Azione 2 Attività 2.1 Definizione del modello di supporto metodologico alle imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azione 2 Attività 2.1 Definizione del modello di supporto metodologico alle imprese"

Transcript

1 Azione 2 Attività 2.1 Definizione del modello di supporto metodologico alle imprese 1

2 INDICE 1- Premessa: 1.1. L esigenza di un modello: la parola agli apprendisti 1.2. Lo stato dell arte 1.3. Italia e Svizzera: punti di forza 2- Il Modello APRIS: 2.1. L azienda: un opportunità di apprendimento Gli strumenti: profili formativi, piano formativo individuale, scheda di monitoraggio degli apprendimenti, scheda di valutazione degli apprendimenti, scheda di registrazione della formazione La formazione del formatore/tutor 2.3. I corsi interaziendali 2.4. La piattaforma di formazione: supporto al modello, scenari futuri Per approfondire i. Un eccellenza Italiana: il modello di Bolzano ii. Intervista al vincitore del Campionato dei mestieri Theo Oberhofer iii. Intervista a Ester Brunini ALLEGATI All.1 Profili professionali All.2 Piano Formativo All.3 Monitoraggio degli apprendimenti All.4 Valutazione degli apprendimenti All.5 Registrazione della formazione 2

3 1 - PREMESSA 1.1 L esigenza di un modello: la parola agli apprendisti (cit. Il difficile momento economico che stiamo vivendo, con i pesanti risvolti sul fronte della disoccupazione crescente e della bassa produttività del nostro sistema economico, pone sfide essenziali per recuperare la strada dello sviluppo e della crescita. Tra i problemi da affrontare con il massimo sforzo e la massima priorità vi è senz altro quello della disoccupazione giovanile. Le soluzioni a questa criticità non si esauriscono, tuttavia, nel pur difficile compito di porre in atto tutte le misure possibili per creare nuovi posti di lavoro, ma anche nella creazione di contesti e opportunità entro i quali sia possibile sviluppare occupazione di qualità, generando effetti virtuosi sull occupabilità delle persone e sulla produttività delle aziende nel lungo periodo. L apprendistato occupa un posto centrale proprio come strumento per la promozione del lavoro dei giovani. Apprendistato deriva da apprendere, ossia acquisire modelli di ragionamento, tecniche produttive e nozioni a esse collegate. È un concetto che sottende una relazione, quella tra chi insegna e chi impara, tra docente e discente, tra adulti che trasmettono un sapere o un abilità e giovani che ne acquisiscono i tratti salienti, e potenzialmente ne migliorano non soltanto l ampiezza e la profondità, ma anche la capacità innovativa. La vera sfida per il futuro è dunque quella di individuare modelli da portare a regime in tutti i settori, al fine di garantire il diritto alla formazione degli apprendisti e l acquisizione di competenze distintive e certificate. Come viene percepito l apprendistato dai giovani in formazione? Leggiamo alcune testimonianze. L apprendistato può essere una cosa molto preziosa, ma può anche rappresentare un opportunità data alle aziende per pagare meno contributi e avere più vantaggi. E proprio 3

4 quest ultimo aspetto che bisognerebbe modificare cioè cercare di identificare in questa opportunità un qualcosa che possa permettere al giovane apprendista una crescita sia professionale che culturale. (IT) Fin dall'inizio mi sono sentito a mio agio. Ho sempre avuto un'ottima introduzione ai nuovi compiti che mi aspettavano. I formatori professionali e i responsabili pratici si prendono sempre del tempo per spiegarci in dettaglio i compiti. In questo modo è possibile rispondere direttamente alle questioni ancora in sospeso. (CH) In verità, credo che lo spirito con cui era nata la legge sull apprendistato fosse nobile, ma purtroppo non si è concretizzato in qualche cosa di utile. Si è travisato il significato come fosse una speculazione sul risparmio del costo di manodopera: l agevolazione contrattuale (contratto a tempo determinato, che permette una troppo facile rotazione di manodopera a minor costo) prevale sulla formazione dell individuo. (IT) Aggiungendo il completo disinteressamento dei datori di lavoro al progetto, i quali per primi (in maggior parte) pensano sia uno spreco di tempo, ma comunque sopportabile perché il vantaggio economico comunque c è. (IT) A farla breve, secondo me il progetto apprendistato è una mangeria di soldi come tutto in Italia. (IT) 4

5 1.2 Il punto di partenza. In ITALIA, l'applicazione del decreto legislativo n. 167 del 14 settembre 2011 ha cercato di rilanciare in modo flessibile e articolato l'apprendistato quale principale canale di inserimento lavorativo dei giovani under 29. Focalizzando i suoi obiettivi alla formazione e all'occupazione dei giovani, la disciplina dell'apprendistato attribuisce una valenza preminente al suo aspetto formativo, con la finalità importante del conseguimento di titoli di studio (quali ad esempio qualifica e diploma professionale, diploma di istruzione secondaria superiore, titoli universitari e di alta formazione). Altro elemento chiave del nuovo modello italiano è che il nuovo Testo Unico ha identificato il mondo datoriale quale protagonista e responsabile della formazione degli apprendisti. Il contratto di apprendistato pone l'accento su una forma di apprendimento in cui la formazione pratica on the job è preponderante su quella teorica. Si richiede al mondo delle imprese un profondo cambiamento culturale laddove questa tipologia contrattuale viene spesso interpretata come strumento utile per l abbattimento di retribuzione e contribuzione, e la formazione considerata una pesante sovrastruttura o mero adempimento burocratico. In Italia, quindi, è improrogabile un radicale cambiamento culturale nell approccio a questa tipologia contrattuale e una contestuale acquisizione di competenze di carattere formativo all interno del sistema delle imprese. Nasce l esigenza di sviluppare metodologie, strumenti e know how attraverso il confronto e lo scambio con modelli e sistemi in cui il mondo produttivo riveste un ruolo importante nella preparazione professionale e culturale dei giovani. In SVIZZERA l'apprendista segue la sua formazione in un'azienda di tirocinio e presso una scuola professionale attraverso il sistema educativo duale, adottato in Europa solo da Germania e Austria. Nel sistema duale è assolutamente centrale il ruolo formativo dell'azienda. Negli ultimi venti anni il Ticino ha registrato un progressiva ri-valutazione della formazione professionale, in precedenza considerata una scelta di ripiego rispetto a percorsi liceali e accademici. L'introduzione della maturità professionale e delle scuole universitarie professionali hanno consentito l'evolversi di percorsi formativi articolati e gratificanti dal punto di vista dei risultati e della valorizzazione del capitale umano. Tuttavia anche il sistema elvetico di formazione professionale duale necessita di adattamenti. In particolare ha bisogno di più flessibilità. Il raffronto internazionale dimostra che con questa forma di apprendimento, che mette in relazione la scuola e il mondo del lavoro, la qualità della formazione è buona e il tasso di 5

6 disoccupazione nella fascia d'età della formazione di base è decisamente più basso, ma la risposta per il futuro consiste soprattutto nella differenziazione. Vi sono molte settori professionali dove il sistema duale è assolutamente competitivo e dà risultati notevoli. Vi sono invece settori rispetto ai quali bisogna rispondere con una maggiore autonomia della formazione rispetto al mondo del lavoro. In Ticino in particolar modo si registra la necessità di un ampliamento della rete di aziende formatrici per garantire un offerta formativa estesa a tutti i settori professionali. 1.3 L apprendistato in Italia e in Svizzera: punti di forza. PUNTI DI FORZA DEL MODELLO ITALIANO: - L assenza di una definizione centralizzata dei profili professionali, che sicuramente è di ostacolo ad una pianificazione puntuale dei contenuti della formazione aziendale, permette, la valorizzazione delle peculiarità in termini di professionalità: nel momento in cui l azienda (e il formatore aziendale) divenga consapevole del proprio ruolo formativo e lo metta in atto secondo una metodologia ben definita, la ricchezza di contenuti e la varietà di know how presente nelle aziende italiane può divenire fonte di grande ricchezza sia per il mercato, sia per il giovane in formazione e il proprio futuro professionale. PUNTI DI FORZA DEL MODELLO SVIZZERO: - Una solida normativa di base e forte connubio tra mercato del lavoro formazione: è il mondo del lavoro che, sostenuto dalle istituzioni con leggi ad hoc, prende parte alle decisioni in merito al profilo e al contenuto della formazione degli apprendisti. - La formazione degli apprendisti come responsabilità sociale: lo stato e il mondo delle imprese si assumono la responsabilità economica e sociale e sono consapevoli della valenza e della ricaduata che la formazione dei giovani hanno sull economia del Paese. - I formatori aziendali hanno la consapevolezza del loro ruolo nella formazione e hanno a disposizione diverse tipologie di supporto nella propria attività quali ad esempio leggi federali, 6

7 ordinanze cantonali, piani formativi, materiale di supporto per la formazione-dap, corsi di formazione, personale a supporto (es. ispettori di tirocinio, docente mediatore, ). - Viene utilizzato un modello per la formazione pratica in azienda comune per tutti i settori e valido in tutta la confederazione: ciò consente una mobilità professionale dei giovani formati su tutto il territorio nazionale. Da questo panorama nasce l idea di realizzare un progetto che costruisca un sistema di trasferimento di know how per la gestione della formazione in impresa nell ambito dei percorsi di apprendistato. Infatti, sulla base delle indicazioni contenute nel Testo Unico, nonché delle esperienze realizzate in tal senso nelle aree coinvolte nel progetto, emerge in modo evidente l importanza di un percorso di formazione in impresa proficuo e strutturato per favorire la crescita professionale degli apprendisti giungendo all elaborazione di un modello unico e innovativo di supporto alla gestione della formazione in impresa. 7

8 2 - IL MODELLO APRIS: il punto di partenza Obiettivi: - Sostenere l azienda fin dal momento dell assunzione dell apprendista per la gestione degli aspetti burocratici e degli adempimenti previsti dal contratto; - Supportare azienda e tutor/formatore nelle fasi di progettazione della formazione tecnicoprofessionalizzante attraverso indicazioni e strumenti di tipo contenutistico e di pianificazione temporale; - Permettere ai tutor/formatori di sviluppare la consapevolezza dell importanza del proprio ruolo formativo e di sviluppare tecniche personalizzate, metodologie formative e strumenti per il trasferimento delle competenze tecnico-professionalizzanti ; - Supportare i tutor/formatori nell erogazione della formazione in azienda e nella valutazione delle competenze acquisite dall apprendista ai fini della qualificazione; - Proporre una formazione interaziendale sull esempio del modello svizzero; Fig.1 Il modello APRIS di formazione pratica in azienda 8

9 2.1 L azienda: un opportunità di apprendimento Qualificare l apprendistato significa in primo luogo valorizzare l esperienza in azienda come opportunità di apprendimento. Per realizzare questo obiettivo è indispensabile, da un lato, creare le condizioni per permettere all azienda di comprendere la valenza formativa del proprio ruolo, dall altro supportarla con strumenti e momenti di affiancamento e supporto che la agevolino in questa nuova e difficile prospettiva. I passaggi fondamentali che riguardano la formazione pratica in azienda sono i seguenti: - Conoscenza della normativa e delle disciplina contrattuale di riferimento - Definire con chiarezza le competenze che il giovane in formazione deve apprendere per lo specifico profilo professionale di riferimento. - Pianificare un percorso di inserimento dell apprendista in azienda e accompagnamento all acquisizione delle competenze attraverso la definizione di un piano formativo. - Identificare e preparare al ruolo, coerentemente con il profilo professionale, la persona responsabile della formazione dell apprendista. La declinazione di un profilo professionale in termini di area di attività e prestazioni attese da svolgere in impresa, e delle abilità e conoscenze connesse, opportunamente contestualizzate in riferimento ad ogni specifico contesto lavorativo concreto, aiuta l apprendista ed il tutor/formatore aziendale a capire meglio ed a condividere gli obiettivi di sviluppo professionale che sono alla base dell intero percorso di apprendistato. A partire delle attività che l apprendista dovrà progressivamente essere in grado di svolgere in impresa sarà possibile definire anche un piano formativo coerente e graduale percorso di inserimento e apprendimento sul lavoro: da una parte sarà possibile pianificare in modo più consapevole i compiti da attribuire all apprendista con il procedere del suo periodo di presenza in impresa e la conseguente progressiva capacità di presidiare attività via via più complesse, dall altra sarà più agevole mettere a fuoco le abilità e conoscenze necessarie in rapporto all esercizio delle specifiche attività e delle conseguenti prestazioni da assicurare, prevedendo eventuali momenti mirati di formazione (attivando di volta in volta le strategie didattiche 9

10 ritenute più opportune nello specifico contesto, sia off che on the job, sia individuali che di gruppo) a supporto della loro acquisizione e padronanza. A fronte di un percorso di questo tipo il tutor/formatore aziendale (che verrà supportato da un percorso formativo strutturato appositamente all interno del presente modello) sarà agevolato nel suo compito di formazione accompagnamento, monitoraggio e valutazione della crescita professionale dell apprendista. Con riferimento a ciascuna delle aree di attività assegnate all apprendista provvederà a creare le condizioni di supporto e supervisione (anche con il contributo di altri lavoratori esperti) affinché egli possa gradualmente affrontarle con un crescente livello di autonomia. Nello stesso tempo procederà a periodici e sistematici momenti di valutazione finalizzati a verificare l effettiva capacità di erogare le prestazioni attese attraverso un adeguata padronanza dell insieme aggregato di abilità e conoscenze che ad esse sono sottese. I riscontri di questi momenti di valutazione forniranno le indicazioni necessarie a definire di volta in volta i successivi sviluppi del percorso di formazione dell apprendista, attraverso la messa in atto di ulteriori strategie di supporto per colmare eventuali carenze che si fossero nel frattempo riscontrate o con l assegnazione di compiti nuovi e più complessi ai fini del progressivo completamento del suo processo di sviluppo delle competenze attese. Il modello APRIS ha intende sperimentare la formazione pratica in azienda su tre profili professionali (all.1): 1. Acconciatore Settore servizi alla persona; 2. Addetto all ufficio tecnico ( aziende artigiane) Settore Legno-arredo; 3. Operatore sistemi e servizi logistici (Operatore magazzino e logistica) Settore logistica 10

11 2.1.1 Gli strumenti: profili formativi, piano formativo individuale, scheda di monitoraggio degli apprendimenti, scheda di valutazione degli apprendimenti, scheda di registrazione della formazione, modello di valutazione delle competenze. Profili Professionali I profili (all.1)sono stati descritti partendo dal modello di riferimento Svizzero, che è connaturato e condiviso a livello Federale. Attraverso il sito svizzero della SEFRI (Segreteria di stato per la formazione, la ricerca e l innovazione) sono stati individuati i piani di formazione per l ordinanza sulla formazione professionale di base con attestato federale di capacità relativi ai profili professionali della sperimentazione. I piani di formazione hanno permesso di lavorare sulle aree di competenza operativa e sulle competenze operative ad esse associate, portando ad una prima descrizione dei profili professionali sperimentali declinati in aree di attività (le aree di competenza operativa del modello svizzero) e abilità e conoscenze ad esse correlate. I profili sono stati poi implementati e integrati da contenuti relativi a differenti modelli italiani: CCNL di riferimento, schede professionali disponibili sul sito ISFOL e profili professionali individuati da Regione Lombardia e Regione Piemonte. I profili professionali così realizzati sono stati presentati ad alcuni esperti del settore di riferimento e fatti validare. Piano Formativo Il Piano Formativo Individuale (all.2) è il documento che descrive in termini di obiettivi il percorso formativo del singolo apprendista coerentemente con il suo profilo professionale e le modalità di erogazione di tutta la formazione. Il modello APRIS ha elaborato un Piano formativo che, oltre a contenere tutte le indicazioni di tipo anagrafico e relative al percorso di apprendistato, consente all azienda di avere un diretto collegamento con il profilo formativo (all.1), permettendo di indicare in quale annualità l abilità verrà trasmessa all apprendista. L azienda può anche non avere le caratteristiche o i mezzi per trattare tutte le abilità previste dal profilo, in questo caso l abilità potrà essere trattata attraverso un corso interaziendale (sempre indicato nel piano formativo). L azienda ha inoltre la facoltà di inserire ed integrare il documento con ulteriori abilità specifiche (si pensi ad esempio all utilizzo di particolari software gestionali). 11

12 Monitoraggio degli apprendimenti La scheda di monitoraggio degli apprendimenti (all.3) è un crono programma suddiviso per annualità di formazione, che permette un rapido controllo sullo stato di avanzamento della formazione erogata all apprendista, consentendo una veloce rimodulazione. Valutazione degli apprendimenti La scheda di valutazione degli apprendimenti (all.4) permette al formatore/tutor di verificare e monitorare annualmente il livello di autonomia raggiunto dall apprendista per le diverse aree di attività riportate all interno del suo Piano Formativo Individuale. Ciascuna area di attività riporterà le relative abilità da conseguire il cui possesso da parte dell apprendista dovrà essere valutato dal tutor/formatore e formalizzato attraverso la scelta tra le voci posseduta oppure non posseduta. Sulla base di questa prima valutazione parziale, il tutor/formatore individuerà il livello di autonomia raggiunto dall apprendista per l area di attività corrispondente indicando nella scheda se questo è non autonomo, parzialmente autonomo oppure autonomo. Viene infine predisposto uno spazio nel quale poter eventualmente esprimere ulteriori considerazioni in merito alla valutazione degli apprendimenti. La scheda compilata, viene sempre sottoscritta da formatore/tutor e dall apprendista. Rilevazione dell attività formativa Il registro della formazione (all.5) garantisce il carattere di formalità alla formazione erogata in azienda. Individua responsabilità e tempistiche della formazione in azienda. Modello di valutazione delle competenze Per ogni competenza da sviluppare il formatore predispone un modello di valutazione per compito (all.6)definendo una prova esperto e i criteri di osservazione che ne permetteranno la valutazione. 12

13 2.2 La formazione del formatore/tutor Tutor s. ingl. (pl. tutors); in it. s.m. inv. (o pl. orig.): Persona, docente che aiuta e guida gli studenti di un corso Formatore [for-ma-tó-re] s.m. (f. -trice): Educatore; esperto preposto alla preparazione del personale Il tutor/formatore aziendale è la persona che trasmette la competenza pratica in azienda ed è il principale responsabile dell esito del percorso di formazione con l apprendista stesso. Il tutor aziendale deve affiancare, accompagnare e sostenere l apprendista durante tutto il periodo di apprendistato. L apprendista deve trovare in lui un costante punto di riferimento, un interlocutore in grado di aiutarlo fin dal suo ingresso in azienda a maturare i comportamenti adeguati per inserirsi positivamente nella situazione organizzativa e interpersonale e acquisire le competenze professionali necessarie per svolgere il mestiere per cui è stato assunto. Il modello quindi non può prescindere da un analisi delle caratteristiche e delle competenze di un buon tutor/formatore aziendale e puntare sul loro sviluppo attraverso la progettazione di una piano di formazione specifico con relativi strumenti di supporto anche informatizzati. Chi è il tutor/formatore aziendale? II primo e imprescindibile requisito di un formatore aziendale è che possieda una conoscenza approfondita della professione che deve trasmettere, acquisita attraverso una solida esperienza professionale supportata da buone basi teoriche. Attualmente, in Italia come in Svizzera, le persone incaricate di ricoprire tale ruolo sono designate dall azienda sulla base di questa importante caratteristica. Ma, mentre in Italia, di fatto, è considerata condizione sufficiente, in Svizzera rappresenta una delle condizioni, unitamente al possesso di competenze pedagogiche, metodologiche, didattiche e una buona predisposizione interpersonale nel trattare giovani ed adolescenti. 13

14 Le domande che ci siamo posti sono le seguenti: 1- Che cosa distingue un tutor/formatore da un semplice lavoratore che trasmette ciò che sa a un giovane neo assunto? 2- Quali sono e qual è il modo migliore per trasmettere le competenze che un buon formatore/ tutor aziendale deve sviluppare per svolgere al meglio le funzioni previste dal suo ruolo. 3- In quale modo può essere supportato? Da chi? Con quali strumenti. Formatore Vs Lavoratore Per rispondere alla prima domanda leggiamo cosa dice un formatore aziendale intervistato in merito al suo ruolo. Cosa le piace di più del lavoro con gli apprendisti? L'insegnamento che riesco a impartire tramite le mie conoscenze e le mie esperienze è qualcosa di speciale. Inoltre, apprezzo molto anche le diversità dei mie apprendisti, poiché ognuno ha una sua personalità e un suo carattere. Devo quindi tenermi costantemente aggiornato sotto il profilo tecnico e metodologico. In quali momenti è costretto a essere severo? Quando, per esempio, devo ripetere più volte una disposizione; evidentemente c'è qualcosa che non va. In questo caso mi riunisco con gli apprendisti e ne discuto. Inoltre, sono molto esigente per quanto riguarda la puntualità, la pulizia della postazione di lavoro e la precisione del protocollo. Cosa le sta a cuore per quanto riguarda la sua funzione di formatore? Prendersi il tempo necessario per gli apprendisti. È importante creare un buon rapporto di fiducia con i ragazzi. Quando arrivano per la prima volta al lavoro riservo l'intera giornata per loro. Un approccio amichevole e rispettoso è la base per una collaborazione di successo. Quali importanti lezioni per il futuro vorrebbe trasmettere agli apprendisti? Vorrei riuscire a prepararli in modo ottimale all'esame finale, ma anche a ciò che li aspetta dopo l'apprendistato e nella vita lavorativa. Vorrei renderli dei professionisti affidabili, autonomi e degni di fiducia che riescono a cavarsela egregiamente anche in altre aziende. Quale consiglio si sente di dare ai giovani che si interessano a un apprendistato presso la sua azienda? È importante che i giovani si siano informati sull'azienda e sulla professione e che ci abbiano riflettuto attentamente. Devono capire da soli se questa professione fa per loro. Inoltre, devono rendersi conto che per noi la matematica è una 14

15 componente importante dell'apprendistato e che costanza e concentrazione, nonché un metodo di lavoro pulito e preciso, sono indispensabili. ( Fonte: Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport DDPS ) Appare abbastanza chiaro che ciò che fa la differenza è la percezione che la persona ha di sé e del proprio ruolo: ci crede, ne sente la responsabilità, e agisce di conseguenza. Ciò è possibile solo se l azienda in primis ne riconosce la valenza, riconoscendone il valore aggiunto, e legittima il ruolo anche agli occhi della persona in formazione. Quali competenze? Il tema delle competenze che un buon tf deve sviluppare sono strettamente legate al modello di formazione pratica in azienda che il modello APRIS intende sviluppare. Lo schema seguente riassume le competenze chiave individuate a partire dalle esperienze di riferimento (IT e CH). Fig.2 Competenze del tutor/ formatore aziendale PROFESSIONALI SOCIALI E COMUNICATIVE METODOLOGICHE ESPERIENZA PROFESSIONALE CONOSCENZE RELAZIONE CON L APPRENDISTA RELAZIONE CON L AZIENDA SOLUZIONE DI SITUAZIONI PROBLEMATICHE PROGETTAZIONE EROGAZIONE DELLA FORMAZIONE IN AZIENDA MONITORAGGIO VALUTAZIONE 15

16 Come già detto ii primo e imprescindibile requisito di un formatore aziendale è che possieda una conoscenza approfondita della professione che deve trasmettere, acquisita attraverso una solida esperienza professionale supportata da buone basi teoriche. Il formatore/tutor aziendale viene riconosciuto come riferimento per il neo-assunto, come figura cardine cui è deputata l'accoglienza nell'organizzazione ed il graduale inserimento del giovane nel sistema organizzativo. In quanto lavoratore esperto - nelle piccole imprese si tratta spesso dello stesso imprenditore - ha la responsabilità di introdurre e di far conoscere al giovane i meccanismi di funzionamento dell'organizzazione ospitante, il sistema di regole formali ed informali, valori, credenze, clima che animano l'impresa e le sono distintivi. Alla funzione di accoglienza si affianca necessariamente quella più informativa sulla realtà organizzativa nel suo complesso. E importante che coinvolga l apprendista nel progetto formativo/professionale che lo riguarda: deve sentirsi parte di un gruppo e comprendere l'opportunità di apprendimento che gli viene offerta. Ciò potrà contribuire a sviluppare una buona motivazione al lavoro e spronarlo a impegnarsi per il raggiungimento dei suoi obiettivi professionali. Una positiva relazione tra formatore e apprendista è il presupposto affinché le problematiche possano essere affrontate e approcciate in un ottica risolutiva in un buon clima aziendale. Il tutor aziendale interviene in qualità di facilitatore e sostenitore dell'apprendimento in modo continuativo e permanente per tutta la durata dell apprendistato. Egli deve progettare e conoscere l'articolazione del progetto di formazione, proprio perché conoscitore dei processi aziendali, dei compiti, attività e ruoli che potranno essere oggetto di apprendimento. Questo viene agevolato, nel modello APRIS, dallo strumento Profili professionali (all.1) per individuare le aree di attività e le prestazioni attese del singolo apprendista, unitamente al modello di Piano formativo (all.2) che consente una articolazione più specifica e dettagliata, che definisca temporalmente gli obiettivi di apprendimento ed eventualmente, un integrazione delle attività specifiche di una determinata azienda riferite sempre al profilo professionale di riferimento. La conoscenza degli obiettivi formativi del progetto permette di tarare il percorso formativo, contribuendo a definire un'articolazione che sia flessibile e che tenda a favorire il matching tra le aspettative e gli obiettivi di apprendimento del giovane e le aspettative dell'organizzazione ospitante. 16

17 Il formatore/tutor aziendale ha inoltre il compito di pianificare ed attivare i processi di formazione ed organizzare momenti di confronto e di analisi con l apprendista sull'andamento dell'esperienza monitorando e valutando e la sua crescita professionale. Come svilupparle? Il modello proposto con il progetto APRIS intende sviluppare un percorso formativo che consenta ai formatori aziendali di acquisire consapevolezza circa le responsabilità e i compiti correlati al ruolo di formatore, nonché di maturare e acquisire le competenze di cui sopra (fig.2). Il percorso di formazione è articolato su moduli per un totale di 24 ore, parte delle quali saranno sviluppate on line grazie all utilizzo di una piattaforma on line dedicata. Di seguito la mappa della formazione: Titolo: Percorso di formazione su competenze metodologiche, relazionali e sociali per formare apprendisti in azienda. DESTINATARI: formatori/tutor di aziende TOT ORE: 24 (di cui 8 di piattaforma) MODULO 1: IL VALORE DEL FORMATORE (2 ore aula) Obiettivo: motivare il formatore/tutor al suo ruolo Contenuti: a) Il valore culturale dell apprendistato (concetto di formazione e titoli di studio correlati) b) Il valore professionale (la differenza tra la professionalità di un azienda che forma e un azienda che improvvisa cosa può succedere. (testimonianze CH: essere un formatore mi porta ad essere sempre aggiornato, ad avere prestigio in azienda, ad avere responsabilità, c) Il valore economico (studi dimostrano che nei Pesi in cui il sistema formativo è duale la disoccupazione diminuisce) confronto IT/CH testimonianza CH Output: Caratteristiche personali e professionali del tutor/formatore aziendale MODULO 2: SCELTA E ASSUNZIONE (2 ore aula) dopo la spiegazione di cosa significa progettare il piano formativo. 17

18 Obiettivo: rendere consapevoli e attenti nella fase di scelta: l apprendistato non ha una funzione orientativa ma di apprendimento di una professionalità già definita, scelta e conosciuta. Contenuti: a) Predisposizione della job description b) Il colloquio di selezione: Valutazione delle candidature c) tecniche di intervista Output: Punti di attenzione da sviluppare rispetto alle modalità di ogni azienda nel selezionare l apprendista. MODULO 3: NORMATIVA E CONTRATTO (2 ore aula + 2 ore piattaforma) (agganciare a modulo1) Obiettivo: interpretare correttamente la natura del contratto di apprendistato Contenuti: a) Il contratto di apprendistato: durata e mansioni, vincoli (orario e responsabilità), mansioni, retribuzione b) Normativa sull apprendistato (IT: D.Lgs. 167/2011, Decreto Legge, testo coordinato n 34, G.U Legge n. 78/2014; CH: ) Output: Smontare i preconcetti sul contratto di apprendistato per ricondurre alla reale natura MODULO 4 PROGETTAZIONE (4 ore piattaforma con verifica e consulenza del formatore APRIS) Obiettivo: elaborare un progetto formativo Contenuti : Elaborazione del progetto formativo del proprio apprendista: compilazione documentazione del modello (kit di Varese, Piano Formativo) Output: Piano Formativo dell apprendista MODULO 5 MOTIVAZIONE IN AZIENDA E COMPETENZE RELAZIONALI CON L APPRENDISTA (4 ore aula) Obiettivo: creare la consapevolezza dell importanza della motivazione e di una comunicazione efficace per raggiungere in modo più semplice gli obiettivi aziendali. Contenuti: - Cos è la motivazione - Come funziona la motivazione sul posto di lavoro - Come motivare l apprendista 18

19 - Elementi base della comunicazione (congruenza comunicativa e comunicazione efficace; le barriere nella comunicazione) - Gestione dei conflitti - La comunicazione efficace nell apprendimento Output: fornire ai formatori/tutor gli strumenti motivare e per relazionarsi in modo efficace con gli apprendisti MODULO 6 METODOLOGIA (4 ore aula) Obiettivo: permettere al formatore/tutor di comprendere che esistono differenti modi per raggiungere un obiettivo formativo: ogni apprendista può imparare in modo diverso e lo stile d insegnamento deve essere flessibile. Contenuti : - Il modello per competenza: COMPITO - RISULTATO ( per ogni attività il formatore deve individuare un compito; per ogni compito quali conoscenze devi avere; cosa devi saper fare in pratica; quali comportamenti sono richiesti. Come fai a trasmettere ognino di questi elemnti di competenza: SAPERE, SAPER FARE, SAPER ESSERE) (Per introdurre ricostruire il sapere teorici coniugandoli con la pratica per raggiungere un compito (Gabbianella e il gatto). Stili e metodologie di apprendimento diverso in azienda ( gioco dei quadrati: stesso obiettivo con atteggiamenti diversi cambia). - Esercitazione individuale (ad esempio video tutorial del caffè, piccoli gruppi vedi gruppo classe dopo il piano formativo). - Attenzioni formative per un compito che riguarda la tua competenza: analisi di difficoltà su casi concreti. - Condivisione di esperienze nel capire errori/ comportamenti negativi (qual è il problema?) Output: modello della competenza applicato all ambito professionale delle singole aziende MODULO 7 MODELLO DI VALUTAZIONE PER COMPITO ( 2 ore aula + 2 ore piattaforma) Obiettivo: rendere i tutor consapevoli degli elementi che caratterizzano il processo valutativo Contenuti: 1- Le componenti del tuo giudizio valutativo (gli indicatori che coprono la competenza) 19

20 2- Che cosa significa valutare l apprendista (dimensione di responsabilità) 3- La valutazione autentica: dichiaro cosa voglio, te lo insegno, ti osservo. 4- Gli errori della valutazione 5- Costruzione di strumenti valutativi Progettare il contesto valutativo (compito) Output: permettere al formatore/tutor di progettare il contesto valutativo (compito) CONCLUSIONE (1 ORA piattaforma) TEST VALUTAZIONE Con rilascio attestazione 20

Azione 2 Attività 2.1 Definizione del modello di supporto metodologico alle imprese

Azione 2 Attività 2.1 Definizione del modello di supporto metodologico alle imprese Azione 2 Attività 2.1 Definizione del modello di supporto metodologico alle imprese 1 INDICE 1- Premessa: 1.1. L esigenza di un modello: la parola agli apprendisti 1.2. Lo stato dell arte 1.3. Italia e

Dettagli

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità Intervento di Mariaelena Romanini 1 Nell ambito del seminario: L apprendistato

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

Che cos'è lo stage Le fasi di realizzazione Le funzioni dei tutors nello stage

Che cos'è lo stage Le fasi di realizzazione Le funzioni dei tutors nello stage Che cos'è lo stage Le fasi di realizzazione Le funzioni dei tutors nello stage Lo stage è un esperienza di durata variabile in un azienda con l obiettivo di formare il lavoratore all attività per cui è

Dettagli

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI L Ebit Ter Lazio offre a tutte le aziende della Regione Lazio la possibilità di formare i propri tutor aziendali, adempiendo così all obbligo di legge e conseguendo la certificazione

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Page 1 of 9 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 71 del 17

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Francesco D Este MASSA LOMBARDA (RA) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA è un documento che viene deliberato

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II Orientamento per il successo scolastico e formativo Il RUOLO DELLA SECONDARIA II seconda parte 2011/2012 ruolo orientativo della secondaria II una scuola che ha un RUOLO DI REGIA Sostiene i propri studenti

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

ASIPG Associazione svizzera imprenditori pittori e gessatori. Riforma della formazione professionale di base dei pittori

ASIPG Associazione svizzera imprenditori pittori e gessatori. Riforma della formazione professionale di base dei pittori ASIPG Associazione svizzera imprenditori pittori e gessatori Pittrice AFC / Pittore AFC e Aiuto pittrice CFP / Aiuto pittore CFP Riforma della formazione professionale di base dei pittori COSA CAMBIA DAL

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015 Scuola secondaria primo e secondo grado ORIENTARE è Porre l individuo in grado di prendere coscienza di sé e progredire con i suoi studi e la sua professione,

Dettagli

Bachelor of Science in Economia aziendale

Bachelor of Science in Economia aziendale Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale Bachelor of Science in Economia aziendale www.supsi.ch/deass Obiettivi e competenze Il Bachelor

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO

LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO per la gestione delle richieste degli studenti che intendono usufruire di periodi di studio all estero e per gli studenti

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI All.9 POF 2015-2016 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI Il Protocollo di Accoglienza è il documento che predispone e organizza le modalità che l Istituto intende seguire relativamente all

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Piano di studio Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Stato del documento: Approvato dalla Direzione DFA il 15 giugno 2011 Introduzione Il

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA. Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO

SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA. Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e lavoro NOTA di contesto: la scuola attiva da anni un

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS)

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS) ASSESSORATO COORDINAMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE ALLO SVILUPPO, SCUOLA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, UNIVERSITÀ E RICERCA, LAVORO AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E ACCOMPAGNAMENTO PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E ACCOMPAGNAMENTO PER ALUNNI STRANIERI ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. L. LAGRANGE Sezioni associate ITI G.L. LAGRANGE - IPSAR G. BRERA Via A. Litta Modignani, 65-20161 MILANO Tel. 02 66222804/54 Fax 02 66222266 PROTOCOLLO DI

Dettagli

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica Scuola Secondaria di I grado Progetto realizzato con il contributo del Fondo Sociale Europeo - Programma Operativo Nazionale Competenze

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

formazione - lavoro di candidati italiani nelle aziende tedesche.

formazione - lavoro di candidati italiani nelle aziende tedesche. Progetto Italia Germania The Job of my Life formazione - lavoro di candidati italiani nelle aziende tedesche. Il 28 gennaio 2013, in occasione della Conferenza Europea sui Giovani, è stata siglata la dichiarazione

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola Svolta in collaborazione con gli IRRE e con i Consigli Territoriali dell Ordine degli Psicologi 1. Attività

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO

PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO Direzione Servizi agli Studenti Ufficio Orientamento allo Studio www.orientamento.unimore.it PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO Il Progetto Orientamento di Ateneo (P.O.A.) dell Università degli studi di Modena

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Da Manager a Consulente

Da Manager a Consulente Da Manager a Consulente Valutare in modo consapevole un opportunità Pianificare l avvio professionale Elisabetta Castagneri - Tullio Miscoria elisabetta.castagneri@formatelier.it - t.miscoria@harrisitalia.it

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

Progetto Scuole & CSR - 1

Progetto Scuole & CSR - 1 Progetto Scuole & CSR Con il rinnovo del Protocollo d Intesa sulla CSR, tra Regione del Veneto e Unioncamere del Veneto, siglato il 16 giugno 2009, è stata approvata, per il 2009/2010, una particolare

Dettagli

Tutorial. al Piano di Miglioramento

Tutorial. al Piano di Miglioramento Tutorial al Piano di Miglioramento Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 6 del 9 e ss.mm.ii. Come definito nell introduzione il Piano di Miglioramento

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce Premessa (SCAMBI EDUCATIVI INDIVIDUALI) ESPERIENZE EDUCATIVE ALL ESTERO Le norme che regolano le Esperienze educative all Estero (gli scambi scolastici) sono poche e, in ogni caso, la premessa da tener

Dettagli

OPERATORE ELETTRONICO

OPERATORE ELETTRONICO CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA PROGETTARE IN EUROPA Risultati attesi La partecipazione ad un bando europeo presuppone, prima di tutto, lo sviluppo di un idea progettuale contenutisticamente

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Corso Serale I.G.E.A. LA FORMAZIONE TRA SCUOLA ED AZIENDA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 DIRIGENTE SCOLASTICO : Dott.ssa ADDOLORATA BRAMATO RESPONSABILE DEL PROGETTO :Prof.ssa LOREDANA CAROPPO REFERENTE SCUOLA

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale Descrizione degli strumenti e delle metodologie didattiche Lo sviluppo dell attività di formazione degli apprendisti in termini di competenze di base e trasversali sviluppa il suo percorso attraverso incontri

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE U Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un

Dettagli

Chi sono. Progettista di Formazione. Giudice di Gara dal 1972. Giudice di Partenza Nazionale dal 1981

Chi sono. Progettista di Formazione. Giudice di Gara dal 1972. Giudice di Partenza Nazionale dal 1981 Chi sono Francesco lo Basso Molfetta (Ba) Progettista di Formazione Giudice di Gara dal 1972 Giudice di Partenza Nazionale dal 1981 Esperienze specifiche: Tutor Progetto Formazione Giovani Obiettivi Acquisire

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale?

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale? Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale? Tempistica 40-45 minuti Competenze Competenza 27 conoscere i percorsi professionali di un area

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano Unione Europea ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano RELAZIONE FINALE della FUNZIONE STRUMENTALE per l AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

Dettagli

PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015

PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015 NOVEMBRE 2015 PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015 A CURA DI SALVATORE PAPPALARDO Come anticipato nella legge 107 al comma 118 il 27 ottobre 2015 è stato pubblicato il decreto ministeriale

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri F. Brunelleschi Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 PRESENTAZIONE DEL CORSO SERALE PROGETTO SIRIO Il CORSO SERALE A partire

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani

Progetto giovani, oggi e domani Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Ceresole d Alba (cn) Pocapaglia (cn) Sanfrè (cn) Sommariva Perno (cn) In collaborazione con Consorzio Socio Assistenziale

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08 Ufficio stage "formazienda" Incubatore di imprese innovative (Centro ISO - Industrial Spin-Off); Sportello informativo Start-up I.F.eG. (Imprenditorialità Femminile e Giovanile) Rilevazione annuale presso

Dettagli

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale Gruppo di progetto: Dirigente scolastico Referente di Istituto Tutor di classe ANALISI DEI BISOGNI

Dettagli

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti.

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti. ALLEGATO A Apprendistato 2013 2015 PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE (art. 5 D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167 ) (art. 41 della Legge regionale 11 maggio 2009 n. 18) PROTOCOLLO DI INTESA TRA la Regione Liguria

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

L esperienza dell Università di Bologna

L esperienza dell Università di Bologna PON GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA ASSE E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico 5.1 Performance PA Linea 2 WEBINAR Ciclo delle Performance nelle Università: La programmazione della formazione e il

Dettagli

I. Il progetto Andiamo a Lavorare!

I. Il progetto Andiamo a Lavorare! Andiamo a Lavorare! I. Il progetto Andiamo a Lavorare! I. Come è nato Il progetto Andiamo a lavorare! nasce dall incontro tra una Amministrazione Comunale di Canale Monterano,, gli Operatori del Servizio

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

Istituto Statale Polispecialistico San Paolo www.isusanpaolo.it SEDE ASSOCIATA: Piazza Tasso, 1 - Sorrento (NA) - tel. e fax 081 807 31 42

Istituto Statale Polispecialistico San Paolo www.isusanpaolo.it SEDE ASSOCIATA: Piazza Tasso, 1 - Sorrento (NA) - tel. e fax 081 807 31 42 Istituto Statale Polispecialistico San Paolo www.isusanpaolo.it SEDE ASSOCIATA: Piazza Tasso, 1 - Sorrento (NA) - tel. e fa 081 807 31 42 SCHEDA DI PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO FISCO SCUOLA CLASSE

Dettagli

Artability. Tlab - 1 interim report

Artability. Tlab - 1 interim report Artability Tlab - 1 interim report Introduzione Il progetto Artability è un progetto biennale per lo scambio di buone pratiche che possono motivare le persone con disabilità di partecipare al processo

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale Allegato 4 Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale L articolo 18, comma 2 del D.lgs. n. 226/2005 prevede, quale

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli