TARIFFARIO LUINO N. 3

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TARIFFARIO LUINO N. 3"

Transcript

1 COMUNE DI LUINO TARIFFARIO LUINO N. 3 SERVIZIO ACQUEDOTTO Allegato al regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 15/3/2002 Adeguamento tariffe approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 38 del 13/3/

2 TARIFFE IN VIGORE DAL 1 gennaio 2007 (art. 7 Regolamento) Approvate con deliberazione della Giunta comunale n. 38 del 13/3/2007 1) USO DOMESTICO Per unità abitativa Residente fino a 241 lt./giorno pari a 88 mc/anno (da pagarsi solo se consumato) da 242 a 602 lt./giorno pari ai successivi 132 mc/anno 0, (da pagarsi sulla base del quantitativo definito in sede di contratto, anche se non consumato) oltre i 602 lt./giorno 0, Non Residente fino a 142 lt./giorno pari a 52 mc/anno 0, oltre i 142 lt./giorno 0, ) USI NORMALI A - Commerciali, Artigianali, Professionali, Industriali, Alberghi, Ristoranti, Bar etc. persone inserite in ogni attività, con assegnazione di una "Quota" ogni 5 addetti ciascuna quota è quantificata in 142 lt/giorno pari a 52 mc/anno Al "minimo contrattuale d'obbligo" come sopra determinato viene applicata la tariffa di 0, Al consumo eccedente 0, B - Ospedali, Case di Cura, Case di Riposo, Convitti, Collegi, Scuole, Asili, Caserme, Comunità, Enti pubblici persone inserite in ogni attività, con assegnazione di una "Quota" ogni 3 persone o presenze medie su base annua Per ciascuna "Quota" viene concesso: 1 - Un quantitativo in "Tariffa Agevolata" 142 lt./giorno pari a 52 mc/anno 24

3 2 - Un quantitativo in "Tariffa Base" (da pagarsi sulla base del quantitativo definito in sede di contratto, anche se non consumato) da 143 a 284 lt./giorno pari ai successivi 52 mc/anno Al "Minimo contrattuale d'obbligo", come sopra determinato, vengono applicate le seguenti tariffe: Punto 1 - Tariffa agevolata 0, Punto 2 - Tariffa base 0, Consumo eccedente 0, ) USI SPECIALI A - Cantieri edili Consumo a contatore - tariffa unica 0, B - Vivai di piscicoltura, frigoriferi, condizionamento d'aria, umidificatori, innaffiamento, orti e giardini, autolavaggi, vasche etc. persone inserite in ogni attività, con assegnazione di una "Quota" ogni 5 addetti ciascuna quota è quantificata in 142 lt/giorno pari a 52 mc/anno Al "minimo contrattuale d'obbligo" come sopra determinato viene applicata la tariffa di 0, Al consumo eccedente 0, C - Piscine ad uso privato Diritto fisso forfetario annuo da corrispondere per ogni metro cubo di capacità geometrica della piscina 1 - Se la piscina è dotata di congegno atto al ricircolo dell'acqua 2, Se la piscina non è dotata di tale congegno 4, Per qualsiasi quantitativo prelevato, oltre al diritto fisso annuale, 1, Ogni piscina dovrà avere utenza autonoma per la misurazione dell'acqua attinta. Nel caso ciò non fosse attuato tutta l'utenza sotto la quale è collegata la piscina sarà classificata con unico scaglione unitario di fatturazine corrispondente a quello della piscina D - Piscina pubblica comunale Per qualsiasi quantitativo prelevato senza alcun diritto fisso annuale, 0, ) USI AGRICOLI CON ALLEVAMENTO ANIMALI (escluso innaffiamento) Il "minimo contrattuale d'obbligo", viene determinato in rapporto al numero delle persone inserite in ogni attività nella "quota" di 5 addetti oppure, per ogni 2 capi bovini, 2 equini, 4 ovini o 4 suini. Ciascuna quota di 241 lt./giorno pari a 88 mc/anno 0, oltre i 241 lt./giorno 0,

4 CANONI ANNUI E FISSI QUOTA UTENZA - (art. 17 Regolamento) da corrispondere per ogni concessione presente nel contratto di fornitura - quota utenza uro/anno 7, CANONI IMPIANTI ANTINCENDIO - in vigore dal (art. 35 Regolamento) (comprensivi del consumo dell'acqua in caso di incendio) per ogni bocca incendio con diametro nominale 45 mm. canone annuo fisso 36, per ogni bocca incendio con diametro nominale 70 mm. canone annuo fisso 73, canone per colonne montanti canone annuo fisso 73, Per qualsiasi quantitativo prelevato senza alcun diritto fisso annuale, 0, CONTRIBUTI AGGIUNTIVI Esecuzione derivazioni (art. 10 regolamento) Impianti per cantieri edili (art. 30 Regolamento) Impianti per vivai di piscicoltura e frigoriferi (art. 31 Regolamento) Impianti di condizionamento d'aria, umidificatori, innaffiamento ed autolavaggi. (articoli 31 e 32 Regolamento) Piscine e vasche da nuoto (art. 33 Regolamento) Contributo proporzionale al calibro di qualsiasi contatore di nuova attivazione, secondo il seguente schema: diametro contatore importo 1/2" 72, /4" 103, " 154, " 1/4 206, " 1/2 258, " 361, " 1/2 516, " 1.032, Bocche antincendio (art. 34 Regolamento) I contributi dovuti per le bocche antincendio sono: - per ogni cassetta con attacco UNI 45 mm (portata nominale 5 lt/s) 206, per ogni idrante con attacco UNI 45 mm (portata nominale 7 lt/s) 284, per ogni idrante con attacco UNI 70 mm (portata nominale 15 lt/s) 619, per ogni idrante con due attacchi UNI 45 mm (portata nominale 10 lt/s) 619, per ogni idrante con due attacchi UNI 70 mm (portata nominale 25 lt/s) 1.032, per impianti automatici a pioggia (sprinkler), contributo per metro quadrato: - fino a 500 mq 2, da 501 fino a mq 1, da fino a mq 1, oltre mq 1, Nel caso in cui i VV.FF. prescrivano la realizzazione di una vasca di accumulo e relativo impianto di sollevamento ed autoclave a servizio della rete antincendio del Cliente, il dimensionamento dell'allacciamento sarà determinato dal volume della vasca secondo la sottoriportata tabella, con l'avvertenza che, per vasche superiori a 240 mc, sarà applicato un contributo aggiuntivo di uro 1032, ogni 5 mc/h di portata nominale del contatore. 26

5 VOLUME DELLA VASCA Diametro Diametro Portata richiesto dai VV.FF. allacciamento nominale nominale contatore contatore V sino a 10 mc 1" 3/4" 2,5 10 < V > 14 1" 1/4 1" 3,6 14 < V > 20 2" 1" 1/ < V > " 1/ < V > " < V > < V > < V > CONTRIBUTO in Euro 516, , , , , , , , MINIMI CONTRATTUALI D'OBBLIGO (art. 16 Regolamento) Per ogni contratto di fornitura dell'acqua verrà determinato un quantitativo da calcolarsi secondo i seguenti parametri, da pagarsi anche ove parzialmente o totalmente non consumato: 1) USO DOMESTICO Per unità abitativa Residente fino a 241 lt./giorno pari a 88 mc/anno (da pagarsi solo se consumato) da 242 a 602 lt./giorno pari ai successivi 132 mc/anno (da pagarsi sulla base del quantitativo definito in sede di contratto, anche se non consumato) Il quantitativo riferito alla 2 fascia potrà essere modifi cato a richiesta del Cliente, con sottoscrizione di un nuovo contratto di fornitura arrotondato al metro cubo. Non Residente fino a 142 lt./giorno pari a 52 mc/anno 2) USI NORMALI A - Commerciali, Artigianali, Professionali, Industriali, Alberghi, Ristoranti, Bar etc. persone inserite in ogni attività, con assegnazione di una "Quota" ogni 5 addetti ciascuna quota è quantificata in 142 lt/giorno pari a 52 mc/anno B - Ospedali, Case di Cura, Case di Riposo, Convitti, Collegi, Scuole, Asili, Caserme, Comunità, Enti pubblici 27

6 persone inserite in ogni attività, con assegnazione di una "Quota" ogni 3 persone o presenze medie su base annua Per ciascuna "Quota" viene concesso 1 - Un quantitativo in "Tariffa Agevolata" 142 lt./giorno pari a 52 mc/anno 2 - Un quantitativo in "Tariffa Base" (da pagarsi sulla base del quantitativo definito in sede di contratto, anche se non consumato) da 143 a 284 lt./giorno pari ai successivi 52 mc/anno Il "Minimo contrattuale d'obbligo" potrà essere modificato a richiesta del Cliente, con sottoscrizione di un nuovo contratto di fornitura, sulla base della modifica del numero di quote concedibili. 3) USI SPECIALI A - Cantieri edili Nessun minimo B - Vivai di piscicoltura e frigoriferi, condizionamento d'aria, umidificatori, innaffiamento, orti e giardini, autolavaggi, vasche. persone inserite in ogni attività, con assegnazione di una "Quota" ogni 5 addetti ciascuna quota è quantificata in 142 lt/giorno pari a 52 mc/anno Il "Minimo contrattuale d'obbligo" potrà essere modificato a richiesta del Cliente, con sottoscrizione di un nuovo contratto di fornitura, sulla base della modifica del numero di quote concedibili. C - Piscine ad uso privato Diritto fisso forfetario annuo da corrispondere per ogni metro cubo di capacità geometrica della piscina mc. cubatura/anno D - Piscina pubblica comunale Nessun minimo 4) USI AGRICOLI CON USI ALLEVAMENTO ANIMALI (escluso innaffiamento) Il "minimo contrattuale d'obbligo", viene determinato in rapporto al numero delle persone inserite in ogni attività nella "quota" di 5 addetti oppure, per ogni 2 capi bovini, 2 equini, 4 ovini o 4 suini. Il minimo contrattuale d'obbligo" è pari al numero delle "Quote" concesse Ciascuna "quota" di 241 lt./giorno pari a 88 mc/anno Il "Minimo contrattuale d'obbligo" potrà essere modificato a richiesta del Cliente, con sottoscrizione di un nuovo contratto di fornitura, sulla base della modifica del numero di quote concedibili. Per le forniture che presentino caratteristiche particolari, per cui si riscontrino difficoltà nella determinazione del "Minimo contrattuale d'obbligo", si demanda all'ente Gestore la determinazione di volta in volta di tale minimo. 28

7 DEPOSITI PER LE FORNITURE D'ACQUA (art. 6 Regolamento) Gli importi corrispondono ad un anticipo sui consumi in mc. USI DOMESTICI: per ogni unità abitativa 26, ALTRI USI Per ogni quota 26, (Gli usi 3A e 3C parificati ad una quota) BOCCHE ANTINCENDIO (art. 36 Regolamento) - per ogni bocca incendio con diametro nominale 45 mm. 18, per ogni bocca incendio con diametro nominale 70 mm. 36, derivazioni per colonne montanti 36, PENALI Nel caso in cui il Cliente non comunichi al Gestore, come previsto dall'art. 5 del regolamento, le variazioni comportanti cambiamenti sia di quantitativi minimi contrattuali che di quelli base, sarà applicata una penale di uro 49,35 - corrispondente al consumo di 100 mc d'acqua alla tariffa base + I.V.A. Parimenti, l'utilizzo degli impianti di distribuzione dell'acqua per uso diverso da quello richiesto, come previsto dall'art. 12 del regolamento, oltre alla sospensione immediata della fornitura, prevede l'applicazione di una penale di uro 49,35 - corrispondente al consumo di 100 mc d'acqua alla tariffa base + I.V.A. Le manomissioni dei sigilli dei contatori ed ogni altra operazione da parte del Cliente che alteri il regolare funzionamento dell'apparecchio misuratore, a norma dell'art. 18 del regolamento, danno luogo all'applicazione di una penale di uro 197,42 - corrispondente al consumo di 400 mc d'acqua alla tariffa base + I.V.A. La mancata notifica di variazioni nello schema di installazione delle bocche antincendio, la manomissione dei sigilli degli impianti antincendio per causa non dipendente da incendio, il mancato tempestivo avviso di rimozione dei sigilli stessi anche a causa di necessità constatate, a norma dell'art. 34 del regolamento danno luogo all'applicazione di una penale di uro 197,42 corrispondente al consumo di 400 mc d'acqua alla tariffa base + I.V.A., oltre alle spese relative ai provvedimenti assunti dal gestore per il ripristino della funzionalità della presa e salvo il maggior danno accertato. L'inserimento diretto delle pompe sulle condotte derivate da quelle stradali comporta, a norma dell'art. 24 del regolamento, la corresponsione di una penale di uro 197,42- corrispondente al consumo di 400 mc d'acqua alla tariffa base + I.V.A. Nel caso in cui venga accertato un comportamento recidivo del Cliente, le penali soprariportate saranno raddoppiate. In ogni caso, il Gestore si riserva la possibilità di chiedere il rimborso dei danni derivanti dal mancato rispetto delle norme regolamentari. (art. 16 Regolamento) INDENNITA' DI MORA ED INTERESSI PER RITARDATO PAGAMENTO Sui pagamenti che verranno effettuati successivamente alla scadenza si applicheranno: - indennità di mora in misura fissa pari a 2,

8 - interessi per ritardato pagamento calcolati utilizzando il tasso EURIBOR A 3 MESI in vigore aumentato di tre punti percentuali. (art. 22 Regolamento) VERIFICA DEI CONTATORI A RICHIESTA DEL CLIENTE Qualora il Cliente ritenga irregolare il funzionamento del contatore - a seguito di richiesta scritta e previo versamento di uro 98,71 corrispondente al consumo di 200 mc alla tariffa base + I.V.A. - il Gestore dispone le opportune verifiche. (art. 27 Regolamento) PERDITE, DANNI, RESPONSABILITA' ASPEM ha attivato una polizza a copertura dei rischi di perdite occulte di acqua a favore dei propri Clienti (solo per il maggior costo addebitato in fattura). Detta copertura riguarda gli usi domestici, commerciali, industriali ed artigianali ad esclusione dei cosiddetti usi speciali (allevamente, innaffiamenti, piscine, vivai etc.). La scelta di adesione è a discrezione dell'utente. In caso di rinuncia, gli importi derivanti da eventuali perdite occulte d acqua andranno pagati per intero. Nel caso si verifichino dispersioni o perdite negli impianti interni non ricompresi nelle categorie assicurabili come sopra riportate il Cliente potrà presentare tempestiva comunicazione allegando idonea documentazione tecnica attestante le cause che hanno prodotto la perdita e la loro eliminazione. Qualora la documentazione presentata sia completa, il Gestore provvederà al ricalcolo dell importo a debito dell utente nel seguente modo: 1. determinazione del consumo medio semestrale da effettuarsi quale media dei quantitativi fatturati negli ultimi 4 semestri o, in caso d impossibilità, quale proiezione dei consumi rilevati (successivamente alla riparazione della perdita) sul contatore installato, oppure su base statistica; 2. determinazione del consumo presunto applicando al consumo medio semestrale, così come calcolato al punto 1)- una maggiorazione pari al 20% e ciò in considerazione dell oscillazione dei prelievi; 3. applicazione al consumo presunto della tariffazione sulla base dell abbonamento contrattualizzato dall utente; 4. applicazione della tariffa base per il rimanente consumo; 5. applicazione dei canoni di fognatura e depurazione se dovuti solo sul consumo presunto così come calcolato al punto 2)- 30

TARIFFARIO LUINO N. 7

TARIFFARIO LUINO N. 7 COMUNE DI LUINO TARIFFARIO LUINO N. 7 SERVIZIO ACQUEDOTTO Decorrenza 1 luglio 2010 21 TARIFFE IN VIGORE DAL 1 LUGLIO 2010 (art. 7 Regolamento) - Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15

Dettagli

TARIFFARIO BREZZO DI BEDERO N. 5

TARIFFARIO BREZZO DI BEDERO N. 5 COMUNE DI BREZZO DI BEDERO TARIFFARIO BREZZO DI BEDERO N. 5 SERVIZIO ACQUEDOTTO Decorrenza 1 gennaio 2014 TARIFFE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 (art. 7 Regolamento) - Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

TARIFFARIO LUINO N. 10

TARIFFARIO LUINO N. 10 COMUNE DI LUINO TARIFFARIO LUINO N. 10 SERVIZIO ACQUEDOTTO Decorrenza 1 gennaio 2016 TARIFFE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2016 (art. 7 Regolamento) - Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15

Dettagli

Allegato B. Ufficio Provinciale di Ambito Territoriale Ottimale di Bergamo 16/01/2014

Allegato B. Ufficio Provinciale di Ambito Territoriale Ottimale di Bergamo 16/01/2014 2013 Rev. 03 16/01/2014 Metodo tariffario transitorio ai sensi della deliberazione n 585/2012 dell AEEG Definito in conformità alla delibera n. 2 del 04.12.2013 della Conferenza dei Comuni dell Ambito

Dettagli

TARIFFARIO MACCAGNO N. 8

TARIFFARIO MACCAGNO N. 8 COMUNE DI MACCAGNO TARIFFARIO MACCAGNO N. 8 SERVIZIO ACQUEDOTTO Decorrenza 1 gennaio 2014 TARIFFE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 (art. 7 Regolamento) - Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

