LA FORMAZIONE POST DIPLOMA,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA FORMAZIONE POST DIPLOMA,"

Transcript

1 LA FORMAZIONE POST DIPLOMA, LA FORMAZIONE PROFESSIONALE, LA FORMAZIONE INTEGRATA, LA FORMAZIONE CONTINUA DI SERGIO TREVISANATO * * Segretario Regionale Formazione Lavoro - Regione Veneto

2 Sergio Trevisanato 24

3 LL AA FF F OO RR MM AA ZZ II IOO NN EE La figura dei Segretari Regionali è stata istituita nel 1978 all atto della definizione dello statuto regionale allo scopo di garantire un coordinamento delle aree di intervento, nel caso specifico nell ambito della formazione del lavoro, determinando quindi un interfaccia tra l organo politico e l organo tecnico-amministrativo. Nelle altre regioni tale figura corrisponde al Dirigente Generale per Aree di Coordinamento. Parlare della formazione professionale, soprattutto in questo momento, è abbastanza complicato a causa della continua evoluzione cui è soggetta tale materia soprattutto in riferimento alle competenze. Proveremo a fare un quadro delle norme che nella Regione Veneto riguardano la formazione professionale e dei progetti che la Regione ha avviato e intende avviare in questo campo. Ultimamente si è molto discusso tra governo, sindacati ed enti di forme di stage che prevedano un alternanza di studio e di lavoro. Il Veneto ha una tradizione molto consolidata in materia: è una regione ricca di piccole e medie imprese e la maggior parte degli imprenditori che lavorano in questa realtà si è formata in gran parte attraverso corsi di formazione professionale. All inizio erano corsi divisi in due anni di qualifica e uno di specializzazione e, collocati al termine della scuola dell obbligo, venivano denominati corsi di avviamento al lavoro. In questo campo la regione Veneto continua a rappresentare un esempio a livello Nazionale ed Europeo. Il quadro normativo regionale è molto consolidato e possiamo citare alcune fra le leggi più importanti: la L.R. 10/90, ad esempio, riguarda l ordinamento del sistema della formazione professionale. Essa sta per essere modificata ed unificata alla L.R. n. 31/98 che disciplina le politiche del lavoro e dei servizi all impiego. La L.R. n. 11/2001 non fa altro che ratificare il decreto legislativo 112/1998. Alcune indicazioni numeriche per rappresentare il sistema: circa 900 enti/agenzie di formazione operano nel territorio Veneto; sono stati i corsi di durata variabile tenuti nell anno 2000; gli utenti che li hanno frequentati; di euro è la cifra che le autorità regionali e statali hanno preventivato per il triennio ; ad di euro ammontano le risorse del Fondo Sociale Europeo assegnate al Veneto per il sessennio 2000/

4 Sergio Trevisanato Nel luglio 2002 è stata stipulata l intesa istituzionale tra Regione Veneto e Ministero della Pubblica Istruzione. In essa si stabilisce di articolare un attività sperimentale in 20 scuole: i soggetti potranno scegliere tra il sistema dell istruzione o quello della formazione e questo comporta ovviamente la messa a punto di un sistema che permetta il riconoscimento reciproco dei crediti acquisiti nell uno e nell altro sistema, onde consentire il passaggio dall istruzione alla formazione e viceversa. Il problema fondamentale resta sempre la tipologia del fabbisogno formativo per via di quelle caratteristiche delle imprese venete cui facevamo riferimento prima; non è facile, infatti, stabilire i reali bisogni. Abbiamo cercato di mettere in moto dei meccanismi che coinvolgano le parti sociali, partendo dai dati che ci forniscono le Camere di Commercio o che, comunque, si riferiscono alla situazione nazionale (per quanto la specificità di ciascuna regione spinga a fare delle verifiche puntuali). Con le risorse del Fondo Sociale Europeo abbiamo avviato un azione di sistema che coinvolge enti bilaterali, categorie imprenditoriali, sindacati e associazioni di categoria al fine della definizione dei fabbisogni formativi. Questo dovrebbe consentirci di avere un quadro di prospettiva che si articola in tempi sufficientemente lunghi da permettere la progettazione di proposte formative. Grande importanza è la formazione come strumento di crescita e sviluppo dell impresa: si tratta di un concetto che va esteso a tutte le iniziative formative poiché la formazione viene spesso intesa in modo statico, viene considerata, cioè, come la risoluzione definitiva di un problema; essa, invece, dovrebbe anticipare le azioni e lo sviluppo economico delle attività produttive. Ad esempio, per quanto concerne il problema degli immigrati, molti sostengono che sarebbe meglio predisporre un attività formativa a monte, che possa individuare i bisogni e creare delle professionalità che siano in linea con le esigenze. Per questo stiamo avviando esperienze che puntano su piccoli numeri (50-60 persone), su aree ben determinate (come la Romania), e su settori precisi (turistico, infermieristico, edile). Noi pensiamo che un ente abbia maggior titolo a partecipare ad un attività formativa se ci garantisce che almeno il 70% degli allievi che frequenta un corso trovi un lavoro compatibile con il corso stesso. Ovviamente non è una modalità che risolve ogni tipo di problema, ma garantisce almeno che si portino sul territorio utenti che dispongano di strumenti idonei per costruirsi un futuro. La selezione fatta a monte fa capire se una persona è disposta a sacrificarsi per alcuni mesi; inoltre gli individui che vengono scelti devono avere almeno le risorse necessarie per arrivare in Italia. In Veneto abbiamo individuato alcuni settori strategici come la moda, le biotecnologie, l industria del freddo che sono state, assieme ai 26

5 LL AA FF F OO RR MM AA ZZ II IOO NN EE distretti industriali produttivi, elementi determinanti per definire percorsi formativi mirati. Lo strumento degli IFTS in questo contesto ha trovato modalità operative facilitate. Ultimamente si è tenuta una conferenza cui hanno preso parte diversi soggetti potenzialmente interessati agli IFTS e si è stabilito che Università, gli Istituti e le Associazioni di categoria dovrebbero lavorare insieme. L Università, inoltre, dovrebbe stabilire il numero di crediti conseguibili; la seconda annualità dell operazione IFTS è partita a rilento a causa della mancata assegnazione di crediti che ha creato molte difficoltà. Una così grande idea sul piano teorico non è riuscita, pertanto, ad avere una degna applicazione a livello pratico. Inoltre, in Veneto sono molti i corsisti che riescono a trovare lavoro e spesso i partecipanti anche ai corsi IFTS disertano la conclusione dello stesso. Il problema si potrebbe in parte risolvere riducendo il numero di ore annue previste. Un altro elemento su cui abbiamo deciso di puntare, anche sulla spinta in tal senso dell Unione Europea, riguarda le modalità di avvio dei corsi per la formazione continua. La Commissione di Concertazione, disciplinata dalla L.R. 31/98, ci impegna ad un confronto continuo con i sindacati e le parti sociali sia a livello di pianificazione che a livello di politiche del lavoro. Ovviamente, il confronto consente di dibattere su problemi concreti arrivando quindi alla condivisione di obiettivi comuni. Tale modalità ha consentito un cambiamento di atteggiamento da parte delle aziende nei riguardi della formazione continua che inizia ad essere vista come un investimento dell impresa, oltre che dell utente. Le dimensioni aziendali tipiche del Veneto (microimprese) ci ha obbligato ad elaborare particolari metodologie formative puntando sia su progetti strutturali (aggregando più aziende) che su progetti quadro (aziendali). Spesso le norme e principi devono trovare delle applicazioni sul territorio in funzione anche delle realtà in cui si trova ad operare; spesso le esigenze formative accomunano delle realtà aziendali. È per questo che prima ragionavamo per distretto, perché all interno di ognuno di essi c è una tipologia di attività produttive e formative che accomuna le aziende. Lavorare in quest ottica ci consente di economizzare, in termini finanziari, ma di colpire meglio il bersaglio che intendiamo raggiungere. Il D.lgs. n. 469/97 ha disciplinato i servizi pubblici per l impiego. Prima l ufficio di collocamento era un luogo in cui l utente sperava di ricevere qualche notizia, ora è un posto in cui si va per presentare le proprie capacità professionali, le proprie conoscenze; vi è un confronto tra utente e mpresa. Nell ufficio di collocamento di Treviso, città piena di immigrati, è stato predisposto un ambiente accogliente in cui l interessato si confronta con le imprese. Esperienze di questo tipo 27

6 Sergio Trevisanato migliorano l aspetto del servizio pubblico in sé, oltre che l attività imprenditoriale. Circa due mesi fa a Padova è stato aperto al pubblico, uno sportello del FOREMA, un agenzia che si occupa di formazione, espressione di Confindustria. Chi entra per trovare lavoro ha una serie di opportunità da valutare e verificare attraverso un colloquio informativo simile a quello del Servizio per l impiego. Abbiamo un duplice canale di incrocio, domanda/offerta, quello pubblico e quello privato: grazie a tali sinergie si può certamente migliorare il sistema. Dal settembre scorso la Regione ha trasferito i propri centri di formazione professionale alle Province procedendo in modo che questo decentramento fosse molto più graduale di quello avvenuto in precedenza tra Stato e Regioni. Inoltre, in considerazione che le risorse del Fondo Sociale Europeo a valere sulla Misura A1 (Servizi per l Impiego) sono destinate essenzialmente alle Province, abbiamo cercato di mettere le stesse nelle condizioni di procedere con gradualità stante le nuove incombenze che dovranno affrontare. Il passaggio pensiamo possa esaurirsi nell arco del periodo di programmazione 2000/2006 del Fondo Sociale Europeo. Nel 2006 anche alcuni saranno nelle condizioni di agire in autonomia e di assumersi direttamente delle responsabilità. Un altro aspetto importante è quello della certificazione delle competenze acquisite. In un ottica di federalismo chi partecipa ad un corso di formazione in Veneto deve ottenere un titolo che gli venga riconosciuto in tutta Italia ma per fare questo bisogna definire i curricula e stabilire le competenze da trasmettere a coloro cui poi si rilascia un attestato. Ad esempio, se istituiamo un corso di formazione per meccanici, dovremmo essere certi di conferire una professionalità spendibile nel mondo del lavoro; dovremo essere certi di formare la tipologia di meccanico richiesta in quel momento dal mercato. Da qui dunque risulta indispensabile definire standard minimi comuni. Da tempo stiamo lavorando per avviare processi di integrazione tra Università ed Imprese ma spesso le prime si dimostrano poco inclini ad entrare nel meccanismo del confronto salvo alcune eccezioni L approccio del mondo imprenditoriale nei confronti della formazione è nettamente mutato: tre anni fa la Regione Veneto formava 140 apprendisti, nel 2002 ne ha formati 1200; questo vuol dire che le aziende riconoscono maggiore importanza alla formazione e le attribuiscono un certo valore. Per il Veneto l accreditamento a svolgere attività formative finanziate con risorse pubbliche è stato affrontato fin dall emanazione del D.M

7 LL AA FF F OO RR MM AA ZZ II IOO NN EE del E stato presentato un modello che potrà subire ulteriori modifiche, in particolare sull aspetto efficacia - efficienza. Gli enti e le istituzioni che erogano attività formativa possono accreditarsi per uno o più ambiti ed è prevista la verifica documentale e l audit in loco. Attualmente è stato istituito con legge un elenco degli organismi di formazione accreditati al quale saranno iscritti quegli organismi che soddisfano i requisiti stabiliti dalla legge stessa. Un altro elemento chiave dell accreditamento è il partenariato: un ente che non ha esperienza in un determinato ambito può entrare nel sistema insieme ad altri due enti accreditati in modo che dopo tre anni sia nella condizione di presentare autonomamente una domanda. 29

8 Sergio Trevisanato 30

IL MANAGER DIDATTICO:

IL MANAGER DIDATTICO: IL MANAGER DIDATTICO: RUOLO, FUNZIONI, COMPETENZE DI ANNA COMACCHIO * * Professore associato in Organizzazione Aziendale Università Cà Foscari di Venezia Anna Comacchio 50 ,, F RR UU OO LL L II, I FF UU

Dettagli

Legge Regionale Liguria 11 maggio 2009, n. 18

Legge Regionale Liguria 11 maggio 2009, n. 18 Legge Regionale Liguria 11 maggio 2009, n. 18 Sistema educativo regionale di istruzione, formazione e orientamento Bollettino Ufficiale della Regione Liguria del 20 maggio 2009 n. 8 Il Consiglio Regionale

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI DELL ISTRUZIONE SCOLASTICA UFFICIO V AUDIT DELLA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITÀ IMPRESA

RAPPORTI UNIVERSITÀ IMPRESA RAPPORTI UNIVERSITÀ IMPRESA DI NICOLETTA RICCAMBONI * E CRISTINA TONIOLO ** * Nicoletta Riccamboni è Funzionario c/o Formazione Unindustria Treviso Scarl ** Responsabile formazione Associazione Industriali

Dettagli

4.1 Novità e caratteristiche

4.1 Novità e caratteristiche 34 4.1 Novità e caratteristiche Gli istituti professionali fanno parte a pieno titolo del sistema di istruzione assieme ai licei e agli istituti tecnici e si distinguono nettamente da questi ultimi, perché

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Protocollo di Orientamento

Protocollo di Orientamento Allegato 10 Protocollo di Orientamento Indice 1. Definizione di Orientamento 2. Motivazioni del progetto del nostro Istituto 3. Azioni/attività nelle singole classi 4. Risorse interne ed esterne 5. Documentazione

Dettagli

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro Convenzione Italia Lavoro S.p.A. Agenzia per l Inclusione Sociale per la sperimentazione di modelli di collaborazione pubblico-privato nelle politiche attive del lavoro e la costituzione della Rete Locale

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO LUIGI SETTEMBRINI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO LUIGI SETTEMBRINI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO LUIGI SETTEMBRINI 00198 ROMA - Via Sebenico 1 - Tel. 068549282 - Distretto

Dettagli

Nota Tecnica Modalità di progettazione dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) attivati dai Poli Formativi in Campania

Nota Tecnica Modalità di progettazione dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) attivati dai Poli Formativi in Campania e del Forum Regionale della Gioventù 03 ALLEGATO A Nota Tecnica Modalità di progettazione dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) attivati dai Poli Formativi in Campania 1- Premessa

Dettagli

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER :

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : Formazione Professionale-Lavoro PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : 1. LA REDAZIONE DEL PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE 2. LA DESCRIZIONE DEI PROFILI FORMATIVI 3. LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE IN ESITO

Dettagli

- Istruzione: un dovere e un diritto - A scuola fino a 16 anni

- Istruzione: un dovere e un diritto - A scuola fino a 16 anni Indice L obbligo di istruzione - La scuola, oggi - Istruzione: un dovere e un diritto - A scuola fino a 16 anni - Dopo la terza media - Cosa scegliere? - L istruzione liceale - L istruzione tecnica - L

Dettagli

Carta dei Servizi. FDE srl. Via Sandro Pertini n. 6 46100 MANTOVA Tel. +039 0376.415683 e-mail: info@istitutofde.it Web: www.istitutofde.

Carta dei Servizi. FDE srl. Via Sandro Pertini n. 6 46100 MANTOVA Tel. +039 0376.415683 e-mail: info@istitutofde.it Web: www.istitutofde. 2010 Carta dei Servizi FDE srl Via Sandro Pertini n. 6 46100 MANTOVA Tel. +039 0376.415683 e-mail: info@istitutofde.it Web: www.istitutofde.it CARTA DEI SERVIZI Approvata dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Fashion Designer Junior

Fashion Designer Junior Distretto Formativo Moda Fashion Designer Junior CORSO GRATUITO DI 720 ORE rivolto a GIOVANI non occupati e neo diplomati Perché questo progetto? Junior Fashion Designer PERCORSO SPERIMENTALE IN ALTERNANZA

Dettagli

SCUOLA EDILE NOVARESE

SCUOLA EDILE NOVARESE SCUOLA EDILE NOVARESE SEDE: Viale Manzoni 18 - Novara Tel 0321.627012 Fax 0321.640222 e.mail: gestionecorsi@scuolaedilenovarese.it SITO INTERNET: www.scuolaedilenovarese.it COMPITI Scuola edile Novarese,

Dettagli

le linee guida per la politica scientifica e tecnologica del Governo, approvate dal CIPE il 19 aprile 2002;

le linee guida per la politica scientifica e tecnologica del Governo, approvate dal CIPE il 19 aprile 2002; PROTOCOLLO D INTESA Tra Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali La Confindustria Federazione Imprese Tessili e Moda Italiane Le Confederazioni

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli

ACCORDO QUADRO del 7 agosto 2012

ACCORDO QUADRO del 7 agosto 2012 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà civili e l immigrazione Direzione Centrale per lo Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Ufficio I - Pianificazione delle Politiche dell Immigrazione

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME Obbligo di istruzione Linee guida per le agenzie formative accreditate ai sensi del DM del 29/11/2007 (MPI/MLPS) Premessa 1. Il contesto di riferimento

Dettagli

I percorsi di istruzione e formazione professionale della Regione Lombardia

I percorsi di istruzione e formazione professionale della Regione Lombardia I percorsi di istruzione e formazione professionale della Regione Lombardia Nel 2011/12, secondo quanto previsto dalla legge regionale n. 19/07, tutta l offerta formativa del territorio lombardo è stata

Dettagli

Orientamento 2015/17

Orientamento 2015/17 Orientamento 2015/17 Gli ITS sono stati introdotti nell ordinamento nazionale dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 25 gennaio 2008 in attuazione della legge finanziaria 2007 allo scopo

Dettagli

L.R. 76/1982, art. 4, c. 1, lett. c) e art. 53 B.U.R. 23/5/2012, n. 21 L.R. 18/2005, art. 61

L.R. 76/1982, art. 4, c. 1, lett. c) e art. 53 B.U.R. 23/5/2012, n. 21 L.R. 18/2005, art. 61 L.R. 76/1982, art. 4, c. 1, lett. c) e art. 53 B.U.R. 23/5/2012, n. 21 L.R. 18/2005, art. 61 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 14 maggio 2012, n. 0101/Pres. Regolamento di disciplina dell offerta formativa

Dettagli

Direzione Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro Settore Attività Formativa APPRENDISTATO 2008 INDIRIZZI PER LA FORMAZIONE

Direzione Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro Settore Attività Formativa APPRENDISTATO 2008 INDIRIZZI PER LA FORMAZIONE APPRENDISTATO 2008 INDIRIZZI PER LA FORMAZIONE degli apprendisti assunti ai sensi dell art. 16 della Legge n. 196/1997 degli apprendisti assunti ai sensi dell art. 49 del D. Lgs. n. 276/2003 Provvedimento

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

Prima della Riforma Moratti Diritto dovere di istruzione e formazione e obbligo di istruzione Il sistema di IeFP regionale

Prima della Riforma Moratti Diritto dovere di istruzione e formazione e obbligo di istruzione Il sistema di IeFP regionale 1 La scuola secondaria di secondo grado si suddivide in due grandi segmenti o (sotto)sistemi : quello dell Istruzione da un lato e quello dell Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) dall altro. Il

Dettagli

DIREZIONE GENERALE INDUSTRIA, ARTIGIANATO, EDILIZIA E COOPERAZIONE

DIREZIONE GENERALE INDUSTRIA, ARTIGIANATO, EDILIZIA E COOPERAZIONE 13638 27/12/2010 Identificativo Atto n. 700 DIREZIONE GENERALE INDUSTRIA, ARTIGIANATO, EDILIZIA E COOPERAZIONE CONVENZIONE REGIONE LOMBARDIA - UNIONCAMERE LOMBARDIA PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL

Dettagli

Linee Guida per. la sperimentazione di percorsi formativi. nell apprendistato per la qualifica e il diploma professionale

Linee Guida per. la sperimentazione di percorsi formativi. nell apprendistato per la qualifica e il diploma professionale ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Apprendistato per la qualifica

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 30 - Martedì 24 luglio 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 30 - Martedì 24 luglio 2012 17 D.G. Istruzione, formazione e cultura D.d.s. 18 luglio 2012 - n. 6421 Approvazione dell avviso per la fruizione dell offerta formativa per la realizzazione di corsi annuali di istruzione e formazione

Dettagli

INDICE. Premesse... Pag. 1

INDICE. Premesse... Pag. 1 Schema di decreto legislativo concernente le norme generali relative al secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione ed i livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione

Dettagli

AREA PROFESSIONALE SVILUPPO E GESTIONE

AREA PROFESSIONALE SVILUPPO E GESTIONE AREA PROFESSIONALE SVILUPPO E GESTIONE DEL SISTEMA QUALITA AZIENDALE QUALIFICHE: GESTORE DEL SISTEMA QUALITA AZIENDALE GESTO RE D EL SISTEMA QUALITA AZIENDALE ALE DESCRIZIONE SINTETICA Il Gestore del sistema

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Viale Postumia, 37 37069 Villafranca di Verona (VR) Tel. 045/6304651 Fax 045/6300786 C.F. e P.IVA 02468430232

CARTA DEI SERVIZI. Viale Postumia, 37 37069 Villafranca di Verona (VR) Tel. 045/6304651 Fax 045/6300786 C.F. e P.IVA 02468430232 Iscritto all elenco regionale dei soggetti accreditati ai sensi dell art. 25 della Legge Regionale n. 3 del 13 marzo 2009 Disposizioni in materia di occupazione e mercato del lavoro Codice accreditamento:

Dettagli

1. Premessa. 2. Caratteristiche dei percorsi formativi

1. Premessa. 2. Caratteristiche dei percorsi formativi DISCIPLINA DEI PROFILI FORMATIVI DELL'APPRENDISTATO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA QUALIFICA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE E DEL DIPLOMA PROFESSIONALE AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 2 DEL D.LGS 167/2011

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AVVIO DEL NUOVO SISTEMA REGIONALE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE

LINEE GUIDA PER L AVVIO DEL NUOVO SISTEMA REGIONALE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE LINEE GUIDA PER L AVVIO DEL NUOVO SISTEMA REGIONALE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE QUADRO NORMATIVO E REGOLAMENTARE DI RIFERIMENTO - la Legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 Modifiche al

Dettagli

Informacittà del Comune di Oristano Relazione attività svolta dal 12/05/2004 al 12/05/2005

Informacittà del Comune di Oristano Relazione attività svolta dal 12/05/2004 al 12/05/2005 2.2 ATTIVITÀ SVOLTA. 2.2.1. ATTIVITÀ DI COORDINAMENTO Il coordinamento del servizio si concretizza in attività di pianificazione, verifica e supervisione volte a confermare le linee adottate o, ove ve

Dettagli

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Tavola rotonda del convegno del giorno 11 ottobre 2013 presso l Università di Bergamo via dei Caniana - ore 14,30 17 Domande traccia per

Dettagli

ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE. Percorsi triennali per conseguire una qualifica professionale

ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE. Percorsi triennali per conseguire una qualifica professionale ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE Percorsi triennali per conseguire una qualifica professionale Per informazioni Regione Emilia-Romagna Assessorato Scuola, formazione professionale, università e ricerca,

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE Classe delle Lauree in Servizio sociale (L-39) Sedi didattiche del Corso di Laurea: Asti Presidente del Corso di Laurea: Prof.ssa Elena Allegri Referente di

Dettagli

Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari

Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari 1 Job Progetto FIxO Scuola e Università 2012 2013 Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari Nota informativa

Dettagli

Istituti Professionali

Istituti Professionali I nuovi Istituti Professionali Regolamento recante norme concernenti il riordino degli Istituti professionali ai sensi dell articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

Carta dei Servizi e Carta dei Diritti dell Utente

Carta dei Servizi e Carta dei Diritti dell Utente PROVINCIA DI COSENZA SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE SERVIZIO ORIENTAMENTO E FABBISOGNO FORMATIVO via Panebianco, 274 Cosenza tel. e fax 0984 393157 Carta dei Servizi e Carta dei Diritti dell Utente Approvata

Dettagli

Allegati 139 1. Acronimi 141 2. Principali enti 143 3. Glossario minimo 149 4. Bibliografia sulla formazione professionale 1997/98 151

Allegati 139 1. Acronimi 141 2. Principali enti 143 3. Glossario minimo 149 4. Bibliografia sulla formazione professionale 1997/98 151 6 4.2.4. La spesa della pubblica amministrazione per la formazione continua dei dipendenti 99 4.2.5. Il finanziamento della formazione in alternanza 100 4.2.6. Sintesi della spesa pubblica per la formazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014

DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014 DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE ANNUALITA 2011/2012 Master e Corsi di Specializzazione per Laureati finanziati dalla Regione Campania attraverso Voucher Formativi individuali www.altaformazioneinrete.it

Dettagli

DOCUMENTI EUROPEI. Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009

DOCUMENTI EUROPEI. Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009 LA QUALITA DEI SISTEMI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALI DOCUMENTI EUROPEI Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009 OGGETTO: istituzione di un Quadro Europeo di

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014

DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014 DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

BOZZA MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE LEVA - RECLUTAMENTO OBBLIGATORIO - MILITARIZZAZIONE MOBILITAZIONE CIVILE E CORPI AUSILIARI

BOZZA MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE LEVA - RECLUTAMENTO OBBLIGATORIO - MILITARIZZAZIONE MOBILITAZIONE CIVILE E CORPI AUSILIARI MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE LEVA - RECLUTAMENTO OBBLIGATORIO - MILITARIZZAZIONE MOBILITAZIONE CIVILE E CORPI AUSILIARI Ufficio per il Collocamento al Lavoro dei Militari Volontari Congedati

Dettagli

3. SCUOLA SUPERIORE DELL AMMINISTRAZIONE DELL INTERNO

3. SCUOLA SUPERIORE DELL AMMINISTRAZIONE DELL INTERNO SCHEDE DESCRITTIVE DELLE SCUOLE E DEGLI ORGANISMI FORMATIVI PER LA PA ALLEGATO I 3. SCUOLA SUPERIORE DELL AMMINISTRAZIONE DELL INTERNO La Scuola Superiore dell Amministrazione dell Interno, istituita con

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Repertorio Atti n. 221 del 2 marzo 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI

PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI PROVINCIA DI SONDRIO Settore Formazione, Lavoro e Politiche sociali Servizio Mercato del Lavoro U.O. Ufficio Provinciale per il diritto al lavoro dei disabili PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO MIRATO

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 01/ALBO/CN 23 LUGLIO 2014 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 23 Luglio 2014 Modalità per la fruizione telematica dei

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA

PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE DI II GRADO PER LA REALIZZAZIONE E QUALIFICAZIONE

Dettagli

1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO. Identificativo Atto n. 116

1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO. Identificativo Atto n. 116 Identificativo Atto n. 116 1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO INDICAZIONI REGIONALI PER PERCORSI FORMATIVI PER ADDETTI ALL ATTIVITA FUNEBRE IL DIRIGENTE DELLA U.O. ATTUAZIONE

Dettagli

AREA DEI SERVIZI ALLA PERSONA

AREA DEI SERVIZI ALLA PERSONA Reg. Gen n. 171 del 22 aprile 2015 AREA DEI SERVIZI ALLA PERSONA OGGETTO: EROGAZIONE CONTRIBUTO RELATIVO AL FONDO REGIONALE FINALIZZATO ALLA INTEGRAZIONE DEL CANONE DI LOCAZIONE AI NUCLEI FAMILIARI IN

Dettagli

Operatrice socio-sanitaria Operatore socio-sanitario

Operatrice socio-sanitaria Operatore socio-sanitario Formazione professionale Ordinanza in materia di formazione Piano di formazione Operatrice socio-sanitaria Operatore socio-sanitario Croce Rossa Svizzera Indice Pagina A. Ordinanza in materia di formazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE DEI MEDICI SPECIALIZZANDI E L ATTUAZIONE DEI CONTRATTI DI FORMAZIONE SPECIALISTICA

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE DEI MEDICI SPECIALIZZANDI E L ATTUAZIONE DEI CONTRATTI DI FORMAZIONE SPECIALISTICA Allegato A) LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE DEI MEDICI SPECIALIZZANDI E L ATTUAZIONE DEI CONTRATTI DI FORMAZIONE SPECIALISTICA 1. Programmazione didattica e strutture della formazione specialistica a. Programmazione

Dettagli

Finanziamento a favore dell apprendistato in BOTTEGHE SCUOLA

Finanziamento a favore dell apprendistato in BOTTEGHE SCUOLA Finanziamento a favore dell apprendistato in BOTTEGHE SCUOLA D.D. n.53 del 02/04/2015 Provenienza Fondi Oggetto Finalità Soggetti proponenti Destinatari finali Finanziamento e durata del progetto Modalità

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE GRAFICO ADDETTO/A PRESTAMPA

CORSO DI OPERATORE/TRICE GRAFICO ADDETTO/A PRESTAMPA CORSO DI OPERATORE/TRICE GRAFICO ADDETTO/A PRESTAMPA Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, gestito da un consorzio di Comuni che organizza, in diversi

Dettagli

Premessa. Art. 1 Finalità Generali

Premessa. Art. 1 Finalità Generali Premessa La legge regionale n. 15 del 7/08/2002 prevede, all art. 8 lettera g), che alle Province sono attribuite, tra l altro, le funzioni relative all autorizzazione delle attività di formazione professionale

Dettagli

Regolamenti ISIA Firenze

Regolamenti ISIA Firenze Regolamenti ISIA Firenze Regolamento di transizione dei corsi accademici di secondo livello di indirizzo specialistico Il Consiglio Accademico dell ISIA di Firenze VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508,

Dettagli

Guida allo stage. Il Progetto. Cos è lo stage La normativa Numero dei tirocinanti ospitati Interruzione

Guida allo stage. Il Progetto. Cos è lo stage La normativa Numero dei tirocinanti ospitati Interruzione Guida allo stage Il Progetto Cos è lo stage La normativa Numero dei tirocinanti ospitati Interruzione I soggetti attori del progetto Il tutor dell Ente Promotore Le aziende ospitanti Il tutor aziendale

Dettagli

Newsletter Progetto Challenge

Newsletter Progetto Challenge Newsletter Progetto Challenge Maggio 2009 IN QUESTO NUMERO: Progetto Challenge: modello veneto, governance distrettuale La mission: intervista all Assessore Elena Donazzan Orientamenti strategici I distretti

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL PIANO ITALIANO PER LA GARANZIA GIOVANI Procedure informative - Audizione del Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

Domande pervenute Domande valide Contratti stipulati

Domande pervenute Domande valide Contratti stipulati Giovanisì è il progetto della Regione Toscana per l autonomia dei giovani, per ridare loro un futuro sulla base del merito nello studio e nell attività lavorativa. Un pacchetto di opportunità di livello

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n. lì Al Collegio dei Docenti e p.c. al Consiglio d Istituto ai genitori agli alunni al personale ATA Agli atti All albo OGGETTO: atto d indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

Incontro a Matera sulle azioni di sistema per il turismo

Incontro a Matera sulle azioni di sistema per il turismo Approfondimento Trimestrale Azioni di sistema per il turismo e avvio della Garanzia Giovani N. 5 Aprile 2014 Ultime dal progetto Incontro a Matera sulle azioni di sistema per il turismo A cura della redazione

Dettagli

I PERCORSI di ISTRUZIONE e FORMAZIONE PROFESSIONALE della REGIONE LOMBARDIA ANNO SCOLASTICO 2010-11: LE PRINCIPALI NOVITA

I PERCORSI di ISTRUZIONE e FORMAZIONE PROFESSIONALE della REGIONE LOMBARDIA ANNO SCOLASTICO 2010-11: LE PRINCIPALI NOVITA I PERCORSI di ISTRUZIONE e FORMAZIONE PROFESSIONALE della REGIONE LOMBARDIA ANNO SCOLASTICO 2010-11: LE PRINCIPALI NOVITA Come cambia il sistema educativo in Italia Con l anno 2010-11 entrano in vigore,

Dettagli

si conviene e si stipula quanto segue

si conviene e si stipula quanto segue Allegato A) Convenzione tra la Regione Piemonte e l Università degli Studi di Torino, stipulata ai senti dell art. 15 della L. 7 agosto 1990, n. 241 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

ITS Meccatronico scuola e azienda unite nel post diploma

ITS Meccatronico scuola e azienda unite nel post diploma ITS Meccatronico scuola e azienda unite nel post diploma presentazione dei nuovi corsi post diploma ITS Tecnico Superiore per l'automazione ed i Sistemi Meccatronici sede Vicenza Tecnico Superiore per

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

RSPP Responsabile dei servizi di protezione e prevenzione dei lavoratori - MODULO C Accreditato con 24 crediti ECM

RSPP Responsabile dei servizi di protezione e prevenzione dei lavoratori - MODULO C Accreditato con 24 crediti ECM RSPP Responsabile dei servizi di protezione e prevenzione dei lavoratori - MODULO C Accreditato con 24 crediti ECM Descrizione Il corso nasce per rispondere alle esigenze di formazione provenienti dal

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE U Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un

Dettagli

relativa alle ATTIVITÀ FORMATIVE SPERIMENTALI

relativa alle ATTIVITÀ FORMATIVE SPERIMENTALI relativa alle ATTIVITÀ FORMATIVE SPERIMENTALI AFFERENTI IL DIRITTO DOVERE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE L. R. 13/4/1995 n. 63 - L. R. 26/4/2 n. 44 Deliberazione della Giunta Regionale n. 4 24

Dettagli

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P.

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P. I.P. ampania! prospettive FUTURO informazione crescita produttività Capitale umano LAVORO azione crescita OCCUPAZIONE programmione azione prospettive INTEGRAZIONE giovani I inserimento INCLUSIONE sicurezza

Dettagli

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P.

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P. I.P. ampania! prospettive FUTURO informazione crescita produttività Capitale umano LAVORO azione crescita OCCUPAZIONE programmione azione prospettive INTEGRAZIONE giovani I inserimento INCLUSIONE sicurezza

Dettagli

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA Protocollo di Intesa tra l'università degli Studi di Napoli "Federico II" e la Regione Campania per la formazione di laureandi dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie L anno il giorno.del mese

Dettagli

Comune Capofila : VETRALLA

Comune Capofila : VETRALLA PROGETTI DI INTERVENTI E SERVIZI PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI APPARTENENTI AL DISTRETTO SOCIALE VT 4 -Anno 2010- Comune Capofila : VETRALLA Comuni di : Barbarano Romano Villa San Giovanni in Tuscia

Dettagli

Gli elementi critici del sistema AQ di Ateneo www.anvur.org

Gli elementi critici del sistema AQ di Ateneo www.anvur.org Gli elementi critici del sistema AQ di Ateneo www.anvur.org Giunio Luzzatto CARED-Università di Genova Università di Bari 9.11.2012 Assicurazione della Qualità di Ateneo Premessa Il sistema di Assicurazione

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA,QWURGX]LRQH Il processo di sussidiarietà dalla Regione alle Province in materia di

Dettagli

Imparare è crescere. Rete Politecnica. Alta formazione, ricerca, mobilità internazionale. Lavoro e competenze

Imparare è crescere. Rete Politecnica. Alta formazione, ricerca, mobilità internazionale. Lavoro e competenze Rete Politecnica Alta formazione, ricerca, mobilità internazionale Lavoro e competenze Istruzione e Formazione Professionale Piano straordinario per l occupazione dei giovani Imparare è crescere Per informarsi

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 27 dicembre 2012, n. 34. 1. I soggetti legittimati; 2. I requisiti minimi per l accreditamento dei servizi

REGOLAMENTO REGIONALE 27 dicembre 2012, n. 34. 1. I soggetti legittimati; 2. I requisiti minimi per l accreditamento dei servizi 10 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 188 suppl. del 28-12-2012 REGOLAMENTO REGIONALE 27 dicembre 2012, n. 34 Modifiche al Regolamento Regionale recante Disposizioni concernenti le procedure

Dettagli

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA PROTOCOLLO D INTESA PER L ASSISTENZA SCOLASTICA AGLI ALUNNI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI ALBANO LAZIALE (RM) 1 PROTOCOLLO D'INTESA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Cantieri

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Metodologie e strumenti. Il sistema di accreditamento e gli standard minimi dei Servizi per il lavoro in Lombardia

Metodologie e strumenti. Il sistema di accreditamento e gli standard minimi dei Servizi per il lavoro in Lombardia Metodologie e strumenti Il sistema di accreditamento e gli standard minimi dei Servizi per il lavoro in Lombardia Lombardia (pag. 1/5) Al fine di perseguire gli obiettivi dichiarati dalla Strategia europea

Dettagli

INDICE IL CE.I.S. DI BELLUNO ONLUS... 2 LA STORIA... 2 LA MISSION DEL CE.I.S... 3 OBIETTIVI... 3 PRINCIPI GUIDA... 3 LA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ...

INDICE IL CE.I.S. DI BELLUNO ONLUS... 2 LA STORIA... 2 LA MISSION DEL CE.I.S... 3 OBIETTIVI... 3 PRINCIPI GUIDA... 3 LA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ... INDICE IL CE.I.S. DI BELLUNO ONLUS... 2 LA STORIA... 2 LA MISSION DEL CE.I.S.... 3 OBIETTIVI... 3 PRINCIPI GUIDA... 3 LA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ... 4 DOVE SIAMO... 4 I SERVIZI PER IL LAVORO... 5 FINALITA...

Dettagli

OPERATORE SOCIO ASSISTENZIALE Misure compensative

OPERATORE SOCIO ASSISTENZIALE Misure compensative Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 3 del 17 gennaio 2005 Allegato A REGIONE CAMPANIA OPERATORE SOCIO ASSISTENZIALE Misure compensative Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 3 del 17

Dettagli

La Regione Toscana. Premesso che

La Regione Toscana. Premesso che Allegato A PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE TOSCANA, UNIVERSITA E PARTI SOCIALI PER DEFINIRE I PROFILI FORMATIVI NEI PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE FINALIZZATI AL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DOTTORE DI RICERCA

Dettagli

Linee di sviluppo regionale: dai progetti alle sperimentazioni sul campo

Linee di sviluppo regionale: dai progetti alle sperimentazioni sul campo Workshop Gruppo Esperti Nazionali ECVET La sperimentazione di ECVET nei processi di apprendimento in contesti lavorativi Lamezia Terme, 5 luglio 2013 (Grand Hotel Lamezia, Piazza Lamezia) Linee di sviluppo

Dettagli