%FMJCFSBOm PHHFUUP &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF "((*03/".&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&35"7"$$*/"-&/&--"3&(*0/&'3*6-*7&/&;*" (*6-*"

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "%FMJCFSBOm PHHFUUP &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF "((*03/".&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&35"7"$$*/"-&/&--"3&(*0/&'3*6-*7&/&;*" (*6-*""

Transcript

1 %FMJCFSBOm &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF PHHFUUP "((*03/".&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&35"7"$$*/"-&/&--"3&(*0/&'3*6-*7&/&;*" (*6-*" %FCPSB4&33"$$)*"/* 1SFTJEFOUF 4FSHJP#0-;0/&--0 7JDF1SFTJEFOUF BTTFOUF -PSFEBOB1"/"3*5* 1BPMP1"/0/5*/ BTTFOUF 'SBODFTDP1&30/*.BSJBHSB[JB4"/5030.BSJB4BOESB5&-&4$" (JBOOJ5033&/5* 4BSB7*50 %BOJFMF#&356;;* 4FHSFUBSJPHFOFSBMF *OSJGFSJNFOUPBMMPHHFUUPMB(JVOUB3FHJPOBMFIBEJTDVTTPFEFMJCFSBUPRVBOUPTFHVF

2 Visti: il DM Nuovo calendario delle vaccinazioni obbligatorie e raccomandate per l'età evolutiva ; i Decreti Ministeriali e che individuano i soggetti a rischio a cui offrire gratuitamente la vaccinazione contro l epatite virale B; il DM Protocollo per l esecuzione delle vaccinazioni contro l epatite virale B e successive modifiche; il DPR n. 464 Regolamento recante modalità di esecuzione delle rivaccinazioni antitetaniche, a norma dell art. 93 comma 2 della L n. 388 ; il DM che modifica la schedula vaccinale antipolio e il successivo DM che modifica il calendario delle vaccinazioni antipoliomielitiche; il DPCM Definizioni dei livelli essenziali di assistenza che al punto F dell allegato 1, nel livello essenziale di assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro", tra le diverse attività di prevenzione rivolte alla persona, individua le vaccinazioni obbligatorie e raccomandate e che all art. n.1, Allegato 1.B prevede, tra le fonti LEA, gli accordi sanciti in sede di Conferenza Stato-Regioni per il raggiungimento degli obiettivi del Piano Sanitario Nazionale ; il DLgs n.124 art. 1 comma 4 del DLgs n. 124 che prevede l erogazione senza oneri a carico dell assistito dei vaccini per le vaccinazioni non obbligatorie di cui all art. 1, comma 34, della L.egge n.662 nonché quelli previsti da programmi approvati con atti formali delle Regioni nell'ambito della prevenzione delle malattie infettive nell'infanzia; il DLgs n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007 n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro che all art. 279 prevede l adozione di misure protettive particolari, quali vaccini efficaci per i lavoratori addetti ad attività che comportino un rischio per la salute; l Intesa Stato, Regioni e Province autonome n.66 del con la quale è stato approvato il "Piano nazionale per l'eliminazione del morbillo e della rosolia congenita ", che ha ridefinito le Linee guida attuative nazionali, fissando come termine il 2015 per il raggiungimento degli obiettivi del Piano; l Intesa Stato, Regioni e Province autonome n.88 del con la quale è stato approvato il Piano Sanitario Nazionale che ha dedicato un capitolo alle malattie infettive e alle vaccinazioni, in coerenza con gli obiettivi di salute adottati dall'organizzazione Mondiale della Sanità; l Intesa Stato-Regioni e Province Autonome n. 54 del con la quale è stato approvato il "Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale " che ha individuato tra gli obiettivi di salute prioritari la prevenzione delle malattie infettive. Con riferimento alle malattie prevenibili mediante vaccinazione,il medesimo Piano ha sottolineato la necessità di continuare a perseguire gli obiettivi già fissati elaborando strategie efficaci per i nuovi vaccini (anti - HPV, anti-meningococco C, antipneumococco, anti-varicella). Ha richiamato l attenzione sui programmi vaccinali specifici e mirati

3 verso gruppi più vulnerabili e/o a rischio, riconoscendo l inclusione nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) di tutti gli interventi di prevenzione vaccinale previsti nel Piano stesso; Richiamate le precedenti deliberazioni della Giunta Regionale in materia di profilassi vaccinale, in particolare: la deliberazione della Giunta regionale n. 52 del Calendario vaccinale regionale dell'età evolutiva: indicazioni per l'uso del vaccino antimeningococco coniugato C, antipneumococco coniugato, antivaricella, antipertosse; la deliberazione della Giunta regionale n del Vaccinazione contro l infezione da tick-borne encephalitis (TBE) virus: estensione dell offerta a tutti i residenti nel Friuli Venezia Giulia ; la deliberazione della Giunta regionale n. 856 del Programma regionale di vaccinazione antipapilloma virus al fine di prevenire lo sviluppo del tumore del collo dell utero"; la deliberazione della Giunta regionale n del Calendario vaccinale dell'età evolutiva e indicazioni in materia di vaccinazioni: approvazione"; la deliberazione della Giunta regionale n. 665 del sottesa all'emanazione del D.P.Reg. n. 104 del che stabilisce la gratuità della vaccinazione anti-tbe alle categorie nello stesso decreto espressamente elencate; la deliberazione della Giunta regionale n.1311 del Estensione dell offerta vaccinale nella Regione Friuli Venezia Giulia sottesa all'emanazione del D.P.Reg. n del che stabilisce l introduzione universale contro la varicella e la gratuità della vaccinazione anti-tbe ai residenti della regione Friuli Venezia Giulia; Richiamate le precedenti note della Direzione centrale salute, integrazione socio sanitaria, politiche sociali e famiglia, in particolare : prot P del Indicazioni in merito alle vaccinazioni nella Regione Friuli Venezia Giulia, prot P del Vaccino antipapilloma virus umano modifica della scheda tecnica, prot P del Aggiornamento indicazioni in merito alle vaccinazioni nella Regione Friuli Venezia Giulia introduzione 5^ dose vaccinazione antipoliomielite negli adolescenti, prot P del Aggiornamento delle indicazioni sulla vaccinazione per la prevenzione delle malattie batteriche invasive da meningococco (MIB) nelle persone con patologie o condizioni ad alto rischio, prot P del Indicazioni regionali in merito alla vaccinazione antipneumococcica nel soggetto adulto, prot P del Vaccino anti Herpes Zoster (Zostavax):indicazioni d uso, Premesso quanto sopra s intende aggiornare ed estendere l offerta vaccinale a partire dal :

4 per l infanzia ed adolescenza così come indicato nell allegato A del presente provvedimento, per l adulto e l anziano così come indicato nell allegato B del presente provvedimento, per i soggetti a rischio, così come indicato negli allegati C e C1 del presente provvedimento. Ritenuto in particolare, di: inserire il vaccino difterite - tetano - pertosse - polio in sostituzione del vaccino difterite - tetano - pertosse per gli adolescenti (16enni); sostituire il vaccino anti pneumococcico polisaccaridico 23 valente con il vaccino pneumococcico coniugato 13 valente nei soggetti con più di 64 anni e offrire il medesimo alla coorte dei nuovi 65enni; modificare il calendario per la vaccinazione anti pneumococcica nei soggetti ad alto rischio con una dose di vaccino pneumococcico coniugato 13 valente seguito da una dose di vaccino anti pneumococcico polisaccaridico 23 valente; sostituire il vaccino coniugato anti meningococco C con la formulazione tetravalente (Meningococco ACWY coniugato) nell offerta agli adolescenti (16enni) non vaccinati in precedenza introdurre il nuovo vaccino contro la meningite da meningococco gruppo B per i nuovi nati dalla coorte dei nati 2015 (al 7, 9 e 15 mese di vita); estendere l'offerta attiva del vaccino anti papilloma virus ai dodicenni di sesso maschile a partire dalla coorte dei nati 2004; estendere l offerta della vaccinazione anti epatite A ai figli di immigrati che si rechino anche per brevi periodi di tempo nei Paesi endemici di origine fino a 16 anni; Atteso che i maggiori costi derivanti dalle attività legate alla sostenibilità del presente provvedimento troveranno copertura nel Fondo Sanitario Regionale 2015; La Giunta regionale, su proposta dell Assessore alla salute, integrazione sociosanitaria, politiche sociali e famiglia, all'unanimità DELIBERA 1. di approvare il documento Offerta vaccinale regionale: infanzia e adolescenza all'allegato A al presente provvedimento di cui costituisce parte integrante; 2. di approvare il documento Offerta vaccinale regionale: adulto e anziano all'allegato B al presente provvedimento di cui costituisce parte integrante 3. di approvare il documento "Offerta vaccinale regionale: vaccinazioni raccomandate per i gruppi a rischio" di cui all' Allegato C al presente provvedimento di cui costituisce parte integrante; 4. di approvare il documento "Tabella riassuntiva delle condizioni di rischio e delle vaccinazioni indicate" di cui all' Allegato C1 al presente provvedimento di cui costituisce parte integrante; 5. di prendere atto che i maggiori costi derivanti dalle attività legate alla sostenibilità del presente provvedimento troveranno copertura nel Fondo Sanitario Regionale Il presente provvedimento entrerà in vigore il IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE

5 ALLEGATO ALLA DELIBERA N DEL 18 DICEMBRE 2014 ALLEGATO A OFFERTA VACCINALE REGIONALE: INFANZIA ED ADOLESCENZA Le vaccinazioni previste per l età evolutiva come offerta attiva e gratuita,salvo diversamente indicato sono schematizzate con i relativi intervalli di somministrazione nella tabella 1. Tab.1: Offerta vaccinale per l infanzia ed adolescenza della Regione Friuli Venezia Giulia Offerta attiva e gratuita Vaccino Nascita 3 mese 1 5 mese 7 mese 9 mese Mese 1 mese 15 mese anni 1 anni 1 Difterite-tetanopertosse DtaP DtaP DtaP DTaP dtap 8 Antipoliomielite IPV IPV IPV IPV IPV 8 Epatite B HBV 2 HBV HBV HBV Haemophilus Hib Hib Hib influenzae b Morbillo-rosoliaparotite-varicella MPR V o MPR+V Pneumococco PCV13 PCV13 PCV13 MPR V o MPR+V Meningococco C Men C 3 Men ACWY 5 Meningococco B Men B 4 Men B Men B Varicella Varicella 6 Papilloma virus HPV 7 Offerta gratuita nei soggetti a rischio e in copayment per tutti gli altri soggetti Influenza Influenza 9 Epatite A Epatite A 10 Rotavirus Rotavirus 11 Encefalite da zecca TBE 12

6 Legenda: DTaP = vaccino difto-tetanico-pertossico acellulare dtpa = vaccino antidifterite-tetano-pertosse acellulare, formulazione per adulti IPV = vaccino antipolio inattivo HiB = vaccino contro le infezioni invasive da Haemophilus influenzae b PCV13 = vaccino pneumococcico coniugato 13 valente Men B = vaccino meningococcico B coniugato Men C = vaccino meningococcico C coniugato Men ACWY = vaccino meningococcico tetravalente ACWY coniugato MPRV = vaccino tetravalente per morbillo, parotite, rosolia e varicella MPR = vaccino trivalente per morbillo, parotite, rosolia V = vaccino contro la varicella HBV= vaccino antiepatite B Epatite A = vaccino antiepatite A HPV= vaccino anti-papillomavirus Influenza = vaccino trivalente contro l influenza stagionale Rotavirus = vaccino contro i rotavirus TBE = vaccino contro l encefalite da zecca Note alla tabella 1. Per terzo mese di vita si intende il periodo che intercorre dal compimento del 61 giorno di vita fino al 90 giorno di vita, ovvero dal compimento della 8 a settimana di vita fino alla 12 a settimana di vita. 13 me se si intende al compimento di e un giorno fino al compimento di 13 mesi di vita 5-6 anni (di età) si intende dal 5 compleanno (5 anni e 1 giorno) ai 6 anni e 364 giorni(7 compleanno) 12 anno si intende da 11 anni e 1 giorno (11 compleanno) fino a 11 anni e 364 giorni (12 compleanno) 2. Nei nati da madre HBsAg positiva si somministrano contemporaneamente, entro ore dalla nascita ed in siti separati, la prima dose di vaccino antiepatite B e una dose di immunoglobuline specifiche anti-epatite B. Il ciclo va completato da una seconda dose a 4 settimane dalla prima, da una terza dose dopo il compimento dell'ottava settimana e da una quarta dose in un periodo compreso tra l'11 ed il 12 mese di vita, anche in concomitanza con le altre vaccinazioni. 3. Meningococco di gruppo C in dose singola. Se richiesta nel primo anno di vita è possibile la somministrazione di 2-3 dosi. 4. Meningococco di gruppo B :vaccinazione dei nuovi nati a partire dalla coorte dei nati Il vaccino tetravalente coniugato anti- meningococco ACWY sostituisce il vaccino monovalente antimeningococco C negli adolescenti (16 anni). 6. Adolescenti con anamnesi negativa per varicella. Somministrazione di due dosi a 1 mese l'una dall'altra. 7. Offerta vaccinale da estendere anche ai dodicenni di sesso maschile a partire dalla coorte del Il vaccino difterite tetano pertosse - polio sostituisce il vaccino difterite-tetano-pertosse per i 16enni. A partire dal completamento della serie primaria, i successivi richiami devono essere effettuati ogni 10 anni e almeno una delle dosi booster va effettuata con una dose di dtap. 9. Gruppi a rischio secondo le indicazioni contenute nella Circolare del Ministero della Salute emanata ogni anno 10. Bambini/ragazzi da 0 a 16 anni, figli di immigrati che si rechino, anche per brevi periodi di tempo nei Paesi endemici di origine. 11. Offerta gratuita nei bambini a rischio, con compartecipazione alla spesa su consiglio del pediatra negli altri casi. 12. Offerta gratuita ai residenti in Friuli Venezia Giulia e agli esposti professionalmente in area a rischio, ai volontari della protezione civile operanti nei settori dell antincendio boschivo e dei cinofili, con compartecipazione alla spesa ai non residenti. IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE

7 ALLEGATO ALLA DELIBERA N DEL 18 DICEMBRE 2014 ALLEGATO B OFFERTA VACCINALE REGIONALE: ADULTO ED ANZIANO Tab.2: Offerta vaccinale per adulti, anziani e soggetti a rischio (vedi anche allegato C e C1) per i soggetti a rischio) della Regione Friuli Venezia Giulia Vaccino Età (anni) Difterite-tetano-pertosse (dt/dtpa)* booster ogni 10 anni Morbillo Rosolia Parotite (MPR) 2 dosi 1 Varicella 2 dosi 1,2 Influenza annuale 2 annuale Pneumococco (PCV13)** 2 3 Meningococco (MenACWYconiugato e Men B) 2 dosi 2 Haemophilus influenzae tipo b (Hib) 2 Epatite B 3 dosi 4 Epatite A *** 2 dosi 2 Encefalite da zecca**** 4 dosi 5 Papillomavirus (HPV)***** Herpes Zoster Virus ****** 3 dosi fino ad età massima in scheda tecnica Vaccino anti HZV 2 Note alla tabella * Difterite-tetano-pertosse (dtpa): gli adulti con anamnesi incerta per il ciclo primario di vaccinazione o mai vaccinati in precedenza contro il tetano devono iniziare o completare la vaccinazione primaria. Un ciclo primario per adulti è composto di due dosi di vaccino contenente tetano e difterite (dt) e una terza dose con vaccino dtpa. I successivi richiami devono essere effettuati ogni 10 anni (a partire dal completamento della serie primaria) e almeno una delle dosi booster va effettuata con una dose di dtpa. ** Pneumococco (PCV13): i soggetti ad alto rischio per la presenza di patologie croniche, se mai vaccinai in precedenza con vaccino pneumococcico polisaccaridico (PPV23) riceveranno anche una dose di PPV23 a un anno. I soggetti già vaccinati con una o più dosi di PPV23 da uno o più anni effettueranno solo una dose di PCV13. *** Epatite A:gratuito nei soggetti a rischio. Sono esclusi dall offerta gratuita i viaggiatori internazionali per i quali la vaccinazione non è a carico del SSN. **** Encefalite da zecca: offerta gratuita ai residenti in Friuli Venezia Giulia e agli esposti professionalmente in area a rischio,ai volontari della protezione civile operanti nei settori dell antincendio boschivo e dei cinofili, con compartecipazione alla spesa ai non residenti. ***** Papillomavirus (HPV): gratuito nelle categorie a rischio (MSM, HIV+,). Su prescrizione medica, con la compartecipazione alla spesa, ai soggetti non appartenenti alle categorie a rischio.

8 ****** Herpes Zoster Virus gratuito nelle categorie a rischio. Su prescrizione medica, con la compartecipazione alla spesa, ai soggetti non appartenenti alle categorie a rischio. 1. Nei soggetti anamnesticamente negativi o non vaccinati in precedenza (gratuito). 2. Nei soggetti a rischio (gratuito). 3. Vaccinazione disponibile tutto l anno; nel corso della campagna vaccinale antinfluenzale vaccinazione della coorte dei nuovi 65enni (gratuito). 4. Nei soggetti a rischio non vaccinati in precedenza (gratuito). 5. Ciclo primario (3 dosi) più una dose booster dopo tre anni dal completamento del ciclo primario. IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE

9

10

11

12 ALLEGATO ALLA DELIBERA N DEL 18 DICEMBRE 2014 Allegato C1 - Tabella riassuntiva delle condizioni di rischio e delle vaccinazioni indicate Condizioni di rischio S. Pneumoniae N. Meningitidis HIB Influenza Varicella PVC13 * PPV23 Men A,C,W,Y Men B Asplenia anatomica o funzionale Immunodeficienza congenita e acquisita (compreso HIV) a a 2 dosi a almeno 8 settimane. Un richiamo ogni 5 anni 2 dosi a almeno 8 settimane. Ciclo completo e dosi di richiamo secondo l età Ciclo completo e dosi di richiamo secondo l età se non già vaccinato se non già vaccinato annuale annuale 2 dosi a almeno 4 settimane alle persone con infezione da HIV senza segni di immunodeficienza e con una proporzione di CD4 200/ml Deficit fattori del complemento (C5-C9), difetti dei toll like receptors di tipo 4 e della properidina Emoglobinopatie (in particolare anemia falciforme e talassemia in quanto causa di asplenia funzionale) Trapianto di midollo osseo Trapianto di organi solidi Condizioni con immunodepressione (come trapianto d organo o terapia antineoplastica, compresa la terapia corticosteroidea sistemica ad alte dosi) Perdite di liquor da cause congenite o acquisite 3 dosi più 1 in presenza di GvHD cronica a a a a a a 2 dosi a almeno 8 settimane. Un richiamo ogni 5 anni 2 dosi a almeno 8 settimane. 2 dosi a almeno 8 settimane. Ciclo completo e dosi di richiamo secondo l età Ciclo completo e dosi di richiamo secondo l età Ciclo completo e dosi di richiamo secondo l età se non già vaccinato se non già vaccinato 3 dosi con un intervallo di 2 mesi tra ogni singola dose se non già vaccinato se non già vaccinato annuale annuale annuale annuale 1

13 Allegato C1 - Tabella riassuntiva delle condizioni di rischio e delle vaccinazioni indicate Condizioni di rischio S. Pneumoniae N. Meningitidis HIB Influenza Varicella PVC13 * PPV23 Men A,C,W,Y Men B Portatori di impianto cocleare a Insufficienza renale cronica, sindrome nefrosica e trapianto renale a annuale 2 dosi a almeno 4 settimane Leucemie, linfomi, mieloma multiplo Neoplasie diffuse Malattie polmonari croniche che comportano insufficienza respiratoria e fibrosi cistica Diabete mellito insulinodipendente Diabete mellito in difficile compenso Cirrosi epatica, epatopatie croniche evolutive Cardiopatie croniche a annuale a annuale a annuale a annuale a annuale a annuale a annuale leucemia linfatica acuta in remissione: 2 dosi a almeno 4 settimane * i soggetti ad alto rischio per la presenza di patologie croniche, se mai vaccinai in precedenza con vaccino pneumococcico polisaccaridico (PPV23) riceveranno anche una dose di PPV23 a distanza di un anno. I soggetti già vaccinati con una o più dosi di PPV23 da uno o più anni effettueranno solo una dose di PCV13. IL PRESIDENTE IL SEGRETARIO GENERALE 2

COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA

COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA Anno 2013 A cura: C. Braida, T. Gallo Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria,politiche sociali e famiglia Regione

Dettagli

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione LA SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE PREVENIBILI DA VACCINAZIONE: RISULTATI E IMPLICAZIONI PER LA PREVENZIONE Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione F. Russo, G. Napoletano

Dettagli

Prevenzione in Sanità: le novità vaccinali in ambito pediatrico e negli adulti

Prevenzione in Sanità: le novità vaccinali in ambito pediatrico e negli adulti 2015 MOTORE SANITÀ STATI GENERALI DELLA SANITÀ REGIONE DEL VENETO 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 Padiglione Giovanni Rama dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino Prevenzione in Sanità:

Dettagli

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma TETANO - Anatossina - Tempi 0, 1, 6 mesi - Richiami ogni 10 anni dopo almeno

Dettagli

Visti: il DM 7.4.1999 Nuovo calendario delle vaccinazioni obbligatorie e raccomandate per l'età evolutiva ;

Visti: il DM 7.4.1999 Nuovo calendario delle vaccinazioni obbligatorie e raccomandate per l'età evolutiva ; %FMJCFSBOm &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF PHHFUUP "((*03/".&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&35"7"$$*/"-&/&--"3&(*0/&'3*6-*7&/&;*" (*6-*" %FCPSB4&33"$$)*"/* 1SFTJEFOUF 4FSHJP#0-;0/&--0 7JDF1SFTJEFOUF

Dettagli

LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO

LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO Laura Gardenghi Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Igiene Pubblica area Profilassi Malattie Infettive Modena, 17 novembre 2014 VACCINAZIONI

Dettagli

Un Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale Tanti Piani Regionali Prevenzione Vaccinale

Un Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale Tanti Piani Regionali Prevenzione Vaccinale 24 maggio 2014 Un Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale Tanti Piani Regionali Prevenzione Vaccinale Elisabetta Franco Dipartimento di Biomedicina e Prevenzione Università di Roma Tor Vergata Nuovo calendario

Dettagli

Programma di vaccinazione con vaccino anti-pneumococcico coniugato (PCV) 13-valente. Nota operativa sintetica

Programma di vaccinazione con vaccino anti-pneumococcico coniugato (PCV) 13-valente. Nota operativa sintetica ALLEGATO B Programma di vaccinazione con vaccino anti-pneumococcico coniugato (PCV) 13-valente Nota operativa sintetica 1) Strategia d intervento e popolazione bersaglio A partire dal 15 ottobre 2015,

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio organizzazione e qualità delle attività sanitarie PIANO PROVINCIALE DI PROMOZIONE DELLE VACCINAZIONI PER LA PROVINCIA DI TRENTO Gennaio 2012 1. Introduzione...2 Contesto

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE

Dettagli

Ai Pediatri di libera scelta Ai Medici di Medicina Generale ASP Siracusa

Ai Pediatri di libera scelta Ai Medici di Medicina Generale ASP Siracusa Corso Gelone, 17-96100 Siracusa C.F./P.I. 01661590891 REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE S I R A C U S A U.O.C. SEMP Direttore Dott.ssa Maria Lia Contrino Traversa La Pizzuta (ex ONP) - 96100

Dettagli

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella)

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella) Razionale d uso Vaccino DTPa e vaccino dtpa Per mantenere l efficacia della vaccinazione DTPa, la cui quarta dose è stata eseguita a 5-6 anni, insieme alla quarta dose di vaccino antipolio inattivato (IPV),

Dettagli

Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia

Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia Dr. Mino Baitelli Dirigente Medico Responsabile della

Dettagli

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria Le vaccinazioni Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione Igiene LE VACCINAZIONI 1 Introduzione ARTICOLAZIONE

Dettagli

IL medico di medicina generale vaccinazioni non obbligatorie. Antonio Nigro

IL medico di medicina generale vaccinazioni non obbligatorie. Antonio Nigro IL medico di medicina generale vaccinazioni non obbligatorie OMS E necessaria una elevata copertura vaccinale per evitare la diffusione delle malattie prevenibili da vaccino all interno di una comunità.

Dettagli

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità.

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Le vaccinazioni prioritarie che sono evidenziate in grassetto dovrebbero prevedere dei programmi organici ed efficaci di offerta attiva. 13 19 (*)

Dettagli

Calendario vaccinale della Regione Toscana e direttive in materia di vaccinazioni. Aggiornamento aprile 2015.

Calendario vaccinale della Regione Toscana e direttive in materia di vaccinazioni. Aggiornamento aprile 2015. Allegato 1 Calendario vaccinale della Regione Toscana e direttive in materia di vaccinazioni. Aggiornamento aprile 2015. INDICE Introduzione 1 Il calendario vaccinale universale 2 Le vaccinazioni per i

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014 Oggetto: Piano regionale vaccinazioni. Assegnazione alle Aziende Sanitarie regionali delle risorse disponibili nel Bilancio Regionale 2014 ( 800.000 - UPB S05.01.001 capitolo SC 05.0023). L Assessore dell

Dettagli

Regione Lazio. Atti del Presidente della Regione Lazio 13/11/2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 63

Regione Lazio. Atti del Presidente della Regione Lazio 13/11/2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 63 Regione Lazio Atti del Presidente della Regione Lazio Decreto del Commissario ad Acta 5 novembre 2012, n. U00192 Presa d'atto dell'intesa ai sensi dell'art. 8 comma 6 della Legge 5 giugno 2003 n. 131 tra

Dettagli

Il calendario della Regione Veneto e i nuovi vaccini

Il calendario della Regione Veneto e i nuovi vaccini Il calendario della Regione Veneto e i nuovi vaccini Ostetriche e assistenti sanitari insieme per promuovere la salute di mamme e bambini Sala Polifunzionale, Palazzo Grandi Stazioni Regione Veneto Venezia,

Dettagli

Il calendario vaccinale alla luce della disponibilità di nuovi vaccini

Il calendario vaccinale alla luce della disponibilità di nuovi vaccini Il calendario vaccinale alla luce della disponibilità di nuovi vaccini G. Gabutti Dipartimento di Prevenzione S.C. Igiene e Sanità Pubblica ASL 4 Chiavarese Regione Liguria Corso Vaccinazioni: consolidare

Dettagli

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0 Le vaccinazioni Lezioni di igiene ed educazione sanitaria Anno accademico: 2008-20092009 Le vaccinazioni Costituiscono un intervento per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive Cos è un

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre LE VACCINAZIONI Troverete copia gratis di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

La vaccinazione delle persone ad alto rischio di infezione invasiva pneumococcica

La vaccinazione delle persone ad alto rischio di infezione invasiva pneumococcica La vaccinazione delle persone ad alto rischio di infezione invasiva pneumococcica Dott. Pietro Ragni, Direzione Sanitaria Azienda USL di Reggio Emilia Le patologie che espongono a rischio aumentato

Dettagli

PROPOSTA CALENDARIO VACCINALE PER GLI ADULTI E PER GLI ANZIANI

PROPOSTA CALENDARIO VACCINALE PER GLI ADULTI E PER GLI ANZIANI PROPOSTA CALENDARIO VACCINALE PER GLI ADULTI E PER GLI ANZIANI a cura dalla Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) Vaccino Gruppo di Età Tetano, Difterite, pertosse per

Dettagli

ALLEGATO 1 alla Deliberazione. del ADEGUAMENTO OFFERTA VACCINALE E NUOVA SCHEDULA VACCINALE ANTIMENINGOCOCCO. Introduzione

ALLEGATO 1 alla Deliberazione. del ADEGUAMENTO OFFERTA VACCINALE E NUOVA SCHEDULA VACCINALE ANTIMENINGOCOCCO. Introduzione ALLEGATO 1 alla Deliberazione. del ADEGUAMENTO OFFERTA VACCINALE E NUOVA SCHEDULA VACCINALE ANTIMENINGOCOCCO Introduzione Le patologie invasive da meningococco costituiscono una seria minaccia alla salute;

Dettagli

I processi decisionali a supporto delle strategie vaccinali Silvio Tafuri

I processi decisionali a supporto delle strategie vaccinali Silvio Tafuri Dipartimento di Scienze Biomediche e Oncologia Umana Sezione Igiene I processi decisionali a supporto delle strategie vaccinali Silvio Tafuri Elementi di valutazione delle autorità regolatorie! Efficacia

Dettagli

Malattie da Pneumococco

Malattie da Pneumococco 1 Malattie da Pneumococco La Circolare Ministeriale relativa alla vaccinazione Antipneumococcica si riporta come aggiornamento ritenendo corretto spendere qualche parola in più vista la novità legislativa

Dettagli

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 A due anni dalla prima edizione, il Calendario per la Vita si rinnova e si aggiorna. La creazione di una collaborazione strutturata e permanente tra Società

Dettagli

Top news Progetto ASCO

Top news Progetto ASCO Società Italiana di MEDICINA GENERALE Top news Il calendario vaccinale per gli adulti e gli anziani Paolo Bonanni Professore Ordinario di Igiene, Dipartimento di Sanità Pubblica, Università di Firenze

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 18 febbraio 2013, n. 241

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 18 febbraio 2013, n. 241 9896 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 18 febbraio 2013, n. 241 Intesa Stato-Regioni 22 febbraio 2012: Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2012-2014. Recepimento e adozione Calendario Regionale

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Francesca Russo Servizio Sanità Pubblica e Screening Regione Veneto Formatore Azienda Ospedaliera: Dott.ssa Silvana Lauriola Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

Tabelle delle condizioni di rischio e vaccinazioni raccomandate

Tabelle delle condizioni di rischio e vaccinazioni raccomandate Tabelle delle condizioni di e vaccinazioni raccomandate INDICE TAB.1 - VACCINI VS CONDIZIONE... 2 ANTIPNEUMOCOCCO... 2 ANTIMENINGOCOCCO... 3 ANTIVARICELLA... 3 ANTI MORBILLO PAROTITE ROSOLIA (MPR)... 4

Dettagli

Introduzione di un nuovo vaccino nel contesto di prevenzione italiano e regionale

Introduzione di un nuovo vaccino nel contesto di prevenzione italiano e regionale Introduzione di un nuovo vaccino nel contesto di prevenzione italiano e regionale Nicola Nicolotti 1, Maria Rosaria Gualano 1, Flavia Kheiraoui 1, Paolo Castiglia 2, Eugenio Anessi Pessina 1, Walter Ricciardi

Dettagli

Il bambino immigrato con stato vaccinale sconosciuto.

Il bambino immigrato con stato vaccinale sconosciuto. Il bambino immigrato con stato vaccinale sconosciuto. GHINELLI Giuseppe - Pediatra S.C. Assistenza Consultoriale ASL3 Genovese Circolare Ministeriale n.8 del 23/3/1993 "Documenti di vaccinazione per minori

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 1564 del 26 agosto 2014 pag. 1/29

ALLEGATOB alla Dgr n. 1564 del 26 agosto 2014 pag. 1/29 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 1564 del 26 agosto 2014 pag. 1/29 Sommario PREVENZIONE DI MALATTIE INFETTIVE IN ALCUNE DELLE PIU COMUNI CONDIZIONI DI RISCHIO: INDICAZIONI E MODALITA

Dettagli

DOCUMENTI DI INDIRIZZO RECOMMENDATIONS

DOCUMENTI DI INDIRIZZO RECOMMENDATIONS DOCUMENTI DI INDIRIZZO RECOMMENDATIONS WWW.EPIPREV.IT IL CALENDARIO VACCINALE PER LA VITA 2014 PREDISPOSTO DALLE SOCIETÀ SCIENTIFICHE ITALIANE THE 2014 LIFETIME IMMUNIZATION SCHEDULE APPROVED BY THE ITALIAN

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Prevenzione, Igiene e Sanità Pubblica PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE SISTEMI DI SORVEGLIANZA DELLA MALATTIE INFETTIVE E PIANO DELLE VACCINAZIONI

Dettagli

PIANO DELLE VACCINAZIONI DELLA REGIONE CAMPANIA

PIANO DELLE VACCINAZIONI DELLA REGIONE CAMPANIA PIANO DELLE VACCINAZIONI DELLA REGIONE CAMPANIA SOMMARIO A. Premessa B. Quadro normativo di riferimento C. Fonti utilizzate D. Obiettivi prioritari E. Calendario Regionale delle Vaccinazioni F. Ruoli e

Dettagli

COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA

COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA Anno 2015 Il rapporto è stato curato da: T.Gallo 1, F.Valent 2, C.Braida 1 Si ringraziano gli operatori che prestano servizio

Dettagli

Calendario Vaccinale per la Vita

Calendario Vaccinale per la Vita Calendario Vaccinale per la Vita RAZIONALE Le più importanti federazioni che rappresentano le cure primarie per il bambino (FIMP - Federazione Italiana Medici Pediatri) e per l adulto (FIMMG - Federazione

Dettagli

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI?

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI? In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi di tetano, circa 60.000 casi di morbillo e 30.000

Dettagli

EMENDAMENTI PDL 190, PSSR GRUPPO ITALIA DEI VALORI

EMENDAMENTI PDL 190, PSSR GRUPPO ITALIA DEI VALORI EMENDAMENTI PDL 190, PSSR GRUPPO ITALIA DEI VALORI Primo firmatario: Consigliere Marotta Venezia e altre specificità Emendamento n.1 3.2.1 La rete ospedaliera su due livelli (Pag. 44) Dopo le parole: Inoltre

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

PROGETTO ADULTI A RISCHIO E VACCINAZIONI

PROGETTO ADULTI A RISCHIO E VACCINAZIONI PROGETTO ADULTI A RISCHIO E VACCINAZIONI Dott.ssa Antonietta Spadea UOS Medicina Preventiva Età Evolutiva IV Distretto Coordinatore Vaccinazioni Adulti Coordinatore Campagna di Vaccinazione antinfluenzale

Dettagli

Calendario Vaccinale per la Vita Modifica ed integrazione del Calendario Vaccinale della Regione Sicilia adottato con D.A.

Calendario Vaccinale per la Vita Modifica ed integrazione del Calendario Vaccinale della Regione Sicilia adottato con D.A. 1 D.A. n :0820/12 ALLEGATO A Calendario Vaccinale per la Vita Modifica ed integrazione del Calendario Vaccinale della Regione Sicilia adottato con D.A. n 01819/10 Premessa I vaccini hanno cambiato la storia

Dettagli

Pediatria Preventiva e Sociale

Pediatria Preventiva e Sociale Che cos è la meningite? La meningite è un infiammazione delle membrane che ricoprono il cervello e il midollo spinale, che può essere causata da virus o batteri. Le forme virali sono solitamente più lievi

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Progetto per il miglioramento delle coperture vaccinali con particolare

Dettagli

COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA

COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA I vaccini come siero d amore - Mauro Perucchetti Aggiornamento luglio 2015 I vaccini come siero d amore di Mauro Perucchetti

Dettagli

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Incontriamo i Medici competenti Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Intervento a cura di: Marino Faccini Milano 28 maggio 2014 Le vaccinazioni hanno sempre un impatto di Sanità Pubblica Contesto

Dettagli

Calendario vaccinale: dalle vaccinazioni obbligatorie alle facoltative

Calendario vaccinale: dalle vaccinazioni obbligatorie alle facoltative Calendario vaccinale: dalle vaccinazioni obbligatorie alle facoltative 8 Novembre 2014 Dott.ssa Ornella Biagioni Pediatria di Comunità Distretto di Carpi Azienda USL di Modena Il termine vaccinazione deriva

Dettagli

VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009

VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009 VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009 1. Quando sarà disponibile il vaccino pandemico per il nuovo virus A(H1N1)? Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

COPERTURE VACCINALI IN FRIULI VENEZIA GIULIA

COPERTURE VACCINALI IN FRIULI VENEZIA GIULIA Regione Friuli Venezia Giulia Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria e politiche sociali Area Prevenzione COPERTURE VACCINALI IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO 2010 A cura: T. Gallo Direzione

Dettagli

Le vaccinazioni: La prevenzione come stile di vita

Le vaccinazioni: La prevenzione come stile di vita Le vaccinazioni: La prevenzione come stile di vita Italo Guido Ricagni MMG S.I.M.P.eS.V. (Soc. It. di Med.di Prevenzione e Stili di Vita) La prevenzione come stile di vita VACCINAZIONI IMPORTANTI ECONOMICHE

Dettagli

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Assessorato alla Sanità Direzione Regionale Prevenzione LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Le vaccinazioni rappresentano una delle più importanti conquiste della medicina e il metodo più efficace per combattere

Dettagli

PIANO DELLE VACCINAZIONI

PIANO DELLE VACCINAZIONI PIANO DELLE VACCINAZIONI 1.Premessa Il Piano Nazionale Vaccini 2005-2007 ha stabilito gli indirizzi per il mantenimento o raggiungimento degli obiettivi fissati in ordine alla prevenzione e controllo delle

Dettagli

La prevenzione del meningococco. Aiutami a crescere. XXIII Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale

La prevenzione del meningococco. Aiutami a crescere. XXIII Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale XXIII Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale Aiutami a crescere 15-17 Settembre 2011 Hotel Michelangelo, Milano La prevenzione del meningococco Francesca Lippi Chiara Azzari

Dettagli

Le nuove opportunità del Calendario Vaccinale della Regione Veneto

Le nuove opportunità del Calendario Vaccinale della Regione Veneto Le nuove opportunità del Calendario Vaccinale della Regione Veneto a cura della Rete Vaccini FIMP Veneto Con deliberazione della Giunta Regionale del Veneto n.1564 del 26 agosto 2014 è stato approvato

Dettagli

MOD. 7.PAND - REGISTRAZIONE DEI DATI DELLE CO-SOMMINISTRAZIONI DI VACCINO ANTINFLUENZALE STAGIONALE E VACCINO PANDEMICO

MOD. 7.PAND - REGISTRAZIONE DEI DATI DELLE CO-SOMMINISTRAZIONI DI VACCINO ANTINFLUENZALE STAGIONALE E VACCINO PANDEMICO Mod. 7.PAND MOD. 7.PAND - REGISTRAZIONE DEI DATI DELLE CO-SOMMINISTRAZIONI DI VACCINO ANTINFLUENZALE STAGIONALE E VACCINO PANDEMICO me N dose vac. vaccinaz. S P S P S P Mod. 7.PAND me N dose vac. vaccinaz.

Dettagli

INDICE. Vaccini che prevengono alcune forme di meningite Infezioni da Stretptococcus pneumoniae (pneumococco) pag. 26. Informazioni ai genitori pag.

INDICE. Vaccini che prevengono alcune forme di meningite Infezioni da Stretptococcus pneumoniae (pneumococco) pag. 26. Informazioni ai genitori pag. INDICE Informazioni ai genitori pag. 3 Attacco e difesa pag. 5 Risposta sicura pag. 7 Regole e raccomandazioni pag. 8 Calendario delle vaccinazioni pediatriche pag. 9 Nel primo anno di vita pag. 12 Un

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (PNPV) 2012-2014 1 INDICE DEL PIANO Prefazione Introduzione Il contesto Gli obiettivi del Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2012-2014 Superamento

Dettagli

EP/AL/66 MALATTIE PREVENIBILI DA VACCINO

EP/AL/66 MALATTIE PREVENIBILI DA VACCINO EP/AL/66 MALATTIE PREVENIBILI DA VACCINO Attività dell anno 2007 in Regione Piemonte Settembre 2008 MALATTIE PREVENIBILI DA VACCINO Attività dell anno 2007 in Regione Piemonte A cura di: Barale A., Malaspina

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITA 2014

RELAZIONE ATTIVITA 2014 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIRETTORE DR. ANTONIO MAGGIOLO RELAZIONE ATTIVITA 2014 EPIDEMIOLOGIA E PROFILASSI DELLE MALATTIE INFETTIVE DR. SSA KATIA CERVATO ASV PAOLA PASQUIN ASV MONICA BARBIERI ASV DARIA

Dettagli

Calendario vaccinale Lombardia 2017

Calendario vaccinale Lombardia 2017 Calendario vaccinale Lombardia 2017 vaccino 3 4 5 6 7 11 13 15 6 anni 12/18 anni 19 /45 anni 46/64 anni > 65 anni DTP DTP DTP DTP DTP DTP DT (ogni 10 anni) Polio IPV IPV IPV IPV Epatite B Ep B Ep B Ep

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Massimo Cornale Angela Garbini Monica Mascellani AUSL di Ferrara tratto da Francesca Russo Veneto Maria Grazia Pascucci- Emilia Romagna Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

Piano Nazionale della Prevenzione 2008 Scheda sintetica di Progetto al 31.12.08

Piano Nazionale della Prevenzione 2008 Scheda sintetica di Progetto al 31.12.08 Piano Nazionale della Prevenzione 2008 Scheda sintetica di Progetto al 31.12.08 Regione Proponente: Regione Veneto Linea Progettuale: VACCINAZIONI - Mantenimento/implementazione del Sistema Vaccinale Referente:

Dettagli

ASSESSORATO ALLA SANITÀ

ASSESSORATO ALLA SANITÀ ASSESSORATO ALLA SANITÀ ASSESSORATO ALLA SANITÀ DIREZIONE REGIONALE PREVENZIONE LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Le vaccinazioni rappresentano una delle più importanti conquiste della medicina e il metodo

Dettagli

Il piano vaccini della regione Lazio: a che punto siamo? Renato Fanelli FIMMG

Il piano vaccini della regione Lazio: a che punto siamo? Renato Fanelli FIMMG Il piano vaccini della regione Lazio: a che punto siamo? Renato Fanelli FIMMG Vaccinazione antinfluenzale: stagione 2006-2007 Coperture vaccinali (per 100 abitanti) stimate dal Ministero della Salute,

Dettagli

AGGIORNAMENTO ED ESTENSIONE DELL OFFERTA VACCINALE PER ADULTI, ANZIANI E SOGGETTI A RISCHIO NELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

AGGIORNAMENTO ED ESTENSIONE DELL OFFERTA VACCINALE PER ADULTI, ANZIANI E SOGGETTI A RISCHIO NELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 365 DEL 3 MARZO 2017 AGGIORNAMENTO ED ESTENSIONE DELL OFFERTA VACCINALE PER ADULTI, ANZIANI E SOGGETTI A RISCHIO NELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Le vaccinazioni previste per

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013. Fonte: Ministero della salute

Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013. Fonte: Ministero della salute Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013 Fonte: Ministero della salute Vaccinazione influenzale al via da metà ottobre, con l obiettivo di vaccinare il 95 per cento

Dettagli

Progetto Prevenzione Italia Prevenzione come garanzia di sostenibilità e sviluppo del Servizio Sanitario Nazionale. I Report - PREVENZIONE VACCINALE

Progetto Prevenzione Italia Prevenzione come garanzia di sostenibilità e sviluppo del Servizio Sanitario Nazionale. I Report - PREVENZIONE VACCINALE Progetto Prevenzione Italia Prevenzione come garanzia di sostenibilità e sviluppo del Servizio Sanitario Nazionale I Report - PREVENZIONE VACCINALE Premessa Prefazione INDICE 1. Una visione d insieme PARTE

Dettagli

Il Piano Piemontese di Promozione delle Vaccinazioni

Il Piano Piemontese di Promozione delle Vaccinazioni Il Piano Piemontese di Promozione delle Vaccinazioni Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Si ringraziano per i disegni di copertina: Edoardo, Federica, Mariachiara, Mauro Il Piano Piemontese di

Dettagli

Le malattie infettive

Le malattie infettive Le malattie infettive Le malattie infettive continuano a rappresentare un rilevante problema sanitario, nonostante la disponibilità, per molte di esse, di efficaci interventi di prevenzione e di cura.

Dettagli

La Campagna Straordinaria di Recupero

La Campagna Straordinaria di Recupero La Campagna Straordinaria di Recupero Strategie di vaccinazione da attuare per eliminare il morbillo Raggiungere e mantenere nel tempo coperture vaccinali entro i 2 anni per una dose di MPR > 95%. Vaccinare

Dettagli

Oltre il meningococco C

Oltre il meningococco C Oltre il meningococco C Caserta 14 settembre Antonio Campa 2012 Chiara Azzari Clementina Canessa Servizio di Immunologia Pediatrica Centro Regionale di riferimento Ospedale pediatrico Meyer Università

Dettagli

La vaccinazione dei pazienti sottoposti a trapianto di cellule staminali ematopoietiche

La vaccinazione dei pazienti sottoposti a trapianto di cellule staminali ematopoietiche Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria sanita.pubblica@regione.piemonte.it Novembre 2014 La vaccinazione dei pazienti sottoposti a trapianto di cellule staminali ematopoietiche 1. Introduzione

Dettagli

Sommario. Introduzione pag. 04. Calendario Regionale delle vaccinazioni pag. 06. Vaccinazione contro la poliomielite pag. 09

Sommario. Introduzione pag. 04. Calendario Regionale delle vaccinazioni pag. 06. Vaccinazione contro la poliomielite pag. 09 Sommario Introduzione pag. 04 Calendario Regionale delle vaccinazioni pag. 06 Vaccinazione contro la poliomielite pag. 09 Vaccinazione contro la difterite e il tetano pag. 11 Vaccinazione contro l epatite

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE PER CONSENSO INFORMATO ALLA VACCINAZIONE

SCHEDE INFORMATIVE PER CONSENSO INFORMATO ALLA VACCINAZIONE SCHEDE INFORMATIVE PER CONSENSO INFORMATO ALLA VACCINAZIONE VACCINAZIONE ANTIPOLIOMIELITICA POLIOMIELITE La poliomielite è una malattia causata da virus che colpiscono alcune cellule nervose responsabili

Dettagli

UN DECENNIO DI SOSPENSIONE DELL OBBLIGO VACCINALE NEL VENETO: EPICRISI

UN DECENNIO DI SOSPENSIONE DELL OBBLIGO VACCINALE NEL VENETO: EPICRISI UN DECENNIO DI SOSPENSIONE DELL OBBLIGO VACCINALE NEL VENETO: EPICRISI Convegno Sanità Pubblica e Giustizia 7 ottobre 2016 Palazzo della Gran Guardia Verona F. Russo G. Napoletano Direzione Prevenzione,

Dettagli

Il Piano nazionale vaccini in Gazzetta. Tra le novità il vaccino HPV per i maschi e l antimeningococco