ESTRATTO CONDIZIONI DAL 1 GENNAIO 2014 POLIZZA COPERTURA ASSICURATIVA DEI RISCHI DI PERDITE OCCULTE DI ACQUA POTABILE

ESTRATTO CONDIZIONI DAL 1 GENNAIO 2014 POLIZZA COPERTURA ASSICURATIVA DEI RISCHI DI PERDITE OCCULTE DI ACQUA POTABILE ASPEM S.p.A. Servizio Acquedotto AXA Agenzia Sviluppo & Trading ESTRATTO CONDIZIONI DAL 1 GENNAIO 2014 POLIZZA COPERTURA ASSICURATIVA DEI RISCHI DI PERDITE OCCULTE DI ACQUA POTABILE CONTRAENTE: ASPEM S.p.A.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA COMUNE DI GORLA MAGGIORE - Provincia di VARESE - REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA ASPETTI AMMINISTRATIVI Approvato con delibera consigliare n 13 del 28/02/2002 - esecutivo dal 27/03/2002

Dettagli

Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato

Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato La tariffa dell acqua Il D.L. n.201/2011, convertito nella Legge n. 214/2011, ha disposto il passaggio delle competenze relative alla regolazione

Dettagli

Allegato A) alla deliberazione del Comitato Istituzionale prot. n. 1051/23 di verbale del 17.11.2014 REGOLAMENTO FONDO PER PERDITE IDRICHE OCCULTE

Allegato A) alla deliberazione del Comitato Istituzionale prot. n. 1051/23 di verbale del 17.11.2014 REGOLAMENTO FONDO PER PERDITE IDRICHE OCCULTE Allegato A) alla deliberazione del Comitato Istituzionale prot. n. 1051/23 di verbale del 17.11.2014 REGOLAMENTO FONDO PER PERDITE IDRICHE OCCULTE INDICE Art. 1 premesse pag. 3 Art. 2 definizione di perdita

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI COMUNE DI GESSATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI - APPROVATO con deliberazione del C.C. n. 15 del 31.01.1986 - PUBBLICATO all Albo Pretorio il giorno 18.02.1986

Dettagli

COMUNE DI SAN NICOLA ARCELLA Provincia di Cosenza Via Nazionale, 5 C.F. 00345230783 Tel. 09853218 e fax 09853963

COMUNE DI SAN NICOLA ARCELLA Provincia di Cosenza Via Nazionale, 5 C.F. 00345230783 Tel. 09853218 e fax 09853963 COMUNE DI SAN NICOLA ARCELLA Provincia di Cosenza Via Nazionale, 5 C.F. 00345230783 Tel. 09853218 e fax 09853963 N 53 Registro deliberazioni Del 30 luglio 2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua)

LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua) LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua) PREZZI STANDARD NON COMPRESI NELLA TARIFFA GESTORE DEL SII : Marche Multiservizi S.p.A. Via dei Canonici,144 60122 PESARO (PU) C.F., P. IVA N IVA 02059030417 Approvato

Dettagli

COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE

COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE Adottato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 9 del 25 maggio 2010 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE

COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE 1 Art. 1 ISTITUZIONE DELL AZIENDA Il Comune di Osco, e per esso il Municipio, assume il servizio di erogazione dell acqua potabile per Osco e rispettive

Dettagli

PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO

PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO Allegato A alla deliberazione n. 246/2006 PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO 1. Premessa La presente procedura definisce i criteri e le metodologie per la determinazione

Dettagli

ELENCO PREZZI. Tutti i prezzi indicati devono considerarsi espressi in Euro, IVA esclusa.

ELENCO PREZZI. Tutti i prezzi indicati devono considerarsi espressi in Euro, IVA esclusa. ELENCO PREZZI In riferimento al paragrafo 3.2 del Codice di Rete per la Distribuzione del Gas Naturale, redatto dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, il presente documento elenca le prestazioni

Dettagli

GUIDA FACILE alla lettura della bolletta

GUIDA FACILE alla lettura della bolletta GUIDA FACILE alla lettura della bolletta Facciamo i conti al Servizio Idrico Integrato Tutti ricevono periodicamente la bolletta dell acqua o pagano questo servizio nelle spese di un condominio. Ma quale

Dettagli

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE JULIA RETE s.u.r.l. Pagina 1 PREMESSA In conformità al Codice di rete tipo per la distribuzione del gas naturale, approvato dall AEEG (Autorità per l Energia Elettrica

Dettagli

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE Al Servizio Principale di Distribuzione del Gas della COSEV SERVIZI S.p.A. 4 EDIZIONE decorrenza dal 22 Luglio 2015 (fatti salvi i prezzi stabiliti dalle delibere 573/2013

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE ART. 1 Il Servizio della distribuzione dell acqua potabile, nelle zone di Aquileia ove tale servizio è in funzione, è assunto in privativa dall Amministrazione

Dettagli

Spett.le. Comune di DOMANDA NUOVO ALLACCIAMENTO RETE IDRICA E IMPEGNO CONTRATTUALE PER LA FORNITURA DI. Il sottoscritto. (c.f.

Spett.le. Comune di DOMANDA NUOVO ALLACCIAMENTO RETE IDRICA E IMPEGNO CONTRATTUALE PER LA FORNITURA DI. Il sottoscritto. (c.f. Spett.le Comune di OGGETTO: DOMANDA NUOVO ALLACCIAMENTO RETE IDRICA E IMPEGNO CONTRATTUALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE. Il sottoscritto (c.f. ) nato a il residente a in via n. tel. in qualità di

Dettagli

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n.

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n. CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE approvato con delib. del Commissario Straordinario n.723 del 25/10/1984 TITOLO I GESTIONE DELL ACQUEDOTTO E SISTEMA DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

ACEA ATO 2 S.P.A. P.le Ostiense, 2 00154 Roma. Cap Soc Euro 362.834.320 iv-cf e P.IVA 05848061007 CCIA RM REA 930803-TRIB RM 218931/99

ACEA ATO 2 S.P.A. P.le Ostiense, 2 00154 Roma. Cap Soc Euro 362.834.320 iv-cf e P.IVA 05848061007 CCIA RM REA 930803-TRIB RM 218931/99 ACEA ATO 2 S.P.A. P.le Ostiense, 2 00154 Roma Cap Soc Euro 362.834.320 iv-cf e P.IVA 05848061007 CCIA RM REA 930803-TRIB RM 218931/99 OGGETTO: tariffe del Servizio Idrico Integrato per i Comuni, appartenenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE PREMESSA Il Consorzio per lo Sviluppo Industriale di Sulmona fornisce il servizio idrico (acqua potabile e industriale) alle aziende insediate

Dettagli

- IN VIGORE DAL 01 OTTOBRE 2011 -

- IN VIGORE DAL 01 OTTOBRE 2011 - - IN VIGORE DAL 01 OTTOBRE 2011 - Pagina 1 di 8 info@ SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI A SERVIZIO DEL PUNTO DI RICONSEGNA Tutte le attività descritte sono svolte da personale interno della

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO N 62 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto : DETERMINAZIONE IN VIA TRANSITORIA DELLE TARIFFE DEI SERVIZI ACQUEDOTTO, FOGNATURA E DEPURAZIONE ANNO 2006. L anno

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

RELAZIONE. Tariffa per il periodo di regolazione 2012-2013 Piano Tariffario e Piano Finanziario per il periodo 2012-2032

RELAZIONE. Tariffa per il periodo di regolazione 2012-2013 Piano Tariffario e Piano Finanziario per il periodo 2012-2032 Segreteria Tecnico Operativa CONFERENZA DEI SINDACI ATO 2 Lazio Centrale Roma RELAZIONE Tariffa per il periodo di regolazione 2012-2013 Piano Tariffario e Piano Finanziario per il periodo 2012-2032 Deliberazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI OGGIONA CON SANTO STEFANO PROVINCIA DI VARESE C.A.P.21040 - C.F. e P.IVA 00309390128 - Tel. 0331/214961 - Fax 216460 e-mail tributi@comune.oggionaconsantostefano.va.it www.comune.oggionaconsantostefano.va.it

Dettagli

ELENCO PREZZI SERVIZI AL PUNTO DI RICONSEGNA

ELENCO PREZZI SERVIZI AL PUNTO DI RICONSEGNA PRESTAZIONE PAG 1. PREMESSA 1 2. ALLACCIAMENTO ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE 2 3. PUNTI DI RICONSEGNA 2 4. POSA CONTATORE 2 5. MODIFICA PUNTO DI RICONSEGNA PER VARIAZIONE PORTATA 3 6. SPOSTAMENTO PUNTO DI

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE IN VIGORE DAL 01 SETTEMBRE 2011 In riferimento al paragrafo 3.2 del Codice di Rete per la Distribuzione del Gas Naturale, redatto

Dettagli

Servizio Idrico Integrato

Servizio Idrico Integrato Servizio Idrico Integrato Regolamento fondo fughe acqua Giugno 2014 Indice Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione... 3 Art. 2 - Validità del Regolamento... 3 Art. 3 - Costituzione del fondo e modalità

Dettagli

ELENCO PREZZI. Tutti i prezzi indicati devono considerarsi espressi in Euro, IVA esclusa.

ELENCO PREZZI. Tutti i prezzi indicati devono considerarsi espressi in Euro, IVA esclusa. ELENCO PREZZI In riferimento al paragrafo 3.2 del Codice di Rete per la Distribuzione del Gas Naturale, redatto dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, il presente documento elenca le prestazioni

Dettagli

ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE Società Uninominale Società soggetta a coordinamento e controllo da parte del Comune di Porto S. Giorgio SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO

COMUNE DI SPILIMBERGO COMUNE DI SPILIMBERGO PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n.20 del 28.01.2005 1 TITOLO I GENERALITA ART.1 ENTE GESTORE DELL

Dettagli

COMUNE DI FONTE NUOVA (Provincia di Roma) REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO REGOLAMENTO SOMMINISTRAZIONE IDRICA.

COMUNE DI FONTE NUOVA (Provincia di Roma) REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO REGOLAMENTO SOMMINISTRAZIONE IDRICA. REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO n. 10 DEL 25.02.2002 REGOLAMENTO SOMMINISTRAZIONE IDRICA Articolo 1 Distribuzione dell acqua e uso Il Comune somministra acqua nel suo

Dettagli

Regolamento per la somministrazione dell acqua potabile nel Comune di Saronno. SARONNO SERVIZI Società per Azioni

Regolamento per la somministrazione dell acqua potabile nel Comune di Saronno. SARONNO SERVIZI Società per Azioni SARONNO SERVIZI Società per Azioni Concessionaria del servizio di gestione dell acquedotto Comunale di Saronno (Delibera di Consiglio Comunale n 155 del 30 novembre 1998 Regolamento per la somministrazione

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE ed. ANNO 2016 Oggetto ed applicabilità Il presente listino prezzi verrà applicato in maniera imparziale sul territorio comunale

Dettagli

COMUNE DI FIAMIGNANO Provincia di Rieti

COMUNE DI FIAMIGNANO Provincia di Rieti COMUNE DI FIAMIGNANO Provincia di Rieti Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 41 Reg. Data 23/06/2015 OGGETTO: Piano Tecnico Economico S.I.I. Anno 2015 L anno duemilaquindici il giorno ventitre

Dettagli

ELENCO PREZZI validità dal 01/01/2015

ELENCO PREZZI validità dal 01/01/2015 ELENCO PREZZI validità dal 01/01/2015 In riferimento al paragrafo 3.2 del Codice di Rete per la Distribuzione del Gas Naturale, redatto dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, il presente documento

Dettagli

Comune di CASTELBIANCO

Comune di CASTELBIANCO Comune di CASTELBIANCO REGOLAMENTO ACQUEDOTTO APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 6 del 6 Giugno 2003 INDICE Art 1. Fornitura dell acqua. Art 2. Domanda di fornitura Art 3. Modalità per

Dettagli

C O M U N E D I N U S

C O M U N E D I N U S C O M U N E D I N U S R E G I O N E A U T O N O M A V A L L E D A O S T A REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE approvato con delibera C.C. n. 9 del 11.02.2011 INDICE Art. 1 - (Fornitura dell'acqua)

