REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA"

Transcript

1 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Roma - Prima Sezione nelle persone dei magistrati: Dott. Pasquale de Lise Dott. Carlo Modica de Mohac Dott. Roberto Caponigro Presidente Componente Componente, relatore ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n. 896 del 2006, proposto da ANIA, Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli Avv.ti Mario Sanino, Francesco Gianni, Piero Fattori e Antonio Lirosi ed elettivamente domiciliata presso lo studio legale Gianni, Origoni, Grippo & Partners in Roma, Via delle Quattro Fontane n. 20 contro Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in persona del Presidente in carica, rappresentata e difesa dall Avvocatura Generale dello Stato presso cui elettivamente domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 con intervento ad opponendum del CODACONS, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dall Avv. Carlo Rienzi, con domicilio eletto presso l Ufficio Legale Nazionale del Codacons in Roma, Viale Mazzini n. 73

2 per l annullamento del provvedimento n (I-626) adottato dall Autorità nell adunanza del 30 novembre 2005, notificato in data 12 dicembre 2005, con il quale l Autorità ha deliberato: a) che l Ania e le organizzazioni peritali Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale ( Aicis ), Sindacato Nazionale Autonomo Periti Industriali ( Snapi ), Sindacato Nazionale Periti Industriali Assicurativi ( Snapia ), Sindacato Nazionale Periti Infortunistica Stradale ( Snapis ), Unione Italiana Periti Assicurativi ( Uipa ) e Consiglio Nazionale Periti Industriali ( Cnpi ) hanno posto in essere un intesa volta alla definizione delle tariffe delle prestazioni peritali, in violazione dell art. 81 del Trattato CE; b) che l Ania ha posto in essere un ulteriore intesa restrittiva della concorrenza, attraverso una pluralità di condotte volte al mantenimento ed alla diffusione a favore delle imprese associate di uniformi parametri di costo per la determinazione dell entità dei risarcimenti per danni a cose, in violazione dell art. 81 del Trattato CE; c) che le Parti si astengano in futuro dal porre in essere intese del medesimo tenore di quelle indicate sub a); d) che l Ania ponga immediatamente termine ai comportamenti distorsivi della concorrenza di cui alla lett. b), interrompendo ogni attività di coordinamento a favore delle imprese associate relativamente alla determinazione dei parametri di costo, nonché assuma, secondo le modalità ritenute più idonee allo scopo, misure atte a porre termine 2

3 all illecito riscontrato, dando comunicazione delle misure adottate entro 60 giorni dalla notifica del provvedimento; e) che, in ragione della gravità dell infrazione di cui alla lett. a), è applicata ad Ania una sanzione amministrativa pecuniaria pari rispettivamente a ; f) che, in ragione della gravità dell infrazione di cui alla lett. b), ad Ania è applicata una sanzione amministrativa pecuniaria nella misura di , nonché di ogni altro atto presupposto, connesso e conseguente; sul ricorso n del 2006, proposto da AICIS Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli Avv.ti Stefano D Ercole, Nicola Palombi e Domenico Bonaccorsi di Patti ed elettivamente domiciliata presso lo studio del primo in Roma, Largo del Teatro Valle n. 6 contro Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in persona del Presidente in carica, rappresentata e difesa dall Avvocatura Generale dello Stato presso cui elettivamente domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 nonché ISVAP Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dall Avvocatura Generale dello Stato presso cui elettivamente domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 per l annullamento 3

4 della delibera dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, adottata nell adunanza del 30 novembre 2005, notificata in piego postale in data , a conclusione del procedimento n. I/626, con la quale è stato ritenuto che a) che l Ania Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici e le Associazioni peritali di seguito indicate: Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Industriali, Sindacato Nazionale Periti Industriali Assicurativi, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Infortunistica Stradale, Unione Italiana Periti Assicurativi e Consiglio Nazionale Periti Industriali, hanno posto in essere un intesa volta alla definizione delle tariffe delle prestazioni peritali, in violazione dell art. 81 del Trattato CE; e, conseguentemente, ordinato la cessazione dell attuazione e della continuazione delle infrazioni accertate, irrogando, nel contempo, una sanzione pecuniaria commisurata al fatturato di ciascun soggetto in relazione alla gravità e durata della condotta dalle stesse serbata, nonché di ogni altro atto anteriore o conseguente e, comunque, coordinato e/o connesso a quello di cui sopra; sul ricorso n del 2006, proposto da SNAPIA Sindacato Nazionale Periti Industriali Assicurativi in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dagli Avv.ti Stefano D Ercole, Nicola Palombi e Domenico Bonaccorsi di Patti ed elettivamente domiciliato presso lo studio del primo in Roma, Largo del Teatro Valle n. 6 contro 4

5 Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in persona del Presidente in carica, rappresentata e difesa dall Avvocatura Generale dello Stato presso cui elettivamente domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 nonché ISVAP Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dall Avvocatura Generale dello Stato presso cui elettivamente domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 per l annullamento della delibera dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, adottata nell adunanza del 30 novembre 2005, notificata in piego postale in data , a conclusione del procedimento n. I/626, con la quale è stato ritenuto che a) che l Ania Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici e le Associazioni peritali di seguito indicate: Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Industriali, Sindacato Nazionale Periti Industriali Assicurativi, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Infortunistica Stradale, Unione Italiana Periti Assicurativi e Consiglio Nazionale Periti Industriali, hanno posto in essere un intesa volta alla definizione delle tariffe delle prestazioni peritali, in violazione dell art. 81 del Trattato CE; e, conseguentemente, ordinato la cessazione dell attuazione e della continuazione delle infrazioni accertate, irrogando, nel contempo, una sanzione pecuniaria commisurata al fatturato di ciascun soggetto in relazione alla gravità e durata della condotta dalle stesse serbata, 5

