OGGETTO. Comunicazione per Linee guida per privacy ed in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OGGETTO. Comunicazione per Linee guida per privacy ed in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro."

Transcript

1 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA ISTITUTO COMPRENSIVO 2 RITA LEVI MONTALCINI VIA AVEZZANA SANTA MARIA CAPUA VETERE (CE) tel Telefax Codice Fiscale: Codice Meccanografico: CEIC E.mail: - PEC: sito: Prot.N.324/A01 S.Maria C.V.,19/01/2016 Al Personale Amm.vo e Collaboratori Scolastici Dell Istituto Comprensivo 2 Loro Sedi OGGETTO. Comunicazione per Linee guida per privacy ed in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. Si raccomanda a tutto il personale, nell espletamento delle rispettive mansioni di rispettare le seguenti linee guida in materia di sicurezza : Linee guida in materia di sicurezza per i collaboratori scolastici incaricati del trattamento D.lg. vo 196/ Privacy. Vengono di seguito indicate le misure operative da adottare per garantire la sicurezza dei dati personali: Accertarsi che al termine delle lezioni non restino incustoditi i seguenti documenti, segnalandone tempestivamente l eventuale presenza al responsabile di sede e provvedendo temporaneamente alla loro custodia: Certificati medici esibiti dagli alunni a giustificazione delle assenze Qualunque altro documento contenente dati personali o sensibili degli alunni o dei docenti Accertarsi che al termine delle lezioni tutti i computer delle varie aule e dell aula di informatica siano spenti e che non siano stati lasciati incustoditi C.D., cartelle o altri materiali, in caso contrario segnalarne tempestivamente la presenza o provvedendo temporaneamente alla loro custodia. Procedere alla chiusura dell edificio scolastico accertandosi che tutte le misure di protezione dei locali siano state attivate. Per i collaboratori scolastici in servizio negli uffici di segreteria ed addetti alle fotocopie Effettuare esclusivamente copie fotostatiche di documenti per i quali si è autorizzati. Non lasciare a disposizione di estranei fotocopie inutilizzate o incomplete di documenti che contengono dati personali o sensibili ma accertarsi che vengano sempre distrutte. Non lasciare incustodito il registro contenente gli indirizzi e i recapiti telefonici del personale e non annotarne il contenuto sui fogli di lavoro. Non abbandonare la postazione di lavoro per la pausa o altro motivo senza aver provveduto a custodire in luogo sicuro i documenti trattati. Non consentire che estranei possano accedere ai documenti dell ufficio o leggere documenti contenenti dati personali o sensibili. Segnalare tempestivamente al Responsabile del trattamento (DSGA Vincenza PICCOLO) la presenza di documenti incustoditi e provvedere temporaneamente alla loro custodia. Procedere alla chiusura dei locali non utilizzati in caso di assenza del personale. Procedere alla chiusura dei locali di segreteria accertandosi che siano state attivate tutte le misure di protezione e che le chiavi delle stanze siano depositate negli appositi contenitori. Attenersi alle direttive ricevute e non effettuare operazioni per le quali non si stati espressamente autorizzati dal Responsabile o dal Titolare.

2 3) Linee guida in materia di sicurezza per gli Assistenti Amministrativi incaricati del trattamento D.lg. vo 196/ Privacy. Attenersi scrupolosamente alle seguenti indicazioni per garantire la sicurezza dei dati personali trattati : Conservare sempre i dati del cui trattamento si è incaricati in apposito armadio assegnato, dotato di serratura; Accertarsi della corretta funzionalità dei meccanismi di chiusura dell armadio, segnalando tempestivamente al Responsabile eventuali anomalie; Non consentire l accesso alle aree in cui sono conservati dati personali su supporto cartaceo a estranei e a soggetti non autorizzati; Conservare i documenti ricevuti da genitori/studenti o dal personale in apposite cartelline non trasparenti; Consegnare al personale o ai genitori/studenti documentazione inserita in buste non trasparenti; Non consentire l accesso a estranei al fax e alla stampante che contengano documenti non ancora ritirati dal personale; Effettuare esclusivamente copie fotostatiche di documenti per i quali si è autorizzati; Provvedere personalmente alla distruzione quando è necessario eliminare documenti inutilizzati; Non lasciare a disposizione di estranei fotocopie inutilizzate o incomplete di documenti che contengono dati personali o sensibili ma accertarsi che vengano sempre distrutte; Non lasciare incustodito il registro contenente gli indirizzi e i recapiti telefonici del personale e degli studenti e non annotarne il contenuto sui fogli di lavoro; Non abbandonare la postazione di lavoro per la pausa o altro motivo senza aver provveduto a custodire in luogo sicuro i documenti trattati; Segnalare tempestivamente al Responsabile la presenza di documenti incustoditi, provvedendo temporaneamente alla loro custodia; Attenersi alle direttive ricevute e non effettuare operazioni per le quali non si è stati espressamente autorizzati dal Responsabile o dal Titolare; Procedere alla chiusura di tutti i cassetti e armadi degli uffici e custodire le chiavi in luogo protetto; Procedere alla chiusura dei timbri ed in particolare del sigillo della Repubblica Italiana in un luogo sicuro e custodire le chiavi in un luogo protetto. Riguardo ai trattamenti eseguiti con supporto informatico attenersi scrupolosamente alle seguenti indicazioni: Non salvare file o cartelle nel DESKTOP. Se si ritiene di dover avere una cartella sul desktop questo dovrà essere salvato nella cartella DOCUMENTI e poi collegata/inviata al Desktop; Non lasciare cartelle o altri documenti a disposizione di estranei; Se c è l'esigenza di tenere una cartella o un file sul desktop bisogna salvarlo nella directory U:/documenti e poi inviarlo al desktop. Diversamente, non sarà possibile recuperare eventuali file quando chi lo ha creato è assente e garantire che le cartelle o i file non vadano persi in caso di rotture del PC. In ogni file dovrà esserci, nel piè di pagina, il nome del file e il percorso Conservare i dati sensibili in armadi chiusi, ad accesso controllato o in files protetti da password; Non consentire l accesso ai dati a soggetti non autorizzati; Riporre i supporti in modo ordinato negli appositi contenitori e chiudere a chiave classificatori e armadi dove sono custoditi; Scegliere una password con le seguenti caratteristiche: o originale o composta da otto caratteri o che contenga almeno un numero o che non sia facilmente intuibile, evitando il nome proprio, il nome di congiunti, date di nascita e comunque riferimenti alla propria persona o lavoro facilmente ricostruibili curare la conservazione della propria password ed evitare di comunicarla ad altri; cambiare periodicamente (almeno una volta ogni tre mesi) la propria password;

