Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA ( Spesometro )

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA ( Spesometro )"

Transcript

1 Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA ( Spesometro ) CT , del 12/09/2013 COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA... 2 Soggetti obbligati... 2 Oggetto della comunicazione... 2 Termini di presentazione... 2 Interventi in Business... 2 OPERATIVITÀ IN BUSINESS NET... 5 Requisiti... 5 Impostazione delle causali di contabilità generale... 5 Esclusione movimenti dallo spesometro (dalla versione Business Net 2015)... 5 Scenari operativi in Business... 5 Corrispettivi in ventilazione Comunicazione relativa ai contratti di noleggio\leasing Fattura figurativa corrispettivo (dalla versione Business Net 2015) GUIDA OPERATIVA MODULO TELEMATICO OPERAZIONI RILEVANTI IVA Nuova estrazione COMUNICAZIONE SPESOMETRO OPERAZIONI LEGATE AL TURISMO COMUNICAZIONE BLACK LIST ACQUISTI DA SAN MARINO Apertura estrazione salvata Generazione del file telematico Revisioni CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 1

2 COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA Con il provvedimento 2013/94908 del 2 agosto 2013 il direttore dell Agenzia delle Entrate ha definito le modalità tecniche e i termini relativi alla comunicazione delle operazioni rilevanti IVA (Spesometro) effettuate a partire dal Soggetti obbligati Sono soggetti all obbligo di comunicazione tutti i soggetti passivi IVA i quali effettuano operazioni rilevanti ai fini dell imposta. Oggetto della comunicazione A seguito delle modifiche introdotte al decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 dal Dl n. 16 del 2012, convertito con modificazioni, dalla legge 26 Aprile 2012, n.44 la comunicazione ora è prevista per tutte le operazioni fatturate, con il solo limite di per le operazioni per le quali non c è obbligo di emissione della fattura (corrispettivi e ricevute fiscali). Le istruzioni per la compilazione del modello polivalente prevedono le seguenti esclusioni oggettive: 1. importazioni; 2. esportazioni ex art. 8, comma 1, DPR 633/72, sia quelle effettuate direttamente dal cedente (lettera a), sia quelle operate dal cessionario (lettera b); 3. cessioni e prestazioni registrate o soggette a registrazione scambiate con operatori stabiliti in paesi black list; 4. operazioni per le quali è obbligatoria la comunicazione all Anagrafe tributaria, ai sensi dell art. 7 del DPR 605/73 (quali ad esempio le cessione di immobili, prestazioni relative alla somministrazione di energia elettrica, gas, telefonia, contratti di assicurazione, ecc.). 5. le operazioni che sotto il profilo territoriale non risultano rilevanti in Italia (quindi le operazioni fuori campo Iva); 6. le operazioni effettuate nei confronti di soggetti non passivi iva quando il pagamento dei corrispettivi sia avvenuto mediante carta di credito, di debito o prepagate emesse da operatori finanziari soggetti all obbligo di comunicazione; 7. le operazioni effettuate e ricevute in ambito comunitario; 8. i passaggi interni di beni tra rami d azienda, documentati con fattura Termini di presentazione Per le operazioni relative all anno 2012: 12 novembre 2013 per i contribuenti che eseguono le liquidazioni IVA mensili 21 novembre 2013 per gli altri soggetti. Per le operazioni relative all anno 2013 e successivi: 10 aprile dell anno successivo di riferimento per i contribuenti che eseguono liquidazione IVA mensile 20 aprile dell anno successivo di riferimento per gli altri contribuenti. Interventi in Business Entro i termini utili per adempiere all obbligo della suddetta comunicazione sarà rilasciato da parte di NTS Informatica un nuovo programma Telemat. Spesometro\Blacklist attivabile con i moduli Telematico operazioni rilevanti IVA e\o Blacklist telematico nelle seguenti versioni: CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 2

3 Componente in tecnologia VB6 per le versioni Business 13, Business NET 2008, Business NET 2009, Business NET 2010 (*), Business NET 2011 (*) e Business NET 2012 (*). Sarà installabile su qualunque service release. Componente in tecnologia NET per la versione Business NET 2013 e successive. (*) Per le suddette versioni non sarà possibile utilizzare il componente nelle installazioni di Business NET in modalità NET ONLY (senza cioè il supporto al framework VB6). In queste situazioni sarà sufficiente installare/reinstallare Business NET nella modalità FULL anche solo sulla postazione della rete dove si utilizzerà il programma dello spesometro. Attenzione! Come da circolare inviata ai Partner in data (disponibile nella sezione Circolari Commerciali nell Area Riservata del presente sito web), ricordiamo che, a partire dalla comunicazione Spesometro / BlackList dell anno 2016 (relativa quindi ai dati IVA del 2015), gli aggiornamenti relativi allo Spesometro / Blacklist non saranno più disponibili per la versione Business Net 2012 o precedenti. In considerazione di quanto esposto, i clienti che utilizzano la versione Business Net 2012 o versioni precedenti, dovranno provvedere all aggiornamento con una versione di Business NET più recente (Business Net 2013 o successive) per poter eseguire questi adempimenti fiscali. Novità Tra le novità degne di rilievo introdotte dal decreto del 2012 relative al nuovo tracciato, in un ottica di semplificazione degli adempimenti: Può essere utilizzato per comunicare le operazioni in modalità aggregata o analitica; Può essere utilizzato sempre a decorrere dalle operazioni relative all anno 2012, dagli operatori commerciali che svolgono attività di leasing finanziario e operativo, di locazione e/o di noleggio di autovetture, caravan, altri veicoli, unità da diporto e aeromobili, al posto del tracciato record allegato al provvedimento del direttore dell Agenzia del 21 novembre Nel caso, modalità e termini sono quelli dello spesometro (implementata solo su Business net 2013) Va utilizzato per la comunicazione delle operazioni di acquisto da operatori sammarinesi, relativamente a quelle annotate dal 1 ottobre 2013 (la comunicazione è trasmessa in modalità analitica entro l ultimo giorno del mese successivo a quello di annotazione) Va utilizzato per la comunicazione dei dati relativi alle operazioni, effettuate a decorrere dal 1 ottobre 2013, nei confronti di operatori residenti o domiciliati in Paesi black list (fermi restando i periodi di riferimento e i termini specifici di questa comunicazione, fissati dagli articoli 2 e 3 del Dm 30 marzo 2010). Per ottenere da Business NET questa comunicazione, è però necessario disporre del modulo Blacklist telematico. Va utilizzato per la comunicazione delle operazioni in contanti legate al turismo (agenzia viaggi e commercianti al dettaglio) effettuate in contanti superiori ai euro in deroga all art. 49 comma del decreto legislativo n. 231/2007 (art. 3 comma 1 decreto legge n. 16/2012) (IMPLEMENTATA NEL NUOVO MODULO SPESOMETRO SOLO A PARTIRE DALLA VERSIONE Business Net 2013) In data 10/10/2013 nel sito dell Agenzia delle Entrate è stata comunicata la possibilità per le operazioni black list e gli acquisti da San Marino, effettuati fino al 31 dicembre 2013, accogliendo le richieste degli operatori economici, di utilizzare, in alternativa al nuovo modello polivalente, le precedenti modalità di comunicazione. Dal 13 dicembre 2014, con il Decreto Semplificazioni (Dlgs n.175/2014), la comunicazione black list deve essere effettuata a cadenza annuale, e non più mensile o trimestrale, solo per le operazioni di importo complessivo annuale superiore a 10 mila euro. 23/03/2016: ora il programma estrae anche le operazioni registrate in Business NET con causale che ha tipo documento fattura/storno+ sul registro corrispettivi, senza limiti di importo sia per soggetti italiani (i quadri interessati sono FA per estrazione aggregata ed FE per estrazione analitica) che per soggetti non residenti (quadro BL se estrazione aggregata e FN se estrazione analitica). Questo intervento si è reso necessario in quanto: - da istruzioni ministeriali per la compilazione del modello di comunicazione polivalente, le operazioni documentate con fattura delle attività di cui all artt 22 ( commercio al minuto) e 74 ter sarebbero state da comunicare senza limite di importo a decorrere dalla comunicazione relativa ai dati dell anno 2014 (Spesomento 2015) mentre per gli anni 2012 e 2013 la comunicazione era per le sole operazioni di importo unitario non inferiore ai euro. CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 3

4 - con ulteriore provvedimento Prot. n /2015 del 31/03/2015 (Modifiche ai provvedimenti del 2 agosto 2013 e del 5 novembre 2013 in materia di definizione delle modalità tecniche e dei termini relativi alla comunicazione all Anagrafe tributaria delle operazioni rilevanti ai fini dell imposta sul valore aggiunto) l Agenzia delle entrate ha specificato che per l anno 2014, i soggetti di cui agli articoli 22 e 74-ter del DPR 26 ottobre 1972, n. 633 sono esclusi dalla comunicazione delle operazioni attive di importo unitario inferiore a euro, al netto dell IVA, tenuto conto delle difficoltà segnalate dagli operatori per il tramite delle associazioni di categoria. Al momento l Agenzia delle Entrate, non ha pubblicato nulla per la comunicazione relativa ai dati dell anno 2015 (Spesometro 2016) quindi si ritiene resti valido quanto indicato inizialmente ossia che tali operazioni debbano essere comunicate senza limite di importo. Riferimenti Normativi e prassi E disponibile la documentazione normativa e prassi al seguente link: levanti+fini+iva/normativa+e+prassi/ CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 4

5 OPERATIVITÀ IN BUSINESS NET Requisiti Per poter utilizzare il nuovo modulo Telematico Operazioni Rilevanti Iva è necessario disporre del modulo Contabilità generale e semplificata o del modulo Contabilità generale EASY di Business e Business NET. N.B: Tutte le immagini delle maschere del programma Business Net presenti nel seguente manuale si riferiscono alla versione Business Net Impostazione delle causali di contabilità generale Per poter estrarre i dati nel programma Spesometro è necessario che le causali contabili riportino nel campo Tipo documento uno tra i seguenti valori: - Fattura/storno + - Nota di accredito/storno - Nota di addebito - Corrispettivi. Tutti gli altri valori determinano lo scarto in fase di estrazione dei dati. Esclusione movimenti dallo spesometro (dalla versione Business Net 2015) Nel castelletto IVA delle registrazioni di prima nota è stato aggiunto un nuovo campo No Spesometro, se spuntato (di default non lo è mai e non viene ereditato dal codice iva) ha l effetto di escludere la riga iva della fattura dalle estrazioni dei dati Spesometro\Black list\acquisti di San Marino\Operazioni legate al turismo a prescindere dal codice iva utilizzato. Il campo può essere utilizzato se l utente ha necessità di escludere un movimento che altrimenti verrebbe estratto tra i dati da comunicare. Scenari operativi in Business Di seguito sono stati identificati gli scenari operativi più usuali di utilizzazione di Business con le relative modalità e adeguamenti da mettere in atto. A Azienda che utilizza il modulo Contab. Generale e semplificata, ma non il modulo Vendite/fatturazione Registrare le fatture di vendite e di acquisto come da normale procedura. CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 5

6 Casi particolari: 1) Nel caso l azienda emetta scontrini fiscali e/o ricevute fiscali, tiene cioè un registro corrispettivi, quando tali documenti superano l importo di euro Iva compresa e il soggetto che effettua l acquisto è un soggetto passivo iva (privato) che non paga con bancomat, carte di credito o carte prepagate, vanno registrati singolarmente. Quindi l utente in questi casi inserirà una registrazione dal programma Gestione prima nota per ciascun corrispettivo, intestata a un cliente codificato. CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 6

7 È possibile optare per due modalità di registrazione differenti: a) si inserisce un anagrafica cliente in cui vengono indicati il nome, cognome e codice fiscale del soggetto. Poi registrare il corrispettivo come da esempio. Non è più possibile utilizzare la causale standard 1100, in quanto occorre intestare il corrispettivo a un cliente specifico, quindi creare una causale ad hoc, o duplicando e modificando la causale 1100 oppure duplicando la causale 1001 e impostare il registro corrispettivi. CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 7

