di Luisa Spisni Vicepresidente del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Assistenti sociali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Luisa Spisni Vicepresidente del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Assistenti sociali"

Transcript

1 PREVENZIONE: NEI PRINCIPI E NELLA PRASSI DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE di Luisa Spisni Vicepresidente del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Assistenti sociali Livorno, 4 maggio 2005 Credo innanzitutto di dovere un riconoscimento particolare ai rappresentanti di questa università e degli enti territoriali (che quindi ringrazio anche per l invito) che hanno organizzato e collaborano per l attuazione di questo ciclo di seminari su un tema - politiche sociali e cittadinanza sociale - tanto vasto e impegnativo, quanto, negli ultimi tempi, inspiegabilmente desueto nei dibattiti e all attenzione pubblica. Per quanto infatti possa apparire paradossale, la Legge 8 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali, attesa da un secolo, da sempre invocata dai tecnici e tanto dibattuta in itinere, sembra avere attenuato e assopito molte delle energie culturali e politiche che sono state cornice e supporto della sua gestazione e della sua nascita. Come se fossero scontate, da più parti si danno per acquisite questioni come l integrazione sociosanitaria, il diritto dei cittadini alla esigibilità delle prestazioni, la priorità della prevenzione come ottica e metodo delle politiche e degli interventi della materia sociale e sociosanitaria, senza che in alcuni casi siano state costruite neppure le premesse indispensabili: che non sono solo politiche ma anche di conoscenza e di partecipazione della collettività a processi di maturazione culturale democratica e civile. Non così la Toscana, regione che ha coltivato e mantenuto nel tempo una sensibilità e una cultura istituzionale che la pongono da tempo all avanguardia anche rispetto ai principi ispiratori ed ai più importanti contenuti innovativi della riforma e che attraverso un costante impegno anche legislativo, nel campo sociale e socio sanitario ha l onore e l onere di essere da tempo fra le regioni leader in Italia. Ancora di più quindi sottolineo l importanza del tema odierno, la prevenzione nel sociale, che, e ancora qui rimarco una specie di difetto di ottica, quasi mai è posta in stretto legame con le 1

2 competenze e il mandato istituzionale del servizio sociale professionale, a cui si preferisce attribuire più marcatamente un ruolo di tipo riparativo e/o di immediata risposta al bisogno del cittadino in situazione di disagio. Il sistema dei servizi sociali e sanitari sta sicuramente affrontando una fase che chiamerei di sofferenza evolutiva, sottoposti come sono da una parte ai numerosi problemi legati alla attuazione nelle sedi territoriali della normativa (legge 328/00, modifiche Titolo V della Costituzione) con tutti i cambiamenti e le innovazioni ad essa legate e dall altra alla necessità e talora all urgenza di affrontare le ricadute che i complessi fenomeni di grande impatto sociale (demografici, culturali, economici) determinano sempre più rapidamente e non sempre prevedibilmente, ponendo nuove domande a chi amministra la cosa pubblica, rappresentando bisogni diversi dei singoli e delle famiglie. Si affacciano sullo scenario infatti insicurezze crescenti per ampie fasce di cittadini, legate a nuove categorie come la precarietà del lavoro, l assorbimento nel tessuto sociale di culture diverse conseguenti alle migrazioni, povertà percepite non più riducibili ad una classe sociale tradizionale, ecc. E, all interno di queste dinamiche, l allargamento progressivo della fascia della popolazione anziana (forse meglio definirla della quarta età), le difficoltà dei giovani ad avviare e trovare percorsi di autonomia, i disagi relazionali nei nuclei familiari complessi, dove le parti più deboli mostrano tutta la loro fragilità. Inoltre le analisi dei fenomeni sociali mostrano sempre più che mentre fino agli anni settanta/ottanta i fenomeni di patologia sociale interessavano determinate fette di popolazione, con particolari connotazioni di rischio, attualmente sono enucleabili delle situazioni di disagio che colpiscono la maggioranza e non la minoranza della popolazione 1. All interno di tali dinamiche,la necessità di fare fronte alle forti spinte che provengono dai cittadini, oltre alla limitatezza delle risorse a disposizione, può fare da velo a chi governa e amministra l ente pubblico e presiede all organizzazione dei servizi (Comuni, aziende sanitarie) circa le scelte prioritarie e gli investimenti di politica sociale da effettuare, inducendo ad indirizzare le risorse 1 Caritas Italiana - Fondazione E. Zancan, Vuoti a perdere - Rapporto 2004 su esclusione sociale e cittadinanza incompiuta, Feltrinelli, Milano,

3 economiche e professionali prioritariamente, a volte unicamente, sul bisogno manifesto, per interventi la cui visibilità sia immediata e spendibile anche sul piano dell immagine dell amministrazione e ponendo meno interesse, invece, per programmi ad onda lunga, benché con ricadute e benefici più duraturi e qualitativamente più rilevanti. Gli assistenti sociali rappresentano la professione forse maggiormente incardinata nel sistema dei servizi alla persona, sia negli ambiti cosiddetti di base che specialistici; e soprattutto sono stati partecipi e attori insieme ad altre figure professionali di quelle grandi trasformazioni che si sono andate sviluppando fin dalla legge di riforma sanitaria 833/78, che ha fra i suoi meriti, fra l altro, quello di avere introdotto e fissato il concetto di integrazione socio-sanitaria anche nell organizzazione dei servizi, con la nascita dei Consorzi sociosanitari prima e successivamente delle USL, riforme che hanno visto da allora la collocazione degli assistenti sociali anche dell intero Servizio Sanitario Nazionale. In seguito, essi hanno condiviso pienamente la logica e il metodo perseguito con i Progetti Obiettivo ( introdotti dalla legislazione sanitaria e ribaditi nella sostanza dal Piano sanitario 1998/2000) per affrontare tematiche complesse come quelle relative alla salute mentale, alla tutela della maternità e infanzia, all handicap o disabilità, alla tossicodipendenza, alle problematiche dell autosufficienza/non-auto degli anziani, trovando in quelle modalità operative il superamento della prestazione prettamente assistenzialistica e l affermazione del diritto della persona al rispetto della sua globalità. Concetti chiave: il rafforzamento della integrazione anche istituzionale tra assistenza sanitaria e sociale, la valorizzazione della prevenzione, l indicazione di privilegiare la territorialità e la domiciliarità dell assistenza, l integrazioni delle prestazioni, delle risorse e delle responsabilità professionali sul progetto individualizzato. In questo il servizio sociale ha riconosciuto aspetti molto importanti della propria cultura e della sua prassi. Infatti, l azione del servizio sociale professionale si pone, per principi e metodi, per contenuti scientifici e culturali della formazione specifica, per precisi riferimenti deontologici, in una ottica di emancipazione dal bisogno e di promozione al benessere attraverso il superamento della dipendenza e dell assistenzialismo. 3

4 Essa mette in atto processi di aiuto che hanno comunque e in ogni caso l obiettivo della responsabilizzazione massima e della autodeterminazione compatibile, nel rispetto e nella valorizzazione delle capacità soggettive, in una duplice direzione: nei confronti della persona (singolo,famiglia,gruppo), nei confronti della società, intesa sia nel senso micro (comunità locale) che macro (regione, Stato). Questi aspetti caratterizzanti la professione costituiscono le sue fondamenta e sono espressi nel Codice deontologico che il Consiglio Nazionale dell Ordine ha emanato nel 1998 ed ha rivisitato nel 2002 alla luce dei mutamenti inerenti la normativa della professione, come ad esempio la legge sul segreto professionale (Legge 3 aprile 2001, n ), e delle politiche sociali. Il codice deontologico, vincolante per l esercizio della professione, non costituisce infatti solo il fondamentale riferimento filosofico ed etico per gli assistenti sociali. In esso vengono bensì rappresentate le basi dell agire professionale, le linee guida che devono orientare ed entro cui rintracciare non solo il senso e le finalità generali del proprio lavoro ma anche le indicazioni dei modi e i mezzi attraverso i quali esso si esplica, e che, appunto, ne connotano l identità. Né potrebbe essere altrimenti. Il campo operativo cui si rivolge il servizio sociale è quello in cui si muovono soggetti deboli cui devono essere indirizzati progetti di aiuto in grado di sviluppare o stimolare le migliori capacità di autodeterminazione per la soluzione dei problemi, utilizzando in via prioritaria la relazione fra professionista e utente. 2 Legge 3 Aprile 2001, n. 119 "Disposizioni concernenti l obbligo del segreto professionale per gli assistenti sociali" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2001 Art. 1. (Obbligo del segreto professionale) 1. Gli assistenti sociali iscritti all albo professionale istituito con legge 23 marzo 1993, n. 84, hanno l obbligo del segreto professionale su quanto hanno conosciuto per ragione della loro professione esercitata sia in regime di lavoro dipendente, pubblico o privato, sia in regime di lavoro autonomo libero-professionale. 2. Agli assistenti sociali di cui al comma 1 si applicano le disposizioni di cui agli articoli 249 del codice di procedura civile e 200 del codice di procedura penale e si estendono le garanzie previste dall articolo 103 del codice di procedura penale per il difensore. 3. Agli assistenti sociali si applicano, altresì, tutte le altre norme di legge in materia di segreto professionale, in quanto compatibili. Art. 2. (Entrata in vigore) 1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale. 4

5 Devono essere quindi molto chiari e rigorosi i principi e le premesse su cui si muovono questi rapporti e i processi che ne derivano. Dal Codice Deontologico dell Assistente sociale: Titolo II, Principi: art. 6. La professione è al servizio delle persone, delle famiglie, dei gruppi, delle comunità e delle diverse aggregazioni sociali per contribuire al loro sviluppo; ne valorizza l autonomia, la soggettività, la capacità di assunzione di responsabilità; li sostiene nell uso delle risorse proprie e della società nel prevenire ed affrontare situazioni di bisogno o di disagio e nel promuovere ogni iniziativa atta a ridurre i rischi di emarginazione. art. 7. L assistente sociale pone la persona al centro di ogni intervento. Considera e accoglie ogni persona portatrice di una domanda, di un bisogno, di un problema come unica e distinta da altre in analoghe situazioni e la colloca entro il suo contesto di vita, di relazione e di ambiente, inteso sia in senso antropologico-culturale che fisico. Titolo III, Responsabilità dell assistente sociale nei confronti della persona utente e cliente: art. 11. L assistente sociale deve impegnare la sua competenza professionale per promuovere la piena autodeterminazione degli utenti e dei clienti, la loro potenzialità ed autonomia, in quanto soggetti attivi del progetto di aiuto. E più avanti, vengono definiti i doveri del professionista in ordine alla partecipazione e promozione al benessere sociale: Titolo IV, Responsabilità dell assistente sociale nei confronti della società: art. 33. L assistente sociale deve contribuire a sviluppare negli utenti e nei clienti la conoscenza e l esercizio dei propri diritti-doveri nell ambito della collettività, promuovere e sostenere processi di maturazione e responsabilizzazione sociale e civica, favorire percorsi di crescita anche collettivi che sviluppino sinergie e aiutino singoli e gruppi, anche in situazione di svantaggio. art. 34. Nelle diverse forme dell esercizio della professione l assistente sociale non può prescindere da una precisa conoscenza della realtà socio-territoriale in cui opera e da una adeguata considerazione del contesto culturale e di valori, identificando le diversità e la molteplicità come una ricchezza da salvaguardare e da difendere. E su queste premesse che il lavoro degli assistenti sociali diventa terreno di incontro con le finalità della prevenzione in campo sociale e se ne fa promotore, con un approccio sistemico ed ecologico anche multi-professionale e integrato, attraverso i suoi programmi. Attraverso la relazione, l accompagnamento e il sostegno, il lavoro di rete,la ricerca e il potenziamento di risorse partendo dallo stesso utente e dal suo ambiente di vita, il fine è quello di 5

6 sviluppare il più possibile capacità autonome compatibili per contrastare il bisogno e la dipendenza assistenzialistica, prevenendo o riducendo il rischio di aggravamento e cronicità, inabilità ed emarginazione. In questo sta la tipologia dell azione del servizio sociale che ne rivela la sua autentica missione: aiutare ad aiutarsi, a capire come poterlo fare (o fare meglio) servendosi delle risorse proprie e della comunità, per potere, in seguito, essere (più) autosufficienti ed autonomi. E importante che ciò venga compreso e condiviso sia dall ente che eroga che dall utente che ne è beneficiario,in quanto richiede un ruolo partecipato e attivo del cittadino:in questo senso anche la collettività può trovare giusto che i servizi sociali siano orientati a questa ottica di lavoro - e che le Istituzioni vi investano - non solo perché eticamente più corretto ma anche perché conveniente, sul piano dell efficacia a lungo termine. Non si deve con questo intendere che si ritenga svuotato di senso e di contenuto l intervento di tipo prettamente assistenziale,che può essere indispensabile mezzo per trovare nel breve tempo un argine al bisogno acuto,così come ai problemi di emergenza sociale sempre più frequenti : ma non si può prescindere da una visione complessiva e globale del problema e da una idea progettuale individualizza e concordata entro cui questo atto si deve collocare. E questo è, credo e sottolineo, compito del servizio pubblico, che deve anche misurare l efficacia e la produttività degli strumenti che mette a disposizione dalla possibilità (probabilità) che i problemi affrontati tendano a diminuire di intensità o non si ripresentino. Sotto questo profilo si ritiene che siano motivate le riflessioni anche critiche che professionisti e organizzazioni di cittadini rivolgono ad alcune tipologie di politiche e di welfare realizzate in qualche Regione in seguito ai trasferimenti delle competenze nel settore, in particolare a quelle forme di interventi che, a fronte di un problema complesso, prevedono un bonus economico per l acquisto di un servizio a scelta del cittadino; o ancora ad interventi di tipo economico con criteri predeterminati, per settori (al secondo o terzo figlio, ecc.). Pur non escludendo che tali interventi possano in alcuni casi essere adeguati ai bisogni di alcune fasce di cittadini,ad essere in discussione non è tanto il fatto che il cittadino possa scegliere il tipo di servizio quanto il timore che non ci siano sufficienti garanzie o venga a mancare un progetto di promozione globale verso obiettivi di migliore qualità di vita o perché difficile da perseguire o perché la risorsa economica si esaurisce rapidamente. Cosa questa particolarmente preoccupante 6

7 quando, come spesso in questi casi,non c è partecipazione attiva dell utente per il quali viene chiesto l intervento in quanto o troppo inabile o minore. In questo senso hanno espresso preoccupazioni anche alcune associazioni di volontariato che, in Lombardia, sono vicine alle famiglie portatrici di problematiche di salute mentale e che rappresentano i pericoli di interventi non coordinati, parziali, mirati più al controllo che ad una migliore prospettiva di vita per la persona affetta dal disturbo. La necessità di fare riferimento ad un progetto globale è di particolare importanza in aree ad alta complessità come quella della salute mentale, area che in Toscana, peraltro, ha visto e vede esperienze molto interessanti, in cui il Servizio sociale ha un ruolo strategico determinante, soprattutto nei casi di gravi scompensi in fase giovanile. Gli interventi medici e psicoterapeutici non sono quasi mai sufficienti, da soli, a predisporre, nella famiglia e nell ambito di vita di chi è affetto da gravi disturbi psichici (scuola, lavoro, tempo libero), condizioni tali da prevenire recidive, aggravanti, cronicità. Uscire da situazioni prolungate o acute di crisi, da esperienze dolorose come ripetuti ricoveri in reparti psichiatrici o devastanti come il T.S.O., ma soprattutto prevenire tutto questo è percorso lento e complesso, che necessita di un lavoro allargato su più piani e a più mani. Occorrono, accanto alle cure mediche, interventi che mirino a riposizionare la persona nel tessuto sociale, che tolgano ostacoli al percorso di integrazione e di autonomia, che favoriscano l accettazione e il reinserimento. E allora gli interventi necessari possono coinvolgere la formazione professionale, la ricerca di attività mirate di lavoro;e poi attività di sostegno alla famiglia e nell ambiente che favoriscano anche la crescita della possibilità di relazioni positive, di conoscenza di sé e l aumento della autostima, terreno e basi indispensabili per il lavoro di contrasto e la prevenzione del disturbo. Questa è l indispensabile attività che svolge il servizio sociale con o nei D.S.M del territorio, in un rapporto che non è sempre facile anche in relazione alla configurazione e alla organizzazione dei servizi, dove la necessità di continuità degli interventi può a volte scontrarsi con la discontinuità e la carenza di personale assistente sociale nei distretti e nei comuni:cosa questa sempre più frequente. Tutto questo per sottolineare quanto sia importante che l istituzione pubblica assuma le proprie responsabilità in ordine agli indirizzi delle politiche sociali e in particolare eserciti i suoi compiti 7

8 primari nel campo della difesa dei più deboli, soprattutto laddove questo significa mettere in campo oltre alla buona professionalità degli operatori, il monitoraggio dei bisogni e la lettura della loro complessità e interdipendenza,quindi le coerenti azioni di previsione,di programmazione e di verifica. In questo senso si considera essenziale che il lavoro degli assistenti sociali sia presente nei tavoli tecnici preparatori e nella stesura dei piani di zona e nei momenti di dibattito e di concertazione con i vari soggetti pubblici e privati che concorrono alla definizione e alla attuazione dei programmi. La loro formazione, la loro conoscenza e la loro ottica circolare dei problemi sono risorse indispensabili anche in relazione alle ricadute ai vari livelli di operatività. In queste sedi territoriali vengono definite le priorità e vengono anche presi accordi per gli impegni relativi alla allocazione delle risorse economiche, ai tempi e modi di esecuzione dei programmi stessi. Questioni di non trascurabile rilievo se si considera che l importanza e l efficacia di molti programmi (si pensi ai settori infanzia adolescenza,disagio e disabilità) risiede in gran parte nella precocità, tempestività e nella continuità degli interventi. E necessario prendere atto ed essere tutti più consapevoli non solo delle competenze che gli assistenti sociali hanno consolidato nel tempo ma anche di quante ne hanno sviluppato e potenziato in rapporto alle innovazioni e alle sfide che hanno affrontato, culturali e formative innanzitutto, e nel continuo confronto sul campo anche con altre professioni. Aree considerate eccezionali o discrezionali come la direzione dei servizi, la presenza attiva nella pianificazione e nella programmazione integrata, la consulenza, mostrano una maturità di questa professione, che peraltro con la riforma universitaria ha acquisito, come è noto, un percorso completo (Laurea e Laurea magistrale ex specialistica) che ampiamente la legittima a questi compiti. I profili dell assistente sociale e assistente sociale specialista, contenuti nel D.P.R. 5 giugno 2001, n. 328, indicano le funzioni attribuite a questi professionisti funzioni che lo stato ha inteso tutelare, inserendo la professione fra quelle ordinistiche ed istituendo quindi l Ordine ed il relativo Albo professionale con la Legge 23 marzo 1993, n D.P.R. 5 giugno 2001, n. 328 Modifiche e integrazioni della disciplina dei requisiti per l ammissione all esame di Stato e delle 8

9 Come è ben evidente, se si può dire che l ottica della prevenzione deve ritenersi indispensabile, quasi connaturata e niente affatto residuale nella prassi dell assistente sociale quando affronta il caso singolo secondo un progetto individualizzato, tuttavia è quando si interviene con un più ampio respiro a livello di pianificazione e di programmazione, nella progettazione per la realizzazione di servizi per predisporre le priorità e le risorse,per costruire le alleanze e le reti, che si definiscono i presupposti metodologici e operativi che tengano conto non solo e non tanto di percorsi riparativi, che si coglie il significato più proprio e completo dell azione del servizio sociale. E quindi qui il discorso non può non coniugarsi con le politiche sociali,alla necessità che gli assistenti sociali pongano una attenzione vigile e attiva al loro sviluppo e si adoperino affinché tali politiche siano massimamente indirizzate alla tutela e alla crescita di opportunità per le aree svantaggiate e a potenziale rischio. relative prove per l esercizio di talune professioni, nonché della disciplina dei relativi ordinamenti pubblicato nella Gazzetta Ufficiale S.O. n. 212/L del 17 agosto 2001 Art. 21. Attività professionali 1. Formano oggetto dell attività professionale degli iscritti nella sezione A, ai sensi e per gli effetti di cui all articolo 1, comma 2, restando immutate le riserve e attribuzioni già stabilite dalla vigente normativa, oltre alle attività indicate nel comma 2, le seguenti attività professionali: a) elaborazione e direzione di programmi nel campo delle politiche e dei servizi sociali; b) pianificazione, organizzazione e gestione manageriale nel campo delle politiche e dei servizi sociali; c) direzione di servizi che gestiscono interventi complessi nel campo delle politiche e dei servizi sociali: d) analisi e valutazione della qualità degli interventi nei servizi e nelle politiche del servizio sociale; e) supervisione dell attività di tirocinio degli studenti dei corsi di laurea specialistica della classe 57/S -Programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali; f) ricerca sociale e di servizio sociale: g) attività didattico-formativa connessa alla programmazione e gestione delle politiche del servizio sociale. 2. Formano oggetto dell attività professionale degli iscritti nella sezione B, ai sensi e per gli effetti di cui all articolo 1, comma 2, restando immutate le riserve e attribuzioni già stabilite dalla vigente normativa, le seguenti attività: a) attività, con autonomia tecnico-professionale e di giudizio in tutte le fasi dell intervento sociale per la prevenzione, il sostegno e il recupero di persone, famiglie. gruppi e comunità in situazioni di bisogno e di disagio, anche promuovendo e gestendo la collaborazione con organizzazioni di volontariato e del terzo settore; b) compiti di gestione, di collaborazione all organizzazione e alla programmazione; coordinamento e direzione di interventi specifici nel campo delle politiche e dei servizi sociali; c) attività di informazione e comunicazione nei servizi sociali e sui diritti degli utenti; d) attività didattico formativa connessa al servizio sociale e supervisione del tirocinio di studenti dei corsi di laurea della classe 6 - Scienze del servizio sociale: attività di raccolta ed elaborazione di dati sociali e psicosociali ai fini di ricerca. 9

10 E soprattutto ai professionisti che si pongono a questi livelli di intervento che chiediamo un forte impegno nell utilizzo delle competenze per lo sviluppo del servizio sociale nella logica preventiva e promozionale. Dal Codice Deontologico dell Assistente sociale: Titolo IV, Responsabilità dell assistente sociale nei confronti della società: art. 36. L assistente sociale deve contribuire alla promozione, allo sviluppo ed al sostegno di politiche sociali integrate favorevoli alla emancipazione di comunità e gruppi marginali e di programmi finalizzati al miglioramento della loro qualità di vita. art. 37. L assistente sociale ha il dovere di porre all attenzione delle istituzioni che ne hanno la responsabilità e della stessa opinione pubblica situazioni di deprivazione e gravi stati di disagio non sufficientemente tutelati. art. 38. L assistente sociale deve conoscere i soggetti attivi in campo sociale, sia privati che pubblici, e ricercarne la collaborazione per obiettivi e azioni comuni che rispondano in maniera articolata, integrata e differenziata a bisogni espressi, superando la logica della risposta assistenziale e contribuendo alla promozione di un sistema di rete integrato. Ed è una ottica che è sempre più necessaria anche in quel luogo e in quel tempo/spazio che, nei vari sistemi, si configura come la porta di accesso alla domanda del cittadino utente. Intendo riferirmi qui alla funzione del segretariato sociale, sottolineando l importanza che questo delicato compito sia pensato e vincolato ad una dimensione professionale specifica, con contenuti e valenza tecnica che soli ne possono fare un importante momento non solo di accoglimento ma anche di consulenze e di orientamento competente. art. 39. L assistente sociale deve contribuire ad una corretta e diffusa informazione sui servizi a favore delle persone per l accesso e l uso delle risorse e delle opportunità per tutti. Sembra il caso inoltre di sottolineare che il segretariato sociale costituisce un ambito di intervento esplorativo in relazione alle problematiche emergenti, portando dati e informazioni da cui, se bene analizzati, si possono trarre indicazioni utili per i piani di intervento, per definire gli obiettivi, i tempi, le priorità, le risorse economiche e professionali da mettere in campo. In questa fase è anche in gioco un aspetto cruciale per i servizi alla persona: una prima valutazione del bisogno rappresentato può costituire un aiuto al ridimensionamento del problema; o, al contrario,può portare ad una sua importante ridefinizione, con tutte le ricadute che questo avrà nell uno o nell altro caso. 10

11 E importante che venga sentita e riconosciuta da parte del cittadino la disponibilità alla relazione e la competenza del professionista che accoglie la sua richiesta: anche la dispersione della domanda e lo scoraggiamento del cittadino hanno riflessi negativi su diversi piani. Ed è altrettanto importante che l approccio sia in grado di realizzare da subito una visione trasversale e dinamica della situazione presentata, ne comprenda le possibili interconnessioni degli elementi in gioco. Spesso problemi complessi o anche drammatici si nascondono dietro atteggiamenti confusi o richieste improprie. In questi casi l allontanamento nel tempo di una presa in carico può rivelarsi molto negativo per l evoluzione di uno stato di crisi. Si pensi a problematiche al cui centro si trovano implicati bambini o adolescenti, a serpeggianti situazioni di disagio in cui si mescolano povertà (vecchie e nuove) a disturbi mentali più o meno riconosciuti, a quanto possa essere grave una mancata individuazione o la sottovalutazione di elementi importanti, ancorché poco chiari. E quanto può essere determinante avviare il processo di aiuto individuando i segnali precoci. Sono interessanti, a questo riguardo, i progetti di nuovi modelli organizzativi che si stanno avviando anche in Toscana su vaste aree, dove attraverso la costruzione di procedure condivise dai vari soggetti, si tende a superare la disomogeneità dell accesso ai servizi sociali e della presa in carico, la frammentazione dei percorsi relativamente all integrazione sociosanitaria, le difficoltà della progettazione multidisciplinare (vedi bibliografia ). I consultori familiari si prestano a rappresentare un esempio di struttura ad alta integrazione adeguato a questo tipo di approccio: non solo interventi programmati per la prevenzione, ma anche interventi che appoggiano e accompagnano processi di maturazione diretti a rendere più consapevoli le persone affinché apprendano e sviluppino la capacità di affrontare e cercare di risolvere i propri problemi. Le sofferenze economiche possono indurre le aziende sanitarie a tagliare fondi e personale per queste attività territoriali e in molti casi questo avviene facendo assumere a queste strutture aspetti inadeguati e poco riconoscibili rispetto ai servizi che devono offrire. Dovrebbero invece essere un terreno di continua promozione e innovazione, in quanto importanti luoghi di accesso ai giovani oltre che alle famiglie, soggetti per i quali è indispensabile un forte 11

12 impegno, che va oltre l atto e la prestazione (sanitaria),che,sola,avrebbe altro senso e potrebbe realizzarsi anche in struttura tipicamente sanitaria. I fatti gravi di cronaca che riguardano bambini e genitori che spesso vengono portati al clamore dei mass media ci dicono quanto poco conosciuta e poco visibile sia l attività quotidiana dei professionisti del sociale, e quanto ancora ci sia da fare per far si che l attività indirizzata alle famiglie disagiate, alle persone in stato di marginalità diventi una rete di prevenzione e protezione per i più deboli, i bambini in primo luogo. Credo che faccia parte dei compiti che le istituzioni pubbliche hanno nei confronti dei cittadini e della pubblica opinione quello di essere promotori dei servizi che lo stato predispone negli ambiti di tutela di interesse primari quali la sicurezza e il benessere dei soggetti più fragili della società anche allo scopo di favorirne il loro migliore utilizzo. Di questo gli assistenti sociali sono molto consapevoli. E ritengono che occorre credere e investire in politiche sociali lungimiranti, nazionali e territoriali, congruenti e coerenti alle indicazioni della legge quadro e del piano sociale nazionale, che non a caso inserisce servizio sociale e segretariato sociale nei livelli essenziali di assistenza. Tuttavia alcuni segnali portano ad essere, al momento, molto pessimisti sul quadro generale in cui si muovono le politiche nazionali negli ambiti che hanno riflessi e ricadute certe sullo stato dei servizi sociali, in particolare quelle rivolte alla prevenzione dei disagi nell area maggiormente esposta e più bisognosa di tutela come quella dei minori. Lo dimostra, se ce ne fosse bisogno, un recente decreto legge relativo alle adozioni internazionali, presentato dal Ministro per le pari opportunità e approvato dal consiglio dei ministri senza che intorno all argomento sia stato possibile un qualsiasi dibattito. Con tale provvedimento vengono eliminati gli interventi degli assistenti sociali e degli psicologi in tutta la fase preparatoria dell adozione: il lavoro con la coppia genitoriale di valutazione e sensibilizzazione, di sostegno e accompagnamento rispetto ad una scelta che mette in gioco molti equilibri ma che soprattutto definisce la vita di una persona - il bambino - che non ha voce e non può scegliere. Il decreto sembra sottovalutare questi aspetti dal momento in cui rimanda al solo giudice la potestà di decidere l idoneità o meno della richiesta, salvo richiedere l intervento a posteriori nel caso emergano, a cose fatte, problemi rilevanti e disfunzioni. 12

13 E evidente come scelte di questo tipo, motivate dalla necessità di snellire le procedure e togliere il più possibile ostacoli alla volontà di chi vuole adottare, nascono anche da una disaffezione al ruolo e al mandato che il servizio pubblico deve avere su una materia di rilevanza primaria. Altrettanto evidente è che se si antepone l interesse di chi vuole adottare prescindendo da un rigoroso e indispensabile percorso di sensibilizzazione e responsabilizzazione, non si tutela in via prioritaria l interesse, la salute, la serenità futura del bambino, che potrebbero essere a rischio, né si prevengono disturbi possibili conseguenti a scarsa preparazione e/o ad aspettative errate. L Ordine nazionale degli assistenti sociali ha fatto sentire il suo motivato dissenso, dissenso che accomuna tutta la comunità professionale e anche altri soggetti dei servizi pubblici e privati esperti dell area, come alcune associazioni di volontariato preoccupate anche rispetto al loro ruolo. Anche fra i magistrati per i minori, che hanno lunga pratica di collaborazione con i servizi sociali sia interni alla giustizia minorile che del territorio, si sono alzate voci in totale disaccordo tra le quali quella del Presidente del Tribunale per i minori di Firenze. Ma la domanda è anche: quali e quanti problemi, nel tempo, si determineranno per non avere attuato quegli interventi preventivi che vengono ora giudicati lungaggini scoraggianti? Il lavoro di prevenzione nel sociale non ha un ritorno immediato, è poco visibile, spesso non è neppure richiesto dai cittadini interessati. E difficile misurarne la quantità se non si pone l accento sulla qualità e l attenzione sugli aspetti che vanno oltre la prestazione e il binomio domanda / risposta, a quegli aspetti cioè che vanno nella direzione di promuovere cambiamenti nelle persone attraverso la relazione e l interazione, di sviluppare movimenti che producano possibilità di migliorare la (auto)-gestione dei problemi dei cittadini utenti dei servizi, anche attraverso una diversa lettura delle loro situazioni problematiche, a modalità di intervento che utilizzano molto il connettere, che ricercano un uso più dinamico ma più responsabile, mirato e consapevole delle risorse,da quelle personali e interne dell utente e della sua rete a quelle esterne della comunità e del territorio. Si rende forse necessario un rinnovato entusiasmo nel lavoro sociale, politico e sociale insieme. Serve forse ricercare basi comuni di riconoscimento e di identificazione, confrontarsi su qualcosa che non può non riguardare valori umani, sociali, culturali. 13

14 A questo proposito ritengo sia di grande utilità, problemi finanziari permettendo, proporre attività di aggiornamento congiunto e integrato su aree tematiche ad alta complessità, fra operatori delle varie professionalità, operatori e amministratori ed altri soggetti, se del caso, istituzionali e non, che si ritrovano anche a livelli diversi ad affondare gli stessi problemi, magari da posizioni o ottiche differenti. Sono laboratori di integrazione delle conoscenze, facilitatori delle buone relazioni fra professionisti e delle prassi condivise. Comunque la necessità di meglio definire, qualificare e quantificare, codificare e valutare le varie tipologie di interventi nel campo del servizio sociale, anche in considerazione di rinnovati modelli operativi, impongono un attenta riflessione agli assistenti sociali ed in particolare alla sua maggiore rappresentanza istituzionale quale è l Ordine professionale, che se ne sta facendo carico anche attraverso un costante monitoraggio delle politiche, dei servizi e della realtà operativa nelle varie regioni. Tutto questo riguarda molto da vicino tutta la comunità professionale in ogni sua espressione e in primo luogo l ambito di formazione universitaria degli assistenti sociali, ambito in cui il Consiglio Nazionale dell Ordine ha profuso molto impegno anche per mantenere un percorso formativo specifico e completo all interno delle riforme in atto. La collaborazione con il mondo accademico vede ancora molto impegnati gli organi di rappresentanza di questa professione, che con una sua connotazione precisa, una storia lunga di lavoro che si è sedimentata nei servizi alla persona, vuole stare al passo con i cambiamenti sociali e culturali e non si sottrae alle sfide. 14

15 BIBLIOGRAFIA: Codice deontologico dell'assistente sociale Ordine degli assistenti sociali - Consiglio Nazionale Roma, 6 aprile 2002 estratti di M. Dal Pra Ponticelli, L. Gui, P. Rossi e altri 1. e 2. Rapporto sulla situazione del servizio sociale EISS (Ente Italiano di Servizio Sociale), 2001/2003 E.Freidson Professionalismo, la terza logica Dedalo, 2002 A.Campanini Il ruolo del servizio sociale professionale alla luce della legge di riforma in Rassegna di Servizio Sociale n. 2/2002 EISS (Ente Italiano di Servizio Sociale), 2002 M. Diomede Canevini e T. Vecchiato (a cura di) L'integrazione delle professioni nei servizi alle persone Centro Studi Zancan, Padova, 2002 O. Okely Front office e segretariato sociale in Prospettive sociali e sanitarie n. 3 IRS Istituto per la Ricerca Sociale, Milano, febbraio 2005 M. Cai L'accesso nei servizi sociali e sociosanitari:un progetto sperimentale in Studi Zancan n. 5/04 Fondazione E. Zancan, Padova, 2004 M. Pittaluga L'estraneo di fiducia. Competenze e responsabilità dell'assistente sociale Carocci Editore, Roma, 2000 Famiglie e politiche di welfere in Italia: interventi e pratiche - vol. I Osservatorio Nazionale sulla famiglia Il Mulino, Bologna, 2005 Valerio Ducci Politiche sociale, lavoro sociale e diritti di cittadinanza in Centralità dell'uomo e scelte etico-politiche e operative Quaderni della Scuola per assistenti sociali, n. 3 Università degli Studi di Siena, dicembre 1990 Infanzia, adolescenza e città sostenibili: un convegno in Emilia Romagna Autonomie locali e servizi sociali n. 2/2004 Il Mulino, Bologna, 2004 Piano d azione sui minori in Toscana Autonomie locali e servizi sociali n. 2/2004 Il Mulino, Bologna, 2004 G. Muscatello L assistente sociale nel ruolo di coordinatore dei servizi: tra continuità e innovazione professionale in Rassegna di Servizio Sociale n. 4/2004 EISS (Ente Italiano di Servizio Sociale),

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N.

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. 1/2008) Nome Cognome in qualità di legale rappresentante pro tempore

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli