REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA"

Transcript

1 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Roma - Prima Sezione nelle persone dei magistrati: Dott. Pasquale de Lise Dott. Carlo Modica de Mohac Dott. Roberto Caponigro Presidente Componente Componente, relatore ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n. 896 del 2006, proposto da ANIA, Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli Avv.ti Mario Sanino, Francesco Gianni, Piero Fattori e Antonio Lirosi ed elettivamente domiciliata presso lo studio legale Gianni, Origoni, Grippo & Partners in Roma, Via delle Quattro Fontane n. 20 contro Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in persona del Presidente in carica, rappresentata e difesa dall Avvocatura Generale dello Stato presso cui elettivamente domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 con intervento ad opponendum del CODACONS, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dall Avv. Carlo Rienzi, con domicilio eletto presso l Ufficio Legale Nazionale del Codacons in Roma, Viale Mazzini n. 73

2 per l annullamento del provvedimento n (I-626) adottato dall Autorità nell adunanza del 30 novembre 2005, notificato in data 12 dicembre 2005, con il quale l Autorità ha deliberato: a) che l Ania e le organizzazioni peritali Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale ( Aicis ), Sindacato Nazionale Autonomo Periti Industriali ( Snapi ), Sindacato Nazionale Periti Industriali Assicurativi ( Snapia ), Sindacato Nazionale Periti Infortunistica Stradale ( Snapis ), Unione Italiana Periti Assicurativi ( Uipa ) e Consiglio Nazionale Periti Industriali ( Cnpi ) hanno posto in essere un intesa volta alla definizione delle tariffe delle prestazioni peritali, in violazione dell art. 81 del Trattato CE; b) che l Ania ha posto in essere un ulteriore intesa restrittiva della concorrenza, attraverso una pluralità di condotte volte al mantenimento ed alla diffusione a favore delle imprese associate di uniformi parametri di costo per la determinazione dell entità dei risarcimenti per danni a cose, in violazione dell art. 81 del Trattato CE; c) che le Parti si astengano in futuro dal porre in essere intese del medesimo tenore di quelle indicate sub a); d) che l Ania ponga immediatamente termine ai comportamenti distorsivi della concorrenza di cui alla lett. b), interrompendo ogni attività di coordinamento a favore delle imprese associate relativamente alla determinazione dei parametri di costo, nonché assuma, secondo le modalità ritenute più idonee allo scopo, misure atte a porre termine 2

3 all illecito riscontrato, dando comunicazione delle misure adottate entro 60 giorni dalla notifica del provvedimento; e) che, in ragione della gravità dell infrazione di cui alla lett. a), è applicata ad Ania una sanzione amministrativa pecuniaria pari rispettivamente a ; f) che, in ragione della gravità dell infrazione di cui alla lett. b), ad Ania è applicata una sanzione amministrativa pecuniaria nella misura di , nonché di ogni altro atto presupposto, connesso e conseguente; sul ricorso n del 2006, proposto da AICIS Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli Avv.ti Stefano D Ercole, Nicola Palombi e Domenico Bonaccorsi di Patti ed elettivamente domiciliata presso lo studio del primo in Roma, Largo del Teatro Valle n. 6 contro Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in persona del Presidente in carica, rappresentata e difesa dall Avvocatura Generale dello Stato presso cui elettivamente domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 nonché ISVAP Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dall Avvocatura Generale dello Stato presso cui elettivamente domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 per l annullamento 3

4 della delibera dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, adottata nell adunanza del 30 novembre 2005, notificata in piego postale in data , a conclusione del procedimento n. I/626, con la quale è stato ritenuto che a) che l Ania Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici e le Associazioni peritali di seguito indicate: Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Industriali, Sindacato Nazionale Periti Industriali Assicurativi, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Infortunistica Stradale, Unione Italiana Periti Assicurativi e Consiglio Nazionale Periti Industriali, hanno posto in essere un intesa volta alla definizione delle tariffe delle prestazioni peritali, in violazione dell art. 81 del Trattato CE; e, conseguentemente, ordinato la cessazione dell attuazione e della continuazione delle infrazioni accertate, irrogando, nel contempo, una sanzione pecuniaria commisurata al fatturato di ciascun soggetto in relazione alla gravità e durata della condotta dalle stesse serbata, nonché di ogni altro atto anteriore o conseguente e, comunque, coordinato e/o connesso a quello di cui sopra; sul ricorso n del 2006, proposto da SNAPIA Sindacato Nazionale Periti Industriali Assicurativi in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dagli Avv.ti Stefano D Ercole, Nicola Palombi e Domenico Bonaccorsi di Patti ed elettivamente domiciliato presso lo studio del primo in Roma, Largo del Teatro Valle n. 6 contro 4

5 Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in persona del Presidente in carica, rappresentata e difesa dall Avvocatura Generale dello Stato presso cui elettivamente domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 nonché ISVAP Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dall Avvocatura Generale dello Stato presso cui elettivamente domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 per l annullamento della delibera dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, adottata nell adunanza del 30 novembre 2005, notificata in piego postale in data , a conclusione del procedimento n. I/626, con la quale è stato ritenuto che a) che l Ania Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici e le Associazioni peritali di seguito indicate: Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Industriali, Sindacato Nazionale Periti Industriali Assicurativi, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Infortunistica Stradale, Unione Italiana Periti Assicurativi e Consiglio Nazionale Periti Industriali, hanno posto in essere un intesa volta alla definizione delle tariffe delle prestazioni peritali, in violazione dell art. 81 del Trattato CE; e, conseguentemente, ordinato la cessazione dell attuazione e della continuazione delle infrazioni accertate, irrogando, nel contempo, una sanzione pecuniaria commisurata al fatturato di ciascun soggetto in relazione alla gravità e durata della condotta dalle stesse serbata, 5

6 nonché di ogni altro atto anteriore o conseguente e, comunque, coordinato e/o connesso a quello di cui sopra; sul ricorso n del 2006, proposto da SNAPI Sindacato Nazionale Autonomo Periti Industriali in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dagli Avv.ti Stefano D Ercole, Nicola Palombi e Domenico Bonaccorsi di Patti ed elettivamente domiciliato presso lo studio del primo in Roma, Largo del Teatro Valle n. 6 contro Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in persona del Presidente in carica, rappresentata e difesa dall Avvocatura Generale dello Stato presso cui elettivamente domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 nonché ISVAP Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dall Avvocatura Generale dello Stato presso cui elettivamente domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 per l annullamento della delibera dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, adottata nell adunanza del 30 novembre 2005, notificata in piego postale in data , a conclusione del procedimento n. I/626, con la quale è stato ritenuto che a) che l Ania Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici e le Associazioni peritali di seguito indicate: Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Industriali, Sindacato Nazionale Periti 6

7 Industriali Assicurativi, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Infortunistica Stradale, Unione Italiana Periti Assicurativi e Consiglio Nazionale Periti Industriali, hanno posto in essere un intesa volta alla definizione delle tariffe delle prestazioni peritali, in violazione dell art. 81 del Trattato CE; e, conseguentemente, ordinato la cessazione dell attuazione e della continuazione delle infrazioni accertate, irrogando, nel contempo, una sanzione pecuniaria commisurata al fatturato di ciascun soggetto in relazione alla gravità e durata della condotta dalle stesse serbata, nonché di ogni altro atto anteriore o conseguente e, comunque, coordinato e/o connesso a quello di cui sopra; sul ricorso n n. 2006, proposto da SNAPIS, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Infortunistica Stradale in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dagli Avv.ti Stefano D Ercole, Nicola Palombi e Domenico Bonaccorsi di Patti ed elettivamente domiciliato presso lo studio del primo in Roma, Largo del Teatro Valle n. 6 contro Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in persona del Presidente in carica, rappresentata e difesa dall Avvocatura Generale dello Stato presso cui elettivamente domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 nonché ISVAP Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dall Avvocatura Generale dello Stato presso cui elettivamente domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 7

8 per l annullamento della delibera dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, adottata nell adunanza del 30 novembre 2005, notificata in piego postale in data , a conclusione del procedimento n. I/626, con la quale è stato ritenuto che a) che l Ania Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici e le Associazioni peritali di seguito indicate: Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Industriali, Sindacato Nazionale Periti Industriali Assicurativi, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Infortunistica Stradale, Unione Italiana Periti Assicurativi e Consiglio Nazionale Periti Industriali, hanno posto in essere un intesa volta alla definizione delle tariffe delle prestazioni peritali, in violazione dell art. 81 del Trattato CE; e, conseguentemente, ordinato la cessazione dell attuazione e della continuazione delle infrazioni accertate, irrogando, nel contempo, una sanzione pecuniaria commisurata al fatturato di ciascun soggetto in relazione alla gravità e durata della condotta dalle stesse serbata, nonché di ogni altro atto anteriore o conseguente e, comunque, coordinato e/o connesso a quello di cui sopra; e sul ricorso n del 2006, proposto da Editoriale Domus S.p.A. in persona del Presidente del Consiglio di Amministrazione, rappresentata e difesa agli Avv.ti Andrea Guarino, Fabio Merusi e Teodoro E. Dalavecuras ed elettivamente domiciliata presso i primi due in Roma, Piazza Borghese n. 3 (studio Guarino & Merusi) contro 8

9 Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in persona del Presidente in carica, rappresentata e difesa dall Avvocatura Generale dello Stato presso ope legis domicilia in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 nonché ANIA, Federperiti, Presidenza del Consiglio dei Ministri, AICIS, SNAPI, SNAPIA, SNAPIS, UIPA, CNPI, ISVAP, Fondiaria SAI S.p.A., in persona dei rispettivi legali rappresentanti pro tempore, non costituiti. Visti i ricorsi con i relativi allegati; Visti gli atti di costituzione in giudizio dell Avvocatura Generale dello Stato; Visto l atto di intervento ad opponendum del Codacons nel ricorso n. 896/2006; Viste le memorie prodotte dalle parti a sostegno delle rispettive difese; Visti gli atti tutti della causa; Uditi alla pubblica udienza del 22 marzo giudice relatore il dott. Roberto Caponigro gli avv.ti Mario Sanino e Piero Fattori per l Ania, l avv. Stefano D Ercole per Aicis, Snapia, Snapi e Snapis, gli avv.ti Andrea Guarino e Teodoro Dalavecuras per la Editoriale Domus S.p.A., l avv. Danilo Del Gaizo per l Avvocatura Generale dello Stato e l avv. Stefania Ammiraglia, su delega dell avv. Calo Rienzi, per il Codacons; Ritenuto in fatto e considerato in diritto quanto segue: FATTO L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con l impugnato provvedimento adottato nell adunanza del 30 novembre 2005, ha deliberato che: 9

10 a) l Ania - Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici e le Associazioni peritali di seguito indicate: Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Industriali, Sindacato Nazionale Periti Industriali Assicurativi, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Infortunistica Stradale, Unione Italiana Periti Assicurativi e Consiglio Nazionale Periti Industriali, hanno posto in essere un intesa volta alla definizione delle tariffe delle prestazioni peritali, in violazione dell art. 81 del Trattato CE; b) l Ania - Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici ha posto in essere un ulteriore intesa restrittiva della concorrenza, attraverso una pluralità di condotte volte al mantenimento ed alla diffusione a favore delle imprese associate di uniformi parametri di costo per la determinazione dell entità dei risarcimenti per danni a cose, in violazione dell art. 81 del Trattato CE; c) l Ania - Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici e le Associazioni peritali Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Industriali, Sindacato Nazionale Periti Industriali Assicurativi, Sindacato Nazionale Autonomo Periti Infortunistica Stradale, Unione Italiana Periti Assicurativi e Consiglio Nazionale Periti Industriali, si astengano in futuro dal porre in essere intese del medesimo tenore di quelle indicate sub a); d) l Ania - Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici ponga immediatamente termine ai comportamenti distorsivi della concorrenza di cui alla lett. b), interrompendo ogni attività di coordinamento a favore 10

11 delle imprese associate relativamente alla determinazione dei parametri di costo; assuma, secondo le modalità ritenute più idonee allo scopo, e nei limiti esposti in motivazione, misure atte a porre termine all illecito riscontrato; dia comunicazione all Autorità delle misure a tal fine adottate, entro 90 giorni dalla notifica del provvedimento; e) in ragione della gravità dell infrazione di cui alla lett. a), è applicata una sanzione amministrativa pecuniaria pari a: per Ania euro; per Aicis euro; per Snapis euro; per Cnpi 800 euro; f) in ragione della gravità dell infrazione di cui alla lett. b), ad Ania Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici è applicata una sanzione amministrativa pecuniaria nella misura di euro. Avverso detto provvedimento sono stati proposti i sei ricorsi di cui alla presente sentenza. L Ania ha proposto il ricorso n. 896/2006, articolato nei seguenti motivi: 1. Sull erronea prospettiva di analisi adottata nel provvedimento. Violazione e falsa applicazione dell art. 81 del Trattato CE, violazione e falsa applicazione dell art. 3 della L. 241/1990. Eccesso di potere in tutte le sue figure sintomatiche, ed in particolare illogicità e contraddittorietà manifesta, difetto di istruttoria e di motivazione, manifesta irragionevolezza ed ingiustizia, sviamento e perplessità. 11

12 Le assicurazioni italiane, non disponendo di informazioni sui potenziali destinatari della prestazione e potendo orientare solo i comportamenti dei propri assicurati ma non certo quelli degli altri soggetti coinvolti nella fase di liquidazione, avrebbero adottato meccanismi informativi tali da agevolare l attività dei periti nella stima del danno. Le imprese assicurative avrebbero tutto l interesse a definire in maniera tempestiva e non conflittuale i rapporti con carrozzieri e periti ed i sinistri in genere, ricorrendo a meccanismi acceleratori onde evitare i costi che derivano dal contenzioso e dal prolungarsi delle procedure di liquidazione. L Autorità si sarebbe limitata ad enfatizzare il peso che il preteso aumento dei costi dei risarcimenti dei danni a cose derivante dall applicazione dei parametri comuni previsto dal cessato accordo Ania/carrozzieri avrebbe avuto sull incremento anomalo dei premi registrato nel mercato assicurativo italiano a seguito della liberalizzazione, ma in nessun modo emergerebbe un nesso causale tra la pretesa condotta collusiva imputata ad Ania e l andamento dei costi e dei premi. La generica correlazione tra costi e premi sembrerebbe del tutto inidonea a sostenere la finalità anticoncorrenziale del comportamento dell Ania e, d altra parte, l Isvap, nel proprio parere, non avrebbe evidenziato alcun nesso stringente di diretta causalità tra l aumento dei costi dei danni a cose e l andamento dei premi. Nel contesto di un sistema assicurativo basato sull indennizzo indiretto, la ricerca di standard obiettivi per la valutazione dei danni ai veicoli sarebbe volta esclusivamente a garantire un efficace e tempestivo processo liquidativo che consenta di soddisfare le richieste del 12

13 danneggiato, ripristinando la situazione precedente al danneggiamento, senza andare incontro ad ulteriori e più ingenti spese. Il preteso interesse dell Ania a mantenere artificialmente elevati i costi dei risarcimenti rispetto ai livelli di mercato sfuggirebbe ad ogni logica economica. L esistenza di una notevole variabilità dell offerta, indice di una concorrenza a valle, smentirebbe ulteriormente la tesi dell amministrazione, sicché il provvedimento sarebbe viziato da un impostazione di fondo illogica e priva di adeguati supporti probatori e, con riferimento alla valutazione della presunta uniformazione dei costi dei risarcimenti, in contraddizione sia con le precedenti analisi dei meccanismi di funzionamento del mercato RC auto svolte dalla stessa Autorità sia con le valutazioni dell Isvap. 2. Sull accordo per la fissazione delle tariffe relative alle prestazioni peritali (lett. a) nel dispositivo del provvedimento). a. Sull insussistenza dei presupposti di applicabilità dell art. 81 del Trattato CE: inidoneità dell accordo a pregiudicare il commercio intracomunitario. Violazione e falsa applicazione degli artt. 10 e 81 del Trattato Ce, violazione e falsa applicazione dell art. 3 della L. 241/1990, eccesso di potere in tutte le sue figure sintomatiche ed in particolare illogicità e contraddittorietà manifesta, difetto di istruttoria e di motivazione, manifesta irragionevolezza ed ingiustizia, sviamento e perplessità. Nell accordo con i periti si accerta la sussistenza del criterio del pregiudizio, nonostante in esso non sarebbe ravvisabile alcuna misura in grado, anche solo potenzialmente, di escludere i concorrenti di altri 13

14 Stati membri. Anche ad ammettere che i servizi peritali possano essere forniti da cittadini europei, ciò non sarebbe di per sé sufficiente ad attribuire carattere transfrontaliero all intesa contestata, occorrendo dimostrare che sia proprio il tenore delle condizioni tariffarie previste a costituire un fattore d importanza determinante ai fini della scelta di stabilirsi o meno nel paese considerato e tale analisi sarebbe carente nel provvedimento. In definitiva, non sarebbe applicabile l art. 81 del Trattato CE. b. Sulla copertura normativa: legge n. 166/92. Violazione e falsa applicazione dell art. 14, co. 2, L. 166/1992. Eccesso di potere in tutte le sue figure sintomatiche ed in particolare falsità di presupposti, difetto di istruttoria e di motivazione, confusione e perplessità, sviamento. L Ania avrebbe operato nell ambito di una specifica copertura normativa. In particolare, l art. 14, co. 2, della L. 166/1992 avrebbe prescritto l obbligo di fissazione congiunta dei prezzi da parte delle associazioni di categoria. Le tariffe concordate con i periti, inoltre, avrebbero avuto valore di puro riferimento per le compagnie assicurative, libere di rispettare o disattendere i profili stabiliti a livello nazionale. Il Consiglio di Stato, con parere del 1 luglio 1999, aveva confermato la piena liceità e conformità della L. 166/1992 con la disciplina antitrust. c. Sul mancato accertamento da parte dell Autorità della portata anticompetitiva dell accordo. 14

15 Violazione e falsa applicazione dell art. 81 del Trattato CE. Violazione dell art. 3 L. 241/1990. Eccesso di potere in tutte le sue forme sintomatiche e, in particolare, difetto di istruttoria, illogicità manifesta. L Autorità non avrebbe dimostrato la pretesa portata anticoncorrenziale delle previsioni in discorso, limitandosi a qualificare aprioristicamente l accordo alla stregua di un cartello di prezzi senza compiere alcun esame dell oggetto delle pattuizioni e degli effetti da esse prodotti nel mercato dei servizi di perizia assicurativa. Sarebbe irrealistico postulare che l Ania, i cui comportamenti sono espressione della volontà collettiva dell associazione, abbia agito in danno delle proprie aderenti fissando scientemente tariffe più elevate rispetto ai livelli di mercato. 3. Sul presunto coordinamento sui parametri di valutazione del danno (lett. b) nel dispositivo del provvedimento). a. Sul difetto di contestazione e contraddittorio. Violazione e falsa applicazione dell art. 14 della L. 287/1990, degli artt. 6, co. 3 e 14, del D.P.R. 217/1998 e della L. 241/1990. Violazione dei principi generali in materia di contestazione degli addebiti e rispetto del principio del contraddittorio. Eccesso di potere in tutte le sue figure sintomatiche; in particolare illogicità e contraddittorietà manifesta, difetto d istruttoria e di motivazione, manifesta irragionevolezza ed ingiustizia, sviamento e perplessità. La comunicazione delle risultanze istruttorie non si sarebbe limitata a precisare gli addebiti già formulati nella comunicazione di avvio, ma avrebbe identificato una nuova intesa restrittiva della concorrenza, 15

16 l uniformazione dei criteri di indennizzo, della cui qualificazione giuridica sarebbe stato del tutto sprovvisto il provvedimento di apertura dell istruttoria. Ciò in palese violazione dell art. 6, co. 3, del D.P.R. 217/1998, secondo cui la decisione di avviare l istruttoria dovrebbe contenere tutti gli elementi essenziali in merito alle presunte violazioni, ai fini del corretto esercizio del diritto di difesa degli interessati. L Autorità avrebbe operato un illegittima estensione dell oggetto di indagine compromettendo lo sviluppo di un corretto e completo contraddittorio, privando Ania del diritto ad un pieno esercizio delle proprie difese nel corso del procedimento. b. Sul coordinamento sui costi dei risarcimenti per danni a cose: insussistenza dei presupposti di applicabilità dell art. 81 del Trattato CE. Violazione e falsa applicazione dell art. 81 del Trattato CE. Eccesso di potere in tutte le figure sintomatiche ed in particolare falsità dei presupposti, travisamento dei fatti, difetto di istruttoria. L Autorità avrebbe travisato l effettivo scopo della presunta intesa riconducendo la definizione di comuni criteri di indennizzo ad una scelta escogitata dall Ania per finalità anticoncorrenziali, laddove i prezziari ed i tempari costituiscono ordinari strumenti di lavoro per un corretto svolgimento delle attività di accertamento, stima e riparazione dei danni ai veicoli ed oggettivamente connaturati, in un sistema di indennizzo indiretto, all efficienza dei meccanismi risarcitori. Il provvedimento si limiterebbe ad enunciare il teorema secondo cui l Ania avrebbe uniformato i criteri di accertamento dei danni per impedire un confronto competitivo sul versante delle tariffe, ma 16

17 trascurerebbe ogni sia pur minimo accertamento dei pretesi effetti restrittivi derivanti dal ricorso ai suddetti parametri di riferimento sulle dinamiche concorrenziali del mercato Rc auto e, in particolare, sull andamento delle tariffe praticate dalle imprese assicurative. I carrozzieri ed i periti, in assenza di parametri certi e predeterminati per la quantificazione dei danni potrebbero far lievitare i propri compensi in modo discrezionale ed arbitrario, causando dei pesanti aggravi di costo per i bilanci dei gruppi assicurativi, sicché la previsione di procedure e criteri riconosciuti quali validi dalla generalità del mercato sarebbe stata finalizzata a fronteggiare comportamenti cc.dd. di moral hazard, garantendo una liquidazione il più efficiente e tempestiva possibile con conseguente maggiore controllo dei costi. Non sarebbe realistico ipotizzare che una compagnia assicurativa di piccole o medie dimensioni possa riuscire, nella contrattazione con le organizzazioni dei carrozzieri, ad ottenere prezzi inferiori a quelli concordati dall Associazione a livello nazionale. Nel provvedimento sarebbero arbitrariamente accorpate in un unica strategia anticoncorrenziale condotte che, per caratteristiche, finalità ed effetti, divergerebbero totalmente tra di loro. Gli operatori del settore, anche disponendo di prezziari più completi, non potrebbero comunque arrivare ad una massimizzazione dell utilizzo dei ricambi di natura equivalente e ad una effettiva riduzione dei costi, atteso l incomprimibile diritto dell interessato a richiedere un indennizzo monetario o, in caso di riparazione, il ripristino del veicolo 17

18 allo status quo ante. Le misure operative indicate dall Ania sarebbero state finalizzate a garantire un contenimento dei costi ed una maggiore efficienza dei processi liquidativi. I comportamenti dell Ania, se letti nel reale contesto di riferimento, apparirebbero pienamente giustificati e smentirebbero l esistenza di qualsiasi strategia di tipo collusivo. c. Sulla natura pro-concorrenziale della cessione del ramo di azienda Ed. Ass. ad Ed. Domus. Violazione e falsa applicazione dell art. 81 del Trattato CE. Eccesso di potere in tutte le figure sintomatiche ed in particolare falsità dei presupposti, travisamento dei fatti, difetto di istruttoria. La correttezza della cessione dell attività di produzione e diffusione delle banche dati, prezziari e tempari a Ed. Domus emergerebbe dal fatto che quest ultimo, editore del periodico Quattroruote sin dal 1956, è un soggetto professionale indipendente, leader del settore ed altamente specializzato in tutte le tematiche che riguardano l universo auto e l individuazione di tale cessionario sarebbe stata dettata dall esigenza di individuare un ente super partes. La previsione del mantenimento da parte di Ed. Domus delle medesime codifiche standard in una fase transitoria sarebbe stato funzionale a rispondere alle esigenze di gestione dei sistemi informatici, assicurando un graduale passaggio dal sistema preesistente a quello di recente introduzione. In definitiva, l Ania avrebbe provveduto a cedere il ramo di azienda ad un soggetto terzo ed indipendente, in potenziale concorrenza con altri 18

19 operatori, astraendosi dal presunto ruolo di indirizzo nella definizione dei meccanismi per la quantificazione dei danni adottati dalle imprese ed assicurando semplicemente l operatività tecnica delle attività cedute. 4. Sulla difformità dal parere dell Isvap. Violazione e falsa applicazione dell art. 3 della L. 241/1990. Eccesso di potere in tutte le sue figure sintomatiche ed in particolare illogicità e contraddittorietà manifesta, difetto di motivazione, manifesta irragionevolezza ed ingiustizia, sviamento e perplessità. Sarebbe particolarmente significativo che l Isvap non abbia condiviso su un piano sostanziale la ricostruzione dell Autorità proprio con riferimento ad elementi attinenti al funzionamento del sistema assicurativo ed alla tutela degli assicurati, vale a dire alla sfera di competenza propria dell Isvap. A fronte delle valutazioni dell Isvap sarebbe stato necessario che l Autorità valutasse la portata anticoncorrenziale delle due intese in relazione all esistenza di un sistema risarcitorio di indennizzo indiretto ed accertasse in concreto, attraverso un istruttoria di maggiore spessore, gli effetti dell accordo Ania/periti sulle tariffe per le prestazioni peritali sul mercato dei servizi di perizia assicurativa, nonché gli effetti della asserita concertazione imputata all Ania successivamente alla disdetta dell accordo Ania/carrozzieri sui parametri di costo per la definizione degli indennizzi ed i conseguenti riflessi sul mercato RC auto, laddove nel provvedimento non vi sarebbe traccia della concreta e specifica verifica di tali effetti. 5. Sulle sanzioni. 19

20 Violazione e falsa applicazione degli artt. 1, co. 4, 15 e 31 della L. 287/1990. Violazione e falsa applicazione degli artt. 11 e 23 della L. 689/1981. Violazione e falsa applicazione dell art. 3 della L. 241/1990. Eccesso di potere in tutte le sue figure sintomatiche ed in particolare difetto di motivazione, illogicità manifesta. Il riscontro dei presupposti di gravità e durata della fattispecie non sembrerebbe in alcun modo condivisibile, costituendo l inevitabile riflesso, sul versante sanzionatorio, dei vizi che inficiano l accertamento dell intesa. Il fatturato su cui sono state commisurate le due sanzioni non sarebbe stato correttamente determinato. In particolare, nella base per la sanzione, sarebbero stati indebitamente inclusi anche i fatturati della Fondazione Ania e dell IRSA. Per quanto riguarda l accordo Ania/periti, anche a voler ritenere che l art. 14, co. 2, della L. 166/1992 abbia semplicemente favorito l accordo invece di fornire una copertura normativa escludente ogni responsabilità delle imprese, la riconduzione a fini sanzionatori alla categoria delle infrazioni più gravi, alla stregua di una normale intesa sui prezzi, sarebbe infondata. L eventuale imposizione della sanzione, in relazione all accordo Ania/periti, sarebbe dovuta essere contenuta ad un livello simbolico, considerato il significativo grado di incertezza giuridica rilevato dall Autorità. Per quanto riguarda l intesa volta all uniformazione dei criteri di determinazione dell ammontare dei risarcimenti, l Autorità si sarebbe limitata a definire l attività di coordinamento sui parametri di 20

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013 MASSIMA nell appalto integrato, il concorrente alla gara è l appaltatore, il quale deve dimostrare il possesso dei requisiti professionali previsti nel bando per la redazione del progetto esecutivo in

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 5 giugno 2013; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato La giurisprudenza prevalente è difatti attestata che l incameramento della cauzione provvisoria ai sensi dell art. 48 cit. è una conseguenza sanzionatoria del tutto automatica del provvedimento di esclusione,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, 22 agosto 2013, n. 2073 Edilizia e urbanistica - Edificabilità dei suoli - Fasce di rispetto - La disciplina derivante dai vincoli imposti sulle aree in fasce di rispetto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:... la Sezione ha già posto rilievo, di recente e in una controversia attinente alla medesima procedura di gara, per quanto peculiare perché relativo ad avvalimento di garanzia nell ambito di un

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Commento di B. Bosetti In seguito a ricorso straordinario al Capo dello Stato, è annullato il Piano di Governo del territorio (PGT)

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda)

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...Al riguardo, infatti, non si ravvisa alcun deficit motivazionale a carico della valutazione della Commissione di gara, che ha precisato l impossibilità di tenere conto delle indicazioni fornite

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 22580 Anno 2014 Presidente: SALVAGO SALVATORE Relatore: GENOVESE FRANCESCO ANTONIO Data pubblicazione: 23/10/2014 Cron.225;20 SENTENZA Rep. 39(4 sul ricorso 24811-2007 proposto

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

Pagina 1 di 13 N. 01842/2015REG.PROV.COLL. N. 08855/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Corte dei conti. Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo. formata dai magistrati Giovanni DATTOLA, Carlo CHIAPPINELLI,

Corte dei conti. Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo. formata dai magistrati Giovanni DATTOLA, Carlo CHIAPPINELLI, Delibera n. SCCLEG/16/2012/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato presieduta dal Presidente

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli