CONOSCERE I MODELLI E I BISOGNI DI FORMAZIONE IN AZIENDA I risultati di una ricerca empirica sulle imprese artigiane del Piemonte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONOSCERE I MODELLI E I BISOGNI DI FORMAZIONE IN AZIENDA I risultati di una ricerca empirica sulle imprese artigiane del Piemonte"

Transcript

1 35 CONOSCERE I MODELLI E I BISOGNI DI FORMAZIONE IN AZIENDA I risultati di una ricerca empirica sulle imprese artigiane del Piemonte Renato Lanzetti, Davide Roccati, Giovanna Spolti, Emiliana Armano L artigiano è la figura rappresentativa di una specifica condizione umana: quella del mettere un impegno personale nelle cose che si fanno. Richard Sennett, L uomo artigiano Introduzione Le piccole imprese costituiscono da sempre una ricchezza imprescindibile, sia numericamente che qualitativamente, per l economia italiana, e non solo. Eppure sia tutto il sapere manageriale che la teoria della formazione si sono sviluppate e declinate più che altro a partire dalle grandi organizzazioni. Poco o nulla è stato scritto sulle specifi cità della formazione imprenditoriale rivolta alle piccole imprese. Lo stesso prestigio dei formatori molto spesso riposa sulla frequentazione di top manager e grandi gruppi industriali, ma non certo di quella miriade di imprenditori protagonisti nella gestione di sfi de che vanno ben oltre quelle formali della propria impresa. E che raccolgono innumerevoli successi. Il presente articolo richiama e sintetizza i risultati della ricerca empirica realizzata su questo tema dal Sistema Informativo delle Attività produttive della Regione Piemonte e realizzata dalla collaborazione

2 36 Quaderni di ricerca sull artigianato tra i ricercatori della società Seldon Ricerche Torino, il Sistema Informativo delle Attività Produttive e L IRES Piemonte. Lo studio, recentemente pubblicato e interamente accessibile alla pagina web: ha rappresentato l ideale continuazione di precedenti ricerche già realizzate nel periodo e promosse dal Sistema Informativo Attività Produttive (già Osservatorio dell Artigianato), sull analisi dei fabbisogni delle imprese, nonché la prosecuzione delle ricerche sul capitale sociale e formativo nelle imprese artigiane piemontesi. Negli ultimi decenni l economia ha conosciuto un mutamento radicale che ha portato al centro della scena la conoscenza, divenuta fonte primaria nei processi lavorativi, nonché settore trainante della produzione e delle ricchezza. Parlare di formazione in azienda, ed in modo specifi co nelle imprese artigiane piemontesi, non signifi ca assolutamente limitare l analisi al tema, seppur importante, della formazione professionale. Nelle imprese artigiane, infatti, la formazione fruita dal titolare o dai soci ha un effetto determinante ed immediato sull azienda, sulla sua organizzazione, sui contenuti tecnici e sull organizzazione del lavoro. Numerosi lavori hanno evidenziato come l atteggiamento dell artigiano verso la formazione professionale sia diverso a seconda che si tratti di learning by doing o di formal learning: nel primo caso l approccio è quello dell apprendimento on the job, basato sull esperienza acquisita direttamente in situazione di lavoro, approccio a cui gli artigiani si rifanno più frequentemente con dinamiche e

3 37 modalità che vedremo essere molto interessanti. Il secondo è l apprendimento più formale, a cui si accede partecipando ad attività formative di aula quali corsi, convegni, o e-learning; in questo caso la pratica formativa dell artigiano risulta spesso essere vincolata a qualche disposizione normativa che ne sancisce l obbligatorietà. All interno di questa dualità di approccio le vie percorse dai diversi attori sono molteplici e le declinazioni che ne derivano disegnano uno spaccato imprenditoriale variegato e dinamico. Possiamo comunque affermare senza tema di smentite che la formazione, sia essa formale o informale, interna o esterna all azienda, è un importante strumento di costruzione della strategia aziendale, e per questo va compresa a fondo. A partire da questa esigenza, forte sia dal punto di vista conoscitivo che da quello della defi nizione di politiche attive per lo sviluppo, la ricerca ha indagato l atteggiamento e il rapporto che gli artigiani hanno con questo importante strumento, e quali sono le modalità che utilizzano per rapportarsi con esso. Domande e obiettivi di ricerca Alcune domande costituiscono le linee guida dell indagine: chi fa formazione, su cosa si fa, dove la si effettua, quanta se ne fa, in che modo e per quali motivi, quali sono gli atteggiamenti culturali verso la formazione, che signifi cato e che valore ad essa viene assegnato. Dare risposta a queste domande, riuscendo ad analizzare il tema in maniera approfondita, signifi ca far emergere alcune tipologie di imprenditori e di stili interpretativi della formazione, evidenziando le relazioni tra i fenomeni che passano per aspetti

4 38 Quaderni di ricerca sull artigianato quali il settore di appartenenza, le caratteristiche sociodemografi che dell imprenditore, la dimensione d azienda, la localizzazione geografi ca. Un ulteriore valore aggiunto della ricerca è il tentativo di arrivare a costruire un dizionario comune, o almeno condiviso delle diverse accezioni e sfumature dei termini, grazie al quale sarà possibile capire come gli artigiani interpretano espressioni molto utilizzate quali, ad esempio, affi ancamento, formazione on the job formazione tecnica e formazione teorica. In questo modo sarà possibile leggere ed interpretare come la formazione si relazioni con gli aspetti esterni all azienda (legislazione vigente, obblighi di legge, disponibilità di incentivi) e con quelli interni (legame tra livello di formazione pregressa, fabbisogni formativi e strategie di assunzione). Nel corso dell indagine un approfondimento specifi co è stato dedicato alla formazione effettuata, o che occorrerebbe effettuare, nelle imprese artigiane che operano nel campo del cinema e della televisione: infatti, Torino ed il Piemonte stanno proponendo sempre più positivamente al mondo dello spettacolo numerose location per riprese cinematografi che e televisive, e questo sta diventando un mercato nel quale le imprese artigiane piemontesi possono inserirsi positivamente. Metodologia. Lo studio si è sviluppato in due parti; una prima ricerca quantitativa di ampio respiro su tutto il mondo dell artigianato e un affondo esplorativo di tipo qualitativo sui bisogni formativi dell artigianato piemontese inserito nella fi liera del cinema. La scelta quindi è stata quella di produrre una mappa

5 39 d insieme sulla formazione nel suo complesso, alla quale si è affi ancata un esplorazione qualifi cata su un promettente ambito d attività per le imprese artigiane. Per lo svolgimento della ricerca empirica quantitativa originale si intervistato telefonicamente un campione di titolari e soci di imprese artigiane del Piemonte, stratifi cato per settore di attività e territorio. Sono stati scelti quattro settori (riparazioni, metalmeccanica, costruzioni e servizi alle imprese) rappresentativi della realtà artigiana piemontese e nei quali ricerche precedenti hanno evidenziato un buon livello di ricorso allo strumento formativo. Rispetto agli addetti, è stato deciso dal gruppo di lavoro di escludere le aziende monocellulari. Una volta individuato l universo di riferimento lo step successivo è stata la defi nizione della stratifi cazione del campione sulla base della classe dimensionale. La dimensione territoriale è stata trattata assumendo la necessità di avere, per ciascun dei quattro settori, 50 interviste sulla Provincia di Torino e 50 interviste sul resto del Piemonte. La rilevazione, condotta su imprese allocate sul territorio regionale estratte da elenchi ed indirizzari forniti dalla Banca dati dello stesso Sistema Informativo dell Artigianato, è stata effettuata tra marzo e maggio 2009 attraverso la somministrazione di un questionario strutturato a 400 imprese artigiane. L obiettivo della rilevazione è stato raggiunto, con l effettuazione di 385 interviste complete. I dati raccolti sono stati quindi elaborati con tecniche di analisi di primo e di secondo livello attraverso software specifi ci dedicati all analisi statistica dei dati. La seconda parte della ricerca, volta all approfondimento qualitativo sulla formazione

6 40 Quaderni di ricerca sull artigianato degli artigiani impegnati nella fi liera del cinema, è stata realizzata con interviste agli esperti locali che maggiormente si occupano dello sviluppo di questo settore e con uno specifi co focus group che ha coinvolto gli artigiani. Risultati di ricerca Dall analisi dei dati raccolti sono emerse alcune particolari e ben defi nite tipologie di imprenditori e di stili di interpretazione della formazione. In generale, si riscontra un atteggiamento positivo verso il tema: quasi il 60% degli intervistati considera la formazione un importante fattore di sviluppo. Se ad essi si sommano coloro che pensano che la formazione sia importante ma costosa, si ottiene che il 66% degli imprenditori artigiani intervistati considera la formazione una leva importante per la propria attività. Tra le aziende che individuano nella formazione un elemento strategico e di sviluppo si trovano soprattutto quelle di riparazione (32%) e di servizi alle imprese (25%), mentre tra gli artigiani che pensano che la formazione non sia un aspetto rilevante si riscontrano soprattutto i metalmeccanici (24%); non esistono differenze signifi cative per le aziende di costruzioni. L importanza della formazione cresce con il crescere delle dimensione: infatti, sono il 76% delle aziende più grandi a sostenere che la formazione è un elemento importante, contro il 52% di quelle più piccole. La citazione di Sennett riportata in capo all articolo, e che richiama anche alla radice etimologica della parola artigiano, trova riscontro nelle risposte che vengono fornite dagli intervistati

7 41 rispetto all apparato produttivo esistente e al grado di specializzazione degli addetti. I dati evidenziano come le imprese artigiane tendano a leggersi come soggetti con un patrimonio elevato in termini di risorse umane: gli addetti sono specializzati (76%) e si aggiornano continuamente sulle ultime novità tecnologiche (67%); inoltre, gli impianti sono adattati dal personale interno (67%), il tutto a fronte di un basso turnover (7%) e di una scarsa presenza di processi produttivi automatizzati (19%). Come si osserva nella fi gura successiva, incrociando la dimensione della specializzazione degli addetti con quella relativa all esistenza di processi produttivi automatizzati otteniamo quattro profi li di aziende che si collocano ad altrettanti livelli di specializzazione del processo produttivo. Emerge che, rispetto al grado di specializzazione, la maggioranza delle imprese (60%) si confi gura come il classico artigianato avanzato, o di mestiere, che lavora con addetti altamente specializzati ma con processi produttivi a bassa automatizzazione.

8 42 Quaderni di ricerca sull artigianato Modelli delle imprese secondo il livello di specializzazione Rispetto ai settori di appartenenza si osserva che tra gli artigiani con alto livello di automazione del processo produttivo si collocano soprattutto le imprese metalmeccaniche (50% dell artigianato avanzato e 63% di quello fordista), mentre tra gli artigiani di mestiere ritroviamo soprattutto le imprese dei settori delle riparazioni (33%) e dei servizi (28%). Per contro, più di un artigiano su cinque (21,6%) dichiara di non avere addetti particolarmente specializzati e nemmeno processi produttivi automatizzati; sono gli artigiani defi niti low-profile, con un livello di specializzazione molto basso. Presenti in tutti i settori, con leggera prevalenza nel settore metalmeccanico (31,3%) e delle riparazioni (30,1%),

9 43 per il 69% sono imprese di piccole dimensioni, fi no a cinque addetti. Signifi cativa ma non elevata risulta essere la presenza di artigiani che impiegano addetti altamente specializzati in processi produttivi ad automazione elevata. E l artigiano che defi niamo avanzato (15,8%). Infi ne si riscontra una quota molto bassa di artigiani che, pur operando in processi produttivi ad elevata automazione, non richiedono un alto grado di specializzazione degli addetti. Si tratta di un profi lo di artigiano che defi niamo di tipo fordista, presente solo nel 2,9% dei casi. Per gli artigiani in genere, ma soprattutto per l artigianato avanzato e quello di mestiere, l importanza del capitale umano presente in azienda è strategica per il benessere dell impresa. Dal saper fare degli addetti dipende largamente l andamento e la buona riuscita dell impresa; per questo le caratteristiche richieste agli operai diventano fondamentali. Come evidenziato dai dati che emergono dall indagine, gli artigiani selezionano i collaboratori sulla base di più fattori: oltre al curriculum formativo, che non risulta essere la discriminante principale, la selezione tiene conto soprattutto delle attitudini, del carattere, delle capacità e della disponibilità del candidato ad assumere ruoli e carichi di lavoro previsti dalla mansione che esso dovrà ricoprire. Alla luce di questo atteggiamento, spesso latente ma largamente diffuso non solo nell artigianato ma anche in altre realtà produttive, in sede di selezione il collaboratore ideale prediletto dall artigiano dovrebbe essere portatore di un mix di caratteristiche che viene defi nito tecnico-caratteriale, dove le competenze tecniche e la specializzazione coesistono con elementi

10 44 Quaderni di ricerca sull artigianato di atteggiamento verso il lavoro e con le capacità di affrontare situazioni lavorative eterogenee. Abbiamo poi domandato agli artigiani in quali aree di competenze si rilevino dei fabbisogni di formazione, sia per se stessi che per i propri soci di impresa, nonché per gli addetti subordinati. I risultati fanno emergere due profi li di richieste formative un po differenziati. Nel primo caso, relativo ai titolari e soci, oltre alla necessità di competenze tecnico-produttive spiccano le necessità di competenze trasversali (informatiche, linguistiche ecc ) che, insieme alle competenze commerciali e amministrative, fanno di un artigiano che produce un imprenditore che sa gestire le complessità di un impresa. Infatti, la crescente complessità gestionale imposta dal mercato richiede all imprenditore di oggi compiti e competenze sempre più trasversali. L imprenditore, anche quello artigiano, oltre che continuare a lavorare e produrre, deve affrontare incombenze gestionali e amministrative sempre più complesse, e non tutti gli artigiani sono in grado di farlo. Ecco quindi che la richiesta di formazione trasversale, gestionale, commerciale e amministrativa, fatta registrare degli imprenditori artigiani segnala l esistenza di un forte fabbisogno formativo di competenze utili all ampliamento progettuale e strategico dell impresa. D altra parte, le richieste formative per gli addetti subordinati sono soprattutto di tipo tecnico e meno di tipo gestionale amministrativo. I dati evidenziano due modi differenti di interpretare la formazione e quindi due importanti visioni ascrivibili ad altrettante tipologie di cultura

11 45 aziendale diverse e ben defi nite, guidate da fattori differenti e in qualche misura speculari: 1. Le aziende che vedono la formazione come strumento per migliorare l adattabilità dell impresa alle richieste del mercato e del settore; la formazione, secondo questa visione, serve per aggiornare e consolidare competenze già presenti al fi ne di migliorare la qualità del prodotto e le performances aziendali. La formazione, quindi, è assunta come strumento fi nalizzato a migliorare le potenzialità già in essere nell azienda. Afferisce a questa visione il 49% delle imprese intervistate. 2. Le aziende che vedono la formazione come strumento di cambiamento organizzativo e strategico, un cambiamento legato sia all organizzazione del lavoro sia alle risorse umane, agli addetti. La formazione è qui intesa come leva per una riorganizzazione aziendale che rompe con gli schemi e le fi gure del passato. A questa visone afferisce il 51% delle imprese intervistate. I due tipi di approccio verso la formazione sono portatori di due differenti concetti di trasformazione, se così possiamo dire. Il primo tipo di tras-formazione è debole e implica l acquisizione di caratteristiche professionali intrinsecamente connesse al contesto tecnico, produttivo, organizzativo e culturale del luogo in cui opera. Il secondo tipo di trasformazione è forte e si caratterizza per l acquisizione di caratteristiche professionali che mantengono il proprio valore in differenti contesti organizzativi. E chiaro che le due tipologie di imprese che emergono dall analisi sono spinte da moventi (fattori latenti) ben diversifi cati, dettati da diverse caratteristiche intrinseche aziendali.

12 46 Quaderni di ricerca sull artigianato Vediamo quali sono queste caratteristiche: La formazione come strumento per una migliore adattabilità dell impresa alle richieste del mercato e del settore: Quali sono le aziende che si rifanno in prevalenza a questa visione: Il 70% degli artigiani low-profi le e il 64% degli artigiani fordisti Le imprese di riparazione (54%) Nate in negli anni 80 (57%) Con meno di 5 addetti (52%) Con un prodotto rivolto al consumatore fi nale (57%) Imprese che ritengono la formazione importante ma costoso (70%) Imprese che ritengono la formazione un obbligo formativo (67%) Con classe di fatturato medio basso: meno di (57%) da a (71%) Andamento del fatturato in diminuzione (65%) Redditività di diminuzione (60%) Raggio di mercato in diminuzione (67%) Andamento della produzione in diminuzione (57%) Le imprese che si rifanno a questa visione sono soprattutto quelle di minore dimensione, a bassa specializzazione (artigiano low-profi le e fordista) con un fatturato medio basso ed un andamento negli ultimi tre anni che complessivamente è peggiorato. Aziende, quindi, che per caratteristiche fi siologiche possiamo defi nire vulnerabili, con diffi coltà a rimanere nel mercato, che vedono, quindi, l importanza della formazione soprattutto in termini strumentali, come occasione di miglioramento delle proprie performances e di risposta alle richieste del mercato.

13 47 La formazione come strumento di cambiamento organizzativo e strategico: Quali sono le aziende che si rifanno in prevalenza a questa visione: Il 61% degli artigiani di mestiere e il 52% dell artigianato avanzato Le imprese di costruzione (58%) e metalmeccaniche (54%) Le imprese più vecchie nate prima degli anni 80 (56%) Con più di 5 addetti (%) Le imprese che considerano la formazione un elemento importante di sviluppo (57%) e un obbligo normativo e contrattuale (59%) Con fatturato alto: sopra il (60%) Con benessere aziendale in aumento (54%) o stabile (57%) Numero di addetti in aumento (58%) Con redditività in aumento (74%) Tra le aziende afferenti a questa seconda visione si ritrovano quelle potenzialmente più forti, con una migliore collocazione di mercato, in crescita e più specializzate. Per loro la formazione è, o è stata, un fattore su cui puntare per un migliore sviluppo aziendale, una strategia per innovare (è notevole tra queste aziende la quota di quelle più vecchie). Il learning by doing : un modello formativo che persiste Il modello formativo a cui le imprese artigiane tendono, sia idealmente sia in modo pratico, si basa sul learning by doing, imparare lavorando; la prima fonte di conoscenza per gli addetti è l artigiano stesso, e la prima modalità di trasferimento della conoscenza avviene attraverso l affi ancamento e lo scambio interpersonale tra gli addetti con più esperienza e quelli da formare. Nel 80% delle imprese intervistate i

14 48 Quaderni di ricerca sull artigianato formatori sono il titolare o i soci e solo nel 9% dei casi si rileva la presenza di formatori esterni all azienda. In questo contesto va da sé che la tipologia di formazione più idonea e richiesta dalle imprese sia quella svolta all interno del contesto lavorativo, sia per gli addetti (84%) che per i titolari e soci (68%). Tuttavia, per questi ultimi si rileva una richiesta di formazione, debole ma degna di nota, inerente i temi più legati ad aspetti gestionali manageriali. Facendo riferimento ai due modi di concepire lo strumento della formazione che sono stati descritti precedentemente, si osserva una differenza importante: gli artigiani che vedono la formazione quale strumento per adattare meglio l impresa alle richieste del mercato e del settore prediligono una formazione pratica dettata dall esperienza sui luoghi di lavoro più di coloro che si rifanno alle seconda visione, quella della formazione quale strumento di cambiamento e innovazione (90% vs 79% nel caso della formazione verso gli addetti subordinati e 82% vs 55% nel caso della formazione per titolari e soci). Per contro, gli artigiani che vedono la formazione come strumento di cambiamento sono maggiormente propensi verso un tipo di formazione esterna all azienda che preveda la partecipazione a corsi svolti all esterno oppure a convegni e/o seminari. In particolare, se si tratta di formazione per titolari e soci il 42% di coloro che si rifanno a questo tipo di visione sceglie la formazione erogata con partecipazione a corsi svolti fuori dall azienda e il 13% con partecipazione a convegni o seminari, tipologia di formazione richiesta rispettivamente solo dal 17% e 2% degli artigiani che invece si rifanno alla visone della formazione come strumento di migliore adattabilità dell azienda.

15 49 La formazione è comunque una strada intrapresa da molte realtà produttive: infatti, le imprese artigiane che nel triennio hanno partecipato ad attività formative di vario tipo sono il 53%. La propensione alla partecipazione ad attività formative è più elevata (58%) nelle imprese di dimensioni maggiori (con almeno 5 addetti), che riescono a conciliare meglio la programmazione dell attività formativa con la necessità della continuità produttiva. Le imprese che hanno investito in attività formative nel periodo hanno un fatturato medio-alto (il 70% si colloca al di sopra dei ) e si trovavano in una posizione di performances generali più positive (con andamento stabile o in crescita) rispetto a quelle che non lo hanno fatto. Tra gli artigiani in Piemonte esiste una grande consapevolezza del valore che ha la specializzazione del capitale umano, specializzazione che si ritiene di dover trasmettere, aggiornare e approfondire attraverso strumenti formativi nei quali investire. Tra le imprese che investono maggiormente in formazione ci sono proprio quelle che hanno addetti altamente specializzati.

16 50 Quaderni di ricerca sull artigianato Tra il 2006 ed il 2008 la Sua azienda ha investito in attività formative, sia interne che attraverso corsi realizzati all esterno? No Sì Sì, ma solo per gli apprendisti Provincia Provincia di Torino 42,0% 52,9% 5,2% Altre Province 38,9% 53,6% 7,6% Settore Costruzioni 30,0% 62,9% 7,1% Metalmeccanica 48,6% 40,4% 11,0% Riparazioni 34,5% 61,2% 4,3% Servizi 45,6% 51,1% 3,3% Classe di fatturato a due classi meno di ,0% 39,6% 5,4% più di ,0% 60,4% 7,2% non risponde 46,2% 48,7% 5,1% Numero complessivo di addetti ,8% 45,7% 6,5% ,0% 45,1% 5,9% ,6% 62,1% 6,3% più di 10 32,3% 60,4% 7,3% In sintesi, si può affermare che nelle imprese artigiane piemontesi la cultura tradizionale tipica del settore, dove l artigiano e il suo sapere tecnico e produttivo primeggiano su qualsiasi altra forma di conoscenza trasferita dall esterno, persiste e continua a tramandarsi in modo trasversale alle tipologia di impresa. Accanto a questo atteggiamento valoriale si rileva però la presenza di importanti segnali che le imprese più giovani e avanzate rimandano al mondo della formazione, inserendosi in questo processo e manifestando interessi nuovi su temi e su meccanismi più variegati di trasmissione della conoscenza. La pratica della formazione L analisi del rapporto tra partecipazione ad attività formative e benessere aziendale segnala che

17 51 tra le imprese che hanno fatto formazione il 24% è in crescita, una percentuale decisamente maggiore di quella registrata tra quelle che non hanno fatto alcuna formazione (14%). La grande maggioranza delle imprese afferma che la formazione è servita ad accrescere la qualità del prodotto: l 89% tra quelle in una situazione di andamento complessivo defi nibile in diminuzione ed il 79% tra quelle in crescita. Le imprese che nel triennio non hanno partecipato ad alcuna attività formativa sono il 40%: quali sono i motivi per i quali le imprese non hanno investito in attività formative? Le risposte indicano come la mancanza di esigenza percepita sia la causa principale (75%), seguita a grande distanza dai costi elevati attribuiti alla formazione (8%) e dalla mancanza di tempo disponibile da dedicare all attività formativa (5%). Rispetto alla conoscenza e all utilizzo di fondi pubblici a supporto della formazione, si segnala che solamente il 7% delle aziende intervistate conosce ed ha utilizzato almeno una linea di fi nanziamento, ed il 3% conosce e vorrebbe utilizzarne almeno una. La risposta più frequente è l assoluta non conoscenza (riscontrata nel 74% delle risposte) delle suddette linee di fi nanziamento. Le previsioni per il 2009 non sono state totalmente positive: infatti, il numero di imprese che pensavano di investire in attività di formazione è risultata in calo rispetto a ciò che è avvenuto per il triennio Le imprese che affermavano di avere intenzione di investire in attività di formazione sono risultate il 55% contro il 60% rilevato nello triennio precedente.

18 52 Quaderni di ricerca sull artigianato Interessante notare come emerga un meccanismo di alternanza: da una parte, chi ha investito in formazione nel triennio scorso e che dichiara che non l avrebbe fatto nel corso del 2009 (57%), e dall altra, chi invece non ha investito nei tre anni precedenti e affermava di aver intenzione di farlo nel 2009 (72%). Le dichiarazioni rispetto al fabbisogno formativo delle imprese artigiane per il 2009 hanno continuato ad essere relative all attività propria del core business d impresa, per tutte le fi gure e in particolare per i titolari o loro soci. La sfera delle esigenze di formazione degli artigiani locali continua quindi a ruotare intorno ad una formazione professionale di tipo tecnico e molto specializzata e alla formazione obbligatoria inerente la normativa in tema di ambiente e sicurezza. Tuttavia, anche se in misura contenuta, i titolari rimangono interessati ad una formazione di tipo più gestionale. Conclusioni Contrariamente a quanto si ritrova spesso nella vulgata comune sul mondo dell artigianato, la ricerca ha evidenziato una buona sensibilità del sistema imprenditoriale artigiano piemontese rispetto al tema della formazione. Si tratta di una sensibilità trasversale, presente in settori e territori differenti e in imprese con caratteristiche anche notevolmente diverse. Un alto grado di specializzazione degli addetti caratterizza ancora tre imprese artigianali su quattro ed è forte e viva la consapevolezza che la propria forza passi necessariamente da un rafforzamento continuo di tale peculiarità. E quindi chiaro che esiste un attenzione dell artigianato verso la formazione, attenzione

19 53 dettata soprattutto da un atteggiamento di valutazione strategica. Tutto questo non si traduce sempre ed immediatamente in una richiesta spinta di formazione di alto livello: tra la necessità e la pratica si interpongono aspetti quali la gestione dell attività quotidiana, la fragilità legata alle piccole dimensioni aziendali, il costo in termini di tempo e di economie, la diffi coltà che si incontra a matchare le esigenze aziendali con le disponibilità di corsi. Questo dato porta a rifl ettere su quale tipo di formazione vada rivolta al mondo dell impresa artigiana, sia in termini di contenuti sia in termini di impegno richiesto. Infatti, se sappiamo che percentualmente la tendenza ad investire in formazione è superiore tra le aziende di maggiore dimensione, in termini assoluti le attività formative coinvolgono soprattutto aziende di piccole dimensioni che operano in un quadro organizzativo e produttivo poco strutturato, con dinamiche che, soprattutto se si tratta di formazione rivolta agli addetti subordinati, si rifanno alla polivalenza delle mansione e all intercambiabilità dei ruoli e delle funzioni, e che quando si tratta di investire in attività formative spesso decidono di farlo sottraendo risorse essenziali all attività di produzione. E poi vero che la formazione richiesta dalle imprese artigiane si rivolge ancora, almeno in gran parte, alla crescita di competenze tradizionali, anche se stanno emergendo interessi nuovi, soprattutto di tipo trasversale, legate quindi alla gestione informatizzata delle attività e dell azienda stessa o a temi sempre più attuali quali l ambiente. A questa cultura della formazione, che rappresenta un interessante substrato positivo dal quale partire (due terzi degli artigiani la considera un importante fattore di successo), fa da contraltare

20 54 Quaderni di ricerca sull artigianato una pratica reale che non corrisponde pienamente alle intenzioni degli imprenditori (poco più della metà ha fatto formazione) e coloro che hanno partecipato a qualche attività formativa lo ha fatto soprattutto secondo l approccio del formal learnig. Occorre poi leggere tra le righe le dichiarazioni degli imprenditori per comprendere cosa sia per loro la formazione: infatti, se nella pratica è ancora forte il formal learning, si evidenzia come si stia facendo strada anche un altro tipo di formazione, realizzato con strumenti più vicini al loro modo di lavorare e all approccio dell imparare sul campo. Si tratta sicuramente di strumenti più professionali e, alla lunga, anche più professionalizzanti. I percorsi formativi effettivamente utilizzati dai titolari e dagli addetti delle imprese artigiane dicono che le imprese più fl oride e con migliori prospettive per il futuro effettuano le proprie scelte secondo due criteri: - una generalizzata varietà di canali formativi; - l orientamento, soprattutto per gli apprendisti, ad una formazione attraverso corsi svolti fuori dall azienda. Tutto ciò avviene, comunque, in presenza di una ancora forte, e forse sempre necessaria, tendenza a sviluppare una parte di formazione on the job: la differenza tra gli approcci sta nella proporzione tra questo tipo di formazione, che troppo spesso si riduce ad un mero apprendimento per affi ancamento, ed una formazione più ampia, completa ed aperta alle novità presentate da agenzie formative specializzate. Ma il legame tra formazione e lavoro deve ancora integrarsi meglio, soprattutto nell universo dell artigianato: molti imprenditori non conoscono

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

LE IMPRESE ARTIGIANE ITALIANE NEL CORSO DELLA CRISI: UNA PRIMA ANALISI DELL EVOLUZIONE STRUTTURALE DAL PUNTO DI VISTA SETTORIALE E TERRITORIALE

LE IMPRESE ARTIGIANE ITALIANE NEL CORSO DELLA CRISI: UNA PRIMA ANALISI DELL EVOLUZIONE STRUTTURALE DAL PUNTO DI VISTA SETTORIALE E TERRITORIALE 64 Quaderni di ricerca sull artigianato 65 - Sennet R. (2008), L uomo artigiano, Feltrinelli, Milano. - Sennet R. (2012), Insieme. Rituali, piaceri, politiche della collaborazione, Feltrinelli, Milano.

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8 Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazionee e valutazione del superiore gerarchico g Sintesii dei risultati dell indagine 2013 svolta sul s personale ASI ai sensi

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

I servizi educativi per la prima infanzia in Emilia-Romagna

I servizi educativi per la prima infanzia in Emilia-Romagna Il sistema prima infanzia della Regione Emilia-Romagna Il servizi educativi Nidi d infanzia, micronidi, sezioni primavera Servizi domiciliari: piccoli gruppi educativi Servizi integrativi: spazi bambini,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli