DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE."

Transcript

1 DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE. Approvata con Deliberazione del Direttore Generale n. 762 del pubblicata in data (Vers. 1.0) 1

2 Indice Art. 1 Oggetto pag. 3 Art. 2 Norme di riferimento pag. 3 Art. 3 Requisiti e procedura per l assegnazione e revoca pag. 3 Art. 4 Assegnatari e livelli di sbarramento pag. 4 Art. 5 Utilizzo delle utenze cellulari pag. 5 Art. 6 Custodia e manutenzione degli apparati cellulari pag. 5 Art. 7 Opzione per telefonate diverse da quelle di servizio pag. 6 Art. 8 Responsabilità dell assegnatario pag. 6 Art. 9 Rendicontazione e controlli sul traffico generato pag. 7 Art. 10 Norme transitorie pag. 7 Art. 11 Entrata in vigore pag. 7 2

3 ART. 1 OGGETTO. Il presente regolamento è volto a: definire i criteri per l assegnazione degli apparati di telefonia mobile nell AUSL di Ravenna; disciplinare l utilizzo degli stessi apparati e dei relativi servizi erogati; stabilire le norme comportamentali valide per tutti i soggetti che, a qualunque titolo, abbiano in affidamento i predetti apparati, anche se assegnati precedentemente alla stesura della presente disciplina. ART. 2 NORME DI RIFERIMENTO. Per quanto attinente il presente regolamento, si fa riferimento: alle norme relative alla legge 244/07 (finanziaria 2008); alla direttiva del Ministero della Funzione Pubblica del 30 ottobre 2001 sui sistemi di telefonia ed i sistemi connessi di telecomunicazione delle pubbliche amministrazioni; al vigente regolamento dell AUSL di Ravenna in materia di trattamento di dati sensibili e giudiziari; ad ogni altra norma attinente in materia. ART. 3 REQUISITI E PROCEDURA PER L ASSEGNAZIONE E REVOCA. 1. La richiesta di assegnazione dell utenza cellulare (e il dispositivo ad essa associata) è demandata esclusivamente al dirigente responsabile del servizio di appartenenza, inviata per la necessaria autorizzazione al responsabile della macrostruttura di riferimento, motivandola con le effettive esigenze per cui sussiste la necessità di attribuzione ed in ogni caso secondo i criteri di seguito specificati: rintracciabilità di personale avente incarichi dirigenziali al fine di garantire tempestivi interventi di carattere decisionale; rintracciabilità del personale che per motivi professionali ha necessità di continui spostamenti dalla propria sede abituale di servizio per specifici incarichi professionali e per il quale c è necessità di costante rintracciabilità per esigenze di servizio; esigenze connesse al servizio di pronta disponibilità sia in ambito sanitario che tecnico; esigenze di comunicazione motivate da particolari ragioni di urgenza ed emergenza (118, servizio di continuità assistenziale, assistenza infermiestica domiciliare, continuità di erogazione dei servizi AUSL correlata ad esigenze strutturali, impiantistiche, tecnologiche); nel caso in cui non sia possibile garantire le condizioni indicate nei punti suddetti con apparati di telefonia fissa o con altri strumenti; 2. La richiesta di cui al precedente comma, nella quale devono essere obbligatoriamente riportati, pena la decadenza della stessa, il criterio di sbarramento e l eventuale attribuzione dei servizi aggiuntivi di cui al successivo art. 4, deve essere preventivamente autorizzata dalla direzione di riferimento, individuata, correlativamente alla fattispecie dell assegnazione richiesta, nel report per articolazione del piano dei centri di costo per articolazione e strutture di responsabilità consultabile nella sezione Controllo di gestione, area Attività di cui si riporta prospetto riassuntivo di seguito: DIP01 Direzione generale e staff DIP02 Direzione del dipartimento amministrativo DIP03 Direzione sanitaria aziendale DTFA, DTLU, DTRA Direzione di distretto sanitario HOFA, HOLU, HORA Direzione di presidio ospedaliero PREV Direzione del dipartimento di salute pubblica 3

4 UOC926 Direzione dell assistenza ospedaliera 3. La richiesta dovrà essere inoltrata all U.O. Attività Tecniche che, in presenza dell autorizzazione della direzione di riferimento di cui al precedente comma 2, attiva l iter di assegnazione dell apparato; 4. L U.O. Attività Tecniche procede alla consegna dell utenza al servizio richiedente secondo quanto disposto nella procedura agli atti con prot /D.TEC.RA del pubblicata nel sito Intranet aziendale nella sezione Per gli operatori, area Modulistica. L assegnatario, o chi per esso, all atto della consegna sottoscrive apposito verbale di consegna ; 5. Qualora, per qualunque motivazione, vengano meno le esigenze per la detenzione e l utilizzo dell utenza cellulare, deve essere inviata tempestivamente da parte del dirigente responsabile apposita comunicazione all U.O. Attività Tecniche; 6. A fronte del verificarsi delle condizioni per la revoca dell assegnazione, al venir meno delle esigenze di servizio o in caso di violazione agli obblighi relativi all uso e custodia dell utenza cellulare e del relativo apparato radiomobile, ai sensi del precedente comma 5, l U.O. Attività Tecniche provvede al ritiro rilasciando apposita attestazione di riconsegna; 7. Nel caso di cessazione del servizio per raggiunti limiti di età, cessazione della carica per qualsiasi motivo o trasferimento ad altro ente l assegnatario può procedere alla restituzione dell utenza secondo quanto disposto al precedente comma 6 oppure può richiedere il subentro (personale o da parte del nuovo ente di appartenenza) previa compilazione di apposito modulo da richiedere all U.O. Attività Tecniche; 8. Il mancato rispetto delle condizioni di restituzione dell utenza cellulare e dell apparato ad essa associata, a seguito di revoca, comporterà il blocco della scheda SIM, mentre la mancata o incompleta restituzione dell apparato e dei relativi accessori comporteranno l addebito del costo del riscatto dell apparato telefonico. ART. 4 ASSEGNATARI E LIVELLI DI SBARRAMENTO. 1. L assegnazione avviene, oltreché con i criteri e per i servizi di pronta disponibilità di cui all art. 3 del presente regolamento, anche per le seguenti figure: a) direttore generale, direttore amministrativo, direttore sanitario; b) direttori di presidio ospedaliero, distretto o dipartimento; c) direttori di unità operative complesse. 2. E esclusa la concessione dell utenza cellulare soggetti diversi da quelli indicati nel presente articolo. 3. Le utenze cellulari intestate all AUSL di Ravenna sono state configurate e personalizzate all interno di una rete privata virtuale (RPV) in modo da consentire livelli di sbarramento alle chiamate uscenti secondo quanto sotto indicato: a) abilitazione RAM rete aziendale mobile e fissa (è possibile effettuare chiamate solamente verso utenze intestate all AUSL di Ravenna, siano esse fisse o mobili); b) abilitazione OPEN rete nazionale mobile e fissa (è possibile effettuare chiamate verso tutte le utenze del territorio nazionale, siano esse fisse o mobili); c) abilitazione OPEN internazionale (come la precedente con la possibilità di eseguire e ricevere chiamate da e verso l estero); d) abilitazione M2M (solo traffico dati). 4. Al momento della consegna tutte le utenze sono configurate nel livello di sbarramento indicato alla lett. a) ed abilitate elusivamente all invio e ricezione di SMS. Sono disabilitate all invio/ricezione di MMS, al traffico dati e alle videochiamate. In ogni caso possono effettuare chiamate verso tutti i numeri di emergenza. 4