6 nonché di ogni altro atto anteriore o conseguente e, comunque, coordinato e/o connesso a quello di cui sopra; sul ricorso n del 2006, proposto da SNAPI Sindacato Nazionale Autonomo Periti Industriali in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dagli Avv.ti Stefano D Ercole, Nicola Palombi e Domenico Bonaccorsi di Patti ed elettivamente domiciliato presso lo studio del primo in Roma, Largo del Teatro Valle n. 6 contro Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in persona del Presidente in carica, rappresentata e difesa dall Avvocatura Generale dello Stato presso cui elettivamente domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 nonché ISVAP Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dall Avvocatura Generale dello Stato presso cui elettivamente domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 per l annullamento della delibera dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, adottata nell adunanza del 30 novembre 2005, notificata in piego postale in data , a conclusione del procedimento n. I/626, con la quale è stato ritenuto che a) che l Ania Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici e le Associazioni peritali di seguito indicate: Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Industriali, Sindacato Nazionale Periti 6

7 Industriali Assicurativi, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Infortunistica Stradale, Unione Italiana Periti Assicurativi e Consiglio Nazionale Periti Industriali, hanno posto in essere un intesa volta alla definizione delle tariffe delle prestazioni peritali, in violazione dell art. 81 del Trattato CE; e, conseguentemente, ordinato la cessazione dell attuazione e della continuazione delle infrazioni accertate, irrogando, nel contempo, una sanzione pecuniaria commisurata al fatturato di ciascun soggetto in relazione alla gravità e durata della condotta dalle stesse serbata, nonché di ogni altro atto anteriore o conseguente e, comunque, coordinato e/o connesso a quello di cui sopra; sul ricorso n n. 2006, proposto da SNAPIS, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Infortunistica Stradale in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dagli Avv.ti Stefano D Ercole, Nicola Palombi e Domenico Bonaccorsi di Patti ed elettivamente domiciliato presso lo studio del primo in Roma, Largo del Teatro Valle n. 6 contro Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in persona del Presidente in carica, rappresentata e difesa dall Avvocatura Generale dello Stato presso cui elettivamente domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 nonché ISVAP Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dall Avvocatura Generale dello Stato presso cui elettivamente domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 7

8 per l annullamento della delibera dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, adottata nell adunanza del 30 novembre 2005, notificata in piego postale in data , a conclusione del procedimento n. I/626, con la quale è stato ritenuto che a) che l Ania Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici e le Associazioni peritali di seguito indicate: Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Industriali, Sindacato Nazionale Periti Industriali Assicurativi, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Infortunistica Stradale, Unione Italiana Periti Assicurativi e Consiglio Nazionale Periti Industriali, hanno posto in essere un intesa volta alla definizione delle tariffe delle prestazioni peritali, in violazione dell art. 81 del Trattato CE; e, conseguentemente, ordinato la cessazione dell attuazione e della continuazione delle infrazioni accertate, irrogando, nel contempo, una sanzione pecuniaria commisurata al fatturato di ciascun soggetto in relazione alla gravità e durata della condotta dalle stesse serbata, nonché di ogni altro atto anteriore o conseguente e, comunque, coordinato e/o connesso a quello di cui sopra; e sul ricorso n del 2006, proposto da Editoriale Domus S.p.A. in persona del Presidente del Consiglio di Amministrazione, rappresentata e difesa agli Avv.ti Andrea Guarino, Fabio Merusi e Teodoro E. Dalavecuras ed elettivamente domiciliata presso i primi due in Roma, Piazza Borghese n. 3 (studio Guarino & Merusi) contro 8

9 Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in persona del Presidente in carica, rappresentata e difesa dall Avvocatura Generale dello Stato presso ope legis domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 nonché ANIA, Federperiti, Presidenza del Consiglio dei Ministri, AICIS, SNAPI, SNAPIA, SNAPIS, UIPA, CNPI, ISVAP, Fondiaria SAI S.p.A., in persona dei rispettivi legali rappresentanti pro tempore, non costituiti. Visti i ricorsi con i relativi allegati; Visti gli atti di costituzione in giudizio dell Avvocatura Generale dello Stato; Visto l atto di intervento ad opponendum del Codacons nel ricorso n. 896/2006; Viste le memorie prodotte dalle parti a sostegno delle rispettive difese; Visti gli atti tutti della causa; Uditi alla pubblica udienza del 22 marzo giudice relatore il dott. Roberto Caponigro gli avv.ti Mario Sanino e Piero Fattori per l Ania, l avv. Stefano D Ercole per Aicis, Snapia, Snapi e Snapis, gli avv.ti Andrea Guarino e Teodoro Dalavecuras per la Editoriale Domus S.p.A., l avv. Danilo Del Gaizo per l Avvocatura Generale dello Stato e l avv. Stefania Ammiraglia, su delega dell avv. Calo Rienzi, per il Codacons; Ritenuto in fatto e considerato in diritto quanto segue: FATTO L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con l impugnato provvedimento adottato nell adunanza del 30 novembre 2005, ha deliberato che: 9

10 a) l Ania - Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici e le Associazioni peritali di seguito indicate: Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Industriali, Sindacato Nazionale Periti Industriali Assicurativi, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Infortunistica Stradale, Unione Italiana Periti Assicurativi e Consiglio Nazionale Periti Industriali, hanno posto in essere un intesa volta alla definizione delle tariffe delle prestazioni peritali, in violazione dell art. 81 del Trattato CE; b) l Ania - Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici ha posto in essere un ulteriore intesa restrittiva della concorrenza, attraverso una pluralità di condotte volte al mantenimento ed alla diffusione a favore delle imprese associate di uniformi parametri di costo per la determinazione dell entità dei risarcimenti per danni a cose, in violazione dell art. 81 del Trattato CE; c) l Ania - Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici e le Associazioni peritali Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Industriali, Sindacato Nazionale Periti Industriali Assicurativi, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Infortunistica Stradale, Unione Italiana Periti Assicurativi e Consiglio Nazionale Periti Industriali, si astengano in futuro dal porre in essere intese del medesimo tenore di quelle indicate sub a); d) l Ania - Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici ponga immediatamente termine ai comportamenti distorsivi della concorrenza di cui alla lett. b), interrompendo ogni attività di coordinamento a favore 10