Dettagli

Comune di Lostallo ORDINANZA PER LE TASSE DI ALLACCIAMENTO E LE TARIFFE DI UTILIZZAZIONE DELL AZIENDA ELETTRICA

Comune di Lostallo ORDINANZA PER LE TASSE DI ALLACCIAMENTO E LE TARIFFE DI UTILIZZAZIONE DELL AZIENDA ELETTRICA Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni ORDINANZA PER LE TASSE DI ALLACCIAMENTO E LE TARIFFE DI UTILIZZAZIONE DELL AZIENDA ELETTRICA Ordinanza per le tasse di allacciamento e le tariffe di utilizzazione

Dettagli

COMUNE DI ALGHERO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO. Regolamento Idrico

COMUNE DI ALGHERO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO. Regolamento Idrico COMUNE DI ALGHERO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Regolamento Idrico Approvato con Delibera Consiliare N 49 del 10.04.1998, resa esecutiva con Provv. Co.Re.Co. N 2456 del 05.06.1998. Integrato con successive

Dettagli

SERVIZIO CLIENTI, RECLAMI E COMUNICAZIONI AUTOLETTURE

SERVIZIO CLIENTI, RECLAMI E COMUNICAZIONI AUTOLETTURE Viale dell Industria 23 - VI pag. 1/6 Codice Cliente: 10398069 Contratto: 2012 / 84724 Numero fattura: 2014/0000450955 Emessa il: 10/11/2014 Periodo Fatturazione: 01/08/2014-31/10/2014 BOLLETTA STIMATA

Dettagli

FATTURAZIONE E STRUMENTI PER LA GESTIONE CLIENTI

FATTURAZIONE E STRUMENTI PER LA GESTIONE CLIENTI FATTURAZIONE E STRUMENTI PER LA GESTIONE CLIENTI SERVIZIO IDRICO IN REGIONE LOMBARDIA E BOLLETTA LUIGI VINCI STRUTTURA DELLA GESTIONE CLIENTI MISSION Gestire l area clienti con l obiettivo di assicurare

Dettagli

Tariffe e addebiti vari (Allegato n.2) (gli importi di cui al presente elaborato sono da intendersi IVA esclusa)

Tariffe e addebiti vari (Allegato n.2) (gli importi di cui al presente elaborato sono da intendersi IVA esclusa) (Allegato n.2) (gli importi di cui al presente elaborato sono da intendersi IVA esclusa) Allegato al REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Parte seconda Fognatura e Depurazione Allegato 2 CONTRIBUTO

Dettagli

ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS

ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS Finalità Nelle more dell emanazione da parte dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas di provvedimenti per la determinazione

Dettagli

ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE

ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE DEFINIZIONI CLIENTE FINALE Persona fisica o giuridica che acquista gas naturale per uso proprio CODICE DI RETE codice contenente regole e modalità

Dettagli

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Comune di Braggio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Regolamento dell azienda comunale acqua potabile e fognatura Pagina 1 di 7 Indice I. DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas L allacciamento alla rete elettrica per le utenze in bassa e media tensione Allacciamento e attivazione Altre prestazioni L allacciamento è la connessione dell impianto di utenza alla rete di distribuzione

Dettagli

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione C.C. n. del INDICE Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Forma

Dettagli

EDIGAS-Esercizio Distribuzione Gas SpA- UNIPERSONALE Via Verizzo 1030 31053 Pieve di Soligo (TV) C.F. 81000460022 REA TV 338229 Partita Iva

EDIGAS-Esercizio Distribuzione Gas SpA- UNIPERSONALE Via Verizzo 1030 31053 Pieve di Soligo (TV) C.F. 81000460022 REA TV 338229 Partita Iva ELENCO PREZZII e CONDIIZIIONII DEII SERVIIZII E DELLE PRESTAZIIONII INDICE 01.00 PRESTAZIONI TECNICHE SVOLTE DAL DISTRIBUTORE... 2 02.00 PRESTAZIONI OPZIONALI... 2 03.00 ELENCO PREZZI ANNO 2009... 3 a

Dettagli

ALLEGATO C TARIFFE A CARICO DEI CLIENTI ED A FAVORE DEL GESTORE NEL PERIODO DI CUI ALL ART. 3, C.1 DELLA CONVENZIONE

ALLEGATO C TARIFFE A CARICO DEI CLIENTI ED A FAVORE DEL GESTORE NEL PERIODO DI CUI ALL ART. 3, C.1 DELLA CONVENZIONE ALLEGATO C TARIFFE A CARICO DEI CLIENTI ED A FAVORE DEL GESTORE NEL PERIODO DI CUI ALL ART. 3, C.1 DELLA CONVENZIONE SISTEMA A MISURA Servizio Acquedotto 2012 USO ABITATIVO RESIDENTE tariffa agevolata

Dettagli

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DELL'ACQUA ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ approvato con deliberazione del c.c. n. 77 del 19 dicembre 2006 INDICE I - GENERALITÀ...4 Art. 1 - Ente

Dettagli

Regolamento per i servizi di ristoro all interno degli edifici destinati a sede di uffici provinciali e di istituti e scuole di istruzione secondaria

Regolamento per i servizi di ristoro all interno degli edifici destinati a sede di uffici provinciali e di istituti e scuole di istruzione secondaria 3529,1&,$',%5,1',6, Regolamento per i servizi di ristoro all interno degli edifici destinati a sede di uffici provinciali e di istituti e scuole di istruzione secondaria superiore ,1',&( SDJ Art. 1 Oggetto

Dettagli

TARIFFARIO ACQUA POTABILE ANNO 2012

TARIFFARIO ACQUA POTABILE ANNO 2012 TARIFFARIO ACQUA POTABILE ANNO 2012 Conformemente al Regolamento comunale per l erogazione dell acqua potabile, si rende noto che il Municipio, con risoluzione n 1030 del 24 settembre 2012, ha deciso di

Dettagli

Bolletta 2.0 Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela

Bolletta 2.0 Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela Voce di spesa Descrizione del prezzo Componenti incluse Spesa per la materia energia Spesa per il trasporto e la gestione

Dettagli

ELENCO PREZZI STANDARD AL PUNTO DI RICONSEGNA

ELENCO PREZZI STANDARD AL PUNTO DI RICONSEGNA ELENCO PREZZI STANDARD AL PUNTO DI RICONSEGNA Rev. 1 2011 1. OGGETTO... 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2.1. Attività comprese... 3 2.2. Esclusioni... 3 2.3. Attività non Standard... 3 2.4. Validità...

Dettagli

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO DISTRIBUTORE GAS LOCALE : COMUNE DI SCERNI (CH) Sede Legale e Operativa: Via IV Novembre

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2016 INDICE ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2016... 1 INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO

Dettagli

Città di Giugliano in Campania

Città di Giugliano in Campania Città di Giugliano in Campania Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.19 del 11.07.2011 Modificato ed integrato

Dettagli

COMUNE DI SANT ANNA ARRESI PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SANT ANNA ARRESI PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SANT ANNA ARRESI PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER LA FORNITURA E DISTRIBUZIONE DELL ACQUA APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 58 DEL 20.12.2001 DELIBERA DI C.C. N. 11 DEL 28.02.2002 1 INDICE

Dettagli

Comune di MONTEMAGGIORE AL METAURO (PU)

Comune di MONTEMAGGIORE AL METAURO (PU) Pubblico Servizio Distribuzione Metano Delibera A.E.E.G.S.I. n. 108/06 del 06 giugno 2006 e s.m.i. Comune di MONTEMAGGIORE AL METAURO (PU) ELENCO PREZZI PRESTAZIONI Pubblicato sul sito www.sadorireti.it

Dettagli

DISTRIBUZIONE GAS -LISTINO PREZZI PRESTAZIONI ACCESORIE-

DISTRIBUZIONE GAS -LISTINO PREZZI PRESTAZIONI ACCESORIE- DISTRIBUZIONE GAS -LISTINO PREZZI PRESTAZIONI ACCESORIE- Agosto 2014 OGGETTO E APPLICABILITA Oggetto Sulla base di quanto previsto dal Codice di Rete tipo per la distribuzione del gas naturale, il presente

Dettagli

Rev. 01 12/2010. Allegato A. Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294

Rev. 01 12/2010. Allegato A. Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294 2010 Rev. 01 12/2010 Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294 SOMMARIO 1. CONTRIBUTI ALLACCIAMENTO E ALTRE PRESTAZIONI...3 A. Allacciamenti con scavo... 3 B. Allacciamenti senza scavi...

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI DI CONVENZIONE PER ESECUZIONE LAVORI ATTIVAZIONE IMPIANTO ANNO 1991 REVISIONE DAL 1992 COMUNE DI ATENA LUCANA Periodo di validità: I corrispettivi indicati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI

REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI COMUNE DI SASSOFERRATO Piazza Matteotti, 1 Telefono : 0732/9561 Fax : 0732/956234 E mail : sassoferrato@cadnet.marche.it Web : http://www.cadnet.marche.it/sassoferrato REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE COMUNE DI CAVALLASCA CAP 22020 Via Imbonati, 1 (CO) TEL. 031 210455 - FAX 031 536439 Provincia di Como N. Part. Iva 00516340130 REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE Approvazione: Deliberazione

Dettagli

Regolamento per la distribuzione e fornitura dell acqua. Sommario

Regolamento per la distribuzione e fornitura dell acqua. Sommario Regolamento per la distribuzione e fornitura dell acqua Sommario Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 Art. 17 Art. 18 Art.

Dettagli

Comuni dell Acquedotto Langhe Sud Occidentali S.p.A. TARIFFARIO. (Allegato al Regolamento del Servizio idrico Integrato) Rev.

Comuni dell Acquedotto Langhe Sud Occidentali S.p.A. TARIFFARIO. (Allegato al Regolamento del Servizio idrico Integrato) Rev. Comuni dell Acquedotto Langhe Sud Occidentali S.p.A. TARIFFARIO (Allegato al Regolamento del Servizio idrico Integrato) Rev. 02 del 20/09/2013 In vigore dal 01/10/2013 Tabella spese di istruttoria... pg.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SBERNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SBERNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2255 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SBERNA Modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e altre

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI NELLA RETE FOGNARIA PUBBLICA

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI NELLA RETE FOGNARIA PUBBLICA 1 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI ARCOLA UFFICIO AMBIENTE 1 sito internet: www.comune.arcola.sp.it e.mail: sportelloscarichi@comune.arcola.sp.it GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO

Dettagli

Richiesta di preventivo per allaccio (codice univoco prestazione:pn1)

Richiesta di preventivo per allaccio (codice univoco prestazione:pn1) Richiesta di preventivo per allaccio (codice univoco prestazione:pn1) UTENZA PRIVATA Il sottoscritto C.F. nato a il residente nel comune di CAP Prov via n recapito telefonico / in qualità di: Proprietario

Dettagli

Tariffe per il servizio di trasporto dell energia elettrica Anno 2014

Tariffe per il servizio di trasporto dell energia elettrica Anno 2014 Tariffe per il servizio di trasporto dell energia elettrica Anno 2014 Ai sensi dell art. 4.3 dell Allegato A alla delibera n. 199/11 dell Autorità per l energia elettrica e il gas (AEEG), Acea Distribuzione

Dettagli

Codice di condotta commerciale di AEM Torino S.p.A. relativo alla fornitura di energia elettrica ai Clienti del mercato vincolato.

