Azione 2 Attività 2.1 Definizione del modello di supporto metodologico alle imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azione 2 Attività 2.1 Definizione del modello di supporto metodologico alle imprese"

Transcript

1 Azione 2 Attività 2.1 Definizione del modello di supporto metodologico alle imprese 1

2 INDICE 1- Premessa: 1.1. L esigenza di un modello: la parola agli apprendisti 1.2. Lo stato dell arte 1.3. Italia e Svizzera: punti di forza 2- Il Modello APRIS: 2.1. L azienda: un opportunità di apprendimento Gli strumenti: profili formativi, piano formativo individuale, scheda di monitoraggio degli apprendimenti, scheda di valutazione degli apprendimenti, scheda di registrazione della formazione La formazione del formatore/tutor 2.3. I corsi interaziendali 2.4. La piattaforma di formazione: supporto al modello, scenari futuri Per approfondire i. Un eccellenza Italiana: il modello di Bolzano ii. Intervista al vincitore del Campionato dei mestieri Theo Oberhofer iii. Intervista a Ester Brunini ALLEGATI All.1 Profili professionali All.2 Piano Formativo All.3 Monitoraggio degli apprendimenti All.4 Valutazione degli apprendimenti All.5 Registrazione della formazione 2

3 1 - PREMESSA 1.1 L esigenza di un modello: la parola agli apprendisti (cit. Il difficile momento economico che stiamo vivendo, con i pesanti risvolti sul fronte della disoccupazione crescente e della bassa produttività del nostro sistema economico, pone sfide essenziali per recuperare la strada dello sviluppo e della crescita. Tra i problemi da affrontare con il massimo sforzo e la massima priorità vi è senz altro quello della disoccupazione giovanile. Le soluzioni a questa criticità non si esauriscono, tuttavia, nel pur difficile compito di porre in atto tutte le misure possibili per creare nuovi posti di lavoro, ma anche nella creazione di contesti e opportunità entro i quali sia possibile sviluppare occupazione di qualità, generando effetti virtuosi sull occupabilità delle persone e sulla produttività delle aziende nel lungo periodo. L apprendistato occupa un posto centrale proprio come strumento per la promozione del lavoro dei giovani. Apprendistato deriva da apprendere, ossia acquisire modelli di ragionamento, tecniche produttive e nozioni a esse collegate. È un concetto che sottende una relazione, quella tra chi insegna e chi impara, tra docente e discente, tra adulti che trasmettono un sapere o un abilità e giovani che ne acquisiscono i tratti salienti, e potenzialmente ne migliorano non soltanto l ampiezza e la profondità, ma anche la capacità innovativa. La vera sfida per il futuro è dunque quella di individuare modelli da portare a regime in tutti i settori, al fine di garantire il diritto alla formazione degli apprendisti e l acquisizione di competenze distintive e certificate. Come viene percepito l apprendistato dai giovani in formazione? Leggiamo alcune testimonianze. L apprendistato può essere una cosa molto preziosa, ma può anche rappresentare un opportunità data alle aziende per pagare meno contributi e avere più vantaggi. E proprio 3

4 quest ultimo aspetto che bisognerebbe modificare cioè cercare di identificare in questa opportunità un qualcosa che possa permettere al giovane apprendista una crescita sia professionale che culturale. (IT) Fin dall'inizio mi sono sentito a mio agio. Ho sempre avuto un'ottima introduzione ai nuovi compiti che mi aspettavano. I formatori professionali e i responsabili pratici si prendono sempre del tempo per spiegarci in dettaglio i compiti. In questo modo è possibile rispondere direttamente alle questioni ancora in sospeso. (CH) In verità, credo che lo spirito con cui era nata la legge sull apprendistato fosse nobile, ma purtroppo non si è concretizzato in qualche cosa di utile. Si è travisato il significato come fosse una speculazione sul risparmio del costo di manodopera: l agevolazione contrattuale (contratto a tempo determinato, che permette una troppo facile rotazione di manodopera a minor costo) prevale sulla formazione dell individuo. (IT) Aggiungendo il completo disinteressamento dei datori di lavoro al progetto, i quali per primi (in maggior parte) pensano sia uno spreco di tempo, ma comunque sopportabile perché il vantaggio economico comunque c è. (IT) A farla breve, secondo me il progetto apprendistato è una mangeria di soldi come tutto in Italia. (IT) 4

5 1.2 Il punto di partenza. In ITALIA, l'applicazione del decreto legislativo n. 167 del 14 settembre 2011 ha cercato di rilanciare in modo flessibile e articolato l'apprendistato quale principale canale di inserimento lavorativo dei giovani under 29. Focalizzando i suoi obiettivi alla formazione e all'occupazione dei giovani, la disciplina dell'apprendistato attribuisce una valenza preminente al suo aspetto formativo, con la finalità importante del conseguimento di titoli di studio (quali ad esempio qualifica e diploma professionale, diploma di istruzione secondaria superiore, titoli universitari e di alta formazione). Altro elemento chiave del nuovo modello italiano è che il nuovo Testo Unico ha identificato il mondo datoriale quale protagonista e responsabile della formazione degli apprendisti. Il contratto di apprendistato pone l'accento su una forma di apprendimento in cui la formazione pratica on the job è preponderante su quella teorica. Si richiede al mondo delle imprese un profondo cambiamento culturale laddove questa tipologia contrattuale viene spesso interpretata come strumento utile per l abbattimento di retribuzione e contribuzione, e la formazione considerata una pesante sovrastruttura o mero adempimento burocratico. In Italia, quindi, è improrogabile un radicale cambiamento culturale nell approccio a questa tipologia contrattuale e una contestuale acquisizione di competenze di carattere formativo all interno del sistema delle imprese. Nasce l esigenza di sviluppare metodologie, strumenti e know how attraverso il confronto e lo scambio con modelli e sistemi in cui il mondo produttivo riveste un ruolo importante nella preparazione professionale e culturale dei giovani. In SVIZZERA l'apprendista segue la sua formazione in un'azienda di tirocinio e presso una scuola professionale attraverso il sistema educativo duale, adottato in Europa solo da Germania e Austria. Nel sistema duale è assolutamente centrale il ruolo formativo dell'azienda. Negli ultimi venti anni il Ticino ha registrato un progressiva ri-valutazione della formazione professionale, in precedenza considerata una scelta di ripiego rispetto a percorsi liceali e accademici. L'introduzione della maturità professionale e delle scuole universitarie professionali hanno consentito l'evolversi di percorsi formativi articolati e gratificanti dal punto di vista dei risultati e della valorizzazione del capitale umano. Tuttavia anche il sistema elvetico di formazione professionale duale necessita di adattamenti. In particolare ha bisogno di più flessibilità. Il raffronto internazionale dimostra che con questa forma di apprendimento, che mette in relazione la scuola e il mondo del lavoro, la qualità della formazione è buona e il tasso di 5

6 disoccupazione nella fascia d'età della formazione di base è decisamente più basso, ma la risposta per il futuro consiste soprattutto nella differenziazione. Vi sono molte settori professionali dove il sistema duale è assolutamente competitivo e dà risultati notevoli. Vi sono invece settori rispetto ai quali bisogna rispondere con una maggiore autonomia della formazione rispetto al mondo del lavoro. In Ticino in particolar modo si registra la necessità di un ampliamento della rete di aziende formatrici per garantire un offerta formativa estesa a tutti i settori professionali. 1.3 L apprendistato in Italia e in Svizzera: punti di forza. PUNTI DI FORZA DEL MODELLO ITALIANO: - L assenza di una definizione centralizzata dei profili professionali, che sicuramente è di ostacolo ad una pianificazione puntuale dei contenuti della formazione aziendale, permette, la valorizzazione delle peculiarità in termini di professionalità: nel momento in cui l azienda (e il formatore aziendale) divenga consapevole del proprio ruolo formativo e lo metta in atto secondo una metodologia ben definita, la ricchezza di contenuti e la varietà di know how presente nelle aziende italiane può divenire fonte di grande ricchezza sia per il mercato, sia per il giovane in formazione e il proprio futuro professionale. PUNTI DI FORZA DEL MODELLO SVIZZERO: - Una solida normativa di base e forte connubio tra mercato del lavoro formazione: è il mondo del lavoro che, sostenuto dalle istituzioni con leggi ad hoc, prende parte alle decisioni in merito al profilo e al contenuto della formazione degli apprendisti. - La formazione degli apprendisti come responsabilità sociale: lo stato e il mondo delle imprese si assumono la responsabilità economica e sociale e sono consapevoli della valenza e della ricaduata che la formazione dei giovani hanno sull economia del Paese. - I formatori aziendali hanno la consapevolezza del loro ruolo nella formazione e hanno a disposizione diverse tipologie di supporto nella propria attività quali ad esempio leggi federali, 6

7 ordinanze cantonali, piani formativi, materiale di supporto per la formazione-dap, corsi di formazione, personale a supporto (es. ispettori di tirocinio, docente mediatore, ). - Viene utilizzato un modello per la formazione pratica in azienda comune per tutti i settori e valido in tutta la confederazione: ciò consente una mobilità professionale dei giovani formati su tutto il territorio nazionale. Da questo panorama nasce l idea di realizzare un progetto che costruisca un sistema di trasferimento di know how per la gestione della formazione in impresa nell ambito dei percorsi di apprendistato. Infatti, sulla base delle indicazioni contenute nel Testo Unico, nonché delle esperienze realizzate in tal senso nelle aree coinvolte nel progetto, emerge in modo evidente l importanza di un percorso di formazione in impresa proficuo e strutturato per favorire la crescita professionale degli apprendisti giungendo all elaborazione di un modello unico e innovativo di supporto alla gestione della formazione in impresa. 7

8 2 - IL MODELLO APRIS: il punto di partenza Obiettivi: - Sostenere l azienda fin dal momento dell assunzione dell apprendista per la gestione degli aspetti burocratici e degli adempimenti previsti dal contratto; - Supportare azienda e tutor/formatore nelle fasi di progettazione della formazione tecnicoprofessionalizzante attraverso indicazioni e strumenti di tipo contenutistico e di pianificazione temporale; - Permettere ai tutor/formatori di sviluppare la consapevolezza dell importanza del proprio ruolo formativo e di sviluppare tecniche personalizzate, metodologie formative e strumenti per il trasferimento delle competenze tecnico-professionalizzanti ; - Supportare i tutor/formatori nell erogazione della formazione in azienda e nella valutazione delle competenze acquisite dall apprendista ai fini della qualificazione; - Proporre una formazione interaziendale sull esempio del modello svizzero; Fig.1 Il modello APRIS di formazione pratica in azienda 8

9 2.1 L azienda: un opportunità di apprendimento Qualificare l apprendistato significa in primo luogo valorizzare l esperienza in azienda come opportunità di apprendimento. Per realizzare questo obiettivo è indispensabile, da un lato, creare le condizioni per permettere all azienda di comprendere la valenza formativa del proprio ruolo, dall altro supportarla con strumenti e momenti di affiancamento e supporto che la agevolino in questa nuova e difficile prospettiva. I passaggi fondamentali che riguardano la formazione pratica in azienda sono i seguenti: - Conoscenza della normativa e delle disciplina contrattuale di riferimento - Definire con chiarezza le competenze che il giovane in formazione deve apprendere per lo specifico profilo professionale di riferimento. - Pianificare un percorso di inserimento dell apprendista in azienda e accompagnamento all acquisizione delle competenze attraverso la definizione di un piano formativo. - Identificare e preparare al ruolo, coerentemente con il profilo professionale, la persona responsabile della formazione dell apprendista. La declinazione di un profilo professionale in termini di area di attività e prestazioni attese da svolgere in impresa, e delle abilità e conoscenze connesse, opportunamente contestualizzate in riferimento ad ogni specifico contesto lavorativo concreto, aiuta l apprendista ed il tutor/formatore aziendale a capire meglio ed a condividere gli obiettivi di sviluppo professionale che sono alla base dell intero percorso di apprendistato. A partire delle attività che l apprendista dovrà progressivamente essere in grado di svolgere in impresa sarà possibile definire anche un piano formativo coerente e graduale percorso di inserimento e apprendimento sul lavoro: da una parte sarà possibile pianificare in modo più consapevole i compiti da attribuire all apprendista con il procedere del suo periodo di presenza in impresa e la conseguente progressiva capacità di presidiare attività via via più complesse, dall altra sarà più agevole mettere a fuoco le abilità e conoscenze necessarie in rapporto all esercizio delle specifiche attività e delle conseguenti prestazioni da assicurare, prevedendo eventuali momenti mirati di formazione (attivando di volta in volta le strategie didattiche 9

10 ritenute più opportune nello specifico contesto, sia off che on the job, sia individuali che di gruppo) a supporto della loro acquisizione e padronanza. A fronte di un percorso di questo tipo il tutor/formatore aziendale (che verrà supportato da un percorso formativo strutturato appositamente all interno del presente modello) sarà agevolato nel suo compito di formazione accompagnamento, monitoraggio e valutazione della crescita professionale dell apprendista. Con riferimento a ciascuna delle aree di attività assegnate all apprendista provvederà a creare le condizioni di supporto e supervisione (anche con il contributo di altri lavoratori esperti) affinché egli possa gradualmente affrontarle con un crescente livello di autonomia. Nello stesso tempo procederà a periodici e sistematici momenti di valutazione finalizzati a verificare l effettiva capacità di erogare le prestazioni attese attraverso un adeguata padronanza dell insieme aggregato di abilità e conoscenze che ad esse sono sottese. I riscontri di questi momenti di valutazione forniranno le indicazioni necessarie a definire di volta in volta i successivi sviluppi del percorso di formazione dell apprendista, attraverso la messa in atto di ulteriori strategie di supporto per colmare eventuali carenze che si fossero nel frattempo riscontrate o con l assegnazione di compiti nuovi e più complessi ai fini del progressivo completamento del suo processo di sviluppo delle competenze attese. Il modello APRIS ha intende sperimentare la formazione pratica in azienda su tre profili professionali (all.1): 1. Acconciatore Settore servizi alla persona; 2. Addetto all ufficio tecnico ( aziende artigiane) Settore Legno-arredo; 3. Operatore sistemi e servizi logistici (Operatore magazzino e logistica) Settore logistica 10

11 2.1.1 Gli strumenti: profili formativi, piano formativo individuale, scheda di monitoraggio degli apprendimenti, scheda di valutazione degli apprendimenti, scheda di registrazione della formazione, modello di valutazione delle competenze. Profili Professionali I profili (all.1)sono stati descritti partendo dal modello di riferimento Svizzero, che è connaturato e condiviso a livello Federale. Attraverso il sito svizzero della SEFRI (Segreteria di stato per la formazione, la ricerca e l innovazione) sono stati individuati i piani di formazione per l ordinanza sulla formazione professionale di base con attestato federale di capacità relativi ai profili professionali della sperimentazione. I piani di formazione hanno permesso di lavorare sulle aree di competenza operativa e sulle competenze operative ad esse associate, portando ad una prima descrizione dei profili professionali sperimentali declinati in aree di attività (le aree di competenza operativa del modello svizzero) e abilità e conoscenze ad esse correlate. I profili sono stati poi implementati e integrati da contenuti relativi a differenti modelli italiani: CCNL di riferimento, schede professionali disponibili sul sito ISFOL e profili professionali individuati da Regione Lombardia e Regione Piemonte. I profili professionali così realizzati sono stati presentati ad alcuni esperti del settore di riferimento e fatti validare. Piano Formativo Il Piano Formativo Individuale (all.2) è il documento che descrive in termini di obiettivi il percorso formativo del singolo apprendista coerentemente con il suo profilo professionale e le modalità di erogazione di tutta la formazione. Il modello APRIS ha elaborato un Piano formativo che, oltre a contenere tutte le indicazioni di tipo anagrafico e relative al percorso di apprendistato, consente all azienda di avere un diretto collegamento con il profilo formativo (all.1), permettendo di indicare in quale annualità l abilità verrà trasmessa all apprendista. L azienda può anche non avere le caratteristiche o i mezzi per trattare tutte le abilità previste dal profilo, in questo caso l abilità potrà essere trattata attraverso un corso interaziendale (sempre indicato nel piano formativo). L azienda ha inoltre la facoltà di inserire ed integrare il documento con ulteriori abilità specifiche (si pensi ad esempio all utilizzo di particolari software gestionali). 11

12 Monitoraggio degli apprendimenti La scheda di monitoraggio degli apprendimenti (all.3) è un crono programma suddiviso per annualità di formazione, che permette un rapido controllo sullo stato di avanzamento della formazione erogata all apprendista, consentendo una veloce rimodulazione. Valutazione degli apprendimenti La scheda di valutazione degli apprendimenti (all.4) permette al formatore/tutor di verificare e monitorare annualmente il livello di autonomia raggiunto dall apprendista per le diverse aree di attività riportate all interno del suo Piano Formativo Individuale. Ciascuna area di attività riporterà le relative abilità da conseguire il cui possesso da parte dell apprendista dovrà essere valutato dal tutor/formatore e formalizzato attraverso la scelta tra le voci posseduta oppure non posseduta. Sulla base di questa prima valutazione parziale, il tutor/formatore individuerà il livello di autonomia raggiunto dall apprendista per l area di attività corrispondente indicando nella scheda se questo è non autonomo, parzialmente autonomo oppure autonomo. Viene infine predisposto uno spazio nel quale poter eventualmente esprimere ulteriori considerazioni in merito alla valutazione degli apprendimenti. La scheda compilata, viene sempre sottoscritta da formatore/tutor e dall apprendista. Rilevazione dell attività formativa Il registro della formazione (all.5) garantisce il carattere di formalità alla formazione erogata in azienda. Individua responsabilità e tempistiche della formazione in azienda. Modello di valutazione delle competenze Per ogni competenza da sviluppare il formatore predispone un modello di valutazione per compito (all.6)definendo una prova esperto e i criteri di osservazione che ne permetteranno la valutazione. 12

13 2.2 La formazione del formatore/tutor Tutor s. ingl. (pl. tutors); in it. s.m. inv. (o pl. orig.): Persona, docente che aiuta e guida gli studenti di un corso Formatore [for-ma-tó-re] s.m. (f. -trice): Educatore; esperto preposto alla preparazione del personale Il tutor/formatore aziendale è la persona che trasmette la competenza pratica in azienda ed è il principale responsabile dell esito del percorso di formazione con l apprendista stesso. Il tutor aziendale deve affiancare, accompagnare e sostenere l apprendista durante tutto il periodo di apprendistato. L apprendista deve trovare in lui un costante punto di riferimento, un interlocutore in grado di aiutarlo fin dal suo ingresso in azienda a maturare i comportamenti adeguati per inserirsi positivamente nella situazione organizzativa e interpersonale e acquisire le competenze professionali necessarie per svolgere il mestiere per cui è stato assunto. Il modello quindi non può prescindere da un analisi delle caratteristiche e delle competenze di un buon tutor/formatore aziendale e puntare sul loro sviluppo attraverso la progettazione di una piano di formazione specifico con relativi strumenti di supporto anche informatizzati. Chi è il tutor/formatore aziendale? II primo e imprescindibile requisito di un formatore aziendale è che possieda una conoscenza approfondita della professione che deve trasmettere, acquisita attraverso una solida esperienza professionale supportata da buone basi teoriche. Attualmente, in Italia come in Svizzera, le persone incaricate di ricoprire tale ruolo sono designate dall azienda sulla base di questa importante caratteristica. Ma, mentre in Italia, di fatto, è considerata condizione sufficiente, in Svizzera rappresenta una delle condizioni, unitamente al possesso di competenze pedagogiche, metodologiche, didattiche e una buona predisposizione interpersonale nel trattare giovani ed adolescenti. 13

14 Le domande che ci siamo posti sono le seguenti: 1- Che cosa distingue un tutor/formatore da un semplice lavoratore che trasmette ciò che sa a un giovane neo assunto? 2- Quali sono e qual è il modo migliore per trasmettere le competenze che un buon formatore/ tutor aziendale deve sviluppare per svolgere al meglio le funzioni previste dal suo ruolo. 3- In quale modo può essere supportato? Da chi? Con quali strumenti. Formatore Vs Lavoratore Per rispondere alla prima domanda leggiamo cosa dice un formatore aziendale intervistato in merito al suo ruolo. Cosa le piace di più del lavoro con gli apprendisti? L'insegnamento che riesco a impartire tramite le mie conoscenze e le mie esperienze è qualcosa di speciale. Inoltre, apprezzo molto anche le diversità dei mie apprendisti, poiché ognuno ha una sua personalità e un suo carattere. Devo quindi tenermi costantemente aggiornato sotto il profilo tecnico e metodologico. In quali momenti è costretto a essere severo? Quando, per esempio, devo ripetere più volte una disposizione; evidentemente c'è qualcosa che non va. In questo caso mi riunisco con gli apprendisti e ne discuto. Inoltre, sono molto esigente per quanto riguarda la puntualità, la pulizia della postazione di lavoro e la precisione del protocollo. Cosa le sta a cuore per quanto riguarda la sua funzione di formatore? Prendersi il tempo necessario per gli apprendisti. È importante creare un buon rapporto di fiducia con i ragazzi. Quando arrivano per la prima volta al lavoro riservo l'intera giornata per loro. Un approccio amichevole e rispettoso è la base per una collaborazione di successo. Quali importanti lezioni per il futuro vorrebbe trasmettere agli apprendisti? Vorrei riuscire a prepararli in modo ottimale all'esame finale, ma anche a ciò che li aspetta dopo l'apprendistato e nella vita lavorativa. Vorrei renderli dei professionisti affidabili, autonomi e degni di fiducia che riescono a cavarsela egregiamente anche in altre aziende. Quale consiglio si sente di dare ai giovani che si interessano a un apprendistato presso la sua azienda? È importante che i giovani si siano informati sull'azienda e sulla professione e che ci abbiano riflettuto attentamente. Devono capire da soli se questa professione fa per loro. Inoltre, devono rendersi conto che per noi la matematica è una 14

15 componente importante dell'apprendistato e che costanza e concentrazione, nonché un metodo di lavoro pulito e preciso, sono indispensabili. ( Fonte: Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport DDPS ) Appare abbastanza chiaro che ciò che fa la differenza è la percezione che la persona ha di sé e del proprio ruolo: ci crede, ne sente la responsabilità, e agisce di conseguenza. Ciò è possibile solo se l azienda in primis ne riconosce la valenza, riconoscendone il valore aggiunto, e legittima il ruolo anche agli occhi della persona in formazione. Quali competenze? Il tema delle competenze che un buon tf deve sviluppare sono strettamente legate al modello di formazione pratica in azienda che il modello APRIS intende sviluppare. Lo schema seguente riassume le competenze chiave individuate a partire dalle esperienze di riferimento (IT e CH). Fig.2 Competenze del tutor/ formatore aziendale PROFESSIONALI SOCIALI E COMUNICATIVE METODOLOGICHE ESPERIENZA PROFESSIONALE CONOSCENZE RELAZIONE CON L APPRENDISTA RELAZIONE CON L AZIENDA SOLUZIONE DI SITUAZIONI PROBLEMATICHE PROGETTAZIONE EROGAZIONE DELLA FORMAZIONE IN AZIENDA MONITORAGGIO VALUTAZIONE 15

16 Come già detto ii primo e imprescindibile requisito di un formatore aziendale è che possieda una conoscenza approfondita della professione che deve trasmettere, acquisita attraverso una solida esperienza professionale supportata da buone basi teoriche. Il formatore/tutor aziendale viene riconosciuto come riferimento per il neo-assunto, come figura cardine cui è deputata l'accoglienza nell'organizzazione ed il graduale inserimento del giovane nel sistema organizzativo. In quanto lavoratore esperto - nelle piccole imprese si tratta spesso dello stesso imprenditore - ha la responsabilità di introdurre e di far conoscere al giovane i meccanismi di funzionamento dell'organizzazione ospitante, il sistema di regole formali ed informali, valori, credenze, clima che animano l'impresa e le sono distintivi. Alla funzione di accoglienza si affianca necessariamente quella più informativa sulla realtà organizzativa nel suo complesso. E importante che coinvolga l apprendista nel progetto formativo/professionale che lo riguarda: deve sentirsi parte di un gruppo e comprendere l'opportunità di apprendimento che gli viene offerta. Ciò potrà contribuire a sviluppare una buona motivazione al lavoro e spronarlo a impegnarsi per il raggiungimento dei suoi obiettivi professionali. Una positiva relazione tra formatore e apprendista è il presupposto affinché le problematiche possano essere affrontate e approcciate in un ottica risolutiva in un buon clima aziendale. Il tutor aziendale interviene in qualità di facilitatore e sostenitore dell'apprendimento in modo continuativo e permanente per tutta la durata dell apprendistato. Egli deve progettare e conoscere l'articolazione del progetto di formazione, proprio perché conoscitore dei processi aziendali, dei compiti, attività e ruoli che potranno essere oggetto di apprendimento. Questo viene agevolato, nel modello APRIS, dallo strumento Profili professionali (all.1) per individuare le aree di attività e le prestazioni attese del singolo apprendista, unitamente al modello di Piano formativo (all.2) che consente una articolazione più specifica e dettagliata, che definisca temporalmente gli obiettivi di apprendimento ed eventualmente, un integrazione delle attività specifiche di una determinata azienda riferite sempre al profilo professionale di riferimento. La conoscenza degli obiettivi formativi del progetto permette di tarare il percorso formativo, contribuendo a definire un'articolazione che sia flessibile e che tenda a favorire il matching tra le aspettative e gli obiettivi di apprendimento del giovane e le aspettative dell'organizzazione ospitante. 16

17 Il formatore/tutor aziendale ha inoltre il compito di pianificare ed attivare i processi di formazione ed organizzare momenti di confronto e di analisi con l apprendista sull'andamento dell'esperienza monitorando e valutando e la sua crescita professionale. Come svilupparle? Il modello proposto con il progetto APRIS intende sviluppare un percorso formativo che consenta ai formatori aziendali di acquisire consapevolezza circa le responsabilità e i compiti correlati al ruolo di formatore, nonché di maturare e acquisire le competenze di cui sopra (fig.2). Il percorso di formazione è articolato su moduli per un totale di 24 ore, parte delle quali saranno sviluppate on line grazie all utilizzo di una piattaforma on line dedicata. Di seguito la mappa della formazione: Titolo: Percorso di formazione su competenze metodologiche, relazionali e sociali per formare apprendisti in azienda. DESTINATARI: formatori/tutor di aziende TOT ORE: 24 (di cui 8 di piattaforma) MODULO 1: IL VALORE DEL FORMATORE (2 ore aula) Obiettivo: motivare il formatore/tutor al suo ruolo Contenuti: a) Il valore culturale dell apprendistato (concetto di formazione e titoli di studio correlati) b) Il valore professionale (la differenza tra la professionalità di un azienda che forma e un azienda che improvvisa cosa può succedere. (testimonianze CH: essere un formatore mi porta ad essere sempre aggiornato, ad avere prestigio in azienda, ad avere responsabilità, c) Il valore economico (studi dimostrano che nei Pesi in cui il sistema formativo è duale la disoccupazione diminuisce) confronto IT/CH testimonianza CH Output: Caratteristiche personali e professionali del tutor/formatore aziendale MODULO 2: SCELTA E ASSUNZIONE (2 ore aula) dopo la spiegazione di cosa significa progettare il piano formativo. 17

18 Obiettivo: rendere consapevoli e attenti nella fase di scelta: l apprendistato non ha una funzione orientativa ma di apprendimento di una professionalità già definita, scelta e conosciuta. Contenuti: a) Predisposizione della job description b) Il colloquio di selezione: Valutazione delle candidature c) tecniche di intervista Output: Punti di attenzione da sviluppare rispetto alle modalità di ogni azienda nel selezionare l apprendista. MODULO 3: NORMATIVA E CONTRATTO (2 ore aula + 2 ore piattaforma) (agganciare a modulo1) Obiettivo: interpretare correttamente la natura del contratto di apprendistato Contenuti: a) Il contratto di apprendistato: durata e mansioni, vincoli (orario e responsabilità), mansioni, retribuzione b) Normativa sull apprendistato (IT: D.Lgs. 167/2011, Decreto Legge, testo coordinato n 34, G.U Legge n. 78/2014; CH: ) Output: Smontare i preconcetti sul contratto di apprendistato per ricondurre alla reale natura MODULO 4 PROGETTAZIONE (4 ore piattaforma con verifica e consulenza del formatore APRIS) Obiettivo: elaborare un progetto formativo Contenuti : Elaborazione del progetto formativo del proprio apprendista: compilazione documentazione del modello (kit di Varese, Piano Formativo) Output: Piano Formativo dell apprendista MODULO 5 MOTIVAZIONE IN AZIENDA E COMPETENZE RELAZIONALI CON L APPRENDISTA (4 ore aula) Obiettivo: creare la consapevolezza dell importanza della motivazione e di una comunicazione efficace per raggiungere in modo più semplice gli obiettivi aziendali. Contenuti: - Cos è la motivazione - Come funziona la motivazione sul posto di lavoro - Come motivare l apprendista 18

19 - Elementi base della comunicazione (congruenza comunicativa e comunicazione efficace; le barriere nella comunicazione) - Gestione dei conflitti - La comunicazione efficace nell apprendimento Output: fornire ai formatori/tutor gli strumenti motivare e per relazionarsi in modo efficace con gli apprendisti MODULO 6 METODOLOGIA (4 ore aula) Obiettivo: permettere al formatore/tutor di comprendere che esistono differenti modi per raggiungere un obiettivo formativo: ogni apprendista può imparare in modo diverso e lo stile d insegnamento deve essere flessibile. Contenuti : - Il modello per competenza: COMPITO - RISULTATO ( per ogni attività il formatore deve individuare un compito; per ogni compito quali conoscenze devi avere; cosa devi saper fare in pratica; quali comportamenti sono richiesti. Come fai a trasmettere ognino di questi elemnti di competenza: SAPERE, SAPER FARE, SAPER ESSERE) (Per introdurre ricostruire il sapere teorici coniugandoli con la pratica per raggiungere un compito (Gabbianella e il gatto). Stili e metodologie di apprendimento diverso in azienda ( gioco dei quadrati: stesso obiettivo con atteggiamenti diversi cambia). - Esercitazione individuale (ad esempio video tutorial del caffè, piccoli gruppi vedi gruppo classe dopo il piano formativo). - Attenzioni formative per un compito che riguarda la tua competenza: analisi di difficoltà su casi concreti. - Condivisione di esperienze nel capire errori/ comportamenti negativi (qual è il problema?) Output: modello della competenza applicato all ambito professionale delle singole aziende MODULO 7 MODELLO DI VALUTAZIONE PER COMPITO ( 2 ore aula + 2 ore piattaforma) Obiettivo: rendere i tutor consapevoli degli elementi che caratterizzano il processo valutativo Contenuti: 1- Le componenti del tuo giudizio valutativo (gli indicatori che coprono la competenza) 19

20 2- Che cosa significa valutare l apprendista (dimensione di responsabilità) 3- La valutazione autentica: dichiaro cosa voglio, te lo insegno, ti osservo. 4- Gli errori della valutazione 5- Costruzione di strumenti valutativi Progettare il contesto valutativo (compito) Output: permettere al formatore/tutor di progettare il contesto valutativo (compito) CONCLUSIONE (1 ORA piattaforma) TEST VALUTAZIONE Con rilascio attestazione 20

Azione 2 Attività 2.1 Definizione del modello di supporto metodologico alle imprese

Azione 2 Attività 2.1 Definizione del modello di supporto metodologico alle imprese Azione 2 Attività 2.1 Definizione del modello di supporto metodologico alle imprese 1 INDICE 1- Premessa: 1.1. L esigenza di un modello: la parola agli apprendisti 1.2. Lo stato dell arte 1.3. Italia e

Dettagli

Linee Guida per. la sperimentazione di percorsi formativi. nell apprendistato per la qualifica e il diploma professionale

Linee Guida per. la sperimentazione di percorsi formativi. nell apprendistato per la qualifica e il diploma professionale ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Apprendistato per la qualifica

Dettagli

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Con l Europa investiamo nel vostro futuro Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Didattica Statale, 1 Circolo, Nocera Superiore (SA) -

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

ASIPG Associazione svizzera imprenditori pittori e gessatori. Riforma della formazione professionale di base dei pittori

ASIPG Associazione svizzera imprenditori pittori e gessatori. Riforma della formazione professionale di base dei pittori ASIPG Associazione svizzera imprenditori pittori e gessatori Pittrice AFC / Pittore AFC e Aiuto pittrice CFP / Aiuto pittore CFP Riforma della formazione professionale di base dei pittori COSA CAMBIA DAL

Dettagli

- Istruzione: un dovere e un diritto - A scuola fino a 16 anni

- Istruzione: un dovere e un diritto - A scuola fino a 16 anni Indice L obbligo di istruzione - La scuola, oggi - Istruzione: un dovere e un diritto - A scuola fino a 16 anni - Dopo la terza media - Cosa scegliere? - L istruzione liceale - L istruzione tecnica - L

Dettagli

CHE COS E IL MENTORING

CHE COS E IL MENTORING CHE COS E IL MENTORING E un dato di fatto che il numero delle donne che lavorano è in sensibile aumento in ogni paese, ma nonostante questo, e malgrado molte donne rivestano posizioni anche altamente professionali,

Dettagli

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità Intervento di Mariaelena Romanini 1 Nell ambito del seminario: L apprendistato

Dettagli

AREA 1 COMPRENDERE IL PERCORSO PORTFOLIO

AREA 1 COMPRENDERE IL PERCORSO PORTFOLIO AREA 1 COMPRENDERE IL PERCORSO PORTFOLIO Descrizione Questa area introduce e contestualizza il percorso di costruzione del portfolio delle competenze. Attivata nel primo o secondo anno di formazione professionale,

Dettagli

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER :

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : Formazione Professionale-Lavoro PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : 1. LA REDAZIONE DEL PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE 2. LA DESCRIZIONE DEI PROFILI FORMATIVI 3. LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE IN ESITO

Dettagli

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Area economico - giuridica Disciplina: diritto - economia Gruppo: Pordenone Docente: Valeria Laura Valleriani Istituto: I.S.I.S. di Spilimbergo (PN) MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Classe 3B IPSC (14

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

Il contratto di apprendistato

Il contratto di apprendistato Indice Il contratto di apprendistato - Che cos è - Tra formazione e lavoro - Riforma Biagi. L apprendistato si fa in tre - Piemonte: verso un nuovo apprendistato - Nuove opportunità formative - Apprendistato:

Dettagli

Disciplina dell offerta formativa regionale integrativa

Disciplina dell offerta formativa regionale integrativa Unione Europea Fondo Sociale Europeo Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche

Dettagli

L APPRENDISTATO COME PERCORSO FORMATIVO

L APPRENDISTATO COME PERCORSO FORMATIVO Primi risultati di una indagine ISFOL L APPRENDISTATO COME PERCORSO FORMATIVO - di Lucia Micheletto - pubblicato su Scuola Snals n. 81 del 12.04.02 DI RECENTE si è tenuto a Milano uno dei primi seminari

Dettagli

Istituto Italiano Arte Artigianato e Restauro Srl

Istituto Italiano Arte Artigianato e Restauro Srl Istituto Italiano Arte Artigianato e Restauro Srl CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Il presente documento si propone di esplicitare e comunicare gli impegni che l'istituto Italiano Arte e Artigianato

Dettagli

Popolazione residente a Cesano nel 2010 Popolazione Popolazione Incrementi % incrementi 2009 CESANO Maderno 36.579 36.889 310 0,8

Popolazione residente a Cesano nel 2010 Popolazione Popolazione Incrementi % incrementi 2009 CESANO Maderno 36.579 36.889 310 0,8 PERFORMANCE PLAN Definizione dell identità dell organizzazione Missione dell IS PER COSTRUIRE OGGI IL TUO FUTURO E DIVENTARE PARTE ATTIVA NELLA COSTRUZIONE DELLA SOCIETA DEL DOMANI Una scuola da sempre

Dettagli

2012-2014. Indirizzi per la programmazione della formazione di base e trasversale

2012-2014. Indirizzi per la programmazione della formazione di base e trasversale APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE (art. 4 - D.Lgs. n. 167/2011) 2012-2014 Indirizzi per la programmazione della formazione di base e trasversale Provvedimento attuativo dell art.

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante -

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - ISIS Facchinetti di Castellanza Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - Finalità ed obiettivi L offerta formativa del nostro istituto, per quanto attiene la formazione

Dettagli

Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro

Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro TRAINING HUMAN OCCUPATION RESEARCH ONLUS Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro Bando Garanzia Giovani Regione Molise 2015 SEDE DI ATTUAZIONE TERMOLI NUMERO VOLONTARI 2 TITOLO PROGETTO

Dettagli

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Tavola rotonda del convegno del giorno 11 ottobre 2013 presso l Università di Bergamo via dei Caniana - ore 14,30 17 Domande traccia per

Dettagli

Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari

Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari 1 Job Progetto FIxO Scuola e Università 2012 2013 Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari Nota informativa

Dettagli

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE La formazione degli adulti Condurre gruppi di lavoro di adulti professionalizzati Il ruolo del tutor nella formazione degli adulti Le caratteristiche della

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV Da MARZO Progetto FORMIUR CAF per il Miglioramento delle performance delle Istituzioni scolastiche. Migliora organizzazione COSA FA

Dettagli

Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15. Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna

Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15. Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15 Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna Scuola primaria e Scuola secondaria di primo grado Maria Cassani

Dettagli

100 tirocini PEr 100 giovani maestri D ArtE EDIZIONE 2013/14: UNA ScUOlA, UN lavoro. PErcOrSI DI EccEllENZA

100 tirocini PEr 100 giovani maestri D ArtE EDIZIONE 2013/14: UNA ScUOlA, UN lavoro. PErcOrSI DI EccEllENZA 100 tirocini per 100 giovani maestri d arte EDIZIONE 2013/14: UNA Scuola, UN Lavoro. Percorsi di Eccellenza I tirocini formativi I mestieri d arte rappresentano un vantaggio competitivo di grande rilievo

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale. Indicazioni operative

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale. Indicazioni operative 1 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale Indicazioni operative Priorità strategiche della valutazione - Riduzione della

Dettagli

SCENARI PER LA VALUTAZIONE AUTENTICA: costruire rubriche con i bambini. di Riccarda Viglino

SCENARI PER LA VALUTAZIONE AUTENTICA: costruire rubriche con i bambini. di Riccarda Viglino SCENARI PER LA VALUTAZIONE AUTENTICA: costruire rubriche con i bambini di Riccarda Viglino L'insegnamento, secondo Bruner, dovrebbe avere l'obiettivo di condurre lo studente a scoprire ed imparare per

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI L Ebit Ter Lazio offre a tutte le aziende della Regione Lazio la possibilità di formare i propri tutor aziendali, adempiendo così all obbligo di legge e conseguendo la certificazione

Dettagli

La formazione accademica

La formazione accademica Perfezionare l istruzione quando si è già infermieri: spunti di riflessione sulla formazione post-base a cura di Carla Noci* La formazione accademica successiva al corso di base è, per gli infermieri come

Dettagli

Attività ludico-educative per ragazzi - Estate 2013 -

Attività ludico-educative per ragazzi - Estate 2013 - Attività ludico-educative per ragazzi - Estate 2013 - PROPOSTA RISERVATA AGLI ADERENTI AL CRAEM Un tuffo nella terra sarda (S. Teresa di Gallura OT) dall 1 al 19 luglio o dal 18 al 31 luglio dai 12 ai

Dettagli

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione Heinrich Lintze - Brema Altes Gymnasium Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione 1 la struttura della pubblica istruzione in Germania e gli ultimi sviluppi 1.1 cultura

Dettagli

Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali. Materiali di Orientamento Giugno 2014

Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali. Materiali di Orientamento Giugno 2014 Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali Materiali di Orientamento Giugno 2014 Il Network (rete personale) La mia RETE di conoscenze e relazioni con persone che possono interessarsi alla mia

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

Direttive Esame professionale per Specialista del personale

Direttive Esame professionale per Specialista del personale Direttive Esame professionale per Specialista del personale Opzioni A Gestione del personale B Consulente del personale secondo il Regolamento 2000, versione 2.0 Organo svizzero responsabile degli esami

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS)

CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) Una scelta di vita al servizio della persona Ci sono almeno 5 buoni motivi per diventare OSS Hai sempre desiderato un lavoro che non fosse

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO Tamara Mazzoleni Convegno C.e.s.c. Lombardia Formatori in rete Costruzione di un percorso. Formazione generale

Dettagli

Operatore bancario/ Operatrice bancaria

Operatore bancario/ Operatrice bancaria AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Operatore bancario/ Operatrice bancaria Ordinamento formativo per l'apprendistato professionalizzante 1. Descrizione del profilo

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE Legge Regionale n. 20/2005 Art. 49 D.lgs. n. 276/2003 D.G.R. N. 8/15 del 28.02.2006 DIRETTIVA 1 1. PRINCIPI GENERALI 1.1. Finalità L'apprendistato ha lo scopo di consentire

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo GROSSETO 2 Giovanni Pascoli Piazza F.lli Rosselli, n. 14-58100 Grosseto Centralino: tel. 0564/22132 - Fax 0564/21871 E-mail:

Dettagli

Competenze del Dirigente scolastico

Competenze del Dirigente scolastico Competenze del Dirigente scolastico Repertorio elaborato in ambito SI.VA.DI.S Repertorio delle competenze del dirigente scolastico Il repertorio descrittivo delle azioni professionali e delle competenze

Dettagli

Novità sull Apprendistato

Novità sull Apprendistato Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese Via Repubblica 56-13900 Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 C.F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030

Dettagli

incrementa il tuo business

incrementa il tuo business incrementa il tuo business 1 mission L attività di marketing si concretizza attraverso l elaborazione di un progetto specifico proposto ai nostri partners. L intento? Quello di raggiungere maggior successo,

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE IN PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DELL ESPERIENZA DEL CeFOS DI FONDAZIONE DON C. GNOCCHI

L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE IN PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DELL ESPERIENZA DEL CeFOS DI FONDAZIONE DON C. GNOCCHI DISABILITA E ACCOMODAMENTO RAGIONEVOLE:DAGLI AMBIENTI DI VITA AI LUOGHI DI LAVORO L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE IN PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DELL ESPERIENZA DEL CeFOS DI FONDAZIONE DON C. GNOCCHI

Dettagli

La tua formazione di base, il tuo futuro

La tua formazione di base, il tuo futuro La tua formazione di base, il tuo futuro Una formazione presso una banca svizzera Nel bel mezzo, sempre presenti pag. 4 Datori di lavoro attraenti a portata di mano pag. Rapida continuazione dopo la formazione

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

L idea imprenditoriale

L idea imprenditoriale 16 L idea imprenditoriale Una buona idea Una volta che hai precisato le tue attitudini e propensioni personali, è giunto il momento di muovere i veri primi passi nel mondo dell imprenditoria e di iniziare

Dettagli

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado Luglio 2011 Indice Premessa... pag. 3 Documenti e ricerche... pag. 5 Gli obiettivi... pag.

Dettagli

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo HumanWare Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Aree di Intervento Sistemi di Analisi e Valutazione delle Posizioni Sistemi di Valutazione delle Prestazioni

Dettagli

Che cos'è lo stage Le fasi di realizzazione Le funzioni dei tutors nello stage

Che cos'è lo stage Le fasi di realizzazione Le funzioni dei tutors nello stage Che cos'è lo stage Le fasi di realizzazione Le funzioni dei tutors nello stage Lo stage è un esperienza di durata variabile in un azienda con l obiettivo di formare il lavoratore all attività per cui è

Dettagli

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE!

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! 2014 FORMAPER SVILUPPO DELL IMPRENDITORIALITÀ Formaper è un azienda speciale della Camera di Commercio di Milano nata nel 1987 con la missione

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Nucleo di Valutazione Comune di Siena DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Proposta del Nucleo di Valutazione 1 INDICE 1. I SOGGETTI DELLA VALUTAZIONE...3 2. LA

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

14 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 32 - Lunedì 05 agosto 2013

14 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 32 - Lunedì 05 agosto 2013 14 Bollettino Ufficiale D.G. Salute Circolare regionale 29 luglio 2013 - n. 17 Indicazioni in ordine ai criteri di realizzazione di corsi di formazione a distanza in modalità e-learning e avvio della sperimentazione

Dettagli

SINTESI R.A.V. 2015 A cura del D.S. dell I.C. di Albanella dott.ssa Mattea Pelosi

SINTESI R.A.V. 2015 A cura del D.S. dell I.C. di Albanella dott.ssa Mattea Pelosi SINTESI R.A.V. 2015 A cura del D.S. dell I.C. di Albanella dott.ssa Mattea Pelosi Il Rapporto di Autovalutazione si articola in 5 Sezioni, o macro aree, accessibili direttamente dalla Home Page per mezzo

Dettagli

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 Leggi attentamente le seguenti affermazioni e indica il grado di accordo con ciascuna

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RIASSETTO ORGANIZZATIVO E DIDATTICO DEI CENTRI PER L ISTRUZIONE DEGLI ADULTI MATERIALI

REGOLAMENTO PER IL RIASSETTO ORGANIZZATIVO E DIDATTICO DEI CENTRI PER L ISTRUZIONE DEGLI ADULTI MATERIALI REGOLAMENTO PER IL RIASSETTO ORGANIZZATIVO E DIDATTICO DEI CENTRI PER L ISTRUZIONE DEGLI ADULTI MATERIALI A fronte del grande obiettivo che nel comma 632 della L.296/06 è posto a fondamento di tutta l

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS PROGETTO DI TIROCINIO L istituzione del nuovo Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

Da Manager a Consulente

Da Manager a Consulente Da Manager a Consulente Valutare in modo consapevole un opportunità Pianificare l avvio professionale Elisabetta Castagneri - Tullio Miscoria elisabetta.castagneri@formatelier.it - t.miscoria@harrisitalia.it

Dettagli

100 TIROCINI PER 100 GIOVANI MAESTRI D ARTE

100 TIROCINI PER 100 GIOVANI MAESTRI D ARTE 100 TIROCINI PER 100 GIOVANI MAESTRI D ARTE UNA SCUOLA, UN LAVORO. PERCORSI DI ECCELLENZA I tirocini extra-curriculari I MESTIERI D ARTE RAPPRESENTANO UN VANTAGGIO COMPETITIVO DI GRANDE RILIEVO PER L ECCELLENZA

Dettagli

IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale. Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte

IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale. Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte La domanda iniziale La signora M.B. si è avvicinata

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

ELABORAZIONE QUESTIONARIO STUDENTI

ELABORAZIONE QUESTIONARIO STUDENTI ANALISI DI FABBISOGNI DI INNOVAZIONE E FORMAZIONE 1. Le Figure Professionali IFTS Il Tecnico superiore per l organizzazione ed il marketing del turismo integrato gestisce i rapporti con soggetti pubblici

Dettagli

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) VISTO il DPR 8 marzo 1999, n. 275 art. 3, c.3: Il Piano dell'offerta formativa è elaborato

Dettagli

Network management e coprogettazione dei servizi

Network management e coprogettazione dei servizi Network management e coprogettazione dei servizi Master Universitario di II Livello Dipartimento di Psicologia Studio APS - Analisi PsicoSociologica Anno Accademico 2014/2015 Le trasformazioni dei sistemi

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL PIANO ITALIANO PER LA GARANZIA GIOVANI Procedure informative - Audizione del Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE FUNZIONE STRUMENTALE N. 3 «INTERVENTI E SERVIZI PER GLI STUDENTI

LINEE PROGRAMMATICHE FUNZIONE STRUMENTALE N. 3 «INTERVENTI E SERVIZI PER GLI STUDENTI ISTITUTO STATALE d ISTRUZIONE SUPERIORE P. Branchina - Adrano ANNO SCOLASTICO 2014-2015 LINEE PROGRAMMATICHE FUNZIONE STRUMENTALE N. 3 «INTERVENTI E SERVIZI PER GLI STUDENTI orientamento in entrata e in

Dettagli

100 TIROCINI PER 100 GIOVANI MAESTRI D ARTE

100 TIROCINI PER 100 GIOVANI MAESTRI D ARTE 100 TIROCINI PER 100 GIOVANI MAESTRI D ARTE UNA SCUOLA, UN LAVORO. PERCORSI DI ECCELLENZA I tirocini extra-curriculari I MESTIERI D ARTE RAPPRESENTANO UN VANTAGGIO COMPETITIVO DI GRANDE RILIEVO PER L ECCELLENZA

Dettagli

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale 12 ottobre 2015 1 QUALITA 2 IL PROCESSO AVA DELLA DIDATTICA.. Un circolo virtuoso Programmazione 2 Valutazione Monitoraggio Corso di

Dettagli

MACROSETTORE RISTORAZIONE, ALIMENTAZIONE E DISTRIBUZIONE

MACROSETTORE RISTORAZIONE, ALIMENTAZIONE E DISTRIBUZIONE MACROSETTORE RISTORAZIONE, ALIMENTAZIONE E DISTRIBUZIONE 1 LIVELLO BASE (prima annualità) 2 Competenze relazionali - Esprimersi in lingua italiana in forma corretta ed adeguata rispetto al contesto di

Dettagli

UNA MOLTEPLICITÀ DI MESTIERI: UN APPRENDISTATO NEL GRUPPO MIGROS.

UNA MOLTEPLICITÀ DI MESTIERI: UN APPRENDISTATO NEL GRUPPO MIGROS. UNA MOLTEPLICITÀ DI MESTIERI: UN APPRENDISTATO NEL GRUPPO MIGROS. PER CHI HA IN MENTE GRANDI COSE. NEW-TALENTS.CH UNA SCUOLA DI VITA. Tutto pronto? Una nuova avventura ti aspetta: un apprendistato presso

Dettagli

2003-2013, dieci anni di alta formazione in apprendistato. Quale bilancio?

2003-2013, dieci anni di alta formazione in apprendistato. Quale bilancio? www.bollettinoadapt.it, 8 luglio 2013 2003-2013, dieci anni di alta formazione in apprendistato. Quale bilancio? di Umberto Buratti Con l entrata in vigore del decreto legislativo n. 276 nell ottobre del

Dettagli

La funzione dell imprenditore è proprio quella di controllare e di guidare questa costante evoluzione, queste continue influenze sulla vita

La funzione dell imprenditore è proprio quella di controllare e di guidare questa costante evoluzione, queste continue influenze sulla vita PREMESSA L evoluzione dell Industria italiana nel secondo dopoguerra può essere suddivisa in tre fasi distinte: la prima si colloca nel periodo compreso tra gli anni cinquanta e gli anni sessanta, la seconda

Dettagli

RICERCA, GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

RICERCA, GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo RICERCA, GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

La formazione dei formatori di adulti Documentazione di presentazione del corso

La formazione dei formatori di adulti Documentazione di presentazione del corso ANIMARE CORSI PER ADULTI (Livello 1 FSEA/SVEB) Sommario 1. Introduzione 2 2. Metodi d insegnamento 2 3. Destinatari, obiettivi e contenuti della formazione 3 Destinatari: 3 Finalità: 3 Obiettivi: 3 Contenuti:

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

La formazione permanente. - Non si finisce mai d imparare. - Life long learning: che cosa significa - Linee guida europee/ce e strumenti di attuazione

La formazione permanente. - Non si finisce mai d imparare. - Life long learning: che cosa significa - Linee guida europee/ce e strumenti di attuazione Indice La formazione permanente - Non si finisce mai d imparare - Life long learning: che cosa significa - Linee guida europee/ce e strumenti di attuazione - Gli esami non finiscono mai - La formazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via Pianciani, 32 00185 Roma

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via Pianciani, 32 00185 Roma Circ. n. 2 Prot. n. 2968 Roma, 10 febbraio 2015 Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche statali di ogni ordine e grado della Regione Lazio Ai Coordinatori didattici delle Istituzioni scolastiche paritarie

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Master di I livello in area sanitaria

Facoltà di Giurisprudenza Master di I livello in area sanitaria Facoltà di Giurisprudenza Master di I livello in area sanitaria Anno Accademico 2008/2009 PROGETTO FORMARSI PER CRESCERE Proposta formativa in favore dell evoluzione professionale e contrattuale degli

Dettagli