8 b) In alternativa è possibile intestare la registrazione a un cliente generico (cd Cliente privato ), in questo caso è necessario indicare nel campo descrizione della registrazione il codice fiscale nelle forma CF: SPCRRT60R32H299T. (È necessario non attivare la gestione delle partite nel cliente privato, mentre se si vuole gestire l esclusione dei corrispettivi per pagamento con bancomat/carta di credito è necessario attivare sia la gestione delle partite che delle scadenze). Caso del soggetto privato che paga con bancomat o carta di credito. La circolare 24/E del 30 maggio 2011 ha previsto l esclusione dalla comunicazione delle operazioni effettuate nei confronti di contribuenti non soggetti passivi Iva (i privati), qualora il pagamento dei corrispettivi avvenga mediante carte di credito, debito o prepagate emesse da operatori finanziari soggetti all obbligo di comunicazione. In Business è sufficiente non registrare singolarmente il corrispettivo, se è abitudine registrare singolarmente i corrispettivi, operare nel seguente modo. Per poter escludere queste operazioni è necessario creare una o più forme di pagamento in cui venga specificato come Tipo incasso i valori Bancomat o Carte di credito. In fase di registrazione di un corrispettivo da prima nota a un soggetto privato che paga con carta di credito o bancomat, assicurarsi che il soggetto privato in anagrafica clienti/fornitori abbia il campo Tipo sogg impostato a Persona fisica, che il campo Partita Iva sia vuoto e che sia attiva la gestione delle partite e CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 8

9 delle scadenze. Registrare l operazione inserendo una partita al corrispettivo e inserire una riga di scadenza con la forma di pagamento creata come indicato sopra. Le registrazioni dei corrispettivi di importo pari o superiore a euro non possono essere registrati utilizzando il programma Gestione P. Nota corrispettivi. Caso dei corrispettivi inseriti da programma Gestione Punti Vendita Registrazione di prima nota giornaliera derivante da chiusura di cassa gpv, comprensiva dei singoli scontrini inferiori a 3600 in contanti a privato generico ( non gestito a partite e scadenze ). Se la chiusura giornaliera supera la soglia dei euro, per evitare che vengano estratti nello Spesometro, indicare nell anagrafica del conto, nel campo cod. nostro c/o loro, la dicitura EORI. Nel caso si inserisca il singolo corrispettivo di importo superiore a euro, è consigliabile emettere fattura invece che corrispettivo. Se invece si vuole emettere corrispettivo, codificare il soggetto indicando il CF, oppure utilizzare un altro conto di cliente privato (diverso da quello codificato per l esclusione), esempio cliente spesometro. Nel caso si scelga di inserire corrispettivo piuttosto che fattura, si ricorda che la chiusura di cassa e l eventuale contabilizzazione, fa comunque un unica registrazione, quindi poi bisogna intervenire per togliere il corrispettivo con importo superiore ai dalla registrazione di prima nota ed inserire una nuova registrazione per tale corrispettivo. ATTENZIONE: in presenza di soggetti non commerciali (enti, parrocchie, società sportive, ) dotate del solo codice fiscale (che normalmente inizia con 8 o 9) occorre indicarlo nell anagrafica del cliente unicamente nel campo Cod. fiscale\p.iva estera, lasciando la partita iva non valorizzata. In caso contrario il software di controllo dell Agenzia delle Entrate scarterà il file telematico con un messaggio Partita iva errata o non valida. CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 9

10 2) Il cliente è un non-residente senza codice fiscale: è obbligatorio aprire una anagrafica cliente e indicare tutti i dati che sono richiesti dalla comunicazione. a) Se persona fisica: scegliere come tipo soggetto persona fisica, indicare lo stato estero e come tipo di soggetto iva indicare un valore diverso da Normale. Inoltre compilare i campi della scheda Persona/fisica giuridica, cognome, nome, data di nascita, comune o Stato estero di nascita, Provincia di nascita (solo se indicato il comune di nascita). CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 10

11 Inoltre per poter includere anche i privati residenti in paesi black list o della Comunità Europea o comunque extra-cee è necessario indicare nell anagrafica del cliente nel campo cod. nostro c/o loro la dicitura PRBL. Questo per fare in modo che tutti i soggetti privati a cui vengono emessi degli scontrini possano essere ricompresi nella comunicazione. ATTENZIONE: in Italia esiste una normativa che limita l utilizzo di pagamenti in contanti, in particolare non è prevista la possibilità di effettuare pagamenti in contanti sopra la soglia di 1000 euro. L art. 3 comma 2bis del decreto legge n. 16 del 2012 prevede che i non residenti in paesi fuori UE che effettuino acquisti in Italia hanno la possibilità di effettuare pagamenti sopra la soglia di 1000 euro. In questo caso l operatore deve darne comunicazione all Agenzia delle Entrate in maniera separata (deve effettuare comunicazione tramite il quadro del modello polivalente TU Operazioni legate al turismo ). In Business, al momento, tutti i corrispettivi emessi a non residenti che superano la soglia di 3600 euro vengono estratti come Operazioni con soggetti non residenti. Inoltre, se il corrispettivo è intestato a una persona fisica residente in un paese extra cee (Tipo soggetto iva = Extracee ) e supera i 1000 euro e il pagamento è stato effettuato in contanti (ha una scadenza con la forma di pagamento utilizzata con impostato Tipo incasso Contanti e verrà estratto nel quadro TU. CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 11

12 - Se persona non fisica: indicare come tipo soggetto Persona giuridica e come tipo sogg. IVA un valore diverso da Normale. Indicare, inoltre, la ragione sociale, l indirizzo estero, la città estera, lo stato estero. ATTENZIONE: Le registrazioni giornaliere dei corrispettivi dovranno essere inserite in Gestione Prima Nota o Gestione P.Nota Corrispettivi al netto dei corrispettivi già registrati singolarmente in quel giorno, in quanto di importo pari o superiore a euro. CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 12

13 B Azienda che utilizza il modulo Contab. Generale e semplificata, il modulo Vendite/magazzino e utilizza il programma Contabilizzazione documenti magazzino Sia che vengano contabilizzate le fatture di vendita che quelle di acquisto oppure solo le fatture di vendita, procedere come d abitudine. Caso particolare: 1) Nel caso in cui l intestatario del documento sia un soggetto non passivo di Iva (quindi un privato codificato in anagrafica clienti/fornitori con il campo Tipo sogg impostato a Persona fisica, il campo Partita Iva lasciato vuoto e attiva la gestione delle partite e delle scadenze) che paga con bancomat, carta di credito o prepagate, utilizzare una forma di pagamento in cui il campo Tipo incasso è valorizzato a Bancomat o Carte di credito. In questo modo, l operazione è esclusa dalla comunicazione. 2) Nel caso l azienda emetta scontrini fiscali e/o ricevute fiscali, tiene cioè un registro corrispettivi, quando l importo di tali documenti è pari o superiore l importo di euro Iva compresa vanno registrati singolarmente. Si possono scegliere due strade alternative, non è comunque possibile contabilizzare i corrispettivi emessi da magazzino: a) I corrispettivi possono essere registrati utilizzando il programma Gestione prima nota come indicato nello scenario A. b) In alternativa, se si vuole che i corrispettivi pari o superiori a 3600 euro vadano in contabilità con il programma Contabilizzazione documenti è necessario, oltre che consigliabile (è difatto la procedura consigliata dalla maggioranza dei consulenti fiscali ai clienti a cui tengono la contabilità), emettere, anziché un corrispettivo, una fattura immediata ad un cliente specifico codificato in anagrafica cliente. In ogni caso occorre, se non esiste già, istituire un registro vendite, oltre al registro corrispettivi. ATTENZIONE: Le registrazioni giornaliere dei corrispettivi dovranno essere inserite in Gestione Prima Nota o Gestione P.Nota Corrispettivi al netto dei corrispettivi già registrati singolarmente in quel giorno, in quanto di importo pari o superiore a euro. Corrispettivi in ventilazione In regime di Ventilazione dei corrispettivi, i corrispettivi che singolarmente sono pari o superiori i euro vanno gestiti come indicato negli scenari precedenti. Quindi o registrati direttamente in gestione prima nota oppure da magazzino con fatture immediate ad un cliente specifico codificato in anagrafica cliente, nella modalità di imponibile + Iva pre-determinata. In questo caso occorre, se non esiste già, istituire un registro vendite, oltre al registro corrispettivi. Comunicazione relativa ai contratti di noleggio\leasing Solo a partire dalla versione Business Net 2013 è possibile comunicare attraverso il modulo Spesometro anche la comunicazione dei dati relativi ai contratti di noleggio e leasing. Gli operatori commerciali che svolgono attività di leasing finanziario ed operativo, di locazione e/o di noleggio di autovetture, caravan, altri veicoli, unità da diporto e aeromobili, a partire dalle operazioni del 2012 possono trasmettere utilizzando il modulo Spesometro le informazioni relative alle operazioni effettuate. CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 13

14 Per poter individuare il tipo di noleggio o leasing nelle singole operazioni occorre gestire il campo Natura operazione della registrazione di prima nota. Il valore del campo Natura operazione in gestione prima nota può essere modificato manualmente per ogni riga del castello Iva nella singola registrazione oppure può essere proposto dal campo Tipo operazione della tabella dei codici iva oppure dal campo Tipo prestazione del programma Tipi bolle\fatture Per l emissione di fatture immediate e\o ddt emessi da gestione documenti la priorità è determinata dall opzione di registro: BSVEPNFA\OPZIONI\NaturaOperazDaCodiva che può assumere i seguenti valori: - Valore S : il campo natura operazione viene veicolato dal valore impostato nel campo Tipo operazione del codice iva; se Tipo operazione è lasciato a Non definito il campo Natura operazione viene valorizzato in base al valore indicato nel campo Tipo prestazione nel tipo bolla/fattura utilizzata. - Valore N : il campo natura operazione viene impostato esclusivamente dal campo Tipo prestazione del tipo bolla/fattura utilizzato. - Valore (default): dipende dalla presenza del modulo Telematico Operazioni Rilevanti Iva. Se modulo abilitato lavora come se fosse impostata = 'S', diversamente come se fosse impostata = 'N'. Fattura figurativa corrispettivo (dalla versione Business Net 2015) Solo a partire dalle versioni Business Net2015 è possibile emettere delle Fatture figurative corrispettivi, tale fattura viene emessa a fronte di corrispettivi già emessi senza modificare i totali delle liquidazioni iva. Il modulo Telematico operazioni rilevanti iva estrae le fatture emesse con il programma Fattura figurativa corrispettivi. Le fatture emesse con il nuovo programma vengono estratte nel programma Telematico operazioni rilevanti iva (Spesometro\Black list\operazioni legate al turismo) nel quadro FE o nel quadro FA a seconda del tipo di estrazione scelta (analitica o aggregata) se il cliente è un soggetto italiano; nel quadro BL o nel quadro SE e\o nel quadro TU a seconda del tipo di estrazione scelta (analitica o aggregata) se il cliente è un soggetto straniero. Il movimento estratto dal programma Telematico operazioni rilevanti iva esposto in griglia ha il flag spuntato di Ft. Fig. Possono verificarsi le seguenti condizioni relative ai movimenti corrispettivo e fattura figurativa: - Il corrispettivo è stato intestato a un cliente privato generico senza partite e scadenze ed è stata emessa successivamente la fattura figurativa il programma Telematico operazioni rilevanti iva estrae solo il movimento generato dalla fattura figurativa. - Il corrispettivo è stato intestato a un cliente codificato in anagrafica clienti/fornitori di Business, ha un importo pari o superiore a euro ed è stata emessa anche la fattura figurativa il programma Telematico operazioni rilevanti iva estrae sia il movimento del corrispettivo sia il movimento della fattura figurativa. Sarà cura dell utente verificare entrambi i movimenti e decidere quale comunicare. - Il corrispettivo è stato intestato a un cliente codificato in anagrafica clienti/fornitori di Business, ha un importo inferiore a euro ed è stata emessa anche la fattura figurativa il programma Telematico operazioni rilevanti iva estrae solo il movimento derivante dalla fattura figurativa. CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 14

15 Per aiutare l utente nei controlli, al termine dell estrazione, in presenza di fatture figurative e corrispettivi intestati allo stesso soggetto viene restituito un messaggio di log che segnala la presenza di entrambi i movimenti. Questo perché Business non è in grado di stabilire se le fatture figurative estratte si riferiscono agli eventuali corrispettivi estratti non essendoci legami tra i due documenti, il messaggio di log informativo viene restituito per segnalare al cliente situazioni da controllare ed eventualmente da sistemare a mano. Sarà cura dell utente verificare gli importi delle fatture e dei corrispettivi per eliminare eventuali duplicati. CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 15