5 5. Nella richiesta di attribuzione di nuova utenza cellulare devono essere obbligatoriamente specificati e motivati il livello di sbarramento e gli eventuali servizi aggiuntivi da abilitare (MMS, traffico dati, videochiamate) da assegnare all utenza stessa; per il livello di cui alla lett. d) è necessario specificare se all utenza cellulare deve essere associato un profilo a consumo oppure flat disciplinati dal contratto stipulato con il gestore assegnatario. ART. 5 UTILIZZO DELLE UTENZE CELLULARI. 1. L apparato di telefonia mobile deve essere utilizzato esclusivamente per ragioni di servizio e nell interessse dell Ente e non può essere ceduto dagli assegnatari ad altri dipendenti o a terzi; 2. L assegnatario dell utenza cellulare, qualora si trovi all interno di strutture dell AUSL di Ravenna, è tenuto ad utilizzare, ove possibile, gli apparecchi di rete fissa; 3. Gli assegnatari hanno l obbligo di mantenere l apparato di telefonia mobile in funzione durante l orario di servizio stabilito dal CCNL in vigore, durante le ore di reperibilità (se previste), nei momenti di assenza dall ordinaria postazione di lavoro (non potendo, in tal caso, essere rintracciabile tramite l apparato di telefonia fissa) nonché in tutti i casi in cui esistano esigenze di immediata rintracciabilità; 4. La durata delle chiamate, verificata la relativa necessità, deve essere la più breve possibile in base alle esigenze di servizio e di mandato, utilizzando altresì il sistema dei messaggi di testo in caso di comunicazioni brevi; 5. Il trasferimento di chiamate dal telefono mobile assegnato verso un numero privato non è consentito, salvo esigenze di forza maggiore (servizio di prontà disponibilità in presenza di apparato cellulare guasto od altre emergenze); 6. Ciascun assegnatario è responsabile, anche penalmente, del corretto uso dell utenza cellulare e dell apparato ad essa associata (non è consentita l assegnazione di apparati cellulari privi di scheda SIM). Nel caso in cui si tratti di utenza preposta a servizi di pronta disponibilità e soggetta ad un passamano fra dipendenti del servizio assegnatario, l uso corretto è demandato in prima istanza ai dipendenti che ne fanno uso ed in seconda al dirigente responsabile del servizio stesso; 7. Gli apparati di telefonia mobile devono essere utilizzati per ragioni di servizio, ferma restando la facoltà delle chiamate personali con addebito mediante la formula denominata dual billing/doppia fatturazione, secondo le modalità di cui all art. 7. E fatto tassativo divieto di generare addebiti all AUSL di Ravenna attraverso un utilizzo improprio dell apparato di telefonia mobile. ART. 6 CUSTODIA E MANUTENZIONE DEGLI APPARATI CELLULARI. 1. L assegnatario si impegna a custodire e usare con diligenza l apparato di telefonia mobile di servizio e i relativi accessori, per tutta la durata dell assegnazione e fino al momento della sua restituzione; 2. In caso di malfunzionamento, l assegnatario dell apparato dovrà darne tempestiva comunicazione all U.O. Attività Tecniche che provvederà alla sostituzione. L attività di manutenzione è disciplinata dal contratto con il gestore assegnatario; 3. In caso di furto o smarrimento, l assegnatario dovrà darne tempestiva comunicazione all U.O. Attività Tecniche che provvederà al blocco/sostituzione della scheda SIM; inoltre, dovrà provvedere personalmente e rapidamente a sporgere denuncia alla competente autorità giudiziaria e ad inviarne copia alla stessa U.O. Attività Tecniche per il completamento delle pratiche di reintegro dell apparato stesso; 5

6 4. Solo in caso di smarrimento, in mancanza di idonee giustificazioni in ordine alle circostanze dello smarrimento, l eventuale addebito forfettario effettuato dal gestore di telefonia mobile, nei modi e nei termini previsti dal contratto al momento vigente, sarà a carico del soggetto utilizzatore. ART. 7 OPZIONE PER TELEFONATE DIVERSE DA QUELLE DI SERVIZIO. 1. Su tutte le utenze cellulari dell AUSL di Ravenna è possibile attivare un contratto di tipo dual billing (doppia fatturazione) che consente la fatturazione separata delle telefonate effettuate a titolo personale. Tale opzione implica che le telefonate personali siano effettuate componendo, prima del numero da chiamare, un codice di prefisso, il quale attiva l addebito di tali telefonate alla destinazione di fatturazione specificata dall assegnatario; 2. E obbligatorio compilare i moduli che verranno consegnati dall U.O. Attività Tecniche, contestualmente al verbale di consegna all atto dell assegnazione, per l attivazione della formula dual billing (cfr. art. 5 comma 7). Su tali moduli andranno riportati i dati necessari per consentire l addebito del traffico personale (residenza, domiciliazione bancaria o numero di carta di credito) e la relativa autorizzazione al trattamento dei dati personali. Una volta compilati andranno reinoltrati all U.O. Attività Tenciche che preocederà all attivazione del contratto; 3. Tutti i costi per i messaggi (SMS e/o MMS, compresi eventuali servizi interattivi) inviati a numerazioni di rete mobile non facenti parte del contratto dell AUSL di Ravenna saranno addebitati sul contratto personale. In questo caso non è necessario anteporre il codice di prefisso di cui al comma 1. Si specifica che i servizi interattivi sono attivabili esclusivamente dall utenza assegnata ed in nessun altro modo; 4. L addebito del traffico dati sul contratto personale è possibile previa configurazione dell apparato assegnato da richiedere all U.O. Attività Tecniche. In questo caso non è prevista opzione flat ma solo a consumo alle medesime tariffe previste dal contratto sottoscritto con il gestore assegnatario; 5. Non sono supportate dal contratto dual billing le chiamate internazionali, il roaming internazionale, le videochiamate, il trasferimento di chiamata e, pertanto, risultano sempre in carico all AUSL di Ravenna. La valorizzazione di tale tipologia di traffico telefonico ad uso personale, dovrà essere richiesta dall assegnatario all U.O. Attività Tecniche che provvederà a chiederne l addebito sul cedolino stipendiale; 6. Le chiamate personali effettuate per errore, in contrasto con quanto previsto nel presente articolo, o per altri motivi impropriamente dall utenza cellulare, dovranno essere tempestivamente segnalate all U.O. Attività Tecniche, che provvederà a richiederne l addebito sul cedolino stipendiale; 7. L opzione di cui al presente articolo non è in ogni caso applicabile nella situazione in cui sia assegnata un utenza soggetta a passamano ; in tal caso non è pertanto possibile effettuare telefonate diverse da quelle di servizio; 8. Alle chiamate di tipo personale sono applicate le medesime tariffe applicate alle chiamate di tipo aziendale e previste dal contratto sottoscritto con il gestore assegnatario. ART. 8 RESPONSABILITA DELL ASSEGNATARIO. 1. L assegnazione dell apparato di telefonia mobile dà luogo alle forme di responsabilità previste dalla legge e dai regolamenti per i consegnatari dei beni mobili; 2. L assegnatario è responsabile della tutela dei beni a lui affidati. Lo stesso è quindi responsabile della custodia e del corretto utilizzo dell apparato cellulare, fin dal momento della sottoscrizione del verbale di consegna ; 6

7 3. L assegnatario dell apparato di telefonia mobile di servizio è tenuto alla piena conoscenza di tutte le funzioni e modalità descritte nei manuali d uso, nonché alla conservazione degli stessi; 4. L assegnatario è altresì personalmente responsabile di qualsiasi danno che possa derivare da sue azioni od omissioni, salvo il verificarsi di eventi attribuiti al caso fortuito o alla forza maggiore; 5. A seguito dell assegnazione, il possesso e l utilizzo del terminale mobile, dà luogo alle forme di responsabilità previste dal vigente regolamento; 6. Copia del presente regolamento è consegnata ad ogni assegnatario, da firmare per conoscenza ed accettazione, affinchè ne abbia piena conoscenza. ART. 9 RENDICONTAZIONE E CONTROLLI SUL TRAFFICO GENERATO. 1. E demandato al dirigente responsabile del servizio (e di conseguenza del centro di costo ad esso associato) il monitoraggio sull andamento del traffico telefonico di tutte le utenze cellulari in carico al proprio centro di costo allo scopo di impedire usi impropri e indiscriminati delle utenze; 2. Le modalità di monitoraggio, compatibilmente con gli strumenti disponibili, possono essere richieste all U.O. Attività Tecniche esclusivamente dal dirigente responsabile del centro di costo assegnato al proprio servizio; 3. Le Direzioni di macrostruttura a cui i servizi fanno riferimento hanno la facoltà di richiedere, tramite l U.O. Attività Tecniche che ne cura l archiviazione, le rendicontazioni del traffico telefonico generato allo scopo di accertare il corretto uso delle utenze cellulari di servizio. Nel rispetto della normativa in tema di tutela della riservatezza i tabulati sono forniti dal gestore con il livello di oscuramento previsto; 4. Qualora vengano riscontrate anomalie nell utilizzo delle utenze cellulari la Direzione di macrostruttura adotterà gli opportuni provvedimenti di competenza. In casi specifici potranno essere richieste all assegnatario le giustificazioni ritenute necessarie; 5. Nei casi in cui vengano riscontrati effettivi abusi dell utilizzo dell utenza cellulare, che hanno generato addebiti improrpi a carico dell AUSL di Ravenna, l assegnatario è tenuto a risarcire l AUSL di Ravenna per il danno arrecato fatte salve eventuali responsabilità penali e disciplinari. ART. 10 NORME TRANSITORIE. Gli attuali assegnatari di utenze cellulari dovranno provvedere a regolarizzare la propria assegnazione, conformandosi al presente regolamento entro 60 gg. dall approvazione dello stesso. ART. 11 ENTRATA IN VIGORE. Il presente regolamento entrerà in vigore 15 gg. dopo la pubblicazione della Deliberazione del Direttore Generale di approvazione e verrà diffuso mediante comunicazione mail everyone. 7

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 215/20.12.2012 In vigore dal 1 febbraio 2013

Dettagli

DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE

DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE Allegato al Regolamento per l ordinamento degli Uffici e dei Servizi COMUNE DI PARMA DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE Approvata con deliberazione della Giunta

Dettagli

C O M U N E D I L E I N I

C O M U N E D I L E I N I Regolamento per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi di telefonia mobile dell Ente Indice Titolo 1 Definizioni...2 Articolo 1 Finalità...2 Articolo 2 Definizioni...2 Articolo 3 Suddivisione degli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI AREA INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE SISTEMI INFORMATIVI REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

Regolamento per la disciplina dell assegnazione e dell utilizzo degli apparati di telefonia mobile

Regolamento per la disciplina dell assegnazione e dell utilizzo degli apparati di telefonia mobile COMUNE DI ARNAD REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA Regolamento per la disciplina dell assegnazione e dell utilizzo degli apparati di telefonia mobile Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 75

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE REGIONE VENETO AZIENDA U.L.S.S. 16 PADOVA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina le modalità per l assegnazione

Dettagli

1. L uso del telefono cellulare di servizio e di strumenti per la connettività IP da rete mobile,

1. L uso del telefono cellulare di servizio e di strumenti per la connettività IP da rete mobile, All. a) alla deliberazione della G.E. nr. 90 del 29/8/2011 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI TELEFONIA MOBILE DELLA COMUNITÀ MONTANA VALLI DEL VERBANO Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente

Dettagli

Città di Nichelino Provincia di Torino REGOLAMENTO TELEFONIA MOBILE

Città di Nichelino Provincia di Torino REGOLAMENTO TELEFONIA MOBILE Città di Nichelino Provincia di Torino REGOLAMENTO TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 59 del 28.6.2011 ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA ART. 3 SOGGETTI AUTORIZZATI ART. 4

Dettagli

Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari

Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 109 del 12/05/2009, modificato con Delibera di Giunta Comunale n. 156 del 09/07/2009 1 SOMMARIO

Dettagli

provinciadisalerno REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI DI SERVIZIO

provinciadisalerno REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI DI SERVIZIO provinciadisalerno REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI DI SERVIZIO Approvato con delibera di Giunta N. 74 del 14 marzo 2012 ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITÀ ART. 3 PROFILI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE E DELL USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE E DELL USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE UNIVERSITÀ PER STRANIERI DANTE ALIGHIERI Reggio Calabria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE E DELL USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE MEDAlics Centro di Ricerca per le Relazioni

Dettagli

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI LATINA

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI LATINA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI LATINA REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI REGIONE LAZIO REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI

Dettagli

Servizio Tecnico Servizio Informatico Aziendale REVISIONE DELIBERA DI APPROVAZIONE N.1858 DEL 12.10.2011 1.0. Data ultima modifica:

Servizio Tecnico Servizio Informatico Aziendale REVISIONE DELIBERA DI APPROVAZIONE N.1858 DEL 12.10.2011 1.0. Data ultima modifica: REGOLAMENTO AZIIENDALE PER L UTIILIIZZO DELLA TELEFONIIA MOBIILE REVISIONE 1.0 Servizio Tecnico Servizio Informatico Aziendale DELIBERA DI APPROVAZIONE N.1858 DEL 12.10.2011 Data ultima modifica: REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE (Approvato con Deliberazione C.P. n 74 del 10/11/2011)

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE (Approvato con Deliberazione C.P. n 74 del 10/11/2011) COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE (Approvato con Deliberazione C.P. n 74 del 10/11/2011) Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

COMUNE DI CITTÀ DI CASTELLO

COMUNE DI CITTÀ DI CASTELLO COMUNE DI CITTÀ DI CASTELLO Provincia di Perugia REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE UTENZE SIM E DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE DI PROPRIETÀ COMUNALE Approvato con atto di G.C. n 415

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE E DELL USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE AL PERSONALE DELL ATENEO Emanato con D.R. Rep. n. 631/ prot. n. 9892 del 17/05/. In vigore dall 01/06/.

Dettagli

Regolamento per l assegnazione e l uso di apparecchiature di telefonia mobile. Adottato con delibera di G. C. n. 132 del 10.3.2005

Regolamento per l assegnazione e l uso di apparecchiature di telefonia mobile. Adottato con delibera di G. C. n. 132 del 10.3.2005 Regolamento per l assegnazione e l uso di apparecchiature di telefonia mobile Adottato con delibera di G. C. n. 132 del 10.3.2005 1 Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE INDICE: Articolo 1 Oggetto del regolamento Articolo 2 Norme di riferimento Articolo 3 Ambito di applicazione e finalità Articolo 4 Soggetti autorizzati Articolo 5

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE E DELL USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE AL PERSONALE DIPENDENTE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL'INSUBRIA Emanato con D.R. 17 maggio 2011, n.

Dettagli

Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI APPARECCHI TELEFONICI CELLULARI DI SERVIZIO

Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI APPARECCHI TELEFONICI CELLULARI DI SERVIZIO Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI APPARECCHI TELEFONICI CELLULARI DI SERVIZIO 1 INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità Art. 2 Principi di assegnazione e di utilizzo

Dettagli

CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato

CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA TELEFONIA MOBILE COMUNALE Approvato con atto di G.C. n 9 del 13.04.2011 1 INDICE GENERALE Art.1 Oggetto e ambito di applicazione

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo nella seduta del 14 aprile 2015 INDICE: Articolo

Dettagli

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Protocollo/Segreteria: 0171.925240 fax 0171.925249 Via Roma, 32 CAP 12015 Provincia di Cuneo P.IVA 00461550048 C.F.80003770049 http://www.limonepiemonte.it Comune Certificato

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008)

REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008) COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008) Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI SAVIANO Provincia di Napoli

COMUNE DI SAVIANO Provincia di Napoli Pag. 1 di 6 COMUNE DI SAVIANO Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE Il presente regolamento è stato approvato con delibera del Commissario

Dettagli

CITTA' DI BUCCHIANICO

CITTA' DI BUCCHIANICO CITTA' DI BUCCHIANICO Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E L'USO DELLE UTENZE SIM E DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE DI PROPRIETÀ COMUNALE Approvato con atto della Giunta Comunale

Dettagli

COMUNE DI OLBIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DELLA TELEFONIA CELLULARE

COMUNE DI OLBIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DELLA TELEFONIA CELLULARE COMUNE DI OLBIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DELLA TELEFONIA CELLULARE ~ 2 ~ Sommario Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Suddivisione dei cellulari... 3 Articolo 3 Cellulari ad uso esclusivo...