3 modificare prontamente (ove possibile) la password assegnata dal custode delle credenziali; trascrivere su un biglietto chiuso in busta sigillata e controfirmata la nuova password e consegnarla al custode delle credenziali; vietare al personale scolastico (docenti, collaboratori scolastici,..) e non di utilizzare postazioni informatiche degli uffici; spegnere correttamente il computer al termine di ogni sessione di lavoro; non abbandonare la propria postazione di lavoro per la pausa o altri motivi senza aver spento la postazione di lavoro o aver inserito uno screen saver con password; comunicare tempestivamente al Titolare o al Responsabile qualunque anomalia riscontrata nel funzionamento del computer; non riutilizzare i supporti informatici utilizzati per il trattamento di dati sensibili per altri trattamenti; non gestire informazioni su più archivi ove non sia strettamente necessario e comunque curarne l aggiornamento in modo organico; utilizzare le seguenti regole per la posta elettronica: non aprire documenti di cui non sia certa la provenienza non aprire direttamente gli allegati ma salvarli su disco e controllarne il contenuto con un antivirus inviare messaggi di posta solo se espressamente autorizzati dal Responsabile controllare accuratamente l indirizzo dei destinatario prima di inviare dati personali provvedere settimanalmente al back-up dei dati 4) Linee guida in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro D. Lg.vo 81/08. 1.FATTORI DI RISCHIO FREQUENTEMENTE PRESENTI NELLE OPERAZIONI DI PULIZIA. RISCHIO CHIMICO. Il Rischio Chimico è legato all uso di prodotti chimici per le operazioni di pulizia, in seguito a contatto con sostanze irritanti, allergizzanti (detergenti, disinfettanti, disincrostanti) del tipo: candeggina, ammoniaca, alcool, acido cloridrico. Gli infortuni più frequenti derivano dal contatto con sostanze corrosive (acidi e basi forti utilizzati in diluizioni errate). RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE DEI CARICHI Questo rischio, nelle operazioni di pulizia, è correlato: a)alla movimentazione dei secchi d acqua e prodotti di pulizia, sacchi di rifiuti, per il mancato uso, frequentemente, sia degli appositi carrelli nella movimentazione sui piani; b)spostamenti di banchi, cattedre, armadi, per le operazioni di pulizia. 2. INTERVENTI DI PREVENZIONE Le misure da adottare, in termini di prevenzione, possono sintetizzarsi nei termini sotto indicati. a) I provvedimenti di prevenzione più adeguati per evitare o limitare il Rischio Chimico sono: la formazione del collaboratore scolastico; l utilizzo di adeguati mezzi di protezione personale, ossia l utilizzo dei Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.), quali: guanti di gomma, mascherine, visiera paraschizzi, ecc.; acquisizione e lettura delle Schede di Sicurezza dei prodotti in uso; lettura attenta dell etichetta informativa del prodotto; non usare contenitore inadeguati. In caso di eventuale manifestazione di stato irritativo cutaneo (arrossamenti, disidratazione, desquamazione), segnalare tempestivamente al medico. b) Per prevenire il Rischio da movimentazione dei carichi ed ogni altro rischio, in occasione delle operazioni di pulizia,è indispensabile che i collaboratori scolastici utilizzino appositi carrelli per il trasporto dei secchi d acqua, dei prodotti di pulizia e dei sacchi per i rifiuti e utilizzino appositi spazzoloni lavavetri. 3. MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLE PULIZIE PER ASSICURARE ADEGUATE MISURE IGIENICHE E LA PREVENZIONE CONTRO I RISCHI. 3.a Misure igieniche Fare la pulizia dei locali prima dell inizio delle lezioni verificando se le aule o i laboratori o la palestra sono idonei dal punto di vista igienico (togliere prima la polvere col piumino, disinfettare quotidianamente il piano dei banchi e delle cattedre, lavare con acqua le lavagne, lavare frequentemente i pavimenti dei locali, dei corridoi, atri, scale, ecc.).

4 Arieggiare spesso i locali ed effettuare le pulizie con le finestre aperte. Verificare se i bagni sono igienicamente idonei prima dell inizio dell attività didattica. Non lasciare incustoditi, al termine delle pulizie, i contenitori di alcool, solventi, detersivi, ecc. in quanto pericolosi per gli alunni e per il personale. Non utilizzare la segatura in quanto, se inalata, è dannosa. 3.b Istruzioni per la prevenzione dai rischi sia nell uso che nella conservazione dei prodotti di pulizia. a) Conservare i prodotti chimici in un apposito locale chiuso a chiave e lontano dalla portata degli alunni e del personale docente b) Non lasciare alla portata degli alunni e del personale docente: i contenitori dei detergenti o solventi, quali candeggina,alcool, acido muriatico, ecc., ma chiuderli sempre ermeticamente e riporli nell apposito locale chiuso a chiave (non lasciare la chiave nella toppa della porta). c) Non consegnare mai agli alunni nessun tipo di prodotto chimico, neppure se gli insegnanti ne hanno fatto richiesta attraverso l alunno stesso. d) Ogni prodotto va conservato nel contenitore originale provvisto di etichetta. e) Leggere attentamente quanto riportato sulle Schede tecniche dei prodotti chimici ed usare le quantità indicate dalle istruzioni per evitare che il prodotto non diluito, o usato in quantità superiori alla normale concentrazione, possa costituire rischio per la persona e/o possa rovinare le superfici da trattare. f) Non miscelare, per nessun motivo, prodotti diversi; potrebbero avvenire reazioni chimiche violente con sviluppo di gas tossici, come, per es., fra candeggina (ipoclorito di sodio) e acido muriatico (acido cloridrico); non miscelare WC Net con candeggina. g) Utilizzare i guanti e la visiera paraschizzi per evitare il contatto della cute e degli occhi con i prodotti chimici. h) Lavare i pavimenti di aule, corridoi, atri, scale, ecc. solo DOPO l uscita degli alunni e del personale dall edificio. Al fine di evitare di calpestare le aree bagnate durante l operazione di lavatura dei pavimenti, il Collaboratore scolastico deve iniziare il lavaggio partendo da una certa zona ed indietreggiare, in modo tale da non porre mai i piedi sul bagnato. Ad ogni buon conto, durante il lavaggio dei pavimenti è obbligatorio indossare le scarpe con suola antisdrucciolo date in dotazione a ciascun Collaboratore scolastico dalla Scuola (D.P.I.: Dotazione Protezione Individuale). Si ricorda che la mancata osservanza del predetto obbligo comporta l applicazione delle sanzioni previste dal citato Decreto Legislativo. Si consiglia, altresì, di collocare un cartello sulla porta del locale o su una sedia, davanti alle zone bagnate, con la scritta: Pericolo! Pavimento sdrucciolevole, non calpestare. Nel caso in cui, per qualche urgente necessità, si debba procedere inderogabilmente al lavaggio del pavimento di un corridoio, atrio, ecc., è indispensabile prestare la massima attenzione e prendere tutte le precauzioni possibili per evitare infortuni da caduta, del tipo: prelevare i predetti cartelli con la scritta: Pericolo! Pavimento sdrucciolevole. Non calpestare, e posizionarli (anche su una sedia, se non hanno il piedistallo), davanti all area che sarà lavata; procedere al lavaggio di sola metà, nel senso della larghezza, della superficie da lavare per consentire comunque il passaggio delle persone sull altra metà asciutta della superficie; durante la fase di lavaggio e di asciugatura del pavimento, avvertire in ogni caso le persone che si stanno accingendo al passaggio di tenersi accostati al muro della parte opposta rispetto alla zona bagnata (cioè sulla parte del pavimento non pericolosa); dopo aver atteso la completa asciugatura della metà del pavimento della superficie interessata, procedere con le stesse operazioni nella fase di lavaggio dell altra metà del pavimento. i) Non utilizzare detergenti per pavimenti contenenti cera, anche se in piccola quantità, onde evitare fenomeni di sdrucciolamento. l) Risciacquare accuratamente le superfici trattate per non lasciare evidenti tracce di detersivo. m) E severamente vietato usare l acido muriatico ed ogni altro acido(acido cloridrico: HCl) per pulire i bagni o i lavandini, in quanto corrode (danno) ed emana gas pericoloso (rischio). n) Non lasciare nei bagni nulla che possa causare danni agli alunni. o) I contenitori dei detersivi o solventi, una volta vuoti, non devono essere lasciati nei bagni, ma devono essere ben chiusi e posti in appositi sacchetti di plastica. p) Quando si gettano i residui liquidi dei detergenti già utilizzati, diluire con acqua prima di

5 scaricarli nelle turche. q) Nella movimentazione sui piani dei secchi d acqua e prodotti di pulizia, sacchi dei rifiuti, avvalersi dell ausilio degli appositi carrelli. r) Qualora, a seguito di un accidentale contatto con un prodotto chimico, vengano riscontrate particolari reazioni, specificare al medico curante le caratteristiche tecniche del detergente desunte dalla Scheda tecnica. s) Durante la sostituzione del Toner nel fotocopiatore e delle cartucce nella stampante utilizzare la mascherina antipolvere e i guanti,ed arieggiare il locale e smaltirle secondo le norme in materia di sicurezza. t) Non utilizzare sedie, banchi, scale o altro per pulizia di vetri, e ogni altro lavoro di piccola manutenzione; u)non utilizzare utensili da lavoro(martelli, trapano, cacciavite, tenaglie, pinze, seghe ), sia manuali che elettrici, per la manutenzione ordinaria e straordinaria. Per tali lavori sono preposti gli operai degli EE.LL.. v) E severamente vietato effettuare qualsiasi manovra sulle caldaie predisposte per i riscaldamenti. Segnalare qualsiasi anomalia al D.S. o al D.S.G.A. per consentire l intervento dei tecnici comunali. z) E severamente vietato effettuare qualsiasi manovra sul ogni altro dispositivo(elettronico, meccanico, elettrico) che esula dalla propria competenza o mansione. Segnalare qualsiasi anomalia al D.S. o al D.S.G.A. per consentire l intervento dei tecnici comunali. x) E severamente vietato utilizzare la scala che conduce al terrazzo del plesso di Via Avezzana. Tale scala viene utilizzata dalle ditte delegate dall E.L. per riparazioni della copertura o controlli sullo stato della copertura dell edificio. y)non muoversi dai plessi se non su disposizione dell Ufficio; j) Di non effettuare mansioni o attività richieste dagli EE.LL. e non disposti dall Ufficio Centrale. Si raccomanda il massimo rispetto delle suddette disposizioni. f.toil D.S.G.A. f.to La Dirigente Scolastica ( Vincenza Piccolo) ( prof.ssa Immacolata Nespoli ) La firma autografa, ai sensi dell art.3, comma 2, del Dlgs n. 9/93, è sostituita dall indicazione a stampa del nominativo del soggetto responsabile. Ai sensi dell art. 6, c.2 della L. n. 412/91, non seguirà trasmissione dell originale con firma autografa, che è posto agli atti e verificabile presso la segreteria dell I.C.

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei Regolamento sull uso e conservazione dei prodotti di pulizia Il presente Regolamento si prefigge di fornire utili indicazioni ai collaboratori scolastici: sulla prevenzione contro il rischio chimico derivante

Dettagli

Regolamento interno recante disposizioni sulle modalita di svolgimento delle operazioni di pulizia

Regolamento interno recante disposizioni sulle modalita di svolgimento delle operazioni di pulizia Istituto di Istruzione Superiore Morcone Piazza Manente 82026 Morcone (BN) - Tel. 0824956423 - Fax 0824955688 C.F. 92029100622 - Codice Meccanografico bnis01200c - e-mail bnis01200c@ istruzione.it Sez.

Dettagli

Istituto Statale Istruzione Superiore L. Mossa +F. Brunelleschi TECNICO COMMERCIALE GEOMETRI -NAUTICO

Istituto Statale Istruzione Superiore L. Mossa +F. Brunelleschi TECNICO COMMERCIALE GEOMETRI -NAUTICO UNIONE EUROPEA. Istituto Statale Istruzione Superiore L. Mossa +F. Brunelleschi TECNICO COMMERCIALE GEOMETRI -NAUTICO Via A. Diaz n. 70, - 09170 ORISTANO - cod.fiscale 90008830953 Tel.: 0783/71173 - Fax:

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA N. 39 Parma, 10/10/2012

COMUNICAZIONE INTERNA N. 39 Parma, 10/10/2012 DIREZIONE DIDATTICA DI VIA F.LLI BANDIERA Via F.lli Bandiera n. 4/a 43125 PARMA Tel. 0521/984604 - Fax 0521/1910846 - E-mail corazza@scuole.pr.it C.F. n.. 92144100341 - Cod. Min.: PREE020007 COMUNICAZIONE

Dettagli

Regolamento recante disposizioni sull uso e la conservazione dei prodotto di pulizia e sulle modalita di svolgimento delle operazioni di pulizia

Regolamento recante disposizioni sull uso e la conservazione dei prodotto di pulizia e sulle modalita di svolgimento delle operazioni di pulizia 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Alberto Burri Trestina Città di Castello (PG) APPENDICE G Regolamento recante disposizioni sull uso e la conservazione dei prodotto di pulizia e sulle modalita di svolgimento

Dettagli

Circolare n. 7 Marsala, 16/09/2014

Circolare n. 7 Marsala, 16/09/2014 DIREZIONE DIDATTICA 6 CIRCOLO G. SIRTORI Via Sirtori, 20 91025 MARSALA ( TP) Tel 0923/981752-721373 Fax 0923/982487 C.F.82006080814 e -mail tpee05000c@istruzione.it;pec: tpee05000c@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Oggetto: Proposta piano delle attività del personale ATA per l a.s. 2015/2016

Oggetto: Proposta piano delle attività del personale ATA per l a.s. 2015/2016 AL DIRIGENTE SCOLASTICO I.C. C. Gesualdo da Venosa Oggetto: Proposta piano delle attività del personale ATA per l a.s. 2015/2016 Il DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI AMMINISTRATIVI VISTO l art. 53, comma

Dettagli

PROTOCOLLO DI IGIENE AMBIENTALE: PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI

PROTOCOLLO DI IGIENE AMBIENTALE: PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PARINI Via Roma, 56 - Gorla Minore (VA) *************************** 1. Plesso A. MANZONI Tel. 0331/601198 2. Plesso D. ALIGHIERI Tel: 0331/600607 3. Plesso G. PARINI Tel.:

Dettagli

PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI

PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI Distretto Scolastico 11 IX CIRCOLO DIDATTICO STATALE JAPIGIA I Plesso San Francesco Via Peucetia n. 50 BARI Tel. 0805530943/5541991 fax 080 5524042 Plesso Don Orione Viale Japigia n.140 BARI Tel./Fax 0805537467

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA DEL PERSONALE ATA PER L A.S.2012/2013 PRESENTATO IN DATA 13/09/2012

PIANO DELLE ATTIVITA DEL PERSONALE ATA PER L A.S.2012/2013 PRESENTATO IN DATA 13/09/2012 PIANO DELLE ATTIVITA DEL PERSONALE ATA PER L A.S.2012/2013 PRESENTATO IN DATA 13/09/2012 Il Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi dell I.C. G. Toniolo di Pisa ha presentato, in data 13/09/2012,

Dettagli

Parte IV Area personale ATA

Parte IV Area personale ATA Sommario PARTE IV AREA PERSONALE ATA... 1 Art. 29 Norme di comportamento comuni a tutto il Personale A.T.A.... 1 Art. 30 - Norme di comportamento specifiche del Personale amministrativo agli sportelli

Dettagli

IL DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI E AMMINISTRATIVI

IL DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI E AMMINISTRATIVI C I R C O L O D I D A T T I C O V A. G r a m s c i 9 0 0 1 1 - B A G H E R I A ( P A ) C. M. p a e e 1 2 0 0 0 2 - C. F. 9 0 0 0 7 5 5 0 8 2 6 S e d e c / o P l e s s o E. L o i V i a C l a u d i o T r

Dettagli

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Data 30-11-2009 Rev. N. 01 Pagina 1 di 5 MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Ddl RSPP RLS INDICE ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI Data 30-11-2009 Rev.

Dettagli

Norme e linee guida (regolamento) per un uso corretto delle Risorse Tecnologiche e di Rete dell Istituto Comprensivo Teodoro Ciresola.

Norme e linee guida (regolamento) per un uso corretto delle Risorse Tecnologiche e di Rete dell Istituto Comprensivo Teodoro Ciresola. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA LOMBARDIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO TEODORO CIRESOLA V.LE BRIANZA

Dettagli

OGGETTO: PROPOSTA PIANO DELLE ATTIVITA PERSONALE ATA - A. S. 2015/2016.

OGGETTO: PROPOSTA PIANO DELLE ATTIVITA PERSONALE ATA - A. S. 2015/2016. Bologna, 08/10/2015 AL DIRIGENTE SCOLASTICO SEDE OGGETTO: PROPOSTA PIANO DELLE ATTIVITA PERSONALE ATA - A. S. 2015/2016. Il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi VISTO il CCNL del 29/11/2007,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 7 Manuale riservato al personale ATA La sicurezza nella scuola Opuscolo informativo per il personale ATA delle scuole di ogni ordine e grado INFORMATIVA AI SENSI DEL

Dettagli

Prot. n. 4696/A1/A2 Zelo Buon Persico, 30.11.2011

Prot. n. 4696/A1/A2 Zelo Buon Persico, 30.11.2011 ISTITUTO COMPRENSIVO di ZELO BUON PERSICO via f.lli Cervi, 1-26839 Zelo Buon Persico (Lodi) - tel. fax 02 / 90659917 indirizzo internet www.iczelobp.it - e mail ic.zelobp@tiscali.it Prot. n. 4696/A1/A2

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO V.le della Rocca, 8 - Scandiano ( RE ) - Tel. e Fax 0522/ 857593

DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO V.le della Rocca, 8 - Scandiano ( RE ) - Tel. e Fax 0522/ 857593 DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO V.le della Rocca, 8 - Scandiano ( RE ) - Tel. e Fax 0522/ 857593 CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D'ISTITUTO PERSONALE A.T.A. VISTO il D.L. 150/2009 VISTO il C.C.N.L. del 29 / 11

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE PER LA PULIZIA E LA SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI

INDICAZIONI OPERATIVE PER LA PULIZIA E LA SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI Data 15-04-2013 Rev. N. 1 Pagina 1 di 8 INDICAZIONI OPERATIVE PER LA PULIZIA E LA SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI AZIENDA SEDE E UNITA OPERATIVA ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI P.zza

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DI ACCESSO E USO DELLE DOTAZIONI INFORMATICHE

REGOLAMENTO GENERALE DI ACCESSO E USO DELLE DOTAZIONI INFORMATICHE REGOLAMENTO GENERALE DI ACCESSO E USO DELLE DOTAZIONI INFORMATICHE 1. L accesso alle attrezzature avviene solo con account, dopo aver accettato e sottoscritto un patto di corresponsabilità e sostenuto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELL AULA INFORMATICA

REGOLAMENTO PER L USO DELL AULA INFORMATICA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ANTONINO CAPONNETTO Via Socrate, 11 90147 PALERMO 091-533124 Fax 091-6914389 - c.f.: 97164800829 cod. Min.: PAIC847003 email: paic847003@istruzione.it

Dettagli

Prot.n. 8579/C17 Udine, 31/10/2013

Prot.n. 8579/C17 Udine, 31/10/2013 Prot.n. 8579/C17 Udine, 31/10/2013 Circolare interna n. 59 oggetto: piano di lavoro personale coadiutore a.a. 2013/2014. Al Direttore Al personale coadiutore sede All albo Al sito Web e p.c. alle R.S.U.

Dettagli

Istruzioni operative per gli Incaricati del trattamento dei dati personali

Istruzioni operative per gli Incaricati del trattamento dei dati personali Istruzioni operative per gli Incaricati del trattamento dei dati personali Pagina 1 di 5 Introduzione Il presente documento costituisce un manuale con istruzioni operative per il corretto utilizzo dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LABORATORI E DELLE POSTAZIONI MULTIMEDIALI PRESENTI NEI PLESSI DELL ISTITUTO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LABORATORI E DELLE POSTAZIONI MULTIMEDIALI PRESENTI NEI PLESSI DELL ISTITUTO Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO G. VERGA Via della Libertà s.n.c. - 04014 PONTINIA (LT) 0773/86085 fax 0773/869296 Ltic840007@istruzione.it CF. 80006850590

Dettagli

MODALITA DI ACCESSO E DI UTILIZZAZIONE DEI LABORATORI DI INFORMATICA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E DELLA SCUOLA PRIMARIA

MODALITA DI ACCESSO E DI UTILIZZAZIONE DEI LABORATORI DI INFORMATICA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO OLGA ROVERE DI RIGNANO FLAMINIO (RM) A.S. 2011-2012 MODALITA DI ACCESSO E DI UTILIZZAZIONE DEI LABORATORI DI INFORMATICA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

il direttore amministrativo, sentito il Direttore, propone il seguente piano di lavoro per l a.a. 2015/2016:

il direttore amministrativo, sentito il Direttore, propone il seguente piano di lavoro per l a.a. 2015/2016: Prot.n. 9052/C17 Udine, 31/10/2015 Circolare interna n. 55 Oggetto: piano di lavoro personale coadiutore a.a. 2015/2016. Al Direttore Al personale coadiutore sede Al sito Web istituzionale www.conservatorio.udine.it

Dettagli

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e Linee guida per il TRATTAMENTO E GESTIONE DEI DATI PERSONALI Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione e principi di carattere generale 1. Il presente documento disciplina le modalità di trattamento

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

CHIMICA REGOLAMENTO DI LABORATORIO

CHIMICA REGOLAMENTO DI LABORATORIO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE A. MEUCCI Sede A. Meucci Via Marina Vecchia, 230 54100 MASSA (MS) Tel. 0585 252708-fax.0585 251012 Sede G. Toniolo Via XXVII Aprile, 8/10 54100 MASSA (MS) Tel. 058541284 fax

Dettagli

Prot. 3806 /A23 del 3/12/2015. Ai Responsabili dei Laboratori di Fisica, Informatica, Chimica. Oggetto: divulgazione regolamenti di laboratorio.

Prot. 3806 /A23 del 3/12/2015. Ai Responsabili dei Laboratori di Fisica, Informatica, Chimica. Oggetto: divulgazione regolamenti di laboratorio. Oggetto: divulgazione regolamenti di laboratorio. Ai Responsabili dei Laboratori di Fisica, Informatica, Chimica In ottemperanza alle indicazioni relative alla sicurezza nei posti di lavoro (D.Lgs. 81/08),

Dettagli

Prot. N.2811/A03 Medesano, 26/09/2013. Il Direttore Amministrativo

Prot. N.2811/A03 Medesano, 26/09/2013. Il Direttore Amministrativo ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola Infanzia, Primaria, Secondaria Primo Grado Via De Gasperi n 2-43014 MEDESANO (PR) Tel Segreteria: 0525 420403 Fax 0525 422659 e-mail: pric80900a@istruzione.it Prot. N.2811/A03

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO. Tenuto conto dell esperienza e delle competenze specifiche del personale in servizio, nonché le necessità dell Istituto;

IL DIRIGENTE SCOLASTICO. Tenuto conto dell esperienza e delle competenze specifiche del personale in servizio, nonché le necessità dell Istituto; LICEO STATALE ENRICO FERMI, CECINA LICEO SCIENTIFICO - LICEO GINNASIO LICEO LINGUISTICO - LICEO DELLE SCIENZE UMANE ED ECONOMICO SOCIALE Via Ambrogi - 57023 Cecina (Li) - Tel. 0586 684263-684840 - 681515

Dettagli

Allegato 2 descrizione fisica dei locali e delle loro caratteristiche di rischio per gli archivi ivi conservati

Allegato 2 descrizione fisica dei locali e delle loro caratteristiche di rischio per gli archivi ivi conservati Allegato 2 descrizione fisica dei locali e delle loro caratteristiche di rischio per gli archivi ivi conservati Nella scuola sono attive in totale n. 44 classi, per un totale di 1128 alunni. La scuola

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione.

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. Addetti Pulizie : Procedure per gli Operatori Esterni / DUVRI. Il sottoscritto, Arch. Filippo Fasulo, in qualità

Dettagli

Istituto Comprensivo "F. Pappalardo" di Vittoria (RG) Allegato al Piano dell'offerta Formativa 2014/2015

Istituto Comprensivo F. Pappalardo di Vittoria (RG) Allegato al Piano dell'offerta Formativa 2014/2015 Istituto Comprensivo "F. Pappalardo" di Vittoria (RG) Allegato al Piano dell'offerta Formativa 2014/2015 REGOLAMENTO per L UTILIZZO dei DISPOSITIVI INFORMATICI e dei LABORATORI MULTIMEDIALI 2014/2015 Premessa

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE VITTORIA COLONNA ANNO SCOLASTICO 2015 2016

SCUOLA MEDIA STATALE VITTORIA COLONNA ANNO SCOLASTICO 2015 2016 SCUOLA MEDIA STATALE VITTORIA COLONNA ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Regolamento per l utilizzo delle strutture e dei dispositivi dell informatica F UNZIONE STRUMENTALE A REA 2 Premessa: L inserimento delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Regina Margherita Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di primo

Dettagli

I.C. ALDO MORO - CAROSINO a.s. 2012-2013 REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA

I.C. ALDO MORO - CAROSINO a.s. 2012-2013 REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA I.C. ALDO MORO - CAROSINO a.s. 2012-2013 REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA Norme di accesso: 1) l accesso al laboratorio di informatica è subordinato all accettazione del presente

Dettagli

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PULIZIE Pag. 1/7 Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado INDICE 1. SCOPO... 2 2.

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA. Norme di accesso:

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA. Norme di accesso: REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA Norme di accesso: 1) L accesso al laboratorio di informatica è subordinato all accettazione del presente regolamento; 2) L accesso è riservato ai

Dettagli

AL Dirigente scolastico Sede. Il Direttore amministrativo

AL Dirigente scolastico Sede. Il Direttore amministrativo Prot. n 5643/B10 Del 07/11/2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA DEL CALICE VIA DEL CALICE 34/I - 00178 ROMA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 2 ALGHERO

ISTITUTO COMPRENSIVO N 2 ALGHERO ISTITUTO COMPRENSIVO N 2 ALGHERO VIA TARRAGONA, 16 07041 ALGHERO TEL. 079/981638 FAX 079/9730062 C.F. 92128560908 - E-MAIL SSIC84600A@istruzione.it www.istitutocomprensivo2alghero.it Prot. n. 4526/AFP

Dettagli

Regolamento Laboratori Multimediali

Regolamento Laboratori Multimediali M i n i s t e r o d e l l I s t r u z i o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a I s t i t u t o C o m p r e n s i v o di M o n t e c o m p a t r i P a o l o B o r s e l l i n o Via

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO INDICE

REGOLAMENTO INTERNO INDICE INDICE 1. REVISIONI... 3 2. SCOPO... 4 3. CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 4. RIFERIMENTI NORMATIVI... 6 5. REGOLE GENERALI... 7 5.1 ACCESSO AI LOCALI DELLA SEDE DEI DIPENDENTI E DEI COLLABORATORI 7 5.2 ACCESSO

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Sig. G.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Sig. G. 2014 2015 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. Fermi L. da Vinci Via Bonistallo 73 50053 Empoli ALLEGATO 14 Istruzioni ai collaboratori scolastici Manuale dei rischi e norme in caso di emergenza data firma

Dettagli

Prot. n. 3148/A20d Empoli, 07/09/2013. Oggetto: Aspetti organizzativi, norme comportamentali e prescrizioni in materia di sicurezza.

Prot. n. 3148/A20d Empoli, 07/09/2013. Oggetto: Aspetti organizzativi, norme comportamentali e prescrizioni in materia di sicurezza. DIREZIONE DIDATTICA STATALE EMPOLI 3 CIRCOLO Via Ponzano 43 50053 Empoli (FI) Tel. 0571/922337 Fax. 0571/960135 e-mail fiee22000t@istruzione.it Cod. Fiscale 82008030486 www.empoliterzocircolo.it Prot.

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei Laboratori di Informatica

Regolamento per l utilizzo dei Laboratori di Informatica ISTITUTO SUPERIORE DI TRESCORE BALNEARIO Lorenzo Lotto Istituto Tecnico Commerciale Istituto Professionale per i servizi Commerciali, Turistici e Sociali Via dell'albarotto - 24069 TRESCORE BALNEARIO (Bg)

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SECONDO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SECONDO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SECONDO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE ED ANALISI DEI RISCHI) PREMESSA Il presente opuscolo fornisce alcune indicazioni ritenute utili

Dettagli

OGGETTO: Piano delle attività del personale ATA per l a.s. 2013/14, ai sensi art. 53 CCNL 2007

OGGETTO: Piano delle attività del personale ATA per l a.s. 2013/14, ai sensi art. 53 CCNL 2007 DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI Distretto Scolastico n.42 Emilia-Romagna Via Giorgina Saffi, n.12 - tel. 0543-33345 - Fax 0543-458861 c.f. 80004560407 e-mail: foee00400b@istruzione.it - posta

Dettagli

TITOLO VII : REGOLAMENTO DEI LABORATORI DI INFORMATICA

TITOLO VII : REGOLAMENTO DEI LABORATORI DI INFORMATICA TITOLO VI : REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA Art.71 (Norme generali).la biblioteca è luogo finalizzato alla consultazione e al prestito dei testi, all uso didattico con sussidi multimediali e di rete, allo

Dettagli

Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)

Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) 1) Se si verificano incidenti che possono provocare la dispersione di un agente biologico appartenente ai gruppi 2, 3 o 4, i lavoratori debbono abbandonare

Dettagli

Regolamento utilizzo Laboratori di Informatica

Regolamento utilizzo Laboratori di Informatica Allegato K-4 Regolamento utilizzo Laboratori di Informatica Art.1 Premessa L istituto promuove la piena e completa fruizione dei laboratori informatici da parte degli studenti e dei docenti. Tale utilizzo

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26 del d.lgs. n. 81/2008 - Sicurezza e salute nel luogo di lavoro)

Dettagli

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA. NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E SICUREZZA DEGLI ALUNNI

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA. NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E SICUREZZA DEGLI ALUNNI NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E DEGLI ALUNNI Indice 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA' 4. PROCEDURA 4.1 Rilascio del diario 4.2 Assenze 4.2.1 Assenze

Dettagli

PROPOSTA PIANO DELLE ATTIVITA A.S. 2015/2016 IL DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI

PROPOSTA PIANO DELLE ATTIVITA A.S. 2015/2016 IL DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE MADRE TERESA DI CALCUTTA LICEO SCIENTIFICO ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INFORMATICO DI CASTELTERMINI LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA

RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA Unità didattica 3 CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA DEI LAVORATORI RISCHIO CHIMICO IL RISCHIO ESISTE LADDOVE CI SIA UNA ESPOSIZIONE AD UN QUALUNQUE AGENTE CHIMICO.

Dettagli

AI DOCENTI CIRCOLARE N. 26 AL PERSONALE ATA CIRCOLARE N. 79 AI CO.CO.CO. AGLI ALUNNI CIRCOLARE N. 6

AI DOCENTI CIRCOLARE N. 26 AL PERSONALE ATA CIRCOLARE N. 79 AI CO.CO.CO. AGLI ALUNNI CIRCOLARE N. 6 Roma, 30/09/2013 AI DOCENTI CIRCOLARE N. 26 AL PERSONALE ATA CIRCOLARE N. 79 AI CO.CO.CO. AGLI ALUNNI CIRCOLARE N. 6 Oggetto : Utilizzo delle strumentazioni informatiche, della rete internet e della posta

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / /

Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / / REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / / INDICE CAPO I FINALITA - AMBITO DI APPLICAZIONE - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI

DISPOSIZIONI GENERALI Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale di Bosisio Parini Via A. Appiani, 10-23842 BOSISIO PARINI (LC) Tel.: 031 865644 Fax: 031 865440 e-mail: lcic81000x@istruzione.it

Dettagli

Regolamento informatico

Regolamento informatico Regolamento informatico Premessa La progressiva diffusione delle nuove tecnologie informatiche ed, in particolare, il libero accesso alla rete Internet dai Personal Computer, espone Ismea ai rischi di

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM027002 - C.F. 91015270902 - tel. 0789/25420 Via A. Nanni - 07026 OLBIA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM027002 - C.F. 91015270902 - tel. 0789/25420 Via A. Nanni - 07026 OLBIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM027002 - C.F. 91015270902 - tel. 0789/25420 Via A. Nanni - 07026 OLBIA Circ n 6 Olbia, lì 18.09.2015 - Ai Docenti - Al DSGA - All Ufficio Amministrativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI LABORATORI E L UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE INFORMATICHE

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI LABORATORI E L UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE INFORMATICHE REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI LABORATORI E L UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE INFORMATICHE Ogni laboratorio di informatica avrà un regolamento secondo le esigenze: Scuola primaria via Guspini REGOLAMENTO DI

Dettagli

Norme sicurezza e procedure LABORATORIO DI FISICA

Norme sicurezza e procedure LABORATORIO DI FISICA ! Norme sicurezza e procedure LABORATORIO DI FISICA FIRME PRESA VISIONE LABORATORIO DI FISICA NORME DI SICUREZZA Premessa Nel laboratorio di fisica, per il particolare tipo di operazioni che vi si eseguono

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PIANO DELLE ATTIVITA PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO Scuola Materna, Elementare e Media di FORNO CANAVESE (TO) C.A.P. 10084 Via Aldo Moro, 9 Tel. 0124/7305 C.F. 95011170016 - e- mail TOIC84800C@ISTRUZIONE.IT AL DIRIGENTE SCOLASTICO dell

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

Multimediale e Informatico

Multimediale e Informatico M.I.U.R. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto d Istruzione Superiore U.Midossi Via F. Petrarca s.n.c. 01033 Civita Castellana (VT)

Dettagli

CIRCOLARE N. 20 OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. -

CIRCOLARE N. 20 OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. - REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "SALVATORE TODARO" Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) REGOLAMENTO IN MERITO AD OPERAZIONI DI PULIZIA E DI MANUTENZIONE DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI

liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) REGOLAMENTO IN MERITO AD OPERAZIONI DI PULIZIA E DI MANUTENZIONE DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) Prot. 1165/C5 Cles, 20/02/2012 Al personale Ata Collaboratori scolastici Al Fas Al RLS Pubblicato sito www.liceorussell.eu/ Area riservata docenti/sicurezza

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO E UTILIZZO DEI LABORATORI MULTIMEDIALI

REGOLAMENTO DI ACCESSO E UTILIZZO DEI LABORATORI MULTIMEDIALI REGOLAMENTO DI ACCESSO E UTILIZZO DEI LABORATORI MULTIMEDIALI (Art. 1) Individuazione dei laboratori Multimediali Il presente regolamento ha validità per le seguenti aule attrezzate, di seguito denominate

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI IN TUTTI I LOCALI SCOLASTICI E obbligo per tutto il personale: attenersi e far attenere gli alunni alle disposizioni ai fini della prevenzione e protezione individuale

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Gestione della Sicurezza nella Scuola 51

RISCHIO BIOLOGICO. Gestione della Sicurezza nella Scuola 51 RISCHIO BIOLOGICO Igiene : per garantire la salubrità ambientale è necessario che i pavimenti siano sistematicamente puliti e periodicamente disinfettati; le pareti ed i soffitti non devono ravvisare la

Dettagli

IS DIR - 08 ISTRUZIONE SICUREZZA COLLABORATORI. Elenco delle modifiche. Modifica del Pagina Descrizione modifica apportata. Per presa visione R.

IS DIR - 08 ISTRUZIONE SICUREZZA COLLABORATORI. Elenco delle modifiche. Modifica del Pagina Descrizione modifica apportata. Per presa visione R. IS DIR - 08 ISTRUZIONE SICUREZZA COLLABORATORI Emessa il Per presa visione R.L RSPP Direzione Elenco delle modifiche Modifica del Pagina Descrizione modifica apportata PR-08-Sicurezza-collaboratori.doc

Dettagli

Norme di Utilizzo dell Aula Informatica

Norme di Utilizzo dell Aula Informatica ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASTELLARANO Via Fuori Ponte 23 42014 Castellarano (RE) Tel. 0536 850113 Fax 0536 075506 www.iccastellarano.gov.it Norme di Utilizzo dell Aula Informatica 1. Componenti

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PRIVACY, SICUREZZA, MENSA

REGOLAMENTO D ISTITUTO PRIVACY, SICUREZZA, MENSA ISTITUTO COMPRENSIVO ROVIGO 1 Via della Costituzione, 6 45100 ROVIGO Tel. 0425/30600 Fax 0425/30726 Codice Fiscale 93027540298 Cod. Mecc. ROIC82000Q - e-mail: roic82000q@istruzione.it Sito web: www.icrovigo1.gov.it

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

Non è consentito ad estranei l utilizzo del laboratorio di informatica.

Non è consentito ad estranei l utilizzo del laboratorio di informatica. Il patrimonio strumentale presente nel laboratorio è un bene comune: come tale ogni utente è tenuto a rispettare le regole descritte per garantirne al meglio il funzionamento e l efficienza. Sarà inoltre

Dettagli

REGOLAMENTO DEI LABORATORI SCIENTIFICI

REGOLAMENTO DEI LABORATORI SCIENTIFICI REGOLAMENTO DEI LABORATORI SCIENTIFICI Norme di sicurezza e prevenzione degli infortuni nei laboratori Redatto dall insegnante Responsabile dei Laboratori per l'applicazione del T.U.81/2008 e del D.Lgs

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) UFFICIO TECNICO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26

Dettagli

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Milano Codice Ente 11123

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Milano Codice Ente 11123 COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Milano Codice Ente 11123 N. 30 Reg. Delib. G.C. Seduta del 17/03/2006 OGGETTO: REVISIONE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI PER L

Dettagli

Documento Programmatico sulla Sicurezza

Documento Programmatico sulla Sicurezza Prot.n. 2073/A2 Udine, 29/03/2012 Documento Programmatico sulla Sicurezza Redatto ai sensi e per gli effetti dell articolo 34. comma 1. lettera g) del D.Lgs. 196/2003 e del disciplinare tecnico (allegato

Dettagli

REGOLAMENTO AULA INFORMATICA

REGOLAMENTO AULA INFORMATICA REGOLAMENTO AULA INFORMATICA Le strumentazioni informatiche, la rete internet e la posta elettronica devono essere utilizzati dai docenti e dagli studenti unicamente come strumenti di lavoro e studio.

Dettagli

Regolamento laboratori e aule speciali

Regolamento laboratori e aule speciali Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PACIOLO-D ANNUNZIO LICEO CLASSICO LINGUISTICO SCIENTIFICO E TECNICO PER RAGIONIERI E GEOMETRI Via

Dettagli

Prot n.3739/a 35 S.Maria C.V.,1/06/2016. CIG:ZE31A25DE6 All Albo dell Istituto Comprensivo 2. di S. Maria C.V.

Prot n.3739/a 35 S.Maria C.V.,1/06/2016. CIG:ZE31A25DE6 All Albo dell Istituto Comprensivo 2. di S. Maria C.V. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA ISTITUTO COMPRENSIVO 2 RITA LEVI - MONTALCINI VIA AVEZZANA, 123-81055 - SANTA MARIA CAPUA VETERE

Dettagli

MEDIANTE LA CORRESPONSIONE PECUNIARIA DEI COSTI

MEDIANTE LA CORRESPONSIONE PECUNIARIA DEI COSTI REGOLAMENTO per l utilizzo delle LIM Premessa 1. Compiti dei Docenti 2. Compiti degli alunni 3. Divieti 4. Compiti del Referente 5. Compiti dei Collaboratori scolastici Premessa L Istituto Comprensivo

Dettagli

PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE

PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE Il D.S.G.A. dovrà produrre l Elenco delle Sostanze Utilizzate (prodotti per la pulizia, l igiene, ecc.). L originale del

Dettagli

Mansionario del trattamento dei dati

Mansionario del trattamento dei dati Allegato 9 Mansionario del trattamento dei dati CRITERI GENERALI DI COMPORTAMENTO E NORME PROCEDURALI In questo documento si forniscono alcune regole sulle modalità più convenienti per l attuazione delle

Dettagli

Regolamento dei registri elettronici di classe e del docente

Regolamento dei registri elettronici di classe e del docente Istituto Comprensivo Statale di Mazzano via Matteotti, 22-25080 Ciliverghe di Mazzano (BS) tel. e fax 030 21 20 929-030 21 26 036 email: ddmazzan@provincia.brescia.it PEC: bsic852002@pec.istruzione.it

Dettagli

AFP Linee guida SGSL. Scuola sicura La scuola può e deve diventare il luogo primo e prioritario in cui si insegna e si attua la prevenzione.

AFP Linee guida SGSL. Scuola sicura La scuola può e deve diventare il luogo primo e prioritario in cui si insegna e si attua la prevenzione. AFP Linee guida SGSL Scuola sicura La scuola può e deve diventare il luogo primo e prioritario in cui si insegna e si attua la prevenzione. Argomenti I rischi legati al luogo di lavoro DRONERO Emergenza

Dettagli

Il disciplinare tecnico viene pubblicato nell area riservata del sito della scuola

Il disciplinare tecnico viene pubblicato nell area riservata del sito della scuola - Visto il D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali ; - Visto il Regolamento emanato dal Ministero della Pubblica Istruzione con decreto 7 dicembre 2006 n 305; - Visto il provvedimento

Dettagli

SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE)

SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE) SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE) IDENTIFICAZIONE DEI PRODOTTI E DELLA SOCIETA Nome Commerciale Cod. 15933 TRI ACTION HEAT PROTECTIUM SERUM STYLE PERFETTO Descrizione del prodotto Fluido idratante protettivo

Dettagli

ALLEGATO N.5 PROCEDURE E PROTOCOLLI DI SICUREZZA NELL?USO DEI LABORATORI DI MICRO BIOLOGIA, SCIENZE DELLA TERRA E DI CHIMICA

ALLEGATO N.5 PROCEDURE E PROTOCOLLI DI SICUREZZA NELL?USO DEI LABORATORI DI MICRO BIOLOGIA, SCIENZE DELLA TERRA E DI CHIMICA D.LGS. 626/94 APPLICAZIONE DELLE NORME DI SICUREZZA ALLEGATO N.5 PROCEDURE E PROTOCOLLI DI SICUREZZA NELL?USO DEI LABORATORI DI MICRO BIOLOGIA, SCIENZE DELLA TERRA E DI CHIMICA PROCEDURE E PROTOCOLLI DI

Dettagli

Sede legale: Via Spalato, 87075 Trebisacce (CS) Tel. e Fax 0981 51725

Sede legale: Via Spalato, 87075 Trebisacce (CS) Tel. e Fax 0981 51725 1 Sede legale: Via Spalato, 87075 Trebisacce (CS) Tel. e Fax 0981 51725 TITOLO VI LABORATORI E BIBLIOTECA Capo I Disciplina comune a tutti i laboratori Art. 74 Laboratori dell Istituto L Istituto dispone

Dettagli

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo Pag. 1 di 7 Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo PREMESSA Questa nota e indirizzata al personale dipendente dell INFN e/o ad esso assimilato che

Dettagli

Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita

Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita Pag. 1 di 5 Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita Premessa Questa nota è indirizzata al personale, dipendente e/o associato, autorizzato

Dettagli

IDENTIFICAZIONE AZIENDA. FIGURE PREPOSTE ALLA SICUREZZA SUI LUGHI DI LAVORO (indicare solo se sono presenti)

IDENTIFICAZIONE AZIENDA. FIGURE PREPOSTE ALLA SICUREZZA SUI LUGHI DI LAVORO (indicare solo se sono presenti) IDENTIFICAZIONE AZIENDA Ragione Sociale Azienda Nome del Datore di lavoro/legale Rappresentante (identificato con chi ha il potere di spesa e decisionale) P.Iva Azienda Codica Fiscale Azienda Tel Azienda

Dettagli

della SICUREZZA per le IMPRESE di PULIZIE

della SICUREZZA per le IMPRESE di PULIZIE MANOLA ANGIOLI BARBARA LOGGINI A B C della SICUREZZA per le IMPRESE di PULIZIE Informazione dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 1 A B C della SICUREZZA per le Imprese di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL LABORATORIO DI FISICA a.s. 2014-15

REGOLAMENTO PER L USO DEL LABORATORIO DI FISICA a.s. 2014-15 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE MAX PLANCK REGOLAMENTO PER L USO DEL LABORATORIO DI FISICA a.s. 2014-15 Per tutti i DOCENTI che utilizzano il laboratorio: 1) Gli insegnanti cureranno che gli allievi

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO "Blaise Pascal"

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Blaise Pascal Circolare n. 36-2014 10-10-2014 Ai Collaboratori Scolastici Agli Assistenti Tecnici Ai preposti laboratori di Elettronica e Chimica p.c. Ai Docenti Al Direttore SGA Agli Assistenti Amministrativi Oggetto:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIRANDELLO Via S. Maria a Cintoia, 8-50142 FIRENZE Tel. 055781275-0557877596 fax 0557877148 C.F.

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIRANDELLO Via S. Maria a Cintoia, 8-50142 FIRENZE Tel. 055781275-0557877596 fax 0557877148 C.F. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIRANDELLO Via S. Maria a Cintoia, 8-50142 FIRENZE Tel. 055781275-0557877596 fax 0557877148 C.F.94135680489 REGOLAMENTO INTERNO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITA DI SVOLGIMENTO

Dettagli