16 GUIDA OPERATIVA MODULO TELEMATICO OPERAZIONI RILEVANTI IVA Le modifiche introdotte al decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 dal Dl n. 16 del 2012, convertito con modificazioni, dalla legge 26 Aprile 2012, n.44 hanno eliminato la soglia dei euro e ogni riferimento alle operazioni legate da contratti. Per questo motivo il programma non prevede più nessuna funzionalità in merito ad accorpamento e soglia di estrazione. Limitazione: - Iva di gruppo (possono essere estratti solo i dati della ditta corrente, distintamente per ciascuna ditta) Sono supportati i seguenti regimi speciali: - Operazioni 74 ter (tour operators, agenzie viaggio) - Beni usati (regime del margine) - Regime Iva agricoltura - Autotrasportatori Per le operazioni 74 Ter, tour operators ed agenzie di viaggi, avremo l emissione della fatture senza separata indicazione dell imposta (i tour operator per l organizzazione dei pacchetti turistici emettono fattura dove l importo è già comprensivo dell iva (non c è indicazione dell imponibile e dell imposta). Nello spesometro queste operazioni devono essere comunicate in una cella apposita: OPERAZIONI CON IVA NON ESPOSTA. Attenzione: estrarre i dati con la modalità: Usa le impostazioni della tabella codici Iva (colonna Elenchi iva) Per i beni usati, Regime del margine, le operazioni verranno estratte come OPERAZIONI CON IVA NON ESPOSTA. Attenzione: estrarre i dati con la modalità: Usa le impostazioni della tabella codici Iva (colonna Elenchi iva) Per le operazioni in regime agricolo, verranno estratte al pari delle operazioni normali. Si precisa che per le operazioni degli autotrasportatori, nelle istruzioni per la compilazione del modello polivalente riporta che per gli autotrasportatori, iscritti al relativo albo, che possono annotare le fatture emesse entro il trimestre solare successivo a quello di loro emissione ai sensi dell art. 74 comma 4 del DPR 633/72, l obbligo di inserimento nella comunicazione scatta al momento in cui le medesime sono registrate. Ciò comporta che per il regime degli autotrasportatori la data di registrazione nei registri iva è posticipata. Casi particolari Il modulo Spesometro gestisce le anagrafiche generali dei clienti/fornitori solo per i dati CODICE FISCALE E PARTITA IVA. L estrazione dei dati legge dalla tabella delle anagrafiche generali (ANASTO) e riporta la partita iva o codice fiscale valida alla data di registrazione dell operazione. Non sono gestite le variazioni degli altri campi anagrafici, quindi sono esclusi le anagrafiche dei non residenti e anche la comunicazione black list. N.B.: Il programma non gestisce la concorrenza degli utenti, questo significa che la modifica dei dati estratti può essere eseguita da un singolo utente alla volta. È permesso che più utenti modifichino i dati contemporaneamente solo se lavorano su ditte differenti. Il programma Telematico Op. rilevanti Iva (menù 2-3-D) permette di creare e mantenere le comunicazioni relative alle operazioni rilevanti Iva, agli acquisti da operatori di San Marino e le operazioni di soggetti residenti in paesi con fiscalità privilegiata (Black list). CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 16

17 Nuova estrazione N elaborazione È il progressivo univoco di estrazione e memorizzazione delle singole comunicazioni. Attraverso tale identificativo è possibile riaprire in qualsiasi momento le estrazioni salvate. Descrizione Permette di inserire una descrizione per identificare più facilmente l elaborazione ed eventualmente marcare la comunicazione come definitiva. Anno di riferimento In questo campo occorre indicare l anno di riferimento della comunicazione. Tipo di comunicazione Le comunicazioni possono essere: - ORDINARIA: scegliere poi il tipo di dati da estrarre. - SOSTITUTIVA: occorre obbligatoriamente indicare il protocollo comunicazione e protocollo del documento precedentemente inviato all Agenzia delle Entrate che si intende sostituire. Scegliere, poi, il tipo di dati da estrarre. - ANNULLAMENTO: occorre obbligatoriamente indicare il protocollo comunicazione e protocollo del documento precedentemente inviato all Agenzia delle Entrate che si intende annullare e confermare. NON È POSSIBILE SCEGLIERE IL TIPO DI DATI, dato che le comunicazioni di annullamento non prevedono la comunicazione di dati. Dati da comunicare Per lo Spesometro è possibile scegliere se comunicare i dati analitici o i dati aggregati, per le Operazioni legate al turismo e la comunicazione Black list è possibile scegliere solo la comunicazione di tipo annuale. Mentre per la comunicazione degli Acquisti da San Marino è necessario indicare anche il periodo di riferimento. È possibile scegliere contemporaneamente l estrazione dei dati Spesometro, Operazioni legate al turismo e Black list, mentre la comunicazione degli Acquisti San Marino è un adempimento che va effettuato singolarmente. Regole con chiavi di attivazione: - Spesometro, Operazioni legate al turismo e Acquisti San Marino si attivano solo nel caso di presenza nella chiave di attivazione del modulo Telematico operazioni rilevanti iva CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 17

18 - Black list si attiva solo nel caso di presenza nella chiave di attivazione del modulo Black list Opzioni di estrazione Con questa scelta viene indicato al programma in fase di estrazione dove prendere le informazioni relative al tipo di operazione e se estrarre l operazione o meno, infatti devono essere comunicate solo le operazioni imponibili, non imponibili o esenti. N.B.: L impostazione 2 non ha effetto per l estrazione dei dati black list: viene letto sempre il campo Tipo iva della tabella Codici Iva come nel vecchio modulo. Questo perché il campo Elenchi iva non ha il valore Fuori campo. Per sapere quali sono i codici iva utilizzati nell anno, è sufficiente consultare la stampa dei progressivi registri iva acquisti, vendite e corrispettivi a fine dicembre (nell ultima pagina dei registri iva). 1) Usa le impostazioni della tabella codici Iva (colonne Tipo iva e Esente pro-rata) : con questa opzione le singole operazione sono estratte solo se sono state registrate usando codici iva che rientrano in una delle operazioni sotto elencate. - Operazioni imponibili: utilizzare codici iva nei quali il campo Tipo iva è valorizzato a Op.imponibili. - Operazioni non imponibili: utilizzare codici iva nei quali il campo Tipo iva è valorizzato a Op.esenti/non imponib e la colonna esenti pro-rata non sia spuntata, oppure impostare il campo Tipo iva al valore Acq. art. 8 2 comma. - Operazioni esenti utilizzare codici iva nei quali il campo Tipo iva è valorizzato a op.esenti/non imponib e la colonna esenti pro-rata deve essere spuntata. - Gli altri valori del campo Tipo iva non elencati sopra determinano la non estrazione delle relative operazioni. 2) Usa le impostazioni della tabella codici Iva (colonna Elenchi iva) : con questa opzione a prescindere da quanto indicato nelle colonne Tipo iva e Esente pro-rata, vengono estratte tutte le operazioni tranne quelle operazioni registrate con codice iva che riporta nella colonna Elenchi Iva il valore Escluso da Elenchi Iva. (Utilizzare questa opzione solo nel caso in cui si sia inserito un codice iva imponibile che per qualche motivo si utilizza per registrare operazioni che non devono essere inserite nella comunicazione) oppure nel caso ci siano delle operazioni imponibili con Iva non esposta in fattura da segnalare separatamente. CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 18

19 Usa arrotondamenti per difetto: è stata inserita la possibilità di scegliere se in fase di stampa del report e di generazione del file telematico per la visualizzazione degli importi utilizzare l arrotondamento per difetto (troncamento dei decimali) oppure quello matematico (arrotondamento all unità di euro). Con il tasto Conferma il programma provvede a eseguire l estrazione dei dati con le seguenti logiche a seconda dei dati e delle opzioni scelte. Il programma dopo aver fatto l estrazione provvede a visualizzare sempre una griglia relativa al riepilogo clienti/fornitori contente i totalizzatori per ogni cliente/fornitore e una griglia di dettaglio movimenti contente per riga di riepilogo il dettaglio delle operazioni che hanno generato quei totali. Spostandosi di riga viene aggiornato il dettaglio movimenti. Le griglie del riepilogo e del dettaglio visualizzano le colonne in base al quadro su cui si è posizionati e in base ai dati che devono essere inseriti nella comunicazione. N.B.: Nella versione Net del programma è stata disabilitata la possibilità di personalizzare le griglie e di spostare le colonne in quanto è il programma che decide la visibilità delle colonne in base ai dati richiesti nei vari quadri del modulo. COMUNICAZIONE SPESOMETRO Il programma estrae i dati riferiti a tutte le operazioni attive/passive rilevanti ai fini iva (fatture, note di accredito, note di debito) e registrate nei registri iva con data di registrazione compresa nel periodo indicato nella maschera iniziale, a prescindere dalla data di fattura. Ad esempio le fatture datate 2011, ma registrate nell anno 2012 vengono estratte nella comunicazione dell anno Il programma considera sempre i clienti e i fornitori che hanno impostato in anagrafica nel campo Tipo soggetto iva il valore normale, mentre esclude sempre i clienti e i fornitori con valore Dogana o con la spunta su Condominio. Sono esclusi, anche, i clienti e i fornitori con valore Intra, R.S.M, Extra tranne nei seguenti casi: - il soggetto è persona fisica, nel campo cod. nostro c/o loro è stato indicato PRBL e l operazione è imponibile. È il caso dell emissione di scontrino a un privato che risiede in un paese black list, operazione che non va comunicata nell adempimento della black list, mentre è inclusa in questo adempimento. - Solo per i soggetti persona giuridica codificati come tipo soggetto Extra e il cui stato non rientra tra i paesi black list (il campo codice nazionalità nella tabella stati non è S'), vengono estratte le operazioni imponibili. - Per i soggetti codificati come tipo soggetto Extra e il cui stato non rientra tra i paesi black list (il campo codice nazionalità nella tabella stati non è S') vengono estratte le operazioni non imponibili registrate con natura operazione servizi ; in quanto sono escluse dalla comunicazione le esportazioni di beni, ma sono incluse le prestazioni di servizi extraterritoriali. CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 19

20 Sono escluse dall estrazione le operazioni intestate a soggetti codificati in anagrafica clienti/fornitori come persone fisiche, con il campo partita iva vuoto e che hanno generato una scadenza con forma di pagamento il cui tipo incasso è stato impostato a Bancomat o Carte di credito. Infine, è possibile decidere che tutte le operazioni di clienti o fornitori vengano esclusi dalla comunicazione impostando nell anagrafica nel campo cod. nostro c/o loro la dicitura EORI. È il caso di fatture di fornitori di energia elettrica o di assicurazione, che secondo quanto previsto dall Agenzia delle entrate, sono escluse dalla comunicazione perché già comunicate all Anagrafe tributaria. Tutti i soggetti italiani dovrebbero avere il campo Partita Iva o Codice Fiscale formalmente corretto, nella fase di estrazione vengono estratte tutte le operazioni anche di soggetti con campo Partita Iva e C.F. non indicati o non formalmente corretti, è possibile modificare questo comportamento impostando la seguente opzione di registro BSEFSPES\OPZIONI\ConsentiPIeCFNulli = 0 (in questo caso non verranno estratte le operazioni di soggetti italiani che in anagrafica non riportano il campo partita iva o codice fiscale). Il programma considera solo i movimenti iva registrati su registri iva di tipo Vendite, Acquisti, Corrispettivi. Per le registrazioni di acquisto in regime di reverse charge considera solo la parte acquisti. Le estrazioni e tutte le modifiche possono essere memorizzate in tabelle in modo tale da poter riaprire le singole elaborazioni e apportare le modifiche necessarie. GESTIONI PARTICOLARI: 1) ALLARGAMENTO UNIONE EUROPEA CROAZIA: codificare lo stato Croazia come stato appartenente alla UE (con sigla CEE = HR ) e codificare il soggetto (cliente/fornitore) con tipo soggetto iva = IntraCEE. L estrazione dello spesometro, sia in dati aggregati sia in dati analitici, provvede a considerare tutti i movimenti registrati fino al 01/07/2013 (non compreso) come effettuati con soggetto ExtraCEE. 2) PRESTAZIONI DI SERVIZI RESI EXTRA-UE: Dall 01/01/2013 le prestazioni di servizio esteri a soggetti UE ed extra-ue sono soggette a obbligo di fatturazione, secondo tale novità, quindi, tali fatture rientrano nella determinazione del volume d affari e devono essere indicate nella Dichiarazione annuale iva. In Business, i codici iva fuori campo art. 7 come tipo IVA devono riportare op. esenti/non imponibili e non più fuori campo. In base a questa modifica nella comunicazione dello spesometro in Business, i servizi resi nei confronti di soggetti Intra sono comunque esclusi, mentre i servizi resi art. 7 nei confronti di soggetti extra-cee verranno estratti in base alla codifica del cliente/fornitore. In attesa di precisazioni da parte dell Agenzia delle Entrate in merito all inclusione di queste tipologie di operazioni, in Business dato che per questa tipologia di operazioni è prevista l emissione delle fatture vengono estratte. 3) USCITA RSM DALLA LISTA PAESI BLACK LIST: In data 24/02/2014 è stato pubblicato nella Gazzetta il decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze del 12/02/2014, che stabilisce l uscita della Repubblica di San Marino dalla lista degli stati black list. A partire da tale data tutte le operazioni effettuate con soggetti residenti nella Repubblica di San Marino non devono più essere comunicate nella comunicazione black list, la Repubblica di San Marino diventa quindi equiparabile a uno stato extracee. La particolarità per la Repubblica di San Marino è che non esiste dogana, quindi dato che non esistono chiarimenti in merito a queste casistiche, in Business vengono CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 20

21 estratte tutte le operazioni passive e le operazioni attive verso soggetti RSM con data registrazione maggiore o uguale al 24/02/2014. Altrimenti tali operazioni non verrebbero mai comunicate. In dettaglio: - CESSIONI VERSO SOGGETTI RSM con data registrazione >= 24/02/2014: o o Vengono estratte tutte le operazioni che hanno natura operazione impostata a Servizi Vengono estratte tutte le operazioni che hanno natura operazione impostata a Merci in base al flag impostato in fase di estrazione. Se viene tolta la spunta vengono escluse dall estrazione le cessioni di beni, in quanto già comunicate nell elenco Intrastat. - ACQUISTI DA SOGGETTI RSM con data registrazione >= 24/02/2014: o Vengono estratte tutte le operazioni che in prima nota hanno nel campo RSM Acquisti un valore diverso da Senza addebito di imposta, dato che queste operazioni sono già comunicate nell adempimento Acquisti RSM. 1) Dati aggregati Non è possibile optare per la forma dello spesometro in modalità aggregata nel caso in cui occorre comunicare anche i dati relativi ai contratti di noleggio/leasing nei seguenti casi: - Le operazioni di noleggio\leasing sono relative a soggetti non residenti - Le operazioni di noleggio\leasing relative a un soggetto residente hanno un valore nel campo Noleggio\leasing differente tra loro. In entrambi i casi occorre optare per la comunicazione dello spesometro in modalità analitica. Con l estrazione spesometro dati aggregati, possono essere alimentati 3 quadri al massimo. 1) Op. documentate da fattura esposte in forma aggregata: tutti i documenti a esclusione dei corrispettivi intestati a soggetti con il campo Tipo soggetto IVA = Normale QUADRO FA 2) Op. senza fattura esposte in forma aggregata: solo i documenti di tipo corrispettivi intestati a soggetti con il campo Tipo soggetto IVA = Normale QUADRO SA 3) Op. con paesi Black-List/con sogg. non residenti/acquisti serv.: - vengono estratte solo le operazioni di tipo fattura con soggetti non residenti ed escluse dalla comunicazione black list sia attive che passive - vengono estratte solo le fatture di acquisti di servizi da non residenti e ed escluse dalla comunicazione black list QUADRO BL I DATI DA COMUNICARE NELLO SPESOMETRO DATI AGGREGATI: La comunicazione prevede che per ogni codice fiscale/partita iva vengono comunicate il totale delle operazioni attive e il totale delle operazioni passive. L estrazione dati aggregati provvede già a effettuare il raggruppamento dei conti per partita iva/codice fiscale/descrizione conto. Nel campo CONTO C/F viene memorizzato tale valore e vengono quindi totalizzati i documenti per conto C/F distinti tra operazioni attive e operazioni passive. Ciò significa che un cliente e un fornitore con stessa partita iva nel riepilogo cliente/fornitore verrà raggruppato e visualizzato come un unica riga e nel dettaglio, invece, si potranno visualizzare tutte le singole operazione sia come cliente che come fornitore. Nel campo Tipo conto e Conto in questi casi viene inserito il primo valore che il programma trova. CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 21

22 QUADRO FA (Op. documentate da fattura esposte in forma aggregata): - Partita iva o codice fiscale (alternativi) OPERAZIONI ATTIVE (colore azzurrino): - Imponibile: sommatoria degli imponibili dei documenti emessi con codici iva imponibili, non imponibili, esenti - Imposta: sommatoria dell imposta iva dei documenti emessi - Tot. Operazione iva non esposta: totale degli imponibili dei documenti emessi con codici iva con campo elenchi iva nella tabella codici iva = Operazioni con imponibile con iva non esposta - Imponibile note di variazione attive: sommatoria degli imponibili delle note di credito emesse e note di debito emesse con codici iva imponibili, non imponibili, esenti - Imposta note di variazione attive: sommatoria degli imponibile delle note di credito emesse e note di debito emesse con codici iva imponibili, non imponibili, esenti - Totale operazioni attive: numero delle fatture - Noleggio/leasing: indicare nelle righe se fattura è noleggio leasing. OPERAZIONI PASSIVE (colore rosso): - Imponibile: sommatoria degli imponibili dei documenti ricevuti con codici iva imponibili, non imponibili, esenti - Imposta: sommatoria dell imposta iva dei documenti ricevuti - Tot. Operazione iva non esposta: totale degli imponibili dei documenti ricevuti con codici iva con campo elenchi iva nella tabella codici iva = Operazioni con imponibile con iva non esposta - Imponibile note di variazione passive: sommatoria degli imponibile delle note di credito emesse e note di debito ricevute con codici iva imponibili, non imponibili, esenti - Imposta note di variazione passive: sommatoria degli imponibile delle note di credito emesse e note di debito ricevute con codici iva imponibili, non imponibili, esenti - Totale operazioni passive: numero delle fatture QUADRO SA (Op. senza fattura esposte in forma aggregata): - Codice fiscale - Importo: somma degli importi delle operazioni (imponibile + imposta) superiori a 3600 euro (iva compresa) con codici iva imponibili, non imponibili, esenti - Totale operazioni attive: numero dei corrispettivi o ricevute fiscali - Noleggio/leasing: indicare nelle righe se corrispettivo o ricevute fiscali relativo a noleggio leasing. QUADRO BL (Op. con soggetti non residenti/acquisti di servizi da non residenti): - Dati anagrafici a seconda del tipo soggetto persona fisica o persona giuridica come indicato nel paragrafo Modalità operative di questo manuale - Op. Black list: può assumere i valori Con soggetti non residenti o Acquisti di servizi da non residenti OPERAZIONI ATTIVE (colore azzurrino): - Imponibile: sommatoria degli imponibili dei documenti emessi (SOLO fatture) con codici iva imponibili, non imponibili, esenti - Imposta: sommatoria dell imposta iva dei documenti emessi OPERAZIONI PASSIVE (colore rosso): - Imponibile: sommatoria degli imponibili dei documenti ricevuti (SOLO fatture) con codici iva imponibili, non imponibili, esenti - Imposta: sommatoria dell imposta iva dei documenti ricevuti CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 22

23 2) Dati analitici Con l estrazione spesometro dati analitici, possono essere alimentati 7 quadri al massimo. 1) Fatture emesse QUADRO FE 2) Fatture ricevute QUADRO FR 3) Note di variazione emesse: note di credito e note di debito emesse QUADRO NE 4) Note di variazione ricevute: note di credito e note di debito ricevute QUADRO NR 5) Operazioni senza fattura: corrispettivi QUADRO DF 6) Operazioni con soggetti non residenti: - operazioni attive (SOLO FATTURE) con soggetti non residenti ed esclusi dalla comunicazione black list QUADRO FN 7) Acquisti di servizi da non residenti: - acquisti di servizi e merci da soggetti non residenti ed esclusi dalla comunicazione black list QUADRO SE QUADRO FE (Fatture emesse): - Partita Iva o Codice fiscale (alternativi) - Iva non esposta in fattura: viene in automatico spuntata se è stata scelta la seconda opzione di estrazione per i codici iva, per le operazioni registrate con codice iva avente nel campo Elenchi Iva il valore - Autofattura: il campo viene spuntato solo il caso in cui la partita iva o codice fiscale dell anagrafica ditta (chi effettua la comunicazione) è lo stesso del cliente/fornitore - Noleggio/leasing: riporta i valori del noleggio\leasing. - Data del documento - Data di registrazione: è obbligatorio - Numero di documento: è obbligatorio - Imponibile o importo: imponibile dell operazione con codici iva non imponibili, esenti, non imponibili - Imposta: imposta delle operazioni con codici iva non imponibili, esenti, non imponibili QUADRO FR (Fatture ricevute): - Partita Iva - Iva non esposta in fattura: viene in automatico spuntata se è stata scelta la seconda opzione di estrazione per i codici iva, per le operazioni registrate con codice iva avente nel campo Elenchi Iva il valore - Autofattura: il campo viene spuntato solo il caso in cui la partita iva o codice fiscale dell anagrafica ditta (chi effettua la comunicazione) è lo stesso del cliente/fornitore - Reverse charge: viene spuntato nel caso in cui la causale della registrazione abbia indicato anche il secondo registro iva. CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 23

24 - Data del documento - Data di registrazione: è obbligatorio - Imponibile o importo: imponibile dell operazione con codici iva non imponibili, esenti, non imponibili - Imposta: imposta delle operazioni con codici iva non imponibili, esenti, non imponibili QUADRO NE (Note di variazione emesse): - Partita Iva o Codice fiscale (alternativi) - Data del documento - Data di registrazione: è obbligatorio - Numero di documento: è obbligatorio - Imponibile o importo: imponibile dell operazione con codici iva non imponibili, esenti, non imponibili - Imposta: imposta delle operazioni con codici iva non imponibili, esenti, non imponibili QUADRO NR (Note di variazione ricevute): - Partita Iva - Data del documento - Data di registrazione: è obbligatorio - Imponibile o importo: imponibile dell operazione con codici iva non imponibili, esenti, non imponibili - Imposta: imposta delle operazioni con codici iva non imponibili, esenti, non imponibili QUADRO DF (Operazioni senza fattura): - Codice fiscale - Data dell operazione - Importo: somma degli importi delle operazioni (imponibile + imposta) superiori a 3600 euro (iva compresa) con codici iva imponibili, non imponibili, esenti - Noleggio/leasing: indicare nelle righe se corrispettivo o ricevute fiscali relativo a noleggio leasing QUADRO FN (Operazioni con soggetti non residenti): - Dati anagrafici a seconda del tipo soggetto persona fisica o persona giuridica come indicato nel paragrafo Modalità operative di questo manuale - Noleggio/leasing: riportare i valori del noleggio\leasing. - Data del documento - Data di registrazione: è obbligatorio - Numero di documento: è obbligatorio - Imponibile o importo: imponibile dell operazione con codici iva non imponibili, esenti, non imponibili - Imposta: imposta delle operazioni con codici iva non imponibili, esenti, non imponibili QUADRO SE (Acquisti di servizi da non residenti): - Dati anagrafici a seconda del tipo soggetto persona fisica o persona giuridica come indicato nel paragrafo Modalità operative di questo manuale - Data del documento - Data di registrazione: è obbligatorio - Numero di documento: è obbligatorio - Imponibile o importo: imponibile dell operazione con codici iva non imponibili, esenti, non imponibili - Imposta: imposta delle operazioni con codici iva non imponibili, esenti, non imponibili CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 24

25 OPERAZIONI LEGATE AL TURISMO Il provvedimento 2013/94908 del 2 agosto 2013 stabilisce che devono essere comunicate le operazioni in contanti legate al turismo, effettuate dai soggetti di cui agli articoli 22 (chi esercita il commercio al minuto) e 74-ter (agenzia viaggio e tour operator) del D.P.R. n. 633 del 1972 nei confronti delle persone fisiche di cittadinanza diversa da quella italiana e comunque diversa da quella di uno dei paesi dell Unione europea ovvero dello Spazio economico europeo, che abbiano residenza fuori dal territorio dello Stato, di importo pari o superiore a mille euro. Il modulo Telematico operazioni rilevanti iva provvede a estrarre nel quadro TU le seguenti tipologie di registrazioni: - fatture emesse o corrispettivi intestati a clienti gestiti a partite/scadenze, la cui registrazione abbia una SOLA scadenza creata con una forma di pagamento che ha il campo Tipo incasso valorizzato a Contanti ; - le registrazioni devono essere intestate ad anagrafica cliente che hanno il campo tipo sogg. Persona fisica e come tipo soggetto iva ExtraCEE. I campi obbligatori richiesti dal modello polivalente sono: Città\località Cod. stato estero Cognome e Nome Data Descr. Città/stato CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 25

26 Se il cliente è una persona fisica residente in un paese a fiscalità privilegiata, la vendita non deve essere ricompresa nella comunicazione Black list, occorre quindi comunicare tale operazione nel quadro TU. Affinché l operazione venga estratta nel quadro TU, nell anagrafica cliente è necessario che venga compilato il campo Cod. nostro c\o loro con il valore PRBL. Le operazioni vengono estratte solo se il totale dell operazione è uguale o maggiore a euro (opzione di registro BSEFSPES\OPZIONI\SogliaMinimaTU = 1000) e se minore o uguale a euro (opzione di registro BSEFSPES\OPZIONI\SogliaMassimaTU = L operazione estratta nel quadro TU potrebbe essere riportata, se ne ha i requisiti, anche nel quadro FN se analitica o BL se aggregata. Se ad esempio è stata emessa una fattura di importo compreso tra e euro ed è stata pagata in contanti, l operazione confluisce sia nel quadro TU e FN. Questo modalità operativa di estrazione dei dati non è specificato in nessun documento ufficiale dell Agenzia delle Entrate, ma deriva da una risposta informale dell Agenzia delle Entrate ottenuta attraverso i contatti dell Associazione di categoria. DATI DA COMUNICARE OPERAZIONI LEGATE AL TURISMO: CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 26

27 QUADRO TU (Operazioni legate al turismo): - Dati anagrafici come illustrato nelle maschere precedenti (Cognome, Nome, Data di nascita, Comune/Stato estero di nascita, Provincia, Città estera della residenza, Indirizzo della residenza) - Data del documento - Data di registrazione: è obbligatorio - Numero di documento - Imponibile o importo: imponibile dell operazione con codici iva non imponibili, esenti, non imponibili - Imposta: imposta delle operazioni con codici iva non imponibili, esenti, non imponibili COMUNICAZIONE BLACK LIST Il provvedimento 2013/94908 del 2 agosto 2013 ha stabilito che a decorrere dal 1 ottobre per la comunicazione delle operazioni black list è obbligatorio utilizzare il nuovo modulo polivalente. Con la pubblicazione del modello definitivo è stato stabilito che per le operazioni black list e gli acquisti da San Marino, effettuati fino al 31 dicembre 2013, è possibile utilizzare le modalità precedenti di comunicazione. La comunicazione Black list deve essere inviata in formato aggregato, in Business ha lo stesso funzionamento dei dati aggregati dello spesometro. I dati estratti vengono raggruppati per codice fiscale/identificativo iva estero/identificativo fiscale estero/descrizione conto distinto tra operazioni attive e operazioni passive. Anche in questo caso fatture di un cliente e di un fornitore con stesso identificativo iva vengono raggruppate direttamente dal programma. In data 24/02/2014 è stato pubblicato nella Gazzetta il decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze del 12/02/2014, che sancisce l uscita della Repubblica di San Marino dalla lista degli stati black list. A partire da tale data tutte le operazioni effettuate con soggetti residenti nella Repubblica di San Marino non devono più essere comunicate nella comunicazione black list. In Business lasciare lo stato RSM codificato come stato appartenente alla black list (con campo cod.nazionalità = S). e i clienti/fornitori appartenenti a tale stato codificati come tipo soggetto iva = RSM. L estrazione della black list di febbraio o del trimestre Gennaio/febbraio/marzo provvede a estrarre solo le fatture con data registrazione minore 24 febbraio Per lo spesometro 2013, le operazioni sono già escluse, in quanto la Repubblica di San Marino rientrava ancora nella lista dei paesi black list. CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 27

28 Dal 13 dicembre 2014, con il Decreto Semplificazioni (Dlgs n.175/2014), la comunicazione deve essere effettuata a cadenza annuale, e non più mensile o trimestrale, e solo per le operazioni di importo complessivo annuale superiore a 10 mila euro. Al momento l Agenzia delle Entrate non ha pubblicato le date di scadenza per l adempimento della Black List annuale, ma come è largamente condiviso la scadenza dovrebbe coincidere con la scadenza dello Spesometro, inoltre secondo i tracciati disponibili e il programma di compilazione dell Agenzia delle Entrate è possibile effettuare la comunicazione contemporaneamente dello Spesometro e della Black List. Quando viene lanciata una nuova estrazione Black List, il programma effettua la sommatoria di tutte le operazioni, attive e passive (considerate entrambe in maniera positiva), comprese nell estrazione Black List (imponibile e imposta). Se la sommatoria supera nell anno selezionato il valore di euro vengono estratti i dati, mentre se il totale è inferiore alla soglia indicata dall Agenzia delle Entrate viene restituito un messaggio in cui è possibile scegliere se procedere lo stesso all estrazione e alla comunicazione dei dati oppure se non estrarre i dati in quanto inferiori alla soglia. Si ricorda che se il totale delle operazioni per la black list non supera la soglia minima richiesta dei euro, quindi c è esonero nella comunicazione BL, le operazioni non saranno comunque estratte per altri adempimenti (quali lo Spesometro) Nel calcolare la soglia Business Net considera tutti i documenti, sia attivi sia passivi, sia note di variazioni sia fatture sia note di debito in maniera positiva. Quindi la soglia è ottenuta dalla sommatoria di tutte le operazioni (imponibile + imposta) di fatture emesse e ricevute, di note di credito emesse e ricevute e di note di debito emesse e ricevute. La soglia viene letta dall opzione di registro BSEFSPES\OPZIONI\SogliaBLAnnuale = (default). Differenza rispetto precedente modulo black list: l introduzione del modello polivalente non richiede più la distinzione tra operazione imponibili, non imponibili, esenti e tra operazioni di merci e servizi. La distinzione tra merci e servizi rimane solo per le operazioni fuori campo iva attive. Per quanto riguarda le registrazioni delle fatture è stata introdotta un unica differenza rispetto al modulo\comunicazione precedente. Nella comunicazione non è più richiesto la distinzione delle note di variazione tra note di variazione dello stesso periodo delle fatture, note di variazione riferenti a operazioni registrate nello stesso anno di comunicazione e registrate in anni precedenti. Non occorre più utilizzare il campo in prima nota Anno CF per identificare il mese o l anno della fattura a cui si riferisce. DATI DA COMUNICARE BLACK LIST: QUADRO BL (Op. con soggetti aventi sede, residenza o domicilio in paesi con fiscalità privilegiata): - Dati anagrafici a seconda del tipo soggetto persona fisica o persona giuridica come indicato nel paragrafo Modalità operative di questo manuale - Op. Black list: può assumere solo il valore Operazioni con paesi con fiscalità privilegiata - Codice identificativo iva: non obbligatori OPERAZIONI ATTIVE (colore azzurrino): - Imponibile: sommatoria degli imponibili dei documenti emessi (fatture) con codici iva imponibili, non imponibili, esenti CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 28

29 - Imposta: sommatoria dell imposta iva dei documenti emessi con codici iva imponibili, non imponibili, esenti - Op. non sogg. Merci BL: sommatoria degli importi delle fatture di vendita fuori campo iva con natura operazioni = Merci - Imp. Prest. servizi: sommatoria degli importi delle fatture di vendita fuori campo iva con natura operazioni = Servizi - Imponib. Note di variazioni attive: sommatoria degli imponibili delle note di credito e di debito emesse - Imposta. Note di variazioni attive: sommatoria delle imposte delle note di credito e di debito emesse OPERAZIONI PASSIVE (colore rosso): - Imponibile: sommatoria degli imponibili dei documenti ricevuti (fatture) con codici iva imponibili, non imponibili, esenti - Imposta: sommatoria dell imposta iva con codici iva imponibili, non imponibili, esenti - Op. non sogg. BL: totale degli imponibili dei documenti ricevuti con codici iva con campo elenchi iva nella tabella codici iva = Operazioni con imponibile con iva non esposta - Imponibile note di variazione passive: sommatoria degli imponibile delle note di credito ricevute e note di debito ricevute - Imposta note di variazione passive: sommatoria degli imponibile delle note di credito ricevute e note di debito ricevute ACQUISTI DA SAN MARINO Con questa comunicazione sono estratte tutte le fatture di acquisto con fornitore codificato in anagrafica cliente/fornitore con il campo Tipo soggetto iva = RSM. La comunicazione deve essere inviata entro l ultimo giorno del mese successivo a quello di registrazione delle fatture. La comunicazione deve avvenire in modalità analitica, quindi occorre comunicare il dettaglio di tutte le operazioni. DATI DA COMUNICARE ACQUISTI DA SAN MARINO: QUADRO SE (Acquisti da operatori residenti nella Repubblica di San Marino): - Dati anagrafici a seconda del tipo soggetto persona fisica o persona giuridica come indicato nel paragrafo Modalità operative di questo manuale - Codice identificati iva - Data del documento - Data di registrazione: è obbligatorio - Numero di documento - Imponibile o importo: imponibile dell operazione con codici iva non imponibili, esenti, non imponibili - Imposta: imposta delle operazioni con codici iva non imponibili, esenti, non imponibili COMANDI PRINCIPALI Aggiungi/cancella quadri: permette di aggiungere i quadri mancanti per il tipo di comunicazione o di cancellare quadri. L aggiunta di quadri permette solo di inserire i dati manualmente e non di estrarre i dati di un particolare quadro - Permette di inserire una nuova riga manuale/di salvare/di ripristinare e di cancellare una riga. Per cancellare è necessario sempre selezionare la riga: se si sceglie una riga del riepilogo la cancellazione provvede a cancellare anche tutte le righe di dettaglio, oppure selezionare le righe di dettaglio che si intende cancellare. CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 29

30 - Comando imbuto seleziona tutto e deseleziona tutto Aggiorna tutti i dati anagrafici, prelevando i dati dalle anagrafiche generali (ANASTO) se è attivo il modulo anagrafiche generali altrimenti dalle anagrafiche clienti/fornitori (ANAGRA) Apre l anagrafica cliente/fornitore della riga su cui si è posizionati Apre la registrazione di prima nota Genera il file telematico. Al momento la generazione del file telematico non è ancora attiva, è possibile visualizzare le maschere per l inserimento dei dati, ma al momento della conferma viene restituito il seguente messaggio. CONSIDERA LE RIGHE A ZERO NEI TOTALI OPERAZIONI : Questo comando ha effetto solo nelle comunicazioni dei dati aggregati. L Agenzia delle Entrate non accetta i valori a zero di imponibile e imposta. Il comportamento di Business di default è quello di non conteggiare le fatture a zero nel totale delle operazioni attive e passive. Attivando il comando da strumenti Considera le righe a zero nei Totali operazioni (dati aggregati) le fatture con tutti gli importi a zero vengono conteggiate nel totale delle operazioni attive o passive con queste logiche: - Operazioni attive: fatture di vendita, note di credito ricevute, note di debito emesse e corrispettivi. - Operazioni passive: fatture di acquisto, note di credito emesse e note di debito ricevute. Il comando viene recentato ad ogni salvataggio di elaborazione, se attivato il ricalcolo viene effettuato anche in fase di apertura di elaborazioni precedentemente salvate. STAMPA REGISTRAZIONI ESCLUSE: apre una griglia in cui sono elencate tutte le registrazioni di fatture o corrispettivi con data inclusa nell anno di estrazione dello spesometro non comprese nell elaborazione (perché ad esempio scartate dall estrazione del programma o perché registrazioni cancellate). Ricerca Partita Iva\Codice Fiscale\Numero conto e Descrizione conto. Permette di ricercare nella griglia su cui si è posizionati un particolare soggetto. Duplica elaborazione: permette di duplicare un elaborazione, con tutti i dati in essa contenuta, da ordinaria in sostitutiva (indicando i numeri di protocollo comunicazione e documento), da ordinaria in ordinaria, da sostitutiva in ordinaria. CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 30

31 Funzionalità principali INSERIMENTO DI RIGHE MANUALI: è possibile inserire delle righe manuali sia per i dati aggregati che per i dati analitici. - Inserire il codice conto nella sezione Riepilogo clienti/fornitori - Salvando la riga è possibile inserire la riga di dettaglio, viene spuntato in automatico la casella Riga inserita manualmente, procedere all inserimento dei dati come necessario. Solo nel caso di quadri FA e SA operazioni con soggetti Normali con fattura e senza fattura, nel caso di inserimento di righe manuali, è necessario indicare il Totale delle operazioni attive e il Totale delle operazioni passive CANCELLAZIONE DELLE RIGHE: per poter cancellare le righe sia di riepilogo sia di dettaglio è necessario spuntare le righe che si desidera cancellare e utilizzare poi il comando Cancella. Selezionando una o più righe nella griglia del Riepilogo clienti/fornitori vengono cancellati anche tutte le righe di dettaglio relative. Selezionando, invece, la sola riga di dettaglio viene cancellata solo la riga di dettaglio. COMUNICAZIONE SCHEDE CARBURANTE o DOCUMENTI RIEPILOGATIVI: l Agenzia delle Entrate ha previsto che se l azienda in luogo delle fatture emesse o ricevute di importo inferiore a 300 euro annoti il documento riepilogativo, questo può essere comunicato nella comunicazione dello Spesometro senza CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 31

32 indicazione della partita iva o del codice fiscale, ma identificando tali operazioni con il flag Documento riepilogativo. Nelle istruzioni pubblicate dall Agenzia delle Entrate è stato inoltre previsto che Per i casi in cui permane la tenuta delle schede carburante il modello prevede la possibilità del soggetto obbligato alla comunicazione di riportarne i dati con le stesse modalità del documento riepilogativo. Per comunicare i dati di cui sopra operare in Business nel seguente modo, sia che si comunichino i dati in forma aggregata che in forma analitica: Nelle righe del dettaglio movimento spuntare il flag di documento riepilogativo su tutte le righe. Spuntando un flag su qualunque riga vengono automaticamente spuntati tutti i campi riferiti a quel riepilogo cliente/fornitore. Per eliminare il flag invece operare singolarmente su ciascuna riga di dettaglio. Apertura estrazione salvata È possibile riaprire un estrazione dei dati salvata in qualsiasi momento in base al numero assegnato all elaborazione. Lo zoom permette di selezionare un particolare periodo oppure effettuare una ricerca in base ai quadri compilati. Generazione del file telematico Il programma prima di aprire le maschere per indicare i dati del contribuente provvede a effettuare i controlli sulle anagrafiche dei clienti\fornitori presenti nella comunicazione. Se sono presenti dei dati che nel file telematico sono obbligatori e non sono presenti nella comunicazione viene restituito un messaggio di log bloccate, non è possibile procedere fino a quando i dati non sono stati corretti o indicati se mancanti. Si ricorda che il programma dell Agenzia delle Entrate non consente la comunicazione di importi negativi tranne nei casi dei quadri NE e NR. Business in presenza di fatture registrate con segno negativo, riporta i valori con segno negativo, a seconda delle modalità di estrazione si avrà la seguente situazione: - nel caso di estrazione analitica NON è possibile comunicare le fatture negative occorre procedere alla loro cancellazione o al trasferimento degli importi nei riquadri delle note di variazione emesse o ricevute; - nel caso di estrazione aggregata le fatture negative andranno a decurtare gli importi totali delle altre fatture. Nel caso in cui il totale delle fatture negative superi il totale delle fatture registrate con CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 32

33 segno positivo, NON sarà possibile procedere alla comunicazione di tali totali di riepilogo. Procedere quindi alla cancellazione delle fatture con segno negativo oppure a spostare tali importi nella sezione opposta. L Agenzia delle Entrate ha, inoltre, inserito una nota in cui precisa che gli importi vanno indicati nella comunicazione all unità di euro. Per le fatture con importo e\o con Iva esposta inferiore all unità di euro, indicare il valore minimo di un euro. Il file di log di Business segnala la presenza di importi che per troncamento sono uguali a zero, in presenza di questi casi si può cancellare la fattura oppure indicare nell imponibile e\o nell iva un importo pari a 1. I motivi di scarto del file telematico. 1) Vengono elencati i conti (clienti/fornitori) che presentano delle anomalie nelle anagrafiche. In particolare viene segnalato: - Per i soggetti non residenti e persona fisica viene indicato l assenza dei campi indicati nel tab 2- Pers. fisica/giuridica dell anagrafica clienti/fornitori (Campi: cognome, nome, sesso, data, comune o stato estero di domicilio della persona fisica, descr.città/stato di nascita) - Per i soggetti non residenti e persona giuridica viene indicato l assenza dei campi indicati nel tab 1- Pers. fisica/giuridica dell anagrafica clienti/fornitori (Campi: cod. stato estero e città/località) - Per i soggetti con Tipo soggetto iva = Normale o L assenza del codice fiscale e della partita iva o La non correttezza formale del codice fiscale o della partita iva 2) Nel caso di estrazione aggregate vengono elencate le righe di riepilogo del quadro se la somma dei singoli importi attivi, arrotondati per troncamento o in modo matematico, sia uguale a zero e il totale delle operazioni attive sia diverso da zero e/o se la somma dei singoli importi passivi arrotondati per troncamento o in modo matematico sia uguale a zero e il totale delle operazioni passive sia diverso da zero per quella partita iva. 3) Nel caso di estrazione analitica vengono elencate le singole righe la cui somma di imponibile e imposta è pari a 0 o pari a 0 per effetto dell arrotondamento per troncamento o matematico. 4) Per la comunicazione black list se lo stato estero o lo stato della persona fisica non è tra quelli indicati dall Agenzia delle Entrate come paese black list. 5) Vengono segnalati la presenza di importi negativi per i quadri FE/FR/FN/SE e nei quadri BL/SA/FA limitatamente al caso in cui il totale dei valori delle operazioni attive/passive sia negativo. La maschera è suddivisa in tre tab: 1) DATI DEL CONTRIBUENTE In questo primo tab il programma riporta i dati inseriti in anagrafica ditta, i dati sono comunque tutti editabili. Il codice fiscale della ditta che presenta la comunicazione è un dato obbligatorio. Le parti relative ai dati identificativi del soggetto obbligato persona giuridica o identificativi del soggetto obbligato persona fisica sono abilitati in base a quanto indicato in anagrafica ditta nella voce Tipo soggetto persona giuridica o persona fisica. Tutti i dati presenti in maschera sono obbligatori, quindi compilare tutti i campi presenti sotto queste voci, se non indicati già in anagrafica ditta, in quanto la non completezza di questi dati rende impossibile generare il file telematico. Scegliere la voce C.A.F./Commercialista se la presentazione è a carico dell intermediario abilitato e riempire i campi contenuti nella scheda impegno alla presentazione telematica. CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 33

34 2) DATI DEL SOGGETTO TENUTO ALLA COMUNICAZIONE Compilare questo tab solo se chi effettua la comunicazione è un soggetto diverso cui si riferisce la comunicazione. Ad esempio se la comunicazione viene inviata da un erede. 3) IMPEGNO ALLA PRESENTAZIONE TELEMATICA CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 34

35 Il tab Impegno alla presentazione telematica deve essere compilato nel caso in cui a presentare la comunicazione sia l intermediario abilitato (caf, commercialista, ecc.); in questo caso dopo aver spuntato la voce caf/commercialista nella scheda Dati del contribuente occorre compilare tutti i campi: codice fiscale dell intermediario, numero di iscrizione all albo del C.A.F., data dell impegno. Scegliere Comunicazione predisposta dal soggetto obbligato quando è il cliente che predispone la comunicazione, ma l invio del file viene effettuato dall intermediario (commercialista/associazione di categoria); mentre spuntare Comunicazione predisposta dall intermediaria quando il cliente che usa il programma è l intermediario (commercialista/associazione di categoria) che predispone la comunicazione per conto del propri clienti e poi la invia direttamente. Selezionando il flag Comprimi il/i file(s) generato/i, al termine della generazione il/i file telematici vengono compressi e generato un file ZIP. Spuntare invio del file telematico tramite e indicare un indirizzo mail valido, se si desidera spedire il file telematico generato. Se spuntato il flag relativo alla compressione, nella mail viene allegato il file ZIP al posto del/dei file *.SPE. E importante : - verificare la correttezza dei dati presenti nella maschera, in entrambi i tab; - indicare se la spedizione verrà effettuata dalla ditta stessa (già registrata su Entratel o su FileInternet) oppure da un intermediario (commercialista, associazione o altro consulente). In tal caso è OBBLIGATORIO inserire i tre dati del Codice Fiscale dell intermediario, il suo numero di Iscrizione CAF se in suo possesso, e la data di impegno. Tutti e tre questi dati devono essere preventivamente richiesti al proprio intermediario (solo lui può fornirli correttamente). Premendo il bottone conferma viene generato il file. Nella versione Business Net 2013 i campi della generazione del file sono salvati nella tabella sptestate, mentre nelle versioni da Business Net 2012 a Business 13 i dati della maschera della generazione del file telematico non sono salvati nella tabella, ma sono salvati nel recent, ciò permette dopo aver generato il primo file telematico, alla successiva apertura della finestra di riproporre gli stessi campi compilati in precedenza. Nelle istruzioni dell Agenzia delle Entrate è previsto che ogni singola comunicazione non superi il limite massimo di record, in caso il file superasse tale dimensione la comunicazione deve essere frazionata su più invii. Nel caso di superamento di tale limite, Business provvede a spezzare la comunicazione e generare più file telematici. Il nome del file è così costituito codice ditta_anno_idelab*.spe (dove * sta indicare il numero progressivo dei file generati che costituiscono la comunicazione), sarà del tipo PROVA_2012_1_1.spe, se è sufficiente un file per comunicare tutti i dati, CT Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA Rev. 23/03/2016 Pag.: 35

Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA 2013 ( Spesometro )

Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA 2013 ( Spesometro ) Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA 2013 ( Spesometro ) Data revisione: 25/10/2013 CT-1309-0168, del 12/09/2013 COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA... 2 Soggetti obbligati...

Dettagli

Spesometro_2015_Net2015

Spesometro_2015_Net2015 Ferrara Forlì-Cesena Ravenna Reggio Emilia CNA - Rete Per l Informatica SOFTWARE GESTIONALE E CONSULENZA PER LA PICCOLA, MEDIA E GRANDE AZIENDA Spesometro_2015_Net2015 Spesometro_2015_Net2015.docx Rev.

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA. Introduzione. Altri software - OS1BoxFiscale

SCHEDA OPERATIVA. Introduzione. Altri software - OS1BoxFiscale SCHEDA OPERATIVA Area: Titolo: Altri software - OS1BoxFiscale Spesometro Applicazione: OS1BoxFiscale 2.3.0.0 Revisione: 12 Del: 31 Marzo 2015 Contenuto: Impostazioni e modalità di utilizzo di OS1BoxFiscale

Dettagli

Comunicazione polivalente (Spesometro 2013) 1

Comunicazione polivalente (Spesometro 2013) 1 Comunicazione polivalente (Spesometro 2013) 1 Introduzione Col provvedimento del 2 agosto 2013 l Agenzia delle Entrate ha attuato la norma relativa all obbligo di trasmissione telematica delle operazioni

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 152 del 10 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Appuntamento con lo spesometro: 12.11.2013 per i contribuenti IVA mensili o 21.11.2013 per i contribuenti IVA trimestrali

Dettagli

- 10/04/2015 per i contribuenti iva mensili; - 20/04/2015 per tutti gli altri contribuenti.

- 10/04/2015 per i contribuenti iva mensili; - 20/04/2015 per tutti gli altri contribuenti. INFORMATIVA N. 5 / 2015 Ai gentili Clienti dello Studio Oggetto: COMUNICAZIONE ELENCO CLIENTI E FORNITORI (SPESOMETRO) ANNO 2014 Riferimenti Legislativi: Art. 21, D.L. n. 78/2010; Provvedimento Agenzia

Dettagli

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE SOGGETTI OBBLIGATI ED ESCLUSI

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE SOGGETTI OBBLIGATI ED ESCLUSI Bergamo, marzo 2014 CIRCOLARE N. 9/Consulenza aziendale OGGETTO: Elenco clienti-fornitori La comunicazione dell elenco clienti-fornitori (c.d. spesometro ) costituisce un adempimento da considerarsi a

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 29/2013

NOTA INFORMATIVA N. 29/2013 Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI RITA MAGGI PIAZZA CITTADELLA 6 37122

Dettagli

COMUNICAZIONE POLIVALENTE - SPESOMETRO 2015

COMUNICAZIONE POLIVALENTE - SPESOMETRO 2015 COMUNICAZIONE POLIVALENTE - SPESOMETRO 2015 Quadro di riferimento Nasce, in ottica di semplificazione, un nuovo modello denominato «Modello di comunicazione polivalente» da utilizzare per la comunicazione

Dettagli

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE Bergamo, marzo 2015 CIRCOLARE N. 15/Consulenza aziendale OGGETTO: Elenco clienti-fornitori La comunicazione dell elenco clienti-fornitori (c.d. spesometro ) per l anno 2014 dovrà essere presentata entro

Dettagli

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Spesometro 2015 (operaziionii 2014), da trasmettere entro iill 10/20 dii apriille 2015 L art. 21 del D.L. n. 78 del 31 maggio 2010 ha introdotto l obbligo, per i soggetti

Dettagli

1 - Spesometro guida indicativa

1 - Spesometro guida indicativa 1 - Spesometro guida indicativa Il cosiddetto spesometro non è altro che un elenco contenente i dati dei clienti e fornitori con cui si sono intrattenuti dei rapporti commerciali rilevanti ai fini iva.

Dettagli

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 33 del 10 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015 Como, 3.4.2015 INFORMATIVA N. 17/2015 Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria Modello di comunicazione polivalente relativo al 2014 INDICE 1 SPESOMETRO... pag. 2 1.1 AMBITO SOGGETTIVO...

Dettagli

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 SPESOMETRO Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 INDICE Inquadramento normativo Analisi del modello di comunicazione Casi

Dettagli

Dott. Rag. MORATELLI Pietro

Dott. Rag. MORATELLI Pietro Spett.li clienti Loro sedi Bolzano, 17/10/2013 OGGETTO: Invio Spesometro 2012 A pag. 6 Comunicazioni Importanti per i Clienti della Società INFOSERVICE DATI SRL L art. 21 del D.L. n. 78/2010 (poi modificato

Dettagli

NOTE E FASI OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE POLIVALENTE Per abilitare la gestione occorre la relativa licenza 1135

NOTE E FASI OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE POLIVALENTE Per abilitare la gestione occorre la relativa licenza 1135 33EMENTAZION NOTE E FASI OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE POLIVALENTE Per abilitare la gestione occorre la relativa licenza 1135 ASPETTI NORMATIVI Con provvedimento n. 94908 del 2 agosto 2013

Dettagli

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA L art. 21 del DL 31.5.2010 n. 78 (conv. L. 30.7.2010 n. 122) ha introdotto l obbligo, per i soggetti passivi IVA, di comunicare in via telematica all Agenzia delle Entrate le

Dettagli

Spesometro. Comunicazione operazioni IVA - anno 2012. Metodo Evolus Bassano del Grappa, 30 ottobre 2013

Spesometro. Comunicazione operazioni IVA - anno 2012. Metodo Evolus Bassano del Grappa, 30 ottobre 2013 Spesometro Comunicazione operazioni IVA - anno 2012 Metodo Evolus Bassano del Grappa, 30 ottobre 2013 Riferimenti normativi - DL N. 78 del 31/05/2010 Art.21. - DL N. 16 del 02/03/2012 (semplificazioni).

Dettagli

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 News di approfondimento N. 25 16 Ottobre 13 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013 Circolare n. 34 del 21 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA Spesometro 2013 La soluzione Magico per adempiere tale obbligo. MULTIMEDIA POINT s.r.l. Via Monte Rosa 2 I-22079 Villa Guardia (CO) Tel. +39 031 563

Dettagli

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI Commercialisti Associati Revisori Legali Largo Caleotto, 1-23900 LECCO (LC) Tel. 0 3 4 1 / 3 6 4 0 2 2 - Fax 0 3 4 1 / 2 8 7 0 4 2 Gent. Sig.ra / Egr. Sig. Spett. le Ditta

Dettagli

SPESOMETRO ANNO 2013

SPESOMETRO ANNO 2013 Tipologia: FISCO Protocollo: 2005414 Data: 28.03.2014 Oggetto: spesometro anno 2013 SPESOMETRO ANNO 2013 Gentile Associato, come noto, l art. 21 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 ha previsto l obbligo

Dettagli

Informativa - ONB INDICE. ORDINE NAZIONALE dei BIOLOGI Via Icilio n 7 00153 ROMA - Tel. 06.57060221 Email: consulenzafiscale@onb.

Informativa - ONB INDICE. ORDINE NAZIONALE dei BIOLOGI Via Icilio n 7 00153 ROMA - Tel. 06.57060221 Email: consulenzafiscale@onb. Informativa - ONB Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione - Modello

Dettagli

Contributo di approfondimento

Contributo di approfondimento Commissione studio Area Tributaria Contributo di approfondimento SPESOMETRO 2013 Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 1 Premessa Con il provvedimento n. 2013/94908 del 2 agosto 2013 sono state

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente OGGETTO: Circolare 11.2015 Seregno, 23 marzo 2015 LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente L art. 21 D.L. 78/2010 ha previsto l obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti

Dettagli

CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016

CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016 OGGETTO: Spesometro 2016 CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016 Parma, 24 marzo 2016 L'obbligo, introdotto dal D.L. 78/2010, di comunicare telematicamente all Agenzia delle Entrate le operazioni rilevanti IVA (cessioni/acquisti

Dettagli

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI COMMERCIALISTI

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI COMMERCIALISTI FULVIO BONELLI LUCIA BERNARDI ROSETTA AGOSTINO ROSSANA CIRIGLIANO ANNA QUAI Torino, lì 24 ottobre 2013 Ai signori Clienti Loro indirizzi email Questa circolare ha la finalità di informare i clienti che

Dettagli

Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013

Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013 Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di

Dettagli

Modulo Antievasione Iva e Flussi Telematici Adempimenti Fiscali 2012 Estrazione Dati Spesometro

Modulo Antievasione Iva e Flussi Telematici Adempimenti Fiscali 2012 Estrazione Dati Spesometro Piattaforma Applicativa Gestionale Documentazione Fast Patch Nr. 0041 Rel.8.1 Modulo Antievasione Iva e Flussi Telematici Adempimenti Fiscali 2012 Estrazione Dati Spesometro COPYRIGHT 1992-2013 by ZUCCHETTI

Dettagli

Informativa Studio Fantinello Carlo

Informativa Studio Fantinello Carlo Informativa Studio Fantinello Carlo n. 16 del 24.03.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Lo spesometro: dati 2014 da inviare entro il 10/20 aprile 2015 Gentile Cliente, con la stesura del presente

Dettagli

STUDIO CIGANOTTO CINELLI MANGIONE DOTTORI COMMERCIALISTI. Spesometro per l anno 2014

STUDIO CIGANOTTO CINELLI MANGIONE DOTTORI COMMERCIALISTI. Spesometro per l anno 2014 A tutti i clienti, loro indirizzi mail Circolare n. 3/2015 del 24 marzo 2015. Spesometro per l anno 2014 Sono obbligati alla comunicazione di cui all'art. 21 del DL 78/2010 (c.d. "spesometro") tutti i

Dettagli

COMUNICAZIONE POLIVALENTE. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n.

COMUNICAZIONE POLIVALENTE. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n. COMUNICAZIONE POLIVALENTE Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n. 94908 Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 20 marzo 2015 INDICE Scadenze

Dettagli

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dott. Oscar Sartor Dott.ssa

Dettagli

Gestione dei dati contabili per esportazione nel programma Comunicazioni Anti Elusione Spesometro

Gestione dei dati contabili per esportazione nel programma Comunicazioni Anti Elusione Spesometro Nota Salvatempo Contabilità ver. 12.04 18 MARZO 2013 Gestione dei dati contabili per esportazione nel programma Comunicazioni Anti Elusione Spesometro Normativa Fonti normative D.L. 31 maggio 2010, n.

Dettagli

Manuale di Aggiornamento COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA 2011. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA 2011. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA 2011 DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 Comunicazione Operazioni rilevanti IVA per

Dettagli

Anno 2013 N. RF235. La Nuova Redazione Fiscale SPESOMETRO - APPROVATO IL NUOVO MODELLO POLIVALENTE

Anno 2013 N. RF235. La Nuova Redazione Fiscale SPESOMETRO - APPROVATO IL NUOVO MODELLO POLIVALENTE Anno 2013 N. RF235 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 11 OGGETTO SPESOMETRO - APPROVATO IL NUOVO MODELLO POLIVALENTE RIFERIMENTI COMUNICAZIONE SITO WEB ENTRATE; PROVV.

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

ELENCO CLIENTI E FORNITORI

ELENCO CLIENTI E FORNITORI ELENCO CLIENTI E FORNITORI (COMUNICAZIONE TELEMATICA ART 21 DEL DL. 72/2010 - SPESOMETRO) Fiscal Software by ACS Data Systems Release: 10.01.2012 ACS Data Systems spa/ag 1 / 19 INDICE Indice... 2 Introduzione...

Dettagli

STUDIO DUCOLI Dottori Commercialisti Revisori Legali BRENO

STUDIO DUCOLI Dottori Commercialisti Revisori Legali BRENO STUDIO DUCOLI Dottori Commercialisti Revisori Legali BRENO Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Modello di comunicazione polivalente relativo al 2014 1 2 1 SPESOMETRO L art. 21 del

Dettagli

Versioni x.7.9 Note Operative

Versioni x.7.9 Note Operative Versioni x.7.9 Note Operative Le versioni x.7.9 sono state rilasciate per poter predisporre i dati per il cosiddetto spesometro 2013 o per la comunicazione delle operazioni IVA rilevanti utilizzando il

Dettagli

Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013

Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013 Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013 SPESOMETRO OPERAZIONI CON PARADISI FISCALI CONTRATTI DI LEASING, LOCAZIONE E NOLEGGIO E ALTRE COMUNICAZIONI ALL ANAGRAFE TRIBUTARIA NUOVE MODALITÀ E TERMINI DI EFFETTUAZIONE

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente OGGETTO: Circolare 9.2016 Seregno, 29 marzo 2016 LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente È in scadenza, nel prossimo mese di aprile, la comunicazione delle operazioni rilevanti

Dettagli

Spesometro - La comunicazione clienti-fornitori

Spesometro - La comunicazione clienti-fornitori Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

SPESOMETRO 2014. Nella tabella seguente riportiamo i dati utili per la predisposizione della Comunicazione: Dati utili all adempimento

SPESOMETRO 2014. Nella tabella seguente riportiamo i dati utili per la predisposizione della Comunicazione: Dati utili all adempimento Comunicazione del 27/03/2014 SPESOMETRO 2014 Gentili Clienti, il 10 aprile 2014, per i soggetti che effettuano la liquidazione IVA mensile e il 22 aprile 2014, per gli altri soggetti, scade il termine

Dettagli

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro ordinario

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro ordinario Informativa per la clientela di studio del 30.10.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro ordinario Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

COMUNICAZIONE POLIVALENTE (EX ART.21)

COMUNICAZIONE POLIVALENTE (EX ART.21) COMUNICAZIONE POLIVALENTE (EX ART.21) CENNI NORMATIVI Con il provvedimento del direttore dell'agenzia delle Entrate prot. 2013/94908 del 02/08/2013 è stato approvato un nuovo modello fiscale denominato

Dettagli

SPESOMETRO CASI PARTICOLARI / DEGLI DI NOTA

SPESOMETRO CASI PARTICOLARI / DEGLI DI NOTA 1) Fatture Cointestate : SPESOMETRO CASI PARTICOLARI / DEGLI DI NOTA Nelle istruzioni ministeriali del modello polivalente è riportato: "Fatture cointestate Le operazioni documentate da fatture cointestate

Dettagli

Spesometro e novità IVA recate dai recenti provvedimenti normativi e di prassi

Spesometro e novità IVA recate dai recenti provvedimenti normativi e di prassi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NOVITÀ DEI PROVVEDIMENTI ESTIVI 2013 Spesometro e novità IVA recate dai recenti provvedimenti normativi e di prassi Dr. Stefano Maffi 9 ottobre 2013 Sala

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (SPESOMETRO) APPROFONDIMENTO E RINVIO DELLE COMUNICAZIONI

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (SPESOMETRO) APPROFONDIMENTO E RINVIO DELLE COMUNICAZIONI Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau. COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (SPESOMETRO)

Dettagli

Area Amministrativa Comunicazione polivalente Comunicazione Art.21 DL 78/2010 Spesometro

Area Amministrativa Comunicazione polivalente Comunicazione Art.21 DL 78/2010 Spesometro Area Amministrativa Comunicazione polivalente Comunicazione Art.21 DL 78/2010 Spesometro Indice INTRODUZIONE... 3 1 IMPOSTAZIONI... 4 1.1 ANAGRAFICA AZIENDA... 4 1.2 ANAGRAFICA GENERALE... 5 1.3 ANAGRAFICA

Dettagli

Manuale di Aggiornamento COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA 2012. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA 2012. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA 2012 DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 D.L. 78/2010 e 16/2012: Comunicaz. Operaz.

Dettagli

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro ordinario

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro ordinario Informativa per la clientela di studio Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro ordinario Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI

STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI Via G. Frua, 24 Sergio Pagani 20146 Milano Paolo D. S. Pagani Tel. +39 (02) 46.07.22 Raffaella Pagani Fax +39 (02) 49.81.537 Ornella

Dettagli

SPESOMETRO 2013 IMPORTANTE:

SPESOMETRO 2013 IMPORTANTE: SPESOMETRO 2013 Il programma consente di verificare e modificare i dati oggetto del file da trasmettere, entro il 10/04/2014, in via telematica all Agenzia delle Entrate, per comunicare le operazioni iva

Dettagli

Informativa n. 22 INDICE. del 16 giugno 2011

Informativa n. 22 INDICE. del 16 giugno 2011 Informativa n. 22 del 16 giugno 2011 Comunicazione telematica all Agenzia delle Entrate delle operazioni rilevanti ai fini IVA di importo pari o superiore a 3.000,00 euro - Riepilogo della disciplina e

Dettagli

In questo documento è possibile trovare tutte le operazioni da eseguire per la Gestione della Comunicazione Intra CEE

In questo documento è possibile trovare tutte le operazioni da eseguire per la Gestione della Comunicazione Intra CEE GESTIONE INTRA CEE In questo documento è possibile trovare tutte le operazioni da eseguire per la Gestione della Comunicazione Intra CEE OPERAZIONI PRELIMINARI Per attivare la gestione dell Intrastat,

Dettagli

Check-list raccolta dati dello spesometro 2015 (anno 2014)

Check-list raccolta dati dello spesometro 2015 (anno 2014) Periodico informativo n. 51/2015 Check-list raccolta dati dello spesometro 2015 (anno 2014) Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo ricordarle che il prossimo 10/20

Dettagli

CIRCOLARE n. 14 del 30/10/2013. COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (cd. SPESOMETRO )

CIRCOLARE n. 14 del 30/10/2013. COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (cd. SPESOMETRO ) CIRCOLARE n. 14 del 30/10/2013 COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (cd. SPESOMETRO ) INDICE 1. PREMESSA 1.1. Nuovo modello polivalente 1.1.1 Disciplina transitoria 2. SOGGETTI OBBLIGATI

Dettagli

ELENCO CLIENTI E FORNITORI (SPESOMETRO)

ELENCO CLIENTI E FORNITORI (SPESOMETRO) ELENCO CLIENTI E FORNITORI (SPESOMETRO) RADIX ERP by ACS Data Systems Comunicazione telematica art 21 del DL. 72/2010 (spesometro) Operazioni IVA 2012 Release: 31.10.2013 ACS Data Systems AG/spa 1 / 23

Dettagli

PREREQUISITI FONDAMENTALI

PREREQUISITI FONDAMENTALI PREREQUISITI FONDAMENTALI 1) PERSONALIZZAZIONI ATLANTE AS400 Percorso: Archivi di Base/Parametri/Personalizzazioni E necessario verificare e/o impostare i seguenti dati: CODICE FISCALE DEL SOGGETTO OBBLIGATO;

Dettagli

NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI

NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI L art. 21, DL n. 78/2010, al fine di contrastare l evasione fiscale e le frodi in materia di IVA, ha introdotto un nuovo adempimento, quello di comunicare telematicamente

Dettagli

IVA PER CASSA ART. 32bis DL 83/2012

IVA PER CASSA ART. 32bis DL 83/2012 IVA PER CASSA ART. 32bis DL 83/2012 (Circolare CT-1211-0132, del 15/11/2012) IVA PER CASSA ART. 32bis DL 83/2012... 2 VERSIONI SUPPORTATE... 3 OPERATIVITÀ IN BUSINESS NET... 3 Requisiti/Limiti... 3 Attivare

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 04 del 3 febbraio del 2012 Oggetto: Comunicazione annuale dati Iva anno d imposta 2011 I soggetti IVA tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale sono obbligati a trasmettere

Dettagli

Comunicazione Annuale Operazioni IVA importi uguali e/o superiori 3.000

Comunicazione Annuale Operazioni IVA importi uguali e/o superiori 3.000 Comunicazione Annuale Operazioni IVA importi uguali e/o superiori 3.000 Versione A 1 documento riservato ai clienti diretti Tel 051 813324 Fax 051 813330 info@centrosoftware.com sommario Introduzione...3

Dettagli

Manuale di Aggiornamento COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA 2014. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA 2014. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA 2014 DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 D.L. 78/2010 e 16/2012: Comunicaz. Operaz.

Dettagli

Avvertenze. Descrizione del modulo software. Note operative

Avvertenze. Descrizione del modulo software. Note operative 1 Release Versione Applicativo Oggetto: Versione: 12/11/2013 Data di rilascio: 12/11/2013 Sigla: Contabilità Comunicazione Polivalente/Spesometro 2013 Avvertenze Chiudere l applicativo su tutti i pc prima

Dettagli

Manuale di Aggiornamento COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA 2015. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA 2015. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA 2015 DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 D.L. 78/2010 e 16/2012: Comunicaz. Operaz.

Dettagli

Circolare N.45 del 26 Marzo 2014

Circolare N.45 del 26 Marzo 2014 Circolare N.45 del 26 Marzo 2014 Prossimo appuntamento con lo spesometro. 10 aprile per i contribuenti mensili e 20 aprile per tutti gli altri Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che

Dettagli

Nuovo regime Iva cassa Pagina 1

Nuovo regime Iva cassa Pagina 1 Nuovo regime Iva per cassa Normativa L art. 32-bis del Decreto Sviluppo (D.L. n. 83/2012 convertito in L. n. 134 dell 11/08/2012) ha introdotto un nuovo regime di liquidazione dell IVA secondo la contabilità

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

OGGETTO: Spesometro: le operazioni particolari

OGGETTO: Spesometro: le operazioni particolari Informativa per la clientela di studio N. 121 del 26.10.2011 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Spesometro: le operazioni particolari Con il presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ

Supporto On Line Allegato FAQ Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-6LMC5F89155 Data ultima modifica 16/01/2014 Prodotto Contabilità Modulo Contabilità Oggetto Modalità di esportazione dalla Contabilità alla Comunicazione Annuale

Dettagli

COMUNICAZIONE POLIVALENTE SPESOMETRO Istruzioni all'uso del programma

COMUNICAZIONE POLIVALENTE SPESOMETRO Istruzioni all'uso del programma COMUNICAZIONE POLIVALENTE SPESOMETRO Istruzioni all'uso del programma 1 PREMESSA Il programma denominato Spesometro 2012 (menu' Contabilità 6.2.1) consente la predisposizione degli archivi per la generazione

Dettagli

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA Le risposte pubblicate dalla stampa specializzata Confindustria Genova - Martedì 4 maggio 2010 D Come deve comportarsi una società italiana che abbia

Dettagli

SPESOMETRO GESTIONE IN COGE2000

SPESOMETRO GESTIONE IN COGE2000 SPESOMETRO GESTIONE IN COGE2000 Premessa La procedura va lanciata nell anno contabile al quale si riferisce lo Spesometro. Per l anno 2010 il termine di scadenza per la presentazione della comunicazione

Dettagli

WOPSpesometro Note sull utilizzo v. 5.0.0 marzo 2015 (comunicazione dati 2012, 2013 e 2014)

WOPSpesometro Note sull utilizzo v. 5.0.0 marzo 2015 (comunicazione dati 2012, 2013 e 2014) WOPSpesometro Note sull utilizzo v. 5.0.0 marzo 2015 (comunicazione dati 2012, 2013 e 2014) Sommario: 1) Attivazione del prodotto; 2) Configurazione; 3) Contribuente; 4) Gestione operazioni rilevanti ai

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

Comunicazione Polivalente (Spesometro 2012) (art.21 del D.L.78/2010)

Comunicazione Polivalente (Spesometro 2012) (art.21 del D.L.78/2010) 1. PREMESSA Comunicazione Polivalente (Spesometro 2012) (art.21 del D.L.78/2010) Il presente aggiornamento contiene le modifiche ai programmi che consentono la predisposizione degli archivi per la generazione

Dettagli

SPESOMETRO COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA

SPESOMETRO COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA SPESOMETRO COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA Aggiornato al 30-10-2013 ELENCO REVISIONI In questa sezione sono riportate le differenze rispetto alla versione precedente in modo da facilitare

Dettagli

Manuale antievasione (spesometro) adhoc con immagini

Manuale antievasione (spesometro) adhoc con immagini Il termine di presentazione dell adempimento, per le operazioni rilevanti ai fini IVA effettuate nell'anno 2014, sarà: il 10/04/2015 per i contribuenti mensili ed il 20/04/2015 per i contribuenti trimestrali.

Dettagli

Project Specifications

Project Specifications Project # Title 5067 Regime IVA per Cassa Partner Country IT Partner s reference Microarea s reference Giuseppina Sperico Patrizia Benelli Area Financial Logistics Ultimo Aggiornamento: 06/02/2013 Indice:

Dettagli

COMUNICAZIONE POLIVALENTE SPESOMETRO 2015 Istruzioni all'uso del programma

COMUNICAZIONE POLIVALENTE SPESOMETRO 2015 Istruzioni all'uso del programma COMUNICAZIONE POLIVALENTE SPESOMETRO 2015 Istruzioni all'uso del programma 1. PREMESSA Il programma denominato Spesometro (menu' Contabilità 6.2.1) consente la predisposizione degli archivi per la generazione

Dettagli

Il 19 novembre sono state pubblicate sul sito dell Agenzia le FAQ 2013

Il 19 novembre sono state pubblicate sul sito dell Agenzia le FAQ 2013 Fiscal Flash La notizia in breve N. 293 20.11.2013 L Agenzia fornisce i primi chiarimenti sulla comunicazione polivalente Il 19 novembre sono state pubblicate sul sito dell Agenzia le FAQ 2013 Categoria:

Dettagli

Studio Corbella dottori commercialisti associati

Studio Corbella dottori commercialisti associati dottori commercialisti - revisori dei conti: Piero Luigi Corbella Luigi Corbella Laura Corbella Torella Giacomo Corbella Benedetta Sirtori Daniela Bruniera Matteo Formenti esperto contabile - revisore

Dettagli

GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI

GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI INFORMATIVA N. 241 27 OTTOBRE 2011 IVA GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI Art. 21, DL n. 78/2010 Circolare Agenzia Entrate 30.5.2011, n. 24/E Documento Agenzia Entrate 11.10.2011

Dettagli

COMUNICAZIONE POLIVALENTE SPESOMETRO Istruzioni all'uso del programma

COMUNICAZIONE POLIVALENTE SPESOMETRO Istruzioni all'uso del programma COMUNICAZIONE POLIVALENTE SPESOMETRO Istruzioni all'uso del programma 1 PREMESSA Il programma denominato Spesometro (menu' Contabilità 6.2.1) consente la predisposizione degli archivi per la generazione

Dettagli

CONTABILITÀ. Gestione Attività Separate ai fini IVA. Release 4.90 Manuale Operativo

CONTABILITÀ. Gestione Attività Separate ai fini IVA. Release 4.90 Manuale Operativo Release 4.90 Manuale Operativo CONTABILITÀ Gestione Attività Separate ai fini IVA L art. 36 del DPR 633/72 disciplina la tenuta di contabilità separate per le diverse attività esercitate da parte dei soggetti

Dettagli

Novità più rilevanti (1) parità di trattamento tra fattura cartacea e fattura elettronica libera scelta sull autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fatture (facilita

Dettagli

L argomento di oggi è: Spesometro 2015

L argomento di oggi è: Spesometro 2015 Soluzioni innovative software, hardware e servizi Newsletter 25 marzo 2015 L argomento di oggi è: Spesometro 2015 L articolo 21 del Dl 78/2010, modificato con l art. 2 c.6 del Dl n.16 del 2/3/2012, prevede

Dettagli

GESTIONE MODELLO POLIVALENTE...

GESTIONE MODELLO POLIVALENTE... Gestione Modello Polivalente Il nuovo Modello Polivalente riguarda le seguenti comunicazioni telematiche all Agenzia delle Entrate: Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto

Dettagli

Comunicazione ex art. 21 Note operative

Comunicazione ex art. 21 Note operative Comunicazione ex art. 21 Note operative Sommario 1. Compilazione PERSON11 3 2. Modifica del flag art. 21 sulle anagrafiche da escludere 7 3. Modifica delle registrazioni degli anni precedenti 8 4. Stampa

Dettagli

Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Modello di comunicazione polivalente relativo al 2015

Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Modello di comunicazione polivalente relativo al 2015 Verona, 24 Marzo 2016 CIRCOLARE TEMATICA Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Modello di comunicazione polivalente relativo al 2015 DISCLAIMER: La presente circolare ha il solo scopo

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 09 DEL 02/04/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA COMUNICAZIONE CLIENTI FORNITORI 2014 PAG. 2 E LE RECENTI SEMPLIFICAZIONI DELL AGENZIA IN SINTESI: Entro

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: Prot. 203/94908 Definizione delle modalità tecniche e dei termini relativi alla comunicazione all'anagrafe tributaria delle operazioni rilevanti ai fini dell imposta sul valore aggiunto di cui all'articolo

Dettagli

Collegamento Gestionale 1 e Contabilità Studio AGO Infinity

Collegamento Gestionale 1 e Contabilità Studio AGO Infinity Collegamento Gestionale 1 e Contabilità Studio AGO Infinity Indice degli argomenti Premessa 1. Scenari di utilizzo 2. Parametri 3. Archivi Collegamento 4. Import Dati 5. Export Dati 6. Saldi di bilancio

Dettagli

MODELLO DI COMUNICAZIONE POLIVALENTE

MODELLO DI COMUNICAZIONE POLIVALENTE COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (ART. DECRETO LEGGE N. 8/00) COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI LEGATE AL TURISMO EFFETTUATE IN CONTANTI IN DEROGA ALL ART. COMMA DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

L argomento di oggi è: Spesometro 2014

L argomento di oggi è: Spesometro 2014 Se non leggi correttamente questo messaggio, clicca qui Soluzioni innovative software, hardware e servizi Newsletter 18 marzo 2014 L argomento di oggi è: Spesometro 2014 L articolo 21 del Dl 78/2010, modificato

Dettagli