Dettagli

Sistemi Informativi e Informatici Aziendali Ausl Viterbo Referente telefonia mobile: Federico Ricci (0761-236762) Alessandro Poleggi (0761 237037)

Sistemi Informativi e Informatici Aziendali Ausl Viterbo Referente telefonia mobile: Federico Ricci (0761-236762) Alessandro Poleggi (0761 237037) Sistemi Informativi e Informatici Aziendali Ausl Viterbo Referente telefonia mobile: Federico Ricci (0761-236762) Alessandro Poleggi (0761 237037) REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE

Dettagli

COMUNE DI CERESETO. REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari

COMUNE DI CERESETO. REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari COMUNE DI CERESETO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 30 in data 21/11/2008) Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI SAN LORENZO NUOVO Provincia di Viterbo

COMUNE DI SAN LORENZO NUOVO Provincia di Viterbo COMUNE DI SAN LORENZO NUOVO Provincia di Viterbo Cod. Fisc e Part. IVA 00238480560 - Piazza Europa 32 - Tel.0763/72681 - Fax 0763/7268221 REGOLAMENTO DELL'ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE 1 REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI VITTORIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE 1 REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE COMUNE DI VITTORIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE 1 REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE Allegato alla Delibera di Giunta Municipale n. 529 del 16/07/2009 Art. 1 Il

Dettagli

Regolamento per la disciplina dell'utilizzo dei telefoni cellulari INDICE

Regolamento per la disciplina dell'utilizzo dei telefoni cellulari INDICE Via Garibal, 1 APPOVATO CON DELIBEA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 33 del 28 aprile 2016 Regolamento per la sciplina dell'utilizzo dei telefoni cellulari INDICE Articolo 1 Oggetto del Regolamento Articolo 2

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE AZIENDALE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO - Art. 2 NORME DI RIFERIMENTO - Art.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 54 /G del 11/03/2015 ( CON I POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA COMUNALE) Oggetto: Modifica disciplinare telefonia mobile =====================================================================================

Dettagli

COMUNE DI PINZOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI ART. 6 OPZIONE PER TELEFONATE DIVERSE DA QUELLE DI SERVIZIO

COMUNE DI PINZOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI ART. 6 OPZIONE PER TELEFONATE DIVERSE DA QUELLE DI SERVIZIO COMUNE DI PINZOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA ART. 3 SOGGETTI AUTORIZZATI ART. 4 UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI ART. 5 GRUPPI DI UTENTI UTILIZZATORI

Dettagli

mobili. Prot. n. 8626 Titolo: III - Classe 1 IL RETTORE

mobili. Prot. n. 8626 Titolo: III - Classe 1 IL RETTORE Decreto n. 379 Regolamento di Ateneo per l acquisto e la gestione di apparecchi telefonici mobili. Prot. n. 8626 Titolo: III - Classe 1 IL RETTORE VISTO l art. 9 dello Statuto dell Università degli Studi

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Ufficio del Capo del Dipartimento

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Ufficio del Capo del Dipartimento Prot. n. LETTERA CIRCOLARE Roma, XI - 2-* GDAP-0423759-2012 PU-GDAP-iaOO-27/71/2012-0423759-2012 All' - Ufficio dell'organizzazione e delle relazioni - Ufficio rapporti con le regioni - Ufficio studi,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 25

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 25 C O M U N E D I A Y A S Regione Autonoma Valle d'aosta Copia Albo C O M M U N E D' A Y A S Région Autonome de la Vallée d'aoste VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 25 OGGETTO: MODIFICA AL

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO DISCIPLINARE PER L ASSEGNAZIONE E L USO DEI TELEFONI CELLULARI Approvato con Deliberazione di G. M. n. 311 del 30.07.2008 1 ART. 1 ART. 2 OGGETTO FINALITÀ ART.3 AMBITO DI

Dettagli

Disposizioni per la concessione e l utilizzo delle SIM e Chiavette per trasmissione dati

Disposizioni per la concessione e l utilizzo delle SIM e Chiavette per trasmissione dati Disposizioni per la concessione e l utilizzo delle SIM e Chiavette per trasmissione dati Emissione Verifica Approvazione Nomi Servizio Informatico e Telecomunicazioni Dirigente Servizio Informatico e Telecomunicazioni

Dettagli

Direttiva del servizio di telefonia mobile e di supporto alle comunicazioni in mobilità

Direttiva del servizio di telefonia mobile e di supporto alle comunicazioni in mobilità IL DIRETTORE GENERALE Davide Bergamini Direttiva del servizio di telefonia mobile e di supporto alle comunicazioni in mobilità Art. 1 Caratteristiche del Servizio e finalità 1. il Servizio di telefonia

Dettagli

PROVINCIA DI BARI REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI DI SERVIZIO

PROVINCIA DI BARI REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI DI SERVIZIO PROVINCIA DI BARI REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI DI SERVIZIO ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINAI-ITÀ ART. 3 PROFILI DI ABILITAZIONE ART. 4 SOGGETTI AUTORIZZATI ALL'ASSEGNAZIONE

Dettagli

DIPARTIMENTO INTERAZ. ICT OGGETTO: APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO AZIENDALE PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DI UTENZE DELLA TELEFONIA MOBILE

DIPARTIMENTO INTERAZ. ICT OGGETTO: APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO AZIENDALE PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DI UTENZE DELLA TELEFONIA MOBILE DIPARTIMENTO INTERAZ. ICT DATA: 19/07/2012 DELIBERA N. 210 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO AZIENDALE PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DI UTENZE DELLA TELEFONIA MOBILE IL DIRETTORE GENERALE Vista la

Dettagli

COMUNE DI ROMANENGO Provincia di Cremona. Regolamento per la disciplina dell'utilizzo degli apparecchi cellulari

COMUNE DI ROMANENGO Provincia di Cremona. Regolamento per la disciplina dell'utilizzo degli apparecchi cellulari COMUNE DI ROMANENGO Provincia di Cremona Regolamento per la disciplina dell'utilizzo degli apparecchi cellulari * Adottato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 18 del 11.02.2011 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

D E L I B E R A N. 2 74

D E L I B E R A N. 2 74 Prot. n 789/2015 VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 18 FEBBRAIO 2015 D E L I B E R A N. 2 74 L'anno 2015 (duemilaquindici), il giorno di venerdì 18 del mese di febbraio, alle

Dettagli

REGOLAMENT0 PER LA GESTIONE DELLA TELEFONIA MOBILE DELL ASP DI ENNA

REGOLAMENT0 PER LA GESTIONE DELLA TELEFONIA MOBILE DELL ASP DI ENNA ALLEGATO alla delibera C.S. n.389 del 01/03/13 REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE ENNA REGOLAMENT0 PER LA GESTIONE DELLA TELEFONIA MOBILE DELL ASP DI ENNA Regolamento gestione telefonia mobile

Dettagli

# $ % & '& ( ) * ' ( + &,. ' & & /& 0 1 ' & 5 6-1 ' 6 7 5 ' & & * * %++)%#(!$%"' #, )-(+. % ' &

# $ % & '& ( ) * ' ( + &,. ' & & /& 0 1 ' & 5 6-1 ' 6 7 5 ' & & * * %++)%#(!$%' #, )-(+. % ' & COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto!" # $ % ( ) * ( +!" #!$% (, -*,. / 0 1 2 *! ($ ) ( ( $ 2. 3 * # * 4 %# 5 6-1 6 7 5 * * %++)%#(!$%" #, )-(+. %, ( * 7 8. 4 4 9 8. / / " *6 6 4 ) : ; < 5 2= 6 +

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli

Regolamento di utilizzo dei servizi di telefonia fissa e mobile

Regolamento di utilizzo dei servizi di telefonia fissa e mobile Regolamento di utilizzo dei servizi di telefonia fissa e mobile Estratto da "http://areatlc.uniroma3.it/" - Ultima modifica: 1 gennaio 2011. Indice 1 Obiettivo e ambito di applicazione 2 ACCESSO E UTILIZZO

Dettagli

NOTA INFORMATIVA - SERVIZI DI BASE per l adesione alla Convenzione di telefonia mobile del DAP-EAP

NOTA INFORMATIVA - SERVIZI DI BASE per l adesione alla Convenzione di telefonia mobile del DAP-EAP NOTA INFORMATIVA - SERVIZI DI BASE per l adesione alla Convenzione di telefonia mobile del DAP-EAP Per aderire al servizio di telefonia mobile, si può accedere al portale dedicato, raggiungibile al seguente

Dettagli

COMUNE TERTENIA DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE TERTENIA DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE TERTENIA Allegato G.C. 32/2013 DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Finalità Il presente disciplinare persegue

Dettagli

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina)

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI RISERVATI (Simbolo e contrassegno redatto

Dettagli

Regolamentazione telefonia fissa

Regolamentazione telefonia fissa Regolamentazione telefonia fissa Regole per il corretto utilizzo della telefonia fissa Provv. Dir. Gen. n 1631 del 22.12.2011 PREMESSA Premesso che l'utilizzo delle risorse telematiche ed informatiche

Dettagli

DISCIPLINARE PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE

DISCIPLINARE PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE (Approvato con Decreto n.944 del.lj.~ 20\~ DISCIPLINARE PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE Art. 1 - Oggetto del disciplinare Il presente atto disciplina le modalità

Dettagli

Allegato all Ordine UTENZE (SIM) E RELATIVA CONFIGURAZIONE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

Allegato all Ordine UTENZE (SIM) E RELATIVA CONFIGURAZIONE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 1. Compilare il MODULO DATI GENERALI 2. Compilare il MODULO ELENCO SEDI 3. Compilare i moduli relativi alla caratterizzazione e configurazione delle SIM: MODULO NUOVE UTENZE,

Dettagli

Città di Nardò (Provincia di Lecce) Settore Economico Finanziario Servizio Provveditorato

Città di Nardò (Provincia di Lecce) Settore Economico Finanziario Servizio Provveditorato Città di Nardò (Provincia di Lecce) Settore Economico Finanziario Servizio Provveditorato GARA PER L APPALTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO DI TELEFONIA MOBILE Ente appaltante: COMUNE DI NARDO (LE) P.ZA C.

Dettagli

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno Allegato alla delibera camerale n. 145 del 1 ottobre 2013 Regolamento per l utilizzo delle carte di credito Articolo

Dettagli

COMUNE DI SERRA PEDACE (Provincia di Cosenza)

COMUNE DI SERRA PEDACE (Provincia di Cosenza) COMUNE DI SERRA PEDACE (Provincia di Cosenza) Arrea Tecnica Via Roma, 126 87050 Serra Pedace ( CS) REGOLAMENTO Per la locazione e la concessione in uso degli immobili comunali.- (Approvato con deliberazione

Dettagli

Art. 2 Strumenti destinati alla didattica e alle produzioni.

Art. 2 Strumenti destinati alla didattica e alle produzioni. REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE DEGLI STRUMENTI MUSICALI, DELLE APPARECCHIATURE TECNOLOGICHE E DELLA DOTAZIONE DELLE AULE DEL CONSERVATORIO DI MUSICA G. VERDI DI COMO. (art. 14, comma 4 del D.P.R.

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE C.D.A N. 10 IN DATA 15.04.2016 Allegato allo schema di convenzione per la gestione del Servizio di

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Oggetto del disciplinare

Art. 1 Finalità. Art. 2 Oggetto del disciplinare Disciplinare per la concessione in uso gratuito alle autoscuole e/o centri di istruzione della provincia di Agrigento di autovettura multiadattata, di proprietà dell ente, per le esercitazioni pratiche

Dettagli

Aggiornamento: 3 Febbraio 2012. Il bollino NEW identifica i principali cambiamenti nel manuale rispetto alla versione precedente.

Aggiornamento: 3 Febbraio 2012. Il bollino NEW identifica i principali cambiamenti nel manuale rispetto alla versione precedente. Aggiornamento: 3 Febbraio 2012 Il bollino NEW identifica i principali cambiamenti nel manuale rispetto alla versione precedente. ASSISTENZA PARTNER Attiva dal lunedì al sabato, dalle 9:00 alle 20:00 partner@kolme.it

Dettagli

Contratto di Conto Deposito. tra. con sede legale in, in persona del suo Legale. Rappresentante.. nato a.. il C.F., di

Contratto di Conto Deposito. tra. con sede legale in, in persona del suo Legale. Rappresentante.. nato a.. il C.F., di ALLEGATO N. 6 Contratto di Conto Deposito tra con sede legale in, in persona del suo Legale Rappresentante.. nato a.. il C.F., di seguito.. e l Azienda Ospedaliera San Gerardo (con sede in Monza, Via Pergolesi

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER ATTIVAZIONE SIM CARD

NOTA INFORMATIVA PER ATTIVAZIONE SIM CARD NOTA INFORMATIVA PER ATTIVAZIONE SIM CARD Per aderire al servizio di telefonia mobile si può accedere al portale dedicato, raggiungibile al seguente indirizzo: https://77.238.29.17, dove sono presenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA FORESTERIA DELL ISTITUTO REGIONALE PER LA FLORICOLTURA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA FORESTERIA DELL ISTITUTO REGIONALE PER LA FLORICOLTURA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA FORESTERIA DELL ISTITUTO REGIONALE PER LA FLORICOLTURA Approvato con Deliberazione di Comitato Direttivo n.11 del 14/04/2014 Art. 1 GENERALITA L Istituto Regionale per

Dettagli

Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Approvato con deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO Articolo 1 Servizio degli Ausiliari del traffico 1. Il servizio degli Ausiliari del Traffico è disciplinato dal presente regolamento nel rispetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA CARTA DI CREDITO. Art. 5 - Pagamenti di spese sostenute dal personale: inviato in missione.

REGOLAMENTO PER L USO DELLA CARTA DI CREDITO. Art. 5 - Pagamenti di spese sostenute dal personale: inviato in missione. REGOLAMENTO PER L USO DELLA CARTA DI CREDITO INDICE: Art. l - Oggetto del regolamento Art. 2 -Tipologie di spese Art. 3 - Acquisto di beni e servizi Art. 4 - Iscrizione a corsi di formazione, seminari

Dettagli

NORME E CONDIZIONI OPZIONE PREMIUM TRUCK

NORME E CONDIZIONI OPZIONE PREMIUM TRUCK NORME E CONDIZIONI OPZIONE PREMIUM TRUCK TELEPASS (di seguito TLP) offre ai propri Clienti che abbiano sottoscritto il contratto TELEPASS collegato ad un contratto VIACARD di conto corrente (di seguito

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C. n. 21 del 9/6/2011 In vigore dal 3 luglio 2011 1 I N D I C E Art. 1 - Oggetto

Dettagli

INFORMATIVA E TAVOLA DI RAPPORTO DEI DOCUMENTI ELENCATI NELLA S.C.I.A. CON I SINGOLI CASI (allegare alla S.C.I.A.)

INFORMATIVA E TAVOLA DI RAPPORTO DEI DOCUMENTI ELENCATI NELLA S.C.I.A. CON I SINGOLI CASI (allegare alla S.C.I.A.) INFORMATIVA E TAVOLA DI RAPPORTO DEI DOCUMENTI ELENCATI NELLA S.C.I.A. CON I SINGOLI CASI (allegare alla S.C.I.A.) AVVERTENZE PER LA PRESENTAZIONE DELLA S.C.I.A. La S.C.I.A. deve essere depositata in due

Dettagli

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco COMUNE DI PISA Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco (approvato con Deliberazione della G.C. n. 124 del 2009) Art. 1 - Principi generali e definizioni 1. Le presenti norme disciplinano

Dettagli

Consip Mobile 6 sintesi TELECOM ITALIA PUBBLICO

Consip Mobile 6 sintesi TELECOM ITALIA PUBBLICO Consip Mobile 6 sintesi TELECOM ITALIA PUBBLICO 2 3 5 Le sim nascono disabilitate ai dati: quando si attivano devono avere un bundle dati I profili 4GB e 20 GB sono nativi LTE. Quello da 500 Mb no (3G)

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO L) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Associazionismo e Impegno Sociale, C.F. 01386030488 Via di Novoli, 26 50127

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, L UTILIZZO E IL PRESTITO DEI BENI MOBILI DEL LICEO DI STATO CARLO RINALDINI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, L UTILIZZO E IL PRESTITO DEI BENI MOBILI DEL LICEO DI STATO CARLO RINALDINI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, L UTILIZZO E IL PRESTITO DEI BENI MOBILI DEL LICEO DI STATO CARLO RINALDINI Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici

Dettagli

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco 1 COMUNE DI PISA Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco (approvato con Deliberazione della G.C. n. 124 del 1/09/2009) 2 Art. 1 Principi generali e definizioni 1. Le presenti norme

Dettagli

TARIFFE E CORRISPETTIVI

TARIFFE E CORRISPETTIVI TARIFFE E CORRISPETTIVI CONVENZIONE TELEFONIA MOBILE 6 Tariffe e corrispettivi di cui nel seguito non comprendono tasse ed imposte, quali la tassa di concessione governativa, ove applicabile, e l IVA.

Dettagli

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DELLA SPEZIA DENOMINATO Speziainbici

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DELLA SPEZIA DENOMINATO Speziainbici CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DELLA SPEZIA DENOMINATO Speziainbici Il /la sottoscritt Sesso [ ] M [ ] F consapevole delle responsabilità e delle pene previste dall articolo

Dettagli

DENUNCIA NOMINATIVA DEI LAVORATORI OCCUPATI

DENUNCIA NOMINATIVA DEI LAVORATORI OCCUPATI Regolamento Cassa Edile Macerata di cui all art 7 dello Statuto del 02.03.2012, approvato dal Comitato di Gestione n 346 del 5 novembre 2014. (In rosso le modifiche apportate) ARTICOLO 1 DENUNCIA NOMINATIVA

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 170 del 07.11.2011 Indice

Dettagli

Allegato 13. Nomina Amministratore di Sistema

Allegato 13. Nomina Amministratore di Sistema Allegato 13 Nomina Amministratore di Sistema Il presente documento rappresenta un contratto che la struttura Titolare del Trattamento stipula con un soggetto esterno (nominato Amministratore di Sistema)

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Modulo di Subentro

Istruzioni per la compilazione del Modulo di Subentro Istruzioni per la compilazione del Modulo di Subentro Gentile Cliente, prima della compilazione del modulo, la preghiamo di prendere visione dei punti sotto indicati al fine di eseguire la sua richiesta

Dettagli

Modulo di richiesta del servizio di Portabilità per Aziende

Modulo di richiesta del servizio di Portabilità per Aziende Modulo di richiesta del servizio di Portabilità per Aziende Capitale Sociale 2.305.099.887,30 i.v. Di seguito potrà trovare tutte le indicazioni per la compilazione del Modulo di richiesta del Servizio

Dettagli

2. Analisi e verifica delle misure attuate dall Ateneo in materia di telefonia mobile per il conseguimento del contenimento dei relativi costi

2. Analisi e verifica delle misure attuate dall Ateneo in materia di telefonia mobile per il conseguimento del contenimento dei relativi costi Al Direttore Amministrativo SEDE Oggetto: Estratto dalla Relazione relativa all incarico conferito con D. D. n. 1365 dell 8.10.2008 in ordine all applicazione dell articolo 2, comma 597, della legge n.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di SAN GIOVANNI LIPIONI (Provincia di CHIETI) Via Roma, 35-66050 SAN GIOVANNI LIPIONI (CH) * Codice Fiscale e Partita IVA: 00249220690 Telefono e Fax: 0873/952231-0873/952244 * Indirizzo E Mail:

Dettagli

- Indirizzo: Elemedia S.p.A., Servizio Clienti Storie Brevi, Via Cristoforo Colombo n. 98, 00147 Roma.

- Indirizzo: Elemedia S.p.A., Servizio Clienti Storie Brevi, Via Cristoforo Colombo n. 98, 00147 Roma. CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO Gentile Utente, le presenti condizioni generali di contratto (di seguito, Condizioni Generali ) contengono le norme che regolano le modalità e le condizioni attraverso

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL SISTEMA C ENTRO IN BICI. 1) Il sottoscrittore del presente modulo dichiara di essere in possesso dei seguenti requisiti

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL SISTEMA C ENTRO IN BICI. 1) Il sottoscrittore del presente modulo dichiara di essere in possesso dei seguenti requisiti REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL SISTEMA C ENTRO IN BICI 1) Il sottoscrittore del presente modulo dichiara di essere in possesso dei seguenti requisiti che consentono l utilizzo della bicicletta pubblica alla

Dettagli

Comune di San Salvo Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO HOTSPOT WI-FI PUBBLICO

Comune di San Salvo Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO HOTSPOT WI-FI PUBBLICO Comune di San Salvo Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO HOTSPOT WI-FI PUBBLICO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 20 del 30/04/2013 INDICE Premessa Art. 1 - Finalità

Dettagli

Proposta di Abbonamento - Persone Fisiche

Proposta di Abbonamento - Persone Fisiche Proposta di Abbonamento - Persone Fisiche Richiesta Addizionale DATI DEL CLIENTE Denominazione/Insegna (Da compilare solo in caso di Ditta Individuale) Sesso M F Provincia di nascita Nazione di nascita

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI FASCICOLI DEL PERSONALE Agenzia AGRIS Sardegna

MANUALE DI GESTIONE DEI FASCICOLI DEL PERSONALE Agenzia AGRIS Sardegna MANUALE DI GESTIONE DEI FASCICOLI DEL PERSONALE Agenzia AGRIS Sardegna Approvato con determinazione del Direttore Generale n 33/13 del 23.04.2013-2013 - Agenzia AGRIS Sardegna Pagina 1 di 8 Sommario ART.

Dettagli

Regolamento d uso e gestione del Palco Ciaf itinerante

Regolamento d uso e gestione del Palco Ciaf itinerante Regolamento d uso e gestione del Palco Ciaf itinerante INDICE TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO E FINALITA ART. 2 DEFINIZIONE ATTIVITA DI INTERESSE PUBBLICO ART. 3 GESTIONE DEL PALCO TITOLO

Dettagli

Passa a Wind DATI DEL CLIENTE

Passa a Wind DATI DEL CLIENTE Libero Professionista/Artigiano Codice Fiscale Comune di nascita Prov. di nascita / / Documento d Identità di rilascio / / Numero Naz. Comune di nascita Prov. di nascita / / Documento d Identità di rilascio

Dettagli

Spazio riservato timbro della concessionaria

Spazio riservato timbro della concessionaria REGOLAMENTO INTEGRALE ŠKODA ŠuperCard ID Card Il sottoscritto/a Proprietario della vettura Škoda Nome Cognome M F nato a Provincia Comune il codice fiscale residente cap comune provincia indirizzo nr civico

Dettagli

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola (approvate con delibera della Giunta Comunale n. 190 del 28.09.2009) Premessa Il Comune di

Dettagli

Allegato B. Contratto di adesione alla PB-GAS

Allegato B. Contratto di adesione alla PB-GAS Allegato B Contratto di adesione alla PB-GAS Contratto di adesione alla PB-GAS, di cui all articolo 15, comma 15.1, lettera b), del Regolamento della Piattaforma per il bilanciamento del gas TRA Il Gestore

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

Regolamento di economato e degli agenti contabili

Regolamento di economato e degli agenti contabili economato e degli agenti contabili COMUNE DI ROCCA SUSELLA (Provincia di Pavia) Regolamento di economato e degli agenti contabili INDICE TITOLO I - SERVIZIO ECONOMALE - Articolo 1 - Istituzione del servizio

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Proposta di Abbonamento - Persone Giuridiche

Proposta di Abbonamento - Persone Giuridiche Proposta di Abbonamento - Persone Giuridiche Richiesta Addizionale DATI DELLA SOCIETÀ Denominazione/Ragione Sociale Forma giuridica Partita IVA Codice Fiscale Numero di Iscrizione al REA Anno di Iscrizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L UTILIZZO DELLA RETE WI-FI DEL COMUNE DI FOSSALTA DI PIAVE. Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L UTILIZZO DELLA RETE WI-FI DEL COMUNE DI FOSSALTA DI PIAVE. Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L UTILIZZO DELLA RETE WI-FI DEL COMUNE DI FOSSALTA DI PIAVE Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 141 del 17.12.2014 CAPO I PRINCIPI GENERALI, FINALITA E AMBITO

Dettagli