Codice di condotta commerciale di AEM Torino S.p.A. relativo alla fornitura di energia elettrica ai Clienti del mercato vincolato. Codice di condotta commerciale di AEM Torino S.p.A. relativo alla fornitura di energia elettrica ai Clienti del mercato vincolato. PREMESSA Con riferimento all art.4, contenuto nella Deliberazione n.204/99

Dettagli

ed i corrispettivi tariffari Tariffa di distribuzione anno 2015 Energia reattiva anno 2015 Tariffa di trasmissione anno 2015

ed i corrispettivi tariffari Tariffa di distribuzione anno 2015 Energia reattiva anno 2015 Tariffa di trasmissione anno 2015 A tutti i valori riportati nelle successive tabelle occorre aggiungere le componenti A, UC e MCT per prelievi di energia reattiva, nonché IVA ed imposte. ed i corrispettivi tariffari Tariffa di distribuzione

Dettagli

Listino prezzi per attività al Punto di Riconsegna non comprese nella tariffa di distribuzione

Listino prezzi per attività al Punto di Riconsegna non comprese nella tariffa di distribuzione Gritti Gas Rete S.r.l. Via Carducci, 2 26900 Lodi (LO) Condizioni Economiche Attività Presso il Punto di Riconsegna (PDR) Listino prezzi per attività al Punto di Riconsegna non comprese nella tariffa di

Dettagli

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale IL Glossario della bolletta L Autorità per l energia ha reso disponibile per tutti i clienti finali di energia elettrica, alimentati in bassa tensione, e di gas, con consumi fino a 200.000 standard metro

Dettagli

Comune di Castelfidardo

Comune di Castelfidardo Comune di Castelfidardo REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO DEL COMUNE DI CASTELFIDARDO - Delibera Consiglio Comunale n 22 del 23/03/2004 - Indice:

Dettagli

Disposizioni Tecniche

Disposizioni Tecniche Disposizioni Tecniche Revisione n.05 del 30/12/2011 Approvate dall A.A.T.O. n.1 Toscana Nord con deliberazione n.20 del 06/12/2011 In vigore dal 1 gennaio 2012 Pagina 1 di 24 INDICE SCHEMI DI INDIVIDUAZIONE

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso R E G O L A M E N T O PER LA SOMMINISTRAZIONE DEL GAS (Approvato con deliberazione di C.C. n. 69/1986) 1 ART. 1) ENTE GESTORE - NORME PER LA FORNITURA - SISTEMA

Dettagli

Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura

Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Spett.le A.M.A.G. Via Damiano Chiesa n.18 15100 Alessandria Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Il/la sottoscritto/a C.F. nato/a il residente in Via N Tel: nella

Dettagli

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

Schema di CONVENZIONE

Schema di CONVENZIONE Schema di CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI NEMBRO E LA SOCIETA SERIO SERVIZI AMBIENTALI S.R.L. PER LA REALIZZAZIONE DEI SEGUENTI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: - IMPIANTO FOTOVOLTAICO SULLA SCUOLA DELL INFANZIA; L

Dettagli

PREMESSA. descrizione

PREMESSA. descrizione ELENCO PREZZI DEI SERVIZI AL PUNTO DI RICONSEGNA Acos S.p.A. S.p.A. C.so Italia, 49 15067 Novi Ligure Capitale Sociale Euro 17.075.864,00 Partita IVA 01681950067 REA n. 177353 Registro delle Imprese 15907

Dettagli

Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura

Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA INDICE Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE ---- -- - - REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE (Appro~l(I con la dcllberft,10:1 COI1IIIi110 Comw1IIIe 1001J) 123 d~1 30 PUf\II'\ Slodaeo On.le AdrilU1a Poli-Bortone A.'~ét'I!iQre rag Ange\o Tondo J)lretto~

Dettagli

Allegato A. Ambito Territoriale Ottimale Provincia di Bergamo 21/05/2010. Approvato dal CDA di Uniacque nella seduta del 21.05.

Allegato A. Ambito Territoriale Ottimale Provincia di Bergamo 21/05/2010. Approvato dal CDA di Uniacque nella seduta del 21.05. 2010 Rev. 01 21/05/2010 Approvato dal CDA di Uniacque nella seduta del 21.05.2010 Approvato dall Assemblea del Consorzio dell Autorità d Ambito Ottimale della Provincia di Bergamo il 30.06.2010 Ambito

Dettagli

Autorlta Portuale Livorno

Autorlta Portuale Livorno ORDINANZA N. 4 IL PRESIDENTE DELL'AUTORITA' PORTUALE Autorlta Portuale VISTO l'art. 1, lett. c) del Decreto 14/11/94 del Ministero Trasporti e Navigazione, che identifica il servizio idrico tra i servizi

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE IN VIGORE DAL 01 GENNAIO 2014

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE IN VIGORE DAL 01 GENNAIO 2014 SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE IN VIGORE DAL 01 GENNAIO 2014 In riferimento al paragrafo 3.2 del Codice di Rete per la Distribuzione del Gas Naturale, redatto dall

Dettagli

www.gala.it/bollettatrasparente

www.gala.it/bollettatrasparente GLOSSARIO BOLLETTA ENERGIA ELETTRICA QUADRO SINTETICO: INFORMAZIONI RELATIVE AL CLIENTE FINALE, AL PUNTO DI PRELIEVO E ALLA TIPOLOGIA CONTRATTUALE Mercato Libero. Dal 1 luglio 2007 il mercato dell'energia

Dettagli

Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta già Provincia Regionale di Caltanissetta (l.r. 15/2015)

Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta già Provincia Regionale di Caltanissetta (l.r. 15/2015) Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta già Provincia Regionale di Caltanissetta (l.r. 15/2015) DELIBERAZIONE COMMISSARIALE ORIGINALE Seduta del 18/12/2015 n. 15 del Registro deliberazioni OGGETTO:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI FORNITURA DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI FORNITURA DELL ACQUA POTABILE PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI FORNITURA DELL ACQUA POTABILE TESTO APPROVATO CON DELIBERA DEL C.C. N. 95 DEL 29/10/1984 TESTO MODIFICATO CON DELIBERA DEL C.C. N. 67 DEL 02/06/1989 TESTO

Dettagli

La nuova bolletta Due Energie. Chiara, semplice e facile da consultare.

La nuova bolletta Due Energie. Chiara, semplice e facile da consultare. La nuova bolletta Due Energie. Chiara, semplice e facile da consultare. Nuova linea grafica, chiarezza nei contenuti e facilità di consultazione sono le caratteristiche principali della nuova bolletta

Dettagli

CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO. Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione

CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO. Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione Allacciamento alla rete elettrica L allacciamento è la connessione

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2015 INDICE INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO PREZZI... 5 2.1 ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA (A01-A40)... 5 2.2 DISATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli