congresso Nazionale della Società italiana di medicina tropicale e delle migrazioni (SIMET-SIMVIM) settembre 2005 - Brescia Laura Aletto,

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Tessera del Tifoso Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Indice degli argomenti Cos è la tessera del tifoso I punti

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti

Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti di L.Va. pdf L indagine conoscitiva sulla sostenibilità del Ssn Questa

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli