UN EUROPA CHE INVECCHIA. Sfide del settore dei servizi alla terza età a livello europeo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN EUROPA CHE INVECCHIA. Sfide del settore dei servizi alla terza età a livello europeo"

Transcript

1 UN EUROPA CHE INVECCHIA Sfide del settore dei servizi alla terza età a livello europeo

2 1

3 SFIDE DEL SETTORE DEI SERVIZI ALLA TERZA ETÀ A LIVELLO EUROPEO Leonardo da Vinci project no LLP-2007-DK-LMP Il rapporto è stato sviluppato da: Danimarca: Caesar Szwebs Germania: Jeanette Schmidt Ulrich Burmeister Italia: Francesca Scocchera Claudio Sdogati Elisabetta Piangerelli Diego Mancinelli Polonia: Maria Bogowolska- Wepsięć Antoni Zwiefka Portogallo: Pedro Pires Vanda Duarte Regno Unito: GrahamSmith Progetto Leonardo da Vinci n LLP-2007-DK-LMP PARTENARIATO DEL PROGETTO: AMU Nordjylland International Department, Denmark LEG Arbeitsmarkt- und Strukturentwicklung GmbH, Germany Cooperativa Sociale COOSS MARCHE ONLUS, Italy Urząd Marszałkowski Woj. Dolnośląskiego, Wydział Zdrowia, Poland Sociedade Promotora de Formacao, Lda, SOPROFOR, Portugal University of Strathclyde, Senior Studies Institute, Scotland presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute. 2

4 Riconoscimenti Vorremmo esprimere la nostra gratitudine a tutti coloro che ci hanno sostenuto nel nostro lavoro di ricerca. Vorremmo ringraziarli per tutto il loro aiuto, supporto, interesse e per i preziosi suggerimenti. Austria: Katharina Meichenitsch, Institute for Social Policy, Department of Economics, Vienna University of Economics and Business Administration, Vienna Francia Sonia Arnaud, Conséillére technique, URIOPSS LR, Montpellier Guy Beauthauville, Responsable Service Emploi, Pôle Emploi Services Hérault, Montpellier Carole Finifter, Chargée de Direction, Responsable de Formation, Centre AFPA, Montpellier St Jean de Vedas Jean Claude Ricourt, Responsable de Formation, Centre AFPA, Montpellier St Jean de Vedas Germania Silvia Marienfeld, managing director, maxq. - im bfw-unternehmen für Bildung, Institution of Education of the Federation of German Trade Unions, Bochum Grecia Mata Kaloudaki, Research Centre of Women's Affairs, Athens Ioannis Athanasiou, Help at Home Programme, Athens Paesi Bassi: Frits Tjadens, VILANS, Expertise-center on long-term care, Utrecht Slovenia Toni Vrana and Danica Hrovatic, Center Spirala - Centre for the Development of Mutual Relations, Ljubljana Svezia Hans Dahlin, Victum Kompetensutveckling, Helsingborg Regno Unito: The Age and Employment Network (TAEN), Dr Jo Valis, NHS Education, Scotland EU in general: Bettina Brenner, CEDEFOP - European Centre for the Development of Vocational Training, Thessaloniki, Greece 3

5 CONTENUTI Riconoscimenti 4 1. Introduzione Mappatura del Settore Europeo dei Servizi alla Terza Età Caratteristiche comuni e differenze Responsabilità e varietà dei servizi Tendenze e Strategie Dieci sfide per l'europa che invecchia Assicurare sufficiente reclutamento e strategie di mantenimento in 16 servizio 3.2 Nuovi schemi collaborativi I cambiamenti nella richiesta di servizi alla Terza Età Bilanciare il finanziamento del livello del servizio Misure abitative a supporto dell indipendenza Tecnologie a supporto dell indipendenza Cambiamenti nelle aree di competenza e nell educazione e 24 formazione professionale 3.8 Assistenza a lungo termine e gruppi speciali Sfide della globalizzazione e dell immigrazione Cambiamento dell immagine del settore dell assistenza Soluzioni modello scelte Gruppi di pressione per cittadini anziani Combattere l occupazione illegale Cambiare l immagine del settore e gli schemi di impiego 30 Bibliografia. 33 4

6 PART II (CD-ROM) Profili dei Paesi Austria Repubblica Ceca Danimarca Inghilterra/Galles Finlandia Francia Germania Grecia Irlanda Italia Lituania Paesi Bassi Norvegia Polonia Portogallo Scozia Slovacchia Slovenia Spagna Svezia 5

7 1. Introduzione L obiettivo principale di questo studio 1 è fornire una visione paneuropea del settore dei servizi alla Terza Età, identificando pratiche e sfide attuali nonché potenziali opportunità per il settore alla luce dei cambiamenti demografici e sociali in tutta Europa 2. Ci si aspetta che questi cambiamenti già anticipati avranno un effetto significativo sul settore dei servizi alla terza età nel futuro, con molti fattori contribuitivi come richieste nei bilanci di stato, aumento del costo della vita nel periodo della pensione e mancanza di supporto da parte di servizi sociali e sanitari. Una sfida chiave pertanto è identificare potenziali soluzioni per aiutare gli individui e il settore dei servizi alla terza età ad affrontare tali cambiamenti. Tale esercizio di mappatura dovrebbe essere affiancato ad un altra pubblicazione Profili professionali del Settore dei Servizi alla Terza Età. Tipologia e sviluppi 3, dando un immagine comprensiva dei profili lavorativi che attualmente esistono nel settore dei servizi per la terza età in Europa. Speriamo che entrambi gli scritti saranno di aiuto nel lavoro futuro fornendo soluzioni potenziali che abbiano un impatto e un influenza 1 Lo studio è una delle pubblicazioni del Progetto Leonardo Da Vinci n LLP-2007-DK-LMP 4 Leaf Clover - Quality Model for Senior Service Sector, condotto nel Il progetto sostiene l approccio positivo e considera le sfide come un potenziale sviluppo, si veda la Comunicazione della Commissione: The demographic future of Europe from challenge to opportunity (DG EMPL 12 Ottobre 2006). Demographic Future (30-31 Ottobre 2006); Green Paper Confronting demographic change; a new solidarity between the generations (11/12 Luglio 2007); Regional policy responses to demographic challenges, DG REGIO (25/26 Gennaio 2007), 3 Tutte le pubblicazioni dei progetti sono disponibili per il download dal sito web del progetto 6

8 positivi in aree come la formazione e l educazione, le pratiche di reclutamento e gli schemi lavorativi degli addetti del settore. Il team responsabile di questi studi ha esaminato uno spettro tematico più ampio riguardo ad altri progetti esistenti, alla ricerca e ad altre pubblicazioni, con lo scopo di delineare i limiti del settore dei servizi per la terza età. La presente ricerca comprende elementi come l assistenza personale, gli sviluppi tecnologici, la salute e benessere, l assistenza a domicilio e gli alloggi adeguati per la terza età. Inoltre, i ricercatori hanno condotto visite di studio e interviste negli ambienti politici e accademici di un gruppo di paesi. I contenuti del rapporto illustrano le caratteristiche comuni del settore dei servizi alla terza età per i diversi paesi europei scelti, delineando le responsabilità e la varietà di servizi esistenti. Il rapporto, prima di evidenziare una serie di soluzioni innovative che sono state messe in atto in vari paesi europei, traccia anche una gamma di sfide che esistono adesso e che esisteranno nel futuro. Queste soluzioni mostrano elementi di buone prassi nell indirizzare alcune delle sfide chiave delineate nel presente rapporto. Infine verrà presentata una lista completa dei profili dei Paesi, la quale mostra più in profondità la ricerca portata avanti in ognuno di essi, con la presentazione di un elenco di vari dati statistici. Aalborg Glasgow Ancona Essen Lisboa - Wroclaw

9 2. Mappatura del Settore dei Servizi alla Terza Età in Europa Al fine di mettere in evidenza le modificate linee di confine del futuro settore di assistenza e cura, nel presente scritto useremo il termine settore di servizi alla Terza Età. Il settore di servizi alla terza età si estende oltre i compiti 4 tradizionali dell assistenza sociale e può essere classificato in 5 vaste aree: 1. Settore di assistenza primaria (es. assistenza medica per anziani in case di riposo) Altri sevizi, es. benessere, turismo, servizi relativi alle imprese, servizi per la casa, ecc. Settore dell assistenza sociale Settore di servizi alla terza età 2. Servizi relativi alla persona e alla casa (es. Assistenza domiciliare, assistenza sociale, pulizia) 3. Servizi relativi alle imprese (es. portineria/amministratori della proprietà) 4. Servizi relativi all area residenziale (es. assistenti/aiutanti della comunità, infermiere a domicilio) 5. Servizi sociali senza scopo di lucro (volontariato). 4 La definizione inglese di assistenza sociale è sinonimo del concetto di care (DE: Pflege, DA: omsorg/pleje; PL: opieka; IT: cura; PT: cuidado) così come essa viene fornita in altri paesi europei. Servizi di assistenza sociale possono essere rivolti a tutti i tipi di gruppi con bisogni speciali, per esempio bambini e famiglie, persone diversamente abili, anziani ed individui soggetti a dipendenze. Per gli scopi di questo rapporto, maggiore evidenza verrà data agli anziani che vivono in casa e che necessitano di servizi di sostegno. In aggiunta, verranno presi in considerazione gli individui che risiedono in case di riposo e le relative posizioni lavorative richieste per la funzionalità di queste strutture. Lo scopo di questo studio esamina l ambito di assistenza residenziale per gli anziani come solo uno degli elementi associati alla fornitura di servizi futuri a favore della popolazione più anziana. 8

10 Attualmente, nella maggior parte dei Paesi c è una chiara distinzione tra servizi di cura primaria (medici) e secondari (assistenza sociale). I primi si basano su servizi resi da personale altamente qualificato ed istruito, i servizi sono standardizzati e solitamente finanziati da fondi pubblici o da assicurazioni (anche se l assicurazione medica privata è piuttosto rara nell ambito europeo). L area dell assistenza sociale, al contrario, è più incentrata sul cliente/utente, cioè è costruita per dare supporto alla routine quotidiana e allo stile di vita delle persone anziane. Può essere individuata nella progettazione di assistenza in case di cura, sia per quanto riguarda gli alloggi che nel contenuto servizi stessi. Tuttavia si deve aggiungere che in alcuni Paesi, quando si parla di aree di lavoro di assistenza a lungo termine per anziani, ci sono linee di confine non ben definite tra gli ospedali (o istituzioni simili agli ospedali) e l assistenza prestata in case di riposo (es. unità specializzate nell assistenza ai malati di Alzheimer in molti Paesi o il concetto francese della Hospitalisation à domicile (HAD)). Il settore di cura primaria (praticanti generici medici condotti, cliniche di comunità, ospedali, ecc.) è risultato interessante ai fini di questa ricerca solo per quanto riguarda questioni di comunicazione e collaborazione tra il sistema sanitario principale e le istituzioni di assistenza sociale o domiciliare delle persone anziane (per esempio nel caso della telemedicina). Con il termine terza età ci si riferisce comunemente a persone in pensione di età superiore ai 65 o 67 anni. Ciò può variare a seconda della professione o del lavoro. In questo rapporto il gruppo a cui il settore di servizi alla terza età si riferisce è quello di coloro con più di 60 anni, a prescindere che essi siano ancora impiegati o già pensionati. La caratteristica in comune è che cominciano ad usufruire della varia gamma di servizi accessibili alla terza età, ad esempio trasferendosi in alloggi appositamente concepiti o cominciando ad usare varie forme di tecnologia sviluppata al fine di fornire assistenza e benessere Caratteristiche comuni e differenze Malgrado le differenze negli approcci politici e nei contesti istituzionali, i servizi sanitari e sociali in tutti gli Stati membri europei devono fronteggiare sfide simili nell adattarsi all invecchiamento demografico, al cambiamento degli schemi che riguardano l occupazione e la famiglia, elaborando sviluppi tecnologici e finanziandone la divulgazione. 9

11 La complessità della situazione è resa peggiore dal fatto che da una parte ci sarà un aumento della richiesta di lavoratori nel settore dell assistenza sociale (maggiore reclutamento e schemi di mantenimento in servizio) e, dall altra parte, un profilo diverso di utenti fruitori dei servizi di cura, che significa un più alto grado di professionalizzazione della forza lavoro dovuto all aumento delle aspettative dal punto di vista della qualità delle prestazioni. Assistenza informale In quasi tutti i paesi esaminati c è una forte correlazione tra assistenza alle persone anziane e assistenza informale. Questo prevale soprattutto in Paesi come l Irlanda, la Slovenia e l Italia, dove un alta percentuale di anziani che ancora vive in maniera indipendente, conta sui membri della famiglia per ricevere assistenza a casa, senza alcun significativo aiuto da parte dello Stato. In termini di costi, questa pratica fa risparmiare agli Stati un enorme quantità di denaro e necessita di ulteriore supporto, per permettere ai membri della famiglia di continuare a svolgere questo lavoro, in particolar modo considerando anche l attuale situazione economica. Educazione I requisiti educativi dei lavoratori nel settore dell assistenza sociale variano in Europa a seconda del ruolo lavorativo. I paesi Scandinavi per esempio richiedono che i lavoratori del settore abbiano ottenuto uno dei due profili educativi che esistono attualmente. La qualifica è modulare e compatibile con altri sistemi settoriali. Tuttavia, in altri paesi europei come Grecia e Polonia, gli standard educativi sono ancora in fase introduttiva. Nel Regno Unito e in Irlanda le qualifiche degli operatori sociali sono state di recente definite sulla base di un sistema di standard qualitativi. Generalmente, la maggior parte dei Paesi sta rivedendo il proprio sistema educativo esistente al fine di innalzare gli standard di qualità e di professionalità nel settore. Coinvolgimento dello Stato La maggior parte delle politiche statali tende ad incoraggiare e a sostenere gli anziani che vivono nella propria abitazione il più a lungo possibile, usando per esempio misure preventive come l assistenza domiciliare. Molti paesi hanno sistemi privatizzati riguardo a case di riposo, nelle quali gli ospiti, e in alcuni casi le famiglie, devono finanziare l assistenza ricevuta. Tecnologie per l assistenza Molti paesi stanno già sperimentando e abbracciando l uso di tecnologie assistenziali. In questo, i paesi dell Europa settentrionale sembrano essere più avanti rispetto ai paesi dell Europa meridionale riguardo a certe funzioni, quali il controllo a distanza delle condizioni di salute e sicurezza, monitoraggio e rilevazione di alcuni parametri 10

12 vitali, localizzazione e postura dell anziano, e altre quali, ad esempio, i sistemi di apertura di finestre e porte attivati dalla voce, localmente controllati dagli ospiti di comunità per anziani. Reclutamento e Mantenimento in servizio C è una grande carenza di lavoratori qualificati nel settore dell assistenza sociale in tutti i Paesi. Questo pone delle sfide nelle politiche statali riguardo a lavoratori migranti, come nel caso della Norvegia. In aggiunta, si stanno rivedendo anche politiche che includono altri gruppi, i quali non sarebbero normalmente tenuti in considerazione ai fini dell assunzione, come candidati di sesso maschile ed individui che hanno cambiato carriera. Questo genera delle sfide per i sistemi educativi basati sulla competenza, con lo scopo di riconoscere competenze e abilità possedute affinché un maggior numero di potenziali addetti possa essere impiegato nel settore in questione Responsabilità e varietà dei servizi Le autorità locali e le organizzazioni di volontariato sono i più comuni fornitori di servizi che consentono agli individui di restare nella propria casa più a lungo durante la loro vita, considerando che anche il settore privato svolge un ruolo importante fornendo assistenza in strutture residenziali. Ci sono marcate differenze tra i Paesi europei per quanto riguarda il modo in cui la sanità e i servizi sociali sono finanziati e forniti. Due principali modelli finanziari possono essere delineati: Paesi dove il settore dell assistenza sociale è di dominio pubblico e la fornitura del servizio è finanziata principalmente dalla tassazione generale; Paesi in cui esiste un sistema basato sulle assicurazioni o in cui i servizi vengono finanziati privatamente. Se guardiamo le ripartizioni nazionali di responsabilità tra assistenza formale e informale, ci appare una mappa dell Europa basata sulla cultura del paese. C è una tendenza a classificare le società orientate più o meno verso la famiglia secondo una spaccatura Nord-Sud che riflette il grado di supporto che ci si aspetta dai membri della famiglia, in contrapposizione al supporto delle istituzioni. Sugli assi ci sono da una parte i Paesi Scandinavi e i Paesi Bassi e dall altra i Paesi dell Europa meridionale, mentre l Europa continentale è una mescolanza fra le due (modello social democratico). 11

13 La tabella che segue mostra questa differenza. Nel sondaggio condotto da Eurobarometer 5, ad individui più giovani di 40 anni è stato chiesto il proprio parere in merito al tipo di sistemazione abitativa per i propri genitori in caso di necessità. Portogallo Italia Germania Gran Bretagna Paesi Bassi Svezia 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Il genitore dovrebbe trasferirsi da un figlio Genitore e figlio dovrebbero vivere vicini Il genitore dovrebbe restare a casa e ricevere visite Un figlio dovrebbe trasferirsi a casa del genitore Il genitore dovrebbe andare in casa di riposo Dipende, non saprei La maggior parte degli studi mostra che malgrado i cambiamenti di mentalità e la pressione del mercato del lavoro, l area di assistenza informale non sarà ridotta, ma piuttosto la sua natura si modificherà, nella misura in cui assistenti informali collaboreranno maggiormente con personale specializzato del sistema di assistenza formale, secondo il tipo specifico di compiti di assistenza. 6 Quando a livello locale appare una più ampia scala di servizi alla terza età, questo modo tradizionale di pensare riguardo alle responsabilità si modifica lentamente. 7 5 Eurobarometer La domanda nel sondaggio era: Supponiamo che lei abbia un genitore anziano che vive da solo. Che cosa crede che sia meglio nel caso in cui questo genitore non sia più in grado di vivere da solo/a? ; si legga di più in Cecilia Tomassini Anziani, Famiglia e domicilio, in Focus on Older People Office for National Statistics (UK) 2007; Evert Pommer e.a., Comparing Care. The care of the elderly in ten eu-countries, The Netherlands Institute for Social Research, The Hague, 2007, p Progetto OASIS ( ), Old age and autonomy: the role of service systems and intergenerational family, solidarity. Haifa: Centro per la Ricerca e Studio dell Invecchiamento K. Glaser a.o, Revisiting convergence and divergence: support for older people in Europe, Eur. I. Ageing (2004) 12

14 2.3. Tendenze e strategie In tutta Europa si osservano tendenze simili, per esempio, nella ricerca di soluzioni per finanziamenti atti a fornire alloggi residenziali adeguati e adatti allo scopo, o nel supporto economico di assistenti informali affinché essi continuino a svolgere i loro compiti. In alcuni casi sono palesi delle differenze da regione a regione; per esempio, i paesi Scandinavi sembrano essere più aperti e disposti verso le tecnologie assistenziali, mentre l idea di maggiori possibilità per l assistenza di tipo familiare è più diffusa nei paesi dell Europa occidentale e meridionale. Ci sono molte strategie nuove e non-tradizionali per migliorare l efficienza del sistema sanitario pubblico e per ridurre il peso che dovrà affrontare l ondata grigia che arriverà seriamente tra alcuni anni. Lo stato e la costruzione di sistemi previdenziali, nei quali siano incluse misure di supporto per gli anziani, sono diversi nei Paesi europei e c è una chiara linea di demarcazione tra l Europa settentrionale da una parte e i paesi dell Europa meridionale ed orientale dall altra. I sistemi di previdenza sociale possono essere suddivisi a grandi linee in 3 gruppi: 1. Un sistema sociale con una lunga tradizione e differenziazione dei servizi, tipicamente pagati dalle tasse, quali i Paesi Scandinavi. 2. Il modello misto dove la struttura ben sviluppata è sia a responsabilità pubblica che privata; i processi educativi e di reclutamento sono stati vagamente definiti e lasciati alle decisioni del libero mercato, come nel Regno Unito, in Irlanda e in Germania. 3. I paesi con minore attenzione al sistema delle politiche sociali, quali la Polonia, il Portogallo e la Grecia. Nel primo gruppo di paesi c è una chiara tendenza a riformare il sistema per quanto riguarda la qualità dei servizi e a rendere i sistemi di reclutamento e di istruzione più aperti e flessibili per far sì che i nuovi gruppi possano essere facilmente inseriti nel mercato del lavoro. Un esempio è la Riforma del Sistema di Welfare in Danimarca, iniziata nel Nel secondo gruppo c è una forte tendenza verso la professionalizzazione del settore dell assistenza sociale. Nel Regno Unito e in Irlanda la legislazione è sul punto di innalzare gli standard educativi degli operatori sociali introducendo un livello minimo di qualifica di ingresso. In altri Paesi, come in Italia, ci sono delle innovazioni in atto per migliorare il livello di professionalità del settore assistenziale. 13

15 Il terzo gruppo di Paesi sta sviluppando un approccio sistematico nel settore dell assistenza sociale. Comprende: Allargamento e nuove idee per assistenza domiciliare e assistenza residenziale, inclusa la discussione sui principi di finanziamento. La standardizzazione dei concetti del servizio nei posti di lavoro (lavoro funzionale e descrizione delle competenze, sistemi di qualità e monitoraggio di base) La standardizzazione dell approccio educativo e formativo, che include l elaborazione dei registri di competenze, con l avvio dei corsi di formazione delle competenze per posti di lavoro del settore. Questi processi sono visibili in Polonia e Portogallo. Da parte delle società leader nel campo delle tecnologie assistenziali e della telemedicina 8 c è un interesse quasi esplosivo. La robotica e la tecnologia sensoriale possono diventare un fattore essenziale per compensare la forte mancanza di personale nei settori sanitario e sociale. Le Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) possono mettere in comunicazione lo staff con gli utenti, così come può migliorare la collaborazione tra i livelli nel settore socio-sanitario. L uso della tecnologia deve essere visto come una modalità lavorativa più intelligente ed efficiente. Gioca un ruolo chiave, ma non potrà mai e in alcun modo rimpiazzare il fattore umano. Il fulcro dei compiti assistenziali si basa sempre sui rapporti interpersonali e la tecnologia fornirà un aiuto extra in situazioni in cui i compiti sono particolarmente pesanti e impiegano molto tempo e quando gli operatori sanitari o sociali sono scarsi o non disponibili. 9 Un esempio concreto è l accordo politico in Danimarca il quale propone Tecnologie che risparmiano la forza lavoro. L iniziativa è supportata dal fondo ABT, grazie al quale sono stati stanziati per il periodo per l introduzione di soluzioni tecnologiche, principalmente nel settore dell assistenza alle persone anziane. Un altro elemento nel settore della cura agli anziani che accrescerà la sua importanza è l influenza del cliente utente. Le persone anziane dovrebbero poter scegliere i propri fornitori di assistenza. Ci si attende un aumento dell interazione a tutti i livelli del servizio. 8 Si vedano per esempio i risultati della 9 a Conferenza sull Avanzamento delle Tecnologie di Assistenza in Europa, San Sebastian, 3-5 Ottobre La visione sistematica sulle soluzioni tecnologiche può essere trovata in un altra pubblicazione di questo progetto: Technology and care si veda 14

16 Tutti questi cambiamenti accrescono la necessità di comunicazione tra operatori che si occupano di assistenza agli anziani. Per esempio, c è bisogno di un accesso più ampio alle banche dati che contengono informazioni. Questo comprende i fornitori di servizi pubblici, nonché quelli del settore privato. Anche le ditte di trasporti, gli amministratori e i familiari avranno bisogno di accedere alle attinenti informazioni. Questo richiederà delle soluzioni IT sicure e facilmente accessibili. Far sì che le persone anziane risiedano nelle proprie abitazioni significa una maggiore necessità di servizi che siano disponibili 24 ore al giorno, sette giorni su sette. Nella maggior parte dei paesi questo tipo di soluzioni si stanno realizzando e c è un equilibrata combinazione tra servizio domiciliare professionale multifunzionale e tecnologie assistenziali a supporto dell assistenza a casa. Le tecnologie informatiche possono aiutare le persone a tenersi in contatto con i fornitori di servizi assistenziali e permettono al loro staff di lavorare nel modo più efficiente possibile. 15

17 3. Dieci sfide per l'europa che invecchia Le sfide del settore dei servizi alla terza età possono essere riassunte nei seguenti punti chiave: 1. Insufficienza di assunzioni contro la crescente domanda dei fruitori di servizi e sua differenziazione 2. Introduzione di nuove agende politiche e di strategie di sviluppo al fine di standardizzare e rendere più professionale il settore 3. Assistenza a lungo termine e assistenza per gruppi speciali in termini di consumo delle risorse, schemi di qualità e forme più avanzate di comunicazione tra il settore primario di assistenza sanitaria e le istituzioni di assistenza sociale 4. Diversificazione ed espansione dei limiti professionali dei servizi agli anziani confrontati con il cambiamento degli schemi sociali, il quale stabilisce una nuova richiesta per collaborazioni inter-settoriali ed inter-organizzative. Le seguenti sezioni presentano varie sfide che sono comuni a tutti i paesi europei presi in esame. Il fine è iniziare a costruire delle strategie a livello locale, nazionale ed europeo Assicurare sufficiente reclutamento ed efficaci strategie di mantenimento in servizio L invecchiamento della popolazione europea è associato ad implicazioni circa il reclutamento nel settore sanitario e dei servizi sociali. Il settore dovrà competere con altri settori per un insieme di risorse lavorative in calo, in particolare tra i giovani. Infatti, per l anno 2015, gli istituti di ricerca economica stimano che in Germania ci sarà una richiesta di circa 2 milioni di posizioni lavorative nel settore della assistenza agli anziani. Anche se tali carenze sono imminenti, sono state messe in atto solo poche strategie locali e nazionali per far fronte a questo sviluppo. 16

18 Reclutamento di nuovi gruppi Tra i politici e coloro che prendono le decisioni c è la consapevolezza che una possibilità per creare strategie di reclutamento è identificare gruppi target non tradizionali e bussare alla porta del mercato del lavoro nascosto. Alcune soluzioni comprendono l utilizzo di lavoratori migranti qualificati o lo sviluppo di posti di lavoro adatti alla terza età, dove gli adulti possano essere persuasi a lavorare più a lungo, in particolar modo i pre pensionati. Ulteriori possibilità comprendono l incoraggiamento dei cambiamenti di carriera, come ad esempio i lavoratori provenienti da altri settori alla ricerca di nuove opportunità lavorative, oppure adulti disoccupati che vogliono rientrare nel mondo del lavoro ma non hanno maturato precedenti esperienze nel settore dell assistenza. All interno di entrambi questi gruppi ci potrebbe essere un numero più alto di uomini disponibili e attirati da questo settore prevalentemente femminile. 10 Il problema nascosto Un problema chiave che tocca molti Paesi è l esistenza del mercato del lavoro nero, esistono cioè lavoratori illegali che lavorano nel settore in parte per colmare le carenze di manodopera e spesso ad un salario significativamente inferiore rispetto a quello dei lavoratori legali. In Paesi come la Francia, la Germania e l Italia, si stima che venga svolto da lavoratori illegali fino al 50% dei servizi di assistenza. La situazione è aggravata dalla diminuzione forzata dei salari per gli altri operatori legittimi. Le aziende che operano legalmente si trovano a fronteggiare la sfida di offrire stipendi competitivi a potenziali lavoratori, in quanto i lavoratori regolari spesso richiedono degli stipendi più alti. Il solo vantaggio che esse possono offrire ai clienti è personale addestrato e competente e uno standard di servizi più alto. Molti politici locali e nazionali vengono spesso accusati di chiudere un occhio su questo problema in quanto l esistenza di una forza lavoro illegale nel settore aiuta in parte a risolvere i gravi problemi di carenza di personale. C è un eccezione a questa regola. La regione Trentino, in Italia settentrionale, ha portato avanti un progetto-pilota, supportato dal Programma Equal, sulla possibilità di fornire permesso di lavoro e formazione ai lavoratori illegali nel settore dell assistenza 11. La forza lavoro che invecchia Il profilo dell età di quanti sono impegnati nelle funzioni principali del settore dell assistenza sociale è simile nella maggior parte dei Paesi. Le statistiche mostrano che quasi il 30% degli impiegati avranno la possibilità di lasciare il mondo del lavoro 10 Cf. 2 Progetti Equal danesi: SOS-mx Social and health sector mainstreaming laboratory e Mpowerment2men entrambi puntano ad attirare forza-lavoro maschile nel settore dell assistenza sociale 11 Equal project Promo Care - La promozione delle donne immigrate nei servizi di cura, coordinato dalla Federazione Trentina delle Cooperative SCARL 17

19 attraverso un pre-pensionamento. Si dovrebbero attuare delle misure di mantenimento in servizio al fine di rendere più allettante il posto di lavoro per lavoratori con età superiore ai 50 anni. Attualmente esistono iniziative politiche volte ad aumentare l età pensionabile, rendendo così il pensionamento anticipato finanziariamente poco invitante. Allo stesso tempo dovrebbero essere attuate politiche e strategie per attrarre lavoratori più giovani a mantenere più a lungo il posto di lavoro. La durata media del servizio prestato nel settore dei servizi sociali è di 4 anni, con conseguente avvicendamento piuttosto alto del personale. Molti posti di lavoro si sono adattati a questo problema, tuttavia c è una necessità di rivedere le strategie di mantenimento in servizio per consentire ad una maggiore quantità di personale di mantenere il lavoro, cosa che aiuterà anche a diminuire i costi di reclutamento. Un altra soluzione è quella che il gruppo di impiegati di sesso femminile con problemi nel coniugare lavoro e famiglia passi dal tempo pieno al part-time. In questo caso si dovrebbero avviare delle procedure organizzative più flessibili per venire incontro alle esigenze speciali di questo gruppo. 12 C è la necessità di adattare i modelli educativi esistenti sia per i lavoratori anziani che per quelli giovani. Per esempio, molti candidati più vecchi possono avere una vasta esperienza e delle capacità, ma nessun tipo di qualifica specifica di tipo industriale. Le abilità conseguite possono essere adatte a svolgere il proprio ruolo lavorativo, tuttavia la mancanza di una qualifica formale può renderli non adatti per il datore di lavoro. Al fine di rendere il sistema educativo più flessibile, c è la necessità di qualifiche basate sull esperienza lavorativa e di vita, assieme alla possibilità di moduli educativi più brevi che colmino il divario che esiste nelle qualifiche Nuovi schemi collaborativi Ci sono già insediamenti o piccoli villaggi, occupati prevalentemente da persone di certe nazionalità, i quali stabiliscono nuovi e diversi requisiti in merito ai servizi sanitari e di assistenza sociale. Il modello attuale di fornitura di servizi sanitari e sociali si fonda su una semplice correlazione tra un fornitore ed un utente individuale. Il personale che opera nel mercato in cui i bisogni variano sempre più e si riferiscono a differenti settori e aree lavorative, non è in grado di reagire in questo semplice modello di organizzazione del lavoro. Non è solo questione di estendere la sua funzione 12 Si veda Eurobarometer 2006 sulle possibili soluzioni al futuro problema di carenza nella forza lavoro dovuto all invecchiamento della popolazione sondaggio condotto in 25 Paesi EU, in Europe s Demographic Future: Facts and Figures, Commission Staff Working Document, Brussels 2007, p

20 lavorativa e le sue aree di competenza, ma si tratta anche di creare nuove collaborazioni e schemi organizzativi che coinvolgano individui provenienti da sistemi di assistenza formali ed informali e da altri settori (come benessere, previdenza, turismo) ed è quindi necessario coordinare gli sforzi. In gran parte dei Paesi, specialmente quando il settore dell assistenza sociale formale è debole, la questione fondamentale per diminuire il fardello del settore primario (es. gli ospedali) è organizzare un modello misto di collaborazione tra gli ospedali, i medici di base e le istituzioni di assistenza domiciliare e sociale. In questo caso la piattaforma comunicativa è critica dove le informazioni vitali del paziente possono essere trasferite tra i sistemi e le istituzioni (per esempio l unificazione delle cartelle cliniche elettroniche, gli strumenti di telemedicina e l uso delle TIC Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione e tecnologia mobile per il monitoraggio, la valutazione e la normale comunicazione tra il paziente e i sistemi di assistenza socio-sanitaria). Infine, emergono sempre più soluzioni di tecnologia assistenziale in diversi ambiti di ricerca a livello nazionale, ma c è un apparente mancanza di collaborazione tra i team scientifici (internamente), i rappresentanti di istituzioni di assistenza sociale e gruppi di utenti. C è una mancanza di sviluppo di approcci multidisciplinari comuni che abbiano l immediata possibilità di testare ed implementare le soluzioni in ambiti pratici concreti, come ad esempio soluzioni coerenti per i sistemi di assistenza locali e nazionali 13. Di conseguenza questo mercato è destrutturato per mancanza di trasparenza, valorizzazione di esperienze e carenza di risultati. Molti progetti sono piuttosto esercizi unici incentrati sulla tecnologia fine a se stessa invece di essere incentrati sugli esseri umani I cambiamenti nella richiesta di servizi alla terza età Le aspettative degli anziani della generazioni della guerra sono molto diverse da quelle della generazione del baby boom, nata nei tardi anni 50 e primi anni 60, e quest ultima avrà diverse aspettative in relazione all assistenza nell età avanzata. Le tipiche aspettative formulate per la vita in età avanzata non sono solo quelle di avere una buona salute (evitare di ammalarsi), ma anche mantenere l indipendenza nelle proprie scelte e nella propria esistenza quotidiana, oltre che uno stile di vita attivo; 13 Si vedano gli atti della 9 a e 10 a conferenza AAATE (Association for Advancement of Assistive Technology in Europe), Challenges for Assistive Technology 3-5 Ottobre 2007, San Sebastian e Inclusion between past and future 31 Agosto 2 Settembre 2009, Firenze 14 Si veda Access to Assistive Technology in the European Union Direttorato Generale per l Impiego e gli Affari Sociali, Unità E. 4, 2003 con informationi sistemetiche per i seguenti Paesi: Danimarca, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Spagna, Svezia, Regno Unito 19

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

EURES vi aiuta ad assumere in Europa

EURES vi aiuta ad assumere in Europa EURES vi aiuta ad assumere in Europa Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES vi aiuta ad assumere in Europa State cercando di formare una forza lavoro

Dettagli

IL SOSTEGNO IN ETA PRESCOLARE MESSAGGI POLITICI

IL SOSTEGNO IN ETA PRESCOLARE MESSAGGI POLITICI IL SOSTEGNO IN ETA PRESCOLARE MESSAGGI POLITICI Introduzione Questo documento propone una panoramica delle principali conclusioni e raccomandazioni indicate dall Agenzia Europea per lo Sviluppo dell Istruzione

Dettagli

Aumentare la consapevolezza formativa come fattore chiave di un invecchiamento attivo

Aumentare la consapevolezza formativa come fattore chiave di un invecchiamento attivo Aumentare la consapevolezza formativa come fattore chiave di un invecchiamento attivo 1. Rilevanza del progetto Il progetto SLIC enfatizza il ruolo della formazione degli adulti come uno dei fattori fondamentali

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

OFFERTA DI COMPETENZE

OFFERTA DI COMPETENZE IT LA FUTURA OFFERTA DI COMPETENZE IN EUROPA PREVISIONI A MEDIO TERMINE FINO AL RISULTATI CHIAVE Oltre Lisbona: verso una societá basata sulla conoscenza L evoluzione della struttura delle qualifiche Le

Dettagli

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE.

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. MEDICINA PREVENTIVA Branca della Medicina che, mediante il potenziamento

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO. Intervento a Urbanpromo 2012 di. Mario Breglia. (Presidente di Scenari Immobiliari)

IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO. Intervento a Urbanpromo 2012 di. Mario Breglia. (Presidente di Scenari Immobiliari) IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO Intervento a Urbanpromo 2012 di Mario Breglia (Presidente di Scenari Immobiliari) OTTOBRE 2012 1 1. Introduzione Il termine social housing è difficile

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3414 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI IORI, GNECCHI, GIUSEPPE GUERINI,

Dettagli

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA L accesso all informazione è un diritto fondamentale di ogni studente, con o senza disabilità e/o specifiche

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ ALL A.O. PENELOPE

IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ ALL A.O. PENELOPE IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ ALL A.O. PENELOPE Manuela Brusoni Versione italiana a cura di Lisa Cosmi Copyright 2006 SDA Bocconi, Milano Caso Manuela Brusoni Lisa Cosmi IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

mecwacare Servizi domiciliari infermieristici e assitenziali

mecwacare Servizi domiciliari infermieristici e assitenziali Recapiti 450 Waverley Road, Malvern East VIC 3145 Chiamata gratuita 1800 163 292 www.mecwacare.org.au enquiries@mecwacare.org.au Per il servizio interpreti chiama il Ministero dell immigrazione e della

Dettagli

TAKE CARE BOOKLET Indice Il Partenariato... 1 Che cos'è il progetto TAKE CARE... 2 Risultati Chiave... 3 Toolkit in-formativo... 4 M-Game... 4 Competenze per gli Health Care Manager... 5 Attività... 5

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI - analisi, confronto e rafforzamento del sistema sanitario Stefano Scarpetta, Direttore della Direzione del Lavoro, Occupazione e Affari Sociali Il Lavoro dell

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

DOSSIER PER LA STAMPA

DOSSIER PER LA STAMPA DOSSIER PER LA STAMPA INDICE ERASMUS GIOVANI IMPRENDITORI : UN NUOVO PROGRAMMA DI SCAMBIO...3 CHI PUO' PARTECIPARE?... 5 QUALI BENEFICI E PER CHI?...6 COME FUNZIONA? STRUTTURA E IMPLEMENTAZIONE...7 CHI

Dettagli

Studio Professionale AM Consulting

Studio Professionale AM Consulting La seguente scheda fornisce solo alcune informazioni di carattere generale e non è da considerarsi esaustiva, si rimandano gli approfondimenti a un momento successivo con le parti interessate. SALUTE 2008-2013

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane La presente pubblicazione si rivolge ai dirigenti del settore sanitario e ha come obiettivo

Dettagli

Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale

Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale Sintesi Questa relazione è stata preparata per il ventottesimo incontro del Consorzio per la ricerca

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

Terza sessione del corso di formazione. Incontro di partenariato

Terza sessione del corso di formazione. Incontro di partenariato Newsletter n.5 Promuovere lo sviluppo sociale regionale incoraggiando il NETworking tra stakeholder pubblici e volontari al fine di incentivare l innovazione nella fornitura di servizi di assistenza socio-sanitaria

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it 1 La Mutua per la Maremma La Banca della Maremma che, coerentemente con i propri principi ispiratori, valorizza la centralità della persona, ha deli berato

Dettagli

Assistenza medica programmata in Europa per i residenti del Lothian

Assistenza medica programmata in Europa per i residenti del Lothian Assistenza medica programmata in Europa per i residenti del Lothian Introduzione Il presente opuscolo spiega a quale finanziamento potreste avere diritto se siete normalmente residenti nella regione del

Dettagli

Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE

Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE L'obiettivo di questa ricerca speciale sugli atteggiamenti degli europei nei confronti della donazione e della trasfusione di sangue

Dettagli

SCHEDA IDEA DI PROGETTO

SCHEDA IDEA DI PROGETTO SCHEDA IDEA DI PROGETTO Requisiti: - respiro temporale di medio-lungo termine - coinvolgimento di più soggetti (possibilmente integrazione pubblico-privato) - intersettorialità / multidisciplinarità (non

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE Le seguenti disposizioni compongono la Politica di Tutela dei Dati relativi alle Risorse Umane del Gruppo Dassault

Dettagli

Invecchiamento della popolazione e welfare attivo per tutte le età

Invecchiamento della popolazione e welfare attivo per tutte le età Invecchiamento della popolazione e welfare attivo per tutte le età Alessandro Rosina alessandro.rosina@unicatt.it RIVOLUZIONE INDUSTRIALE/ TRANSIZIONE DEMOGRAFICA I 150 anni che hanno cambiato (per sempre)

Dettagli

Liberalizzazione del mercato dei capitali

Liberalizzazione del mercato dei capitali Liberalizzazione del mercato dei capitali euros euros Curve del prodotto marginale del capitale K Capital flow Esportazione di capitale r o r MPK* A MPK r r* o K o K*o * K o +K* o 1 Effetti di benessere

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi C era una volta. Le pensioni ieri ed oggi Dalla riforma Amato a Monti. I fondamentali della previdenza Piramide società Spesa Protezione sociale Speranza di vita Rapporto attivi/non attivi L invecchiamento

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico.

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. La complessità del quadro demografico Le persone ultra sessantenni sono oltre 540.000, di cui le donne sono 261.000; gli ultra

Dettagli

Il Manifesto dei Giovani Europei contro il Tabacco

Il Manifesto dei Giovani Europei contro il Tabacco Il Manifesto dei Giovani Europei contro il Tabacco Premessa Noi, i giovani d Europa, siamo profondamente preoccupati dall impatto che il fumo e il fumo passivo hanno sull individuo. Tenendo presente che

Dettagli

Progetto di Scambi Leonardo da Vinci. La Formazione Professionale per l Invecchiamento Attivo. Riassunto del progetto

Progetto di Scambi Leonardo da Vinci. La Formazione Professionale per l Invecchiamento Attivo. Riassunto del progetto Progetto di Scambi Leonardo da Vinci La Formazione Professionale per l Invecchiamento Attivo Vocational Training for Active Ageing ACTA I/06/A/154493/SCF Riassunto del progetto Il progetto ACTA (Vocational

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare COMUNE DI ATZARA PROVINCIA DI NUORO Via Vittorio Emanuele, 27 08030 ATZARA telefono 0784/65205 fax 0784/65380 e-mail: servizi.sociali@comune.atzara.nu.it UFFICIO SERVIZI SOCIALI Regolamento Servizio Assistenza

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

L ASSISTENTE FAMILIARE A FIRENZE: SVILUPPO DEL MERCATO DEL LAVORO E FABBISOGNI FORMATIVI -

L ASSISTENTE FAMILIARE A FIRENZE: SVILUPPO DEL MERCATO DEL LAVORO E FABBISOGNI FORMATIVI - L ASSISTENTE FAMILIARE A FIRENZE: SVILUPPO DEL MERCATO DEL LAVORO E FABBISOGNI FORMATIVI - 1) L INDAGINE La legge quadro 328/2000, Per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali,

Dettagli

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA Contributo di Claudio Garbelli La Commissione Europea ha recentemente proposto il Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla istituzione

Dettagli

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre).

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre). Quando si diventa anziani? Quando la carriera lavorativa termina e ci si ritira dalla vita attiva. Il pensionamento, quindi, è convenzionalmente l inizio dell età anziana. L età anziana si distingue in

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

TREND E COMPONENTI DI SPESA PUBBLICA IN MATERIA DI NON AUTOSUFFICIENZA

TREND E COMPONENTI DI SPESA PUBBLICA IN MATERIA DI NON AUTOSUFFICIENZA MODELLI DI PRESA IN CARICO DELLA DIPENDENZA IN ITALIA E IN EUROPA: IL DOPPIO RUOLO DI SERVIZIO SOCIO-SANITARIO E DI MOTORE PER LO SVILUPPO ECONOMICO TREND E COMPONENTI DI SPESA PUBBLICA IN MATERIA DI NON

Dettagli

VALUTAZIONE ESTERNA DEGLI APPRENDIMENTI DEGLI ALUNNI: UNA TENDENZA SEMPRE PIÙ DIFFUSA IN EUROPA

VALUTAZIONE ESTERNA DEGLI APPRENDIMENTI DEGLI ALUNNI: UNA TENDENZA SEMPRE PIÙ DIFFUSA IN EUROPA VALUTAZIONE ESTERNA DEGLI APPRENDIMENTI DEGLI ALUNNI: UNA TENDENZA SEMPRE PIÙ DIFFUSA IN EUROPA Nel corso dell istruzione obbligatoria gli alunni europei sono mediamente sottoposti ad almeno tre test esterni

Dettagli

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi Milano, 13 Settembre 2010 Francesco Fidanza: Dirigente Responsabile Previdenza Corporate e Clienti Istituzionali

Dettagli

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE Kristiina Hayrinen, Kaija Saranto, Pirkko Nykanen. International Journal of Medical Infomratics

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

Album delle 10 buone pratiche di integrazione socio-sanitaria sanitaria in Europa: fattori di efficacia e lezione appresa

Album delle 10 buone pratiche di integrazione socio-sanitaria sanitaria in Europa: fattori di efficacia e lezione appresa Album delle 10 buone pratiche di integrazione socio-sanitaria sanitaria in Europa: fattori di efficacia e lezione appresa Sara Santini INRCA- Istituto nazionale di Ricerca e Cura degli Anziani www.inrca.it

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO Numerose ricerche hanno riconosciuto il contributo cruciale e multidimensionale In particolare tra i gruppi più a rischio ci sono: Nella presente sintesi

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

Report sui risultati della consultazione sul Rapporto Annuale dell'istat

Report sui risultati della consultazione sul Rapporto Annuale dell'istat Report sui risultati della consultazione sul Rapporto Annuale dell'istat La consultazione, indirizzata ai 26 componenti della Cuis, è stata organizzata per conoscere le loro opinioni sull'impostazione

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

La previdenza in Europa

La previdenza in Europa La previdenza in Europa Dati tratti da: «LEGISLAZIONE STRANIERA. MATERIALI DI LEGISLAZIONE COMPARATA» Camera dei Deputati, giugno 2013 Una premessa Le pensioni, in Italia come negli altri paesi europei,

Dettagli

PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE

PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE Pubblicato il Bando per la presentazione di proposte relativo al Programma Socrates a sostegno del settore dell'istruzione Obiettivi

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Newsletter VI - 2016. Argomenti GOOD, SUFFICIENT BUT WHAT WILL THE FUTURE BRING US? WHAT WILL THE FUTURE BRING US?

Newsletter VI - 2016. Argomenti GOOD, SUFFICIENT BUT WHAT WILL THE FUTURE BRING US? WHAT WILL THE FUTURE BRING US? Newsletter VI - 2016 GOOD, SUFFICIENT BUT WHAT WILL THE FUTURE BRING US? Argomenti Polonia: come far quadrare i conti, i più poveri d Europa. Reclutamento per il workshop in Polonia Italia: combattere

Dettagli

Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali

Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE PER I RAPPORTI CON L'UNIONE EUROPEA E PER I RAPPORTI INTERNAZIONALI UFFICIO

Dettagli

International Migration Outlook: SOPEMI - 2006 Edition. Prospettive delle migrazioni internazionali: SOPEMI Edizione 2006.

International Migration Outlook: SOPEMI - 2006 Edition. Prospettive delle migrazioni internazionali: SOPEMI Edizione 2006. International Migration Outlook: SOPEMI - 2006 Edition Summary Prospettive delle migrazioni internazionali: SOPEMI Edizione 2006 Sintesi Editoriale Gestire la migrazione - un delicato mix di misure pubbliche

Dettagli

Àncora Servizi e la rete assistenziale

Àncora Servizi e la rete assistenziale Àncora Servizi e la rete assistenziale IL TERRITORIO COME LABORATORIO DELLE COLLABORAZIONE PUBBLICO/PRIVATO PER UN ADEGUATO SISTEMA DI WELFARE Torino 13 Dicembre 2013 Àncora Servizi in pillole La cooperativa

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition. Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006

Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition. Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006 Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition Summary in Italian Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006 Riassunto in italiano Uno sguardo sull educazione fornisce agli

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition Summary in Italian Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Riassunto in italiano L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco

Dettagli

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AUSTRIA BELGIO CIPRO DANIMARCA ESTONIA FINLANDIA FRANCIA La pensione ordinaria è erogata al compimento del 60 anno di età

Dettagli

ASSISTENTI FAMILIARI STRANIERE PER UN NUOVO WELFARE MUNICIPALE F. La Russa,F. Caccia, T. Barberio

ASSISTENTI FAMILIARI STRANIERE PER UN NUOVO WELFARE MUNICIPALE F. La Russa,F. Caccia, T. Barberio 1 ASSISTENTI FAMILIARI STRANIERE PER UN NUOVO WELFARE MUNICIPALE F. La Russa,F. Caccia, T. Barberio Distretto Sanitario n.2 ( Cz Lido) Presentazione La Calabria negli ultimi anni ha visto progressivamente

Dettagli

I sistemi pensionistici

I sistemi pensionistici I sistemi pensionistici nei Paesi membri Comitato Esecutivo FERPA Bruxelles, 24/02/2012 Enrico Limardo Paesi coinvolti nella ricerca Austria Francia Italia UK Spagna Portogallo Germania Romania Belgio

Dettagli

Oltre 500 associazioni aderenti, di cui: 104 federate; 47 delegazioni di livello regionale e provinciale;

Oltre 500 associazioni aderenti, di cui: 104 federate; 47 delegazioni di livello regionale e provinciale; Le reti oncologiche: presente e futuro Auditorium i Ministero i della Salute, Roma Il ruolo del volontariato nelle reti oncologiche Davide Petruzzelli Membro Esecutivo Nazionale F.A.V.O. Federazione Italiana

Dettagli

Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9

Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9 Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9 PREMESSA Le analisi dell'innocenti Report Card 9 coprono una gamma limitata ma significativa di indicatori del benessere dell'infanzia

Dettagli

Servizio Volontario Europeo Linee Guida per l Accreditamento. Programma Gioventù in Azione

Servizio Volontario Europeo Linee Guida per l Accreditamento. Programma Gioventù in Azione Servizio Volontario Europeo Linee Guida per l Accreditamento Programma Gioventù in Azione Maggio 2011 1. Introduzione Il Servizio Volontario Europeo (SVE), facente parte del Programma dell Unione Europea

Dettagli

Trovare lavoro nell Europa allargata

Trovare lavoro nell Europa allargata Trovare lavoro nell Europa allargata Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali CMI/Digital Vision Commissione europea 1 Dove posso cercare lavoro? La libera circolazione delle persone

Dettagli

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano SISTEMI SANITARI EUROPEI MODELLI A CONFRONTO Il sistema sanitario italiano Domenico Iscaro Presidente Nazionale Anaao-Assomed Firenze, 13 febbraio 2015 IN ITALIA PRIMA DEL 1978 Sistema mutualistico (modello

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin Il livello di conoscenza del sistema di offerta http://pdz.venetosociale.it La rilevazione Piani

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI 16 luglio 2010 (I) INTRODUZIONE 1. Le presenti Linee guida mirano

Dettagli

Le politiche per l occupazione giovanile in Spagna

Le politiche per l occupazione giovanile in Spagna Le politiche per l occupazione giovanile in Spagna Jordi García a Viña Pepa Burriel Rodríguez Universitat de Barcelona INDICE Situazione Economica Riferimenti storici Situazione attuale Soluzioni concrete

Dettagli