Il Piano nazionale vaccini in Gazzetta. Tra le novità il vaccino HPV per i maschi e l antimeningococco Il Piano nazionale vaccini in Gazzetta. Tra le novità il vaccino HPV per i maschi e l antimeningococco B. E niente ticket Il nuovo Piano, oltre alle vecchie vaccinazioni (contro difterite, tetano, polio,

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione. G. Napoletano

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione. G. Napoletano AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Indicatori di performance e di risultati nei programmi di controllo della diffusione delle malattie infettive Regione Veneto G. Napoletano Padova 04.11.2011

Dettagli

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA ASSESSORATO ALLA SANITÀ DIREZIONE REGIONALE PREVENZIONE LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Le vaccinazioni rappresentano una delle più importanti conquiste della medicina e il metodo più efficace per combattere

Dettagli

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara VACCINO ANTI MORBILLO, ROSOLIA, PAROTITE E VARICELLA Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara Morbillo, parotite, rosolia e varicella sono patologie

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 232 DEL 19/02/2015

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 232 DEL 19/02/2015 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 232 DEL 19/02/2015 OGGETTO: PROCEDURA APERTA TELEMATICA DI RILIEVO COMUNITARIO PER LA

Dettagli

Libretto delle vaccinazioni

Libretto delle vaccinazioni REGIONE LIGURIA Libretto delle vaccinazioni Cognome Nome Data di nascita Il centro vaccinale della mia ASL: Indirizzo: Tel.: DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE U.O. IGIENE E SANITÀ PUBBLICA Direzione: Tel: e-mail:

Dettagli

VACCINI VACCINAZIONI SIERI

VACCINI VACCINAZIONI SIERI VACCINI VACCINAZIONI SIERI 1 IMMUNITA INNATA ACQUISITA ARTIFICIALE NATURALE ATTIVA (VACCINAZIONE) PASSIVA (SIEROPROFILASSI) ATTIVA (INFEZIONE) PASSIVA (PLACENTA) 2 2 IMMUNITA PASSIVA Immunità passiva artificiale:

Dettagli

Strategie di vaccinazione per la prevenzione della Rosolia Congenita

Strategie di vaccinazione per la prevenzione della Rosolia Congenita Strategie di vaccinazione per la prevenzione della Rosolia Congenita Target della vaccinazione per la prevenzione della Rosolia Congenita 1. Adolescenti 2. Donne suscettibili in età fertile 3. Gruppi difficili

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA INFLUENZA: PRONTI 30MILA VACCINI

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA INFLUENZA: PRONTI 30MILA VACCINI COMUNICATO STAMPA INFLUENZA: PRONTI 30MILA VACCINI PARTIRÀ MERCOLEDÌ 28 NOVEMBRE LA CAMPAGNA DI VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE STAGIONALE NELL'AZIENDA SANITARIA DI NUORO. FUGATI I DUBBI SULLA SICUREZZA, A

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Aggiornamento: dicembre 2013 a cura di

RASSEGNA STAMPA Aggiornamento: dicembre 2013 a cura di COMUNICATO STAMPA CONGIUTO Da SItI, SIP, FIMP e FIMMG l appello a offrire gratuitamente il vaccino contro il meningococco B a tutti i lattanti italiani 12 dicembre 2013 RASSEGNA STAMPA Aggiornamento: dicembre

Dettagli

INDICE. Influenza... 26 Infezioni da Rotavirus... 27 Epatite A... 28 Altre informazioni utili... 29

INDICE. Influenza... 26 Infezioni da Rotavirus... 27 Epatite A... 28 Altre informazioni utili... 29 INDICE LEGENDA... 2 CALENDARIO DELLE VACCINAZIONI PEDIATRICHE... 3 Offerta attiva e gratuita... 3 Per le ragazze: offerta attiva e gratuita... 3 Offerta attiva e gratuita per gruppi a rischio... 3 LE VACCINAZIONI

Dettagli

S.C. Igiene e Sanità Pubblica

S.C. Igiene e Sanità Pubblica Informazioni sulle vaccinazioni dalla nascita ai due anni S.C. Igiene e Sanità Pubblica vaccino Poliomielite Epatite B Difterite Tetano Pertosse Emofilo Pneumococco Meningococco B *vedi nota alla nascita

Dettagli

TERZA SEZIONE VACCINAZIONI

TERZA SEZIONE VACCINAZIONI TERZA SEZIONE VACCINAZIONI Obiettivi generali di Piano: - Realizzazione della gestione informatizzata delle vaccinazioni - Miglioramento della qualità dell offerta vaccinale - Aumento delle coperture nelle

Dettagli

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA REGIONE VENETO ASSESSORATO ALLE POLITICHE SANITARIE DIREZIONE REGIONALE PER LA PREVENZIONE LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Le vaccinazioni rappresentano una delle più importanti conquiste della medicina

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLE VACCINAZIONI E SUI VACCINI PER GLI OPERATORI SANITARI

DOMANDE FREQUENTI SULLE VACCINAZIONI E SUI VACCINI PER GLI OPERATORI SANITARI DOMANDE FREQUENTI SULLE VACCINAZIONI E SUI VACCINI PER GLI OPERATORI SANITARI Settimana Europea della Vaccinazione 1. COME CI DIFENDIAMO DALLE MALATTIE INFETTIVE? Le difese dell organismo contro microrganismi

Dettagli

Epidemiologia delle malattie infettive

Epidemiologia delle malattie infettive Relazione Sanitaria 2000 Rapporto n. 6 Epidemiologia delle malattie infettive Riassunto Le misure di frequenza delle malattie infettive risentono in maniera importante del fenomeno della sottonotifica.

Dettagli

PROGETTO (dicembre 2009)

PROGETTO (dicembre 2009) All. 2 PROGETTO (dicembre 2009) Progetto relativo alla linea del PNP: VACCINAZIONI TITOLO DEL PROGETTO: Mantenimento/implementazione del Sistema Vaccinale veneto Obiettivi Iniziali del Progetto: miglioramento

Dettagli

Il Piano Nazionale della Prevenzione

Il Piano Nazionale della Prevenzione Il Piano Nazionale della Prevenzione 2014 2018 Il nuovo PNP 2014 2018, pur mantenendo la buona pratica della pianificazione, si caratterizza per l adozione di percorsi metodologicamente condivisi, affinché

Dettagli

Ministero della Sanità

Ministero della Sanità Ministero della Sanità Circolare n. 5 del 7 aprile 1999 Il nuovo calendario delle vaccinazioni obbligatorie e raccomandate per l'età evolutiva Gli obiettivi adottati dall'ufficio Regionale Europeo dell'organizzazione

Dettagli

Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento

Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento Il Piano provinciale per la promozione delle vaccinazioni ha una durata triennale, coprendo gli anni 2012, 2013 e 2014.

Dettagli