11 delle imprese associate relativamente alla determinazione dei parametri di costo; assuma, secondo le modalità ritenute più idonee allo scopo, e nei limiti esposti in motivazione, misure atte a porre termine all illecito riscontrato; dia comunicazione all Autorità delle misure a tal fine adottate, entro 90 giorni dalla notifica del provvedimento; e) in ragione della gravità dell infrazione di cui alla lett. a), è applicata una sanzione amministrativa pecuniaria pari a: per Ania euro; per Aicis euro; per Snapis euro; per Cnpi 800 euro; f) in ragione della gravità dell infrazione di cui alla lett. b), ad Ania Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici è applicata una sanzione amministrativa pecuniaria nella misura di euro. Avverso detto provvedimento sono stati proposti i sei ricorsi di cui alla presente sentenza. L Ania ha proposto il ricorso n. 896/2006, articolato nei seguenti motivi: 1. Sull erronea prospettiva di analisi adottata nel provvedimento. Violazione e falsa applicazione dell art. 81 del Trattato CE, violazione e falsa applicazione dell art. 3 della L. 241/1990. Eccesso di potere in tutte le sue figure sintomatiche, ed in particolare illogicità e contraddittorietà manifesta, difetto di istruttoria e di motivazione, manifesta irragionevolezza ed ingiustizia, sviamento e perplessità. 11

12 Le assicurazioni italiane, non disponendo di informazioni sui potenziali destinatari della prestazione e potendo orientare solo i comportamenti dei propri assicurati ma non certo quelli degli altri soggetti coinvolti nella fase di liquidazione, avrebbero adottato meccanismi informativi tali da agevolare l attività dei periti nella stima del danno. Le imprese assicurative avrebbero tutto l interesse a definire in maniera tempestiva e non conflittuale i rapporti con carrozzieri e periti ed i sinistri in genere, ricorrendo a meccanismi acceleratori onde evitare i costi che derivano dal contenzioso e dal prolungarsi delle procedure di liquidazione. L Autorità si sarebbe limitata ad enfatizzare il peso che il preteso aumento dei costi dei risarcimenti dei danni a cose derivante dall applicazione dei parametri comuni previsto dal cessato accordo Ania/carrozzieri avrebbe avuto sull incremento anomalo dei premi registrato nel mercato assicurativo italiano a seguito della liberalizzazione, ma in nessun modo emergerebbe un nesso causale tra la pretesa condotta collusiva imputata ad Ania e l andamento dei costi e dei premi. La generica correlazione tra costi e premi sembrerebbe del tutto inidonea a sostenere la finalità anticoncorrenziale del comportamento dell Ania e, d altra parte, l Isvap, nel proprio parere, non avrebbe evidenziato alcun nesso stringente di diretta causalità tra l aumento dei costi dei danni a cose e l andamento dei premi. Nel contesto di un sistema assicurativo basato sull indennizzo indiretto, la ricerca di standard obiettivi per la valutazione dei danni ai veicoli sarebbe volta esclusivamente a garantire un efficace e tempestivo processo liquidativo che consenta di soddisfare le richieste del 12

13 danneggiato, ripristinando la situazione precedente al danneggiamento, senza andare incontro ad ulteriori e più ingenti spese. Il preteso interesse dell Ania a mantenere artificialmente elevati i costi dei risarcimenti rispetto ai livelli di mercato sfuggirebbe ad ogni logica economica. L esistenza di una notevole variabilità dell offerta, indice di una concorrenza a valle, smentirebbe ulteriormente la tesi dell amministrazione, sicché il provvedimento sarebbe viziato da un impostazione di fondo illogica e priva di adeguati supporti probatori e, con riferimento alla valutazione della presunta uniformazione dei costi dei risarcimenti, in contraddizione sia con le precedenti analisi dei meccanismi di funzionamento del mercato RC auto svolte dalla stessa Autorità sia con le valutazioni dell Isvap. 2. Sull accordo per la fissazione delle tariffe relative alle prestazioni peritali (lett. a) nel dispositivo del provvedimento). a. Sull insussistenza dei presupposti di applicabilità dell art. 81 del Trattato CE: inidoneità dell accordo a pregiudicare il commercio intracomunitario. Violazione e falsa applicazione degli artt. 10 e 81 del Trattato Ce, violazione e falsa applicazione dell art. 3 della L. 241/1990, eccesso di potere in tutte le sue figure sintomatiche ed in particolare illogicità e contraddittorietà manifesta, difetto di istruttoria e di motivazione, manifesta irragionevolezza ed ingiustizia, sviamento e perplessità. Nell accordo con i periti si accerta la sussistenza del criterio del pregiudizio, nonostante in esso non sarebbe ravvisabile alcuna misura in grado, anche solo potenzialmente, di escludere i concorrenti di altri 13

14 Stati membri. Anche ad ammettere che i servizi peritali possano essere forniti da cittadini europei, ciò non sarebbe di per sé sufficiente ad attribuire carattere transfrontaliero all intesa contestata, occorrendo dimostrare che sia proprio il tenore delle condizioni tariffarie previste a costituire un fattore d importanza determinante ai fini della scelta di stabilirsi o meno nel paese considerato e tale analisi sarebbe carente nel provvedimento. In definitiva, non sarebbe applicabile l art. 81 del Trattato CE. b. Sulla copertura normativa: legge n. 166/92. Violazione e falsa applicazione dell art. 14, co. 2, L. 166/1992. Eccesso di potere in tutte le sue figure sintomatiche ed in particolare falsità di presupposti, difetto di istruttoria e di motivazione, confusione e perplessità, sviamento. L Ania avrebbe operato nell ambito di una specifica copertura normativa. In particolare, l art. 14, co. 2, della L. 166/1992 avrebbe prescritto l obbligo di fissazione congiunta dei prezzi da parte delle associazioni di categoria. Le tariffe concordate con i periti, inoltre, avrebbero avuto valore di puro riferimento per le compagnie assicurative, libere di rispettare o disattendere i profili stabiliti a livello nazionale. Il Consiglio di Stato, con parere del 1 luglio 1999, aveva confermato la piena liceità e conformità della L. 166/1992 con la disciplina antitrust. c. Sul mancato accertamento da parte dell Autorità della portata anticompetitiva dell accordo. 14

15 Violazione e falsa applicazione dell art. 81 del Trattato CE. Violazione dell art. 3 L. 241/1990. Eccesso di potere in tutte le sue forme sintomatiche e, in particolare, difetto di istruttoria, illogicità manifesta. L Autorità non avrebbe dimostrato la pretesa portata anticoncorrenziale delle previsioni in discorso, limitandosi a qualificare aprioristicamente l accordo alla stregua di un cartello di prezzi senza compiere alcun esame dell oggetto delle pattuizioni e degli effetti da esse prodotti nel mercato dei servizi di perizia assicurativa. Sarebbe irrealistico postulare che l Ania, i cui comportamenti sono espressione della volontà collettiva dell associazione, abbia agito in danno delle proprie aderenti fissando scientemente tariffe più elevate rispetto ai livelli di mercato. 3. Sul presunto coordinamento sui parametri di valutazione del danno (lett. b) nel dispositivo del provvedimento). a. Sul difetto di contestazione e contraddittorio. Violazione e falsa applicazione dell art. 14 della L. 287/1990, degli artt. 6, co. 3 e 14, del D.P.R. 217/1998 e della L. 241/1990. Violazione dei principi generali in materia di contestazione degli addebiti e rispetto del principio del contraddittorio. Eccesso di potere in tutte le sue figure sintomatiche; in particolare illogicità e contraddittorietà manifesta, difetto d istruttoria e di motivazione, manifesta irragionevolezza ed ingiustizia, sviamento e perplessità. La comunicazione delle risultanze istruttorie non si sarebbe limitata a precisare gli addebiti già formulati nella comunicazione di avvio, ma avrebbe identificato una nuova intesa restrittiva della concorrenza, 15

16 l uniformazione dei criteri di indennizzo, della cui qualificazione giuridica sarebbe stato del tutto sprovvisto il provvedimento di apertura dell istruttoria. Ciò in palese violazione dell art. 6, co. 3, del D.P.R. 217/1998, secondo cui la decisione di avviare l istruttoria dovrebbe contenere tutti gli elementi essenziali in merito alle presunte violazioni, ai fini del corretto esercizio del diritto di difesa degli interessati. L Autorità avrebbe operato un illegittima estensione dell oggetto di indagine compromettendo lo sviluppo di un corretto e completo contraddittorio, privando Ania del diritto ad un pieno esercizio delle proprie difese nel corso del procedimento. b. Sul coordinamento sui costi dei risarcimenti per danni a cose: insussistenza dei presupposti di applicabilità dell art. 81 del Trattato CE. Violazione e falsa applicazione dell art. 81 del Trattato CE. Eccesso di potere in tutte le figure sintomatiche ed in particolare falsità dei presupposti, travisamento dei fatti, difetto di istruttoria. L Autorità avrebbe travisato l effettivo scopo della presunta intesa riconducendo la definizione di comuni criteri di indennizzo ad una scelta escogitata dall Ania per finalità anticoncorrenziali, laddove i prezziari ed i tempari costituiscono ordinari strumenti di lavoro per un corretto svolgimento delle attività di accertamento, stima e riparazione dei danni ai veicoli ed oggettivamente connaturati, in un sistema di indennizzo indiretto, all efficienza dei meccanismi risarcitori. Il provvedimento si limiterebbe ad enunciare il teorema secondo cui l Ania avrebbe uniformato i criteri di accertamento dei danni per impedire un confronto competitivo sul versante delle tariffe, ma 16

17 trascurerebbe ogni sia pur minimo accertamento dei pretesi effetti restrittivi derivanti dal ricorso ai suddetti parametri di riferimento sulle dinamiche concorrenziali del mercato Rc auto e, in particolare, sull andamento delle tariffe praticate dalle imprese assicurative. I carrozzieri ed i periti, in assenza di parametri certi e predeterminati per la quantificazione dei danni potrebbero far lievitare i propri compensi in modo discrezionale ed arbitrario, causando dei pesanti aggravi di costo per i bilanci dei gruppi assicurativi, sicché la previsione di procedure e criteri riconosciuti quali validi dalla generalità del mercato sarebbe stata finalizzata a fronteggiare comportamenti cc.dd. di moral hazard, garantendo una liquidazione il più efficiente e tempestiva possibile con conseguente maggiore controllo dei costi. Non sarebbe realistico ipotizzare che una compagnia assicurativa di piccole o medie dimensioni possa riuscire, nella contrattazione con le organizzazioni dei carrozzieri, ad ottenere prezzi inferiori a quelli concordati dall Associazione a livello nazionale. Nel provvedimento sarebbero arbitrariamente accorpate in un unica strategia anticoncorrenziale condotte che, per caratteristiche, finalità ed effetti, divergerebbero totalmente tra di loro. Gli operatori del settore, anche disponendo di prezziari più completi, non potrebbero comunque arrivare ad una massimizzazione dell utilizzo dei ricambi di natura equivalente e ad una effettiva riduzione dei costi, atteso l incomprimibile diritto dell interessato a richiedere un indennizzo monetario o, in caso di riparazione, il ripristino del veicolo 17

18 allo status quo ante. Le misure operative indicate dall Ania sarebbero state finalizzate a garantire un contenimento dei costi ed una maggiore efficienza dei processi liquidativi. I comportamenti dell Ania, se letti nel reale contesto di riferimento, apparirebbero pienamente giustificati e smentirebbero l esistenza di qualsiasi strategia di tipo collusivo. c. Sulla natura pro-concorrenziale della cessione del ramo di azienda Ed. Ass. ad Ed. Domus. Violazione e falsa applicazione dell art. 81 del Trattato CE. Eccesso di potere in tutte le figure sintomatiche ed in particolare falsità dei presupposti, travisamento dei fatti, difetto di istruttoria. La correttezza della cessione dell attività di produzione e diffusione delle banche dati, prezziari e tempari a Ed. Domus emergerebbe dal fatto che quest ultimo, editore del periodico Quattroruote sin dal 1956, è un soggetto professionale indipendente, leader del settore ed altamente specializzato in tutte le tematiche che riguardano l universo auto e l individuazione di tale cessionario sarebbe stata dettata dall esigenza di individuare un ente super partes. La previsione del mantenimento da parte di Ed. Domus delle medesime codifiche standard in una fase transitoria sarebbe stato funzionale a rispondere alle esigenze di gestione dei sistemi informatici, assicurando un graduale passaggio dal sistema preesistente a quello di recente introduzione. In definitiva, l Ania avrebbe provveduto a cedere il ramo di azienda ad un soggetto terzo ed indipendente, in potenziale concorrenza con altri 18

19 operatori, astraendosi dal presunto ruolo di indirizzo nella definizione dei meccanismi per la quantificazione dei danni adottati dalle imprese ed assicurando semplicemente l operatività tecnica delle attività cedute. 4. Sulla difformità dal parere dell Isvap. Violazione e falsa applicazione dell art. 3 della L. 241/1990. Eccesso di potere in tutte le sue figure sintomatiche ed in particolare illogicità e contraddittorietà manifesta, difetto di motivazione, manifesta irragionevolezza ed ingiustizia, sviamento e perplessità. Sarebbe particolarmente significativo che l Isvap non abbia condiviso su un piano sostanziale la ricostruzione dell Autorità proprio con riferimento ad elementi attinenti al funzionamento del sistema assicurativo ed alla tutela degli assicurati, vale a dire alla sfera di competenza propria dell Isvap. A fronte delle valutazioni dell Isvap sarebbe stato necessario che l Autorità valutasse la portata anticoncorrenziale delle due intese in relazione all esistenza di un sistema risarcitorio di indennizzo indiretto ed accertasse in concreto, attraverso un istruttoria di maggiore spessore, gli effetti dell accordo Ania/periti sulle tariffe per le prestazioni peritali sul mercato dei servizi di perizia assicurativa, nonché gli effetti della asserita concertazione imputata all Ania successivamente alla disdetta dell accordo Ania/carrozzieri sui parametri di costo per la definizione degli indennizzi ed i conseguenti riflessi sul mercato RC auto, laddove nel provvedimento non vi sarebbe traccia della concreta e specifica verifica di tali effetti. 5. Sulle sanzioni. 19

20 Violazione e falsa applicazione degli artt. 1, co. 4, 15 e 31 della L. 287/1990. Violazione e falsa applicazione degli artt. 11 e 23 della L. 689/1981. Violazione e falsa applicazione dell art. 3 della L. 241/1990. Eccesso di potere in tutte le sue figure sintomatiche ed in particolare difetto di motivazione, illogicità manifesta. Il riscontro dei presupposti di gravità e durata della fattispecie non sembrerebbe in alcun modo condivisibile, costituendo l inevitabile riflesso, sul versante sanzionatorio, dei vizi che inficiano l accertamento dell intesa. Il fatturato su cui sono state commisurate le due sanzioni non sarebbe stato correttamente determinato. In particolare, nella base per la sanzione, sarebbero stati indebitamente inclusi anche i fatturati della Fondazione Ania e dell IRSA. Per quanto riguarda l accordo Ania/periti, anche a voler ritenere che l art. 14, co. 2, della L. 166/1992 abbia semplicemente favorito l accordo invece di fornire una copertura normativa escludente ogni responsabilità delle imprese, la riconduzione a fini sanzionatori alla categoria delle infrazioni più gravi, alla stregua di una normale intesa sui prezzi, sarebbe infondata. L eventuale imposizione della sanzione, in relazione all accordo Ania/periti, sarebbe dovuta essere contenuta ad un livello simbolico, considerato il significativo grado di incertezza giuridica rilevato dall Autorità. Per quanto riguarda l intesa volta all uniformazione dei criteri di determinazione dell ammontare dei risarcimenti, l Autorità si sarebbe limitata a definire l attività di coordinamento sui parametri di 20

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Roma - Prima Sezione nelle persone dei Magistrati: Dott. Giorgio Giovannini Dott. Antonino Savo Amodio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Roma - Prima Sezione nelle persone dei Magistrati: Dott. Giorgio Giovannini Dott. Antonino Savo Amodio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO SEZIONE TERZA QUATER SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO SEZIONE TERZA QUATER SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO SEZIONE TERZA QUATER ha pronunciato la seguente SENTENZA sui ricorsi riuniti n. 9338 e n. 9505 del 2005 proposti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO. SEZIONE SECONDA ter S E N T E N Z A

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO. SEZIONE SECONDA ter S E N T E N Z A Fonte: www.giustizia-amministrativa.it REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO SEZIONE SECONDA ter Composto dai magistrati Roberto SCOGNAMIGLIO

Dettagli

N. 05916/2009 REG.SEN. N. 01525/2009 REG.RIC.

N. 05916/2009 REG.SEN. N. 01525/2009 REG.RIC. N. 05916/2009 REG.SEN. N. 01525/2009 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA Sul

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Roma - Prima Sezione nelle persone dei Magistrati: Dott. Giorgio Giovannini Dott. Antonino Savo Amodio

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente 1 di 16 x86) 09/04/2015 14:06 N. 02688/2015 REG.PROV.COLL. N. 00193/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA PUGLIA (SEZIONE PRIMA) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA PUGLIA (SEZIONE PRIMA) ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA PUGLIA (SEZIONE PRIMA) ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso numero di registro generale (Omissis)

Dettagli

Rifiuti Novità - Rapporti obbligatori derivanti da negozi- Giurisdizione esclusiva A.G.A. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Rifiuti Novità - Rapporti obbligatori derivanti da negozi- Giurisdizione esclusiva A.G.A. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO T.A.R. Lazio, Roma, sez. I, 01.04.09, n. 3482 Rifiuti Novità - Rapporti obbligatori derivanti da negozi- Giurisdizione esclusiva A.G.A. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 01648/2014 REG.PROV.COLL. N. 02724/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza) SENTENZA N. 32138/2010 REG.SEN. N. 03957/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 07836/2013 REG.PROV.COLL. N. 00203/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima) ha pronunciato la

Dettagli

N. 01262/2014 REG.PROV.COLL. N. 00941/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 01262/2014 REG.PROV.COLL. N. 00941/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 01262/2014 REG.PROV.COLL. N. 00941/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Seconda) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Seconda) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. II, 19 febbraio 2014, n. 497 Edilizia e urbanistica - Legittimità annullamento DIA per impianto di cogenerazione non conforme allo strumento urbanistico. REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Ter) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Ter) SENTENZA N. 10269/2012 REG.PROV.COLL. N. 08214/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Ter) ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia. (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia. (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente N. 01730/2012 REG.PROV.COLL. N. 00698/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DELLA CAMPANIA NAPO- LI PRIMA SEZIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DELLA CAMPANIA NAPO- LI PRIMA SEZIONE T.A.R. Campania, Napoli, sez. I, 09.07.07, n. 6603 Pres.Guida Appalti e servizi pubblici Appalti pubblici - Principio di necessaria separazione dell'offerta tecnica da quella economica - Gare d'appalto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N. Reg. dec. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. Reg. ric.

REPUBBLICA ITALIANA N. Reg. dec. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. Reg. ric. REPUBBLICA ITALIANA N. Reg. dec. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. Reg. ric. IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO ANNO 2008 ha pronunciato la seguente (Sezione II quater) SENTENZA sul ricorso n.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio- Sede di Roma. -Sezione III quater SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio- Sede di Roma. -Sezione III quater SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio- Sede di Roma -Sezione III quater composto dai seguenti magistrati: Dr. Mario Di Giuseppe Dr. Linda Sandulli

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) N. 03963/2015 REG.PROV.COLL. N. 02235/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Quater) ha pronunciato la presente

Dettagli

Consiglio di Stato n. 5169 del 20/10/2014

Consiglio di Stato n. 5169 del 20/10/2014 MASSIMA Inoltre (ed è considerazione decisiva), la contestazione delle specifiche clausole della gara avrebbe postulato la presentazione della domanda di partecipazione da parte della ricorrente, poiché

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte 2^ Sezione ha pronunciato la seguente

REPUBBLICA ITALIANA. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte 2^ Sezione ha pronunciato la seguente TAR Piemonte, Sez. II, Sentenza n. 1180 del 10 marzo 2007 Nel concorso per titoli ed esami indetto dalla ASL per la copertura di un posto di dirigente medico, la mancata predeterminazione dei criteri di

Dettagli

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) SENTENZA

Dettagli

Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA

Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 Svolgimento del processo La Corte d'appello di Milano, in riforma della sentenza di primo grado (che aveva dichiarato illegittimo il licenziamento

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia. sezione staccata di Catania (Sezione Terza) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia. sezione staccata di Catania (Sezione Terza) SENTENZA Page 1 of 10 N. 02565/2011 REG.PROV.COLL. N. 00573/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Scuola Forense Vittorio Emanuele Orlando

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Scuola Forense Vittorio Emanuele Orlando Il ricorso per annullamento di atti, quale tipico ricorso giurisdizionale amministrativo, consta di quattro parti essenziali, oltre accessori ed eventuali: intestazione dell atto, premessa di fatto, motivi

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna. (Sezione Prima) SENTENZA. contro. per l'annullamento

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna. (Sezione Prima) SENTENZA. contro. per l'annullamento N. 00720/2014 REG.PROV.COLL. N. 00202/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. Reg. Sent. Anno 200 IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO N. Reg. Ric. - SEZIONE II^ - composto dai Signori: CONS. DOTT. LUIGI TOSTI, PRESIDENTE;

Dettagli

TAR Lazio, sez. I, 22/5/2008 n. 4820

TAR Lazio, sez. I, 22/5/2008 n. 4820 TAR Lazio, sez. I, 22/5/2008 n. 4820 Si applica l istituto dell avvalimento anche nel caso in cui il bando di gara non lo preveda. La mancanza nel bando di gara di una previsione volta a consentire l avvalimento

Dettagli

TAR LAZIO sentenza n. 14481/2004

TAR LAZIO sentenza n. 14481/2004 SENTENZE IN SANITÀ TAR LAZIO TAR LAZIO sentenza n. 14481/2004 Non vi sono norme di legge che menzionano tra i motivi di incompatibilità o di esclusione da scuole di specializzazione il possesso di altre

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 6 N. 10119/2014 REG.PROV.COLL. N. 19506/2000 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Bis)

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO Sezione Seconda ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A sul ricorso n.8641/2002 proposto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana D E C I S I O N E

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana D E C I S I O N E REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana N. 693/02 Reg.Dec. N. 1103 Reg.Ric. ANNO 2002 in sede giurisdizionale ha pronunciato la

Dettagli

del Comune di Folignano al risarcimento del danno arrecato dall atto impugnato.

del Comune di Folignano al risarcimento del danno arrecato dall atto impugnato. La responsabilità patrimoniale della pubblica Amministrazione conseguente all adozione di provvedimenti illegittimi deve essere inserita nel sistema delineato dagli articoli 2043 e seguenti del codice

Dettagli

S E N T E N Z A. sul ricorso n. 1708 del 2006, integrato da motivi aggiunti, proposto

S E N T E N Z A. sul ricorso n. 1708 del 2006, integrato da motivi aggiunti, proposto REPUBBLICA ITALIANA N. 2768 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Reg. Sent. 2007 IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA PUGLIA N. 1708 Sede di Bari - Sezione Prima Reg. Ric. 2006 ha pronunciato la seguente

Dettagli

Ordine di demolizione di opere abusive del giudice penale

Ordine di demolizione di opere abusive del giudice penale Ordine di demolizione di opere abusive del giudice penale CONSIGLIO DI STATO, SEZ. VI sentenza 24 novembre 2015 n. 5324 (sull insussistenza dell obbligo per il Comune di eseguire in via amministrativa

Dettagli

Anno IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE N. Reg.Ric. PER IL LAZIO - SEZIONE II ter. Anno composto dai signori

Anno IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE N. Reg.Ric. PER IL LAZIO - SEZIONE II ter. Anno composto dai signori REPUBBLICA ITALIANA N. Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE N. Reg.Ric. PER IL LAZIO - SEZIONE II ter Anno composto dai signori Michele Perrelli PRESIDENTE Germana

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO. (Sezione Seconda Ter) ha pronunciato la seguente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO. (Sezione Seconda Ter) ha pronunciato la seguente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO (Sezione Seconda Ter) ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n. 7485/2007 proposto da Ecologica

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 03461/2015 REG.PROV.COLL. N. 12868/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima Ter) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Bis) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Bis) SENTENZA N. 10661/2015 REG.PROV.COLL. N. 01760/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Bis) ha pronunciato

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 01083/2012 REG.PROV.COLL. N. 00113/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE - sul ricorso in opposizione di terzo n. 6540/07, proposto

Dettagli

N. 00047/2014 REG.PROV.COLL. N. 01496/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 00047/2014 REG.PROV.COLL. N. 01496/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 00047/2014 REG.PROV.COLL. N. 01496/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

TAR LAZIO: LE PARAFARMACIE POSSONO USARE INSEGNE DIVERSE DALLA CROCE VERDE

TAR LAZIO: LE PARAFARMACIE POSSONO USARE INSEGNE DIVERSE DALLA CROCE VERDE TAR LAZIO: LE PARAFARMACIE POSSONO USARE INSEGNE DIVERSE DALLA CROCE VERDE Avv. Monica Lupo Pochi giorni fa il TAR del Lazio si è pronunciato con sentenza in merito alle insegne luminose che le parafarmacie

Dettagli

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. - Sezione Terza Tercomposto SENTENZA

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. - Sezione Terza Tercomposto SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Sent. n. R.G. 33/05 - Sezione Terza Tercomposto dai signori magistrati: Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Dott. Francesco Corsaro Dott.

Dettagli

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno.

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno. PER POSTA ELETTRONICA Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 luglio 2009 Direzione Centrale Accertamento Alle Direzioni regionali Alle Direzioni provinciali Agli Uffici locali e, p. c., All

Dettagli

N. 00093/2011 REG.PROV.COLL. N. 00525/2010 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 00093/2011 REG.PROV.COLL. N. 00525/2010 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 00093/2011 REG.PROV.COLL. N. 00525/2010 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia Lecce - Sezione Prima ha pronunciato la presente

Dettagli

Camera dei Deputati Commissioni VI Finanze e X Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati Commissioni VI Finanze e X Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati Commissioni VI Finanze e X Attività produttive, commercio e turismo AC 1920 Conversione in legge del decreto legge 23 dicembre 2013, n. 145, recante Interventi urgenti di avvio del

Dettagli

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI OGGETTO: RICORSO AVVERSO ACCERTAMENTO DI INFRAZIONE VERBALE N / DEL VEICOLO TARG. I sottoscritti: - nato a NAPOLI il / /, C.F. e residente in alla VIA n, nella qualità di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE N.2761/2008 Reg.Dec. N.6575 Reg.Ric. ANNO 2003 Disp.vo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N. 506/07 Reg.Dec. N. 3974 Reg.Ric. ANNO 2001 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Sicilia, Sede di

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Sicilia, Sede di REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Sicilia, Sede di N. 843/05 Reg. Sent. N. 4742/2004 R.G. Palermo, Sezione Seconda, ha pronunciato la seguente

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato DECISIONE R E P U B B L I C A I T A L I A N A N.294/2008 Reg. Dec. N. 6113 Reg. Ric. Anno 2005 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la seguente

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano LA CORTE DEI CONTI. Sezione Giurisdizionale per la Regione Lazio SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano LA CORTE DEI CONTI. Sezione Giurisdizionale per la Regione Lazio SENTENZA Sentenza n. 672/2013 REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano LA CORTE DEI CONTI Sezione Giurisdizionale per la Regione Lazio composta dai seguenti magistrati: DE MUSSO Ivan MAIO Giuseppina RONDONI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.1520/2007 Reg.Dec. N. 6378 Reg.Ric. ANNO 2002 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

regolarizzazione delle domande e delle offerte che siano prive dei requisiti richiesti dalla legge o dal bando.

regolarizzazione delle domande e delle offerte che siano prive dei requisiti richiesti dalla legge o dal bando. MASSIMA L art. 46, comma 1-bis, del codice dei contratti pubblici, introdotto dall art. 4, comma 2, lettera d), del decreto legge n. 70/2011, prevede la tassatività delle cause di esclusione dalla procedura

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Ud. 18/10/12 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO R.G.N. 14094/2008 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.

REPUBBLICA ITALIANA Ud. 18/10/12 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO R.G.N. 14094/2008 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill. REPUBBLICA ITALIANA Ud. 18/10/12 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO R.G.N. 14094/2008 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. DE RENZIS Alessandro - Presidente

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Bis) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Bis) SENTENZA N. 09478/2013 REG.PROV.COLL. N. 01472/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Bis) ha pronunciato

Dettagli

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto Redditi percepiti per lo svolgimento di attività connesse all esercizio della libera professione.sono soggetti alla imposizione contributiva delle Casse di previdenza Corte di Cassazione Sentenza n. 14684/2012

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 01148/2012 REG.PROV.COLL. N. 00968/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n.

Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n. Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n. 19200 ) La lesione di un interesse legittimo, al pari di quella di

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Ter) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Ter) SENTENZA N. 05619/2010 REG.SEN. N. 00818/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio ha pronunciato la presente (Sezione Seconda

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione III, SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione III, SENTENZA R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione III, composto dai Signori: Stefano Baccarini Germana Panzironi Giulia Ferrari

Dettagli

N. 05088/2013 REG.PROV.COLL. N. 00983/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 05088/2013 REG.PROV.COLL. N. 00983/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 05088/2013 REG.PROV.COLL. N. 00983/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

n. 973/07 Reg. Sent. Fonte: www.giustizia-amministrativa.it

n. 973/07 Reg. Sent. Fonte: www.giustizia-amministrativa.it n. 973/07 Reg. Sent. Fonte: www.giustizia-amministrativa.it REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DELLA CAMPANIA - NAPOLI PRIMA SEZIONE composto dai Magistrati:

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza) SENTENZA. contro

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza) SENTENZA. contro N. 07672/2013 REG.PROV.COLL. N. 09356/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) ha pronunciato la

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 01103/2013 REG.PROV.COLL. N. 00417/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania sezione staccata di Salerno (Sezione

Dettagli

Esame di Stato non ammissione mancata attivazione dei corsi di recupero da parte della scuola irrilevanza.

Esame di Stato non ammissione mancata attivazione dei corsi di recupero da parte della scuola irrilevanza. Esame di Stato non ammissione mancata attivazione dei corsi di recupero da parte della scuola irrilevanza. I giudizi di non ammissione degli alunni alla classe successiva espressi dal personale docente

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Michele Maccarone Prof.ssa Avv. Maddalena Rabitti Membro designato dalla

Dettagli

Con la sentenza in commento, il Giudice di Pace del Mandamento di Amantea nella persona del

Con la sentenza in commento, il Giudice di Pace del Mandamento di Amantea nella persona del Con la sentenza in commento, il Giudice di Pace del Mandamento di Amantea nella persona del magistrato coordinatore, Francesco De Luca ha stabilito che la nullità del provvedimento di fermo amministrativo

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CONSIGLIO DI STATO SEZIONE TERZA SENTENZA 9 Maggio 2014, n. 2376 A cura di DARIO CARLO ROBERTO GIUNTA

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CONSIGLIO DI STATO SEZIONE TERZA SENTENZA 9 Maggio 2014, n. 2376 A cura di DARIO CARLO ROBERTO GIUNTA NOTA A CONSIGLIO DI STATO SEZIONE TERZA SENTENZA 9 Maggio 2014, n. 2376 A cura di DARIO CARLO ROBERTO GIUNTA Sull esercizio del c.d. potere di soccorso in materia di gare pubbliche Inquadramento della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del Popolo Italiano IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE S E N T E N Z A

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del Popolo Italiano IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE S E N T E N Z A REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE N. 1571 REG. SENT. ANNO 2007 N.3495 REG. RIC. PER LA TOSCANA ANNO 1990 - II^ SEZIONE - ha pronunciato la seguente:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Prima) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Prima) SENTENZA TAR, Lombardia (MI), Sez. I, n. 2987, del 10 dicembre 2012. Elettrosmog. Illegittimità diniego permesso edilizio per stazione radio-base per incompatibilità NTA del PRG, in assenza di regolamentazione

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 7 N. 01041/2014 REG.PROV.COLL. N. 00844/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna (Sezione Prima)

Dettagli

FNOMCeO. Svolgimento delle Funzioni di Medico Competente

FNOMCeO. Svolgimento delle Funzioni di Medico Competente FNOMCeO Svolgimento delle Funzioni di Medico Competente Tar Lazio Svolgimento delle funzioni di medico competente Il Collegio ha affermato che è manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.4954/2007 Reg.Dec. N. 3399 Reg.Ric. ANNO 2007 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

TAR Lazio, Sez. III bis, 26/11/2008 n. 10784

TAR Lazio, Sez. III bis, 26/11/2008 n. 10784 TAR Lazio, Sez. III bis, 26/11/2008 n. 10784 Sull'impossibilità per la Croce Rossa e per le sue strutture periferiche di iscriversi nel registro regionale delle associazioni di volontariato ex L. 266/91.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente N. 00695/2015 REG.PROV.COLL. N. 03212/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

La Responsabilità Oggettiva della Condotta Antitrust

La Responsabilità Oggettiva della Condotta Antitrust Master in Consulente Legale d Impresa Prospettive Nazionali e Internazionali La Responsabilità Oggettiva della Condotta Antitrust a cura di: Dott.ssa Stefania Palumbo Pagina 1 La responsabilità oggettiva

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO. (Sezione Seconda Ter) ha pronunciato la seguente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO. (Sezione Seconda Ter) ha pronunciato la seguente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO (Sezione Seconda Ter) ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n. 5150/2001 proposto da Balicchi

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente 1 di 7 23/01/2013 8.55 N. 00313/2013 REG.PROV.COLL. N. 03437/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo regionale per il Lazio Sez.II Bis ha pronunciato la seguente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo regionale per il Lazio Sez.II Bis ha pronunciato la seguente SENTENZA T.A.R. LAZIO - ROMA - SEZIONE II BIS - Sentenza 24 marzo 2004 n. 2782 Pres. Giulia, est. De Michele Consiglio Nazionale dei Periti Industriali (Avv. Fauceglia) c. Ministero dell ambiente ; Ministero dell

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter composto dai signori magistrati: Luigi Tosti Italo Volpe Maria Ada Russo Presidente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...L esclusione, disposta per tardività della presentazione dell offerta (pervenuta oltre il termine di capitolato), è stata ritenuta legittima dalla sentenza impugnata,......non ha alcun fondamento

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) contro

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) contro N. 00334/2015REG.PROV.COLL. N. 05325/2014 REG.RIC. N. 05327/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E TELE TU (GIÀ TELE 2)

OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E TELE TU (GIÀ TELE 2) Titolo 1.10.21/72 DELIBERAZIONE n. 13/2011 (estratto dal verbale del 19 aprile 2011) OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E TELE TU (GIÀ TELE 2) Presenti: Gardini Gianluca Giuseppe Bettini Alberici

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE In tema di riscattabilità del diploma di infermiere professionale (Consiglio di Stato, Decisione 11.4.2006 n. 1994) Il ricorso, trattenuto in decisione all udienza del 13 gennaio 2006, è fondato. Il primo

Dettagli

Consiglio di Stato n. 485/2013 del 25/01/2013

Consiglio di Stato n. 485/2013 del 25/01/2013 MASSIMA la giurisprudenza di questo Consiglio di Stato è saldamente orientata nel senso che, proprio alla stregua della disposizione da ultimo citata, è del tutto legittima l opzione della stazione appaltante

Dettagli

contro nei confronti di per l'annullamento

contro nei confronti di per l'annullamento N. 11776/2015 REG.PROV.COLL. N. 07861/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 718 del 14 febbraio 2012, è. intervenuto sul tema della legittimazione processuale degli Ordini

Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 718 del 14 febbraio 2012, è. intervenuto sul tema della legittimazione processuale degli Ordini Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 718 del 14 febbraio 2012, è intervenuto sul tema della legittimazione processuale degli Ordini Professionali a proporre autonoma impugnazione del parere con cui si

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA Consiglio di Stato, sez. V, 3 giugno 2013, n. 3028 Edilizia e urbanistica - Diniego autorizzazione installazione di una insegna pubblicitaria - Ordine di rimozione della stessa - Legittimità - Limitazione

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 00013/2015 REG.PROV.COLL. N. 01863/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia Lecce - Sezione Terza ha pronunciato

Dettagli

TAR LAZIO, Roma, sez. III, 3 gennaio 2012, n. 32

TAR LAZIO, Roma, sez. III, 3 gennaio 2012, n. 32 TAR LAZIO, Roma, sez. III, 3 gennaio 2012, n. 32 FATTO e DIRITTO L'odierno ricorrente, magistrato amministrativo, è stato sottoposto dal CPGA a procedimento disciplinare per avere "deliberatamente offeso

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli