La riforma amministrativa in Europa

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La riforma amministrativa in Europa"

Transcript

1 La riforma amministrativa in Europa a cura di Yves Meny e Vincent Wright il Mulino

2 Indice Introduzione. Le burocrazie e la sfida del cambiamento, di Yves Meny e Vincent Wright p. 19 PARTE PRIMA SEZIONE PRIMA La modernizzazione amministrativa nelregno Unito: una panoramica, di George Jones 39 Introduzione Le Otto caratteristichc della nuova gestione pubblica: gli obiettivi della modernizzazione amministrativa Cos'e accaduto Perche - e perche cosi facilmente - si sono verificati i cambiamenti? - 4. La questione del mantenimento dei cambiamenti. L'obiettivo della modernizzazione amministrativa in Francia: riconciliare Stato e societä, di Alain Claisse 71 Introduzione Riforme e modernizzazione: qualche dato sulla storia amministrativa francese Gollismo e intendenza amministrativa II carattere contingente della riforma amministrativa Metodo sperimentale e amministrazione per obiettivi: la riforma prudente Le priorita amministrative del dopo-gollismo ( ) Un metodo tecnocratico al servizio della razionalizzazione amministrativa: la Rcb Un'ambizione modernizzatrice diffusa: Pawicinamento tra amministrazione e amministrati La crisi degli anni '80: lo Stato sotto accusa Decentramento, deconcentrazione, autonomie locali: il

3 decongestionamento dello Stato Dalla deregolamentazione alla codificazione Qualitä e responsabilitä: gestione pubblica e modernitä sociale L'emergenza del problema qualitä II programma di «rinnovamento del servizio pubblico» Le incertezze della valutazione Modelle» europeo e modernitä amministrativa L'adattamento delle strutture amministrative centrali Verso una ricomposizione territoriale? Modernizzazione amministrativa e riforma del settore pubblico in Germania. Considerazioni generali, di Joachim Jens Hesse p Caratteristiche di base del settore pubblico e della pubblica amministrazione in Germania: Adattamenti in un sistema stabile Una tripla sfida all'amministrazione pubblica Gli effetti dell'unificazione Gli effetti dell'europeizzazione Nuove condizioni contestuali e domande funzionali La riforma degli incarichi La riforma dell'organizzazione II personale Aree politiche importanti: il caso del settore sanitario Conclusione. La modernizzazione dell'amministrazione tedesca: cambiamenti organizzativi ai livelli federale e statale, di Klaus Goetz Introduzione II sistema amministrativo tedesco: decentralizzazione, deconcentrazione e integrazione Pressioni per il cambiamento e limiti della riforma amministrativa Cambiamenti organizzativi a livello Federale: obiettivi modesti, risultati modesti Cambiamenti organizzativi a livello statale: dalla semplifieazione alla modernizzazione L'esempio del Baden-Württemberg La capacitä di adattamento messa alla prova: la sfida dell'unificazione. La riforma degli incarichi: privatizzazione, deregolamentazione, deburoeratizzazione, sviluppo del Terzo Settore, di Wolfgang Seibel Sistema di governo tedesco e pubblica amministrazione Riforma degli incarichi: privatizzazione, deregolamentazione, deburoeratizzazione, sviluppo del Terzo Settore Privatizzazione Deregolamentazione Deburoeratizzazione Lo sviluppo del Terzo Settore Conclusione. 10

4 La modernizzazione dell'amministrazione pubblica spagnola. Bilanci eprospettive, di Rafael Banön-Martinez 1. Introduzione La modernizzazione e la trasformazione dello Stato II nuovo sistema politico valori ed i rapporti Stato-societä II tramonto del modello napoleonico Riforma e modernizzazione II «nucleo duro» dello Stato: legittimitä e conflitto Gli effetti della modernizzazione La politica sociale II capitale umano L'immagine sociale, la cultura ed i valori. La riforma amministrativa neipaesibassi, di Uriel Rosenthal e Renk Roborgh Introduzione Societä e sistema governativo in Olanda: continuitä e cambiamento Pilastramento e depilastramento II sistema costituzionale II sistema politico Punti di interesse Corporativismo Lo stato assistenziale II sistema amministrativo olandese: continuitä e cambiamento II governo nazionale: il sistema dipartimentale Corporativismo amministrativo Governo nazionale: riforma amministrativa Governo nazionale: cambiamento amministrativo Pressioni per un ulteriore cambiamento: l'integrazione europea II governo sub-nazionale: decentralizzazione consolidata Tendenze e contingenze Legge costituzionale e regime politico La ristrutturazione del Governo centrale La gestione delle risorse umane Governo per procura La ristrutturazione dello Stato assistenziale Gli investimenti pubblici La societä multiculturale Regionalizzazione Le ipotesi amministrative L'ipotesi di un cambiamento drastico L'ipotesi dell'immobilitä L'ipotesi dell'adattamento. Aspetti della modernizzazione dell'amministrazione centrale austriaca: dalla disponibilitä nei confronti dei cittadini alla marketizzazione, di Wolfgang Müller Introduzione Riforma della struttura amministrativa La disponibilitä dell'amministrazione verso il pubblico Struttura ministeriale. Divisione delle competenze Riduzione degli incarichi Divisione degli incarichi Controllo dell'amministrazione La struttura della collocazione degli uffici pubblici Elaborazione dei dati Viaggi di lavoro. 11

5 3. Gestione del personale Oggettivazione Numero di posti nella funzione pubblica II sistema degli incentivi e la mobilitä Formazione e sviluppo del personale Conclusione. La modernizzazione dell'amministrazione centrale belga, di Herman Wuyts. p. 317 Introduzione Brevi cenni sulla rcgionalizzazione Profilo storico Le istituzioni del Belgio regionale Le comunitä. - Comunitä francese. - Comunitä fiamminga. - Comunitä germanofona. - Le competenze delle comunitä. - Le finanze Le regioni. - La regione vallona. - La regione fiamminga. - La regione Bruxelles-Capitale. - Le commissioni comunitarie. - Le competenze delle regioni. - Le finanze La cooperazione L'amministrazione Le innovazioni del regio decreto sui principi generali dello Status amministrativo ed economico dei funzionari dello Stato applicabili al personale degli esecutivi e agli enti pubblici ehe ne dipendono Introduzione L'attuazione dei prineipi Conclusione L'organizzazione del ministero della comunitä fiamminga Introduzione Le nuove strutture II funzionamento II quadro organico del personale. SEZIONE SECONDA L'adattamento dell'amministrazione britannica alla sfida europea, di Sonia Mazey 349 Introduzione: il contesto istituzionale e politico Le strutture amministrative nazionali per il coordinamento degli affari comunitari Origini storiche: II ministero degli Esteri II Segretariato europeo nelfufficio di gabinetto Le commissioni di governo coinvolte negli affari comunitari europei dipartimenti di Whitehall e gli affari comunitari L'esame Parlamentäre della legislazione comunitaria europea L'adattamento dell'amministrazione britannica alle istituzioni della Comunitä europea funzionari britannici nella Commissione europea La rappresentanza permanente del Regno Unito (Ukrep) a Bruxelles Le presidenze del Consiglio britanniche: una valutazione Conclusione. 12

6 Decisioni comunitarie e amministrazione francese, di Yves Surel Introduzione. -1. L'amminislrazione francese e l'esecuzione delle decisioni comunitarie L'amministrazione francese comc servizio esterno della Cee La subordinazione giuridica Le modifiche funzionali e strutturali dell'amministrazione francese legate al suo ruolo di esccutrice della norma comunitaria Sfumature della nozione di scrvizio esterno L'adattamento dell'amministrazione francese al processo di decisione L'amministrazione francese come potere normativo Nuove funzioni per una nuova legittimitä La partecipazione al processo decisionale comunitario limiti al mantenimcnto del potere normativo dello Stato. Adattamenti organizzativi e funzionali dell'amministrazione spagnola nelprocesso di integrazione europea, di Angel Martin Acebes 1. Introduzione L'amministrazione spagnola: caratteristiche fondamentali Conseguenze dell'integrazione europea Organi di coordinamento Trasformazioni organizzative e funzionali Gli enti pubblici L'amministrazione spagnola di fronte alla sfida dell 'unione europea L'amministrazione e la competitivitä La modernizzazione dell'amministrazione come risposta all'unione europea La strategia di attuazione della modernizzazione neh'amministrazione spagnola II piano di modernizzazione Adattamenti della pubblica amministrazione olandese ai problemi europei: coordinazione senza coordinatore?, di Jos Raadschelders e Theo Toonen 1. Introduzione - 2. Europeizzazione della pubblica amministrazione: quadro di riferimento per un'analisi - 3. Le sfide politiche: reeezione, attuazione e applieazione dei regolamenti della Ce nei Paesi Bassi - 4. La sfida istituzionale: 1'«Europa delle regioni» incontra l'«europa delle cittä» Conclusione - 5. La sfida funzionale: adattamenti amministrativi Le limitazioni dcl- Famministrazionc collegiale Sviluppi nel processo decisionale, nel coordinamento e nella negoziazione comunitari olandesi L'integrazione europea dei Paesi Bassi La sfida della gestione pubblica: generare un adattamento stabile. 13

7 Amministrazione centrale e integrazione europea. II caso della Grecia, di Constantin Stephanou p Osservazioni preliminari L'amministrazione nazionale di fronte alle nuove sfide L'evoluzione dell'amministrazione ellenica nel corso deh'ultimo decennio Organizzazione e gestione del personale Ripartizione delle competenze dei ministeri Delega dei poteri Organizzazioni amministrativa Formulazione della politica comunitaria Livello politico Livello amministrativo Partecipazione ai processi decisionali Partecipazione al processo legislativo Partecipazione ai processi di bilancio Attuazione delle decisioni comunitarie Conclusione-raccomandazioni. PARTE SECONDA SEZIONE PRIMA La funzione pubblica britannica dopo il I nuovi metodi di gestione delle risorse umane, di Sue Richards 507 Introduzione II «paradigma amministrativo» II reclutamento del personale pubblico La classificazione del personale La valutazione Addestramento e sviluppo Retribuzione e relazioni tra le parti sociali I sistcmi di avanzamento di carriera II licenziamento Considerazioni generali La gestione delegata ed il controllo decentrato delle risorse La gestione delle risorse umane prima del programma «Next Steps» II reclutamento del personale pubblico La classificazione del personale La valutazione Addestramento e sviluppo Retribuzione e relazioni tra le parti sociali sistemi di avanzamento di carriera II licenziamento La gestione delle risorse umane ed il programma «Next Steps» II reclutamento del personale pubblico La classificazione del personale La valutazione Addestramento e sviluppo Retribuzione e relazioni tra le parti sociali sistemi di avanzamento di carriera II licenziamento Conclusione. La riforma della funzione pubblica in Gran Bretagna. II programma «Next Steps», di Andrew Adonis 547 Introduzione. -1. II contesto storico e istituzionale II programma «Next Steps»: intenzioni e principi L'attuazione del 14

8 programma Flessibilitä di retribuzione e di condizioni I dirigenti generali Spostamento della sede Obiettivi Unitä del servizio Ruolo e dimensione futuri dei dipartimenti centrali La responsabilitä verso il parlamento Valutazione e prospettive future La gestione La produttivitä La Costituzione. - Appendice 1. - Appendice 2. Lapolitica di modernizzazione amministrativa e la trasformazione della pubblica amministrazione francese, di Luc Rouban p Introduzione L'evoluzione della pubblica amministrazione francese e la ricerca di nuovi strumenti di gestione Modernizzazione della pubblica amministrazione e management pubblico La diminuzione del potere d'acquisto Gli effetti della politicizzazione Una sociologia differenziale L'avvicinamento fra i due mondi del lavoro Le grandi tappe della modernizzazione della pubblica amministrazione : la grande illusione : l'abbozzo di una politica originale di modernizzazione : l'intermezzo neo-liberale : il rinnovamento del servizio pubblico Le tecniche di modernizzazione e la loro mcssa in opera circoli di qualitä progetti di servizio centri di responsabilitä Strumenti psico-sociologici e loro limiti Pianificazione del sistema della pubblica amministrazione La ridefinizione della «griglia» indiziaria Lo sviluppo della formazione continua Dalla notazione alla valutazione del personale Verso una politica di gestione delle risorse umane Conclusione. Lapolitica di modernizzazione amministrativa in Francia. L'amministrazione dell'«iquipement», di Marie- Christine Henry-Meininger Introduzione: perche Yequipement L'influenza del contesto generale L'influenza determinante di Serge Vallemont e la stabilita di un'equipe Un processo graduale e pragmatico Presentazione generale dell'amministrazione dell'equipement II peso dei servizi dipartimentali Le conseguenze del decentramento. 3. Originalita del metodo La guida della riforma ed il cambiamento delle modalitä di comunicazione tra amministrazione centrale e servizi periferici Gradualismo e pragmatismo Le linee generali della modernizzazione La gestione delle risorse umane dalla responsabilizzazione del personale alla formazione dei dirigenti La responsabilizzazione dei 75

9 capi dei servizi cstcrni tramite l'istituzione di nuovi rapporti contrattuali La trasformazione delle modalitä di gestione: dal controllo di gestione ai piani «obiettivi-strumenti» Lo sviluppo della funzione di valutazione Conclusione: come valutare la modernizzazione? Germania: lepolitiche del personale, di Maria Becker p. 647 Introduzione. -1. La struttura del personale della funzione pubblica nella Repubblica federale tedesca Ragioni per una riforma della funzione pubblica e della sottostante struttura legale Problemi specifici della riforma della funzione pubblica II sistema della carriera II principio fundamentale dell'impiego a vita II principio di mantenimento a vita II sistema di assistenza dei funzionari Punti di partenza per una riforma della funzione pubblica II tenlativo di riforma della funzione pubblica dopo la fine della seconda guerra mondiale La riforma della funzione pubblica degli anni settanta e le ragioni del suo fallimento Prospettive. Dalla gestione del personale al «management» del capitale umano, di Jose Constantino Nalda e Ernesto Carrillo Introduzione La riforma politica dello stato e le risorse umane L'ereditä storica Le politiche di adattamento al mutamento politico La razionalizzazione del modello organizzativo dei funzionari La strategia utilizzata contenuti della riforma deila funzione pubblica Lc disfunzioni del sottosistema del personale La modernizzazione della amministrazione e la gestione delle risorse umane II contesto della modernizzazione II modello di modernizzazione della pubblica amministrazione La strategia utilizzata per la modernizzazione Le politiche del personale Le risorse umane: il tallone d'achille della modernizzazione amministrativa. La modernizzazione amministrativa in Spagna. Flessibilitä organizzativa e cambiamenti nelle procedure di attuazione della pubblica amministrazione: azioni intraprese, di Joan Subirats 713 Introduzione. -1. Organizzazione Le agenzie L'organizzazione amministrativa come organizzazione strumentale Le procedure di attuazione Amministrazione per obiettivi Meccanismi di pianifleazione e controllo Primo bilancio 16

10 del processo di modernizzazione amministrativa Lo studio Delphi Le Ispezioni dei servizi operativi (Iso) Creazione e riorganizzazione delle agcnzic autonome e delle imprcse pubbliche La creazione delle agenzie di gestione La risoluzione del Consiglio dei ministri sul piano di modernizzazione per i ministeri L'accordo Map-Sindacati II progetto di legge sullo Status giuridico e sul procedimento amministrativo Conclusione. La riforma amministrativa nella funzionepubblica olandese: organizzazione e gestione nell'ultimo decennio, di Walter Kickert p Introduzione II contesto olandese Impostazionc dell'analisi La gestione e l'organizzazione pubblica Sistemi complessi II contesto esterno Struttura dell'analisi cambiamenti nelle relazioni amministrative Le grandi operazioni Analisi specifiche di governo Aggiunte e conclusioni Cambiamenti nella gestione e nell'organizzazione intcrna. II «governo a distanza». Esperienze di «autonomizzazione» degli incarichi del governo Introduzione Terminologia Sviluppi nel governo centrale Approccio organizzativo Agenzie autonome e dipattimenti centrali AIcuni commenti Conclusioni e discussione Altri cambiamenti Futuri cambiamenti. SEZIONE SECONDA Le riforme sanitarie in Gran Bretagna, di Howard Glennerster Le ragioni all'origine delle riforme La drastica riduzione di risorse Le due Strategie per la riforma La vittoria dei sostenitori dell'efficienza II contenuto delle riforme II ruolo di destinatari attribuito ai distretti II ruolo di acquirenti attribuito ai medici generici La valutazione delle riforme La separazione tra acquirente e fornitore. La modernizzazione della gestione pubblica del sistema sanitario francese, di Christian Bechon Introduzione Organizzazione generale del sistema sanitario francese Le spese di gestione del sistema sanitario francese La modernizzazione deu"amministrazione: un pro- I7

11 blema piü ampio del solo settore sanitario La modernizzazione della gestione del sistema sanitario pubblico L'evoluzione dei metodi di gestione ospedaliera: verso l'ospedale-impresa? La modernizzazione della gestione delle risorse umane: un costo elevato La modernizzazione deu'amministrazione sanitaria pubblica: la riforma dell'esercizio del controllo Un'amministrazione scossa dalle «3 D» La riforma dei metodi di lavoro Debolezza e lentezza degli effetti sugli strumenti di lavoro Un recente tentativo di rimobilitazione del personale La modernizzazione del sistema di rimborso: un considerevole sforzo di informatizzazione Magri progressi nell'ambito della gestione amministrativa Un considerevole sforzo di informatizzazione Conclusione. La modernizzazione amministrativa: le riforme del servizio sanitario in Germania, di Klaus-Dirk Henke e Claudia Ade p. 839 Introduzione. -1. II quadro istituzionale del finanziamento e della fornitura dell'assistenza sanitaria Le istituzioni ehe finanziano e forniscono l'assistenza sanitaria Le casse malattia fornitori I problemi ehe hanno portato alle riforme Intervento governativo e contenimento dei costi: le riforme dell'assistenza sanitaria negli anni settanta e ottanta Le riforme globali Le politiche di contenimento dei costi negli anni settanta e ottanta Le sfide per gli anni novanta: la scelta tra l'adeguamento amministrativo e le modifiche degli obiettivi e degli strumenti L'adeguamento amministrativo Modifiche degli obiettivi e degli strumenti: la proposta di un'assistenza sanitaria delegata dal governo. Lapolitica sanitaria nei Paesi Bassi, di Jim Björkman Introduzione Quadro cronologico: Proposte recenti Discussione sugli strumenti amministrativi Bilancio e finanze Pianificazione e regolamentazione Considerazioni conclusive. Gli autori

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 6 Stefano Neri. Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 6 Stefano Neri. Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca Politiche Sanitarie Comparate Lezione 6 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca L evoluzione storica del sistema sanitario italiano 1) Dagli anni

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Federalismo e fiscalità locale Profili

Dettagli

Diritti e servizi sociali nel passaggio dal welfare statale al welfare municipale

Diritti e servizi sociali nel passaggio dal welfare statale al welfare municipale Quaderni del Dipartimento di Diritto Pubblico Università di Pisa Elena Ferioli Diritti e servizi sociali nel passaggio dal welfare statale al welfare municipale G. Giappichelli editore - Torino INDICE

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Vista la legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, recante Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione ;

Vista la legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, recante Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione ; DECRETO 29 dicembre 2009. Individuazione degli ufþ ci di livello dirigenziale non generale degli UfÞ ci scolastici regionali per la Sicilia. IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

GUIDA DEL GIORNALISTA

GUIDA DEL GIORNALISTA Franco Abruzzo GUIDA DEL GIORNALISTA LE LEGGI - LA STORIA - L'ETICA IL CONTRATTO DI LAVORO L'ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE CON 500 DOMANDE PER L'ESAME DI STATO prefazione di Gianni Faustini 11 Sole Libri

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 novembre 2014

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 novembre 2014 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 novembre 2014 Riorganizzazione del Nucleo tecnico di valutazione e verifica degli investimenti pubblici, di cui all'articolo 3, comma 5, del decreto

Dettagli

Roma, 28/02/2002. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Al Ministero della Giustizia Gabinetto del Ministro

Roma, 28/02/2002. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Al Ministero della Giustizia Gabinetto del Ministro Roma, 28/02/2002 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri DIREZIONE CENTRALE ENTRATE CONTRIBUTIVE Al Ministero degli Affari Esteri Al Ministero della Giustizia Al Ministero della Difesa Al Ministero

Dettagli

STELIO MANGIAMELI I. LE REGIONI E LE RIFORME: QUESTIONI RISOLTE E PROBLEMI APERTI

STELIO MANGIAMELI I. LE REGIONI E LE RIFORME: QUESTIONI RISOLTE E PROBLEMI APERTI Avvertenza........................................ XIII STELIO MANGIAMELI I. LE REGIONI E LE RIFORME: QUESTIONI RISOLTE E PROBLEMI APERTI 1. La realizzazione del regionalismo e la crisi del sistema istituzionale

Dettagli

LA MOBILITÀ DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI - UNA PANORAMICA - 1. LA COMPETENZA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA.

LA MOBILITÀ DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI - UNA PANORAMICA - 1. LA COMPETENZA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA. LA MOBILITÀ DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI - UNA PANORAMICA - 1. LA COMPETENZA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA. Per la maggioranza dei pubblici dipendenti, i cui rapporti di lavoro sono

Dettagli

(Gazz. Uff., 10 dicembre, n. 288). IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

(Gazz. Uff., 10 dicembre, n. 288). IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 13 agosto 2010, n. 206. Recepimento dell'accordo sindacale per il personale della carriera diplomatica, relativamente al servizio prestato in Italia (Biennio giuridico

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Profili didattico-scientifici

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

DAL DECENTRAMENTO ALLA DEVOLUTION

DAL DECENTRAMENTO ALLA DEVOLUTION DAL DECENTRAMENTO ALLA DEVOLUTION II federalismo fiscale in Italia e in Eurapa a cura di Amedeo Fossati Rosella Levaggi A 350836 FrancoAngeli INDICE 1. LA TEORIA ECONOMICA DEI DIVERSI LIVELLI DI GOVERNO

Dettagli

Legge 23 agosto 1988, n.400, art. "Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri"

Legge 23 agosto 1988, n.400, art. Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri NORMATIVA NAZIONALE Principi fondamentali Costituzione della Repubblica Italiana, art. 3 Costituzione della Repubblica Italiana, art. 37 Costituzione della Repubblica Italiana, art. 51 Legge Costituzionale

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO LE LEGGI SULLA SANITÀ CHE HANNO PRECEDUTO LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA

INDICE CAPITOLO PRIMO LE LEGGI SULLA SANITÀ CHE HANNO PRECEDUTO LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA INDICE Prefazione... Pag. XIII CAPITOLO PRIMO LE LEGGI SULLA SANITÀ CHE HANNO PRECEDUTO LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA 1.1. La concezione arcaica della salute pubblica... Pag. 1 1.2. Le prime leggi amministrative

Dettagli

Gioacchino Garofoli. Economia. e politica economica. in Italia. Lo sviluppo economico italiano. dal 1945 ad oggi. FrancoAngeli

Gioacchino Garofoli. Economia. e politica economica. in Italia. Lo sviluppo economico italiano. dal 1945 ad oggi. FrancoAngeli Gioacchino Garofoli Economia e politica economica in Italia Lo sviluppo economico italiano dal 1945 ad oggi FrancoAngeli INDICE Premessa pag. 11 Introduzione» 13 Parte prima Lo sviluppo economico italiano

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di decreto recante: 11.11.2014 Organizzazione e compiti degli uffici di livello dirigenziale non generale istituiti presso l Ufficio scolastico regionale per il Molise. IL MINISTRO Visti gli articoli

Dettagli

giovanni_addamo@fastwebnet.it

giovanni_addamo@fastwebnet.it C U R R I C U L U M V I T A E Dott. Giovanni ADDAMO INFORMAZIONI PERSONALI Nome GIOVANNI ADDAMO Indirizzo VIA BRUNO SEROTINI N 1 00135 ROMA Telefono Cell. 338-8819796 E-mail giovanni_addamo@fastwebnet.it

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dirigente Amministrativo della Scuola superiore della Pubblica Amministrazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri

CURRICULUM VITAE. Dirigente Amministrativo della Scuola superiore della Pubblica Amministrazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri CURRICULUM VITAE Nome: Cognome: Renato CATALANO Luogo e data di nascita: MARSALA (TP) 22.08.1962 Attuale incarico: Dirigente Amministrativo della Scuola superiore della Pubblica Amministrazione della Presidenza

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE DELL ITALIA ALL UNIONE EUROPEA

LA PARTECIPAZIONE DELL ITALIA ALL UNIONE EUROPEA LA PARTECIPAZIONE DELL ITALIA ALL UNIONE EUROPEA Appartenenza dell Italia alle Comunità fino dalla loro istituzione Lentezza nell adeguamento del quadro istituzionale interno IL QUADRO COSTITUZIONALE ITALIANO

Dettagli

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE INTRODUZIONE I. Protezione civile e pianificazione... p. 1 II. Protezione civile e sostenibilità nell esperienza giuridica italiana e francese... 3 II.1. Sviluppo sostenibile e costituzione europea...

Dettagli

PROGRAMMA D ESAME. Contabilità di Stato

PROGRAMMA D ESAME. Contabilità di Stato ALLEGATO 1 PROGRAMMA D ESAME Contabilità di Stato 1. La gestione finanziaria: la formazione del bilancio dello Stato e il rispetto dei parametri di Maastricht e del Patto di stabilità e crescita. La riforma

Dettagli

La previdenza complementare

La previdenza complementare La previdenza complementare Nella prospettiva comunitaria e comparata a cura di Gianni Loy e Pierà Loi EDIESSE Indice Introducane 9 Capitolo primo La direttiva relativa alle attività e alla supervisione

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo

Comune di San Martino Buon Albergo Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona - C.A.P. 37036 SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI DIRIGENZIALI Approvato dalla Giunta Comunale il 31.07.2012 INDICE PREMESSA A) LA VALUTAZIONE

Dettagli

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004 Il diritto comunitario del lavoro 27 gennaio 2004 Di Seri 1 Nozione Con il termine diritto comunitario si fa riferimento al complesso normativo costituito dai trattati istitutivi delle tre Comunità Europee

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

piera.domeniconi@.provincia.bologna.it

piera.domeniconi@.provincia.bologna.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome DOMENICONI PIERA Telefono ufficio 051-6598545 E-mail Data di nascita 21/11/1958 piera.domeniconi@.provincia.bologna.it

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ORSINI ROBERTO Data di nascita 04/02/1964

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ORSINI ROBERTO Data di nascita 04/02/1964 INFORMAZIONI PERSONALI Nome ORSINI ROBERTO Data di nascita 04/02/1964 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia CONSIGLIO DI STATO Dirigente - UFFICIO SERVIZIO

Dettagli

LEGISLAZIONE BANCARIA ITALIANA (1861-2003)

LEGISLAZIONE BANCARIA ITALIANA (1861-2003) FRANCO BELLI LEGISLAZIONE BANCARIA ITALIANA (1861-2003) G. GIAPPICHELLI EDITORE - TORINO pag. Awertenza e istruzioni per l'uso XI Introduzione Contenuti, limiti ed articolazione del presente volume 1.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNÀ EUROPEE Bruxelles, 21/VIII/2007 C(2007) 3926 def. DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 21/VIII/2007 recante applicazione della decisione 2007/435/CE del Consiglio per quanto riguarda

Dettagli

+39.06.5024.6426. angelo.cutrona@agenziadogane.it

+39.06.5024.6426. angelo.cutrona@agenziadogane.it CURRICULUM VITAE Informazioni Personali Cognome e Nome CUTRONA Angelo Data di nascita 28 giugno 1958 Qualifica Area III F4 Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Agenzia delle

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso avanzato Guidare con efficacia gli uomini

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELESIO GAETANO Indirizzo VIA FONDO PAGANO, 30/B - 84081 BARONISSI (SALERNO) Telefono Ufficio: 0824/305010-12; Cellulare: 3351079393

Dettagli

Approvata all unanimità

Approvata all unanimità Approvata all unanimità Nella sesta conferenza della CALRE del 28 e 29 ottobre 2002 a Bruxelles è stato discusso il funzionamento contenutistico dei Parlamenti regionali a potere legislativo ed è stata

Dettagli

Indice INDICE VALERIO CASTRONOVO LA LUNGA VOCAZIONE EUROPEISTA DEL PIEMONTE... 1

Indice INDICE VALERIO CASTRONOVO LA LUNGA VOCAZIONE EUROPEISTA DEL PIEMONTE... 1 Indice IX INDICE Ringraziamenti... Prefazione... VALERIO CASTRONOVO, Introduzione. Perché questa ricerca... V VII XVII VALERIO CASTRONOVO LA LUNGA VOCAZIONE EUROPEISTA DEL PIEMONTE... 1 PARTE I (coordinamento

Dettagli

IL BILANCIO NEL DIRITTO DELLE NAZIONI UNITE

IL BILANCIO NEL DIRITTO DELLE NAZIONI UNITE PUBBLICAZIONI DEL DIPARTIMENTO DI TEORIA DELLO STATO DELL'UNIVERSITÄ DEGL1 STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" Biblioteca di Diritto Internazionale TOMASO PERASSI VALENTINA DELLA FINA N. 15 IL BILANCIO NEL DIRITTO

Dettagli

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale Apprendimento generale: Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale metodi e strumenti di lavoro di tipo generale pubblica amministrazione e ambiente processi di lavoro

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG)

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

DECRETO LEGGE 16 maggio 2008 n. 85

DECRETO LEGGE 16 maggio 2008 n. 85 DECRETO LEGGE 16 maggio 2008 n. 85 Disposizioni urgenti per l'adeguamento delle strutture di Governo in applicazione dell'articolo 1, commi 376 e 377, della legge 24 dicembre 2007, n. 244. Pubblicato nella

Dettagli

n. 183 2 novembre 2011

n. 183 2 novembre 2011 n. 183 2 novembre 2011 ATTIVITA FERROVIARIE Convocazione Responsabili Regionali Attività Ferroviarie LOGISTICA TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONI Autamarocchi conferma incontro DIPARTIMENTO DIRITTI Pari opportunità:

Dettagli

Esperienze lavorative 1980/82 - servizio in qualità di docente presso il Centro di Formazione Professionale di Parma della Regione Emilia-Romagna;

Esperienze lavorative 1980/82 - servizio in qualità di docente presso il Centro di Formazione Professionale di Parma della Regione Emilia-Romagna; CURRICULUM VITAE Informazioni personali Nome SITTI LARA Data di nascita 21/02/1956 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente Comune di Ferrara Dirigente Servizio Sport e Giovani Numero telefonico

Dettagli

Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali. A cura di Maria Grazia Pastura

Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali. A cura di Maria Grazia Pastura 1 Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali A cura di Maria Grazia Pastura Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali:

Dettagli

Il contratto di agenzia in Europa

Il contratto di agenzia in Europa Il contratto di agenzia in Europa by Cristina Rigato - Sunday, September 05, 2010 /contratto-agenzia-in-europa-2/ Premessa Tutti i Paesi che fanno parte della UE in sede di adesione si sono impegnati al

Dettagli

Art. 2. Procedura amministrativa per il riconoscimento delle qualifiche professionali IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

Art. 2. Procedura amministrativa per il riconoscimento delle qualifiche professionali IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE D.M. 16 aprile 2008 (1). Applicazione di misure compensative ai sensi degli articoli 22, 24 e 25 del decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206, ai fini del riconoscimento delle qualifiche professionali

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Master in gestione e innovazione nelle amministrazioni pubbliche Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Giuseppe Panassidi 1

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO

LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO I N D I C E LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO Capitolo 1: La dimensione sociale nell infanzia 1. Quadro teorico

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa Relazione illustrativa Schema di DPCM ai sensi del comma 10-ter dell art.2 del Dl 95/2012 Riorganizzazione del MIBACT 1. Le ragioni della riforma 1.1. L attuazione delle misure di

Dettagli

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Politiche, programmi, bandi Dovrebbe essere innanzitutto chiaro che le risorse finanziarie messe a disposizione dal bilancio europeo attraverso i bandi servono

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Mancusi Domenico Data di nascita 02/04/1966

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Mancusi Domenico Data di nascita 02/04/1966 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Mancusi Domenico Data di nascita 02/04/1966 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia E FORESTALI Dirigente - DG AGRET - Ufficio AGRET

Dettagli

STATUTO DELL'AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI. Art. 1. Natura giuridica

STATUTO DELL'AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI. Art. 1. Natura giuridica STATUTO DELL'AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI Art. 1. Natura giuridica 1. L'Agenzia nazionale per i giovani, di seguito denominata: "Agenzia", e' agenzia di diritto pubblico ai sensi dell'articolo 8 del

Dettagli

DIRETTIVA SULLA FORMAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA SULLA FORMAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA SULLA FORMAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto - Uffici del personale, dell'organizzazione e della formazione Alle

Dettagli

Le prospettive di applicazione del federalismo

Le prospettive di applicazione del federalismo Le prospettive di applicazione del federalismo Alberto Zanardi Convegno Banca d Italia «Attuazione e prospettive del federalismo fiscale» Roma, 25 novembre 2015 1 Federalismo fiscale e consolidamento dei

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Dirigente - Servizio II - Direzione Generale per l'organizzazione, gli affari generali, l'innovazione, il bilancio ed il personale

Dirigente - Servizio II - Direzione Generale per l'organizzazione, gli affari generali, l'innovazione, il bilancio ed il personale INFORMAZIONI PERSONALI Nome D'Angeli Paolo Data di nascita 28/07/1967 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA Dirigente -

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL LAVORO A TERMINE RIVISITATO

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL LAVORO A TERMINE RIVISITATO Capitolo I IL LAVORO A TERMINE RIVISITATO 1. L apposizione del termine al contratto di lavoro: il nuovo quadro legale di Michele Tiraboschi......................................... 3 2. Brevi riflessioni

Dettagli

Dal New Public Management alla Public Governance

Dal New Public Management alla Public Governance Dal New Public Management alla Public Governance Processi di cambiamento della pa e valutazione delle politiche pubbliche 9 maggio 2008 cinzia raimondi 1 Valutazione e amministrazione Processi di riforma

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

SOMMARIO. Premessa... Note sugli autori...

SOMMARIO. Premessa... Note sugli autori... Sommario SOMMARIO Premessa... Note sugli autori... XI XVII Capitolo 1 - Licenziamenti individuali 1. Il licenziamento individuale... 1 1.1. Le principali tipologie di licenziamento individuale... 1 1.2.

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE L ORGANIZZAZIONE DEL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA, AI SENSI DELL ARTICOLO 2, DEL

Dettagli

INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE

INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE 1. Una dichiarazione di intenti 1 2. Alla riscoperta del carattere dinamico e prospettico dell allargamento 7 3. Struttura ed articolazione dell indagine 10 Parte prima LA

Dettagli

fabio.antonelli@tesoro.it 29 settembre 1960 Società di revisione "Toris" sas - ROMA

fabio.antonelli@tesoro.it 29 settembre 1960 Società di revisione Toris sas - ROMA Nome Indirizzo Telefono Fax e-mail fabio.antonelli@tesoro.it Nazionalità Data di nascita liana 29 settembre 1960 Società di revisione "Toris" sas - ROMA Ministero del Tesoro - Ragioneria Generale dello

Dettagli

uruf@anticorruzione.it Data di nascita: 25/12/1965 Nazionalità: Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE

uruf@anticorruzione.it Data di nascita: 25/12/1965 Nazionalità: Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE INFORMAZIONI PERSONALI Stefano Ceccarelli uruf@anticorruzione.it Data di nascita: 25/12/1965 Nazionalità: Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE Da gennaio 2015 ad oggi Da ottobre 2014 a dicembre 2014 Da luglio

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE L 318/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.12.2011 DECISIONI DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 25 novembre 2011 relativa ad una partecipazione finanziaria aggiuntiva ai programmi di

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 5

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 5 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 5 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari in Europa negli anni 80-90 Il paradiso dei riformatori

Dettagli

Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello. Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE

Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello. Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE Il ruolo dei Parlamenti nazionali in materia di libertà, sicurezza e giustizia e in materia di adesione

Dettagli

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione Anni 2014-2016 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo

Dettagli

Prefazione del prof. Edoardo GHERA Ordinario di diritto del Lavoro dell Università La Sapienza di Roma

Prefazione del prof. Edoardo GHERA Ordinario di diritto del Lavoro dell Università La Sapienza di Roma Prefazione del prof. Edoardo GHERA Ordinario di diritto del Lavoro dell Università La Sapienza di Roma Il rapporto di lavoro pubblico attraverso i contratti. Il titolo indica con chiarezza il contenuto

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Nascita, caratteristiche ed evoluzione dei sistemi di welfare. Prof. Carlo Borzaga

Nascita, caratteristiche ed evoluzione dei sistemi di welfare. Prof. Carlo Borzaga Nascita, caratteristiche ed evoluzione dei sistemi di welfare Prof. Carlo Borzaga Sommario! alcune definizioni! perché servono politiche di welfare! i principali ambiti di intervento e i modelli di welfare!

Dettagli

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IMPRESA SOCIALE. Monica Poletto

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IMPRESA SOCIALE. Monica Poletto S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IMPRESA SOCIALE Monica Poletto Milano, 31 marzo 2015 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Testo di riferimento: Disegno di Legge C2617 licenziato

Dettagli

SISTEMI COSTITUZIONALI, DIRITTO ALLA SALUTE E ORGANIZZAZIONE SANITARIA

SISTEMI COSTITUZIONALI, DIRITTO ALLA SALUTE E ORGANIZZAZIONE SANITARIA SISTEMI COSTITUZIONALI, DIRITTO ALLA SALUTE E ORGANIZZAZIONE SANITARIA Spunti e materiali per l analisi comparata A CURA DI RENATO BALDUZZI SOCIETÀ EDITRICE IL MULINO INDICE Prefazione, di Renato Balduzzi

Dettagli

CLASSE QUINTA PROGRAMMAZIONE DI DIRITTO PUBBLICO. La Costituzione: nascita, caratteri, struttura. La nascita della Costituzione.

CLASSE QUINTA PROGRAMMAZIONE DI DIRITTO PUBBLICO. La Costituzione: nascita, caratteri, struttura. La nascita della Costituzione. CLASSE QUINTA PROGRAMMAZIONE DI DIRITTO PUBBLICO. La Costituzione: nascita, caratteri, struttura. La nascita della Costituzione. La struttura della Costituzione. I principi fondamentali della Costituzione.

Dettagli

3.2 Analisi del contesto interno. L organizzazione di Roma Capitale

3.2 Analisi del contesto interno. L organizzazione di Roma Capitale 3.2 Analisi del contesto interno L organizzazione di Roma Capitale L assetto organizzativo di Roma Capitale, determinato in linea con le funzioni di cui l Ente è titolare e con i programmi e progetti dell

Dettagli

VERSO LA RIFORMA DELLA PAC. Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito

VERSO LA RIFORMA DELLA PAC. Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito VERSO LA RIFORMA DELLA PAC Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito Indice Perché riformare la PAC La nuova architettura della PAC: un ipotesi L agricoltura biologica Conclusioni Perché riformare la PAC? 1)

Dettagli

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia Argomenti trattati Evoluzione delle figura professionale: da EM a EGE L Esperto in Gestione dell Energia Requisiti, compiti e competenze secondo UNI CEI 11339 Opportunità Schema di certificazione L Energy

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA. Capitolo I UN LINGUAGGIO GIURIDICO CONDIVISO PER L EUROPA (S. Patti)

INDICE PARTE PRIMA. Capitolo I UN LINGUAGGIO GIURIDICO CONDIVISO PER L EUROPA (S. Patti) INDICE Introduzione... xi PARTE PRIMA UN LINGUAGGIO GIURIDICO CONDIVISO PER L EUROPA 1. Il linguaggio giuridico delle relazioni familiari... 3 2. Le espressioni obsolete.... 4 3. Il linguaggio condiviso...

Dettagli

Indice sistematico PRINCIPI FONDAMENTALI

Indice sistematico PRINCIPI FONDAMENTALI Indice sistematico PRINCIPI FONDAMENTALI I diritti sociali nel Trattato di Lisbona... 3 Convenzione 4 novembre 1950 Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell Uomo e delle libertà fondamentali...

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA INDICE-SOMMARIO Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA 1. - Nozione di ente pubblico. La concezione tradizionale e quella moderna. I criteri di individuazione dell ente pubblico... Pag. 1 2. - Principali

Dettagli

2. La Regione, altresì, riconosce e valorizza il ruolo di rilevanza sociale delle associazioni regionali di tutela delle categorie dei disabili.

2. La Regione, altresì, riconosce e valorizza il ruolo di rilevanza sociale delle associazioni regionali di tutela delle categorie dei disabili. L.R. 21 luglio 2003, n. 19 (1). Norme per il diritto al lavoro delle persone disabili. Modifiche all'articolo 28 della legge regionale 7 agosto 1998, n. 38 (Organizzazione delle funzioni regionali e locali

Dettagli

INDICE. 1. I problemi 17 2. La Grande crisi del 1929. Gli Stati Uniti 18 2.1. Le 1 misure di salvataggio durante l'amministrazione

INDICE. 1. I problemi 17 2. La Grande crisi del 1929. Gli Stati Uniti 18 2.1. Le 1 misure di salvataggio durante l'amministrazione INDICE Presentazione, di Giulio Napolitano p. 13 1. Il salvataggio pubblico delle banche, di Giuliano Fonderico e Giulio Vesperini 17 1. I problemi 17 2. La Grande crisi del 1929. Gli Stati Uniti 18 2.1.

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome STEFANO BECHI Indirizzo Piazzale della Resistenza 50018 Scandicci (FI) Telefono 055 7591.294 Fax 055 7591.320 E-mail s.bechi@comune.scandicci.fi.it

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni... INTRODUZIONE OGGETTO E FINALITÀ DELL INDAGINE

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni... INTRODUZIONE OGGETTO E FINALITÀ DELL INDAGINE INDICE SOMMARIO Abbreviazioni... XV INTRODUZIONE OGGETTO E FINALITÀ DELL INDAGINE 1. I tribunali penali internazionalizzati: nozione. Origine e inquadramento del fenomeno... 1 2. Problemi di classificazione

Dettagli

Affidamento al CSI Piemonte dei Servizi di gestione del personale per l anno 2013 - Impegno di spesa 2.256,34 Iva inclusa

Affidamento al CSI Piemonte dei Servizi di gestione del personale per l anno 2013 - Impegno di spesa 2.256,34 Iva inclusa AGENZIA PER LA MOBILITA METROPOLITANA CONSORZIO DI REGIONE ED ENTI LOCALI 10125 - TORINO, VIA BELFIORE 23/C C.F.: 97639830013 Reg. Gen N. 146 Del 12 aprile 2013 Oggetto Affidamento al CSI Piemonte dei

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO N 9 DI BOLOGNA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO N 9 DI BOLOGNA Istituto Comprensivo N 9 VIA LONGO Via Luigi Longo n. 4 40139 BOLOGNA Tel. 051/460205/461075 Fax 051/460007 Sito: http://www.ic9bo.gov.it mail: boic85200b@istruzione.it mail pec: boic85200b@pec.istruzione.it

Dettagli

Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU. Prof. Maria Cicala. La società e le regole. Gruppi e società

Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU. Prof. Maria Cicala. La società e le regole. Gruppi e società Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU La società e le regole Gruppi e società Dalla vita quotidiana al Diritto e all Economia Il Diritto e l Economia: scienze sociali Origini

Dettagli

DIRIGENTI Valutano e sono valutati

DIRIGENTI Valutano e sono valutati Commento alla Bozza di decreto legislativo di attuazione della legge 4 marzo 2009 n. 15 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche

Dettagli